Sostegno all'occupazione giovanile in BiH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sostegno all'occupazione giovanile in BiH"

Transcript

1 ISTITUTO PACE SVILUPPO INNOVAZIONE ACLI Sostegno all'occupazione giovanile in BiH I giovani e le donne come agenti di sviluppo delle famiglie e della comunità locale R E L A Z I O N E P R I M A A N N U A L I T À - ROMA, DICEMBRE

2 Questa relazione descrive le attività realizzate dall IPSIA nella prima annualità del progetto Sostegno all'occupazione giovanile in BiH nel periodo luglio 2003 luglio 2004 e dal luglio 2004 a dicembre 2004 in seguito alla concessione di una proroga non onerosa di sei mesi della prima annualità richiesta dall IPSIA al Comitato Family for family in data 18 giugno Azioni realizzate nella prima annualita L obiettivo generale dell intervento indicato nel testo del progetto, approvato dal Comitato Family for family, è quello di sostenere lo sviluppo locale con i giovani e le donne del Cantone Una Sana (Federazione Croato- Musulmana) e della zona di Banja Luka (Repubblica Serba di Bosnia) All obiettivo generale, il testo del progetto indica due obiettivi specifici 1. la qualificazione professionale di operatori sociali e di insegnanti anche attraverso la formazione alla partecipazione e alla gestione di servizi e di progetti nei settori dell educazione e dei servizi sociali e familiari anche incoraggiando il ricorso al microcredito 2. lo sviluppo ed il sostegno di una microimpresa nel settore del legno con attenzione alla ricaduta sociale del lavoro imprenditoriale associato Nel corso della prima annualità del progetto è stato possibile porre le basi per il raggiungimento dell obiettivo generale mediante la realizzazione delle attività legate agli obiettivi specifici. Per quanto riguarda l obiettivo specifico 1 sono state realizzate le seguenti azioni: a) costruzione di una mappa dei servizi e dei soggetti sportivi, sociali ed educativi presenti; b) realizzazione di una ricerca sulla situazione del sistema di credito in BiH; c) realizzazione di un percorso di animazione integrato con animatori italiani e locali; d) realizzazione di una missione di fattibilità sulle istituzioni di microfinanza in BiH (in collaborazione con il Consorzio Etimos); e) realizzazione di un impianto sportivo; f) distribuzione di materiale didattico e di supporto a strutture educative e sociali (in corso di svolgimento). Per quanto riguarda l obiettivo specifico 2 sono state realizzate le seguenti azioni: a) accompagnamento tecnico per la ricerca di materie prime; b) accompagnamento per l aggiornamento del business plan; c) sostegno alle spese di funzionamento ordinario di una microimpresa; d) attività di tutoraggio per la stipula dei contratti; e) realizzazione di uno stage sull ambiente. 2

3 Descrizione dettagliata delle azioni OBITTIVO SPECIFICO 1 COSTRUZIONE DI UNA MAPPA DEI SERVIZI E DEI SOGGETTI SPORTIVI, SOCIALI ED EDUCATIVI PRESENTI. Il lavoro per la raccolta dei dati per la costruzione di una mappa dei servizi sportivi, sociali ed educativi presenti nelle aree oggetto dell intervento è stato condotto da: - Silvia Maraone (IPSIA nazionale) - Luca Pracchini (IPSIA Milano) - Elisabetta Droguet (IPSIA Liguria) - Anna Merlo (IPSIA Como) - Nella giornata di lunedì 18, alle riunioni con le - scuole di Sitnica e Previa, hanno partecipato anche: - Alberto Fusar Poli e Laura Frassini (IPSIA Cremona) - Valentina Muià, (IPSIA Forlì) IL SISTEMA SCOLASTICO IN BOSNIA E CONSIDERAZIONI SULLE SCUOLE VISITATE Per ciò che concerne il sistema scolastico in generale in Bosnia, una serie di problemi analoghi interessano le strutture sia della Repubblica che della Federazione. Il primo di tutti è senz altro lo stato in cui le scuole si trovano, nel senso che spesso queste sono state oggetto di distruzione e saccheggio durante gli anni della guerra, se non in alcuni casi addirittura sono state usate come prigioni o caserme. Pertanto, dopo il 1995, è stato necessario nella maggior parte dei casi ricostruirle o risanarle. Dopo gli interventi dei primi anni post-bellici, ad opera di ONG, non sono più stati eseguiti lavori di manutenzione. Questo perché lo Stato bosniaco non ha finanziamenti per questo tipo di lavori. Spesso poi il numero dei bambini è elevato (in media circa 300/400, con la punta minima di 80 a Sitnica) perché non ci sono solo quelli delle cittadine, ma anche i bambini dei villaggi intorno, che fanno i primi 4 anni nelle succursali, e dal 5 al 9 nelle principali. Tra le varie scuole visitate sicuramente quella più rovinata è quella di Previja, che lavora addirittura su 3 turni, per mancanza di spazi. Allo stesso livello si trovano tutte le altre. Per lo più si tratta di ambienti molto spogli, sia nelle aule (banchi e sedie rotti e vecchi) che nei corridoi e nei laboratori (materiale desueto e spesso non funzionante), per non parlare delle palestre, prive quasi del tutto di attrezzature e in maggior parte con pavimenti usurati e anche pericolosi (assi mancanti, schegge etc). Altro capitolo riguarda poi le strutture igieniche (i servizi sono spesso fuori uso, senza acqua e in numero insufficiente) e il riscaldamento. La maggior parte delle scuole non ha i riscaldamenti centralizzati (e quando ci sono, il numero di termosifoni è di solito basso e gli spifferi provenienti da infissi vecchi ne azzerano quasi la funzione) e in alcuni casi ci sono solo delle stufe a legna che sono del tutto insufficienti come potenza, tant è che spesso i bambini in inverno tengono le giacche e il cappello. Oltre a questo i ministeri non hanno grossi fondi neanche per l acquisto di materiale didattico, tant è che mensilmente passano alle scuole il minimo necessario che serve per coprire le spese. Inoltre i programmi didattici delle scuole sono diversi, ma non solo tra Repubblica e Federazione, ma anche per croati e musulmani. Dovrebbe essere in atto una riforma che unifichi i piani dei ministeri dell educazione, ma non è assolutamente in vigore. A far fronte alle condizioni pessime nelle quali versano le scuole bosniache sta di solito un forte entusiasmo del corpo insegnanti e dei genitori dei bambini che 3

4 cercano di dare il massimo, e che con il poco materiale che hanno cercano di garantire una qualità buona dell insegnamento, pur consapevoli che le loro metodologie sono molto arretrate rispetto allo standard minimo europeo. Da quest anno scolastico dovrebbe essere in atto una riforma presentata dai ministeri dell educazione e dal ministro per i diritti umani e rifugiati al Peace Implementation Council a Bruxelles il 21 novembre Il documento, stilato da 6 diversi gruppi di lavoro (formati da educatori professionali locali e internazionali), consiste in 5 capitoli ognuno delle quail vuole perseguire un obiettivo. Lo scopo finale è de-politicizzare il sistema educativo e creare le condizioni che assicurino uguale accesso ad un educazione di alta qualità e moderna. I problemi maggiori cui la riforma dovrebbe fare fronte sono: superare lo sbarramento burocratico dettato dalla suddivisone della Bosnia in 2 entità con ministeri centrali e locali, stanziare dei budget mirati equanimi, garantire e semplificare il libero accesso alle scuole, anche per le minoranze, ammodernare i piani di studio ed educativi per il raggiungimento di standard europei, parificare i diplomi di modo che vengano riconosciuti più semplicemente. Allo stato attuale i cantoni a maggioranza croata non hanno approvato la nuova legge della Federazione sull educazione, i soldi stanziati dal Fondo Monetario Internazionali sono dunque rimasti fermi. Altra difficoltà riguarda ancora i libri di testo che dovrebbero essere in 3 lingue, e unici per tutti, ma che invece continuano ad essere diversi in Repubblica e in Federazione. Bosanska Krupa, 16 e 17 ottobre: incontro con la Prva Osnovna Skola Verifica di Terre e Libertà: Krupa è il luogo in cui IPSIA è presente da più anni (1998), pertanto non ci sono stati grossi commenti, se non che come al solito è stata svolta una buona animazione e un buon progetto. L unico suggerimento è di cercare di anticipare a luglio il periodo in cui fare le attività. Materiale didattico: Riguardo il progetto con le scuole, il direttore della Prva Osnovna Skola, Izet Kadic, e la professoressa di letteratura Zeljka Orozovic si sono mostrati molto interessati alla possibilità offerta e hanno già fatto sapere che tra i loro bisogni maggiori sono compresi un computer e dei libri di lettura da destinare alla biblioteca scolastica. Sitnica, 18 ottobre: incontro con il direttore della scuola primaria Petar Kocic Verifica del progetto Terre e Libertà: è stato giudicato positivo il coinvolgimento di tutti i bambini nella colonia estiva; anche i genitori e la comunità si sono mostrati soddisfatti e desiderano che l esperienza si ripeta l anno prossimo. Molto positiva è stata anche l idea della festa finale. È stata evidenziata l importanza di informare per tempo i bambini riguardo le date della colonia estiva, prima che la scuola sia finita, in modo che un numero maggiore di bambini vi possa partecipare. È stata altresì ricordata l importanza del documento del ministero, affinché le attività si possano svolgere regolarmente. Materiale didattico: la possibilità del finanziamento previsto è stata accolta molto positivamente e sono stati già esplicitati alcuni dei bisogni tra cui cartine e materiale audio-video per i corsi di lingua inglese. Previja, 18 ottobre: incontro con il direttore della scuola primaria Nikola Makcic Verifica del progetto Terre e Libertà: il direttore della scuola si è mostrato soddisfatto delle attività svolte ma ha ricordato la necessità di informare per tempo i bambini della realizzazione della colonia, prima che la scuola sia finita. 4

5 Materiale didattico: il grosso problema della scuola di Previja è che essa non è una costruzione indipendente ma è inserita in un contesto in cui vi sono altre realtà es. la posta - e di conseguenza un buon flusso di persone estranee al corpo scolastico. Tuttavia è prevista la costruzione di una nuova scuola indipendente nel 2005, che terminerà però nel Per questi motivi, è stata evidenziata la necessità di costruire dei servizi igienici riservati ai bambini e di acquistare dei libri per la biblioteca. Ribnik, 18 ottobre: incontro con il direttore della scuola tecnica superiore Desanka Maksimovic. Alcuni studenti di questa scuola svolgono tirocinio presso la R.I.L. di Cadavica. La scuola si trova nello stesso complesso in cui c è anche la scuola elementare, che svolge lezione al mattino. Gli studenti più grandi partecipano invece al pomeriggio. Verifica del progetto Terre e Libertà: il giudizio generale è positivo anche se è stato evidenziato il problema di trasporto dei bambini che provengono dai paesi più lontani che devono pagarsi l autobus -. Materiale didattico: la scuola superiore non ha dei locali propri e deve utilizzare la struttura della scuola primaria. La necessità più impellente è di sistemare/rifare il pavimento della palestra, di sostituire i vetri rotti della stessa e di acquistare palloni e materassini. Ci sarebbero inoltre altre esigenze relative ai laboratori di chimica, fisica e matematica. Stolac, 19 ottobre: incontro con il direttore musulmano della scuola primaria. La scuola di Stolac è divisa tra la parte musulmana e la parte croata, ed è chiamata scuola dei ritornati, nel senso che i musulmani sono tornati solo da 2 anni e che ci sono stati soprattutto all inizio una serie di problemi, ad oggi anche la scuola è un caso di separazione in casa tant è che i bambini hanno in comune solo il campo da gioco, ma i programmi sono diversi e anche gli ingressi da cui entrano sono diversi. Di sicuro tra le varie zone in cui IPSIA può intervenire il caso di Stolac è dei più interessanti e stimolanti, perché un intervento esterno potrebbe servire a velocizzare le dinamiche di integrazione sociale. Il direttore della scuola si è mostrato molto interessato al progetto Terre e Libertà. Anche IPSIA ritiene che l intervento di animazione estiva, che coinvolga sia i bambini croati che quelli musulmani, possa essere una buona chiave per appianare le divisioni esistenti, grazie alla mediazione dei volontari italiani. Materiale didattico: Ci è stata segnalata l esistenza di un Consiglio degli Studenti che si riunisce ogni lunedì ed è rappresentato dalla professoressa di biologia e chimica Amela Medar. Tra le varie iniziative promosse, uno dei fini di questo Consiglio è di procurare libri gratuiti per i bambini. La scuola di Stolac è infatti anche detta scuola dei ritorni, poiché sono molti gli studenti figli di famiglie che sono rientrate ma che spesso non hanno lavoro e quindi non possono pagare i libri di scuola. Tra le iniziative del Consiglio degli studenti vi sono anche attività ecologiche e una bacheca informativa che si spera possa evolversi in una vera e propria rivista scolastica. Il finanziamento di Family for Family risulterebbe quindi molto utile soprattutto per l acquisto dei libri di testo per i bambini che non possono permetterseli, oltre che di materiale come penne, set per la scuola etc che non viene in alcun modo fornito dal ministero dell educazione, per mancanza di fondi. Vrapcici, 20 ottobre: incontro con il direttore e gli insegnanti della Osnovna Skola. Verifica del progetto Terre e Libertà: è stata avanzata dai genitori la proposta di svolgere un corso di italiano per i bambini che desiderano imparare la lingua. È stato valutato positivamente lo spettacolo di chiusura delle attività in quanto, occupando la seconda settimana della colonia, ha contribuito a mantenere alto l interesse dei bambini. È inoltre stata evidenziata l importanza di svolgere le attività attraverso lo sport 5

6 e la musica ed è stato chiesto di portare del materiale cartaceo e audiovisivo sulle principali città italiane, nonché sui laghi più importanti ecc. Materiale didattico: il direttore e i professori si sono mostrati interessati alla possibilità di finanziamento per l acquisto di testi e mappe, stereo e altre apparecchiature necessarie per i corsi di insegnamento. Sapna, 21 ottobre: incontro con il direttore e gli insegnanti della Osnovna Skola. Verifica del progetto Terre e Libertà: è stata espressa soddisfazione riguardo l attività svolta. È stata evidenziata l importanza di strutturare i laboratori dividendo preventivamente i bambini a seconda dei loro reali interessi, usufruendo del supporto degli insegnanti che già li seguono durante l anno. Il fine è di far emergere il talento che c è in ciascuno dei bambini. Le attività dei laboratori potrebbero inoltre essere convogliate in uno spettacolo finale. È importante sperimentare questa formula nel 2005, in modo da avviare per il 2006 una collaborazione basata sul progetto anche con una vicina scuola in Repubblica Serba, sempre insieme ai professori. Materiale didattico: è stato fatto presente che la scuola primaria di Sapna ha molte piccole succursali nei villaggi vicini, le quali sono sprovviste dei supporti didattici necessari per svolgere determinate attività basilari. Una delle maggiori esigenze è quella di poter insegnare la lingua inglese tramite per esempio l utilizzo di uno stereo. Doboj, 22 ottobre: incontro con il direttore e gli insegnanti di educazione fisica della scuola Vuk Karadzic. Verifica del progetto Terre e Libertà: è stata evidenziata la necessità di coinvolgere maggiormente i genitori; per il resto il giudizio è positivo; è un po un problema il periodo in cui viene svolta la colonia poiché molti bambini non ci sono; sarebbe meglio fare la colonia a giugno o nella seconda metà di agosto; magari si potrebbero fare delle iscrizioni, organizzandosi prima di giugno. I professori sono disponibili a collaborare. Materiale didattico: il direttore e i professori si sono mostrati molto interessati in quanto i finanziamenti che ricevono dal ministero sono sufficienti solo per pagare le bollette e i bisogni primari come il riscaldamento. Servirebbero attrezzature sportive e materiale per i laboratori di chimica, fisica, musica ed educazione tecnica. OBITTIVO SPECIFICO 1 REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA SULLA SITUAZIONE DEL SISTEMA DI CREDITO IN BIH La ricerca sul sistema creditizio in Bosnia Erzegovina (allegata alla presente relazione) è stata realizzata da Valeria Roggero cooperante IPSIA. La ricerca ha analizzato i prodotti finanziari delle banche, degli istituti di credito del sistema formale e delle Organizzazioni locali di Microcredito. È stato condotto poi uno studio dei programmi di microcredito realizzati da ong italiane, locali e internazionali. La ricerca si conclude con l individuazione dei finanziamenti erogati dalle Organizzazioni internazionali e rivolti allo sviluppo delle piccole e medie imprese. Questo lavoro è stato condotto con l obiettivo di fornire una panoramica di quello che è oggi il sistema creditizio in Bosnia, soprattutto per quanto concerne l aspetto relativo all erogazione di crediti per lo sviluppo delle piccole e medie imprese locali. L obiettivo è stato raggiunto sia analizzando il sistema finanziario formale, ovvero l attività di banche, istituti di credito e linee di credito provenienti dai grandi 6

7 organismi internazionali, sia quello informale, ovvero i programmi di microcredito volti allo sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI) locali, realizzati sia da ong italiane che internazionali come anche da iniziative locali quali ong, associazioni o vere e proprie istituzioni di microfinanza. Di seguito sono riportate le conclusioni della ricerca. Il panorama finanziario bosniaco è vasto e variegato. Da una parte ci sono le banche che offrono crediti di qualsiasi tipo ai propri clienti e a coloro che presentano condizioni economiche più agiate, che siano in grado di fornire più di una garanzia e solitamente pari al doppio dell ammontare del prestito accordato e il cui tasso di interesse annuale si aggira intorno al 12-14%; dall'altra le organizzazioni locali di microcredito (OMC), le ong locali e internazionali che erogano prestiti di ammontare inferiore a quelli bancari, che chiedono minori garanzie reali o garanzie di gruppo e il cui tasso di interesse annuale è notevolmente superiore a quello delle banche. Sia nel sistema finanziario formale che in quello informale i prestiti sono erogati per gli scopi più disparati: dall'agricoltura all'allevamento, dall'attività commerciale alla produzione di servizi, fino all'erogazione di prestiti a ex soldati, prestiti al consumo, per la costruzione dell abitazione, l acquisto di automobili, ecc e, ovviamente, prestiti alle piccole e medie imprese. Proprio per quanto concerne le PMI la distinzione tra i due canali finanziari è fondamentale: alcune banche considerano piccole e medie imprese quelle che hanno meno di 50 lavoratori, mentre i programmi di microcredito sono volti soprattutto al finanziamento delle microimprese che possono essere anche imprese familiari e quindi molto più piccole rispetto alle altre. Inoltre, le banche concedono i prestiti alle piccole e medie imprese la cui attività sia già avviata da almeno 6 mesi e spesso chiedono che tale impresa sia leader del settore e quindi sufficientemente affidabile per concederle un prestito; le organizzazioni di microcredito, finanziano anche le nuove attività. Si consideri però che, né le banche né le OMC, erogano prestiti ad attività non registrate. Per ciò che concerne il target, alcune organizzazioni locali di microcredito si rivolgono esclusivamente alle donne puntando così anche ad un potenziamento all interno della società locale di un target considerato più debole e vulnerabile; altre OMC e le banche, hanno una cerchia di beneficiari ben più ampia. Il periodo di grazia è contemplato, ma poco presente sia nei prestiti bancari che in quelli erogati dalle organizzazioni di microcredito. Prendendo in considerazione i programmi di microcredito realizzati da ong locali, italiane e internazionali e dalle OMC, elemento quasi mancante ma non per questo di poca importanza è l'assenza di servizi di consulenza ai microimprenditori, fondamentale non solo per una buona gestione dell'attività ma anche per un efficiente investimento del prestito. Inoltre, molte ong hanno rivolto la propria attenzione soprattutto al settore agricolo lasciando da parte altri settori importanti nel contesto bosniaco come le attività artigianali, la produzione di servizi e piccole attività commerciali. Infine, è da sottolineare il fatto che spesso questi programmi di microcredito ma soprattutto le organizzazioni locali di microcredito e le banche, si concentrano all'interno della Federazione e sono in numero fortemente inferiore e meno sviluppato all'interno della Repubblica. Per concludere, allo scopo di agevolare ulteriormente il piccolo imprenditore, o per meglio dire, il microimprenditore che non presenta le caratteristiche richieste dalle banche per ottenere un prestito e di raggiungere un target di beneficiari il più ampio possibile, dall'analisi effettuata si evidenzia la necessità di programmi formativi per i microimprenditori che accedono al prestito, di un più vasto ventaglio di attività finanziabili, di un radicamento di OMC e programmi nella Repubblica Srpska e dell'elaborazione di tipi di prestiti che tengano in considerazione il periodo di grazia e ai quali possa accedere chi pratica un'attività anche non registrata. 7

8 OBITTIVO SPECIFICO 1 REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO DI ANIMAZIONE INTEGRATO CON ANIMATORI ITALIANI E LOCALI Nell ambito dell edizione 2004 del progetto di volontariato internazionale IPSIA Terre e Libertà è stato realizzato un programma di animazione realizzato da èquipe di volontari italiani e locali. Il programma è stato realizzato nelle prime due settimane di agosto a Bosanska Krupa e nella zona di Previa e Ribnik. Bosanska Krupa Federazione croato-musulmana di Bosnia Erzegovina PRVA OSNOVNA SKOLA Periodo colonia: dal 02/08/2004 al 14/08/2004 N volontari: I settimana: 3 responsabili +8 volontari (4 F e 7 M) II settimana: 2 responsabili + 8 volontari(4 F e 6 M) Collaboratori esterni: Durante la seconda settimana ha collaborato un ragazzo di Bosanska Krupa, il quale ha svolto la funzione di interprete sia per ciò che concerne le attività con i bambini sia per la raccolta della documentazione relativa al progetto per la costruzione di un campo da bocce presso la Dom Kulture. N bambini: Tra i 60 e i 100 di età compresa tra i 5 e i 13 anni. Il numero di maschi e femmine è stato sostanzialmente equilibrato. Contatti formali : Direttore e personale della scuola Direttore e personale della Dom Kulture e del centro giovanile Polizia Radio Bosanska Krupa Responsabile della Croce Rossa locale Contatti con l associazione Mamme SOS Orfanotrofio locale Contatti informali: Famiglia dell interprete Biblioteca Il luogo: Bosanska Krupa si trova nella parte nord ovest della Bosnia non distante dal confine con la Croazia. La popolazione è a stragrande maggioranza mussulmana, anche se attualmente si stanno verificando dei rientri di famiglie serbe, specie però nelle zone circostanti e dunque non nel centro urbano, ma nei villaggi. 8

9 Il numero di abitanti sia aggira intorno ai Il centro ha l aspetto di una piccola cittadina e vi sono presenti i luoghi di culto di tutte e tre le religioni in quanto prima del conflitto era una cittadina mista, la periferia invece è a prevalenza agricola. L idea è quella di un paese che ha accolto e integrato il progetto (siamo presenti dal oramai 1998) e che manifesta il desiderio di contribuire attivamente. L èquipe ha dormito nella scuola. Le attività ludiche e sportive sono state svolte all aperto nel cortile asfaltato della scuola, mentre i laboratori sono stati fatti all interno delle aule. Attività con i bambini e incontri di conoscenza: Le attività svolte con i bambini sono state laboratori manuali, musicali e di lingua (italiano/serbo-croato), staffette, giochi a squadre, ban e canzoni. Gli incontri di conoscenza del contesto sono stati fatti attraverso una giornata di visita a Banja Luka, Prijedor e Sanski Most e attraverso alcune serate con la famiglia dell interprete la quale ci ha raccontato la sua esperienza durante il conflitto. Considerazioni e avvenimenti significativi: o raccolta della documentazione per la costruzione di un campo da bocce nei pressi della Dom Culture; o torneo di calcio in un campetto esterno alla scuola e situato in mezzo al paese, partecipanti 80 ragazzi fra i 7 e i 14 anni, o mostra fotografica delle attività svolte con i bambini e consegna di un cd fotografico alla scuola ed al centro giovanile per la distribuzione ai ragazzi ed alle loro famiglie; o organizzazione di due feste: una rivolta prevalentemente ai bambini che frequentavano la colonia, dove sono stati organizzati giochi e stand, una seconda che attraverso una sfilata in maschera con striscioni e maschere prodotti dai bambini nei laboratori ha attraversato la principale via di Krupa ha coinvolto la cittadina. Prevjia - Ribnik Repubblica serba di Bosnia Erzegovina Scuola di RIBNIK Scuola di PREVIJA Periodo colonia: dal 11/08/2003 al 22/08/2003 dal 02/08/2004 al 14/08/2004 Numero volontari: 2003 I volontari impegnati a Kljuc nella prima settimana sono stati 9; nella seconda settimana sono stati 8. I volontari hanno ruotato nel corso delle due settimane tra Previja e Kljuc. Solo uno dei responsabili è rimasto fisso su Kljuc per entrambe le settimane. Il giorno della festa finale tutti i 16 volontari erano presenti. 9

10 2004 L'equipe di Previja-Ribnik era formata da 13 volontari, che hanno gestito due diverse colonie nelle due località, entrambe della Repubblica Srpska, che distano tra di loro di una decina di km. A Previja 'Terre e Libertà ritornava per il quarto anno consecutivo, a Ribnik invece è stato il primo anno. I volontari si sono divisi tra le due colonie non equamente, ma in base alla presenza di bambini alle attività: in genere 8 volontari a Previja (3 maschi e 5 femmine) e 5 a Ribnik (2 maschi e 3 femmine), turnandosi tra di loro ogni 2-3 giorni, ma con non più di 2 persone a cambio e mantenendo sempre persone fisse in ogni colonia, che dessero così continuità. Media bambini partecipanti: 2003 I bambini, di età compresa tra i 4 e i 14 anni, presenti nei vari giorni sono stati: Mercoledì 13 agosto 66 Giovedì 14 agosto 72 Venerdì 15 agosto 81 Lunedì 18 agosto 83 Martedì 19 agosto 77 Mercoledì 20 agosto 80 Giovedì 21 agosto 80 Venerdì 22 agosto 86 Sabato 23 agosto(festa) La frequenza a Previja è sempre stata attorno a bambini (con il picco di 110 per la festa finale), di età media attorno ai 9-10 anni e con una leggera prevalenza di femmine (55-60%). A Ribnik, invece, la media è stata di 10 bambini (40% maschi), con punte di 25 (festa finale) e con una grande eterogeneità d'età: un gruppetto aveva attorno ai 3-4 anni, un altro invece attorno ai Attività: Le differenze tra i due luoghi hanno determinato anche una diversa gestione delle attività: a Previja si è seguito il solito schema giornaliero, con gioco libero - giochi strutturati - laboratori; a Ribnik, invece, si è dato molto peso al gioco libero (anche perché i primi bambini arrivavano verso le 9.30, ma un numero 'consistente' c'era solo attorno alle ) e ai laboratori. Inoltre, a Ribnik, nei primi giorni si è dedicato tempo e sforzi al volantinaggio ed alla pubblicità della colonia in giro per il paese. Schematicamente, le attività della colonia di Previja sono state: ban, danze, laboratori, spettacoli. A Ribnik, come detto, la colonia era molto destrutturata per la bassa presenza di bambini e si basava quindi molto sull'improvvisazione e sulla capacità di adattamento. Il gioco libero e i laboratori erano più o meno gli stessi di Previja. Solo in poco occasioni si è riusciti a fare giochi strutturati. Le strutture: A Previja l equipe aveva a disposizione due delle tre stanze che costituiscono la scuola, in un edificio che ospita anche la posta del paese: una piccola stanza, utilizzata come magazzino, ed una stanza poco più grande utilizzata per i laboratori. All esterno è stato usato un campo da calcio in cemento, un area a prato e 10

11 la vicinanza con il fiume ha permesso di svolgere alcune attività lì, dove si trova anche un campo da beach volley. A Ribnik la scuola ha messo a disposizione tre aule abbastanza grandi, una delle quali veniva utilizzata come magazzino. All esterno la scuola ha un campo da basket ed uno da calcio, entrambi in cemento. Le porte sono state posizionate solo in occasione di un torneo di calcio organizzato durante la seconda settimana di colonia. Vicino c è un area a prato inutilizzabile perché poco curata. Sono state numerose le possibilità di scambio e conoscenza del contesto, specie attraverso gli incontri con gente del luogo o che lavora lì. Incontri svolti: 2004 Ribnik, incontro con Valeria Roggero, cooperante IPSIA. Valeria ha spiegato all equipe il suo lavoro, la relazione con la RIL e il luogo, le difficoltà cui va incontro e i successi della sua missione. Kljuc, incontro con Amela (ragazza conosciuta dall equipe dell'anno scorso, ex membro di un'associazione che si occupava di giovani: prevenzione delle droghe, lavoro, tempo libero). L associazione di cui Amela faceva parte non esiste più perché non c'erano persone capaci di tenere insieme il gruppo. Quando ha scoperto che Terre e Libertà è presente anche in Kosovo ed in Albania si dimostra molto interessata all Albania e chiede come è attualmente la situazione. Racconta che kljuc è molto affollata nel periodo estivo, ma d inverno capita di uscire e non incontrare nessuno. Nonostante questo non vorrebbe vivere in nessun altro posto se non in Bosnia. Previja, incontro con Zdravko guardia forestale di Ribnik conosciuta durante il progetto ecologico alla foresteria di Ribnik. L incontro è informale. Sono presenti anche alcuni volontari dell equipe di Sitnica e due operai della RIL. Dopo aver ringraziato per aver preso parte al progetto Zdravko parla di quello che fa, e racconta parti della sua vita: originario di Zenica (ora in Federazione musulmana-croata) si è trasferito a Ribnik dopo la guerra. Alla domanda se vorrebbe tornare nella sua città risponde dicendo che lì sono troppo fondamentalisti. È una persona aperta e molto disponibile al dialogo ed emergono molte domande, si parla di comunità europea, nei confronti della quale sia lui che i due ragazzi della RIL sono piuttosto scettici. Chiede all equipe perché lavoriamo in Bosnia e perché abbiamo deciso di lavorare con i bambini, e dice che vede bene quello che facciamo perché viene offerto ai bambini un altro punto di vista, l'unico al di fuori di quello chiuso e parziale che hanno. L equipe ha inoltre svolto una giornata di attività nel contesto di un progetto ecologico di una associazione di Previja, durante la quale si è collaborato con i giovani del posto per la pulizia di un area degradata e nella costruzione di due mangiatoie per animali. Era stata programmata una giornata di attività nel campo profughi della vicina cittadina di Bosanski Petrovac, abitato in prevalenza da rom kosovari, ma di fatto è stata organizzata solo una visita. Dopo la fine delle due settimane di colonia c è stata l occasione di incontrare e confrontarsi con volontari di due associazioni che svolgono attività analoghe a Terre e Libertà nei Balcani: i volontari dell ADL di Zavidovici, che hanno un progetto di animazione a Zavidovici, e due ragazze di un associazione francese che svolge attività in Croazia, ma vorrebbe cominciare anche in Bosnia. 11

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015 ISTITUTO COMPRENSIVO CHIAVARI 2 Anno Scolastico 2013/14 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3 Cod. Ministeriale GEMM867015 LINEE ESSENZIALI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 FINALITÀ La nostra

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Lonate Pozzolo (Varese) Scuola Secondaria di I I Grado

Istituto Comprensivo Statale Lonate Pozzolo (Varese) Scuola Secondaria di I I Grado Istituto Comprensivo Statale Lonate Pozzolo (Varese) Scuola Secondaria di I I Grado POF a.s. 2011-2012 I NOSTRI OBIETTIVI La nostra scuola si impegna a Favorire il benessere degli studenti e la motivazione

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Cos è una Clubhouse? Una clubhouse è prima di tutto una comunità di persone. Molto di più di un semplice programma, o di un

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. IL GRANELLO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Via Amalteo, 74-33078 San Vito al Tagliamento

Dettagli

Le Scuole si presentano SCUOLA PRIMARIA LAZZARO SPALLANZANI

Le Scuole si presentano SCUOLA PRIMARIA LAZZARO SPALLANZANI Le Scuole si presentano SCUOLA PRIMARIA LAZZARO SPALLANZANI V.le della Rocca,8 - Scandiano (RE) - Tel.fax 0522-857593 E-mail: reee06200b@istruzione.it 71 La Scuola Primaria L. Spallanzani si trova vicino

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 IL PROJECT PLAN NOME GRUPPO RECAPITO PER CONTATTO: Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 L IDEA E LE PERSONE Caratteristiche progetto: Descrivere brevemente il progetto e com è nata l idea. Valorizzazione

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

progetto di volontariato internazionale per l animazione giovanile nei balcani

progetto di volontariato internazionale per l animazione giovanile nei balcani progetto di volontariato internazionale per l animazione giovanile nei balcani Parte 1: CHI SIAMO INDICE: 1.1 Chi siamo 1.2 La nostra storia nella ex Jugoslavia 1.3 Le nostre finalità Parte 2: IL PROGETTO

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07

AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07 AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07 (a cura della referente del P.O.F. Prof.ssa SCARPA MARIA e della responsabile del Gruppo Qualità Prof.ssa Trabattoni Mariagnese ) Indicatori di contesto

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Progetto TRAMPOLINO ANIMAZIONE DI STRADA A POLIN

Progetto TRAMPOLINO ANIMAZIONE DI STRADA A POLIN Progetto TRAMPOLINO ANIMAZIONE DI STRADA A POLIN Il progetto è nato nel 2005 dopo un confronto tra Servizio Sociale, l Amministrazione Comunale di Tione in collaborazione con la Cooperativa Sociale L Ancora.

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI 1 PREVENIRE I RISCHI si può? Sì, prima di avviare l impresa, con realismo e piedi per terra business plan (fatto da soli, vedi sito www. pd.camcom.it, miniguide) 2 PREVENIRE

Dettagli

S uo u l o a l M e M di d a M T A E T R E IA I I I I R ligi g on o e n catt t o t l o ica Ita t liano

S uo u l o a l M e M di d a M T A E T R E IA I I I I R ligi g on o e n catt t o t l o ica Ita t liano SALESIANI DON BOSCO LA STORIA Una tradizione più che centenaria I SALESIANI OGGI A FIRENZE La Scuola Media Il Liceo Scientifico Residenza universitaria ParrocchiaOratorio Casa per ferie Sala Esse STILE

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Sintesi del Rapporto per la Stampa

Sintesi del Rapporto per la Stampa Sintesi del Rapporto per la Stampa Il Rapporto descrive e analizza le dinamiche connesse al movimento transfrontaliero dei rifiuti speciali tra l Italia e gli altri Paesi, europei e non. Per rifiuti speciali

Dettagli

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura 33 1. Destinatari e ammissione Scopo e Destinatari La residenza protetta 3 è destinata a persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti ed a persone esposte al rischio di emarginazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA C. COLLODI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 20012/ 13 NORME ANNO SCOLASTICO 20012/2013 1. La divisa regolamentare della Scuola è il grembiule nero (per le femmine), la

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI 1 Arrivato a Lomé dopo un viaggio che ha superato le 24 ore, con scalo a Casablanca, Marocco, il 05.07.07, atterro

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare

Un cane per amico. Titolo: Attività da realizzare Titolo: Un cane per amico L ASD e di Promozione Sociale Do Re Miao! in collaborazione con la comunità pastorale I Tre Arcarcangeli (parrocchia Ss.ma Annunziata dei Greci), Livorno, propone un progetto

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE

KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE KOLON KANDYA ITALIA ONLUS Via Milani 6/a - 20133 Milano kolonkandya@kolonkandya.com www.kkitaliaonlus.org KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE BURKINA FASO, 18 OTTOBRE 15 DICEMBRE 2012 KK ITALIA

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO L. NICCOLINI PROGETTO EDUCATIVO DI PLESSO. a.s. 2014-15 SCUOLA PRIMARIA LE MELORIE

ISTITUTO COMPRENSIVO L. NICCOLINI PROGETTO EDUCATIVO DI PLESSO. a.s. 2014-15 SCUOLA PRIMARIA LE MELORIE ISTITUTO COMPRENSIVO L. NICCOLINI PONSACCO PROGETTO EDUCATIVO DI PLESSO a.s. 2014-15 SCUOLA PRIMARIA LE MELORIE Docenti a.s. 2014/2015 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Macchi Elena Brandolini

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI Aprile 2002 1 STUDIO DI SETTORE SG82U Numero % sugli invii Invii 8.416 Ritorni 4.988

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

DOMANDA ED OFFERTA DI CREDITO IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

DOMANDA ED OFFERTA DI CREDITO IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA DOMANDA ED OFFERTA DI CREDITO IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA 1.1 - L assetto finanziario delle aziende Nel corso del 2014 la provincia reggiana evidenzia un saldo tra imprese che presentano aumenti e diminuzioni

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Educare al territorio NaturalMente Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Principale: Bambini e ragazzi tra

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Dal 3 al 6 aprile 2014 in Fiera a Vicenza, vi aspettano quattro giornate di divertimento alla scoperta del fascino degli sport,

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO INIZIATIVE ESTIVE

PROGETTO INIZIATIVE ESTIVE PROGETTO INIZIATIVE ESTIVE OBIETTIVI GENERALI Le attività estive dell Ufficio Pio prevedono l erogazione di servizi ricreativi/educativi destinati ai minori nella fascia d età 6/14 anni durante la stagione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 1) Sono ammissibili al doposcuola, tutti gli allievi che frequentano

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Un progetto socialmente responsabile in collaborazione tra Assolombarda Coni Lombardia Fondazione Sodalitas Impresa & Sport è un progetto che nasce da

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

Il Progetto "Разделить: Un campo di lavoro... lungo un anno"

Il Progetto Разделить: Un campo di lavoro... lungo un anno Associazione di volontariato Comitato Girotondo Gassino Torinese (To) Il Progetto "Разделить: Un campo di lavoro... lungo un anno" Last update : 24/03/2013 Comitato GIROTONDO Tel. 011-550.6246 Corso Italia,

Dettagli

LOCAL BUSINESS MANAGER

LOCAL BUSINESS MANAGER Da venti anni promozione e sviluppo d impresa LOCAL BUSINESS MANAGER IL BUSINESS DEL PROMUOVERE BUSINESS E SVILUPPO LOCALE Aiutare gli aspiranti imprenditori a creare una nuova attività, supportare gli

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Bolognesi

Istituto Comprensivo G. Bolognesi Istituto Comprensivo G. Bolognesi Codice Meccanografico LIIC 81400Q Organizzazione ed orari delle scuole che fanno parte dell Istituto Comprensivo Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Secondaria di I Grado

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Volontariato Internazionale. le proposte di

Volontariato Internazionale. le proposte di Volontariato Internazionale le proposte di Il progetto si propone come intervento per lo sviluppo sociale nei territori nei quali si intende operare e come strumento di conoscenza diretta per i volontari

Dettagli

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Convegno Microcredito in Emilia-Romagna: le esperienze a confronto 21 maggio 2010, Bologna Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Nadia Bosi Responsabile Ufficio Sviluppo BCC Castenaso I poveri sono

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Silvia Gilioli, educatrice ed insegnante elementare, esperta dell organizzazione di attività di grande gruppo e animazione,

Silvia Gilioli, educatrice ed insegnante elementare, esperta dell organizzazione di attività di grande gruppo e animazione, L ASSOCIAZIONE. L Associazione culturale nasce nel 2005 per dare struttura istituzionale ad un esperienza lavorativa sviluppata fin dal 99 nell organizzazione di campi estivi. Il Direttivo è oggi composto

Dettagli