Sostegno all'occupazione giovanile in BiH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sostegno all'occupazione giovanile in BiH"

Transcript

1 ISTITUTO PACE SVILUPPO INNOVAZIONE ACLI Sostegno all'occupazione giovanile in BiH I giovani e le donne come agenti di sviluppo delle famiglie e della comunità locale R E L A Z I O N E P R I M A A N N U A L I T À - ROMA, DICEMBRE

2 Questa relazione descrive le attività realizzate dall IPSIA nella prima annualità del progetto Sostegno all'occupazione giovanile in BiH nel periodo luglio 2003 luglio 2004 e dal luglio 2004 a dicembre 2004 in seguito alla concessione di una proroga non onerosa di sei mesi della prima annualità richiesta dall IPSIA al Comitato Family for family in data 18 giugno Azioni realizzate nella prima annualita L obiettivo generale dell intervento indicato nel testo del progetto, approvato dal Comitato Family for family, è quello di sostenere lo sviluppo locale con i giovani e le donne del Cantone Una Sana (Federazione Croato- Musulmana) e della zona di Banja Luka (Repubblica Serba di Bosnia) All obiettivo generale, il testo del progetto indica due obiettivi specifici 1. la qualificazione professionale di operatori sociali e di insegnanti anche attraverso la formazione alla partecipazione e alla gestione di servizi e di progetti nei settori dell educazione e dei servizi sociali e familiari anche incoraggiando il ricorso al microcredito 2. lo sviluppo ed il sostegno di una microimpresa nel settore del legno con attenzione alla ricaduta sociale del lavoro imprenditoriale associato Nel corso della prima annualità del progetto è stato possibile porre le basi per il raggiungimento dell obiettivo generale mediante la realizzazione delle attività legate agli obiettivi specifici. Per quanto riguarda l obiettivo specifico 1 sono state realizzate le seguenti azioni: a) costruzione di una mappa dei servizi e dei soggetti sportivi, sociali ed educativi presenti; b) realizzazione di una ricerca sulla situazione del sistema di credito in BiH; c) realizzazione di un percorso di animazione integrato con animatori italiani e locali; d) realizzazione di una missione di fattibilità sulle istituzioni di microfinanza in BiH (in collaborazione con il Consorzio Etimos); e) realizzazione di un impianto sportivo; f) distribuzione di materiale didattico e di supporto a strutture educative e sociali (in corso di svolgimento). Per quanto riguarda l obiettivo specifico 2 sono state realizzate le seguenti azioni: a) accompagnamento tecnico per la ricerca di materie prime; b) accompagnamento per l aggiornamento del business plan; c) sostegno alle spese di funzionamento ordinario di una microimpresa; d) attività di tutoraggio per la stipula dei contratti; e) realizzazione di uno stage sull ambiente. 2

3 Descrizione dettagliata delle azioni OBITTIVO SPECIFICO 1 COSTRUZIONE DI UNA MAPPA DEI SERVIZI E DEI SOGGETTI SPORTIVI, SOCIALI ED EDUCATIVI PRESENTI. Il lavoro per la raccolta dei dati per la costruzione di una mappa dei servizi sportivi, sociali ed educativi presenti nelle aree oggetto dell intervento è stato condotto da: - Silvia Maraone (IPSIA nazionale) - Luca Pracchini (IPSIA Milano) - Elisabetta Droguet (IPSIA Liguria) - Anna Merlo (IPSIA Como) - Nella giornata di lunedì 18, alle riunioni con le - scuole di Sitnica e Previa, hanno partecipato anche: - Alberto Fusar Poli e Laura Frassini (IPSIA Cremona) - Valentina Muià, (IPSIA Forlì) IL SISTEMA SCOLASTICO IN BOSNIA E CONSIDERAZIONI SULLE SCUOLE VISITATE Per ciò che concerne il sistema scolastico in generale in Bosnia, una serie di problemi analoghi interessano le strutture sia della Repubblica che della Federazione. Il primo di tutti è senz altro lo stato in cui le scuole si trovano, nel senso che spesso queste sono state oggetto di distruzione e saccheggio durante gli anni della guerra, se non in alcuni casi addirittura sono state usate come prigioni o caserme. Pertanto, dopo il 1995, è stato necessario nella maggior parte dei casi ricostruirle o risanarle. Dopo gli interventi dei primi anni post-bellici, ad opera di ONG, non sono più stati eseguiti lavori di manutenzione. Questo perché lo Stato bosniaco non ha finanziamenti per questo tipo di lavori. Spesso poi il numero dei bambini è elevato (in media circa 300/400, con la punta minima di 80 a Sitnica) perché non ci sono solo quelli delle cittadine, ma anche i bambini dei villaggi intorno, che fanno i primi 4 anni nelle succursali, e dal 5 al 9 nelle principali. Tra le varie scuole visitate sicuramente quella più rovinata è quella di Previja, che lavora addirittura su 3 turni, per mancanza di spazi. Allo stesso livello si trovano tutte le altre. Per lo più si tratta di ambienti molto spogli, sia nelle aule (banchi e sedie rotti e vecchi) che nei corridoi e nei laboratori (materiale desueto e spesso non funzionante), per non parlare delle palestre, prive quasi del tutto di attrezzature e in maggior parte con pavimenti usurati e anche pericolosi (assi mancanti, schegge etc). Altro capitolo riguarda poi le strutture igieniche (i servizi sono spesso fuori uso, senza acqua e in numero insufficiente) e il riscaldamento. La maggior parte delle scuole non ha i riscaldamenti centralizzati (e quando ci sono, il numero di termosifoni è di solito basso e gli spifferi provenienti da infissi vecchi ne azzerano quasi la funzione) e in alcuni casi ci sono solo delle stufe a legna che sono del tutto insufficienti come potenza, tant è che spesso i bambini in inverno tengono le giacche e il cappello. Oltre a questo i ministeri non hanno grossi fondi neanche per l acquisto di materiale didattico, tant è che mensilmente passano alle scuole il minimo necessario che serve per coprire le spese. Inoltre i programmi didattici delle scuole sono diversi, ma non solo tra Repubblica e Federazione, ma anche per croati e musulmani. Dovrebbe essere in atto una riforma che unifichi i piani dei ministeri dell educazione, ma non è assolutamente in vigore. A far fronte alle condizioni pessime nelle quali versano le scuole bosniache sta di solito un forte entusiasmo del corpo insegnanti e dei genitori dei bambini che 3

4 cercano di dare il massimo, e che con il poco materiale che hanno cercano di garantire una qualità buona dell insegnamento, pur consapevoli che le loro metodologie sono molto arretrate rispetto allo standard minimo europeo. Da quest anno scolastico dovrebbe essere in atto una riforma presentata dai ministeri dell educazione e dal ministro per i diritti umani e rifugiati al Peace Implementation Council a Bruxelles il 21 novembre Il documento, stilato da 6 diversi gruppi di lavoro (formati da educatori professionali locali e internazionali), consiste in 5 capitoli ognuno delle quail vuole perseguire un obiettivo. Lo scopo finale è de-politicizzare il sistema educativo e creare le condizioni che assicurino uguale accesso ad un educazione di alta qualità e moderna. I problemi maggiori cui la riforma dovrebbe fare fronte sono: superare lo sbarramento burocratico dettato dalla suddivisone della Bosnia in 2 entità con ministeri centrali e locali, stanziare dei budget mirati equanimi, garantire e semplificare il libero accesso alle scuole, anche per le minoranze, ammodernare i piani di studio ed educativi per il raggiungimento di standard europei, parificare i diplomi di modo che vengano riconosciuti più semplicemente. Allo stato attuale i cantoni a maggioranza croata non hanno approvato la nuova legge della Federazione sull educazione, i soldi stanziati dal Fondo Monetario Internazionali sono dunque rimasti fermi. Altra difficoltà riguarda ancora i libri di testo che dovrebbero essere in 3 lingue, e unici per tutti, ma che invece continuano ad essere diversi in Repubblica e in Federazione. Bosanska Krupa, 16 e 17 ottobre: incontro con la Prva Osnovna Skola Verifica di Terre e Libertà: Krupa è il luogo in cui IPSIA è presente da più anni (1998), pertanto non ci sono stati grossi commenti, se non che come al solito è stata svolta una buona animazione e un buon progetto. L unico suggerimento è di cercare di anticipare a luglio il periodo in cui fare le attività. Materiale didattico: Riguardo il progetto con le scuole, il direttore della Prva Osnovna Skola, Izet Kadic, e la professoressa di letteratura Zeljka Orozovic si sono mostrati molto interessati alla possibilità offerta e hanno già fatto sapere che tra i loro bisogni maggiori sono compresi un computer e dei libri di lettura da destinare alla biblioteca scolastica. Sitnica, 18 ottobre: incontro con il direttore della scuola primaria Petar Kocic Verifica del progetto Terre e Libertà: è stato giudicato positivo il coinvolgimento di tutti i bambini nella colonia estiva; anche i genitori e la comunità si sono mostrati soddisfatti e desiderano che l esperienza si ripeta l anno prossimo. Molto positiva è stata anche l idea della festa finale. È stata evidenziata l importanza di informare per tempo i bambini riguardo le date della colonia estiva, prima che la scuola sia finita, in modo che un numero maggiore di bambini vi possa partecipare. È stata altresì ricordata l importanza del documento del ministero, affinché le attività si possano svolgere regolarmente. Materiale didattico: la possibilità del finanziamento previsto è stata accolta molto positivamente e sono stati già esplicitati alcuni dei bisogni tra cui cartine e materiale audio-video per i corsi di lingua inglese. Previja, 18 ottobre: incontro con il direttore della scuola primaria Nikola Makcic Verifica del progetto Terre e Libertà: il direttore della scuola si è mostrato soddisfatto delle attività svolte ma ha ricordato la necessità di informare per tempo i bambini della realizzazione della colonia, prima che la scuola sia finita. 4

5 Materiale didattico: il grosso problema della scuola di Previja è che essa non è una costruzione indipendente ma è inserita in un contesto in cui vi sono altre realtà es. la posta - e di conseguenza un buon flusso di persone estranee al corpo scolastico. Tuttavia è prevista la costruzione di una nuova scuola indipendente nel 2005, che terminerà però nel Per questi motivi, è stata evidenziata la necessità di costruire dei servizi igienici riservati ai bambini e di acquistare dei libri per la biblioteca. Ribnik, 18 ottobre: incontro con il direttore della scuola tecnica superiore Desanka Maksimovic. Alcuni studenti di questa scuola svolgono tirocinio presso la R.I.L. di Cadavica. La scuola si trova nello stesso complesso in cui c è anche la scuola elementare, che svolge lezione al mattino. Gli studenti più grandi partecipano invece al pomeriggio. Verifica del progetto Terre e Libertà: il giudizio generale è positivo anche se è stato evidenziato il problema di trasporto dei bambini che provengono dai paesi più lontani che devono pagarsi l autobus -. Materiale didattico: la scuola superiore non ha dei locali propri e deve utilizzare la struttura della scuola primaria. La necessità più impellente è di sistemare/rifare il pavimento della palestra, di sostituire i vetri rotti della stessa e di acquistare palloni e materassini. Ci sarebbero inoltre altre esigenze relative ai laboratori di chimica, fisica e matematica. Stolac, 19 ottobre: incontro con il direttore musulmano della scuola primaria. La scuola di Stolac è divisa tra la parte musulmana e la parte croata, ed è chiamata scuola dei ritornati, nel senso che i musulmani sono tornati solo da 2 anni e che ci sono stati soprattutto all inizio una serie di problemi, ad oggi anche la scuola è un caso di separazione in casa tant è che i bambini hanno in comune solo il campo da gioco, ma i programmi sono diversi e anche gli ingressi da cui entrano sono diversi. Di sicuro tra le varie zone in cui IPSIA può intervenire il caso di Stolac è dei più interessanti e stimolanti, perché un intervento esterno potrebbe servire a velocizzare le dinamiche di integrazione sociale. Il direttore della scuola si è mostrato molto interessato al progetto Terre e Libertà. Anche IPSIA ritiene che l intervento di animazione estiva, che coinvolga sia i bambini croati che quelli musulmani, possa essere una buona chiave per appianare le divisioni esistenti, grazie alla mediazione dei volontari italiani. Materiale didattico: Ci è stata segnalata l esistenza di un Consiglio degli Studenti che si riunisce ogni lunedì ed è rappresentato dalla professoressa di biologia e chimica Amela Medar. Tra le varie iniziative promosse, uno dei fini di questo Consiglio è di procurare libri gratuiti per i bambini. La scuola di Stolac è infatti anche detta scuola dei ritorni, poiché sono molti gli studenti figli di famiglie che sono rientrate ma che spesso non hanno lavoro e quindi non possono pagare i libri di scuola. Tra le iniziative del Consiglio degli studenti vi sono anche attività ecologiche e una bacheca informativa che si spera possa evolversi in una vera e propria rivista scolastica. Il finanziamento di Family for Family risulterebbe quindi molto utile soprattutto per l acquisto dei libri di testo per i bambini che non possono permetterseli, oltre che di materiale come penne, set per la scuola etc che non viene in alcun modo fornito dal ministero dell educazione, per mancanza di fondi. Vrapcici, 20 ottobre: incontro con il direttore e gli insegnanti della Osnovna Skola. Verifica del progetto Terre e Libertà: è stata avanzata dai genitori la proposta di svolgere un corso di italiano per i bambini che desiderano imparare la lingua. È stato valutato positivamente lo spettacolo di chiusura delle attività in quanto, occupando la seconda settimana della colonia, ha contribuito a mantenere alto l interesse dei bambini. È inoltre stata evidenziata l importanza di svolgere le attività attraverso lo sport 5

6 e la musica ed è stato chiesto di portare del materiale cartaceo e audiovisivo sulle principali città italiane, nonché sui laghi più importanti ecc. Materiale didattico: il direttore e i professori si sono mostrati interessati alla possibilità di finanziamento per l acquisto di testi e mappe, stereo e altre apparecchiature necessarie per i corsi di insegnamento. Sapna, 21 ottobre: incontro con il direttore e gli insegnanti della Osnovna Skola. Verifica del progetto Terre e Libertà: è stata espressa soddisfazione riguardo l attività svolta. È stata evidenziata l importanza di strutturare i laboratori dividendo preventivamente i bambini a seconda dei loro reali interessi, usufruendo del supporto degli insegnanti che già li seguono durante l anno. Il fine è di far emergere il talento che c è in ciascuno dei bambini. Le attività dei laboratori potrebbero inoltre essere convogliate in uno spettacolo finale. È importante sperimentare questa formula nel 2005, in modo da avviare per il 2006 una collaborazione basata sul progetto anche con una vicina scuola in Repubblica Serba, sempre insieme ai professori. Materiale didattico: è stato fatto presente che la scuola primaria di Sapna ha molte piccole succursali nei villaggi vicini, le quali sono sprovviste dei supporti didattici necessari per svolgere determinate attività basilari. Una delle maggiori esigenze è quella di poter insegnare la lingua inglese tramite per esempio l utilizzo di uno stereo. Doboj, 22 ottobre: incontro con il direttore e gli insegnanti di educazione fisica della scuola Vuk Karadzic. Verifica del progetto Terre e Libertà: è stata evidenziata la necessità di coinvolgere maggiormente i genitori; per il resto il giudizio è positivo; è un po un problema il periodo in cui viene svolta la colonia poiché molti bambini non ci sono; sarebbe meglio fare la colonia a giugno o nella seconda metà di agosto; magari si potrebbero fare delle iscrizioni, organizzandosi prima di giugno. I professori sono disponibili a collaborare. Materiale didattico: il direttore e i professori si sono mostrati molto interessati in quanto i finanziamenti che ricevono dal ministero sono sufficienti solo per pagare le bollette e i bisogni primari come il riscaldamento. Servirebbero attrezzature sportive e materiale per i laboratori di chimica, fisica, musica ed educazione tecnica. OBITTIVO SPECIFICO 1 REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA SULLA SITUAZIONE DEL SISTEMA DI CREDITO IN BIH La ricerca sul sistema creditizio in Bosnia Erzegovina (allegata alla presente relazione) è stata realizzata da Valeria Roggero cooperante IPSIA. La ricerca ha analizzato i prodotti finanziari delle banche, degli istituti di credito del sistema formale e delle Organizzazioni locali di Microcredito. È stato condotto poi uno studio dei programmi di microcredito realizzati da ong italiane, locali e internazionali. La ricerca si conclude con l individuazione dei finanziamenti erogati dalle Organizzazioni internazionali e rivolti allo sviluppo delle piccole e medie imprese. Questo lavoro è stato condotto con l obiettivo di fornire una panoramica di quello che è oggi il sistema creditizio in Bosnia, soprattutto per quanto concerne l aspetto relativo all erogazione di crediti per lo sviluppo delle piccole e medie imprese locali. L obiettivo è stato raggiunto sia analizzando il sistema finanziario formale, ovvero l attività di banche, istituti di credito e linee di credito provenienti dai grandi 6

7 organismi internazionali, sia quello informale, ovvero i programmi di microcredito volti allo sviluppo delle piccole e medie imprese (PMI) locali, realizzati sia da ong italiane che internazionali come anche da iniziative locali quali ong, associazioni o vere e proprie istituzioni di microfinanza. Di seguito sono riportate le conclusioni della ricerca. Il panorama finanziario bosniaco è vasto e variegato. Da una parte ci sono le banche che offrono crediti di qualsiasi tipo ai propri clienti e a coloro che presentano condizioni economiche più agiate, che siano in grado di fornire più di una garanzia e solitamente pari al doppio dell ammontare del prestito accordato e il cui tasso di interesse annuale si aggira intorno al 12-14%; dall'altra le organizzazioni locali di microcredito (OMC), le ong locali e internazionali che erogano prestiti di ammontare inferiore a quelli bancari, che chiedono minori garanzie reali o garanzie di gruppo e il cui tasso di interesse annuale è notevolmente superiore a quello delle banche. Sia nel sistema finanziario formale che in quello informale i prestiti sono erogati per gli scopi più disparati: dall'agricoltura all'allevamento, dall'attività commerciale alla produzione di servizi, fino all'erogazione di prestiti a ex soldati, prestiti al consumo, per la costruzione dell abitazione, l acquisto di automobili, ecc e, ovviamente, prestiti alle piccole e medie imprese. Proprio per quanto concerne le PMI la distinzione tra i due canali finanziari è fondamentale: alcune banche considerano piccole e medie imprese quelle che hanno meno di 50 lavoratori, mentre i programmi di microcredito sono volti soprattutto al finanziamento delle microimprese che possono essere anche imprese familiari e quindi molto più piccole rispetto alle altre. Inoltre, le banche concedono i prestiti alle piccole e medie imprese la cui attività sia già avviata da almeno 6 mesi e spesso chiedono che tale impresa sia leader del settore e quindi sufficientemente affidabile per concederle un prestito; le organizzazioni di microcredito, finanziano anche le nuove attività. Si consideri però che, né le banche né le OMC, erogano prestiti ad attività non registrate. Per ciò che concerne il target, alcune organizzazioni locali di microcredito si rivolgono esclusivamente alle donne puntando così anche ad un potenziamento all interno della società locale di un target considerato più debole e vulnerabile; altre OMC e le banche, hanno una cerchia di beneficiari ben più ampia. Il periodo di grazia è contemplato, ma poco presente sia nei prestiti bancari che in quelli erogati dalle organizzazioni di microcredito. Prendendo in considerazione i programmi di microcredito realizzati da ong locali, italiane e internazionali e dalle OMC, elemento quasi mancante ma non per questo di poca importanza è l'assenza di servizi di consulenza ai microimprenditori, fondamentale non solo per una buona gestione dell'attività ma anche per un efficiente investimento del prestito. Inoltre, molte ong hanno rivolto la propria attenzione soprattutto al settore agricolo lasciando da parte altri settori importanti nel contesto bosniaco come le attività artigianali, la produzione di servizi e piccole attività commerciali. Infine, è da sottolineare il fatto che spesso questi programmi di microcredito ma soprattutto le organizzazioni locali di microcredito e le banche, si concentrano all'interno della Federazione e sono in numero fortemente inferiore e meno sviluppato all'interno della Repubblica. Per concludere, allo scopo di agevolare ulteriormente il piccolo imprenditore, o per meglio dire, il microimprenditore che non presenta le caratteristiche richieste dalle banche per ottenere un prestito e di raggiungere un target di beneficiari il più ampio possibile, dall'analisi effettuata si evidenzia la necessità di programmi formativi per i microimprenditori che accedono al prestito, di un più vasto ventaglio di attività finanziabili, di un radicamento di OMC e programmi nella Repubblica Srpska e dell'elaborazione di tipi di prestiti che tengano in considerazione il periodo di grazia e ai quali possa accedere chi pratica un'attività anche non registrata. 7

8 OBITTIVO SPECIFICO 1 REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO DI ANIMAZIONE INTEGRATO CON ANIMATORI ITALIANI E LOCALI Nell ambito dell edizione 2004 del progetto di volontariato internazionale IPSIA Terre e Libertà è stato realizzato un programma di animazione realizzato da èquipe di volontari italiani e locali. Il programma è stato realizzato nelle prime due settimane di agosto a Bosanska Krupa e nella zona di Previa e Ribnik. Bosanska Krupa Federazione croato-musulmana di Bosnia Erzegovina PRVA OSNOVNA SKOLA Periodo colonia: dal 02/08/2004 al 14/08/2004 N volontari: I settimana: 3 responsabili +8 volontari (4 F e 7 M) II settimana: 2 responsabili + 8 volontari(4 F e 6 M) Collaboratori esterni: Durante la seconda settimana ha collaborato un ragazzo di Bosanska Krupa, il quale ha svolto la funzione di interprete sia per ciò che concerne le attività con i bambini sia per la raccolta della documentazione relativa al progetto per la costruzione di un campo da bocce presso la Dom Kulture. N bambini: Tra i 60 e i 100 di età compresa tra i 5 e i 13 anni. Il numero di maschi e femmine è stato sostanzialmente equilibrato. Contatti formali : Direttore e personale della scuola Direttore e personale della Dom Kulture e del centro giovanile Polizia Radio Bosanska Krupa Responsabile della Croce Rossa locale Contatti con l associazione Mamme SOS Orfanotrofio locale Contatti informali: Famiglia dell interprete Biblioteca Il luogo: Bosanska Krupa si trova nella parte nord ovest della Bosnia non distante dal confine con la Croazia. La popolazione è a stragrande maggioranza mussulmana, anche se attualmente si stanno verificando dei rientri di famiglie serbe, specie però nelle zone circostanti e dunque non nel centro urbano, ma nei villaggi. 8

9 Il numero di abitanti sia aggira intorno ai Il centro ha l aspetto di una piccola cittadina e vi sono presenti i luoghi di culto di tutte e tre le religioni in quanto prima del conflitto era una cittadina mista, la periferia invece è a prevalenza agricola. L idea è quella di un paese che ha accolto e integrato il progetto (siamo presenti dal oramai 1998) e che manifesta il desiderio di contribuire attivamente. L èquipe ha dormito nella scuola. Le attività ludiche e sportive sono state svolte all aperto nel cortile asfaltato della scuola, mentre i laboratori sono stati fatti all interno delle aule. Attività con i bambini e incontri di conoscenza: Le attività svolte con i bambini sono state laboratori manuali, musicali e di lingua (italiano/serbo-croato), staffette, giochi a squadre, ban e canzoni. Gli incontri di conoscenza del contesto sono stati fatti attraverso una giornata di visita a Banja Luka, Prijedor e Sanski Most e attraverso alcune serate con la famiglia dell interprete la quale ci ha raccontato la sua esperienza durante il conflitto. Considerazioni e avvenimenti significativi: o raccolta della documentazione per la costruzione di un campo da bocce nei pressi della Dom Culture; o torneo di calcio in un campetto esterno alla scuola e situato in mezzo al paese, partecipanti 80 ragazzi fra i 7 e i 14 anni, o mostra fotografica delle attività svolte con i bambini e consegna di un cd fotografico alla scuola ed al centro giovanile per la distribuzione ai ragazzi ed alle loro famiglie; o organizzazione di due feste: una rivolta prevalentemente ai bambini che frequentavano la colonia, dove sono stati organizzati giochi e stand, una seconda che attraverso una sfilata in maschera con striscioni e maschere prodotti dai bambini nei laboratori ha attraversato la principale via di Krupa ha coinvolto la cittadina. Prevjia - Ribnik Repubblica serba di Bosnia Erzegovina Scuola di RIBNIK Scuola di PREVIJA Periodo colonia: dal 11/08/2003 al 22/08/2003 dal 02/08/2004 al 14/08/2004 Numero volontari: 2003 I volontari impegnati a Kljuc nella prima settimana sono stati 9; nella seconda settimana sono stati 8. I volontari hanno ruotato nel corso delle due settimane tra Previja e Kljuc. Solo uno dei responsabili è rimasto fisso su Kljuc per entrambe le settimane. Il giorno della festa finale tutti i 16 volontari erano presenti. 9

10 2004 L'equipe di Previja-Ribnik era formata da 13 volontari, che hanno gestito due diverse colonie nelle due località, entrambe della Repubblica Srpska, che distano tra di loro di una decina di km. A Previja 'Terre e Libertà ritornava per il quarto anno consecutivo, a Ribnik invece è stato il primo anno. I volontari si sono divisi tra le due colonie non equamente, ma in base alla presenza di bambini alle attività: in genere 8 volontari a Previja (3 maschi e 5 femmine) e 5 a Ribnik (2 maschi e 3 femmine), turnandosi tra di loro ogni 2-3 giorni, ma con non più di 2 persone a cambio e mantenendo sempre persone fisse in ogni colonia, che dessero così continuità. Media bambini partecipanti: 2003 I bambini, di età compresa tra i 4 e i 14 anni, presenti nei vari giorni sono stati: Mercoledì 13 agosto 66 Giovedì 14 agosto 72 Venerdì 15 agosto 81 Lunedì 18 agosto 83 Martedì 19 agosto 77 Mercoledì 20 agosto 80 Giovedì 21 agosto 80 Venerdì 22 agosto 86 Sabato 23 agosto(festa) La frequenza a Previja è sempre stata attorno a bambini (con il picco di 110 per la festa finale), di età media attorno ai 9-10 anni e con una leggera prevalenza di femmine (55-60%). A Ribnik, invece, la media è stata di 10 bambini (40% maschi), con punte di 25 (festa finale) e con una grande eterogeneità d'età: un gruppetto aveva attorno ai 3-4 anni, un altro invece attorno ai Attività: Le differenze tra i due luoghi hanno determinato anche una diversa gestione delle attività: a Previja si è seguito il solito schema giornaliero, con gioco libero - giochi strutturati - laboratori; a Ribnik, invece, si è dato molto peso al gioco libero (anche perché i primi bambini arrivavano verso le 9.30, ma un numero 'consistente' c'era solo attorno alle ) e ai laboratori. Inoltre, a Ribnik, nei primi giorni si è dedicato tempo e sforzi al volantinaggio ed alla pubblicità della colonia in giro per il paese. Schematicamente, le attività della colonia di Previja sono state: ban, danze, laboratori, spettacoli. A Ribnik, come detto, la colonia era molto destrutturata per la bassa presenza di bambini e si basava quindi molto sull'improvvisazione e sulla capacità di adattamento. Il gioco libero e i laboratori erano più o meno gli stessi di Previja. Solo in poco occasioni si è riusciti a fare giochi strutturati. Le strutture: A Previja l equipe aveva a disposizione due delle tre stanze che costituiscono la scuola, in un edificio che ospita anche la posta del paese: una piccola stanza, utilizzata come magazzino, ed una stanza poco più grande utilizzata per i laboratori. All esterno è stato usato un campo da calcio in cemento, un area a prato e 10

11 la vicinanza con il fiume ha permesso di svolgere alcune attività lì, dove si trova anche un campo da beach volley. A Ribnik la scuola ha messo a disposizione tre aule abbastanza grandi, una delle quali veniva utilizzata come magazzino. All esterno la scuola ha un campo da basket ed uno da calcio, entrambi in cemento. Le porte sono state posizionate solo in occasione di un torneo di calcio organizzato durante la seconda settimana di colonia. Vicino c è un area a prato inutilizzabile perché poco curata. Sono state numerose le possibilità di scambio e conoscenza del contesto, specie attraverso gli incontri con gente del luogo o che lavora lì. Incontri svolti: 2004 Ribnik, incontro con Valeria Roggero, cooperante IPSIA. Valeria ha spiegato all equipe il suo lavoro, la relazione con la RIL e il luogo, le difficoltà cui va incontro e i successi della sua missione. Kljuc, incontro con Amela (ragazza conosciuta dall equipe dell'anno scorso, ex membro di un'associazione che si occupava di giovani: prevenzione delle droghe, lavoro, tempo libero). L associazione di cui Amela faceva parte non esiste più perché non c'erano persone capaci di tenere insieme il gruppo. Quando ha scoperto che Terre e Libertà è presente anche in Kosovo ed in Albania si dimostra molto interessata all Albania e chiede come è attualmente la situazione. Racconta che kljuc è molto affollata nel periodo estivo, ma d inverno capita di uscire e non incontrare nessuno. Nonostante questo non vorrebbe vivere in nessun altro posto se non in Bosnia. Previja, incontro con Zdravko guardia forestale di Ribnik conosciuta durante il progetto ecologico alla foresteria di Ribnik. L incontro è informale. Sono presenti anche alcuni volontari dell equipe di Sitnica e due operai della RIL. Dopo aver ringraziato per aver preso parte al progetto Zdravko parla di quello che fa, e racconta parti della sua vita: originario di Zenica (ora in Federazione musulmana-croata) si è trasferito a Ribnik dopo la guerra. Alla domanda se vorrebbe tornare nella sua città risponde dicendo che lì sono troppo fondamentalisti. È una persona aperta e molto disponibile al dialogo ed emergono molte domande, si parla di comunità europea, nei confronti della quale sia lui che i due ragazzi della RIL sono piuttosto scettici. Chiede all equipe perché lavoriamo in Bosnia e perché abbiamo deciso di lavorare con i bambini, e dice che vede bene quello che facciamo perché viene offerto ai bambini un altro punto di vista, l'unico al di fuori di quello chiuso e parziale che hanno. L equipe ha inoltre svolto una giornata di attività nel contesto di un progetto ecologico di una associazione di Previja, durante la quale si è collaborato con i giovani del posto per la pulizia di un area degradata e nella costruzione di due mangiatoie per animali. Era stata programmata una giornata di attività nel campo profughi della vicina cittadina di Bosanski Petrovac, abitato in prevalenza da rom kosovari, ma di fatto è stata organizzata solo una visita. Dopo la fine delle due settimane di colonia c è stata l occasione di incontrare e confrontarsi con volontari di due associazioni che svolgono attività analoghe a Terre e Libertà nei Balcani: i volontari dell ADL di Zavidovici, che hanno un progetto di animazione a Zavidovici, e due ragazze di un associazione francese che svolge attività in Croazia, ma vorrebbe cominciare anche in Bosnia. 11

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli