Fare politica? Roba da Draghi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fare politica? Roba da Draghi"

Transcript

1 Fare politica? Roba da Draghi Lui si definisce «un liberal-socialista» né di destra né di sinistra. Ma ora le sue idee fanno discutere. Perché i tedeschi lo accusano di andare oltre il suo ruolo di Claudio Lindner e Luca Piana

2 ER TROPPO TEMPO IN Europa è mancata una leadership politica capace di affrontare i problemi. Mario Dra- F3 ghi si è dato da fare per riempire quel vuoto». L'autore di un giudizio così impegnativo è uno dei banchieri centrali più rispettati che ci siano in circolazione. Si chiama Paul Volcker, ha 87 anni ed è considerato l'uomo che, alla guida della Federal Reserve americana, riuscì a portare gli Stati Uniti fuori dal trauma della crisi petrolifera degli anni Settanta, gettando le basi per il boom vissuto nell'era di Ronald Reagan. Ha affidato il suo pensiero sul banchiere italiano alla rivista "Fortune", che ha inserito Draghi al secondo posto nella classifica dei cinquanta leader più influenti del pianeta, appena pubblicata. Più in alto, almeno per il 2015, c'è solo il numero uno del colosso Apple, Tim Cook, mentre due personalità come il presidente cinese XiJinping e Papa Francesco sono relegate in terza e in quarta posizione. Per uno che di mestiere fa il presidente della Banca centrale europea (Bce), essere definito un «leader politico» è un'arma a doppio taglio. In Germania, per esempio, il riconoscimento rischia di essere considerato una conferma del fatto che Draghi sta sbagliando tutto. Mario Draghi, Dai tempi della ricostruzione, i tede67 anni, romano, schi vedono infatti l'inflazione come il presidente della diavolo che fece crollare la Repubblica Bce dal 2011 di Weimar, favorendo l'affermazione del nazismo. E reputano la politica monetaria di Draghi, che ha abbassato il costo del denaro e iniziato a comprare titoli di Stato per oltre miliardi di curo per immettere liquidità nel sistema finanziario e aiutare l'economia a ripartire (il cosiddetto "quantitative easing"), come un cedimento ai governi dei Paesi più indebitati, che possono così scansare le riforme. Per questo sui quotidiani di ogni orientamento, dalla "Frankfurter Allgemeine Zeitung" alla "Süddeutsche Zeitung", le critiche si sprecano. La "Bild" ha parlato addirittura di Tsunami-monetario, definendo la manovra della Bce «la più grande bomba monetaria di tutti i tempi», che in Germania rischierebbe di far schizzare verso l'alto i prezzi. Ma Draghi fa davvero politica? Il sospetto che circola insidiosamente in Germania e in alcuni ambienti europei deriva dal fatto che, oggi, il presidente della banca centrale è più che mai stretto tra due fuochi. Da un lato ci sono le accuse dell'establishment tedesco, dall'altro c'è chi va in piazza a manifestare contro la Bce, com'è successo il 18 marzo a Francoforte. Dove diecimila manifestanti, nel giorno dell'inaugurazione del nuovo grattacielo dell'istituto, si sono radunati per protestare contro l'austerity, dando il via a una serie di scontri con la polizia culminati in decine di arresti. Così come risponde senza fare una piega alle critiche tedesche, argomentando senza mai ricorrere a frasi fatte, anche in questo caso Draghi non si è nascosto. Ha respinto il quadro che dipingono i movimenti, che lo giudicano un freddo tecnocrate al servizio delle banche e del capitale. E, affermando di capire perché la Bce è diventata il «punto focale di tutte le frustrazioni» generate dalla crisi, ha invitato i manifestanti a mirare più in alto. Il deficit di democrazia che i cittadini percepiscono nelle scelte dell'europa unita dipende dal fatto che «la nostra unione va rinsaldata» sia dal punto di vista economico che politico, perché non può funzionare «un sistema in cui le decisioni sulle politiche pubbliche sono assunte senza un adeguato grado di rappresentatività e la responsabilità di dar conto del proprio operato». Per superare le difficoltà e gli egoismi nazionali che rischiano di affondare l'euro, la risposta è dunque più Europa, non meno Europa. E più politica, non meno politica, un processo che deve avvenire «potenziando i canali attraverso i quali la legittimazione democratica si esplica autenticamente», a cominciare dal Parlamento europeo. SOCIALISTA E LIBERALE Il fatto che per Draghi, 67 anni, la politica sia centrale non deve stupire più di tanto. Nato a Roma, figlio di un dirigente dell'iri, orfano di entrambi i genitori fin da quando era adolescente, ha insegnato in varie università prima di diventare, nel 1991, direttore generale del Tesoro. Ha ricoperto l'incarico fino al 2001, attraverso un'epoca di trasformazioni profondissime, la svalutazione della lira, le grandi privatizzazioni, l'avvicinamento all'euro. Ha lavorato con sette ministri diversi - da Guido Carli a Giulio Tremonti, passando per Carlo Azeglio Ciampi e Vincenzo Visco - e nove differenti governi (tra la Dc di Andreotti, il centrosinistra e il centrodestra) senza che nessun osservatore potesse mai dire con certezza come la pensasse politicamente. «Si sente vicino a qualche gruppo politico?», gli ha chiesto infine il settimanale tedesco "Die Zeit", in un'intervista pubblicata il 15 gennaio, perché ai giornali italiani da quando è a Francoforte non ne ha più rilasciate. Risposta: «No. Le mie convinzioni rientrano in quelle idee che oggi verrebbero definite del socialismo liberale, quindi non proprio collocabili in raggruppamenti estremi». Per scavare nel Draghi politico, sono due gli aspetti principali da considerare. Il primo è quello della tattica, fondamentale per muoversi in un sistema come l'eurozona, dove gli interessi da conciliare sono molteplici e spesso divergenti fra loro. Il secondo è quello della direzione di fondo in cui lui >

3 stesso sostiene di muoversi, quella di un'europa che non lasci andare al suo destino nessuno dei Paesi che ne fanno parte. Perché, come ha detto all'università di Helsinki il 27 novembre scorso, «se un Paese può potenzialmente uscire dall'unione monetaria si crea un precedente ripetibile per tutti gli altri». E l'euro «è - e deve essere - irrevocabile in tutti gli Stati membri che l'hanno adottato, non solo perché è scritto nei trattati, ma perché senza irrevocabilità non può esistere una moneta realmente unica», ha spiegato, respingendo le tentazioni che spesso emergono per cacciare la Grecia o gli altri Paesi che non si mettono in regola con i conti. Per capire meglio la strategia del consenso attuata in ogni decisione importante, è interessante raccontare come Draghi sia arrivato a trovarsi solo cin- Un'immagine delle proteste anti-austerity a Francoforte, il 18 marzo scorso que indicazioni contrarie, su un totale di 25 governatori, quando la Bce ha lanciato il "quantitative easing". Supermario, come lo chiamano i fan, partiva da una situazione in cui la banca centrale tedesca - la Bundesbank - e il governo di Angela Merkel erano totalmente contrari a qualsiasi acquisto di titoli di Stato sul mercato secondario. La squadra di oppositori era peraltro anche più ampia e comprendeva gran parte dei Paesi del Nord Europa. PICCONATE ALLA BUNDESBANK Per aprire una crepa nel "muro" di Berlino, il presidente ha scelto di andare per picconate graduali, cominciando nell'aprile 2014 quando ha cercato un accordo sulla «funzione di reazione» della Bce, vale a dire ha chiarito cosa la banca avrebbe dovuto fare in determinate circostanze. Così, una volta queste si fossero verificate, per chi nutriva riserve sarebbe diventato difficile opporsi. Tra settembre e novembre ha poi trovato un accordo sull'espansione del bilancio Bce, con l'intenzione di riportarlo ai livelli del 2012, quando aveva superato per la prima volta la soglia dei mille miliardi. Infine ha affrontato la questione di come suddividere i rischi, che si è risolta soltanto a gennaio, a ridosso del meeting cruciale del giorno 22, e della legittimità dell'acquisto di titoli come strumento di politica monetaria. A quel punto, l'ultima picconata era sul "quando". E, appunto il 22 gennaio, la grande maggioranza ha detto «ora». Non si è arrivati a un voto, ma assolutamente contrari, da tradizione, sono stati i due tedeschi della Bundesbank, Jens Weidmann e Sabine Lautenschlaeger, spalleggiati dall'austriaco Ewald Nowotny («avrei aspettato un po'» ha detto alla tv, rivelando comunque una disponibilità), dall'olandese Klaas Knot, contrario ma con atteggiamento costruttivo, e L'Eurozona rischia di non creare più lavoro di Claire Jones UN LAVORATORE su dieci nell'eurozona resterà disoccupato anche dopo che gli effetti del programma di acquisto di obbligazioni della Banca centrale europea avranno raggiunto tutti gli ambiti dell'economia. Lo dicono le proiezioni della stessa Bce, evidenziando le profonde cicatrici lasciate dalla crisi finanziaria e del debito nell'area della moneta unica. Mario Draghi, il presidente della Bce, lunedì 23 marzo ha spiegato al Parlamento europeo che nell'area dell'euro «la crescita sta accelerando». «L'alleggerimento delle condizioni del credito va di pari passo con una ripresa della domanda di credito destinata agli investimenti del settore produttivo», ha detto Draghi. «In una prospettiva di lungo termine ciò darà potenzialmente una spinta alla produzione». Sorge la domanda, tuttavia, su quanto la ripresa beneficerà chi più è stato colpito da vari anni di recessione e di quasi-stagnazione. La disoccupazione nell'eurozona è ancora dell'11,2 per cento. Le ultime previsioni della Bce suggeriscono che la gravità della crisi nell'area dell'euro sia stata tale che, anche dopo la totale implementazione del programma di alleggerimento quantitativo da miliardi di euro, i tassi di disoccupazione non scenderanno sotto il 10 per cento. Negli Stati Uniti, invece, a febbraio si è registrata una percentuale di disoccupati del 5,5 per cento e si prevede che nell'anno si scenda sotto il 5 per cento. Nel Regno Unito, secondo le stime, la disoccupazione dovrebbe alleggerirsi nel corso dell'anno a meno del 5,3 per cento. «In sostanza, è estremamente deludente che i decisori politici dell'eurozona continuino a tollerare un livello di disoccupazione alto in maniera inaccettabile

4 volte diversi titoli motivo debito crescita banche fiscali proprio IungO Quante riforme possiamo iniziato struttural i livello o troppo a a finanziaria d fine PO BCE persone stesso credi W I inflazione Mdg%láa stato f1"a m sempre basato ba~ competenzeperiodo risorse n l'ao essenziali misure istituzionale secondo solo credibilità devono tempo ansa lavorodobbiamo ridurre necessarie crisi frantntentazione paese ~ti P ma condoni esecut ryo uropa Duerni e modo eu ro g uò lm nallocazlone luogo media 1~ 1 ~ i ntenzi resse nazionale area pubblico potenziiale rispetto ob iett ivo centrale contesto presa oggi fiducia produttività bassa nuove correnza ri economia nazionali a cogliere stato monetaria g1à y;1im t assi lordi euro anni economica accresce re modi altri genera riduzione pol itiche ogn i livelli meno convergenza grado pee molto i operazioni Italia prezzi monte divergenze istituzioni parte levato Oe g~ assicurare fàft riforme es e pericoloso», dice Jonathan Portes, direttore dell'istituto britannico per l'economia e la ricerca sociale. Le previsioni mensili fanno pensare che gli economisti della Bce stiano mettendo in conto uno scenario per fine il momento in cui la Bce prevede che si sarà completata la ripresa ciclica della regione in cui un 9,9 per cento della forza lavoro non avrà ancora trovato una occupazione. Per alcuni economisti le previsioni della Bce sono troppo pessimistiche, ma molti ritengono che il livello sistema sere mercato termine di disoccupazione nell'area euro rimarrà ben al di sopra di quello più basso toccato all'inizio del 2008, del 7,2 per cento. «A causa del protratto periodo di alta disoccupazione, in Europa assistiamo ora a una erosione delle capacità della forza lavoro», dice Lucrezia Reichlin, economista, professore presso la London Business School. «lo credo nella ripresa dell'eurozona, ma è una ripresa modesta. Ciò significa che non recupereremo mai una buona parte di quel che si è perduto in termini di produzione Nella nuvola a fianco la dimensione delle parole indica la frequenza con cui Draghi le ha usate nel suo discorso alla Camera del 26 marzo. Il presidente della Bce ha insistito sull'urgenza di fare riforme strutturali per aumentare il potenziale produttivo italiano dall'estone Ardo Hansson. Anche quel vertice Draghi l'aveva preparato con cura. Il 14 gennaio aveva visto in forma privata la cancelliera Merkel, come sua abitudine alla vigilia di decisioni significative, anche per non provocare sorprese negative. Le ha strappato in sostanza un "no comment" (a tutela dell'autonomia della Bce, hanno spiegato a Berlino) in cambio di una concessione sui rischi: garantisce che l'80 per cento degli acquisti di titoli vada in carico alle banche centrali nazionali, e solo il 20 alla Bce. Una rassicurazione alla Germania che non è piaciuta a molti osservatori, che vi vedono il rischio di un'eurozona in cui comunque ognuno deve cavarsela da solo. Ma anche un falso problema, nell'idea di Draghi, perché se fallisse un Paese i costi sarebbero comunque distribuiti tra tutti. Fatto sta che, alla fine, la maxi-operazione è passata a larghissima maggioranza e che, secondo una ricostruzione della Reuters, almeno due governatori importanti hanno cambiato idea tra novembre e gennaio. Tra questi il lussemburghese Yves Mersch, molto autorevole e considerato un falco filotedesco. Per inciso,weidmann resta fieramente contrario, e non esita a ripeterlo, pur ribadendo il reciproco rispetto che lui e Draghi provano fra loro. Per il numero uno della Bundesbank, il "quantitative easing" - facendo calare il costo degli interessi pagati sui titoli di Stato nei Paesi più deboli - porta al rischio che «la disciplina dei conti pubblici venga trascurata». E rafforza le «pressioni politiche a tenere i tassi d'interesse permanentemente bassi», quando un ritorno dell'inflazione dovrebbe spingere ad alzarli. La capacità tattica di raggiungere gli obiettivi che si prefigge è però solo il primo aspetto politico di Draghi. Che, nei suoi > La Bce sostiene che i governi e di occupazione». possano contribuire ad Il tasso di disoccupazione riferito all'area euro attenuare la disoccupazione complessivamente maschera, insistendo su quelle riforme inoltre, i profondi divari che che rendano i rispettivi mercati esistono tra aree ricche e aree del lavoro più flessibili e povere. I giovani hanno finora competitivi. Alcuni economisti, pagato il prezzo più alto della invece, premono affinché la crisi, con tassi di politica, inclusi i banchieri disoccupazione tra centrali, faccia di più. gli under 25 di oltre Traduzione di Guiomar il 50 per cento in Parada Spagna e in Grecia, mentre sull'intera Copyright The Financial Times forza lavoro i Limited, disoccupati sono FTNANCTAL 2015 The Financial circa un quarto TIMES del totale. Times Limited FT

5 E l'italia vince il campionato delle poltrone interventi, cerca sempre di inquadrare il suo operato in un orizzonte più ampio, quello di un'europa che non può fermarsi se non vuol fallire. E che resta necessaria per tutti, perché con la globalizzazione tutti avrebbero da perderci. IL TRADIMENTO DI CAFFÈ TROPPE POLTRONE e troppi banchieri. E alla fine, a pagare il conto, sono i clienti degli istituti di credito. Giovedì 26 marzo, nell'audizione in Parlamento a Roma, Mario Draghi è andato dritto all'obiettivo. Il presidente della Bce preme per un ulteriore consolidamento del sistema, «perché», ha spiegato, «fino a poco tempo fa l'italia aveva 750 banche con i relativi consigli di amministrazione». Come dire che banche e banchette sono un esercito, spesso gestite da organi pletorici. E allora, per recuperare efficienza, bisogna tagliare anche al vertice, nelle stanze del potere. Messaggio chiaro, quello di Draghi. I numeri gli danno ragione. Tra le banche quotate in Borsa si fatica a trovarne una con meno di 15 amministratori. Qualche esempio. Unicredit, a quanto pare, non può fare a meno di un board con 19 poltrone. Alla Popolare dell'emilia Romagna, i consiglieri sono 18, al Banco Popolare addirittura 24. Poi ci sono le banche governate con il sistema duale. All'organo di gestione si affianca il consiglio di sorveglianza e le poltrone aumentano di conseguenza. Il vertice di Intesa, per dire, è affollato da ben 28 amministratori, quattro in meno di Ubi Banca, che stipendia addirittura 23 consiglieri di sorveglianza e altri nove componenti del comitato di gestione. Tutti indispensabili, a quanto pare. Altrove le cose vanno diversamente. Sergio Marchionne governa Fiat Chrysler con altri 10 amministratori, mentre il board di un colosso come l'eni conta appena su nove componenti e l'enel si ferma a otto. Va detto che un consiglio di amministrazione ristretto non è garanzia di buona gestione. A Siena ricordano che il Monte dei Paschi travolto dai guai giudiziari aveva una dozzina di amministratori. Di certo, però, una sforbiciata agli incarichi frutterebbe risparmi milionari. Sarebbe anche un gesto simbolico di condivisione delle difficoltà nei confronti delle migliaia di impiegati bancari che hanno perso il posto durante la crisi globale. Del resto, all'estero ci sono giganti del credito come la svizzera Ubs, che si accontentano di 11 directors. La francese Bnp-Paribas è amministrata da un board di 15 componenti, mentre, in Spagna, il Banco Bilbao Vizcaya, non va oltre i 14 amministratori. In Italia, invece, molto spesso le banche maggiori derivano dall'unione di più istituti. E così i posti in consiglio vengono spartiti con il bilancino della lottizzazione tra le varie componenti azionarie che hanno promosso l'aggregazione: fondazioni, enti locali, dipendenti-soci. Una poltrona per tutti. Vittorio Malagutti Per molti critici questo aspetto è difficile da conciliare con il sostegno sempre fornito al rigore sui conti pubblici che Bruxelles e la Germania chiedono ai Paesi più deboli, a cominciare dalla Grecia. O, su un altro fronte, con la convinzione che sia stato Draghi, l'estate passata, a imporre al premier Matteo Renzi la flessibilità del lavoro arrivata con il Jobs Act. Sul Web e nei convegni fioriscono le accuse di tradimento nei confronti di Federico Caffè, il celebre economista che Draghi ama ricordare come uno dei suoi maestri più importanti, nonché relatore della sua tesi di laurea (nel 1970, con uno studio sul fatto che a quei tempi mancavano le condizioni per dar vita alla moneta unica). Antonio Lettieri, un sindacalista della Fiom che a Caffè ha dedicato diversi studi, di recente ha ricordato una provocazione dell'economista scomparso nel1987: con gli operainon sipuò fare come con le patate, se c'è un'eccedenza (ovvero disoccupazione) non basta diminuirne il prezzo per collocarcondo che sia in grado «di reagire con li tutti. «Invece oggi la flessibilità del rapidità agli shock a breve termine, lavoro è la nuova ortodossia», ha scritanche attraverso l'aggiustamento salato Lettieri, anche a Francoforte, «dove riale», perché con la moneta unica non esiste più la possibilità di svalutare la pure un orgoglioso discepolo di Caffè siede al vertice della Bce». lira. Solo in questo modo sarà possibile Su entrambi i fronti, rigore e flessibiun'unione diversa, dove le differenze lità, la difesa di Draghi è affidata a socio-economiche tra i vari Paesi non si un'idea possibile di Europa. Il senso è faranno più profonde a ogni crisi, con questo. Negli Stati Uniti, in Germania, maggiori meccanismi di solidarietà e con quel grado di flessibilità sui conti in Italia, ci sono zone povere che ricevono un flusso continuo di finanziamenti pubblici necessario per superare i moda quelle ricche. Nell'Eurozona questi menti di difficoltà. E solo così si potrà La cancelliera tedesca Angela Merkel trasferimenti non sono possibili e, duninvestire seriamente sull'istruzione, un que, serve «un approccio diverso per pallino su cui torna appena possibile. assicurare che ogni Paese stia meglio all'interno dell'unione Draghi fa davvero politica? Di certo ci tiene alla distinzioche al di fuori di essa», ha ripetuto a Helsinki, altrimenti ne dei ruoli, tra tecnici e politici, e non è un caso se non ha l'euro si spezzerà. Per arrivarci i requisiti sono due: il primo valutato nemmeno per un attimo l'ipotesi di lasciare Franè che ognuno sia in grado di «trovare e sfruttare i propri coforte per andare al Quirinale quando Giorgio Napolitano vantaggi comparati, in modo da beneficiare del mercato unisi è dimesso. Di fatto, però, il suo è un programma non da poco. Da leader politico, direbbe Paul Volcker. co», attraendo investimenti e generando occupazione. Il se-

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010

INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 INTERVENTO DELL AVV. MONTEZEMOLO ALLA INAUGURAZIONE DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENT Roma 23 febbraio 2010 Caro Signor Presidente della Repubblica, Dott. Giorgio Napolitano, Cari ospiti stranieri e relatori,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 -

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 - Analisi Settimanale 31.10.2015 sabato 31 ottobre 2015-1 - Le pagelle delle banche centrali In questa settimanale vogliamo fare un analisi delle banche centrali, alla luce del loro operato e dei loro target.

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

RAPPORTO NAZIONALE ITALIA. Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013

RAPPORTO NAZIONALE ITALIA. Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013 RAPPORTO NAZIONALE Eurobarometro Standard 80 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA AUTUNNO 2013 ITALIA Rappresentanza della Commissione europea in Italia Eurobarometro Standard 80 / Autunno 2013 TNS Opinion

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012

Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012 Gli spread rispetto alla Germania dei titoli di stato decennali alla chiusura dell 11 giugno 2012 Perché il debito sia sostenibile nel lungo periodo occorrerebbe un costo del finanziamento dell ordine

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata)

ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata) 994 ADESSO VI SPIEGHIAMO COME IL CICLO ECONOMICO NEGATIVO TRAVOLGERÀ RENZI (prima puntata) 11 gennaio 2016 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Il Popolo della Libertà

Dettagli

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 (ECO) ###Crisi: Cfa, a febbraio piu' ottimismo, +39,4 pt Italy Sentiment Index (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 02 feb - Cresce l'ottimismo per il futuro dell'economia

Dettagli

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)»

Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull'oro)» Stato: settembre 2014 Domande e risposte Che cosa vuole l iniziativa popolare «Salvate l oro della

Dettagli

ALTRO CHE SALVA ITALIA!

ALTRO CHE SALVA ITALIA! 79 i dossier www.freefoundation.com ALTRO CHE SALVA ITALIA! Panorama, 18 ottobre 2012 18 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta 2 All inizio del disastro è stato l anticipo del pareggio di bilancio al

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia

marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia Le manovre fiscali stanno sottraendo 200 miliardi all'economia. La repressione dell'evasione la deprime L'euro è troppo alto per l'italia e

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

OLTRE L EURO PER UNA NUOVA ITALIA

OLTRE L EURO PER UNA NUOVA ITALIA OLTRE L EURO PER UNA NUOVA ITALIA 25 Gennaio 2014 London School of Economics and Political Science ing. Luca BOSCOLO Movimento per l uscita dall Euro http://www.no-euro.org Lavora come ingegnere informatico,

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

La locomotiva tedesca arranca. E il problema è soprattutto l immagine (A. Allegri)

La locomotiva tedesca arranca. E il problema è soprattutto l immagine (A. Allegri) Data Pubblicazione 19/10/2015 La locomotiva tedesca arranca. E il problema è soprattutto l immagine (A. Allegri) Sito Web www.borse.it Orgoglio, efficienza, organizzazione, trasparenza: i quattro pilastri

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

F.N.A.A.R.C. FONDAZIONE ENASARCO: UNA RIFORMA DELLA PREVIDENZA IN FAVORE DEGLI AGENTI DI COMMERCIO.

F.N.A.A.R.C. FONDAZIONE ENASARCO: UNA RIFORMA DELLA PREVIDENZA IN FAVORE DEGLI AGENTI DI COMMERCIO. F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio AI SIGNORI PRESIDENTI DELLE ASSOCIAZIONI ADERENTI AI SIGNORI CONSIGLIERI DELLA F.N.A.A.R.C. LORO SEDI Prot. 229/2010/LS/lm

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 237 LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 11 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI

IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI 54 ALLEGATO i dossier www.freefoundation.com IL SALVAGENTE BCE È SGONFIO: LE BANCHE NON FANNO PRESTITI Editoriale de Il Giornale, 16 aprile 2012 16 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 2 Ora è ufficiale.

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina.

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. La Fed ieri ha tranquillizzato i mercato dicendo che terrà i tassi bassi fino al 2013. La conseguenza è stata che il T-note è schizzato a 131 il suo massimo

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani

U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani U.D.A.I. - Unione Degli Avvocati d Italia Aderente alla Consulta per la Giustizia Europea dei diritti dell Uomo Sezione di Barletta Andria Trani CONVEGNO NAZIONALE Crisi economica e mercato del credito:

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI

XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI XLIII Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani GLI ITALIANI E LA RIFORMA DELLA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI Rapporto ottobre 2014 NOTA INFORMATIVA L Osservatorio sul Capitale Sociale è realizzato da

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorale. Tutti

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?!

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! (9 febbraio 2015) In queste settimane sono in corso di aggiornamento tutte le previsioni macroeconomiche delle

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO

USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO Rc auto: Ania, prezzi -6% in 2014, si riduce gap con

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato 150 idee per il libero mercato Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato di Andrea Giuricin Il futuro dello stabilimento di Termini Imerese è al centro del dialogo tra sindacati, Fiat e governo.

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

Pensionati Cgil, Cisl e Uil ER: mercoledì 31 a Bologna manifestazione regionale. In 5mila al Paladozza per equità, pensioni e welfare 27 ott 12 Da

Pensionati Cgil, Cisl e Uil ER: mercoledì 31 a Bologna manifestazione regionale. In 5mila al Paladozza per equità, pensioni e welfare 27 ott 12 Da Pensionati Cgil, Cisl e Uil ER: mercoledì 31 a Bologna manifestazione regionale. In 5mila al Paladozza per equità, pensioni e welfare 27 ott 12 Da Piacenza e Rimini in trasferta a Bologna per chiedere

Dettagli

Selling Italy by the Pound

Selling Italy by the Pound Selling Italy by the Pound L Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, non sul debito. Di lavoro pero in questo momento ce n è poco e di debito tanto: not good. Vediamo allora cosa c è dietro all ennesima

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

DOW JONES grafico daily. Aggiornamento del 17/03/13

DOW JONES grafico daily. Aggiornamento del 17/03/13 DOW JONES grafico daily Se per S&P500 la correzione è stata breve quella sul Dow Jones è stata inesistente, un consolidamento sui massimi è stato sufficiente per assorbire le prese di beneficio e riprendere

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli