Fare politica? Roba da Draghi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fare politica? Roba da Draghi"

Transcript

1 Fare politica? Roba da Draghi Lui si definisce «un liberal-socialista» né di destra né di sinistra. Ma ora le sue idee fanno discutere. Perché i tedeschi lo accusano di andare oltre il suo ruolo di Claudio Lindner e Luca Piana

2 ER TROPPO TEMPO IN Europa è mancata una leadership politica capace di affrontare i problemi. Mario Dra- F3 ghi si è dato da fare per riempire quel vuoto». L'autore di un giudizio così impegnativo è uno dei banchieri centrali più rispettati che ci siano in circolazione. Si chiama Paul Volcker, ha 87 anni ed è considerato l'uomo che, alla guida della Federal Reserve americana, riuscì a portare gli Stati Uniti fuori dal trauma della crisi petrolifera degli anni Settanta, gettando le basi per il boom vissuto nell'era di Ronald Reagan. Ha affidato il suo pensiero sul banchiere italiano alla rivista "Fortune", che ha inserito Draghi al secondo posto nella classifica dei cinquanta leader più influenti del pianeta, appena pubblicata. Più in alto, almeno per il 2015, c'è solo il numero uno del colosso Apple, Tim Cook, mentre due personalità come il presidente cinese XiJinping e Papa Francesco sono relegate in terza e in quarta posizione. Per uno che di mestiere fa il presidente della Banca centrale europea (Bce), essere definito un «leader politico» è un'arma a doppio taglio. In Germania, per esempio, il riconoscimento rischia di essere considerato una conferma del fatto che Draghi sta sbagliando tutto. Mario Draghi, Dai tempi della ricostruzione, i tede67 anni, romano, schi vedono infatti l'inflazione come il presidente della diavolo che fece crollare la Repubblica Bce dal 2011 di Weimar, favorendo l'affermazione del nazismo. E reputano la politica monetaria di Draghi, che ha abbassato il costo del denaro e iniziato a comprare titoli di Stato per oltre miliardi di curo per immettere liquidità nel sistema finanziario e aiutare l'economia a ripartire (il cosiddetto "quantitative easing"), come un cedimento ai governi dei Paesi più indebitati, che possono così scansare le riforme. Per questo sui quotidiani di ogni orientamento, dalla "Frankfurter Allgemeine Zeitung" alla "Süddeutsche Zeitung", le critiche si sprecano. La "Bild" ha parlato addirittura di Tsunami-monetario, definendo la manovra della Bce «la più grande bomba monetaria di tutti i tempi», che in Germania rischierebbe di far schizzare verso l'alto i prezzi. Ma Draghi fa davvero politica? Il sospetto che circola insidiosamente in Germania e in alcuni ambienti europei deriva dal fatto che, oggi, il presidente della banca centrale è più che mai stretto tra due fuochi. Da un lato ci sono le accuse dell'establishment tedesco, dall'altro c'è chi va in piazza a manifestare contro la Bce, com'è successo il 18 marzo a Francoforte. Dove diecimila manifestanti, nel giorno dell'inaugurazione del nuovo grattacielo dell'istituto, si sono radunati per protestare contro l'austerity, dando il via a una serie di scontri con la polizia culminati in decine di arresti. Così come risponde senza fare una piega alle critiche tedesche, argomentando senza mai ricorrere a frasi fatte, anche in questo caso Draghi non si è nascosto. Ha respinto il quadro che dipingono i movimenti, che lo giudicano un freddo tecnocrate al servizio delle banche e del capitale. E, affermando di capire perché la Bce è diventata il «punto focale di tutte le frustrazioni» generate dalla crisi, ha invitato i manifestanti a mirare più in alto. Il deficit di democrazia che i cittadini percepiscono nelle scelte dell'europa unita dipende dal fatto che «la nostra unione va rinsaldata» sia dal punto di vista economico che politico, perché non può funzionare «un sistema in cui le decisioni sulle politiche pubbliche sono assunte senza un adeguato grado di rappresentatività e la responsabilità di dar conto del proprio operato». Per superare le difficoltà e gli egoismi nazionali che rischiano di affondare l'euro, la risposta è dunque più Europa, non meno Europa. E più politica, non meno politica, un processo che deve avvenire «potenziando i canali attraverso i quali la legittimazione democratica si esplica autenticamente», a cominciare dal Parlamento europeo. SOCIALISTA E LIBERALE Il fatto che per Draghi, 67 anni, la politica sia centrale non deve stupire più di tanto. Nato a Roma, figlio di un dirigente dell'iri, orfano di entrambi i genitori fin da quando era adolescente, ha insegnato in varie università prima di diventare, nel 1991, direttore generale del Tesoro. Ha ricoperto l'incarico fino al 2001, attraverso un'epoca di trasformazioni profondissime, la svalutazione della lira, le grandi privatizzazioni, l'avvicinamento all'euro. Ha lavorato con sette ministri diversi - da Guido Carli a Giulio Tremonti, passando per Carlo Azeglio Ciampi e Vincenzo Visco - e nove differenti governi (tra la Dc di Andreotti, il centrosinistra e il centrodestra) senza che nessun osservatore potesse mai dire con certezza come la pensasse politicamente. «Si sente vicino a qualche gruppo politico?», gli ha chiesto infine il settimanale tedesco "Die Zeit", in un'intervista pubblicata il 15 gennaio, perché ai giornali italiani da quando è a Francoforte non ne ha più rilasciate. Risposta: «No. Le mie convinzioni rientrano in quelle idee che oggi verrebbero definite del socialismo liberale, quindi non proprio collocabili in raggruppamenti estremi». Per scavare nel Draghi politico, sono due gli aspetti principali da considerare. Il primo è quello della tattica, fondamentale per muoversi in un sistema come l'eurozona, dove gli interessi da conciliare sono molteplici e spesso divergenti fra loro. Il secondo è quello della direzione di fondo in cui lui >

3 stesso sostiene di muoversi, quella di un'europa che non lasci andare al suo destino nessuno dei Paesi che ne fanno parte. Perché, come ha detto all'università di Helsinki il 27 novembre scorso, «se un Paese può potenzialmente uscire dall'unione monetaria si crea un precedente ripetibile per tutti gli altri». E l'euro «è - e deve essere - irrevocabile in tutti gli Stati membri che l'hanno adottato, non solo perché è scritto nei trattati, ma perché senza irrevocabilità non può esistere una moneta realmente unica», ha spiegato, respingendo le tentazioni che spesso emergono per cacciare la Grecia o gli altri Paesi che non si mettono in regola con i conti. Per capire meglio la strategia del consenso attuata in ogni decisione importante, è interessante raccontare come Draghi sia arrivato a trovarsi solo cin- Un'immagine delle proteste anti-austerity a Francoforte, il 18 marzo scorso que indicazioni contrarie, su un totale di 25 governatori, quando la Bce ha lanciato il "quantitative easing". Supermario, come lo chiamano i fan, partiva da una situazione in cui la banca centrale tedesca - la Bundesbank - e il governo di Angela Merkel erano totalmente contrari a qualsiasi acquisto di titoli di Stato sul mercato secondario. La squadra di oppositori era peraltro anche più ampia e comprendeva gran parte dei Paesi del Nord Europa. PICCONATE ALLA BUNDESBANK Per aprire una crepa nel "muro" di Berlino, il presidente ha scelto di andare per picconate graduali, cominciando nell'aprile 2014 quando ha cercato un accordo sulla «funzione di reazione» della Bce, vale a dire ha chiarito cosa la banca avrebbe dovuto fare in determinate circostanze. Così, una volta queste si fossero verificate, per chi nutriva riserve sarebbe diventato difficile opporsi. Tra settembre e novembre ha poi trovato un accordo sull'espansione del bilancio Bce, con l'intenzione di riportarlo ai livelli del 2012, quando aveva superato per la prima volta la soglia dei mille miliardi. Infine ha affrontato la questione di come suddividere i rischi, che si è risolta soltanto a gennaio, a ridosso del meeting cruciale del giorno 22, e della legittimità dell'acquisto di titoli come strumento di politica monetaria. A quel punto, l'ultima picconata era sul "quando". E, appunto il 22 gennaio, la grande maggioranza ha detto «ora». Non si è arrivati a un voto, ma assolutamente contrari, da tradizione, sono stati i due tedeschi della Bundesbank, Jens Weidmann e Sabine Lautenschlaeger, spalleggiati dall'austriaco Ewald Nowotny («avrei aspettato un po'» ha detto alla tv, rivelando comunque una disponibilità), dall'olandese Klaas Knot, contrario ma con atteggiamento costruttivo, e L'Eurozona rischia di non creare più lavoro di Claire Jones UN LAVORATORE su dieci nell'eurozona resterà disoccupato anche dopo che gli effetti del programma di acquisto di obbligazioni della Banca centrale europea avranno raggiunto tutti gli ambiti dell'economia. Lo dicono le proiezioni della stessa Bce, evidenziando le profonde cicatrici lasciate dalla crisi finanziaria e del debito nell'area della moneta unica. Mario Draghi, il presidente della Bce, lunedì 23 marzo ha spiegato al Parlamento europeo che nell'area dell'euro «la crescita sta accelerando». «L'alleggerimento delle condizioni del credito va di pari passo con una ripresa della domanda di credito destinata agli investimenti del settore produttivo», ha detto Draghi. «In una prospettiva di lungo termine ciò darà potenzialmente una spinta alla produzione». Sorge la domanda, tuttavia, su quanto la ripresa beneficerà chi più è stato colpito da vari anni di recessione e di quasi-stagnazione. La disoccupazione nell'eurozona è ancora dell'11,2 per cento. Le ultime previsioni della Bce suggeriscono che la gravità della crisi nell'area dell'euro sia stata tale che, anche dopo la totale implementazione del programma di alleggerimento quantitativo da miliardi di euro, i tassi di disoccupazione non scenderanno sotto il 10 per cento. Negli Stati Uniti, invece, a febbraio si è registrata una percentuale di disoccupati del 5,5 per cento e si prevede che nell'anno si scenda sotto il 5 per cento. Nel Regno Unito, secondo le stime, la disoccupazione dovrebbe alleggerirsi nel corso dell'anno a meno del 5,3 per cento. «In sostanza, è estremamente deludente che i decisori politici dell'eurozona continuino a tollerare un livello di disoccupazione alto in maniera inaccettabile

4 volte diversi titoli motivo debito crescita banche fiscali proprio IungO Quante riforme possiamo iniziato struttural i livello o troppo a a finanziaria d fine PO BCE persone stesso credi W I inflazione Mdg%láa stato f1"a m sempre basato ba~ competenzeperiodo risorse n l'ao essenziali misure istituzionale secondo solo credibilità devono tempo ansa lavorodobbiamo ridurre necessarie crisi frantntentazione paese ~ti P ma condoni esecut ryo uropa Duerni e modo eu ro g uò lm nallocazlone luogo media 1~ 1 ~ i ntenzi resse nazionale area pubblico potenziiale rispetto ob iett ivo centrale contesto presa oggi fiducia produttività bassa nuove correnza ri economia nazionali a cogliere stato monetaria g1à y;1im t assi lordi euro anni economica accresce re modi altri genera riduzione pol itiche ogn i livelli meno convergenza grado pee molto i operazioni Italia prezzi monte divergenze istituzioni parte levato Oe g~ assicurare fàft riforme es e pericoloso», dice Jonathan Portes, direttore dell'istituto britannico per l'economia e la ricerca sociale. Le previsioni mensili fanno pensare che gli economisti della Bce stiano mettendo in conto uno scenario per fine il momento in cui la Bce prevede che si sarà completata la ripresa ciclica della regione in cui un 9,9 per cento della forza lavoro non avrà ancora trovato una occupazione. Per alcuni economisti le previsioni della Bce sono troppo pessimistiche, ma molti ritengono che il livello sistema sere mercato termine di disoccupazione nell'area euro rimarrà ben al di sopra di quello più basso toccato all'inizio del 2008, del 7,2 per cento. «A causa del protratto periodo di alta disoccupazione, in Europa assistiamo ora a una erosione delle capacità della forza lavoro», dice Lucrezia Reichlin, economista, professore presso la London Business School. «lo credo nella ripresa dell'eurozona, ma è una ripresa modesta. Ciò significa che non recupereremo mai una buona parte di quel che si è perduto in termini di produzione Nella nuvola a fianco la dimensione delle parole indica la frequenza con cui Draghi le ha usate nel suo discorso alla Camera del 26 marzo. Il presidente della Bce ha insistito sull'urgenza di fare riforme strutturali per aumentare il potenziale produttivo italiano dall'estone Ardo Hansson. Anche quel vertice Draghi l'aveva preparato con cura. Il 14 gennaio aveva visto in forma privata la cancelliera Merkel, come sua abitudine alla vigilia di decisioni significative, anche per non provocare sorprese negative. Le ha strappato in sostanza un "no comment" (a tutela dell'autonomia della Bce, hanno spiegato a Berlino) in cambio di una concessione sui rischi: garantisce che l'80 per cento degli acquisti di titoli vada in carico alle banche centrali nazionali, e solo il 20 alla Bce. Una rassicurazione alla Germania che non è piaciuta a molti osservatori, che vi vedono il rischio di un'eurozona in cui comunque ognuno deve cavarsela da solo. Ma anche un falso problema, nell'idea di Draghi, perché se fallisse un Paese i costi sarebbero comunque distribuiti tra tutti. Fatto sta che, alla fine, la maxi-operazione è passata a larghissima maggioranza e che, secondo una ricostruzione della Reuters, almeno due governatori importanti hanno cambiato idea tra novembre e gennaio. Tra questi il lussemburghese Yves Mersch, molto autorevole e considerato un falco filotedesco. Per inciso,weidmann resta fieramente contrario, e non esita a ripeterlo, pur ribadendo il reciproco rispetto che lui e Draghi provano fra loro. Per il numero uno della Bundesbank, il "quantitative easing" - facendo calare il costo degli interessi pagati sui titoli di Stato nei Paesi più deboli - porta al rischio che «la disciplina dei conti pubblici venga trascurata». E rafforza le «pressioni politiche a tenere i tassi d'interesse permanentemente bassi», quando un ritorno dell'inflazione dovrebbe spingere ad alzarli. La capacità tattica di raggiungere gli obiettivi che si prefigge è però solo il primo aspetto politico di Draghi. Che, nei suoi > La Bce sostiene che i governi e di occupazione». possano contribuire ad Il tasso di disoccupazione riferito all'area euro attenuare la disoccupazione complessivamente maschera, insistendo su quelle riforme inoltre, i profondi divari che che rendano i rispettivi mercati esistono tra aree ricche e aree del lavoro più flessibili e povere. I giovani hanno finora competitivi. Alcuni economisti, pagato il prezzo più alto della invece, premono affinché la crisi, con tassi di politica, inclusi i banchieri disoccupazione tra centrali, faccia di più. gli under 25 di oltre Traduzione di Guiomar il 50 per cento in Parada Spagna e in Grecia, mentre sull'intera Copyright The Financial Times forza lavoro i Limited, disoccupati sono FTNANCTAL 2015 The Financial circa un quarto TIMES del totale. Times Limited FT

5 E l'italia vince il campionato delle poltrone interventi, cerca sempre di inquadrare il suo operato in un orizzonte più ampio, quello di un'europa che non può fermarsi se non vuol fallire. E che resta necessaria per tutti, perché con la globalizzazione tutti avrebbero da perderci. IL TRADIMENTO DI CAFFÈ TROPPE POLTRONE e troppi banchieri. E alla fine, a pagare il conto, sono i clienti degli istituti di credito. Giovedì 26 marzo, nell'audizione in Parlamento a Roma, Mario Draghi è andato dritto all'obiettivo. Il presidente della Bce preme per un ulteriore consolidamento del sistema, «perché», ha spiegato, «fino a poco tempo fa l'italia aveva 750 banche con i relativi consigli di amministrazione». Come dire che banche e banchette sono un esercito, spesso gestite da organi pletorici. E allora, per recuperare efficienza, bisogna tagliare anche al vertice, nelle stanze del potere. Messaggio chiaro, quello di Draghi. I numeri gli danno ragione. Tra le banche quotate in Borsa si fatica a trovarne una con meno di 15 amministratori. Qualche esempio. Unicredit, a quanto pare, non può fare a meno di un board con 19 poltrone. Alla Popolare dell'emilia Romagna, i consiglieri sono 18, al Banco Popolare addirittura 24. Poi ci sono le banche governate con il sistema duale. All'organo di gestione si affianca il consiglio di sorveglianza e le poltrone aumentano di conseguenza. Il vertice di Intesa, per dire, è affollato da ben 28 amministratori, quattro in meno di Ubi Banca, che stipendia addirittura 23 consiglieri di sorveglianza e altri nove componenti del comitato di gestione. Tutti indispensabili, a quanto pare. Altrove le cose vanno diversamente. Sergio Marchionne governa Fiat Chrysler con altri 10 amministratori, mentre il board di un colosso come l'eni conta appena su nove componenti e l'enel si ferma a otto. Va detto che un consiglio di amministrazione ristretto non è garanzia di buona gestione. A Siena ricordano che il Monte dei Paschi travolto dai guai giudiziari aveva una dozzina di amministratori. Di certo, però, una sforbiciata agli incarichi frutterebbe risparmi milionari. Sarebbe anche un gesto simbolico di condivisione delle difficoltà nei confronti delle migliaia di impiegati bancari che hanno perso il posto durante la crisi globale. Del resto, all'estero ci sono giganti del credito come la svizzera Ubs, che si accontentano di 11 directors. La francese Bnp-Paribas è amministrata da un board di 15 componenti, mentre, in Spagna, il Banco Bilbao Vizcaya, non va oltre i 14 amministratori. In Italia, invece, molto spesso le banche maggiori derivano dall'unione di più istituti. E così i posti in consiglio vengono spartiti con il bilancino della lottizzazione tra le varie componenti azionarie che hanno promosso l'aggregazione: fondazioni, enti locali, dipendenti-soci. Una poltrona per tutti. Vittorio Malagutti Per molti critici questo aspetto è difficile da conciliare con il sostegno sempre fornito al rigore sui conti pubblici che Bruxelles e la Germania chiedono ai Paesi più deboli, a cominciare dalla Grecia. O, su un altro fronte, con la convinzione che sia stato Draghi, l'estate passata, a imporre al premier Matteo Renzi la flessibilità del lavoro arrivata con il Jobs Act. Sul Web e nei convegni fioriscono le accuse di tradimento nei confronti di Federico Caffè, il celebre economista che Draghi ama ricordare come uno dei suoi maestri più importanti, nonché relatore della sua tesi di laurea (nel 1970, con uno studio sul fatto che a quei tempi mancavano le condizioni per dar vita alla moneta unica). Antonio Lettieri, un sindacalista della Fiom che a Caffè ha dedicato diversi studi, di recente ha ricordato una provocazione dell'economista scomparso nel1987: con gli operainon sipuò fare come con le patate, se c'è un'eccedenza (ovvero disoccupazione) non basta diminuirne il prezzo per collocarcondo che sia in grado «di reagire con li tutti. «Invece oggi la flessibilità del rapidità agli shock a breve termine, lavoro è la nuova ortodossia», ha scritanche attraverso l'aggiustamento salato Lettieri, anche a Francoforte, «dove riale», perché con la moneta unica non esiste più la possibilità di svalutare la pure un orgoglioso discepolo di Caffè siede al vertice della Bce». lira. Solo in questo modo sarà possibile Su entrambi i fronti, rigore e flessibiun'unione diversa, dove le differenze lità, la difesa di Draghi è affidata a socio-economiche tra i vari Paesi non si un'idea possibile di Europa. Il senso è faranno più profonde a ogni crisi, con questo. Negli Stati Uniti, in Germania, maggiori meccanismi di solidarietà e con quel grado di flessibilità sui conti in Italia, ci sono zone povere che ricevono un flusso continuo di finanziamenti pubblici necessario per superare i moda quelle ricche. Nell'Eurozona questi menti di difficoltà. E solo così si potrà La cancelliera tedesca Angela Merkel trasferimenti non sono possibili e, duninvestire seriamente sull'istruzione, un que, serve «un approccio diverso per pallino su cui torna appena possibile. assicurare che ogni Paese stia meglio all'interno dell'unione Draghi fa davvero politica? Di certo ci tiene alla distinzioche al di fuori di essa», ha ripetuto a Helsinki, altrimenti ne dei ruoli, tra tecnici e politici, e non è un caso se non ha l'euro si spezzerà. Per arrivarci i requisiti sono due: il primo valutato nemmeno per un attimo l'ipotesi di lasciare Franè che ognuno sia in grado di «trovare e sfruttare i propri coforte per andare al Quirinale quando Giorgio Napolitano vantaggi comparati, in modo da beneficiare del mercato unisi è dimesso. Di fatto, però, il suo è un programma non da poco. Da leader politico, direbbe Paul Volcker. co», attraendo investimenti e generando occupazione. Il se-

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO L Euro CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO L adesione all Euro è la conseguenza della adesione allo SME (Sistema Monetario Europeo) del 1979 (Governi Andreotti- Cossiga)

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA CONCETTO PAOLO VINCI * 1. Introduzione Sebbene si possa obiettare che è ancora troppo presto per formulare un giudizio su alcune misure in particolare

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Il modello tedesco ha una grande rilevanza pratica nell Europa di oggi e la capacità di Berlino di portare a termine riforme economiche può servire

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro?

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Il 22 giugno durante il Festival del lavoro nella splendida cornice del salone Vanvitelliano di Brescia, si è tenuto l'incontro

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli