editoriale UMBERTO RISSO GIOVANNI MONDINI Sostenibili e competitivi. l intervista MAURIZIO TAMAGNINI Onore al merito. dossier riforme ENERGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5-2014. editoriale UMBERTO RISSO GIOVANNI MONDINI Sostenibili e competitivi. l intervista MAURIZIO TAMAGNINI Onore al merito. dossier riforme ENERGIA"

Transcript

1 BIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA, POLITICA E CULTURALE I.P. ANNO XXV N. 5 SETTEMBRE-OTTOBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE -70% CB-NO/GENOVA editoriale UMBERTO RISSO GIOVANNI MONDINI Sostenibili e competitivi l intervista MAURIZIO TAMAGNINI Onore al merito dossier riforme ENERGIA

2 Energia giovane al servizio delle imprese Tel ENERGIA E GAS

3

4 Genova Impresa GENOVA IMPRESA Bimestrale Confindustria Genova N. 5/ editoriale SOSTENIBILI E COMPETITIVI di Umberto Risso e Giovanni Mondini Editore AUSIND Via San Vincenzo Genova 6 Confindustria ANDAMENTO LENTO Direzione e Redazione Via San Vincenzo Genova tel Giovanni Mondini Umberto Risso 10 l intervista Maurizio Tamagnini ONORE AL MERITO di Piera Ponta Registrazione presso il Tribunale di Genova N del dossier ENERGIA POSITIVA di Giorgio Squinzi Direttore Responsabile Piera Ponta FONTI & INCENTIVI di Aristide Fausto Massardo Comitato di Redazione Roberto Adinolfi Alessandro Bocchio Massimiliano Clausi Sergio Di Paolo G.B. Ferrari Alberto Fochi Mario Fochi Marco Frey Daniela Gentile Aristide Fausto Massardo Giovanni Mondini Vincenzo Montori Valter Pallano Federico Petrilli Salvatore Pinto Luca Rapone Umberto Risso Marco Roggerone Giorgio Squinzi Carlo Stagnaro Progetto grafico e impaginazione CREATTIVA Via Dante Genova Tel Stampa B.N. Marconi s.r.l. Passo Ruscarolo, 71 - Genova Tel. e fax r.a. Concessionaria Pubblicità N. Giemme s.r.l. Via dei Franzone 6/1 - Genova Tel Fax Maurizio Tamagnini 44 EFFICIENZA: LA NUOVA SFIDA DEL XXI SECOLO? di Marco Frey SHOCK DA BOLLETTA di Carlo Stagnaro FLESSIBILITÀ di Daniela Gentile PROGETTO EUROPEO di Roberto Adinolfi COGENERAZIONE A KM 0 I NUOVI PARADIGMI DELL ENERGIA di Salvatore Pinto TRASFORMAZIONI IN ATTO di Valter Pallano ERG, DAL PETROLIO AL VENTO di Vincenzo Montori COMPETITIVITÀ SOTTO CONTROLLO di G.B. Ferrari ENERGIA 360º di Marco Roggerone OBIETTIVI AMBIZIOSI di Luca Rapone I-ENERGY PIANI DI CRESCITA competizione & sviluppo INNOVAZIONE E TURISMO GIOIELLI IN ARCHIVIO di Piera Ponta BUSINESS WEB 2.0 GRUPPO MESSINA ZURICH VALORE IMPRESA NUMERI SENZA SORPRESE di Mario Fochi e Alberto Fochi Genova Impresa ospita articoli e opinioni che possono anche non coincidere con le posizioni ufficiali di Confindustria Genova. L editore è disponibile a riconoscere eventuali diritti a chi ne rivendichi la proprietà. 56 piccola industria INNOVARE È IMPRESA

5 sommario 62 giovani LIBRI ANIMATI di Massimiliano Clausi L ABC DELLA SICUREZZA di Federico Petrilli 66 comunicazione FIDARSI È BENE... di Max Morales 69 imperia ASSEMBLEA 2014 di Alessandro Bocchio UNO COMMUNICATIONS la città GENESI DI UN LOGO di Sergio Di Paolo IL TEMPO cultura & società LA CONOSCENZA È SERVITA LA FORZA DELLA PAROLA di Massimo Morasso NUOVO MECENATISMO di Luciano Caprile Genova Impresa - Settembre / Ottobre

6 EDITORIALE di Umberto Risso e Giovanni Mondini Sostenibili e competitivi Dopo sei lunghi anni di crisi sembra sia iniziato il risveglio dell economia europea con una crescita attesa per il 2014 dell 1%. Ciononostante, il nostro Paese continua a scontare una congiuntura economica ancora difficile che interessa tutti i settori produttivi e non risparmia nemmeno il settore energetico. Infatti nel 2013, i consumi elettrici si sono ulteriormente ridotti del 3,4% rispetto a quelli già depressi del 2012, con una contrazione ben maggiore di quella registrata dal PIL nello stesso periodo (-1,9%). La domanda di gas, non di meno, ha evidenziato un calo rispetto al 2012 del 6,5%; lo stesso dicasi per i prodotti petroliferi, i cui consumi nel 2013 sono scesi del 5,2% rispetto all anno precedente, e tutti gli indicatori non mostrano segnali di ripresa per l anno in corso. Quindi non si può certo dire che la crisi sia passata. In un periodo di crisi non ci si possono permettere errori, ma occorre identificare le possibili azioni per favorire l inversione del trend facendo ripartire gli investimenti. Per trovare le soluzioni bisogna però prima individuare il problema che, per quanto riguarda il settore dell energia in Italia, trova le sue radici nel mix energetico. È - quello del mix - un peccato originale, figlio di una politica energetica che storicamente non ha saputo approntare una vera pianificazione, né una strategia di sviluppo efficace e di lungo respiro. Da dove ripartire quindi? Appare necessario riguadagnare uno sguardo d insieme sull energia e sugli obiettivi da traguardare. Priorità e risorse saranno così allocate sulla base di una attenta analisi costi-benefici, tenendo presente che per il futuro, nonostante le prospettive di forte crescita delle fonti rinnovabili, quelle fossili, in particolare il gas, continueranno ad avere un ruolo fondamentale nella composizione del mix energetico europeo e nazionale, come anche evidenziato nel World Energy Outlook 2012, dall International Energy Agency. Da una parte, è quindi necessario affrontare i nodi e le incertezze che oggi mettono in crisi il settore e i diversi segmenti che lo compongono, come il ritorno degli investimenti per il termoelettrico, l integrazione delle rinnovabili nel sistema elettrico, la revisione del livello di tassazione sui prodotti petroliferi (ormai giunta a livelli insostenibili per il settore), l adeguamento delle reti e lo sviluppo della filiera legata all efficienza energetica. Dall altra, occorre spingere per la diversificazione delle fonti di approvvigionamento del gas, realizzando infrastrutture, come quelle legate all importazione di LNG (Liquefied Natural Gas), che limitino la dipendenza da Paesi politicamente instabili, e sfruttando le riserve di gas e petrolio che il nostro Paese possiede. Una pianificazione energetica impostata lungo queste direttrici aiuterebbe anche a rilanciare l economia e l occupazione, perché darebbe quella visione prospettica necessaria per sviluppare gli investimenti. Il sistema energetico dovrebbe inoltre puntare su una 4 Genova Impresa - Settembre / Ottobre 2014

7 sempre maggiore flessibilità, sfruttando le molteplici opportunità che la tecnologia offre sia in termini di efficientamento, con conseguente riduzione dei costi, che di sicurezza e sostenibilità dal punto di vista ambientale. Per raggiungere questo obiettivo, nel nostro Paese, sarebbe necessario, senza ulteriori esitazioni, intervenire anche sul Titolo V della Costituzione, per riportare in capo allo Stato le competenze principali in materia di energia. Lo sforzo di razionalizzazione e di ottimizzazione del settore energetico a livello nazionale dovrà inoltre essere coordinato con i processi di integrazione da tempo avviati da parte dall Unione Europea. Del resto, negli ultimi anni è proprio l Unione ad aver trasmesso le linee guida di politica energetica, vincolando i singoli Paesi ai target del cosiddetto pacchetto clima-energia (che prevede, al 2020, la riduzione dei consumi energetici del 20%, l aumento della quota di rinnovabili del 20% e la riduzione delle emissioni di CO2 sempre del 20%). Proprio in questi giorni si stanno discutendo la strategia e i nuovi target europei al Target che, per la loro attuazione, richiederanno ai singoli Paesi membri importanti investimenti sia pubblici che privati. Per il successo della strategia europea in questo settore è fondamentale che, diversamente da quanto talvolta accaduto in passato, il driver della sostenibilità sia integrato con quelli relativi alla competitività e alla sicurezza degli approvvigionamenti, evitando il più possibile un approccio frammentato e tenendo conto delle circostanze economiche e politiche del momento. Proprio la crisi strutturale che sta attraversando il Vecchio Continente, infatti, ricorda a tutti la necessità di garantire realmente la competitività industriale, vero motore per la ripresa economica, attraverso una programmazione certa e di lungo periodo, in grado di riattivare la fiducia e la propensione agli investimenti delle imprese. In quest ottica, preoccupa l atteggiamento fortemente critico di alcune associazioni ambientaliste nei confronti delle misure a sostegno dell infrastrutturazione del Paese contenute del decreto Sblocca Italia. È, infine, e soprattutto, necessario uno spirito nuovo per affrontare tutti i problemi connessi al settore - che si tratti di clima, competitività o creazione di posti di lavoro - attraverso un attività di coordinamento e di solidarietà fra gli Stati, con il superamento delle attuali divisioni per creare un autentico mercato unico dell energia e un sistema energetico su scala continentale, anche a livello infrastrutturale, efficiente, sicuro e solido.l Umberto Risso è Vice Presidente di Confindustria Genova con delega all Energia Giovanni Mondini è invitato permanente del Consiglio Esecutivo di Confindustria Genova con delega all Energia Genova Impresa - Settembre / Ottobre

8 CONFINDUSTRIA Andamento lento Il Centro Studi Confindustria ha presentato il volume sugli scenari economici Le sfide della politica economica, con le previsioni per l Italia per il Riportiamo una sintesi del rapporto, che è disponibile nella versione integrale sul sito Alla ripresa autunnale lo scenario economico si presenta a due facce. Quella rassicurante, di conferma delle buone dinamiche e prospettive extra-europee, e quella preoccupante, di deterioramento del quadro già debole nell Eurozona e in Italia. Il contesto rimane caratterizzato dai cambiamenti su scala globale portati dalla crisi: minore ampliamento dei commerci internazionali, investimenti frenati dalla perdurante incertezza e condizioni più selettive del credito bancario. Tutti fattori che abbassano il profilo dello sviluppo mondiale. L economia a più velocità si sta dimostrando anche con ritmi di espansione più bassi. Su questo sfondo i dati e i segnali arrivati nel corso dell estate dagli scambi di merci e da Stati Uniti, Giappone, Cina e India hanno rincuorato circa le previsioni di miglioramento e graduale accelerazione, pur ribadendo le difficoltà di Brasile e Russia, con quest ultima in sofferenza già prima dello scontro con l Ucraina. La ripresa moderata e disuguale in Eurolandia ha registrato, invece, un inatteso stop che non sarà superato rapidamente. In Italia più che di ritorno in recessione si dovrebbe parlare del suo proseguimento, sebbene meno intenso rispetto a quanto accaduto da fine 2011 a metà Le tesserine congiunturali compongono un mosaico non uniforme. Ci sono alcune parti del sistema italiano che si sono stabilizzate (la più importante: l occupazione), altre che si muovono in lento recupero e altre ancora che continuano ad arretrare. L immagine complessiva è di assestamento. Si può e si deve reagire tempestivamente con misure di rilancio della competitività e degli investimenti: i risultati arriverebbero rapidamente. La scarsa reattività del Paese a condizioni finanziarie più favorevoli, all aumento delle ragioni di scambio e alla politica di bilancio meno restrittiva, si spiega in due modi. In primo luogo, con la dimensione, non pienamente colta, della decurtazione del pur modesto potenziale di crescita del Paese causata dalla crisi e dalle sue lunghe code. In secondo luogo, con la modestia dell entità di quegli impulsi. Perciò occorre un azione più decisa su tutte le leve di politica economica: moneta, credito, bilancio pubblico, cambio, riforme. 6 Genova Impresa - Settembre / Ottobre 2014

9 6,0 4,0 2,0 0,0-2,0-4,0-6,0 Commercio mondiale in moderata crescita (Dati trimestrali in volume destagionalizzati, variazioni % e indice 50=nessuna variazione) -8,0 Commercio mondiale -10,0 PMI ordini esteri* (scala destra) -12, * Media luglio-agosto per il terzo trimestre Fonte: elaborazioni CSC su dati Markit e CPB traducesse prima o poi in maggiore spesa. In luglio e agosto c è stata una brusca correzione di quegli stessi indicatori. Correzione che prefigura flessione di domanda e attività nei prossimi mesi. È perciò importante elencare le ragioni a favore di un cambio di segno nella variazione del PIL nel 2015, che sarebbe la prima positiva dal Anzitutto i fattori internazionali. La domanda mondiale, anche se rallentata rispetto al passato (come detto sopra) e frenata dall Europa, sta accelerando. Il CSC, infatti, stima che l incremento del commercio internazionale passi dal 2,6% di quest anno (2,7% nel 2013) al 4,0% nel 2015, grazie alla maggiore crescita americana (dal 2,1% al 3,1%) e degli emergenti (dal 4,5% al 4,9%), mentre l Eurozona rimane ferma (da +0,6% a +0,8%). L euro è sceso dai massimi e tenderà ulteriormente a perdere quota. Anche in Italia ci sono ragioni per prevedere un cambio di rotta dell economia. In primo luogo, il mutamento nelle condizioni monetarie e creditizie e la diminuzione del costo del denaro, avvenuta e nella pipeli- Per la moneta, il credito e il cambio la BCE ha rotto gli indugi, dimostrando di essere l unica istituzione europea che comprenda appieno la gravità della situazione. Le briglie politiche, più che istituzionali, ai suoi interventi rimangono però molto tirate. La Legge di Stabilità può operare su cuneo fiscale e investimenti pubblici e privati. Essendo inesistenti gli spazi di manovra sul deficit, è obbligata la strada, più difficile ma più fruttuosa, della ricomposizione di entrate e uscite: aumento dell imposizione indiretta e diminuzione del costo del lavoro; risparmi sulla spesa corrente da spostare su quella in conto capitale. Si deve partire dal binomio competitività-investimenti, che aiuta esportazioni e domanda interna. I consumi seguiranno velocemente. Ci sono, infine, ma non ultime, le riforme strutturali. Quelle approvate, ma da attuare, e quelle in preparazione. Occorre cogliere al volo l opportunità dei bassi tassi sui titoli pubblici, consolidando la maggiore fiducia con misure strutturali. Il fulcro delle riforme economiche resta il mercato del lavoro, nei vari aspetti: flessibilità, semplificazione delle procedure, ammortizzatori contro il rischio di disoccupazione, cuneo fiscale contributivo, dinamica retributiva, formazione. D altra parte, affinché le riforme si traducano in nuovi comportamenti occorre tempo. Intanto la crisi morde e causa effetti duraturi che mutano la stessa natura dei fenomeni e li aggravano. Per esempio, la più alta disoccupazione che diventa strutturale e le aspettative di deflazione che si radicano e si realizzano. L estate ha fugato il dubbio che il miglioramento degli indicatori qualitativi, osservato a partire dal luglio 2013, si Le previsioni del CSC per l Italia (Variazioni %) Prodotto interno lordo Consumi delle famiglie residenti Investimenti fissi lordi di cui: in costruzioni Esportazioni di beni e servizi Importazioni di beni e servizi Saldo commerciale 1 Occupazione totale (ULA) Tasso di disoccupazione 2 Prezzi al consumo Retribuzioni totale economia 3 Saldo primario della PA 4 Indebitamento della PA 4 Debito della PA ,4-1,9-4,0-2,6-8,0-4,7-6,1-6,7 2,1 0,1-7,0-2,8 1,1 2,4-1,1-1,9 10,7 12,2 3,0 1,2 1,2 1,4 2,5 2,2 3,0 3,0 127,0 132,6 Tabella ,4 0,5 0,1 0,5-2,3 0,8-2,7 0,2 1,8 3,2 1,6 3,0 2,8 2,9-0,6 0,2 12,5 12,5 0,3 0,5 1,1 1,0 2,1 2,0 3,0 2,9 137,0 137,9 1 Fob-fob, valori in percentuale del PIL; 2 valori percentuali; 3 per ULA; 4 valori in percentuale del PIL. Fonte: elaborazioni e stime CSC su dati ISTAT e Banca d Italia. Genova Impresa - Settembre / Ottobre

10

11 In Italia stabile la domanda di credito, risale l'offerta (Imprese, indici cumulati 4 trimestre 2006=0, calcolati sulle % nette di risposte delle banche) Domanda di credito Offerta di credito Offerta = variazione dei credit standard con segno invertito. Fonte: elaborazioni CSC su dati Banca d Italia, Bank lending survey. 7,0 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 Costo del denaro in calo, ma ancora alto (Italia, tassi sui prestiti bancari alle imprese; valori %) Piccole imprese* Totale imprese Grandi imprese** Euribor 3 mesi 0, Nuove operazioni. * <1 milione di euro; **>1 milione di euro. Fonte: elaborazioni CSC su dati Banca d Italia e Thomson Reuters. ne: le ultime misure della BCE puntano a favorire i prestiti al settore privato, attraverso i nuovi meccanismi di erogazione della liquidità. Sono tutti progressi che tendono ad allentare il credit crunch. Una prima indicazione positiva in tal senso è emersa nei dati di giugno e luglio, con l arresto della caduta dei prestiti alle imprese. Ci sono poi gli effetti dei provvedimenti adottati dal Governo: pagamenti dei debiti della PA, riduzione IRPEF sui redditi bassi, maggiore attivazione di investimenti pubblici. E c è l atteso impatto dell EXPO. Il CSC perciò punta sul ritorno alla crescita del PIL italiano dal primo trimestre del 2015 e a tassi di incremento trimestrali dell 1,2% annualizzato. Un ritmo che deve essere accresciuto per risollevare l Italia e rimuovere le conseguenze economiche e sociali della crisi. Perciò rimane urgente agire con la Legge di Stabilità e le riforme nelle direzioni sopra indicate. In sintesi, con il nuovo set di informazioni il CSC prevede un calo del PIL dello 0,4% nel 2014 e un incremento dello 0,5% nel I consumi delle famiglie sono in aumento in entrambi gli anni: +0,1% e +0,5%. E lo stesso le esportazioni: +1,8% e +3,2%. Gli investimenti, invece, calano ancora nel 2014 (-2,3%) e ripartono nel 2015 (+0,8%). Anche l occupazione scende ulteriormente quest anno (-0,6%) e risale il prossimo (+0,2%), mentre il tasso di disoccupazione rimane stabile ai livelli già raggiunti all inizio del 2014 (12,5%). Il deficit pubblico si mantiene entro i limiti imposti dai vincoli europei (3,0% del PIL nel 2014 e 2,9% nel 2015). Il debito pubblico in rapporto al PIL continua a lievitare: 137,0% nel 2014 (132,6% nel 2013) e 137,9% nel Per i conti pubblici non si tratta di un vero peggioramento, ma del riflesso del quadro congiunturale. L indebitamento netto strutturale scende l anno prossimo a un ritmo adeguato (dall 1,0% del PIL del 2014 allo 0,6%). Pesano le pressioni deflazionistiche, che piegano all ingiù la dinamica dei prezzi. Quelli al consumo aumentano dello 0,3% nonostante l aumento delle retribuzioni (oltre il 2% annuo nell industria in senso stretto). Si assottigliano quindi ulteriormente i margini delle imprese.l Genova Impresa - Settembre / Ottobre

12

13 L INTERVISTA di Piera Ponta Fondo Strategico Italiano interviene a sostegno solo di aziende di grandi dimensioni in equilibrio economico, finanziario e patrimoniale, con prospettive di crescita tecnologica e di espansione sui mercati internazionali. Requisiti minimi che non lasciano spazio a nessuna forma di assistenzialismo. FSI, tramite i suoi organi, persegue una missione basata sulla qualità e sul merito, con interventi mirati nei confronti di aziende sane e ad alto potenziale di crescita Grazie alla partecipazione del Fondo, le imprese potranno intraprendere il percorso della quotazione in Borsa e accedere al mercato dei capitali con mezzi adeguati Gli investitori esteri che fanno riferimento a FSI possono essere ottimi ambasciatori delle eccellenze italiane sui mercati internazionali Maurizio Tamagnini Onore al merito Maurizio Tamagnini è amministratore delegato di Fondo Strategico Italiano (FSI), la holding di partecipazioni controllata dal Gruppo Cassa Depositi e Prestiti, e presidente della Joint Venture tra FSI e Qatar Holding (IQ Made in Italy Investment Company) per investimenti nei settori di punta del Made in Italy. FSI dispone oggi di 4,4 miliardi di euro di fondi per investimenti di capitali di rischio in aziende italiane di grandi dimensioni. Tra gli interventi di successo di FSI c è l operazione con Ansaldo Energia, che sta già facendo scuola. Tamagnini è anche membro della task force di esperti voluta dal Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, al fine di elaborare un Industrial Compact italiano. Dottor Tamagnini, qual è il ruolo del Fondo Strategico Italiano nella politica industriale del nostro Paese? Il Fondo Strategico Italiano ha principalmente due obiettivi: il primo è creare le condizioni per la crescita dimensionale di quelle imprese industriali italiane che presentano un significativo potenziale di sviluppo in termini di tecnologie, presenza sui mercati esteri, autonomia finanziaria. Imprese che, con il nostro intervento in qualità di socio di minoranza con governance attiva, potranno intraprendere il Genova Impresa - Settembre / Ottobre

14 percorso della quotazione in Borsa e accedere al mercato dei capitali senza dover rinunciare a una scelta di crescita solo perché non dispongono di mezzi adeguati. Il secondo obiettivo è agire da catalizzatore nei confronti di capitali di rischio stranieri, in modo da rafforzare la propria dotazione di capitale e poter sostenere, così, un numero maggiore di investimenti. Inoltre, il coinvolgimento di investitori esteri può aiutare le aziende italiane partecipate dal Fondo a cogliere opportunità di business o a creare sinergie in paesi molto lontani e per loro di difficile accesso. Gli investitori esteri possono, tra l altro, essere ottimi ambasciatori delle nostre eccellenze nei relativi paesi di provenienza. Chi contribuisce alla dotazione del Fondo e quali sono i requisiti minimi che un azienda deve presentare per poter essere oggetto di un possibile intervento da parte di FSI? Alla dotazione finanziaria di FSI partecipano i correntisti postali, la Banca d Italia, veicoli di investimento controllati dai governi del Kuwait e del Qatar, soggetti non interessati a una remunerazione del capitale nel breve periodo, ma viceversa attenti ai risultati nel medio-lungo termine. Il Fondo interviene, quindi, a sostegno di aziende in equilibrio economico, finanziario e patrimoniale, con prospettive di crescita e di redditività e in grado di assicurare continuità nella gestione, escludendo qualunque ipotesi di cessione degli asset ad altri operatori industriali. In questo contesto, per esempio, il dossier Ansaldo Energia presentava, fin dall inizio, tutte le caratteristiche per diventare un caso di scuola. Già da qualche tempo il Fondo stava valutando la possibilità di investire nella società, avendo trovato conferme sull alto livello dell attività di ricerca e di sviluppo tecnologico, oltre che sulle competenze tecniche della manodopera nella produzione di macchinari per l energia, ambito in cui gli Italiani sono generalmente molto bravi e dove Ansaldo Energia rappresenta un eccellenza mondiale. Cosa ha convinto, alla fine, FSI a intervenire su Ansaldo Energia? Finmeccanica era ormai decisa a vendere per concentrarsi su asset ritenuti più strategici per il Gruppo, e il Fondo, verificato che non solo Ansaldo Energia rispondeva a tutti i requisiti previsti, ma che le prospettive di coinvolgimento di qualche importante investitore in tempi brevi erano concrete, ne ha acquisito la maggioranza per impedire che passasse nelle mani della concorrenza. Tengo a precisare che si è trattato di un fatto abbastanza eccezionale, perché FSI partecipa al capitale delle imprese prevalentemente con quote di minoranza. A conforto della decisione di FSI c era anche una strategia aziendale chiara, sostenuta con convinzione dall amministratore delegato, l ing. Giuseppe Zampini, e condivisa dal management, dai lavoratori e dai sindacati. L ingresso del Fondo come azionista ha assicurato da subito ad Ansaldo Energia la serenità necessaria per consolidare il proprio piano strategico e per aggiudicarsi nuove commesse per la costruzione di turbine. Quindi, anche con il supporto di esperti, abbiamo individuato il miglior socio possibile per Ansaldo Energia, ovvero Shanghai Electric, che ha acquisito una partecipazione del 40%, favorendo all azienda genovese l accesso ai mercati asiatici, che sono in grande espansione e rappresentano già oggi il 50% del business globale. Con Shanghai Electric, Ansaldo Energia potrà rafforzare la propria presenza in Cina attraverso due joint venture (una per lo sviluppo e commercializzazione di una turbina da 50Hz, destinata ai mercati asiatici, e una per la costituzione di un centro di Ricerca & Sviluppo). Nell attesa che diventino operative le JV cinesi, Shanghai Electric, come previsto da una clausola inserita nell accordo, darà mandato ad Ansaldo Energia per la costruzione di alcune turbine addizionali, generando un impatto positivo sul territorio, in termini di indotto e di occupazione. A questo proposito, ricordo anche che l intesa raggiunta con la coreana Doosan, per lo sviluppo di una turbina a gas per i Paesi con rete elettrica a frequenza 60Hz (Nord America, Brasile, Arabia Saudita, Corea), si tradurrà, nell arco dei prossimi sette anni, nell assunzione di un centinaio di ingegneri presso il centro Ricerca & Sviluppo di Genova. Tutto questo, unito all acquisizione dell inglese Nuclear Engineering Services, a supporto dell attività di decommissioning di Ansaldo Nucleare nel mondo, riteniamo possa mettere Ansaldo Energia nelle condizioni di crescere, di affermarsi sempre più a livello internazionale e di prepararsi alla quotazione in Borsa. In questa logica rientra anche la nomina a presidente di Umberto della Sala, che potrà contribuire, con la sua esperienza, a rendere Ansaldo Energia ancora più attrattiva per il mercato e per i giovani di talento. La brillante operazione con Ansaldo Energia ha reso piuttosto popolari il Fondo e il suo azionista di maggioranza, Cassa Depositi e Prestiti, che vengono oggi da più parti chiamati a contribuire alla risoluzione di varie e complesse vicende societarie. Come rispondete a queste sollecitazioni? Innanzi tutto chiarendo che il Fondo, tramite i suoi organi, persegue una missione basata sulla qualità e sul merito. FSI è amministrato da un Consiglio di Amministrazione di cinque membri, compreso il Presidente, due dei quali in possesso dei requisiti di indipendenza stabiliti dal Decreto Legislativo n. 385 del 1º settembre 1993; il Consiglio, poi, si avvale delle competenze del Comitato Strategico e del Comitato Investimenti, entrambi organi consultivi nominati dal Consiglio stesso. Il primo esprime pareri riguardo ai settori di intervento e alle politiche generali di investimento, mentre il secondo valuta le singole ipotesi di investimento - in un ottica istituzionale e con particolare attenzione all indotto, ma sempre tenendo conto delle procedure di istruttoria accennate prima - che vengono poi sottoposte, con parere motivato ma non vincolante, al Consiglio di Amministrazione. Riceviamo molti dossier interessanti, ma il requisito imprescindibile rimane la potenzialità di crescita dell azienda. Il Fondo supporta lo sviluppo di quelle imprese che, sebbene siano considerate di grandi dimensioni in Italia, non lo sono ancora abbastanza quando devono confrontarsi con i loro maggiori competitor internazionali. In questo contesto, un ruolo determinante lo gioca la filiera dei fornitori: imprese medie, piccole, talvolta piccolissime, chiamate a un cambio di passo per supportare la grande azienda nel processo di sviluppo innescato dal Fondo, ma alle quali, allo stesso tempo, viene offerta un opportunità unica di crescita e di creazione di valore sul territorio.l 12 Genova Impresa - Settembre / Ottobre 2014

15

16 DOSSIER RIFORME DOSSIER DOSSIER DOS energia Energia positiva di GIORGIO SQUINZI Aumento della produzione industriale e incremento dell occupazione con un contributo al tasso di crescita medio annuo dell economia dello 0,5%: questo l impatto di un adeguato programma a sostegno dell efficienza energetica. Oltre al risparmio sulla bolletta energetica. L Europa, ormai da anni, si è data obiettivi ambiziosi per la sostenibilità ambientale nel medio e lungo periodo. Nel lungo, con la Roadmap al 2050 per un economia a basso contenuto di carbonio, ha assunto l impegno di ridurre le emissioni climalteranti addirittura dell 80% rispetto al 1990, con una quota di fonti rinnovabili del 55% e un obiettivo di risparmio energetico del 40%. Target significativi, per raggiungere i quali l Europa stessa ha definito una tabella di marcia che si sostanzia nel famoso pacchetto clima-energia al 2020 e nella Comunicazione della Commissione, dello scorso gennaio, che indica i nuovi obiettivi per la sostenibilità ambientale al 2030: riduzione delle emissioni di gas serra del 40% rispetto ai livelli del 1990; sviluppo delle fonti rinnovabili del 27% nei consumi finali di energia e un risparmio energetico del 30%. Tutte buone ragioni per trasformare la sfida ambientale in un occasione di crescita economica e occupazionale, anche per agganciare quella ripresa economica che in Italia stenta a decollare. Gli investimenti green rappresentano un opportunità importante per garantire la competitività del nostro tessuto industriale e le imprese dimostrano di averlo capito. Solo tra il , ben il 22% dell industria nazionale ha investito in tecnologie green, assicurandosi così maggior risparmio energetico e minor impatto ambientale. Bisogna considerare che la capacità innovativa di un impresa, in ottica green, è un requisito fondamentale per affrontare con successo la sempre più difficile sfida della competitività internazionale: un impresa orientata all innovazione sulla sostenibilità ambientale registra infatti migliori performance in termini sia di esportazione, sia di redditività (il 17,5% delle imprese che effettua investimenti green è anche esportatrice contro il 10% di imprese che non lo fanno). Il green perciò non è solo un opportunità per rafforzare la propria competitività in un momento di crisi ancora forte, ma è esso stesso bacino di sviluppo. Oggi il settore della green economy italiana produce un valore aggiunto di milioni di euro, pari al 10,6% del totale prodotto e occupa mila unità (considerato il settore 14 Genova Impresa - Settembre / Ottobre 2014

17 SIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DO pubblico e privato), pari al 13,3% dell occupazione totale, con un potenziale di oltre 3 milioni di occupati nel campo dei green job (dati al 2012). Solo nel settore delle fonti rinnovabili elettriche, nel 2012, sono stati investiti ben milioni di euro in nuovi impianti di produzione, con ricadute occupazionali, compreso l indotto, per 125 mila unità. Tutti dati che confermano quanto in Italia l industria dell efficienza energetica abbia risorse notevoli: possiamo vantare la leadership tecnologica a livello europeo in diversi settori, come le pompe di calore, gli elettrodomestici, la domotica, l illuminotecnica, le caldaie, i motori, gli inverter, oltre ovviamente all edilizia e all automotive. Oggi il numero di imprese coinvolte direttamente o indirettamente nella domanda per investimenti per l efficienza energetica supera le 250mila. Valutata la solida base da cui partiamo, lo sviluppo di una politica stabile e di lungo periodo sull efficienza può rappresentare un volano unico per attivare la domanda interna e cogliere le opportunità di crescita a livello internazionale. Confindustria ritiene che attraverso un adeguato programma di sostegno agli investimenti in tecnologie e servizi per l efficienza energetica si avrebbe un impatto importante: nel periodo la crescita della produzione industriale potrebbe essere di oltre 65 miliardi di euro in media l anno, con un incremento del numero di occupati di circa 500mila unità. Particolarmente significativo risulta il contributo al tasso di crescita medio annuo dell economia che potrebbe raggiungere un valore dello 0,5%. Non solo. Sulla bolletta energetica si potrebbe determinare un risparmio di oltre 5,7 miliardi di euro annui (pari cioè a circa il 10% della bolletta energetica nazionale). E i potenziali benefici in termini di costo della CO2 evitata ammonterebbero a oltre 270 milioni di euro l anno. Numeri che dovrebbero far riflettere. Vogliamo davvero buttare via un opportunità concreta di crescita industriale, economica e occupazionale così forte?l Giorgio Squinzi è Presidente di Confindustria Genova Impresa - Settembre / Ottobre

18 DOSSIER RIFORME DOSSIER DOSSIER DOS energia Fonti & incentivi Da anni manca un piano energetico nazionale; da sempre, un Ministro che ne sia responsabile. di ARISTIDE FAUSTO MASSARDO La scrittura di un articolo non strettamente scientifico, cioè non il solito scientific paper, su un argomento così ampio e complesso come l energia rappresenta una interessante occasione per analizzare e mettere alla prova le proprie convinzioni generali sul tema. Per abitudine il mio approccio è accademico, il che mi rende autonomo, indipendente, fortemente correlato alla mia scientific reputation, così importante nel mondo accademico anglosassone cui mi rifaccio. Non posso tuttavia trascurare il fatto, informandone il lettore, che a causa della forte collaborazione a diversi livelli con aziende, imprese, Autorità (per l Energia), GSE, UE, operanti nel settore dell energia la mia visione è, almeno in parte, contaminata (in senso positivo) dal contatto quotidiano con il mondo reale che circonda da sempre l ambiente della Scuola Politecnica dell Università di Genova. La prima cosa che mi viene in mente è che energia è una parola spesso abusata o, peggio, male utilizzata. Basti pensare alla recente pubblicità televisiva di una grande azienda del settore (quella che la ricerca la va a fare al MIT) che parlava di produrre energia. Sbagliato: infatti il primo principio della termodinamica afferma che l energia si converte, non si produce, essa cambia solo di forma; senza poi dimenticare che, per il secondo principio, nel cambiamento essa degrada, perde cioè capacità di fare lavoro utile (concetto di exergia) attraverso la conversione non reversibile (concetto di entropia). Mi chiedo, poi, quanto l importanza dell energia sia compresa nella nostra vita quotidiana. Poco, forse solo un blackout di qualche giorno renderebbe la società davvero interessata all argomento spesso trascurato e gestito, anche a livello di media, con superficialità. Ma se non avessimo acqua perché le pompe non funzionano, niente frigoriferi per la catena del freddo e quindi problemi anche sanitari con il cibo, niente benzina, niente ascensori, niente elettricità, ospedali senza sicurezza, niente illuminazione per un mondo buio come nel medioevo, carte di credito bloccate, tv e internet pure ecc.? Scopriremmo così che la società moderna e i suoi rapporti sociali rappresentano solo una piccola, sottile crosta sulla superficie della terra spazzata facilmente via dalla carenza o assenza di disponibilità di energia (chi non ricorda, per esempio, l incremento di delitti a New York nell ultimo grande blackout?). Perciò una seria riflessione sulla società del consumo (incluso quello di energia) non può non essere fatta da tutti: esperti del settore o meno. Ma quali sono gli aspetti essenziali che non possiamo trascurare parlando di energia? Fondamentali sono: le fonti di energia, il sistema tecnologico di conversione, l uso finale. L uso finale dell energia è l elemento trainante: il consumo elettrico, i trasporti, il riscaldamento ecc., rappresentano la domanda da soddisfare. Dall altro lato abbiamo le risorse finite o meno di energia. In mezzo, fra fonti e domanda, le tecnologie di conversione, che traslano le risorse, le modificano in beni utilizzabili come energia meccanica, elettrica, calore, freddo ecc. e che devono rispettare l ambiente. La domanda: cresce, cresce, cresce, nonostante il concetto di risparmio energetico! Nei BRICS, alla crescita economica corrisponde una tumultuosa crescita della domanda di energia (si parla di raddoppio dei consumi mondiali nei prossimi decenni). Nei paesi occidentali, in particolare in USA, i livelli dei consumi energetici pro capite sono già sufficientemente elevati, mentre nel cosiddetto terzo mondo non può accadere altro che una crescita dei consumi rincorrendo il benessere associato all uso dell elettricità e dei suoi totem (frigoriferi, televisori, condizionatori ecc.). Le fonti energetiche sono variegate e vanno da quelle fossili (combustibili solidi, liquidi e gassosi) a quelle nucleari, tengono conto anche delle cosiddette fonti rinnovabili, basate essenzialmente sull energia solare (anche il vento è un effetto della insolazione del nostro pianeta così come il ciclo dell acqua), per non parlare di altre fonti minori come quelle gravitazionali (maree), geotermiche ecc. In questi anni, un argomento molto dibattuto è correlato 16 Genova Impresa - Settembre / Ottobre 2014

19 SIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DO all esaurimento delle fonti fossili: proiezioni nel tempo delle disponibilità, scenari foschi sui tempi di esaurimento sono discussi nei convegni con diverse interpretazioni a seconda del punto di vista e di interesse del relatore (in particolare nelle tante tavole rotonde sull argomento). Possiamo però dire che molte delle previsioni sono state oggi ribaltate da due fatti principali: la scoperta del cosiddetto shale gas e la corsa alle rinnovabili, che stanno ridisegnando nuovi scenari, anche molto complessi, nel mondo dell energia (per esempio, gli USA saranno a breve energeticamente autosufficienti e diventeranno esportatori di fossili anziché importatori). Cosa dire delle tecnologie di conversione? Ci sarebbe tanto, troppo da dire. Voglio solo ricordare il miglioramento dei rendimenti di conversione. Si è infatti passati da un valore di poco inferiore al 10% all inizio del secolo scorso al 60% di oggi (grandi cicli combinati). Esemplificando: con un litro di gasolio (o un metro cubo di gas naturale) oggi convertiamo in effetto utile sei volte più di quello che facevamo cento anni or sono e abbiamo ridotto a un sesto le emissioni di biossido di carbonio: passi da gigante grazie solo alla ricerca e allo sviluppo tecnologico. Investimenti utili alla nostra società e che non possono e non devono arrestarsi. Certo oggi è sempre più difficile migliorare le prestazioni avvicinandoci ai limiti di Carnot, ma la sfida è lì, davanti a noi. Investire in ricerca e tecnologia per non restare fuori da questo mondo e diventare solo un mercato per altri è obbligatorio; farlo bene e in tempi rapidi lo è altrettanto. E le fonti rinnovabili? Per non parlare solo di fossili (anche se nel mondo circa l 80% dell energia convertita è basata su fonti fossili), ricordo l eolico, il fotovoltaico, le biomasse ecc., che danno sempre più significativi contributi in termini di potenza installata e un po meno in energia convertita (il fattore di utilizzo è come noto non elevato). Ma vi è una notevole differenza fra biomasse (in tutte le loro declinazioni inclusi i rifiuti) e solare o eolico, che consiste nella variabilità e incontrollabilità delle seconde. Sembra un osservazione banale, ma la incontrollabilità del fotovoltaico e dell eolico ha reso molto complessa la situazione dei sistemi di distribuzione di energia elettrica e la vita dei cosiddetti cicli termici. È così entrata nel linguaggio comune delle centrali e degli operatori la temuta parola flessibilizzazione. In Italia, in particolare, forse anche per mancanza di visione e di programmazione (l ultimo serio piano energetico nazionale lo ricordo da giovane ingegnere...), la situazione è difficile (si vedano i dati del GSE e dell AEEG degli ultimi anni sui rispettivi siti web), e ciò a maggior ragione per la sempre più pressante necessità di utilizzo di sistemi di accumulo dei quali ci si deve oggi occupare e dotare per superare la variabilità delle rinnovabili. A tale proposito ricordo, però, che in Italia siamo già dotati di un grande sistema di accumulo: quello idraulico nazionale, i cosiddetti impianti di pompaggio, circa MW decisamente sottoutilizzati, forse proprio per mancanza di visione e di programmazione del sistema energetico nazionale. E che dire degli aspetti economici? L Italia negli anni 90 inventò, in un momento di carenza di generazione e di difficoltà nella realizzazione di nuovi impianti, il famoso CIP6/92, quello delle energie assimilate alle rinnovabili per raffinerie e impianti siderurgici; poi, nel 2002 la delibera AEEG 42/02 per la cogenerazione; e così via i certificati verdi, i certificati bianchi, il recepimento della direttiva CE sulla cogenerazione ad alto rendimento, i vari conti energia per biogas, fotovoltaico, biomasse ecc. e, adesso, i SEU, SESEU ecc. Oggi sono attivi incentivi al fotovoltaico e all eolico che impegnano la rete elettrica, i consumatori e, in particolare, le nostre aziende a sostenerne costi decisamente elevati (ben più di 10 Miliardi di euro l anno di incentivi che hanno attirato molti dall estero e anche da aree grigie del nostro paese) e che incrementano in modo consistente il prezzo medio del kwh (gli incentivi sono caricati sul costo dell energia fossile, ovviamente) rendendo così anche meno competitive le nostre aziende manifatturiere. Tuttavia, se con il tanto criticato CIP6 abbiamo sviluppato tecnologia (per esempio TG per gas a basso potere calorifico - Low BTU Gas; cicli complessi come gli IGCC ecc.) con i conti energia del fotovoltaico e dell eolico, abbiamo solo o quasi importato la tecnologia, esportando solo euro. Forse ci salveranno le smart grid, almeno lo spero, e quindi siamo in molti coinvolti giornalmente nella ricerca su questi sistemi e componenti. Concludo con una riflessione per la politica. Mi chiedo perché in Italia non abbiamo mai avuto né abbiamo un Ministero dell Energia. Abbiamo, infatti, solo una direzione in un Ministero con altri compiti principali (Sviluppo Economico) e altri con deleghe parziali (Ambiente ecc.). E allora perché gli USA hanno il potentissimo Department of Energy (DoE), che decide la politica estera petrolifera ed energetica del più avanzato paese del mondo? Forse perché l energia è molto importante per un paese moderno e avanzato e l Italia non lo è mai stato davvero?l Aristide Fausto Massardo è Ordinario di Sistemi per l Energia e l Ambiente Scuola Politecnica dell Università degli Studi di Genova Genova Impresa - Settembre / Ottobre

20

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Energia positiva. DOSSIER RIFORME DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DO energia

Energia positiva. DOSSIER RIFORME DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DOSSIER DO energia Energia positiva di GIORGIO SQUINZI Aumento della produzione industriale e incremento dell occupazione con un contributo al tasso di crescita medio annuo dell economia dello 0,5%: questo l impatto di un

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE 10 anni di aumenti per le famiglie italiane a causa della dipendenza dalle fonti fossili! Telegiornali e quotidiani lo hanno raccontato con grande enfasi negli ultimi

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA 90 a Giornata Mondiale del Risparmio Roma, 31 ottobre 2014 Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA Signor Governatore, Presidente

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Gregorio De Felice Chief economist Milano, 25 settembre 2014 Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Prometeia ritocca al ribasso la crescita italiana per il primo trimestre 2015 (a +0,1% rispetto a +0,2%) e conferma la crescita del Pil 2015 a

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

LA CONGIUNTURA INTERNAZIONALE E L OUTLOOK PER IL 2015/2016

LA CONGIUNTURA INTERNAZIONALE E L OUTLOOK PER IL 2015/2016 LO SCENARIO ECONOMICO SOMMARIO Dopo un 2014 interlocutorio sia dal punto di vista congiunturale che occupazionale, la convergenza di politiche monetarie espansive, il basso costo del denaro e dei prodotti

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART PAS 16/11 SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART. 7 DEL DECRETO-LEGGE 13 AGOSTO 2011, N. 138 NEI SETTORI DELL ENERGIA

Dettagli

3PIU RINNOVABILI ITALIANE. La filiera delle rinnovabili può contribuire a rilanciare l industria nazionale 8RIPULIRE LA BOLLETTA

3PIU RINNOVABILI ITALIANE. La filiera delle rinnovabili può contribuire a rilanciare l industria nazionale 8RIPULIRE LA BOLLETTA Il presente documento, predisposto da APER, la più grande associazione italiana di produttori di energia da fonti rinnovabili, propone in 10 schede le 26 azioni che il prossimo Governo dovrebbe intraprendere,

Dettagli

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012

Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche. Aprile 2012 Decreti Ministeriali su Incentivi per le Energie Rinnovabili Elettriche Aprile 2012 Messaggi chiave Le Energie Rinnovabili elettriche sono un pilastro fondamentale della strategia energetica italiana.

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano di Sergio Portatadino, Pöyry Energy Consulting La sensazione di vivere in un periodo di cambiamento storico pervade anche i mercati energetici e l emblema

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA?

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? Che l energia elettrica sia in Italia mediamente più costosa rispetto al resto d Europa, è ancora una volta confermato da un recente rapporto EUROSTAT.

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia IMPATTO AMBIENTALE CAUSATO DALLA LIBERALIZ- ZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia di Marco CALDIROLI e Luigi MARA Queste note focalizzano

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

DEF 2012. Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma. Governo Italiano. 18 Aprile 2012

DEF 2012. Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma. Governo Italiano. 18 Aprile 2012 DEF 2012 Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma Governo Italiano 18 Aprile 2012 Indice Finanze pubbliche in equilibrio verso una crescita più solida Il Programma di Stabilità - Obiettivi

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Ottimizzare la gestione dell energia: soluzioni tecnologiche per le aziende Ivano Olivetti - Ricercatore ENEA Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Vicenza 01 febbraio

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Cominciando dai dati, va subito detto che l Italia non è più il motore della crescita europea (come risultava essere fino a pochi anni fa), ma resta

Cominciando dai dati, va subito detto che l Italia non è più il motore della crescita europea (come risultava essere fino a pochi anni fa), ma resta Home > Le 19/06/2014 rinnovabili cercano la salvezza all estero I tagli hanno fatto chiudere in molti. Chi è rimasto cambia si sposta di segmento o punta all estero 19 giugno 2014 Luigi dell Olio Published

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti 105.0 105.0 111.2 103.7 98.9

Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti 105.0 105.0 111.2 103.7 98.9 PROVINCIA DI AREZZO Italia Valutazione del credito / Graduazione di affidabilità Categoria Outlook / Situazione Rating Valutazione di Moody s Stabile Aa3 Contatti Analista Francesco Soldi / Milano 39.02.9148.1100

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI 6 febbraio 2009 1 Indice 1. Settore automotive Pag. 3 2. Le altre misure del provvedimento Pag. 20 2 1. SETTORE

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO

SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO SOSTENIBILITÀ AZIONI PER LO SVILUPPO E RETI DI SISTEMA, DI IMPRESE E DI TERRITORIO Ing. Pietro Bartolini Responsabile Area ASEQ Confindustria Firenze Fiera di 1 LA CRISI ECONOMICA La recessione sembra

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Gianfilippo Mancini Divisione Generazione, Energy Management e Mercato Italia Convegno Assocarboni 28 marzo 2014 Evoluzione domanda e parco Italia

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

L industria elettrica italiana: traguardi conseguiti e sfide del futuro. Assemblea annuale Assoelettrica

L industria elettrica italiana: traguardi conseguiti e sfide del futuro. Assemblea annuale Assoelettrica L industria elettrica italiana: traguardi conseguiti e sfide del futuro Assemblea annuale Assoelettrica Lecce, 14 maggio 2009 Un decennio di trasformazioni Quella che l industria elettrica italiana ha

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Una missione del FMI si è recata in Italia dal 3 al 16 maggio 2012 per la valutazione annuale dello stato dell economia come parte delle

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania

Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania Strategia della Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente di Catania Premessa R. Lanzafame Con la recente istituzione dell Agenzia per l Energia e l Ambiente, APEA 1 S.r.l. l Amministrazione provinciale

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Pacchetto Unione dell Energia

Pacchetto Unione dell Energia Pacchetto Unione dell Energia Audizione presso le Commissioni riunite del Senato 10ª (Attività produttive, commercio e turismo) e 13ª (Territorio, ambiente, beni ambientali) Aldo Chiarini Amministratore

Dettagli

UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Presentazione del Rapporto L Economia della Campania nel 2008 redatto dalla Sede di Napoli della Banca d Italia Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della

Dettagli

ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013. ForGreen Spa Viale del Lavoro, 33 37135 Verona forgreen.it

ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013. ForGreen Spa Viale del Lavoro, 33 37135 Verona forgreen.it ITINERA Venerdì 01 marzo 2013 ITINERA 2013 ITINERA 2013 Energyland La filiera delle energie rinnovabili Programma Presentazione del progetto Itinera, Savoia Enrica Lo scenario energetico e il mercato,

Dettagli

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Roma, 22 Novembre 2012 COMUNICATO STAMPA LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Ministro dell

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione. Alberto Biancardi

Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione. Alberto Biancardi Sviluppo e nuove tecnologie: quale regolazione Alberto Biancardi 1 Sommario Lo scenario energetico italiano: l assetto attuale I driver del cambiamento Il nuovo assetto 2 Lo scenario energetico italiano

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli