SANITà. realtàmedica SE LA SPESA FA CRESCERE IL PIL LA DIATERMIA DA CONTATTO NELLA MEDICINA ESTETICA SPALLA E GINOCCHIO. RAGIONIAMO CON IL RADIOLOGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SANITà. realtàmedica SE LA SPESA FA CRESCERE IL PIL LA DIATERMIA DA CONTATTO NELLA MEDICINA ESTETICA SPALLA E GINOCCHIO. RAGIONIAMO CON IL RADIOLOGO"

Transcript

1 realtàmedica L A R I V I S T A D E L M E D I C O D I F A M I G L I A PAG. 11 LA DIATERMIA DA CONTATTO NELLA MEDICINA ESTETICA PAG. 17 SPALLA E GINOCCHIO. RAGIONIAMO CON IL RADIOLOGO SANITà SE LA SPESA FA CRESCERE IL PIL Poste Italiane S.p.A. - Sped. A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1 c. 1 - DRCB - Roma wakingdreams.it PAG. 57 RU486: TRA RISPETTO DELLA LEGGE E PRASSI OSPEDALIERA GIULIA EDITORE SRL n. 2/10 APRILE/GIUGNO ANNO XII 5,00

2

3 IL PUNTO Realtà Medica n. 2/2010 La depressione, triste spirale di angoscia Prof. Delfo Galileo Faroni In genere si dice che lo stato depressivo è un atteggiamento psichico caratterizzato da una reazione di eventi di emergenza, che provocano una modificazione delle modalità comportamentali. L individuazione dei disturbi depressivi va ricercata nei cosiddetti pensieri ansiogeni, che privano il soggetto del piacere di compiacersi per qualsiasi cosa faccia. Gli stessi fattori gli impediscono anche di sollevarsi dalla intensa agitazione di situazioni conflittuali, che appaiono come difficoltà insormontabili e che normalmente sarebbero considerati nella loro giusta dimensione. È indubbio, comunque, che la depressione è una alterazione della chimica cerebrale. È altrettanto vero che questo disturbo biologico sviluppa una situazione che compromette l integrità psichica del soggetto e avvalora l ipotesi che a provocarlo sono situazione di tensione ripetuta e persistente, di intensa emotività, di incapacità di vedere e distinguere l oggetto che tende a distruggerlo. La depressione, comunque, diventa un problema per il medico ed il paziente soltanto quando i sintomi di un conflitto interiore assumono aspetti esagerati. La perdita di qualsiasi fiducia nelle proprie capacità di affrontare problemi difficili, la riduzione dell abilità di concentrazione, ma soprattutto, quando subentra quella sensazione di nullità, li spinge prima o poi a contemplare l idea del suicidio. Al contrario ci sono forme depressive che noi chiamiamo di comodo e che rappresentano un mezzo per mettere a tacere la propria coscienza. Senza dubbio questi atteggiamenti possono essere d aiuto in particolari circostanze negative della vita. Per mancanza di spazio non ci è possibile trattare la depressione da un punto di vista psicoterapeutico, ci limitiamo soltanto a ricordare che il consiglio migliore, che si può dare ad un depresso, è quello di cercare di individuare le cause della propria malattia e di trovare il modo di poterle modificare. E vediamo ora, alla luce delle più recenti conquiste scientifiche, quali sono i farmaci più efficaci e più usati per lo stato di tensione, dell ansia e della depressione. Si chiamano con termine generico psicofarmaci e comprendono i tranquillanti maggiori e minori, che esercitano un azione modificatrice su un area del cervello che presiede al tono dell umore, alla memoria e svolgono una funzione di regolamento dello stato di coscienza. L introduzione di tranquillanti nei disturbi depressivi data da molti anni, ed è stata una rivoluzione nel campo della terapia di queste forme morbose. La scelta del farmaco deve essere fatta dallo specialista dopo un attento ed approfondito esame clinico del paziente e deve tenere conto degli eventuali effetti indesiderati. A questo punto va messo l accento sul fatto che tutti i tranquillanti provocano dipendenza e quindi possono dare assuefazione. L organismo, quando la terapia si protrae per mesi e gli effetti sono positivi, cerca di compensare l azione del farmaco. Questa terapia, detta di mantenimento, ha però i suoi effetti negativi. Infatti il soggetto prova un desiderio immenso di ricorrere ai tranquillanti, che progressivamente gli sono necessari sempre a dosi maggiori e questo per ottenere gli stessi effetti. 1 Il punto

4 Il punto 2 Il fenomeno di chiama farmacodipendenza e, purtroppo, sono molte le persone che ritengono superfluo consultare il medico e si auto prescrivono il tipo e la dose di tranquillante. Così per evitare quei sintomi di astinenza, che compaiono quando si interrompe l assunzione del farmaco, il paziente non si rende conto che questi disturbi sono peggiori di quelli di cui soffriva all inizio della malattia. Questo, naturalmente, rappresenta la via della tossicomania. Il lettore si chiederà, certamente, per quanto tempo è consentito l uso di questi farmaci senza esporsi al rischio dell assuefazione. È difficile stabilirlo, in quanto il sollievo, che il farmaco può dare, è strettamente legato alla sensibilità del singolo individuo ed agli effetti diversi che esso può provocare. Comunque, per non esporre a rischio il paziente, è consigliabile un trattamento che non supera i sessanta-novanta giorni. Purtroppo, però, in tema di uso di tranquillanti si verificano due eventi incresciosi. Il primo è quello che generalmente il medico ha scarse conoscenze sugli effetti farmacologici di questi farmaci, il secondo è quello che tutti i tranquillanti vengono propagandati e venduti senza alcun controllo della legge. Oggi la depressione ha conquistato larghi strati sociali, soprattutto nelle nazioni più sviluppate e si può, quindi, considerare come uno dei mali maggiormente diffusi. Il nostro sforzo è quello di aiutare le persone a proteggersi da un male che colpisce la personalità dell individuo e che trasforma una vita bella e serena in una triste spirale di angoscia.

5 Nome... Cognome... Società... Settore... Indirizzo...CAP... Città...Nazione... Tel...Fax C.F. N... Abbonamenti annuali per l Italia (4 numeri - 15,00) N... Abbonamenti annuali per l Estero (4 numeri - 30,00) Modalità di pagamento [ ] Assegno bancario non trasferibile intestato a Giulia s.r.l. [ ] Conto Corrente postale n intestato a : Giulia s.r.l. - Via Torino, Roma Autorizzo al trattamento dei miei dati personali (D.Lgs 196/2003) Firma... Data... Inviare il coupon al numero di fax oppure in busta chiusa a: Editore Giulia s.r.l. - Via Torino, Roma

6 Garante scientifico Delfo Galileo Faroni Direttore editoriale Jessica Faroni Direttore responsabile Luciano Pecchi Coordinamento redazionale Glauco Messina Coordinatore comitato scientifico Carlo De Bac Comitato scientifico Francesco Bove, Carlo De Bac, Delfo Galileo Faroni, Jessica Veronica Faroni, Gaetano Lanzetta, Glauco Messina, Roberto Proietti, Valter Santilli Segreteria di redazione Laura Righetti Abbonamenti Una copia 5,00 (numeri arretrati 7,00) Abbonamento annuo per l Italia 15,00 Estero: 30,00 - Sostenitore: 50,00 Pagameto: - a mezzo conto corrente postale n intestato a: Giulia s.r.l. Via Torino, Roma; - con assegno bancario non trasferibile intestato a Giulia s.r.l. Poste Italiane S.p.A. Sped in A.P. - D.l. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 c. 1 - DRCB - Roma La rivista è posta sotto la tutela delle leggi sulla stampa. Gli articoli pubblicati impegnano esclusivamente le responsabilità degli autori. La riproduzione dei lavori pubblicati è permessa solo dietro autorizzazione scritta della direzione. La Rivista del Medico di Famiglia Anno XII - n. 2 Aprile/Giugno 2010 Pubblicazione trimestrale Editore: Giulia s.r.l. Via Torino, Roma Direzione, redazione, amministrazione e pubblicità: Via Torino, Roma Tel Fax Associato all Unione Stampa Periodica Italiana Registrazione: Tribunale di Roma n. 591/99 del 19/12/99 Videoediting e impaginazione wakingdreams communications srl Tipografia Balzanelli s.r.l. - Via A. Einstein, 4/ Monterotondo Scalo (Roma) La rivista è aperta a ogni tipo di contributo medico-scientifico. Tutti gli operatori sanitari possono inviare alla redazione di Realtà Medica 2000 propri articoli, che troveranno spazio in base alla normale programmazione redazionale. La direzione si riserva, comunque, il diritto di non pubblicazione; nel qual caso gli articoli verranno restituiti all autore. 4

7 SOMMARIO Realtà Medica n. 2/2010 IL PUNTO La depressione, triste spirale di angoscia, di Delfo Galileo Faroni 1 ECONOMIA SANITARIA Se la spesa sanitaria fa crescere il Pil, di Luciano Pecchi 7 MEDICINA ESTETICA La diatermia da contatto nella terapia delle adiposità localizzate e del sovrappeso distrettuale, di Glauco Messina 11 CHIRURGIA OCULISTICA Lenti intraoculari per cataratta e difetti di vista, Red. 15 DIAGNOSTICA PER IMMAGINI La patologia della spalla e del ginocchio. Ragioniamo con il radiologo, Red. 17 Resoconto giornalistico dell omonimo convegno che si è tenuto presso il Polo Universitario della Divisione INI Medicus di Tivoli, al quale hanno partecipato: - Fulvio Rigato con relazione su Anatomia e biomeccanica della spalla - Gianroberto Ferreri Instabilità gleno-omerale - Salvatore Antonio Masala Altre patologie - Sergio De Bac La cuffia dei rotatori - Dario Lucchetti Anatomia e biomeccanica del ginocchio - Sergio De Bac La patologia meniscale e sindromi da sovraccarico - Giuseppe Argento Anatomia radiologica - Mario Leporace Patologia legamentosa e tendinea DIRITTI & DOVERI, Rubrica a cura dello Studio Legale Biffa & Associati 57 NEWS, Rubrica a cura di Luciano Pecchi 61 5 Sommario

8

9 ECONOMIA SANITARIA Realtà Medica n. 2/2010 Se la spesa sanitaria fa crescere il Pil di Luciano Pecchi* Invertendo i termini del ragionamento e superando l idea che la spesa sanitaria equivale solo a una mera voce di deficit nel bilancio dello Stato, si scopre che investire in salute è una delle principali opzioni da seguire per garantire prospettive di crescita economica prolungata. In Italia, ad esempio, se la spesa sanitaria aumentasse dell'1%, il Pil nazionale crescerebbe dello 0,26 per cento Se la spesa sanitaria aumentasse dell 1%, il Pil italiano crescerebbe dello 0,26 per cento. E questo il dato, interessante, che emerge dalle pagine del Sistema Sanitario in Controluce. Rapporto 2010, patrocinato da Fondazione Farmafactoring e presentato a Roma al Residence di Ripetta in occasione di un convegno ad hoc. Non solo. Se i pazienti cronici diminuissero del 10% l economia risparmierebbe 150 milioni di euro all anno. Senza considerare che, in Italia l industria della salute, nelle sue varie articolazioni, può sorreggere l economia di intere regioni. Tuttavia, secondo i direttori delle Asl, perché tutto questo si traduca in realtà è necessario attuare razionalizzazioni delle strutture con una migliore dislocazione delle risorse, non solo umane. Ed è necessario superare l idea, che permea le decisioni del regolatore, che la spesa sanitaria equivalga a una mera voce di deficit nel bilancio dello Stato. Giunto alla quarta edizione, il lavoro di ricerca della Fondazione, che si avvale come di consueto, del contributo di Cer-Nib, Cergas e Censis, ha analizzato la spesa sanitaria da un punto di vista inedito, ovvero come volano della crescita economica. Marco Rabuffi, Presidente della Fondazione Farmafactoring, ha introdotto i lavori. Poi è stata la volta di Vincenzo Atella (docente dell Università di Roma Tor Vergata in rappresentanza del Cer-Nib), Elio Borgonovi (presidente Cergas) e Carla Colicelli e Giuseppe De Rita (vice direttore generale e presidente Censis) che hanno presentato i dati del Rapporto, diviso in tre capitoli: gli aspetti macro della spesa sanitaria sulla crescita dell economia (a cura di Cer-Nib); la misurazione delle performance come strumento per indurre sviluppo sociale, economico e sanitario (a cura di Cergas-Bocconi); la formazione di capitale umano come fattore di crescita: il ruolo del servizio sanitario (a cura di Censis). Il primo lavoro che analizza la relazione tra salute e sviluppo dell economia risale al 1993, ha esordito Vincenzo Atella, ed è firmato dall Organizzazione mondiale della Sanità. Prendendo spunto da quello studio, nel 2005 la Direzione generale per la salute e la tutela dei consumatori dell Unione Europea ha pubblicato un rapporto dal titolo Il contributo della salute all economia europea in cui suggerire ai policy maker che investire in salute sia una delle principali opzioni da seguire per garantire prospettive di crescita economica prolungata. La spesa sanitaria ha effetti di tipo macro testimoniati da decine di studi. Ad esempio, Fogel (1994) stima che i progressi in salute e alimentazione spiegano oltre il 50% della crescita del Pil pro-capite del Regno Unito nel periodo Ancora, Barro (1996) analizza la relazione tra salute e crescita economica utilizzando un panel di 100 paesi per il periodo A parità di fattori, un incremento nell aspettativa di vita da 50 a 70 anni (ossia del 40%) determina un aumento del tasso di crescita dell 1,4% l anno. Successivi studi, ha proseguito il docente di *Giornalista 7 Economia sanitaria

10 Economia sanitaria 8 Tor Vergata, hanno confermato il contributo positivo della salute nella crescita economica per cui un incremento di 5 anni nella aspettativa di vita determina un aumento dello 0,3-0,5% nel tasso di crescita annuo del Pil. Effetti importanti si hanno, a un livello micro, sul mercato del lavoro (su salari, ricavi, monte ore lavorative, partecipazione alla forza lavoro, prepensionamento e offerta di lavoro di chi assiste i familiari malati), sull istruzione (anche se principalmente nei paesi in via di sviluppo) e sul risparmio. Ad esempio, in Italia tra il 2001 e il 2009, il valore delle giornate di lavoro perse in un anno a causa delle malattie croniche è salito da 5,1 miliardi di euro a quasi 6,3 miliardi. Un aumento dell 1% dei pazienti sottoposti a terapie farmacologiche può determinare una riduzione di circa lo 0,25% del numero di giornate perse. L analisi viene dunque spostata al livello delle singole regione che sono depositarie delle decisioni in tema di Sanità, ha affermato Elio Borgonovi. Nel capitolo Cergas- Bocconi vengono esaminate in dettaglio quattro regioni: Lombardia, Toscana, Lazio e Puglia. L obiettivo principale della ricerca è analizzare l impatto che le scelte politiche regionali hanno sull industria della salute, che si compone di tre livelli: un area core che comprende gli erogatori di servizi sanitari veri e propri, l indotto costituito dai fornitori di prodotti e servizi (ad es. le farmacie) e una periferia che include attività come il fitness e il benessere in generale. Dall analisi emerge che Lombardia e Toscana, ovvero le regioni che presentano il SSR in equilibrio economico-finanziario, presentano la quota più elevata di indicatori finalizzati ad agire sull area core. Ma la Lombardia punta di fatto quasi esclusivamente su indicatori di innovazione, mentre la Toscana su indicatori di natura sanitaria. Anche la regione Puglia, prosegue il rappresentante di Cergas-Bocconi, fa frequente ricorso ad indicatori di innovazione per governare l area core, ma sono quasi del tutto assenti quelli sanitari, che invece costituiscono il focus nella regione Lazio. Lazio che dedica quasi un terzo degli indicatori e quasi tutti di natura economica per governare e razionalizzare il rapporto tra le aziende del SSR e i loro fornitori. Si tratta di indicatori finalizzati prevalentemente al controllo della spesa, come pure avviene in Puglia. Diverso il caso di Lombardia e Toscana, che agiscono sull indotto diretto attraverso indicatori di diversa natura e non solo per bloccare la spesa, ma anche per introdurre forme di partnership tra il core e l indotto. Infine, le regioni agiscano poco sull area periferica. Carla Colicelli, dal canto suo, ha illustrato le interviste fatte a 60 Direttori generali (Dg) di Aziende sanitarie locali (Asl) e Aziende ospedaliere (Ao) che hanno fornito interessanti suggerimenti su come si possa rendere la spesa sanitaria più incisiva sulle dinamiche economiche. Usare meglio i soldi per ospedali e farmaci, spendere di più per prevenzione e territorio, questa la filosofia di fondo dei Direttori generali.

11 ECONOMIA SANITARIA Realtà Medica n. 2/2010 Sarebbe necessaria maggiore attenzione in fase di programmazione economica e di allocazione delle risorse (lo afferma il 60% degli intervistati); e inoltre innalzare la capacità manageriale di chi gestisce la committenza pubblica (oltre il 47%). Infine sarebbe opportuno che le imprese operanti nella filiera della salute investissero di più, puntando a diventare più competitive e innovative (29,1%). La mattinata si è chiusa con gli interventi di Uwe Reinhardt, professore della Princeton University e Alistair McGuire, della Lond School of Economics, che hanno illustrato le esperienze dell estero. Nel pomeriggio, l ultima sessione del Convegno, moderata da Gino Gumirato, direttore amministrativo della Asl Roma E, ha visto la partecipazione di Antonio Cervero Guerrero, Director General de Gestión Económica Servicio Andaluz de Salud; Isabelle Durand-Zaleski, Chief of Public Health - Hôpital Henri Mondor, Paris; Mary Edwards, Chief Executive - Basingstoke and North Hampshire NHS Foundation Trust. In particolare il dott. Antonio Cervero Guerrero ha illustrato il Sistema Sanitario Pubblico della Comunidad dell Andalusia che risulta caratterizzato da: un portafoglio di servizi e prestazioni omologabili con il resto dei Sistemi Sanitari spagnoli e internazionali; un elevato livello di qualità testabile e accreditata; altamente apprezzata dai cittadini in generale e in modo particolare dai pazienti e dagli utenti, posizionandosi al primo posto nella graduatoria della valutazione delle politiche pubbliche da parte dei cittadini. Considerato, dall altro lato, il costo che ha per le casse pubbliche (9.798 milioni di euro per abitanti, ovvero euro/cittadino), ha affermato, senza alcuna vena polemica, «che ci troviamo di fronte a uno dei migliori e più efficienti modelli sanitari del mondo». Da un punto di vista macroeconomico, il PIL previsto per l Andalusia nel 2010 è di milioni di euro, e la spesa pubblica (Bilancio del Consiglio dell Andalusia per il 2010) di milioni di euro, circa il 23,8% del PIL. Dal Bilancio complessivo del Consiglio dell Andalusia, la spesa sanitaria rappresenta circa il 29,07%, e con riferimento al PIL generale il 6,71%; cifre che, senza bisogno di 9 Economia sanitaria

12 Economia sanitaria 10 alcun commento, giustificano l importanza sociale ed economica della Sanità nella Comunidad dell Andalusia. «Come ogni servizio pubblico, di carattere universale, prediletto a livello sociale, ha sottolineato Guerrero, è necessaria la sua conservazione come eredità da lasciare ai nostri figli e alle generazioni future ed è quindi imprescindibile garantirne la sostenibilità futura, sia in ambito sociale che economico: da un lato garantendo parametri di qualità globali accettabili; a un costo sopportabile in virtù della realtà. È pertanto necessario intraprendere riforme strutturali per raggiungere gli obiettivi sopra citati, ha poi detto, e permettere che il portafoglio dei servizi e delle prestazioni offerte e le risorse dedicate camminino di pari passo con la crescita reale dell economia e le esigenze della società. Per Guerrero, le riforme strutturali vengono pianificate verso tre direzioni fondamentali: riorganizzando il sistema in Unità di Gestione Clinica, come misura migliore per procedere verso il miglioramento della qualità dell assistenza, intesa in termini colloquiali garantire a ogni utente ciò che si deve garantire, né più né meno, nel momento in cui è necessario farlo, né prima né dopo, e mediante un livello di risorse e tecnologia disponibili in ogni momento. Questa strategia messa in moto da diversi anni, e che ha subito un accelerazione negli ultimi due anni, ha dato come frutto la maggior riduzione della spesa mai verificatasi dalla costituzione del Sistema, controllando e garantendone l accessibilità (riduzione dei ritardi nei tempi di risposta); riordinando tutte le linee di spesa in funzione della ricerca di soluzioni alternative tese a migliorare l efficienza del sistema, con l obiettivo che nell arco temporale di tre anni la spesa sanitaria dell Andalusia si allinei con i parametri del bilancio assegnato e venga eliminato il deficit di finanziamento, d altra parte comune alla maggioranza dei sistemi sanitari; esaminando il reddito con la finalità di sfruttare tutte le possibilità che in questo settore offre la più grande impresa dell Andalusia. «In conclusione, ha detto Guerrero, ottenere anche l equilibrio di carattere finanziario. Al termine di tale periodo, indipendentemente dall equilibrio tra reddito assegnato e spesa reale, dobbiamo sviluppare misure finanziarie per cancellare il debito sanitario e garantire che non riaffiori in futuro».

13 MEDICINA ESTETICA Realtà Medica n. 2/2010 La diatermia da contatto nella terapia delle adiposità localizzate e del sovrappeso distrettuale di Glauco Messina* Le sue applicazioni in ambito medico sono molteplici. La diatermia da contatto è la particolare terapia effettuata con una speciale apparecchiatura che impiega campi elettromagnetici medici e si utilizza su pazienti per intervenire su problematiche diverse. La diatermia capacitiva si basa sul principio dei campi elettromagnetici di frequenza elevata applicati ai tessuti dell organismo. L obiettivo è quello di incrementarne la temperatura interna e, di conseguenza, di indurre diversi effetti terapeutici. In parole più semplici, si tratta di un riscaldamento diffuso dei tessuti profondi attraverso uno spostamento di cariche elettriche. L effetto terapeutico che si ottiene è legato all aumento del flusso di sangue nel tessuto che, a sua volta, porta un miglioramento nel funzionamento degli organi interni, perché espellono tossine aiutando l intero organismo a lavorare meglio. Ecco perché la terapia è un ottimo alleato anche per chi ha problemi di sovrappeso, di adiposità localizzate o per chi soffre di ritenzione idrica. La terapia Tecar, acronimo che significa Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo, è conosciuta e apprezzata soprattutto in campo medico-sportivo e fisioterapico, consente di ottenere ottimi risultati in tempi rapidi anche in campo estetico: grazie alla sua capacità di indurre la riattivazione dei sistemi linfatico e circolatorio, con un maggior apporto sanguigno e perciò una migliore ossigenazione delle cellule, è una metodica realmente efficace nella cura del linfedema e della cellulite, e nella cura del viso, nella prevenzione e per alleviare i segni dell invecchiamento del viso. Notevoli *Endocrinologo, Istituto Neurotraumatologico Italiano, Divisione Grottaferrata (Roma); docente di Endocrinologia geriatrica Università di Perugia; membro dell Action plan for food and nutrition policy per l OMS Europa. 11 Medicina estetica

14 Medicina estetica 12 i risultati ottenibili nella riduzione dell edema dopo un intervento di chirurgia estetica, come ad esempio una rinoplastica o una liposuzione, come pure nel drenaggio e nell ossigenazione dei tessuti. LINFEDEMA E CELLULITE La sostanza fondamentale intercellulare rappresenta un distretto anatomo-funzionale di primaria importanza per gli scambi tra le cellule e la fittissima rete vascolare presente nel tessuto adiposo. La compressione provocata dal lipoedema e il rallentamento del flusso veno-linfatico nel microcircolo scatenano una reazione iperplastica dell interstizio, inibendo progressivamente gli scambi tra cellule e reticolo endotelio. L azione della diatermia da contatto libera l interstizio dall ingorgo edematoso, ripristinandone la permeabilità selettiva che normalizza l osmosi tra cellule e capillari. Lo spazio interstiziale viene così recuperato alle sue specifiche funzioni. Poiché per il particolare meccanismo d azione della diatermia da contatto, la superficie cutanea non è attraversata da alcuna forma di proiezione diretta di energia, tempo di applicazione e frequenza dei trattamenti non sono perciò condizionati da alcun surriscaldamento della cute, ma possono rispondere esclusivamente ai criteri di un corretto protocollo di trattamento. La duplice modalità, capacitiva e resistiva, della diatermia da contatto permette un azione selettiva e complementare su tutte le componenti anatomiche coinvolte dalla degenerazione cellulitica e linfedematosa. Sono affrontate in modo specifico, ma parimenti efficace, sia le alterazioni del distretto vascolare e cellulare (modalità capacitiva), sia quelle di tipo fibrotico riferibili al reticolo-endotelio e allo spazio intercellulare (modalità resistiva). Il trattamento con diatermia da contatto è indolore e piacevole: la sollecitazione che rimette in moto la biochimica del tessuto adiposo non richiede manipolazioni e pressioni dall esterno, ma si sviluppa a carico della componente elettrolitica del tessuto, attraverso le correnti di spostamento indotte dal trasferimento energetico capacitivo e resistivo. L azione progredisce così dall interno by-passando i recettori che veicolano la sensibilità dolorosa. La diatermia da contatto riesce a conciliare le opposte esigenze di un aggressione energica al problema cellulite senza risvegliare dolore. Ciò permette sedute intense e più frequenti che facilitano la radicale eliminazione dell inestetismo in breve tempo. Poiché la cellulite (più propriamente PEFS - Pannicolopatia Edemato-Fibro-Sclerotica) nasce da un disordine infiammatorio profondo del microcircolo, la diatermia da contatto inizia la sua azione proprio dalla riattivazione di questo delicato distretto vascolare. L elettrodo scivola dolcemente sulla cute, senza risvegliare dolore, agendo nelle differenti strutture colpite (microcircolo, adipociti, interstizio, gel mucopolisaccaridico): azione sul microcircolo Stimola una microiperemia che consente di superare il deficit arterio-arteriolare e di incrementare la velocità di flusso nei capillari. In questo modo si riduce la stasi microcircolatoria e regredisce l inondazione edematosa dell interstizio. azione sugli adipociti La ripresa del microcircolo innalza il gradiente termico ed enzimatico, riattivando così la lipolisi. Inoltre l attrito provocato dalle correnti di spostamento, prodotte dal movimento degli elettroliti all interno del tessuto, produce un aumento localizzato e omogeneo della temperatura, che ripristina il normale turn-over atto a mantenere sempre qualitativamente giovane il grasso contenuto negli adipociti. azione sul gel mucopolisaccaridico restituisce la corretta fluidità al gel sia intervenendo sulle sostanze che lo compongono, sia ripristinando la selettività di membrana che regola l osmosi fra i compartimenti endoluminale, vasale e interstiziale. efficacia sui noduli Le formazioni nodulari fibrosclerotiche sono

15 MEDICINA ESTETICA Realtà Medica n. 2/2010 la conseguenza più evidente del processo di destrutturazione che colpisce l impalcatura di sostegno della cute. Sotto l effetto dei fattori infiammatori, conseguenti al danno microcircolatorio, la sostanza fondamentale del derma diventa sede di processi chimici di perossidazione a carico delle fibrille collagene. Si formano così degli anomali ponti molecolari che inducono le fibrille a raggomitolarsi compattandosi in noduli fibrosi caratterizzati dal punto di vista elettrico da un elevato grado di resistività. La diatermia da contatto sfrutta questa loro caratteristica e utilizza la funzione resistiva concentrando direttamente la sua efficacia su questi gomitoli nodulari di fibrille connettivali sclerotizzati, abbattendo i legami molecolari abnormi e allentando così lo stiramento esercitato dai tralci connettivali sulla superficie cutanea. VISO ANTI-AGING In una pelle giovane l attività di rinnovamento compensa quella degenerativa: la pelle invecchia perché, col tempo, i processi di rinnovamento rallentano e non riescono più a compensare gli effetti dei processi degenerativi. Intervenendo direttamente su quei processi biologici che sostengono i meccanismi di invecchiamento cutaneo si ritrova immediatamente luminosità, elasticità ed equilibrio permettendo alla pelle di rimanere giovane. La diatermia da contatto non dà soluzioni artificiali e superficiali, ma stimola i meccanismi antietà a tornare efficacemente attivi: invece di mascherare gli effetti, si concentra sulle cause e allena la pelle del viso; per questo motivo i risultati sono più rapidi, profondi e stabili nel tempo. Sfruttando i principi del trasferimento capacitivo, si ottiene un maggior apporto sanguigno e perciò una migliore ossigenazione delle cellule, che agisce positivamente su tutto il metabolismo endocellulare e conseguentemente stimola le potenzialità rigenerative delle cellule stesse. La circolazione linfatica della zona trattata è migliorata e ciò favorisce lo smaltimento dei cataboliti tossici, primi fra tutti i radicali liberi. I principali effetti prodotti dalla diatermia da contatto, attraverso la riattivazione e stimolazione di tutti i processi naturali della pelle del viso, sono: levigatezza Ripristina il corretto turnover di defoliazione e rende liscia la pelle. luminosità Rivitalizza le attività metaboliche di ogni singola cellula. disintossicazione La vitalità cellulare migliora lo smaltimento di tossine. turgore Maggiore idratazione degli strati superficiali e arricchimento dello spessore cutaneo distensione delle fibre Le fibre connettivali ed elastiche si ricompongono per una migliore plasticità. Il risultato è subito evidente: la pelle diventa più turgida e distesa, le rughe si attenuano e l aspetto estetico complessivo appare visibilmente migliorato. La pelle è coinvolta nello spessore di tutti gli strati che la compongono. Ne consegue non solo un miglioramento estetico in superficie, ma una vera e propria spinta migliorativa globale grazie all innescarsi o velocizzarsi di meccanismi biologici a carattere rigenerativo rallentati dall invecchiamento. L epidermide risulta più fresca, luminosa e giovanile perché istologicamente composta da un maggior numero di cellule ricche di acqua e caratterizzate da un metabolismo intracitoplasmatico riattivato. Il tempo minimo per ottenere la stimolazione biologica è di venti minuti per una superficie equivalente a quella del viso. La frequenza delle sedute è in relazione alle condizioni del substrato biologico da trattare, ma si può indicare orientativamente in una o due sedute settimanali organizzate in cicli intensivi di quattro settimane che consentono di mantenere nel tempo gli effetti migliorativi. L indicazione del trattamento con la diatermia da contatto è duplice: preventiva per allontanare nel tempo i processi di sene- 13 Medicina estetica

16 mia da contatto aiuta a prevenire alcuni tipici effetti post-operatori, come la formazione di edemi ed ematomi. VISO CON EFFETTO LIFTING Medicina estetica 14 scenza tessutale e perciò idonea alla donna (e all uomo) ancora giovane che desidera conservare la sua pelle nelle condizioni ottimali di nutrizione, idratazione e ricambio; curativa per orientare verso una situazione di maggior equilibrio i processi del metabolismo cutaneo alterati dal passare degli anni e quindi adatta alla persona non più giovane che vuole migliorare il proprio aspetto e rendere la propria pelle più resistente alle aggressioni del tempo e dell ambiente esterno. Riassumendo la diatermia da contatto è di valido ausilio nelle seguenti condizioni: PRIMA E DOPO UN INTERVENTO DI CHIRURGIA ESTETICA La terapia con la diatermia da contatto, utilizzata nel decorso post-operatorio, accelera il recupero del paziente e gli consente di tornare, in tempi più veloci, alla sua vita di tutti i giorni. Ma la diatermia da contatto è un ottimo supporto anche prima di un intervento, proprio grazie alla sua capacità di rivascolarizzare i tessuti ovvero di stimolare al loro interno la formazione di nuovi vasi sanguigni. I tessuti, così rivitalizzati, risultano più idonei ad affrontare un operazione. Inoltre il trattamento preliminare con diater- Grazie alle proprietà di incremento del microcircolo, all ipervascolarizzazione degli strati profondi del derma e alla biostimolazione cellulare. La diatermia da contatto produce sulla cute degli effetti che rappresentano un completamento - se non, talvolta, addirittura un sostituto - del lifting. La densità interna del tessuto risulta aumentata mentre a livello superficiale la pelle appare più tesa, tonica e luminosa. AZIONE ANTICELLULITE Grazie al naturale incremento del metabolismo cellulare, la diatermia da contatto sconfigge la cellulite a livello strutturale. La cellulite nasce infatti da un disordine infiammatorio profondo del microcircolo. Da un lato, la diatermia da contatto rimette in funzione il microcircolo con il risultato di lenire l infiammazione. Dall altro, aumenta la temperatura interna, incrementando così i naturali processi di lipolisi che aiutano a sciogliere le formazioni nodulari di tipo fibrosclerotico: il fenomeno più evidente e fastidioso che si manifesta con la cellulite. BIBLIOGRAFIA 1) Gasbarro V, Medini C, Cataldi A, Soverini R, Teutonico C. Tecarterapia nei linfedemi degli arti inferiori: indicazioni, prime applicazioni cliniche e risultati. Tecarterapia 2003, ) Humatecar terapia. Tecar nella medicina estetica. 3) Humantecar tra bellezza e benessere.

17 CHIRURGIA OCULISTICA Realtà Medica n. 2/2010 Lenti intraoculari per cataratta e difetti di vista Gli interventi, eseguiti dal dott. Luca Iacobelli, responsabile del Servizio di Oftalmologia dell INI e pioniere di questa chirurgia, presso la Divisione INI Grottaferrata, sono tecnicamente più semplici e sicuri del sistema classico fino ad oggi usato. Occhiali addio grazie alle nuove lenti intraoculari, utilizzate per cataratta e difetti di vista. La chirurgia della cataratta, come è noto, consiste nell aspirare il cristallino opaco, dopo averlo frantumato con ultrasuoni, e introdurne uno artificiale. «Lo strumento che frantuma e aspira il cristallino precisa il dott. Luca Iacobelli, responsabile del Servizio di Oftalmologia dell INI e pioniere di questa chirurgia si chiama facoemulsificatore; il tutto avviene attraverso una microincisione e in anestesia con gocce. Già qui esiste la prima novità: ovvero non si usano più gli ultrasuoni, che seppur in maniera minima, potevano indurre danni alla cornea, ma si frantuma e si aspira il cristallino con un nuovo sistema di microvibrazioni della punta del facoemulsificatore, chiamato OZil». Tolta la cataratta, le lenti che venivano impiantate correggevano il difetto di vista presente precedentemente nell occhio, miopia o ipermetropia, ma non l astigmatismo o la presbiopia. «Oggi, continua Iacobelli, grazie a una nuova categoria di lenti intraoculari chiamate IOL o lenti Premium, è possibile correggere l astigmatismo associato quasi sempre a ipermetropia o miopia (IOL toriche), oppure la presbiopia (IOL multifocali Restor ), garantendo al paziente di vedere senza occhiali e con una qualità visiva senza precedenti. L intervento è tecnicamente più semplice e sicuro del sistema classico usato per l asportazione della cataratta, in quanto prevede che il tutto avvenga attraverso una microincisione ancora più piccola della precedente». Il secondo gruppo di nuove lenti intraoculari rientra nel capitolo della correzione dei difetti di vista (miopia, astigmatismo, ipermetropia)». «Questi, come sappiamo, prosegue il Responsabile del Servizio di Oftalmologia dell INI, possono essere eliminati con il laser ad eccimeri attraverso tecnica PRK personalizzata, o tecnica Lasik con laser a femtosecondi (ilasik)». Esiste però una serie di casi clinici nei quali il laser non è utilizzabile: cornea troppo sottile, difetti di vista troppo elevati, ritrattamenti di vecchi interventi. «Ebbene, in tutti questi casi, continua Iacobelli, si può impiantare una lente dentro l occhio che elimina il difetto di vista totale». «È come se venisse impiantata una lente a contatto dentro l occhio, il tutto in assoluta sicurezza, in modo indolore e reversibile, nel senso che può essere anche tolta in pochi minuti senza alcun danno permanente. Queste sono le nuove AcrySof Cachet, lenti pieghevoli con ampio range di correzione». «La mia esperienza con tutte queste nuove tecnologie, conclude Iacobelli, mi porta a dire che il paziente si trova davanti ad una nuova era della chirurgia oculistica e alla luce dei brillanti risultati ottenuti affronto tutti gli interventi di cataratta o di eliminazione dei difetti di vista, ove possibile, con queste nuove lenti Premium». (Red.) 15 Chirurgia Oculistica

18

19 DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Realtà Medica n. 2/2010 La patologia della spalla e del ginocchio Ragioniamo con il radiologo Medici, fisioterapisti, tecnici di radiologia devono sapersi confrontare con l imaging strumentale. Sembra infatti sempre più necessario che il medico abbia la necessaria conoscenza delle potenzialità diagnostiche delle singole metodiche diagnostiche al fine di approntare il più corretto iter diagnostico, anche in considerazione dei costi necessari per sostenerlo. Come operatori nel trattamento terapeutico di molte patologie del sistema muscolo-scheletrico, i fisioterapisti hanno la necessità non solo di interpretare l imaging, ma anche di conoscere le potenzialità delle singole metodiche al fine di contribuire al rispetto dei giusti protocolli diagnostici. Lo stesso livello informativo risulta nel contempo importante per l aggiornamento dei tecnici di radiologia, volto soprattutto alla conoscenza delle nuove acquisizioni dell imaging, nella patologia muscolo-scheletrica. Il fisioterapista nell attuare il protocollo terapeutico deve avere una conoscenza d immagine della regione anatomica da trattare al fine di pianificare l intervento e/o di valutarne l efficacia negli eventuali controlli radiologici. In alcuni casi il trattamento deve comprendere strutture muscoloscheletrico non direttamente implicate nel danno muscolo-scheletriche e che pertanto necessitano di una estemporanea valutazione diagnostica. Infine, come operatore paramedico il tecnico sanitario di radiologia deve avere una buona conoscenza dell anatomia radiologica e dei principali concetti semeiologici delle varie patologie che interessano il sistema muscolo-scheletrico al fine di valutare la buona riuscita della metodologia d esame. Il convegno dal titolo La patologia della spalla e del ginocchio nella diagnostica per immagini: ragioniamo con il radiologo che si è tenuto qualche tempo fa presso il Polo Universitario della Divisione INI Medicus di Tivoli (Strada Colle Ripoli, snc, Tivoli, Roma) ha risposto ai requisiti che si richiedono come testimonianza di un valido contributo per l aggiornamento dei medici e degli operatori paramedici che devono eseguire o saper interpretare le nuove metodologie di diagnostica strumentale. I temi trattati, come si può leggere nel resoconto giornalistico che segue, riflettono alcuni la valutazione della scelta terapeutica alla prima presentazione del caso indice da parte del medico, altri le indicazioni di orientamento di singole patologie in ambiente ospedaliero per il personale sanitario. ANATOMIA E BIOMECCANICA DELLA SPALLA è stato l argomento affrontato dal prof. Fulvio Rigato (Medico chirurgo, specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione, professore a contratto, Sapienza Università di Roma, già primario del Raggruppamento di Riabilitazione della Divisione Grottaferrata, Gruppo INI, Istituto Neurotraumatologico Italiano). «Cercheremo di affrontare il problema della spalla cercando di vederla come funzione fondamentalmente», ha detto Rigato. Per cui qualche piccolo raccordo anatomico è indispensabile». Il complesso articolare della spalla è costituito da: scapolo-omerale, acromion-clavicolare, sterno-costo-clavicolare, scapolo-toracica e, ultima, la sottodeltoidea, un articolazione nascosta, non dotata di grandi movimenti. 17 Diagnostica per immagini

20 e Anatomia biomeccanica della spalla Queste articolazioni vanno ad arricchirsi di annessi articolari, quali il tendine del bicipite, alcune strutture muscolari, ma soprattutto di strutture legamentose piuttosto importanti che sono gli elementi di connessione di questa articolazione: la cuffia dei rotatori con dei ventri muscolari ben delineati. Per capire meglio la biomeccanica di questa articolazione, occorre porsi una domanda, ha detto Rigato: cos è la spalla? È una realtà composta da relazioni che sono di carattere stabile all interno di un oggetto che poi si andrà a riflettere su quella che è la funzione dell articolazione stessa. Per quanto riguarda le articolazioni del cingolo scapolare, fondamentalmente ne abbiamo tre che sono quelle dotate di maggiore movimento: la prima articolazione costituita dalla gleno-omerale, con i movimenti di anteposizione, di retroposizione, i movimenti di abduzione, i movimenti di intraed extrarotazione compiuti appunto dalla glenoomerale; la sterno-costo-clavicolare, invece, ha movimenti di elevazione, noi siamo abituati a considerarli come tali, in realtà questa articolazione è un enantrosi funzionale nel senso che è dotata anch essa di tutti quei costituenti quali appunto un anteposizione e una retroposizione, un innalzamento, un abbassamento e movimento di circonduzione intorno a un perno costituito dalla testa della clavicola che va ad incunearsi nello sterno; un altra articolazione è caratterizzata da movimento di scivolamento che altro, quindi essere meno nobile, in realtà è l articolazione fondamentale della spalla perché non bisogna dimenticare la funzione fondamentale di questa articolazione. Che cosa fa? Va a proiettare nello spa-

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

RIGENERANTI. AGLI ENZIMI Trattamento efficace di rinnovamento cellulare, stimola il ricambio epidermico e rende la pelle luminosa ed elastica.

RIGENERANTI. AGLI ENZIMI Trattamento efficace di rinnovamento cellulare, stimola il ricambio epidermico e rende la pelle luminosa ed elastica. TRATTAMENTI VISO RIGENERANTI ESFOLIANTE attamento indicato per ottenere una pelle liscia, luminosa e elastica, previene o attenua gli inestetismi più comuni e diffusi. Rimuove le cellule morte, leviga

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group

Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group Le Le tecnologie tecnologie Baldan Baldan Group Group Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group Epilazione progressiva e permanente in totale sicurezza. Epilazione Pharma Epil progressiva System

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 OGGETTO: Approvazione atti di gara Aggiudicazione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli