D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali"

Transcript

1 ADD HOME D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali MOBILITY MANAGEMENT PER LE AREE RESIDENZIALI DALLA DIPENDENZA DALL AUTO A UNA SCELTA LIBERA Supported by: Il contenuto di questa pubblicazione è sotto la responsabilità esclusiva degli autori, e non rappresenta l opinione della Comunità Europea. La Commissione Europea non è responsabile per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute nel presente documento.

2 Indice INDICE... 2 Page 2 INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVO E FONDAMENTI DELLE ATTIVITÀ DI TRAINING DI ADD HOME... 3 STRUTTURA DELLE ATTIVITÀ DI TRAINING... 5 PARTECIPANTI ALLE ATTIVITÀ DI TRAINING... 6 FEEDBACK DAI PARTECIPANTI... 7 CHE COSA SI È IMPARATO... 9 CONCLUSIONI IL CONSORZIO ADD HOME... 12

3 Introduzione La presente guida riguarda le attività di training del progetto ADD HOME, rivolte ai principali target group.ogni partner era responsabile della pianificazione e della realizzazione dei propri training. I partner hanno inoltre potuto scegliere liberamente i contenuti, la struttura e i partecipanti delle attività. In ADD HOME sono state realizzate 25 sessioni nei diversi Paesi, con differenti impostazioni e vari partecipanti. La guida riguarda in generale le decisioni prese durante le attività di training, ma in particolare le esperienze realizzate dai partner e i feedback dei partecipanti. La lettura del documento consente di capire gli elementi alla base delle attività di training inerenti il mobility management nelle aree residenziali. Esso fornisce inoltre indicazioni su come sviluppare il tema della mobilità sostenibile, evidenziando i fattori necessari per raggiungere tale obiettivo. Tuttavia questa guida non insegna come strutturare il training sul mobility management in generale, ma si riferisce all approccio specifico di ADD HOME e su come riuscire ad applicarlo. Il testo si rivolge alle persone che hanno una conoscenza di base su come realizzare una sessione di training e che desiderano focalizzarsi sul tema del mobility management. Nei capitoli seguenti sono illustrati gli obiettivi, la struttura, i partecipanti e i loro feedback inerenti le attività di training; sono quindi presenti gli insegnamenti e le raccomandazioni apprese in tali occasioni. La guida si conclude con i punti più importanti e le aspettative future nell ambito del mobility management nelle aree residenziali. Page 3 Obiettivo e fondamenti delle attività di training di ADD HOME L obiettivo delle attività di training è stato il trasferimento di know-how in ciascuna realtà nazionale. Nei diversi Paesi i partner del progetto, attraverso le sessioni organizzate ovviamente nella lingua di riferimento, hanno trasferito il loro know-how ai soggetti interessati facenti parte del target group. Queste attività erano aperte a tutti. Uno degli obiettivi dei partner è stato quello di promuovere queste sessioni di training, così come anche la newsletter di ADD HOME e gli eventi del progetto IEE- PRO.MOTION hanno avuto tale scopo promozionale. I partner inoltre hanno potuto coinvolgere organizzazioni allargate per la promozione delle attività di formazione. Durante il training i formatori locali avevano il compito di illustrare ai partecipanti i temi e i risultati più importanti. Il contenuto può variare da una sessione all altra, in base alla tipologia di pubblico; ad esempio le società di gestione patrimoniale e gli esperti di territorio/mobilità avranno interessi diversi relativamente al tema del mobility management. In ADD HOME le attività di training sono state condotte singolarmente in ogni paese per due ragioni: innanzitutto per motivi linguistici. Secondariamente, le condizioni per lo sviluppo del mobility management nelle aree residenziali così come le condizioni normative sono differenti per ciascuna realtà nazionale. L organizzazione del training era stata pianificata in sessioni di tre giorni, ognuna con differenti target group:

4 1) Fornitori di trasporto e di mobilità, gestori dell energia, fornitori locali 2) Autorità pubbliche, esperti di mobilità/territorio, esperti della normativa 3) Associazioni residenti, società immobiliari e di costruzione. Alla pianificazione originariamente prevista, sono state preferite sessioni più brevi, concentrate in una giornata. Le ragioni per questa scelta sono state numerose: l esperienza dimostra che 3 giornate di sessione di training risultano essere poco attrattive per i partecipanti in quanto i costi in termini di tempo sono elevati. 3 giornate di sessione inoltre sono economicamente più dispendiose rispetto a giornate singole, in termini di preparazione ed organizzazione e per quanto riguarda il costo di trasferta dei trainer e dei partecipanti. Organizzare sessioni di training più brevi consente una maggior flessibilità per rispondere ai desideri del target group e alle esigenze del contesto locale. L unico vantaggio dei 3 giorni di sessione è la possibilità di portare avanti discussioni e lavori in maniera più intensa, tuttavia se le sessioni brevi vengono ben organizzate consentono comunque di lavorare in modo efficace. Avendo già avuto esperienza di sessioni lunghe, i partner hanno scelto di organizzare incontri della durata di un giorno. Nella maggior parte dei casi è stato ritenuto utile suddividere i target. L organizzazione di sessioni con diverse tipologie di target, infatti, può portare vantaggi in termini di scambio di punti di vista e di insegnamento reciproco. Tuttavia, un pubblico più omogeneo consente di condurre discussioni in maniera più rapida ed efficiente. Page 4

5 Struttura delle attività di training I partner di ADD HOME concordavano sul fatto che fosse più importante definire i principi guida delle attività di training, piuttosto che pianificare in modo dettagliato ciascuna sessione. La motivazione era da ricercarsi nel fatto che il training dovrebbe lasciar spazio anche agli interventi dei partecipanti. Questo può essere realizzato attraverso discussioni, dimostrazioni o workshop. La struttura delle sessioni di training ha definito inoltre gli elementi più importanti, tra cui: - Durata del training - Inclusione di case history, come esempi pratici (ad esempio le best practice analizzate durante il progetto ADD HOME) - Suggerimenti pratici (valutazioni / discussioni, simulazioni, analisi di esempi, sviluppo di idee, pianificazioni di campagne, visite didattiche ed altro ancora) - Elementi di discussione (per esempio quali sono i giusti argomenti per coinvolgere i decision makers?) - Materiale informativo (presentazioni Power Point di ADD HOME scaricabili dall E- Campus di ADD HOME). Tenendo in considerazione quanto detto prima, la maggior parte delle sessioni di training sono state pianificate in una o in mezza giornata. Come previsto, i decision makers sono riusciti a seguire più agevolmente le sessioni, così come è stato evidenziato dall interesse e dalla partecipazione di politici e pubblica amministrazione (vedi il capitolo sui partecipanti). Il partner ILS tuttavia, è riuscito di realizzare training in due giornate (con una pausa tra le sessioni) presso L Università Tecnica di Dortmund nell ambito del corso di pianificazione territoriale. Questo tipo di organizzazione è risultata vantaggiosa e pertanto potrebbe essere replicata. La maggior parte dei partner ha scelto la discussione come mezzo per favorire il coinvolgimento attivo dei partecipanti. Per quanto riguarda le discussioni, emerge che se il tempo non è sufficiente, sono i partecipanti stessi a prendersi il tempo necessario. Nel caso degli studenti, la struttura di training più adatta è quella che lascia ampio spazio alle discussioni di gruppo. Il training ha incluso anche dimostrazioni e prove delle realizzazioni condotte dagli stessi partecipanti (AMI), che hanno contribuito molto bene alla comprensione del tema studiato. Un altro esempio è rappresentato da dimostrazioni pratiche organizzate prima dell inizio delle sessioni. Con la collaborazione di una società professionista (LEV) per i servizi di training nell ambito energetico, FGM AMOR ha fornito ai partecipanti al training materiale informativo e questionari tematici. Questo è stato realizzato attraverso una piattaforma di e-learning fornita da LEV. Page 5

6 Partecipanti alle attività di training I partecipanti alle attività di training di ADD HOME sono stati 769. Nella maggior parte dei casi appartenevano ai target group di riferimento: - studenti di trasporto, ingegneria civile, architettura, pianificazione territoriale (studenti universitari e laureati ) e ricercatori universitari - decision makers come politici e operatori della pubblica amministrazione - fornitori di trasporto e di servizi di mobilità - esperti di mobilità/territorio - studenti delle scuole superiori e insegnanti - genitori degli studenti delle scuole superiori e insegnanti - società immobiliari e di costruzione - gestori dell energia. Soltanto i fornitori locali e le associazioni dei residenti non hanno partecipato alle attività di training di ADD HOME. Le associazioni degli abitanti sono state il target meno raggiunto dal training. Le ragioni potrebbero ricercarsi nel fatto che tali associazioni si occupano principalmente delle situazioni dei singoli residenti, piuttosto che interessarsi della pianificazione, implementazione e fornitura di servizi aggiuntivi; inoltre le stesse società di costruzione e gestione patrimoniale non hanno alcun obbligo alla realizzazione di tali misure. Di conseguenza sarebbe necessario una maggior coinvolgimento delle associazioni dei residenti per favorire questi interventi. Gran parte dei partecipanti alle sessioni di training sono stati politici, impiegati della pubblica amministrazione e studenti. L interesse da parte di politici e pubblica amministrazione dimostra l elevato potenziale delle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali: attraverso le sessioni è stato infatti più agevole dialogare con i decision makers relativamente a tali tematiche e ricevere allo stesso tempo un feed back positivo. AMI, ad esempio, ha coinvolto i politici in alcune sessioni di training, i quali successivamente hanno richiesto sia la presentazione sia l implementazione di analoghe misure sul territorio di loro competenza; ciò prova il successo del training di ADD HOME. Gli studenti rappresentano un target group molto importante per lo sviluppo della mobilità sostenibile. Le lezioni organizzate dalla varie facoltà universitarie in occasione delle sessioni di training, hanno consentito di integrare il tema del mobility management in una prospettiva di lungo termine. In questo modo, tali integrazioni dovrebbero diventare la regola e non essere casi sporadici, anche se quest impostazione non è sempre rispettata. Page 6

7 Feedback dai partecipanti I partecipanti agli eventi di training di ADD HOME hanno fornito diversi feedback in funzione, ovviamente, dei loro differenti punti di vista. I loro commenti sono stati: suggerimenti per migliorare le sessioni di training da un lato, e valutazioni dei contenuti proposti e della scelta dei metodi di lavoro, dall altro. Page 7 Valutazione da parte dei partecipanti La valutazione tiene conto del fatto che spesso il partner che ha organizzato il training, si accontentava di una discussione con il gruppo e viceversa. I partecipanti hanno fornito feedback del tipo: interesse per gli argomenti del training, indicazioni sul fatto che fino a quel momento non avevano avuto occasione di ottenere buone informazioni. In questo senso ci sono analogie dirette con i risultati dei ritorni ottenuti dalle attività di trasferimento di know-how. Alcuni partecipanti hanno detto di aver apprezzato principalmente l inquadramento teorico che è stato utilizzato nell affrontare l analisi del mobility management per le aree residenziali. Altre persone hanno apprezzato la varietà delle applicazioni realizzate portate come esempio durante le sessioni di training. I partecipanti hanno anche riconosciuto un accrescimento delle proprie conoscenze grazie ai contenuti discussi durante gli incontri. Questa affermazione è valida principalmente per gli alunni e gli studenti i quali hanno avuto occasione di accrescere la loro conoscenza dei servizi di mobilità, quali il car sharing, il car pooling e i servizi informativi sui trasporti. Gli studenti, che per queste scelte dipendono almeno in parte dai genitori, si sono resi conto che è più facile utilizzare i modelli di mobilità alternativi all uso della macchina privata, piuttosto che convincere i genitori della necessità dell acquisto di un auto aggiuntiva in famiglia. Questo può sembrare un incoraggiamento all utilizzo dell auto, ma considerando che comprarne una è sicuramente peggio e che grazie a queste forme condivise della macchina i giovani si avvicinano a una nuova e diversa cultura dell auto, tutto ciò può considerarsi un eccellente risultato. I genitori, dal canto loro, hanno dimostrato meno interesse verso queste tematiche visto che in uno specifico training a loro dedicato, hanno partecipato in numero abbastanza ristretto. Tuttavia i genitori che hanno partecipato si sono fatti parte attiva nel trasferire le informazioni del training a chi non vi aveva partecipato. Un ulteriore feedback da considerare è stato quello che attivarsi nei campi della mobilità e della residenzialità richiede particolare attenzione agli effetti che si produrranno sulle altre aree e in cooperazione con le altre attività. Avendo presenti queste necessità, l efficacia degli interventi sarà maggiore e si eviterà il rischio di insuccessi. In un caso un evento di training è citato in un documento ufficiale della Pubblica Amministrazione dove si esprime il supporto al progetto ed alle sue idee (training AMI) così come, seppur non formalmente, si dichiara l interesse per le misure di mobility management in altre aree residenziali. Come descritto sopra, le attività presentate spesso coincidono con le richieste dei politici di avere questo genere di attività/realizzazioni sul loro territorio. In particolare il sito di infomobilità di AMI è stato veramente apprezzato dalla classe politica. Suggerimenti dai partecipanti In effetti tutti i suggerimenti vanno nella stessa direzione: trattare argomenti legati a casi pratici. Di

8 conseguenza durante le sessioni di lavoro sono stati richiesti esempi ed attività per illustrare casi pratici. Ad esempio, i partecipanti desideravano avere input e dichiarazioni sui temi trattati direttamente dalla Pubblica Amministrazione che governa il territorio. Essi avrebbero gradito che le istituzioni si esprimessero circa il ruolo del mobility management per le aree residenziali nei loro rispettivi piani politici. Alcune sessioni di training hanno avuto come feedback il fatto che anche altri esempi non direttamente legati ai temi della residenzialità e della mobilità costituiscono temi interessanti mobilità. Un esempio è l inclusione in una sessione di training del tema dello Shared Space. Inoltre è stato richiesto materiale di ADD HOME relativo ad argomenti che non erano stati trattati durante la sessione. Un esempio è rappresentato dalla Guideline on mobility for construction endeavours realizzata dal Comune di Graz e da FGM-AMOR. Inoltre, i partecipanti hanno manifestato interesse per le esperienze degli altri partner di ADD HOME per le loro realizzazioni. Il feedback dei partecipanti ha mostrato affinità con quello di chi ha partecipato agli eventi di knowhow transfer riguardo a due punti: primo, il fatto che gli argomenti trattati erano nuovi ed hanno favorito abbastanza spesso intuizioni riguardo applicazioni pratiche. Il secondo: i partecipanti dei due gruppi hanno apprezzato i contenuti pratici trattati ovvero le attività di ADD HOME e le best practise identificate durante lo svolgimento del progetto Page 8

9 Che cosa si è imparato Durante i training di ADD HOME, i partner hanno potuto approfondire i seguenti aspetti: l organizzazione dei training, i contenuti da trattare, la definizione dei target group cui trasferire i concetti chiave di ADD HOME, le attività e i risultati, così come i concetti generali del mobility management per le aree residenziali. Uno tra i principali insegnamenti emersi è la necessità di una certa flessibilità nella struttura e nei contenuti del training che sono stati descritti in modo da lasciare i partner liberi sia nell organizzazione sia nella scelta di contenuti e partecipanti. Inoltre si è preso in considerazione la possibilità di scegliere e di integrare argomenti non specifici di ADD HOME, se questi possono essere di aiuto alle necessità dei training. Il concetto di flessibilità si è rivelato vincente, visto che il feedback che hanno ricevuto gli argomenti non direttamente legati al progetto è stato buono. Un altra cosa che si è imparata riguarda la tempistica della sessione di training che è correlata anche alla scelta del target group che partecipa all evento. Avere sessioni della durata massima di un giorno rappresenta un fattore di successo. Il numero dei gruppi da invitare cresce in funzione del numero di eventi organizzati e consente anche di avere sessioni di training più specifiche e quindi più interessanti per l audience. Concentrarsi su pochi gruppi di partecipanti nell ambito di una sessione di training permette una buona comprensione e favorisce la discussione. Tuttavia i gruppi di partecipanti di sessioni diverse possono essere molto eterogenei senza creare nessun problema. La diversificazione dei target group su più sessioni di training dovrebbe anche tenere conto delle diverse ragioni per cui le persone partecipano e dei vantaggi attesi, come utilizzare i know-how acquisiti per interessi individuali o collettivi. Poiché le necessità tendono ad essere specifiche è importante aumentare il carattere di omogeneità delle sessioni di training, intensificare le discussioni e scendere nei dettagli. Tuttavia questo non costituisce una contraddizione alla realizzazione di sessioni di training per gruppi più eterogenei. Ciò rappresenta un opportunità, così come indicato nella deliverable numero 8 di ADD HOME, per un audience che ha già un buon livello di conoscenza degli argomenti discussi. In funzione delle argomentazioni del paragrafo precedente, è importante specificare l obiettivo del training. La scelta dei partecipanti, l organizzazione delle sessioni di training così come il contenuto e le modalità di presentazione degli stessi dipendono dagli obiettivi che si vogliono raggiungere con il training. Suddividendo l obiettivo principale trasferire il know-how- in sottogruppi del tipo: motivare i nuovi comportamenti di mobilità sostenibile, informare circa nuovi settori di mercato o nuove aree di lavoro, presentare le opportunità offerte da una nuova cultura della mobilità, mostrare le iniziative di successo che possono essere replicate in altre realtà; tutto ciò può essere di aiuto per future progettazioni e realizzazioni di training. Tutti questi obiettivi di secondo livello rappresentano delle buone iniziative per trasferire le conoscenze ed inoltre adattare i contenuti alle esigenze dei rispettivi target group. I funzionari pubblici e i politici trovano molto utili le attività di training. In effetti, ciò rappresenta un occasione per far si che i decision maker possano apprendere circa i temi del mobility management per le aree residenziali e, allo stesso tempo proseguire con attività di presentazioni ed Page 9

10 esempi di best practise. La partecipazione dei politici al training può fornire un ulteriore vantaggio: è il supporto che i politici possono assicurare al progetto nel suo insieme ed alle attività di training in particolare. A questo riguardo, AMI ha ottenuto un aiuto a livello politico per le proprie attività, questo ha aperto alcune porte sia per la realizzazione delle attività di implementazione delle dimostrazioni, sia per l organizzazione delle sessioni di training. L intervento politico a favore delle attività di training ne ha facilitato l organizzazione ed ha consentito di aumentare il numero degli eventi. Un altro insegnamento, a livello generale, è la difficoltà a coinvolgere gli operatori del settore immobiliare che hanno affrontato faticosamente questi argomenti specifici e perfino quello del mobility management in generale. Rappresenta un buon suggerimento l organizzazione di training dedicati alle imprese di costruzione e gestione immobiliare o in alternativa la creazione di una sessione focalizzata su un argomento di loro interesse, come ad esempio la gestione degli spazi di parcheggio. In generale anche se è una ripetizione- le sessioni di training dovrebbero avere un contenuto pratico. Questo include due aspetti: concentrare il contenuto su questioni pratiche, come esempi tratti da best practice e attività realizzate direttamente, così come progettare la struttura dell evento in modo tale da evitare una comunicazione unilaterale. Un contenuto più teorico, come ad esempio la presentazione dell idea del progetto è accettabile, ma è necessario farlo contenendo i tempi. Anche se il programma della maggior parte degli eventi di training era strutturato in tal senso, le sessioni hanno lasciato ampio spazio per la discussione di gruppo. Page 10

11 Conclusioni Il training di ADD HOME ha rappresentato il mezzo migliore per la pianificazione e la realizzazione del know-how transfer relativamente al mobility management nelle aree residenziali. Il forte investimento di ADD HOME nella pianificazione delle attività di training è stato positivo, considerato il gran numero e l eterogeneità dei partecipanti che, in molti casi, hanno sentito parlare delle tematiche di ADD HOME per la prima volta. I partecipanti al training hanno riconosciuto l importanza della mobilità sostenibile per i complessi e le aree urbane. Gli insegnamenti derivanti dal training di ADD HOME hanno fornito alcune utili indicazioni sugli elementi di cui tener conto nella pianificazione delle sessioni di mobility management e sulle linee guida da seguire per migliorare le sessioni stesse e raggiungere gli obiettivi prefissati. Due sono stati i principali insegnamenti: il primo riguarda l importanza di avere i decision makers tra i partecipanti, come politici e rappresentanti della pubblica amministrazione. Questo ha un impatto su tre fronti: avere supporto a livello politico, creare consapevolezza tra soggetti che hanno potere decisionale e favorire la diffusione di tali misure. Inoltre, incrementare la partecipazione del settore immobiliare è determinante per il futuro di tali attività. Uno dei più importanti insegnamenti del progetto è il seguente: il tema della residenzialità all interno di ADD HOME necessita di uno sforzo maggiore per svilupparsi e non limitarsi alla realizzazione di poche attività e di casi isolati. Affinché il tema della mobilità sostenibile si sviluppi maggiormente, è necessario che le imprese immobiliari imparino alcune nozioni base sul mobility management e concepiscano in maniera nuova il concetto di accessibilità. Un approccio vincente per ulteriori sviluppi futuri è infatti quello di formare le società del settore immobiliare creando know-how sul tema del mobility management prima ancora di avviare la realizzazione delle misure stesse. Inoltre, le attività di training rappresentano solo l inizio di un cambiamento che dovrà essere più esteso. Il mobility management nelle aree residenziali necessita di un cambiamento dei comportamenti di mobilità così come emerso dai feedback dei partecipanti al training. Ciò, tuttavia richiede un grosso sforzo e alcune criticità possono rappresentare un ostacolo. Le criticità più rilevanti sono le normative vigenti, l attuale concetto della mobilità e il naturale contrasto tra i costruttori e la mobilità sostenibile. Tali criticità rappresentano delle forti barriere. In sintesi l idea è quella di creare una nuova cultura della mobilità! Il modo migliore per far questo, tenendo in considerazione anche gli aspetti della salute, è poter fare liberamente la scelta modale più conveniente direttamente dalla propria abitazione. Page 11

12 Il consorzio ADD HOME Forschungsgesellschaft Mobilität Austrian Mobility Research FGM-AMOR gem. GmbH (AT) Page 12 AMI Azienda Mobilità e Infrastrutture di Genova S.p.A. in liquidazione (IT) ILS Institut für Landes- und Stadtentwicklungsforschung ggmbh (DE) Rhomberg Bau GmbH (AT) Black Sea Regional Agency for Energy Management (BG) University of Maribor, Faculty of Civil Engineering (SI) Il contenuto di questa pubblicazione è sotto la responsabilità esclusiva degli autori, e non rappresenta l opinione della Comunità Europea. La Commissione Europea non è responsabile per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute nel presente documento.

D8 Report sulle attività di trasferimento Know-How a livello nazionale

D8 Report sulle attività di trasferimento Know-How a livello nazionale ADD HOME D8 Report sulle attività di trasferimento Know-How a livello nazionale MOBILITY MANAGEMENT PER LE AREE RESIDENZIALI DALLA DIPENDENZA DALL AUTO A UNA SCELTA LIBERA Supported by: Il contenuto di

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN REPORT DI SINTESI sul PEER-COACHING Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN Nel progetto SUSTAIN il peer coaching (coaching reciproco tra pari) è stato ideato come parte integrante della fase

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia istockphoto Contenuti Caro Lettore, Breve presentazione dei nostri servizi... 2 Creare una base di conoscenze

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo

Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo 1. Rilevanza del progetto Il progetto SLIC enfatizza il ruolo della formazione degli adulti come uno dei fattori fondamentali

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS Progetto In Vitro Progetto formativo Formazione degli operatori dei servizi sanitari, socio-educativi, bibliotecari e dei lettori volontari per la promozione della lettura da 6 mesi a 6 anni di vita Quadro

Dettagli

Report. Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi

Report. Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi notizie di POLITEIA, XXVI, 97, 2010. ISSN 1128-2401 pp. 145-149 145 Report Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi ALESSANDRO ZOLLO* Il progetto CREaTION

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH)

WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH) WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Scriviamo un racconto, insieme! Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH) Resoconto Obiettivi Il workshop si è svolto dal 15 al 17

Dettagli

E-learning. Struttura dei moduli formativi

E-learning. Struttura dei moduli formativi E-learning Per e-learning (o apprendimento on-line) s intende l uso delle tecnologie multimediali e di Internet per migliorare la qualità dell apprendimento facilitando l accesso alle risorse e ai servizi,

Dettagli

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Reparto Formazione di pratica professionale Gestire un portfolio Direttive Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Sommario 1. Introduzione 3 1.1 Storia del portfolio 3 1.2 Portfolio uno strumento d accompagnamento

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

BRANDED ENTERTAINMENT TRAINING PROGRAMME

BRANDED ENTERTAINMENT TRAINING PROGRAMME BRANDED ENTERTAINMENT TRAINING PROGRAMME BRANDED ENTERTAINMENT TRAINING PROGRAMME Lo scenario della comunicazione è in costante fermento e si evolve a ritmi molto veloci Il Branded Entertainment Executive

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro

Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro Ambito di competenza: formazione iniziale e continua Livello: 6 Credito: Capacità Conoscenze

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Programma delle attività 2008-09

Programma delle attività 2008-09 Programma delle attività 2008-09 1. Premessa Questo programma fa parte del "piano industriale" di rilancio della società consortile Proteus Progetti e riprende molti dei punti già enunciati nelle relazioni

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Adventure Training in Barca a Vela Dossier di presentazione

Adventure Training in Barca a Vela Dossier di presentazione Adventure Training in Barca a Vela Dossier di presentazione V 01 2005 GG Il valore di un idea sta nel metterla in pratica OLYMPOS Group - Via XXV aprile, 40 24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. +39 035332111

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI

GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI Informazioni didattiche e suggerimenti sull impiego della piattaforma didattica online di Moneyfit per la scuola elementare 2 o ciclo / media 1 o ciclo. INTRODUZIONE Il

Dettagli

Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione

Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione Progetto Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione Denominazione dell iniziativa: Mediterraneo. Lo specchio dell Altro III anno Ente promotore: CIPMO - Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI Nel presente questionario troverà un elenco di affermazioni riguardanti alcuni comportamenti riferiti alla sua attività professionale. Per ciascuna affermazione

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa

Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa Requisiti necessari all insegnamento della competenza informativa Contributi Dr. Philipp Stalder Hauptbibliothek Universität Zürich Responsabile del progetto Competenza Informativa presso e-lib.ch Nadja

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI

GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI GUIDA PER FORMATRICI E FORMATORI Informazioni e suggerimenti didattici per l impiego della piattaforma didattica online MoneyFit nella scuola elementare 2 ciclo / scuola media 1 ciclo INTRODUZIONE Il proprio

Dettagli

Questionario insegnante

Questionario insegnante Questionario insegnante Anno Scolastico 2014/15 INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini, 5 Villa Falconieri 00044 Frascati (Roma)

Dettagli

RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO

RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO Valorizzare competenze, potenziale e motivazione per il successo personale e aziendale RISOVERE IL SVILUPPARE LE CAPACITÀ DI TEAM WORKING E PROBLEM SOLVING IN GRUPPO www.ecfconsulenza.it Percorso Formativo:

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA Il 1 laboratorio GOPP del progetto DI.SCOL.A aveva l obiettivo generale di portare i partner di progetto a familiarizzare sulla

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea

a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea LA FORMAZIONE PER STUDENTI LEZIONI PRESSO IL PUNTO EUROPA VIAGGI DI ISTRUZIONE EVENTI PARTICOLARI EUROPEAN DAYS LA FORMAZIONE PER

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

IV Congresso SIe-L Facoltà di Scienze della Formazione Macerata, 4 6 luglio 2007

IV Congresso SIe-L Facoltà di Scienze della Formazione Macerata, 4 6 luglio 2007 IV Congresso SIe-L Facoltà di Scienze della Formazione Macerata, 4 6 luglio 2007 Dr. Antonio Cartelli Laboratorio di Tecnologie dell istruzione e dell apprendimento Dipartimento di Scienze umane e sociali

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma Questo paper ha la finalità di illustrare come gli utenti web dell Università Sapienza di Roma abbiano partecipato al percorso

Dettagli

Artability. Tlab - 2 interim report

Artability. Tlab - 2 interim report Artability Tlab - 2 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale che promuove lo scambio di buone pratiche per motivare le persone con disabilità a partecipare al processo

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 Caro lettore, La newsletter che hai nelle tue mani è l ultimo numero delle newsletter di MANERGY. Il progetto, iniziato nel Maggio del 2011, è infatti giunto al termine. Negli

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Corso introduttivo a International MBA (in Inglese)

Corso introduttivo a International MBA (in Inglese) Indice: Corso introduttivo a International MBA (in Inglese) Mini MBA in Ristorazione e Catering Mini-MBA in International Business (in Inglese) Mini MBA in Business Management per Artisti e Creativi Mini

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

I soggetti della Programmazione MED 2014-2020

I soggetti della Programmazione MED 2014-2020 I soggetti della Programmazione MED 2014-2020 Sommario Introduzione... 1 1. I soggetti della nuova Programmazione MED... 2 1.1. Obiettivi e metodologia... 2 1.2. Indicazioni emerse dall analisi precedente

Dettagli

La Certificazione epmq

La Certificazione epmq La Certificazione epmq Pier Paolo Maggi AICA pierpaolomaggi@aicanet.it Saper gestire progetti articolati, correlati con altre funzioni, saper tenere sotto controllo il loro andamento rispetto a tempi,

Dettagli

Ce.St.In.Geo. Centro Studi InternazionalI Geopolitica

Ce.St.In.Geo. Centro Studi InternazionalI Geopolitica Ce.St.In.Geo. Centro Studi InternazionalI Geopolitica a.s.. 2010/2011 2011 Ce.St.In.Geo. Centro Studi InternazionalI Geopolitica Concettualizzazione del Progetto 1. Perché la geopolitica La Geopolitica

Dettagli

*+, +* %-+./0. 10. 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, * + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#"+%7784*9 :;55. 5 76*,, $47*?...@ /

*+, +* %-+./0. 10. 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, * + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#+%7784*9 :;55. 5 76*,, $47*?...@ / ! "! $%&'$(%) *+, +* %-+./0. 10... 2%34 + + * ** 55 * + 55 + 6, $+56 * 2%34 + 5 55 + *4 6 + 4 * * + 55*+ * +%&#%#"+%7784*9 :;55. 5 5**9,* 76*,, 64*/"*5 $47*?...@ / A6A= 5$'#'7#$ 5 SOGGETTO QUALIFICATO

Dettagli

ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software

ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software Introduzione Da Febbraio 2013, data di lancio del progetto Smart-MED-Parks, sono state realizzate un insieme di azioni al fine di: - Aumentare il livello di

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

La lettura con la tecnica del Jigsaw

La lettura con la tecnica del Jigsaw La lettura con la tecnica del Jigsaw Abdelkrim Boussetta Centre Régional des métiers de l éducation et de la formation Rabat Per parecchio tempo l apprendimento è stato visto come un processo unidirezionale

Dettagli

CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55

CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55 CORSO INTENSIVO DI ALTA FORMAZIONE MEDIAZIONE INTERCULTURALE E GESTIONE DEI SERVIZI PER L IMMIGRAZIONE CATANIA, Centro Don Bosco La Playa, Viale Kennedy 55 DA LUNEDÌ 25 A VENERDÌ 29 MAGGIO 2015 in partnership

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Prot. N.3548 a/19 Atti Albo Pretorio Sito web PER I DOCENTI SCUOLA PRIMARIA (SECONDO BIENNIO) E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Estratto da articolo di Cornoldi e al., 2010: Il primo strumento compensativo per

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli