D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali"

Transcript

1 ADD HOME D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali MOBILITY MANAGEMENT PER LE AREE RESIDENZIALI DALLA DIPENDENZA DALL AUTO A UNA SCELTA LIBERA Supported by: Il contenuto di questa pubblicazione è sotto la responsabilità esclusiva degli autori, e non rappresenta l opinione della Comunità Europea. La Commissione Europea non è responsabile per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute nel presente documento.

2 Indice INDICE... 2 Page 2 INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVO E FONDAMENTI DELLE ATTIVITÀ DI TRAINING DI ADD HOME... 3 STRUTTURA DELLE ATTIVITÀ DI TRAINING... 5 PARTECIPANTI ALLE ATTIVITÀ DI TRAINING... 6 FEEDBACK DAI PARTECIPANTI... 7 CHE COSA SI È IMPARATO... 9 CONCLUSIONI IL CONSORZIO ADD HOME... 12

3 Introduzione La presente guida riguarda le attività di training del progetto ADD HOME, rivolte ai principali target group.ogni partner era responsabile della pianificazione e della realizzazione dei propri training. I partner hanno inoltre potuto scegliere liberamente i contenuti, la struttura e i partecipanti delle attività. In ADD HOME sono state realizzate 25 sessioni nei diversi Paesi, con differenti impostazioni e vari partecipanti. La guida riguarda in generale le decisioni prese durante le attività di training, ma in particolare le esperienze realizzate dai partner e i feedback dei partecipanti. La lettura del documento consente di capire gli elementi alla base delle attività di training inerenti il mobility management nelle aree residenziali. Esso fornisce inoltre indicazioni su come sviluppare il tema della mobilità sostenibile, evidenziando i fattori necessari per raggiungere tale obiettivo. Tuttavia questa guida non insegna come strutturare il training sul mobility management in generale, ma si riferisce all approccio specifico di ADD HOME e su come riuscire ad applicarlo. Il testo si rivolge alle persone che hanno una conoscenza di base su come realizzare una sessione di training e che desiderano focalizzarsi sul tema del mobility management. Nei capitoli seguenti sono illustrati gli obiettivi, la struttura, i partecipanti e i loro feedback inerenti le attività di training; sono quindi presenti gli insegnamenti e le raccomandazioni apprese in tali occasioni. La guida si conclude con i punti più importanti e le aspettative future nell ambito del mobility management nelle aree residenziali. Page 3 Obiettivo e fondamenti delle attività di training di ADD HOME L obiettivo delle attività di training è stato il trasferimento di know-how in ciascuna realtà nazionale. Nei diversi Paesi i partner del progetto, attraverso le sessioni organizzate ovviamente nella lingua di riferimento, hanno trasferito il loro know-how ai soggetti interessati facenti parte del target group. Queste attività erano aperte a tutti. Uno degli obiettivi dei partner è stato quello di promuovere queste sessioni di training, così come anche la newsletter di ADD HOME e gli eventi del progetto IEE- PRO.MOTION hanno avuto tale scopo promozionale. I partner inoltre hanno potuto coinvolgere organizzazioni allargate per la promozione delle attività di formazione. Durante il training i formatori locali avevano il compito di illustrare ai partecipanti i temi e i risultati più importanti. Il contenuto può variare da una sessione all altra, in base alla tipologia di pubblico; ad esempio le società di gestione patrimoniale e gli esperti di territorio/mobilità avranno interessi diversi relativamente al tema del mobility management. In ADD HOME le attività di training sono state condotte singolarmente in ogni paese per due ragioni: innanzitutto per motivi linguistici. Secondariamente, le condizioni per lo sviluppo del mobility management nelle aree residenziali così come le condizioni normative sono differenti per ciascuna realtà nazionale. L organizzazione del training era stata pianificata in sessioni di tre giorni, ognuna con differenti target group:

4 1) Fornitori di trasporto e di mobilità, gestori dell energia, fornitori locali 2) Autorità pubbliche, esperti di mobilità/territorio, esperti della normativa 3) Associazioni residenti, società immobiliari e di costruzione. Alla pianificazione originariamente prevista, sono state preferite sessioni più brevi, concentrate in una giornata. Le ragioni per questa scelta sono state numerose: l esperienza dimostra che 3 giornate di sessione di training risultano essere poco attrattive per i partecipanti in quanto i costi in termini di tempo sono elevati. 3 giornate di sessione inoltre sono economicamente più dispendiose rispetto a giornate singole, in termini di preparazione ed organizzazione e per quanto riguarda il costo di trasferta dei trainer e dei partecipanti. Organizzare sessioni di training più brevi consente una maggior flessibilità per rispondere ai desideri del target group e alle esigenze del contesto locale. L unico vantaggio dei 3 giorni di sessione è la possibilità di portare avanti discussioni e lavori in maniera più intensa, tuttavia se le sessioni brevi vengono ben organizzate consentono comunque di lavorare in modo efficace. Avendo già avuto esperienza di sessioni lunghe, i partner hanno scelto di organizzare incontri della durata di un giorno. Nella maggior parte dei casi è stato ritenuto utile suddividere i target. L organizzazione di sessioni con diverse tipologie di target, infatti, può portare vantaggi in termini di scambio di punti di vista e di insegnamento reciproco. Tuttavia, un pubblico più omogeneo consente di condurre discussioni in maniera più rapida ed efficiente. Page 4

5 Struttura delle attività di training I partner di ADD HOME concordavano sul fatto che fosse più importante definire i principi guida delle attività di training, piuttosto che pianificare in modo dettagliato ciascuna sessione. La motivazione era da ricercarsi nel fatto che il training dovrebbe lasciar spazio anche agli interventi dei partecipanti. Questo può essere realizzato attraverso discussioni, dimostrazioni o workshop. La struttura delle sessioni di training ha definito inoltre gli elementi più importanti, tra cui: - Durata del training - Inclusione di case history, come esempi pratici (ad esempio le best practice analizzate durante il progetto ADD HOME) - Suggerimenti pratici (valutazioni / discussioni, simulazioni, analisi di esempi, sviluppo di idee, pianificazioni di campagne, visite didattiche ed altro ancora) - Elementi di discussione (per esempio quali sono i giusti argomenti per coinvolgere i decision makers?) - Materiale informativo (presentazioni Power Point di ADD HOME scaricabili dall E- Campus di ADD HOME). Tenendo in considerazione quanto detto prima, la maggior parte delle sessioni di training sono state pianificate in una o in mezza giornata. Come previsto, i decision makers sono riusciti a seguire più agevolmente le sessioni, così come è stato evidenziato dall interesse e dalla partecipazione di politici e pubblica amministrazione (vedi il capitolo sui partecipanti). Il partner ILS tuttavia, è riuscito di realizzare training in due giornate (con una pausa tra le sessioni) presso L Università Tecnica di Dortmund nell ambito del corso di pianificazione territoriale. Questo tipo di organizzazione è risultata vantaggiosa e pertanto potrebbe essere replicata. La maggior parte dei partner ha scelto la discussione come mezzo per favorire il coinvolgimento attivo dei partecipanti. Per quanto riguarda le discussioni, emerge che se il tempo non è sufficiente, sono i partecipanti stessi a prendersi il tempo necessario. Nel caso degli studenti, la struttura di training più adatta è quella che lascia ampio spazio alle discussioni di gruppo. Il training ha incluso anche dimostrazioni e prove delle realizzazioni condotte dagli stessi partecipanti (AMI), che hanno contribuito molto bene alla comprensione del tema studiato. Un altro esempio è rappresentato da dimostrazioni pratiche organizzate prima dell inizio delle sessioni. Con la collaborazione di una società professionista (LEV) per i servizi di training nell ambito energetico, FGM AMOR ha fornito ai partecipanti al training materiale informativo e questionari tematici. Questo è stato realizzato attraverso una piattaforma di e-learning fornita da LEV. Page 5

6 Partecipanti alle attività di training I partecipanti alle attività di training di ADD HOME sono stati 769. Nella maggior parte dei casi appartenevano ai target group di riferimento: - studenti di trasporto, ingegneria civile, architettura, pianificazione territoriale (studenti universitari e laureati ) e ricercatori universitari - decision makers come politici e operatori della pubblica amministrazione - fornitori di trasporto e di servizi di mobilità - esperti di mobilità/territorio - studenti delle scuole superiori e insegnanti - genitori degli studenti delle scuole superiori e insegnanti - società immobiliari e di costruzione - gestori dell energia. Soltanto i fornitori locali e le associazioni dei residenti non hanno partecipato alle attività di training di ADD HOME. Le associazioni degli abitanti sono state il target meno raggiunto dal training. Le ragioni potrebbero ricercarsi nel fatto che tali associazioni si occupano principalmente delle situazioni dei singoli residenti, piuttosto che interessarsi della pianificazione, implementazione e fornitura di servizi aggiuntivi; inoltre le stesse società di costruzione e gestione patrimoniale non hanno alcun obbligo alla realizzazione di tali misure. Di conseguenza sarebbe necessario una maggior coinvolgimento delle associazioni dei residenti per favorire questi interventi. Gran parte dei partecipanti alle sessioni di training sono stati politici, impiegati della pubblica amministrazione e studenti. L interesse da parte di politici e pubblica amministrazione dimostra l elevato potenziale delle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali: attraverso le sessioni è stato infatti più agevole dialogare con i decision makers relativamente a tali tematiche e ricevere allo stesso tempo un feed back positivo. AMI, ad esempio, ha coinvolto i politici in alcune sessioni di training, i quali successivamente hanno richiesto sia la presentazione sia l implementazione di analoghe misure sul territorio di loro competenza; ciò prova il successo del training di ADD HOME. Gli studenti rappresentano un target group molto importante per lo sviluppo della mobilità sostenibile. Le lezioni organizzate dalla varie facoltà universitarie in occasione delle sessioni di training, hanno consentito di integrare il tema del mobility management in una prospettiva di lungo termine. In questo modo, tali integrazioni dovrebbero diventare la regola e non essere casi sporadici, anche se quest impostazione non è sempre rispettata. Page 6

7 Feedback dai partecipanti I partecipanti agli eventi di training di ADD HOME hanno fornito diversi feedback in funzione, ovviamente, dei loro differenti punti di vista. I loro commenti sono stati: suggerimenti per migliorare le sessioni di training da un lato, e valutazioni dei contenuti proposti e della scelta dei metodi di lavoro, dall altro. Page 7 Valutazione da parte dei partecipanti La valutazione tiene conto del fatto che spesso il partner che ha organizzato il training, si accontentava di una discussione con il gruppo e viceversa. I partecipanti hanno fornito feedback del tipo: interesse per gli argomenti del training, indicazioni sul fatto che fino a quel momento non avevano avuto occasione di ottenere buone informazioni. In questo senso ci sono analogie dirette con i risultati dei ritorni ottenuti dalle attività di trasferimento di know-how. Alcuni partecipanti hanno detto di aver apprezzato principalmente l inquadramento teorico che è stato utilizzato nell affrontare l analisi del mobility management per le aree residenziali. Altre persone hanno apprezzato la varietà delle applicazioni realizzate portate come esempio durante le sessioni di training. I partecipanti hanno anche riconosciuto un accrescimento delle proprie conoscenze grazie ai contenuti discussi durante gli incontri. Questa affermazione è valida principalmente per gli alunni e gli studenti i quali hanno avuto occasione di accrescere la loro conoscenza dei servizi di mobilità, quali il car sharing, il car pooling e i servizi informativi sui trasporti. Gli studenti, che per queste scelte dipendono almeno in parte dai genitori, si sono resi conto che è più facile utilizzare i modelli di mobilità alternativi all uso della macchina privata, piuttosto che convincere i genitori della necessità dell acquisto di un auto aggiuntiva in famiglia. Questo può sembrare un incoraggiamento all utilizzo dell auto, ma considerando che comprarne una è sicuramente peggio e che grazie a queste forme condivise della macchina i giovani si avvicinano a una nuova e diversa cultura dell auto, tutto ciò può considerarsi un eccellente risultato. I genitori, dal canto loro, hanno dimostrato meno interesse verso queste tematiche visto che in uno specifico training a loro dedicato, hanno partecipato in numero abbastanza ristretto. Tuttavia i genitori che hanno partecipato si sono fatti parte attiva nel trasferire le informazioni del training a chi non vi aveva partecipato. Un ulteriore feedback da considerare è stato quello che attivarsi nei campi della mobilità e della residenzialità richiede particolare attenzione agli effetti che si produrranno sulle altre aree e in cooperazione con le altre attività. Avendo presenti queste necessità, l efficacia degli interventi sarà maggiore e si eviterà il rischio di insuccessi. In un caso un evento di training è citato in un documento ufficiale della Pubblica Amministrazione dove si esprime il supporto al progetto ed alle sue idee (training AMI) così come, seppur non formalmente, si dichiara l interesse per le misure di mobility management in altre aree residenziali. Come descritto sopra, le attività presentate spesso coincidono con le richieste dei politici di avere questo genere di attività/realizzazioni sul loro territorio. In particolare il sito di infomobilità di AMI è stato veramente apprezzato dalla classe politica. Suggerimenti dai partecipanti In effetti tutti i suggerimenti vanno nella stessa direzione: trattare argomenti legati a casi pratici. Di

8 conseguenza durante le sessioni di lavoro sono stati richiesti esempi ed attività per illustrare casi pratici. Ad esempio, i partecipanti desideravano avere input e dichiarazioni sui temi trattati direttamente dalla Pubblica Amministrazione che governa il territorio. Essi avrebbero gradito che le istituzioni si esprimessero circa il ruolo del mobility management per le aree residenziali nei loro rispettivi piani politici. Alcune sessioni di training hanno avuto come feedback il fatto che anche altri esempi non direttamente legati ai temi della residenzialità e della mobilità costituiscono temi interessanti mobilità. Un esempio è l inclusione in una sessione di training del tema dello Shared Space. Inoltre è stato richiesto materiale di ADD HOME relativo ad argomenti che non erano stati trattati durante la sessione. Un esempio è rappresentato dalla Guideline on mobility for construction endeavours realizzata dal Comune di Graz e da FGM-AMOR. Inoltre, i partecipanti hanno manifestato interesse per le esperienze degli altri partner di ADD HOME per le loro realizzazioni. Il feedback dei partecipanti ha mostrato affinità con quello di chi ha partecipato agli eventi di knowhow transfer riguardo a due punti: primo, il fatto che gli argomenti trattati erano nuovi ed hanno favorito abbastanza spesso intuizioni riguardo applicazioni pratiche. Il secondo: i partecipanti dei due gruppi hanno apprezzato i contenuti pratici trattati ovvero le attività di ADD HOME e le best practise identificate durante lo svolgimento del progetto Page 8

9 Che cosa si è imparato Durante i training di ADD HOME, i partner hanno potuto approfondire i seguenti aspetti: l organizzazione dei training, i contenuti da trattare, la definizione dei target group cui trasferire i concetti chiave di ADD HOME, le attività e i risultati, così come i concetti generali del mobility management per le aree residenziali. Uno tra i principali insegnamenti emersi è la necessità di una certa flessibilità nella struttura e nei contenuti del training che sono stati descritti in modo da lasciare i partner liberi sia nell organizzazione sia nella scelta di contenuti e partecipanti. Inoltre si è preso in considerazione la possibilità di scegliere e di integrare argomenti non specifici di ADD HOME, se questi possono essere di aiuto alle necessità dei training. Il concetto di flessibilità si è rivelato vincente, visto che il feedback che hanno ricevuto gli argomenti non direttamente legati al progetto è stato buono. Un altra cosa che si è imparata riguarda la tempistica della sessione di training che è correlata anche alla scelta del target group che partecipa all evento. Avere sessioni della durata massima di un giorno rappresenta un fattore di successo. Il numero dei gruppi da invitare cresce in funzione del numero di eventi organizzati e consente anche di avere sessioni di training più specifiche e quindi più interessanti per l audience. Concentrarsi su pochi gruppi di partecipanti nell ambito di una sessione di training permette una buona comprensione e favorisce la discussione. Tuttavia i gruppi di partecipanti di sessioni diverse possono essere molto eterogenei senza creare nessun problema. La diversificazione dei target group su più sessioni di training dovrebbe anche tenere conto delle diverse ragioni per cui le persone partecipano e dei vantaggi attesi, come utilizzare i know-how acquisiti per interessi individuali o collettivi. Poiché le necessità tendono ad essere specifiche è importante aumentare il carattere di omogeneità delle sessioni di training, intensificare le discussioni e scendere nei dettagli. Tuttavia questo non costituisce una contraddizione alla realizzazione di sessioni di training per gruppi più eterogenei. Ciò rappresenta un opportunità, così come indicato nella deliverable numero 8 di ADD HOME, per un audience che ha già un buon livello di conoscenza degli argomenti discussi. In funzione delle argomentazioni del paragrafo precedente, è importante specificare l obiettivo del training. La scelta dei partecipanti, l organizzazione delle sessioni di training così come il contenuto e le modalità di presentazione degli stessi dipendono dagli obiettivi che si vogliono raggiungere con il training. Suddividendo l obiettivo principale trasferire il know-how- in sottogruppi del tipo: motivare i nuovi comportamenti di mobilità sostenibile, informare circa nuovi settori di mercato o nuove aree di lavoro, presentare le opportunità offerte da una nuova cultura della mobilità, mostrare le iniziative di successo che possono essere replicate in altre realtà; tutto ciò può essere di aiuto per future progettazioni e realizzazioni di training. Tutti questi obiettivi di secondo livello rappresentano delle buone iniziative per trasferire le conoscenze ed inoltre adattare i contenuti alle esigenze dei rispettivi target group. I funzionari pubblici e i politici trovano molto utili le attività di training. In effetti, ciò rappresenta un occasione per far si che i decision maker possano apprendere circa i temi del mobility management per le aree residenziali e, allo stesso tempo proseguire con attività di presentazioni ed Page 9

10 esempi di best practise. La partecipazione dei politici al training può fornire un ulteriore vantaggio: è il supporto che i politici possono assicurare al progetto nel suo insieme ed alle attività di training in particolare. A questo riguardo, AMI ha ottenuto un aiuto a livello politico per le proprie attività, questo ha aperto alcune porte sia per la realizzazione delle attività di implementazione delle dimostrazioni, sia per l organizzazione delle sessioni di training. L intervento politico a favore delle attività di training ne ha facilitato l organizzazione ed ha consentito di aumentare il numero degli eventi. Un altro insegnamento, a livello generale, è la difficoltà a coinvolgere gli operatori del settore immobiliare che hanno affrontato faticosamente questi argomenti specifici e perfino quello del mobility management in generale. Rappresenta un buon suggerimento l organizzazione di training dedicati alle imprese di costruzione e gestione immobiliare o in alternativa la creazione di una sessione focalizzata su un argomento di loro interesse, come ad esempio la gestione degli spazi di parcheggio. In generale anche se è una ripetizione- le sessioni di training dovrebbero avere un contenuto pratico. Questo include due aspetti: concentrare il contenuto su questioni pratiche, come esempi tratti da best practice e attività realizzate direttamente, così come progettare la struttura dell evento in modo tale da evitare una comunicazione unilaterale. Un contenuto più teorico, come ad esempio la presentazione dell idea del progetto è accettabile, ma è necessario farlo contenendo i tempi. Anche se il programma della maggior parte degli eventi di training era strutturato in tal senso, le sessioni hanno lasciato ampio spazio per la discussione di gruppo. Page 10

11 Conclusioni Il training di ADD HOME ha rappresentato il mezzo migliore per la pianificazione e la realizzazione del know-how transfer relativamente al mobility management nelle aree residenziali. Il forte investimento di ADD HOME nella pianificazione delle attività di training è stato positivo, considerato il gran numero e l eterogeneità dei partecipanti che, in molti casi, hanno sentito parlare delle tematiche di ADD HOME per la prima volta. I partecipanti al training hanno riconosciuto l importanza della mobilità sostenibile per i complessi e le aree urbane. Gli insegnamenti derivanti dal training di ADD HOME hanno fornito alcune utili indicazioni sugli elementi di cui tener conto nella pianificazione delle sessioni di mobility management e sulle linee guida da seguire per migliorare le sessioni stesse e raggiungere gli obiettivi prefissati. Due sono stati i principali insegnamenti: il primo riguarda l importanza di avere i decision makers tra i partecipanti, come politici e rappresentanti della pubblica amministrazione. Questo ha un impatto su tre fronti: avere supporto a livello politico, creare consapevolezza tra soggetti che hanno potere decisionale e favorire la diffusione di tali misure. Inoltre, incrementare la partecipazione del settore immobiliare è determinante per il futuro di tali attività. Uno dei più importanti insegnamenti del progetto è il seguente: il tema della residenzialità all interno di ADD HOME necessita di uno sforzo maggiore per svilupparsi e non limitarsi alla realizzazione di poche attività e di casi isolati. Affinché il tema della mobilità sostenibile si sviluppi maggiormente, è necessario che le imprese immobiliari imparino alcune nozioni base sul mobility management e concepiscano in maniera nuova il concetto di accessibilità. Un approccio vincente per ulteriori sviluppi futuri è infatti quello di formare le società del settore immobiliare creando know-how sul tema del mobility management prima ancora di avviare la realizzazione delle misure stesse. Inoltre, le attività di training rappresentano solo l inizio di un cambiamento che dovrà essere più esteso. Il mobility management nelle aree residenziali necessita di un cambiamento dei comportamenti di mobilità così come emerso dai feedback dei partecipanti al training. Ciò, tuttavia richiede un grosso sforzo e alcune criticità possono rappresentare un ostacolo. Le criticità più rilevanti sono le normative vigenti, l attuale concetto della mobilità e il naturale contrasto tra i costruttori e la mobilità sostenibile. Tali criticità rappresentano delle forti barriere. In sintesi l idea è quella di creare una nuova cultura della mobilità! Il modo migliore per far questo, tenendo in considerazione anche gli aspetti della salute, è poter fare liberamente la scelta modale più conveniente direttamente dalla propria abitazione. Page 11

12 Il consorzio ADD HOME Forschungsgesellschaft Mobilität Austrian Mobility Research FGM-AMOR gem. GmbH (AT) Page 12 AMI Azienda Mobilità e Infrastrutture di Genova S.p.A. in liquidazione (IT) ILS Institut für Landes- und Stadtentwicklungsforschung ggmbh (DE) Rhomberg Bau GmbH (AT) Black Sea Regional Agency for Energy Management (BG) University of Maribor, Faculty of Civil Engineering (SI) Il contenuto di questa pubblicazione è sotto la responsabilità esclusiva degli autori, e non rappresenta l opinione della Comunità Europea. La Commissione Europea non è responsabile per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute nel presente documento.

Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile

Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile Note legali: La responsabilità per il contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Esso non necessariamente riflette

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli