Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo"

Transcript

1 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Informazione per Tecnici e Terapisti

2 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Premessa Free Walk - che significa cammino libero, rappresenta l aspettativa più importante che si può avere da un ortesi. L ortesi deve infatti supportare il peso del paziente completamente per un momento in fase statica, e, al tempo stesso, deve consentire la mobilità del ginocchio durante la fase dinamica. Negli ultimi anni lo sviluppo delle articolazioni di ginocchio libere in fase dinamica ha inaugurato una nuova era per le ortesi. L ortesi Free Walk è il primo sistema ortesico intelligente che offre molteplici possibilità di impiego e di esperienze. La realizzazione di ortesi individuali richiede dispositivi per arto inferiore che favoriscano la stabilità dei pazienti in fase statica e che diano sollievo per patologie come artrosi e malattie neuromuscolari. Mary Jerell nella sua ricerca nel 2004 ha riportato i seguenti risultati: il 20% dei pazienti affetti da sindrome post-polio sono i candidati per ortesi con controllo in fase statica. Questo caso di patologia neuromuscolare dimostra che l ortesizzazione di pazienti con ortesi con bloccaggio svizzero collocato posteriormente, o con anelli di bloccaggio, rappresenta una soluzione non più accettabile al giorno d oggi, dato che tali componenti immobilizzano il ginocchio senza necessità. La ricerca ha dimostrato piuttosto che 1/5 dei pazienti poteva utilizzare un ortesi con articolazione di ginocchio libera in fase dinamica, con notevole miglioramento dello schema del cammino a livello neuromuscolare e in termini di energia muscolare. I pazienti con ortesi libere in fase dinamica consumano inoltre minore energia rispetto ai pazienti con dispositivi rigidi e sono colpiti in misura minore da danni all apparato locomotore e alle articolazioni principali.

3 L ortesi migliore è comunque inutile se non è corredata da istruzioni d uso e corsi qualificati e professionali. Questa brochure non è un manuale completo di istruzioni d uso; è rivolto sia ai terapisti esperti sia ai meno esperti e fornisce consigli e indicazioni per un ortesizzazione ottimale con Free Walk. Per non incorrere nella contraddizione Correttamente realizzato, ma scarsamente utile, l ortesizzazione deve avvenire in accordo con i requisiti e i parametri fissati dall industria ortopedica, dai tecnici ortopedici, dai fisioterapisti e dai medici. La nostra esperienza con Free Walk negli ultimi 3 anni ha dimostrato che i pazienti apprezzano immediatamente l ortesi per la sua forma e per il suo peso. Tuttavia il fattore cruciale per la mobilità del paziente è la convizione e la qualifica del fisioterapista. Non ha senso valutare ed eventualmente non incoraggiare un prodotto tecnico medico costoso per ragioni economiche, offrendo un training terapeutico scarso o inesistente. Si consiglia ai pazienti di testare i limiti della fase dinamica con l ortesi coscia-gamba-piede nella vita quotidiana, per es. in attività come stare seduti, salire le scale, sedersi, salire in macchina o praticare sport. In tal modo, i pazienti comprenderanno i vantaggi dell ortesi Free Walk nella vita di tutti i giorni. Questa fase di test include anche l applicazione, l utilizzo e il cammino con l ortesi ed è fondamentale per avere successivamente un risultato ottimale. è un riferimento valido sia per i pazienti che per i terapisti, aiutandoli nella fase di transizione fino all uso indipendente e quotidiano di Free Walk, una volta che l ortesizzazione è terminata da parte del tecnico ortopedico e del fisioterapista. Auguro a tutti i terapisti e ai pazienti un grande successo. Infine, vorrei invitarvi ad essere fiduciosamente tenaci nel perseguire un importante obiettivo terapeutico con l utilizzo di Free Walk. Dr. med. Axel Ruetz Responsabile di fisioterapia del reparto di Ortopedia Tecnica Hufeland-Klinik Bad Ems Con grande piacere vi presento questa brochure, che auspico dia benifici ai pazienti che utilizzano già un ortesi Free Walk e a chi, per via dei progressi e delle nuove indicazioni e controindicazioni, richiede l esperienza di fisioterapisti esperti. Questa brochure

4 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Contenuto: Premessa Pag. 2 Capitolo 1 Introduzione Pag. 5 Capitolo 2 Funzionamento Pag. 6 Biomeccanica del passo fisiologico Pag. 8 Ciclo del passo con la Free Walk Pag. 9 Capitolo 3 Indicazioni terapeutiche Pag. 7 Capitolo 4 Requisiti e terapia per l applicazione della Free Walk Pag. 10 Capitolo 5 Utilizzo dell ortesi ed esercizi iniziali Pag. 20 Capitolo 6 Training specifico del passo con la Free Walk Pag. 23 Capitolo 7 Attività di vita quotidiana Pag. 28 Capitolo 8 Domande frequenti Pag. 31 4

5 Introduzione Con Free Walk il passo è armonico e la fase statica è sicura: questa particolare ortesi Otto Bock blocca l articolazione di ginocchio durante la fase statica e si sblocca durante la fase dinamica; ciò consente al paziente di flettere la gamba, utilizzando minore energia durante il cammino. L ortesi leggera e stabile Free Walk, grazie al suo funzionamento, riduce il carico sulla colonna vertebrale, sulle articolazioni d anca e di ginocchio. Si applica e si toglie con facilità ed assicura ai pazienti sicurezza, stabilità e soprattutto mobilità. L ortesi Free Walk è stata ideata per pazienti che, a causa di paralisi parziali o deficit muscolari completi degli estensori del ginocchio, non sono in grado di stabilizzare il ginocchio senza movimenti di compensazione. Per esempio, le articolazioni di ginocchio vengono spesso stabilizzate mediante iperestensione eseguita da un movimento di compensazione dei glutei (per es. quando il piede tocca il suolo, l estensione dell anca comporta l estensione del ginocchio). Come conseguenza, insorgono col passare del tempo gravi instabilità dei legamenti e artrosi all articolazione del ginocchio. L ortesi Free Walk coadiuva la correzione di questi movimenti non fisiologici, consentendo al paziente di riacquistare un passo più naturale possibile. 5

6 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Funzione e benefici terapeutici Con l ortesi Free Walk il passo è armonico e molto vicino a quello fisiologico. Al tempo stesso viene garantita la sicurezza e la massima stabilità in fase statica. Uno speciale sistema controlla l articolazione meccanica di ginocchio, attraverso il movimento dell articolazione tibiotarsica. L ortesi si sblocca automaticamente quando il paziente, durante il cammino, estende il ginocchio poco prima di staccare l avampiede dal terreno; ciò provoca un estensione dorsale dell articolazione malleolare, permettendo al paziente di flettere la gamba e di deambulare liberamente. Una volta che il ginocchio è esteso nuovamente, proprio prima del contatto del tallone col suolo, l articolazione dell ortesi si blocca automaticamente ed il paziente è in grado di camminare con sicurezza e di stare in piedi con stabilità. Inoltre, l ortesi Free Walk è dotata di uno sbloccaggio manuale che si può utilizzare per es. per sedersi. In tal modo, anche i pazienti con paresi e paralisi di arto inferiore con Free Walk possono avere maggiore mobilità. Free Walk offre anche molteplici vantaggi terapeutici per i pazienti affetti da paralisi: previene le contratture e i danneggiamenti delle articolazioni a seguito di immobilizzazione e riduce l atrofia muscolare. Tra i benefici, abbiamo anche il mantenimento dell efficienza cardiovascolare per le attività quotidiane. In caso di patologie che colpiscono il sistema nervoso centrale, viene assistita la trasmissione delle funzioni tra le aree del cervello non colpite nel ripristino delle funzioni (neuro-plasticità, riorganizzazione della corteccia cerebrale). In tal modo, l ortesi Free Walk favorisce la (re)-integrazione sociale e professionale del paziente. 6

7 Indicazioni cliniche Il trattamento con l ortesi Free Walk è indicato in caso di paresi o paralisi muscolari di gruppi di muscoli di arto inferiore. Queste possono emergere a seguito delle seguenti patologie: Disordini del sistema nervoso centrale: Stroke Esiti di tumore cerebrale Sindrome post-encefalica Esiti di trauma cranico Sclerosi multipla Atassia cerebro spinale Miopatie: Distrofia muscolare Esiti di polimiosite/dermatomiosite Altre miopatie (anche in relazione ad altre patologie come ad esempio miopatia-cushing) Patologie del sistema nervoso periferico: Patologie del midollo spinale: Paraplegia incompleta Sindrome da lesione midollare incompleta (Sindrome Brown-Séquard) In seguito a tumore al midollo spinale e alle meningi Stato post-mielite trasversa Paralisi spinale spastica progressiva (Erb-Charcot-Strümpell) Sclerosi laterale amiotrofica (SLA) Atrofia muscolare spinale progressiva Esiti di poliomielite Sindrome post-polio Malattie degenerative (per esempio stenosi del canale rachideo, stenosi del foro intervertebrale, spondilolistesi) Anomalie del midollo spinale (per es. danneggiamenti dell arco vertebrale con spondilolistesi, spina bifida aperta, meningocele, mielomeningocele) Mielosi funicolare Siringomielia Atrofia muscolare neurale Sindrome arteria spinale anteriore Sindrome radicolare e mono radicolari (per es. stato seguente ad ernia del disco intervertebrale, radicolite e polineuroradicolite, sindrome Guillain- Barré) Esiti di lesione del plesso lombare e sacrale Lesione dei nervi periferici (per es. N. femorale, N. ischiatico, N. tibiale, N. otturatorio, Nn. gluteo superiore e inferiore) Polineuropatie (per esempio polineuropatia diabetica asimmetrica, neuropatia da alcool, polineuropatie parainfettive e paraneoplastiche) 7

8 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Biomeccanica del passo fisiologico Il ciclo del passo comprende la fase statica e dinamica. La fase statica inizia quando il tallone tocca il suolo e termina quando l avampiede si stacca dal terreno. La fase dinamica inizia dal distacco dell avampiede dal suolo e termina quando il tallone tocca il suolo. La fase statica ha inizio quando il tallone viene a contatto con il terreno. In questo momento, il ginocchio viene controllato dai muscoli antigravitari. Quando l arto inizia a sorreggere il peso, il ginocchio viene stabilizzato dai muscoli estensori della coscia. Nella fase di mid-stance, la coscia e i muscoli della gamba stabilizzano la gamba fino al termine della fase statica. Durante quest ultima fase, il ciclo del passo viene portato a completamento esclusivamente dai muscoli della gamba. Nel passo normale, gli estensori della coscia hanno un importante funzione di supporto durante la fase statica. Se questa funzione di supporto viene a mancare o è indebolita in modo significativo, la fase statica normale viene alterata. Al termine della fase statica, con il sollevamento dell avampiede dal suolo, fase di pre-lancio, inizia la fase dinamica. Questa fase di pre-lancio utilizza principalmente i muscoli pretibiali e i flessori dell anca. La fase dinamica iniziale viene controllata dai flessori dell anca, dagli estensori del ginocchio e dai muscoli anteriori della gamba. Durante il passaggio nella fase dinamica intermedia, la flessione del ginocchio non è più necessaria per il trasferimento del carico verso la parte finale della fase dinamica. La fase dinamica finale termina direttamente al contatto del tallone, dove l intera catena muscolare è necessaria per stabilizzare l articolazione di ginocchio. La fase dinamica non è molto compromessa dai deficit degli estensori del ginocchio. Di conseguenza, le ortesi convenzionali che promuovono la stabilizzazione in fase statica, e che sono pertanto bloccate, immobilizzano troppo durante la fase dinamica. Contatto del tallone col suolo, piede destro L arto in posizione statica sorregge il carico Fase di midstance Contatto tallonesuolo piede sinistro, fase statica al termine del piede destro Fase di pre-lancio, l arto viene sgravato dal carico e inizia la fase dinamica Fase dinamica arto destro 8

9 Ciclo del passo con l ortesi Free Walk A differenza del ciclo del passo fisiologico, l articolazione del ginocchio dei pazienti con deficit deve essere invece stabilizzata dall ortesi. L ortesi Free Walk dà stabilità solo quando è necessaria, pur tuttavia senza compromettere la fase dinamica. Tra il contatto del tallone col suolo e il distacco dell avampiede, per es. quando il piede supporta il carico sul terreno, l ortesi Free Walk stabilizza l articolazione di ginocchio e vicaria la muscolatura del ginocchio. Durante l intera fase statica l ortesi rimane bloccata. L articolazione ortesica viene quindi sbloccata tra la fine della fase statica e la fase di pre-lancio, permettendo all articolazione di ginocchio del paziente di muoversi liberamente durante la fase dinamica. Il paziente ha un elevato grado di mobilità che si avvicina molto a quello del passo di una persona normodotata. Ricerche cliniche hanno messo in evidenza che a confronto con un ortesi bloccata, l ortesi Free Walk offre notevoli vantaggi in termini di dispendio energetico, velocità del cammino e riduzione del carico sull arto controlaterale. Contatto del tallone col suolo con ginocchio in sicurezza L arto con l ortesi Free Walk sorregge il carico, il ginocchio è in sicurezza. Fase di mid-stance con ginocchio in sicurezza Contatto tallone -suolo piede sinistro Il corpo si muove davanti al piede, completa estensione del ginocchio nel distacco dell avampiede dal suolo (estensione dorsale), il bloccaggio si libera Fase di pre-lancio: l arto viene sgravato dal carico, la Free Walk è libera con l articolazione sbloccata 9

10 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Requisiti per l applicazione dell ortesi Free Walk Analisi della forza muscolare: In fase di pre-lancio, per ottenere lo sbloccaggio del ginocchio è necessaria una contrazione attiva dei muscoli flessori dell anca e/o degli estensori del ginocchio (se pur deficitari). Se non è presente nè una sufficiente forza dei flessori dell anca nè del ginocchio, può essere sufficiente una iperestensione passiva del ginocchio, associata ad una traslazione anteriore del baricentro. Al termine della fase statica, è necessaria anche una funzione attiva dei flessori dell anca e del ginocchio per il lancio della fase dinamica. Prima del contatto iniziale del tallone, l estensione dell articolazione del ginocchio deve essere attivata, per far sì che l articolazione di ginocchio dell ortesi si blocchi automaticamente. Se ciò non è possibile, un movimento di compensazione dell anca riesce a risolvere il problema. L effetto pendolo causato dal movimento dell anca potrebbe essere sufficiente per estendere completamente l articolazione di ginocchio. Per verificare che il paziente sia indicato o meno è necessario eseguire un test della forza muscolare ed una misurazione della mobilità del movimento. Classificazione della forza muscolare: 0= nessuna contrazione muscolare visibile e/o palpabile 1= contrazione muscolare lieve e/o palpabile 2= contrazione muscolare visibile, il movimento completo è eseguibile in assenza di forza di gravità 3= movimento completo del muscolo contro la forza di gravità 4= mantenimento della posizione di prova contro una resistenza da bassa a media 5= mantenimento della posizione di prova contro una resistenza massima Verifica della forza muscolare Estensione del ginocchio: Il paziente è seduto sul bordo di un lettino e cerca di estendere il più possibile l arto da testare. Il terapista fissa prossimalmente la coscia del paziente con la sua mano mentre, con l altra mano, offre resistenza all estensione a livello della tibio-tarsica. Testare il grado di forza muscolare inferiore a 3, con il paziente sdraiato sul lato per ridurre la forza di gravità. Forza estensione del ginocchio 10

11 Estensione dell anca: Il paziente cerca di sollevare l arto flesso sopra il lettino. Il terapista con una mano adagiata sul gluteo ne percepisce la contrazione, con l altra offre resistenza all estensione. Testate la forza muscolare al di sotto del grado 3 tenendo il paziente sdraiato sul fianco per ridurre la forza di gravità. Forza estensione dell anca Flessione del ginocchio: Il paziente cerca di flettere il tallone verso i glutei. Il terapista esercita una pressione con il ginocchio flesso in direzione dell estensione. Testate la forza muscolare al di sotto del grado 3 tenendo il paziente sdraiato sul fianco per ridurre la forza di gravità. Forza flessione del ginocchio Flessione dell anca: Al paziente viene chiesto di sollevare la coscia con il ginocchio flesso verso la sua spalla sullo stesso lato. Alla fine del movimento, il terapista offre resistenza nella direzione opposta al movimento sulla parte ventrale della coscia. Testate la forza muscolare al di sotto del grado 3 tenendo il paziente sdraiato sul fianco per ridurre la forza di gravità. Forza flessione dell anca 11

12 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Estensione dorsale: Al paziente viene chiesto di muovere il dorso del piede in alto e verso l interno ( estensione dorsale e supinazione ). Alla fine del movimento, il terapista offre resistenza nella direzione della flessione plantare. Verificare la forza muscolare dell estensione dorsale. Testare il grado di forza muscolare inferiore a 3, con il paziente sdraiato sul lato, per ridurre la forza di gravità. Forza estensione dorsale della T.T. Il fisioterapista controlla la massima abilità del ginocchio in estensione passiva. Controllo dell iperestensione del ginocchio Sono necessari i seguenti requisiti per l utilizzo dell ortesi Free Walk: Forza muscolare dei muscoli estensori dell anca da 3 a 5 oppure Forza muscolare dei muscoli estensori del ginocchio da 3 a 5 oppure iperestensione passiva nel ginocchio Forza muscolare dei muscoli flessori dell anca da 3 a 5 oppure I suddetti requisiti sono necessari all utilizzo dell ortesi e divengono sufficienti qualora siano associati a movimenti di compensazione dell anca. 12

13 Escursione articolare attiva Per poter utilizzare l ortesi Free Walk in modo ottimale, è necessario soddisfare determinate condizioni di escursione articolare attiva. Valutare se il paziente soddisfi o meno queste condizioni, è compito del terapista e del medico i quali devono anche verificare, qualora sia eventualmente necessario dopo la terapia, e migliorare queste condizioni. Escursione articolare della tibiotarsica minima di 10 Ginocchio esteso, limitazione articolare in flessione non superiore a 10 Valgismo/ varismo della T.T. max. di 10 ( non in figura ) Valgismo/ varismo di ginocchio; max.10 No anca flessa strutturata Carico possibile all arto controlaterale Differenza della lunghezza della gamba di max. 7 cm Assenza di spasticità Escursione articolare della T.T. min. di 10 Ginocchio esteso, limitazione articolare in flessione non superiore a 10 No anca flessa strutturata Valgismo-varismo di ginocchio di max

14 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Max. differenza lungh. degli arti 7 cm Training per il rinforzo muscolare Se le condizioni sopra descritte non vengono soddisfatte completamente, il deficit muscolare può diminuire con un training per il rinforzo muscolare. L utilizzo dell ortesi Free Walk è quindi possibile successivamente. Il terapista potrebbe fornire ai pazienti un programma da svolgere a casa per aumentare i risultati terapeutici. Rafforzamento degli estensori del ginocchio: Gli esercizi consigliati sono i derivati dalla tecnica P.N.F.: facilitazione neuromuscolare propriocettiva, rappresentata in figura con il paziente a sedere. 14

15 Rafforzamento degli estensori e dei flessori dell anca: Per facilitare l estensione dell anca e l abduzione, gli esercizi della gamba si possono eseguire con il paziente sdraiato sul fianco con il ginocchio esteso o flesso o in posizione quadrupede. Aumento dell articolarità Per aumentare l articolarità, sono indicate le tecniche fisioterapiche della terapia manuale. (in fig: mobilizzazione passiva dell articolazione oppure tecniche di stretching muscolare, a seconda della diagnosi). Se le contratture muscolari sono la causa di una ipomobilità, si consigliano le tecniche di stretching dei muscoli per aumentare il range di movimento. ( Fig. 1-4 ) Aumento della mobilità muscolare nell articolazione di ginocchio, di caviglia e di piede. 15

16 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Aumento dell escursione articolare nell articolazione di ginocchio e d anca. Aumento dell escursione articolare nel piede, nel ginocchio e nell articolazione d anca Si consiglia di eseguire tecniche di mobilizzazione passiva dell articolazione, se le capsule articolari e/o i legamenti impediscono la mobilità necessaria degli arti. 16

17 Esercizi domiciliari per aumentare la forza muscolare e la mobilità Oltre agli esercizi eseguiti con un terapista, il paziente dovrebbe eseguire esercizi a casa per garantire un effetto duraturo. Qui di seguito vengono descritti alcuni esercizi per aumentare la mobilità che i pazienti possono svolgere a casa con estrema facilità (solo nelle patalogie che possono correttamente trarne vantaggio). Quanto prima il paziente eseguirà gli esercizi di rafforzamento e di mobilizzazione, tanto prima egli sarà in grado di camminare con sicurezza e efficacia con l ortesi Free Walk. Si prega di notare che gli esercizi riportati servono come linea guida e devono essere adattati al paziente in modo individuale. Rafforzare l estensione del ginocchio utilizzando una banda elastica. L arto controlaterale dovrebbe supportare il movimento. ATTENZIONE: La terapia si può eseguire solo se il fisioterapista/medico ha preso in considerazione tutte le controindicazioni per il trattamento fisioterapeutico!!!! 17

18 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Rafforzamento dell estensione dell anca con una banda elastica. Rafforzamento dei muscoli estensori di anca e ginocchio: modificando il grado di flessione del ginocchio, gruppi muscolari diversi nell articolazione del ginocchio e nell articolazione dell anca vengono sollecitati in modo diverso. Rafforzamento dei muscoli abduttori dell anca 18

19 Stretching del tricipite surale per migliorare l estensione dorsale nell articolazione malleolare. Autostretching dei flessori dell anca e degli estensori del ginocchio per migliorare l estensione dell anca. Eventuali ulteriori esercizi del terapista Spazio per disegni Spazio per disegni 19

20 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Utilizzo dell ortesi e esercizi iniziali Applicazione dell ortesi La struttura aperta dell ortesi Free Walk consente una facile applicazione in completa sicurezza. E molto importante che l ortesi abbia sempre un buon allineamento e che sia consona alla morfologia del paziente, grazie alle chiusure pre- regolate che si possono chiudere ed aprire con un sistema di bloccaggio veloce. La forma aperta dell ortesi, con le pelotte frontali nell area della coscia, consente un applicazione sicura e confortevole mentre il paziente è a sedere. La parte inferiore flessibile facilita l applicazione, determina il corretto adattamento dell ortesi sul centro articolare del ginocchio e controlla il bloccaggio dell articolazione. 5 20

21 Come alzarsi e bloccare l ortesi Free Walk I primi esercizi, da eseguire sotto controllo del terapista/tecnico, sono i seguenti: alzarsi da una sedia, bloccare l ortesi, sbloccarla e mettersi a sedere. Questi esercizi di base servono per sviluppare la percezione della funzione di bloccaggio dell ortesi e facilitano lo sbloccaggio quando il paziente esegue i primi passi. 1 Alzarsi Quando il paziente si alza da una sedia deve sorreggersi con entrambe le mani. Per avere una maggiore stabilità è necessario muovere l arto controlaterale più in avanti. Alzarsi e posizionare il tallone dell arto con ortesi davanti all arto esteso e flettere l anca estendendo il ginocchio. Dopo il bloccaggio dell ortesi, cercare di stare in piedi in modo uniforme su entrambi gli arti con l aiuto del terapista. 21

22 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo 2 Sedersi E possibile scegliere un modo per sedersi tra i seguenti: A: Viene utilizzato un pulsante collocato direttamente sul ginocchio per sbloccare meccanicamente il bloccaggio del ginocchio. Questo metodo è particolarmente sicuro ed indicato per situazioni in cui il paziente deve concentrarsi sulla superficie di seduta. Flettendo la parte superiore del corpo in avanti, il paziente può estendere il ginocchio con facilità. Con il braccio del lato controlaterale il paziente si appoggia ad un supporto (braccioli, sportello dell auto ). Con la mano dal lato dell arto con ortesi, il paziente è in grado di sbloccare il ginocchio, premendo il tasto direttamente su quest ultimo. B: Sbloccaggio dinamico del ginocchio Il paziente sposta il peso in avanti sull arto controlaterale, in modo tale da avere una pre-tensione del ginocchio e della caviglia dell arto con ortesi che si trova in estensione e estensione dorsale. Mediante una leggera oscillazione, il paziente può sbloccare il ginocchio e sedersi. Tutti questi esercizi dovrebbero essere ripetuti molte volte con l aiuto del terapista. Dopo pochi giorni la sequenza degli esercizi diventa una routine. Notate che sedersi in modo dinamico potrebbe essere non indicato o adatto per alcuni pazienti. Tuttavia, questi movimenti hanno vantaggi in termini di sicurezza. 22

23 Training del passo con l ortesi Free Walk Parte I: Esercizio per dividere il carico sugli arti in modo uniforme Prima che il paziente esegua i primi passi, bisogna dare la massima priorità al carico corretto sull ortesi. Per prevenire movimenti scorretti durante i primi passi, è necessario eseguire esercizi di trasferimento di carico per ottenere il miglior carico possibile sull arto con ortesi. Per verificare il carico corretto, il L.A.S.A.R. Posture è un alternativa ideale alle bilance tradizionali, con le quali errori di imprecisione sono inevitabili. Con l aiuto della linea di carico visibile ed il dispositivo di controllo manuale, il terapista o il tecnico possono dare al paziente istruzioni precise su come muoversi per trovare la posizione di carico ottimale. Il paziente in questo esercizio deve effettuare un carico bilaterale simmetrico. A questo scopo si possono eseguire vari esercizi. Esercizio di stabilizzazione: il terapista effettua manovre di destabilizzazione all altezza dei cingoli (scapolare e pelvico), alle quali il paziente cerca di opporsi, mantenendosi in posizione di ortostatismo in carico bilaterale. 23

24 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Esercizi di stabilizzazione al di fuori delle parallele Questi esercizi vanno eseguiti con gli arti in posizione parallela o con un arto davanti all altro, per coinvolgere vari gruppi muscolari del tronco e degli arti inferiori. Questi esercizi favoriscono il senso dell equilibrio e il supporto del carico dell ortesi. Eventuali ulteriori esercizi del terapista: Spazio per disegni Spazio per disegni 24

25 Parte II: esercizio del contatto iniziale del tallone fino alla fase statica Se possibile, gli esercizi dovrebbero essere eseguiti tra le parallele. Le parallele danno al paziente un maggiore senso di sicurezza, permettendogli di concentrarsi meglio sulla perfomance motoria. Le sequenze del passo dovrebbero essere ripetute molte volte individualmente l una dall altra, fino a che il paziente ha acquisito una buona familiarità nel movimento. Il primo esercizio insegna al paziente a riporre fiducia nella funzione dell ortesi in fase statica. Il paziente si sorregge con entrambe le mani sulle parallele, e fa oscillare l arto con ortesi bloccata dalla posizione statica parallela, fino alla fase dinamica finale, utilizzando le funzioni residue dei flessori dell anca oppure un movimento di rotazione del bacino. Segue il contatto iniziale del tallone con una transizione diretta al trasferimento del carico (fig. 1). Dopo aver caricato l arto con l ortesi, il paziente deve cercare di scaricare completamente l arto controlaterale (fig. 2). Infine, il paziente esegue il passaggio dalla fase di mid-stance alla fine della fase statica per sbloccare l ortesi (fig. 3) Contatto iniziale (l esercizio inizia con entrambi gli arti in posizione parallela) Contatto-passaggio nella fase di trasferimento del carico Termine fase statica (sbloccaggio) 4 All inizio dell esercizio, il terapista dovrebbe guidare l arto con ortesi durante la fase dinamica per far sì che il paziente si eserciti ad eseguire il passo correttamente (fig. 4). Esercitarsi con la fase di pre-lancio del lato con ortesi 25

26 Ortesi Free Walk: applicazione terapeutica e training del passo Parte III: Esercizio per lo sbloccaggio per la fase dinamica La fase dinamica rappresenta un aspetto critico nell utilizzo dell ortesi Free Walk. Da un lato la fase dinamica libera serve per la mobilità e l attività del paziente, dall altro la funzione deve essere ben compresa e utilizzata con sicurezza. Movimenti sbagliati possono causare un errato funzionamento dell ortesi. All inizio della fase di pre-lancio, come nel primo contatto del tallone con il suolo, si devono eseguire movimenti corretti, affinchè l ortesi funzioni in maniera appropriata. Durante il passaggio dalla fase statica finale alla fase di pre-lancio, l ortesi viene sbloccata per la fase dinamica. Ciò si può verificare solo in circostanza di ginocchio non caricato e sufficiente flessione dorsale della T.T. Il bloccaggio del ginocchio è esente dal carico durante il momento di estensione del ginocchio. Quest ultimo si ottiene o tramite sufficiente forza muscolare degli estensori dell anca o del ginocchio, oppure attraverso l iperestensione del ginocchio. Una sufficiente estensione dorsale avviene con un passo sufficientemente lungo. 26

27 Parte IV: Esercizio del passo alternato nelle parallele e sulla pedana mobile Dopo aver terminato il training con le singole sequenze del passo, vengono eseguiti esercizi per il passo alternato tra le parallele. Per aumentare il grado di difficoltà, si può modificare l esercizio eseguendolo al di fuori delle parallele, con solo una mano appoggiata alla barra e l altra che si sorregge su un bastone antibrachiale (non in fig.). La distanza che si può percorrere tra le parallele è relativamente breve, poichè il paziente è costretto a girarsi continuamente; è quindi consigliabile, se possibile, utilizzare una pedana mobile, come strumento per il training. Sulla pedana è possibile anche influenzare la velocità e la lunghezza del passo. Il paziente impara il movimento corretto con l ortesi Free Walk mediante cicli del passo ripetuti e continui. Il training con la pedana mobile, per la sua ripetitività, contribuisce notevolmente ad automatizzare i movimenti. 27

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta LIFETRAIL è un innovativo sistema concepito per la ginnastica dolce e riabilitativa della terza e quarta età. Si

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it Stretching (da to stretch, allungare) è il nome dato a una serie di tecniche e metodologie, il

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini.

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini. Dott. Massimo Franceschini MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO CLINICA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA - VI DIVISIONE ISTITUTO ORTOPEDICO G. PINI - MILANO

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Gli esercizi descritti in questo opuscolo sono consigliati ai pazienti affetti da patologie delle spalle (periartriti, esiti di intervento, esiti

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

EKSO GT RIDEFINISCE IL TRAINING PER LA RIABILITAZIONE NEUROMUSCOLARE

EKSO GT RIDEFINISCE IL TRAINING PER LA RIABILITAZIONE NEUROMUSCOLARE EKSO GT RIDEFINISCE IL TRAINING PER LA RIABILITAZIONE NEUROMUSCOLARE COSA E EKSO? Ekso è un esoscheletro che permette a chi lo indossa, indipendentemente dal grado di difficoltà motoria, di stare in piedi

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda

PILATES E LOMBALGIA. Bologna 19 Novembre 2011. Rosalisa Lapomarda PILATES E LOMBALGIA Bologna 19 Novembre 2011 Rosalisa Lapomarda PILATES: IL METODO PILATES RICHIEDE UN TOTALE IMPEGNO DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO INSIEME:ARMONIA. E UNA FORMA DI BENESSERE CHE

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE 2 CORSO NAZIONALE PREPARATORI FISICI PALLAVOLO LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE GIACOMO TOLLINI NORCIA 20/21 GIUGNO 2005 FUNZIONALITA FLESSIBILITA ORGANIZZAZIONE CATENE CINETICHE POSTURA Metodi

Dettagli

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia LA GESTIONE DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI: interpretazione del rischio specifico, e gestione aziendale della collocazione lavorativa Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in

Dettagli

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi.

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi. Gravidanza: maneggiare con cura Molte amiche e colleghe abituate a fare attività fisica e con un idea piuttosto abituale della loro forma fisica, mi chiedono come io abbia affrontato le mie gravidanze

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI Servizio di Medicina del lavoro Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI A cura di: dr Luciano

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

Articolazione d anca Helix 3D

Articolazione d anca Helix 3D Articolazione d anca Helix 3D I n f o r m a z i o n e s u l p r o d o t t o Helix 3D Articolazione d anca Helix 3D Obiettivo prioritario di Otto Bock è l innovazione tecnologica nel campo della protesica.

Dettagli

ESERCIZI POSTURALI LOMBARI

ESERCIZI POSTURALI LOMBARI ESERCIZI POSTURALI LOMBARI Gli esercizi, suddivisi in quattro serie di difficoltà via via crescente, vengono eseguiti sotto la guida di un fisioterapista per un periodo medio di 4 settimane. Dopo tale

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

emiplegico in fase acuta

emiplegico in fase acuta Il pre-occuparsi terapeutico Il trattamento del paziente emiplegico in fase acuta Associazione RMP Elementi basilare dell approccio terapeutico Conoscenza delle varie forme di emiplegia Conoscenza per

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi L analisi posturale Dott. Andrea Pelosi da Kendall L'analisi posturale permette al terapeuta di valutare visivamente il paziente al fine di stabilire la sua posizione rispetto ad una posizione ideale.

Dettagli

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani

Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica. -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE. Docente: Giacomo Colzani Università degli studi di Pavia C.L. in Infermieristica -Tecniche Infermieristiche Cliniche- LA MOBILIZZAZIONE Docente: Giacomo Colzani 07 Aprile 2010 OBIETTIVI DELLA GIORNATA Identificare i criteri principali

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone Introduzione Spessissimo si parla o si leggono articoli su metodologie di allenamento e, in generale, si tratta di argomenti relativi al miglioramento delle prestazioni

Dettagli

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda LA LOMBALGIA Lezione 1 C Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda Il dolore lombare Il dolore lombare può essere classificato in base a criteri clinici,

Dettagli

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI LA VENA GRANDE SAFENA LA VENA PICCOLA SAFENA LE VENE SUPERFICIALI, PERFORANTI E PROFONDE HANNO VALVOLE; SE LE VALVOLE NON SONO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON Emanuela Bartolomucci terapista occupazionale Angela Parlapiano logopedista Isabella Valenza fisioterapista Alberto Busetto fisioterapista RIABILITAZIONE Processo

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

Principi di Riabilitazione e Fisioterapia 2 10/11/2015. Corso di Laurea in Fisioterapia

Principi di Riabilitazione e Fisioterapia 2 10/11/2015. Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 Prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Azienda USL 6 Livorno UO Riabilitazione Funzionale PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Anni 2008 2009 A cura delle UUOO RIABILITAZIONE FUNZIONALE AZIENDALI in collaborazione con le palestre 1 PROGRAMMA

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING LO STRETCHING Le tecniche di allungamento passivo sono molto diffuse perché efficaci e prive di effetti nocivi sull'apparato muscolo-tendineo. In particolare lo stretching consiste nel portare un gruppo

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE

ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE Estensore lungo dell alluce Flette (flessione dorsale) l'alluce e il piede (a). In sinergia con il Tibiale anteriore solleva

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna Colonna vertebrale, pilastro vertebrale centrale del corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna La colonna vertebrale concilia

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ

PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ PROGRAMMA DI ATTIVITÀ FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITÀ Sono definite Sindromi algiche da ipomobilità le condizioni di artrosi con disturbo algofunzionale e di altre artropatie non specificate

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

L'ARTROPROTESI D'ANCA

L'ARTROPROTESI D'ANCA L'ARTROPROTESI D'ANCA ISTRUZIONI PER IL PAZIENTE Dott. Alessandro Masini Casa di Cura Paideia Via Vincenzo Tiberio 46 00191 Roma Tel.: 06330941 06330945100 DOPO L'INTERVENTO Nelle ore che seguono all intervento

Dettagli

Ginocchio EBS pro. I n f o r m a z i o n e s u l P r o d o t t o

Ginocchio EBS pro. I n f o r m a z i o n e s u l P r o d o t t o Ginocchio EBS pro I n f o r m a z i o n e s u l P r o d o t t o 2 Otto Bock HealthCare EBS pro pro Mobilità Le persone che hanno subito un amputazione di arto inferiore hanno tanti sogni. Uno di essi è

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Cos è il legamento crociato anteriore e a che cosa serve All interno dell articolazione del ginocchio vi sono due legamenti interposti

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

Ruolo dei muscoli adduttori posteriori nella funzione posturale.

Ruolo dei muscoli adduttori posteriori nella funzione posturale. Ruolo dei muscoli adduttori posteriori nella funzione posturale. Emiliano Grossi Specialista in Rieducazione Posturale Globale; Roma. La muscolatura adduttoria degli arti inferiori, anche a riposo, si

Dettagli

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it Programma di lavoro Dott. Rodolfo Malberti illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it 2013 - rudydoc@tin.it La necessità di essere in forma è ormai una consuetudine nel gergo comune. Ci si incontra

Dettagli

SCOLIOSI NEL CALCIATORE:

SCOLIOSI NEL CALCIATORE: SCOLIOSI NEL CALCIATORE: UN CASO STUDIO A cura di: Christian Casella SOGGETTO Anno e Ruolo: Centrocampista allievi regionali fascia B (1998); Problema: dolore alla schiena (zona lombare), specie dopo un

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA NUMERO 1 OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA TEST DA CAMPO PER LA VALUTAZIONE FUNZIONALE DELL ATLETA INTRODUZIONE Prima di eseguire qualsiasi tipologia di allenamento si deve capire qual è lo

Dettagli

Indice PARTE 2. L APPARATO LOCOMOTORE ATTIVO E PASSIVO

Indice PARTE 2. L APPARATO LOCOMOTORE ATTIVO E PASSIVO Indice PARTE I. ELEMENTI DI CITOLOGIA ED ISTOLOGIA 1.ELEMENTI DI CITOLOGIA ED ISTOLOGIA CENNI DI CITOLOGIA La struttura della cellula CENNI DI ISTOLOGIA Il tessuto epiteliale L epitelio di rivestimento

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

EDUCAZIONE POSTURALE

EDUCAZIONE POSTURALE EDUCAZIONE POSTURALE Le statistiche dicono che 8 persone su 10 hanno sofferto o soffrono di mal di schiena; questo fenomeno è in aumento anche tra i giovani e le cause principali, sulle quali si può intervenire,

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

Che cos'è la postura

Che cos'è la postura Che cos'è la postura Si può definire la Postura come il modo di stare in equilibrio del corpo umano.. Essa esprime una funzione relativa alle capacità del corpo d acquisire e mantenere tutte le posizioni,

Dettagli

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH = facioscapulohomeral muscolar daystrophy) Detta anche distrofia di Landouzy-Dejerine che per primi la descrissero nel 1884. Definizione La distrofia FSH è la terza

Dettagli