Sistemi di Telecomunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di Telecomunicazione"

Transcript

1 Sistemi di Telecomunicazione Codici di Linea e Sincronizzazione Universita Politecnica delle Marche A.A A.A Sistemi di Telecomunicazione 1/36

2 Codici di linea - I I segnali in logica TTL usati all interno delle macchine numeriche non sono idonei per essere inviati direttamente sui canali trasmissivi. E necessaria una codifica di linea che ha il compito di produrre un codice idoneo alla trasmissione. Un codice di linea binario e un formato di segnalazione seriale per rappresentare i livelli 0 e 1 generati da sorgenti binarie, o da convertitori A/D come il PCM Tale codifica viene realizzata da opportuni dispositivi noti come terminali di linea. L apparato ricevente sara fornito di analogo terminale di linea in grado di ricostruire il codice binario trasmesso. I codici di linea devono possedere determinate proprieta, in base alle quali vengono scelti per le diverse applicazioni. Alcuni esempi: Codice unipolare o polare o omopolare. Il simbolo 1 logico e rappresentato dal livello alto +A, mentre lo 0 logico e rappresentato dal livello 0. Codice bipolare o antipodale. I simboli 1 e 0 sono rappresentati da due livelli simmetrici, positivo e negativo, +A e -A. Codice pseudo-ternario. Il simbolo 0 e rappresentato da un livello 0, mentre il simbolo 1 e rappresentato da un livello che alterna di volta in volta tra +A e -A (tipico e il codice AMI: Alternate Mark Inversion). Codice Manchester (chiamato anche split-phase o bifase). Il simbolo 1 e rappresentato dalla transizione alto basso al centro del bit, mentre il simbolo 0 e rappresentato dalla transizione basso altro, sempre al centro del bit. (Attenzione che alcuni considerano invece le transizioni opposte) A.A Sistemi di Telecomunicazione 2/36

3 Codici di linea - II A.A Sistemi di Telecomunicazione 3/36

4 Codici di linea - III I codici di linea binari piu diffusi sono quelli senza ritorno a zero (NRZ - No Return to Zero), come la codifica unipolare NRZ, la codifica polare NRZ e la codifica Manchester, e quelli con ritorno a zero (RZ - Return to Zero), come la codifica polare RZ e la codifica bipolare RZ (AMI) A.A Sistemi di Telecomunicazione 4/36

5 Scelta di un codice di linea - I componente DC: eliminare la componente in continua dallo spettro di potenza del segnale consente di accoppiare il sistema in AC (alternata). Sistemi di registrazione magnetici, o sistemi che usano accoppiamenti tramite trasformatori, hanno una sensibilita estremamente ridotta alle componenti a bassa frequenza del segnale, che rischierebbero di andare perdute auto-temporizzazione (self clocking): qualunque sistema di comunicazione digitale richiede la sincronizzazione di simbolo o di bit. Alcuni schemi di codifica PCM hanno delle caratteristiche di sincronizzazione o temporizzazione intrinseca, che agevolano il recupero del segnale di clock (temporizzazione). Ad esempio, la codifica Manchester presenta una transizione a meta tempo di bit, sia che venga inviato uno zero oppure un uno, che fornisce un segnale di clock rivelazione di errore (error detection): alcuni schemi, come i duobinari, forniscono una capacita intrinseca di rilevazione di errore, senza richiedere l uso di bit aggiuntivi di ridondanza A.A Sistemi di Telecomunicazione 5/36

6 Scelta di un codice di linea - II compressione della banda: alcuni schemi, come le codifiche multilivello, aumentano l efficienza d uso della banda consentendo cioe una riduzione della banda necessaria a supportare una certa data rate. Si ha maggiore informazione trasmessa per banda unitaria codifica differenziale: tecnica utile perche consente di invertire la polarita della forma d onda codificata, senza alterare la rilevazione dei dati trasmessi. In sistemi di comunicazione in cui puo accadere che le forme d onda vengano invertite, questo puo essere vantaggioso immunita ai disturbi: le varie tipologie di codifica possono essere ulteriormente caratterizzate dalla probabilita di errore sul bit rispetto al rapporto segnale-rumore. Alcuni schemi di codifica sono maggiormente immuni al rumore di altri. Ad esempio, le forme d onda NRZ hanno prestazioni migliori della RZ unipolare, rispetto alla probabilita di errore sul bit A.A Sistemi di Telecomunicazione 6/36

7 Codici Non Ritorno a Zero (NRZ), unipolare e polare Nella segnalazione NRZ unipolare, il livello logico 1 e rappresentato dal livello alto +V, il livello logico 0 e rappresentato dal livello 0 (segnalazione tutto o niente, on-off keying). Nella segnalazione NRZ polare, i simboli 1 e 0 sono rappresentati da due livelli simmetrici positivo e negativo, +V e -V (segnalazione antipodale). A.A Sistemi di Telecomunicazione 7/36

8 Codici Non Ritorno a Zero (NRZ) - I All interno degli apparati, le informazioni si presentano quasi sempre sotto forma di codice binario di tipo unipolare NRZ (Non ritorno a Zero). Il codice NRZ presenta per il bit di valore 1 un impulso elettrico di durata pari a tutto il tempo di bit Tale codice, pur essendo utile per tutte le funzioni interne dell apparato, non e adatto ad essere inviato ai mezzi trasmissivi per i seguenti motivi: impossibilita di estrarre la temporizzazione (deve essere accompagnato dal Clock) presenza di una componente continua che e spesso indesiderata sulle linee di trasmissione, perche non consente accoppiamento a trasformatore (richiede accoppiamento in continua) presenza di lunghe sequenze di zeri consecutivi che pongono in difficolta, nei rigeneratori di linea, i circuiti di estrazione del Clock A.A Sistemi di Telecomunicazione 8/36

9 Codici Non Ritorno a Zero (NRZ) - II Per questi motivi, quindi, il segnale binario NRZ viene opportunamente trasformato tramite un trasduttore di codice. Nel gergo tecnico il trasduttore di codice prende anche il nome di Codificatore di linea Poiche nello spettro del segnale non compare una componente a f=r, necessaria per l estrazione della temporizzazione nei rigeneratori, la durata dell impulso 1 viene ridotta del 50%, passando cosi da una segnalazione NRZ ad una segnalazione di tipo RZ A.A Sistemi di Telecomunicazione 9/36

10 Codici Non Ritorno a Zero (NRZ) e Ritorno a Zero (RZ) La durata dell impulso al 50% del tempo di bit permette di ottenere nello spettro del segnale RZ una componente non nulla alla frequenza di bit, utile per l estrazione del sincronismo A.A Sistemi di Telecomunicazione 10/36

11 Codici Alternate Mark Inversion (AMI) - I A.A Sistemi di Telecomunicazione 11/36

12 Codici Alternate Mark Inversion (AMI) - II Nella trasmissione dati, per eliminare la presenza di componente continua, il trasduttore di codice opera una conversione del codice binario in un particolare codice ternario, cioe a tre livelli, detto AMI (Alternate Mark Inversion) Il segnale cosi codificato viene quindi reso disponibile per essere inviato sul mezzo trasmissivo con precise caratteristiche di interfaccia (durata e ampiezza degli impulsi, impedenza interna del generatore equivalente, ecc.) Il codice AMI consta di tre simboli: lo 0 binario viene codificato come assenza di impulso cosi come nel codice binario, mentre l 1 binario e codificato alternativamente come +1 o -1, indipendentemente dal numero di zeri frapposti a due 1 binari consecutivi Come si vede intuitivamente dalla figura, con il codice AMI si elimina la componente continua che invece e presente nel codice binario A.A Sistemi di Telecomunicazione 12/36

13 High Density Bipolarity 3 zeroes - I Codice a 3 livelli con ritorno a zero. Usa impulsi positivi e negativi alternati in corrispondenza di ogni valore logico alto (1) e di una sequenza di 3 zeri consecutivi, come l AMI. Tuttavia, qualora si dovessero presentare quattro bit consecutivi tutti a livello logico zero, il quarto bit viene trasformato in un livello di tensione +V oppure -V, uguale al precedente valore logico 1; questo evento viene interpretato come una violazione di codice e quindi viene riconosciuto non come 1 ma come zero logico A.A Sistemi di Telecomunicazione 13/36

14 High Density Bipolarity 3 zeroes - II Come per la codifica AMI, non si ha piu la componente continua. Inoltre, vengono eliminate le lunghe sequenze di bit 0, che rendono difficile l estrazione del clock nel ricevitore A.A Sistemi di Telecomunicazione 14/36

15 Spettro delle codifiche numeriche in banda base A.A Sistemi di Telecomunicazione 15/36

16 Codice interfaccia codirezionale (DM0) - I Questa interfaccia costituisce il livello base della gerarchia numerica. E caratterizzata da una particolare codifica di linea che, oltre a permettere la trasmissione del segnale di temporizzazione (240 KHz) e ad annullare la componente continua, permette anche di individuare l ottetto mediante opportune violazioni di bipolarita degli impulsi. In figura e riportato un esempio della codifica di linea dell interfaccia DM0 A.A Sistemi di Telecomunicazione 16/36

17 Codice interfaccia codirezionale (DM0) - II L interfaccia DM0 e denominata anche, secondo la dicitura CCITT, interfaccia codirezionale in quanto, in entrambi i sensi di trasmissione, i dati ed il CK hanno sempre la stessa direzione essendo la temporizzazione contenuta nei dati stessi Regole della codifica di linea: 1 Il segnale binario 1 relativo al segnale dati a 64 Kb/s e codificato con il pacchetto di 4 segnali elementari Il segnale binario 0 relativo al segnale dati a 64 Kb/s e codificato il pacchetto di 4 segnali elementari Il segnale binario e convertito in un segnale a 3 livelli alternando la polarita dei pacchetti consecutivi 4 L alternanza della polarita di cui al punto precedente, e violata ogni otto pacchetti in corrispondenza dell ultimo bit di ottetto 5 Viene evidenziato il tempo di ottetto (8 KHz) A.A Sistemi di Telecomunicazione 17/36

18 Sincronizzazione Il problema del sincronismo e molto importante. Un cattivo sincronismo pregiudica infatti le prestazioni di un sistema di telecomunicazioni digitale Se a destinazione vogliamo ricostruire il messaggio originale, dobbiamo essere in grado di riconoscere in quale punto della sequenza ricevuta inizia la forma d onda associata ad un bit (sincronismo di bit), oppure inizia il frame relativo ad una parola di codice (sincronismo di frame) Nel caso di trasmissione in banda traslata esiste un ulteriore problema di sincronismo legato al recupero della frequenza e della fase della portante nei demodulatori coerenti La complessita dei circuiti per la sincronizzazione di bit dipende dalle proprieta di sincronizzazione del codice di linea A.A Sistemi di Telecomunicazione 18/36

19 Sincronizzazione di bit e di trama: schema ricevitore Il sincronismo di bit viene ottenuto analizzando il segnale ricevuto Tecniche basate su sincronizzatore di bit a legge quadratica per NRZ bipolare Tecniche basate su Early-Late Synchronizer Tecniche basate su Zero-Crossing Detection Il sincronismo di frame viene ricavato dal messaggio rigenerato e dal clock A.A Sistemi di Telecomunicazione 19/36

20 Sincronizzatore di bit a legge quadratica per NRZ bipolare - I Idea di base: sfruttare gli impulsi presenti nello spettro di densita di potenza a multipli di r b per ricavare un segnale di sincronismo per il il clock che governa il rigeneratore In un codice RZ unipolare con un numero sufficiente di transizioni tra i livelli 1 e 0, lo spettro del codice ha una componente discreta a frequenza di bit. Un filtraggio passa-banda selettivo a frequenza f 0 = r b = 1/T b ed un aggiustamento di fase consentono di ottenere il segnale di temporizzazione Un segnale NRZ polare deve essere prima convertito in RZ polare, poi si applica il filtro passa-banda a banda stretta centrato in f 0 = r b = 1/T b La conversione in RZ polare avviene mediante un dispositivo a non-linearita quadratica A.A Sistemi di Telecomunicazione 20/36

21 Sincronizzatore di bit a legge quadratica per NRZ bipolare - II A.A Sistemi di Telecomunicazione 21/36

22 Sincronizzatore di bit early-late (anticipo e ritardo) per NRZ polare - I La tecnica sfrutta il fatto che un segnale opportunamente filtrato presenta un massimo in corrispondenza dell istante ottimo di campionamento t opt, e presenta una certa simmetria rispetto tale punto, purche i dati si alternino frequentemente tra 0 e 1 Il segnale w 1 (t) viene campionato all istante t k ; si fissa una quantita positiva δ < T b /2 e si considerano i campioni w 1 (t k δ) e w 1 (t k + δ) Se si sta campionando correttamente, cioe TX e RX sono sincronizzati, w 1 (t k δ) = w 1 (t k + δ) per t k = topt Se si sta campionando in ritardo (late sync): w 1 (t k δ) > w 1 (t k + δ) Se si sta campionando in anticipo (early sync): w 1 (t k δ) < w 1 (t k + δ) Si puo usare la tensione γ(t) = w 1 (t k δ) w 1 (t k + δ) per controllare un VCO A.A Sistemi di Telecomunicazione 22/36

23 Sincronizzatore di bit early-late (anticipo e ritardo) per NRZ polare - errore di sincronizzazione A.A Sistemi di Telecomunicazione 23/36

24 Sincronizzatore di bit early-late (anticipo e ritardo) per NRZ polare - I A.A Sistemi di Telecomunicazione 24/36

25 Sincronizzatore di bit con Zero Crossing Detector per NRZ bipolare - I La tecnica ZCD utilizza una configurazione ad anello chiuso (quindi permette una sincronizzazione robusta) Idea di base: il sincronismo di bit viene recuperato sfruttando le transizioni per zero del segnale nel dominio del tempo Questa tecnica puo essere applicata anche a formati di linea di tipo NRZ Nei sistemi basati su ZCD, il clock viene fornito da un generatore di onda quadra la cui frequenza e funzione della tensione in ingresso. Questo dispositivo viene chiamato Voltage Controlled Oscillator (VCO). Il VCO e controllato da un segnale (tensione) derivato da un opportuna analisi delle transizioni per zero del segnale ricevuto Eventuali scostamenti dalla condizione di sincronismo ideale vengono recuperati dal meccanismo ad anello chiuso aumentando (o diminuendo) opportunamente la tensione di controllo del VCO A.A Sistemi di Telecomunicazione 25/36

26 Sincronizzatore di bit con Zero Crossing Detector per NRZ bipolare - II A.A Sistemi di Telecomunicazione 26/36

27 Sincronizzatore di trama - I La sincronizzazione di frame e necessaria principalmente per due motivi principali: 1) se si sbaglia l identificazione dell inizio del frame il ricevitore ricostruisce una sequenza sbagliata; 2) se non si identifica la presenza di un messaggio, si rischia di interpretare il segnale in un momento in cui non vi e trasmissione ed e presente solo rumore L informazione relativa al frame e in genere ricavata per mezzo dei bit rigenerati e del clock del ricevitore (gia sincronizzato con il clock del trasmettitore grazie al sincronismo di bit) La sincronizzazione di frame e facilitata includendo nella sequenza da trasmettere la ripetizione di una parola speciale di sincronismo (sync word) costituita da N bit Il prefisso del frame e costituito da diverse ripetizioni della sync word che demarcano l inizio della trasmissione. Il prefisso e seguito da un altra parola di codice che indica l inizio del messaggio vero e proprio Il sincronizzatore di frame deve rilevare la sync word non appena essa appare nella sequenza di bit che vengono rigenerati A.A Sistemi di Telecomunicazione 27/36

28 Sincronizzatore di trama - II Il sincronizzatore di frame e sostanzialmente costituito da uno shift register e da un comparatore. Il suo funzionamento si basa su un calcolo di cross-correlazione tra la sequenza di bit rigenerati e la sync word. I guadagni delle celle contengono l informazione sulla sync word. Quando nello shift register e presente la sync word, il valore in ingresso al comparatore e pari a N (se non ci sono errori in ricezione). In realta, per tener conto di eventuali errori nella parola di codice ricevuta, l indicatore di frame viene attivato se il valore in ingresso al comparatore e maggiore di una soglia V inferiore a N A.A Sistemi di Telecomunicazione 28/36

29 Autocorrelazione di una sequenza PN A.A Sistemi di Telecomunicazione 29/36

30 Tapped Shift Register (scrambler) A.A Sistemi di Telecomunicazione 30/36

31 Caratteristiche dell interfaccia ITU-T G.703 La raccomandazione G.703 definisce le caratteristiche fisiche ed elettriche per le interfacce ai vari livelli gerarchici, necessarie per consentire l interconnessione di elementi di reti digitali (digital section, multiplex equipment, exchanges) che formano un collegamento internazionale A.A Sistemi di Telecomunicazione 31/36

32 Codici di trasmissione definiti nella Raccomandazione ITU-T G.703 A.A Sistemi di Telecomunicazione 32/36

33 Banda di un segnale A.A Sistemi di Telecomunicazione 33/36

34 Banda di un segnale - definizioni half power bandwidth: intervallo tra i valori di frequenza in corrispondenza dei quali G x (f ) si riduce a meta potenza, ovvero diminuisce di 3 db al di sotto del valore di picco equivalent rectangular o noise equivalent bandwidth: la banda equivalente di rumore fu inizialmente definita per poter calcolare in modo rapido la potenza di rumore in uscita da un amplificatore avente in ingresso un rumore a banda larga. Il concetto si puo applicare anche alla banda di un segnale: la banda equivalente di rumore di un segnale, W N, e definita dalla relazione: W N = P x /G x (f c ), dove P x e la potenza totale del segnale calcolata su tutte le frequenze, e G x (f c ) e il valore di G x (f ) a centro banda (assumendo che esso sia il valore massimo su tutte le frequenze) null-to-null bandwidth: la misura piu comune per la banda nelle comunicazioni digitali e l estensione del lobo principale dello spettro, in cui e contenuta la maggior parte della potenza del segnale. Questo criterio, tuttavia, non e del tutto generale, perche alcuni formati di modulazione non hanno una definizione ben precisa dei lobi dello spettro A.A Sistemi di Telecomunicazione 34/36

35 Banda di un segnale - definizioni fractional power containment bandwidth: questa definizione della banda e stata assunta dalla FCC (Rules and Regulations Section 2.202), e stabilisce che la banda occupata e definita come la banda che lascia esattamente lo 0.5% della potenza del segnale a frequenze superiori al limite superiore della banda stessa, ed esattamente lo 0.5% della potenza del segnale a frequenze inferiori al limite inferiore della banda. Ovvero, il 99% della potenza del segnale e contenuta all interno della banda da esso occupata bounded power spectral density: un metodo comune di specificare la banda di un segnale e di dire che ovunque, al di fuori della banda, l ampiezza di G x (f ) deve essere scesa almeno ad un certo livello al di sotto del valore di centro banda. Valori tipici di attenuazione sono 35 o 50 db absolute bandwidth: e l intervallo di frequenze al di fuori del quale lo spettro e nullo. Si tratta di una astrazione utile, tuttavia, per tutte le forme d onda realizzabili, la banda assoluta e infinita A.A Sistemi di Telecomunicazione 35/36

36 Riferimenti Leon W. Couch II, Fondamenti di Telecomunicazioni, Cap. 1 e 3. APOGEO Ed., A.A Sistemi di Telecomunicazione 36/36

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM DL 2513 Trasmettitore FM Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 10: Carrier Recovery Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/20 Schema generico di ricevitore A.A. 2013-2014

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

HP3784A Introduzione all'uso

HP3784A Introduzione all'uso HP3784A Introduzione all'uso INDICE Descrizione 2 Preset panel 3 Tx Setup 4 Rx setup 6 Misurazioni 7 Periodo di misura 10 Allarmi 11 1 Descrizione L analizzatore di trasmissioni digitali HP3784A è uno

Dettagli

Elementi di Telelocalizzazione

Elementi di Telelocalizzazione Elementi di Telelocalizzazione Ing. Francesco Benedetto - Prof. Gaetano Giunta Laboratorio di Telecomunicazioni (COMLAB) Università degli Studi Roma Tre 1 Introduzione Proprietà della sequenza di spreading:

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse.

21-Mar-03-2 ETLCE - B6-2003 DDC. 21-Mar-03-4 ETLCE - B6-2003 DDC. segnale modulato. transiszioni. finestra per trans fisse. Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni Anelli ad aggancio di fase (PLL) B6 - Demodulatori e sincronizzatori» FSK, PSK, PAM» recupero dati/clock (CDR)»

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 3 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione Messaggi

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI Pag. 1 di 6 Docente: Materia insegnamento: Telecomunicazioni Dipartimento: Elettronica Classe Anno scolastico: 1 Livello di partenza (test di ingresso, livelli rilevati) Verifica formativa attuata nel

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

Trasmissione dati e reti telematiche

Trasmissione dati e reti telematiche Trasmissione dati e reti telematiche Per trasmissione dati s'intende un sistema di comunicazione che permette di trasferire l'informazione, in forma binaria, tra due terminali, uno trasmittente (Tx) e

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 3 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee.

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee. Pagina 1 di 10 Collegamenti telefonici analogici via modem Modem per collegamenti telefonici analogici La modulazione consiste nel modificare lo spettro di frequenze del segnale informativo digitale (codifica

Dettagli

Sistemi digitali di telecomunicazioni.

Sistemi digitali di telecomunicazioni. Sistemi digitali di telecomunicazioni. 1. Dall'analogico al digitale I segnali di tipo vocale, che sono stati i primi segnali ad essere utilizzati nei sistemi di telecomunicazioni, sono segnali analogici,

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 2 Si progetti un ricetrasmettitore radio modulare operante a modulazione di frequenza

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano condizionamento e conversione dei segnali Introduzione I segnali forniti dagli elementi sensibili di misura richiedono specifici trattamenti (condizionamento) prima del campionamento e della conversione

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

Es.: ricetrasmittente

Es.: ricetrasmittente CAPITOLO 1: INTRODUZIONE Comunicazione dati: Quando comunichiamo scambiamo informazioni, questo scambio di informazioni può essere locale o remoto. Locale dialogo fatto di persona Remoto dialogo fatto

Dettagli

Trasmissione di segnali

Trasmissione di segnali Trasmissione di informazione mediante onde EM Trasmissione di segnali Sorgente informazione modulatore segnale banda frequenza base intermedia destinatario informazione segnale demodulatore banda frequenza

Dettagli

Lezione B4 - DDC 2003 1

Lezione B4 - DDC 2003 1 Elettronica per le telecomunicazioni Unità B: Anelli ad aggancio di fase (PLL) Lezione B.4 Sintetizzatori, DDS, CDR, DLL principio e parametri di DDS data recovery, CDR sincronizzazione clock con DLL Elettronica

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV Sommario Prefazione all edizione italiana Prefazione Basi teoriche Applicazioni pratiche Simboli Funzioni definite Notazione degli operatori Acronimi XV XVII XVII XVIII XXI XXIV XXIV XXV Capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove Negli ultimi anni il settore delle telecomunicazioni ha assunto un ruolo di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove tecniche di modulazione e demodulazione digitale

Dettagli

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione

TEORIA DEI SEGNALI. Introduzione. La Comunicazione TEORIA DEI SEGNALI Introduzione L obiettivo principale di un servizio di telecomunicazione è il trasferimento dell'informazione emessa da una sorgente agli utenti cui è destinata, nell'ambito di una particolare

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

Modulazione di fase PSK

Modulazione di fase PSK LA MODULAZIONE DI SEGNALI DIGITALI Un canale di tipo passa banda, come per esempio l etere, non permette la trasmissione di segnali digitali in banda base, cioè non modulati. E cioè necessario introdurre

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 I mezzi trasmissivi 2 Il doppino 3 Il cavo coassiale 4 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Comunicazione seriale e parallela 7 Trasmissione sincrona e asincrona 9 Trasmissione asincrona

Dettagli

MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE

MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE MODULO 5.4 RETI PER L AUTOMAZIONE 1 RETI PER L AUTOMAZIONE Docente Federico Tramarin, PhD Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR-IEIIT via Gradenigo 6/b, Padova email: tramarin@dei.unipd.it tel: 049 827

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Firenze, 20 Gennaio 2005 Corso di Sistemi Wireless in Area Locale Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Un approccio

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Lezione 21 Cenni di elettronica

Lezione 21 Cenni di elettronica Cenni di elettronica Elettronica Acquisizione dati Rivelatori di Particelle 1 Cenni di elettronica Gli apparati del giorno d oggi, sia che siano per targhetta fissa o Collider sono fatti a cipolla ( o

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI Vantaggi delle tecniche di comunicazione digitali Schema a blocchi generale sintetico di un sistema di TLC digitale La codifica di sorgente

Dettagli

802.11: modulazioni a confronto

802.11: modulazioni a confronto 802.11: modulazioni a confronto Normando Marcolongo 20 dicembre 2003 Tivoli 1 Obiettivi dell intervento Cenni sulle tecniche di Spread Spectrum Quali modulazioni vengono impiegate nello strato fisico dei

Dettagli

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale

LE FIBRE OTTICHE. Indice generale Indice generale LE FIBRE OTTICHE... Sistema di trasmissione con fibre ottiche... Apparato Trasmissivo... Apparato Ricevitore... Trasduttori Ottici in Trasmissione (LED o LD)... Trasduttori Ottici in Ricezione

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

TRASMETTITORI OTTICI

TRASMETTITORI OTTICI 1 Da quando i visi pallidi avevano cominciato a vendere le schegge di cielo ai Sioux, i nostri guerrieri avevano imparato a trasmettere segnali luminosi tra una cima e l altra, facendo riflettere la luce

Dettagli

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Elaborazione dei segnali 1 Sommario Elaborazione del segnale Sistemi lineari tempo invarianti (LTI), tempocontinui e tempo-discreti Analisi di Fourier

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

DESCRIZIONE DI UN NUOVO METODO PER IL RECUPERO DEL SINCRONISMO DI CLOCK

DESCRIZIONE DI UN NUOVO METODO PER IL RECUPERO DEL SINCRONISMO DI CLOCK DESCRIZIONE DI UN NUOVO METODO PER IL RECUPERO DEL SINCRONISMO DI CLOCK Ezio Mazzola 1 Indice Introduzione... 3 Stima dell errore di fase del Clock... 3 Nuovo Algoritmo proposto... 6 Correzione dell HANG-UP...

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

1.1 Introduzione. 1.2 Rumore del ricevitore

1.1 Introduzione. 1.2 Rumore del ricevitore 1.1 Introduzione La descrizione di un ricevitore HF comprende diversi parametri tecnici che devono illustrare la qualità di un blocco o di tutto il sistema HF. Per rendere più chiari tutti questi dati

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Mezzi e sistemi trasmissivi. Reti di Calcolatori AA 2010/2011. Il livello Fisico. Renato Lo Cigno. Quest opera è protetta dalla licenza:

Mezzi e sistemi trasmissivi. Reti di Calcolatori AA 2010/2011. Il livello Fisico. Renato Lo Cigno. Quest opera è protetta dalla licenza: 1 Reti di Calcolatori AA 2010/2011 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Il livello Fisico Renato Lo Cigno Copyright Quest opera è protetta dalla licenza: Creative Commons

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Corso di. Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione)

Corso di. Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) Interfacciamento Andrea Bernieri bernieri@unicas.it Gruppo Misure

Dettagli

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso.

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso. (5 min) Esercizio 1 1) Con una scheda di acquisizione dati, con dinamica d ingresso bipolare, si devono misurare i seguenti segnali su un circuito: V 1 tensione di alimentazione di una connessione USB

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit

acquisire informazioni su grandezze analogiche, trasformandole in stringhe di bit Convertitori analogico/digitali Un convertitore analogico digitale ha la funzione inversa a quella di un convertitore DAC, poiché il suo scopo è quello di permetter ad un sistema a microprocessore di acquisire

Dettagli

Lezione 28 Maggio I Parte

Lezione 28 Maggio I Parte Lezione 28 Maggio I Parte La volta scorsa abbiamo fatto un analisi dei fenomeni di diafonia e avevamo trovato che per la diafonia vicina il valore medio del quadrato del segnale indotto dalla diafonia

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

Reti di Calcolatori AA 2010/2011

Reti di Calcolatori AA 2010/2011 Reti di Calcolatori AA 2010/2011 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Il livello Fisico Renato Lo Cigno Copyright Quest opera è protetta dalla licenza: Creative Commons

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Prova scritta - 20130905

Prova scritta - 20130905 Parte E-A Elettronica - Domande a risposta multipla (1 punto ogni risposta corretta; -0,5 per risposte errate) Quesito A.1 Per convertire da Analogico a Digitale un segnale che occupa la banda 100-110

Dettagli

Introduzione all acquisizione Dati

Introduzione all acquisizione Dati Introduzione all acquisizione Dati Laboratorio di Robotica Industriale Evoluzione della strumentazione Introduzione all acquisizione dati - 2 Trend nella strumentazione Introduzione all acquisizione dati

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura

TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI. Caratteristiche e parametri di misura TRADIZIONALI TRADIZIONALI+DSP - SDR - DIGITALI Caratteristiche e parametri di misura Ricevitori tradizionali Dopo l invenzione del triodo amplificatore, nacquero i primi Rx ad amplificazione diretta. Figura

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

SISTEMI DI ACQUISIZIONE

SISTEMI DI ACQUISIZIONE SISTEMI DI ACQUISIZIONE Introduzione Lo scopo dei sistemi di acquisizione dati è quello di controllo delle grandezze fisiche sia nella ricerca pura, nelle aziende e, per i piccoli utenti. I vantaggi sono:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA Classi quarte 1. Reti elettriche in a. c. Periodo: settembre/ottobre novembre/dicembre ore 60 1. La funzione sinusoidale. 2. Rappresentazione vettoriale della grandezze sinusoidali. 3. I componenti passivi

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali)

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali) Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi Via Milano, 1-56025 Pontedera (Pisa) Tel. 0587 / 53566-55390 Fax 0587/57411 : iti@marconipontedera.it - WEB: www.marconipontedera.it cod. fisc. 81002020501

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI RETI TELEFONICHE Generalità Nessuna dipendenza dall estensione della rete Copertura locale Interconnessione a lunga distanza Trasporto della voce a commutazione di circuito

Dettagli

Page 1. ElapC8 04/11/2013 2013 DDC 1 ELETTRONICA APPLICATA E MISURE. C8: Esempi di collegamenti seriali. Ingegneria dell Informazione

Page 1. ElapC8 04/11/2013 2013 DDC 1 ELETTRONICA APPLICATA E MISURE. C8: Esempi di collegamenti seriali. Ingegneria dell Informazione Ingegneria dell Informazione C8: Esempi di collegamenti seriali ELETTRONICA APPLICATA E MISURE Dante DEL CORSO C8 Esempi di collegamenti seriali»spi» RS232»I2C» PCI Express»Esercizi Parametri di una interfaccia

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso I Circuiti digitali Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso Caratteristiche dei circuiti digitali pagina 1 Elaborazione dei segnali

Dettagli

CAMPIONAMENTO E MODULAZIONE PAM

CAMPIONAMENTO E MODULAZIONE PAM Richiami CAMPIONAMENTO E MODULAZIONE PAM Lo scopo fondamentale delle telecomunicazioni è quello di trasmettere a distanza delle informazioni impiegando apparati e canali di comunicazione che ottimizzano

Dettagli