Scheda software Nome: pfsense Licenza: BSD Sito web: https://www.pfsense.com Tipo: Rete/Firewall/Routing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda software Nome: pfsense 2.0.3 Licenza: BSD Sito web: https://www.pfsense.com Tipo: Rete/Firewall/Routing"

Transcript

1 Rete VPN ad autenticazione forte con OTP Sviluppare una soluzione di accesso all'ambiente aziendale affidabile e sicura utilizzando software open-source è possibile, basta utilizzare gli strumenti corretti! Massimo Giaimo Avendo la necessità di configurare, per motivi aziendali, un accesso il più possibile sicuro all'ambiente di lavoro, sono state prese in considerazione diverse proposte, proprietarie e non. Alla fine si è deciso di configurare una vpn ad autenticazione forte utilizzando esclusivamente software open-source. La base dalla quale partire è stata identificata in pfsense (www.pfsense.org), un firewall opensource basato su FreeBSD, che fin dal 2004 mette a disposizione un ambiente potente, sicuro e altamente configurabile. Il progetto pfsense è portato avanti da un team di sviluppo guidato da Chris Buechler ed è sorretto da una folta community che partecipa attivamente. La release corrente di pfsense è la 2.0.3, del 15 aprile L'installazione di base di pfsense non è parte integrante di questo articolo e quindi si rimanda alla ottima documentazione reperibile alla url doc.pfsense.org/index.php/installing_pfsense. La tipologia di vpn che si andrà a configurare è ad autenticazione forte. L'autenticazione forte presupppone che ci siano almeno 2 fattori di autenticazione a disposizione. In questo soluzione i due fattori sono identificabili nei seguenti: token software PIN. Strong authentication Cosa significa autenticazione forte? Una auntenticazione a due fattori (o autenticazione forte ) è un metodo di autenticazione che si basa sull'utilizzo congiunto di due metodi di autenticazione individuale. L'autenticazione forte a due fattori si contrappone ad una comune autenticazione basata sulla sola password. Le tipologie di fattori possono essere: una cosa che conosci, per esempio una password o il PIN; una cosa che hai, come un telefono cellulare, una carta di credito o un oggetto fisico come un token; una cosa che sei, come l'impronta digitale, il timbro vocale, la retina, o altre caratteristiche di riconoscimento attraverso caratteristiche uniche del corpo umano. Per migliorare il fattore di autenticazione utenza/password e renderlo meno attaccabile si è deciso di utilizzare il concetto della One Time Password. Grazie a questo è possibile appunto generare delle password valide una sola volta e influenzate da diversi fattori, quali: il tempo corrente, i caratteri del PIN (Personal Identification Number) dell'utente ed il segreto generato in fase di inizializzazione del token utilizzato per generare la One Time Password stessa. Per generare la One Time Password utilizzeremo client compatibili con il protocollo motp. Questi client sono installabili sulla stragrande maggioranza di smartphone e cellulari e scaricabile direttamente da Apple Store (il client è motp di ise-solutions) e Android Market (il client è DroidOTP). I software utilizzati per mettere in piedi la soluzione di collegamento remoto ad autenticazione forte sono quindi:

2 pfsense come distribuzione di base Openvpn come concentratore vpn Freeradius 2 come radius server client motp come generatore One Time Password. Scheda software Nome: pfsense Licenza: BSD Sito web: https://www.pfsense.com Tipo: Rete/Firewall/Routing Una delle caratteristiche principali di pfsense è sicuramente la possibilità di poter essere arricchito con diversi moduli, che vanno ad espanderne notevolmente le funzionalità. Openvpn è un modulo precaricato nella distribuzione, mentre Freeradius 2 deve essere installato successivamente. pfsense nell'ambiente enterprise Nulla da inviare ai costosi prodotti commerciali pfsense, pur essendo un software disponibile gratuitamente, non ha nulla da invidiare ai prodotti di fascia enterprise. Infatti, grazie a UCARP permette di configurare due firewall su due macchine identifiche per replicarsi e autosostituirsi nel caso di guasto di una delle due (il software pfsync si occupa di replicare lo stato del firewall, la tabella delle connessioni e le regole del firewall permettendo di passare al secondo firewall senza che le connessioni di rete attive cadano). Inoltre, sfruttando i diversi moduli a disposizione, è possibile aggiungere diverse funzionalità al nostro firewall, come ad esempio quelle di proxy server (utilizzando Squidguard) e Intrusion Prevention and Detection System (utilizzando il celebre software Snort). Infine, se si volesse in ogni caso contare su un supporto commerciale (oltre a quello già garantito gratuitamente dalla comunità), se ne ha la possibilità, facendone richiesta nella sezione Support del sito

3 Installiamo i moduli necessari! Partendo dal presupposto di essere riusciti ad installare pfsense e di avere un sistema funzionante e configurato, che se utlizzato come default gateway ci permette di uscire in internet, è possibile iniziare ad installare i moduli che ci servono. Fig. 1 La lista dei pacchetti installati in pfsense Il software è installabile dall'interfaccia grafica di pfsense, raggiungibile attraverso il browser all'indirizzo scelto in fase di installazione e corrispondente all'interfaccia LAN. Apriamo dunque il browser e puntiamo all'indirizzo Per maggiore sicurezza, è consigliabile attivare il protocollo https per l'accesso all'interfaccia web di pfsense, in modo tale da non permettere l'invio in rete delle credenziali di autenticazione in chiaro. Dal menu System, clicchiamo su Packages. Apparirà il Package Manager, dal quale è possibile, nella scheda Available Packages, installare i pacchetti freeradius2 e OpenVPN Client Export utility. Questi pacchetti serviranno nell'ordine per configurare il radius server e per avere a disposizione una comoda interfaccia dalla quale scaricare i pacchetti di configurazione, in diversi formati, per i nostri client vpn.

4 Radius questo sconosciuto! Fig. 2 Interfaccia sulla quale sarà in ascolto il radius server Passiamo ora alla configurazione del radius server. Radius è un protocollo AAA (authentication, authorization, accounting) utilizzato in applicazioni di accesso alle reti o di mobilità IP ed è lo standard de-facto per l'autenticazione remota. Dal menu Services scegliamo FreeRADIUS. Nella scheda Interfaces digitiamo l'indirizzo locale dellla macchina ( ), la porta sulla quale il radius server si metterà in ascolto (1812) e una breve descrizione. Clicchiamo su Save. Fig. 3 Client abilitati all'utilizzo del radius server

5 Ci spostiamo poi nella scheda NAS / Clients, inseriamo l'indirizzo del client che si collegherà al radius server (nel nostro caso sarà la macchina pfsense stessa, quindi ), uno shortname (localhost) ed uno Shared Secret (nella nostra prova secret123). Il client configurato in questa sezione non è da confondere con i client che utilizzerano il collegamento vpn. In questo caso infatti stiamo parlando del client che gestirà l'autenticazione sul radius server. Essendo pfsense sia la macchina che fa da concentratore vpn sia il radius server, la richiesta di autenticazione avverrà in locale, motivo per cui si configura l'ip localhost come client. Clicchiamo su Save. Fig. 4 Utenti abilitati all'utilizzo del radius server Ci spostiamo ora nella scheda Users. In Username scriviamo il nome dell'utente che dovrà utilizzare la vpn (nel nostro esempio giaimom, il mio cognome seguito dall'iniziale del mio nome), lasciamo vuoto il campo Password, mettiamo il flag su Enable One-Time-Password for this user, nel campo Init-Secret digitiamo il codice di 16 cifre esadecimali casuali, successivamente digitaremo il codice generato attraverso l'applicazione motp. Nel campo PIN digitiamo un codice a 4 cifre che comunicheremo all'utente. Se l'utente che utilizzerà la vpn avrà la necessità di collegarsi anche da zone con un differente fuso orario, dovremo specificare le ore di differenza nel campo Time Offset. Nel nostro caso lasciamo a 0 questo parametro e salviamo la configurazione. Dovremo eseguire questa configurazione per ogni utente che avrà la necessità di utilizzare la vpn. In questa sezione abbiamo la possibilità di configurare varie opzioni aggiuntive relative ai nostri utenti, come ad esempio la banda che vogliamo riservare ad ognuno di essi, la

6 scadenza gli account, l'intervallo minimo di tempo tra un login e l'altro. Fig. 5 Attivazione del Mobile One Time Password sul radius server Ci spostiamo infine nella scheda Settings, nella quale dobbiamo eseguire un'unica modifica, nella sezione Mobile-One-Time-Password Configuration, dove dobbiamo mettere il flag su Enable Mobile-One-Time-Password. Anche in questo caso salviamo la configurazione.

7 Fig. 6 Aggiunta del radius server tra i server di autenticazione La configurazione del radius server è terminata e possiamo dunque aggiungere la nostra configurazione tra i server disponibili per gestire l'autenticazione. Dalla scheda System scegliamo User Manager, quindi ci spostiamo nella scheda Servers. Aggiungiamo un nuovo server di tipo Radius, con IP , Shared Secret lo stesso utilizzato precedentemente nella configurazione del radius server (secret123), come Service offered scegliamo Auhtentication e come numero di porta la Facciamo clic su Save.

8 Autocertifichiamoci! Fig. 7 Configurazione della Certification Authority Passiamo ora alla configurazione della CA (Certification Authority). La Certification Authority solitamente è un ente terzo attraverso il quale può essere certificata l'identità di un server. Un esempio comune sono i server che rilasciano applicazioni utilizzando il protocollo ssl, ad esempio i servizi di home banking. Per garantire che il sito web contenente l'applicazione di home banking sia effettivamente di proprietà della banca che ci offre il servizio, la banca stessa provvede ad acquistare un certificato da una Certification Authority. Quello che faremo sarà creare una Certification Authority interna, che ci permetta di firmare e revocare di volta in volta i certificati dei nostri utenti. Per fare ciò, dal menu System clicchiamo su Cert Manager. Dalla scheda CAs aggiungiamo una nuova CA, scegliamo un nome per la nostra CA (ad esempio vpn CA ), come Method selezioniamo Create an internal Certificate Authority, come Key lenght selezioniamo 2048 bits, Lifetime 3650 days, inseriamo i dati della nostra organizzazione (facendo particolare attenzione al Common Name, che deve identificare la nostra CA, per esempio internal-ca ) e clicchiamo su Save. Fig. 8 Configurazione del certificato server Ora che è la Certification Authority è pronta, è arrivato il momento di creare un nuovo certificato server per la nostra macchina pfsense. Il certficato server permetterà di certificare ogni pacchetto durante la fase di autenticazione tra client vpn e server. Dal menu System clicchiamo su Cert Manager, quindi dalla scheda Certificates aggiungiamo un nuovo certificato. Come Method selezioniamo Create an internal Certificate Authority, come Key lenght selezioniamo 2048 bits, Lifetime 3650 days, inseriamo i dati della nostra organizzazione (facendo particolare attenzione al Common Name, che deve identificare il nostro server, per esempio vpn-server ) e clicchiamo su Save.

9 Ed ora diamoci sotto con OpenVPN! Fig. 9 Configurazione IP, porta e protocollo della vpn Il passo successivo è quello relativo alla configurazione della vpn vera e propria. Dal menu VPN clicchiamo su OpenVPN, quindi aggiungiamo una vpn, utilizzando i seguenti dati di configurazione: General Information Server Mode: Remote Access (SSL/TLS + User Auth) Backend for authentication: il radius server configurato in precedenza Protocol: UDP Device Mode: tun Interface: WAN (o comunque quella dove è attestata la nostra banda internet) Local port: nel nostro caso 1198, ma la porta è comunque personalizzabile Description: una breve descrizione (ad esempio vpn cert+motp )

10 Fig. 10 Scelta degli algoritmi di crittografia Cryptographic Settings TLS Authentication: flag su Enable authentication of TLS packets Peer Certificate Authority: la CA creata in precedenza Server Certificate: il certificato server creato in precedenza DH Parameters Length: 1024 bits Encryption algorithm: BF-CBC (128-bit) Hardware Crypto: No Certificate Depth: One (Client+Server)

11 Fig. 11 Configurazione del tunnel Tunnel Settings Tunnel Network: la rete della quale faranno parte i vari client vpn (preferibilimente una rete non esistente nel resto dell'infrastruttura) Local Network: la rete locale che dovrà essere raggiunta dai client vpn-server Concurrent connections: possiamo specificare un numero di connessioni massime simultanee Compression: mettiamo il flash su Compress tunnel packets using the LZO algorithm Fig. 12 Impostazioni avanzate dei client Client Settings Dynamic IP: mettiamo il flag per permettere al client di mantenere attiva la connessione vpn anche in caso di modifica dell'ip Address Pool: mettiamo il flag per consentire l'assegnazione di un ip della Tunnel Network definita poche righe sopra Eventualmente nella sezione Advanced configuration possiamo configurare delle opzioni aggiuntive, come ad esempio altre networks che devono essere raggiunte dai client vpn, il server dns che vogliamo assegnare ai client, il nome del dominio.

12 Filtriamo! Configurata la vpn, è arrivato il momento di configurare le opportune regole per filtrare correttamente i pacchetti. Possiamo inizialmente decidere di far passare tutto il traffico proveniente dai client vpn, in modo da verificare il buon funzionamento della soluzione, per poi filtrare in modo più selettivo nel momento in cui conosceremo con esattezza quali macchine dovranno essere raggiunte. Per il momento quindi, dal menu Firewall selezioniamo Rules e creiamo, per l'interfaccia OpenVPN, la seguente regola: Fig. 13 Regola per il traffico proveniente di client vpn Dobbiamo inoltre configurare una regola che permetta le connessioni provenienti da internet e dirette al nostro concentrare vpn. Dal menu Firewall selezioniamo Rules e creiamo, per l'interfaccia WAN, la seguente regola: Fig. 14 Abilitazione al collegamento vpn sull'interfaccia WAN La regola riporta il protocollo (UDP), l'ip di destinazione e la porta (1198), che devono essere le stesse selezionate in precedenza durante la configurazione della vpn.

13 Trasformiamo il nostro smartphone in un token! Ora che sul nostro firewall la configurazione è completata, è giunto il momento di installare l'applicazione motp sul dispositivo smartphone che agirà da token per la generazione della One Time Password. In questo tutorial utilizzeremo il client motp installato su un dispositivo IOS (Iphone), ma l'installazione è del tutto simile anche su dispositivi Android (utilizzando il client DroidOTP). Una volta installata l'applicazione motp (che ricordo è disponibile gratuitamente su Apple Store) ed avviata, si presenterà così: Fig. 15 motp schermata iniziale Al primo utilizzo è necessario generare la chiave segreta del token, che verrà utilizzata per far riconoscere il token alla macchina pfsense. Per fare ciò, clicchiamo sulla i in fondo a destra. Fig. 16 motp generazione della chiave segreta Facciamo quindi clic su Generate Secret. Quello generato è un codice di 16 cifre esadecimali, che dovremo riportare (l'applicazione motp ha anche un comando comando

14 per inviare il secret via mail) nella scheda Users della configurazione di FreeRADIUS, alla voce Init-Secret, ricordandoci di salvare la configurazione. DIDASCALIA: Fig. 17 Init-Secret nella configurazione FreeRADIUS motp Lo standard de facto nell'autenticazione mobile L'utilizzo di password statiche in fase di autenticazione, come viene comunemente fatto, ha un paio di inconvenienti in tema di sicurezza informatica: le password possono essere indovinate, dimenticate, rubate, origliate o deliberatamente comunicate ad altre persone. Un metodo di autenticazione migliore e più sicuro è la cosiddetta autenticazione a due fattori o autenticazione forte basato su password monouso. Invece di autenticarsi con una semplice password, ogni utente ha a disposizione un dispositivo (token) per generare le password che sono valide solamente una volta. Per generare la One Time Password, l'utente deve inserire il suo PIN personale nel dispositivo. Cos' l'autenticazione di basa su due fattori: il dispositivo token e un PIN ( qualcosa che si ha e qualcosa che si sa ). Questo è ovviamente più sicuro di una semplice password, in quanto un aggressore deve entrare in possesso sia del PIN che del dispositivo token. Inoltre, origliando una password che è valida solo una volta, non è di alcuna utilità per l'attaccante. D'altra parte, lo svantaggio dell'autenticazione forte è che ogni utente deve essere provvisto di un dispositivo token. Questo può essere molto costoso. Fortunatamente i telefoni cellulari che sono in grado di eseguire applet Java sono sempre più diffusi. Mobile OTP è una soluzione gratuita di autenticazione forte per dispositivi mobili con supporto Java. La soluzione si basa sulla sincronizzazione temporale per generare password monouso.

15 Mobile OTP si compone di un componente client (un MIDIet J2ME) e un componente server (uno script di shell UNIX). Il componente server può essere facilmente collegato a server RADIUS gratuiti per autenticare gli utenti. Lo script di shell funziona senza necessità di modifiche su qualsiasi BSD-Unix o Linux. Il Java MIDIet dovrebbe essere compatibile con qualsiasi telefono cellulare abilitato a Java. Il server di MIDIet, il server script e vari RASIUS server sono disponibili gratuitamente e sono sottoposti a licenza GPL. Mobile OTP è un progetto che è stato introdotto nel Attualmente ci sono più di 40 implementazioni indipendenti dell'algoritmo Mobile OTP, che lo rendono lo standard de facto per l'autenticazione forte mobile. Il Java MODIet genera password facendo un hash con MD5 dei seguenti dati: il tempo corrente di 10 secondi di granularità, il PIN digitato dall'utente, le 16 cifre esadecimali generate quando il device è stato inizializzato. Quando viene inserito il PIN e confermato, MIDIet visualizza i primi 6 caratteri dell'hash MD5. Questa è la One Time Password. La password può essere verificata dal server, in quanto esso conosce il tempo corrente, l'init-secret del token device ed il PIN dell'utente. Per compensare la possibile differenza di tempo tra token device e server, quest'ultimo accetterà password con una granularità di 3 minuti nel passato e 3 minuti nel futuro.

16 Ed ora colleghiamoci E' arrivato il momento di testare il funzionamento della nostra configurazione! Ci spostiamo nel menu VPN, alla voce OpenVPN e quindi alla scheda Client Export. In questa schermata avremo la possibilità di scaricare la configurazione della vpn in vari formati, sia per pc (Windows, Mac e Linux) che per smartphone (Android e e IOS). Scarichiamo la versione compatibile con il sistema operativo del nostro dispositivo e carichiamola attraverso il client vpn che utilizziamo (scaricabile dal sito https://openvpn.net/index.php/download/community-downloads.html oppure anche in questo caso direttamente da Apple Store e Android Market). Nel nostro caso scarichiamo la versione contenente sia i certificati che il file di configurazione. Per farlo, nella colonna Export, in Standard Configurations, clicchiamo su Archive. In Linux la configurazione va caricata nella directory /etc/openvpn, mentre in Windows va copiata nella cartella c:\programmi\openvpn\config\). Una volta scaricato il client vpn e caricato il file di configurazione, è possibile avviare la connessione. All'avvio della connessione, verranno richieste le credenziali di accesso (utenza/password). L'utenza è quella configurata nella scheda Users di FreeRADIUS, mentre la password va generata utilizzando l'applicazione motp caricata in precedenza sullo smartphone. Per generare la One Time Password, eseguiamo l'applicazione motp, digitiamo il PIN di 4 cifre (lo stesso configurato in FreeRADIUS, nella scheda Users) e premiamo Generate Password. DIDASCALIA: Fig. 18 motp generazione della One Time Password Digitiamo la One Time Password appena generata nel campo password del nostro client vpn e confermiamo. Se abbiamo configurato tutto correttamente, la connessione vpn viene instaurata!

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

ZEROTRUTH MULTICP GESTIONE CAPTIVE PORTAL REMOTI (Jonatha Ferrarini - Nello Dalla Costa)

ZEROTRUTH MULTICP GESTIONE CAPTIVE PORTAL REMOTI (Jonatha Ferrarini - Nello Dalla Costa) ZEROTRUTH MULTICP GESTIONE CAPTIVE PORTAL REMOTI (Jonatha Ferrarini - Nello Dalla Costa) INTRODUZIONE Zerotruth è stato sviluppato per avere un'interfaccia amichevole per il Captive Portal di Zeroshell,

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

LA STRONG AUTHENTICATION per la sicurezza dei pagamenti

LA STRONG AUTHENTICATION per la sicurezza dei pagamenti LA STRONG AUTHENTICATION per la sicurezza dei pagamenti 5 I TUOI CODICI DA COSA E COMPOSTO DOVE SI TROVA A COSA SERVE CODICE CLIENTE 9 cifre Sui contratti e sulla matrice dispositiva Accesso all area Clienti

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne

Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne Chi può accedere? Il servizio è riservato a tutti gli utenti istituzionali provvisti di account di posta elettronica d'ateneo nel formato nome.cognome@uninsubria.it

Dettagli

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda mailto:beable@beable.it http://www.beable.it 1 / 33 Questo tutorial è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non

Dettagli

Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari

Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari Rev 1.0 Indice: 1. Il progetto Eduroam 2. Parametri Generali 3. Protocolli supportati

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Manuale RelaxBanking Mobile 1

Manuale RelaxBanking Mobile 1 Manuale RelaxBanking Mobile 1 Sommario ELENCO DELLE MODIFICHE APPORTATE NEI PRECEDENTI AGGIORNAMENTI...3 1. INTRODUZIONE...4 2. REQUISITI PRELIMINARI...7 3. L ACCESSO...9 3.1. IL CODICE UTENTE...10 3.2.

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Xerox Remote Services Documento sulla sicurezza

Xerox Remote Services Documento sulla sicurezza Xerox Remote Services Documento sulla sicurezza Versione 1.0.9 Global Remote Services Xerox Information Management Novembre 2012 702P01061 2012 Xerox Corporation. Tutti i diritti riservati. Xerox, Xerox

Dettagli

il software per il nido e per la scuola dell infanzia

il software per il nido e per la scuola dell infanzia il software per il nido e per la scuola dell infanzia InfoAsilo è il software gestionale che semplifica il lavoro di coordinatori ed educatori di asili nido e scuole dell infanzia. Include tutte le funzionalità

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa

Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa A cura del Centro Elaborazione Dati Amministrativi 1 INDICE 1. Accesso ed utilizzo della Webmail

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0 Sottotitolo Pagina 2 di 14 Un doppio clic sull icona per avviare il programma. DiKe Pagina 3 di 14 Questa è la pagina principale del programma DiKe,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli