2.0 in classe Dalla rete: il bisogno, l idea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.0 in classe Dalla rete: il bisogno, l idea"

Transcript

1 2.0 in classe Dalla rete: il bisogno, l idea Daniele Barca

2 Raccontare la tecnologia Questa Rassegna NON vuole essere un Catalogo di tecnologie per la didattica, ma il Racconto di esperienze didattiche sviluppate con le tecnologie, così come si presentano nella Rete, fatto con le parole stesse dei loro protagonisti. I criteri di scelta sono stati i seguenti: partire da un bisogno di insegnamento/apprendimento; individuare una soluzione attraverso un'idea che coinvolgesse le tecnologie; presentare opportunità tecnologiche che integrassero hardware, software, servizi basati sulla Rete, nella pratica didattica quotidiana; cercare soluzioni che tenessero conto di una certa ecologia della rete (riutilizzo di risorse e materiali) e di una sostenibilità per affrontare l'avvicendamento ormai semestrale delle tecnologie e l'inevitabile invecchiamento cui sono sottoposti hardware e software.

3 1 Blog: laboratorio della creatività del Liceo scientifico di Giarre Il bisogno Mi piace la comunicazione, però le parole hanno un significato per chi le pronuncia e le scrive e non è detto sia lo stesso attribuito loro da chi le ascolta o le legge, quindi è opportuno chiarire quale significato dare in questo contesto, al concetto di "creatività". Obiettivo di questo blog è "Leggere per scrivere. Il vantaggio della proposta consiste nel valore aggiunto dell'"esperienza", attività laboratoriale affidata al ruolo attivo degli alunni, alle esperienze sul campo e alla pratica sia di lettura che di scrittura. Come dichiarava quel grande educatore che fu don Lorenzo Milani,"il maestro deve essere per quanto può profeta, scrutare "i segni dei tempi", indovinare negli occhi dei ragazzi le cose belle che essi vedranno chiare domani e che noi vediamo solo in confuso". (Maria Allo)

4 1 Blog: laboratorio della creatività del Liceo scientifico di Giarre L idea Coniugare immagini, parole, suoni, filmati per avvicinarsi a molteplici contesti culturali e costruire insieme agli studenti percorsi didattici. Il blog è così: repository di materiali, luogo di scambio, spazio di espressione. Per la lezione in presenza, per i compiti a casa, per documentare o leggere un percorso didattico.

5 2 LIM: l esperienza di Marettimo Il bisogno Una classe non può essere ritenuta tale se non si raggiunge il numero minimo di iscritti necessario per costituirla: 2 soli studenti non sono sufficienti. Formalmente l Ufficio Scolastico Provinciale può garantire l insegnamento dell area logico matematica e quello della lingua italiana. Può dunque mettere a disposizione due soli insegnanti. L unica alternativa per riuscire a fornire un normale servizio scolastico resta il trasferimento dei due studenti in una scuola della provincia di Trapani. In sostanza, perché Gaspare e Jessica possano fruire del loro diritto-dovere di frequentare la scuola dell obbligo, debbono abbandonare l isola e con essa il contesto socio-culturale in cui sono nati e cresciuti. E possibile che nell era di internet non ci sia l opportunità di frequentare la scuola vicino casa? In effetti il ragionamento non fa una grinza: è sufficiente dotare la scuola di Marettimo delle tecnologie necessarie per lo svolgimento di lezioni a distanza, in collegamento con una classe "vera" fatta di altrettanti alunni e docenti "veri". Dove questa classe sia non ha importanza, è importante trovarla disponibile e modificarla per permettere di accogliere i due studenti.

6 2 LIM: l esperienza di Marettimo L idea Le tecnologie messe a disposizione e finanziate dal Programma Operativo Nazionale per la scuola di Marettimo e dall Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica per le scuole fiorentine, possono essere distinte per due scopi:. quelle dedicate allo svolgimento delle lezioni in classe. Server di multiconferenza, videocamere, mixer, microfoni, diffusori, kit lavagna digitale, videoproiettore, notebook, plasma, etc. quelle dedicate alle attività sincrone e asincrone. In particolare il software Edulab, realizzato dal Centro Elaborazione Dati dell Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica. Questo strumento, una sorta di "laboratorio online", consente di condividere i materiali didattici, permette il confronto tra i docenti per la preparazione delle attività didattiche e la comunicazione con e tra gli studenti.

7 3 Ambiente online: Puntoedu studenti Il bisogno Tenendo conto dell'attitudine diffusa tra le nuove generazioni all'uso delle nuove tecnologie, la possibilità di studiare in ambienti e con tecnologie digitali può rendere l'esperienza formativa estremamente coinvolgente, accrescendo la motivazione degli studenti e il loro grado di partecipazione al processo formativo. Non si tratta dunque di un ambiente che si sovrappone alle normali attività in presenza o che propone "ripetizioni online"; e neppure di un sistema centralizzato di servizi in conflitto con l'autonomia della scuola. Sono gli insegnanti stessi che decidono se iscrivere i propri studenti all'ambiente online, seguendoli nelle loro attività di studio e personalizzando il loro percorso. L'insegnante può scegliere le attività didattiche e le risorse ad esse correlate che meglio si adattano allo stile di apprendimento e alle esigenze dei suoi studenti.

8 3 Ambiente online: Puntoedu studenti L idea Gli studenti, guidati dagli insegnanti, potranno trovare in questo ambiente molteplici occasioni per esercitarsi, fare pratica e confrontarsi con esperti e tra pari. Puntoedu SOS-Studenti offre una ricca serie di attività di apprendimento ideate da esperti, docenti universitari ed insegnanti. E poi forum tematici per la socializzazione dei problemi, eventi sincroni in chat per richieste di chiarimento e supporto just-in-time, esercitazioni assistite da moderatori in ambienti dedicati, una community in cui gli studenti potranno incontrarsi e socializzare esperienze.

9 4 Netbook: il progetto OLPC a Brescia Il bisogno L obiettivo principale di questa sperimentazione è: utilizzare in maniera continuativa (quotidiana) e diffusa il computer in classe a supporto di tutte le attività svolte dall insegnante e dagli alunni. Nello stesso tempo, sfruttando le caratteristiche tecniche del computer e restando in linea con le teorie costruttivistiche dell apprendimento, si favorirà la comunicazione e la collaborazione degli alunni anche nel tempo extra-scolastico.

10 4 Netbook: il progetto OLPC a Brescia L idea Utilizzare in maniera continuativa e diffusa il computer significa: innanzitutto rompere con l idea tradizionale del laboratorio di informatica, che riproduce sostanzialmente la separatezza tra le discipline e si pone quasi come una disciplina a se stante nel quadro orario della scuola; anche rivedere in maniera sostanziale: il proprio approccio alla lezione il modo di produrre i propri materiali didattici il modo di far produrre singolarmente e in gruppo i materiali agli alunni forse anche ripensare la struttura spaziale dell aula probabilmente dotarsi di strumenti software adeguati, rinunciando a prodotti prefabbricati, per quanto interessanti, a favore di strumenti aperti con i quali seguire in modo flessibile e graduale la didattica quotidiana infine favorire la comunicazione e la collaborazione anche oltre il tempo scolastico degli alunni che significa: assecondare il senso naturale di scoperta e di relazione dei bambini; stimolare attività di produzione scritta e grafica progettare attività di apprendimento cooperativo differenziare le attività in presenza da quelle a distanza

11 5 Mobile Learning: studiare con il cellulare / Il bisogno Sperimentare nuove modalità di coinvolgimento degli studenti. Le tecnologie informatiche, e segnatamente quelle collaborative del Web 2.0, hanno da qualche tempo permesso la diffusione di massa delle opportunità di creare e condividere materiale audio-video, testi e informazioni, riuscendo in qualche modo a creare conoscenze. Oggi possiamo anche parlare di Mobile Learning, di apprendimento attraverso il cellulare e altri strumenti portatili, magari connessi in wireless.

12 5 Mobile Learning: studiare con il cellulare / L idea L M-Learning garantisce una grande flessibilità nell apprendimento: gli studenti possono accedere ai contenuti educativi attraverso i loro dispositivi (telefonini, PDA, notebook, ecc.) nei tempi e modi a loro convenienti. La tecnologia Mobile permette a noi educatori di vivere una nuova dimensione educativa e interattiva. Per esempio, una classe wireless garantisce risposte e feedback agli studenti immediati, aumentando l efficacia dell insegnamento, secondo modalità congeniali agli adolescenti. Costo zero (o quasi) delle tecnologie wireless Molte scuole oggi sono dotate di reti wireless nei vari ambienti di lavoro e basterebbe una semplice configurazione per allargare la platea degli ammessi in rete, con opportune linee guida per la sicurezza e la privacy. Nessun investimento aggiuntivo sarebbe necessario. L uso di dispositivi mobili (cellulare, video-camera portatile, fotocamera) che sono già dotati di strumenti per l acquisizione e condivisione di immagini, documenti audio e filmati trasforma gli studenti da semplici e passivi ricevitori a creatori del messaggio e quindi in costruttori attivi di conoscenze. Tutte le abilità di studio di base (raccogliere materiali, selezionare le informazioni, rielaborare i dati e creare il prodotto finale) sono possibili attraverso i dispositivi mobili e non c è alcun cambiamento radicale nel curriculum di studi. L insegnante assume il ruolo di facilitatore, di curatore dell apprendimento collaborativo autonomo degli studenti, come un buon bibliotecario. Attraverso il M-Learning, rispondiamo più efficacemente alle richieste e ai bisogni dei nostri piccoli Digital natives.

13 6 Immagine digitale: dal cinema a YouTube Il bisogno Il linguaggio cinematografico ha un potere enorme di astrazione, rapimento, ridefinizione dello spazio e del tempo nella percezione di chi guarda un film. Il cinema può entrare nelle scuole e rappresentare l occasione per educare al linguaggio cinematografico, ad una visione più cosciente di meccanismi e modalità produttive, che permetta di districarsi tra il vero ed il falso filmico con levità e perizia. Il cinema è anche l occasione per offrire nuove potenzialità espressive, nuove coordinate comunicative, attraverso l uso di forme di narrazione che rappresentano una sinergia di concetti, immagini, suoni, montaggio, interpretazioni fotografiche, musicali, attoriali.

14 6 Immagine digitale: dal cinema a YouTube L idea Grazie alle tecnologie semplificate e diffuse, realizzare un film a scuola oggi è diventata un esperienza accessibile. Lettura e realizzazione di un film implicano un lavoro interessante sulle competenze multimediali che può avere ricadute di vario genere all interno della classe. Il lavoro di produzione e post produzione di un filmato possono integrarsi con altre modalità di insegnamento/ apprendimento (scrittura, organizzazione, lavoro di gruppo, relazione). La possibilità di utilizzare Youtube tanto per pubblicare quanto per analizzare sequenze di filmati è una risorsa immediata all uso nella didattica quotidiana.

15 7 Podcast: 100 modi per utilizzare un lettore MP3 a scuola Il bisogno L utilizzo di file multimediali è nella vita quotidiana di ragazzi e famiglie. Utilizzarli in chiave didattica può contribuire a moltiplicare le fonti dei contenuti e le modalità di accesso agli stessi. La compressione nel formato MP3, insieme alla diffusione di lettori e riproduttori (compresi i telefoni cellulari), permette di avere a disposizione e di condividere con gli studenti una galleria di file digitali da utilizzare nell insegnamento/apprendimento. La semplicità di custodia ed organizzazione dei file con un semplice caricamento sui blog, trasforma questi ultimi in ambienti di apprendimento on line di facile utilizzo.

16 7 Podcast: 100 modi per utilizzare un lettore MP3 a scuola L idea In questo caso le idee sono più di 100: siti di riferimento da cui scaricare file didattici; software per potenziare le capacità di comunicazione e condivisione; modalità d uso dei materiali così assemblati in presenza e a distanza; organizzazione dei materiali nella didattica....

17 8 Google Docs: condividere e modificare Il bisogno La facoltà di avere a disposizione i propri documenti ovunque ci sia una connessione a internet è una notevole comodità, a maggior ragione se si considera la possibilità di lavorare in collaborazione (anche in tempo reale). La collaborazione per inviti è una caratteristica molto interessante anche se manca spesso la possibilità di proteggere specifiche parti di un documento da modifiche indesiderate, in modo da permettere solo integrazioni o editing delle parti non protette. La videoscrittura con Google Docs non pretende di essere (almeno finora) un prodotto che possa fare concorrenza a Word o a Open Office, la sua utilità deriva, tuttavia, proprio dalla specificità di applicazione on line, ideale per scrivere un documento e averlo costantemente a disposizione in rete, per sé, per i colleghi, per gli amici.

18 8 Google Docs: condividere e modificare L idea Una risorsa di questo tipo potrebbe essere offerta proprio dalla possibilità di utilizzare in classe la videoscrittura on line di Google Docs. Un'attività o un laboratorio interattivo di matematica o fisica potrebbero per esempio essere strutturati a partire dalla presentazione di un problema complesso che richieda uno sforzo collettivo, da risolvere mediante l'ausilio di risorse web (per esempio modulato in livelli successivi, di difficoltà crescente). Gli studenti potrebbero interagire tramite un documento condiviso on line, e, scambiando le proprie opinioni in tempo reale, sfruttare ognuno i progressi dell'altro, avvicinandosi così alla soluzione gradualmente, per errori e tentativi, riflettendo sugli errori e sui successi parziali (metacognizione) e coniugando l'aspetto collaborativo con un pizzico di senso della competizione, in grado di conferire connotati anche ludici al tentativo di giungere alla soluzione, con ottime probabilità di tenere alto il livello di attenzione e di curiosità per i contenuti del problema durante tutta l'attività (accrescimento motivazionale). In tale contesto il docente interpreterebbe il ruolo di "assistente", monitorando i progressi dei suoi studenti in tempo reale o scorrendo la cronologia delle revisioni, e potrebbe interagire con proprie osservazioni all'interno del documento per fornire chiarimenti e proporre spunti di riflessione.

19 9 Giochi: in classe, si gioca! Il bisogno Electronic Games in School, questo il nome dello studio attivo fino ad aprile 2009, si concentra su 8 paesi (Austria, Danimarca, Francia, Italia, Lituania, Spagna, Paesi Bassi, Regno Unito), cercando di analizzare i vari tipi di giochi, i diversi dispositivi e il loro possibile utilizzo in ambito educativo. La ricerca ha già evidenziato punti importanti, per esempio che gli insegnanti - per la verità non ancora troppo pratici nell uso dei videogiochi - non hanno tempo per integrare questo genere di attività nel curricolo scolastico. Un altro dato interessante è che gli studenti non sono particolarmente interessati ai videogiochi nel contesto scolastico, perché i prodotti che vengono loro proposti a scuola sono molto meno avanzati dal punto di vista tecnologico e grafico di quelli che utilizzano a casa a scopo ludico.

20 9 Giochi: in classe, si gioca! L idea IPRASE del Trentino, aderendo al progetto sperimentale nell ambito delle attività a cofinanziamento Fondo Sociale Europeo sulla Didattica assistita dalle nuove tecnologie, propone, per il terzo anno nella scuola dell'obbligo, una sperimentazione per il periodo gennaio-maggio Obiettivo dell iniziativa: fornire strumenti utili all introduzione delle nuove tecnologie nella didattica e nella prassi di lavoro quotidiana dei docenti. La sperimentazione è rivolta a insegnanti ed alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado. Si propone l utilizzo di giochi ed eserciziari da fare al computer e riguardanti contenuti di italiano, di geografia e di matematica.

21 10 Videoconferenza per l inclusione %20didattico.doc Il bisogno Lezione in videoconferenza con una alunna in istruzione domiciliare Il servizio di Istruzione Domiciliare viene, generalmente, reso dai docenti della scuola di appartenenza attraverso le prestazioni aggiuntive all orario d obbligo. Le competenze richieste dalla situazione implicano che il docente che svolge il servizio di istruzione domiciliare sappia esercitare una funzione di ascolto, di mediazione tra malattia e benessere e una flessibilità e adattabilità continue tali da facilitare il passaggio da un approccio all altro. Si aggiunge poi il servizio che viene svolto, all interno della classe, anche attraverso la videoconferenza che consente all alunna di interagire con l insegnante e con il gruppo classe.

22 10 Videoconferenza per l inclusione %20didattico.doc L idea L insegnante responsabile delle apparecchiature multimediali avvia il servizio di videoconferenza utilizzando skype. La chiamata arriva all alunna che risponde e apre il collegamento. Tenendo conto della particolare situazione psicologica, l alunna ha la facoltà di aprire il suo video e quindi farsi vedere dai compagni oppure partecipare alla lezione e interagire senza comparire sul video. L insegnante saluta l alunna e lo stesso fanno i compagni, poi comincia la lezione. I servizi offerti dalla videoconferenza sono i seguenti: Sistema di messaggistica interno: si tratta di messaggi uno a uno che, a differenza del forum, rimangono privati ai soli due utenti interessati dalla comunicazione. E utilizzato dall alunna per porre domande o rispondere a domande poste dall insegnante. Area di scambio materiali (files) tra i il gruppo classe virtuale e l alunna. Strumenti per la valutazione (domande singole/quiz / test). Si tratta di vere e proprie attività di collaborazione online all interno di un ambiente integrato che mette a disposizione chat, audio, video, con presentazioni e importing di immagini, condivisione di applicazioni, registrazione degli eventi con fruibilità a tempo differito.

23 11 Il lettore e-book: un Kindle in ogni zaino %20didattico.doc Il bisogno Il think tank statunitense Democratic Leadership Council ha proposto al governo un piano per diffondere nelle scuole Kindle, il lettore di e-book prodotto da Amazon. L'idea del progetto, denominato "Un Kindle in ogni zaino", è quella di sostituire i tradizionali libri di testo con l'ebook reader. Secondo il DLC questo passaggio porterebbe diversi vantaggi. In primo luogo, la possibilità di aggiornare i testi e di permettere agli insegnanti di strutturare lo studio in modo personalizzato per ciascuno studente. I docenti inoltre potrebbero disporre di una serie di strumenti aggiuntivi per valutare la preparazione degli alunni.

24 11 Il lettore e-book: un Kindle in ogni zaino %20didattico.doc L idea Il lettore e-book, in realtà, oggi appare come una sorta di concorrente dei netbook per una diffusione del modello 1 PC per studente. Vista la potenzialità degli e-book come raccolta di opere di lettura, uno dei possibili impieghi può essere anche la dotazione di 2/3 lettori per una classe su cui caricare molteplici libri e testi.

25 12 Simulazioni e virtuale: La scuola in Second Life Il bisogno Come sarebbe il mondo se l elearning funzionasse davvero? Se si potesse apprendere attraverso lo schermo di un computer, indipendentemente da dove ci si trova? Da anni ormai le Nuove Tecnologie promettono di valorizzare l approccio esperienziale, scontrandosi paradossalmente con quella che è l ultima grande invenzione del nostro tempo il World Wide Web. Alcuni segnali lasciano però pensare che, ultimamente, si stia facendo strada un secondo Web: centinaia, spesso migliaia di giocatori connessi in Rete da ogni parte del globo e riuniti in un unica realtà simulata. Qui si entra, ci si muove, si impara facendo, in una dimensione che qualcuno considera come una sorta di esistenza parallela, nella quale l aspetto ludico sta gradualmente perdendo di importanza a fronte di un utilizzo più serio. Ecco allora che arriviamo a Second Life: un mondo virtuale 3D online immaginato, creato e posseduto dai suoi residenti, come dicono i suoi creatori. L embrione del futuro 3D Internet, come iniziano a dire in molti. E un formidabile strumento pedagogico e didattico. In Second Life, la scrittura alfabetica lascia il posto ad un altro tipo di scrittura, fatta di forme e comportamenti; una sorta di nuova scrittura digitale.

26 12 Simulazioni e virtuale: La scuola in Second Life L idea Second Life è un mondo virtuale 3D online, di proprietà della LindenLab. Ci si accede via internet con un software scaricabile da web e si interagisce con i contenuti e con gli altri residenti tramite una rappresentazione digitale di se stessi, l avatar. A prima vista, Second Life richiama alla mente i video-games online. Ma, al contrario dei video-games, non c è nessuna struttura narrativa predefinita, non ci sono percorsi obbligati, non c è un nemico da combattere, non ci sono regole del gioco. In Second Life, il gioco è solo una delle attività possibili. La caratteristica che rende Second Life unico nel suo genere è la possibilità di creare oggetti 3D e, volendo, di animarli. Tutto quello che si vede in Second Life è stato costruito dai suoi residenti. Partendo da semplici forme geometriche, si arriva a costruire un palazzo, un automobile, uno strumento musicale e molte altre cose ancora.

27 13 Robotica: Rete robot a scuola Il bisogno Appunti da un seminario di robotica - I puntata Domani, venerdì 9 marzo, ci sarà il terzo incontro del seminario di robotica. Questa sera ho preparato altre slide per far vedere o meglio per convincere, soprattutto i colleghi di scuola elementare e media (sono una ventina, con la partecipazione straordinaria di alcuni prof. di scuola superiore), che con l introduzione di kit robotica nella didattica, l informatica fuoriesce dagli specialismi disciplinari, con buone probabilità di collocarsi in modo strategico nelle tracce del pensiero logico e creativo. Spero tanto che non siano discorsi campati in aria... Abbiamo a disposizione 10 robottini con cui fare piccole esperienze e, perché no, giocattolare con sensori e attuatori. Ma soprattutto ho a disposizione G. G. è un ragazzino di 13 anni, frequenta la terza media, va abbastanza male in molte materie e in particolare, come è rimarcato nella scheda del I quadrimestre, in matematica permangono gravi lacune nella risoluzione dei problemi. Invece a me i problemi li risolve... Per esempio mi trova subito soluzioni costruttive quando si sfascia un robottino senza dover ricorrere al manuale. Per esempio, riesce a dirimere conflitti software, mentre io mi arrendo subito. G. è presente in tutti gli incontri pomeridiani del seminario di robotica. Si è offerto di venire a darmi una mano senza che io glielo chiedessi. O forse, conoscendomi un po, ha capito che avevo bisogno di lui. Oggi mi ha detto Allora domani, prima di iniziare, dobbiamo aggiustare due robottini. i supporti dei sensori sono sempre troppo fragili Già, vanno aggiustati... (Enio Domini - SMS Da Vinci-Chelini, Lucca)

28 13 Robotica: Rete robot a scuola L idea I robot sono oggetti tecnologici che faranno parte della nostra vita del futuro ed è interessante capire come vengono vissuti, narrati dalle generazioni futuro. I robot racchiudono diverse discipline dalla scienza alla tecnologia, dalla meccanica all informatica, dalla medicina alla filosofia, dall etica alla biologia, e solo raccontandoli si può apprezzare la multidisciplinarietà di questi artefatti. I bambini la colgono subito e i robot ci raccontano un mondo dove discipline scientifiche e umanistiche si riuniscono senza più il bisogno di pensare la letteratura divergente dalla scienza, la filosofia in contrasto con la ricerca tecnologica. Grazie a questi fattori la robotica attrae migliaia di giovani che grazie ai programmi di robotica educativa condotti da docenti all avanguardia possono rivelare nuove intelligenze, capacità e talenti.

29 14 Musica digitale: il podcast del secondo circolo di Putignano (BA) Il bisogno Perché un podcast a scuola? Perché la scuola non può non tener conto delle nuove possibilità offerte dalla tecnologia, utilizzandole, naturalmente, con finalità educativodidattiche. L'utilizzo dei file sonori, collegati all'ipod ed a itunes, offre interessanti e infinite possibilità di utilizzo.

30 14 Musica digitale: il podcast del secondo circolo di Putignano (BA) L idea Per utilizzare il Podcasting è necessario: scaricare il software itunes. E' un software libero che permette una gestione semplicissima e molto funzionale dei propri file sonori e dei propri video. In particolare ci interessa, nel menu a sinistra, l'opzione Podcast collegare eventualmente al proprio PC un ipod, che è una sorta di lettore mp3 con potenzialità molto più grandi. itunes e ipod sono un binomio che permette di gestire al meglio i propri file sonori e scaricarli automaticamente, compresi i file contenuti nell'area Podcast, sul proprio ipod per ascoltarli ovunque.

31 15 e-book testi: la biblioteca digitale dell AID Il bisogno La biblioteca digitale dell Associazione Italiana Dislessia cerca di risolvere, almeno parzialmente, il disagio dei genitori che già da tempo autonomamente chiedono, con diversi gradi di successo, alle case editrici i libri di testo digitalizzati adottati nelle classi dei loro figli. La possibilità di richiederli tutti a un unico interlocutore, che si fa carico del reperimento dei libri presso le diverse case editrici, ci è sembrato un buon mezzo di semplificazione. In sostanza: aiutano a ridurre la diversità completano l attività didattica semplificano lo studio e ne riducono i tempi compensano le DSA

32 15 e-book testi: la biblioteca digitale dell AID Un e-book è la versione digitale di un libro. L idea Avendo a disposizione un libro in formato digitale è possibile modificare le sue caratteristiche, ad esempio ingrandendo i caratteri o cambiando il colore dello sfondo, semplificando ma, cosa ancora più significativa per chi abbia gravi difficoltà di lettura, è possibile leggere il testo per mezzo di una sintesi vocale. Molte sintesi vocali di ultima generazione consentono poi di salvare il testo in formato MP3, ovvero come un comune file audio. Questa possibilità fa sì che chi voglia ascoltare un libro non debba essere vincolato all uso del personal computer: sarà sufficiente ricorrere ad un lettore MP3 (come ad esempio l ipod) o ad un telefonino di ultima generazione. Naturalmente gli stessi strumenti possono essere impiegati per ascoltare gli audiolibri. Un ragazzo dislessico o ipovedente può, ad esempio, ripassare la lezione del giorno ascoltandola sull ipod mentre si reca a scuola, un altro può invece leggere un lungo romanzo in riva al mare attraverso il telefonino. Questi dispositivi consentono di ascoltare il testo, se si desidera simultaneamente ascoltare e scorrere le righe di un testo, si dovrà continuare a ricorrere al PC, tenendo presente che attualmente sono disponibili computer di ridottissime dimensioni (come ad esempio i tablet PC) che permettono un utilizzo molto più versatile dello strumento.

33 16 Visualizzatori e wiidea: non solo lavagne Il bisogno Accendiamo una Wiimote Whiteboard a scuola? La console Nintendo Wii sta spopolando da molti mesi nelle case di tutto il mondo. E non coinvolge solo i bambini. La curiosità intorno ad una soluzione tecnica di grande suggestione ha indotto tanti a pensare e realizzare utilizzi anomali ed imprevisti dei componenti della console, in particolare sfruttando la possibilità di far interagire il telecomando con un PC. Tra le tante ipotesi, diffuse principalmente attraverso brevi spunti scritti e moltissimi video su YouTube, ha sollevato l'attenzione di tanti l'esperimento di un ricercatore americano, Johnny Lee, che ha realizzato e presentato la possibilità di sfruttare un videoproiettore, un PC ed un Wiimote per realizzare, con pochi euro di spesa, una lavagna interattiva. Da circa due anni la rete, in particolare YouTube, va riempendosi (provare per credere) di esempi e testimonianze della realizzabilità della soluzione. Il fenomeno tocca moltissimi paesi nel mondo, e la realizzazione è generalmente identificata come "Wiimote Whiteboard" [lavagna Wii] e costituisce di fatto una proposta per ottenere una funzionalità equivalente alla componente hardware di una Lavagna Digitale.

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza!

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! Scheda corso ipad edition Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! E' pronto il nuovo corso Il tablet a Scuola, un corso rivoluzionario per due motivi: primo perchè

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli