2.0 in classe Dalla rete: il bisogno, l idea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.0 in classe Dalla rete: il bisogno, l idea"

Transcript

1 2.0 in classe Dalla rete: il bisogno, l idea Daniele Barca

2 Raccontare la tecnologia Questa Rassegna NON vuole essere un Catalogo di tecnologie per la didattica, ma il Racconto di esperienze didattiche sviluppate con le tecnologie, così come si presentano nella Rete, fatto con le parole stesse dei loro protagonisti. I criteri di scelta sono stati i seguenti: partire da un bisogno di insegnamento/apprendimento; individuare una soluzione attraverso un'idea che coinvolgesse le tecnologie; presentare opportunità tecnologiche che integrassero hardware, software, servizi basati sulla Rete, nella pratica didattica quotidiana; cercare soluzioni che tenessero conto di una certa ecologia della rete (riutilizzo di risorse e materiali) e di una sostenibilità per affrontare l'avvicendamento ormai semestrale delle tecnologie e l'inevitabile invecchiamento cui sono sottoposti hardware e software.

3 1 Blog: laboratorio della creatività del Liceo scientifico di Giarre Il bisogno Mi piace la comunicazione, però le parole hanno un significato per chi le pronuncia e le scrive e non è detto sia lo stesso attribuito loro da chi le ascolta o le legge, quindi è opportuno chiarire quale significato dare in questo contesto, al concetto di "creatività". Obiettivo di questo blog è "Leggere per scrivere. Il vantaggio della proposta consiste nel valore aggiunto dell'"esperienza", attività laboratoriale affidata al ruolo attivo degli alunni, alle esperienze sul campo e alla pratica sia di lettura che di scrittura. Come dichiarava quel grande educatore che fu don Lorenzo Milani,"il maestro deve essere per quanto può profeta, scrutare "i segni dei tempi", indovinare negli occhi dei ragazzi le cose belle che essi vedranno chiare domani e che noi vediamo solo in confuso". (Maria Allo)

4 1 Blog: laboratorio della creatività del Liceo scientifico di Giarre L idea Coniugare immagini, parole, suoni, filmati per avvicinarsi a molteplici contesti culturali e costruire insieme agli studenti percorsi didattici. Il blog è così: repository di materiali, luogo di scambio, spazio di espressione. Per la lezione in presenza, per i compiti a casa, per documentare o leggere un percorso didattico.

5 2 LIM: l esperienza di Marettimo Il bisogno Una classe non può essere ritenuta tale se non si raggiunge il numero minimo di iscritti necessario per costituirla: 2 soli studenti non sono sufficienti. Formalmente l Ufficio Scolastico Provinciale può garantire l insegnamento dell area logico matematica e quello della lingua italiana. Può dunque mettere a disposizione due soli insegnanti. L unica alternativa per riuscire a fornire un normale servizio scolastico resta il trasferimento dei due studenti in una scuola della provincia di Trapani. In sostanza, perché Gaspare e Jessica possano fruire del loro diritto-dovere di frequentare la scuola dell obbligo, debbono abbandonare l isola e con essa il contesto socio-culturale in cui sono nati e cresciuti. E possibile che nell era di internet non ci sia l opportunità di frequentare la scuola vicino casa? In effetti il ragionamento non fa una grinza: è sufficiente dotare la scuola di Marettimo delle tecnologie necessarie per lo svolgimento di lezioni a distanza, in collegamento con una classe "vera" fatta di altrettanti alunni e docenti "veri". Dove questa classe sia non ha importanza, è importante trovarla disponibile e modificarla per permettere di accogliere i due studenti.

6 2 LIM: l esperienza di Marettimo L idea Le tecnologie messe a disposizione e finanziate dal Programma Operativo Nazionale per la scuola di Marettimo e dall Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica per le scuole fiorentine, possono essere distinte per due scopi:. quelle dedicate allo svolgimento delle lezioni in classe. Server di multiconferenza, videocamere, mixer, microfoni, diffusori, kit lavagna digitale, videoproiettore, notebook, plasma, etc. quelle dedicate alle attività sincrone e asincrone. In particolare il software Edulab, realizzato dal Centro Elaborazione Dati dell Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell Autonomia Scolastica. Questo strumento, una sorta di "laboratorio online", consente di condividere i materiali didattici, permette il confronto tra i docenti per la preparazione delle attività didattiche e la comunicazione con e tra gli studenti.

7 3 Ambiente online: Puntoedu studenti Il bisogno Tenendo conto dell'attitudine diffusa tra le nuove generazioni all'uso delle nuove tecnologie, la possibilità di studiare in ambienti e con tecnologie digitali può rendere l'esperienza formativa estremamente coinvolgente, accrescendo la motivazione degli studenti e il loro grado di partecipazione al processo formativo. Non si tratta dunque di un ambiente che si sovrappone alle normali attività in presenza o che propone "ripetizioni online"; e neppure di un sistema centralizzato di servizi in conflitto con l'autonomia della scuola. Sono gli insegnanti stessi che decidono se iscrivere i propri studenti all'ambiente online, seguendoli nelle loro attività di studio e personalizzando il loro percorso. L'insegnante può scegliere le attività didattiche e le risorse ad esse correlate che meglio si adattano allo stile di apprendimento e alle esigenze dei suoi studenti.

8 3 Ambiente online: Puntoedu studenti L idea Gli studenti, guidati dagli insegnanti, potranno trovare in questo ambiente molteplici occasioni per esercitarsi, fare pratica e confrontarsi con esperti e tra pari. Puntoedu SOS-Studenti offre una ricca serie di attività di apprendimento ideate da esperti, docenti universitari ed insegnanti. E poi forum tematici per la socializzazione dei problemi, eventi sincroni in chat per richieste di chiarimento e supporto just-in-time, esercitazioni assistite da moderatori in ambienti dedicati, una community in cui gli studenti potranno incontrarsi e socializzare esperienze.

9 4 Netbook: il progetto OLPC a Brescia Il bisogno L obiettivo principale di questa sperimentazione è: utilizzare in maniera continuativa (quotidiana) e diffusa il computer in classe a supporto di tutte le attività svolte dall insegnante e dagli alunni. Nello stesso tempo, sfruttando le caratteristiche tecniche del computer e restando in linea con le teorie costruttivistiche dell apprendimento, si favorirà la comunicazione e la collaborazione degli alunni anche nel tempo extra-scolastico.

10 4 Netbook: il progetto OLPC a Brescia L idea Utilizzare in maniera continuativa e diffusa il computer significa: innanzitutto rompere con l idea tradizionale del laboratorio di informatica, che riproduce sostanzialmente la separatezza tra le discipline e si pone quasi come una disciplina a se stante nel quadro orario della scuola; anche rivedere in maniera sostanziale: il proprio approccio alla lezione il modo di produrre i propri materiali didattici il modo di far produrre singolarmente e in gruppo i materiali agli alunni forse anche ripensare la struttura spaziale dell aula probabilmente dotarsi di strumenti software adeguati, rinunciando a prodotti prefabbricati, per quanto interessanti, a favore di strumenti aperti con i quali seguire in modo flessibile e graduale la didattica quotidiana infine favorire la comunicazione e la collaborazione anche oltre il tempo scolastico degli alunni che significa: assecondare il senso naturale di scoperta e di relazione dei bambini; stimolare attività di produzione scritta e grafica progettare attività di apprendimento cooperativo differenziare le attività in presenza da quelle a distanza

11 5 Mobile Learning: studiare con il cellulare / Il bisogno Sperimentare nuove modalità di coinvolgimento degli studenti. Le tecnologie informatiche, e segnatamente quelle collaborative del Web 2.0, hanno da qualche tempo permesso la diffusione di massa delle opportunità di creare e condividere materiale audio-video, testi e informazioni, riuscendo in qualche modo a creare conoscenze. Oggi possiamo anche parlare di Mobile Learning, di apprendimento attraverso il cellulare e altri strumenti portatili, magari connessi in wireless.

12 5 Mobile Learning: studiare con il cellulare / L idea L M-Learning garantisce una grande flessibilità nell apprendimento: gli studenti possono accedere ai contenuti educativi attraverso i loro dispositivi (telefonini, PDA, notebook, ecc.) nei tempi e modi a loro convenienti. La tecnologia Mobile permette a noi educatori di vivere una nuova dimensione educativa e interattiva. Per esempio, una classe wireless garantisce risposte e feedback agli studenti immediati, aumentando l efficacia dell insegnamento, secondo modalità congeniali agli adolescenti. Costo zero (o quasi) delle tecnologie wireless Molte scuole oggi sono dotate di reti wireless nei vari ambienti di lavoro e basterebbe una semplice configurazione per allargare la platea degli ammessi in rete, con opportune linee guida per la sicurezza e la privacy. Nessun investimento aggiuntivo sarebbe necessario. L uso di dispositivi mobili (cellulare, video-camera portatile, fotocamera) che sono già dotati di strumenti per l acquisizione e condivisione di immagini, documenti audio e filmati trasforma gli studenti da semplici e passivi ricevitori a creatori del messaggio e quindi in costruttori attivi di conoscenze. Tutte le abilità di studio di base (raccogliere materiali, selezionare le informazioni, rielaborare i dati e creare il prodotto finale) sono possibili attraverso i dispositivi mobili e non c è alcun cambiamento radicale nel curriculum di studi. L insegnante assume il ruolo di facilitatore, di curatore dell apprendimento collaborativo autonomo degli studenti, come un buon bibliotecario. Attraverso il M-Learning, rispondiamo più efficacemente alle richieste e ai bisogni dei nostri piccoli Digital natives.

13 6 Immagine digitale: dal cinema a YouTube Il bisogno Il linguaggio cinematografico ha un potere enorme di astrazione, rapimento, ridefinizione dello spazio e del tempo nella percezione di chi guarda un film. Il cinema può entrare nelle scuole e rappresentare l occasione per educare al linguaggio cinematografico, ad una visione più cosciente di meccanismi e modalità produttive, che permetta di districarsi tra il vero ed il falso filmico con levità e perizia. Il cinema è anche l occasione per offrire nuove potenzialità espressive, nuove coordinate comunicative, attraverso l uso di forme di narrazione che rappresentano una sinergia di concetti, immagini, suoni, montaggio, interpretazioni fotografiche, musicali, attoriali.

14 6 Immagine digitale: dal cinema a YouTube L idea Grazie alle tecnologie semplificate e diffuse, realizzare un film a scuola oggi è diventata un esperienza accessibile. Lettura e realizzazione di un film implicano un lavoro interessante sulle competenze multimediali che può avere ricadute di vario genere all interno della classe. Il lavoro di produzione e post produzione di un filmato possono integrarsi con altre modalità di insegnamento/ apprendimento (scrittura, organizzazione, lavoro di gruppo, relazione). La possibilità di utilizzare Youtube tanto per pubblicare quanto per analizzare sequenze di filmati è una risorsa immediata all uso nella didattica quotidiana.

15 7 Podcast: 100 modi per utilizzare un lettore MP3 a scuola Il bisogno L utilizzo di file multimediali è nella vita quotidiana di ragazzi e famiglie. Utilizzarli in chiave didattica può contribuire a moltiplicare le fonti dei contenuti e le modalità di accesso agli stessi. La compressione nel formato MP3, insieme alla diffusione di lettori e riproduttori (compresi i telefoni cellulari), permette di avere a disposizione e di condividere con gli studenti una galleria di file digitali da utilizzare nell insegnamento/apprendimento. La semplicità di custodia ed organizzazione dei file con un semplice caricamento sui blog, trasforma questi ultimi in ambienti di apprendimento on line di facile utilizzo.

16 7 Podcast: 100 modi per utilizzare un lettore MP3 a scuola L idea In questo caso le idee sono più di 100: siti di riferimento da cui scaricare file didattici; software per potenziare le capacità di comunicazione e condivisione; modalità d uso dei materiali così assemblati in presenza e a distanza; organizzazione dei materiali nella didattica....

17 8 Google Docs: condividere e modificare Il bisogno La facoltà di avere a disposizione i propri documenti ovunque ci sia una connessione a internet è una notevole comodità, a maggior ragione se si considera la possibilità di lavorare in collaborazione (anche in tempo reale). La collaborazione per inviti è una caratteristica molto interessante anche se manca spesso la possibilità di proteggere specifiche parti di un documento da modifiche indesiderate, in modo da permettere solo integrazioni o editing delle parti non protette. La videoscrittura con Google Docs non pretende di essere (almeno finora) un prodotto che possa fare concorrenza a Word o a Open Office, la sua utilità deriva, tuttavia, proprio dalla specificità di applicazione on line, ideale per scrivere un documento e averlo costantemente a disposizione in rete, per sé, per i colleghi, per gli amici.

18 8 Google Docs: condividere e modificare L idea Una risorsa di questo tipo potrebbe essere offerta proprio dalla possibilità di utilizzare in classe la videoscrittura on line di Google Docs. Un'attività o un laboratorio interattivo di matematica o fisica potrebbero per esempio essere strutturati a partire dalla presentazione di un problema complesso che richieda uno sforzo collettivo, da risolvere mediante l'ausilio di risorse web (per esempio modulato in livelli successivi, di difficoltà crescente). Gli studenti potrebbero interagire tramite un documento condiviso on line, e, scambiando le proprie opinioni in tempo reale, sfruttare ognuno i progressi dell'altro, avvicinandosi così alla soluzione gradualmente, per errori e tentativi, riflettendo sugli errori e sui successi parziali (metacognizione) e coniugando l'aspetto collaborativo con un pizzico di senso della competizione, in grado di conferire connotati anche ludici al tentativo di giungere alla soluzione, con ottime probabilità di tenere alto il livello di attenzione e di curiosità per i contenuti del problema durante tutta l'attività (accrescimento motivazionale). In tale contesto il docente interpreterebbe il ruolo di "assistente", monitorando i progressi dei suoi studenti in tempo reale o scorrendo la cronologia delle revisioni, e potrebbe interagire con proprie osservazioni all'interno del documento per fornire chiarimenti e proporre spunti di riflessione.

19 9 Giochi: in classe, si gioca! Il bisogno Electronic Games in School, questo il nome dello studio attivo fino ad aprile 2009, si concentra su 8 paesi (Austria, Danimarca, Francia, Italia, Lituania, Spagna, Paesi Bassi, Regno Unito), cercando di analizzare i vari tipi di giochi, i diversi dispositivi e il loro possibile utilizzo in ambito educativo. La ricerca ha già evidenziato punti importanti, per esempio che gli insegnanti - per la verità non ancora troppo pratici nell uso dei videogiochi - non hanno tempo per integrare questo genere di attività nel curricolo scolastico. Un altro dato interessante è che gli studenti non sono particolarmente interessati ai videogiochi nel contesto scolastico, perché i prodotti che vengono loro proposti a scuola sono molto meno avanzati dal punto di vista tecnologico e grafico di quelli che utilizzano a casa a scopo ludico.

20 9 Giochi: in classe, si gioca! L idea IPRASE del Trentino, aderendo al progetto sperimentale nell ambito delle attività a cofinanziamento Fondo Sociale Europeo sulla Didattica assistita dalle nuove tecnologie, propone, per il terzo anno nella scuola dell'obbligo, una sperimentazione per il periodo gennaio-maggio Obiettivo dell iniziativa: fornire strumenti utili all introduzione delle nuove tecnologie nella didattica e nella prassi di lavoro quotidiana dei docenti. La sperimentazione è rivolta a insegnanti ed alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado. Si propone l utilizzo di giochi ed eserciziari da fare al computer e riguardanti contenuti di italiano, di geografia e di matematica.

21 10 Videoconferenza per l inclusione %20didattico.doc Il bisogno Lezione in videoconferenza con una alunna in istruzione domiciliare Il servizio di Istruzione Domiciliare viene, generalmente, reso dai docenti della scuola di appartenenza attraverso le prestazioni aggiuntive all orario d obbligo. Le competenze richieste dalla situazione implicano che il docente che svolge il servizio di istruzione domiciliare sappia esercitare una funzione di ascolto, di mediazione tra malattia e benessere e una flessibilità e adattabilità continue tali da facilitare il passaggio da un approccio all altro. Si aggiunge poi il servizio che viene svolto, all interno della classe, anche attraverso la videoconferenza che consente all alunna di interagire con l insegnante e con il gruppo classe.

22 10 Videoconferenza per l inclusione %20didattico.doc L idea L insegnante responsabile delle apparecchiature multimediali avvia il servizio di videoconferenza utilizzando skype. La chiamata arriva all alunna che risponde e apre il collegamento. Tenendo conto della particolare situazione psicologica, l alunna ha la facoltà di aprire il suo video e quindi farsi vedere dai compagni oppure partecipare alla lezione e interagire senza comparire sul video. L insegnante saluta l alunna e lo stesso fanno i compagni, poi comincia la lezione. I servizi offerti dalla videoconferenza sono i seguenti: Sistema di messaggistica interno: si tratta di messaggi uno a uno che, a differenza del forum, rimangono privati ai soli due utenti interessati dalla comunicazione. E utilizzato dall alunna per porre domande o rispondere a domande poste dall insegnante. Area di scambio materiali (files) tra i il gruppo classe virtuale e l alunna. Strumenti per la valutazione (domande singole/quiz / test). Si tratta di vere e proprie attività di collaborazione online all interno di un ambiente integrato che mette a disposizione chat, audio, video, con presentazioni e importing di immagini, condivisione di applicazioni, registrazione degli eventi con fruibilità a tempo differito.

23 11 Il lettore e-book: un Kindle in ogni zaino %20didattico.doc Il bisogno Il think tank statunitense Democratic Leadership Council ha proposto al governo un piano per diffondere nelle scuole Kindle, il lettore di e-book prodotto da Amazon. L'idea del progetto, denominato "Un Kindle in ogni zaino", è quella di sostituire i tradizionali libri di testo con l'ebook reader. Secondo il DLC questo passaggio porterebbe diversi vantaggi. In primo luogo, la possibilità di aggiornare i testi e di permettere agli insegnanti di strutturare lo studio in modo personalizzato per ciascuno studente. I docenti inoltre potrebbero disporre di una serie di strumenti aggiuntivi per valutare la preparazione degli alunni.

24 11 Il lettore e-book: un Kindle in ogni zaino %20didattico.doc L idea Il lettore e-book, in realtà, oggi appare come una sorta di concorrente dei netbook per una diffusione del modello 1 PC per studente. Vista la potenzialità degli e-book come raccolta di opere di lettura, uno dei possibili impieghi può essere anche la dotazione di 2/3 lettori per una classe su cui caricare molteplici libri e testi.

25 12 Simulazioni e virtuale: La scuola in Second Life Il bisogno Come sarebbe il mondo se l elearning funzionasse davvero? Se si potesse apprendere attraverso lo schermo di un computer, indipendentemente da dove ci si trova? Da anni ormai le Nuove Tecnologie promettono di valorizzare l approccio esperienziale, scontrandosi paradossalmente con quella che è l ultima grande invenzione del nostro tempo il World Wide Web. Alcuni segnali lasciano però pensare che, ultimamente, si stia facendo strada un secondo Web: centinaia, spesso migliaia di giocatori connessi in Rete da ogni parte del globo e riuniti in un unica realtà simulata. Qui si entra, ci si muove, si impara facendo, in una dimensione che qualcuno considera come una sorta di esistenza parallela, nella quale l aspetto ludico sta gradualmente perdendo di importanza a fronte di un utilizzo più serio. Ecco allora che arriviamo a Second Life: un mondo virtuale 3D online immaginato, creato e posseduto dai suoi residenti, come dicono i suoi creatori. L embrione del futuro 3D Internet, come iniziano a dire in molti. E un formidabile strumento pedagogico e didattico. In Second Life, la scrittura alfabetica lascia il posto ad un altro tipo di scrittura, fatta di forme e comportamenti; una sorta di nuova scrittura digitale.

26 12 Simulazioni e virtuale: La scuola in Second Life L idea Second Life è un mondo virtuale 3D online, di proprietà della LindenLab. Ci si accede via internet con un software scaricabile da web e si interagisce con i contenuti e con gli altri residenti tramite una rappresentazione digitale di se stessi, l avatar. A prima vista, Second Life richiama alla mente i video-games online. Ma, al contrario dei video-games, non c è nessuna struttura narrativa predefinita, non ci sono percorsi obbligati, non c è un nemico da combattere, non ci sono regole del gioco. In Second Life, il gioco è solo una delle attività possibili. La caratteristica che rende Second Life unico nel suo genere è la possibilità di creare oggetti 3D e, volendo, di animarli. Tutto quello che si vede in Second Life è stato costruito dai suoi residenti. Partendo da semplici forme geometriche, si arriva a costruire un palazzo, un automobile, uno strumento musicale e molte altre cose ancora.

27 13 Robotica: Rete robot a scuola Il bisogno Appunti da un seminario di robotica - I puntata Domani, venerdì 9 marzo, ci sarà il terzo incontro del seminario di robotica. Questa sera ho preparato altre slide per far vedere o meglio per convincere, soprattutto i colleghi di scuola elementare e media (sono una ventina, con la partecipazione straordinaria di alcuni prof. di scuola superiore), che con l introduzione di kit robotica nella didattica, l informatica fuoriesce dagli specialismi disciplinari, con buone probabilità di collocarsi in modo strategico nelle tracce del pensiero logico e creativo. Spero tanto che non siano discorsi campati in aria... Abbiamo a disposizione 10 robottini con cui fare piccole esperienze e, perché no, giocattolare con sensori e attuatori. Ma soprattutto ho a disposizione G. G. è un ragazzino di 13 anni, frequenta la terza media, va abbastanza male in molte materie e in particolare, come è rimarcato nella scheda del I quadrimestre, in matematica permangono gravi lacune nella risoluzione dei problemi. Invece a me i problemi li risolve... Per esempio mi trova subito soluzioni costruttive quando si sfascia un robottino senza dover ricorrere al manuale. Per esempio, riesce a dirimere conflitti software, mentre io mi arrendo subito. G. è presente in tutti gli incontri pomeridiani del seminario di robotica. Si è offerto di venire a darmi una mano senza che io glielo chiedessi. O forse, conoscendomi un po, ha capito che avevo bisogno di lui. Oggi mi ha detto Allora domani, prima di iniziare, dobbiamo aggiustare due robottini. i supporti dei sensori sono sempre troppo fragili Già, vanno aggiustati... (Enio Domini - SMS Da Vinci-Chelini, Lucca)

28 13 Robotica: Rete robot a scuola L idea I robot sono oggetti tecnologici che faranno parte della nostra vita del futuro ed è interessante capire come vengono vissuti, narrati dalle generazioni futuro. I robot racchiudono diverse discipline dalla scienza alla tecnologia, dalla meccanica all informatica, dalla medicina alla filosofia, dall etica alla biologia, e solo raccontandoli si può apprezzare la multidisciplinarietà di questi artefatti. I bambini la colgono subito e i robot ci raccontano un mondo dove discipline scientifiche e umanistiche si riuniscono senza più il bisogno di pensare la letteratura divergente dalla scienza, la filosofia in contrasto con la ricerca tecnologica. Grazie a questi fattori la robotica attrae migliaia di giovani che grazie ai programmi di robotica educativa condotti da docenti all avanguardia possono rivelare nuove intelligenze, capacità e talenti.

29 14 Musica digitale: il podcast del secondo circolo di Putignano (BA) Il bisogno Perché un podcast a scuola? Perché la scuola non può non tener conto delle nuove possibilità offerte dalla tecnologia, utilizzandole, naturalmente, con finalità educativodidattiche. L'utilizzo dei file sonori, collegati all'ipod ed a itunes, offre interessanti e infinite possibilità di utilizzo.

30 14 Musica digitale: il podcast del secondo circolo di Putignano (BA) L idea Per utilizzare il Podcasting è necessario: scaricare il software itunes. E' un software libero che permette una gestione semplicissima e molto funzionale dei propri file sonori e dei propri video. In particolare ci interessa, nel menu a sinistra, l'opzione Podcast collegare eventualmente al proprio PC un ipod, che è una sorta di lettore mp3 con potenzialità molto più grandi. itunes e ipod sono un binomio che permette di gestire al meglio i propri file sonori e scaricarli automaticamente, compresi i file contenuti nell'area Podcast, sul proprio ipod per ascoltarli ovunque.

31 15 e-book testi: la biblioteca digitale dell AID Il bisogno La biblioteca digitale dell Associazione Italiana Dislessia cerca di risolvere, almeno parzialmente, il disagio dei genitori che già da tempo autonomamente chiedono, con diversi gradi di successo, alle case editrici i libri di testo digitalizzati adottati nelle classi dei loro figli. La possibilità di richiederli tutti a un unico interlocutore, che si fa carico del reperimento dei libri presso le diverse case editrici, ci è sembrato un buon mezzo di semplificazione. In sostanza: aiutano a ridurre la diversità completano l attività didattica semplificano lo studio e ne riducono i tempi compensano le DSA

32 15 e-book testi: la biblioteca digitale dell AID Un e-book è la versione digitale di un libro. L idea Avendo a disposizione un libro in formato digitale è possibile modificare le sue caratteristiche, ad esempio ingrandendo i caratteri o cambiando il colore dello sfondo, semplificando ma, cosa ancora più significativa per chi abbia gravi difficoltà di lettura, è possibile leggere il testo per mezzo di una sintesi vocale. Molte sintesi vocali di ultima generazione consentono poi di salvare il testo in formato MP3, ovvero come un comune file audio. Questa possibilità fa sì che chi voglia ascoltare un libro non debba essere vincolato all uso del personal computer: sarà sufficiente ricorrere ad un lettore MP3 (come ad esempio l ipod) o ad un telefonino di ultima generazione. Naturalmente gli stessi strumenti possono essere impiegati per ascoltare gli audiolibri. Un ragazzo dislessico o ipovedente può, ad esempio, ripassare la lezione del giorno ascoltandola sull ipod mentre si reca a scuola, un altro può invece leggere un lungo romanzo in riva al mare attraverso il telefonino. Questi dispositivi consentono di ascoltare il testo, se si desidera simultaneamente ascoltare e scorrere le righe di un testo, si dovrà continuare a ricorrere al PC, tenendo presente che attualmente sono disponibili computer di ridottissime dimensioni (come ad esempio i tablet PC) che permettono un utilizzo molto più versatile dello strumento.

33 16 Visualizzatori e wiidea: non solo lavagne Il bisogno Accendiamo una Wiimote Whiteboard a scuola? La console Nintendo Wii sta spopolando da molti mesi nelle case di tutto il mondo. E non coinvolge solo i bambini. La curiosità intorno ad una soluzione tecnica di grande suggestione ha indotto tanti a pensare e realizzare utilizzi anomali ed imprevisti dei componenti della console, in particolare sfruttando la possibilità di far interagire il telecomando con un PC. Tra le tante ipotesi, diffuse principalmente attraverso brevi spunti scritti e moltissimi video su YouTube, ha sollevato l'attenzione di tanti l'esperimento di un ricercatore americano, Johnny Lee, che ha realizzato e presentato la possibilità di sfruttare un videoproiettore, un PC ed un Wiimote per realizzare, con pochi euro di spesa, una lavagna interattiva. Da circa due anni la rete, in particolare YouTube, va riempendosi (provare per credere) di esempi e testimonianze della realizzabilità della soluzione. Il fenomeno tocca moltissimi paesi nel mondo, e la realizzazione è generalmente identificata come "Wiimote Whiteboard" [lavagna Wii] e costituisce di fatto una proposta per ottenere una funzionalità equivalente alla componente hardware di una Lavagna Digitale.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES a cura della F.S. Area 2 Maria De Francesco Nella stesura del PDP per gli alunni BES è richiesta la messa a punto di strategie didattiche

Dettagli

LIM IDEA Progetto Scuola 0.1: camminiamo insieme verso la Scuola 2.0.

LIM IDEA Progetto Scuola 0.1: camminiamo insieme verso la Scuola 2.0. LIM IDEA Progetto Scuola 0.1: camminiamo insieme verso la Scuola 2.0. In rete con: DD I Circolo Asti - DD VI Circolo Asti - DD V Circolo Asti IC Moncalvo- IC Castell'Alfero Premessa: Come previsto dalle

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

COSTRUIAMO UN WIKI D ISTITUTO

COSTRUIAMO UN WIKI D ISTITUTO COSTRUIAMO UN WIKI D ISTITUTO Descrizione del progetto L idea di realizzare un wiki che possa fungere da contenitore di materiali autoprodotti ed essere utile a tutto l Istituto è nata durante il primo

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Fare lezione con la LIM

Fare lezione con la LIM Fare lezione con la LIM Descrizione dell'attività Argomento: LE SPAZIO Obiettivi formativi: Conoscere e utilizzare gli strumenti essenziali della LIM Conoscere il mondo delle Scienze tramite gli argomenti

Dettagli

La biblioteca C. Cantoni propone corsi di

La biblioteca C. Cantoni propone corsi di Via Cairoli 25 Contatti: 0382/815020 biblioteca@comune.gropellocairoli.pv.it La biblioteca C. Cantoni propone corsi di INFORMATICA BASE INFORMATICA BASE PER RAGAZZI INFORMATICA INTERMEDIO FOTOGRAFIA PER

Dettagli

INFORMATICA BASE INFORMATICA INTERMEDIO FOTOGRAFIA PER ADULTI FOTOGRAFIA PER RAGAZZI MONTAGGIO VIDEO COSTRUZIONE E RIPARAZIONE COMPUTER

INFORMATICA BASE INFORMATICA INTERMEDIO FOTOGRAFIA PER ADULTI FOTOGRAFIA PER RAGAZZI MONTAGGIO VIDEO COSTRUZIONE E RIPARAZIONE COMPUTER Via Cairoli 25 Contatti: 0382/815020 biblioteca@comune.gropellocairoli.pv.it ANNO 2011-2012 INFORMATICA BASE INFORMATICA INTERMEDIO FOTOGRAFIA PER ADULTI FOTOGRAFIA PER RAGAZZI MONTAGGIO VIDEO COSTRUZIONE

Dettagli

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT Certificazione Pedagogica Europea per le Tic EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT www.epict.it www.epict.org Indice MODULO A... 3 MODULO B... 4 MODULO C... 5 MODULO H...

Dettagli

Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva

Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva Cl@sse 2.0 Modello di progettazione condiviso per una didattica inclusiva ISTITUTO COMPRENSIVO CARPI 2 SCUOLA PRIMARIA «SANDRO PERTINI» CLASSE II SEZIONE B Gennaio/giugno 2014 Presentazione dell unità

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere 7. L aula digitale inclusiva: proposte operative Accezione larga del concetto di disabilità di Paola Angelucci e Piero Cecchini Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Dettagli

L avagna I nterattiva M ultimediale

L avagna I nterattiva M ultimediale L avagna I nterattiva M ultimediale LuxiBoard è l unica Lavagna Interattiva Multimediale presente sul mercato che vi permette di scegliere fra due diverse tecnologie - infrarossi ed elettromagnetica -

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso base L uso dei blog nella didattica delle discipline artistiche Criteri per la selezione di software

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

INTERATTIVO & MULTIMEDIA TECNICA FISICA CHIMICA BIOLOGIA. in touch with learning. interattivo. the real change. catalogo IM-1. lavagna interattiva

INTERATTIVO & MULTIMEDIA TECNICA FISICA CHIMICA BIOLOGIA. in touch with learning. interattivo. the real change. catalogo IM-1. lavagna interattiva in touch with learning FISICA CHIMICA BIOLOGIA INTERATTIVO & MULTIMEDIA TECNICA interattivo catalogo IM-1 the real change lavagna interattiva Indice indice Lavagna interattiva Istruzione Industria Tecnologia

Dettagli

Temi avanzati SEMINARIO

Temi avanzati SEMINARIO Temi avanzati SEMINARIO WEB 2.0: Tecnologie ed opportunità per business Prof. Folgieri, Università dell Insubria aa 2009/2010 WEB 2.0 Un esempio di applicazione: trasformazione di un portale da web 1.0

Dettagli

By Junior Melo (Own work) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

By Junior Melo (Own work) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons By Junior Melo (Own work) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons DIDATTICA DIGITALE CON I DOCENTI Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

GUIDA iprof. InsTaLLa usa AGGIOrNA

GUIDA iprof. InsTaLLa usa AGGIOrNA GUIDA iprof InsTaLLa usa AGGIOrNA che cos è iprof Progetto Maria Vittoria Alfieri, Luca De Gregorio Progettazione, sviluppo software e grafica Ocho Durando S.P.A. Supervisione tecnica e coordinamento Luca

Dettagli

Sardegna digital library VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI BENI

Sardegna digital library VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI BENI Sardegna digital library VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI BENI La memoria digitale della Sardegna CULTURALI IN SARDEGNA La memoria digitale della Sardegna Un bene pubblico accessibile a tutti La Digital

Dettagli

PROGETTO ARGG! A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI

PROGETTO ARGG! A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI PROGETTO ARGG! ISC GABICCE MARE E GRADARA A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI I SOGGETTI COINVOLTI Istituto Scolastico Comprensivo di Gabicce Mare e Gradara Comune di Gradara Comune di Gabicce Mare Università

Dettagli

(F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008) Peculiarità della LIM come strumento di mediazione didattica

(F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008) Peculiarità della LIM come strumento di mediazione didattica I corrispettivi odierni dello zappator e dell artigiano, che nell idillio leopardiano si affrettavano a terminare il loro lavoro settimanale, hanno a disposizione televisione, cinema, videocassette, CD

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

6HQRQVLDYYLDDXWRPDWLFDPHQWHIDUHFOLFVX

6HQRQVLDYYLDDXWRPDWLFDPHQWHIDUHFOLFVX 6HQRQVLDYYLDDXWRPDWLFDPHQWHIDUHFOLFVX LE FUNZIONALITÀ DELLE LAVAGNE INTERATTIVE MULTIMEDIALI (LIM) LIM e nuove tecnologie nella scuola Nell ambito del progetto del Gruppo RCS di predisposizione di strumenti

Dettagli

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi PROGETTO CL@SSI2.0 Titolo: DIGITALI Finalità generale del Progetto Creare occasioni significative di formazione integrale della persona, per sviluppare in modo particolare la capacità di orientarsi nella

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

Il progetto classi 2.0

Il progetto classi 2.0 classe classe 2.0 2.0 Didattica innovativa Il progetto classi 2.0 Il progetto Cl@ssi 2.0, attivato nel 2009 dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, ha l obiettivo di promuovere

Dettagli

A.P.RI.CO. OBIETTIVO SCUOLA

A.P.RI.CO. OBIETTIVO SCUOLA A.P.RI.CO. OBIETTIVO SCUOLA Corso docenti referenti Busto Arsizio Novembre - Dicembre 2007 ATTIVAZIONE DI INTERVENTI DI PREVENZIONE RIEDUCAZIONE COMPENSAZIONE CON STRUMENTI INFORMATICI PER SOGGETTI DISLESSICI

Dettagli

Classe 2a Scuola secondaria di I grado - "ICS Anna Frank" - Montecalvo in Foglia (PU)

Classe 2a Scuola secondaria di I grado - ICS Anna Frank - Montecalvo in Foglia (PU) Scheda Progetto Dati generali Nome progetto Flipped e-maths Ordine scolastico Secondaria I Grado Proponenti Monia Grilli Data Inizio 02/10/2014 Data Fine 16/03/2015 Destinatari Classe 2a Scuola secondaria

Dettagli

C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza

C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza Nell anno 2013 il CTS (Centro Territoriale Servizi per le disabilità) ha risposto all'84 % delle richieste inoltrate dalle istituzioni scolastiche

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

COMUNE di MELE LA TECNOCLASSE. Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele

COMUNE di MELE LA TECNOCLASSE. Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele COMUNE di MELE Progetto per la Didattica Digitale nella Scuola SECONDARIA 1 GRADO di Mele un progetto del COMUNE di MELE in collaborazione con l ISTITUTO COMPRENSIVO VOLTRI-1 e la partecipazione di AMTER

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE DOMANDE FREQUENTI In queste pagine potete trovare un elenco di domande e dubbi che riguardano www.i-d-e-e.it. Per qualsiasi altra informazione, non esitate a contattarci via mail all indirizzo info@i-d-e-e.it.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LABORATORIO LINGUISTICO

LABORATORIO LINGUISTICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI GAIRO LABORATORIO LINGUISTICO PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE DIDATTICA I docenti della Scuola Media Statale di Cardedu, sulla base dei bisogni rilevati e definiti dal Piano dell Offerta

Dettagli

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali

Dettagli

Prot. n... Bologna, 9 novembre 2011

Prot. n... Bologna, 9 novembre 2011 Prot. n.... Bologna, 9 novembre 2011 PROTOCOLLO D INTESA TRA Ufficio Scolastico Regionale, Direzione Generale per l Emilia-Romagna E Telecom Italia SpA

Dettagli

DidActive Box. Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva

DidActive Box. Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva DidActive Box Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva Laboratorio aperto Ogni classe, un laboratorio: questa prospettiva è possibile con DidActive Box, che unisce l ultima versione

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD La struttura tecnologica è formata da: Lavagna interattiva:può essere di varie misure (da 48 a94 ) e formati (4/3 o 16/9) Proiettore: può essere sia grandangolare (con molti

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

NEWSLETTER BIBLIOTECA

NEWSLETTER BIBLIOTECA 1 di 5 02/02/2013 10.23 LA NEWSLETTER MENSILE DELLA BIBLIOTECA PROVINCIALE PASQUALE ALBINO DI CAMPOBASSO NEWSLETTER BIBLIOTECA Agosto 2012 - numero 6 Tutti i colori della lettura in Biblioteca Albino Il

Dettagli

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education seguici e commenta su #primariaday Napoli 7 aprile 2014 Il nuovo ambiente RCS Education per la didattica digitale CONTENUTI e SERVIZI

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali AREA DI COMPETENZA COPERTA DALLA CERTIFICAZIONE MACRO-COMPETENZA

Dettagli

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano Giuliano Gaia - Stefania Boiano Sommario 1. Che cos è il podcasting... 7 2. Trovare e ascoltare i podcast... 15 3. Creare il primo podcast... 33 4. Podcast di qualità... 65 5. Sperimentare... 99 6. Di

Dettagli

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Il Quadro di della Certificazione EPICT si articola su quattro livelli: 1. Area di competenza (Competenza

Dettagli

PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO

PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO IDEA PROGETTUALE Da alcuni anni il corpo sanitario e le autorità scolastiche devono confrontarsi con un utenza in rapida trasformazione. L evoluzione, quasi sempre positiva,

Dettagli

Il punto di partenza siete voi

Il punto di partenza siete voi Il punto di partenza siete voi Parte da voi la scuola che cambia Costruiamo il futuro, evolviamo insieme! A partire dai libri di testo, che Mondadori Education ha messo a norma già dal 2009,, e che oggi

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2015

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GR AFICO MUSICALE LUCIANO BIANCIARDI CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2015 Agenzia Formativa Bianciardi Consorzio Istituti Professionali Associati

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

La LIM a proiezione frontale si serve di un proiettore che può essere posizionato su uno stativo. ... o fissato sul soffitto

La LIM a proiezione frontale si serve di un proiettore che può essere posizionato su uno stativo. ... o fissato sul soffitto La Lavagna Multimediale Interattiva è una periferica del computer. Allo stato dell arte della tecnologia disponibile sul mercato, la Lavagna Interattiva Multimediale è una periferica del personal computer.

Dettagli

Nuovi media digitali: equivoci tecnologici e opportunità didattiche

Nuovi media digitali: equivoci tecnologici e opportunità didattiche Riflessioni Nuovi media digitali: equivoci tecnologici e opportunità didattiche Bambini e adolescenti, si sa, hanno grande familiarità con gli strumenti del Web o il telefono cellulare, ma questo non basta.

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL ISTRUZIONE E DELL APPRENDIMENTO LEZIONE II IPERTESTI E WEB ANTOLOGIE CON WORD PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 L ipertesto un modo naturale di elaborare le

Dettagli

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI?

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI? Secondo numerose ricerche psicolinguistiche e pedagogiche, imparare una seconda lingua in età infantile è un processo più semplice, efficace ed immediato rispetto all età adulta perché i bambini sperimentano

Dettagli

" L. A N N E O S E N E C A

 L. A N N E O S E N E C A MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFF. SCOL. REG. PER IL LAZIO I S T I T U T O D I I S T R U Z I O N E S U P E R I O R E L I C E O " L. A N N E O S E N E C A " Via F. Albergotti,

Dettagli

DOCENTE REFERENTE DEL PROGETTO PROF.SSA GIULIANA BURZI RELAZIONE CL@SSE2.0 1.STATO DI ATTUAZIONE DELL ATTIVITÀ

DOCENTE REFERENTE DEL PROGETTO PROF.SSA GIULIANA BURZI RELAZIONE CL@SSE2.0 1.STATO DI ATTUAZIONE DELL ATTIVITÀ PROGETTO CL@SSI 2.0 LA CLASSE CHE NAVIGA VERSO IL FUTURO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELNUOVO MAGRA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO D.ALIGHIERI CLASSE IC DOCENTE REFERENTE DEL PROGETTO PROF.SSA GIULIANA

Dettagli

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio)

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Istituto Tecnico Economico A.F.M. (Amministrazione-Finanza-Marketing)

Dettagli

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone Canavese Febbraio 2011 Cos'è una LIM? LIM è l'acronimo

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

Fino a qualche anno fa la media literacy era una delle tante aree di ricerca della

Fino a qualche anno fa la media literacy era una delle tante aree di ricerca della Pagina1 Educare con i media digitali: Mygazine Autore: Daniele Barca Introduzione L educazione ai media (media literacy) considera le tecnologie come tema della didattica, insiste sulla promozione del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

Cambia la scuola che cambia

Cambia la scuola che cambia SEMINARIO Cl@ssi 2.0 A Rimini dal 10 all'11 febbraio docenti e dirigenti per pensare la scuola del futuro Cambia la scuola che cambia Docenti partecipanti prof.: Gentile Laura, Mazzeo Lucia, Santoro Marina

Dettagli

Riassunto primo focus (senior)

Riassunto primo focus (senior) Riassunto primo focus (senior) Il focus group si è svolto giovedì 25 marzo dalle 17.00 alle 18.30. I partecipanti erano persone in pensione appartenenti all associazione Amici della biblioteca. Sebbene

Dettagli

L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE

L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE Liceo G. Cotta Corso L.I.M. a.s. 2011-12 Marco Bolzon L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE 1 OPERAZIONI PRELIMINARI Prenotare l aula (registro vicino fotocopiatore 1 piano). Provare prima

Dettagli

Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la

Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la creazione di un vasto spazio pubblico riempito di giudizi

Dettagli

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci»

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Tablet in spalla Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Progetto pilota su tre scuole secondarie di 1 grado di Lucca Scuola G. Carducci IC Lucca 1 Scuola D. Chelini

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

L4ALLExperience Description School year 2010/2011 Experience 10/ n.313

L4ALLExperience Description School year 2010/2011 Experience 10/ n.313 HANDLING DATA Last Revision: 2012/02/14 L4ALLExperience Description School year 2010/2011 Experience 10/ n.313 ANNEXES Date Author What 2011/07 Luca Ferrari Audio Interview 2011/09 Luca Ferrari Interview

Dettagli

Corso di giornalismo pomeridiano

Corso di giornalismo pomeridiano Corso di giornalismo pomeridiano TRACCIA 2 Progetto collaborativo finalizzato alla costruzione di un giornalino scolastico in una classe di scuola secondaria di I grado con possibile raccordo con una classe

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5 Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo Maurizio Gentile Gentile, M. (2008). Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo. Scuola e Formazione, pp. 21-25. Nell anno scolastico 2005/2006 un gruppo

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Tecnologie Educative Cazzaniga Paolo Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Outline Formazione a distanza 1 Formazione a

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Scuola Digitale in Sardegna

Scuola Digitale in Sardegna Scuola Digitale in Sardegna Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport Direzione generale della pubblica istruzione Seminari informativi e di condivisione del

Dettagli

Relazione finale. Far diventare gli allievi protagonisti.

Relazione finale. Far diventare gli allievi protagonisti. Relazione finale Premessa Lo studio delle materie scientifiche rappresenta un serio problema nella scuola media superiore di II grado. La preparazione di base non sempre omogenea, il poco interesse generalizzato

Dettagli

Programmazione Laboratorio Informatica

Programmazione Laboratorio Informatica Istituto Comprensivo Maria Montessori Scuola Primaria Fratelli Pagliero San Maurizio Canavese Scuola Primaria di Ceretta Anno scolastico 2015/2016 Insegnante Benzo Margherita Programmazione Laboratorio

Dettagli

GLOSSARIO INTERNET. Barra degli indirizzi (address bar) barra del browser nella quale va digitato l'indirizzo Web o URL.

GLOSSARIO INTERNET. Barra degli indirizzi (address bar) barra del browser nella quale va digitato l'indirizzo Web o URL. GLOSSARIO INTERNET A Ambiente di apprendimento Sistema di apprendimento centrato sullo sviluppo continuo delle conoscenze e delle competenze e basato sul metodo dell imparare facendo. Gli utenti possono

Dettagli

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia!

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia! Spett. le Fondazione De Mari desideriamo ringraziarvi per il finanziamento che abbiamo ricevuto; il Vostro contributo ha dato un importante aiuto alla nostra scuola consentendole di andare avanti e di

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli