La presenza straniera (specie in Lombardia)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La presenza straniera (specie in Lombardia)"

Transcript

1 La presenza straniera (specie in Lombardia)

2 Stranieri residenti in Italia (Fonte: Istat) I cittadini stranieri residenti in Italia al 1 gennaio 2009 sono (pari al 6,5% del totale dei residenti). Oltre il 60% degli immigrati risiede nelle regioni del Nord Stima (Ismu) regolari e irregolari: 4.6 milioni Circa la metà dei residenti stranieri proviene dai paesi dell Est europeo; 796mila sono cittadini rumeni. Quasi un quarto (il 23,3%) degli stranieri residenti in Italia è iscritto nelle anagrafi dei comuni della Lombardia, che da sola ospita quasi due volte il numero degli stranieri residenti nel Mezzogiorno. Graduatoria dei paesi di provenienza: Romania, Albania, Marocco, Repubblica Popolare Cinese, Ucraina LOMBARDIA Incidenza alunni stranieri 6,7% La popolazione straniera in Lombardia incide per il 9,3% sul totale dei residenti. Al 1 luglio 2009 si stima siano presenti in Lombardia 1milione e 170mila stranieri, di cui il 13% irregolare

3 I paesi di provenienza in Lombardia. Anni 2001 e (Fonte: ORIM 2010) Paesi Var.% Migliaia % Migliaia % Romania 14,800 3,53 169,100 14, ,6 Marocco 58,400 13,91 127,500 10,90 118,3 Albania 41,100 9,79 115,800 9,90 181,8 Egitto 31,900 7,60 77,200 6,60 142,0 Filippine 31,200 7,43 53,900 4,61 72,8 Cina 22,200 5,29 51,900 4,44 133,8 India 11,800 2,81 50,600 4,32 328,8 Ecuador 6,100 1,45 48,400 4,14 693,4 Perù 19,400 4,62 45,600 3,90 135,1 Ucraina 1,300 0,31 41,500 3, ,3 Senegal 19,800 4,72 35,500 3,03 79,3 Pakistan 9,100 2,17 32,200 2,75 253,8 Sri Lanka 13,400 3,19 31,800 2,72 137,3 Tot prime ,500 66,82 881,000 75,29 214,1 Totale generale 419, , ,20 100,00 178,8 Bangladesh + 389% Moldova +346%

4 La presenza delle donne nelle migrazioni internazionali costituisce un realtà consolidata anche in Italia e in Lombardia La crescita della componente femminile ha contribuito a riequilibrare le presenze per genere Il fenomeno migratorio non può essere considerato in modo neutro rispetto al genere rispetto ai Paesi di provenienza sono diversi i percorsi migratori, il tipo di occupazione, la composizione dei nuclei familiari, i bisogni..

5 Verso il riequilibrio di genere: aumenta negli anni la presenza femminile. Oggi le donne sono il 46,9% della popolazione straniera, PERCHE?? la crescente domanda di manodopera immigrata femminile nei paesi di accoglienza (principalmente nel settore dei servizi alle famiglie domestico e di cura) Domanda determinata da: -aumento dei tassi di occupazione delle donne italiane -invecchiamento della popolazione -inadeguatezza del sistema di welfare -ineguale distribuzione del lavoro di cura fra i sessi l aumento dei ricongiungimenti familiari da parte degli uomini primo migranti (stabilizzazione della popolazione immigrata nei paesi di accoglienza)

6 Il lavoro Motivi del soggiorno per genere. Lombardia Valori % Altro Lavoro Famiglia 100% 9,6 Motivi del soggiorno - UOMINI 5,8 3,0 10,3 2,2 9,3 Motivi del soggiorno - DONNE 3,6 1,7 4,0 5,2 80% 60% 40% 20% 0% 76,9 84,9 86,8 78,8 80,8 13,5 9,3 10,2 8,9 19,0 Est europa Asia Nord Africa Altri Africa America Latina 21,0 42,5 44,2 53,5 64,5 77,3 53,9 51,8 37,2 30,3 Est europa Asia Nord Africa Altri Africa America Latina

7 La partecipazione al mercato del lavoro in Lombardia Tasso di disoccupazione femminile 12,4% maschile 13,8% l impatto della crisi è stato più pesante sull offerta di lavoro maschile Mentre i mestieri femminili sono meno sensibili agli andamenti congiunturali dell economia Incidenza della disoccupazione tra gli UOMINI Egitto: 17,8% Marocco: 16,7% Filippine: 2,0% Ecuador: 3,2% Incidenza della disoccupazione tra le DONNE Romania: 13,8% Cina: 9,9% Filippine: 0,1% Ucraina: 5,0% 17,8 16,7 13,8 9,9 3,2 2,0 5,0 0,0 Egitto Marocco Ecuador Filippine Romania Cina Ucraina Filippine 7

8 Principali professioni svolte dagli immigrati in Lombardia. Anno 2009 Donne Uomini 18,7% Assistenti domiciliari 16,2% Domestiche ad ore 14,6% Addetti alla ristorazione/alberghi 6,5% Domestiche fisse 5,4% Mestieri intellettuali 5,1% Addetti alle pulizie 4,9% Addetti alle vendite e servizi 4,7% Operaie generiche nell industria 4,1% Impiegate esecutive e di concetto 3,6% Assistenti sociali 19,3% Operai generici nell industria 18,4% Operai edili 9,3% Operai generici nel terziario 8,6% Addetti alla ristorazione/alberghi 8,5% Mestieri artigianali 6,9% Addetti alle attività commerciali 6,2% Addetti ai trasporti 5,2% Operai agricoli 3,4% Operai specializzati 3,1% Addetti alle pulizie immobilismo del panorama dei lavori svolti dagli immigrati: l occupazione maschile continua ad essere egemonizzata dalla figura dell operaio e l occupazione femminile continua ad essere assorbita in prevalenza dalle famiglie la dequalificazione continua a caratterizzare la partecipazione degli immigrati al mercato del lavoro lombardo (tra i laureati neppure il 30% ha un lavoro impiegatizio)

9 Reddito medio mensile netto da lavoro (in euro) degli immigrati in Lombardia. Anno 2009 F M Gap Addetti alla ristorazione/alberghi % Addetti alle pulizie % Operai generici nell industria % Occupato regolare a tempo determinato % Occupato regolare a tempo parziale % Occupato regolare a tempo indeterminato % Occupato irregolarmente, ma stabile % Occupato irregolarmente in modo precario % Le donne straniere sono in condizione di svantaggio retributivo rispetto agli uomini (discriminazione salariale)

10 Pari opportunità? Le donne compongono un universo molto attivo e variegato Concorrono ad arricchire direttamente e indirettamente la nostra società Con il proprio lavoro Con il sostegno al lavoro altrui Nelle relazioni con gli altri Il triplo svantaggio delle donne straniere Di genere Rispetto agli uomini Di provenienza Di classe Rispetto alle donne italiane Rispetto ad altre donne straniere Solitudine nel sostegno di ruoli familiari Segregazione lavorativa Svalorizzazione delle competenze Differenziali salariali

11 migranti e famiglia

12 La presenza immigrata è sempre più caratterizzata da nuclei familiari e meno da singoli individui (stabilizzazione del fenomeno migratorio) la dimensione familiare è una realtà molto complessa e dinamica: famiglie ricongiunte, famiglie spezzate, nuclei formati in Italia, figli nati in Italia, coppie miste, famiglie monoparentali Famiglie in emigrazione Tipologia familiare in emigrazione, Lombardia 2009 (Fonte: Orim) Senza nucleo Con intero nucleo Con parte del nucleo Con nessuno del nucleo Donne 20,1 55,4 8,3 16,2 Uomini 35,4 39,7 6,4 18,5 0% 20% 40% 60% 80% 100%

13 Tipologia familiare in emigrazione per paesi di provenienza. DONNE. Lombardia 2009 Senza nucleo Con intero nucleo Con parte del nucleo Con nessuno del nucleo Donne 20,1 8,3 16,2 55,4 Perù 26,0 40,8 4,5 28,7 Albania 25,2 62,9 7,6 4,3 Cina 23,4 48,8 12,4 15,4 Romania 22,1 53,6 8,1 16,2 Senegal 16,2 60,3 17,6 5,9 Ucraina 15,3 13,2 6,2 65,3 Filippine 15,0 60,6 8,0 16,4 Ecuador 13,2 50,6 13,2 23,0 Pakistan 11,7 84,4 3,9 0,0 Egitto 5,7 83,6 10,0 0,7 0% 20% 40% 60% 80% 100%

14 La migrazione all origine è l esito di una scelta spesso familiare, ma migrano gli individui C è un periodo di separazione fra i componenti del nucleo familiare che dipende da fattori Esogeni provvedimenti legislativi, sanatorie Endogeni costi-opportunità, costi economici Il ciclo di vita della famiglia si interseca con quello migratorio Il modo in cui la migrazione condiziona la cadenza degli eventi che generano/spezzano/dissolvono una famiglia dipende dal contesto culturale e sociale di provenienza Posticipazione dell unione, della maternità e della paternità Unioni eccentriche rispetto al contesto di origine

15 Coppia Ricongiungimento ai figli Maternità in Italia Senza nucleo Unione in Italia Unione a distanza Ricongiungimento familiare Coppia con figli Separazione Spezzate Separazione Maternità in Italia Mono parentale Nuova unione

16 Il ricongiungimento il partner e i figli Se l attesa è eccessivamente lunga la stabilità è compromessa Se le donne sono primo migranti e gli uomini sono ricongiunti ruoli e leadership sono stravolti: criticità nelle relazioni di coppia Il ricongiungimento tardivo dei figli implica la loro crescita altrove e da parte di figure terze Indebolimento del ruolo di genitore

17 Diventare genitori La maternità è evento più raro rispetto al paese di origine Minore tutela legislativa se il lavoro non è regolare Svantaggi aggiuntivi (rispetto alle donne italiane) Tipo di lavoro meno compatibile con la maternità Scarso supporto delle reti informali

18 Conoscere le differenze culturali e crescere nell integrazione. Settembre/dicembre 2010 Madri straniere e madri italiane Sono immigrate di prima generazione (99,6%) Età al matrimonio (23 vs. 28) Età al primo figlio in Italia (27 vs. 32) Effetto posticipazione nelle straniere: l età media al primo figlio per chi ha avuto la prima nascita al paese d origine è 21 anni Età media al parto (28 vs. 33) Maggiori nascite da madri minorenni o molto giovani Forti differenziali nella partecipazione al mercato del lavoro rispetto alle italiane (inattive: 60,3 % vs. 13,6)

19 L evento nascita Conoscere le differenze culturali e crescere nell integrazione. Settembre/dicembre 2010 Area di provenienza % in età % in età Età media all arrivo Anzianità migratoria media (anni) % con cittadinanz a italiana % figli nati all estero su totale nati Est Europa 48,9 49, Albania Provenienze 61,8 con propensione 62,8 medio 25 alta ad 9 avere figli 25 nel contesto 8 migratorio: 7 59 Bulgaria 32,3 30,6 Alti livelli 44 del tasso 18 di fecondità Polonia 43,3 47, Romania 45,6 46,9 Popolazione 26 femminile 10 giovane Ucraina 26,3 Anzianità 28,0 migratoria 56 medio alta 27 e giovane 36 età all arrivo Russia 62,9 Livelli 58,3 medio alti 43 di nascite 22 in Italia sul 33 totale di nati Moldova 48,3 38, Asia 71,1 68, Cina 74,1 66, Filippine 41,9 36, India 109,5 94, Pakistan 84,2 137, Sri Lanka 56,5 55, Bangladesh 113,4 102, Nord Africa 114,5 113, Egitto 154,4 126, Marocco 104,2 111, Altri Africa 74,3 74, Nigeria 96,4 92, Senegal Etiopia, Eritrea, Somalia 115,1 28,2 124,8 22, America Latina 52,3 52, Bolivia 86,1 58, Ecuador Perù 46,6 45,9 45,8 49, Brasile 66,8 69, Fonte: Elaborazioni su dati Cedap e Osservatorio Regionale per l integrazione e la Multietnicità anni

20 L evento nascita Conoscere le differenze culturali e crescere nell integrazione. Settembre/dicembre 2010 Area di provenienza % in età % in età Età media all arrivo Anzianità migratoria media (anni) % con cittadinanz a italiana % figli nati all estero su totale nati Est Europa 48,9 49, Albania 61,8 62, Bulgaria 32,3 30, Polonia 43,3 47, Romania 45,6 46, Ucraina 26,3 28, Russia 62,9 58, Moldova 48,3 38, Asia 71,1 68, Cina Provenienze 74,1 con bassa 66,1 propensione 23 ad avere 3 figli 24 nel contesto 8 migratorio: 4 48 Filippine 41,9 Livelli 36,4 più contenuti 50 del 15 tasso di fecondità India 109,5 Ampie fasce 94,9 di popolazione 18 femminile 3 in età o Pakistan 84,2 Anzianità 137,8 migratoria 21inferiore ed 3 elevata 25età all arrivo Sri Lanka 56,5 Bassa percentuale 55,2 di nascite 28 in Italia 2 sul totale 27 delle nascite Bangladesh 113,4 102, Nord Africa 114,5 113, Egitto 154,4 126, Marocco 104,2 111, Altri Africa 74,3 74, Nigeria 96,4 92, Senegal 115,1 124, Etiopia, Eritrea, Somalia 28,2 22, America Latina 52,3 52, Bolivia 86,1 58, Ecuador 46,6 45, Perù Brasile 45,9 66,8 49,9 69, Fonte: Elaborazioni su dati Cedap e Osservatorio Regionale per l integrazione e la Multietnicità anni

21 La famiglia che vorrei Conoscere le differenze culturali e crescere nell integrazione. Settembre/dicembre 2010 Generazioni di madri 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 Cina Romania India Marocco Ecuador Ghana Stranieri Albania Italiani Filippine 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 Generazioni di figlie Laura dice: per una donna, la cosa importante è incontrare l uomo giusto, sposarlo e avere una bella famiglia Paola dice: per una donna, la cosa importante è studiare e trovare un lavoro dove si guadagna bene Numero medio di figli desiderati dalle figlie e numero medio di fratelli e sorelle Alunni Alunne Italiani 69,1 62,9 Origine pfpm 64,3 50,4 Albania 67,1 53,1 Romania 66,9 47,2 Cina 61,3 51,5 Filippine 47,9 43,8 India 68,6 52,3 Ghana 58,2 51,7 Marocco 66,8 46,3 Ecuador 59,7 41,9

22 Minori stranieri: seconde generazioni e giovani migranti Bambine e bambini nati in Italia Socializzazione e scolarizzazione in Italia Rientri al paese di origine (famiglie spezzate) Cittadinanza italiana? (al 18 anno di età) Bambine e bambini nati all estero e giunti in Italia in età prescolare Esperienza della migrazione (con familiari/ricongiungimento) Scolarizzazione in Italia Ragazze e ragazzi nati all estero e giunti in Italia in età scolare Esperienza della migrazione (con familiari/ricongiungimento) Recupero legami e ruoli dentro la famiglia Inserimento scolastico (ritardo scolastico, scelte percorsi formativi..)

23 Il Conoscere mestiere le differenze culturali e crescere nell integrazione. fra Settembre/dicembre desiderio 2010 e realtà Alunni (% su totale lavoro) Origine pfpm Italiani Calciatore 14,2 Calciatore 10,8 Meccanico 13,7 Ingegnere 5,9 Medico 6,6 Meccanico 5,2 Ingegnere 5,1 Avvocato 3,8 Avvocato 4,1 Architetto 3,5 Alunne (% su totale lavoro) Origine pfpm Italiane Medico 12,9 Parrucchiera 11,5 Parrucchiera 9,9 Insegnante 10,3 Insegnante 7,8 Veterinaria 5,9 Avvocato 6,7 Avvocato 5,4 Attrice 6,1 Attrice 4,7 I mestieri non sono molto differenziati per provenienza Esiste una forte specializzazione di genere

24 Conoscere le differenze culturali e crescere nell integrazione. Settembre/dicembre 2010 I giovani di origine straniera non hanno desideri e aspettative molto differenti da quelle dei coetanei italiani I giovani di origine straniera mostrano maggiore vulne-rabilità e più incertezza sulle proprie capacità e sul proprio futuro La comunanza di aspirazioni cresce e l incertezza si riduce se i minori hanno il tempo di familiarizzare con la società ospite e se hanno gli strumenti per comprenderla: la nascita in Italia o la lunga permanenza, a queste età, sono più cruciali dell essere nato da genitori stranieri. Alcuni evidenziano il desiderio di volgere la loro specificità in una risorsa E I NODI CRITICI più importanti

25 Scostamento fra aspettative e risorse accessibili Conoscere le differenze culturali e crescere nell integrazione. Settembre/dicembre 2010 I giovani sono a disagio perché temono di vivere le dinamiche di marginalità nel mondo del lavoro dei loro genitori Il paradosso dell assimilazione troppo riuscita La debolezza dei percorsi formativi Spesso l alternativa si pone fra adottare comportamenti analoghi a quelli di chi è ai margini in Italia o aderire alla cultura di origine esibendo comportamenti non condivisi in Italia Assunzione di un identità etnica reattiva: Sfida nei confronti della società le gang l ostentazione della differenza

26 Conoscere le differenze culturali Le e relazioni crescere nell integrazione. familiari Settembre/dicembre 2010 nell infanzia Snodi fra mondo dentro (famiglia) e quello fuori (società ospite) all ingresso della scuola e nell adolescenza. I riferimenti dei genitori, vacillano e si smarriscono le interpretazioni del mondo secondo categorie apprese di generazione in generazione. Sono in difficoltà nell esercitare adeguatamente la funzione di presentare il mondo a piccole dosi ai loro bambini perché essi stessi non lo possiedono veramente cosicché i bambini rischiano di vivere il fuori in modo traumatico. Anche i bambini stranieri possono crescere in modo armonioso resistendo alle pressioni negative e costruire progetti positivi e di equilibrio interiore. I bambini che hanno poche difficoltà hanno comunque incontrato una guida (maestra, vicino di casa) che li ha aiutati a interiorizzare le logiche del fuori.

Seconde generazioni fra integrazione ed esclusione sociale

Seconde generazioni fra integrazione ed esclusione sociale Seconde generazioni fra integrazione ed esclusione sociale Laura Terzera Università Milano Bicocca laura.terzera@unimib.it Bari 16 aprile 2010 Il modello migratorio mediterraneo Paesi di antica migrazione

Dettagli

Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici

Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici Donne migranti in provincia di Milano: una lettura dei dati statistici 17 novembre 2008 La presenza delle donne migranti La presenza straniera in provincia di Milano 120000 131833 117539 119651 115978

Dettagli

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012 GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri Venerdì 3 febbraio 2012 L immigrazione in Liguria: un fenomeno strutturale - Residenti al 31 dicembre 2010 = 125.320 - Stima dossier al 31 dicembre 2010= 136.000

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA

TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA TENDENZE RECENTI DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA Asher Colombo Elisa Martini LA PRESENZA STRANIERA COMPARAZIONI INTERNAZIONALI DIMENSIONI E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IN ITALIA Cittadini

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA

LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ SERBA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza degli

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

Minori e seconde generazioni

Minori e seconde generazioni Minori e seconde generazioni Sono 509mila le nascite in Italia nel 2014, il livello minimo dall Unità d Italia: così segnala l Istituto nazionale di Statistica nel comunicato di febbraio che diffonde le

Dettagli

Oltre la crisi, insieme

Oltre la crisi, insieme Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 21 Rapporto 2011 Edizioni Idos, Roma Oltre la crisi, insieme Stranieri residenti a 150 anni dall Unità d Italia 1861 2010 incidenza 0,4% incidenza 7,5%

Dettagli

L immigrazione straniera in Provincia di Cremona

L immigrazione straniera in Provincia di Cremona L immigrazione straniera in Provincia di Cremona di Alessio Menonna, Università degli Studi Milano-Bicocca Fondazione Ismu Cremona, 16 dicembre 2014 Stranieri residenti ogni 100 residenti nei comuni italiani

Dettagli

L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza. Monza, 26 novembre 2014

L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza. Monza, 26 novembre 2014 L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza Monza, 26 novembre 2014 L immigrazione straniera nella Provincia di Monza e della Brianza di Alessio Menonna, Università degli Studi Milano-Bicocca

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture (centro per l integrazione) Comune di Arezzo Report 2 Bimestre 2013 1. Gli accessi al Centro per l Integrazione Questo secondo report, relativo ai mesi di marzo

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica. Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Cittadini stranieri a Bologna: Il profilo delle donne straniere in città Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento: Franco Chiarini Redazione

Dettagli

DATI AL 1 GENNAIO 2015. a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini

DATI AL 1 GENNAIO 2015. a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini DATI AL 1 GENNAIO 2015 a cura di: Cristina Biondi e Rossella Salvi Ufficio Statistica Provincia di Rimini LE FAMIGLIE NELLA PROVINCIA DI RIMINI Al 1 gennaio 2015 le persone residenti nella Provincia di

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo»

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Roma, 22 Ottobre 2015 Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Il contesto internazionale ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO Il 2015 è dedicato

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT)

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Immigrazione e salute in Italia e Trentino Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Migranti, salute e accesso ai servizi sanitari: alcune considerazioni di partenza (I) Parliamo

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

2 Avere figli in Italia negli anni 2000

2 Avere figli in Italia negli anni 2000 Indice 1 2 Avere figli in Italia negli anni 2000 AVERE FIGLI IN ITALIA NEGLI ANNI 2000 APPROFONDIMENTI DALLE INDAGINI CAMPIONARIE SULLE NASCITE E SULLE MADRI ISBN 978-88-458-1814-1 2014 Istituto nazionale

Dettagli

1 Rapporto sugli immigrati in Italia

1 Rapporto sugli immigrati in Italia 1 Rapporto sugli immigrati in Italia Dicembre 2007 1 Rapporto sugli immigrati in Italia Dicembre 2007 INDICE CAPITOLO I - IL QUADRO NORMATIVO E LE POLITICHE LOCALI 26 I.1. Introduzione 26 I.2. Le leggi

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

Sicurezza stradale e nuovi cittadini

Sicurezza stradale e nuovi cittadini Sicurezza stradale e nuovi cittadini Premessa Dall Unità d Italia ad oggi, la presenza straniera nel nostro Paese è profondamente mutata sia nei numeri che nella tipologia. Se, infatti, fino a qualche

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA Analisi dei matrimoni nel Comune di Parma anni 2009-2012 A CURA DI RENZO SOLIANI Parma ottobre 2013 Matrimoni a Parma, anni 2009-2012 Nell attuale momento storico affrontare

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine

Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine Lo scenario migratorio italiano e lombardo e gli orientamenti dei migranti verso il ritorno al Proprio Paese d origine d di Alessio Menonna Fondazione Ismu Milano, 12 marzo 2015 Negli ultimi 18 anni, dal

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca

Università degli Studi di Milano Bicocca Il fenomeno migratorio in Lombardia con particolare riferimento al comparto artigiano Gian Carlo Blangiardo e Alessio Menonna Università degli Studi di Milano Bicocca Milano, 6 novembre 2008 Numero di

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Dipartimento di Scienze Sociali Università degli Studi di Napoli Federico II enrica.morlicchio@unina.it La riduzione dell occupazione nella crisi

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGLI STRANIERI

I FINANZIAMENTI AGLI STRANIERI I FINANZIAMENTI AGLI STRANIERI Anche gli stranieri hanno capito che è conveniente acquistare un immobile in virtù del costo del denaro sui prestiti ipotecari che nonostante gli aumenti di questi ultimi

Dettagli

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani

I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani I modelli insediativi della popolazione straniera nei Sistemi Locali del Lavoro Italiani Mauro Albani*, Antonella Guarneri*, Frank Heins**, Conferenza AISRe - Torino, 15-17 settembre 2011 * Istat Servizio

Dettagli

Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni. Chi sono le associazioni?

Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni. Chi sono le associazioni? Informazione, educazione ed empowerment del paziente e delle comunità Coinvolgimento delle comunità immigrate e ruolo delle associazioni Chi sono le associazioni? Le associazioni di stranieri al 31/12/2008

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale

Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Il mercato del lavoro in Veneto Contratto regionale di attività Progetto di Legge regionale Venezia, 17 febbraio 2012 PERCHÉ UN CONTRATTO REGIONALE DI ATTIVITÀ (1/6) OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN VENETO

Dettagli

L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti

L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti Convegno Salute e Migrazione Milano, 18 maggio 2012 L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti Dr. El-Hamad Issa Consulente scientifico - Servizio di Medicina del Disagio -

Dettagli

I profili e le dinamiche del fenomeno migratorio di origine straniera in Italia

I profili e le dinamiche del fenomeno migratorio di origine straniera in Italia I flussi migratori di ieri e di oggi e la sfida dell integrazione I profili e le dinamiche del fenomeno migratorio di origine straniera in Italia Alessandro Martelli (a.martelli@unibo.it) Forlimpopoli,

Dettagli

Obiettivi e metodologia della ricerca

Obiettivi e metodologia della ricerca Atteggiamenti e consapevolezza rispetto a salute e lavoro: un confronto tra cittadini italiani e cittadini stranieri provenienti da paesi a forte pressione migratoria (PFPM) Obiettivi e metodologia della

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

MILANO PER IL CO-SVILUPPO

MILANO PER IL CO-SVILUPPO MILANO PER IL CO-SVILUPPO Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale 2009-2010 Comune di Milano Il Bando Milano per il co-sviluppo del Comune di Milano Obbiettivi chiave

Dettagli

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Bologna 21 settembre 2011 Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni I migranti sono un importante risorsa

Dettagli

Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE. Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica. Predazzo, 9-13 marzo 2015

Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE. Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica. Predazzo, 9-13 marzo 2015 Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica Predazzo, 9-13 marzo 2015 Contesto: Le nuove famiglie Calo e posticipazione dei matrimoni

Dettagli

NoviClan Zogno 1. Capitolo 2012: Immigrazione in Valle Brembana. Risultati del sondaggio sulla percezione del fenomeno

NoviClan Zogno 1. Capitolo 2012: Immigrazione in Valle Brembana. Risultati del sondaggio sulla percezione del fenomeno NoviClan Zogno 1 Capitolo 2012: Immigrazione in Valle Brembana Risultati del sondaggio sulla percezione del fenomeno In quali di questi schieramenti politici si riconosce? 5 45,00% 4 35,00% 3 25,00% 15,00%

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009 Milano Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 28 29 Comune di Milano A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

Giovani, stranieri e strutture familiari

Giovani, stranieri e strutture familiari Giovani, stranieri e strutture familiari Come cambia la popolazione lombarda Alessandro Rosina Dipartimento di Scienze Statistiche Università Cattolica - Milano (alessandro.rosina@unicatt.it) Longevità

Dettagli

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Divisione II Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 A cura della

Dettagli

I nuovi vicini. Quando l immigrazione diventa normale

I nuovi vicini. Quando l immigrazione diventa normale DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI E POLITICHE Maurizio Ambrosini, università degli studi di Milano I nuovi vicini. Quando l immigrazione diventa normale La questione Volevamo delle braccia, sono arrivate

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani Esclusione sociale Osservatorio Diocesano Caritas Nonostante la provincia di Prato continui a caratterizzarsi come una delle prime dieci province italiane per depositi bancari pro capite (12.503, secondi

Dettagli

L immigrazione straniera in Provincia di Mantova

L immigrazione straniera in Provincia di Mantova L immigrazione straniera in Provincia di Mantova di Alessio Menonna, Università degli Studi Milano-Bicocca Fondazione Ismu Mantova, 15 dicembre 2014 Milioni di residenti di origine straniera per cittadinanza

Dettagli

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori

Le parole per dirlo. Emigranti -Migranti. Immigrati. Rifugiato. Clandestino-irregolare. Aree di accoglienza. Flussi migratori In viaggio Le parole per dirlo Emigranti -Migranti Immigrati Rifugiato Clandestino-irregolare Aree di accoglienza Flussi migratori Carta dei flussi migratori Condizioni di vita insostenibili Le cause economia

Dettagli

CAMPAGNA INTEGRAZIONE

CAMPAGNA INTEGRAZIONE CAMPAGNA INTEGRAZIONE III parte a cura di Censis Servizi S.p.A. www.censisservizi.com Distribuzione territoriale L indagine è stata svolta mediante l elaborazione di 2.482 questionari distribuiti a soggetti

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

L integrazione nel lavoro degli stranieri e dei naturalizzati italiani

L integrazione nel lavoro degli stranieri e dei naturalizzati italiani 14 dicembre 2009 L integrazione nel lavoro degli stranieri e dei naturalizzati italiani Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3898475801 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli.

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. Daniele Frigeri CeSPI Roma, 26 novembre 2009 Evoluzione bancarizzazione dei migranti in Italia Nel 2007 i migranti titolari di

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

LA MIGRAZIONE. Alcuni cenni storici. La migrazione in Europa. Cinque fasi storiche: Periodo Da A 1945-1960 Germania dell Est 20 Germania Ovest

LA MIGRAZIONE. Alcuni cenni storici. La migrazione in Europa. Cinque fasi storiche: Periodo Da A 1945-1960 Germania dell Est 20 Germania Ovest LA MIGRAZIONE Ragioni puramente economiche, persecuzioni politico-sociali e religiose, guerre e conflitti etnici una semplice preferenza per il paese estero, causano il movimento del fattore lavoro da

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Provincia di Trieste Area Servizi

Dettagli

Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo

Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo Lo scenario demografico regionale, nazionale ed europeo Angelina Mazzocchetti Servizio statistica e informazione geografica ? Transizione demografica: dove e quando Aree diverse del mondo si trovano in

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

I dottori di ricerca a Milano

I dottori di ricerca a Milano I dottori di ricerca a Milano Leve del 2004 e 2006 Condizione occupazionale e caratteristiche sociodemografiche Finanziamento FAR 2014 dell Università di Milano Bicocca per l indagine I dottori di ricerca

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA Università degli studi di Roma Sapienza Corso di Laurea Triennale Servizio Sociale ClaSS Le ineguaglianze sociali ed economiche all interno di paesi e regioni Martina Caioli Lorenza Castagnacci Désirée

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO

SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO SINTESI SINTESI 8 RAPPORTO SULL IMMIGRAZIONE STRANIERA IN VENETO Il Rapporto 2011 sull immigrazione straniera in Veneto propone: un ampio aggiornamento dell analisi del fenomeno in Veneto (nella prima

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli