INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI DOTAZIONI MINIME DOTAZIONI RACCOMANDATE DOTAZIONI OTTIMALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI 1.1.2 DOTAZIONI MINIME 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE 1.1.4 DOTAZIONI OTTIMALI"

Transcript

1 FRANCESCO ZINNO CARATTERISTICHE STRUTTURALI DI UNA BANCA DEL SANGUE PLACENTARE; PROCEDURE DI PRELIEVO, TRASPORTO, MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO DELLE UNITÀ DI CELLULE STAMINALI DA CORDONE OMBELICALE

2 INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI DOTAZIONI MINIME DOTAZIONI RACCOMANDATE DOTAZIONI OTTIMALI 1.2 PERSONALE ORGANICO COMPETENZE FORMAZIONE DEL PERSONALE 1.3 INDICATORI DI QUALITÀ 1.4 ACCREDITAMENTI ACCREDITAMENTO ISO ACCREDITAMENTO GMP ACCREDITAMENTO AABB ACCREDITAMENTO FACT 2. IL SANGUE PLACENTARE 2.1 IL KIT DI RACCOLTA 2.2 RACCOLTA PARTO SPONTANEO PARTO CESAREO OPERAZIONI POST-PRELIEVO 2.3 TRASPORTO CONTENITORI DOCUMENTAZIONE 2.4 MANIPOLAZIONE CONTROLLI DA ESEGUIRE SULL UNITÀ 2.5 CRIOPRESERVAZIONE CONGELAMENTO STOCCAGGIO

3 2.5.3 TEMPISTICA 2.6 CRITERI DI IDONEITÀ DELL UNITÀ DI SANGUE PLACENTARE 3. NORME DI RIFERIMENTO 3.1 LEGGI, DECRETI E CIRCOLARI 3.2 STANDARD DI RIFERIMENTO 4. BIBLIOGRAFIA

4 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE ASPETTI GENERALI Il laboratorio di criopreservazione è l unità intermedia nell esecuzione di un trapianto autologo o allogenico di cellule staminali emopoietiche, qualunque sia la loro origine. Nel nostro caso, è la struttura che riceve l unità di sangue placentare e che è deputata alla sua manipolazione, criopreservazione e stoccaggio secondo criteri previsti dalle norme vigenti ed in accordo con gli standard internazionali. Tutte le strutture deputate alla manipolazione cellulare devono produrre la documentazione relativa a: -procedure operative standard (POS); -orientamenti; -manuali di formazione e riferimento; -moduli per le relazioni relative alle unità stoccate; -dati delle donatrici. Tutto il materiale utilizzato deve essere approvato per l uso clinico e la strumentazione deve essere testata e calibrata periodicamente; gli avvenuti controlli devono essere registrati nel manuale POS. I centri devono essere attrezzati al ricevimento delle unità raccolte, verificando e registrando la conformità dell imballo alle regolamentazioni vigenti e la sua integrità. Al momento del ricevimento del materiale biologico il laboratorio assegna un identificativo (possibilmente assieme ai dati anagrafici anche un codice). I laboratori di manipolazione cellulare devono fare riferimento, per l esecuzione dei test di valutazione delle unità conservate, a laboratori autorizzati e che seguano gli standard internazionali DOTAZIONI MINIME Le norme attuali prevedono che i centri di manipolazione cellulare e criopreservazione siano dotati di almeno un locale adibito esclusivamente alla manipolazione cellulare e alla criopreservazione; questo locale deve contenere una cappa a flusso laminare, una centrifuga per sacche o per provette (a seconda che il Centro abbia nei protocolli di conservazione lo stoccaggio in sacca o in provetta) e il congelatore a discesa programmata. Oltre al locale per la manipolazione, è necessaria la presenza di uno spazio dove devono essere collocati i contenitori criogenici ad azoto liquido per lo stoccaggio delle unità criopreservate e i congelatori a 20 o 40 C per la conservazione dei campioni di siero materni. Tutti i contenitori devono prevedere un sistema di controllo e registrazione della temperatura (anche manuale) ed un sistema di rifornimento dell azoto liquido. Gli ambienti devono rispettare i principi di buona conduzione dei luoghi di lavoro ed in particolare devono essere: -ben curati igienicamente e facilmente lavabili; -non presentare rischi di contaminazione chimica, fisica e biologica. Oltre agli spazi relativi alla criopreservazione ed allo stoccaggio devono essere presenti un locale adibito ad archivio e un ambiente da utilizzare come magazzino.

5 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE Oltre a quanto descritto in precedenza, un laboratorio di criopreservazione dovrebbe avere fra le sue dotazioni un sistema di registrazione continua delle temperature e un sistema di allarme relativo ai contenitori criogenici che sia sempre collegato ad un operatore, il quale sia nella possibilità di intervenire prontamente in caso di incidente (es. collegato con la linea telefonica, connesso con sistema informatico gestibile a distanza, ecc.) e gli ambienti critici (es. laboratorio o spazio di stoccaggio) dovrebbero prevedere l accesso solo a personale autorizzato DOTAZIONI OTTIMALI Il laboratorio di manipolazione ottimale presenta, oltre a tutte le componenti descritte fin ora, delle peculiarità legate agli ambienti; tutti gli spazi (ad eccezione dei locali dedicati all archivio e al magazzino) sono caratterizzati dal rispetto elle norme GMP (Good Manifacture Pratice). In particolare, si tratta di ambienti a pressione positiva controllata in modo che sia garantita la sterilità completa. Operatori selezionati, addestrati all operatività in ambiente controllato, sono i soli che accedono a tale area. 1.2 PERSONALE ORGANICO Il personale addetto ad un laboratorio di manipolazione cellulare e criopreservazione deve essere formato dalle seguenti figure: -Direttore responsabile (Medico o Biologo); -minimo 2 addetti laureati (Medici o Biologi); -un incaricato del controllo di qualità (può essere individuato tra il personale del precedente punto); -minimo un Tecnico di laboratorio; -un Addetto all amministrazione COMPETENZE Il Direttore responsabile deve essere in possesso di un titolo di studio, riconosciuto nel Paese nel quale in Centro opera, nell ambito delle Scienze Mediche o Biologiche e deve avere un esperienza di almeno 2 anni nel settore. Il Direttore è responsabile della idonea esecuzione delle procedure, al fine di garantire una qualità adeguata della manipolazione, criopreservazione e stoccaggio delle unità di sangue placentare; è garante del rispetto delle leggi in materia promulgate nello stato in cui opera il Laboratorio da egli diretto; è responsabile delle comunicazioni relative alle unità stoccate e quelle relative agli eventi avversi nelle fasi di conservazione e manipolazione. È, inoltre, supervisore dell attività svolta dal restante personale. Gli altri operatori devono possedere titoli e curricula idonei all attività di manipolazione cellulare e criopreservazione e sono responsabili delle operazioni di lavorazione, conservazione, stoccaggio e distribuzione nelle quali intervengono direttamente. L addetto al controllo di qualità si occupa della valutazione e dell idoneità dei test per la validazione dei processi eseguiti.

6 1.2.3 FORMAZIONE DEL PERSONALE Il personale afferente ad un Laboratorio deve effettuare un training accurato all inizio dell attività in quel determinato Centro; successivamente è necessaria una formazione periodica degli operatori. In particolare è necessario che il personale venga formato nelle seguenti attività: -Sicurezza dell operatore; -biosicurezza; -Produzione in asepsi per uso umano e sperimentale (GMP) -rispetto dei manuali operativi. Per ogni operatore dovrà essere presente la documentazione relativa a: -qualifica iniziale; -orientamento; -training iniziale; -livello di competenza in ognuna delle operatività nelle quali l operatore agisce; -formazione periodica; -calendario della formazione periodica futura. 1.3 INDICATORI DI QUALITÀ Gli indicatori della qualità di un Laboratorio di Manipolazione cellulare e criopreservazione sono i seguenti: a. spazi adeguati; b. pulizia e ordine; c. equipaggiamenti adeguati; d. presenza dei manuali descritti in precedenza; e. contenitori criogenici a temperatura inferiore a 135 C; f. accreditamento ISO; g. accreditamenti di altri enti certificatori; h. sistemi di monitoraggio e allarme; i. rispetto dei lavoratori nell ambito della sicurezza; j. presenza dei dispositivi di lavaggio e decontaminazione; k. impossibilità di accesso a persone non addette; l. spazio di stoccaggio per unità in quarantena; m. laboratorio di tipizzazione HLA accreditato ASHI o EFI (enti certificatori specifici per l HLA) n. laboratori per i test accreditati. I punti a, b, c, d ed e sono obbligatori, mentre gli altri punti in ordine di importanza, danno un quadro delle qualità di un laboratorio di manipolazione e criopreservazione. 1.4 ACCREDITAMENTI I Laboratori di Manipolazione Cellulare e Criopreservazione possono presentare degli accreditamenti da parte di organismi locali ed internazionali, i quali certificano che il Centro accreditato rispetta gli standard propri dell organizzazione.

7 1.4.1 ACCREDITAMENTO ISO. L accreditamento ISO è un accreditamento generico al quale possono accedere tutte le strutture o aziende che lo desiderino. Questo tipo di accreditamento indica che l ente accreditato ha documentato tutte le procedure che vengono effettuate in esso e che le stesse sono seguite da ogni operatore. È un accreditamento di base che ogni laboratorio preso in considerazione dovrebbe avere ACCREDITAMENTO GMP L accreditamento Good Manifacture Pratice è una certificazione che evidenzia che il Centro opera in conformità con le procedure di questo ente ed in particolare che opera in strettissima sterilità. In senso stretto, una banca per la conservazione del cordone ombelicale dovrebbe avere, secondo la FDA (Food and Drug Administration), l accreditamento GTP (Good Tissue Pratice) in quanto il sangue placentare non presenta le stesse caratteristiche di sterilità necessarie nella produzione dei farmaci, attività per la quale è specifico l accreditamento GMP. Questo accreditamento è presente nei laboratori particolarmente all avanguardia ACCREDITAMENTO AABB L AABB è l American Association of Blood Banks ed è un associazione senza fini di lucro che dà luogo ad un accreditamento attestante la qualità dell attività, nel rispetto degli standard di questa associazione; da sottolineare che le linee guida dell AABB sono riferimento fondamentale nell ambito dell immunoematologia. Diverse banche di sangue placentare americane sono accreditate con l AABB, mentre in Europa questo accreditamento è raramente presente ACCREDITAMENTO FACT L organo accreditante è la Foundation for the Accreditation of Cellular Therapy e certifica l attività esclusivamente di Centri per la terapia con cellule emopoietiche. I suoi partners sono società scientifiche di elevato livello come l ISCT, l ASBMT, l ISHAGE ed il NETCORD. Nello specifico, le banche di sangue placentare private non possono accedere a questo accreditamento in quanto non esiste un controllo sull attività di prelievo del cordone ombelicale. È auspicabile, comunque che il laboratorio di manipolazione di una banca privata segua almeno le principali linee guida.

8 2. IL SANGUE PLACENTARE La conservazione del sangue placentare avviene al termine di una serie di processi che vengono effettuati in vari momenti, diversi luoghi e, soprattutto, vengono eseguiti da persone diverse. Per garantire la qualità dell unità conservata, anche nell ambito del prelievo autologo da avviare a banche di sangue placentare private, sarebbe necessario avere dei protocolli ben definiti, in particolare per quelle attività che non vengono eseguite all interno dei laboratori di manipolazione. 2.1 IL KIT DI RACCOLTA La raccolta avviene utilizzando delle sacche da prelievo appositamente studiate. Attualmente sono varie le aziende che producono e/o commercializzano sacche da utilizzare per il sangue placentare e tutte sono approvate per l uso umano; quindi la scelta del materiale da utilizzare deve essere fatta in relazione alle esigenze del Laboratorio di manipolazione. Le sacche sono costruite in materiale plastico, generalmente PVC con aggiunta o meno di DEHP e contengono tra 20 e 30 ml di una sostanza anticoagulante (CPD). Alcune sacche sono accessoriate con una sacca che contiene una ulteriore quantità di CPD qualora il prelievo fosse superiore a 150 ml. La via di prelievo è fornita di un ago di almeno 16 gauge e, inoltre, presenta una via d accesso aggiuntiva per poter effettuare i prelievi senza aprire la sacca. In funzione del tipo di manipolazione che il Laboratorio di destinazione svolge, possono essere presenti delle sacche di trasferimento del materiale di scarto (nell esperienza personale questo optional è inutile in quanto anche i piccoli Laboratori possiedono connettori sterili per poter effettuare i trasferimenti senza problemi di inquinamento). Le sacche devono essere contenute in un involucro sterile. Fra le Aziende consigliabili troviamo la PALL o la MACHOPHARMA. 2.2 RACCOLTA L organizzazione della raccolta deve avvenire successivamente al giudizio di idoneità al prelievo e all esportazione dell unità; in particolare, secondo le leggi vigenti la madre deve essere negativa ai markers dell epatite B, dell epatite C e dell HIV. La raccolta del sangue placentare avviene nella sala parto o nella sala operatoria (in caso di parto cesareo) della struttura clinica scelta dalla donatrice. Il tempo di gestazione della madre non deve essere inferiore alle 34 settimane, sia per obbligo di legge sia per le scarse possibilità che il cordone possieda i requisiti di idoneità alla conservazione prima di tale termine PARTO SPONTANEO Dopo l avvenuta espulsione del neonato, si recide il cordone ombelicale, secondo i criteri decisi dal medico curante e si chiude anche il moncone placentare dello stesso; successivamente, il più rapidamente possibile, durante la fase di secondamento, si incannula, dopo aver sottoposto a disinfezione il cordone, una vena ombelicale e si pone la sacca di raccolta in posizione più bassa rispetto al punto di iniezione. Sia per gravità che per le contrazioni uterine il sangue placentare si riverserà nella sacca. Quando sopraggiungerà la chiusura del vaso nella zona di prima iniezione si passerà ad un livello più alto, fino al momento in cui il flusso ematico sarà interrotto.

9 2.2.2 PARTO CESAREO Dopo il prelievo del neonato, viene effettuato dal medico operatore, l asportazione della placenta (secondamento manuale); la placenta viene avviata, in una bacinella chirurgica sterile, in uno spazio attrezzato con campo sterile. La vena ombelicale, dopo disinfezione del cordone, viene incannulata e la placenta viene posta in posizione più alta rispetto alla sacca di prelievo. Il deflusso del sangue placentare viene favorito dalla spremitura della placenta. Questa tipologia di prelievo richiede preferibilmente due operatori. In alcuni centri clinici il prelievo in caso di parto cesareo viene effettuato con la placenta in utero. Gli studi internazionali danno risultati contrastanti, in quanto alcuni non evidenziano differenze nella qualità della raccolta, mentre altri mettono in risalto una maggiore affidabilità del prelievo con la placenta ex-utero. L esperienza personale indica come metodo di scelta il prelievo dopo il secondamento manuale OPERAZIONI POST-PRELIEVO L unità di sangue placentare appena prelevata deve essere identificata con i seguenti dati: -cognome e nome della donatrice; -data del prelievo; -ora del prelievo; -cognome e nome dell esecutore del prelievo; -destinatario dell unità. Successivamente l unità raccolta deve essere approntata per l invio presso il laboratorio prescelto. 2.3 TRASPORTO Il sangue placentare deve essere trasferito presso il destinatario intermedio (laboratorio di manipolazione) nel rispetto delle norme internazionali riguardanti il trasporto di materiale biologico e deve garantire la sicurezza e l integrità del campione CONTENITORI Il campione dovrebbe essere trasportato con un sistema a tre involucri anche in considerazione delle normative presenti in alcuni paesi. Il contenitore primario (nel caso specifico la sacca di raccolta) può contenere (teoricamente) fino a 500 ml di sangue. Sul contenitore primario sono riportati i dati identificativi apposti al momento del prelievo. Il contenitore secondario deve essere di materiale resistente, impermeabile e a tenuta stagna; inoltre deve essere idoneo a mantenere una temperatura stabile per ovviare ai problemi di trasporto aereo (ad esempio le stive di molti aerei non sono pressurizzate). La temperatura durante il trasporto di cellule staminali da sangue placentare può essere compresa tra 18 e 25 C. Qualora vengano utilizzati sistemi di refrigerazione mobili (siberini), questi devono essere posti in posizione tale da non essere a diretto contatto con il contenitore primario. Allo scopo di garantire la sicurezza del materiale trasportato esistono vari metodi di registrazione della temperatura: etichette adesive che mettono in evidenza il superamento di un range di temperatura prestabilito, registratori di temperatura a disco e registratori digitali. Questo contenitore deve essere etichettato con le seguenti diciture: -identificazione del mittente (dati anagrafici, indirizzo e numero di telefono) persona da contattare in caso di necessità; -identificazione del destinatario (nome della struttura, indirizzo e numero di

10 telefono), persona da contattare in caso di necessità; -data e ora di inizio del trasporto; -descrizioni delle condizioni di trasporto con avvertenze sulle condizioni di conservazione (NON CONGELARE, NON ESPORRE A FONTI DI CALORE); -dicitura TESSUTI E CELLULE MANEGGIARE CON CAUTELA; -dicitura NON SOTTOPORRE A RAGGI X. Il recipiente esterno, qualora presente, serve a proteggere il contenitore secondario e deve presentare le stesse indicazioni apposte su quest ultimo DOCUMENTAZIONE Il contenitore di trasporto deve essere accompagnato dalla seguente documentazione: -lista di imballaggio, contenente i dati del ricevente e il numero di contenitori primari, la descrizione del contenuto, il peso ed il valore commerciale; -ricevuta aerea; -documento attestante l avvenuto counselling; -la temperatura di trasporto del materiale. 2.4 MANIPOLAZIONE Le unità di sangue placentare, una volta giunte presso il laboratorio di manipolazione cellulare, vengono preparate al congelamento ed allo stoccaggio. Il tipo di manipolazione al quale vengono sottoposte le unità è dipendente dalle procedure previste dal Laboratorio. L unità di sangue placentare può essere avviata alla criopreservazione senza nessun tipo di manipolazione, oppure può essere sottoposta ai seguenti procedimenti: -riduzione dei globuli rossi (eritrodeplezione); -riduzione volume plasmatico; -prelievo delle sole cellule nucleate (per centrifugazione o con l utilizzo di filtri Specifici); queste procedure possono essere effettuate in maniera manuale o con uno strumento predisposto alla manipolazione automatica (SEPAX). Ovviamente, tanto più estesa è la manipolazione sull unità, maggiore sarà la quantità di cellule che verranno perse durante la lavorazione; tuttavia un recupero cellulare post-manipolazione che si avvicini all 80% assicura una dose trapiantologica idonea (fermo restando l idoneità della quantità di partenza) CONTROLLI DA ESEGUIRE SULL UNITÀ Sulle unità da avviare alla criopreservazione andrebbero eseguiti degli esami che identificano e caratterizzano il sangue placentare raccolto. Alcuni esami sono indispensabili per poter valutare l idoneità dell unità all utilizzo trapiantologico, altri sono utili ma possono essere decisi in funzione degli accordi commerciali. Valutazioni indispensabili: -conteggio delle cellule nucleate; -conteggio delle cellule CD34+; -test per la valutazione della sterilità (colture per batteri aerobi e anaerobi); -test del potenziale clonogenico; -gruppi sanguigni AB0 ed Rh. (Lo screening delle patologie emato-trasmesse è già avvenuto sul siero materno).

11 Esami accessori: -tipizzazione HLA; -screening delle emoglobine patologiche; -valutazione della contaminazione con DNA materno. 2.5 CRIOPRESERVAZIONE Il processo di criopeservazione comprende essenzialmente tre fasi: -Congelamento del materiale biologico e raffreddamento fino ad una temperatura adeguata allo stoccaggio; -stoccaggio del materiale biologico ad una temperatura adeguata; -eventuale scongelamento del materiale fino alla temperatura di utilizzo. Nel nostro caso verranno descritti i primi due punti, in quanto l eventuale uso del sangue placentare dedicato avverrà in Centri clinici differenti rispetto al Laboratorio di criopreservazione CONGELAMENTO La velocità di congelamento influenza la vitalità cellulare del materiale biologico criopreservato, di conseguenza le cellule staminali devono essere raffreddate utilizzando un congelatore che sia in grado di portare ad idonea temperatura le cellule, senza che queste subiscano danni. Nello specifico vengono utilizzati dei congelatori a discesa di temperatura programmata che, in base a programmi predefiniti, permettono il raggiungimento della temperatura idonea alla conservazione secondo criteri adeguati a mantenere la vitalità cellulare. Allo scopo di evitare che a provocare dei danni a carico delle cellule sia lo stesso ghiaccio che si forma durante questa fase, viene utilizzata una sostanza che inibisce questo evento: il dimetilsuffosido (DMSO) che, insieme all albumina umana al 5% o al plasma autologo, viene utilizzato nella preparazione della soluzione di criopreservazione. Le unità congelate devono essere accompagnate da due o più provette satelliti da utilizzare per i controlli da effettuare obbligatoriamente in caso di eventuale uso dell unità. Inoltre, ai fini della prevenzione di incidenti durante lo stoccaggio, nell esperienza personale, tutte le unità vengono frazionate, prima del congelamento, in almeno 2 sub-unità e la conservazione avviene in due contenitori criogenici separati, anche se fisicamente nello stesso luogo STOCCAGGIO La temperatura di stoccaggio è inversamente proporzionale al tempo di sopravvivenza delle cellule staminali; in definitiva più bassa è la temperatura di stoccaggio, maggiore sarà il tempo di conservazione. Al di sotto della temperatura di 130 C si ha l arresto di qualunque reazione che porti a processi di degradazione cellulare. Per questo motivo le cellule devono essere conservate utilizzando l azoto liquido (la cui temperatura è di -196 C). I metodi di stoccaggio sono essenzialmente due: la conservazione nell azoto liquido e quella nei vapori d azoto; entrambi i metodi sono approvati dagli standard internazionali. Sicuramente la prima tipologia di conservazione garantisce una temperatura più bassa ed una maggiore stabilità della stessa rispetto alla conservazione nei vapori, mentre a favore della conservazione nei vapori abbiamo l impossibilità che l azoto penetri nelle sacche congelate, qualora sia presente qualche microlesione, e la riduzione dei rischi di cross-contaminazione delle sacche. Nell esperienza personale le unità vengono conservate nel liquido. Da considerare che per questa tipologia di conservazione è necessario conoscere e documentare la negatività per patologie a trasmissione ematica delle unità stoccate.

12 Da sottolineare, a margine di quanto detto fin ora, nell ottica della prevenzione degli incidenti, che l autonomia di un contenitore criogenico, in caso di mancato rifornimento d azoto o di mancanza di energia elettrica, è di qualche giorno (anche fino a 4 giorni) TEMPISTICA Lo stoccaggio delle unità, al fine di mantenere una vitalità prossima al 100%, deve avvenire entro 48 ore dal prelievo. Considerando la manipolazione alla quale vengono sottoposte le unità, è necessario (dati supportati dall esperienza personale) che le cellule giungano presso il Laboratorio entro 36 ore dal prelievo. 2.6 CRITERI DI IDONEITÀ DELL UNITÀ DI SANGUE PLACENTARE I criteri di idoneità al prelievo ed alla conservazione del sangue plecentare devono essere valutati sia dal punto di vista dell anamnesi materna che da quello delle caratteristiche della raccolta. I criteri di esclusione al prelievo sono legati allo stato di salute attuale e pregresso della madre ed in particolare non vi è indicazione alla raccolta (considerando che nessun Centro trapianti può considerare idoneo un donatore che presenta le suddette caratteristiche) quando la madre abbia in atto o presenti esiti di malattie a trasmissione ematica (epatite B, epatite C, HIV, sifilide) e/o sia stata affetta o abbia in atto patologie neoplastiche. Non è consigliabile il prelievo in caso di patologie autoimmuni in atto. In relazione ai markers dell epatite B, la presenza di HbcAb in assenza di HbsAg deve far avviare la donatrice alla valutazione della presenza virale per mezzo della PCR (indagine particolarmente sensibile per la ricerca di particelle virali). Non esclude il prelievo la positività per il CMV, così come non precludono il prelievo la sofferenza fetale e il lungo travaglio. Le unità, in seguito alla caratterizzazione da effettuare prima del congelamento, devono rispondere ad alcuni requisiti che sono descritti ed approvati dai network che si occupano di trapianto di cellule staminali cordonali. In particolare è necessario che: -il volume prelevato sia superiore a 60 ml; -la quantità totale di cellule nucleate (globuli bianchi) sia superiore a 11 x 10 8 ; -dopo l eventuale manipolazione la quantità di cellule non deve essere inferiore a 9 x NORME DI RIFERIMENTO 3.1 LEGGI, DECRETI E CIRCOLARI Accordo 10 luglio 2003 tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante Linee-guida in tema di raccolte, manipolazione e impiego clinico delle cellule staminali emopoietiche. Direttiva 2006/17/CE 08/02/2006. Direttiva 2004/23/CE 31/03/2004. Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale (Ordinanza del Ministero della salute - G.U. n.106 del 9 maggio 2006). Circolare n.3 del Ministero della salute dell 8 maggio Circolare n.16 del Ministero della salute del 20 luglio Procedure IATA

13 3.2 STANDARD DI RIFERIMENTO Standard AABB for cellular therapy product services, 2nd edition maggio Circular of information for the use of cellular therapy products - USA. Linee guida del National Cord Blood Program USA. 21 CFR Part 864 Food and Drug Administration USA. New York State Department of Health Guidelines for collection, processing and storage of cord blood stem cells Second Edition marzo 2003 International standards for cord blood collection, processing, testing, banking, selection and release FACT NETCORD Third Edition dicembre International standards for cellular therapy product collection, processing and administation FACT JACIE Third Edition

14 4. BIBLIOGRAFIA Donor selection for unrelated cord blood transplants - Gluckman E., Rocha V. - Curr. Opin. Immunol :5 ( ) Diagnosis of acute foetal distress does not preclude banking of umbilical cord blood units Picardi A. et al. Transfus. Med :5 ( ) Comparison between two cord blood collection strategies. Solves. Et al. Acta Obstet. Gynecol. Scand :5 ( ) Evaluation of Biological Features of Cord Blood Units Collected With Different Methods After Cesarean Section. Tamburini A.et al. Transplantation Proceedings :4 ( ) Multi-laboratory evaluation of procedures for reducing the volume of cord blood: influence on cell recoveries. Takahasi TA et al. Cytotherapy 2006 ; 8 :3 ( ) Hig-efficiency volume reduction of cord blood using pentastarch. Yang H et al. Bone Marrow Trans. 2001; 27:4 ( ) Liquid storage, shipment, and cryopreservation of cord blood. Hubel A et al. Transfusion 2004 ; 44 :4 (518) Anaysis and cryopreservation of hematopoietic stem and progenitor cells from cord blood. Meyer TP et al. Cytotherapy ; 8 :3 ( )

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino...

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio sotto al cuscino I denti da latte contengono cellule staminali che possono essere usate per

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

La Banca del seme più grande del mondo

La Banca del seme più grande del mondo La Banca del seme più grande del mondo Un sogno che diventa realtà Tutto iniziò con uno strano sogno riguardante seme congelato. Oggi, la Cryos International - Danimarca è la più grande banca del seme

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli