INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI DOTAZIONI MINIME DOTAZIONI RACCOMANDATE DOTAZIONI OTTIMALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI 1.1.2 DOTAZIONI MINIME 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE 1.1.4 DOTAZIONI OTTIMALI"

Transcript

1 FRANCESCO ZINNO CARATTERISTICHE STRUTTURALI DI UNA BANCA DEL SANGUE PLACENTARE; PROCEDURE DI PRELIEVO, TRASPORTO, MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO DELLE UNITÀ DI CELLULE STAMINALI DA CORDONE OMBELICALE

2 INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI DOTAZIONI MINIME DOTAZIONI RACCOMANDATE DOTAZIONI OTTIMALI 1.2 PERSONALE ORGANICO COMPETENZE FORMAZIONE DEL PERSONALE 1.3 INDICATORI DI QUALITÀ 1.4 ACCREDITAMENTI ACCREDITAMENTO ISO ACCREDITAMENTO GMP ACCREDITAMENTO AABB ACCREDITAMENTO FACT 2. IL SANGUE PLACENTARE 2.1 IL KIT DI RACCOLTA 2.2 RACCOLTA PARTO SPONTANEO PARTO CESAREO OPERAZIONI POST-PRELIEVO 2.3 TRASPORTO CONTENITORI DOCUMENTAZIONE 2.4 MANIPOLAZIONE CONTROLLI DA ESEGUIRE SULL UNITÀ 2.5 CRIOPRESERVAZIONE CONGELAMENTO STOCCAGGIO

3 2.5.3 TEMPISTICA 2.6 CRITERI DI IDONEITÀ DELL UNITÀ DI SANGUE PLACENTARE 3. NORME DI RIFERIMENTO 3.1 LEGGI, DECRETI E CIRCOLARI 3.2 STANDARD DI RIFERIMENTO 4. BIBLIOGRAFIA

4 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE ASPETTI GENERALI Il laboratorio di criopreservazione è l unità intermedia nell esecuzione di un trapianto autologo o allogenico di cellule staminali emopoietiche, qualunque sia la loro origine. Nel nostro caso, è la struttura che riceve l unità di sangue placentare e che è deputata alla sua manipolazione, criopreservazione e stoccaggio secondo criteri previsti dalle norme vigenti ed in accordo con gli standard internazionali. Tutte le strutture deputate alla manipolazione cellulare devono produrre la documentazione relativa a: -procedure operative standard (POS); -orientamenti; -manuali di formazione e riferimento; -moduli per le relazioni relative alle unità stoccate; -dati delle donatrici. Tutto il materiale utilizzato deve essere approvato per l uso clinico e la strumentazione deve essere testata e calibrata periodicamente; gli avvenuti controlli devono essere registrati nel manuale POS. I centri devono essere attrezzati al ricevimento delle unità raccolte, verificando e registrando la conformità dell imballo alle regolamentazioni vigenti e la sua integrità. Al momento del ricevimento del materiale biologico il laboratorio assegna un identificativo (possibilmente assieme ai dati anagrafici anche un codice). I laboratori di manipolazione cellulare devono fare riferimento, per l esecuzione dei test di valutazione delle unità conservate, a laboratori autorizzati e che seguano gli standard internazionali DOTAZIONI MINIME Le norme attuali prevedono che i centri di manipolazione cellulare e criopreservazione siano dotati di almeno un locale adibito esclusivamente alla manipolazione cellulare e alla criopreservazione; questo locale deve contenere una cappa a flusso laminare, una centrifuga per sacche o per provette (a seconda che il Centro abbia nei protocolli di conservazione lo stoccaggio in sacca o in provetta) e il congelatore a discesa programmata. Oltre al locale per la manipolazione, è necessaria la presenza di uno spazio dove devono essere collocati i contenitori criogenici ad azoto liquido per lo stoccaggio delle unità criopreservate e i congelatori a 20 o 40 C per la conservazione dei campioni di siero materni. Tutti i contenitori devono prevedere un sistema di controllo e registrazione della temperatura (anche manuale) ed un sistema di rifornimento dell azoto liquido. Gli ambienti devono rispettare i principi di buona conduzione dei luoghi di lavoro ed in particolare devono essere: -ben curati igienicamente e facilmente lavabili; -non presentare rischi di contaminazione chimica, fisica e biologica. Oltre agli spazi relativi alla criopreservazione ed allo stoccaggio devono essere presenti un locale adibito ad archivio e un ambiente da utilizzare come magazzino.

5 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE Oltre a quanto descritto in precedenza, un laboratorio di criopreservazione dovrebbe avere fra le sue dotazioni un sistema di registrazione continua delle temperature e un sistema di allarme relativo ai contenitori criogenici che sia sempre collegato ad un operatore, il quale sia nella possibilità di intervenire prontamente in caso di incidente (es. collegato con la linea telefonica, connesso con sistema informatico gestibile a distanza, ecc.) e gli ambienti critici (es. laboratorio o spazio di stoccaggio) dovrebbero prevedere l accesso solo a personale autorizzato DOTAZIONI OTTIMALI Il laboratorio di manipolazione ottimale presenta, oltre a tutte le componenti descritte fin ora, delle peculiarità legate agli ambienti; tutti gli spazi (ad eccezione dei locali dedicati all archivio e al magazzino) sono caratterizzati dal rispetto elle norme GMP (Good Manifacture Pratice). In particolare, si tratta di ambienti a pressione positiva controllata in modo che sia garantita la sterilità completa. Operatori selezionati, addestrati all operatività in ambiente controllato, sono i soli che accedono a tale area. 1.2 PERSONALE ORGANICO Il personale addetto ad un laboratorio di manipolazione cellulare e criopreservazione deve essere formato dalle seguenti figure: -Direttore responsabile (Medico o Biologo); -minimo 2 addetti laureati (Medici o Biologi); -un incaricato del controllo di qualità (può essere individuato tra il personale del precedente punto); -minimo un Tecnico di laboratorio; -un Addetto all amministrazione COMPETENZE Il Direttore responsabile deve essere in possesso di un titolo di studio, riconosciuto nel Paese nel quale in Centro opera, nell ambito delle Scienze Mediche o Biologiche e deve avere un esperienza di almeno 2 anni nel settore. Il Direttore è responsabile della idonea esecuzione delle procedure, al fine di garantire una qualità adeguata della manipolazione, criopreservazione e stoccaggio delle unità di sangue placentare; è garante del rispetto delle leggi in materia promulgate nello stato in cui opera il Laboratorio da egli diretto; è responsabile delle comunicazioni relative alle unità stoccate e quelle relative agli eventi avversi nelle fasi di conservazione e manipolazione. È, inoltre, supervisore dell attività svolta dal restante personale. Gli altri operatori devono possedere titoli e curricula idonei all attività di manipolazione cellulare e criopreservazione e sono responsabili delle operazioni di lavorazione, conservazione, stoccaggio e distribuzione nelle quali intervengono direttamente. L addetto al controllo di qualità si occupa della valutazione e dell idoneità dei test per la validazione dei processi eseguiti.

6 1.2.3 FORMAZIONE DEL PERSONALE Il personale afferente ad un Laboratorio deve effettuare un training accurato all inizio dell attività in quel determinato Centro; successivamente è necessaria una formazione periodica degli operatori. In particolare è necessario che il personale venga formato nelle seguenti attività: -Sicurezza dell operatore; -biosicurezza; -Produzione in asepsi per uso umano e sperimentale (GMP) -rispetto dei manuali operativi. Per ogni operatore dovrà essere presente la documentazione relativa a: -qualifica iniziale; -orientamento; -training iniziale; -livello di competenza in ognuna delle operatività nelle quali l operatore agisce; -formazione periodica; -calendario della formazione periodica futura. 1.3 INDICATORI DI QUALITÀ Gli indicatori della qualità di un Laboratorio di Manipolazione cellulare e criopreservazione sono i seguenti: a. spazi adeguati; b. pulizia e ordine; c. equipaggiamenti adeguati; d. presenza dei manuali descritti in precedenza; e. contenitori criogenici a temperatura inferiore a 135 C; f. accreditamento ISO; g. accreditamenti di altri enti certificatori; h. sistemi di monitoraggio e allarme; i. rispetto dei lavoratori nell ambito della sicurezza; j. presenza dei dispositivi di lavaggio e decontaminazione; k. impossibilità di accesso a persone non addette; l. spazio di stoccaggio per unità in quarantena; m. laboratorio di tipizzazione HLA accreditato ASHI o EFI (enti certificatori specifici per l HLA) n. laboratori per i test accreditati. I punti a, b, c, d ed e sono obbligatori, mentre gli altri punti in ordine di importanza, danno un quadro delle qualità di un laboratorio di manipolazione e criopreservazione. 1.4 ACCREDITAMENTI I Laboratori di Manipolazione Cellulare e Criopreservazione possono presentare degli accreditamenti da parte di organismi locali ed internazionali, i quali certificano che il Centro accreditato rispetta gli standard propri dell organizzazione.

7 1.4.1 ACCREDITAMENTO ISO. L accreditamento ISO è un accreditamento generico al quale possono accedere tutte le strutture o aziende che lo desiderino. Questo tipo di accreditamento indica che l ente accreditato ha documentato tutte le procedure che vengono effettuate in esso e che le stesse sono seguite da ogni operatore. È un accreditamento di base che ogni laboratorio preso in considerazione dovrebbe avere ACCREDITAMENTO GMP L accreditamento Good Manifacture Pratice è una certificazione che evidenzia che il Centro opera in conformità con le procedure di questo ente ed in particolare che opera in strettissima sterilità. In senso stretto, una banca per la conservazione del cordone ombelicale dovrebbe avere, secondo la FDA (Food and Drug Administration), l accreditamento GTP (Good Tissue Pratice) in quanto il sangue placentare non presenta le stesse caratteristiche di sterilità necessarie nella produzione dei farmaci, attività per la quale è specifico l accreditamento GMP. Questo accreditamento è presente nei laboratori particolarmente all avanguardia ACCREDITAMENTO AABB L AABB è l American Association of Blood Banks ed è un associazione senza fini di lucro che dà luogo ad un accreditamento attestante la qualità dell attività, nel rispetto degli standard di questa associazione; da sottolineare che le linee guida dell AABB sono riferimento fondamentale nell ambito dell immunoematologia. Diverse banche di sangue placentare americane sono accreditate con l AABB, mentre in Europa questo accreditamento è raramente presente ACCREDITAMENTO FACT L organo accreditante è la Foundation for the Accreditation of Cellular Therapy e certifica l attività esclusivamente di Centri per la terapia con cellule emopoietiche. I suoi partners sono società scientifiche di elevato livello come l ISCT, l ASBMT, l ISHAGE ed il NETCORD. Nello specifico, le banche di sangue placentare private non possono accedere a questo accreditamento in quanto non esiste un controllo sull attività di prelievo del cordone ombelicale. È auspicabile, comunque che il laboratorio di manipolazione di una banca privata segua almeno le principali linee guida.

8 2. IL SANGUE PLACENTARE La conservazione del sangue placentare avviene al termine di una serie di processi che vengono effettuati in vari momenti, diversi luoghi e, soprattutto, vengono eseguiti da persone diverse. Per garantire la qualità dell unità conservata, anche nell ambito del prelievo autologo da avviare a banche di sangue placentare private, sarebbe necessario avere dei protocolli ben definiti, in particolare per quelle attività che non vengono eseguite all interno dei laboratori di manipolazione. 2.1 IL KIT DI RACCOLTA La raccolta avviene utilizzando delle sacche da prelievo appositamente studiate. Attualmente sono varie le aziende che producono e/o commercializzano sacche da utilizzare per il sangue placentare e tutte sono approvate per l uso umano; quindi la scelta del materiale da utilizzare deve essere fatta in relazione alle esigenze del Laboratorio di manipolazione. Le sacche sono costruite in materiale plastico, generalmente PVC con aggiunta o meno di DEHP e contengono tra 20 e 30 ml di una sostanza anticoagulante (CPD). Alcune sacche sono accessoriate con una sacca che contiene una ulteriore quantità di CPD qualora il prelievo fosse superiore a 150 ml. La via di prelievo è fornita di un ago di almeno 16 gauge e, inoltre, presenta una via d accesso aggiuntiva per poter effettuare i prelievi senza aprire la sacca. In funzione del tipo di manipolazione che il Laboratorio di destinazione svolge, possono essere presenti delle sacche di trasferimento del materiale di scarto (nell esperienza personale questo optional è inutile in quanto anche i piccoli Laboratori possiedono connettori sterili per poter effettuare i trasferimenti senza problemi di inquinamento). Le sacche devono essere contenute in un involucro sterile. Fra le Aziende consigliabili troviamo la PALL o la MACHOPHARMA. 2.2 RACCOLTA L organizzazione della raccolta deve avvenire successivamente al giudizio di idoneità al prelievo e all esportazione dell unità; in particolare, secondo le leggi vigenti la madre deve essere negativa ai markers dell epatite B, dell epatite C e dell HIV. La raccolta del sangue placentare avviene nella sala parto o nella sala operatoria (in caso di parto cesareo) della struttura clinica scelta dalla donatrice. Il tempo di gestazione della madre non deve essere inferiore alle 34 settimane, sia per obbligo di legge sia per le scarse possibilità che il cordone possieda i requisiti di idoneità alla conservazione prima di tale termine PARTO SPONTANEO Dopo l avvenuta espulsione del neonato, si recide il cordone ombelicale, secondo i criteri decisi dal medico curante e si chiude anche il moncone placentare dello stesso; successivamente, il più rapidamente possibile, durante la fase di secondamento, si incannula, dopo aver sottoposto a disinfezione il cordone, una vena ombelicale e si pone la sacca di raccolta in posizione più bassa rispetto al punto di iniezione. Sia per gravità che per le contrazioni uterine il sangue placentare si riverserà nella sacca. Quando sopraggiungerà la chiusura del vaso nella zona di prima iniezione si passerà ad un livello più alto, fino al momento in cui il flusso ematico sarà interrotto.

9 2.2.2 PARTO CESAREO Dopo il prelievo del neonato, viene effettuato dal medico operatore, l asportazione della placenta (secondamento manuale); la placenta viene avviata, in una bacinella chirurgica sterile, in uno spazio attrezzato con campo sterile. La vena ombelicale, dopo disinfezione del cordone, viene incannulata e la placenta viene posta in posizione più alta rispetto alla sacca di prelievo. Il deflusso del sangue placentare viene favorito dalla spremitura della placenta. Questa tipologia di prelievo richiede preferibilmente due operatori. In alcuni centri clinici il prelievo in caso di parto cesareo viene effettuato con la placenta in utero. Gli studi internazionali danno risultati contrastanti, in quanto alcuni non evidenziano differenze nella qualità della raccolta, mentre altri mettono in risalto una maggiore affidabilità del prelievo con la placenta ex-utero. L esperienza personale indica come metodo di scelta il prelievo dopo il secondamento manuale OPERAZIONI POST-PRELIEVO L unità di sangue placentare appena prelevata deve essere identificata con i seguenti dati: -cognome e nome della donatrice; -data del prelievo; -ora del prelievo; -cognome e nome dell esecutore del prelievo; -destinatario dell unità. Successivamente l unità raccolta deve essere approntata per l invio presso il laboratorio prescelto. 2.3 TRASPORTO Il sangue placentare deve essere trasferito presso il destinatario intermedio (laboratorio di manipolazione) nel rispetto delle norme internazionali riguardanti il trasporto di materiale biologico e deve garantire la sicurezza e l integrità del campione CONTENITORI Il campione dovrebbe essere trasportato con un sistema a tre involucri anche in considerazione delle normative presenti in alcuni paesi. Il contenitore primario (nel caso specifico la sacca di raccolta) può contenere (teoricamente) fino a 500 ml di sangue. Sul contenitore primario sono riportati i dati identificativi apposti al momento del prelievo. Il contenitore secondario deve essere di materiale resistente, impermeabile e a tenuta stagna; inoltre deve essere idoneo a mantenere una temperatura stabile per ovviare ai problemi di trasporto aereo (ad esempio le stive di molti aerei non sono pressurizzate). La temperatura durante il trasporto di cellule staminali da sangue placentare può essere compresa tra 18 e 25 C. Qualora vengano utilizzati sistemi di refrigerazione mobili (siberini), questi devono essere posti in posizione tale da non essere a diretto contatto con il contenitore primario. Allo scopo di garantire la sicurezza del materiale trasportato esistono vari metodi di registrazione della temperatura: etichette adesive che mettono in evidenza il superamento di un range di temperatura prestabilito, registratori di temperatura a disco e registratori digitali. Questo contenitore deve essere etichettato con le seguenti diciture: -identificazione del mittente (dati anagrafici, indirizzo e numero di telefono) persona da contattare in caso di necessità; -identificazione del destinatario (nome della struttura, indirizzo e numero di

10 telefono), persona da contattare in caso di necessità; -data e ora di inizio del trasporto; -descrizioni delle condizioni di trasporto con avvertenze sulle condizioni di conservazione (NON CONGELARE, NON ESPORRE A FONTI DI CALORE); -dicitura TESSUTI E CELLULE MANEGGIARE CON CAUTELA; -dicitura NON SOTTOPORRE A RAGGI X. Il recipiente esterno, qualora presente, serve a proteggere il contenitore secondario e deve presentare le stesse indicazioni apposte su quest ultimo DOCUMENTAZIONE Il contenitore di trasporto deve essere accompagnato dalla seguente documentazione: -lista di imballaggio, contenente i dati del ricevente e il numero di contenitori primari, la descrizione del contenuto, il peso ed il valore commerciale; -ricevuta aerea; -documento attestante l avvenuto counselling; -la temperatura di trasporto del materiale. 2.4 MANIPOLAZIONE Le unità di sangue placentare, una volta giunte presso il laboratorio di manipolazione cellulare, vengono preparate al congelamento ed allo stoccaggio. Il tipo di manipolazione al quale vengono sottoposte le unità è dipendente dalle procedure previste dal Laboratorio. L unità di sangue placentare può essere avviata alla criopreservazione senza nessun tipo di manipolazione, oppure può essere sottoposta ai seguenti procedimenti: -riduzione dei globuli rossi (eritrodeplezione); -riduzione volume plasmatico; -prelievo delle sole cellule nucleate (per centrifugazione o con l utilizzo di filtri Specifici); queste procedure possono essere effettuate in maniera manuale o con uno strumento predisposto alla manipolazione automatica (SEPAX). Ovviamente, tanto più estesa è la manipolazione sull unità, maggiore sarà la quantità di cellule che verranno perse durante la lavorazione; tuttavia un recupero cellulare post-manipolazione che si avvicini all 80% assicura una dose trapiantologica idonea (fermo restando l idoneità della quantità di partenza) CONTROLLI DA ESEGUIRE SULL UNITÀ Sulle unità da avviare alla criopreservazione andrebbero eseguiti degli esami che identificano e caratterizzano il sangue placentare raccolto. Alcuni esami sono indispensabili per poter valutare l idoneità dell unità all utilizzo trapiantologico, altri sono utili ma possono essere decisi in funzione degli accordi commerciali. Valutazioni indispensabili: -conteggio delle cellule nucleate; -conteggio delle cellule CD34+; -test per la valutazione della sterilità (colture per batteri aerobi e anaerobi); -test del potenziale clonogenico; -gruppi sanguigni AB0 ed Rh. (Lo screening delle patologie emato-trasmesse è già avvenuto sul siero materno).

11 Esami accessori: -tipizzazione HLA; -screening delle emoglobine patologiche; -valutazione della contaminazione con DNA materno. 2.5 CRIOPRESERVAZIONE Il processo di criopeservazione comprende essenzialmente tre fasi: -Congelamento del materiale biologico e raffreddamento fino ad una temperatura adeguata allo stoccaggio; -stoccaggio del materiale biologico ad una temperatura adeguata; -eventuale scongelamento del materiale fino alla temperatura di utilizzo. Nel nostro caso verranno descritti i primi due punti, in quanto l eventuale uso del sangue placentare dedicato avverrà in Centri clinici differenti rispetto al Laboratorio di criopreservazione CONGELAMENTO La velocità di congelamento influenza la vitalità cellulare del materiale biologico criopreservato, di conseguenza le cellule staminali devono essere raffreddate utilizzando un congelatore che sia in grado di portare ad idonea temperatura le cellule, senza che queste subiscano danni. Nello specifico vengono utilizzati dei congelatori a discesa di temperatura programmata che, in base a programmi predefiniti, permettono il raggiungimento della temperatura idonea alla conservazione secondo criteri adeguati a mantenere la vitalità cellulare. Allo scopo di evitare che a provocare dei danni a carico delle cellule sia lo stesso ghiaccio che si forma durante questa fase, viene utilizzata una sostanza che inibisce questo evento: il dimetilsuffosido (DMSO) che, insieme all albumina umana al 5% o al plasma autologo, viene utilizzato nella preparazione della soluzione di criopreservazione. Le unità congelate devono essere accompagnate da due o più provette satelliti da utilizzare per i controlli da effettuare obbligatoriamente in caso di eventuale uso dell unità. Inoltre, ai fini della prevenzione di incidenti durante lo stoccaggio, nell esperienza personale, tutte le unità vengono frazionate, prima del congelamento, in almeno 2 sub-unità e la conservazione avviene in due contenitori criogenici separati, anche se fisicamente nello stesso luogo STOCCAGGIO La temperatura di stoccaggio è inversamente proporzionale al tempo di sopravvivenza delle cellule staminali; in definitiva più bassa è la temperatura di stoccaggio, maggiore sarà il tempo di conservazione. Al di sotto della temperatura di 130 C si ha l arresto di qualunque reazione che porti a processi di degradazione cellulare. Per questo motivo le cellule devono essere conservate utilizzando l azoto liquido (la cui temperatura è di -196 C). I metodi di stoccaggio sono essenzialmente due: la conservazione nell azoto liquido e quella nei vapori d azoto; entrambi i metodi sono approvati dagli standard internazionali. Sicuramente la prima tipologia di conservazione garantisce una temperatura più bassa ed una maggiore stabilità della stessa rispetto alla conservazione nei vapori, mentre a favore della conservazione nei vapori abbiamo l impossibilità che l azoto penetri nelle sacche congelate, qualora sia presente qualche microlesione, e la riduzione dei rischi di cross-contaminazione delle sacche. Nell esperienza personale le unità vengono conservate nel liquido. Da considerare che per questa tipologia di conservazione è necessario conoscere e documentare la negatività per patologie a trasmissione ematica delle unità stoccate.

12 Da sottolineare, a margine di quanto detto fin ora, nell ottica della prevenzione degli incidenti, che l autonomia di un contenitore criogenico, in caso di mancato rifornimento d azoto o di mancanza di energia elettrica, è di qualche giorno (anche fino a 4 giorni) TEMPISTICA Lo stoccaggio delle unità, al fine di mantenere una vitalità prossima al 100%, deve avvenire entro 48 ore dal prelievo. Considerando la manipolazione alla quale vengono sottoposte le unità, è necessario (dati supportati dall esperienza personale) che le cellule giungano presso il Laboratorio entro 36 ore dal prelievo. 2.6 CRITERI DI IDONEITÀ DELL UNITÀ DI SANGUE PLACENTARE I criteri di idoneità al prelievo ed alla conservazione del sangue plecentare devono essere valutati sia dal punto di vista dell anamnesi materna che da quello delle caratteristiche della raccolta. I criteri di esclusione al prelievo sono legati allo stato di salute attuale e pregresso della madre ed in particolare non vi è indicazione alla raccolta (considerando che nessun Centro trapianti può considerare idoneo un donatore che presenta le suddette caratteristiche) quando la madre abbia in atto o presenti esiti di malattie a trasmissione ematica (epatite B, epatite C, HIV, sifilide) e/o sia stata affetta o abbia in atto patologie neoplastiche. Non è consigliabile il prelievo in caso di patologie autoimmuni in atto. In relazione ai markers dell epatite B, la presenza di HbcAb in assenza di HbsAg deve far avviare la donatrice alla valutazione della presenza virale per mezzo della PCR (indagine particolarmente sensibile per la ricerca di particelle virali). Non esclude il prelievo la positività per il CMV, così come non precludono il prelievo la sofferenza fetale e il lungo travaglio. Le unità, in seguito alla caratterizzazione da effettuare prima del congelamento, devono rispondere ad alcuni requisiti che sono descritti ed approvati dai network che si occupano di trapianto di cellule staminali cordonali. In particolare è necessario che: -il volume prelevato sia superiore a 60 ml; -la quantità totale di cellule nucleate (globuli bianchi) sia superiore a 11 x 10 8 ; -dopo l eventuale manipolazione la quantità di cellule non deve essere inferiore a 9 x NORME DI RIFERIMENTO 3.1 LEGGI, DECRETI E CIRCOLARI Accordo 10 luglio 2003 tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante Linee-guida in tema di raccolte, manipolazione e impiego clinico delle cellule staminali emopoietiche. Direttiva 2006/17/CE 08/02/2006. Direttiva 2004/23/CE 31/03/2004. Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale (Ordinanza del Ministero della salute - G.U. n.106 del 9 maggio 2006). Circolare n.3 del Ministero della salute dell 8 maggio Circolare n.16 del Ministero della salute del 20 luglio Procedure IATA

13 3.2 STANDARD DI RIFERIMENTO Standard AABB for cellular therapy product services, 2nd edition maggio Circular of information for the use of cellular therapy products - USA. Linee guida del National Cord Blood Program USA. 21 CFR Part 864 Food and Drug Administration USA. New York State Department of Health Guidelines for collection, processing and storage of cord blood stem cells Second Edition marzo 2003 International standards for cord blood collection, processing, testing, banking, selection and release FACT NETCORD Third Edition dicembre International standards for cellular therapy product collection, processing and administation FACT JACIE Third Edition

14 4. BIBLIOGRAFIA Donor selection for unrelated cord blood transplants - Gluckman E., Rocha V. - Curr. Opin. Immunol :5 ( ) Diagnosis of acute foetal distress does not preclude banking of umbilical cord blood units Picardi A. et al. Transfus. Med :5 ( ) Comparison between two cord blood collection strategies. Solves. Et al. Acta Obstet. Gynecol. Scand :5 ( ) Evaluation of Biological Features of Cord Blood Units Collected With Different Methods After Cesarean Section. Tamburini A.et al. Transplantation Proceedings :4 ( ) Multi-laboratory evaluation of procedures for reducing the volume of cord blood: influence on cell recoveries. Takahasi TA et al. Cytotherapy 2006 ; 8 :3 ( ) Hig-efficiency volume reduction of cord blood using pentastarch. Yang H et al. Bone Marrow Trans. 2001; 27:4 ( ) Liquid storage, shipment, and cryopreservation of cord blood. Hubel A et al. Transfusion 2004 ; 44 :4 (518) Anaysis and cryopreservation of hematopoietic stem and progenitor cells from cord blood. Meyer TP et al. Cytotherapy ; 8 :3 ( )

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI:

LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI: LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI: Prof. Francesco Zinno INDICE LA CELLULA STAMINALE UTILIZZO DELLE CELLULE STAMINALI CRITERI DI IDONEITÀ PRELIEVO

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio Marina Buzzi BO S.ORSOLA BO MAGGI BENTIVOGLIO PORRETTA IMOLA PARMA FIDENZA BORGOTARO

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

MACO BIOTECH. Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali. Sangue da Cordone Ombelicale

MACO BIOTECH. Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali. Sangue da Cordone Ombelicale MACO BIOTECH Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali Sangue da Cordone Ombelicale MACO BIOTECH: SACCHE PER PRELIEVO DI SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Le cellule ematopoietiche, la loro

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 - REQUITI ORGANIZZATIVI BSC.AU.1.0 STRUTTURA ORGANIZZATIVA BSC.AU.1.1 La BSC definisce l'organigramma e le responsabilità

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO.

COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO. COSTITUZIONE DELL ARCHIVIO BIOLOGICO NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLA RETE TRAPIANTOLOGICA ED ALLEGATO TECNICO. (Consulta Nazionale per i Trapianti - 31 agosto 2004) 1. E costituito l Archivio Biologico

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO STEMCELLSMEDICALSERVICE

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO STEMCELLSMEDICALSERVICE I.M.S. Innovative Medical Solutuions S.r.l. Via Cipro 21, 25124 Brescia P.Iva e C.F. 02572900989 Codice Cliente CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO STEMCELLSMEDICALSERVICE Contratto tra: - La società

Dettagli

Carta dei Servizi della Banca del Sangue di Cordone Ombelicale di Sciacca

Carta dei Servizi della Banca del Sangue di Cordone Ombelicale di Sciacca AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI AGRIGENTO Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II Sciacca RETE TRASFUSIONALE ASP AG UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA di COORDINAMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: Dott.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta)

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) Lettera progressiva A Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 5 D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) DISCIPLINARE DEI REQUISITI

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Donazione di cellule staminali emopoietiche, aspetti normativi Dr.ssa Letizia Lombardini San Donato Milanese, 23

Dettagli

Ordinanza concernente il trapianto di organi, tessuti e cellule umani

Ordinanza concernente il trapianto di organi, tessuti e cellule umani Ordinanza concernente il trapianto di organi, tessuti e cellule umani (Ordinanza sui trapianti) Modifica del 10 settembre 2008 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 marzo 2007 1 sui

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

1-10-2010 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 43 61

1-10-2010 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 43 61 1-10-2010 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 43 61 Giunta regionale con la deliberazione n. 320 del 4 settembre 2010, l atto aziendale dell Azienda sanitaria provinciale di Enna

Dettagli

64 2-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 9

64 2-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 9 64 2-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 9 DECRETO 6 febbraio 2012. Linee guida per l accreditamento della Banca di sangue da cordone ombelicale di Sciacca. L ASSESSORE PER

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta;

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta; Cellule staminali da cordone ombelicale: misure urgenti Ministero Salute, ordinanza 04.05.2007, G.U. 14.05.2007 (Gesuele Bellini) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14 maggio 2007, l ordinanza del

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CAMPIONI BIOLOGICI DA STRUTTURE ESTERNE E CONVENZIONATE

PROCEDURA GESTIONE CAMPIONI BIOLOGICI DA STRUTTURE ESTERNE E CONVENZIONATE Pag. 1 di 8 Indice 1. Oggetto e scopo.... 2 2. Campo di applicazione.... 2 3. Responsabilità.... 3 4. Bibliografia.... 3 5. Contenuto.... 3 5.1. Introduzione... 3 5.2 Punti di smistamento Aziendali....

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK UNA VITA CHE NASCE RIGENERA LA VITA 30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK 8 giugno 2013 ore 9.00 Auditorium del Palazzo dei Congressi Provincia di Milano Via

Dettagli

BIOTECNOLOGIE HEMATOS

BIOTECNOLOGIE HEMATOS BIOTECNOLOGIE HEMATOS al servizio della famiglia CONSERVAZIONE DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE NOVITÀ Il Kit di prelievo e trasporto più evoluto LUI O LEI? TEST DI DETERMINAZIONE DEL SESSO FETALE PERCHÈ

Dettagli

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Via Sallustiana, 26 00187 Roma Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Roma, 14 giugno 2011 Conservazione del SCO -Conservazione pubblica per uso allogenico (da donazione

Dettagli

1 di 5 20/01/15 12:01

1 di 5 20/01/15 12:01 N u m e rr o A :49643 tt tt i i A g g i i o rr n a tt : o 19 a gennaio l l 2015 HOME SERVIZI NEWS NEWSLETTER DIRETTIVE UE NUOVA RICERCA Dettaglio atto STAMPA ATTO SUDDIVISO 0 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 4 maggio 2007 Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. (GU n.110 del 14-5-2007) IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre

Dettagli

GESTIONE DEI PRODOTTI CON CONTROLLI MICROBIOLOGICI POSITIVI

GESTIONE DEI PRODOTTI CON CONTROLLI MICROBIOLOGICI POSITIVI GESTIONE DEI PODOTTI CON CONTOLLI MICOBIOLOGICI EDAZIONE, APPOVAZIONE, AUTOIZZAZIONE, EMISSIONE EDAZIONE APPOVAZIONE AUTOIZZAZIONE EMISSIONE Sassi Maria - Dirigente Medico SIT Schifano Chiara - Biologa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Pr eparazion e Referente GdL C. Contessa Verifica Verifica sostenibilità organizzativa UOC Qualità

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

Conferenza Stato Regioni

Conferenza Stato Regioni Pagina 1 di 5 Conferenza Stato Regioni Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante Linee guida per l accreditamento delle Banche di sangue da cordone

Dettagli

PO-TR-003/2 CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO SANGUE ED EMOCOMPONENTI

PO-TR-003/2 CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO SANGUE ED EMOCOMPONENTI Requisiti O.79, O.80 e O.80.1 Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL Lab UdR CQB SGQ BSCS SGA DS CRIO CAR CR Trasf X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P. A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria BSC.XX.1.0 SELEZIONE BSC.AC.1.1 La BSC, sentite le AS afferenti, definisce POS conformi alla normativa e a criteri regionali condivisi, in merito a: selezione dei donatori, esami di laboratorio di idoneità

Dettagli

I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali

I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali I requisiti di accreditamento dei Servizi trasfusionali Dr.ssa Lucia Cretti Azienda Spedali Civili di Brescia Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale LA NUOVA ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda Angela Mazzi, Dirigente Medico Servizio di Medicina Trasfusionale Cosa conserviamo c/o il SIMT Emocomponenti

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4747 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BARANI Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione

Dettagli

ALLEGATO I. 1.1.4. Rischio di trasmissione di malattie causate da prioni. Tale rischio riguarda, per esempio:

ALLEGATO I. 1.1.4. Rischio di trasmissione di malattie causate da prioni. Tale rischio riguarda, per esempio: ALLEGATO I CRITERI DI SELEZIONE DEI DONATORI DI TESSUTI E/O DI CELLULE (ECCETTUATI I DONATORI DI CELLULE RIPRODUTTIVE) DI CUI ALL ARTICOLO 3, LETTERA a) I criteri di selezione dei donatori si basano su

Dettagli

Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli

Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli Corso Regionale per Dirigenti Associativi donatori del sangue Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli Sapienza Università di

Dettagli

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI A.O. S. Giovanni- Addolorata UOC Medicina Immuno- Trasfusionale CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI 1. GENERALITA La presente Carta dei Servizi descrive le attività trasfusionali che costituiscono

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Trasporto in sicurezza di campioni biologici. Giovanni DI BONAVENTURA, B.Sc., PhD

Trasporto in sicurezza di campioni biologici. Giovanni DI BONAVENTURA, B.Sc., PhD Trasporto in sicurezza di campioni biologici Giovanni DI BONAVENTURA, B.Sc., PhD Trasporto di campioni biologici Introduzione (1 di 2) Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze

Dettagli

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE Via San Carlo, 13 Arluno (Milano) 4 marzo 2014 2 Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze infettive o potenzialmente

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Il trapianto di cellule staminali da sangue cordonale

Il trapianto di cellule staminali da sangue cordonale staminali da sangue 2/2008 RIASSUNTO L articolo propone una considerazione dello stato attuale del trapianto di cellule, una nuova risorsa in grado di curare con successo determinate patologie. Vengono

Dettagli

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato DECRETO 18 novembre 2009 Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003 Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici 1-Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST Pag. 1 di 11 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto DI. Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL IMM UdR CQB SGQ BSCS SGA LAB CRIO CAR X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P.A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa M. Ferraro APPROVATO Dott. F. Buscemi

Dettagli

La modulistica fornita dalla BSC (vedi doc. allegati) è da compilare per gli aspetti di competenza.

La modulistica fornita dalla BSC (vedi doc. allegati) è da compilare per gli aspetti di competenza. Banca del Sangue Cordonale Responsabile: Dott. Marino Argiolas Data prima emissione: 1/07/2010 Revisione n : 6 Pagina 1 di 9 I 74 - ATTIVITÀ OPERATIVA DEI CENTRI RACCOLTA Pag Paragrafo 2 Premessa, scopo/campo

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Standard internazionali per raccolta, manipolazione, caratterizzazione, conservazione, selezione e distribuzione del sangue cordonale Seconda edizione (2001) degli standard

Dettagli

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Lettera progressiva: B Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 10 D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Premessa....

Dettagli

Bur n. 11 del 08/02/2011

Bur n. 11 del 08/02/2011 Bur n. 11 del 08/02/2011 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 12 del 11 gennaio 2011 lr 22/02 definizione dei requisiti di autorizzazione all'esercizio e di accreditamento istituzionale

Dettagli

DIRETTIVA 2006/17/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2006/17/CE DELLA COMMISSIONE L 38/40 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.2.2006 DIRETTIVA 2006/17/CE DELLA COMMISSIONE dell 8 febbraio 2006 che attua la direttiva 2004/23/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

GenomaCord+ Laboratorio Genoma Sorgente GenomaCord+

GenomaCord+ Laboratorio Genoma Sorgente GenomaCord+ Cos e GenomaCord? GenomaCord+ è un servizio di conservazione delle cellule staminali cordonali che nasce da una partnership tra il Laboratorio Genoma, uno tra i laboratori europei più avanzati nell'ambito

Dettagli

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010 dr. Ruggero Carminati, dott.ssa Monica Bonenti Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Integrità dei contenitori

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 18 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 242/Csr Gazzetta Ufficiale 17 maggio 2011, n. 113, S. O. Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281,

Dettagli

CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE L AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI BOLOGNA (CF 92038610371), con sede in Bologna - via Albertoni n. 15, nella persona del Dirigente Responsabile

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma LE BIOBANCHE IN MEDICINA VETERINARIA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Guida alla conduzione di Audit della Qualità - Giugno 2011 Guida elaborata a cura del Centro Nazionale Sangue Centro Nazionale Sangue Via Giano della Bella, 27 00162 Roma Tel: 06

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VASSANELLI AURORA ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI Informazioni importanti per Medici ed Ostetriche per la raccolta del sangue cordonale Questa è una procedura molto semplice,

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Letizia Esperienza professionale da ottobre 2007 ad oggi Responsabile Area Tessuti e Cellule e Responsabile della sicurezza per malattie

Dettagli

Fondazione Banca dei Tessuti di Treviso

Fondazione Banca dei Tessuti di Treviso Fondazione Banca dei Tessuti di Treviso Fondazione Banca dei Tessuti di Treviso Piazzale Ospedale, 1 31100 Treviso (ITALY) phone: + 39 0422 322280 fax: + 39 0422 322849 info@fbtv-treviso.org DONAZIONE/PRELIEVO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

UN SERVIZIO CHE GUARDA AL FUTURO, PER CHI VIVRÀ NEL FUTURO

UN SERVIZIO CHE GUARDA AL FUTURO, PER CHI VIVRÀ NEL FUTURO UN SERVIZIO CHE GUARDA AL FUTURO, PER CHI VIVRÀ NEL FUTURO Che cosa è? StemCellsMedicalService è il servizio che consente ai genitori italiani la conservazione autologa delle cellule staminali cordonali

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

Emoglobinopatie: Anemia falciforme, ß-Talassemia (morbo di Cooley).

Emoglobinopatie: Anemia falciforme, ß-Talassemia (morbo di Cooley). InScientiaFides s.p.a. Strada Paderna 2 Località Fiorina 47895 Domagnano Repubblica di San Marino tel 0549 900 994 (ufficio) tel 0549 904 455 (laboratorio) tel. 0549 919 077 (amministrazione) fax 02 700

Dettagli

FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA

FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA ASSOBIOTEC Associazione Nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie Audizione informale Commissione Igiene e Sanità del Senato Senato della Repubblica 13 febbraio 2014 1. L

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DI SANGUE CORDONALE PER USO AUTOLOGO O ALLOGENICO DEDICATO E TRATTAMENTO DEI DATI AD ESSO ASSOCIATI

CONSENSO INFORMATO ALLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DI SANGUE CORDONALE PER USO AUTOLOGO O ALLOGENICO DEDICATO E TRATTAMENTO DEI DATI AD ESSO ASSOCIATI REGIONE ABRUZZO ASL PESCARA Ospedale Civile Spirito Santo Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie UOSD Istituto dei Tessuti e Biobanche Banca SCO Pescara Responsabile: Dott.ssa

Dettagli

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine.

Perché donare? sangue. plasma. piastrine. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. sangue. cordone ombelicale. sangue piastrine piastrine. Perché donare? del cordone ombelicale del cordone ombelicale La donazione di, un gesto indispensabile. Donando il tuo puoi aiutare, per esempio, una donna che ha perduto molto durante il parto a riprendere

Dettagli

Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova

Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova PP. Pagliaro, C. Glingani, S. Saia, B. Presciuttini

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli