REPORT DI SOSTENIBILITà. esercizio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORT DI SOSTENIBILITà. esercizio 2013"

Transcript

1 REPORT DI SOSTENIBILITà bper 2014 esercizio 2013

2 LE BANCHE NON SONO TUTTE UGUALI LA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA BPER è una Banca Popolare Cooperativa caratterizzata da un forte radicamento territoriale, che come fine non ha solo il conseguimento del PROFITTO, ma è anche attenta a COME lo ottiene. Nella massima trasparenza, BPER intende fornire a tutti gli interessati informazioni utili affinchè conoscano meglio i risultati conseguiti anche in campo ambientale e sociale. Siamo convinti che a maggiori informazioni corrisponda una maggiore consapevolezza delle nostre scelte.

3 LA MISSION La nostra Mission è la ricerca del bene comune: cerchiamo di perseguirla tramite la creazione di Valore per Clienti, Soci, Azionisti, Dipendenti e Contesto sociale. CLIENTI CONTESTO SOCIALE DIPENDENTI SOCI AZIONISTI I VALORI INTEGRITÀ TRASPARENZA RISPETTO PROSSIMITà valore alla persona CODICE ETICO Il Codice Etico è un contratto sociale col quale BPER: descrive i diritti, i doveri e le responsabilità verso i soggetti con i quali entra in relazione; fissa standard etici di riferimento e norme di comportamento verso i quali orientare le sue decisioni; chiede al Management ed ai Dipendenti comportamenti coerenti con i principi etici aziendali; contribuisce ad attuare la politica di Responsabilità Sociale del Gruppo BPER, minimizzando i rischi di violazione di norme imperative o di autoregolamentazione e reputazionali. Il Codice Etico è stato aggiornato il 27 agosto 2013; al suo interno trovano spazio temi quali la RSI, gli Stakeholder, il Microcredito, l Educazione finanziaria, l Inclusione finanziaria, le Armi controverse. Qualsiasi Stakeholder può segnalare eventuali violazioni del Codice Etico all Organismo di Vigilanza (OdV), inviando una mail a: Chi desidera inviare una segnalazione in forma anonima deve collegarsi al sito it > D.Lgs. 231/01 (è in fondo all Home Page) > Facsimile Modulo di Segnalazione all Organismo di Vigilanza. Da lì bisogna stampare il modulo, compilarlo (omettendo di indicare i propri dati personali) e spedirlo per posta ordinaria a: Organismo di Vigilanza c/o BPER - Via San Carlo, 8/ Modena. 1

4 Per BPER il 2013 è stato un anno di grandi cambiamenti in un difficile contesto a livello economico, finanziario, politico e sociale, con pesanti ripercussioni sul sistema bancario italiano. Ciò nonostante, BPER ha proseguito nelle sue attività a valenza RSI ottenendo buoni risultati, rendicontati in questo Report. I PRINCIPALI STAKEHOLDER DI BPER Ogni Banca dev essere consapevole che le sue decisioni hanno conseguenze, dirette o indirette, sul mondo che la circonda. Ecco perché BPER si impegna ad essere Socialmente Responsabile nei suoi comportamenti. AMBIENTE TERRITORIO E COMUNITà CLIENTI FORNITORI DIPENDENTI SOCI AZIONISTI 2 Chi sono gli Stakeholder? Tutti coloro che interagiscono con BPER e che sono portatori di interessi. BPER vuole comprendere le loro aspettative e i loro bisogni (a volte contrapposti) mediando le richieste di ogni categoria, attraverso un processo continuo di ascolto e dialogo, per giungere ad una crescita rispettosa delle istanze di ciascuno. Come si vede dallo schema, ognuno di noi può essere multi-stakeholder e appartenere contemporaneamente a più categorie.

5 Cosa è la Responsabilità Sociale d Impresa (RSI)? Come indicato dalla Commissione Europea e ripreso dal Piano di azione nazionale sulla RSI ( ), la crisi economica internazionale ha ulteriormente aumentato l attenzione sull importanza di una crescita sostenibile. La Commissione Europea definisce la RSI come la responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società ; oggi, per un impresa, essere socialmente responsabile vuol dire impegnarsi in modo proattivo per contribuire allo sviluppo di una società inclusiva e stabile, basata sulla lotta alla povertà, il rispetto dei diritti umani, del lavoro e dell ambiente. Significa prendere volontariamente degli impegni nei confronti dei propri Stakeholder che vanno oltre il semplice rispetto degli obblighi giuridici, e poi renderne conto pubblicamente. Rendicontare gli obiettivi legati alla RSI significa dunque: monitorare la Sostenibilità Economica, Ambientale e Sociale della Banca; condividere la Mission e le scelte aziendali; prevenire e mitigare i possibili effetti negativi delle decisioni assunte dalla Banca. RSI significa rendere conto C è una netta distinzione fra RSI e Beneficenza. Infatti, mentre la Beneficenza in genere viene fatta a posteriori se nel precedente esercizio l impresa ha conseguito un profitto, le attività di RSI essendo un indirizzo strategico vengono praticate comunque a priori, indipendentemente dall utile di bilancio. Perché un report di sostenibilità Questo Report di Sostenibilità è redatto sulla base delle linee guida UNI EN ISO per la Responsabilità Sociale delle organizzazioni e sulle Linee guida ABI (Associazione Bancaria Italiana); si riferisce a Banca popolare dell Emilia Romagna, Capogruppo del Gruppo BPER. BPER ha avviato un percorso per arrivare a redigere un Bilancio di Sostenibilità secondo i principi del GRI G4. 3

6 LA MATRICE DI MATERIALITà Nel percorso intrapreso da BPER verso una maggiore trasparenza nella rendicontazione sulle proprie performance di sostenibilità (in ottemperanza a quanto richiesto dalle nuove linee guida GRI G4), si è deciso su quali temi economici, ambientali e sociali focalizzare la rendicontazione non solo in base alle proprie strategie, ma anche sulla base delle aspettative degli Stakeholder della Banca. Un tema è materiale se influenza le decisioni, le azioni e le performance di un organizzazione e dei suoi Stakeholder, cioè se risulta un tema rilevante. L analisi di materialità permette quindi di valutare l allineamento tra il posizionamento strategico dell azienda e le aspettative del proprio contesto di riferimento, al fine di prevenire rischi e cogliere opportunità nell ambito della Sostenibilità. La matrice di materialità è stata sviluppata sulla base delle attività di ascolto dei nostri Stakeholder, incrociandola con quanto emerso dalle interviste fatte al Management. Gli Stakeholder considerati nella definizione della materialità comprendono i Clienti, il Territorio/Comunità, i Dipendenti, i Fornitori, l Ambiente. IMPORTANZA PER GLI STAKEHOLDER bassa media alta Gestione sostenibile dei fornitori Assenza derivati speculativi Prodotti e servizi green Prodotti etici Correttezza verso i fornitori 4 bassa media

7 Clienti Territorio/Comunità Dipendenti Fornitori Ambiente Creazione di Valore Supporto alla comunità Lotta alla corruzione Valorizzazione Performance dei Economica dipendenti Ascolto dei clienti Formazione Adeguatezza prodotti offerti ai clienti Promozione della legalità Trasparenza Gestione impatti ambientali di BPER Work life balance Tutela dei Diritti Welfare e sicurezza Pari opportunità alta IMPORTANZA PER BPER 5

8 SOCI BPER è una società cooperativa che ha il suo punto di forza principale nei Soci. Infatti, alle Assemblee BPER vale il principio una testa, un voto : il voto di ogni Socio vale come quello di tutti gli altri. Al 31/12/2013 i Soci BPER erano Il venir meno della partecipazione minima cui è subordinata l ammissione a Socio, fissata dal Consiglio di Amministrazione in applicazione dell articolo 8, comma 3, dello Statuto sociale (attualmente 100 azioni), a gennaio 2014 ha comportato la decadenza dalla qualità di Socio di Soci (in conformità a quanto previsto dall art.30, comma 5-bis D.Lgs.385/1993, come introdotto dall art.23-quater, lett.a, n.3, del D.L. 18 ottobre 2012, n.179, convertito in L.n.221/2012). Di conseguenza al 5 marzo 2014 erano in essere soci. Soci BPER (azionisti esclusi) al 31/ Al 31/12/2013 risultavano Soci Dipendenti BPER e Dipendenti delle altre Banche del Gruppo. Per favorire la partecipazione e l espressione del voto dei Soci residenti in tutta Italia, in occasione dell Assemblea BPER tenutasi nel 2013 sono stati allestiti anche degli appositi Centri di Voto a Modena, Avellino e Lamezia Terme, che hanno consentito ai Soci di esprimere a distanza i voti a scrutinio segreto. BPER favorisce la diffusione della figura del SOCIO-CLIENTE, che risulta la più efficace fusione tra due Stakeholder, i cui diversi interessi possono trovare una sintesi in un corretto equilibrio. Quasi tutti i Soci di BPER sono anche Clienti della Banca. BPER intende valorizzare chi ha investito nella Banca non per fini speculativi di breve termine ma credendo nei suoi valori. Ad esempio, l iniziativa BPER Speciale Soci valorizza lo status di Socio BPER, con proposte che riguardano agevolazioni bancarie ed extrabancarie. Per chi partecipa all Assemblea annuale di approvazione del bilancio BPER, inoltre, sono previste ulteriori tariffe agevolate per prodotti e servizi bancari. Ad ogni Socio viene rilasciata la Tessera Socio BPER nominativa, da esibire per accedere al ventaglio di proposte dei partner convenzionati, che operano in svariati settori merceologici (es. benessere, viaggi, tecnologia). I vantaggi per i Soci sono indicati nel sito > Soci ed in quello 6

9 AZIONISTI I nostri Investitori Istituzionali (tra i quali alcuni importanti Fondi Pensione internazionali) hanno acquistato azioni BPER in un ottica di lungo periodo. È questo l approccio più corretto all investimento: credere in un impresa con lungimiranza, dopo averla analizzata e selezionata attentamente rispetto ad altre. Tra gli investitori istituzionali di maggior rilievo BPER annovera NORGES BANK, ossia la Banca Centrale della Norvegia: il governo norvegese ha costituito un Fondo Pensione integrativo a favore della popolazione ( Norwegian Government Pension Fund Global, il 2 al mondo per dimensioni). Questo Fondo Sovrano investe (con un ottica di lungo periodo) facendo una selezione etica dei titoli disponibili sui mercati finanziari (il suo severo Codice Etico bandisce, ad esempio, chi produce armi nucleari o tabacco, chi viola i diritti umani o chi non è trasparente). Possiamo quindi affermare con orgoglio che Norges Bank ha deciso di acquistare una quota molto consistente di azioni BPER: azioni al 31/12/2013 (fonte: Bloomberg), corrispondenti al 2,18% del capitale sociale, riconoscendoci indirettamente un profilo di eticità. 2,18% FORNITORI Gli accordi commerciali del Gruppo BPER sono finalizzati a sviluppare collaborazioni durevoli, improntate a CORRETTEZZA ed EQUITÀ; BPER privilegia, a parità di condizioni e quando possibile, le imprese situate sul territorio locale chiedendo ai propri Fornitori di operare secondo criteri etici e sostenibili, in adesione al Codice Etico BPER. BPER ha predisposto un Albo dei Fornitori analitico, e nella propria attività di selezione presta particolare attenzione al Fornitore-Cliente che opera nel territorio servito dalla Banca. Nei contratti con i Fornitori è solitamente vietato il ricorso al subappalto. I tempi di pagamento sono certi, ragionevoli e nel rigoroso rispetto dei termini contrattuali (di norma avvengono a 60 giorni, per sostenere le imprese alle quali ci rivolgiamo). Oltre alla documentazione richiesta per legge, BPER chiede ad ogni Fornitore il Certificato Antimafia. 7

10 CLIENTI Per BPER, la fiducia dei propri Clienti è fondamentale. La Banca vuole essere un impresa il cui profitto si giustifica eticamente solo se è ottenuto attraverso la soddisfazione dei Clienti. Pertanto, nell offrire prodotti e servizi, i Dipendenti BPER devono seguire precise regole di comportamento: coerenza in merito all adeguatezza dell offerta rivolta ai Clienti; diligenza nel perseguire gli obiettivi commerciali, nel rispetto della tutela del consumatore; professionalità nell offrire prodotti e servizi, focalizzandosi sulla qualità del servizio reso al Cliente e nell interesse del Cliente. Composizione della clientela La clientela BPER è composta principalmente da Famiglie e Piccole e Medie Imprese, in linea con la vocazione di Banca territoriale. Base Clienti per Macrosegmento* dati 2013 Retail privati 82,96% Retail imprese 13,94% Controparti Istituzionali 0,06% Corporate 2,23% Private 0,72% Large Corporate 0,09% *Retail Privati: clientela privata; Private: clientela privata con patrimonio superiore a Euro e che aderisce allo specifico modello di servizio; Retail Imprese: imprese ed enti con fatturato fino a 2,5 milioni di Euro; Corporate: imprese e gruppi con fatturato da 2,5 a 250 milioni di Euro; Large Corporate: imprese e gruppi con fatturato superiore a 250 milioni di Euro, selezionati in modo esperto per la maggior complessità gestionale; Controparti Istituzionali: banche ed imprese del settore finanziario. L anzianità di relazione media della clientela Privati (Retail privati + Private) si attesta su buoni livelli: in particolare, il 38% dei Clienti supera i 20 anni di rapporto con la Banca; questa percentuale sale al 65% se si considera anche chi è Cliente da oltre 10 anni. Dal 2010 BPER ha attivato un sistema di ascolto sistematico dei propri Clienti attraverso indagini di Customer Satisfaction riferite ai diversi segmenti di clientela. Nel 2013 è stata realizzata la 3 indagine per rilevare il livello di soddisfazione dei Clienti Retail della Banca, utilizzando il medesimo impianto delle due precedenti (2010 e 2012); inoltre, il modello relativo alle Imprese è stato ampliato per dare maggiore ascolto a questo target. Tra le novità di questa rilevazione troviamo una sezione relativa alla soddisfazione dei Clienti interessati dalla recente incorporazione in BPER di tre Banche del Gruppo. Il quadro generale così delineato si presenta positivo, la soddisfazione complessiva è buona ed in linea con quella della precedente rilevazione. Nel 2013 BPER ha dato avvio alla progettazione e realizzazione di nuove modalità di servizio, per rispondere al meglio alle esigenze ed ai bisogni dei propri Clienti e per migliorare la loro soddisfazione. 8

11 SODDISFAZIONE COMPLESSIVA Voto espresso in una scala da 0 a FAMILY (Clienti privati con patrimonio inferiore a euro) 76,2 76,6 +0, PERSONAL (Clienti privati con patrimonio superiore a euro) 75-0,1 74, RETAIL SMALL BUSINESS 71,7 70,8-0, RETAIL PMI 68, ,7 Fonte: rilevazioni Doxametrics 2012 e 2013 *= Indice di soddisfazione sintetico che pondera l Indice di soddisfazione complessiva con l Indice di soddisfazione rispetto alle aspettative; voti espressi con una scala da 0 a 100, sulla base di interviste realizzate. Gli atteggiamenti nei confronti della Banca in termini di comportamenti futuri (passaparola, fedeltà mentale e propensione al cross selling) sono complessivamente positivi e migliori rispetto al dato di mercato. Nonostante ciò, su entrambi i target Privati ed Imprese si osserva un calo delle intenzioni di tali comportamenti rispetto al Il Personale di filiale si conferma come punto di forza della Banca, così come la percezione di coerenza e correttezza restano tratti distintivi dell immagine di BPER rispetto al mercato di riferimento. GRUPPO GESTIONALE DI CLIENTELA Voto espresso in una scala da 0 a 100 FAMILY (Clienti privati con patrimonio inferiore a euro) PERSONAL (Clienti privati con patrimonio superiore a euro) RETAIL SMALL BUSINESS RETAIL PMI Passaparola (Propensione del Cliente a consigliare BPER ad altri) Fedeltà mentale (probabilità che il Cliente pensi subito a BPER per il prossimo acquisto) Cross-selling (Probabilità che il Cliente sottoscriva altri prodotti con BPER) 73 74,3 68,9 73,2 74,7 69,7 67,8 68,9 64,6 64,9 67,6 63,1 Fonte: Rilevazione Doxametrics 2013, voti espressi con una scala da 0 a 100, interviste realizzate. Tasso di Retention La capacità di BPER di intrattenere relazioni stabili con la propria clientela si mantiene su livelli positivi: per i Privati il Tasso di Retention è del 94%, per le Imprese è dell 89%. 9

12 Reclami L ascolto e la tempestiva risoluzione dei problemi segnalati sotto forma di reclami e lamentele costituiscono un importante strumento di prevenzione dell insoddisfazione da parte dei Clienti. I reclami costituiscono un opportunità di primaria importanza sia in fase di chiarimento e conciliazione, sia per trarre spunti di miglioramento per i propri servizi. Pertanto, BPER continua a lavorare stabilmente per migliorare l attuale sistema di gestione dei reclami formali e per strutturare azioni di presa in carico attiva delle lamentele verbali, in modo da garantire ai Clienti risposte sollecite ed esaustive. Nel 2013, BPER ha ricevuto reclami (il dato tiene conto di quelli ricevuti nel primo semestre dalle Banche incorporate da BPER). Di questi, 740 reclami sono stati conclusi (a favore del Cliente o della Banca). Per avere un quadro più analitico: sull attività di gestione dei reclami 2013 Accordi con Associazioni dei Consumatori per la risoluzione stragiudiziale delle vertenze Per risolvere le controversie, BPER ha attivato meccanismi chiari e trasparenti, basati sul dialogo e la mediazione attraverso gli Accordi per la risoluzione stragiudiziale delle vertenze con Federconsumatori e MdC (Movimento difesa del Cittadino), che nel 2013 sono stati estesi ad Adiconsum e a Confconsumatori. DERIVATI Nell attivo finanziario di BPER non sono presenti posizioni in contratti derivati complessi o titoli strutturati che possano evidenziare criticità nei criteri di contabilizzazione in Bilancio. I contratti derivati stipulati dal Gruppo BPER (che non comprendono derivati di copertura del rischio di credito) sono nella quasi totalità derivati di copertura del rischio di tasso di poste dell attivo o del passivo, derivanti dall attività di intermediazione creditizia. Riguardo i derivati accesi con i Clienti si precisa che BPER non ha in essere Contratti Derivati stipulati con Enti Locali. 10

13 PRODOTTI A VALENZA ETICA Tra i servizi offerti da BPER ce ne sono alcuni che hanno caratteristiche riconducibili all etica: Investimenti - Fondi Comuni d Investimento Etici di ETICA Sgr - - Prestiti Obbligazionari del Territorio Prelievi e pagamenti - Carte prepagate ricaricabili etiche: Emergency, Amnesty International, WWF, Telefono Azzurro, Mission Card, IO VolontarIO Per favorire l inclusione finanziaria - Conto di Base Per i migranti - Conto World (www.contoworld.it) - Servizio Western Union per inviare denaro in tutto il mondo Per le ONLUS e assimilate - Conto Corrente Insieme per il Terzo Settore Microcredito e Finanza Sociale - Microcredito per l Italia (MxIT) (www.mxit.it) - Accordo con PerMicro s.p.a. (www.permicro.it) - Avere Credito a Carpi, Soliera, Novi di Modena (www.casavolontariato.org) - Fides et Labor per i residenti nella Diocesi di Carpi (www.carpi.chiesacattolica.it) new Prestiti agevolati - Progetto NO BARRIERE (abbattimento barriere architettoniche) - Prestito COMPUTER ZERO (a tasso 0) - Prestito LIBRI ZERO, per l acquisto di libri di testo (a tasso 0) Finanziamenti Green (per impianti fotovoltaici) - BPER ELIOS Privati - FIN HELIOS Aziende Finanziamenti Green (investimenti in fonti rinnovabili) - FIN ENERGY new new Moratorie ABI PMI a favore delle Imprese Nell ambito delle politiche di sostegno al territorio, BPER si è concentrata su iniziative concrete per permettere a privati e imprese di superare questo periodo di crisi economica. Ad ottobre 2013 il Gruppo ha aderito alla nuova moratoria ABI PMI, dando continuità alla sospensione e allungamento dei mutui (l accordo prevede allungamenti dei termini e dei tempi di rimborso dei finanziamenti), consentendo una maggiore liquidità al mondo imprenditoriale. BPER è socia e partner di Banca Popolare Etica e di Etica Sgr. Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. La Banca si riserva il diritto di subordinare l accesso al finanziamento ad una valutazione del merito creditizio. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della banca o sul sito 11

14 DIPENDENTI Rapporti e condizioni di lavoro Le banche sono imprese in cui il fattore umano è fondamentale. I Dipendenti sono un elemento strategico che Personale BPER cerca di valorizzare delineando specifici percorsi di carriera, sviluppandone le competenze, incenti- BPER* al 31/ vandone la crescita professionale. di cui 405 part-time e 21 in aspettativa di cui 428 part-time e 17 in aspettativa di cui 475 part-time e 19 in aspettativa * Inclusi gli effetti delle incorporazioni di Banche controllate DIPENDENTI BPER al 31/12/2013 (inclusi quelli distaccati presso Bper Services s.c.p.a.) PER CONTRATTO Tempo Indeterminato 97,62% 128 Apprendistato 2,22% 9 Tempo Determinato 0,16% PER QUALIFICA 144 Dirigenti 2,49% Quadri direttivi 28,11% Aree professionali 69,40% Totale dipendenti BPER 100,00% di cui 475 Part-Time 8,22% Le nuove assunzioni nel corso del 2013 (escluse le operazioni su Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, Carispaq, Banca Popolare di Aprilia e NADIA S.p.A.) sono state 56, 27 donne e 29 uomini. Differenze di genere e valorizzazione del talento femminile Il progetto pari opportunità (nato nel 2012) ha l obiettivo di attivare un processo di riconoscimento e valorizzazione della presenza femminile in BPER. Dal 2013 le politiche gestionali sono state integrate con un attività di monitoraggio dello sviluppo dei talenti femminili e dei percorsi di alta formazione. In quest ottica è stato sviluppato anche un Portale Welfare Aziendale che raccoglie l offerta di servizi dedicati al Work-Life balance ed un area dedicata alla maternità. E stata ampliata l offerta formativa per i dipendenti con corsi sulla Diversity Leadership e sul Work-Life balance. Dal 1 gennaio 2014 BPER partecipa in qualità di Socio ordinario a Valore D, la prima associazione di grandi imprese creata in Italia per sostenere la leadership femminile in azienda. BPER ha il 40,6% di donne sul totale dei dipendenti (al 31/12/2013) 12

15 0,2% 6 Dirigenti donne 17,1% 402 Quadri Direttivi 82,6% Aree Professionali TOTALE DONNE ,4% 40,6% uomini Welfare Aziendale La concessione del Part-time, la realizzazione del NIDO e dell ASILO AZIENDALE sono concrete risposte all esigenza di conciliare gli impegni familiari con quelli professionali. Nel 2013 BPER ha sviluppato un Portale Welfare Aziendale al quale hanno accesso tutti i Dipendenti e che verrà esteso, nel 2014, anche ai colleghi delle Banche del Gruppo. Il Portale presenta tutte le agevolazioni previste per i Dipendenti: Polizza infortuni, copertura Long Term Care in caso di non autosufficienza, Check-up, Polizza sanitaria/dentaria, Fondo pensione integrativo, condizioni agevolate sui principali servizi bancari, buoni pasto e buoni regalo, convenzioni a carattere nazionale e locale, un accordo premorienza (in caso di morte o di invalidità permanente avvenuta durante gli anni di servizio). Sono previste, inoltre, agevolazioni e provvidenze ai lavoratori studenti e ai diversamente abili, Borse di studio per i figli dei Dipendenti, una Mensa aziendale a Modena, un Servizio di Biblioteca ed un CRAL aziendale. Formazione ore di formazione erogata nel 2013, di cui rivolte a Banche e Società del Gruppo. I Dipendenti BPER che hanno partecipato a iniziative formative (escluso il personale in distacco) sono stati 5.045, pari al 97,6%, con una media di 56 ore di formazione pro capite. Nuovo modello di gestione del personale Il nuovo modello è un diverso approccio alla gestione del personale e rappresenta la sintesi dell attenzione che BPER dedica ai propri Dipendenti. Attraverso un analisi individuale dei bisogni e delle situazioni professionali di ciascuno potranno essere elaborati percorsi di carriera, di crescita e di formazione su misura, per avere un personale sempre più preparato, specializzato, attento e motivato. Mobility Center La Banca ha attivato un Mobility Center per agevolare la mobilità del personale, valorizzandone competenze e aspettative professionali. Al suo interno il servizio di Job Posting crea sinergie nella gestione delle risorse a livello di Gruppo. 13

16 TERRITORIO E COMUNITà BPER manifesta concretamente la sua vicinanza al Territorio anche attraverso numerose erogazioni Benefiche e Sponsorizzazioni: Erogazioni liberali a scopo benefico: euro Sponsorizzazioni erogate nel 2013: euro (incluse quelle delle banche incorporate da maggio 2013) 14 1 Premio di Studio RAG. GUIDO MONZANI per l Università degli Studi di Modena e Reggio Contributo al corso di Laurea Magistrale in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria della Marco Biagi di Modena (UNIMORE) per l abbonamento alle banche dati finanziarie ed economiche Datastream e Morningstar, oltre ad 1 Premio allo studente più meritevole 26 eventi gratuiti di livello locale e nazionale presso il FORUM GUIDO MONZANI di Modena 130 Borse di studio FONDAZIONE CENTENARIO per Scuole Superiori e 50 Borse per diplomati universitari 15 stage formativi 1 Biblioteca aperta a tutti i cittadini con 3500 volumi 1 Nido aziendale a Modena con 60 posti, di cui 10 riservati alle graduatorie comunali 1 Scuola dell infanzia aziendale convenzionata col Comune di Modena con 115 posti, di cui 4 riservati alle graduatorie comunali Partecipazione al Club Imprese Modenesi per la RSI per definire e realizzare progetti concreti di RSI insieme ad altre aziende del territorio. Interventi di Educazione Finanziaria a favore di studenti e adulti.

17 Educazione Finanziaria Una banca lungimirante preferisce operare in una Comunità di persone dotate di adeguate competenze in ambito economico-finanziario. Ecco perché BPER è disponibile ad effettuare incontri gratuiti di Educazione Finanziaria rivolti a studenti, ad adulti, ad aziende che hanno a cuore la stabilità finanziaria dei loro dipendenti. Lezioni disponibili: per Studenti delle classi Terze della Scuola Media Inferiore: L Impronta Economica Junior (realizzata dal Consorzio PattiChiari); per Studenti della Scuola Secondaria Superiore, per Adulti e Dipendenti di aziende: Educazione al consumo ed al risparmio consapevole (realizzata dalla Funzione RSI BPER). per Adulti: L Impronta Economica Plus (realizzata dal Consorzio PattiChiari, di concerto con le 11 principali Associazioni dei Consumatori). E corretto precisare che in questi incontri non vengono pubblicizzati prodotti BPER, né vengono chiesti i dati dei partecipanti per finalità commerciali. Per chiedere questi interventi o per informazioni: Trust per finalità benefiche BPER Trust Company SpA (società di BPER nata nel 2012) offre ai donatori la forma giuridica del Trust, come strumento efficace per garantire che il loro obiettivo benefico verrà perseguito con determinazione. Ad esempio, nel 2013 BPER Trust Company ha assunto l incarico di Trustee del Trust famiglie Burani e Giovetti Onlus. In questo caso (in conformità all atto istitutivo di tale trust e con l assenso dei Guardiani ), BPER Trust Company ha individuato il progetto benefico presentato dal Policlinico di Modena volto a realizzare i lavori di ristrutturazione di degenze, da adibire a Dipartimento di chirurgia e dei trapianti. Chi dispone di risorse economiche ed è interessato ad effettuare una donazione con un obiettivo specifico avendo la certezza del suo raggiungimento, può rivolgersi a BPER Trust Company (059/225433). TUTELA DEI DIRITTI e promozione della legalità Policy sugli armamenti Il 26 giugno 2012 il CdA BPER ha approvato le LINEE GUIDA di Gruppo per la regolamentazione dei rapporti delle Banche del Gruppo BPER con gli Operatori della difesa e le Imprese produttrici di armamenti con l obiettivo di definire volontariamente regole interne che vadano oltre il mero rispetto della legge, sia in termini di campo di applicazione sia in termini di qualità degli impegni. In particolare, il Gruppo BPER non ha partecipazioni dirette in nessun tipo di impresa che produce armamenti; accetta solo alcune delle operazioni di gestione dei pagamenti nell ambito di rapporti di import-export di armamenti disciplinati dalla Legge 185/90; volontariamente disciplina in maniera più stringente anche i finanziamenti domestici. 15

18 Il 3 dicembre 2013 il CdA BPER ha approvato il primo Rendiconto annuale 2013 (esercizio 2012) nel quale rende conto pubblicamente dell applicazione delle Linee Guida. Tramite il Rendiconto, per la prima volta, il Gruppo BPER: - indica quante aziende del settore sono sue Clienti (si tratta in massima parte di realtà che non fabbricano armi, bensì effettuano produzioni dual use, ossia realizzano manufatti che possono avere utilizzo militare o civile); - indica i finanziamenti che tali aziende hanno utilizzato al 31/12/2012 (novità assoluta a livello nazionale); il valore percentuale di tali finanziamenti sul totale impieghi risulta bassissimo (inoltre queste somme sono andate solo in parte a finanziare il settore della difesa, visto che la stragrande maggioranza di queste aziende Clienti produce soprattutto beni ad uso civile); - indica le operazioni di incasso tracciate ai fini della Legge 185/90, specificando il dettaglio di ognuna di esse; - evidenzia che, sia per numero di autorizzazioni all incasso (a favore di nostre aziende Clienti operanti nel settore della Difesa) che per volumi incassati, nella Relazione annuale diffusa dal Governo (cosiddetta lista delle Banche armate ) il Gruppo BPER - presente solo con riferimento a BPER e al Banco di Sardegna ha un peso marginale rispetto al totale del sistema bancario italiano; - indica alcuni obiettivi di miglioramento che il Gruppo intende perseguire nell immediato futuro. BPER ha intrattenuto numerosi rapporti con organizzazioni della società civile attive sui temi della pace e del disarmo. Le Linee Guida ed il Rendiconto 2013 sono scaricabili dal sito > sostenibilità > Impegni, azioni e risultati > Linee Guida armamenti. Contrasto alla criminalità organizzata Dal 2012 BPER, unico istituto di credito presente assieme a Banca Popolare Etica, aderisce all Alleanza reggiana per una società senza mafie, realtà che unisce la Provincia di Reggio Emilia, i suoi Comuni, le Associazioni di categoria, le Organizzazioni sindacali e di Volontariato impegnate in attività info-formative e di sensibilizzazione sulla criminalità organizzata. Per informazioni: 16 Gioco d azzardo patologico (GAP) Il 10 luglio 2013 BPER ha emanato una Circolare di Gruppo info-formativa con un pacchetto di iniziative per contrastare il Gioco d Azzardo Patologico (GAP). L approccio è laico, non ideologico: il Gruppo BPER non è contro il gioco d azzardo ma intende contrastare la sua patologia, che ha conseguenze gravi per il giocatore e per chi gli vive accanto. Considerati i rilevanti impatti economici e sociali che il gioco d azzardo patologico può avere, su questo tema il Gruppo BPER intende assumere un atteggiamento di attenzione e di vigilanza attiva. Ecco perché il personale del Gruppo è stato informato sul settore del gioco, su cos è il GAP, su come la Filiale può intervenire nei confronti del Giocatore Patologico a tutela del Cliente stesso o dei suoi familiari, sulle strutture pubbliche e private che possono aiutarlo in un percorso di recupero. A titolo preventivo, a tutte le carte di credito emesse dal Gruppo BPER sono inibite operazioni di pagamento presso esercizi o siti internet classificati nella categoria merceologica gambling (gioco d azzardo); fanno eccezione le poche carte Black emesse, riservate a clientela facoltosa. Inoltre, il Gruppo BPER ha preso l impegno di non offrire mai al pubblico i gratta e vinci. Per sensibilizzare la Comunità a questo delicato tema, BPER ha pubblicato articoli, tenuto interventi a convegni, sostenuto eventi formativi pubblici ed inserito questo argomento nelle lezioni di Educazione Finanziaria rivolte agli studenti.

19 AMBIENTE Essere Sostenibili per BPER significa ragionare con un ottica di lungo termine sui propri impatti in ambito economico, sociale ed ambientale. Governare un impresa con questa consapevolezza consente di monitorare le proprie performance e di ottenere risultati duraturi nel tempo. L attenzione all Ambiente ha portato BPER a realizzare una serie di interventi specifici volti a ridurre l utilizzo di risorse, la produzione dei rifiuti e la sua spesa energetica. 100% ENERGIE RINNOVABILI Efficientamento energetico negli edifici BPER nel 2013: Sostituzione di 12 caldaie obsolete con altre a condensazione, con efficienza superiore di almeno il 25%; Rinnovo di 6 ascensori (con risparmio energetico medio del 50%); Interventi di efficientamento energetico presso 13 edifici. Mobilità sostenibile Biciclette a disposizione dei Dipendenti per spostamenti dagli Uffici della Direzione Generale di Via San Carlo a quelli di Corso Vittorio Emanuele. Flotta aziendale BPER: 135 veicoli, di cui 42% a benzina/metano, 1% ibrida (benzina/elettrica). Acquisti La carta utilizzata negli uffici e tutto il materiale pubblicitario ha il marchio di qualità ambientale FSC. La certificazione internazionale FSC garantisce che i materiali usati per la realizzazione dei suoi prodotti provengono da foreste gestite in modo responsabile. Nel 2013 è stata implementata la diffusione dei quotidiani in formato digitale nella stragrande maggioranza degli uffici centrali e delle filiali. Rifiuti Raccolta differenziata presso gli Uffici della Direzione Generale. Toner smaltiti correttamente tramite Eco-Box. Energia Il consumo di energia elettrica relativo al 2013 è pari a quasi 70 milioni di kwh (chilowattora) di cui il 100% proveniente da energie rinnovabili. Il risparmio in termini di CO2 non emessa è pari a tonnellate. Installazione di impianti fotovoltaici: Nuovo impianto presso il tetto del Centro Servizi C di Modena (119 kwp), che si aggiunge ai seguenti impianti, già in esercizio: 300 kwp a Campogalliano (MO) sul tetto di Modena Terminal (Società del Gruppo BPER); 5 kwp sulla scuola materna aziendale; 5,5 kwp sull Agenzia 18 di Modena; 10 kwp sull Agenzia 1 di Carpi; 20 kwp sulla Filiale di Pianoro. Questi impianti consentono di evitare l emissione di circa 270 tonnellate di CO2. In tutto, grazie alla sua politica energetica, BPER ha evitato l emissione in atmosfera di tonnellate di CO 2 pari a quella emessa per fare 131 volte il giro del mondo in auto. 17

20 RENDICONTO OBIETTIVI RSI indicati nel 2013 Governo dell organizzazione 1. Gestire in modo inclusivo i processi di incorporazione in BPER della Banca Popolare di Aprilia, della Banca Popolare di Lanciano e Sulmona e della Carispaq. Fatto. 2. Ampliare la Rendicontazione sulla Sostenibilità. In questo Report sono state realizzate la Matrice di materialità, il questionario online e il rendiconto obiettivi Attivare il progetto Modello di gestione della Reputazione (Piano Industriale ). NON ANCORA ATTIVATO. 4. Far sì che tutti i Dipendenti del Gruppo BPER lavorino in un ottica di RSI, perché ognuno (indipendentemente dalla mansione e dal grado) può e deve operare pensando alla Sostenibilità. è cresciuta la conoscenza del tema presso BPER e la collaborazione da parte delle varie funzioni aziendali. Rapporti con la società di appartenenza e Diritti Umani Società e diritti umani 1. Realizzare il primo Rendiconto armamenti Fatto. 2. Supportare l Alleanza Reggiana per una società senza mafie. Fatto. 3. Attivare il Progetto No Slot, contro il gioco d azzardo patologico. Fatto. 4. Proseguire con l iniziativa OrientiaMO per gli studenti. Fatto. 5. Promuovere Tirocini formativi Italia-estero per favorire l occupazione giovanile, tramite UNISER Onlus. Fatto. Fornitori Definire un modello di Rating dei Fornitori. VERRà REALIZZATO NEL CORSO DEL Rapporti e condizioni di lavoro 1. Lanciare la nuova Intranet di Gruppo quale canale di accesso alle informazioni aziendali (PI ). Svolta l analisi di assessment. 2. Individuare e valorizzare le risorse a maggior potenziale, omogeneizzare i comportamenti e le migliori competenze aziendali, migliorare il coinvolgimento del Personale (PI ). Attivato il Nuovo modello di gestione del Personale. 3. Estendere a più Dipendenti il Corso di formazione sulla RSI Etica in BPER. Non fatto. 4. Realizzare un Portale sul Welfare aziendale. fatto. 5. Dare al Dipendente la possibilità di scegliere se avere la retribuzione variabile in denaro, oppure se convertirla in benefit di maggior valore. fatto. 18

REPORT DI SOSTENIBILITà

REPORT DI SOSTENIBILITà Mod. 04. 30. 0152 Link utili Per consultare l Area Sostenibilità www.bper.it > sostenibilità Per consultare il Codice Etico ed il Modello Organizzativo di Gestione www.bper.it > home page (in fondo): D.Lgs.231/01

Dettagli

Report di sostenibilità BPER Banca 2015 esercizio 2014

Report di sostenibilità BPER Banca 2015 esercizio 2014 Report di sostenibilità BPER Banca 2015 esercizio 2014 Le banche non sono tutte uguali. Indice 3 10 11 11 12 16 18 21 24 27 29 31 Introduzione Soci Azionisti Fornitori Clienti Prodotti a valenza etica

Dettagli

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract

RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 2013. Abstract RELAZIONE DI SOSTENIBILITÀ 203 Abstract Il 203 è stato un anno ancora pesantemente influenzato da una profonda crisi economica e finanziaria, i cui effetti hanno minato la stabilità di molte famiglie e

Dettagli

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO Le ipotesi di miglioramento individuate lo scorso anno nel nostro primo Bilancio Sociale tracciano le linee di un percorso che abbiamo intrapreso nel 2002 e che intendiamo proseguire

Dettagli

PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA

PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA PATTICHIARI: LE BANCHE CAMBIANO LA NUOVA STRATEGIA NEL CAMPO DEL RISPARMIO, PER DARE AI CLIENTI MAGGIORE INFORMAZIONE E CAPACITÀ DI SCELTA Il sistema bancario italiano ha deciso di accettare la sfida della

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Milano, 24 settembre 2008 I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Anna Bernardi, U.O. Industria, Artigianato e Servizi Elisa Rossi, U.O. Sviluppo Sostenibile e Agenda 21

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI

Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI Bilancio di Sostenibilità 2009 - SINTESI 1 PERCHÉ ABBIAMO FATTO IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ? (1/2) Perché operiamo in un settore che ha impatti significativi su Ambiente naturale Comunità di cui Passeggeri

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO 1. Misure per il credito alle PMI Confronto con ABI pag. 1 2. Fondo di Garanzia per le PMI pag. 1 FINANZA 3. Crowdfunding Raccolta di capitali di rischio

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Acquisti sostenibili di una multiutility: l inclusione delle persone svantaggiate

Acquisti sostenibili di una multiutility: l inclusione delle persone svantaggiate AMBIENTE e INNOVAZIONE: le buone pratiche della sostenibilità in Emilia-Romagna 17 aprile 2008 Aula Magna Pietro Manodori - Università di Modena e Reggio Emilia Ex Caserma Zucchi Viale Allegri, 9 REGGIO

Dettagli

Communication on. Progress 2011

Communication on. Progress 2011 Sommario PARTE PRIMA Dichiarazione Aziendale PARTE SECONDA Applicazione principi PARTE TERZA Set di Indicatori 3 Dichiarazione Aziendale L adesione al Global Compact della Neatec, e l applicazione dei

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ

GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ GLI IMPEGNI E LE AZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ Contributo allo sviluppo sostenibile Finmeccanica interpreta il concetto di sostenibilità come capacità di un organizzazione di generare valore nel tempo. Il

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Istituto Comprensivo n.1 G. Mazzini-E.Fermi Via Mazzini n.68 67051 Avezzano (AQ) tel. 0863413379/fax 0863410724 cod. mecc. AQIC84000R C.F. 90041360661 email: aqic84000r@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO

ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO Aggiornato il 31 gennaio 2009 ADDETTA E ADDETTO AL FRONT OFFICE BANCARIO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze

Dettagli

2. QUADRO DI SINTESI DELLE ATTIVITÀ AD INDIRIZZO STRATEGICO

2. QUADRO DI SINTESI DELLE ATTIVITÀ AD INDIRIZZO STRATEGICO 2. QUADRO DI SINTESI DELLE ATTIVITÀ AD INDIRIZZO STRATEGICO 2.1 Il posizionamento di mercato del Gruppo 2 Il Gruppo BPER opera prevalentemente nel tradizionale settore dell intermediazione creditizia,

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN GIOVANNI BOSCO Via Dante n. 18 92028 Naro (AG) Tel. 0922 956081 Fax 0922 956041 E- mail agic85300c@istruzione.it P.E.C. agic85300c@pec.istruzione.it C.F. 82002930848 PROGRAMMA

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO Gianmarco Manzone Divisione Banca dei Territori Ufficio Finanziamenti e Confidi 1 Roma, 22 ottobre 2008 La storia di Intesa Sanpaolo 1998 2000

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo

Modello di organizzazione, gestione e controllo Modello di organizzazione, gestione e controllo Decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 SINTESI principi e regole del sistema del Modello di organizzazione e gestione Le ragioni di adozione del modello

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Corso Umberto, 339 - C.A.P. : 94013 - Tel.Direzione: 0935/902257 Tel-Fax Segreteria

Dettagli

AL evoluzione dell uso dei canali nel mercato bancario retail

AL evoluzione dell uso dei canali nel mercato bancario retail Contact center: guida al viaggio del cliente nella multicanalità Daniela Vitolo ABI I principali risultati dell Osservatorio ABI-ABI Lab sui contact center bancari evidenziano un ruolo del canale di supporto

Dettagli

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228)

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) Catalogo Corsi 2015 Progetti formativi Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) AREA REGOLAMENTAZIONE (Rischi, Bilancio, Controlli e Legale) a) Normativa antiriciclaggio e terrorismo

Dettagli

NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE

NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 NON COME ONERE DA SUBIRE MA COME OPPORTUNITÀ DA COGLIERE PER CREARE UN VANTAGGIO IN GRADO DI GESTIRE L IMPRESA CON UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA

Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA Libero / Falcri Fiba Cisl Fisac Cgil Uilca Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA PREMESSA La struttura del Gruppo è costituita da una Capogruppo,

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM

BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM Allegato A BANDO PER LA SELEZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DELLA RETE TERRITORIALE DI ACCOMPAGNAMENTO AI PICCOLI PRESTITI DI EMERGENZA PER LE MICROIMPRESE RETE PEM Premesse - la Regione Toscana con decisione

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12.

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12. LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI Trasferiamo valore economico nella catena di fornitura acquistando volumi consistenti di beni e servizi. Promuoviamo la collaborazione e l efficienza nella catena della fornitura;

Dettagli

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE.

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. 1 Una Banca attenta all ambiente: la Politica Ambientale Nel quadro delle attività di responsabilità sociale e ambientale,

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE.

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito bper.it.

Dettagli

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO

CODICE ETICO. ANFFAS onlus di Varese. ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO ANFFAS Onlus di VARESE CODICE ETICO Contenuti 1. INTRODUZIONE 3 2. IL CODICE ETICO 3 3. I DESTINATARI 4 4. EMANAZIONE, VERIFICA E SANZIONI 4 5. PRINCIPI DI CONDOTTA 8 5.1 RELAZIONI CON IL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

Rendiconto sull'attività di gestione dei reclami per l'anno 2013

Rendiconto sull'attività di gestione dei reclami per l'anno 2013 RENDICONTO SULL ATTIVITA DI GESTIONE DEI RECLAMI pag. 1 di 9 Rendiconto sull'attività di gestione dei reclami per l'anno 2013 Rendiconto redatto in ottemperanza alle Disposizioni Banca d Italia 29/7/2009

Dettagli

3. L'AREA DI CONSOLIDAMENTO DEL GRUPPO BPER

3. L'AREA DI CONSOLIDAMENTO DEL GRUPPO BPER 3. L'AREA DI CONSOLIDAMENTO DEL GRUPPO BPER 3.1 Mappa del Gruppo al 31 dicembre 2012 Fatte le dovute premesse nei paragrafi che precedono, Vi presentiamo la mappa del Gruppo, alla data del 31 dicembre

Dettagli

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale-

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale- COSTRUIRE PREVIDENZA Diamo Dignità alla Nostra Pensione -Programma elettorale- Una risposta alla crisi Negli ultimi anni il calo dei redditi dei professionisti è stato di significativo. Il risultato è

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

Obiettivi di miglioramento

Obiettivi di miglioramento Obiettivi di miglioramento Capitolo 5 - OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO Piano di miglioramento Si riportano di seguito gli obiettivi così come definiti nel Piano di Miglioramento predisposto nel corso del processo

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Via Napoli, n.3-00045 GENZANO DI ROMA Tel.06121125600

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI

FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI Mario Giuseppe Napoli, Responsabile Risorse Umane, Gruppo UBI Banca Roma, Palazzo Altieri,19

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ISTITUTO COMPRENSIVO A. CROSARA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via G.G. Trissino, 1 cap. 36073 *Cornedo Vicentino* (Vicenza) C.M.VIIC82400G C.F.85001490243 e mail: viic82400g@istruzione.it

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. GEMELLI - SANT AGNELLO (NA) PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ TRIENNIO 2016-2018 Anno 2016 - VERSIONE 1.03 PREMESSA L'Istituto

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola, si dà conto esclusivamente dei commenti aventi ad oggetto le disposizioni secondarie di competenza della Banca d Italia ( Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento

Dettagli

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE.

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito bper.it.

Dettagli

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale

REG.N.4142 - A 9001:2001. Cooperativa sociale Actl onlus. Carta etica. Codice deontologico e responsabilità sociale REG.N.4142 - A 9001:2001 Cooperativa sociale Actl onlus Carta etica Codice deontologico e responsabilità sociale Principi, valori, diritti e doveri in coop sociale Actl PREMESSA Sin dalla sua costituzione,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. (Art. 11, comma 8 del D.Lgs. 150/2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. (Art. 11, comma 8 del D.Lgs. 150/2009) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11, comma 8 del D.Lgs. 150/2009) INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DATI PUBBLICATI AI FINI DELLA REALIZZAZIONE DELLA

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA

MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA Versione: 2 Stato: Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 20/06/2013 Data emissione: 20/06/2013 Sommario 1. INTRODUZIONE

Dettagli

CONSORZIO PATTICHIARI

CONSORZIO PATTICHIARI Roma, 30 novembre 2011 CONSORZIO PATTICHIARI Relazione finale sul secondo esercizio di degli Impegni per la Qualità e delle due iniziative ad adesione facoltativa Premessa I risultati del integrato degli

Dettagli

Accordo quadro tra il Gruppo Banca popolare dell Emilia Romagna e il Movimento Difesa del Cittadino

Accordo quadro tra il Gruppo Banca popolare dell Emilia Romagna e il Movimento Difesa del Cittadino Accordo quadro tra il Gruppo Banca popolare dell Emilia Romagna e il Movimento Difesa del Cittadino Il presente Accordo viene stipulato tra: le Banche del Gruppo Banca popolare dell Emilia Romagna (di

Dettagli

La Politica Integrata del Gruppo Terna

La Politica Integrata del Gruppo Terna La Politica Integrata del Gruppo Terna Il Gruppo Terna ritiene indispensabili per lo sviluppo delle proprie attività, la qualità dei propri processi, la tutela dell ambiente, la salute e la sicurezza dei

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2013 2014 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2013 2014 2015 REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO SAN BIAGIO Distretto Scolastico Nº. 40 Tel 0544 464469, Fax 0544 465017 - indirizzo e-mail: ics.biagio@libero.it Via C. Cicognani, 8 - Ravenna. Sito Web: www.icbiagio.it

Dettagli

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012

COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 COMMUNICATION ON PROGRESS 2012 Questa Communication on Progress vuole descrivere sinteticamente come sono stati espressi dall Automatic Service Srl nel 2012 i Principi del Global Compact. L Automatic Service

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

IL WELFARE COME ELEMENTO STRATEGICO PER LA MOTIVAZIONE DEL LAVORATORE, DOUBLEYOU COME PARTNER PER GESTIRE IL WELFARE DELLA TUA AZIENDA

IL WELFARE COME ELEMENTO STRATEGICO PER LA MOTIVAZIONE DEL LAVORATORE, DOUBLEYOU COME PARTNER PER GESTIRE IL WELFARE DELLA TUA AZIENDA DoubleYou è il partner per le aziende che vedono il Welfare come una leva strategica per lo sviluppo delle Risorse Umane, Soluzioni innovative per aumentare motivazione, produttività e senso di appartenenza

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO

Agevolazioni. Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 BANDI NAZIONALI E REGIONALI NAZIONALI ABRUZZO Informativa agevolazioni del 25 gennaio 2013 Agevolazioni NAZIONALI ABRUZZO BANDI NAZIONALI E REGIONALI Bando per l internazionalizzazione, dal 25 ottobre 2012 è diventato operativo il Fondo Startup, nuovo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE 42024 CASTELNOVO DI SOTTO (REGGIO EMILIA)

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE 42024 CASTELNOVO DI SOTTO (REGGIO EMILIA) ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE 42024 CASTELNOVO DI SOTTO (REGGIO EMILIA) Via G. Marconi, 5 Tel/Fax 0522/682139 Cod. fisc. 80014250353 e-mail ic.castelnovosotto@tin.it

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

PRESTITO PERSONALE CONSUMATORI TASSO FISSO

PRESTITO PERSONALE CONSUMATORI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI PRESTITO PERSONALE CONSUMATORI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE ED AMMINISTRATIVA

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee PREMESSA Il Regolamento dell Associazione Idee descrive il disegno organizzativo e rappresenta sinteticamente il complesso delle attribuzioni

Dettagli

Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Piazza Galvani, 4 40124 Bologna Telefono: 051/6571111

Dettagli

Accordo di partnership professionale

Accordo di partnership professionale Accordo di partnership professionale Tra la Synthesis Consulting srl, con sede in Viale Trieste, 82 93017 San Cataldo (CL) tel. 0934/572444, nella persona del suo amministratore Dr. Giuseppe Lipani; e

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Piano di Sostenibilità Durante il 2012 è stato aggiornato il Piano di

Dettagli

Communication of Progress (CoP) 2011

Communication of Progress (CoP) 2011 Communication of Progress (CoP) 2011 Lantech Solution opera nel settore dellʼict (Information and Communication Technology), in particolare nella progettazione, sviluppo, implementazione e manutenzione

Dettagli