il contesto turistico siciliano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il contesto turistico siciliano"

Transcript

1 47

2

3 49 3. Il contesto turistico siciliano 3.1 I trend della domanda Nel 2006 i dati sul flusso totale degli esercizi ricettivi in Sicilia hanno registrato circa 14 milioni e 600 mila giornate di presenza, per un totale di 4,6 milioni di arrivi; la permanenza media è stata pari a 3,2 giornate. Rispetto all anno precedente, sia gli arrivi che le presenze sono cresciute di poco più del 6%, mentre è rimasta invariata la permanenza media. Un ruolo fondamentale nell aumento degli arrivi in Sicilia è stato svolto dalla scommessa di alcune compagnie low cost, come Myair, Airone e Ryanair, che hanno deciso di investire aumentando i voli da e per la Sicilia. Ciò ha favorito, contestualmente, la concorrenza e la competitività creando una drastica riduzione dei prezzi dei biglietti aerei, cosicché la Sicilia è diventata una delle destinazioni predilette, con oltre il 50% del mercato delle tratte nazionali. Grafico 21 Andamento degli arrivi in Sicilia: 2000/2006 L analisi relativa alla domanda straniera mostra che i maggiori fruitori della Sicilia sono i turisti europei: il 7,2% dei visitatori proviene dalla Francia, seguiti dalla Germania (6,5 %). Resta importante l incidenza delle provenienze extraeuropee, in particolare gli Stati Uniti che rappresentano il 4% degli arrivi complessivi degli stranieri. Affrontando l analisi delle tendenze di medio-lungo periodo (2000/2006), si rileva nel complesso una crescita sia degli arrivi che delle presenze. Analizzando i dati disaggregati, si osserva, tuttavia, un tasso di crescita degli arrivi (+15,3%) superiore al dato delle presenze (8,8%), ad indicare un pernottamento medio che, nel complesso, è diminuito. Occorre precisare che i dati vanno letti tenendo conto che nel periodo consi-

4 50 derato i flussi turistici verso la Sicilia e verso tutte le altre destinazioni in generale, sono stati influenzati dalle note vicende internazionali del 2001 che, ovunque, hanno rallentato i movimenti turistici. Ciò nondimeno a partire dal 2004 l evoluzione dei flussi è tornata ad aumentare, interrompendo il trend in contrazione del triennio 2001/2003. Grafico 22 I paesi di provenienza della componente estera (valori assoluti e %) Grafico 23 Andamento delle presenze in Sicilia:

5 51 Grafico 24 Andamento della permanenza media In termini di presenze, inoltre, nel 2006 si conferma il maggiore ruolo delle imprese alberghiere (85%) rispetto alle extralberghiere, che fanno registrare una quota del 15% dovuta principalmente al numero decisamente superiore di camere e posti letto disponibili nel comparto alberghiero. Grafico 25 Distribuzione delle presenze nelle strutture alberghiere ed extralberghiere

6 52 In termini di presenze, infine, si riscontra un incremento maggiore per la provincia di Trapani (18%), seguita dalle province di Enna e Siracusa, con una crescita, rispettivamente del 13% e del 12% rispetto al Sostanzialmente stabili Caltanissetta (1%) ed Agrigento (2%). Stagionalità Una caratteristica del turismo siciliano è quella di essere prevalentemente stagionale, determinando buoni indici di utilizzazione delle strutture nei mesi estivi, spesso associati alla chiusura delle stesse nei mesi invernali. Confrontando gli arrivi degli anni 2000 e 2006, si denota una maggiore affluenza nei mesi estivi. Nel corso del 2006, in particolare, gli arrivi si sono concentrati prevalentemente nella stagione estiva (50%) ed in primavera (29%); valori residuali, invece, per l inverno (9%) e l autunno (13%). Nel confronto 2000/2006 si accentua la tendenza alla stagionalità del turismo in Sicilia, a conferma che l isola viene ancora percepita come destinazione legata al turismo balneare, nonostante la presenza di attrattori ed attrattive fruibili, sostanzialmente, tutto l anno. Grafico 26 Distribuzione stagionale degli arrivi in Sicilia (confronto ) Nel 2005 rimane confermato il buon andamento del settore nelle principali regioni del Mezzogiorno: valutazione che trova peraltro riscontro nel rafforzamento del risultato per la Sicilia (con un saldo positivo di 942 milioni di euro) - dove l inversione di tendenza si era manifestata già dal la Calabria (+399) e la Puglia (+549). Le restanti regioni con saldo positivo, come si è detto, sono quelle del Mezil contesto turistico siciliano 3.2 L impatto economico del turismo

7 53 zogiorno, per le quali il risultato si spiega essenzialmente con la limitata propensione dei residenti al turismo fuori regione, anche in conseguenza delle diverse condizioni di sviluppo economico e quindi del diverso potere d acquisto. La distribuzione regionale della spesa turistica evidenzia alcune chiare differenze territoriali messe in luce dall incidenza dei consumi turistici in ciascuna regione sul totale dei consumi interni. Tra le regioni del Mezzogiorno, la Sicilia registra per il terzo anno consecutivo un aumento della quota (9,2%). Tabella 6 Spesa turistica anno Milioni di euro correnti Fonte: Elaborazione IRPET Per quanto attiene le regioni meridionali, il 2005 conferma il rafforzamento dell economia turistica rispetto al resto del sistema produttivo, con un peso del PIL turistico su quello totale regionale al di sopra della media nazionale, in Sardegna (7,1%), Abruzzo (5,9%), Calabria (5,2%). Resta invece basso, anche se lievemente in crescita, il peso del fenomeno in Basilicata e Molise (3,3% e 3,7% del PIL regionale): ciò dipende sicuramente dalla debolezza produttiva di queste aree, ma ancor di più dalla difficoltà ad affermare la propria capacità di attrazione sui principali mercati di domanda, soprattutto internazionali. Questo scenario, in termini di incidenza del valore aggiunto turistico regionale sul valore aggiunto complessivo di ciascuna regione, si traduce in quote superiori al 7% in 5 regioni (nell ordine: Trentino Alto Adige e Valle d Aosta rispettivamente con il 14% e 12,1%, Liguria 7,2%, Sardegna 7,1%, Toscana 7,1%), e inferiori alla media nazionale in ben 8 regioni, tra cui Lazio e Sicilia (4,7%), Campania (4,1%) e, in fondo alla graduatoria, Lombardia (3,1%) e Piemonte (2,4%). Prendendo in considerazione i differenti pattern di consumo dei turisti stranieri in vacanza in Italia attraverso la spesa giornaliera pro-capite per regione di destinazione, si nota che rispetto alla media italiana, che è rimasta sostanzialmente stabile (87 euro nel 2005), la Sicilia (47 euro) si trova negli ultimi posti della classifica, con contrazioni significative rispetto al 2004, trend che peraltro riguarda anche le restanti regioni del Sud, con eccezione della Campania e dell Abruzzo. Infine, con riferimento all occupazione, considerando nello specifico alberghi e motel senza ristorante (anno 2005), la Sicilia con occupati si colloca al 5 posto nella graduatoria nazionale. Negli agriturismi il numero più rilevante di lavoratori dipendenti si è registrato in Toscana: 67 su 168 unità occupate nel comparto; al secondo posto la Sicilia con 26

8 54 dipendenti e terzo il Lazio con 16 occupati. Nel Sud Italia sono stati rilevati dipendenti, pari al 23% del totale nazionale. 3.3 Il sistema dell accoglienza I dati relativi alla consistenza delle strutture ricettive evidenziano che la capacità ricettiva alberghiera caratterizza il panorama imprenditoriale dell ospitalità siciliana, con l 80% dei posti letto. È questo un dato diverso rispetto al mercato nazionale, che vede le formule comunemente definite complementari presentare un maggior numero di posti letto rispetto alla tradizionale hotellerie. Nella distribuzione degli esercizi alberghieri per categoria, alla fine del 2006, risulta una prevalenza degli alberghi a 3 stelle (40%) mentre, per le classificazioni superiori (4 e 5 stelle), si raggiunge una quota pari al 18%. Anche in termini di posti letto le strutture alberghiere di media categoria (tre stelle) presentano la quota maggiore (46%) rispetto alle classificazioni superiori (35%). Dando uno sguardo al trend del numero dei posti letto, dal 2003 al 2006, nel comparto alberghiero, si è registrato un netto aumento nelle categorie 4 stelle, a conferma che l offerta turistica alberghiera siciliana tende a spostarsi verso un servizio con standard più elevati. Buona anche la crescita nei 5 stelle; più lenta, invece, nelle strutture alberghiere a 3 stelle mentre nelle categorie inferiori si assiste ad una diminuzione degli stessi posti letto. In termini di numerosità delle strutture ricettive, tuttavia, la quota più ampia sul totale dell offerta è rappresentata dall extralberghiero (66%), ad indicare una più capillare distribuzione nel territorio. Il dato più rilevante si registra nella formula del Bed and Breakfast, nata in Sicilia con L.R. 32/Dic/2000, tipologia ricettiva piuttosto giovane ma che gode al 2006 di esercizi; si tratta di un numero straordinario se si pensa che nel 2001, dopo la loro comparsa nell Isola, erano appena 64. Buoni anche i risultati del comparto agrituristico che, dopo una partenza un po lenta, sembra adesso essersi radicato nel territorio, dove tra l altro trova facile allocazione considerando la natura prettamente agricola della Sicilia. Capacità ricettiva ridotta invece per case ferie, villaggi turistici, ostelli, e rifugi alpini. Il comparto extralberghiero, in fatto di posti letto, registra un incremento in tutte le tipologie ricettive, ad eccezione dei villaggi turistici e delle case ferie che subiscono un calo notevole. La crescita più elevata è da imputare ai Bed and Breakfast, seguita dalle case vacanze.

9 55 Tabella 7 Consistenza delle strutture ricettive per tipologia (2006) Le presenze alberghiere hanno determinato un tasso di occupazione lorda pari al 31,49%, sostanzialmente stabile rispetto all anno precedente. Analizzando il dato a livello di dettaglio provinciale, tuttavia, si rilevano tassi di occupazione superiori alla media regionale nelle province di Caltanissetta (34,40), Messina (36,22), Palermo (33,10) e Siracusa (34,75).

10 56 Tabella 8 Tasso di occupazione lordo dei posti letto alberghieri Profilo del turista In passato il turista veniva appagato dalla semplice visita ad una città d arte oppure da una vacanza di tipo balneare, senza il personale coinvolgimento con la gente e la cultura locale; oggi tende a riscoprire il suo valore di viaggiatore, attratto da una vacanza caratterizzata dalla fruizione di ambienti naturali e dalla conoscenza di nuove culture. Questa tendenza manifesta una propensione verso una diversa lettura del territorio, più profonda e capace di spingersi oltre la banale fruizione della vacanza che vede la Sicilia come destinazione balneare e/o culturale. Ciò comporta il profilarsi di diverse ed innovative forme di turismo che influenzano il profilo stesso di colui che sceglie la Sicilia come destinazione di viaggio. La Sicilia esercita su tale domanda una forza attrattiva che stenta a raggiungere i mercati internazionali in quanto le aree più interne dell isola sono meta privilegiata di un turismo domestico, con alte punte escursionistiche. Nel l isola ha registrato una distribuzione di flussi che vede una forte predominanza della componente nazionale, la quale ingloba in sé i flussi turistici interni, cioè quelli costituiti da turisti locali che si spostano fra le province siciliane, rappresentando la fetta più importante dell intero movimento turistico isolano. Per quel che riguarda gli stranieri, l isola è la meta privilegiata da francesi, tedeschi, inglesi, americani e spagnoli, che più degli altri fanno registrare consistenti flussi di domanda. In generale è possibile evidenziare alcune differenze tra i comportamenti dei turisti 4 Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti, Il turismo in Sicilia 2004/2005.

11 57 5 AAPIT Palermo, Costruire il sistema ospitale - I nuovi prodotti turistici - Le qualità dei servizi per l ospite, (a cura di SL&A) stranieri ed italiani. I turisti che soggiornano per un periodo più lungo sono quelli stranieri (3,31) rispetto agli italiani (3,14) ed ancor di più nei confronti dei siciliani, che prediligono vacanze di durata inferiore a tre giorni (2,76). Inoltre gli stranieri mostrano maggiore propensione ad effettuare il loro viaggio in Sicilia nelle stagioni intermedie. A marcare le differenze tra questi segmenti di domanda non sono le caratteristiche socio-demografiche del turista (età, sesso, professione) quanto piuttosto le caratteristiche principali del soggiorno e il loro modo di fare vacanza 5. È stato osservato che il turismo in Sicilia segue le tendenze di quello nazionale, in cui si delinea sempre più la richiesta di coloro che preferiscono una vacanza a diretto contatto con la natura e che alle forme tradizionali di alloggio sostituiscono quelle più innovative, come B&B ed agriturismo. Si tratta di tendenze ancora in atto che si sovrappongono a quelle già consolidate nell isola; all arte ed alla cultura, al mare ed agli itinerari classici si sovrappongono il turismo naturalistico, lo sport ed il turismo enogastronomico. Ognuna di queste tipologie di turismo, sia tradizionale che di nuova generazione, fa emergere dei profili di turista ben identificabili. Tra i turismi tradizionali, quello a cui la Sicilia deve la maggior parte dei flussi nazionali e stranieri è generato dal vasto patrimonio storico - culturale. La cultura generalmente attira turisti di età matura (dai 54 anni in su) che viaggiano in coppia, preferendo il soggiorno, intermediato dalle agenzie di viaggio o dai tour operator, presso strutture di tipo alberghiero. A questa tipologia di turismo si può associare quella relativa agli itinerari classici che si rivolge demograficamente allo stesso target di quello culturale, con una predominanza della componente straniera. L alloggio preferito è quello alberghiero, che solitamente si trova nelle città a più rinomata vocazione turistico-culturale, in cui si fermano una/due notti, per proseguire il classico tour della Sicilia. Tra tutti i prodotti questo è quello più organizzato, in cui il turista si muove solitamente in gruppo, avendo acquistato un pacchetto all inclusive presso un agenzia nel paese di provenienza. Il turista dei tour si mostra inoltre particolarmente attento all enogastronomia locale. Altro elemento di forte attrattività è il mare, che rappresenta uno dei motivi principali per la scelta di una vacanza in Sicilia. A differenza delle prime due tipologie, il turismo balneare è alimentato anche da una forte domanda interna, sebbene italiani e stranieri non disdegnino una vacanza di questo tipo in Sicilia, in ogni caso senza intermediazione. Vi sono però delle differenze nella scelta del periodo di soggiorno. I flussi nazionali, infatti, si concentrano di più ad agosto e settembre, quelli stranieri da aprile a luglio, comportando un ampliamento della stagione estiva. Il mare attualmente è un prodotto rivolto alle coppie giovani o alle famiglie. Le modalità di alloggio predilette sono costituite dai villaggi, dagli appartamenti in affitto, dai campeggi e dai residence, dove il soggiorno dura da un week-end ad una settimana. Tra i turismi più innovativi quello che incontra il favore della domanda italiana e siciliana è legato allo sport, che è destinato a diventare una delle motivazioni di vacanza trainanti. Il soggiorno di una vacanza sportiva dura mediamente da 4 a 7 notti, in alloggi posti a diretto contatto con la natura, come ostelli, rifugi ed agriturismi. Il prodotto sport non viene intermediato dai canali tradizionali, ma attraverso il pasil contesto turistico siciliano

12 58 saparola o i gruppi sociali e consente l istaurarsi di una certa fidelizzazione, in quanto il turista solitamente fa ritorno più volte in Sicilia. Riveste anche una certa importanza come attrazione, l enogastronomia che, da un lato, va ad integrare le altre tipologie di turismo, dall altro inizia a generare dei flussi propri, anche se in percentuali ridotte. Per esempio nella provincia di Palermo soltanto il 4% dei turisti pone alla base della sua scelta l enogastronomia. I turisti buongustai si fermano per un soggiorno che va da 4 a 7 notti, hanno in media più di quarant anni e si muovono in coppia. È un tipo di turismo auto-organizzato che usufruisce dell intermediazione delle agenzie per l acquisto dei singoli servizi e privilegia, come tipologia di alloggio, l albergo ed i residence. Presenta le stesse caratteristiche il turista che fa della natura la sua motivazione di viaggio, che sembra essere decisamente legata alle inimitabili e irriproducibili bellezze paesaggistiche e naturali offerte dal territorio. Una particolare tipologia di turisti è poi quella che possiamo definire di rientro, ovvero rappresentata da tutti quegli emigrati, che ritornano ogni anno in Sicilia, per visitare parenti e/o amici, ricercare le proprie radici o ritornare ai luoghi natali. Solitamente questi turisti sono ospitati da qualche familiare o preferiscono alloggiare in appartamenti privati adibiti ad uso turistico. L intermediazione di questi alloggi passa attraverso due canali distributivi innovativi: la vendita attraverso il web e quella effettuata attraverso gli intermediari atipici nel turismo, quali le agenzie immobiliari, in grado di generare, sostenere e sviluppare il turismo negli appartamenti. Oltre ad occuparsi di locazioni brevi e stagionali, queste offrono tra l altro ulteriori servizi utili al miglioramento delle proprie offerte turistiche. Le nuove tendenze della domanda turistica sono riscontrabili al momento solo tra coloro che scelgono la Val D Anapo come destinazione di viaggio. Attraverso la ricerca Es.T.Rel. 6, è emerso che non solo la maggior parte dei turisti, campione di indagine, organizza la propria vacanza tramite internet - privilegiando in tal modo il canale diretto rispetto a quelli tradizionali - ma preferisce anche alloggiare in strutture extralberghiere più innovative. Il 55% dei turisti, infatti, si distribuisce tra ospitalità presso conoscenti (sia parenti che amici), e Bed & Breakfast che, con una percentuale maggiore rispetto alla prima, consente al turista di istaurare un rapporto diretto ed amichevole con il proprietario della struttura. Ciò è dimostrato dal fatto che circa il 50% degli intervistati dichiara di conoscere il nome dell albergatore. La durata del soggiorno, da 2 a 4 notti, evidenzia la presenza di un turismo di breve durata, andando dal week-end a qualche giorno in più. Si tratta per il 50% di turisti che non hanno mai soggiornato prima nella Val D Anapo e che manifestano tuttavia una chiara volontà di farvi ritorno perché soddisfatti del loro soggiorno. 6 Purpura A., Ruggieri G., Naselli F., (2007), La componente relazionale nell analisi sistemica del turismo, Palumbo Editore.

13 59 Grafico 27 Il turista della Val D Anapo Fonte: Indagine ESTREL SWOT Analisys La seguente SWOT Analisys funge da supporto alle scelte strategiche per l incentivazione e la realizzazione del turismo relazionale nella regione siciliana. Con tale approccio saranno messi in risalto gli elementi in grado di favorire o ostacolare il raggiungimento di tale obiettivo; pertanto non sono stati presi in considerazione elementi che non sarebbero stati coerenti con il presente piano di marketing. L analisi effettuata e sintetizzata nello schema che segue, mette in luce 5 punti per ognuno degli aspetti di cui si compone. Figura 2 SWOT analisys Sicilia

14 60 L analisi è caratterizzata da due tipologie di fattori endogeni (punti di forza e di debolezza) e da due esogeni (opportunità e minacce). I primi sono più facilmente modificabili; i secondi sono invece da gestire in quanto provenienti dal contesto esterno. Le aree interne della Sicilia possono contare sulla presenza di numerose strutture ricettive medio-piccole, diffuse in tutta l area, che si presentano inserite nel contesto territoriale nel pieno rispetto ambientale. La tipicità delle strutture e degli arredi degli alloggi rende i B&B e gli agriturismi soprattutto espressione di quella cultura locale che in genere è assente dalle strutture di tipo alberghiero. Tra le altre modalità di alloggio rientrano le case di privati, concesse in affitto a turisti per mezzo delle agenzie immobiliari. Questa tipologia di alloggio alternativa è un punto di forza per la relazionalità della Sicilia in quanto i turisti, soggiornando in appartamenti, si inseriscono appieno nella vita della comunità locale. Anche questa si presta bene alla realizzazione di un tipo di turismo relazionale, in quanto per sua natura si mostra cordiale e tende ad assumere atteggiamenti di familiarità nei confronti dei turisti. Nelle strutture ricettive presenti, tale atteggiamento è tipico del personale che vi lavora e che sopperisce ad una bassa qualificazione. Un altro punto di forza che l isola può vantare è legato alla persistenza di piccole botteghe artigianali, in cui i prodotti vengono rifiniti e realizzati seguendo le tecniche tramandate da padre in figlio. A caratterizzare positivamente le aree interne, contribuisce anche la presenza di un vasto patrimonio edilizio, sia urbano che rurale, che - opportunamente restaurato - potrebbe essere idoneo all uso per fini turistici. Tra gli aspetti sfavorevoli alla relazionalità nell isola, rientra l accentuato individualismo esistente tra le imprese. Esse generalmente non solo non collaborano tra loro, se non sporadicamente, ma mancano anche di fiducia nei confronti di qualsiasi altro soggetto, sia pubblico che privato. A questo si associa la scarsa competenza e conoscenza del sistema turistico locale da parte degli attori direttamente coinvolti nello sviluppo economico dell isola, che si mostrano poco attenti alle tendenze della domanda turistica preferendo promuovere forme di turismo tradizionali. Ciò ha come inevitabile conseguenza la persistenza nell isola di prodotti e servizi turistici poco innovativi, che si preoccupano di soddisfare le esigenze di tipologie di turismo che tendono ad essere superate. Un altro punto di debolezza è riscontrabile nella presenza di una domanda turistica scarsamente fidelizzata, che difficilmente torna più volte a visitare l isola. Un ultimo aspetto negativo è identificato nella mancanza di un adeguata segnaletica stradale, che impedisce al turista di muoversi in maniera indipendente ed autonoma, inserito tra la popolazione dell isola. Il crescente sviluppo delle tecnologie dell informazione, consentendo al prodotto Sicilia una commercializzazione più rapida, meno costosa e più diretta, è una delle opportunità che gioca a favore del turismo relazionale nell isola a discapito dei pacchetti pre-costruiti di cui per troppo tempo è stata oggetto. Altra opportunità da sfruttare è quella relativa alla presenza nell isola di alcuni siti UNESCO, che le conferiscono una popolarità a livello internazionale e mondiale a cui si accosta una posizione centrale nel bacino mediterraneo, facilmente collegabile con le altre regioni bagnate dallo stesso mare. Ulteriore opportunità da non sottovalutare è relativa alla presenza di numerosi fondi economici, anche comunitari, che sono volti

15 61 alla Sicilia ed in particolare al suo sviluppo turistico. A quest ultimo potrebbe senza dubbio dare un contributo positivo la presenza di una ben radicata tradizione enogastronomica che, se per il momento funge da valore aggiunto ad ogni tipologia di turismo presente nell isola, potrebbe essere organizzata a sistema in modo da generare dei flussi turistici autonomi. Un ulteriore elemento su cui la Sicilia dovrebbe far leva per lo sviluppo del turismo è determinato dalle tendenze generali della domanda turistica, sempre più indirizzate verso un tipo di vacanza insolita e personalizzata, in cui la componente relazionale assume un ruolo fondamentale nel processo decisionale. La prima minaccia è sicuramente costituita dalla concorrenza, rappresentata da tutti quei paesi che si affacciano sul Mediterraneo e che, con politiche più attente, sono in grado di generare un offerta più competitiva in termini di qualità e di prezzo. Altro problema è connesso alla distribuzione dei flussi nell isola sia dal punto di vista spaziale che temporale. La Sicilia presenta lungo le coste e nelle isole minori un alta concentrazione di arrivi e presenze rispetto alle aree interne e vede concentrare i flussi in entrata in un arco di tempo limitato, che raggiunge l apice nel mese di agosto. Ciò comporta un impatto ambientale non indifferente, soprattutto in quelle località ad alta vocazione turistica che finiscono con il coincidere nell immaginario collettivo dei turisti nazionali e stranieri con l isola stessa. A tutto ciò si accompagna la riduzione della durata del soggiorno delle tipologie di turismo tradizionali, a causa di una ridotta disponibilità di tempo libero da parte degli individui che preferiscono soggiorni più frequenti ma anche più brevi. Un ultima minaccia è rappresentata da una mancata organizzazione sistemica, che fa percepire il prodotto Sicilia come un insieme di beni e servizi a sé stanti, che vanno a costituire un offerta frammentata in cui le politiche e le programmazioni sono rivolte al perseguimento di obiettivi individuali, a discapito di una gestione sistemica del territorio e delle sue potenzialità.

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%)

Nel 2010 si è assistito ad una decisa ripresa dei flussi turistici (arrivi +6,7%) Il monitoraggio dei dati per la formulazione dell offerta turistica regionale a cura dell Osservatorio turistico Dipartimento regionale turismo, sport e spettacolo 1. Lo scenario e le macrodinamiche Nel

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

Il turismo in Puglia nel 2011

Il turismo in Puglia nel 2011 Il turismo in Puglia nel 2011 Key words Internazionalizzazione Consolidamento Innovazione A cura di: Osservatorio del Turismo della Regione Puglia PUGLIA 2011: INTERNAZIONALIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO La

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 7 bollettino mensile Luglio 2009 Agosto 2009 A cura di Storia

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO ECONOMICO REGIONALE IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA STAGIONE ESTIVA 2006 IN BASILICATA OTTOBRE 2006 UNA STAGIONE ESTIVA ALL INSEGNA

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 18 febbraio 2009 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 20 febbraio 2008 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno 2007 L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel 2007. Le informazioni provengono

Dettagli

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Per comprendere cosa succederà in queste imminenti festività natalizie, in particolare nel periodo tra metà

Dettagli

2008 OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA

2008 OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA Luglio 2008 2008 OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA Via Cino da Pistoia 20 09128 Cagliari Tel. +39.070.482566 Fax +39.070.4560204 E-mail info@sardegnastatistiche.it Internet www.sardegnastatistiche.it

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 19 febbraio 2007 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno 2006 L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel 2006. Le informazioni provengono

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

il contesto turistico maltese

il contesto turistico maltese 29 31 2. Il contesto turistico maltese 2.1 I trend della domanda Dopo aver attraversato un ciclo economico quarantennale, tra periodi di forte crescita e periodi di crisi, il settore turistico è divenuto

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori.

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori. !! " 1 L indagine nazionale 2008, sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane rappresenta il proseguimento del percorso di analisi avviato

Dettagli

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO 13 febbraio 2013 Anno 2012 VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO Nel 2012 i viaggi con pernottamento effettuati in Italia e all estero dai residenti sono stati 78 milioni e 703 mila. Rispetto all anno

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni e elaborazioni Istat.

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 17 febbraio 2010 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE TURISMO E IMPRESE TURISTICHE 1 Alcune definizioni secondo le statistiche internazionali Escursionisti (same day visitors) Turisti (da minimo una notte a massimo un anno lontano dal luogo usuale dove vivono)

Dettagli

Il turismo in Trentino nell estate 2014

Il turismo in Trentino nell estate 2014 Il turismo in Trentino nell estate 2014 dicembre 2014 Il Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche nella stagione estiva 2014,

Dettagli

IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005

IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005 CENTRO STUDI UNIONCAMERE BASILICATA OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA BASILICATA IL CONSUNTIVO DELLA STAGIONE ESTIVA 2005 IN BASILICATA OTTOBRE 2005 ANCORA UN ESTATE DELUDENTE PER IL TURISMO ITALIANO In base

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

Indagine sulla domanda turistica nella Provincia di Viterbo. Anno 2004

Indagine sulla domanda turistica nella Provincia di Viterbo. Anno 2004 Provincia di Viterbo Indagine sulla domanda turistica nella Provincia di Viterbo Anno 2004 Sintesi dell indagine INDAGINE SULLA DOMANDA TURISTICA NELLA PROVINCIA DI VITERBO ANNO 2004 A cura dell A.NA.STAT.

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO 12 febbraio 2014 Anno 2013 VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO Nel 2013, i residenti in Italia hanno effettuato 63 milioni e 154 mila viaggi con pernottamento, contro i 78 milioni e 703 mila dell anno

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - BASILICATA CONGIUNTURA 1/2014 IL CONSUNTIVO DEL TURISMO LUCANO NEL 2013 * ם IL QUADRO GENERALE ANCORA UN BILANCIO SFAVOREVOLE PER IL TURISMO ITALIANO Il crollo dei

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI

PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI (Analisi dei flussi complessivi di viaggiatori da e per la Provincia di Foggia con particolare riguardo alla domanda di trasporto aereo)

Dettagli

Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica

Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica Ricerca di marketing sull attrattività turistica della Sicilia Presentazione dei risultati della ricerca Palermo, 11 luglio 2014 Obiettivi

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Camera di Commercio di Grosseto. COAP - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Grosseto

Gruppo di Lavoro. Camera di Commercio di Grosseto. COAP - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Grosseto Dicembre 2008 Il presente Rapporto di analisi è stato curato da: COAP, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Grosseto Istituto Guglielmo Tagliacarte di Roma, Fondazione dell Unione delle Camere

Dettagli

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre

INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi di marzo, luglio, ottobre Amministrazione Provinciale di Firenze Dipartimento Sviluppo Economico e Turismo INDAGINE SUL PUBBLICO DELL UFFICIO TURISTICO DI VIA CAVOUR Sondaggio realizzato con tre successive rilevazioni nei mesi

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari Il presente studio intende fornire uno strumento di valutazione sulla soddisfazione dei clienti degli stabilimenti balneari

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006 I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI Claudio Cipollini Direttore Generale Retecamere (Unioncamere) 24 Novembre 26 IL PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

INDICE: 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia. Contatti

INDICE: 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia. Contatti SERBIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2013 INDICE: 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 Misurare in tempo reale la competitività della destinazione Puglia e monitorare le variazioni quali/quantitative dei flussi turistici

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

ALGERIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

ALGERIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 ALGERIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 Algeria 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2.

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

La spesa turistica in provincia di Trento nel 2013: un analisi per stagione *

La spesa turistica in provincia di Trento nel 2013: un analisi per stagione * Ottobre 2014 La spesa turistica in provincia di Trento nel 2013: un analisi per stagione * La presente pubblicazione, elaborata dal Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento, si propone di

Dettagli

Il mercato del turismo montano

Il mercato del turismo montano Gennaio 2012 A cura di Sommario Le dimamiche del turismo montano... 3 1. I numeri del turismo montano: la capacità ricettiva ed i flussi turistici... 8 2. Il turismo montano secondo le imprese ricettive...

Dettagli

Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo

Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo beta Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo [pag. 2] Perché scegliere VisitItaly [pag. 3] Il pacchetto promozionale VisitItaly [pag. 5] Newsletter [pag.

Dettagli

ANALISI DEI PRODOTTI TURISTICI DEL TERRITORIO

ANALISI DEI PRODOTTI TURISTICI DEL TERRITORIO Osservatorio turistico della provincia di Taranto ANALISI DEI PRODOTTI TURISTICI DEL TERRITORIO marzo 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Puglia Versione:

Dettagli

1.3 Le principali dinamiche del mercato turistico

1.3 Le principali dinamiche del mercato turistico 1.3 Le principali dinamiche del mercato turistico Il presente paragrafo contiene un analisi delle principali caratteristiche quantitative e qualitative dell industria dell ospitalità degli otto comuni

Dettagli

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere

*la voce Altri Complementari comprende: Villaggi Turistici, Ostelli, Case per Ferie, Case per Vacanza, Affittacamere 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITÀ NELLA PROVINCIA DI RIMINI Complessivamente è costituito da un offerta di 2.565 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1. IL SISTEMA DELL OSPITALITA NELLA PROVINCIA DI RIMINI E costituito da un offerta di 2.699 strutture 1 con caratteristiche di impresa e di oltre 13.000 abitazioni private ad uso turistico 2, ormai un

Dettagli

APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO

APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO ATTIVITÀ DI SUPPORTO AL PERCORSO PER L ADOZIONE DEL PIANO STRATEGICO E DEL PROGRAMMA TRIENNALE CONFRONTO CON LE PARTI SOCIALI OTTOBRE, 2014 COSA E SENSI CONTEMPORANEI? FRONTE

Dettagli

La L.R. disciplina le strutture ricettive extralberghiere:

La L.R. disciplina le strutture ricettive extralberghiere: Operazione cofinanziata dall'unione Europea, Feaog-Orientamento, nell'ambito dell'attuazione del P.C.I. Leader+, P.S.L. Maiella Verde - Asse 1, Misura 1.3, Azione 1.3.1" - Progetto cod. GAL n. 138 Intervento

Dettagli

PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI

PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI L ESTATE 2013 DEI TEDESCHI Panorama Turismo Mare Italia è il centro ricerca specializzato sul turismo balneare di JFC INDICE

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2013 1 RAPPORTO 2013

OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2013 1 RAPPORTO 2013 OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2013 1 RAPPORTO 2013 Luglio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica Russia: alcuni dati statistici CAPITALE Mo sca SUPERFICIE (kmq) 17 075 200 POPOLAZIONE 143 500 000 P.I.L. 600 miliardi USD TASSO DI INFLAZIONE 11,7 MONETA

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE per Osservatorio Nazionale del turismo INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE Maggio 2008 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente: Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE QUADRO A L.R. n. 33/2002. Richiesta di classificazione di esercizio di casa per ferie. l sottoscritt in qualità di dell ente / associazione / soc. coop. / società proprietario / locatario della struttura

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari a cura di SOMMARIO Premessa...3 1. L universo dei vacanzieri che usufruiscono degli stabilimenti balneari...4 2. L identikit del fruitore

Dettagli

LE FUNZIONI DEI FORNITORI DI SERVIZI TURISTICI

LE FUNZIONI DEI FORNITORI DI SERVIZI TURISTICI LE FUNZIONI DEI FORNITORI DI SERVIZI TURISTICI Imprese ricettive agenzie dettaglianti tour operator Mario Grasso 1 Le strutture ricettive Gli alberghi - Le residenze turistico-alberghiere I motel - I villaggi

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2012 2012 Osservatorio sul turismo giovanile 1/90 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2012 Sommario 1 Premessa... 3 1.1 La metodologia adottata... 3 2 Il mercato delle famiglie

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

10 Turismo. Introduzione

10 Turismo. Introduzione 0 Turismo 2 Introduzione 3 Panorama 3 Il settore turistico ticinese 3 Evoluzioni recenti della domanda nel settore turistico 4 La domanda alberghiera per provenienza degli ospiti 5 La domanda alberghiera

Dettagli

Report a cura di ISCOM GROUP

Report a cura di ISCOM GROUP Report a cura di ISCOM GROUP Marzo 2011 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2011 Sommario 1 Premessa... 3 1.1 La metodologia adottata... 3 2 Il mercato delle famiglie che viaggiano con i bambini... 6 2.1

Dettagli

Direzione del Rapporto: Fabio Piacenti. Gruppo di ricerca:

Direzione del Rapporto: Fabio Piacenti. Gruppo di ricerca: Direzione del Rapporto: Fabio Piacenti Gruppo di ricerca: Daniela De Francesco Valentina Piacentini Luca Rondini Matteo Valido Viviana Vassura Chiara Vultaggio 2 Indice Introduzione Pag. 4 Sezione I Analisi

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG44U ATTIVITÀ 55.10.00 ALBERGHI ATTIVITÀ 55.20.51 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE, BED AND BREAKFAST, RESIDENCE ATTIVITÀ 55.90.20 ALLOGGI PER STUDENTI

Dettagli

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: UNIONCAMERE

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione.

Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione. Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione. 1 Il Patrimonio culturale statale Alcuni dati di riferimento delle dimensioni del Patrimonio culturale del MiBac¹. 37.355.538

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

Unioncamere Basilicata L OFFERTA TURISTICA LUCANA E L INTERMEDIAZIONE ORGANIZZATA

Unioncamere Basilicata L OFFERTA TURISTICA LUCANA E L INTERMEDIAZIONE ORGANIZZATA Unioncamere Basilicata L OFFERTA TURISTICA LUCANA E L INTERMEDIAZIONE ORGANIZZATA Luglio 2002 2 Il rapporto è stato curato dal Centro Studi Unioncamere Basilicata (coordinatore Franco Bitetti) in collaborazione

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli