Situazione economica internazionale Situazione economica Lazio... 4 PIL Regional Competitiveness Index Mercato del Lavoro...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro..."

Transcript

1 Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni Il credito alle imprese Consumi Ricerca e attrattività Commercio estero Conclusioni

2 Situazione economica internazionale La situazione economica mondiale è in costante miglioramento, ma le prospettive per l Italia restano ancora orientate alla contrazione dell attività economica. L OCSE nell Interim Forecast del 3 settembre ha stimato una contrazione dell 1,8% per il PIL italiano nel 2013, l Italia sarebbe l unico Paese del G7 a sperimentare una crescita negativa nell anno in corso. Variazione annua del PIL in % * Italia -2,4-1,8 Francia 0,0 +0,3 Germania +0,9 +0,7 UK +0,2 +1,5 Giappone +2,0 +1,6 USA +2,8 +1,7 Canada +1,7 +2,0 *stime Fonte OECD Interim Forecast settembre 2013 Nel II trimestre 2013 in base ai dati Eurostat il PIL italiano è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente a fronte di una crescita dello 0,3% dell Area Euro. Si tratta dell ottavo trimestre consecutivo di contrazione del PIL (record dall inizio delle serie storiche). Variazione congiunturale PIL trimestrale Paese Q3 Q4 Q1 Q2 Italia -0,3-0,9-0,6-0,2 Francia +0,2-0,2-0,2 +0,5 Germania +0,2-0,5 0,0 +0,7 Spagna -0,4-0,8-0,4-0,1 Area Euro (17) -0,1-0,5-0,2 +0,3 UK +0,7-0,2 +0,3 +0,7 UE 27 +0,1-0,4-0,1 +0,4 USA +0,7 0,0 +0,3 +0,6 Fonte: Eurostat 2

3 Non si tratta di un elemento di novità, purtroppo sono molti anni che l Italia presenta tassi di crescita dell economia costantemente inferiori rispetto a quello degli altri Paesi Avanzati. Variazione del PIL Il confronto con i Paesi Emergenti è impietoso. Nel 1992 il PIL italiano era il 5,2% del PIL mondiale, un valore superiore al PIL di India Cina e Brasile insieme, nel 2013 secondo i dati del Fondo Monetario Internazionale (FMI) il PIL italiano sarà il 2,8% del PIL mondiale mentre quello di India Cina e Brasile il 18,1%. Le proiezioni al 2018 del FMI indicano il PIL italiano al 2,3% del PIL mondiale, quello di India Cina e Brasile superiore al PIL degli Usa con una quota del 21,8%. Quota sul PIL mondiale 3

4 Situazione economica del Lazio PIL Il PIL a valori correnti della regione Lazio (ultimo dato ufficiale Istat al 2011) è di 169,3 miliardi di euro, un valore pari al 10,7% del totale italiano. Il Lazio è la seconda regione italiana per PIL (dopo la Lombardia) e ha un valore del PIL paragonabile o superiore a quello di molti Stati europei. Prodotto Interno Lordo (milioni di euro, valori correnti) Anno 2011 (stime) Regione Lazio Italia Fonte: elaborazione su dati Istat PIL (milioni di euro) % su PIL Italia 10,7% 100,0% Numeri indice (2000=100) del PIL (valori concatenati, anno di riferimento 2005) * stime. Fonte: Elaborazioni su dati Istat, OCSE, Prometeia 4

5 Il PIL della regione Lazio è cresciuto ad un ritmo superiore alla media nazionale fino al 2007 quando rispetto al 2000 era aumentato del 15% (contro il +9% registrato a livello nazionale). A partire dal 2008, sotto l effetto della crisi economica, il PIL ha registrato una contrazione sia a livello regionale che nazionale, la dinamica del PIL del Lazio ha ricalcato quella del PIL nazionale registrando un calo nel 2009 per risalire di poco nel 2010 e mantenersi sugli stessi livelli nel Le stime per il 2012 e 2013 prevedono una nuova dinamica decrescente dovuta al riacutizzarsi della crisi economica. A fine 2013 il calo del PIL rispetto al 2007 dovrebbe attestarsi tra l 8% e il 9%, in linea con la media nazionale. Numeri indice (2007=100) del PIL (valori concatenati, anno di riferimento ento 2005) * stime. Fonte: Elaborazioni su dati Istat, OCSE, Prometeia 5

6 Regional Competitiveness Index Nell EU Regional Competitiveness Index 2013 (RCI 2013) della Commissione Europea la regione Lazio è scesa al 143 posto (era 133esima nel 2010) nella classifica di competitività tra le 262 regioni europee analizzate. L Italia non ha nessuna regione tra le prime 100 per competitività (nel 2010 c era solo la Lombardia). Classifica prime 10 europee: Classifica prime 5 italiane 1) NL: Utrecht 128) Lombardia 2) UK: Area di Londra 141) Emilia Romagna 3) UK: Berkshire, Buckinghamshire e Oxfordshire 143) Lazio 4) SE: Regione di Stoccolma 145) Provincia di Trento 5) UK: Surrey, East and West Sussex 146) Liguria 6) NL: Regione di Amsterdam 8) FR: Regione di Parigi (Ile de France) 9) DK: Regione di Copenhagen 10) NL: Zuid Holland Per il Lazio in particolare pesano le brutte performances in: Educazione terziaria (163esima) Efficienza mercato del lavoro (183esima) Preparazione tecnologica (205esima*) Istituzioni (239esima* include corruzione e qualità dei servizi pubblici) *classifica al netto dell effetto country sub pillar 6

7 Mercato del lavoro I dati sul mercato del lavoro diffusi dall Istat fotografano per il II trimestre 2013 ancora una situazione molto difficile sia in Italia sia nella regione Lazio. I disoccupati nel Lazio sono oltre 300mila (311mila) in aumento di 60mila unità rispetto al II trimestre 2012 e il tasso di disoccupazione si attesta al 12,3%. Gli occupati diminuiscono rispetto al II trimestre 2012 di 74mila unità, il tasso di occupazione scende al 57,2%. In base ai dati dei primi due trimestri, il 2013 mostra un mercato del lavoro in netto peggioramento rispetto al 2012 che già era stato un anno molto difficile, le persone in cerca di occupazione avevano raggiunto le 271mila unità, 120mila in più rispetto alle 151mila del Il tasso di disoccupazione aveva raggiunto il 10,8% nel Lazio rispetto al 6,4% del Tasso di attività, tasso di occupazione, tasso di disoccupazione totale, giovanile e femminile (%). II trim * dati 2012 Fonte: elaborazione su dati Istat Forze lavoro, occupati e disoccupati (in migliaia) Regione Lazio Anno Forze In cerca di Occupati Lavoro occupazione Forze Lavoro II trim I trim II trim Fonte: elaborazione su dati Istat Italia Occupati In cerca di occupazione

8 Tassi di attività, occupazione e disoccupazione (%) Regione Lazio Anno Tasso di attività Tasso di occupazione Tasso di disoccup. Disocc. giovanile 15-24anni ,6 58,5 7,9 27, ,3 58,4 7,7 26, ,2 59,3 7,5 25, ,8 59,7 6,4 24, ,1 60,2 7,5 26, ,0 59,4 8,5 30, ,3 59,2 9,3 31, ,6 58,8 8,9 33, ,7 58,6 10,8 40,0 I trim ,6 57,3 12,4 II trim ,3 57,2 12,3 Fonte: elaborazione su dati Istat Tassi di attività, occupazione e disoccupazione (%) Italia Anno Tasso di attività Tasso di occupazione Tasso di disoccup. Disocc. giovanile 15-24anni ,5 57,4 8,0 23, ,4 57,5 7,7 24, ,7 58,4 6,8 21, ,5 58,7 6,1 20, ,0 58,7 6,7 21, ,4 57,5 7,8 25, ,2 56,9 8,4 27, ,2 56,9 8,4 29, ,7 56,8 10,7 35,3 I trim ,8 55,5 12,8 41,9 II trim ,4 55,7 12,0 37,3 Fonte: elaborazione su dati Istat 8

9 Tasso di occupazione (%) Fonte: elaborazione su dati Istat Tasso di disoccupazione (%) Fonte: elaborazione su dati Istat Tasso di disoccupazione giovanile (%) Fonte: elaborazione su dati Istat 9

10 Cassa Integrazione Guadagni Nel 2012 nella regione Lazio sono state autorizzate quasi 86 milioni di ore di cassa integrazione guadagni (pari al 7,9% del totale ore di CIG autorizzate in Italia). Rispetto all anno precedente il numero di ore autorizzate è aumentato del 23,8%, più della media nazionale (+12,1%). Il numero di ore autorizzate è aumentato costantemente a partire dal 2008 per effetto della crisi economica. Nel 2012 il numero di ore di CIG autorizzate nel Lazio è aumentato del 466% rispetto al Si tratta di un incremento superiore a quello, già di per sé elevato, registrato a livello nazionale (+379%). Tra gennaio e luglio 2013 il numero di ore di cassa integrazione autorizzate è diminuito rispetto ai livelli record del 2012, ( 18,4% rispetto a gennaio luglio 2012) a fronte di una contrazione dell 1,7% registrato in Italia. I livelli rispetto ai valori pre crisi restano comunque molto più alti (+445,2% nel Lazio rispetto a gennaio luglio 2008). Variazione % ore di CIG totale autorizzate nel Lazio e in Italia Fonte: elaborazioni su dati Inps Ore di Cassa integrazione guadagni autorizzate nella regione Lazio (migliaia di ore) Lazio Italia % Lazio/Italia gen.-lug gen.-lug Fonte: elaborazioni su dati Inps ,9% 9,7% 7,4% 6,7% 6,0% 5,7% 7,1% 7,9% 8,3% 6,9% 10

11 Il sistema del credito Una delle principali cause della contrazione dell attività economica è sicuramente la contrazione del credito soprattutto verso le imprese. In Italia tra novembre 2011 e giugno 2013 gli impieghi vivi alle imprese si sono ridotti di circa 110 miliardi di euro ( 11,7%). Prestiti vivi al settore produttivo. Italia Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia Anche nel Lazio il credit crunch è stato molto forte, e superiore alla contrazione media italiana. Gli impieghi vivi alle imprese sono passati da 109 miliardi di euro di novembre 2011 ai 90,5 miliardi di euro di giugno 2013 con una contrazione del 17% 1. Prestiti vivi al settore produttivo. o. Lazio Fonte: elaborazioni su dati Banca d Italia Inoltre nel Lazio il numero di imprese registrate, al contrario che in Italia, è aumentato costantemente anche negli ultimi anni rendendo ancora più significativa la contrazione degli impieghi. 1 La contrazione dei prestiti vivi è riconducibile anche in parte all aumento delle sofferenze. 11

12 Fonte: elaborazioni su dati Infocamere Consumi Le difficoltà del mercato del lavoro si ripercuotono inevitabilmente sulla capacità di spesa delle famiglie. Secondo le stime di Prometeia, nel 2012 il reddito disponibile lordo pro capite è diminuito nel Lazio, di oltre il 5% in termini reali, generando una contrazione della spesa per consumi delle famiglie di circa il 4%. Secondo l Osservatorio Findomestic nel 2012 la spesa delle famiglie per l acquisto dei beni durevoli nel Lazio si è ridotta del 13% ( 4,4% nel 2011). Ricerca-attrattività L Italia è stato uno dei Paesi europei più colpito dalla crisi anche in funzione di un ritardo nell attività innovativa legato a una minore spesa in ricerca e sviluppo (R&S) e all ancora contenuta collaborazione tra il sistema della ricerca pubblica e quello privato. Il confronto tra 190 regioni europee, predisposto dalla Commissione europea, evidenzia che nessuna regione italiana rientra tra i 41 leader innovativi europei, che includono le aree con le principali capitali; 12 delle 16 regioni della Germania; diverse regioni della Svizzera, Danimarca, Finlandia e Svezia. In base alle singole componenti, la performance innovativa del Lazio risulta elevata relativamente alla spesa pubblica in R&S (1,1% del PIL regionale). Rimangono invece ampiamente inferiori alle performance europee e delle maggiori regioni del Nord Italia: la spesa privata in R&S (0,6% del PIL nel 2011); la collaborazione pubblico privato e la diffusione di spin off della ricerca. Nel Lazio è molto rilevante l incidenza degli investimenti diretti verso l estero (55 % del PIL regionale), ampiamente superiore all incidenza degli investimenti esteri nel Lazio (meno del 30%del PIL). Il saldo negativo degli IDE nel Lazio è il più elevato tra le regioni italiane, evidenziando potenziali difficoltà nell attrarre investimenti esteri in proporzione alla rilevanza economica della regione. 12

13 Commercio Estero Bilancia commerciale della regione Lazio (milioni euro) Esportazioni Importazioni Saldo Fonte: elaborazioni su dati Istat Var. % 2012/ ,1% 12,4% Nel 2012 la regione Lazio ha esportato merci per quasi 18miliardi di euro, in aumento del 5,1% rispetto al valore del Le importazioni sono state di 29,5 miliardi di euro in contrazione del 12,4% rispetto al Il saldo della bilancia commerciale migliora, ma rimane negativo per oltre 11 miliardi di euro. REGIONE LAZIO - Interscambio commerciale in valore (milioni di Euro) Fonte: elaborazioni su dati Istat Incidenza % sul totale nazionale delle esportazioni e delle importazioni della regione Lazio L export laziale del 2012 ha rappresentato il 4,6% di quello nazionale, in aumento rispetto agli anni precedenti, ma ancora poco per una regione che genera il 10,7% del PIL nazionale. L import laziale ha rappresentato il 7,8% di quello nazionale. Fonte: elaborazioni su dati Istat 2 Tutti i dati 2012 sono dati rettificati e non ancora definitivi. 13

14 Variazione % delle esportazioni regionali e nazionali Fonte: elaborazioni su dati Istat Dopo la riduzione registrata nel 2009 le esportazioni del Lazio, così come quelle italiane, hanno ripreso ad aumentare registrando un segno positivo nei tre anni successivi. Il tasso di crescita delle esportazioni laziali, anche se in diminuzione, è stato costantemente superiore alla media nazionale negli ultimi 3 anni. Nei primi tre mesi del 2013 l export laziale è aumentato del 2,4% a fronte di una riduzione dello 0,7% registrato a livello nazionale. La principale specializzazione delle esportazioni laziali è rappresentata dagli articoli farmaceutici, chimico medicinali medicinali e botanici che rappresentano con 6,2 miliardi di euro il 34,7% delle esportazioni complessive della regione Lazio. A seguire ci sono le sostanze e i prodotti chimici con 2,1 miliardi di euro (il 10,7% del totale export Lazio 2012), i mezzi di trasporto con 2 miliardi di euro (il 10% del totale) e il coke e i prodotti petroliferi raffinati con 1,9 miliardi di euro (il 9,1% del totale). 14

15 Composizione % delle esportazioni della regione Lazio per settore merceologico. Anno 2012 Fonte: elaborazioni su dati Istat Esportazioni (milioni di euro) della regione Lazio, per area e Paese di destinazione Paese Mondo Ue 27 Germania Francia Belgio Regno Unito Spagna 2012 (milioni di euro) Var. 2012/2011 Peso ,1% 100,0% ,4% 61,5% ,1% 12,8% ,5% 11,2% ,4% 7,1% ,2% 5,9% ,5% 4,5% Europa Extra-Ue 27 Svizzera Russia Africa America settentrionale Stati Uniti America centro-meridionale Asia Giappone Cina India Oceania e altri territori Fonte: elaborazioni su dati Istat ,9% 7,7% ,8% 2,4% ,3% 1,3% ,5% 4,9% ,7% 6,4% ,7% 5,8% 391-6,8% 2,2% ,9% 14,6% ,1% 3,5% ,3% 1,5% ,6% 0,5% ,8% 2,7% 15

16 Oltre 11 miliardi di euro, il 61,5% delle esportazioni laziali, sono diretti verso i paesi dell Unione Europea, soprattutto in Germania (12,8%), in Francia (11,2%) e nel Belgio (7,1%). L export verso UE aumenta a un ritmo superiore a quello totale (+8,4% contro +5,1%). Le esportazioni verso i Paesi Europei extra UE rappresentano il 7,7% del totale, in aumento nel 2012 rispetto al 2011 del +5,9%. Un importante area di destinazione delle esportazioni laziali è rappresentata dall Asia con oltre 2,6 miliardi di euro in valore dell export, il 14,6% del totale, anche se nel 2012 registra una contrazione del 4,9%. Gli USA con oltre 1 miliardo di import dal Lazio rappresentano un importante mercato di sbocco che però nel 2012 ha registrato una forte contrazione ( 13,7% rispetto al 2011). 16

17 Conclusioni La situazione economica del Lazio resta molto difficile, in questi anni si è registrata una forte contrazione dell attività economica. In una prima fase della crisi il Lazio aveva resistito meglio rispetto ad altre zone del Paese, mentre invece nella seconda fase della crisi ( ) innescata dalle tensioni sui debiti sovrani di importanti Paesi della Zona Euro, il Lazio ha registrato tassi di contrazione in linea con i deludenti dati nazionali. Il motivo di questo livellamento sui dati medi nazionali dipende, anche, dai nuovi elementi che sono causa della contrazione dell attività economica. Si è passati da una crisi finanziaria che ha colpito il commercio mondiale e soprattutto l industria manifatturiera (elementi che impattano sull economia laziale in maniera meno significativa) all attuale fase della crisi caratterizzata dal forte calo dei consumi delle famiglie, dalla contrazione della spesa pubblica e dal forte calo del settore delle costruzioni (tutti elementi che incidono molto nell economia laziale). La contrazione dell attività economica ha determinato un netto peggioramento del mercato del lavoro. Sommando gli inattivi e i disoccupati oltre 4 persone su 10 (15 64anni) non lavorano. Considerando che le persone in cassa integrazione non rientrano tra i disoccupati e che molto probabilmente una parte degli inattivi sono in realtà disoccupati sfiduciati che non cercano più attivamente un lavoro, i dati sulla disoccupazione reale potrebbero essere molto superiori ai già alti dati ufficiali. Le difficoltà del mercato del lavoro hanno causato una forte riduzione dei consumi. Un elemento che ha ulteriormente aggravato la già difficile situazione per le aziende. Fatturati in calo e difficoltà di accesso al credito hanno causato un forte stress sulla liquidità e sulle possibilità di investimento delle imprese. Così come emerge anche dal Regional Competitiveness Index 2013 bisogna rilanciare la competitività e l attrattività della regione favorendo gli investimenti privati in R&S ancora troppo bassi e le sinergie tra mondo della ricerca pubblica e imprese. In una situazione di forte difficoltà e di bassa crescita del Paese la strada dell internazionalizzazione rappresenta una strategia ancora più vincente. Occorre favorire l apertura del sistema imprenditoriale ai mercati extra domestici, l export nonostante i buoni risultati degli ultimi anni è ancora troppo basso in rapporto alla grandezza dell economia laziale. 17

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L economia della Lombardia

L economia della Lombardia Presentazione Rapporto Cremona giugno 15 giugno 2015 2015 Sala Maffei - Camera di Commercio, Cremona 15 giugno 2015 La congiuntura la contabilità nazionale Le prime stime indicano (finalmente) segnali

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

L industria alessandrina della gioielleria: il commercio internazionale Osservatorio Internazionale del Distretto di Valenza e del settore orafo Rocco Paradiso Valenza, 31.01.2008 1 Internazionalizzazione.

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Centro Studi 2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria 10 INDICATORE ANTICIPATORE OCSE (Variazioni % su sei mesi annualizzate) 8 6 4 2 0-2 -4-6

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI Mezzi di trasporto (-43,4 per cento), opere pubbliche (-38,6 per cento) e casa (-31,6 per cento) sono stati i settori più colpiti. ========================================

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Presentazione del Rapporto

Presentazione del Rapporto Presentazione del Rapporto Cremona, 5 giugno 5 L economia della Lombardia Paola Rossi Banca d Italia Sede di Milano Divisione Analisi e Ricerca economica territoriale Camera di Commercio di Cremona L economia

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano. Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano. Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza Agenda ANALISI DEGLI SCENARI MACROECON OMICI I. Analisi degli

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco CAPITOLO III Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco RICERCA E SVILUPPO NEL SETTORE DEL FARMACO Dati ed evoluzione temporale Nel 2009 le imprese del farmaco hanno investito in Ricerca e Sviluppo 1.220

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Il contesto del credito

Il contesto del credito Il contesto del credito Italia & Puglia Francesco Paolo ACITO Direttore Territoriale Corporate SUD Trani, 23 novembre 2012 Agenda Il contesto ed il sistema PMI I driver per la crescita e le Reti di Impresa

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata Roma, 15 ottobre 2013 LA CRISI DELL ECONOMIA ITALIANA DIPENDE DALLA RECESSIONE

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo Nota congiunturale Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo L indagine congiunturale di previsione per il primo trimestre 2016 di Confindustria Cuneo evidenzia

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Comunicato stampa del 6 agosto 2015

Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Crisi dell edilizia in Sardegna: crollo degli investimenti pubblici e privati e rubinetti a secco per il credito le cause prevalenti La Sardegna è infatti una delle

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

passione make-up energia make beauty beauty Fabio Rossello energia ergia passione Presidente Cosmetica Italia passione beauty make energia well

passione make-up energia make beauty beauty Fabio Rossello energia ergia passione Presidente Cosmetica Italia passione beauty make energia well essere passione beauty s make-up energia passione ile Fabio Rossello make benessere beauty energia ergia Presidente Cosmetica Italia well beauty make passione energia well-being benessere Il quadro macroeconomico

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

La spesa turistica internazionale nell attuale fase congiunturale

La spesa turistica internazionale nell attuale fase congiunturale La spesa turistica internazionale nell attuale fase congiunturale Emanuele Breda XIII CONFERENZA CISET-BANCA D ITALIA L'ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Risultati e tendenze per incoming e outgoing nel

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli