Buone pratiche da esportare. Passo 4 Il contatto pelle a pelle. Lucia Ma-eucci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Buone pratiche da esportare. Passo 4 Il contatto pelle a pelle. Lucia Ma-eucci"

Transcript

1 Buone pratiche da esportare Passo 4 Il contatto pelle a pelle Lucia Ma-eucci Eccolo. Esce prima la testa. Poi le braccia, che aiutiamo a liberare, insinuando un dito sotto ogni ascella. Così, reggendo il bambino sotto le braccia, lo issiamo, come se stessimo tirando fuori qualcuno da un pozzo. Occorre soprattutto evitare di toccargli la testa! E lo posiamo direttamente sul ventre materno. Quale luogo più adatto per ricevere il bambino? Il ventre della donna ha la forma, la misura esatta del bambino. Convesso poco fa, ora concavo, sembra in attesa, come un nido. Inoltre il suo tepore, la sua elasticità, il fatto che salga e scenda secondo il ritmo della respirazione, la dolcezza, il calore vivo della pelle, tutto lo rende il luogo per eccellenza dove deporre il neonato. F. Leboyer 1

2 Passo 4 Il contatto pelle a pelle Mettere i neonati in contatto pelle a pelle con la madre immediatamente dopo la nascita per almeno un ora e incoraggiare le madri a comprendere quando il neonato è pronto per poppare, offrendo aiuto se necessario. Affiancare, incoraggiare, offrire aiuto se necessario Klaus, M. Pediatrics 1998;102:e1244 Ogni neonato, quando messo sul ventre della madre immediatamente dopo il parto, ha la capacità di trovare autonomamente il suo seno e di decidere quando iniziare a succhiare al seno per la prima poppata La ricerca del seno da parte del neonato e il dono che ne fa la madre offrendo il suo latte per nutrirlo rappresentano per entrambi un ritorno a quello stato di unione che hanno vissuto nel corso della gestazione come se si trattasse di un nuovo cordone ombelicale che si riannoda a tratti fra loro e che serve a ricucire la ferita della nascita. (Vegetti Finzi) 2

3 Durante la gestazione si verifica una fase di reciproca dipendenza che è indiretta perché si effettua attraverso organi intermediari come la placenta e gli annessi fetali continua di lunga durata pari a quella della gravidanza: al termine predominano le tendenze all autonomia che trasformano la coppia gestante-feto in quella partoriente-feto e quindi in quella partoriente-neonato. Attraverso il parto-nascita si passa così ad una reciproca autonomia il cui raggiungimento avviene tra dolori e traumi. Con l allattamento al seno si ripristina una reciproca dipendenza che è diretta perché si realizza senza organi intermediari, ma piuttosto di parti dell organismo della nutrice con parti dell organismo del lattante e che si basa sulla trasformazione di organi della madre (le mammelle) e sull adeguamento ed utilizzazione della bocca del figlio intermittente di breve durata, quella del pasto. Quando viene raggiunta la sazietà si rende necessaria l interruzione della poppata e quindi il distacco madre-figlio, inauguratosi con il parto-nascita, viene rivissuto in forma modificata, collegato non più all ansia e al trauma, ma piuttosto alla soddisfazione e alla sazietà. Con la fine della poppata si passa ad una reciproca autonomia collegato a sensazioni piacevoli della madre (detumescenza del sano) e del figlio (scomparsa della fame) Resta Molte sono le nuove conoscenze che si sono sviluppate sull infanzia, sul funzionamento del bambino molto piccolo e tutte ci dicono che l interazione con l ambiente e con gli adulti è fondamentale per uno sviluppo positivo. E accertato che un neonato ha sin dall inizio un contatto molto intenso con la madre, attraverso lo sguardo, il tocco, la voce. Sappiamo, in particolar modo, che il contatto fisico è di grande importanza perché il neonato possa continuare a percepire in modo positivo la relazione con l ambiente. In termini più generali si può dire che per uno sviluppo sano del bambino sono indispensabili alcune esperienze primarie, esperienze che sono alla base della vita (costituite da emozioni, movimenti, sensazioni fisiche, fantasie, il tutto intersecato con i sistemi e apparati biologici interni dell organismo). La Psicologia Funzionale le definisce Esperienze Basilari del Sé : Esse sono dei veri e propri mattoni su cui si costruisce la persona, i mattoni che consentono di mantenere l integrazione del Sé, di sviluppare le capacità vitali e relazionali, di conservare benessere e salute. Rispoli 3

4 L ecosistema del bambino è il corpo della madre Il neonato sviluppa un comportamento organizzato e prevedibile durante la prima ora di vita, espresso attraverso movimenti di suzione e di ricerca, seguiti da movimenti mano-bocca accompagnati da un intensa suzione e attività di orientamento. Cosa rende il neonato capace di Baby Crawl? Abilità istintive (innate) Componenti sensoriali stimoli olfattivi, visivi, gustativi, uditivi, tattili Componenti centrali comportamento del neonato, integrazione sensoriale Componenti motorie movimenti orofacciali, a. superiori, a. inferiori Componenti neuro endocrine ossitocina, altri ormoni 4

5 Vantaggi per il neonato e per la mamma Neonato Stabilizza il neonato Favorisce la stabilizzazione termica Riduce il pianto Adattamento metabolico (glicemia, Ph) Favorisce la colonizzazione batterica Attaccamento/bonding Favorisce l inizio di un buon allattamento al seno (colostro, esclusività, durata,) Riduce mortalità e morbilità nei PVS Mamma Espulsione della placenta e riduzione delle emorragie postparto Termoregolazione Promuove il bonding Stimolazione dell intuizione Maggior fiducia in sé stessa Empowerment Allattamento a seno e vantaggi correlati a breve e a lungo termine Fare e non fare Aspetti pratici Alla mamma Informazione Usare analgesici con giudizio Non lavare il seno prima della poppata Sostenere la madre con un cuscino per favorire il contatto visivo Restare in sala parto fino a completamento della poppata Al bambino Asciugare con panni Non aspirazione se pianto vigoroso, non suzione gastrica di routine Coprire madre e bambino con una coperta Ritardare vit. K e altro dopo la prima poppata Bagno dopo le prime 24 ore 5

6 RUOLO DEGLI ORMONI IN GIOCO AL MOMENTO DEL PARTO E IMMEDIATO POST PARTUM VANTAGGI DEL PELLE A PELLE PER LA MADRE Ossitocina : i livelli sono massimi in questa fase facilita il distacco placentare riduce le perdite ema<che determina l eiezione del la-e facilita l ai comportamen< materni aumenta la temperatura corporea per tenere caldo il bambino ( può modificare la T del neonato di + 1 C ) Adrenalina : i livelli sono massimi in questa fase induce al< livelli di a-enzione verso il bambino Endorfine : aumentano significa3vamente favoriscono il legame con il bambino,hanno effe-o aneste<co, perme-ono di ricordare il parto come gra<ficante e danno un senso di calma e rilassatezza Prola2na : viene s3molata dalla suzione precoce agisce sulla produzione precoce di la-e ed anche sui comportamen< materni di accudimento. VANTAGGI DEL PELLE A PELLE PER IL BAMBINO Sono molto al< anche nel neonato i livelli di adrenalina, che s<mola l imprin<ng e il bonding a livello molto profondo a-raverso i canali sensoriali ( cutanei, visivi, udi<vi, cinestesici, gusta<vi, ecc. ). Conseguenze : maggior stabilità metabolica adeguata ossigenazione e omeotermia minor incidenza di ipoglicemie minor pianto e maggior consolabilità maggiori possibilità d a-acco precoce e corre-o maggiore possibilità di alla-amento esclusivo al seno e maggior durata nel tempo colonizzazione ba-erica importante per prevenire infezion parto fisiologico 6

7 parto in acqua parto con taglio cesareo 7

8 in reparto in patologia neonatale Bigeloff e Coll The effect of mother-infant skin-to-skin contact on infant s response to Still Face Task from newborn to three months of age Infant Behavior & Development, 2012 Bambini con e senza SSC vengono valutati con le loro mamme nello Still Face Task all età di 1 settimana, 1 mese, 2 mesi, 3 mesi. Quelli che hanno avuto SSC cominciano a rispondere a cambiamenti nel comportamento delle loro mamme con il loro attaccamento a 1 mese, i bambini che non hanno avuto SSC lo fanno a 2 mesi. A 3 mesi i bambini con SSC aumentano le loro vocalizzazioni durante la fase still face suggerendo una maggiore proposta relazionale alle loro mamme. SSC accelera le aspettative sociali dei bambini per il comportamento delle loro madri e aumenta la consapevolezza di sé stessi come agenti attivi nelle interazioni sociali. 8

9 Velandia e Coll. Sex difference in newborn interaction with mother or father during skin-to-skin contact after caesarean section, Acta Pediatrica 2012 Differenze nel comportamento di neonati maschi e femmine nei primi 30 Le femmine hanno maggiori e più frequenti movimenti di rooting, della bocca e di massaggio del seno, sia con la mamma che con il papà, e piangono di più, specialmente con la mamma Interpretazione: Ø probabili influenze diverse degli steroidi sessuali sul cervello del neonato Ø probabile comportamento diverso dei genitori Le madri esplorano il neonato con la punta delle dita, toccano più i maschi che le femmine I padri toccano il neonato con il palmo della mano, parlano di più con i maschi L aumentata interazione con i maschi (madri che li toccano di più, padri che parlano di più) potrebbe far sì che i maschi piangano meno 9

10 La prima poppata è significativamente più precoce quando SSC avviene con la mamma piuttosto che con il papà. Le femmine presentano movimenti di rooting e di massaggio del seno più precocemente dei maschi e piangono più dei maschi. Le mamme forniscono maggiore stimolazione tattile, mentre i padri hanno maggiore comunicazione vocale in particolare con i figli maschi. Dopo TC la prima poppata è ritardata di oltre 1 ora in confronto ai bambini partoriti naturalmente. Il ritardo della prima poppata nei bambini nati con TC (comparati con quelli nati per via vaginale) potrebbe essere associato con una ridotta vigilanza e desiderio di succhiare per un più basso livello di catecolamine e forse per una ridotta secrezione di ossitocina Fattori riferiti alla mamma come ridotta secrezione di ossitocina o altri tipi di stress riconducibili al TC e all anestesia spinale non possono essere esclusi. La prima poppata appare significativamente più precoce quando il neonato è stato in SSC con la mamma rispetto al contatto con il papà. Il SSC con la mamma durante i primi 30 dopo la nascita facilita la prima poppata e l allattamento Differenze nel comportamento di neonati maschi e femmine durante i primi 30 dopo la nascita Le femmine presentano maggiori e più precoci movimenti di rooting, della bocca e di massaggio del seno rispetto ai maschi, indipendentemente dall essere in SSC con la mamma o con il papà Tali differenze comportamentali innate sono state attribuite a differenti azioni degli steroidi sessuali, estrogeni e/o testosterone sul cervello fetale. Le femmine piangono di più, specialmente se in SSC con le mamme. Una spiegazione possibile è che le femmine reagiscono più dei maschi allo spiacevole odore di clorexidina usata per disinfettare il seno della mamma poiché le femmine sono più sensibili a stimoli olfattivi. Un altra spiegazione possibile è che il diverso comportamento dei genitori verso maschi e femmine influenzi il comportamento dei neonati. 10

11 Le mamme approcciano ed esplorano il neonato con la punta delle dita mentre i padri toccano i bambini con il palmo della mano. Le mamme toccano i neonati maschi di più che le femmine. I padri parlano significativamente di più con i maschi che con le femmine. L aumentata interazione verso i maschi (le madri li toccano di più, i padri parlano di più) potrebbe far sì che i maschi piangano meno. E stato suggerito che la vocalizzazione sia importante, così come il tatto, nella attivazione di meccanismi neuroendocrini interessati nella regolazione del social bonding. Le femmine piangono meno quando sono in contatto pelle a pelle con il padre. 11

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Kangaroo Mother Care Una guida pratica

Kangaroo Mother Care Una guida pratica ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO Acta Neonantologica & Pediatrica, 1, 2006, 5-39 Kangaroo Mother Care Una guida pratica Edizione Italiana del testo WHO a cura del Gruppo di Studio della S.I.N. sulla Care in Neonatologia

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l Unione Europea

Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l Unione Europea European Commission Directorate Public Health and Risk Assessment Karolinska Institutet Department of Biosciences at Novum Unit for Preventive Nutrition Huddinge, Sweden Istituto per l Infanzia IRCCS Burlo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale

PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale Pag. 1 di 5 PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale INDICE: : il progetto Adozione Sociale I gruppi pre-parto La favola della nascita: un viaggio tra fantasia e realtà

Dettagli

D-7537-2009. Più vicini che mai all ideale CALEO

D-7537-2009. Più vicini che mai all ideale CALEO D-7537-2009 Più vicini che mai all ideale CALEO 02 Caleo Qual è l ambiente migliore per i neonati pretermine? ARRIVI PRECOCI Quando i bambini nascono prematuri, si ritrovano ad affrontare un mondo pieno

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE

La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE I contributi più significativi di alcune scuole Prof. Vincenzo Alastra 1 1 LA RELAZIONE

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

NATURA E CAUSE SVILUPPO

NATURA E CAUSE SVILUPPO NATURA E CAUSE SVILUPPO 1) Natura del cambiamento? Quantitativa -> graduale cambiamento nel tempo -> COMPORTAMENTISMO: b. è organismo plasmato da esperienze e apprendimento Qualitativa -> comparsa di nuove

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Quando nasce un bambino

Quando nasce un bambino Quando nasce un bambino DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE Direzione Generale della Comunicazione e Relazioni Istituzionali Prefazione Una corretta informazione riveste un importanza fondamentale

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 Indice Presentazione 9 Introduzione 11 PRIMA PARTE Identificazione della figura del padre Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 SECONDA

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Psicologia dello sviluppo A cura di Luisa Camaioni Paola Di Blasio Edizioni Il Mulino Sommario: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. Lo studio dello sviluppo Lo sviluppo fisico e motorio Lo sviluppo percettivo Lo sviluppo

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris Allattamento al Seno come praticarlo con successo Una guida pratica per gli operatori sanitari di Tine Vinther Jerris WORLD HEALTH ORGANIZATION REGIONAL OFFICE FOR EUROPE COPENHAGEN, 1993 1 Prepared for

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento

Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento dossier Allattamento al seno: tra arte, scienza INTRODUZIONE Questa formazione a distanza è pensata per i professionisti coinvolti nel sostegno all allattamento al seno. Si tratta di medici di medicina

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

NUOTO NUOTO LIBERO ASSISTITO ACQUA BABY 0-3 ANNI 49 150 275 675 SCUOLA NUOTO BABY 3-4 ANNI 49 130 240 585 SCUOLA NUOTO BAMBINI 5-10 ANNI

NUOTO NUOTO LIBERO ASSISTITO ACQUA BABY 0-3 ANNI 49 150 275 675 SCUOLA NUOTO BABY 3-4 ANNI 49 130 240 585 SCUOLA NUOTO BAMBINI 5-10 ANNI NUOTO ISCRIZIONE BIMESTRALE QUADRIMESTRALE ANNUALE (11 MESI) NUOTO LIBERO ASSISTITO Every Day Ingresso Singolo n.d. 240 540 18 X n 1 Ingresso (con phon e docce gratis, bracciale rilasciato con documento

Dettagli

UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO

UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO A CURA DI Lorenza Latoni Giuseppe Maurizio Arduino Daniela Bulgarelli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO. Introduzione Aspetti generali

Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO. Introduzione Aspetti generali Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO Introduzione Aspetti generali Lo sviluppo del cervello inizia prima della nascita e deve incrementarsi nelle fasi fondamentali fino ai primi

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Perché è importante che i pulcini siano a proprio agio?

Perché è importante che i pulcini siano a proprio agio? Controlla che I tuoi pulcini siano a proprio agio Perché è importante che i pulcini? Quando I pulcini nascono non sono in grado di controllare la loro temperatura corporea. La corretta temperatura di stoccaggio

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli