I.I.S. FEDERICO CAFFE -ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S. FEDERICO CAFFE -ROMA"

Transcript

1 I.I.S. FEDERICO CAFFE -ROMA ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2014/15 CLASSE V A - INDIRIZZO SIA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ( art. 5 DPR 323/98 )

2 INDICE 1. PROFILO DELLA CLASSE 1.1 Descrizione della classe 1.2 Elenco degli alunni 1.3 Prospetto di evoluzione della classe 1.4 Continuità didattica 1.5 Attività di recupero 1.6 Attività effettuate nell anno scolastico 2014/ Supporti utilizzati nell attività didattica 1.8 Obiettivi raggiunti in termini di capacità 1.9 Descrittori dell apprendimento e criteri di valutazione 1.10 Lingua straniera: Descrittori dell apprendimento e criteri di valutazione 1.11 Criteri di attribuzione dei crediti 2. ATTIVITÀ DISCIPLINARI 2.1 Italiano 2.2 Storia 2.3 Lingua straniera-inglese 2.4 Informatica 2.5 Matematica 2.6 Economia Aziendale 2.7 Diritto 2.8 Economia Politica 2.9 Scienze Motorie e Sportive 2.10 Religione 3. FOGLIO DELLE FIRME DEI DOCENTI 4. DOCUMENTI ALLEGATI 1.Progetto Interdisciplinare English, Computer Science and Law 2.Griglia di valutazione della prima prova 3.Griglia di valutazione della seconda prova 4.Griglia di valutazione della terza prova 5.Griglia di valutazione del colloquio 6.Simulazione della terza prova 2

3 1.1 DESCRIZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da quindici studenti. Essa deriva nel triennio dalla terza A programmatori del 2012/2013. Di 18 alunni che componevano la classe, 12 passarono alla classe quarta, avendo 3 alunni chiesto nulla osta al trasferimento verso altro istituto, 1 alunna trasferita ad altra sezione presso il nostro istituto e 2 essendosi ritirati. Al termine dello scorso anno scolastico 2 alunni sono stati respinti. Nel corrente anno scolastico si sono aggiunti alla classe 3 alunni ripetenti dalla classe 5AP dell anno scolastico precedente; 1 alunno proviene da altro istituto. Un alunno con disabilità proviene pure dalla classe 5AP dello scorso anno. L avvicendamento dei docenti nel corso del triennio non è stato particolarmente problematico, pur non essendo stata possibile una completa continuità didattica. Alcuni elementi, dotati di discrete capacità, senso di responsabilità e metodo di studio, si sono impegnati con continuità, conseguendo buoni risultati e competenze. Un numero maggiore di alunni, meno motivati ed interessati, ha raggiunto una preparazione meno approfondita anche se i risultati complessivi risultano sufficienti. Altri hanno mostrato impegno e partecipazione discontinui e ciò ha determinato lacune che solo di recente sono in via di recupero. La classe ha seguito il progetto interdisciplinare di lingua inglese, diritto e informatica. 3

4 1.2 ELENCO DEGLI ALUNNI Corso Programmatori Classe 5A SIA. Anno scolastico 2014/15 1. BATTISTA ANGELICA 2. BELLINI DARIO 3. BOI ERICA 4. DAMBA ALY BADARA 5. DE ANGELIS SARA 6. DI PORTO CESARE 7. DROGHINI SIMONE 8. FABRIZI ALESSANDRO 9. FRANCATI GIANMARCO 10. IBBA ANTONIO 11. IGNAZZITTO JACOPO 12. JINGCO DENNIS 13. MACRINI IGOR 14. ROSSI EDOARDO 15. UNGUREANU VLAD ARMAND MASCHI 12 FEMMINE 3 TOTALE PROSPETTO DI EVOLUZIONE DELLA CLASSE Classe Iscritti Trasferiti in entrata / Ripetenti Promossi Promossi con sospensione del giudizio Non promossi Ritirati/Trasferiti III IV V

5 1.4 CONTINUITÀ DIDATTICA Materie che hanno subito avvicendamento di Docenti nel corso del triennio: III IV V Italiano Storia X Lingua Inglese Informatica X Economia Aziendale X Diritto / Economia Politica X Scienze motorie X Religione X 5

6 1.5 ATTIVITÀ DI RECUPERO RECUPERO IN ITINERE / STUDIO INDIVIDUALE Materia Alunni Alunni che hanno recuperato I periodo Economia Aziendale 10 8 Italiano 5 3 Inglese 6 4 Economia Politica 7 1 Matematica 6 5 Informatica 3 3 II periodo 6

7 1.6 ATTIVITÀ EFFETTUATE NELL ANNO SCOLASTICO 2014/15 Manifestazioni Eventi Attività culturali Titolo Luogo Data Note Mostra "90 anni Vittoriano 20/9/2014 Tutti gli alunni dell'istituto Luce" Visita al Museo Via Tasso 14/10/2014 Tutti gli alunni Storico della Liberazione Visita agli stabilimenti Sede Perugina 23/10/2014 Tutti gli alunni Perugina Visita culturale Vienna - Austria Novembre Alcuni alunni 2014 Incontro con Autorità Aula Magna I.I.S. 28/11/2014 Tutti gli alunni antitrust Federico Caffè Partecipazione al Bowling Brunswick 10/12/2014 Tutti gli alunni progetto "Sport integrato" Conferenza "Welfare Aula Magna I.I.S. 7/2/2015 Tutti gli alunni State" con docenti universitari Federico Caffè Visione del film The Cinema Reale 12/2/2015 Tutti gli alunni Imitation Game Incontro informativo sulla Mostra Senzatomica. Reading dei "Quaderni di Hiroshima" Visita della Mostra "Senzatomica Manifestazione "Maratolettura" "Il giovane Holden" Aula Magna I.I.S. Federico Caffè 27/2/2015 Tutti gli alunni M.A.C.RO. 28/2/2015 Tutti gli alunni Quartiere Monteverde 23/4/2015 Alcuni alunni Attività di Orientamento Titolo Luogo Data Note Visita orientamento Università Unicusano 19/11/2014 Tutti gli alunni Salone dello Studente Fiera di Roma 27/11/2014 Tutti gli alunni Alternanza Scuola/lavoro Titolo Luogo Data Note Stage formativo Agenzia delle Entrate 20-24/4/2015 Tutti gli alunni 7

8 1.7 SUPPORTI UTILIZZATI NELL ATTIVITÀ DIDATTICA Attrezzature : palestra campo sportivo Biblioteca Videoteca Laboratorio linguistico Laboratorio informatico 1.8 OBIETTIVI RAGGIUNTI IN TERMINI DI CAPACITÀ GENERALI E TRASVERSALI Obiettivi Comunicare con efficacia Comprendere testi di vario genere Comprendere e rielaborare semplici pratiche professionali Uso e conoscenza della simbologia tecnica Conoscere norme e direttive tecniche Cogliere nessi logici Analizzare nuclei tematici, problemi e processi Effettuare collegamenti Compiere operazioni di sintesi Documentare adeguatamente il proprio lavoro Apprendere in modo autonomo Lavorare in gruppo Avere consapevolezza di sé Livelli minimi Livelli medi Livelli massimi 40% 40% 20% 8

9 1.9 DESCRITTORI DELL APPRENDIMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE COMUNI Conoscenze Competenze Capacità Voto/10 Nessuna Nessuna Nessuna 1-2 Frammentarie e gravemente lacunose Applica le conoscenze minime, solo se guidato, Comunica in modo scorretto e improprio 3 con gravi errori Superficiali e lacunose Applica le conoscenze minime, se guidato, ma con errori anche nell esecuzione di compiti semplici Comunica in modo inadeguato, non compie operazioni di analisi 4 Conoscenze superficiali e incerte Essenziali ma non approfondite Essenziali con eventuali approfondimenti guidati Sostanzialmente complete, con qualche approfondimento autonomo Complete, organiche, articolate e con approfondimenti autonomi Organiche, approfondite e ampliate in modo autonomo e personale Applica le conoscenze con imprecisione nell esecuzione di compiti semplici Esegue compiti semplici senza errori sostanziali, ma con alcune incertezze Esegue correttamente compiti semplici e applica le conoscenze anche a problemi complessi ma, con qualche imprecisione Applica autonomamente le conoscenze a problemi complessi, in modo globalmente corretto Applica le conoscenze in modo corretto e autonomo anche a problemi complessi Applica le conoscenze in modo corretto, autonomo e creativo a problemi complessi Comunica in modo non sempre coerente. Ha difficoltà a cogliere i nessi logici; compie analisi lacunose Comunica in modo semplice, ma adeguato. Incontra qualche difficoltà nelle operazioni di analisi e sintesi, pur individuando i principali nessi logici Comunica in modo abbastanza efficace e corretto. Effettua analisi, coglie gli aspetti fondamentali, incontra qualche difficoltà nella sintesi Comunica in modo efficace ed appropriato. Compie analisi corrette e individua collegamenti. Rielabora autonomamente e gestisce situazioni nuove non complesse. Comunica in modo efficace ed articolato. Rielabora in modo personale e critico, documenta il proprio lavoro. Gestisce situazioni nuove e complesse. Comunica in modo efficace ed articolato. Legge criticamente fatti ed eventi, documenta adeguatamente il proprio lavoro. Gestisce situazioni nuove, individuando soluzioni originali Nota 1 Si fa presente che il voto attribuito può essere il risultato della combinazione di diversi livelli di conoscenza e capacità Nota 2 Considerata la specificità dell apprendimento linguistico i criteri di attribuzione del voto nelle lingue straniere sono esplicitati nella scheda seguente: 9

10 1.10 LINGUA STRANIERA: DESCRITTORI DELL APPRENDIMENTO E CRITERI DI VALUTAZIONE Conoscenze Competenze Capacità Voto Nessuna Nessuna nessuna 1-2 Frammentarie e Comunica in modo molto Comprende qualche parola senza cogliere il significato 3 gravemente lacunose frammentario e non efficace globale del testo Comprende enunciati molto semplici e di uso frequente. Comunica in modo frammentario Superficiali e lacunose Comprende frasi brevi e semplici. Produce enunciati 4 e non efficace brevi e stereotipati. Scrive frasi non comprensibili Superficiali ed incerte Essenziali ma non sicure. Lessico specialistico molto limitato. Essenziali con parziale padronanza di lessico specialistico e di argomenti previsti nell indirizzo di studi. Sostanzialmente complete anche su lessico specialistico e contenuti previsti nell indirizzo di studi Complete e organiche anche su lessico specialistico e contenuti previsti nell indirizzo di studi. Organiche, approfondite ede estese a vari argomenti oltre a quelli relativi all indirizzo di studi. Comunica a livello di sopravvivenza Comunica, anche se in modo molto faticoso, su argomenti a carattere quotidiano. Comunica con qualche difficoltà limitatamente ad argomenti concreti Comunica con una certa sicurezza soprattutto su argomenti concreti Comunica con buona autonomia all interno di situazioni relative all indirizzo di studi. Comunica in modo efficace su argomenti diversi ricorrendo a generi comunicativi e tipologie testuali adeguati. Comprende enunciati semplici se pronunciati lentamente e con ripetizioni. Comprende il senso di testi scritti semplici se con vocabolario molto frequente. Produce con fatica enunciati non articolati di argomento quotidiano. Scrive frasi brevi e senza coesione. Comprende gli elementi principali in ambito quotidiano, purché la dizione sia chiara e il ritmo lento. Comprende semplici testi scritti di argomento concreto con vocaboli di frequenza elevata. Produce enunciati parzialmente articolati di argomento quotidiano. Scrive brevi sequenze di frasi legate da connettori semplici. Tenta di mettere in atto strategie comunicative senza molto successo. Comprende il messaggio generale di testi relativi ad argomenti già incontrati. Comprende il significato globale di testi di argomento concreto. Produce testi di argomento concreto in modo articolato. Scrive testi sufficientemente coesi su argomenti già incontrati. Mette in atto strategie, ma in casi limitati. Comprende il messaggio generale veicolato a velocità normale da un testo orale non noto, purchè articolato chiaramente. Comprende in modo soddisfacente il significato di testi scritti relativi ad argomenti già incontrati. Produce testi orali con sequenza logica. Scrive semplici testi coesi su argomenti già incontrati. Possiede sufficienti strategie comunicative. Comprende i concetti principali di un testo orale complesso, concreto o astratto. Comprende il senso generale di un complesso testo scritto. Produce testi orali di tipologia diversa trasmettendo gli aspetti fondamentali dell argomento. Scrive testi funzionalmente appropriati su argomenti relativi all indirizzo di studi. Mette generalmente in atto strategie adeguate alla situazione. Comprende tutti gli elementi di tesi orali, concreti o astratti. Comprende dettagliatamente testi scritti complessi. Produce testi orali giustificando le proprie idee con riferimenti pertinenti. Scrive testi chiari e articolati su una vasta gamma di argomenti compiendo sintesi e valutazioni di informazioni attinte da fonti diverse. Mette in atto strategie adeguate alla situazione. le conoscenze si riferiscono al sistema linguistico ( fonologia, grammatica, lessico ) il voto attribuito può risultare dall integrazione di livelli diversi di conoscenze e capacità

11 1.11 CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO Valutazione del grado di preparazione raggiunto Frequenza scolastica Interesse e impegno nella partecipazione attiva al dialogo educativo Partecipazione ad attività complementari ed integrative Eventuali crediti formativi certificati Interesse e profitto nell insegnamento della religione cattolica 11

12 attività disciplinare Materia: Italiano Docente: Paola Ceccopieri Testo adottato: Paolo Sacco Chiare lettere vol.3 Dall Ottocento a oggi Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori Numero di ore settimanali di lezione 4 Numero di ore annuali previste 132 Numero di ore annuali svolte Curriculari 106 Attività varie 4 Argomenti I MODULO La narrativa europea fra Naturalismo e Verismo - Tempi di svolgimento: settembreottobre - Il Positivismo - Il Naturalismo francese - Emile Zola : da l Assommoir, L alcool inonda Parigi - La poetica del Verismo italiano - La tecnica narrativa e l ideologia di Giovanni Verga: La Lupa - Rosso Malpelo: l eclisse dell autore e la regressione nel mondo rappresentato - I Malavoglia: il pessimismo verghiano e le tecniche narrative. Brani in antologia: La fiumana del progresso; La famiglia Toscano; La novità del progresso viste da Aci Trezza - Mastro-don Gesualdo: La morte di Gesualdo II MODULO Il Decadentismo - Tempi di svolgimento: novembre-dicembre-prima metà di gennaio - Le origini della sensibilità decadente - Charles Baudelaire e la poetica delle corrispondenze - Da I fiori del male, Albatro; Spleen; Corrispondenze - La poesia simbolista: Paul Verlaine, Languore e Arthur Rimbaud, Vocali - L estetismo decadente: Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray - Giovanni Pascoli: la visione del mondo, i temi della sua poesia e l ideologia politica - Confronto tra la Lettera del veggente di Rimbaud e Il fanciullino di Pascoli - La rivoluzione espressiva di Pascoli: da Myricae, Novembre; Il lampo; Il tuono; Lavandare; X agosto - I Canti di Castelvecchio: La mia sera; Il gelsomino notturno; La cavalla storna; La mia sera - Gabriele D annunzio: la sua dimensione pubblica - L esordio narrativo: da le Novelle della Pescara, Il cerusico di mare - L estetismo dannunziano e il periodo romano: Il piacere - L ideologia superomistica: Friedrich Nietzsche e lo spirito dionisiaco - Il superomismo dannunziano: Le vergini delle rocce, Il programma del superuomo - Le Laudi e L Alcyone: La sera fiesolana e La pioggia nel pineto 12

13 - Notturno: Imparo un arte nuova III MODULO La narrativa antinaturalistica - Tempi: 2 metà di gennaio-febbraio-1 metà di marzo - Henry Bergson: una diversa nozione di tempo che influenza la narrativa(le intermittenze del cuore di Marcel Proust e le epifanie di James Joyce) - Sigmund Freud: Io, Es e Super-Io - Luigi Pirandello: la vita e la visione del mondo - La poetica: L Umorismo (1908) - Il fu Mattia Pascal: La crisi del personaggio-uomo, il contrasto tra forma e vita e l antinaturalismo - Gli esiti del romanzo pirandelliano: Uno nessuno e centomila (Il naso di Moscarda) - Le novelle pirandelliane: Il treno ha fischiato - Il teatro pirandelliano: il grottesco - Il metateatro pirandelliano: Sei personaggi in cerca d autore - I giganti della montagna: Tutto l infinito ch è negli uomini, lei lo troverà dentro e intorno a questa villa - Italo Svevo: il suo isolamento rispetto alla cultura italiana - L inetto nella prima produzione narrativa: Una vita e Senilità - La coscienza di Zeno: l antinaturalismo, il legame con la psicanalisi e il contrasto tra malattia e salute - Analisi guidata di brani selezionati da La coscienza di Zeno: la Prefazione del dottor S., Il fumo, Il funerale mancato, Augusta, Psico-analisi IV MODULO La poesia italiana tra le due guerre -Tempi di svolgimento: 2 metà di marzo aprilemaggio - Il Futurismo: Filippo Tommaso Martinetti (Manifesto del futurismo e Manifesto tecnico della letteratura futurista) - Le avanguardie storiche: caratteri generali dell Espressionismo, del Dadaismo e del Surrealismo - Giuseppe Ungaretti: la vita e la poetica - La produzione lirica legata all esperienza bellica: la rivoluzione espressiva e l unanimismo - Da L allegria: San Martino del Carso, Veglia, I fiumi, Fratelli, Soldati, Sono una creatura; Il porto sepolto; Allegria di naufragi; Natale; Mattina - Da Il sentimento del tempo: La madre - Il dolore privato e collettivo: Il dolore - Il dolore della guerra in Giuseppe Ungaretti e in Salvatore Quasimodo: confronto tra la lirica di Non gridate più di Ungaretti e la poesia Alle fronde dei salici di Quasimodo - Caratteri generali dell Ermetismo: Ed è subito sera di Quasimodo Programma da svolgere dopo il 15 maggio - Eugenio Montale: la vita e la poetica 13

14 - Ossi di seppia: la tradizione simbolista e la poetica del male di vivere - Da Ossi di seppia: I limoni, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato, Cigola la carrucola del pozzo - Da Le occasioni: Non recidere forbice, quel volto, La casa dei doganieri - La figura femminile nelle liriche di Montale: confronto tra la lirica Anguilla e la poesia di Umberto Saba A mia moglie MODULO RELATIVO ALLE COMPETENZE LINGUISTICHE Le tecniche di scrittura - Tempi di svolgimento: l intero anno scolastico - L articolo di giornale - Il saggio breve - L analisi del testo - Lezione frontale - Sintesi e mappe concettuali Metodologia - Lettura autonoma e guidata Strumenti di verifica - Guide all analisi tematica, formale e all interpretazione dei testi - Approfondimenti web - Colloquio - Produzione di testi argomentativi - Analisi e interpretazione di testi letterari

15 Obiettivi raggiunti in termini di conoscenze, competenze, capacità Obiettivi Conoscenze - Conoscenza di strutture morfosintattiche complesse - Conoscenza delle principali forme letterarie e di diverse tipologie testuali - Conoscenza dei temi e dei topoi fondamentali della letteratura italiana dal sec. XIX al sec. XX Competenze - Competenza relativa alla morfosintassi e al lessico nella produzione scritta e orale - Competenza nella produzione di varie tipologie testuali - Competenza nell analisi dei testi, con particolare riferimento a quelli letterari Livelli Livelli Livelli massimi minimi % medi % % Capacità - Capacità linguistica e logico-argomentativa nella produzione di testi orali e scritti - Capacità di operare inferenze e collegamenti - Capacità di formulare e motivare giudizi critici a partire dai contenuti della disciplina - Organizzazione del proprio lavoro con senso di responsabilità ed in modo autonomo

16 attività disciplinare Materia: Storia Docente: Prof. Paola Ceccopieri Testo adottato: A. Lepre, C.Petraccone La storia vol.2-3, Zanichelli Numero di ore settimanali di lezione 2 Numero di ore annuali previste 66 Numero di ore annuali svolte Curricolari 50 Attività varie 3 Argomenti MODULO PROPEDEUTICO - L UNIFICAZIONE ITALIANA Il dibattito risorgimentale: mazziniani, liberali e federalisti La politica interna di Cavour La politica estera di Cavour: la guerra di Crimea e gli accordi di Plombières La seconda Guerra d indipendenza La spedizione dei Mille I problemi dell Italia Unita La questione romana La Terza guerra d indipendenza La Destra storica I MODULO - LA DISSOLUZIONE DELL ORDINE EUROPEO: LA GRANDE GUERRA E LA RIVOLUZIONE RUSSA - L Europa alla vigilia della Prima guerra mondiale La belle époque: la seconda rivoluzione industriale e le invenzioni La lunga depressione (1873/1896) Il capitalismo monopolistico e l imperialismo di fine Ottocento Xenofobia e sciovinismo: l affare Dreyfus La questione dei Balcani e la rivalità tra Russia e Austria Il congresso di Berlino 1878 e la politica di Bismark Il nuovo corso della politica tedesca (Guglielmo II) L Europa divisa in due blocchi: la Triplice Alleanza e la Triplice Intesa L Italia di fine secolo: da Depretis a Crispi L età giolittiana - L intervento italiano Interventisti e Neutralisti in Italia Gli intellettuali e il mito della guerra Il patto di Londra - La rivoluzione bolscevica Le cause della rivoluzione Il crollo del regime zarista e il governo Kerenskij Il potere ai soviet l uscita dal conflitto - La vittoria della coalizione dell Intesa La conferenza di pace di Parigi: i quattordici punti di Wilson e la Società delle Nazioni 16

17 Il trattato di Versailles: le dure condizioni poste alla Germania Il nuovo assetto geopolitico conseguente al conflitto: crisi dell egemonia europea II MODULO - I TOTALITARISMI: L EUROPA TRA LE DUE GUERRE - La crisi dello stato liberale in Italia e la nascita del fascismo La nascita del Partito popolare italiano (gennaio 1919) La nascita del Movimento dei fasci di combattimento (marzo 1919) La questione fiumana La politica culturale del fascismo - La Shoah La Germania durate il primo dopoguerra: la crisi economica La repubblica di Weimar Hitler al potere L ideologia hitleriana e il razzismo. Economia e politica estera del Terzo Reich Le origini dell antisemitismo I caratteri ideologici del nazismo e il razzismo biologico La persecuzione degli ebrei dalle leggi di Norimberga alla soluzione finale. L inferno dei lager. Primo Levi:lettura di brani selezionati dal romanzo I sommersi e i salvati La politica razziale del fascismo nel 1938 Il rastrellamento del ghetto di Roma La repubblica sociale e la persecuzione degli ebrei italiani La Shoah e l infanzia: l inferno di Terezin. - La crisi del 1929 Lo sviluppo economico tra le due guerre: i consumi di massa e il taylorismo Glia anni Venti negli Stati Uniti: sviluppo e autoritarismo Il crollo della borsa di Wall Street Il New Deal :la concezione keynesiana - L Unione sovietica fra le due guerre Il comunismo di guerra Una parziale liberazione dell economia: la Nep La terza Internazionale Stalin: i piani quinquennali e le grandi purghe (1936/1938) III MODULO - LA SECONDA GUERRA MONDIALE - Tempi di svolgimento: aprile - La Seconda guerra mondiale Le prime fasi dell ostilità 1941: una svolta nella guerra Il dominio nazista La sconfitta dell Asse La Resistenza italiana: la guerra partigiana e la Liberazione IV MODULO IL MONDO BIPOLARE. LE NUOVE REALTA - Tempi di svolgimento: maggio - Il secondo dopoguerra La nascita dell Onu Programma da svolgere dopo il 15 maggio Il bipolarismo: guerra fredda ed equilibrio del terrore 17

18 L Italia repubblicana Il biennio rosso e l occupazione del fabbriche - L Italia fascista Il fascismo da movimento a regime Il partito fascista e le organizzazioni del regime Il concordato e il rapporto con la Chiesa La politica economica e coloniale del fascismo L alimentazione durante il fascismo La politica culturale del fascismo Metodologia Strumenti di verifica - Lezione frontale - Uso di schemi di collegamento logico - Visione di audiovisivi - Interrogazioni - Quesiti a risposta singola - Quesiti a risposta multipla Obiettivi raggiunti in termini di conoscenze, competenze, capacità Obiettivi Conoscenze - Conoscenza di categorie, modelli, linguaggio specifico - Conoscenza della molteplicità di elementi e fattori di un fenomeno storico - Conoscenza di sequenze di eventi Competenze - Uso del linguaggio specifico per la trattazione dei contenuti - Analisi e utilizzo di documenti e testimonianze, appropriandosi dei contenuti essenziali - Utilizzazione dei procedimenti didattici per trattare gli argomenti proposti Capacità - Capacità linguistica appropriata per la produzione orale e scritta - Capacità di analisi sia di tipo diacronico che sincronico - Capacità di sintesi - Rielaborazione autonoma dei fenomeni, usando concetti e modelli già acquisiti Livelli minimi % Livelli medi % Livelli massimi %

19 attività disciplinare Materia: INGLESE Docente: Gaetanina Villanella Testo adottato: F. Bentini, B. Richardson, V. Vaugham In Business Digital Edition, Pearson Longman Numero ore settimanali di lezione 3 Numero ore annuali previste 99 Numero ore annuali svolte Curricolari 85 - Job applications: the application process, interviews, Europass CV - Business Organizations: sole traders, partnerships, limited companies, cooperatives, mergers, takeovers, acquisitions, joint ventures, multinationals, e- commerce - Banking and banking services to businesses: current accounts, basic account, savings accounts, deposit account, student account, business loans and mortgages, factoring and leasing - E-banking and Accessible banking. Internet banking, telephone banking, texphone and TV banking, branch banking - Methods of payment: CWO (cash with order), COD (Cash on Delivery), Open account, Documentary Collection or Cash against Documents (CAD), Bank transfers, Draft. - Globalisation, advantages, disadvantages, economic globalisation - Insurance Argomenti - Business Correspondence: Orders - Economy UK: Agriculture and mining, Manufacturing, Services, transport and trade USA: Agriculture and mining, Manufacturing, Services, transport and trade - The UK government - The USA government - History The Industrial Revolution Britain since 1930 The American Civil War The USA becomes a world power The USA since World War II (The Cold War, Civil Rights, After the Cold War) Supporti Didattici Metodologia Strumenti di verifica - Libro di testo - CDs - Laboratorio linguistico (visione film in lingua originale con sottotitoli) - Vocabolario - Lezione frontale - Esercitazioni guidate - Attività di carattere comunicativo - Interrogazione - Prova semi-strutturata - Redazione di corrispondenza commerciale - Trattazione sintetica di argomenti - Quesiti a risposta singola - Quesiti a scelta multipla 19

20 Obiettivi CONOSCENZE Linguaggio settoriale relativo al commercio e all'economia aziendale Elementi fondamentali di teoria commerciale Aspetti salienti della realtà socio-economica inglese, della situazione amministrativa e politica. COMPETENZE Consolidamento della competenza linguistica e comunicativa in generale Produzione di riassunti, documenti, corrispondenza commerciale. Comprensione e utilizzo del linguaggio specifico in situazioni commerciali Comprensione di pubblicazioni di carattere economico-politico e di documenti commerciali CAPACITÀ Acquisizione di un metodo di studio, anche attraverso l'utilizzazione e la manipolazione del materiale proposto Capacità di interagire in modo comunicativo anche in situazioni di tipo commerciale Capacità di interpretare vari tipi di testo o di documento relativi all area di indirizzo. Sviluppo della capacità di osservare la realtà socio-economica inglese, anche rispetto a quella italiana ed europea, utilizzando a volte conoscenze acquisite in altre discipline di indirizzo. Livelli % minimi medi massimi

21 attività disciplinare Materia: INFORMATICA Docente: Prof. Antonello PABA Testo adottato: CLOUD - SIA Quinto anno P. Gallo, P. Sirsi Ed.: MINERVA SCUOLA Numero di ore settimanali di lezione 5 Numero di ore annuali previste 165 Numero di ore annuali svolte Curricolari 115 (10 dopo 15 maggio) Attività varie 5 - BASI DI DATI Dagli archivi al DB integrato aziendale Progettazione delle basi di dati Progettazione concettuale: modello E/R secondo Chen Progettazione logica: i modelli logici di basi di dati: modello gerarchico (cenni), modello reticolare (cenni), modello logico relazionale Vincoli di chiave primaria, Vincoli di attributo e di tupla, Vincoli di integrità referenziale: chiavi esterne Ore 40 Argomenti - LINGUAGGI PER LE BASI DI DATI RELAZIONALI: SQL DDL, DML, DCL. SQL come query language: istruzione SELECT, forma generale, join, operatori aggregati, clausole di raggruppamento e ordinamento. Esercitazioni su MS Access RETI DI COMPUTER Motivazioni, vantaggi e svantaggi. Topologie di rete Trasmissione dei dati. Mezzi fisici. Modalità. Collegamento. Trasmissione. Tecniche di commutazione. Modello ISO/OSI; Architettura TCP/IP; Indirizzi IP e subnet mask; subnetting: indirizzamento classfull e classless HTML Principali tag di HTML. Uso del linguaggio in modo nativo (con editor di testo) e realizzazione di semplici pagine web statiche 15 21

22 - INTERDISCIPLINARY PROJECT IN ENGLISH English and Computer Science: VoIP Technologies 5 Metodologia Supporti didattici Strumenti di verifica - Lezione frontale - Lezioni interattive - Lavoro di gruppo - Esercitazioni guidate - Libri di testo - Manuali e dispense - Computer - Interrogazioni - Prove aperte: Problema - Quesiti a risposta multipla/aperta N Attività di recupero N alunni modalità 5 Recupero in itinere Obiettivi raggiunti in termini di conoscenze, competenze, capacità Obiettivi Livelli minimi % Livelli medi % Livelli massimi % Conoscenze parte teorica Saper risolvere problemi Saper documentare Capacità di analisi Capacità progettuali

23 attività disciplinare Materia: Matematica Docente: prof.ssa Lucia Angelico Testo adottato: Bergamini - Trifone - Barozzi "Matematica.rosso" Zanichelli Numero di ore settimanali di lezione 3 Numero di ore annuali previste 99 Numero di ore annuali svolte Curricolari 82 circa Attività varie 10 Metodologia Strumenti di verifica Attività di recupero Modalità Studio individuale - Lezione frontale - Esercitazioni guidate - Lezioni interattive - Interrogazioni, test a risposta multipla - Prove aperte: risoluzione di problemi, quesiti a risposta singola Alunni 6 alunni 23

24 Funzioni di due variabili e applicazioni a problemi di economia Argomenti - Coordinate cartesiane nello spazio - Definizione di funzione reale di due variabili reali - Definizione e rappresentazione grafica del dominio (con utilizzo del grafico di rette, parabole, circonferenze) - Definizione e rappresentazione grafica di linee di livello (con utilizzo del grafico di rette, parabole, circonferenze) - Definizioni di intorno circolare di un punto; punto interno, punto esterno, punto di frontiera di un insieme; insieme aperto, chiuso, limitato, illimitato - Derivate parziali del primo e del secondo ordine - Definizione di massimo e di minimo relativo, di massimo e di minimo assoluto liberi e vincolati - Determinazione dei massimi e minimi relativi liberi: metodo delle derivate e in casi semplici anche tramite le linee di livello - Determinazione dei massimi e minimi vincolati con vincolo espresso da un equazione lineare: metodo della sostituzione Applicazioni dell analisi ai problemi di economia: - Massimo profitto di un impresa che produce due prodotti e li vende in condizioni di concorrenza perfetta - Massimo dell utilità del consumatore con il vincolo del bilancio Ricerca operativa - La ricerca operativa e le sue fasi Problemi di scelta in condizioni di certezza con effetti immediati: - Problemi di scelta nel continuo: il grafico della funzione obiettivo è una retta o una parabola o una funzione con definizione diversa a tratti - Problemi di scelta nel discreto - Problemi di scelta tra due o più alternative (con rette e parabole) - Il modello delle scorte Problemi di P.L. in due variabili - Metodo grafico Obiettivi raggiunti in termini di conoscenze, competenze, capacità Obiettivi 24 Livelli minimi % Livelli medi % Livelli massimi % Conoscere i metodi dell analisi matematica per lo studio di funzioni di due variabili Conoscere i modelli matematici per la risoluzione di problemi di di R.O. nell ambito degli argomenti sopra indicati Applicare in modo coerente e puntuale le procedure e le tecniche apprese Modellizzare situazioni problematiche anche in ambito gestionale, utilizzando strumenti matematici Documentare il proprio lavoro Possedere capacità logico- operative Organizzare il proprio lavoro con senso di responsabilità e in modo autonomo

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

I.I.S. Federico Caffè. Viale di Villa Pamphili, 86 - Roma. Esame di Stato A.S. 2014/2015. Classe V B indirizzo SIA

I.I.S. Federico Caffè. Viale di Villa Pamphili, 86 - Roma. Esame di Stato A.S. 2014/2015. Classe V B indirizzo SIA I.I.S. Federico Caffè Viale di Villa Pamphili, 86 - Roma Prot. n. Esame di Stato A.S. 014/015 Classe V B indirizzo SIA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (art. 5 DPR 33/98 ) Indice 1. Profilo della classe

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: OTTOBONI MIRELLA Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: Flavia Bentini, IN BUSINESS, Pearson-Longman Sono

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ALLEGATO A - INFORMATICA RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE MATERIA: INFORMATICA Classe 5 sez. Bsia a.s. 2014/15 DOCENTE: prof. Domenico Francullo In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO Professionale - Tecnico della gestione aziendale MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Quinto

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO Professionale - Tecnico della gestione aziendale MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Quinto INDICE DELLE UFC 1 N. DENOMINAZIONE CORRISPONDENZA COMMERCIALE 2 TEORIA COMMERCIALE 3 CULTURA E CIVILTA DEGLI STATI UNITI DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO COMPETENZE CORRISPONDENZA

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 PIANO DI LAVORO. Istituto di Istruzione Superiore

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 PIANO DI LAVORO. Istituto di Istruzione Superiore Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.it

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 ECONOMIA AZIENDALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO LIA BONELLI L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 5 A AFM Materia: Lingua inglese Docente: Noviello Orsola Situazione di partenza della classe La classe è composta da 16 alunni: 9 maschi e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 11/02/2015 12.24 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA LINGUA INGLESE DOCENTI ANTONELLA MANTOVANI - SUSANNA FORTUNA Competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

ITALO CALVINO fax: 0257500163 PIANO DI LAVORO. Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115. via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI

ITALO CALVINO fax: 0257500163 PIANO DI LAVORO. Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115. via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING MATERIA: CLASSE: INGLESE 4 A A F M DOCENTE/I: NOVIELLO ORSOLA PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA La

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico FONDAZIONE MALAVASI Liceo Scientifico PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Storia DOCENTE: Prof.ssa Manuela Maccà CLASSE III SEZ. Tradizionale A.S.2014 /2015 2. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Classe/sez. Indirizzo Docente Materia Ore di lezione svolte Ambito Maria Caterina V E Mercurio Informatica 165 teorico pratico Cassetti Svolgimento dei programmi

Dettagli

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE L. MANARA 00152 ROMA VIA BASILIO BRICCI, 4 Fax 06/67663900Tel. 06/121127825 XXIV

Dettagli

ITALIANO. Il neorealismo. Moravia: la vita e la produzione poetica. Da Gli Indifferenti : Un uomo inetto.

ITALIANO. Il neorealismo. Moravia: la vita e la produzione poetica. Da Gli Indifferenti : Un uomo inetto. ITALIANO Origini e caratteristiche del Romanticismo. Il romanticismo italiano. Leopardi: vita, opere, lettura e commento di Il sabato del villaggio, A Silvia, L infinito e Alla Luna. Alessandro Manzoni:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

PROGRAMMA di INGLESE. Prof. Stefania Gorga

PROGRAMMA di INGLESE. Prof. Stefania Gorga ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2014/2015 CLASSE V SEZIONE C PROGRAMMA di INGLESE Prof. Stefania Gorga Libro di testo in adozione: Online for business Autori: Flavia Bentini, Michael Delmont Editore:

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE INDIRIZZO INFORMATICO Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING DOCENTI: A. MANTOVANI, M. BISSOLI, S.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING DOCENTI: A. MANTOVANI, M. BISSOLI, S. 1 di 6 04/12/2013 111 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: INGLESE DOCENTI: A. MANTOVANI, M. BISSOLI,

Dettagli

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.Volta LIBRETTO delle GRIGLIE di VALUTAZIONE PROPOSTO APPROVATO FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA Il presente documento è stato

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI Via di Reggiana, 86 59100 - Prato Tel. **39 (0)574 639705 - Fax **39 (0)574 639704 Internet: http://www.dagomari.prato.it E-mail: info@dagomari.prato.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev4 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2012/013 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA Analisi della situazione di partenza Composizione

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 013-14 SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE madrelingua COMPETENZE DISCIPLINARI Interagisce oralmente nella lingua italiana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Classe Prima

PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Classe Prima Presentazione della classe PROGRAMMAZIONE LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Classe Prima All inizio dell anno scolastico vengono effettuate prove d ingresso e osservazioni sistematiche che permettono

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

Linguistica. Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016. Indirizzo: Professionale Servizi commerciali Classe: Quarte. Unità di Apprendimento N.

Linguistica. Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016. Indirizzo: Professionale Servizi commerciali Classe: Quarte. Unità di Apprendimento N. Istituto Statale Istruzione Superiore E U R O P A Via Fiuggi, 14-80038 - Pomigliano d'arco - NA Tel +39 081 19668187 Http://www.isiseuropa.gov.it - Email: info@isiseuropa.gov.it Programmazione Didattico-Curriculare

Dettagli

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE ORALI (0/0) Conoscenze Colloquio Descrittori Punteggio Punteggio assegnato Completi ed approfonditi Contenuti (max punti) Precisi, Organizzati Appropriati, Essenziali

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2015/2016 Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI IL COORDINATORE DELLA CLASSE

Dettagli

Indice. Presentazione del corso 7. 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10. 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12

Indice. Presentazione del corso 7. 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10. 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12 Indice Presentazione del corso 7 Parte 1 Strumenti per la didattica 3 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12 3 Le verifiche delle unità

Dettagli

Programmazione. Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione. Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: Gestione Progetto e Organizzazione Impresa Classe: V I Docenti della Disciplina Salerno, lì... ottobre 2014 Finalità della

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE «Ranieri Mario COSSAR - Leonardo da VINCI» Settori: Servizi - Industria e Artigianato Istruzione e Formazione Professionale 34170 GORIZIA sede legale Viale Virgilio,

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Classe 3 Sez D Materia : Matematica Docente: Angelini Antonella Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-2010 Contratto Formativo Individuale 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze

Dettagli