Anno scolastico PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico Statale Stanislao Cannizzaro ROMA - Viale della Civiltà del Lavoro 2/d FAX 06/ Sede Amministrativa Via dell Oceano Indiano, 31-06/ FAX 06/ MUNICIPIO IX - Distretto cod. mecc. RMPS05000E Cod. Fisc Sito Internet Modulo del Sistema di Gestione per la Qualità PROGRAMMAZIONE CONSIGLIO DI CLASSE Anno scolastico PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5 SEZ. C Coordinatore Prof.ssa Roberta Vallucci Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 1/ 52

2 INDICE Composizione del Consiglio di classe pag. 3 Valutazione iniziale del gruppo classe pag. 4 Articolazione dell apprendimento: obiettivi didattici generali pag. 4-5 Mediazione didattica: pag Metodi e strumenti di lavoro - Tempi della didattica - Strumenti di verifica e criteri di valutazione - Interventi didattici di compensazione Attività e progetti pag. 7 Programmazioni disciplinari pag Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 2/ 52

3 CONSIGLIO DI CLASSE Materia Italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze naturali Disegno e Storia dell arte Scienze motorie IRC Docente Prof.ssa Roberta Vallucci Prof.ssa Roberta Vallucci Prof.ssa Mirella Martino Prof. Giovanni Sebastiano Tofanetti Prof. Giovanni Sebastiano Tofanetti Prof.ssa Anna Rita Pizzuti Prof.ssa Anna Rita Pizzuti Prof.ssa Rosalba Giusti Prof. Stefano Tresoldi Prof.ssa Adriana Remine Prof.ssa Maria Ballarin Verificata, riesaminata e approvata Il Coordinatore di Classe Prof.ssa Roberta Vallucci Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 3/ 52

4 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE E PROFILO DEL LIVELLO FORMATIVO La classe è costituita da 19 studenti (7 ragazze e 12 ragazzi). Durante le lezioni, la classe ha un comportamento, nel complesso, corretto ed educato, mostrandosi motivata e ricettiva all attività didattica, nonostante alcuni siano distratti, poco continui nello studio e non sempre partecipi al dialogo educativo. Per quanto riguarda il livello formativo della classe, si precisa che esistono fasce differenziate all'interno delle varie discipline, in relazione alle diverse inclinazioni e capacità individuali, nonché al bagaglio culturale personale già acquisito. ARTICOLAZIONE DELL APPRENDIMENTO Alle luce di tale situazione, l azione educativa da promuovere presso gli alunni verterà sul conseguimento dei seguenti obiettivi specificati per ambiti: ambito interattivo ed ambito cognitivo Obiettivi comportamentali Fondare il rapporto con gli insegnanti e con i compagni sul rispetto reciproco, la solidarietà e la tolleranza. Collaborare, cooperare con gli altri e contribuire al buon andamento della vita scolastica Svolgere un ruolo attivo e propositivo in ogni fase dell'attività didattica Sapersi orientare in modo attivo e consapevole nella vita sociale riconoscendo diritti e doveri propri e altrui Porsi in modo attivo e consapevole di fronte alla crescente quantità di informazioni e di sollecitazioni esterne Conoscenze, abilità, competenze Conoscenze Conoscere i rispettivi contenuti disciplinari. Conoscere la sintassi e il lessico dei vari linguaggi Conoscere i fattori e le variabili dei fenomeni e delle realtà complesse Conoscere i fattori di interdipendenza tra sistemi affini e/o differenti Conoscere le strutture portanti dei procedimenti argomentativi e dimostrativi Abilità Analizzare, utilizzare il codice, la sintassi, la semantica dei vari linguaggi Cogliere ed utilizzare i nuclei tematici e i paradigmi delle singole discipline Riconoscere l interdipendenza tra fattori e variabili di più fenomeni e più sistemi Operare confronti sia tra realtà semplici sia tra realtà complesse Individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere Esprimersi ed argomentare su quanto esperito, indagato e analizzato. Strutturare una dimostrazione Utilizzare, in maniera autonoma e creativa, strumenti di consultazione e strumenti informatici per ricavare documentazioni ed elaborare testi Competenze Utilizzare la propria mappa cognitiva e le varie fonti di informazione e formazione (formale, non formale e informale) per conseguire obiettivi significativi e realistici Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 4/ 52

5 Leggere razionalmente e criticamente fenomeni, problemi, realtà semplici e complesse Ragionare sul perché e sullo scopo di problemi pratici e astratti Formulare ipotesi, risolvere problemi e verificarne l attendibilità dei risultati, modellizzare attraverso la padronanza del linguaggio logico-formale Produrre testi di differenti dimensioni e complessità adatti alle varie situazioni comunicative Essere consapevoli delle proprie competenze, anche ai fini dell orientamento agli studi studi successivi o all inserimento nel mondo del lavoro. Obiettivi minimi comuni interdisciplinari Lavorare in modo autonomo e in équipe. Comunicare efficacemente, utilizzando adeguati linguaggi specifici. Mettere in atto tecniche di comunicazione adeguate al contesto, all interlocutore e alla situazione. Selezionare fatti, temi e problemi in modo qualitativamente e quantitativamente idoneo. Valutare l aderenza di un argomentazione a dati e vincoli posti. Stabilire collegamenti e rintracciare denominatori comuni nell ambito della stessa disciplina e/o di discipline diverse. Dedurre, dalle conoscenze acquisite, conseguenze logiche. Cogliere in modo efficace e pertinente gli elementi di un insieme e stabilire tra essi relazioni. Documentare adeguatamente il proprio lavoro. MEDIAZIONE DIDATTICA Metodi L attività dovrà privilegiare il più possibile l aspetto induttivo, passando attraverso diverse tappe: Momento esplicativo da parte del docente Momento laboratoriale: apprendimento in situazione attraverso l interazione docente/studente; studente/studente Momento rielaborativo dello studente: analisi, riflessione, rielaborazione e produzione scritta e/o orale Un Modulo di Chimica in lingua inglese (come da Programmazione CLIL) Strumenti di lavoro Libro di testo Dispense LIM Articoli da quotidiani e riviste specializzate Sussidi audiovisivi e multimediali (filmati - CD) Tempi della didattica Organizzazione didattica in Trimestre e in Pentamestre. Informazione intermedia alle famiglie a metà pentamestre. Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 5/ 52

6 Strumenti di verifica Allo scopo di misurare l andamento del processo educativo e per avere costanti informazioni sui ritmi di apprendimento e sul conseguimento degli obiettivi cognitivi da parte di ciascun alunno le verifiche nell ambito delle diverse discipline saranno frequenti e si differenzieranno in: Verifiche di tipo conoscitivo, volte ad accertare l acquisizione di abilità operative e la validità del metodo didattico seguito Verifiche di tipo valutativo: periodiche e finali, finalizzate all assegnazione del voto di profitto Esse si realizzeranno attraverso: esercitazioni in classe e/o a casa prove strutturate e semistrutturate, questionari analisi e compilazione documenti prove scritte (elaborati di italiano, traduzioni, risoluzioni di problemi, relazioni etc.) e prove orali di vario tipo (interrogazioni, discussioni, commenti), il cui numero, non inferiore a due per ciascun periodo, dipenderà dai ritmi e dagli stili di apprendimento degli allievi. Nel corso del pentamestre, si prevedono: la somministrazione di una prova comune alle classi V sia in Italiano sia in Matematica (simulazioni rispettivamente della prima e della seconda prova scritta dell Esame di Stato) due simulazioni di terza prova dell Esame di Stato: trattazione sintetica di argomento con massimo di righe (in attesa di Indicazioni Ministeriali) Criteri di valutazione Griglia sottoindicata, la quale non deve intendersi come uno schema rigido da applicare alla dinamica dei processi didattici e valutativi, ma come criterio di orientamento comunemente condiviso e dotato di opportuna flessibilità Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze/errori numerosi e gravi. Orientamento carente. Scarsa risposta alle sollecitazioni. 4 Gravemente insufficiente Numerosi errori. Poca partecipazione. Conoscenze frammentarie. 5 Insufficiente Errori. Conoscenze disorganiche. Esposizione approssimativa 6 Sufficiente Comprensione dei nessi fondamentali. Esposizione nel complesso adeguata. Organizzazione essenziale delle conoscenze 7 Discreto Partecipazione attiva. Applicazione delle competenze acquisite a casi diversificati. Conoscenze adeguate. Procedura ed esposizione corrette. 8 Buono Partecipazione impegnata. Applicazione delle competenze acquisite a situazioni nuove. Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 6/ 52

7 Dominio delle conoscenze e degli strumenti logici, capacità di progettazione del proprio lavoro. Chiarezza espositiva Ottimo Forte motivazione. Ampie conoscenze. Elaborazione autonoma. Piena padronanza dell esposizione. Notevoli capacità di analisi, sintesi e progettazione del proprio lavoro. Ispirandosi a tali criteri generali i singoli Dipartimenti hanno autonomamente elaborato griglie di valutazione per ciascuna disciplina alle quali ciascun docente fa riferimento al momento della valutazione. Tali griglie sono pubblicate nel POF e sono disponibili sul sito del liceo (area docenti Dipartimenti). Fattori che concorrono alla valutazione Conseguimento degli obiettivi disciplinari e delle competenze trasversali Risultati dell apprendimento ottenuti attraverso le verifiche sommative Impegno Partecipazione al dialogo educativo Progresso nell apprendimento rispetto ai livelli di partenza Interventi didattici di compensazione Microrecupero in itinere Attività di recupero da attivare a cura della scuola (previste dall O.M. 92/ 07) Sostegno (in casi particolari) Potenziamento per le classi V ATTIVITÀ EXTRACURRICULARI Attività e progetti L offerta formativa sarà ampliata con le seguenti attività: Partecipazione a rappresentazioni teatrali o cinematografiche di sicura valenza culturale. Visite guidate: - Villa Farnesina - Casa di Pirandello (a Roma) - Istituto di Fisica Nucleare di Frascati e del Gran Sasso Progetti: - Comunicazione nell epoca della Globalizzazione - Intervento del dott. Bernabei: Aspetti tecnici sulla Comunità Europea - Progetto Memoria - Amico andrologo - Donazione del sangue S.Giovanni. Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 7/ 52

8 PROGRAMMAZIONI DELLE DISCIPLINE CURRICOLARI Italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze naturali Disegno e Storia dell Arte Scienze motorie IRC Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 8/ 52

9 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Anno scolastico Docente: Prof. ssa Roberta VALLUCCI Classe 5 Sez. C Materia di insegnamento: Lingua e Letteratura Italiana Libro di testo: C. BOLOGNA - P. ROCCHI,Rosa fresca aulentissima,loescher,voll Lo dolce lume, a cura di G. TORNOTTI, B. MONDADORI EDITORE,2011.(consigliato) Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 9/ 52

10 1. Obiettivi Didattici Nel corso dell'anno scolastico , oltre a perseguire gli obiettivi generali, individuati dal Dipartimento di Lettere (si fa riferimento a quanto stabilito nella Programmazione Generale del Dipartimento di Lettere, consultabile nel sito della Scuola) e quelli trasversali specificati nella Programmazione del Consiglio di classe, saranno perseguiti i seguenti obiettivi formativi disciplinari: CONOSCENZE 1. Conoscere i rispettivi contenuti disciplinari. 2. Acquisire i diversi registri linguistici. ABILITA 1. Ricavare da un testo lo stile di un autore, di un epoca,di un movimento letterario formulando giudizi critici. 2. Collocare un testo nella produzione del suo autore,della sua epoca e del genere a cui appartiene. 3. Schematizzare per punti, in forma concisa e con rigore logico,mettendo in evidenza la struttura dei ragionamenti, discorsi, tesi, desumibili dai testi letti. 4. Esprimersi in modo corretto,con coerenza,coesione e proprietà lessicale. COMPETENZE 1. Operare collegamenti e confronti fra opere diverse e in differenti ambiti disciplinari. 2. Individuare i temi principali affrontati in un epoca e spiegare le ragioni della loro ricorrenza in un determinato periodo. 3. Motivare criticamente un giudizio personale su un opera presa in esame. 4. Attualizzare le problematiche affrontate nella lettura delle opere. 5. Acquisire una coscienza costituzionale, uno status di cittadino e una sensibilità alle problematiche sociali, culturali, politiche ed economiche nazionali e internazionali. 6. Produrre testi scritti rispondenti alle diverse tipologie dell Esame di Stato rispettivamente tipologia A (analisi del testo), tipologia B (redazione di un saggio breve o di un articolo di giornale), tipologia C (tema di argomento storico) e tipologia D (tema di ordine generale) sapendo padroneggiare anche il registro formale e i linguaggi specifici. 2. Contenuti e tempi Trimestre MODULO A Letteratura italiana ed europea Modulo 1 Gusto Neoclassico e gusto Romantico 1U Romanticismo in Italia. 2U G. LEOPARDI T Zibaldone: 1 La doppia vista:1 agosto 1821;25 settembre1821; 28 settembre 1821; 3 ottobre 1821; 20 dicembre 1821; 20 settembre 1827; 30 novembre Poesia e filosofia :9 maggio 1821;24 luglio 1821;4 ottobre 1821;8 settembre 1823; 2 gennaio Parole e termini :14-18 settembre 1820; 30 aprile 1820;22 settembre e 30 settembre Natura e ragione : 8 marzo 1821; 25 agosto 1821; 22 aprile Vita come viaggio : 17 gennaio Noia : 8 marzo 1824; 4 maggio T Canti: L infinito, A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, La ginestra(1 51; ) T Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese 3U A. MANZONI Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 10/ 52

11 T Lettera sul Romanticismo (22 settembre 1823 a Cesare d Azeglio) T Odi civili: Il cinque maggio T Conte di Carmagnola: coro atto II (S ode a destra uno squillo di tromba ) T Adelchi: coro dell atto IV (Sparsa le trecce morbide) T I Promessi Sposi:cap.I (Quel ramo del lago di Como );cap.xxxviii (Il sugo della storia) Modulo 2 L età del Realismo 1U Naturalismo francese T E. ZOLA Il romanzo sperimentale (Romanzo e scienza:uno stesso metodo) 2U Verismo 3U G. VERGA T Vita dei campi: Rosso Malpelo. T I Malavoglia: prefazione; cap.i T L amante di Gramigna: prefazione. T Novelle rusticane: La roba. T Mastro Don Gesualdo: la morte di Gesualdo. MODULO B Dante e La Divina Commedia 1U Introduzione all opera. 2U Introduzione alla cantica del Paradiso. 3U Lettura testuale dei seguenti canti: I,II (vv.1-18), III, VI, XI, XII, XV,XXXIII. A Dante e Ravenna A Dante nel Novecento. Pentamestre MODULO A Letteratura italiana ed europea Modulo 3 La crisi decadente 1U Simbolismo T C.BAUDELAIRE Lo Spleen di Parigi: La modernità e le sue forme* T C.BAUDELAIRE Lo Spleen di Parigi: La caduta dell aureola* T C.BAUDELAIRE I fiori del male: Spleen, Corrispondenze, L albatros T A. RIMBAUD Lettera del veggente (La metamorfosi del poeta). 2U Scapigliatura T E. PRAGA Penombre: Preludio 3U Decadentismo. 4U G. D ANNUNZIO T Il Piacere I,1 (L attesa)* T Alcyone: La sera fiesolana. La pioggia nel pineto. 3U G. PASCOLI T Myricae: Novembre, X Agosto, L assiuolo.il tuono. Il lampo. T Canti di castelvecchio: Nebbia, La mia sera, La tessitrice. T Il fanciullino I, IV, V,XX (La poetica pascoliana) Modulo 4 La poesia della prima metà del Novecento 1U Crepuscolarismo 2U Futurismo T E.T.MARINETTI Manifesto del Futurismo, Manifesto della letteratura futurista. 3U G. UNGARETTI T L Allegria: In memoria, Il porto sepolto, Sono una creatura, I fiumi, Soldati. Fratelli. T Sentimento del tempo: La madre. 4U E.MONTALE T Ossi di seppia:in limine. I limoni, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Cigola la carrucola nel pozzo. Spesso il male di vivere ho incontrato. Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 11/ 52

12 T Le occasioni: La casa dei doganieri, Non recidere,forbice,quel volto T Satura, Xenia II: Ho sceso,dandoti il braccio, almeno un milione di scale 5 U U. SABA T Casa e campagna: La capra. Modulo 5 L età dell ansia 1U I. SVEVO T La coscienza di Zeno: capp.i (Prefazione),II (Preambolo),III (Il fumo), VIII (Il finale). 2U L. PIRANDELLO T L umorismo: Il sentimento del contrario (cap.ii) ; La vita come flusso continuo (cap.v-vi) T Novelle per un anno: La patente. Una giornata. U Il fu Mattia Pascal: T Prima Premessa e seconda Premessa (cap. I e cap. II) T Cambio treno! (cap. VII) T Un po di nebbia (cap. IX)* T Acquasantiera e portacenere (cap. X)* T Lo strappo nel cielo di carta (cap. XII) T La lanterninosofia (cap. XIII) T Il fu Mattia Pascal (cap. XVIII) U Uno,nessuno,centomila: T Tutto comincia con un naso (I,1) T Non conclude (VIII,4) U Sei personaggi in cerca d autore: T L ingresso dei sei personaggi T La scena finale U Enrico IV: T Preferii restar pazzo (atto III) 3U La narrativa del primo Novecento T A. MORAVIA Gli Indifferenti: I pensieri di Michele 4U C.E. GADDA La cognizione del dolore: T Il Maradagàl e i suoi costumi (parte I, cap.1) T Vagava, sola, nella casa (parte II, cap.5) 5U Neorealismo T I.CALVINO Il Neorealismo non fu una scuola (da Prefazione de Il sentiero dei nidi di ragno) 6U P.P.PASOLINI T Ragazzi di vita: La fine di Genesio T Scritti corsari: Acculturazione e acculturazione. 7U I.CALVINO T Le città invisibili: La narrazione per sfuggire allo sfacelo T Se una notte d inverno un viaggiatore: Stai per cominciare a leggere il nuovo romanzo di Italo Calvino 8U La globalizzazione e il postmoderno. * A La città moderna. 3. Metodi Momento esplicativo da parte del docente Momento laboratoriale: apprendimento in situazione attraverso l interazione docente/studente; studente/studente ( per es. con registrazione di appunti, proposte di interpretazione, ipotesi di lavoro) Momento rielaborativo dello studente: analisi, riflessione, rielaborazione e produzione Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 12/ 52

13 scritta e/o orale Uso del manuale, dei vocabolari, dei testi di lettura, delle indicazioni bibliografiche, di schemi preparati dal docente. Assegnazione del lavoro a casa e verifica in classe dello stesso. 4. Strumenti di lavoro Libro di testo, letture critiche, schemi predisposti dal docente Articoli da quotidiani e riviste specializzate Lezione frontale ( con registrazione degli appunti) Lezione interattiva Dispense Discussione Esercizi e lavori di approfondimento a casa. Lavoro di ricerca Correzione ed analisi degli errori commessi nelle verifiche Lavagna. LIM. Fotocopie. INTERNET 5. Strumenti di verifica e criteri di valutazione Tipologia Sondaggi dal posto di verifiche Esercitazioni in classe e/o a casa Prove strutturate TIPOLOGIA: - A: Analisi del testo - B: Redazione di un saggio breve o di un articolo di giornale - C: Tema di argomento storico - D: Tema di ordine generale Questionari Analisi e compilazione di documenti Relazioni, recensioni Trattazione sintetica di argomento con massimo di righe (preparazione terza prova esame di Stato) Numero di verifiche Criteri di Prove orali di vario tipo (interrogazioni brevi e lunghe,discussioni, commenti) Si conferma quanto stabilito dal Dipartimento di Lettere dell Istituto riguardo al numero minimo di verifiche, si stabilisce quanto segue: per il trimestre due prove (complessive tra scritte e orali); per il pentamestre tre prove (complessive tra scritte e orali). Alcune verifiche scritte potranno essere strutturate in modo tale da essere valutate in parte con voto per lo scritto e in parte con voto per l orale. Per la progettazione e valutazione delle quattro tipologie della prima prova scritta dell Esame di Stato (A, B, C, D) si prevede la collaborazione di docenti di altre discipline (in particolare Scienze, Storia e Filosofia e Arte). Si prevede, nel corso del pentamestre, la somministrazione di una prova comune alle classi V; tale prova, della durata di 5 ore, sarà una simulazione della prima prova scritta dell Esame di Stato. Si fa riferimento a quanto stabilito nella Programmazione del Dipartimento di Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 13/ 52

14 valutazione LETTERE e nella programmazione annuale del Consiglio di Classe. La valutazione si baserà su un congruo numero di prove scritte (tutte le tipologie della prima prova d esame) e orali. La valutazione sara di tipo: - settoriale (relativa a singole conoscenze) - formativa (mirante al recupero delle carenze attraverso l analisi dell errore con lavoro in classe e a casa individualizzato a seconda dei deficit rilevati - sommativa (funzionale alla valutazione finale). Le verifiche tenderanno ad accertare sia il raggiungimento dell obiettivo minimo (livello di sufficienza) sia livelli superiori o di eccellenza, attraverso proposte formulate in modo da consentire all alunno di familiarizzare con le prove d esame. Si esplicitano per il raggiungimento del livello di sufficienza i seguenti requisiti: - conoscenza e comprensione degli elementi base della disciplina; - esposizione corretta e sufficientemente organica; - applicazioni nel complesso corrette, anche se in situazioni non molto diversificate da quelle note. Per il livello di eccellenza si richiedono: - conoscenze approfondite; - capacità di analisi e di sintesi adeguatamente affinate; - intuito e autonomia nella risoluzione delle questioni proposte e nella rielaborazione critica anche di fronte a situazioni complesse diversificate da quelle note; - rigore logico ed espositivo con padronanza del lessico specifico. Le griglie relative ai criteri di valutazione dipartimentali sono pubblicate nel POF e sono disponibili sul sito del liceo (area docenti Dipartimenti). 6. Approfondimento Nel pentamestre si prevede un corso articolato in alcuni incontri dedicati ad argomenti curricolari che richiedono eventuali approfondimenti per la preparazione agli Esami di Stato. Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 14/ 52

15 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Anno scolastico DOCENTE: Prof. ssa Roberta VALLUCCI CLASSE 5 SEZ. C MATERIA DI INSEGNAMENTO: Lingua e Letteratura Latina LIBRO DI TESTO: B. CONTE E. PIANEZZOLA Fondamenti di letteratura latina. L età imperiale. LE MONNIER SCUOLA, 2011, vol. 3. Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 15/ 52

16 1. Obiettivi Didattici Nel corso dell'anno scolastico , oltre a perseguire gli obiettivi generali, individuati dal Dipartimento di Lettere (si fa riferimento a quanto stabilito nella Programmazione Generale del Dipartimento di Lettere, consultabile nel sito della Scuola) e quelli trasversali specificati nella Programmazione del Consiglio di classe, saranno perseguiti i seguenti obiettivi formativi disciplinari: CONOSCENZE 1. Conoscere i rispettivi contenuti disciplinari. 2. Acquisire una corretta conoscenza relativa alle strutture della lingua latina. ABILITA 1. Riconoscere le strutture sintattiche, morfologiche, lessico-semantiche e retoriche. 2. Distinguere la tipologia dei testi. 3. Tradurre testi latini. 4. Individuare i caratteri salienti della letteratura latina e collocare i testi e gli autori nella storia letteraria 5. Schematizzare per punti, in forma concisa e con rigore logico,mettendo in evidenza la struttura dei ragionamenti, discorsi, tesi, desumibili dai testi letti. 6. Esprimersi in modo corretto, con coerenza, coesione e proprietà lessicale. COMPETENZE 1. Acquisire abilità di lettura e analisi di un testo letterario : - riconoscimento degli aspetti formali - individuazione dei significati fondamentali 2. Rielaborare creando collegamenti e comparazioni tra gli argomenti studiati. 3. Indicare gli elementi di continuità e di alterità nelle forme letterarie. 4. Riconoscere i rapporti del mondo latino con la cultura moderna 2. Contenuti e tempi Trimestre MODULO A Letteratura Latina Modulo 1 La letteratura nel I secolo (14-96 d.c.) 1 U La favola: FEDRO Fabulae 2 U SENECA: Dialoghi. Lettere a Lucilio. Tragedie. Apokolokyntosis I Percorso Tematico: La concezione del tempo T De brevitate vitae: I,1-4 (lat.); II,1-3 (lat.-ital.); VIII,1-5 (lat.). T Epistulae morales ad Lucilium: I (lat.); XXIV,18-21 (lat.); CI,1-9 (ital.). II Percorso Tematico: Il tema della morte T Consolatio ad Marciam XIX, 4 XX, 3 (lat.) T Epistulae morales ad Lucilium LXX,14-19 (ital.). III Percorso Tematico: La virtù stoica T De vita beata LVI (lat.-ital.). T Epistulae morales ad Lucilium XVI (ital.); XLI,1-5 (lat.). T De otio III ; IV ; VI (ital.). T De constantia sapientis V, 3-5 (ital.). IV Percorso Tematico: Seneca poeta satirico T Apokolokyntosis 1-4; (ital.) 3 U PETRONIO: Satyricon T Cena Trimalchionis 31,3-33,8; 44,1-46,8; 71,1-12; 75,10-77,6 (ital.) T La matrona di Efeso (ital.) MODULO B Strutture morfologiche e sintassi dei casi Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 16/ 52

17 Pentamestre MODULO A Letteratura Latina Modulo 1 La letteratura nel I secolo (14-96 d.c.) 4 U L epica dopo Virgilio: LUCANO e STAZIO 5 U La satira: PERSIO e GIOVENALE 6 U La cultura scientifica : PLINIO IL VECCHIO Naturalis historia 7 U L epigramma: MARZIALE 8 U La pedagogia: QUINTILIANO Institutio oratoria. Modulo 2 La prosa nel II secolo ( a.c.) 1 U PLINIO IL GIOVANE: L Epistolario e il Panegyricus 2 U TACITO: Agricola. Germania. Dialogus de oratoribus. Historiae.Annales. 3 U La storiografia «minore»: SVETONIO De viris illustribus e De vita Caesarum. 4 U APULEIO Metamorfosi o L Asino d oro: I Percorso Tematico: Le peripezie di Lucio T 1,1; 1,2-3; 3,21-22; 9,14,2-16; 22,5-23; 11,29-30 (ital.) II Percorso Tematico: La favola di Amore e Ps iche T 4,28; 4,32-33; 6,1-5 (ital.). MODULO B Strutture morfologiche e sintassi dei casi 3. Metodi Momento esplicativo da parte del docente Momento laboratoriale:apprendimento in situazione attraverso l interazione docente/studente; studente/studente (per es. registrazione di appunti, interpretazione) Momento rielaborativo dello studente: analisi e riflessione sul testo latino. Lezione interattiva: analisi guidate, proposte interpretative e di traduzione. Assegnazione del lavoro a casa e verifica in classe dello stesso. Lettura di testi latini in lingua italiana. 4. Strumenti di lavoro Libro di testo. Lezione frontale ( con registrazione degli appunti) Lezione interattiva. Dispense e schemi preparati dal docente Esercizi e lavori di approfondimento a casa. Lavoro di ricerca Correzione ed analisi degli errori commessi nelle verifiche Lavagna. LIM. Fotocopie. INTERNET 5. Strumenti di verifica e criteri di valutazione Tipologia Sondaggi dal posto di verifiche Esercitazioni in classe e/o a casa Prove strutturate Versioni dal latino e analisi con testo a fronte Questionari Analisi e compilazione di documenti Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 17/ 52

18 Numero di verifiche Criteri di valutazione Trattazione sintetica di argomento con massimo di righe (preparazione terza prova esame di Stato) Prove orali di vario tipo ( interrogazioni brevi e lunghe, discussioni, commenti) Prove miste, articolate in modo da dare una valutazione sia per lo scritto che per l orale. Si conferma quanto stabilito dal Dipartimento di Lettere dell Istituto riguardo al numero minimo di verifiche, si stabilisce quanto segue: - per il trimestre due prove (complessive tra scritte e orali); - per il pentamestre tre prove (complessive tra scritte e orali). Alcune verifiche scritte potranno essere strutturate in modo tale da essere valutate in parte con voto per lo scritto e in parte con voto per l orale. Nel pentamestre si prevede simulazioni di terza prova (trattazione sintetica) Si fa riferimento a quanto stabilito nella Programmazione del Dipartimento di LETTERE e nella programmazione annuale del Consiglio di Classe. Le griglie relative ai criteri di valutazione dipartimentali sono pubblicate nel POF e sono disponibili sul sito del liceo (area docenti Dipartimenti). La valutazione si baserà su un congruo numero di prove scritte (traduzione, trattazioni sintetiche,analisi testuali) e orali. La valutazione sara di tipo: - settoriale (relativa a singole conoscenze) - formativa (mirante al recupero delle carenze attraverso l analisi dell errore con lavoro in classe e a casa individualizzato a seconda dei deficit rilevati - sommativa (funzionale alla valutazione finale). Le verifiche tenderanno ad accertare sia il raggiungimento dell obiettivo minimo (livello di sufficienza) sia livelli superiori o di eccellenza, attraverso proposte formulate in modo da consentire all alunno di familiarizzare con le prove d esame. Si esplicitano per il raggiungimento del livello di sufficienza i seguenti requisiti: - conoscenza e comprensione degli elementi base della disciplina; - esposizione corretta e sufficientemente organica; - applicazioni nel complesso corrette, anche se in situazioni non molto diversificate da quelle note. Per il livello di eccellenza si richiedono: - conoscenze approfondite; - capacità di analisi e di sintesi adeguatamente affinate; - intuito e autonomia nella risoluzione delle questioni proposte e nella rielaborazione critica anche di fronte a situazioni complesse diversificate da quelle note; - rigore logico ed espositivo con padronanza del lessico specifico. Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 18/ 52

19 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Anno scolastico Docente: MIRELLA MARTINO Classe 5 sez. C Materia di insegnamento: INGLESE Libro di testo: Marina Spiazzi, Marina Tavella. ONLY CONNECT New Directions. Zanichelli Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 19/ 52

20 1. Obiettivi Didattici Nel corso dell'anno scolastico , oltre a perseguire gli obiettivi generali, individuati dai singoli Dipartimenti, e quelli trasversali specificati nella Programmazione del Consiglio di classe, saranno perseguiti i seguenti obiettivi disciplinari: Conoscenze La storia delle isole britanniche dalla seconda metà del Settecento ai nostri giorni La storia della letteratura in inglese dalla fine del Settecento ai nostri giorni Autori e testi scelti come da programma in dettaglio Conoscenza del lessico microlinguistico legato alla storia delle idee, la critica letteraria e la storia Competenze Competenze comunicative orali relative ad aree astratte del sapere, atte alla relazione di fatti storici e alla analisi del testo letterario nelle sue componenti La formazione del senso critico, della capacità di individuare relazioni causali fra i fatti facendo emergere anche le tecniche di manipolazione dei linguaggi La presa di coscienza degli usi particolari dei linguaggi, sia di tipo persuasivo che artistico. La formazione umana, sociale e culturale mediante l approccio al testo come veicolo di una weltanschauung La formazione interculturale che porti a ridefinire i propri atteggiamenti nei confronti del diverso da sé, La formazione del senso civico come senso delle proprie responsabilità nei confronti delle comunità di cui si fa parte, educazione alla collaborazione e alla solidarietà. Capacità Analizzare un testo letterario come macchina che costruisce senso (U. Eco) nelle sue componenti costitutive Riferire e collegare eventi storici, pensiero filosofico, storia delle idee, autori e singoli brani Obiettivi educativi e didattici minimi in termini di conoscenze, competenze e capacità: Conoscenze La storia delle isole britanniche dalla seconda metà del Settecento ai nostri giorni nelle sue linee generali La storia della letteratura in inglese dalla fine del Settecento ai nostri giorni nelle sue linee generali Autori e testi scelti come da programma in dettaglio nelle loro linee generali Conoscenza del lessico microlinguistico di base legato alla storia delle idee, la critica letteraria e la storia Competenze Competenze comunicative orali relative ad aree astratte del sapere, atte alla relazione di fatti storici e alla analisi del testo letterario nelle sue componenti, anche con imprecisioni formali e sintattiche La formazione del senso critico, della capacità di individuare relazioni causali fra i fatti Elaborato da RQI Verificato da DS Approvato da DS PAG. 20/ 52

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli