LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI PESCARA DOCUMENTO FINALE CLASSE V SEZ. H INDIRIZZO: P.N.I. MATEMATICA E FISICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI PESCARA DOCUMENTO FINALE CLASSE V SEZ. H INDIRIZZO: P.N.I. MATEMATICA E FISICA"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. GALILEI PESCARA DOCUMENTO FINALE CLASSE V SEZ. H INDIRIZZO: P.N.I. MATEMATICA E FISICA ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI SUPERIORI (L. 425/97 D.P.R. 323/98 art. 5.2) Redatto dal Consiglio di Classe ed approvato nella seduta del 14/05/2014 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Coordinatore: Prof. Edoardo Gentile

2 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Componente docenti: DOCENTE MATERIA FIRMA Alfredo Andreozzi Elena Campominosi Giovanna Cortese Marina Di Loreto Vincenzo Esposito Fabrizia Floro Edoardo Gentile Giorgio Guidi Simonetta Liberatore Educazione fisica Matematica Scienze Italiano e Latino Disegno e Storia dell arte Inglese Storia e Filosofia Fisica I.R.C. Docente coordinatore: prof. Edoardo Gentile Docente segretario: prof. ssa Simonetta Liberatore ELENCO DEGLI ALUNNI 1. AGUSTO Antonio 2. CIARFELLA Alessandro 3. CIRELLI Amerigo 4. DA FERMO Vanessa 5. DI CAMILLO Carola 6. DI FABIO Samuele 7. DI FULVIO Matteo 8. DI MICHELE Marina 9. MARIANI Pierpaolo 10. MASCIONE Matteo 11. PAOLINI Cinzia 12. PAPARELLA Fabio 13. POMPA Pierfrancesco 14. ROLLI Maria Giulia 15. ROMANO Michele 16. SCOCCHERA Lorenzo 17. SPADANO Stefano 18. TOLLI Alessandro 19. TRIOZZI Francesco 20. VARELLI Fabrizio 2

3 CONTENUTI DEL DOCUMENTO Presentazione della classe Obiettivi educativi generali e obiettivi cognitivi trasversali Attività integrative ed extracurricolari Criteri e strumenti di verifica e valutazione e griglia di corrispondenza tra i voti e i livelli di conoscenze, abilità e competenze Criteri di assegnazione del credito scolastico Metodi, mezzi e strumenti Attività di sostegno e approfondimento Criteri per la progettazione delle terze prove Testo delle simulazioni della terza prova Griglia per la valutazione della terza prova scritta Griglie per la valutazione della prima prova nelle varie tipologie Griglia per la valutazione della seconda prova scritta Griglia per la valutazione del colloquio Relazione finale e programma svolto alla data del 15 maggio, e da svolgere nel periodo successivo nelle singole materie: Italiano Latino Matematica Fisica Filosofia Storia Scienze Inglese Disegno e Storia dell arte Educazione fisica I.R.C. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe 5ª H è costituita da venti alunni (tre degli iscritti dell anno precedente si sono trasferiti), dei quali quindici maschi e cinque femmine; nessuno di essi è ripetente. Una parte risiede fuori città, e utilizza i mezzi pubblici per venire a scuola. I componenti del consiglio di classe, dal terzo anno in poi, sono rimasti gli stessi: è stata pertanto assicurata la continuità didattica. Per quanto concerne le relazioni all interno del gruppo classe, esso ha raggiunto un apprezzabile livello di coesione; pur non mancando gli inevitabili sottogruppi, gli alunni sono complessivamente affiatati, solidali e ben organizzati. Il livello d integrazione del gruppo classe è quindi buono, e il tenore delle relazioni positivo. La classe è nel complesso disponibile nei confronti delle attività proposte; un gruppo più espansivo interviene con maggior frequenza, altri hanno bisogno di essere coinvolti, ma non si sottraggono. Per quanto concerne il comportamento, gli alunni hanno acquisito un buon livello di scolarizzazione: corretti, attenti e partecipi, hanno frequentato con regolarità, pur con qualche eccezione. Alcuni alunni si sono impegnati assiduamente e sistematicamente; altri lo hanno fatto con regolarità, altri ancora hanno attivato un impegno selettivo e non sempre adeguato. Il lavoro di questi ultimi è stato finalizzato all assolvimento delle verifiche sommative, facendo emergere un atteggiamento utilitaristico. Dal punto di vista didattico il gruppo classe nell arco del triennio ha progressivamente rafforzato le proprie procedure e metodologie di lavoro, e quindi le proprie abilità e competenze. In generale gli alunni hanno conseguito gli obiettivi previsti nella programmazione di classe, alcuni pienamente e con sicurezza, altri in maniera adeguata, altri ancora con difficoltà. 3

4 Va sottolineato che per quanto riguarda il profitto la classe ha ottenuto risultati migliori nelle discipline scientifiche. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI E OBIETTIVI COGNITIVI TRASVERSALI Il Consiglio di classe si è richiamato alle competenze di cittadinanza (tratte dal Decreto Legislativo 22 agosto 2007 Regolamento del Ministero della Pubblica Istruzione) come criterio generale per il conseguimento dei propri obiettivi educativi e cognitivi trasversali. Con tale richiamo il Consiglio di classe intende ispirarsi alle più generali indicazioni dell Unione Europea (documento del 18 dicembre 2006) che fanno riferimento alle competenze di seguito precisate. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI (COMPETENZE DI CITTADINANZA) 1) Acquisire un comportamento autonomo e responsabile 2) Collaborare e partecipare 3) Acquisire e interpretare l informazione 4) Individuare collegamenti e relazioni 5) Comunicare 6) Risolvere problemi 7) Progettare 8) Imparare ad imparare OBIETTIVI COGNITIVI TRASVERSALI 1a) Educazione alla legalità, intesa come rispetto autentico delle regole, crescita della coscienza civica e promozione della tutela del patrimonio collettivo 1b) consolidamento delle capacità di scelta autonoma e di azione consapevole di fronte alle diverse proposte di modelli e valori 2a) Gestione delle relazioni interpersonali connotata dal rispetto di sé e degli altri, dalla collaborazione con gli operatori con cui la classe si confronta nell ambito delle attività didattiche anche extracurricolari 2b) Partecipazione costruttiva e responsabile nei momenti di confronto, dialogo, discussione 2c) Comprensione, rispetto e valorizzazione delle differenze culturali 3a) Acquisizione critica e ragionata dei contenuti 3b) Autonomia nella capacità di decodificare un testo desumendo conclusioni implicite e significati profondi e sottesi 3c) Contestualizzazione di un opera o testo in coordinate storico culturali di più ampio respiro 4a) affinamento delle capacità logiche di analisi, sintesi, astrazione, argomentazione e strutturazione organica; 4b) Capacità di utilizzare anche in ambiti disciplinari diversi le conoscenze e/o le metodologie acquisite; 4c) Rafforzamento della capacità di armonizzare in un ottica interdisciplinare i contenuti appresi in ambiti specifici 5a) Affinamento della competenza linguistica nelle sue più ampie sfaccettature e arricchimento dei linguaggi specifici; 5b) Autonoma capacità di esporre organicamente i contenuti nella produzione scritta e/o orale 6a) Acquisizione della capacità di generalizzazione di formule e leggi e di applicazione in contesti affini 6b) Affinamento delle capacità di analisi, sintesi e argomentazione 7a) Capacità di autonomia di studio 7b) Potenziamento della capacità di lavorare anche in gruppi o di pianificare un attività rispettando le consegne ricevute 8a) Consolidamento del metodo di studio 8b) Assunzione di un atteggiamento problematizzante e aperto al confronto costruttivo 8c) Potenziamento della capacità di connessione interdisciplinare, di contestualizzazione e di attualizzazione 8d) Affinamento della capacità di autocorrezione e autovalutazione 4

5 ATTIVITÀ INTEGRATIVE ED EXTRACURRICULARI Si premette che la classe, nel terzo e quarto anno di corso, ha partecipato al Progetto europeo Comenius riguardante i cambiamenti climatici. Nel corso dell ultimo anno la classe ha effettuato le seguenti attività integrative curricolari ed extracurricolari, svolte nell ambito della programmazione didattica: conferenza presso il cinema Massimo su Gabriele d Annunzio illusionista dell io, relatore D. Rondoni; conferenza nell Aula Magna del liceo sulla Dissoluzione dell Io, relatore il prof. G. Maddalena, Università del Molise; conferenza nell Aula Magna del liceo su allergie ed inquinamento, relatore il dott. G. Silvestre, primario di Neurofisiopatologia pediatrica presso l Ospedale civile di Pescara; viaggio di istruzione in Austria, Ungheria e Slovenia; progetto sull Orientamento alle Scelte future: 10 in Condotta sui banchi e nella Vita. attività varie di orientamento alla scelta dell università. CRITERI E STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Ogni alunno ha diritto ad una valutazione trasparente e tempestiva. Essa ha come oggetto il processo di apprendimento, il comportamento e il rendimento scolastico complessivo degli alunni. La valutazione inoltre concorre, con la sua finalità anche formativa e attraverso l individuazione delle potenzialità e delle carenze di ciascun discente, ai processi di autovalutazione degli alunni medesimi, al miglioramento dei livelli di conoscenza e al successo formativo. Oltre al ruolo classico di certificazione dell apprendimento, essa assume l ulteriore e fondamentale compito di regolazione dell attività didattica, che si esplica nella rilevazione di informazioni concernenti il processo di apprendimento, con lo scopo di fornire una base empirica all assunzione delle decisioni didattiche. La valutazione non terrà solo conto delle conoscenze, delle abilità e delle competenze acquisite, ma anche dei modi dell acquisizione, nonché dei livelli di partenza di ciascun alunno e, quindi, dei progressi da lui compiuti e degli sforzi messi in atto per compierli. In particolare, sono considerati i seguenti aspetti: - livello di acquisizione delle conoscenze, abilità e competenze; - corretto uso di sottocodici, organizzazione ed espressione dei contenuti appresi; - grado di rielaborazione concettuale; - miglioramento rispetto al livello di partenza; - grado di impegno, di organizzazione e capacità di recupero delle lacune e dei deficit di apprendimento; - qualità del lavoro scolastico rilevabile in termini di attenzione, partecipazione e assiduità del dialogo educativo, collaborazione, sistematicità, puntualità rispetto alle consegne; - partecipazione alla vita scolastica e alle attività integrative. Ciascun docente compirà le verifiche all interno della sua area disciplinare, nei modi indicati all interno delle singole programmazioni. Le verifiche scritte (due per il trimestre e tre per il pentamestre) sono atte a verificare tempestivamente l acquisizione da parte degli alunni delle conoscenze, capacità e competenze previste per ciascuna unità d apprendimento; sono discusse in classe e consegnate agli alunni entro 20 giorni dalla loro effettuazione. Per l orale sono previsti due colloqui orali per il trimestre e due per il pentamestre. 5

6 Gli indicatori della verifica orale sono: Abilità linguistiche Conoscenze generali e specifiche Capacità elaborative, logiche e critiche Chiarezza espositiva Scientificità e precisione del lessico utilizzato Padronanza e pertinenza dei contenuti Raccordi pluridisciplinari Sviluppo delle argomentazioni Elaborazione personale originale STRUMENTI PER LA VERIFICA FORMATIVA Strumento utilizzato Ital. Lat. Ingl. Storia Fil. Scienze Mat. Fis. Arte Interrogazione X X X X X X X X X X X Prove strutturate Prove semistrutturate Traduzioni Produzione delle diverse tipologie del testo X X X Ed. Fis. I.R.C. X X X X X X X X X X X X X X Analisi di testi X X X X Relazione X X X X X X Esercizi e problemi X X X X STRUMENTI PER LA VERIFICA SOMMATIVA Strumento utilizzato Ital. Lat. Ingl. Storia Fil. Scienze Mat. Fis. Arte Interrogazione X X X X X X X X X X X Prove strutturate Prove semistrutturate Traduzioni Produzione delle diverse tipologie del testo X X X 6 Ed. Fis. Rel. X X X X X X X X X X X X X X Analisi di testi X X X X Relazione X X X X X X Esercizi e problemi X X X X

7 GRIGLIA DI CORRISPONDENZA TRA I VOTI E I LIVELLI DELLE CONOSCENZE, ABILITÀ E COMPETENZE La seguente griglia è da utilizzarsi nella valutazione sommativa (scrutinio del trimestre, valutazione intermedia del pentamestre, scrutinio finale). Da tale griglia i docenti desumono anche gli indicatori per la valutazione delle singole prove scritte e orali, dove hanno a disposizione l intera scala decimale dei voti. VOTI CONOSCENZE OBIETTIVI ABILITÀ E CAPACITÀ DUE Nessuna o rifiuto della prova. Nessuna o non espresse. TRE Gravemente lacunose e non pertinenti. Applicazione inesistente o gravemente errata. Non è in grado di effettuare analisi, sintesi, collegamenti. Non utilizza il linguaggio specifico. QUATTRO CINQUE Lacunose e frammentarie. Non sa cogliere il senso di un informazione e risponde in modo disorganico e dispersivo. Frammentarie e superficiali o non sempre corrette. Coglie in modo incerto il senso di una informazione. Applicazione errata. Fatica ad orientarsi e effettua in modo scorretto analisi, sintesi, collegamenti. Non utilizza il linguaggio specifico. Applicazione con errori non gravi. Effettua analisi/sintesi/collegamenti parziali e imprecise. L utilizzo del linguaggio specifico è incerto. SEI Complete ma essenziali. Coglie il senso delle informazioni ma non le organizza autonomamente. Applicazione con qualche imperfezione. Effettua semplici analisi, sintesi, collegamenti. Utilizza un linguaggio corretto ma poco articolato. SETTE Corrette ed esaurienti. È autonomo nella comprensione. Applicazione sostanzialmente corretta. Riesce ad organizzare le conoscenze e le procedure di analisi, sintesi, collegamenti acquisite. Utilizza un linguaggio specifico e appropriato. OTTO Complete e approfondite. Riesce ad interpretare con sicurezza ed autonomia le conoscenze acquisite. Applicazione precisa anche in compiti complessi. Effettua analisi/sintesi/collegamenti approfondite e corrette. Si esprime in modo organico e articolato. NOVE/ DIECI Complete, approfondite, puntuali e rielaborate. Interpreta e organizza autonomamente le conoscenze proponendole anche in modo personale. Applicazione autonoma e rigorosa anche in situazioni nuove. Effettua analisi/sintesi/collegamenti originali. Utilizza un linguaggio specifico ricco e incisivo. 7

8 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO I criteri di assegnazione del credito scolastico sono quelli stabiliti dal Collegio Docenti in data 4 ottobre 2013, e già comunicati agli studenti dal docente coordinatore. In sintesi essi sono: Media In base all appartenenza alla banda di oscillazione è assegnato il relativo punteggio minimo; i decimali eccedenti il voto minimo di fascia vengono calcolati in termini di decimi di punto. Valutazione delle attività interne e esterne Le attività nel loro complesso sono suddivise nelle seguenti quattro fasce: attività irrilevanti punti 0 prima fascia punti da 0,25 a 0,30 seconda fascia punti da 0,50 a 0,60 terza fascia punti 0,75 I punteggi conseguiti in più attività, sia esterne che interne, sono cumulabili. Impegno e partecipazione Il Consiglio di Classe attribuisce da 0,25 punti a 0,50 punti agli studenti che dimostrano particolare impegno e partecipazione, tenendo conto anche del profitto conseguito nell I.R.C. e/o nelle attività integrative. Penalizzazione Il Consiglio di Classe può detrarre 0,25 punti per frequenti assenze, ritardi uscite anticipate e per indisciplina. Punteggio assegnato Qualora lo studente abbia sommato, fra decimi eccedenti il minimo di banda d oscillazione, punteggio attribuito per attività interne ed esterne, eventuali aggiunte o riduzioni per impegno e partecipazione, un punteggio pari ad almeno 0,75, il Consiglio di Classe gli attribuisce il massimo punteggio relativo alla banda di oscillazione nella quale si trova a cadere la sua media. METODI, MEZZI, STRUMENTI METODI: Rispetto al raggiungimento degli obiettivi educativi generali il metodo è stato orientato: al dialogo, cioè alla valorizzazione della relazione docente alunno, nel rispetto dei ruoli di ciascuno; all esperienza di situazioni nelle quali gli alunni potessero sperimentare i benefici di una civile convivenza democratica; al confronto su questioni di particolare rilevanza etica e civile. Rispetto al raggiungimento degli obiettivi cognitivi il metodo è stato improntato al dibattito, mediante la valorizzazione di un approccio comunicativo, fortemente problematico e tendenzialmente induttivo, nel pieno rispetto dello statuto tipico di ogni disciplina. È stata privilegiata, cioè, una strategia tesa a creare apprendimenti significativi e a potenziare, quindi, le esperienze, le capacità critiche e l autonomia di lavoro e di giudizio degli alunni, affinché essi non siano semplici ripetitori di un sapere acquisito una volta per tutte. MEZZI: I mezzi sono stati: a) lezione frontale, ma aperta alla partecipazione degli alunni e volta alla problematizzazione degli argomenti; c) lezione dibattito come sintesi dialettica dei contributi di ciascuno; 8

9 d) attività di laboratorio; e) letture, analisi, lavori in classe. Le tipologie di lavoro proposte sono state: a) questionari a risposta aperta e trattazioni sintetiche; b) lettura e analisi di testi; lettura, analisi e soluzione di problemi; esercizi di vario tipo; c) elaborazione di saggi brevi e/o temi di ordine generale e/o di argomento storico; e) relazioni; f) ricerche; g) colloqui. STRUMENTI: Gli strumenti sono stati: a) libri di testo; b) mappe concettuali e/o schematizzazioni; d) materiali di approfondimento da altri testi e/o dalla rete; e) materiale pubblicistico; f) materiale audio visivo; g) materiali di laboratorio. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E APPROFONDIMENTO Conformemente a quanto previsto nella Delibera del Collegio Docenti del e nella Circolare n. 31 del , il Consiglio di classe ha individuato i seguenti interventi di sostegno e/o supporto all interno dei quali ciascun docente, sulla base dei bisogni degli alunni, poteva all occorrenza scegliere una o più tipologie: innovazioni relative all organizzazione della didattica di classe (peer education); interventi didattici individualizzati; diversificazione delle consegne di studio a casa; interventi programmati per agire sulla motivazione allo studio e sull aumento dell autostima; sportello a richiesta individuale. È stato inoltre attivato il Corso di recupero in matematica rivolto agli alunni che alla fine del trimestre hanno avuto il debito scolastico. Per quanto riguarda le attività di approfondimento si rimanda alle attività integrative ed extracurricolari. CRITERI PER LA PROGETTAZIONE DELLA TERZA PROVA Sebbene la definizione dei contenuti e delle modalità della terza prova spetti alla Commissione d esame, il consiglio di classe ha deciso di sottoporre agli alunni due simulazioni della terza prova, entrambe della tipologia A, ovvero la trattazione sintetica di argomenti entro un massimo di venti righe. Il consiglio ha deciso inoltre di proporre in entrambe le simulazioni la prova di inglese. Più precisamente, per la prima simulazione sono state scelte le seguenti discipline: filosofia, latino, geografia astronomica, inglese; per la seconda simulazione sono state scelte le seguenti discipline: fisica, inglese, storia, storia dell arte. 9

10 TESTO DELLE SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA Testo della prima simulazione effettuata il giorno 26 marzo 2014: Filosofia: Quali sono secondo Hegel i momenti fondamentali dell andamento dialettico della realtà, e come si relazionano tra loro? Geografia astronomica: Il ciclo litogenetico. Inglese: The war poets managed to represent modern warfare in a realistic and unconventional way and to awaken the conscience of the readers to the terror of war. Consider the poets and the poems you have studied and give examples pointing out different writing techniques and messages. Latino: La retorica e l oratore nella prima età imperiale. Testo della seconda simulazione effettuata il giorno 28 aprile 2014: Fisica: Una carica accelerata genera un onda elettromagnetica: documenta questo principio in tre situazioni diverse corrispondenti a tre diverse bande dello spettro elettromagnetico. Inglese: One of the recurrent themes in Dubliners by J. Joyce is the paralysis of Dublin, a paralysis that is both physical and spiritual. Explain how this theme is expressed in the stories you have read. Consider the main characteristics of J. Joyce s style of writing and say which type of narrative technique and language he uses. Give examples from what you have read. Storia: Traccia un bilancio del periodo giolittiano, soffermandoti sugli aspetti della politica interna ed estera che ritieni più significativi. Storia dell arte: Il candidato descriva con una trattazione sintetica (max. 20 righe) l opera raffigurata (Colazione sull erba di Manet). 10

11 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO TIPOLOGIA A: ANALISI DEL TESTO INDICATORI Comprensione complessiva del testo Analisi del testo Elementi di approfondimento e/o contestualizzazione (pertinenza, ampiezza, rielaborazione) Correttezza espressiva, proprietà lessicale e capacità comunicative DESCRITTORI Accurata Essenziale Approssimativa Scarsa Gravemente carente Accurata ed esauriente Ben articolata Adeguata Essenziale Superficiale Lacunosa Gravemente lacunosa Approfonditi ed accurati Ben articolati Adeguati Sufficientemente sviluppati Superficiali Lacunosi Gravemente lacunosi Elevate Appropriate Accettabili Non appropriate Inadeguate Gravemente inadeguate PUNTEGGI IN QUINDICESIMI , , , ,5 CORRISPONDENZA TRA LA SCALA NUMERICA DEL 10 E QUELLA DEL 15 SCALA DEL 10 SCALA DEL <

12 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO TIPOLOGIA B: SAGGIO BREVE E ARTICOLO DI GIORNALE INDICATORI Rispetto della tipologia testuale ed efficacia espressiva del testo Comprensione, utilizzazione, rielaborazione critica del corredo informativo Sviluppo dei contenuti e delle argomentazioni (pertinenza, ampiezza, coerenza logico argomentativa) Correttezza espressiva, proprietà lessicale e capacità comunicative DESCRITTORI Eccellenti Adeguati Essenziali Limitati Gravemente carenti Eccellenti/originali Adeguate Accettabili Limitate Inadeguate Gravemente inadeguate Eccellente Adeguato Complessivamente appropriato Essenziale Carente Gravemente carente Elevate Appropriate Accettabili Non appropriate Inadeguate Gravemente inadeguate PUNTEGGI IN QUINDICESIMI , ,5 CORRISPONDENZA TRA LA SCALA NUMERICA DEL 10 E QUELLA DEL 15 SCALA DEL 10 SCALA DEL <

13 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO TIPOLOGIA C e D: TEMA DI ORDINE GENERALE E ARGOMENTO STORICO INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGI IN Pertinenza della traccia, completezza dello svolgimento e correttezza dei contenuti Sviluppo e coerenza delle argomentazioni e/o delle esposizioni Costruzione del testo (coesione, organicità e coerenza formale) Correttezza espressiva, proprietà lessicale e capacità comunicative Eccellenti Adeguate Complessivamente appropriate Essenziali limitate Gravemente carenti Rigorosi, ampi e criticamente rielaborati Adeguati ed efficaci Complessivamente appropriati Essenziali Carenti Gravemente carenti Coerente, organica e ben elaborata Correttamente articolata Parzialmente e/o confusa e/o imprecisa Inadeguata Elevate Appropriate Accettabili Non appropriate Inadeguate Gravemente inadeguate QUINDICESIMI ,5 CORRISPONDENZA TRA LA SCALA NUMERICA DEL 10 E QUELLA DEL 15 SCALA DEL 10 SCALA DEL <

14 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA Cognome e Nome CRITERI PER LA VALUTAZIONE DESCRITTORI Problema Valore massimo attribuibile: 75/150 Problema 1 Problema 2 Quesiti Valore massimo attribuibile 75/150 (15x5) Q1 Q2 Q3 Q4 Q5 Q6 Q7 Q8 Q9 Q10 Tot. CONOSCENZE Conoscenza di principi, teorie, concetti, termini, regole, procedure, metodi e tecniche Punteggio massimo Punteggio assegnato CAPACITÀ LOGICHE ED ARGOMENTATIVE Organizzazione e utilizzazione di conoscenze e abilità per analizzare, scomporre, elaborare. Proprietà di linguaggio, comunicazione e commento della soluzione puntuali e logicamente rigorosi. Scelta di procedure ottimali e non standard. Punteggio massimo Punteggio assegnato CORRETTEZZA E CHIAREZZA DEGLI SVOLGIMENTI Correttezza nei calcoli, nell applicazione di tecniche e procedure. Correttezza e precisione nell esecuzione delle rappresentazioni geometriche e dei grafici. Punteggio massimo Punteggio assegnato COMPLETEZZA Problema risolto in tutte le sue parti e risposte complete ai quesiti affrontati. Punteggio massimo Punteggio assegnato TABELLA DI CONVERSIONE DAL PUNTEGGIO GREZZO AL VOTO IN QUINDICESIMI Punteggio Voto Voto assegnato /15 14

15 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA CANDIDATO/A: PUNTEGGIO TOTALE CONSEGUITO: NOTA Il punteggio totale conseguito scaturisce dalla media aritmetica dei punteggi complessivi ottenuti per le singole discipline, con l eventuale arrotondamento. DISCIPLINA: INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO (in 15 mi) GIUDIZIO SINTETICO PUNTEGGIO ASSEGNATO PUNTEGGIO COMPLESSIVO Non risponde oppure conoscenza errata 1 / scarso Conoscenza degli argomenti Inesatta e approssimata oppure parziale e superficiale Abbastanza corretta Corretta 2 3 / insuff. mediocre 4 / quasi sufficiente 5 / pienamente sufficiente Puntuale, esaustiva, approfondita, sintetica e dettagliata 6 7 / buono ottimo Non risponde oppure esposizione incomprensibile 1 / scarso Forma e lessico Esposizione elementare, poco coesa e non priva di errori; lessico non sempre adeguato Esposizione sufficientemente adeguata 2 / insufficiente mediocre 3 / sufficiente / 15 Esposizione fluida e lessico appropriato 4 / discreto Esposizione chiara, scorrevole, coesa e lessico particolarmente ricco 5 / buono ottimo Argomentazioni assenti oppure non pertinenti 1 / scarso Capacità argomentativa Argomentazioni sufficientemente pertinenti e rielaborate in modo personale Argomentazioni logiche, coerenti, pertinenti e rielaborate in modo personale 2 / sufficiente 3 / buono Questa tabella va ripetuta per il numero delle materie concorrenti la terza prova (4 volte). CORRISPONDENZA TRA LA SCALA NUMERICA DEL 10 E QUELLA DEL 15 SCALA DEL 10 SCALA DEL <

16 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO INDICATORI Competenze linguistiche Competenze generali e specifiche Capacità elaborative, logiche e critiche SCALA DEI PUNTEGGI DESCRITTORI Medio Suff./ Buono/ Insuff. cre discr. Ottimo Eccell. Morfosintassi e lessico Sviluppo delle argomentazioni Padronanza dei contenuti Raccordi pluridisciplinari Elaborazione personale originale TOTALE: Punt. asseg. La prova del Candidato è stata valutata secondo gli indicatori e descrittori contenuti nella griglia suddetta ed è stata, complessivamente, giudicata di livello SCALA COMPARATIVA PUNTEGGI PUNTEGGIO IN 10MI LIVELLI Punteggio in 30mi 1 3 Gravemente insufficiente Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Eccellente

17 PROGRAMMA DI ITALIANO (SVOLTO FINO AL 15/05/2014) CLASSE V SEZ. H INSEGNANTE: MARINA DI LORETO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Libri di testo: Materazzi M., La parola letteraria, Loescher, vol. 2, 3A, 3B; Alighieri D., Divina Commedia a cura di A. Marchi, Paravia Il Romanticismo: l età del Romanticismo europeo; lo scontro tra classici e romantici in Italia. Brani antologici: F. Schlegel, Frammento 116, Caratteristiche fondamentali della poesia romantica ; A.W. Schlegel, dal Corso di letteratura drammatica, La melanconia romantica ; P. Giordani, da Sul discorso di madama de Stael. Lettera di un italiano ai compilatori della «Biblioteca italiana», Obiezioni di un classicista ; G. Berchet, dalla Lettera semiseria di Grisostomo, Popolo e poesia. G. Leopardi: la vita; il pensiero e la concezione del mondo; la poetica; la riflessione dello Zibaldone; i Canti: le canzoni, gli idilli, i canti pisano recanatesi, il ciclo di Aspasia; le Operette morali. Brani antologici: dallo Zibaldone, La teoria del piacere ; La funzione poetica del linguaggio ; dai Canti, L infinito, La sera del dì di festa, A Silvia, Canto notturno di un pastore errante dell Asia ; A se stesso ; La ginestra, vv. 1 58, 72 97; ; dalle Operette morali, Dialogo della Natura e di un Islandese ; Dialogo di un venditore d almanacchi e un passeggere. Approfondimento: Il pessimismo leopardiano di S. Timpanaro. A. Manzoni: la vita; il pensiero e la poetica; gli Inni sacri e odi civili (sintesi); la tragedia manzoniana; I promessi sposi: la genesi, un «novel», la struttura narrativa, i temi fondamentali; la lingua e le forme narrative. Brani antologici: dalla Lettera a Monsieur Chauvet, Poesia e storia ; dalla lettera a Cesare D Azeglio, Caratteristiche e funzioni della poesia dalla Prefazione al Conte di Carmagnola, Contro le unità di tempo e di luogo ; dall Adelchi, coro dell atto terzo; da I promessi sposi, L incontro di don Abbondio con i bravi ; L incontro tra padre Cristoforo e don Rodrigo ; Lucia nel castello dell innominato ; Don Rodrigo si ammala di peste. Il romanzo in Italia e in Europa: il romanzo storico; il romanzo «ciclico», il contesto europeo (sintesi). La seconda metà dell Ottocento: quadro storico (sintesi); nuove tendenze filosofiche; le linee di sviluppo del romanzo nel secolo; la società di fine Ottocento. La Bohème e la Scapigliatura: dal Romanticismo al realismo; le tendenze della poesia nell età del realismo; C. Baudelaire; la Bohème parigina; la Scapigliatura milanese. Brani antologici: C. Baudelaire, da I fiori del male, Corrispondenze, L albatro. 17

18 G. Carducci: la vita; il pensiero e la poetica; l itinerario poetico. Brani antologici: dalle Odi barbare, Alla stazione in una mattina d autunno. La narrativa realistica ottocentesca: il romanzo realista della prima metà dell Ottocento (sintesi); il romanzo naturalista; le origini del Verismo. Brani antologici: E. e J. De Goncourt, dalla prefazione a la doppia vita di Germinie Lacertaux, Il romanzo «vero»; E. Zola, da Il romanzo sperimentale, Progresso scientifico e romanzo sperimentale. G. Verga: la vita; il pensiero e la poetica; la lingua ; dagli esordi a Vita dei campi ; i Malavoglia; la seconda fase verista: Novelle rusticane e Mastro don Gesualdo. Brani antologici: dalla Prefazione a L amante di Gramigna, Un importante dichiarazione di poetica ; da Vita dei campi, Rosso Malpelo ; Fantasticheria ; da Novelle rusticane, La roba ; da I Malavoglia, Il traviamento di Ntoni ; da Mastro don Gesualdo, La morte di Mastro don Gesualdo. Il Decadentismo: dalla bella époque alla prima guerra mondiale; dal Positivismo al Decadentismo; intorno al decadentismo: parnassianesimo simbolismo; i fondamenti filosofici del Decadentismo storico; aspetti fondamentali della poetica decadente; modelli e figure dell intellettuale decadente. Brani antologici: O. Wilde, da Il ritratto di Dorian Gray, Il ruolo dell arte P. Verlaine, Languore ; A. Rimbaud, dalla Lettera del veggente, Il poeta veggente. G. Pascoli: la vita; la poetica; il pensiero; Myricae; i Canti di Castelvecchio; l altro Pascoli (i Poemetti, i Poemi conviviali, l ultima produzione poetica). Brani antologici: da Il fanciullino La poetica della fanciullezza (I, II, III); da Myricae, Arano, Lavandare, Temporale, L assiuolo, Il lampo ; da Canti di Castelvecchio, Il gelsomino notturno, La mia sera ; G. D Annunzio: la vita (sintesi); il pensiero e la poetica; vitalismo e panismo giovanile; la fase della voluttà: tra estetismo ed edonismo (Le novelle della Pescara, Il piacere); le opere della bontà e della redenzione (L innocente, Giovanni Episcopo, il Poema paradisiaco); la fase del superomismo (i romanzi, sintesi della la produzione teatrale); la fase matura del panismo(le Laudi); gli esiti estremi del panismo: la fase notturna (le Faville del maglio, il Notturno). Brani antologici: da Il piacere, Presentazione di Andrea Sperelli ; da Le vergini delle rocce, Il monito dell aristocrate a poeti e patrizi ; da Alcyone, La sera fiesolana, La pioggia nel pineto ; Le avanguardie poetiche novecentesche: l identità delle avanguardie; il Crepuscolarismo (sintesi); il Futurismo; l Espressionismo; il Dadaismo, il Surrealismo. Brani antologici: G. Gozzano, dai Colloqui, L amica di nonna Speranza ; F. T. Marinetti, dal Manifesto tecnico della letteratura futurista, La rivoluzione della scrittura ; Il romanzo della crisi: la dissoluzione del romanzo ottocentesco. L. Pirandello: la vita; il pensiero e la poetica; le novelle; i romanzi. Brani antologici: da L umorismo, Comicità e umorismo ; 18

19 da Novelle per un anno, La giara ; Ciarla scopre la luna Dante Alighieri, Commedia: il Paradiso, caratteri generali; lettura e analisi dei canti I, III, vv. 1 51; ; VI, XI, XII; XV, vv. 1 72; ; XVII. Si intende integrare il programma svolto con i seguenti argomenti e autori (corredati da brani antologici) da trattare nella rimanente parte dell anno scolastico compatibilmente con i tempi a disposizione: Pirandello: brani antologici tratti dai romanzi; il teatro; Svevo; la lirica novecentesca: «La Voce» e i «vociani»; la poesia ermetica; S. Quasimodo; G. Ungaretti; E. Montale; la lirica anti novecentista: U. Saba; la narrativa tra le due guerre; la narrativa del neorealismo. RELAZIONE FINALE Gli alunni della V H nel complesso hanno seguito con un certo interesse il percorso didattico, al quale la maggior parte di essi ha partecipato in modo abbastanza attivo, anche se l orario settimanale delle lezioni di Italiano (e di Latino), inserite esclusivamente nella quarta e quinta ora della giornata e concentrate in tre giorni contigui (ad esclusione di un ora), ha ostacolato il lavoro scolastico. Eterogeneo è stato, invece, l impegno profuso dagli alunni in sede extrascolastica, in alcuni casi costante e volto anche all approfondimento, ma spesso attivato soprattutto, o esclusivamente, in occasione delle verifiche per la valutazione; ciò ha determinato, talora, un profitto inferiore alle potenzialità e ha impacciato il superamento di difficoltà e lacune pregresse. Il programma prefissato, con le previste integrazioni da effettuare nella restante parte dell anno scolastico, si può considerare complessivamente svolto nelle sue linee essenziali, anche se ha subìto un ridimensionamento (relativamente agli autori e ai brani antologici) e dei rallentamenti, anche per la necessità di chiarire alcuni argomenti e fornire agli alunni in difficoltà più occasioni per il recupero. Gli alunni hanno in generale conseguito gli obiettivi disciplinari; bisogna tuttavia precisare che in alcuni casi permangono delle lacune relative alle conoscenze e delle difficoltà, evidenti soprattutto nella produzione scritta. Pescara, 15/05/2014 Prof. ssa Marina Di Loreto 19

20 PROGRAMMA DI LATINO (Svolto fino al 15/05/2014) CLASSE V H INSEGNANTE: MARINA DI LORETO Anno scolastico 2013/14 Libro di testo: Garbarino G., Nova opera, vol 1B; 3. Lucrezio: la vita, il De rerum natura. Brani antologici (in Italiano): Argomento del poema ; Il rimprovero della natura III, ; La peste VI, ; Approfondimento: Naufragio con spettatore. L età giulio claudia: quadro storico; vita culturale e attività letteraria. La favola: Fedro. L epica: Lucano La satira: Persio. Il romanzo: il romanzo nel mondo antico; Petronio. Dal Satyricon, L ingresso di Trimalchione ; Chiacchiere di commensali ; La matrona di Efeso. Seneca: la vita; i Dialoghi; i trattati; le Epistulae morales ad Lucilium; le tragedie. Lettura, in Italiano, da Phaedra, Un amore proibito (vv ; ); da Thyestes, Una folle sete di vendetta ( ); dalle Epistulae morales ad Lucilium, Gli umili compiti degli schiavi (47, 5 9) L età dei Flavi: quadro storico; vita culturale e attività letteraria. Stazio: vita; Tebaide, Achilleide; Silvae. Plinio il Vecchio: la vita; Naturalis historia Quintiliano. Marziale. Brani antologici (in italiano): Matrimoni di interesse, Epigrammata, I,10; X,8; X,43) Fabulla, Epigrammata, VIII,79; Betico, Epigrammata, III,77. Approfondimento: L epigramma a Roma e la scelta di Marziale. Il principato adottivo e il ritorno alla libertà (sintesi) 20

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli