DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 O

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 O"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DANIELE CRESPI Liceo Internazionale Classico e Linguistico VAPC02701R Liceo delle Scienze Umane VAPM Via G. Carducci BUSTO ARSIZIO (VA) Fax C.F Cod.Min. VAIS02700D CertINT 2012 ESAME DI STATO A.S. 2013/2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 O INDICE DEL DOCUMENTO Indice del documento Pag. 1 Composizione del Consiglio di Classe Pag. 2 Presentazione della Classe e suo percorso storico Pag. 3 Sintesi del percorso formativo Pag. 5 Obiettivi trasversali effettivamente conseguiti Pag. 6 Attività curricolari ed extracurricolari Pag. 7 Programmazione disciplinare di Religione Cattolica Pag. 9 Programmazione disciplinare di Italiano Pag. 11 Programmazione disciplinare di Latino Pag. 16 Programmazione disciplinare di Storia Pag. 19 Programmazione disciplinare di Filosofia Pag. 22 Programmazione disciplinare di Inglese Pag. 25 Programmazione disciplinare di Tedesco Pag. 28 Programmazione disciplinare di Spagnolo Pag. 31 Programmazione disciplinare di Matematica Pag. 35 Programmazione disciplinare di Fisica Pag. 39 Programmazione disciplinare di Scienze Pag. 41 Programmazione disciplinare di Storia dell arte Pag. 44 Programmazione disciplinare di Educazione Fisica Pag. 45 Simulazione delle prove d esame Pag. 47 Allegati-Indice Pag. 48 Allegato 1- Griglia di valutazione prima prova Pag. 49 Allegato 2- Griglia di valutazione seconda prova Pag. 51 Allegato 3- Griglia di valutazione terza prova Pag. 53 Allegato 4- Griglia d Istituto per Colloquio dell Esame di Stato Pag. 55 1

2 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Docente Materia / e Continuità didattica Firma del docente Sardella Luigi Religione X X Silanos Maria Italiano X X Latino X X X Savati Massimiliano Storia e Filosofia X X * Maffioli Stefania Inglese X X X Stevenson Irene Conversazione Inglese X * Macchi Edoarda Tedesco X X X X Kronfeld Veronika Conversazione Tedesco X * Giana Maria Elisa Spagnolo X X X Arciniega Maria José Conversazione Spagnolo X X X Castiglioni Silvana Matematica X X X X X Fisica X X Fadini Marta Scienze X X Falciola Marco Storia dell Arte X X Paganini Emanuela Educazione Fisica X X X X X Boracchi Cristina Dirigente Scolastico * Con l asterisco sono contrassegnati i Commissari d Esame Docente Coordinatore della classe: Prof.ssa Silvana Castiglioni Rappresentanti degli Studenti 1 Pastorelli Nicolò Firma dei Rappresentanti (sottoscrive i programmi svolti e approva il documento nella sua globalità) 2 Sironi De Gregorio Francesca Busto Arsizio, 15 maggio 2014 Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Cristina Boracchi 2

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE E SUO PERCORSO STORICO Elenco degli Studenti 1. BERTOZZI MARINA 2. BETTIN NOEMI 3. CATTANEO MONICA 4. DALL ARMELLINA BEATRICE 5. DE TOMASI LAURA 6. FABBRO SIMONE 7. GIOVANNINI ALICE 8. GODDI BEATRICE 9. LAURETTA ILARIA 10. MAZZARA FRANCESCA 11. PASTORELLI NICOLO 12. POZZI VIRGINIA 13. RUGA VIRGINIA 14. RUSSELLO ANNACHIARA 15. SCAMPINI EMMA 16. SCARINGELLI NICOLE 17. SILVESTRI GIULIA 18. SIRONI FRANCESCA 19. TESSANDRI CHIARA Risultato dello scrutinio finale dell anno scolastico precedente: N totale studenti N studenti promossi N promossi con debito formativo La classe, composta da diciannove alunni (due maschi e diciassette femmine), ha mantenuto una composizione omogenea nel corso del triennio. Nel suo percorso formativo la classe ha evidenziato un atteggiamento di costante collaborazione basato su corretti rapporti interpersonali e su un dialogo aperto con gli insegnanti, partecipando con interesse alle attività didattiche proposte dal Consiglio di Classe. Sul piano didattico l impegno ed il rendimento scolastico risultano diversificati, come pure stili di apprendimento ed attitudini. In particolare alcuni studenti hanno condotto uno studio preciso ed approfondito, conseguendo un soddisfacente grado di autonomia e una preparazione sicura nella maggior parte delle discipline. Un gruppo, numericamente più consistente, ha mostrato discreto impegno e profitto nel complesso accettabile, consolidando via via conoscenze e competenze. Pur nella naturale diversificazione dei risultati e nonostante permanga da parte di alcuni allievi qualche fragilità nelle discipline dell area scientifica, la preparazione complessiva risulta per tutti pienamente rispondente agli obiettivi prefissati. 3

4 Frequenza scolastica La frequenza scolastica degli alunni nel triennio è stata nel complesso regolare e non si registrano casi di assenza ingiustificata. Continuità didattica Continuità quinquennale per le materie di Matematica ed Educazione Fisica. Continuità triennale per Latino, Tedesco, Spagnolo e Conversazione Spagnolo. 4

5 SINTESI DEL PERCORSO FORMATIVO TEMPI SCOLASTICI Quadro orario settimanale della classe Materia Ore/settimana Lingua e lettere italiane 4 Lingua e lettere latine 3 Storia 3 Filosofia 3 Matematica 3 Fisica 2 Scienze 2 Storia dell arte 2 Inglese Tedesco Spagnolo Educazione fisica 2 Religione 1 Totale 35 5

6 OBIETTIVI TRASVERSALI EFFETTIVAMENTE CONSEGUITI OBIETTIVI FORMATIVI programmati all inizio dell anno per la classe: Motivazione allo studio come momento di formazione personale Capacità di gestione delle situazioni comunicative Capacità di confronto con gli altri Autonomia nel metodo di lavoro Tali obiettivi si possono considerare complessivamente raggiunti: gli studenti, pur nella consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti, hanno mostrato un atteggiamento costruttivo nello studio. Alcuni studenti si sono seriamente impegnati per affrontare le proprie difficoltà facendo rilevare significativi progressi. OBIETTIVI DIDATTICI programmati all inizio dell anno per la classe: Conoscenza dei nuclei concettuali fondamentali delle diverse discipline Padronanza dei lessici disciplinari specifici Applicazione delle capacità logiche di analisi e sintesi Capacità di trasferimento di dati/competenze in ambiti diversi Sviluppo di capacità critica e di rielaborazione personale Tali obiettivi sono stati raggiunti in modo diversificato dagli studenti, in conseguenza delle capacità personali, dell'impegno e della costanza nello studio, dell interesse per le diverse discipline. In particolare, alcuni studenti mostrano di aver sviluppato un atteggiamento riflessivo e un approccio personale e critico ai contenuti delle discipline. 6

7 ATTIVITÀ CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Tra le diverse attività svolte si ricordano come particolarmente significative le seguenti: CLASSE 3 a : Alternanza Scuola Lavoro presso MAGA di Gallarate Progetto Affettività e sessualità Giornata della memoria: proiezione del film-documentario Husher (Memorie) di A. Ohanian; incontro con Antonia Arslan sul genocidio armeno Filosofarti: spettacolo teatrale Simposio Progetto LAIV: Scambio culturale con liceo di Worms in Germania Olimpiadi di Matematica e di Italiano (alcuni alunni) CLASSE 4 a : Spettacolo teatrale in lingua spagnola: La zapatera prodigiosa Alternanza Scuola Lavoro presso MAGA di Gallarate Alternanza scuola lavoro: partecipazione organizzazione dei campionati europei di canottaggio / partecipazione ad eventi organizzati dal FAI (solo alcuni alunni) Progetto Prevenzione tossicodipendenze Giornata della memoria: intervento-testimonianza di Ester De Tomasi Progetto LAIV: Stage linguistico in Inghilterra a Colchester Scambio con corale Worms (solo alcuni studenti) CLASSE 5 a : Spettacolo teatrale in lingua inglese: The picture of Dorian Gray Incontro antiaggressione Incontri di ascolto guidato su Mozart, Beethoven e Chopin a cura della prof.ssa Balabio Alternanza scuola lavoro: partecipazione ad eventi organizzati dal FAI (solo alcuni alunni) Corso di formazione storica sul tema La Grande Guerra Giornata della memoria: rappresentazione teatrale La banalità del male di H.Arendt Attività di orientamento secondo le indicazioni del progetto d istituto 7

8 Visita Agorà della scherma Visita guidata alla mostra di Munch a Genova Viaggio d'istruzione in Spagna Nel corso del triennio alcuni alunni hanno conseguito la certificazione ECDL e sostenuto esami di certificazione esterna per le seguenti lingue: tedesco ZD (B1 e B2), inglese PET (B1) e FCE (B2); per spagnolo, DELE B2, gli esami saranno effettuati nella seconda metà di maggio e sostenuti da 8 studenti. 8

9 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI RELIGIONE CATTOLICA Libro di testo: La Bibbia OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA Riconoscere il contributo della fede in Cristo e della tradizione della Chiesa per il progresso culturale e sociale. Il dialogo con quanti hanno convinzioni diverse. Giustificare le proprie scelte esistenziali in rapporto alla conoscenza della verità. Comprensione del rapporto esistente tra l esperienza di vita e la moralità RISULTATI EFFETTIVAMENTE RAGGIUNTI CONOSCENZE GENERALI E SPECIFICHE: Conoscenza della natura dell esperienza storica di Gesù Cristo e della sua Chiesa. Conoscenza delle linee essenziali della morale cattolica. COMPETENZE: Comprensione dell organicità e problematicità del fatto religioso e del suo significato. Comprensione e lettura critica dei passi biblici. CAPACITA ELABORATIVE, LOGICHE E CRITICHE: Gli alunni hanno compreso che questi contenuti dell'irc sono fondamentali per la formazione e s integrano nella finalità culturale della scuola. Hanno capito il rapporto esistente tra istruzione e coscienza, formazione morale e identità di sé. La logica che ne deriva è quella che colloca ogni nostra azione sullo sfondo della verità e della giustizia insieme unite. CRITERI DI VALUTAZIONE La partecipazione al dialogo educativo è quanto mai necessaria sia per lo svolgimento del programma che per conoscere il pensiero e le problematiche degli stessi alunni. Oltre all esame delle conoscenze acquisite, la valutazione finale risulta pertanto determinata dall attiva partecipazione dimostrata in classe. PROGRAMMA SVOLTO Vangelo di Luca ca. 12: l'esortazione alla vigilanza e alla comprensione del tempo in cui viviamo. La ricerca di Gesù nel vangelo di Luca. La conversione di Zaccheo in Luca 19,1-10 La ricerca di Gesù da parte di Erode: Luca 9,7-9. La ricerca di Gesù da parte delle folle in Luca 4, La parabola dei talenti nel vangelo di Matteo cap. 5 e la fede in Dio. La parabola degli operai al lavoro nella vigna. La giustizia proporzionale degli uomini e la bontà di Dio. La parabola del seminatore e i terreni. Il grano seminato ovunque e la salvezza a tutti offerta. L'arte, l'immaginazione, la creatività. L'apporto del cristianesimo allo sviluppo dell'arte. 9

10 Lettura e commento dell'apocalisse. Il valore della creazione e il ruolo dell'incarnazione contro lo gnosticismo. Il rapporto tra il concetto e il simbolo per esprimere la fede cristiana. Narcisismo e incapacità di buone relazioni. L'inno alla carità in S. Paolo in 1Cor 13,4-7 Il capro espiatorio e la conflittualità tra gli uomini. Calamità naturali e responsabilità dell'uomo. Ruolo del corpo nell'esperienza spirituale cristiana. La liturgia, la spiritualità e la corporeità. Attività e passività, il corpo e la coscienza. Il linguaggio non verbale nella liturgia e la corporeità umana. Il culto spirituale nella prospettiva evangelica: il corpo di Cristo e il corpo dell uomo. Il legame tra corpo e coscienza messo in luce dalla fenomenologia. Il valore del corpo perché sussista l atto di fede. La sensibilità umana. Passioni emozioni e ragione umana. Lo scambio commerciale, la fiducia, lo scambio di doni e la fede. Il problema della follia e la cronaca. La grazia come dono di Dio e la fede. La civiltà occidentale: il ruolo del perdono e dell'ironia nella sua formazione. Gli Ortodossi nell'est europeo e in Ucraina. Crisi economica e immigrazione. Lo sviluppo economico dell'africa e i conflitti. La dottrina sociale della Chiesa. Problemi di bioetica. L INSEGNANTE Luigi Sardella 10

11 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI ITALIANO OBIETTIVI RAGGIUNTI Obiettivi formativi Gli studenti della classe: 1. sanno organizzare il proprio impegno di studio con un discreto grado di autonomia. 2. sanno sviluppare percorsi e confronti inerenti la formazione umanistica presenti in diversi autori e discipline 3. sanno esporre la presentazione di percorsi culturali, alcuni anche con approfondimenti critici. Obiettivi disciplinari Conoscenze Elementi di storia letteraria dall'ottocento al secondo Novecento (fenomeni culturali, generi letterari, profili degli autori, opere significative, antologia di testi esemplari) secondo la scansione proposta dal manuale; conoscenza del Paradiso dantesco con antologia di canti. Il livello medio delle conoscenze è discreto. Competenze Linguistiche: controllare l esposizione scritta e orale in modo corretto e personale; saper svolgere tutte le tipologie della prima prova dell'esame di stato. In base agli indicatori delle griglie adottate (Allegato 1 e 4) il livello medio è soddisfacente. Letterarie: svolgere operazioni di analisi su testi complessi (riassumere, parafrasare, distinguere elementi strutturali e retorici, nessi logico/ temporali, temi di fondo, scelte linguistiche) per formulare sintesi e confronti; contestualizzare opere e brani studiati nella storia e nella cultura del periodo a cui appartengono in modo articolato; presentare un argomento con nessi interdisciplinari. Gli studenti della classe sanno rielaborare le conoscenze acquisite a partire da documenti e quadri storico- culturali e a diversi livelli sanno operare sintesi e confronti. La maggioranza della classe sa applicare nello studio della letteratura un metodo corretto, improntato alla fedeltà al testo; alcuni usano gli strumenti di analisi in modo rigoroso e preciso. CONTENUTI DISCIPLINARI Dante Alighieri, COMMEDIA, PARADISO Canto I, Canto III, Canto VI, Canto XI, Canto XV (conoscenza generale e analisi dei versi 1-36, ), Canto XVII (conoscenza generale e analisi dei versi 13-75, ), Canto XXXIII. IL ROMANTICISMO Il Romanticismo in Italia - Madame de De Staël, Sulla maniera e utilità delle traduzioni: T1 Esortazioni e attacchi agli intellettuali italiani - G. Berchet, Lettera semiseria di Grisostomo al suo figliuolo: T3 Un nuovo soggetto: il popolo - G. Mameli, T5 Canto nazionale: I Fratelli d Italia Alessandro Manzoni - la lirica: T1 La Pentecoste, T2 Il cinque maggio - Adelchi: T4 coro dell'atto terzo, T5 coro dell'atto quarto, T6 La morte di Adelchi. - Scritti di teoria letteraria : T7 Storia, poesia e romanzesco dalla Lettera a M. Chauvet, T8 Lettera a C. D Azeglio sul Romanticismo. 11

12 - I Promessi Sposi: conoscenza generale dell opera e in particolare dei brani antologizzati sul libro di testo. Giacomo Leopardi - Canti: T3 L infinito, T4 La sera del dì di festa, T5 Alla luna, T6 A Silvia, T8 Canto notturno di un pastore errante dell'asia, T11 A se stesso, 12 La ginestra o il fiore del deserto (ad esclusione dei vv e ) - Operette Morali: da pag. 392 T3 Dialogo della Natura e un islandese, T4 Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie, T6 Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere - Zibaldone: T11 Indefinito del materiale, materialità dell infinito, T12 La poetica del vago, dell indefinito, del ricordo. NATURALISMO E DECADENTISMO La cultura del Positivismo E. Zola, Il romanzo sperimentale: T4 pag. 85 Romanzo e scienza Verga, fotografo della realtà - da Vita dei campi T2 Rosso Malpelo - da Novelle rusticane T5 La roba - I Malavoglia: conoscenza generale dell opera e in particolare dei brani antologizzati sul libro di testo (compresa la prefazione: pag. 257 T1). La poesia nel Decadentismo - Charles Baudelaire: T4, La caduta dell aureola, T5 Prefazione a I fiori del male, T6 L albatro, T7 Corrispondenze - Paul Verlaine T9 L arte poetica - Arthur Rimbaud T10 La lettera del veggente, T11 Vocali. Gabriele D'Annunzio - Il piacere: T7 L attesa, T2 Il cimitero degli inglesi - da Alcyone T12 La sera fiesolana, T13 La pioggia nel pineto Giovanni Pascoli - T1 La poetica pascoliana (da Il fanciullino) - Myricae: T5 Lavandare, T6 X Agosto, T7 L'assiuolo, T8 Il tuono - Canti di Castelvecchio: T9 Nebbia, T11 Il gelsomino notturno - Primi poemetti: T16 Italy - La critica: G. Contini, Il linguaggio di Pascoli IL PRIMO NOVECENTO Il Futurismo - Filippo Tommaso Marinetti: T1 Primo manifesto del Futurismo, T2 Manifesto tecnico della letteratura futurista Giuseppe Ungaretti - L Allegria: T2 In memoria, T3 Il porto sepolto, T4 Veglia, T7 I fiumi, T11 Commiato, T13 Mattina, T14 Soldati 12

13 Eugenio Montale - Ossi di seppia: T2 I limoni, T3 Non chiederci la parola, T4 Meriggiare pallido e assorto, T5 Spesso il male di vivere ho incontrato - Le Occasioni: T14 Ti libero la fronte dai ghiaccioli, T15 Non recidere, forbice, quel volto, T16 La casa dei doganieri - Satura T22 Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale. Italo Svevo - La coscienza di Zeno: conoscenza dell opera e in particolare dei brani antologizzati sul libro di testo. Luigi Pirandello - L Umorismo: T1 Il sentimento del contrario - Novelle per un anno: T3 Il treno ha fischiato - Il fu Mattia Pascal: lettura e conoscenza dell opera, in particolare dei brani antologizzati sul libro di testo. - Uno, nessuno e centomila: T16 Tutto comincia da un naso - Così è (se vi pare): T18 La verità velata (e non svelata) del finale - Sei personaggi in cerca di autore: T19 L arrivo dei sei personaggi, T20 La scena finale IL SECONDO NOVECENTO Vittorio Sereni - Frontiera: T1 Inverno a Luino, T2 Te n andrai nell assolato pomeriggio Ripresa dei romanzi letti nel corso del triennio, in particolare dei brani antologizzati - Beppe Fenoglio, Una questione privata: T3 L ultima fuga di Milton - Primo Levi, Se questo è un uomo: T1 La condizione dei deportati, T2 Il canto di Ulisse, T3 Verso la libertà - Italo Calvino, Se una notte d inverno un viaggiatore: T9 Stai per cominciare a leggere il nuovo romanzo di Italo Calvino, La giornata di uno scrutatore: W3 (testi on line): Scrutare il mondo STRUMENTI E METODI Libri di testo: C. Bologna, P. Rocchi Rosa fresca aulentissima, ed. Loescher, volumi 4, 5, 6, 7. Dante Alighieri, Paradiso: edizione commentata a scelta dello studente. - Lezioni frontali per la presentazione dei principali blocchi tematici e autori - Lettura e analisi guidata di testi con il coinvolgimento degli studenti, finalizzato a far emergere competenze già esistenti e a ricercare spunti tematici e formali ricorrenti nella produzione di un dato autore e nel contesto storico- culturale - Uso di quadri storici, schede artistiche, esercizi di analisi del testo, letture da autori stranieri contenute nel libro di testo, risorse on line del libro di testo. - Ascolto guidato di musica classica (confronto tra Mozart e Beethoven) a cura della prof.ssa Balabio 13

14 MODALITA DI VERIFICA Primo quadrimestre: - 2 prove scritte - 1 interrogazione a partire da un argomento a scelta Secondo quadrimestre: - 3 prove scritte (l ultima programmata dopo il 15 maggio: simulazione comune a tutte le classi terminali dell Istituto) - 1 verifica scritta sul Paradiso di Dante - 1 interrogazione CRITERI DI VALUTAZIONE - Per gli elaborati scritti vedi Allegato 1 (Griglia di valutazione) - Per le prove orali ci si è attenuti alla seguente griglia in uso nell istituto Voto Livello di Giudizio sintetico apprendimento Pesanti lacune di base e disorientamento di tipo logico, Del tutto insufficiente linguistico e metodologico Gravi lacune nella conoscenza degli argomenti svolti; utilizzazione non appropriata delle conoscenze acquisite o Gravemente comprensione inadeguata del testo o fraintendimento delle insufficiente domande proposte; linguaggio confuso e poco corretto con terminologia specifica impropria e spesso scorretta. Informazioni frammentarie e non sempre corrette utilizzate in modo superficiale e non sempre pertinente; difficoltà nel condurre analisi, nello stabilire collegamenti anche semplici e Insufficiente nell affrontare tematiche proposte; scarsa proprietà di linguaggio. Conoscenza limitata agli elementi basilari ed essenziali; qualche capacità di collegamento; conoscenza sufficiente del Sufficiente linguaggio specifico; accettabile proprietà di linguaggio. Conoscenza degli elementi essenziali; lo studente si orienta tra i contenuti; coglie i nessi tematici e comparativi; sa usare Discreto correttamente la terminologia specifica. Lo studente possiede conoscenze sicure e diffuse; affronta percorsi tematici anche di una certa complessità ed istituisce Buono collegamenti significativi; sicura padronanza della terminologia specifica con esposizione chiara e appropriata. Lo studente possiede conoscenze ampie, sicure e approfondite; è in grado di costruire autonomamente un percorso critico attraverso nessi o relazioni tra aree tematiche diverse; Ottimo linguaggio ricco e articolato; conoscenza ampia e precisa della terminologia specifica. Lo studente possiede conoscenze ampie, approfondite e sicure; è in grado di affrontare le diverse tematiche autonomamente, con rigore di analisi e di sintesi; sa costruire percorsi critici, Eccellente anche di carattere interdisciplinare; linguaggio ricco, articolato e preciso nell uso della terminologia specifica. 14

15 - Per i questionari scritti costituiscono parametri di valutazione: pertinenza alla consegna, conoscenza articolata e sicura dei contenuti, capacità di analisi e sintesi, correttezza e proprietà linguistica. La valutazione complessiva comprende anche la puntualità nell impegno e la partecipazione al lavoro in classe. L INSEGNANTE Silanos Maria 15

16 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LATINO OBIETTIVI RAGGIUNTI Obiettivi formativi Gli studenti della classe: 1. sanno organizzare il proprio impegno di studio, alcuni con un buon grado di autonomia. 2. sanno confrontare temi e questioni inerenti la formazione umanistica 3. sanno riflettere su strutture linguistiche comuni al latino e alle lingue europee conosciute. Obiettivi disciplinari Conoscenze Elementi esemplari della storia letteraria latina da Seneca ad Agostino, attraverso alcuni generi e figure rappresentative; antologia di testi in lingua da Seneca; conoscenza generale del poema lucreziano con antologia di testi in lingua. Il livello della conoscenza dei contenuti all interno dalla classe è discreto. Competenze Linguistiche: - Esposizione chiara e corretta, con uso del linguaggio specifico della disciplina. - Comprensione di brani letterari in lingua di argomento filosofico (Seneca, Lucrezio) con individuazione degli aspetti retorici e comprensione delle fondamentali strutture del periodo latino - Resa appropriata in lingua italiana della versione di un brano latino di un autore studiato in letteratura. Quest ultima competenza è ben padroneggiata da un numero ristretto di studenti. Letterarie: - Collocazione storica e culturale di testi, autori, tematiche. - Individuazione di collegamenti all interno e all esterno della disciplina Il livello raggiunto è globalmente più che discreto. CONTENUTI DISCIPLINARI Lucrezio Notizie biografiche e caratteri generali della produzione. - Testi dal De rerum natura con traduzione e analisi dal latino: T1 Inno a Venere (I, 1-43), T2 Il trionfo di Epicuro (I, 62-79), T3 La vita spezzata di Ifigenia (I, vv ); T10 La morte non ci riguarda (III, ), T11 Un correre affannoso e senza meta (III, ). - Antologia di testi tradotti: T9 Mortalità dell anima (De rerum natura III, ), T12 La brama amorosa (IV, ), T13 Danni e inganni dell amore (IV, ). Da Tiberio ai Flavi: storia e cultura Seneca Notizie biografiche e caratteri generali della produzione. - Testi da tradurre e analizzare: T3 Meglio ridere come Democrito che piangere come Eraclito (De ira III 4-7) T5 Il coraggio di non uniformarsi (De vita beata I, 1-4) T8 Potere e clementia: la necessità di un equilibrio (De clementia, I, 1-2) T10 Schiavitù e dignità dell uomo (Epistulae morales ad Lucilium 47: conoscenza di tutta l epistola in traduzione italiana, analisi e traduzione dal latino dei paragrafi 1-5, 10-11, 16-17). 16

17 T 11 La percezione della fuga del tempo (Epistulae morales ad Lucilium V. 49,1-2;4-5, 8-9) - Antologia di testi tradotti: T20 Claudio, tredicesima fatica di Ercole (Divi Claudii Apokolokyntosis, 5-7) Lucano Notizie biografiche e caratteri generali della produzione. - Antologia di testi tradotti: T1 Proemio della Farsalia (fino al verso 32), T3 L evocazione dei morti (Bellum civile VI, ) Petronio Il Satyricon e la figura di Petronio in Tacito - Antologia di testi tradotti: T3 Il carpe diem di Trimalchione (Satyricon 34), T5 Il monumento di Trimalchione (71-72), T7 La matrona di Efeso ( ). Da Nerva al tardo Impero: gli eventi, la cultura Tacito Notizie biografiche e caratteri generali della produzione - Antologia di testi tradotti: T7 Sobrietà e virtù: l integrità e la morigeratezza dei Germani (Germania, 4-7; 18-20), T14 Roma e i Giudei (Historiae V, 2-5) T22 L assassinio di Britannico (Annales XIII 15-17), T23 Seneca si congeda da Nerone (Annales XIV 51-56). Testi forniti dall insegnante in traduzione italiana: da Annales XV 38-39, 44 L incendio di Roma; La morte di Seneca. Apuleio Notizie biografiche e caratteri generali della produzione Antologia di testi tradotti: T4 Il prologo milesio (Metamorphoseon libri I, 1), T5 La metamorfosi fatale (III, 23-26), T9 La preghiera a Iside e la redenzione finale (XI 1-6). Da una qualunque traduzione italiana: la novella di Amore e Psiche (IV 28 -VI 24) La letteratura cristiana Agostino Notizie biografiche e caratteri generali della produzione - Antologia di testi tradotti: Confessiones: l incipit (testo in italiano fornito dall insegnante), T2 Il furto delle pere (Confessiones, 4,9; 6,12): testo in italiano. METODI E STRUMENTI Autori: - spiegazione in classe dei testi con analisi contenutistica e retorica Storia della letteratura: - introduzione degli argomenti più importanti in lezione frontale - lettura di brani significativi in traduzione, a volte assegnati come lavoro domestico - discussioni rivolte a esplicitare spunti di confronto all interno e all esterno della disciplina, sul piano dei contenuti letterari e filosofici. 17

18 Esercizio linguistico: - gli aspetti grammaticali sono stati considerati man mano che si presentavano nei testi d'autore - nel primo quadrimestre si sono assegnate versioni dai libri di testo Libri di testo Luca Canali, Camena, voll. 1 (tomo I), 2 (tomo II), 3, ed. Einaudi scuola. Testi forniti dall insegnante a completamento dei temi trattati Qualsiasi edizione in italiano di Apuleio, La novella di Amore e Psiche. STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Primo quadrimestre: - Prova scritta: versione con dizionario da un brano di Seneca - Interrogazione orale: colloquio su Letteratura e Autori con analisi di testi spiegati (comprensione del tema e delle strutture grammaticali e retoriche), sviluppo di un argomento (scelto dall'insegnante o dall'allievo) Secondo quadrimestre: - Interrogazione su Lucrezio - Prova scritta: comprensione di brani di Tacito con domande di guida all analisi - Questionario scritto sulla letteratura Griglia di valutazione: per lo scritto ci si è attenuti alla griglia in uso nell istituto, per le prove orali alla Griglia di valutazione indicata per Italiano. L INSEGNANTE Silanos Maria 18

19 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA LIBRO DI TESTO De Bernardi-Guarracino, La conoscenza storica, ed. Bruno Mondadori, vol. III. OBIETTIVI RAGGIUNTI CONOSCENZE Le conoscenze (per le quali si fa riferimento alla programmazione generale di Dipartimento) risultano sostanzialmente acquisite dalla classe, anche se con diversi gradi di approfondimento. COMPETENZE I risultati appaiono complessivamente più che discreti per ciò che riguarda l acquisizione del linguaggio specifico della disciplina, l analisi e la contestualizzazione dei fenomeni storici. Alcuni alunni sanno confrontare autonomamente temi o analizzare documenti storiografici, inquadrandoli in un più ampio contesto storico-culturale. CAPACITÀ Gli studenti dimostrano una buona capacità di lettura degli eventi storici nella loro complessità e adeguate capacità nell argomentare un giudizio. La maggior parte della classe ha acquisito autonomia nello studio, anche se non tutti gli studenti hanno sfruttato pienamente le proprie capacità. Alcuni alunni sanno rielaborare gli argomenti in modo personale, sono capaci inoltre di utilizzare un approccio critico e istituire collegamenti interdisciplinari. CONTENUTI DISCIPLINARI LA GRANDE GUERRA: Le ragioni del conflitto - Cultura e politica del nazionalismo - Lo scoppio della prima guerra mondiale - L intervento dell Italia Lo stallo del Dalla guerra europea alla guerra mondiale La fine della Grande guerra - I trattati di pace e il nuovo assetto geo-politico europeo (pp ) - La Società delle Nazioni. Testo: Dichiarazione dei professori dell impero tedesco, n.3 p. f14 Testo: T. Mann, L Occidente contro lo spirito tedesco, n.4 p. f15 Testo: Il Patto di Londra, n.12 p f.29 Testo: Benedetto XV, Nota ai capi dei popoli belligeranti, n.17 p. f38 Testo: La Società delle nazioni, n.33 p. f86 LA RIVOLUZIONE RUSSA E LA NASCITA DELL URSS: L impero e la caduta dello zarismo - La rivoluzione di febbraio - Lenin e le tesi di aprile - Il bolscevismo e la Rivoluzione d ottobre - Il comunismo di guerra - Il consolidamento del potere sovietico nel La nascita dell URSS - La Terza Internazionale - La NEP - L ascesa di Stalin. Testo: Rogger, La Russia prerivoluzionaria, n.22 p. f52 Testo: Lenin, Le Tesi di aprile, n.26 p. f60 Testo: Zaslavsky, I bolscevichi al potere: colpo di stato o rivoluzione?, n.28 p. f65 Testo: Trockij, Perché Stalin ha vinto?, n.53 p. f134 RIVOLUZIONE E CONTRORIVOLUZIONE - IL BIENNIO ROSSO: La crisi europea (pp ) - La Germania di Weimar - La destra eversiva di Hitler. Testo: Herbert C. Hoover: Perché l America è grande, n.40 p. f103 Testo: Hitler, Il programma del Partito dei lavoratori tedeschi, n.44 p. f112 19

20 L ITALIA DALLO STATO LIBERALE AL FASCISMO : Difficoltà economiche nel primo dopoguerra - Il biennio rosso in Italia - Il mito della vittoria mutilata e la questione di Fiume Mussolini, la marcia su Roma e l avvento del fascismo - La costruzione del regime. Testo: Il programma di San Sepolcro, n.60 p. f153 Testo: Mussolini, Il fascismo e lo stato, n.61 p. f155 Testo: Mussolini, Il discorso del 3 gennaio 1925, n.65 p. f166 LA GRANDE CRISI E IL NEW DEAL: Le cause e gli effetti della crisi del 29 - Roosevelt e il New Deal - Il nuovo corso del capitalismo americano. Testo: Berle, La teoria del New Deal, n.78 p. f210 L ITALIA FASCISTA: Il dirigismo economico e la scelta autarchica - La politica estera del fascismo e la conquista dell Etiopia - La fascistizzazione della società italiana - Propaganda e ricerca del consenso. Testo: Candeloro, I Patti Lateranensi, n.79 p. f213 IL NAZIONALSOCIALISMO: La Germania nazista - Hitler e il Terzo Reich - La dottrina del nazismo - L antisemitismo - I lager. Testo: E. R. Huber: Il principio del fuhrer n91 p. f246 Testo: Le leggi di Norimberga, n.94 p.f252 VERSO LA GUERRA: la guerra civile spagnola - L antifascismo italiano. LA SECONDA GUERRA MONDIALE: Verso il secondo conflitto mondiale Il dominio nazifascista sull Europa - L Italia in guerra - L attacco all URSS - La guerra nel Pacifico - La svolta del La caduta di Mussolini - L 8 settembre, l Italia divisa, la R.S.I. e la Resistenza partigiana - Lo sbarco in Normandia e la sconfitta della Germania - Hiroshima - Il processo di Norimberga. Testo: B. Mussolini: La dichiarazione di guerra dell Italia, n113 p. f308 - M. Flores: L URSS dal patto Ribbentrop - Molotov alla Resistenza contro l invasione nazista, n115 p. f313 - Il Programma della Repubblica sociale italiana, n.118 p. f322 IL NUOVO ORDINE MONDIALE: Il nuovo ordine nelle relazioni internazionali - USA e nascita dell ONU - La guerra fredda - Il bipolarismo in Europa - La situazione della Germania - La decolonizzazione L ITALIA REPUBBLICANA: La nuova Repubblica - La ricostruzione - La Costituzione italiana - Le elezioni del Testo: Ghisalberti, La Costituzione italiana, n.135 p. f358 L ITALIA NEGLI ANNI 50-70: Gli anni del Centrismo - La svolta del Centrosinistra - Gli anni Sessanta e Settanta tra movimento del 68 e Terrorismo. SINTESI DELLA SITUAZIONE EUROPEA E MONDIALE NEGLI ANNI Testo: Il Trattato di Roma, n.153 pag. f409 Nota sui Documenti storiografici: i brani di cui è richiesta la conoscenza sono una selezione di quelli affrontati nel corso dell anno. METODI E MODALITÀ DI LAVORO Metodi utilizzati durante le attività didattiche: - Lezione frontale per l acquisizione di quadri concettuali, metodi di ricerca, modelli argomentativi ed espressivi - Lettura e analisi di documenti storiografici, partecipazione a conferenze e uso di mezzi audiovisivi - Discussione guidata come momento di chiarimento, confronto, sintesi e ampliamento 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli