TECNOLOGIE DELLA MEMORIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNOLOGIE DELLA MEMORIA"

Transcript

1 TECNOLOGIE DELLA MEMORIA Sommario 1. La memoria antica 2. Le tecniche: oralità e scrittura 3. La riproduzione di imamgini: stampa, fotografia, cinema e televisione 4. L'informatica e la memoria 5. Immagini digitali 6. HSM, SAN e NAS. Negli uomini, l'esperienza deriva dalla memoria: infatti, molti ricordi dello stesso oggetto giungono a costruire un'esperienza unica. [Aristotele, Metafisica,. 980a] 1. LA MEMORIA ANTICA Aristotele nota come l'esperienza, dalla quale poi derivano arte e pittura, sia costituita fondamentalmente da ricordi. La memoria per lui è all origine dello sviluppo umano, la capacità che differenzia l uomo dall animale: Gli animali sono naturalmente forniti di sensazione; ma, in alcuni, dalla sensazione non nasce la memoria, in altri, invece, nasce. Per tale motivo questi ultimi sono più intelligenti e più atti ad imparare rispetto a quelli che non hanno capacità di ricordare. [...] Orbene, mentre gli altri animali vivono con immagini sensibili e con ricordi, e poco partecipano dell'esperienza, il genere umano vive, invece, anche d'arte e di ragionamenti 1. Già Aristotele, dunque, era consapevole di come il genere umano senta la necessità di ricordare, di attingere all archivio della memoria per rivivificare nel presente le immagini del passato: Mnemosyne, la Memoria, è la madre di tutte le muse ed è lei che conduce gli uomini alle grandi imprese e li rende eroi. In fondo Omero non è altro che la personificazione della necessità dell'uomo di tramandare le gesta del passato alle generazioni successive. L'intera mitologia è una complessa architettura costruita per consentire al genere umano di comprendere il mondo che si trova di fronte. Qualsiasi cultura ha sentito il bisogno di fissare i grandi avvenimenti del passato: tutte le cosmogonie e le mitologie di dèi ed eroi (Grecia antica), di animali e luoghi (l Australia aborigena), di navi e gesta di Cook (la Polinesia), non sono altro che la risposta umana all'esigenza di ricordare ciò che è avvenuto, ciò che era prima e, quindi, ciò che è ora il mondo. Si tratta di una memoria collettiva che va bene al di là della somma delle memorie individuali e dei componenti del gruppo, è un tesoro che deve essere tramandato in qualsiasi modo, come la continuità tra padri e figli, essa rappresenta il tentativo dell immortalità: un bisogno ancestrale. 2. LE TECNICHE: ORALITÀ E SCRITTURA Attraverso il tempo e le ere il genere umano ha messo in campo una serie di tecniche per sfruttare al meglio la propria capacità mnemonica: ripetizione, ridondanza, metafora, simbologia, rima, musica, metrica. Queste tecniche si sono sviluppate partendo proprio dalle caratteristiche della tradizione orale dai tempi di Omero fino alla poesia popolare contemporanea, semplificando eventi complessi in immagini semplici. Proprio come in un ciclo di affreschi giottesco, ogni quadro raccoglie un momento saliente, un'azione immobilizzata nel suo compiersi ultimo, non tralasciando i significati particolari. Anche la religiosità orientale è piena di esempi in tal senso, primi fra tutti i Tantra indiani, pratiche iniziatiche che svolgono sostanzialmente la funzione di trasmettere la memoria del gruppo di appartenenza. Lo stesso avveniva nei culti misterici dell'antica Grecia in cui si confondeva l'iniziando con informazioni che coinvolgessero il più possibile tutti i suoi sensi: l'attraversamento di stretti cunicoli affrescati con le scene teogoniche, illuminazione tale da rendere il più possibile realistiche le immagini, 1 Aristotele, Metafisica, 980a, trad. it. G. Reale, in Antologia filosofica dai greci al nostro tempo, E. Severino, BUR Saggi, 2005, p. 9. 1

2 forti odori, voci provenienti da tutte le parti che ripetono in continuazione le regole da rispettare, i precetti da ricordare, gli insegnamenti divini. Altri riti di iniziazione come le capanne sudatorie degli indiani d'america o di alcune tribù africane corrispondono al momento finale di un processo di apprendimento che dura anni e durante il quale l'iniziando apprende ciò che gli servirà per tutta la vita. Il rito finale verrà superato solo se l'iniziato riuscirà a dimostrare di aver imparato e, quindi, di ricordare, quanto è necessario per sopravvivere. Allo stesso modo anche la nascita della scrittura si può considerare come una risposta all'esigenza di ricordare. I mercanti ed i re della Mesopotamia, per tenere sotto controllo i loro averi, e ricordare, quindi, quanto è in loro possesso, si inventano un sistema di registrazione dei loro averi, tramite segni tracciati su tavolette di argilla. Tali segni, trasformati ed adattati a sempre nuove esigenze, diventano veri e propri simboli: gruppi fonetici ed ideogrammi in Egitto - dove vanno ad immortalare la gloria imperitura dei faraoni -, attraversano il Mediterraneo dalla Fenicia, tramite Creta, fino in Grecia. Non è un caso che tutte le prime forme di scrittura propriamente detta a noi giunte siano in forma di poesia. I primi grandi filosofi del VI secolo scrivono per lo più poemi e come la memoria storica della Grecia è racchiusa nei versi di Iliade e Odissea. E proprio nei poemi omerici troviamo la fusione tra il mondo dell'oralità e quello della scrittura, il punto di passaggio tra una memoria che può essere solo tradizione dal vecchio al giovane e una memoria nuova in cui la morte non è più il limite temporale ultimo per trasmettere i ricordi. Dove è possibile solo una trasmissione orale della memoria tutti i ricordi devono essere trasmessi assolutamente prima della morte degli anziani, unici depositari di questa memoria: tutto ciò che essi non tramandano va perso, smette di esistere. Per questo è necessario semplificare le informazioni, renderle snelle e trasmetterle velocemente: la perdita di ricordi segna la fine di un intera cultura a favore dell inizio di nuove. D altra parte il passato ed il presente, il prima ed il dopo, per le culture basate sull'oralità sono concetti piuttosto relativi: tutto il tempo è in bilico tra un indefinito passato mitico ed un presente statico ed immobilizzato. Mentre l'introduzione della scrittura definisce una nuova cognizione del tempo in cui passato, presente e futuro diventano parti di un calendario in cui giorni, mesi e anni delimitano il tempo definendolo e confinandolo in un oggi, uno ieri ed un domani. 3. LA RIPRODUZIONE DI IMMAGINI: STAMPA, FOTOGRAFIA, CINEMA E TELEVISIONE La necessità di trasmettere i ricordi sempre più in là nel tempo ad un numero sempre maggiore di persone è probabilmente una delle spinte maggiori all'innovazione tecnologica, come la stampa, la fotografia, il cinema, la televisione, i computer, internet. L'introduzione della stampa ha reso possibile la diffusione e la riproduzione di testi che fino ad allora potevano essere solo riprodotti a mano in pochissimi esemplari e con tempi lunghissimi. Grazie alla stampa una gran parte della memoria culturale esce dalle biblioteche dei monasteri in cui era stata conservata e tramandata per iscritto durante tutto il medioevo per spostarsi nelle università e nelle biblioteche dei Signori, da lì nelle biblioteche della ricca borghesia e quindi con la grande distribuzione e l'abbattimento dei costi in ogni casa in un percorso di diffusione sempre più ampia e capillare. Ma, appena l'evoluzione tecnologica lo ha consentito, si è cercato di avvicinare i metodi di archiviazione dei ricordi all'idea stessa che questi generano in noi: le immagini. Se quindi i ricordi sono immagini o insiemi di esse allora si può ottenere lo stesso risultato archiviando delle immagini vere e proprie e la fotografia è una delle tecnologie che si muovono in questa direzione. Ben più immediata della pittura e della scultura, la fotografia cattura le scene come l immaginazione: una serie di istantanee in cui il nostro occhio è l'obbiettivo e la nostra memoria è la pellicola sulla quale rimangono impressi i ricordi. Per questo gli archivi fotografici sono tra le più grandi risorse mnemoniche che gli uomini hanno a disposizione: in essi è possibile trovare testimonianze di eventi e persone dei quali altrimenti si sarebbe persa ogni traccia, in alcuni casi sono l'unica traccia che ci rimane di tali eventi. 2

3 L'avvento della fotografia, quindi, modifica sostanzialmente il concetto di storia: dall essere composta di grandi eventi e grandi personaggi, descritti e riprodotti più come frutto della necessità di semplificazione non è possibile ricordare tutti i protagonisti, è più semplice riassumerli in aluni personaggi che siano unici attori sulla scena la storia diviene fotografia che riproduce esattamente i volti di tutti i presenti sulla scena: persone più che personaggi. Dagli archivi fotografici affiorano i visi e gli abiti di tutte le popolazioni del mondo, anche di quelle che ormai non esistono più perché irrimediabilmente diventate qualcosa di diverso dopo il contatto con altre civiltà. Quando i primi fotografi ed i primi apparecchi fotografici cominciarono ad arrivare nelle regioni del meridione italiano, nella miriade di paesi disseminati nelle regioni più interne e difficili da raggiungere, si pensava che la fotografia strappasse l'anima a coloro che ne diventavano oggetto: una sorta di ritratto di Dorian Gray tecnologico. Quelle immagini erano anche un modo per mantenere memoria di quanto il fotografo stava vivendo e forse non è così sbagliato pensare che ciò avvenisse rubando un brandello dell anima della persona inquadrata per consegnarla ad una memoria imperitura. Quando poi è stato possibile scattare una serie di foto in rapida successione e riprodurle ad una velocità ragionevole, ci si è trovati di fronte, con il cinema, alla possibilità di registrare anche i movimenti. Non solo le immagini fisse ma l'intera azione: qualcosa di molto simile ai ricordi, così come ognuno di noi li sente dentro di sé. Dal momento in cui fotografia e cinema si sono affacciati sulla scena, non è più stato sufficiente descrivere a parole o con disegni gli avvenimenti; il sogno dell'uomo delle caverne che omaggia la divinità con la narrazione delle sue gesta dipinte sulla roccia, l'uomo che diventa eroe nel ricordo dei suoi successori, si trasformano nella visualizzazione vera e propria dell'evento, con colori e suoni reali. Con l avvento della televisione, poi, ciò che prima erano ricordi, testimonianze, narrazioni di eventi lontani, descrizioni di quanto avviene dall'altra parte della terra tutto ciò, da passato, diventa presente. Lo sbarco dell'uomo sulla Luna è un evento che avviene, con lo stesso impatto, tutte le volte che il filmato viene riprodotto: l enfasi del narratore ha la stessa efficacia, lo stupore suscitato è come quello della prima volta, l emozione per l evento è sostanzilamente ancora intatta. Come in una sorta di ritorno alla tradizione orale, passato e presente ritornano a fondersi non più nel tempo del mito ma nel suo contrario; la minuziosa e realistica riproduzione degli eventi passati in quantità e frequenza generano l'impressione che quanto stia avvenendo ora non sia già più attuale, ma superato da qualcos'altro che sta per avvenenire e di cui, presto, l'emittente televisiva di turno informerà grazie ai suoi inviati presenti sul posto già dal giorno prima. La televisione diviene, quindi, una memoria collettiva da cui è possibile attingere immagini: di qui la grande fortuna del genere televisivo dei documentari e dei film biografici che, fornendo una "versione ufficiale" della vita di grandi personaggi pubblici, li astraggono dalla storia, li mitizzano e li fanno diventare i nuovi eroi della modernità. In fondo, oggi, come ai tempi di Omero, gli strumenti principali della trasmissione della memoria creano gli eroi e definiscono il mito. 4. L'INFORMATICA E LA MEMORIA In un tale scenario di continua ricerca di archiviazione delle informazioni possiamo naturalmente inserire anche le tecnologie legate all'informatica. Mantenere una traccia di tutte le attività svolte diventa sempre di più fondamentale per qualsiasi ente pubblico o azienda, cui preme ottenere certificazioni e riconoscimenti per operare sui mercati nazionali ed internazionali. L'uso dei computer e le tecnologie ad essi collegate assumono un valore essenziale per svolgere questa funzione: l'informatica infatti dà la possibilità di utilizzare spazi di archiviazione virtualmente infiniti ma, soprattutto, consente in maniera assolutamente semplice e veloce l'accesso e la gestione di tali dati. L'informatica stessa può essere definita un'insieme di tecnologie legate all'accesso e alla gestione di dati immagazzinati all'interno di memorie fisiche. Il funzionamento dei computer si basa su due tipi di memoria. 3

4 La RAM, un tipo di memoria che viene utilizzata dal sistema stesso per eseguire le varie applicazioni, viene riempita e svuotata a seconda della necessità: più tale memoria è ampia e più operazioni il computer sarà in grado di eseguire contemporaneamente e quindi in velocità. La memoria fisica, cioè lo spazio a disposizione dell'utente per immagazzinare informazioni, è contenuta invece nei cosiddetti "dischi fissi", o hard disks. Lo sviluppo dell'informatica si rivolge verso due direzioni specifiche: l'aumento della quantità di memoria disponibile e l'aumento della velocità per accedere ad essa. Non è un caso che uno degli ambiti più attivi dell'informatica nella ricerca di soluzioni che amplino lo spazio disponibile e la velocità di accesso ad esso è proprio quello che si sviluppa nel cinema e nella televisione, dove la quantità di informazioni da archiviare non è soltanto legata al numero di eventi registrati ma anche e soprattutto alla qualità di registrazione. 5. IMMAGINI DIGITALI Registrare una immagine in un computer significa sostanzialmente trasformare le informazioni che la compongono da impulsi visivi a codici binari: tale operazione viene comunemente definita "digitalizzazione". Poiché la quantità di informazioni da digitalizzare è virtualmente infinita è, infatti, impossibile riprodurre esattamente all'interno di un computer ciò che viene percepito dall'occhio umano (e ci si limita qui a parlare solo di percezione visiva) - la digitalizzazione è sostanzialmente una riduzione dell'immagine fisica ad un codice binario: operazione che può essere fatta, ovviamente, con maggiore o minore perdita di qualità. Lo spazio di memoria occupato dall'immagine all'interno del computer sarà maggiore o minore a seconda che la qualità della riproduzione stessa sia maggiore o minore. Nel caso delle immagini in movimento la quantità di informazioni aumenta esponenzialmente se si pensa che il sistema televisivo europeo (definito PAL) prevede 25 immagini ogni secondo di filmato, quello statunitense (NTSC) 30 immagini al secondo e il sistema di riproduzione cinematografica prevede 24 immagini al secondo. A questo bisogna aggiungere il formato delle immagini che va dai 720x576 pixel del PAL fino agli ultimi formati cinematografici definiti 2K e 4K. Per rientrare nelle unità di misura che regolano la capienza dei dischi dei computer si sta parlando di immagini che occupano dai 1260 Kb circa di una immagine PAL fino ai circa 30 Gb di una immagine 4K. Questi dati fanno ben comprendere quanto lo spazio giochi un ruolo essenziale nello sfruttamento delle tecnologie informatiche per la gestione di archivi video, così come la possibilità di accedere e di riprodurre correttamente tali contributi è una caratteristica essenziale nel loro sfruttamento. Si prenda ad esempio una piccola emittente televisiva che trasmette via satellite un palinsesto di sole 6 ore di programmazione che ruotano nell'ambito delle 24 ore e che vengono cambiate ogni 2 settimane. Solo tale emittente avrà bisogno di alcuni Terabyte di memoria (migliaia di Gigabyte) unicamente per gestire i filmati da mettere in onda e da ruotare nelle due settimane. Oltre a questo spazio, necessariamente sempre a disposizione, dovrà avere altra capacità di memoria per importare e lavorare i nuovi contributi, oltre a necessitare di un archivio in cui tenere materiale trasmesso che non deve essere cancellato, e un archivio richiesto dalla legge in cui devono essere presenti gli ultimi 2 mesi di programmazione dell'emittente. Una delle grandi innovazioni portate dai computer in questo ambito è la possibilità di usare questi spazi di memoria un numero di volte virtualmente infinito per cui, nello stesso spazio, si potrà registrare e cancellare il materiale quante volte si desidera, almeno fino a quando il supporto fisico funzionerà correttamente. 4

5 6. HSM, SAN E NAS Per rendere possibile la creazione di spazi di memoria sufficientemente grandi per questo genere di utilizzi si ricorre a tecnologie in grado di unire più dischi fissi ed utilizzarli come se fossero uno solo all'interno di contenitore detto storage 2. La pluralità di dischi comporta, però, una grande fragilità del sistema, la cui rottura prevede la perdita dei dati. Per evitare ciò, i sistemi di questo genere lavorano in modo da distribuire intelligentemente i dati al loro interno, mantenendo costantemente dello spazio libero in grado di ospitare temporaneamente i dati contenuti in altri dischi interni eventualmente rotti. Tale tecnologia, detta raid, è uno dei più efficaci espedienti messi in atto per prevenire disastrose perdite. Per lo stesso scopo è stato creato il sistema back-up: avendo a disposizione quantità virtualmente infinite di memoria è possibile infatti creare storage di qualsiasi dimensione oltre a collegarne insieme più di uno si può prevedere di copiare i dati da salvare in più posizioni, magari usando supporti diversi: hard disks, DVD, nastri digitali. L'uso di nastri o comunque di supporti diversi dagli hard disk è particolarmente utile nel caso il materiale da salvare non debba essere necessariamente disponibile per un uso quotidiano. La pratica di distinguere materiale in uso e materiale non in uso dà la possibilità di creare due tipi di archivio diversi: a) l'archivio on-line che gestisce tutto il materiale di uso comune, che deve essere mantenuto a disposizione degli utenti per il lavoro quotidiano b) l'archivio off-line che comprende invece tutto il materiale che non è più necessario tenere a disposizione di tutti gli utenti, perché non viene usato quotidianamente ma che, allo stesso tempo, non può essere cancellato. Per gestire nella maniera migliore possibile questo genere di sistemi complessi si stanno sviluppando dei software in grado di lavorare autonomamente sugli archivi in modo che il materiale più in uso sia sempre disponibile e, invece, il materiale che viene usato di meno venga piano piano disposto in un ordine di priorità decrescente fino allo spostamento dagli archivi on-line verso quelli off-line. Tali sistemi vengono definiti HSM (Hierarchical Storage Management) che, grazie alla loro capacità di ottimizzare e rendere più produttivo lo spazio a disposizione, costituiscono ormai la più avanzata frontiera nella gestione degli storage. L'altro modo per rendere più produttiva la memoria informatica è quello di condividere lo spazio tra tutti gli utenti che possono avere bisogno di sfruttarlo. Per rendere tale condivisione realmente valida è necessario che l'accesso possa avvenire in maniera veloce e indipendente: più utenti devono essere in grado di lavorare sullo stesso materiale in modo indipendente e con prestazioni che non risentano del traffico generato dagli altri. In questo senso le soluzioni tecnologiche sviluppate per le reti hanno trovato la loro applicazione in due tipologie di sistemi: la SAN (Storage Area Network) e la NAS (Network Attached Storage). Entrambe le soluzioni consentono di condividere lo storage tra tutti gli utenti della rete utilizzando connessioni di rete veloci quali Gigabit o FiberChannel e differiscono sostanzialmente nel modo di gestire l'architettura del sistema e le connessioni stesse. Si tratta, in fin dei conti, di rendere la memoria individuale una memoria collettiva e condivisa, tale da diventare patrimonio comune per essere ragionevolmente sicuri che non vada persa: una soluzione tecnologica che affonda le sue radici in una esigenza ancestrale dell'uomo. Eugenio Menichella Antropologo culturale quality assurance and support manager Gruppo Tnt s.r.l. 2 Per informazioni più precise sulle tecnologie legate agli storage ed alle tecnologie ad essi collegate è possibile visitare il sito 5

Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende

Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende Sistemi NAS di Seagate: Guida per aziende di piccole e medie dimensioni Scelta del sistema di memorizzazione ideale Guida alla scelta del sistema di memorizzazione NAS (Network Attached Storage) per le

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

La struttura del libro

La struttura del libro Introduzione La fotografia digitale è ormai entrata prepotentemente nella nostra vita. Apparecchi fotografici dalle funzionalità sempre più avanzate sono alla portata di tutti e le loro dimensioni, sempre

Dettagli

Introduzione INTRODUZIONE

Introduzione INTRODUZIONE INTRODUZIONE INTRODUZIONE 15 Introduzione Contenuti: Come usare questa guida all uso Cos è una animazione? Gli elementi della animazione 3D Apprendere le capacità di un Animatore 3D Quanto tempo si impiega

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage

La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage Serie vol 1005/2010 L importanza di registrare le immagini video Il valore di un sistema di videosorveglianza non dipende solo dall abilità

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Introduzione al Personal Computer

Introduzione al Personal Computer Introduzione al Personal Computer Appunti Introduttivi all'informatica per super principianti Autore: Andrea Manni Copyright GFDL Versione 1.1 In questa guida verranno trattati argomenti base per introdurre

Dettagli

identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Disegni di Giacomo Cardelli

identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Disegni di Giacomo Cardelli identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Questa mostra affronta il nostro rapporto con il computer e con gli altri strumenti digitali tramite cui possiamo accedere al mondo di internet: un mondo senza

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI FORMATIVI SCUOLA PRIMARIA Sulla base delle Indicazionii Nazionali (L.53/2003) si individuano i seguenti obiettivi formativi per le diverse classi e discipline attraverso i quali gli insegnanti

Dettagli

Creare una Rete Locale Lezione n. 1

Creare una Rete Locale Lezione n. 1 Le Reti Locali Introduzione Le Reti Locali indicate anche come LAN (Local Area Network), sono il punto d appoggio su cui si fonda la collaborazione nel lavoro in qualunque realtà, sia essa un azienda,

Dettagli

Il suo background di creatività emerge in modo evidente

Il suo background di creatività emerge in modo evidente ELENA PARISI EMOZIONI senza TEMPO Elena Parisi nasce in una famiglia d'arte, essendo figlia di Paola e Marcello Parisi (il noto fashion designer che ha disegnato tessuti per i più importanti stilisti dell'alta

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLA PERCEZIONE NELLA COMPUTER VISION. Dario Salmaso. Istituto di Psicologia del CNR ROMA

PSICOLOGIA DELLA PERCEZIONE NELLA COMPUTER VISION. Dario Salmaso. Istituto di Psicologia del CNR ROMA PSICOLOGIA DELLA PERCEZIONE NELLA COMPUTER VISION Dario Salmaso Istituto di Psicologia del CNR ROMA Relazione presentata al convegno su l'immagine elettronica" Bologna, 9-13 aprile 1983 Computer vision

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Immagini radiologiche!2 PACS PACS è l'acronimo anglosassone di Picture archiving and communication

Dettagli

I giochi di Elspet e Jos. Landi

I giochi di Elspet e Jos. Landi I giochi di Elspet e Jos Perché i Giochi di Elspet e Jos? - Per imparare divertendosi - Perché le TIC rappresentano una potenzialità didattica tutta da sfruttare - Perché credo in una scuola nella quale

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

2nd Newsletter Novembre 2014

2nd Newsletter Novembre 2014 2nd Newsletter Novembre 2014 Durante il 2014 la partnership di SEMBET ha sviluppato il principale prodotto: una metodologia che partendo dalla memoria individuale contribuisca a recuperare la memoria collettiva

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

Corso di Plastica Ornamentale

Corso di Plastica Ornamentale Bernardo Brandimarti Tradizione e moder nità: Una nuova piazza per l Accademia La modellazione di un pugno di fango, non è solo l Inizio, la creazione primordiale e prerogativa Divina del Verbo nell immaginario

Dettagli

Informazione e dato. Gabriella Trucco

Informazione e dato. Gabriella Trucco Informazione e dato Gabriella Trucco Cos è l informatica? Informatica? Trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA Informazione Informazione: Qualcosa che quando viene fornito dissipa un dubbio,

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base. Lezione 4 Reti informatiche

Modulo 1 Concetti di base. Lezione 4 Reti informatiche Modulo 1 Concetti di base Lezione 4 Reti informatiche 1 Che cos è una rete di computer? E un insieme di computer vicini o lontani che possono scambiarsi informazioni su un cavo, sulla linea telefonica,

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

COSTITUZIONE E PARTI FONDAMENTALI DI UN ELABORATORE

COSTITUZIONE E PARTI FONDAMENTALI DI UN ELABORATORE COSTITUZIONE E PARTI FONDAMENTALI DI UN ELABORATORE Dicesi sistema di elaborazione un complesso di macchine e programmi la cui organizzazione ed interazione è volta al conseguimento di un obiettivo mediante

Dettagli

Qualità d immagine all avanguardia

Qualità d immagine all avanguardia ITALIANO Qualità d immagine all avanguardia L innovativo sensore intraorale Planmeca ProSensor definisce i nuovi standard in fatto di imaging nel settore odontoiatrico. Planmeca ProSensor è capace di combinare,

Dettagli

GUIDA ALL ACQUISTO TOSHIBA FEATURE TUTTI A SCUOLA

GUIDA ALL ACQUISTO TOSHIBA FEATURE TUTTI A SCUOLA TOSHIBA FEATURE TUTTI A SCUOLA Introduzione Satellite A100 / A110 TUTTI A SCUOLA GUIDA ALL ACQUISTO Che siate un insegnante o uno studente Toshiba offre il notebook giusto per voi. I notebook sono lo strumento

Dettagli

18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali

18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali 18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali 18. Cercare, scaricare, organizzare e condividere le fotografie digitali In questo capitolo impareremo a cercare immagini su Internet,

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO

CURRICOLO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Galileo Galilei Pieve a Nievole SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO DI ISTITUTO ADEGUAMENTO AI NUOVI TRAGUARDI DI SVILUPPO ALLINEAMENTO ALLE COMPETENZE CHIAVE E AGLI ASSI CULTURALI

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

realtà virtuale REALTÀ VIRTUALE - APPROFONDIMENTO (http://www.treccani.it/)

realtà virtuale REALTÀ VIRTUALE - APPROFONDIMENTO (http://www.treccani.it/) 1 di 5 18/12/2015 13.25 (http://www.treccani.it/) realtà virtuale Enciclopedie on line realtà virtuale Simulazione all'elaboratore di una situazione reale con la quale il soggetto umano può interagire,

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Lavagna Interattiva Multimediale L.I.M.

Lavagna Interattiva Multimediale L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale L.I.M. La Lavagna Interattiva Multimediale, detta anche L.I.M. o lavagna elettronica, è una superficie interattiva su cui è possibile scrivere, disegnare, allegare immagini,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE STORIA Obiettivi Specifici di apprendimento per la classe prima e relativi contenuti Esprimere il proprio vissuto collocando nel tempo fatti ed esperienze Successione di fatti ed eventi Indicatori temporali Conoscere

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere!

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! Pablo Genova I. I. S. Angelo Omodeo Mortara A. S. 2015 2016 COS'E' UN COMPUTER? È una macchina elettronica programmabile costituita da

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Il progetto intende favorire il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio immateriale di tradizioni musicali e orali di cinque regioni italiane, attraverso la sua digitalizzazione e

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l.

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l. STORAGE STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Progettazione per requisiti

Progettazione per requisiti Progettazione per requisiti White paper La riproduzione totale o parziale di questo documento è permessa solo se esplicitamente autorizzata da Lecit Consulting Copyright 2003 Lecit Consulting Sommario

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI STORIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO STORIA - Ambito disciplinare STORIA Storia Scuola Primaria CLASSE

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

Corso Video editing con Pinnacle Studio Lezione n. 17

Corso Video editing con Pinnacle Studio Lezione n. 17 Le immagini statiche Lezione 17: Le immagini statiche All interno di un filmato possono trovare spazio, per diverse ragioni delle immagini statiche, come disegni e, soprattutto, fotografie. Gli utilizzi

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei

NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei NON BASTA GUARDARE OCCORRE GUARDARE CON OCCHI CHE VOGLIONO VEDERE Galileo Galilei A cosa serve, secondo te, la fotografia? Per una famiglia che ha passato le vacanze in un luogo, una fotografia può servire

Dettagli

Applicazioni e considerazioni conclusive

Applicazioni e considerazioni conclusive Applicazioni e considerazioni conclusive 8.1 La telecamera tridimensionale Il sistema di scansione a luce debolmente strutturata permette di scandire un oggetto e di ricavarne un immagine tridimensionale

Dettagli

Favole di luce. C era una volta? Eh no, c è adesso. era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste

Favole di luce. C era una volta? Eh no, c è adesso. era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste Favole di luce C era una volta? Eh no, c è adesso C era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste parole. Quasi tutte le fiabe che ci hanno accompagnato nella crescita, così come hanno accompagnato

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S.

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. CON IL PATROCINIO DIMinistero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. c/o UISP Via Bocchi, 32-50126

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA... 2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)... 2 2. Guida alla configurazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

Progetto. V Edizione. Brianza Film Corto Festival

Progetto. V Edizione. Brianza Film Corto Festival Progetto per la realizzazione della V Edizione di Brianza Film Corto Festival 18 gennaio 2014 1.Premessa Dal 2008 il Festival svolge l'importante ruolo di promuovere nella provincia di Monza e della Brianza

Dettagli

Il Sito web www.agordino.net, usa i cookie per raccogliere informazioni utili a

Il Sito web www.agordino.net, usa i cookie per raccogliere informazioni utili a Cookie Policy INFORMATIVA ESTESA SULL USO DEI COOKIE www.agordino.net Il Sito web www.agordino.net, usa i cookie per raccogliere informazioni utili a migliorare la tua esperienza online. La presente policy

Dettagli

Intenti del laboratorio di informatica

Intenti del laboratorio di informatica Intenti del laboratorio di informatica Il corso di prima alfabetizzazione informatica è finalizzato al superamento del Divario Digitale e alla diffusione delle buone pratiche informatiche tra la popolazione.

Dettagli

Procedura per la configurazione in rete di DMS.

Procedura per la configurazione in rete di DMS. Procedura per la configurazione in rete di DMS. Sommario PREMESSA... 2 Alcuni suggerimenti... 2 Utilizzo di NAS con funzione di server di rete - SCONSIGLIATO:... 2 Reti wireless... 2 Come DMS riconosce

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

v LA i i #JOy m ng - REGOLAMENTO DEL CONCORSO -

v LA i i #JOy m ng - REGOLAMENTO DEL CONCORSO - V v LA i i f o ov #JOy m ng i - REGOLAMENTO DEL CONCORSO - DESTINATARI DEL CONCORSO Il concorso è aperto a tutte le classi di Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado che visitano e partecipano alle

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione ETA : 5 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva Gioco

Dettagli

Alfabetizzazione Informatica. Prof. Giuseppe Patti

Alfabetizzazione Informatica. Prof. Giuseppe Patti Alfabetizzazione Informatica Prof. Giuseppe Patti Il computer è...una macchina che aiuta l uomo nelle sue molteplici attività. Non è in grado di pensare, né di creare. Può solo eseguire le istruzioni che

Dettagli

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Argomenti: Il modello logico funzionale i componenti dell'elaboratore; i bus; Relazione svolta dall'alunno/a : GARUFI CARLA della 3 B progr 2011/2012.

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Daniele Marini. Rimediazione

Daniele Marini. Rimediazione Daniele Marini Rimediazione Rimediazione La rimediazione è la trasposizione di un contenuto particolare da un mezzo di comunicazione ad un altro Dalla tradizione orale alla scrittura, al graffito Dal graffito

Dettagli

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI

4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI 4.4.1 Obiettivi specifici di apprendimento 2 3 ANNI Rafforzare l autonomia e la stima di sé, l identità. Rispettare e aiutare gli altri cercando di capire i loro pensieri, azioni e sentimenti. Rispettare

Dettagli

TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA

TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA DOCUMENTAZIONE E NARRAZIONE DEL PAESAGGIO. ALCUNE OPPORTUNITÀ DEL WEB. A cura di Roberta Di Fabio e Alessandra Carfagna roberta.difabio@hotmail.it alessandra.carfagna@email.it

Dettagli

Reference Introduzione al PC

Reference Introduzione al PC Sperlinga Rag. Alessio Reference Introduzione al PC Copyright 2003, Sperlinga Rag. Alessio S.n.c., tutti i diritti riservati. Questa copia è utilizzabile dallo studente soltanto per uso personale e non

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Roxio Easy CD & DVD Burning

Roxio Easy CD & DVD Burning Roxio Easy CD & DVD Burning Guida introduttiva 2 Guida introduttiva Easy CD & DVD Burning Nel presente manuale Benvenuti in Roxio Easy CD & DVD Burning 3 Informazioni sulla presente guida 3 Informazioni

Dettagli

Cookie Policy. Questo documento contiene le seguenti informazioni:

Cookie Policy. Questo documento contiene le seguenti informazioni: Cookie Policy Il sito web di ASSOFERMET, con sede a Milano (Mi), in VIA GIOTTO 36 20145, Titolare, ex art. 28 d.lgs. 196/03, del trattamento dei Suoi dati personali La rimanda alla presente Policy sui

Dettagli

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT Il computer è composto essenzialmente da due componenti L' HARDWARE ed il SOFTWARE COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT FACCIAMO UN PARAGONE Se vogliamo fare una paragone, L' HARDWARE è una stanza o un

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Lezione 16: Animazione (2)

Lezione 16: Animazione (2) Lezione 16: Animazione (2) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione Origini Produrre animazioni Animazione tradizionale (2D) Animazione digitale 2 Animazione 3D Animazione

Dettagli

COOKIES PRIVACY POLICY DI BANCA PROFILO

COOKIES PRIVACY POLICY DI BANCA PROFILO COOKIES PRIVACY POLICY DI BANCA PROFILO Indice e sommario del documento Premessa... 3 1. Cosa sono i Cookies... 4 2. Tipologie di Cookies... 4 3. Cookies di terze parti... 5 4. Privacy e Sicurezza sui

Dettagli