I CORRELATI PSICOLOGICI DELLA DISOCCUPAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CORRELATI PSICOLOGICI DELLA DISOCCUPAZIONE"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN PSICOLOGIA I CORRELATI PSICOLOGICI DELLA DISOCCUPAZIONE Relatore: Chiar.mo Prof. Piergiorgio ARGENTERO Correlatore: Chiar.mo Prof. Eliano PESSA Tesi di Laurea di Chiara AIELLO Anno Accademico

2 Alla mia mamma, che mi ha insegnato a camminare da sola, stando comunque al mio fianco. Ad Andrea, che amo da sempre, perché tutto è iniziato con te, perché scommetterei su di noi infinite volte, senza aver mai paura di perdere.

3 I CORRELATI PSICOLOGICI DELLA DISOCCUPAZIONE Indice generale INTRODUZIONE...4 Capitolo 1 Il ruolo psicosociale del lavoro Evoluzione storica del concetto di lavoro L interpretazione psicosociale del lavoro L employment commitment Studi sul rapporto fra personalità e lavoro...19 Capitolo 2 Primi studi psicosociali sulla disoccupazione La disoccupazione: inquadramento storico I mille volti della disoccupazione La percezione sociale della disoccupazione Le prime ricerche empiriche sulla disoccupazione...40 Capitolo 3 Disagi e fattori modulatori della disoccupazione La disoccupazione come evento di vita I fattori colpiti dalla disoccupazione Il benessere psicofisico Le strategie di coping Il Locus of control I fattori modulatori del disagio Caratteristiche socio-anagrafiche Le risorse sociali Il ruolo dell employment commitment...78 Capitolo 4 Disoccupazione e percezione di sé Identità e calo dell autostima Autopercezione Eteropercezione...88 PARTE SECONDA La ricerca sperimentale...90 Introduzione Obiettivi generali Ipotesi Metodo Campione Strumenti Procedura Analisi dati Correlazione tra le variabili Risultati e discussione Conclusioni ABSTRACT RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI APPENDICE A APPENDICE B: APPENDICE C Appendice D...127

4 INTRODUZIONE Le proporzioni che sta assumendo il fenomeno della disoccupazione, rendono interessante un approccio di studio che vada oltre lo stretto inquadramento socio-economico, che riesca a toccare una sfera più profonda della persona, mettendo in evidenza come la condizione di senza lavoro modifichi necessariamente il benessere generale dell individuo. I mass media contribuiscono a portare l attenzione sulla tragicità della vita di persone che si trovano improvvisamente disoccupate, o che vivono in modo continuativo questa realtà. Molte volte si legge di casi drammatici, di famiglie spezzate, tutte queste storie sono caratterizzate da una sofferenza di fondo, un disagio che accomuna tutti i coinvolti in un problema che ormai ha preso le caratteristiche di una piaga sociale, e non solo in Italia. Il nostro è uno dei paesi ai primi posti di questa classifica negativa, mostrando drammatiche peculiarità, come ad esempio la netta differenza tra le realtà del nord e del sud. E per questo che la disoccupazione ed i fenomeni ad essa correlati devono essere osservati a 360 gradi, per poter apportare contributi significativi alla comprensione di uno dei problemi che maggiormente colpiscono al cuore l Italia. Dalla grande crisi degli anni 30, fino alla nuova recessione, avvenuta negli anni 80, gli studi psicologici hanno subito un declino, tuttavia recentemente hanno ripreso forza con un taglio più moderno. Infatti mentre negli anni trenta quello che maggiormente risaltava era l estrema condizione di povertà degli individui, ai quali non era quasi garantita neppure la sopravvivenza, oggi grazie all evoluzione del sistema di previdenza sociale vengono assicurati almeno gli standard minimi di vita. Si ha così la possibilità di concentrarsi sugli aspetti riguardanti il benessere psicologico del disoccupato, portando a galla tutta una serie di problematiche psicosociali correlate alla suo stato di inattività che in passato erano state trascurate.

5 Le osservazioni di Lazarsfeld a livello europeo, e di Gatti a livello nazionale, sulle prime forme disoccupazionali e sui primi fenomeni di distress psicologico fanno emergere chiaramente una realtà decisamente problematica. Da questo presupposto possono trovare spiegazione tutti quei fatti di cronaca, gravi e meno gravi, che portano costantemente l attenzione sul fenomeno. Gli studi sulla disoccupazione evidenzieranno come il disagio sia in grado di generare nell individuo una spirale di learned-helplessness, di tentativi falliti e conferme della propria inadeguatezza, di perdita delle proprie sicurezze, che generano un progressivo isolamento sociale e una sempre più evidente tensione nei rapporti familiari. E comunque necessario tenere presente che, purché il tentativo sia quello di descrivere un fenomeno il più possibile generalizzabile, non esiste un modo unico di vivere il problema disoccupazione, ma esistono tante disoccupazioni ognuna legata agli eventi di vita e alla caratteristiche di ognuno. (Depolo, Sarchielli, 1998) Per questo l obiettivo di questa ricerca sta nel tentativo di estrarre dal grandissimo numero di variabili individuali, che entrano in gioco nel vissuto del disoccupato, quelle dimensioni comuni che rendano possibile una definizione più generale del problema. La ricerca analizzerà quindi, partendo dai primi approcci teorici, per arrivare agli studi moderni, tutti quegli aspetti che riguardano il vissuto del disoccupato. E necessario dedicare il primo capitolo ai significati del lavoro ed alla valenza che esso ha nella vita di ogni individuo, poiché disoccupazione vuol dire, in prima istanza, mancanza del lavoro stesso. Inoltre i disagi psicologici che saranno analizzati nella nostra ricerca derivano proprio dall assenza di questo prezioso strumento di crescita e di confronto sociale. Si è dunque voluto chiarire, per sommi capi, che cosa rappresenti il concetto di lavoro e quali siano i suoi attributi. Particolare importanza riveste il significato di emoployment commitment, che riguarda la valenza positiva che il lavoro assume per la persona.

6 Una delle considerazioni più importanti che emerge, è che i disoccupati attribuiscono al lavoro il medesimo valore degli occupati: sembrano così venire a cadere idee preconcette per cui la disoccupazione colpirebbe persone meno motivate al lavoro. Si è voluto inoltre porre l attenzione sulla crescente importanza che vanno assumendo le caratteristiche intrinseche del lavoro, più che quelle meramente economiche (A. Ahs and R. Westerling, 2005). Nel secondo capitolo verrà fornito un inquadramento storico del fenomeno, da quando negli anni 30, dopo il crollo di Wall Street si comincia a parlare di crisi economica mondiale, fino ai giorni nostri. Da questo approccio storico si può trarre un quadro generale del problema, che tuttavia non è sufficiente se non viene letto in chiave ecologica e psicologica. E proprio l insoddisfazione per una visione così schematica e limitata alle conseguenze economiche che ha portato l attenzione nella direzione più umana della disoccupazione. Si cercherà quindi di fare una panoramica sui primi studi in ambito psicosociale, partendo da quello sul Marienthal, che fu promosso dall istituto di psicologia di Vienna, e compiuto, durante gli anni Trenta, a Marienthal, un piccolo villaggio austriaco nel quale la chiusura di una filanda aveva causato, per quasi tutti gli abitanti, la perdita del lavoro (Jahoda, Lazarsfeld e Zeisel, 1933). Nel terzo capitolo si troverà il concetto di disoccupazione affiancato a quello di "evento di vita"; ovvero la perdita del lavoro sarà descritta come un'esperienza che distrugge la normale attività di un individuo, inducendo una profonda trasformazione del suo equilibrio psichico. Si parlerà quindi, a questo proposito, delle ricerche svolte a riguardo, che valutano l'impatto della perdita o della mancanza di lavoro sul benessere biopsicosociale di individui, famiglie e comunità. Facendo riferimento alla letteratura che studia il benessere, andremo ad osservare che la disoccupazione è sempre correlata con fattori negativi che riguardano la personalità, il locus of control, la self-efficacy, e la capacità

7 utilizzare adeguate strategie di coping (Hammarström & Janlert, 2002, Holmes e Werbel, 1992; Cuoco & Campbell, 1979;) Si cercherà infine di descrivere i fattori in grado di moderare gli effetti negativi di questi vissuti, come ad esempio l'età (Kulik, Liat, 2000), la classe sociale (Creed, Peter A. 1,2; Klisch, 2005), il supporto sociale (T. Kieselbach, 2003). Nel quarto capitolo verranno discussi i problemi legati alla crisi dell identità e il calo dell autostima nel soggetto disoccupato. Il concetto principale è quello di autostima, che viene considerata come il fulcro della stima positiva che il singolo ha per se stesso. Si vedrà come proprio l autostima, in certe sue sfaccettature, risulti pesantemente attaccata sia dalla condizione di disoccupazione, sia dal contorno sociale e culturale (T. Kieselbach, 2003). Si porrà inoltre l attenzione su una teoria emersa da ricerche recenti, ovvero che sia la percezione dell'individuo del proprio stato di disoccupazione, piuttosto che la disoccupazione in quanto tale, a determinare un influenza sul livello di benessere generale. Questa spiegazione concorda con la teoria secondo la quale la valutazione personale dello stress vissuto è molto più importante dell'esistenza o meno dello stress stesso (Latack ed altri, 1995; McKee-Ryan & Kinicki, 2002). Possiamo affermare che in questa ricerca sono emerse quattro conclusioni importanti sulla correlazione tra benessere psicofisico e disoccupazione. In primo luogo, la centralità che il lavoro assume nella vita dell individuo è associata ad un benessere psicologico minore e scarsa soddisfazione generale durante la disoccupazione. Questi risultati sono confermati dalla teoria dell identità (per esempio, Ashforth, 2001). In secondo luogo, strategie di fronteggiamento adeguate nell affrontare gli eventi di vita stressanti, sono fattori che promuovono il benessere durante la disoccupazione. I risultati indicano che le auto-valutazioni positive, la possibilità di ricorrere a forme di supporto sociale e la possibilità di disporre di mezzi finanziari sono collegati con un maggior benessere (per esempio, McKee-Ryan, Kinicki,2005

8 Blakely, Collings, Atkinson, 2003; Erez e Giudice, 2001; Giudice & Bono, 2001). Inoltre gli individui disoccupati che tendono a vivere le proprie giornate con una scarsa strutturazione del tempo hanno maggiori disagi (Jackson, 1999). Il benessere psicologico infatti risulta più alto per coloro che possono disporre di una strutturazione precisa della propria giornata (per esempio, Wanberg ed altri, 1997). In quarto luogo la ricerca attiva di lavoro può essere considerata un fattore di protezione, infatti livelli elevati di benessere sono stati riscontrati fra coloro che hanno cercato di controllare direttamente la loro condizione e di agire in prima persona per risolverla (Kinicki et. al, 2000).

9 Capitolo 1 Il ruolo psicosociale del lavoro 1.1 Evoluzione storica del concetto di lavoro I diversi termini con cui è stato descritto il concetto di lavoro nelle varie lingue ricordano spesso il concetto di fatica, sforzo, sofferenza. I termini ponos, kopos, labor, lavoro così come il tedesco arbeiten, il russo robotat, il francese travailler esprimono il senso di fatica e di pesantezza che accompagnano l attività lavorativa. Nella lingua spagnola il vocabolo trabajo significava originariamente mettere al mondo, essere partoriente ma alcune fonti lo riconducono al latino tripalium, uno strumento di tortura composto di tre pali. Non sorprende pertanto che in alcune regioni dell Italia nordoccidentale e nelle isole, il verbo travagliare sia ancora oggi impiegato per descrivere un lavoro duro, faticoso, pericoloso. Nel mondo antico prevaleva una concezione negativa dell attività lavorativa, intesa prevalentemente come attività manuale e considerata ora come corrispettivo del dolore richiesto dagli Dei per concedere i beni agli uomini (Senofonte), ora come elemento che soffoca l intelligenza che deve essere applicata a fini politici e speculativi (Aristotele), ora come elemento di distrazione dalla vita contemplativa (Cicerone). Bisogna arrivare al periodo rinascimentale per assistere ad un vero e proprio cambiamento nella considerazione del lavoo, che diventa fondamento della civiltà e del progresso (L.Battista Alberti); nel lavoro l uomo trova la sua autonomia ( Matteo Palmieri). Proprio su queste basi possiamo rintracciare l inizio di nuova società fondata sul lavoro durante periodo della Riforma con l affermazione del Protestantesimo. Una delle figure più importanti di questo periodo storico, e forte nemico dell inattività, è Lutero, che definiva il lavoro come servizio divino, affiancato da Calvino che lo definiva come strumento di ascesi mondana diretto ad instaurare il divino nel mondo.

10 La cultura etica protestante pretende una disciplina rigorosa, introduce una dimensione religiosa in tutti gli ambiti di vita del credente, assegna al lavoro un valore etico e considera la realizzazione professionale come dovere e virtù. E proprio in questi precetti che il capitalismo trova così uno dei suoi fondamenti nell obbligo e nella disciplina rigorosa del lavoro. Nell ambito filosofico si può evidenziare la posizione degli illuministi, interpreti delle istanze borghesi, e che concepisce il lavoro in senso positivo, enfatizzandone i valori morali e sociali. Ad esempio per Voltaire lo sviluppo tecnologico esalta il progresso e l attività lavorativa considerata strumento privilegiato per sconfiggere i grandi mali dell umanità: la noia, il vizio, il bisogno. Facendo un discorso più generale tutto l idealismo moderno registra un esaltazione del lavoro. Per Fichte è una missione religiosa dell uomo, per Hegel è strumento della sua dignità. Lo sviluppo capitalistico e lo sfruttamento porteranno a un ripensamento del significato del lavoro. Inizia così una teoria critica della società capitalistica che continuerà con la scuola di Francoforte (T.W. Adorno, H. Marcuse, C.Fromm), che vedono la realizzazione dell uomo nel superamento dell organizzazione industriale capitalistica. Per quel che riguarda il neo-idealismo italiano il lavoro è il tratto distintivo del vivere umano, pur nell impossibilità di eliminare il suo carattere gravoso. Dice Benedetto Croce: Non c è altro modo di vincere la penosità del lavoro se non di convertirlo da esterno in interno, da imposto in spontaneo, da forzato in voluto, accettandolo e affezionandovisi come a qualcosa in cui si ritrova la profonda soddisfazione del proprio essere migliore. E quando da quel lavoro penoso si torna poi al lavoro congeniale, ci si sente sì sgravati da un peso, ma anche dal peso del rimorso, nessuna società umana può vivere senza disciplina interiore, senza entusiasmo morale che dia forza alla disciplina senza sapersi rassegnare e sacrificare.

11 1.2 L interpretazione psicosociale del lavoro Da qualche anno ormai si parla di fine della centralità del lavoro, molti hanno definito l epoca attuale post-industrialistica osservando che il ridimensionamento dell industria e l avanzamento del terziario sono andati di pari passo con la liberazione di energie umane spendibili nel tempo libero e nel consumo culturale, in funzione di una diminuzione del tempo esistenziale determinato dal lavoro. Il lavoro non ha più quella funzione totalizzante che aveva per i nostri nonni e forse per i nostri padri. Si può capire perchè determinasse tutto il loro stile, il loro prestigio, il loro ruolo sociale. Oggi copre un decimo della nostra vita, ma continua a pretendere un ruolo centrale. Nell immaginario collettivo ognuno è ciò che fa: ma non ciò che fa individualmente, o nelle tante ore passate in famiglia, con gli amici, con se stesso, ma ciò che fa nelle poche ore spese al lavoro. Una specie di "appiattimento dell uomo sulla sua attività lavorativa, come se questa fosse divenuta l unico indicatore di riconoscibilità dell uomo (Galimberti, 1998). Certo è che se l individuo viene riconosciuto solo per il lavoro che fa, quando questo viene a mancare, egli stesso non vi si riconosce, né la società lo riconosce più. (A. Ahs and R. Westerling, 2005) E necessario anche tenere conto che nel lungo periodo di espansione degli scorsi decenni, che sembrava assicurare condizioni di stabilità e benessere economico, si andava consolidando un cambiamento sottocorrente di cui è stata condotta una sistematica analisi qualitativa che coniò il termine Rivoluzione silenziosa (Inglehart, 1977). Rivoluzione che annoverava tra le sue caratteristiche uno spostamento dei valori: da un enfasi preponderante sul benessere materiale e sulla sicurezza fisica, ad una maggior enfasi sulla qualità della vita, sull autoespressione, sul bisogno di appartenenza all ambiente. Contestualmente agli studi di Inglehart si sono sviluppate altre ricerche longitudinali sui Nuovi Valori (Yanchelovich, 1974). Nel mondo del lavoro

12 si conosce sempre più l importanza dei compensi non economici, come la partecipazione alle decisioni, l aspettativa e lo sforzo per un lavoro interessante e significativo. Il lavoro è diventato onnivoro, come se tutto il resto non contasse: come se non contasse la famiglia, non contassero i rapporti politici, sociali. L identità, specialmente quella giovanile, tende a fondarsi su ambiti diversi da quello lavorativo: amicizie, famiglia, cultura. Fenomeni come la disoccupazione endemica, la sottoccupazione e la dequalificazione sono meccanismi sociali che tendono a spingere in ambiti esterni alla sfera del lavoro i fattori di identificazione sociale. Siamo forse in presenza di una pluralizzazione di significati. Poiché le persone in una società complessa possono attingere da diverse fonti per misurare la soddisfazione delle proprie aspettative il lavoro non è che una fra di esse, anche se per molti collocato ancora in una posizione gerarchicamente rilevante. Ma soprattutto, il lavoro può servire a misurare dimensioni diverse: per alcuni il reddito, per altri il prestigio, per altri la possibilità di auto-realizzarsi, per altri infine opportunità di contatti sociali o di condividere valori. (J. E. Askildsen, E. Bratberg, O. A. Nilsen, 2005) Tuttavia queste affermazioni non devono sconfinare nel riduzionismo. Per molti il lavoro conserva una sua importanza, esso è una delle dimensioni fondamentali dell identità. Tra i giovani di estrazione sociale più bassa è presente una percentuale tutt altro che irrilevante che vede nell attività lavorativa addirittura l aspetto più importante della propria vita. (Depolo, Sarchielli 1999; Eden, Aviram 1993; Fraccaroli, 1998). Vi è così la tendenza a conferire al lavoro una rilevanza maggiore mano a mano che decresce il livello di estrazione sociale dei soggetti. Tanto che si potrebbe pensare ad una distinzione ideologica di classe, dove per le classi superiori il lavoro sembra essere uno degli aspetti importanti della vita mentre per quelle inferiori esso conserva la centralità passata.

13 Molti fattori rendono ancora il lavoro uno strumento imprescindibile per l uomo: in un epoca di egualitarismo e livellamento la professione svolge ancora un ruolo di distinzione e prestigio; a fronte del crescente anonimato e isolamento del tempo libero il lavoro assieme alla famiglia e ai circoli privati è l ambiente principale in cui nel bene e nel male l uomo è portato a contatto con altri uomini. Vengono aggiunti, a queste osservazioni, altri spunti: il lavoro è la fonte principale attraverso cui la maggior parte delle persone accede all acquisizione di molti diritti di cittadinanza: le prestazioni lavorative sono sovente agganciate nelle moderne società ai diritti di sicurezza sociale, alla previdenza, alla tutela sanitaria e pensionistica. L idea che il lavoro sia solo strumentale è inconsistente: il lavoro influenza ancora la vita, ed è capace di orientare atteggiamenti e valori, comportamenti e significati, in sfere ad esso non direttamente collegate. (Romagnoli, 1984; Fraccaroli, 1998; Depolo, 1998) Infine l importanza del lavoro risalta maggiormente allorquando, come nel nostro caso, la si analizza partendo dal malessere provocato dalla sua assenza; quando cioè si studiano fenomeni come le patologie, la perdita di identità, il disorientamento temporale che rivelano quale importanza, nei limiti di certe settorializzazioni, rivesta ancora il lavoro (Wanberg, Sorenson et al.2005) Dopo esserci soffermati sul concetto di lavoro e sulla sua modernità è necessario analizzare i suoi significati. Dal punto di vista psicosociale possiamo distinguere, riguardo il modello tracciato dal sociologo americano Slocum, sei funzioni principali del lavoro salariato: 1) il lavoro rappresenta una forma di reddito: un lavoro significa avere il necessario per vivere, ma anche per poter fruire di opportunità e quindi, anche se non sempre, saper o poter scegliere e determinare il proprio destino. Vedremo poi le differenze di classe nell'atteggiamento nei confronti del lavoro. E interessante ricordare i risultati dello studio "Senza lavoro" (Depolo, 1998) che poneva questa domanda: "Se ti capitasse di avere abbastanza soldi per vivere come vuoi per tutta la vita, che cosa faresti?" Ad essa il 54,5% degli

14 interpellati ha risposto che vorrebbe lavorare lo stesso, il 32% che per ora non lavorerebbe ma in seguito forse sì, e solo il 13% non lavorerebbe proprio; 2) il lavoro struttura il tempo: come vedremo meglio in seguito uno dei problemi più grandi che un disoccupato, soprattutto di lunga durata, deve risolvere, è come affrontare la monotonia delle giornate senza lavoro. La routine lavorativa divide il tempo in segmenti, ciascuno dei quali ha uno specifico obiettivo e significato: determina l'ora in cui bisogna alzarsi, quanto si sta lontani da casa e come passerà l'intera giornata. Ma il tempo di lavoro regola anche il suo opposto, ovvero lo svago e le vacanze. E' difficile per un disoccupato dare un senso al proprio tempo libero se non ha un'occupazione (Pombeni, Guglielmi, 2000). 3) Il lavoro permette e facilita i contatti sociali: l'organizzazione del lavoro offre l'opportunità per una maggiore socializzazione dell'individuo (almeno fino a che la tecnologia non cambi radicalmente le forme del lavoro). Vedremo in seguito l'importanza del rapporto sociale per un disoccupato. Herzberg, prendendo in considerazione una quindicina di studi effettuati su un complesso di oltre lavoratori, ha verificato che la caratteristica più pregnante legata al lavoro riguardava proprio il suo aspetto sociale; 4) il lavoro forma l'identità: ritorna qui il concetto di centralità del lavoro nella vita; questa può essere considerata un affermazione troppo estrema e poco rispondente alla realtà attuale (Guichard, Huteau, 2001). 5) Il lavoro fornisce uno scopo alla vita: anche se questa può essere considerata un affermazione troppo estrema e poco rispondente alla realtà attuale (Sarchielli et al., 1999). Certo è che, in ogni caso, si stabilisce un vincolo tra l'uomo e la società; in questo senso è lecito domandarsi se la disoccupazione non porti ad una difesa del proprio ego consistente nello svalorizzare l importanza del lavoro per ridurre i connotati della frustrazione (Bartley, M; Ferrie, J Glossary, 2001). 6) Il lavoro mantiene in attività: può contribuire a rafforzare le energie fisiche e psichiche e permette di esercitare ed ampliare le doti, le caratteristiche e le attitudini individuali (Saks, Ashforth, 2000).

15 Dopo questa trattazione sulle funzioni del lavoro è necessario soffermarsi sulle aspettative che i lavoratori hanno per la propria attività. Uno degli aspetti, a questo riguardo, che emerge è il contrasto fra attributi espressivi e di realizzazione personale e quelli che, al contrario, rappresentano i valori estrinseci. In questo contesto sarebbe dunque interessante capire perché i significati espressivi stanno assumendo prevalenza rispetto a quelli economici negli ultimi anni. Un'ipotesi è che il bisogno di espressione personale nel lavoro si sovrapponga alle esigenze economiche, più che prenderne il posto. Non è corretto affermare che il reddito abbia perso significato, ma oggi esso è più sicuro: dunque se le necessità economiche non vengono più citate non è perché questo problema sia stato ormai completamente risolto. Esso resta vivo e fondamentale soprattutto in quei lavoratori ancora privi di mezzi, e ridiverrebbe tale per tutti, dal momento in cui dovesse venire meno da un giorno all'altro un certo tipo di benessere (Sarchielli, 1999). Un'altra ipotesi è che il bisogno di soddisfazione personale venga espresso con maggior frequenza perché trova sempre minor soddisfazione. Non è quindi il bisogno ad essere cresciuto ma la frustrazione. I disoccupati sembrano dedicare maggiore attenzione alla sicurezza e alla stabilità del posto di lavoro, piuttosto che al prestigio.?in secondo luogo appare ridimensionato il rilievo dato allo stipendio, considerato l'aspetto più importante dal campione nazionale di occupati. In terzo luogo le qualità "intrinseche" del lavoro sembrano mantenere una posizione preminente anche fra i disoccupati (Depolo, Sarchielli, 1997). L'essere privi di occupazione sembra quindi favorire un accentramento dell'attenzione sulle caratteristiche di stabilità e sicurezza del lavoro a scapito degli aspetti retributivi. Importante è che questa tendenza non sembra essere invece accompagnata da una parallela svalorizzazione degli obiettivi del lavoro non strettamente legati ad un ritorno economico, come ad esempio la possibilità di sviluppare interessi e capacità e la ricerca di relazioni significative.

16 Ciò che sembra peculiare nel significato attribuito al lavoro da parte del disoccupato è quindi l'esito del bilancio complessivo che il soggetto conduce fra attese di stabilità, di benefici intrinseci e risorse materiali (A. Ahs and R. Westerling, 2005). E anche necessario porre attenzione al rapporto fra classe sociale, livello di istruzione e attributi estrinseci e intrinseci. Qui la situazione è abbastanza articolata: in linea di massima si può affermare che gli aspetti remunerativi del lavoro appaiono assai più importanti per i lavoratori di origine sociale inferiore che non per i loro coetanei di classe più elevata e lo stesso vale per l'opportunità di avere buoni rapporti sia con i compagni di lavoro che con i superiori. Al contrario, l'interesse intrinseco per il tipo di lavoro svolto, l'autonomia e la possibilità di prendere decisioni sono aspetti assai più apprezzati al vertice che non alla base della scala sociale. Se possiamo quindi dire che il nuovo modello culturale, il ripetuto emergere dei valori espressivi, è senz'altro il portatore di livelli crescenti di cultura e classe sociale, nel senso che una popolazione giovanile più istruita e che proviene da ambienti familiari più colti tende a privilegiare gli aspetti espressivi del lavoro rispetto agli aspetti strumentali, è però vero che anche le classi inferiori non risultano impermeabili all'influenza del nuovo modello e che il vecchio modello in base al quale "bisogna lavorare per guadagnarsi da vivere" ha perso molto della sua capacità di motivazione al lavoro. In linea di massima, il quadro che emerge è il seguente: quanto più i soggetti privilegiano da un lato fattori tradizionalmente acquisiti come prestigio, notorietà e carriera e dall'altra il fattore sicurezza dell'impiego, tanto più il lavoro viene valorizzato. Al contrario quanto più si cerca nel lavoro un appoggio intrinseco, badando più a tutto il suo contesto, tanto più si tende a considerare l'attività professionale come una sfera importante ma non decisiva nella vita; atteggiamento questo in ascesa.

17 1.3 L employment commitment L employment commitment può essere definito come il grado di importanza attribuita al lavoro dai lavoratori stessi, oppure come coinvolgimento lavorativo. Indica anche il grado di importanza effettivamente attribuito al lavoro, inteso come "attività umana", distaccandosi da ogni riferimento ad una specifica occupazione. Attraverso l'employment commitment si cerca di valutare fino a che punto il lavoro possa contribuire alla definizione dell'identità personale, ad una più elevata stima di sé e soddisfazione personale, in senso non meramente economico. Un punto di una certa importanza è appunto stabilire se l'employment commitment sia diverso negli occupati rispetto ai disoccupati. Se i disoccupati attribuissero un importanza inferiore al lavoro, si potrebbe leggere la perdita del lavoro come "effetto", ovvero come una selezione tra quegli individui scarsamente motivato. Se invece si considerassi la disoccupazione come "causa" il livello di employment commitment potrebbe essere variabile. Chi è privo di lavoro potrebbe registrare un minore coinvolgimento lavorativo rispetto agli occupati, dovuto a meccanismi di scoraggiamento o di ristrutturazione cognitiva (Cote, Frank, 1995). Depolo e Sarchielli hanno condotto un "controllo" di queste ipotesi in forma cross-sectional. Nel loro questionario sono state introdotte domande che rilevano appunto il grado di importanza del lavoro, quanto esso rappresenti una risorsa indispensabile per la soddisfazione personale e per una positiva immagine di sé. E' stata anche rilevata un'altra dimensione che è denominata "non-financial employment commitment". Essa si differenzia dalla precedente in quanto si presta a misurare l'importanza attribuita al lavoro indipendentemente dal suo ruolo economico, tenendo in primo piano le qualità intrinseche del lavoro.

18 Dall analisi dei dati ottenuti dai due ricercatori possiamo osservare che l'importanza attribuita al lavoro dai disoccupati intervistati è pari a quella registrata fra gruppi di occupati Sembrerebbe anche che i disoccupati non svalutino in modo difensivo l importanza del lavoro. E questo il risultato più sorprendente, forse da collegare al fatto che il campione intervistato da Depolo e Sarchielli era costituito da giovani per i quali forse le aspettative sul ruolo del lavoro sono meno sensibili al ridimensionarsi. Le stesse indicazioni emergono rispetto al NFEC (non financial employment commitment), la ricerca svolta dai ricercatori Snir e Harpal (2002), su un campione di 501 Israeliani di età media 40 anni, vuole indagare sulla connessione tra non financial employment commitment ed i bias desiderabilità sociale. I soggetti intervistati telefonicamente alla domanda su cosa avrebbero fatto in seguito ad una consistente vincita alla lotteria hanno dato risposte significative. Infatti analizzando i dati raccolti è emerso che la volontà di continuare ad impegnarsi nel proprio lavoro era correlata con una condizione sociale medioalta, mentre nelle persone socialmente più svantaggiate era più consistente il desiderio di lasciare l attuale lavoro. Questo stimola un ulteriore riflessione, ovvero che per avere una stima esatta del livello di importanza del lavoro per il soggetto, devono essere prese in considerazione numerose variabili tra cui appunto la polarizzazione sociale. Come appena affermato l'employment commitment non è impermeabile a fattori come il sesso o la scolarità specialmente nella sua versione non economica. La percentuale di giovani disposti a lavorare anche senza la necessità economica varia dal 36% dei maschi con diploma di III media, al 54% delle femmine con pari scolarità, al 61% delle femmine diplomate al 67% dei maschi diplomati. Il gruppo dei meno scolarizzati mostra quindi propensione al lavoro se a questo vengono tolte le valenze economiche, rispetto ai più scolarizzati.

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

UNIVERSITÁ DI CATANIA Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (Enna) (A.A. 2005-2006) Corso di PSICOLOGIA DEL LAVORO Prof. G.

UNIVERSITÁ DI CATANIA Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (Enna) (A.A. 2005-2006) Corso di PSICOLOGIA DEL LAVORO Prof. G. UNIVERSITÁ DI CATANIA Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (Enna) (A.A. 2005-2006) Corso di PSICOLOGIA DEL LAVORO Prof. G. SANTISI MOTIVAZIONE E SODDISFAZIONE NEL LAVORO Un collegamento Le

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Recessione economica e Disturbi Depressivi

Recessione economica e Disturbi Depressivi Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Recessione economica e Disturbi Depressivi L Associazione per la Ricerca sulla

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Le motivazioni al volontariato: uno studio sui volontari della provincia di Monza e Brianza

Le motivazioni al volontariato: uno studio sui volontari della provincia di Monza e Brianza Monza, 1 Ottobre 2013 Le motivazioni al volontariato: uno studio sui volontari della provincia di Monza e Brianza CSV M&B Centro di Servizio per il Volontariato di Monza e Brianza in collaborazione con

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3.1. L offerta giovanile di lavoro nel lungo periodo Una delle debolezze di fondo che caratterizza l Italia è l evoluzione demografica,

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL 1 Milano 21 novembre 2014 Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL L ingresso massiccio delle donne nel mercato del lavoro,

Dettagli

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE.

CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. CASALINGA: POPOLAZIONE ATTIVA SENZA RETRIBUZIONE. Carla Ge Rondi Dipartimento di Statistica ed Economia applicate L. Lenti Università di Pavia Premessa. Nel mio intervento ho ritenuto di portare l attenzione

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

Conversazioni sulla comunicazione didattica

Conversazioni sulla comunicazione didattica Conversazioni sulla comunicazione didattica 1. La comunicazione didattica Un approccio ragionato sulla questione dell autostima e dell autoefficacia L uso dei rinforzi per il miglioramento dell autoefficacia

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino

Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*, Giuseppe Costa**, Simona Olivadoti* *Agenas, **Università di Torino La crisi economica fa male alla salute? I trend sociali e di salute nella serie storica dell Indagine annuale Istat sugli aspetti della vita quotidiana. Per il gruppo di ricerca Crisalide: Cesare Cislaghi*,

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

CORSO LAVORO E MERCATO SYLLABUS EROGATO IN MODALITÀ BLENDED LEARNING ORGANIZZAZIONE DEL CORSO

CORSO LAVORO E MERCATO SYLLABUS EROGATO IN MODALITÀ BLENDED LEARNING ORGANIZZAZIONE DEL CORSO CORSO LAVORO E MERCATO EROGATO IN MODALITÀ BLENDED LEARNING SYLLABUS Corso di laurea triennale in Sociologia Modulo Lavoro e mercato (parte del modulo Sociologia 2) (codice E4001N047) Anno accademico 2015/2016

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

La salute si paga cara POVERTÀ E CURE MEDICHE

La salute si paga cara POVERTÀ E CURE MEDICHE POVERTÀ E CURE MEDICHE TROPPE SPESE Per molte famiglie le cure indispensabili rappresentano un peso economicamente insostenibile. PRESTITI Non molto diffuse le assicurazioni sanitarie, piuttosto nel bisogno

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE

I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE I DOTTORI DI RICERCA: UNA RISORSA DA NON SPRECARE di Liana Verzicco IL CAPITALE UMANO DI LIVELLO TERZIARIO Il solo obiettivo della strategia di Lisbona che l Unione Europea ha pienamente raggiunto prima

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Previdenza per la vecchiaia. Dossier per altre scuole

Previdenza per la vecchiaia. Dossier per altre scuole Previdenza per la vecchiaia Dossier per altre scuole Indice Fondamenti... 3 Obiettivi didattici... 3 Introduzione... 3 Dal salario lordo al netto... 4 Il modello a tre pilastri della previdenza per la

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

I laureati e lo studio

I laureati e lo studio 28 aprile 2006 I laureati e lo studio Inserimento professionale dei laureati Indagine 2004 Informazioni e chiarimenti: Servizio Popolazione, istruzione e cultura Viale Liegi, 13-00198 Roma Paola Ungaro

Dettagli

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO

DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO DONNE ED AMBIENTE DI LAVORO La sicurezza di genere nell ambiente di lavoro: benessere organizzativo e mobbing. Casistica e politiche di prevenzione Francesca Larese Filon La parità tra uomini e donne deve

Dettagli

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO Convegno di studio e confronto Invecchiamento e lavoro in sanità Milano 30 settembre 2015 Il Tema dei

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Il comportamento di consumo

Il comportamento di consumo Il comportamento di consumo Obiettivi della lezione Comprendere ed identificare le determinanti del comportamento di consumo Definire il concetto di bisogno Definire le caratteristiche ed i tratti psicologici,

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 INDICE Introduzione.3 1. Il settore sociale 3 2. Il settore dello spettacolo.5 3. Il settore della sicurezza..6 4.

Dettagli

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi Lezione 9 Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento I gruppi 1 LE TIPOLOGIE DI BARRIERE ORGANIZZATIVE AL CAMBIAMENTO: UNA POSSIBILE CLASSIFICAZIONE mancata percezione dei benefici

Dettagli

Il comportamento del consumatore turista

Il comportamento del consumatore turista Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di marketing agroalimentare e turismo rurale a.a. 2010/2011 Prof. Gervasio Antonelli Il comportamento del consumatore turista Lavoro

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA ADEM LAB- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA Silvia Bellini Università degli Studi di

Dettagli

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE

LA TERZA FASE DEL MONITORAGGIO LE SCELTE INTRODUZIONE INTRODUZIONE La certificazione esterna delle competenze linguistiche in inglese è un fenomeno che non interessa esclusivamente la scuola secondaria, ma assume una forte valenza anche nella scuola primaria.

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013 Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità 2013 SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Marzo maggio

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista

Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista PierLuigi Zoccatelli Brevi cenni sull indagine Nella settimana fra il 30 settembre e il 7 ottobre 2010 si è svolta un

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA A.A. 2006-07 LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO M.A. ZANETTI R. RENATI S. PERUSELLI Programma Psicologia dello sviluppo Area 1 3 semestre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale

Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale Dalla partecipazione un nuovo modello di sviluppo economico ed occupazionale Cagliari 3. 6. 2013 Segretaria Generale ANCIM Gian Piera Usai gianninausai@tiscali.it Vorrei aprire questa mia riflessione con

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LO SCENARIO. Fonte: Elaborazioni Eures Ricerche Economiche e Sociali su dati Eurostat

LO SCENARIO. Fonte: Elaborazioni Eures Ricerche Economiche e Sociali su dati Eurostat Sono un quinto dei cittadini, ma la società non si occupa delle loro esigenze Qualità della vita, reti sociali e sicurezza soprattutto nei piccoli comuni 7 su 10 si sentono attivi dedicandosi alla famiglia

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Gli Spuntini formativi. ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Helga Ogliari

Gli Spuntini formativi. ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Helga Ogliari Gli Spuntini formativi ASSISTENTE DI DIREZIONE: LE COMPETENZE Docente: Cos è una competenza? Una caratteristica intrinseca individuale che è casualmente collegata ad una performance efficace o superiore

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

-Ma come la Scuola dell Infanzia si inserisce in un discorso così complesso dalle varie sfaccettature pedagogiche, sociali, politiche?...

-Ma come la Scuola dell Infanzia si inserisce in un discorso così complesso dalle varie sfaccettature pedagogiche, sociali, politiche?... RELAZIONE : Ispettrice LUCILLA D ANTONIO. LA PRECOCITA DELL INTERVENTO A PARTIRE DALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L attività educativa nei confronti dei bambini in difficoltà è talmente articolata che affrontarla

Dettagli

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013 Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano A cura del Servizio del Personale Anno 2013 Indice Introduzione 4 Obiettivi dell indagine 5 Note metodologiche 6 Caratteristiche

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011 Comunicato stampa Comunicato stampa LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli