Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi"

Transcript

1 San Vittore di Genga 17 settembre 2010 Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi Gabriele Angeletti ** Romina Angeli** Bresca** Pierfrancesco Gambelli ** ** Jacopo Rossini* Massimiliano Scotti* Claudio Sebastianelli *Parco Regionale della Gola della Rossa e Frasassi ** Associazione Ricerca e Conservazione Avifauna Jacopo Angelini * Andrea Bellezza * Elena Raffaela Gattini** Gabriellla Malanga** Elisa Sebastianelli ** Progetto SAPA II Sostenibilià Ambientale del PArco; Bando ASSO2009/2010 Regione Marche

2 Obiettivi Monitorare la presenza della specie nell intero bacino idrografico della Comunità Montana Esino Frasassi (con particolare riferimento al Parco Regionale della gola della Rossa e Frasassi) Approfondire la conoscenza (fenologia ed ecologia) della specie nell area di studio. Individuazione delle coppie nidificanti ed estensione degli home ranges Caratterizzazione morfometrica della popolazione

3 Area di studio Territorio della CMEF nella provincia di Ancona estensione 740,52 Km 2 in particolare nell area del Parco della Gola Rossa Frasassi ( ha) Quota altimetrica slm min 211 m (San Vittore delle Chiuse torrente Sentino) max 1105 m ( torrente Rio Freddo)

4 Materiali e metodi Realizzazione di una Carta di vocazione (Mappe I.G.M., Carta Idrogeologica della Regione Marche, Carta Ittica della Provincia di Ancona) Individuazione e visita delle aree campione Inanellamento a scopo scientifico (con utilizzo anche di contrassegni colorati) nella Core Area della Gola di Frasassi Raccolta dati di presenza della specie (con redazione di schede standardizzate) Realizzazione della Carta di distribuzione della specie nella CMEF Estensione dell attivit attività di inanellamento all intera area di distribuzione della specie

5 CRONOPROGRAMMA

6 Materiali e metodi Monitoraggio Osservazione diretta: : mediante strumenti ottici ( binocolo, cannocchiale e macchina fotografica) applicando il metodo I.P.A. Visite alle stazioni con cadenza settimanale (con redazione di schede standard) Accertamento del numero di coppie territoriali e l estensione l dei territori riproduttivi, con il metodo del doublingback back

7 Materiali e metodi Inanellamento protocollo EURING ed il coordinamento tecnico ISPRA FASE 1 cattura e inanellamento nell area Torrente Sentino Gola Frasassi FASE 2 estensione attività a tutta l area l della CMEF formazione delle coppie dispersione postriproduttiva svernamento

8 Materiali e metodi Inanellamento Raccolta dei dati di cattura: codice transetto provenienza coordinate GPS : codice transetto ora cattura tasca direzione Raccolta dei dati biometrici: : corda max 3 rem. becco tarso peso muta ( determinazione di sesso ed età) Utilizzo di contrassegni colorati per l identificazione a distanza

9 Utilizzo di mistnets a quattro sacche con maglia 19 mm, posizionate perpendicolarmente al corso d acqua. d

10 RISULTATI PRELIMINARI inanellamento Cod località Uscite Catture Ricatt TOT. 0 Ponte Romano Sentino Sorgenti sulfuree Sentino Grotte Sentino Valadiè Sentino Fine Gola Sentino 1 P Palombare Esino 1 C Vecchia cava Esino 1 G R S.Emiliano Sentino (area esterna al Parco) Gola della Rossa D Diga Sentino (area esterna) 1 1 totale esemplari ricatturati di cui 7 più di 3 volte

11 LUNGHEZZA CORE AREA m. 3000

12 Sex ratio e ageratio nel campione (n = 28) adulto Femmine adulte 17% Maschi giovani 26% Maschi adulti giovane 26% 31% Femmine giovani

13 ALTRE SPECIE INANELLATE Martin pescatore 17 esemplari (1 ric.) Ballerina gialla 24 esemplari (1 ric.)

14 ALTRE SPECIE OSSERVATE

15 CARTA DISTRIBUZIONE Lunghezza totale transetti km. 203

16 STAZIONI OSSERVAZIONE stz. 1 = Ponte Osteria di Colleponi (Sentino); stz. 2 = Santuario della Beata Vergine (Sentino) stz. 3 = Statua della Madonnina (Sentino); stz. 4 = Sorgenti sulfuree (Sentino); stz. 5 = Ponte San Vittore alle Chiuse (Sentino); stz. 6 = Ponte Genga stazione (confluenza EsinoSentino); stz. 7 = Ponte Ponte Chiaradovo (Esino) stz. 8 = Vecchia Cava (Esino)

17 Produttività Successo riproduttivo Coppia Gola rossa Genga Stazione 3 3 Santuario Bivio Magrini 2 5 Colleponi S.Vittore 3 7 Ingresso grotte Madonnina acque sulfuree Gaville Sentino PRODUTTIVITA 1,80 1,30 1,60 1,40 0,50 SUCCESSO RIPRODUTT. 3 3,25 3,20 2,33 1,66

18 Produttività = 1,34 n. giovani involati/n.coppie territoriali controllate 2.75 Successo riproduttivo = 2010= 2.75 n.giovani involati/n. coppie che hanno deposto e /o allevato giovani

19 La produttività media nei 5 anni di monitoraggio delle coppie territoriali è 1,34 giovani involati per coppie territoriale mentre il successo riproduttivo è 2,75 piccoli per coppia. nidificante, più bassa rispetto a quella delle popolazioni alpine provincia Vicenza 5,4 juv.. (Fracasso et al.2000)e provincia Brescia 3,2 piccoli per coppia (Brichetti P.& Fracasso G.2007 )

20

21 Home ranges coppie ,12 Km 0,57 Km 6,08 Km 2,8 Km 0,35 Km 1,16 Km

22

23 Siti di nidificazione L altezza media dei nidi nel parco è 224 m. s.l.m. mentre la media nella provincia di Ancona è di 427 m. Su 11 siti riproduttivi controllati il 54% sono su parete rocciosa calcarea in piccole o grandi cavità della roccia, il 36% sono in siti artificiali come ponti o briglie di cascate e il 10% sono su rami di alberi, piegati dalle piene e ricchi di rametti r secchi e radici.

24

25 1,8 km F M 6 3 F M A d 5 0,4 km 1,7 km F M 4 4

26 F M 6 3 F M A d 5 F M 4 4

27 F 3 F 4 F 6 2,8 Km M 3 F Ad M 5 M M Ad Ad 0,35 Km F M 4 4 0,57 km 1,6 Km

28 CONCLUSIONI Dinamica di popolazione da verificare nel tempo.. Utilità della marcatura con anelli colorati La Gola di Frasassi costituisce una Core area per tutta la popolazione del bacino? Disturbo antropico nella Gola di Frasassi; quanto incide sulla biologia e la fenologia della specie? Possibilità di estendere la ricerca ad aree limitrofe per verificare eventuali collegamenti fra le metapopolazioni

29 Grazie per l attenzione

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos)

AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) AQUILA REALE (Aquila chrysaëtos) Mauro FISSORE Resp. servizio Guardiaparco Primi dati sull attività di monitoraggio nel territorio del Parco naturale del Marguareis Territorio interessato dalla ricerca:

Dettagli

INDICE 9.1) EREMO DI FRASASSI... 2. 9.2) MONTE REVELLONE NELLA GOLA DELLA ROSSA... 4. 9.3) VALL ACERA E POGGIO S. ROMUALDO... 6.

INDICE 9.1) EREMO DI FRASASSI... 2. 9.2) MONTE REVELLONE NELLA GOLA DELLA ROSSA... 4. 9.3) VALL ACERA E POGGIO S. ROMUALDO... 6. INDICE ZONE 9-10 9: GOLA DELLA ROSSA E DI FRASASSI 9.1) EREMO DI FRASASSI... 2. 9.2) MONTE REVELLONE NELLA GOLA DELLA ROSSA... 4. 9.3) VALL ACERA E POGGIO S. ROMUALDO... 6. 10: MONTE CONERO 10.1) TRAVERSATA

Dettagli

Un anello è per sempre...

Un anello è per sempre... Un anello è per sempre... Quindici anni di inanellamento a scopo scientifico degli uccelli selvatici a Molentargius Sergio Nissardi & Carla Zucca L inanellamento... Consiste nel marcare gli uccelli con

Dettagli

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011 Allegato B alla Delibera di Comitato Esecutivo n. 21 del 04/04/2011 Capitolato tecnico - Allegato tecnico B DCE n. 20/2011 Monitoraggio delle popolazioni di uccelli nidificanti, svernanti e migratrici

Dettagli

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA

RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA RECUPERO E REINTRODUZIONE DI CEPPI AUTOCTONI DI TROTA FARIO, Salmo trutta trutta L., NEL BACINO DEL FIUME NERA L ampliamento della ricerca e l estensione degli studi sui salmonidi italiani, con riferimento

Dettagli

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI Silvano Toso ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI L Istituto Superiore per Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) è un ente pubblico di ricerca

Dettagli

COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA

COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA CICONIA Nr.2 luglio 2005 FOGLI DI CONSERVAZIONE DELLA CICOGNA BIANCA COPPIE NIDIFICANTI IN ITALIA RICERCA Lo scorso anno, l Associazione Olduvai Onlus ha coordinato la raccolta di informazioni relative

Dettagli

75 Congresso dell Unione Zoologica Italiana Bari 22-25 Settembre 2014

75 Congresso dell Unione Zoologica Italiana Bari 22-25 Settembre 2014 75 Congresso dell Unione Zoologica Italiana Bari 22-25 Settembre 2014 ANASAT PROJECT: FOLLOWING FEMALE EUROPEAN TEALS ANAS CRECCA ALONG THE WAY-BACK TO BREEDING GROUNDS Vanni L., Baldaccini N.E., Lenzoni

Dettagli

Successo riproduttivo della passera domestica secondo un gradiente urbano

Successo riproduttivo della passera domestica secondo un gradiente urbano Successo riproduttivo della passera domestica secondo un gradiente urbano Kate Vincent (BSC), Will Peach (RSPB), Jim Fowler (DMU) & Phil Grice (NE) Metodologia Area di studio Risultati chiave Riassunto

Dettagli

Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro

Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro Trasporto solido e morfologia dell Adige: passato, presente e futuro Francesco Comiti (Libera Università di Bolzano) Guido Zolezzi (Università di Trento) Sommario della presentazione Legame tra trasporto

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra Genova, 20-21 novembre 2008 Convegno Internazionale La gestione di Rete Natura 2000 Esperienze a confronto Conservazione e valorizzazione della biodiversità nel Parco Naturale Regionale di Montemarcello-Magra

Dettagli

CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI

CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI presentazione a cura di Valerio Bozza Vicepresidente CAI Salerno Responsabile Manutenzione Sentieri Dalla vecchia alla nuova carta L edizione del 1994 Scala 1:30.000

Dettagli

Il fototrappolamento e il trappolamento meccanico-b

Il fototrappolamento e il trappolamento meccanico-b Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie Scienze Naturali- Scienze Biologiche Laurea triennale Zoologia Ambientale Responsabile Prof. Bernardino Ragni Relatore Dott. Dorian Grelli Il fototrappolamento

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLE TECNOLOGIE E L IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DELLE PICCOLE SPECIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Convenzione per l esecuzione di campagne di monitoraggio

Dettagli

I passeriformi quali indicatori ambientali

I passeriformi quali indicatori ambientali QUALI ASSERIFORMI NDICATORI AMBIENTALI I passeriformi quali indicatori ambientali e altri progetti coordinati: nuovi strumenti per il monitoraggio e la gestione del territorio A cura di Stefano Macchio

Dettagli

SCHEDE SUI CORSI D ACQUA DELLA PROVINCIA DI SAVONA VERSANTE TIRRENICO

SCHEDE SUI CORSI D ACQUA DELLA PROVINCIA DI SAVONA VERSANTE TIRRENICO SCHEDE SUI CORSI D ACQUA DELLA PROVINCIA DI SAVONA BACINI: 1) Arrestra: torrente Arrestra 2) Portigliolo: rio Arenon e rio Portigliolo 3) Teiro: torrente Teiro 4) Sansobbia: torrente Sansobbia 5) Letimbro:

Dettagli

Governo del Territorio:

Governo del Territorio: Governo del Territorio: PRS e DPEFR le risoluzione linee delle di azione criticità della nuova legge regionale per il Lo governo sviluppo del della territorio nuova attraverso legge il regionale coinvolgimento

Dettagli

il Piano di Tutela delle Acque

il Piano di Tutela delle Acque Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna servizio idraulica Gestione delle acque sotterrane e superficiali in Friuli Venezia Giulia il Piano di Tutela delle Acque ing. D. Iervolino

Dettagli

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI

9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9 - I DATI DELLE STAZIONI DI CAMPIONAMENTO DELLA PROVINCIA DI ANCONA NON PUBBLICATI 9.1 - Fiume Esino 9.1.1 - Caratteristiche ambientali Codice Nuovo: AN06ESIN06 Bacino Coordinate Geografiche Località

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

LUGLIO 2005. 2-3 luglio EE. Sentiero P.G. Frassati CAI Penne. 3 luglio EE. Pizzo Camarda - dalla Valle del Chiarino CAI Ascoli Piceno

LUGLIO 2005. 2-3 luglio EE. Sentiero P.G. Frassati CAI Penne. 3 luglio EE. Pizzo Camarda - dalla Valle del Chiarino CAI Ascoli Piceno Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga CE.D.A.P. - CENTRO DOCUMENTAZIONE AREE PROTETTE POLO PER LA DIDATTICA AMBIENTALE PUNTO INFORMATIVO DEL PARCO Palazzo Patrizi - via Beretra, 1 64046 Montorio

Dettagli

Piano di monitoraggio e manutenzione

Piano di monitoraggio e manutenzione Piano di monitoraggio e manutenzione Il piano di monitoraggio e manutenzione previsto al punto 11 dell allegato II del D.I. 14.4.98 viene sviluppato secondo le indicazioni riportate dal Rapporto Tecnico

Dettagli

La migrazione della quaglia nella Provincia di Ancona (Italia centro-orientale) nel periodo 2001-2007

La migrazione della quaglia nella Provincia di Ancona (Italia centro-orientale) nel periodo 2001-2007 Avocetta 36: 65-74 (2012) La migrazione della quaglia nella Provincia di Ancona (Italia centro-orientale) nel periodo 2001-2007 Gabriele Angeletti, Claudio Sebastianelli*, Pierfrancesco Gambelli, Pietro

Dettagli

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA STATO DI AVANZAMENTO SETTEMBRE 2014 1 Il progetto di Censimento della fauna ittica nei laghi alpini nel territorio

Dettagli

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Roberto Tinarelli 29.03.2014 - I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Un Associazione

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO PROGRAMMI PER IL TURISMO SCOLASTICO E PROGETTI DIDATTICI PER LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO TOPVELA Lago Maggiore Lungolago De Angeli, 24 21014 Laveno Mombello (VA) Tel 0332 666625 Cell. 389 4040900

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.)

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.) Torrente Marano_ stazione Marano 3 (75 m.s.l.m.) Il Torrente Marano presenta, in questo tratto, caratteristiche ancora iporitrali. La velocità di corrente è moderata ed il fondale è costituito in prevalenza

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

Campo di volontariato ambientale Gorno, luglio 2008

Campo di volontariato ambientale Gorno, luglio 2008 Campo di volontariato ambientale Gorno, luglio 2008 Relazione sull attività di monitoraggio delle popolazioni di anfibi nelle pozze d abbeverata presso il Sito d Importanza Comunitaria (SIC) Val Nossana

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

Corso Base Marche e Umbria per Operatori Regionali TAM.

Corso Base Marche e Umbria per Operatori Regionali TAM. Corso Base Marche e Umbria per Operatori Regionali TAM. Il corso è aperto a tutti i Soci delle Marche e dell Umbria che siano iscritti da almeno 2 anni al CAI. Il corso è aperto anche ai Soci di altre

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G

Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G Istituto di Istruzione Superiore F.lli Costa Azara Cod. NUIS01200G Istituto Professiona Settore Servizi per l Agricoltura e lo Sviluppo Rura 08038 SORGONO (NU) Corso IV Novembre tel 0784 621001 fax 0784

Dettagli

ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Verbale Forum 18 settembre 2012 a cura di Michele Merola (Ambiente Italia per Federparchi) Carta Europea per il Turismo Sostenibile

Dettagli

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI Il grifone (Gyps fulvus) un tempo era presente in tutto il bacino del Mediterraneo e in vari settori delle Alpi e dell Europa centrale. Spostamenti

Dettagli

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Andrea Balzano, Andrea Sulis, Claudia Pedone, Massimiliano Ventroni Università di Cagliari - DICAAR Torino, 9-1 Ottobre 213 Torino,

Dettagli

PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA

PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA Inanellamento scientifico all'isola Polvese sul Trasimeno RELAZIONE CONCLUSIVA 2 ANNO DI MONITORAGGIO - FEBBRAIO 200 Pag. INDICE Introduzione pag. 0 Materiali e

Dettagli

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Angelo Canale Antonio Belcari Ruggero Petacchi Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Villa Montepaldi, S. Casciano V.P. (FI), 21 gennaio 2015 Argomenti Lotta

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI)

5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI) 5 PERCORSI NORDIC IN MUGELLO solo per associati della Modern Nordic Walking Academy (FI) Legenda grado difficoltà Nordic/Turistico facile: percorso senza difficoltà in cui si utilizza la tecnica n.w. lungo

Dettagli

La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d acqua

La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d acqua La Direttiva Europea Alluvioni : verso una gestione del rischio idraulico in ambito montano - Bolzano, 21-22 Novembre 2013 La metodologia IDRAIM e la valutazione della dinamica morfologica dei corsi d

Dettagli

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I SEDE OPERATIVA STRADA CAVEDOLE 12/C 41126 PORTILE (MO) STUDIO GEOLOGICO E AMBIENTALE TEL E FAX +39 059 784335 CELL +39 339 8179913 DOTT.SSA CLAUDIA BORELLI e mail c.borelli@studio-borelli.191.it P. IVA

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Sistema di Monitoraggio Idrologico Tevere Aniene Area Urbana (Studio preliminare)

Sistema di Monitoraggio Idrologico Tevere Aniene Area Urbana (Studio preliminare) Ufficio Idrografico e Mareografico Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale Sistema di Monitoraggio Idrologico Area Urbana (Studio preliminare) Via Monzambano, 10-00185 Roma Tel. 06491658-064957746

Dettagli

Biologia riproduttiva e genetica di Lepre bianca nell arco alpino occidentale Elisa Masseroni (Istituto Oikos) Distribuzione globale Distribuzione artico-alpina alpina Disgiunzione dell areale Distribuzione

Dettagli

Tartarughe marine e piccoli cetacei: minacce, conservazione e recupero

Tartarughe marine e piccoli cetacei: minacce, conservazione e recupero Seminario di metà percorso 6 ottobre 2010 Genova Tartarughe marine e piccoli cetacei: minacce, conservazione e recupero Elisabetta Secci - Servizio Tutela della Natura Assessorato Difesa Ambiente Regione

Dettagli

CENSIMENTO DEGLI UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI NELLA GOLA DEL FURLO (23 gennaio 2016)

CENSIMENTO DEGLI UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI NELLA GOLA DEL FURLO (23 gennaio 2016) Provincia di Pesaro e Urbino - Riserva Naturale Statale Gola del Furlo Centro Studi Faunistici ed Ecologici di Pesaro Con il patrocinio di Ornitologi Marchigiani CENSIMENTO DEGLI UCCELLI ACQUATICI SVERNANTI

Dettagli

I risultati del progetto

I risultati del progetto CENTRO CICOGNA BIANCA DI GOITO (MANTOVA) - PARCO DEL MINCIO I risultati del progetto Nel 1990 si osserva nel territorio del Parco del Mincio un tentativo di nidificazione, il primo storicamente noto, a

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera L Avifauna dell Orto Botanico di Brera 1 Censimento dell Avifauna presente all Orto Botanico Braidense, Milano 7 Novembre 1997 Ottobre 1998 a cura di ANTONIO PERUZ Una coppia di Cinciallegra Parus major

Dettagli

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Titolo dello studio: Atti del Convegno-Seravella 2.3.2001 sulla biodiversità coltivata Titolo dello studio: Indagine sui popolamenti ittici dei corsi d acqua nel territorio

Dettagli

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Il macro ambito coincide a Nord, per tutta la sua lunghezza, con l alto corso del Fiume Chienti dalla sorgente fino alla località Caccamo, in Comune di

Dettagli

RELAZIONE TOPOGRAFICA

RELAZIONE TOPOGRAFICA RELAZIONE TOPOGRAFICA La presente relazione riguarda il rilievo topografico eseguito con tecnica laser scanner della zona di Cava Rave della Foce situata nel Comune di Frontone (PU) svoltosi nei mesi di

Dettagli

Aree protette della Lombardia

Aree protette della Lombardia 16. Aree protette della lombardia La Lombardia è stata la prima regione in Italia a dotarsi di un sistema organico di aree protette. Già nel 1973, con la legge regionale n.58, venivano dettate le prime

Dettagli

Effetti della caccia in battuta alla volpe su lepri radio marcate

Effetti della caccia in battuta alla volpe su lepri radio marcate Effetti della caccia in battuta alla volpe su lepri radio marcate Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Biologia Evoluzionistica M. Zaccaroni, N. Biliotti, S. Calieri, M. Caroli, E. Sereni,

Dettagli

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI 5160000 5140000 5120000 5100000 5080000 5060000 12 11.5 11 10.5 10

Dettagli

PROVINCIA DI COMO Settore Agricoltura e Pesca

PROVINCIA DI COMO Settore Agricoltura e Pesca PROVINCIA DI COMO Settore Agricoltura e Pesca Via BORGOVICO 171-22100 COMO agricoltura@pec.provincia.como.it BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DI ALCUNE ACQUE DELLA PROVINCIA DI COMO, LIMITATAMENTE

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI

PROGRAMMA 1 FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI FITO-ZOOPLANCTON, CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DELLA COLONNA D ACQUA RIFIUTI SPIAGGIATI Franco Giovanardi (ISPRA) Francesca Pedullà (ARPACAL) Sala Conferenze Arpa Sicilia, Reale Albergo delle Povere

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

MODULI LED SERIE P4. DATASHEETs. Giugno 2011 Rev 1.6. Indep Electronics & Photonics

MODULI LED SERIE P4. DATASHEETs. Giugno 2011 Rev 1.6. Indep Electronics & Photonics MODULI LED SERIE P4 Giugno 2011 Rev 1.6 DATASHEETs 1 I Moduli Led - Serie P4 presentati in questo documento, si caratterizzano per: Facilità di utilizzo Affidabilità Elevata potenza ed efficienza Collegamento

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Subiaco 2012 Idrogeologia! L'Idrogeologia da idro "acqua e geo-logos "discorso relativo alla Terra" è una parte dell idrologia che si occupa della distruzione e dei movimenti delle acque sotterranee. Il

Dettagli

TESI DI LAUREA: DINAMICHE, TRASFORMAZIONI, SCELTE E CONSUMI DI UN TERRITORIO LA VALLESINA STUDENTE: ANDREA ALCALINI RELATORE: ALBERTO ZIPARO

TESI DI LAUREA: DINAMICHE, TRASFORMAZIONI, SCELTE E CONSUMI DI UN TERRITORIO LA VALLESINA STUDENTE: ANDREA ALCALINI RELATORE: ALBERTO ZIPARO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE DELLA CITTA E DEL TERRITORIO A.A. 2012/2013 TESI DI LAUREA: DINAMICHE, TRASFORMAZIONI, SCELTE

Dettagli

Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche. Brindisi, 23 maggio 2013

Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche. Brindisi, 23 maggio 2013 Elaborazioni pluviometriche propedeutiche al dimensionamento delle opere idrauliche di smaltimento delle acque meteoriche Brindisi, 23 maggio 2013 Presentazione 1998 Laurea in ingegneria civile - Poliba

Dettagli

Monitoraggio del trasporto solido:! la stazione di Ponte Stelvio

Monitoraggio del trasporto solido:! la stazione di Ponte Stelvio Monitoraggio del trasporto solido:! la stazione di Ponte Stelvio il progetto AQUASED Prad am Stilfserjoch - Prato allo Stelvio 19.06.2015 dott. ing. Silvia Simoni, Ph.D.! Mountain-eering srl Contenuti

Dettagli

PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE Assessore Fausto Carrara Responsabile Alberto Cigliano Risorse umane impiegate: 1 Dirigente 2 D5 - Ufficiale 1 D4 - Ufficiale 1 D4 - Specialista di Vigilanza 1

Dettagli

Piano Regionale di Bonifica dei Siti Contaminati. Approvato con DGR 1801 del 27/12/2013

Piano Regionale di Bonifica dei Siti Contaminati. Approvato con DGR 1801 del 27/12/2013 Piano Regionale di Bonifica dei Siti Contaminati Approvato con DGR 1801 del 27/12/2013 Piano regionale di bonifica dei siti contaminati Il Piano si propone: di fornire il quadro delle aree contaminate

Dettagli

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese

Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese Coordinamento Contratti di Fiume e accordo di programma, tutela idraulica e riqualificazione fluviale area milanese a cura di Dario Fossati U.O. Tutela e Valorizzazione Territorio Accordo di Programma

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette

La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette La Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette Introduzione alla CETS Stefania Petrosillo - Responsabile CETS Federparchi Europarc Italia Gli scopi dei parchi sono contraddittori? E possibile

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO. Antiche varietà. Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario

COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO. Antiche varietà. Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO Antiche varietà Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario Premessa La Comunità Montana ha avviato, con la collaborazione

Dettagli

FIBRA OTTICA. A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania

FIBRA OTTICA. A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania FIBRA OTTICA A cura di Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli studi di Catania Fibra ottica Minuscolo e flessibile filo di vetro costituito

Dettagli

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po.

La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e gestione faunistica La cheppia (Alosa fallax), tra Adda e Po. A cura di Simone Rossi Citazione bibliografica consigliata: Rossi S. (2014).

Dettagli

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE SUL SUOLO E NEL SOTTOSUOLO (STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO). Documentazione da produrre:

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1905 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROPOSTA DI RISOLUZIONE N. 5 Risoluzione ai sensi dell art. 38 del Regolamento generale

Dettagli

PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A.

PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A. PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A. 2014/2015 I progetti didattici la fauna ittica e terrestre in ambiente

Dettagli

Stato ecologico dei principali corsi d'acqua nel territorio della provincia di Vicenza (classificazione SECA e SACA).

Stato ecologico dei principali corsi d'acqua nel territorio della provincia di Vicenza (classificazione SECA e SACA). Stato ecologico dei principali corsi d'acqua nel territorio della provincia di Vicenza (classificazione SECA e SACA). BACINO CORPO IDRICO COMUNE STATO AMBIENTALE 2000 2001 2002 2003 2004 2005 Adige T.

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Profili professionali

Profili professionali FONDO EUROPEO DI SVILUPPO. Prot N. _143 Rep. n. 9 del 10 gennaio 2014 Procedura di selezione comparativa pubblica per titoli per l affidamento di n. 8 incarichi di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

Studio di trasporto solido sul fiume Serchio Il gruppo di ricerca è così composto: - Prof. Geol. Massimo Rinaldi, docente di Geologia Applicata presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale

Dettagli

HZ2. Marcatrice a caldo. MECATRONIC s.r.l., Strada del Portone 123/125 10095- GRUGLIASCO (TO) ITALIA 011 0747037 011 9559209

HZ2. Marcatrice a caldo. MECATRONIC s.r.l., Strada del Portone 123/125 10095- GRUGLIASCO (TO) ITALIA 011 0747037 011 9559209 HZ2 Marcatrice a caldo DESCRIZIONE La HZ2 è una marcatrice a caldo manuale di facile utilizzo e portabilità. E disponibile nella versione HZ2.1 e HZ2.2 CARATTERISTICHE Flessibilità Efficienza Eccellente

Dettagli

IL CAPOFONTE ONLUS Associazione di Volontariato

IL CAPOFONTE ONLUS Associazione di Volontariato Progetto Nidi - pag. 1 Reg. Trieste 06/09/2006 N. 4730 C.F. 90111960325 Via alle Cave n. 43-34128 TRIESTE (TS) Tel. +39 040/571623 Fax +39 040/4519594 PROGETTO NIDI Progetto Nidi - pag. 2 PROGETTO NIDI

Dettagli

ricerca e reperimento di campioni biologici di Lupo nella zona B Area di connessione Relazione finale gennaio 2012

ricerca e reperimento di campioni biologici di Lupo nella zona B Area di connessione Relazione finale gennaio 2012 Interventi per la conservazione del lupo e di altri carnivori nelle aree protette della Regione Marche, nei Siti Natura 2000 e nel restante territorio dell Appennino marchigiano Azione B3 del programma

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC)

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) (Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) PASSERIFORMI Le rondini sono simili ai rondoni per convergenza evolutiva, fanno cioè la stessa vita

Dettagli

L ambiente scolastico e /o la propria abitazione. Computer : parti e funzioni. Paint

L ambiente scolastico e /o la propria abitazione. Computer : parti e funzioni. Paint CURRICOLO DI TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI L alunno riconosce e identifica nell ambiente che lo circonda elementi e fenomeni di tipo artificiale.

Dettagli