Nuovi indicatori di liquidità per Basilea 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovi indicatori di liquidità per Basilea 3"

Transcript

1 Liquidità per Basilea 3 Milano, marzo 2013 dr.giliberto Camillo Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della società di appartenenza Riproduzione vietata/partial or total reproduction and trasmission is forbidden Nuovi indicatori di liquidità per Basilea 3 1. Crisi Finanziaria e impatti macroeconomici L accordo di Basilea 2, ratificato nel 2004, non considerava il rischio di liquidità a livello quantitativo (primo pilastro) ma si limitava ad includerlo a livello qualitativo (secondo pilastro). Pertanto le banche, che hanno assunto "comportamenti prudenziali" basati unicamente su tali evidenze regolamentari, sono state colte impreparate dalla crisi. Fino all'insorgere della crisi le tesorerie delle banche si sono confrontate con grande facilità per reperire fondi a basso costo, con uno spread del "CDS a cinque anni" che rimaneva stabile a circa dieci punti base. Il progressivo deterioramento della qualità dei mutui subprime, manifestatosi negli Stati Uniti già dal 2006, ha innescato tensioni che si sono estese dal comparto dei prodotti cartolarizzati ai mercati monetari e finanziari, sia statunitensi che europei. Conseguentemente a cominciare dal mese di Agosto del 2007 l equilibrio finanziario delle banche è stato sottoposto a gravi tensioni che si sono manifestate sia dal lato del passivo sia dal lato dell attivo. Anche la liquidità dei mercati monetari all ingrosso si è improvvisamente prosciugata, a causa di una crisi di fiducia tra le controparti finanziarie, i successivi interventi delle Banche Centrali hanno comunque consentito un'adeguata funzionalità operativa. Analogamente il mercato delle emissioni obbligazionarie bancarie, rivolto agli investitori istituzionali, si è bloccato in corrispondenza di un impennata degli spread creditizi, interrompendo un canale di funding che si era ben sviluppato negli anni. La crisi del mercato Wholesale ha colpito in particolare le banche che manifestavano forti sbilanci tra la durata degli attivi e dei passivi innescando quindi una crisi generalizzata che ha contagiato tutti gli operatori finanziari. La crisi ha assunto carattere sistemico, stimolando un intensa riflessione da parte dei regolatori circa la necessità di adottare meccanismi correttivi efficaci. Le 1

2 tensioni finanziarie hanno posto in evidenza numerosi punti di debolezza, con la conseguente necessità di rafforzare la regolamentazione finanziaria e l azione di supervisione. La stabilità finanziaria è una condizione necessaria per assicurare lo sviluppo dell economia reale. Squilibri nei bilanci degli intermediari finanziari possono esercitare un forte impatto sulle prospettive di crescita dell'economia. Un attenta gestione della liquidità, la disponibilità di adeguate riserve patrimoniali ed anche una corretta misurazione dei rischi sono fattori chiave per evitare l attivarsi di circoli viziosi tra fragilità finanziaria e capacità delle banche di finanziare l economia. Il nuovo scenario macroeconomico creatosi a seguito della crisi finanziaria ha determinato i seguenti impatti: Incremento del costo del capitale primario, con una ricaduta sugli equilibri di governance e un aumento del costo degli impieghi. Aumento del costo della raccolta. Necessità di salvaguardare l equilibrio tra attivo e passivo a medio/lungo termine, al fine di rispettare anche gli equilibri di liquidità strutturale previsti da Basilea 3. Necessità di ricomporre il portafoglio titoli, preferendo tendenzialmente i titoli governativi a scapito di quelli finanziari; per poter far fronte alla necessità di disporre di "collaterale" per accedere alla raccolta interbancaria. Il rischio di liquidità non è mai stato collocato al centro degli standard vincolanti internazionali, sulla base della convinzione che le esigenze degli intermediari finanziari potessero essere fronteggiate utilizzando i mercati interbancari. La protratta fase di recessione ha richiamato l attenzione delle autorità di vigilanza verso la necessità di un adeguata gestione del rischio di liquidità per garantire la stabilità degli intermediari e del sistema nel suo complesso. Il crescente dibattito internazionale e la copiosa mole di documenti pubblicati 1 testimoniano come il "liquidity risk management" sia una disciplina in rapida evoluzione in ambito "regolamentare", a tal riguardo si ricorda: Feb-2008 Comitato di Basilea Liquidity Risk: Management and Supervisory Challenges. Giu-2008 Second part of: CEBS Technical Advice to the European Commission on Liquidity RiskManagement. Dic-2009: CEBS Guidelines on Liquidity Buffers. Feb-2010 Commissione Europea: Consultation regarding further possible changes to the Capital Requirements Directive (CRD). 1 Il quadro regolamentale contemplato da Basilea 2 è descritto dalla Circolare Banca d'italia n. 263 del 27 dicembre Presso il "Titolo V - Capitolo 2" vengono prescritti i comportamenti prudenziali relativamente al "Governo e gestione del rischio di liquidità". 2

3 Dic-2010 Comitato di Basilea, Basel III: International framework for liquidity risk measurement, standards and monitoring. Con Basilea 3 l'omonimo Comitato ha elaborato due parametri in tema di liquidità, con obiettivi distinti ma complementari. - Il primo obiettivo è aumentare la resilienza a breve termine del profilo di rischio di liquidità delle banche, assicurando che dispongano di sufficienti attività liquide di elevata qualità per superare una situazione di stress acuto della durata di 30 giorni. Per conseguire questo scopo il Comitato ha elaborato un indicatore di breve termine, il "Liquidity Coverage Ratio". - Il secondo obiettivo è quello di accrescere la resilienza a più lungo termine, indirizzando le banche a finanziare gli attivi attingendo con continuità a fonti di approvvigionamento più stabili. L indicatore strutturale, il Net Stable Funding Ratio, si riferisce ad un orizzonte temporale di un anno ed è stato elaborato per garantire che in modo permanente le attività e le passività presentino una composizione per scadenze sostenibile. 2. Definizione del rischio liquidità Il rischio di liquidità si manifesta sotto forma d'inadempimento rispetto agli impegni di pagamento. Il rischio di liquidità può essere causato dall'incapacità di reperire fondi (funding liquidity risk) ovvero dalla presenza di limiti allo smobilizzo delle attività (market liquidity risk). Per funding liquidity risk si intende il rischio che la banca non sia in grado di far fronte ai propri impegni di pagamento e alle proprie obbligazioni in modo efficiente, per incapacità a reperire fondi senza pregiudicare la sua attività caratteristica e/o la sua situazione finanziaria. Per market liquidity risk si intende il rischio che la Banca non sia in grado di liquidare un asset, se non a costo di incorrere in perdite in conto capitale, a causa della scarsa liquidità dei mercati. Il rischio di liquidità può essere generato da eventi strettamente connessi al "gruppo bancario" e derivanti dalla sua operatività caratteristica oppure condizionato da eventi esterni. I fattori di rischio sono di due tipologie: Endogeno (specifico) ovvero fattori di rischio determinati da eventi negativi specifici della banca che comportano una perdita di fiducia da parte del mercato. Le principali fonti di rischio specifico vengono generati da errori di gestione delle strategie aziendali e dal downgrading del merito creditizio della banca. Tali fonti di rischio possono tradursi nella riduzione delle operazioni di finanziamento non garantite ed un aumento del costo del funding, difficoltà d accesso ai mercati dei depositi interbancari, riduzione della consistenza depositi, contenimento delle linee di credito interbancarie, conseguente necessità di reperire nuovi mezzi di finanziamento per quegli asset che non possono più essere venduti a prezzi ritenuti convenienti. 3

4 Esogeni (generici) Tali fattori di rischio vengono a determinarsi per eventi negativi causati da shock di mercato, non direttamente controllabili da parte della banca. Le principali fonti di rischio generico traggono origine da crisi: politiche, finanziarie e di mercato. 3. I nuovi ratio per la liquidità previsti da Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio (LCR), la cui entrata in vigore nel "primo pilastro" è prevista a partire dal 2015, prevede che la banca abbia sufficienti "attivi liquidi di alta qualità" (Alaq) non vincolati, composti da contanti e attività che possano essere convertiti in contante con una perdita modesta o nulla, per soddisfare il fabbisogno di liquidità nell arco di 30 giorni in uno scenario di stress predefinito. Il Net Stable Funding Ratio (NSFR), la cui entrata in vigore è prevista dal 2018, mira a garantire una struttura equilibrata tra poste attive e passive di bilancio nell orizzonte temporale di un anno. Il NSFR vuole scongiurare il così detto effetto precipizio dopo il mese, che si potrebbe manifestare considerando unicamente la regola di breve termine. 4.Liquidity Coverage Ratio (LCR) Le banche, con l introduzione del nuovo indicatore Liquidity Coverage Ratio, devono detenere liquidità sufficiente per fronteggiare una possibile crisi acuta della durata di un mese. La riserva di liquidità (HQLA, High Quality Liquidity Assets) dovrà essere costituita solo da asset liquidi, poiché dovrà coprire i deflussi monetari netti attesi derivanti da: massicci prelievi retail o corporate, una forte riduzione delle passività a vista, un sensibile aumento delle linee di credito. Per essere classificati come attivi liquidi di alta qualità (ALAQ) devono essere facilmente liquidabili sul mercato anche in periodi di tensione ed essere stanziabili presso la banca centrale. Devono inoltre presentare un elevata affidabilità creditizia (bassissimo rischio di default) con una bassa volatilità e una scarsa correlazione rispetto alle attività rischiose come le obbligazioni bancarie. 4

5 Il buffer di liquidità identificato dal numeratore del LCR è formato da: - Attività di primo livello, ovvero l' High Liquidity Asset con un haircut del 0%, comprende: cassa, riserve detenute presso la Banca Centrale, titoli emessi da Stati ed enti sovranazionali. - Attività di secondo livello con un haircut del 15% suddivise a loro volta in: Secondo livello A comprende covered bond con un rating pari almeno ad AA, corporate debt securities e titoli di Stato; Secondo livello B include corporate bonds con rating da A- a AA-. Le attività del secondo livello non potranno essere superiori al 40% del totale dello stock di alta qualità ALAQ. Il denominatore dell LCR è composto dal totale dei deflussi di cassa attesi al netto degli afflussi di cassa attesi nell arco di 30 giorni, in presenza di una situazione di stress. Il totale dei deflussi di cassa attesi è determinato moltiplicando i saldi delle varie tipologie di passività/raccolta e "impegni fuori bilancio" per dei tassi ai quali si prevede il loro prelievo. Il totale degli afflussi di cassa attesi è ottenuto moltiplicando i saldi delle diverse tipologie di crediti/impieghi per i relativi tassi ai quali ci si attende questi affluiscano. Il totale degli afflussi di cassa è soggetto ad un massimale aggregato pari al 75% dei deflussi di cassa attesi, in modo da assicurare in ogni momento un livello minimo di ALAQ. Ai fini del calcolo dell LCR sono prudenzialmente applicati dei fattori minimi di deflusso; ad esempio pari al 5% per i depositi stabili dalla clientela al dettaglio e del 10% per i depositi meno stabili. La provvista all ingrosso non garantita, riferita alla raccolta da enti giuridici, presente al denominatore dell indicatore di liquidità LCR corrisponde all insieme delle fonti di raccolta revocabile nell orizzonte di 30 giorni, oppure la cui prima data di scadenza contrattuale si colloca entro l orizzonte di un mese, nonché dal funding con scadenza indefinita. Alla raccolta ricevuta dalle società non finanziarie, dalle banche centrali e dagli enti del settore pubblico si applica un fattore di deflusso pari al 75%, mentre le altre entità giuridiche sono soggette ad un fattore di deflusso pari al 100%. 5

6 Alla provvista garantita alla scadenza, definita come l'insieme delle passività garantite, si applicano le seguenti percentuali di deflusso: Passività garantite da Attività di Primo livello, con un fattore di deflusso del 0%. Passività garantite da Attività di Secondo livello, con un fattore di deflusso del 15%. Passività nei confronti di un soggetto sovrano o banca centrale con un fattore di deflusso del 20%; se appartenente alla stessa giurisdizione si applica un fattore di deflusso del 25%. Le altre operazioni con provvista garantita si applica una percentuale di deflusso del 100%. 5. Net Stable Funding Ratio (NSFR) L obiettivo dell'indicatore NSFR è quello di verificare la resistenza strutturale della banca ad un anno, misurando la capacità delle fonti stabili di finanziamento di coprire le attività meno liquide. Il Net Stable Funding Ratio verifica quindi che le attività nel prossimo anno siano finanziate da un ugual volume di risorse stabili. Il numeratore del NSFR ovvero l'available Amount of Stable Funding è rappresentato dalle passività considerate fonti di funding stabile oltre un orizzonte temporale di un anno, sotto condizioni di stress duraturo. La Tabella 1 evidenzia nel dettaglio le "fonti di finanziamento stabile" con la relativa percentuale di ponderazione: - Capitale, azioni privilegiate con scadenza uguale o superiore all anno, passività con scadenza pari o superiore l anno; una porzione di depositi a vista fonte di funding per un periodo di tempo esteso, una quota di funding wholesale per un periodo di tempo esteso. La raccolta interbancaria con scadenza entro l'anno non viene opportunamente compresa nelle fonti stabili di raccolta. 6

7 Tabella 1 Numeratore NSFR Il denominatore del NSFR ovvero il Required Stable Funding è composto dagli investimenti in "attività meno liquide" che approssimano la necessità di funding stabile. Queste sono definite applicando dei coefficienti di ponderazione alle poste patrimoniali dell attivo (Tabella.2) quali: azioni e obbligazioni, prestiti, immobili, partecipazioni e operazioni fuori bilancio. Alle attività più difficilmente liquidabili, anche in condizioni di stress, fa ovviamente riscontro un coefficiente più consistente. Tabella 2 Denominatore NSFR 6. Modifica del requisito LCR approvata dal Comitato di Basilea L'aggiornamento del ai nuovi accordi di Basilea 3 prevede che il Liquidity Coverage Ratio sarà applicato come previsto a partire dal 2015 ma con 7

8 una copertura ridotta al 60% delle risorse necessarie a fronteggiare un periodo di stress di 30 giorni. La copertura salirà con gradualità fino a raggiungere il 100% nel gennaio Questo approccio graduale è stato deciso per assicurare che il Liquidity Coverage Ratio (LCR) sia applicato senza generare rallentamenti al finanziamento delle attività economiche. La progressiva entrata in vigore del LCR consentirà alle banche di ritornare a finanziare la crescita, anziché accumulare titoli di stato. Inoltre si vuole assicurare alle banche di avere sufficiente liquidità per evitare che le banche centrali intervengano come prestatore di prima istanza. In particolare, con la nuova prescrizione del Comitato di Basilea, al numeratore del LCR viene concesso un ampliamento delle "attività liquide di elevata qualità", da inserire al Secondo livello B. Queste ultime attività precedentemente non considerate sono le: Residential Mortage Backed Securities o "titoli garantiti da mutui residenziali" con un rating almeno pari ad AA. Questi titoli devono essere trattati in mercati liquidi e non aver perso oltre il 20% del loro valore nei trenta giorni precedenti le situazioni di stress. E' prevista una decurtazione del valore ovvero un haircut del 25%. Common Equity ovvero "titoli azionari non vincolati" negoziati in mercati regolamentati che non abbiano subito perdite di valore superiori al 40% nei trenta giorni precedenti. L'haircut da applicare è pari al 50%. Corporate Debt Securities o "obbligazioni societarie" con un rating compreso A+ e BBB-, in tal caso l'haircut è pari al 50%. Il denominatore del LCR viene potenzialmente diminuito, applicando dei coefficienti di ponderazione "meno stressati" specie per quanto riguarda i deflussi (cash outflows). Sono pertanto previste le seguenti riduzioni dei deflussi finanziari per le relative poste di bilancio: Riduzione dal 5% al 3% per i depositi al dettaglio assicurati. Riduzione dal 40% al 20% del fattore di deflusso per i depositi non operativi integralmente assicurati collocati da società non finanziarie, soggetti sovrani, banche centrali ed enti del settore pubblico. Riduzione dal 75% al 40% per i depositi non operativi collocati da società non finanziarie, soggetti sovrani, banche centrali ed enti del settore pubblico. Le linee di liquidità irrevocabili a favore di società non finanziarie, soggetti sovrani, banche centrali e altri enti sovranazionali beneficiano di una riduzione dal 100% al 30% del fattore di deflusso per la quota inutilizzata. Anche le linee di liquidità e di credito irrevocabili fra società finanziarie fruiscono di una riduzione dal 100% al 40% del fattore di deflusso. 8

9 Per gli strumenti derivati è prevista la loro inclusione al denominatore del LCR con un fattore di deflusso pari al 100%, relativamente agli altri rischi collegati ai derivati. 7. Osservazioni e conclusioni - Il Comitato di Basilea seppure con ampio ritardo è riuscito ad indicare in modo obbligatorio come e quando (indici LCR dal 2015 e NSFR dal 2018) le banche dovranno affrontare la più temibile tipologia di rischio, ovvero quella di liquidità. - Risulta alquanto difficoltoso delineare dei parametri che riescano realisticamente ad identificare il rischio liquidità nel contesto bancario in situazioni di stress. In quanto tali parametri sono fortemente condizionati dal "fattore fiducia" e dal reale funzionamento dei mercati. - Gli indicatori proposti LCR e NSFR appaiono opportunamente "costruiti" ma non ancora validati e vissuti sul campo. E' opinione di chi scrive che tali parametri non debbano essere considerati come parametri statici, bensì parametri dinamici aggiornati ad esempio con cadenza annuale. E' inoltre opportuno che gli stessi considerino elementi di distinguo rispetto la specifica attività svolta dagli intermediari. -L'applicazione dei coefficienti LCR e NSFR nei vari contesti internazionali probabilmente condizioneranno negativamente le banche europee, in particolare quelle del "Sud", che ad esempio per rafforzare il numeratore del LCR saranno costrette a reperire in modo oneroso quote aggiuntive di "covered bond con un rating pari almeno ad AA". -In un periodo storico dove le banche sono costrette ad affrontare un forte calo della redditività e un aumento delle insolvenze, non si può negare che la congiunta assegnazione dei nuovi vincoli imposti da Basilea 3 costringerà ancora una volta molti istituti creditizi ad una "nuova stagione di consolidamenti". 9

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Documento di consultazione. Basilea 3 Il Net Stable Funding Ratio

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Documento di consultazione. Basilea 3 Il Net Stable Funding Ratio Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di consultazione Basilea 3 Il Net Stable Funding Ratio Termine per l invio dei commenti: 11 aprile 2014 Gennaio 2014 Il presente documento è stato

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di liquidità 2 Le accezioni di liquidità Liquidità strutturale A medio lungo termine, attiene

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013)

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla liquidità delle banche (Ordinanza sulla liquidità, OLiq) 952.06 del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 2, 10 capoverso

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2015)

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2015) Ordinanza sulla liquidità delle banche (Ordinanza sulla liquidità, OLiq) 952.06 del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 2, 10 capoverso

Dettagli

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * *

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * * * * * Milano, 9 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate Tonucci & Partners Le agenzie di rating sono definite dagli studiosi come soggetti di diritto privato specializzati nel valutare il merito

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Le funzioni d investimento delle passività bancarie Esistono diverse tipologie

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

Congresso AIAF, ASSIOM, ATIC FOREX Bari, Fiera del levante, 18 gennaio 2008

Congresso AIAF, ASSIOM, ATIC FOREX Bari, Fiera del levante, 18 gennaio 2008 Congresso AIAF, ASSIOM, ATIC FOREX Bari, Fiera del levante, 18 gennaio 2008 CRISI DI LIQUIDITÀ E FUTURO DEI MERCATI. ASPETTI OPERATIVI E REGOLAMENTARI Intervento della dott.ssa Anna Maria Tarantola Direttore

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA LA NUOVA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE RELAZIONE SULL ANALISI D IMPATTO 1. Introduzione... 2 2. Benefici e rischi degli strumenti... 2 3. I covered bond

Dettagli

Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future.

Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future. Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future. Perché Basilea 3: dai mutui Subprime alla crisi dei debiti sovrani. Origini ed evoluzione dell

Dettagli

Cash management. Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo. di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*)

Cash management. Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo. di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*) Analisi Cash management Il rischio di liquidità: modelli di gestione e controllo di Maurizio Vallino e Matteo Cagetti (*) La recente turbolenza sui mercati finanziari ha evidenziato il ruolo centrale di

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2014 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

GLI ACCORDI DI BASILEA

GLI ACCORDI DI BASILEA Scuola di Diritto Scuola di Economia e Management Diritto delle Banche e dei Anno Accademico 2014/2015 GLI ACCORDI DI BASILEA E LA LORO EVOLUZIONE PROF. FERDINANDO PARENTE Versione al 29 aprile 2015 Agenda!

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk Assignment finale NB: per ottenere risultati uniformi attraverso i gruppi di lavoro, si raccomanda per lo svolgimento degli esercizi l utilizzo

Dettagli

Il portafogliodi proprietà

Il portafogliodi proprietà Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Set 5 Il portafogliodi proprietà LIUC Università Cattaneo A.A. 2014-2015 Valter Lazzari I temi della lezione Il portafoglio di proprietà Trading Book Banking

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

IL RISCHIO DI LIQUIDITA E L ACCORDO DI BASILEA III: LA REAZIONE ALLA CRISI

IL RISCHIO DI LIQUIDITA E L ACCORDO DI BASILEA III: LA REAZIONE ALLA CRISI Dipartimento di Impresa e Management Cattedra in Economia dei Mercati e degli Intermediari finanziari IL RISCHIO DI LIQUIDITA E L ACCORDO DI BASILEA III: LA REAZIONE ALLA CRISI RELATORE Prof. Francesco

Dettagli

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFES2. Il presente documento contiene le informazioni

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

NOTA TECNICA SULLE MODALITÀ DI CONDUZIONE DELL ESERCIZIO DI VALUTAZIONE APPROFONDITA (COMPREHENSIVE ASSESSMENT)

NOTA TECNICA SULLE MODALITÀ DI CONDUZIONE DELL ESERCIZIO DI VALUTAZIONE APPROFONDITA (COMPREHENSIVE ASSESSMENT) NOTA TECNICA SULLE MODALITÀ DI CONDUZIONE DELL ESERCIZIO DI VALUTAZIONE APPROFONDITA (COMPREHENSIVE ASSESSMENT) Roma, 26 ottobre 2014 L esercizio di valutazione approfondita (Comprehensive Assessment,

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti I prestiti e la gestione del rischio di credito Da Basilea 1 a Basilea 2 Il Basilea 3 2 Da Basilea 1 a Basilea 2

Dettagli

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP»

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia Cattedra Strategia e Organizzazione degli Intermediari Finanziari Prof. Stefano Dell Atti Relazione di Tommaso Gozzetti Presidente di Imprebanca

Dettagli

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali 16 Convention APB 2009 La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali Intervento del dr. Stefano Mieli Direttore Centrale per la Vigilanza Creditizia e Finanziaria Banca d

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - prometeia OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2008 NUMERO VENTICINQUE INDICE DEL VOLUME COMPLETO pag.9 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 11 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 15

Dettagli

MISURAZIONE, MONITORAGGIO E GESTIONE DEL RISCHIO DI LIQUIDITA

MISURAZIONE, MONITORAGGIO E GESTIONE DEL RISCHIO DI LIQUIDITA Dipartimento di Economia e Finanza Cattedra: Economia degli Intermediari Finanziari c.p. MISURAZIONE, MONITORAGGIO E GESTIONE DEL RISCHIO DI LIQUIDITA RELATORE Prof. Domenico Curcio CANDIDATA Federica

Dettagli

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI Mauro Senati Chief Risk Officer Gruppo UBI IX Convention AIFIRM, Milano 19 Novembre 2013 1 Agenda Il contesto Gli effetti

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 Università degli Studi di Parma Corso di Risk management e creazione di valore Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 La crisi finanziaria del 2007- Prima della crisi Tassi di interesse

Dettagli

Il trattamento del rischio di liquidità nello schema regolamentare di Basilea 3

Il trattamento del rischio di liquidità nello schema regolamentare di Basilea 3 n. 2-2011 Il trattamento del rischio di liquidità nello schema regolamentare di Basilea 3 Francesca Querci Sommario: 1.Introduzione 2.La definizione del rischio di liquidità e l evoluzione del trattamento

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 - Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 - Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. - Iscritto all

Dettagli

OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS

OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata Partial or total reproduction

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

MODIFICA DI DENOMINAZIONE, POLITICA DI INVESTIMENTO E BENCHMARK DI TALUNI COMPARTI

MODIFICA DI DENOMINAZIONE, POLITICA DI INVESTIMENTO E BENCHMARK DI TALUNI COMPARTI IMPORTANTE: Il presente documento richiede attenzione immediata. In caso di dubbi sul contenuto del presente documento, richiedere la consulenza di un professionista indipendente. Tutti i termini utilizzati

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Simgenia SIM BASILEA 2 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA DEL 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Consiglio di Amministrazione del 14 aprile 2015 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale

26 e 27 giugno. Convegno Annuale e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

DOCUMENTO di REGISTRAZIONE

DOCUMENTO di REGISTRAZIONE Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento di ICCREA HOLDING

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 - Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 - Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. - Iscritto all

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE INFORMATIVA AL PUBBLICO (Titolo IV - Circolare della Banca d Italia n. 263 del 27 dicembre

NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE INFORMATIVA AL PUBBLICO (Titolo IV - Circolare della Banca d Italia n. 263 del 27 dicembre NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE INFORMATIVA AL PUBBLICO (Titolo IV - Circolare della Banca d Italia n. 263 del 27 dicembre 2006) Informazioni al 31 dicembre 2012 Indice Introduzione...

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE

RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE Intervento: Dr. Francesco Germini - Resp. Segreteria Tecnica e Middle Office ICCREA BANCA Dr. Massimo Proietti Resp. Soluzioni

Dettagli

Allestimento di un rapporto sulla quota di liquidità a breve termine ed esigenze qualitative in materia di gestione del rischio di liquidità

Allestimento di un rapporto sulla quota di liquidità a breve termine ed esigenze qualitative in materia di gestione del rischio di liquidità Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR. Scenario di mercato Focus su Anthilia Blue e Anthilia Yellow. Luglio 2013. Maggio 2011

Anthilia Capital Partners SGR. Scenario di mercato Focus su Anthilia Blue e Anthilia Yellow. Luglio 2013. Maggio 2011 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Scenario di mercato Focus su Anthilia Blue e Anthilia Yellow Luglio 2013 Anthilia Yellow, obbligazioni subordinate e Basilea III Anthilia Capital Partners SGR

Dettagli

Emittente e Responsabile del Collocamento: Banco di Desio e della Brianza S.p.A.

Emittente e Responsabile del Collocamento: Banco di Desio e della Brianza S.p.A. Sede legale Desio, via Rovagnati n. 1 Iscritta all albo delle Banche n. 3440.5 Capogruppo del Gruppo Banco Desio Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Capitale sociale Euro 67.705.040,00 R. I. Monza e Brianza

Dettagli

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring Rony Hamaui AD&DG Mediofactoring Torino, 25 gennaio, 2011 Agenda Basilea 3: obiettivi e strumenti Implicazioni delle nuove regole prudenziali sulle banche

Dettagli

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014

Pillar III Report Informativa al Pubblico. Situazione al 31 Dicembre 2014 Informativa al Pubblico Pillar III Report Pillar III Report Informativa al Pubblico Situazione al 31 Dicembre 2014 Circolare della Banca d'italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007

Dettagli

Il presidio dei rischi

Il presidio dei rischi Il presidio dei rischi I PRINCIPI DI BASE Come viene più diffusamente illustrato nel bilancio annuale, nel Gruppo Intesa Sanpaolo le politiche relative all assunzione dei rischi sono definite dagli Organi

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

Introduzione ai temi della sessione

Introduzione ai temi della sessione Rischio di liquidità Introduzione ai temi della sessione Andrea Resti, università Bocconi andrearesti andrea.resti@unibocconi.it 2 Traccia di questa presentazione Le nuove regole nella CRR, tra progressi

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006)

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PRUDENZIALE PER LE BANCHE (Circ. n. 263 del 27 dicembre 2006) al 31 dicembre 2013 Banca d Italia, sulla base

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Armonizzazione della normativa di vigilanza e regolamentare di banche e intermediari finanziari riflessi e conseguenze per l industria del factoring

Armonizzazione della normativa di vigilanza e regolamentare di banche e intermediari finanziari riflessi e conseguenze per l industria del factoring Armonizzazione della normativa di vigilanza e regolamentare di banche e intermediari finanziari riflessi e conseguenze per l industria del factoring CONVEGNO ABI Basilea 3 Roma, 26 giugno 2012 Fausto Galmarini

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli