Frodi nel settore assicurativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Frodi nel settore assicurativo"

Transcript

1 Advisory Frodi nel settore assicurativo Come contrastare il fenomeno: modelli, processi e strumenti kpmg.com/it

2

3 Indice Premessa 4 La survey e il contesto di riferimento 5 Executive Summary 6 I risultati della survey L approccio delle compagnie nella prevenzione e nel contrasto delle frodi 8 Incidenza e percezione del fenomeno Azioni organizzative e di processo intraprese dalle Compagnie Legislazione, banca dati sinistri e aspettative sull Agenzia anti-frode Focus Principali evidenze e peculiarità del fenomeno in Italia e scenari evolutivi Vittorio Verdone, Direttore Auto, Distribuzione e Consumatori, ANIA 17 Esperienze e best practice internazionali nel contrasto frodi nel ramo R.C. Auto Silvano Lenoci, Associate Partner, KPMG Advisory 23 Punti di contatto e proposte di soluzioni mutuate dall esperienza maturata nel settore creditizio Giuliano Cicioni, Associate Partner, KPMG Advisory 29 Prevenire le frodi: verso un modello di Fraud Risk Management Stefano Moroni, Associate Partner, KPMG Advisory 32 Conclusioni 36

4 4 Frodi nel settore assicurativo Premessa In Italia il fenomeno delle frodi nel settore assicurativo, con particolare riferimento al ramo danni e soprattutto all assicurazione obbligatoria R.C. Auto, sta assumendo proporzioni preoccupanti con effetti distorsivi che si ripercuotono negativamente sia sul business delle compagnie sia sugli assicurati, penalizzati dall aumento dei premi. Il fenomeno in Italia è legato ad alcune peculiarità che caratterizzano il nostro mercato assicurativo: la rilevanza del numero degli incidenti, l elevato peso dei sinistri con lesioni e la valutazione giurisprudenziale dei risarcimenti. L R.C. Auto risulta il ramo più interessato perché il peggioramento del rapporto tra sinistri e premi ha causato una contrazione del risultato tecnico e un conseguente aumento delle tariffe assicurative, tanto che l Italia è oggi uno dei paesi al mondo con i più alti costi per l assicurazione auto. Inoltre, le truffe ai danni delle Compagnie hanno un incidenza molto alta soprattutto in alcune regioni del Sud, dove alla più elevata sinistrosità complessiva si aggiunge una maggiore frequenza di reati. Il tema è di grande attualità e sta alimentando il dibattito tra tutti gli attori coinvolti (le compagnie, l ANIA, l ISVAP e il Governo) e, in questo momento, è allo studio un disegno di legge contro le frodi assicurative. L obiettivo è quello di fissare un sistema di regole, organi e strumenti efficaci per contrastare i comportamenti fraudolenti. In questo scenario, per cogliere le linee di tendenza sulle iniziative già intraprese dalle compagnie e sulle loro aspettative rispetto alla necessaria evoluzione normativa in materia, KPMG ha realizzato un indagine, arricchita da una serie di approfondimenti sulle peculiarità del fenomeno in Italia e sui possibili scenari evolutivi, sul confronto delle esperienze condotte a livello internazionale, sugli spunti provenienti dalle esperienze nel settore creditizio e sulla definizione di un modello di Fraud Risk Management. Nel ringraziare tutti i Gruppi assicurativi che hanno aderito all iniziativa, confidiamo che la lettura possa fornire utili spunti operativi. Giuseppe Latorre Partner, KPMG Advisory

5 Frodi nel settore assicurativo 5 La survey e il contesto di riferimento Con l obiettivo di dare un contributo di approfondimento e di fornire stimoli per trovare soluzioni operative al contrasto e alla prevenzione delle frodi, tra gennaio e marzo 2011 KPMG ha coinvolto in una survey gli esponenti dei principali gruppi assicurativi attivi in Italia. La ricerca è stata condotta in un contesto ancora in evoluzione: il disegno di legge contro le frodi assicurative è ancora al vaglio della Commissione Finanze della Camera. Il provvedimento normativo prevede maggiore trasparenza e comunicazione da parte delle compagnie che sono tenute a fornire informazioni sulle frodi accertate e a denunciare i sinistri ritenuti sospetti secondo i parametri di significatività desunti dalla banca dati sinistri dell ISVAP. L altra importante innovazione introdotta dal Ddl dovrebbe essere l istituzione di un Agenzia anti-frode o di una struttura ad hoc istituita presso l ISVAP che sarà composta da un archivio informatico integrato e da un gruppo di lavoro, costituito da rappresentanti dei Ministeri competenti e da altri soggetti interessati, comprese le Forze di Polizia. L indagine KPMG fotografa l incidenza del fenomeno per le principali compagnie assicurative, mette in evidenza le iniziative da esse già intraprese autonomamente e i relativi risultati e sonda quelle che sono le aspettative del settore rispetto alle azioni che il Governo si accinge a intraprendere. Alla survey hanno aderito i principali gruppi assicurativi, nazionali e internazionali, attivi sul mercato italiano. Complessivamente si tratta di 26 gruppi assicurativi che rappresentano circa il 70% della raccolta premi danni da lavoro diretto. I gruppi assicurativi domestici sono oltre il 60% del campione, mentre quelli esteri operanti in Italia il restante 40%.

6 6 Frodi nel settore assicurativo Executive Summary Incidenza e percezione del fenomeno La survey rivela come il ramo R.C. Auto per le sue peculiarità (obbligo a contrarre ed entità ridotta dei risarcimenti richiesti in caso di sinistro) sia quello maggiormente esposto al rischio frodi. Per le Compagnie interpellate l incidenza del fenomeno è compresa tra lo 0 e il 3%, come rilevato dall ISVAP. Tuttavia il fenomeno è molto probabilmente sottostimato a causa delle difficoltà a individuare e accertare i sinistri connessi a eventi fraudolenti. Infatti, gran parte delle Compagnie ritiene che le frodi sommerse siano oltre il 5% del totale dei sinistri denunciati e per alcune Compagnie anche superiore al 10%, ma c è una percentuale non trascurabile di Compagnie (il 19%, imprese assicurative prevalentemente di piccole e medie dimensioni) che non sono in grado di stimare l incidenza del sommerso. Il fenomeno è difficile da arginare dal momento che sembra si sia instaurato una sorta di circolo vizioso: la sempre maggiore incidenza delle frodi è causa dell aumento dei costi di liquidazione per le Compagnie che in parte si scarica sull aumento dei premi pagati dagli assicurati che a sua volta incentiva le truffe, soprattutto in periodi di instabilità economica. La percezione delle Compagnie è che siano più frequenti le frodi attuate da controparti esterne e solo poche ritengono che vi sia collusione tra queste e soggetti interni o collegati (dipendenti, agenti, liquidatori, medici, periti ecc.). È da evidenziare che nessuna delle Compagnie intervistate dichiari l esistenza di frodi interne, cioè promosse esclusivamente da dipendenti, agenti, ecc. La difficoltà nel contrastare il fenomeno risiede anche nel fatto che nella maggior parte dei casi le frodi sono un fenomeno occasionale e diffuso, quindi difficilmente riconducibile a degli schemi e pertanto difficilmente controllabile in sede di assunzione del rischio. Tuttavia non è trascurabile la quota di Compagnie (37%) per le quali gran parte delle frodi è perpetrata ripetutamente dai medesimi soggetti.

7 Frodi nel settore assicurativo 7 Più che alla criminalità organizzata, le Compagnie attribuiscono al contesto sociale e culturale e al malcostume diffuso la principale causa del fenomeno. In Italia è, infatti, comune l idea che truffare una compagnia assicurativa, chiedendo risarcimenti di piccola entità ma comunque superiori alla reale entità del danno, non costituisca un grave reato. Poche Compagnie invece sostengono che la causa del fenomeno sia connessa alla criminalità organizzata. Considerati gli effetti tutt altro che trascurabili in termini di gestione e di risultato tecnico è opinione diffusa tra le Compagnie che il top management sia adeguatamente informato sul fenomeno. Azioni organizzative e di processo intraprese dalle Compagnie In attesa di soluzioni concrete da parte dell Autorità di Vigilanza e del Governo mediante gli opportuni interventi legislativi e l istituzione di organismi di prevenzione e controllo, le Compagnie nella maggior parte dei casi (85%) si sono già dotate di strutture organizzative e risorse dedicate al monitoraggio e al contrasto delle frodi. Tuttavia gli strumenti già adottati risultano ancora inadeguati per fattori esogeni (assenza di un censimento di professionisti delle frodi) ed endogeni, a causa della mancanza di sistemi integrati di reportistica e track record sui clienti. Questi elementi determinano azioni ritardate e poco incisive. Il fatto che le frodi non siano esclusivamente riconducibili ad eventi criminosi commessi dai medesimi soggetti, ma anche, e soprattutto, a frodi occasionali e diffuse, rende la fase di assunzione del rischio e quella di liquidazione del sinistro entrambe critiche ai fini del contrasto del fenomeno. Tuttavia nelle azioni che le Compagnie hanno intrapreso autonomamente sono stati modificati prevalentemente i processi della fase di liquidazione dei sinistri e solo il 58% dei rispondenti ha modificato i processi della fase di assunzione. Questo in parte è spiegabile con le difficoltà riscontrate dalle Compagnie nel migliorare la selezione della clientela per i vincoli legislativi cui esse devono sottostare nella fase di assunzione (obbligo a contrarre nel ramo R.C. Auto). La fase di assunzione risulta anche meno dotata di efficaci strumenti di controllo perché più complessa da monitorare, oltre che per i vincoli normativi anche per un non ancora adeguato utilizzo della banca dati sinistri. La maggior parte dei rispondenti ritiene per contro di avere strumenti interni adeguati per il monitoraggio della fase di liquidazione. tempestivamente il rischio frode. Questi sistemi si avvalgono in media di un numero di parametri compreso tra 20 e 25. La gran parte delle Compagnie interpellate dichiara di avere intenzione di effettuare investimenti soprattutto nell area dei Sistemi Informativi e nelle Risorse Umane per migliorare l azione di prevenzione e contrasto del fenomeno. Legislazione, banca dati sinistri e aspettative sull Agenzia anti-frode Oltre alle azioni e agli investimenti che le Compagnie assicurative possono effettuare autonomamente, dalla survey emerge che l intervento legislativo da parte del Governo è fondamentale per un adeguato contrasto del fenomeno. L attuale normativa, infatti, vincola molto le Compagnie sia in fase di assunzione del rischio (obbligo a contrarre) sia in fase di liquidazione del sinistro (procedure concepite in chiave garantista a favore del danneggiato) con impatti negativi sulla possibilità di adottare misure di prevenzione e di contrasto delle frodi. Molte Compagnie ritengono che il grado di trasparenza e di comunicazione sul fenomeno non sia sufficientemente adeguato, da un lato per le difficoltà oggettive nell individuazione e nell accertamento delle frodi, dall altro per i vincoli imposti dall Authority della Privacy allo scambio delle informazioni tra le stesse Compagnie. Tra le possibili soluzioni proposte nell ambito del dibattito aperto tra i vari attori del sistema, l arricchimento della banca dati sinistri dell ISVAP è ritenuta dalle Compagnie un importante strumento per il contrasto delle frodi; solo il 19% del campione (Compagnie di grandi e medie dimensioni) si mostra scettico sulla reale efficacia di questo strumento per arginare il fenomeno. La creazione di un Agenzia anti-frode con compiti investigativi funzionali alla segnalazione di fenomeni fraudolenti all autorità giudiziaria è un iniziativa ancora più necessaria secondo le Compagnie. Per la maggior parte di esse il controllo e la vigilanza sull Agenzia dovrebbero essere affidati ad una istituzione creata ad hoc. Alcune suggeriscono che dovrebbe essere la stessa autorità giudiziaria. Poiché gran parte delle Compagnie ritiene che le frodi esterne siano quelle maggiormente diffuse, circa il 60% delle Compagnie non ha affatto strumenti oppure ha strumenti poco efficaci per il controllo degli agenti e dei fiduciari. I clienti e le controparti, invece, vengono maggiormente monitorati tramite applicativi software. Solo una percentuale bassa si dichiara molto soddisfatta delle azioni intraprese, a dimostrazione delle oggettive difficoltà riscontrate dalle Compagnie nel tentativo di arginare il fenomeno. Il 77% delle Compagnie del campione si è già dotato di un insieme di indicatori utili a identificare

8 8 Frodi nel settore assicurativo I risultati della survey L approccio delle compagnie nella prevenzione e nel contrasto delle frodi a cura dell Ufficio Studi KPMG Advisory Incidenza e percezione del fenomeno Secondo le Compagnie, l R.C. Auto è il ramo maggiormente interessato dal fenomeno delle frodi (Grafico 1). Infatti, l elevata frequenza degli incidenti automobilistici fa sì che il ramo R.C. Auto sia quello più difficile da monitorare e quindi quello più esposto al rischio di potenziali comportamenti fraudolenti. Inoltre, data la dimensione spesso modesta degli importi da liquidare, contrastare le frodi spesso non risulta conveniente a causa degli elevati costi che le Compagnie dovrebbero sostenere per l apertura di un contenzioso con il cliente o la controparte. Il fenomeno è percepito, invece, come marginale per il ramo Sanità/Salute. Grafico 1 Qual è il ramo più interessato dalle frodi? (consentite più risposte) R.C. Auto Rami Danni Elementari Sanità/Salute 4% 12% 15% Rami Danni Speciali 77% In termini di incidenza del fenomeno, la misurazione effettuata dalle Compagnie assicurative è in linea con i dati forniti dall ISVAP. Infatti, il 69% del campione indica che una percentuale compresa tra lo 0 e il 3% dei sinistri denunciati è connessa a fenomeni fraudolenti (Grafico 2). Da evidenziare che un incidenza compresa tra il 5 e il 10% è stata indicata da una Compagnia di piccole dimensioni e da una diretta. Grafico 2 Qual è l incidenza delle frodi accertate sul totale dei sinistri denunciati?(*) 0-2% 2-3% 3-5% 5-10% >10% 0% Non rilevato 8% 8% 15% (*) numero frodi/totale sinistri 31% 38%

9 Frodi nel settore assicurativo 9 Come confermato anche dall ANIA, il fenomeno delle frodi probabilmente è sottostimato, per le difficoltà a individuare oltre che ad accertare gli eventi fraudolenti. Il 54% del campione indica, infatti, che le frodi sommerse incidono sul totale dei sinistri denunciati per una percentuale superiore al 5% (Grafico 3). Per le sei Compagnie che hanno segnalato un incidenza delle frodi non accertate superiore al 10% la percentuale indicata si attesta in media al 19%, sebbene alcuni sostengano che per alcuni rischi l entità del sommerso sia considerevolmente superiore al valore accertato. Sono soprattutto le Compagnie di piccole e medie dimensioni a non aver stimato l incidenza delle frodi sommerse, mentre al contrario i valori più elevati sono stati indicati dalle Compagnie di grandi dimensioni. Una delle principali conseguenze del fenomeno è la creazione di un circolo vizioso: il progressivo incremento della frequenza delle frodi determina l aumento dei costi di liquidazione per le Compagnie che si scarica in parte sull aumento dei premi pagati dagli assicurati che a sua volta incentiva le truffe (Grafico 4). Da segnalare che nella categoria Altro sono state indicate come conseguenze delle frodi il rischio reputazionale (tre rispondenti), l aumento dei costi di gestione dei sinistri (due rispondenti) e la necessità di investimenti in risorse ad hoc. Grafico 4 Qual è il maggiore effetto delle frodi sulla gestione della Compagnia? (consentite più risposte) Grafico 3 Qual è la stima dell incidenza delle frodi non accertate ( sommerse ) sul totale dei sinistri denunciati?(*) 0-3% 3-5% 5-10% >10% Non stimato 8% 19% 19% 23% 31% Creazione circolo vizioso: frode aumento costi aumento tariffe 69% Impatto complessivo sul risultato tecnico 38% Aumento del costo medio dei sinistri 19% Impatto sulle riserve 4% Altro 23% (*) numero frodi sommerse /totale sinistri Il 69% del campione indica che una percentuale compresa tra lo 0 e il 3% dei sinistri denunciati è connessa a fenomeni fraudolenti Il 54% del campione indica che le frodi sommerse incidono sul totale dei sinistri denunciati per una percentuale superiore al 5%

10 10 Frodi nel settore assicurativo Le frodi possono essere commesse da diversi soggetti (controparti e soggetti interni/collegati). La natura della frode (interna, esterna, mista) è determinata dalla categoria coinvolta. L 85% del campione sostiene che le frodi attuate da controparti esterne alla Compagnia siano le più frequenti, mentre solo una percentuale molto inferiore ritiene che vi sia collusione tra controparti esterne e soggetti interni (Grafico 5). Da notare che nessuna delle Compagnie denuncia frodi interne. Grafico 5 Quale delle seguenti tipologie di frode è maggiormente rilevante per la Compagnia? Frodi esterne (attuate esclusivamente dalle controparti) 15% 85% Frodi miste (collusione fra controparti esterne e soggetti interni) La percezione dei rispondenti è che la maggior parte delle frodi sia riconducibile a fenomeni occasionali, cioè messi in atto in modo diffuso da soggetti diversi. Solo il 37% del campione ritiene che gli eventi fraudolenti siano perpetrati ripetutamente dai medesimi soggetti (Grafico 7). La natura per lo più occasionale e diffusa delle frodi ne rende ancora più difficile per le Compagnie l individuazione, l accertamento e, quindi, il contrasto. L obiettivo della compagnia è l individuazione/accertamento e persecuzione delle frodi, non la lotta al crimine organizzato che, invece, è compito dell autorità di polizia e della magistratura, istituzioni con le quali le Compagnie dovrebbero abituarsi a collaborare e a coordinare le azioni di contrasto. Grafico 7 Rispetto al valore delle frodi subite, la maggior parte di esse è riconducibile a fenomeni... Occasionali Frodi interne (attuate da dipendenti, agenti, liquidatori, periti, medici e altri soggetti collegati) 0% Perpetrati ripetutamente dai medesimi soggetti 37% 63% A conferma di quanto emerso dalle risposte fornite alla precedente domanda, le Compagnie ritengono che la partecipazione di soggetti collegati (dipendenti, agenti, liquidatori, fiduciari) sia poco rilevante rispetto al valore complessivo delle frodi (Grafico 6). Tuttavia il 24% dei rispondenti ritiene che la collusione dei soggetti collegati non sia trascurabile. Per un efficace contrasto del fenomeno le Compagnie dovrebbero dunque dotarsi di strumenti che consentano di monitorare sia le controparti esterne, sia i soggetti collegati. Infatti, l attività di questi ultimi, pur essendo poco rilevante nelle frodi dirette, deve essere adeguatamente presidiata e indirizzata per evitare che si creino condizioni favorevoli ad un ulteriore diffusione del fenomeno. Grafico 6 Rispetto al valore delle frodi accertate dalla Compagnia, quanto è rilevante la partecipazione di soggetti collegati (dipendenti, agenti, liquidatori, fiduciari)? Molto 12% Il 69% del campione ha indicato il contesto socio-culturale come principale causa del fenomeno delle frodi nel settore assicurativo (Grafico 8). Le Compagnie, dunque, percepiscono il fenomeno delle frodi connesso non tanto ad azioni criminose perpetrate da organizzazioni specializzate (15%), quanto più al contesto sociale e culturale che caratterizza le zone a maggiore incidenza di frodi. Tuttavia, secondo le statistiche dell ISVAP riguardanti la diffusione del fenomeno, l incidenza delle truffe ai danni delle Compagnie risulta più elevata nelle aree dove è maggiore la frequenza dei sinistri e il tasso di criminalità. Si segnala, inoltre, che nel campo Altro un rispondente ha indicato la crisi economica come possibile causa del fenomeno. Effettivamente l esperienza dimostra che in periodi d instabilità economica l incidenza delle truffe aumenta in tutti i settori, compreso quello assicurativo. Grafico 8 A quale dei seguenti aspetti attribuisce maggiormente la causa del fenomeno? (consentite più risposte) Abbastanza 12% Contesto socio-culturale 69% Poco 53% Collusione degli attori coinvolti (controparti, soggetti collegati) 27% Per nulla 19% Mancata percezione delle conseguenze sociali 23% Non rilevato 4% Criminalità Altro 4% 15%

11 Frodi nel settore assicurativo 11 Il 92% dei rispondenti ritiene che il top management abbia una corretta percezione della rilevanza del fenomeno frodi (Grafico 9). Questo dimostra che il problema viene vissuto come rilevante per le Compagnie dati gli impatti non trascurabili sulla gestione e sul risultato tecnico. Questa consapevolezza deriva probabilmente anche dalle azioni organizzative già attuate autonomamente dalle Compagnie per contrastare le truffe e da una buona comunicazione interna tra livelli diversi della struttura. Il commitment del top management è sicuramente un fattore abilitante all attuazione di azioni organizzative, investimenti ed interventi, volti a contrastare il fenomeno. Grafico 9 Il top management della Compagnia ha la giusta percezione del fenomeno? Molto Abbastanza Poco Per nulla 8% 42% 50% 0% Azioni organizzative e di processo intraprese dalle Compagnie In attesa di soluzioni concrete da parte dell Autorità di Vigilanza e del Governo mediante gli opportuni interventi legislativi e l istituzione di organismi di prevenzione e controllo, le Compagnie si sono dotate in molti casi di strutture e risorse dedicate al monitoraggio e al contrasto delle frodi. L 85% delle Compagnie del campione, infatti, ha già una struttura organizzativa dedicata al contrasto delle frodi (Grafico 10). Più in dettaglio, nel 42% dei casi si tratta di una struttura unica e indipendente, mentre per il 38% delle Compagnie è una struttura dipendente da un altra struttura (in otto casi dipendente dalla Direzione Sinistri, in un caso dall Internal Audit e in un altro dalla funzione Compliance). Solo quattro Compagnie, tutte di piccole e medie dimensioni, hanno dichiarato di non avere strutture dedicate al contrasto delle frodi. Grafico 10 Nella Compagnia esiste già una struttura organizzativa dedicata al contrasto delle frodi? (consentite più risposte) Coerentemente con le risposte fornite alla domanda precedente, l 85% delle Compagnie ha dichiarato di avere risorse che lavorano nell ambito del contrasto delle frodi (Grafico 11). Di queste Compagnie, il 68% ha personale dedicato che lavora a tempo pieno, il 14% ha risorse che lavorano part-time oppure occasionalmente, mentre il 18% ha sia risorse full-time che part-time (Grafico 12). La percentuale dei dipendenti dedicata a tempo pieno a questa attività si attesta in media all 1,5%, mentre il personale che lavora part-time è in media pari al 3% circa delle risorse totali. Grafico 11 La Compagnia ha risorse dedicate al contrasto delle frodi? Sì No 15% 85% Sì, struttura unica e indipendente 42% Sì, struttura unica dipendente da un altra struttura/figura 38% No 15% Sì, strutture separate per ramo/business unit 8% Grafico 12 Se sì, sono impiegate a tempo pieno o part-time? Tempo pieno Entrambe 18% Part-time 14% 68%

12 12 Frodi nel settore assicurativo Sia la fase di assunzione del rischio sia quella di liquidazione del sinistro vengono indicate come critiche per l individuazione e il contrasto delle frodi (Grafico 13), anche se a tendere il miglioramento dei processi nella fase di assunzione dovrebbe essere la soluzione più efficace al problema per le frodi non occasionali. Questa risposta è coerente con quanto indicato dalle Compagnie in merito alla natura delle frodi. Il fatto che esse non siano riconducibili solo a eventi criminosi perpetrati dai medesimi soggetti, ma anche, e soprattutto, a frodi occasionali e diffuse, fa sì che il miglioramento del processo di assunzione (selezione delle controparti, database storico, ecc.) non risulti sufficiente a combattere il fenomeno e si renda necessario un monitoraggio più approfondito anche della fase di liquidazione dei sinistri. Grafico 13 Attualmente qual è la fase più critica per l individuazione ed il contrasto delle frodi? Per le Compagnie la fase dell assunzione del rischio, rispetto a quella liquidativa, risulta anche meno dotata di efficaci strumenti di controllo (Grafico 15). D altro canto, la fase di assunzione risulta anche la più complessa da monitorare, per i suddetti vincoli normativi e per un utilizzo ancora non adeguato della banca dati sinistri a causa dei limiti imposti dal rispetto della legge sulla privacy. Per quanto concerne invece la fase di liquidazione, il 73% dei rispondenti ritiene di avere strumenti interni adeguati, ma le Compagnie sembrano meno soddisfatte rispetto alle azioni intraprese in termini di processi. Grafico 15 La Compagnia dispone di strumenti di controllo (applicativo software e strutture/personale) interni adeguati per il contrasto delle frodi? In fase di assunzione 46% 31% 23% Assunzione 12% In fase di liquidazione 11% 62% 23% 4% Liquidazione 12% Molto Abbastanza Poco Per nulla Entrambe 76% Nonostante ciò, rispetto alle azioni intraprese le Compagnie per ora stanno concentrando gli sforzi maggiormente sulla fase di liquidazione dei sinistri, intervenendo sui processi (89%), mentre solo il 58% dei rispondenti ha modificato i processi della fase di assunzione (Grafico 14). Questa differenza è probabilmente spiegabile in parte per le difficoltà riscontrate dalle Compagnie nel migliorare la selezione della clientela per i vincoli legislativi cui esse devono sottostare nella fase assuntiva (ad esempio l obbligo a contrarre nell R.C. Auto) e in parte per il fatto che è oggettivamente più complesso mettere in atto azioni che consentano di prevenire le frodi. Grafico 14 La Compagnia ha modificato i processi di business per contrastare le frodi? In fase di assunzione 4% In fase di liquidazione 35% 54% 54% Molto Abbastanza Poco Per nulla 34% 8% 11% Circa il 60% delle Compagnie non ha affatto strumenti oppure ha strumenti poco efficaci per il controllo degli agenti e dei fiduciari (Grafico 16). Questo deriva probabilmente dalla percezione che le Compagnie hanno riguardo la natura delle frodi (l 85% dei rispondenti ha indicato, infatti, le frodi esterne come quelle maggiormente diffuse, mentre le frodi che presuppongono la collusione fra soggetti interni ed esterni sono ritenute marginali). Pertanto, i clienti e le controparti vengono maggiormente monitorati tramite applicativi software (58% dei rispondenti). In generale, dalle risposte emerge tuttavia che una scarsa percentuale di Compagnie ritiene di avere strumenti software più che adeguati per il monitoraggio delle tre tipologie di soggetti, compresi i clienti e le controparti. Grafico 16 La Compagnia, nel contrasto delle frodi, ha uno specifico strumento di controllo (applicativo software) che consente di monitorare agenti, fiduciari, clienti e controparti? Agenti 4% Fiduciari 31% 42% Clienti e controparti 58% 15% 23% 50% 27% 35% 15% Molto efficace Poco efficace Abbastanza efficace Nessuno strumento

13 Frodi nel settore assicurativo 13 Oltre il 90% delle Compagnie del campione si è già dotata di strutture organizzative e/o di risorse dedicate al contrasto delle frodi (Grafico 17). Tuttavia risulta ancora bassa la percentuale di coloro che si sono dichiarati molto soddisfatti dei risultati ottenuti (Grafico 18). Queste evidenze confermano le oggettive difficoltà riscontrate dalle Compagnie nell ottenere risultati realmente efficaci, nonostante i tentativi di studiare e implementare modelli, processi e strumenti volti ad arginare il fenomeno, e dimostrano che esistono ancora ampi margini di miglioramento in questa direzione. Grafico 17 Sono state attuate azioni per il contrasto delle frodi? Il 77% delle Compagnie del campione ha già definito un set di indicatori che consentono di implementare efficaci sistemi di prevenzione delle frodi (Grafico 19). In media il numero di parametri individuati per identificare tempestivamente il rischio frode è compreso tra 20 e 25. Le Compagnie che non hanno ancora identificato un set di indicatori sono principalmente quelle di piccole dimensioni. Grafico 19 La Compagnia ha già definito un set di indicatori di (potenziali) frodi? Sì 77% Sì 92% No 23% No 8% Grafico 18 Se sì, hanno portato i risultati sperati? Molto 13% Abbastanza Poco 29% Per nulla 0% 58% L 85% delle Compagnie del campione ha intenzione di effettuare investimenti per migliorare la prevenzione e il contrasto delle frodi (Grafico 20). L area in cui sono previsti i maggiori investimenti è quella dei Sistemi Informativi, seguita da quella delle Risorse Umane. Le altre aree in cui si intende intervenire sono la struttura sinistri, quella commerciale, il centro liquidazione danni e l area dell assunzione dei rischi. Grafico 20 La Compagnia ha intenzione di effettuare ulteriori investimenti nel contrasto e nella prevenzione delle frodi? (consentite più risposte) Sì, nei Sistemi Informativi Sì, nelle Risorse Umane 42% 65% Oltre il 90% delle Compagnie del campione si è già dotata di strutture organizzative e/o di risorse dedicate al contrasto delle frodi, tuttavia risulta ancora bassa la percentuale (13%) di coloro che si sono dichiarati molto soddisfatti dei risultati ottenuti Sì, in altre aree della Compagnia 19% No, in nessuna area della Compagnia 15% Sì, nell Internal Audit 8%

14 14 Frodi nel settore assicurativo Legislazione, banca dati sinistri e aspettative sull Agenzia anti-frode Oltre alle azioni e agli investimenti che le Compagnie assicurative possono effettuare autonomamente per migliorare le fasi di assunzione del rischio e di liquidazione dei sinistri, il 96% dei rispondenti ritiene che gli interventi legislativi siano fondamentali per permettere un adeguato contrasto del fenomeno (Grafico 21). Data la percezione delle Compagnie di non poter sempre agire liberamente nel contrasto delle frodi per i vincoli e limiti legislativi esistenti, emerge l esigenza di un intervento a livello accentrato da parte del Governo che fornisca soluzioni per arginare il fenomeno. Grafico 21 Quanto sono importanti gli interventi legislativi al fine di consentire alle Compagnie di poter agire in modo efficace nel contrasto delle frodi? Molto Abbastanza Poco 0% Per nulla 4% 11% 85% Secondo la percezione delle Compagnie il grado di trasparenza e di comunicazione riguardante il fenomeno frodi non è adeguato per il 69% del campione (Grafico 23). Tra le cause della mancata trasparenza ci sono probabilmente da un lato le difficoltà strutturali che le Compagnie riscontrano nell individuazione e nell accertamento delle frodi, dall altro anche i vincoli imposti dalla normativa sulla privacy in relazione allo scambio di informazioni tra le stesse Compagnie. Tuttavia, dall imminente istituzione dell Agenzia anti-frode e da un più efficace utilizzo della banca dati sinistri ci si attende che l informativa sul fenomeno possa essere più completa e trasparente. Grafico 23 Il grado di trasparenza e comunicazione sull incidenza del fenomeno frodi è adeguato? Molto 4% Abbastanza Poco Per nulla 11% 27% 58% Infatti, rispetto alla possibilità di prevenire le frodi, le Compagnie si sentono piuttosto vincolate dalla legge sia in fase di assunzione sia in fase di liquidazione (Grafico 22). In particolare, l obbligo a contrarre in fase di assunzione viene ritenuto molto vincolante ai fini della prevenzione di sinistri collegati ad eventi fraudolenti da più della metà del campione. Grafico 22 Rispetto all eventualità di prevenire possibili frodi, quanto la Compagnia è vincolata dalla legge? In fase di assunzione (per l'obbligo a contrarre) 57% In fase di liquidazione 31% 8% 4% 35% 61% 4% Molto Abbastanza Poco Per nulla

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI E L RCA Il c.d. decreto liberalizzazioni (D.L. 1/2012) interessa anche l RCA e, per essa, tutti gli operatori del settore,

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi

Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi ATTIVITA DI RICERCA 2013 2014 Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI Le frodi nel settore assicurativo rappresentano un fenomeno che sta assumendo

Dettagli

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO

«FOCUS» ANIA: R.C. AUTO «FOCUS» ANIA: R.C. AUTO -- Numero 2 -- Marzo 2004 STATISTICA TRIMESTRALE R.C. AUTO () EXECUTIVE SUMMARY Con la disponibilità dei dati per l intero 2003 relativi ad un campione di imprese esercitanti il

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Addendum Italiano Executive summary

Addendum Italiano Executive summary PwC s 2014 Global Economic Crime Survey Addendum Italiano Executive summary febbraio 2014 Executive Summary The highlights La diffusione del fenomeno delle frodi economico finanziarie in Italia Dall edizione

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4791 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBATO, SOGLIA, STRIZZOLO, VESSA, GRANATA, TABACCI, OCCHIUTO, GIULIETTI, CATONE, VICO, PALAGIANO,

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

DDL CONCORRENZA A.S. 2085

DDL CONCORRENZA A.S. 2085 AUDIZIONE COMMISSIONE X INDUSTRIA SENATO DDL CONCORRENZA A.S. 2085 Norme in materia assicurativa Roma, 11 novembre 2015 LE NORME IN DISCUSSIONE SONO EFFICACI? VALUTAZIONE DI SINTESI Il saldo tra il testo

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato

Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato GIAMPAOLO CRENCA Presidente Consiglio Nazionale Attuari Principal Actuary Crenca &

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

L assicurazione auto

L assicurazione auto L assicurazione auto Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE AUTO 2014-2015 Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sul danno biologico e danni a cose Incidenza dei sinistri con danni alla

Dettagli

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori

Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Vittorio Verdone Direzione Centrale Auto, Distribuzione e Consumatori Focus su sinistri, frodi e contenzioso r.c. auto I prezzi delle polizze r.c.a. e la normativa mancata La raccolta totale premi 2013 per canale distributivo Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta

La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta La responsabilitàcivile automobilistica Strategia, innovazione e normativa nei modelli di offerta Consap e l R.C. Auto: il Risarcimento Diretto e la Stanza di compensazione Paolo Panarelli Direttore Generale

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 1 È esperienza di tutti

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle.

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle. Workshop di approfondimento in merito alla creazione di uno standard di riferimento per l'implementazione delle metodologie di raccolta dati e di informazioni da parte degli organismi deputati alla vigilanza

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014. 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema

46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014. 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema 46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema Nel complesso dei dati osservati e sinteticamente riproposti nelle tabelle, il sistema di valutazione di cui alla

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

Profili economici della riforma dell RC Auto

Profili economici della riforma dell RC Auto PROSPETTIVE EVOLUTIVE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI RC AUTO Per una riforma equilibrata a beneficio della collettività SENATO 30 gennaio 2014 Profili economici della riforma dell RC Auto Vittorio Verdone

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte

L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte INTRODUZIONE INDICE PRIMA PARTE: ANALISI DEL MERCATO ANALISI TECNICA DEL RAMO R.C. AUTO IN ITALIA DAL 1994 AL 1999 Premessa 1. I premi del lavoro

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

La tutela legale e le coperture assicurative. Dott. Attilio Steffano Broker di Assicurazioni,

La tutela legale e le coperture assicurative. Dott. Attilio Steffano Broker di Assicurazioni, La tutela legale e le coperture assicurative Dott. Attilio Steffano Broker di Assicurazioni, L ultimo termine per l assolvimento dell obbligo assicurativo per i professionisti della sanità Il futuro delle

Dettagli

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A.

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Premessa La spesa per consumi intermedi costituisce una parte rilevante delle uscite

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Confronto sul mercato RCA in Europa Conferenza stampa. Roma, 14 gennaio 2014

Confronto sul mercato RCA in Europa Conferenza stampa. Roma, 14 gennaio 2014 Confronto sul mercato RCA in Europa Conferenza stampa Roma, 14 gennaio 2014 Perimetro e obiettivi dello studio!!!!!! Richiesta di ANIA a BCG di fornire il proprio punto di vista sui principali mercati

Dettagli

Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi

Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi Nuova indagine CINEAS Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi Il 73% degli intervistati ha vissuto una o più volte catastrofi

Dettagli

LE SOLUZIONI ASSICURATIVE DEL MERCATO ITALIANO

LE SOLUZIONI ASSICURATIVE DEL MERCATO ITALIANO LE SOLUZIONI ASSICURATIVE DEL MERCATO ITALIANO Giovanni Faglia Responsabile Pool Inquinamento Convegno ANRA Rischio Inquinamento e soluzioni assicurative, Milano Rischio Inquinamento 2 Inquinamento Fiume

Dettagli

Dati al 31 dicembre 2014

Dati al 31 dicembre 2014 Anno XI I n 25 - Maggio 2015 Executive Summary Con la presente rilevazione si forniscono i risultati dei principali indicatori tecnici del ramo R.C. Auto (e della relativa gestione della convenzione per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale

Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale Presentazione del Rapporto di Ricerca Dott.ssa Valentina Albano, Ph.D. valentina.albano@uniroma3.it Bologna, 22 Ottobre 2014 Osservatorio sperimentale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Roma, 21 settembre 2015

Roma, 21 settembre 2015 Roma, 21 settembre 2015 CREDITO, SVIMEZ: CONFIDI AL SUD TROPPO PICCOLI E POVERI, EROGANO IL 25% RISPETTO A QUELLI DEL CENTRO-NORD La SVIMEZ: Servono interventi organici nell ambito del credito e dei Confidi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio 1.1.1 I contrasti

Dettagli

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni Indagine condotta per: 12 Novembre 2010 Obiettivi dell indagine L'Italia è un Paese in cui

Dettagli

DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA

DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA Divisione Antifrode Assicurativa DAA L agenzia è in grado di offrire servizi e soluzioni professionali e qualificate nel campo dell'antifrode assicurativa. Accertamenti

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Gli incentivi alle imprese per l innovazione

Gli incentivi alle imprese per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Gli incentivi alle imprese per l innovazione Raffaello Bronzini Banca d Italia DPS Invitalia - Incontro su: Il ruolo degli strumenti nelle smart specializzation strategy

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei VOL. 1, N. 1 GENNAIO Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei Introduzione Il sistema di sorveglianza

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli