EU Concerted Action - GIFT. Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte. Caratteri funzionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EU Concerted Action - GIFT. Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte. Caratteri funzionali"

Transcript

1 Verona 10 Febbraio 006 Indici e obiettivo di fertilità nel moderno allevamento di bovini da latte Alessandro Bagnato Dipartimento Veterinaria per la Sicurezza Alimentare Università degli Studi di Milano EU Concerted Action - GIFT Genetic Improvement of Functional Traits (GIFT) Collaborazione tra istituti di ricerca e organizzazioni deputate al miglioramento genetico per incrementare lo sviluppo delle strategie di selezione per il miglioramento genetico dei caratteri funzionali Obiettivi di selezione Procedure di registrazione del dato e valutazione genetica dei riproduttori Selezione dei riproduttori e schemi di selezione ICAR working Group (000 - ) raccomandazioni per il gruppo dei caratteri funzionali Caratteri funzionali Caratteristiche di un animale che accrescono la sua efficienza non per una maggiore produzione (output) ma per una riduzione dei costi di input Problemi sanitari - Fertilità - Workability Efficienza - Longevità Nel 00 al 7th WCGALP Sessioni speciali inclusione di caratteri di fertilità e sanitari negli indici genetici Gruppo dei caratteri funzionali Facilità al parto (FP) FP diretta FP Indiretta or materna Sanità della mammella Clinica e subclinica Problemi ad arti e Clinici e subclinici piedi Fertilità Calori regolari e visibili Concepimento Workability Mungibilità (flusso di rilascio e velocità) Temperamento Efficienza alimentare Peso corporeo Capacità di ingestione Longevità funzionale Lunghezza della vita produttiva corretta per il livello produttivo Perché interesse verso i caratteri funzionali Cause di eliminazione Frisona Italiana - una piccola indagine Incremento di produzione % Tasso di Concepimento Indice KG di Latte Anno di Nascita dismetabolie problemi riproduttivi problemi sanitari In altre specie (avicoli suini) maggiori effetti secondari indesiderati riproduttivi 36,39% altre 3,91% vecchiaia 4,43% parto 9,7% app. mammario,8% arti e piedi 8,40% patologie 1,61% decedute in allevamento 3,97% produttivi 9,31% 1

2 Problemi riproduttivi Categoria N capi % relativa % sul totale Cisti ovariche 46 8,3,99 Non conc.fino a ,74,73 Non conc. Più di ,66 17,71 Utero atrofico 34 6,08,1 Ovaio grasso 8 1,43 0, D.G.negativa 4 7,1,73 Lesioni vulva parto 3 4,11 1,0 Metrite 3 0,4 0,0 Non rec.cesareo 3 0,4 0,0 Paresi post partum 40 7,16,60 Totale 9 100,00 36,39 Più latte meno calori (Lopez, Setter, Wiltbank Università del Wisconsin maggio 004) I caratteri di fertilità Misure di successo dell inseminazione Tasso di concepimento (di non ritorno) Numero di inseminazioni Misure di intervallo Parto prima inseminazione Intervallo tra inseminazioni Misure composite Intervallo parto concepimento Interparto Parto 1 int. fec. + N. inseminazioni Intervallo tra i parti (giorni) La Frisona Italiana Trend fenotipici intervallo tra i parti e tasso di concepimento Interparto Tasso di concepimento anno di nascita Concepimento al 1 servizio (%) La fertilità diminuisce. La rimonta aumenta.. Numero Lattazioni Anno Numero lattazioni Produzione media Bollettino CF AIA, Produzione Media

3 Reddito + - La rimonta e i suoi costi Costo prod manza 1300/1400 Perdita Frisona =.3/.8 parti Profitto Circa 10 / 180 q latte 1.8 /, lattazioni ETA DELL ANIMALE Frequenza (%) Frequency (%) Più di una visita alla prima inseminazione More inspections at first insemination Una sola visita alla prima inseminazione One inspection at first insemination Intervallo parto prima inseminazione (giorni) Calving to first insemination interval (days) >10 La selezione cambia gli animali La selezione in Italia Dal 1990 ad oggi Frisona Italiana ILQM / PFT Materia Utile, Morfologia, Mammella, arti e piedi, Cellule Somatiche, longevità funzionale Razza Bruna ITE / Nuovo ITE Materia Utile, longevità funzionale, mungibilità, cellule somatiche, punteggio finale, forza delle pastoie Genotipo k-caseina per I tori In letteratura Evidenza di antagonismo tra produzioni elevate e fertilità Valutazione fenotipica della relazione tra fertilità e produzione Valutazione fenotipica della relazione tra fertilità e produzione % / N Latte CNRT1 NIC M-CNRT1 M-NIC Giorni / Sett Latte PC (sett) PP1 (gg) II (gg) M-PC (sett) M-PP1 (gg) M-II (gg) (Da Bagnato e Oltenacu 1994) (Da Bagnato e Oltenacu 1994) 3

4 Valutazione fenotipica della relazione tra fertilità e produzione Relazione antagonista tra fertilità e produzione Miglior gestione (dimensione / livello produttivo di allevamento) riduce l effetto negativo della produzione sulla fertilità Il grado di riduzione dell effetto negativo diminuisce al crescere della produttività Ipotesi per antagonismo Evidenza di correlazioni genetiche a causa di: Pleiotropia gli stessi geni influenzano produzione di latte e fertilità Linkage alleli per geni che influenzano caratteri differenti sono legati a livello di DNA (Falconer and Mackay 1996) Pleiotropia - ipotesi Geni che influenzano secrezione del latte nella mammella influenzano la fertilità Effetto diretto dell alta produzione Bilancio energetico negativo l ingestione di alimento non compensa le necessità energetiche ==>> estri comportamento ridotto (Stevenson 001) Geni con effetto diretto sulla fetilità che influenzano la produzione in modo secondario vacche che concepiscono in lattazione avanzata (Olori e coll 1997) Parametri genetici Frisona Italiana - primo parto PC PPI CNRT1 NIC LK PC.03 (7.6) PPI.9.03 (6.) CNRT (6.6) NIC (.4).97 LK (7.3) Ereditabilità (CV A ) - Corr. fenotipica. - Corr. Genetica PC = Parto Concepimento PP1 = Intervallo parto prima inseminazione CNRT1 = Tasso di concepimento alla prima inseminazione NIC = Numero di inseminazioni per concepimento LK = Produzione di latte (Da Bagnato e Oltenacu 1993) Parametri genetici Frisona Italiana Ordine di parto PC PPI CNRT NIC LK (Da Bagnato e Oltenacu 1994) Correlazioni genetiche antagoniste tra produzione di latte e caratteri di fertilità Variabilità genetica dei caratteri di fertilità comparabile a quella della produzione di latte Parametri genetici Fenotipo = Genetica + Ambiente σ T σ G σ A Correlazioni genetiche antagoniste tra produzione di latte e caratteri di fertilità Variabilità genetica dei caratteri di fertilità comparabile a quella della produzione di latte 4

5 Definizione economica degli obiettivi di selezione Sviluppare animali vitali che assicurino il maggior profitto possibile in future condizioni commerciali di produzione L indice di selezione Selezione per produttività economica Aumento ricavi (es. vendita latte) Diminuzione costi (es. aumento fertilità) La produttività economica è differente dal progresso genetico che si ottiene per i singoli caratteri Obiettivo di selezione per caratteri Obiettivo di selezione economico Valore economico della fertilità Costo fertilità non lineare Migliora il tasso di concepimento minori inseminazioni intervallo di parto più corto longevità migliorata Guadagni calcolati per allevamenti che differiscono SOLO nel tasso nel tasso concepimento Risultato: aumento del reddito nella misura di EURO per %. (Da Soelkner e coll. 1999) Indice Merito Totale nella Simmental Austriaca Indici di selezione nel mondo Indice Merito Totale 100 % Valore del latte 37 % Valore della carne 18 % Valore funzionale 4 % Produzione di Grasso 18 % Produzione di Proteine 19 % incremento giornaliero 8 % Resa alla macellazione 7 % Punteggio EUROP 3 % Longevità 1 % Fertilità 10 % Cellule somatiche 10 % Facilità al parto % Nati morti 6 % Persistenza % (Da Soelkner e coll. 1999)

6 Fertilità e Selezione in diversi paesi Paese Carattere Fertilità h USA tasso di gravidanza 0,04 Francia tasso di concepimento 0,0 Svizzera tasso di non ritorno a 6 d 0,01 intervallo parto-1 inseminazione 0,04 Norvegia tasso di non ritorno a 6 d 0,01 Olanda tasso di non ritorno a 6 d 0,0 intervallo parto-1 inseminazione 0,06 Israele % di concepimento 0,03 Irlanda intervallo tra i parti 0,04 Finlandia parto-concepimento 0,0 Danimarca tasso di non ritorno a 6 d 0,01 intervallo parto-1 inseminazione 0,07 intervallo 1 -ultima inseminazione 0,0 Germania tasso di non ritorno a 90 d 0,0 Austria Svezia n inseminazioni 0,03 intervallo parto-1 inseminazione 0,04 Inghilterra intervallo tra i parti 0,0 n servizi per concepimento 0,03 tasso di non ritorno a 6 d 0,0 Frisona Italiana Indice Fertilità Tasso di concepimento alla prima inseminazione Misure di fertilità dirette Interparto Parto prima inseminazione Tasso di non ritorno a 6 gg Caratteri correlati Angolosità Considerare il bilancio energetico negativo (BCS) EVM Latte Considerare la riforma volontaria Frisona Italiana Caratteri nell'indice e loro importanza relativaparto 16% - 1a ins Frisona Italiana Intervallo Indice di fertilità partitra i % Angolosità 7% 9% non 17% ritorno g % EVM latte % Parto Intervallo Tasso Indice QUANTO non -1ainseminazione di FertilitàMedia Concepimento ritorno tra VALE i parti 1 DS 100, DS (giorni) (toro con (%) indice = (giorni) + 10),67% 0,68% - -8? Sviluppo dell Indice: Espressione e scala dell indice 1ma uscita x fertilità 9 Febbraio 006 EBV per Fertilità EBV per Longevità 6

7 VALUTAZIONE DEL BCS (Body Condition Score) - 30±10 gg + 40±1 gg BODY CONDITION SCORE 1 BCS: metodo di stima dello stato di ingrassamento della vacca da latte basato sull analisi visiva del tessuto adiposo sottocutaneo. Sistema rapido, economico e di facile applicazione routinaria BCS ASCIUTTA PARTO BCS INIZIO LATTAZIONE Punteggio variabile da 1 (animali magri) a (animali grassi) con sottoclassi di 0, Il BCS è dinamico un carattere BODY CONDITION SCORE BCS e produzione di latte FERTILITA e BCS BCS, punti LATTE (/d) al parto Mese di lattazione Quale possibile miglioramento? Nel futuro Selezione assistita da marcatori particolarmente efficiente per i caratteri a bassa ereditabilità IP = ( )/ = EBV=00 EBV=1000 EBV=100 + : - : + : - : + : + : + : + : Quale possibile miglioramento? Rilevamento del dato fenotipico Informazione ESSENZIALE! Caratteri oggi non registrati es primo calore, trattamenti veterinari, cause di eliminazione Caratteri di fertilità bassa ereditabilità Porsi degli obiettivi A breve termine Agire attraverso una accurata gestione aziendale 7

8 Quale possibile miglioramento? A medio lungo termine miglioramento genetico PERMANENTE CUMULABILE DISPERSO NELLA POPOLAZIONE Quali caratteri Intervallo prima inseminazione Tasso di concepimento alla prima inseminazione (NNR6) BCS (Selezione indiretta) Grazie dell attenzione Ringraziamenti Stefano Biffani (ANAFI) Martino Cassandro (UNIPD 8

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A.

P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. S W Strenghts (Punti di forza): ciò che l azienda è capace di fare bene Weaknesses (Punti di debolezza): ciò che l azienda non è capace di fare bene

Dettagli

Le lattazioni lunghe e le implicazioni per il miglioramento genetico

Le lattazioni lunghe e le implicazioni per il miglioramento genetico Le lattazioni lunghe e le implicazioni per il miglioramento genetico Nicolò P.P. Macciotta 1, Marcello Mele 2, Roberto Steri 1, Pier Lorenzo Secchiari 2 Dipartimento di Scienze Zootecniche, Università

Dettagli

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag.

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. CINICINNATO: 1. Hardware e software Pag. 2 2. Sviluppo tecnico Pag. 2 3. Struttura del programma Pag. 2 4. Menù principale Pag. 3 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. 3 6. Statistiche tecniche

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Il 15 dicembre scorso l ARAV in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Animali dell Università di Padova, ha

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che nessun'altra razza bufalina riesce ad avere. Per questo motivo

Dettagli

Due elementi chiavi per il successo finanziario

Due elementi chiavi per il successo finanziario Due elementi chiavi per il successo finanziario Litri di Latte Venduti Il latte marginale venduto ogni giorno supera il latte marginale per vacca Salute della Mandria Top 10 (11) priorità per un allevamento

Dettagli

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI Il miglioramento genetico degli animali di interesse zootecnico è basato sulla scelta dei riproduttori. La valutazione dei riproduttori si può distinguere

Dettagli

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 GIORNATA BUIATRICA CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 INTEGRAZIONE CON OMEGA-3 NELLE RAZIONI DI BOVINE DA LATTE Trend fertilità US Holstein

Dettagli

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti Alfonso Zecconi Whittlestone 1958 A questo stadio dello sviluppo dell industria la2ero- casearia, due sono le cose più importan8: 1. Migliorare

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Relazioni tra la morfologia dell apparato mammario e le infezioni mastitiche

Relazioni tra la morfologia dell apparato mammario e le infezioni mastitiche Relazioni tra la morfologia dell apparato mammario e le infezioni mastitiche Sara Casu Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali DIRPA AGRIS Sardegna Sistema di valuatione lineare in uso nella

Dettagli

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 In collaborazione con: La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 Andrea Galli Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie (FLC, Lodi) Consiglio per la Ricerca

Dettagli

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti Fasi essenziali di un programma di selezione intrarazza 1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione 3.Registrazione fenotipi e parentele 4.Valutazioni genetiche 5.Programmazione

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

!! " # $$%& ' & & && " +,$-./0 1$23" 4&1%53" & &6& &!+$$%9,./0 & + 193" # 4 + & 15,3" &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 +

!!  # $$%& ' & & &&  +,$-./0 1$23 4&1%53 & &6& &!+$$%9,./0 & + 193 # 4 + & 15,3 &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 + " ' $$( ' ",$-./0 1$23" 41%53" 6 1,%3"'78583" 9,./0 1993" 193" 4 $ 75-3" 7,53"47-(3" 15,3" %53 8$,$$$2($$$ % 523 89, 8(9 ; =>1 78(93" 723" ' ',83%5$$$2%/ %? 88,$$$ 2($$$ ( @9%/8$$0" $$5/$$, $$( > $$5/$,

Dettagli

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione

Lesioni podali e pavimento delle corsie di stabulazione Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali Bagnolo in Piano, 20 maggio 2009 Loris De Vecchis, veterinario

Dettagli

La selezione delle razze del suino pesante

La selezione delle razze del suino pesante Mantova, 22 maggio 2009 La selezione delle razze del suino pesante Luca Buttazzoni & Maurizio Gallo Il Libro genealogico ha scelto di orientare i propri schemi di miglioramento genetico alla qualità delle

Dettagli

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Alessio Cecchinato Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti Risorse Naturali e Ambiente - DAFNAE Università di Padova Bufala Mediterranea

Dettagli

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma

Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma COLLABORAZIONE SATA ANALISI DEI COSTI E DEI VANTAGGI ECONOMICI E PRODUTTIVI Sostenibilità economica dei pavimenti in gomma di Alessandro Gastaldo, Marzia Borciani, Marisanna Speroni Le malattie podali

Dettagli

Bovini d Allevamento dall Austria

Bovini d Allevamento dall Austria RINDERZUCHT AUSTRIA Bovini d Allevamento dall Austria ZAR - Associazione nazionale allevatori bovini austriaci Grazie alle condizioni naturali di produ zione l industria zootecnica austriaca vanta una

Dettagli

Allevamento del Bufalo

Allevamento del Bufalo Allevamento del Bufalo Dott. Francesco Vacirca Cenni storici Incremento numerico in Italia (Zicarelli 2001) 1948 12.000 capi 2001 200.000 capi (1700 % ) Secondo al mondo dopo il Brasile (1900 %) Animale

Dettagli

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea Nazione Italia Francia Grecia Israele Portogallo Spagna Tunisia n. pecore 6.104.900 1.235.000

Dettagli

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$

',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ ',6&,3/,1$5(9$/87$=,21,*(1(7,&+(3(5/$352'8=,21(',&$51( 3(5)250$1&(7(6768//$5$==$%29,1$5(1'(1$ VALUTAZIONE GENETICA IN STAZIONE PER LA PRODUZIONE DI CARNE ART. 1 Come previsto dalle Norme Tecniche, la Rendena

Dettagli

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione DOSSIER / LE GRANDI TENDENZE La solidità economica delle aziende zootecniche è un obiettivo possibile. Ma per raggiungerlo non è sufficiente far crescere le performance produttive delle bovine: si devono

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

La Pezzata Rossa nel mondo

La Pezzata Rossa nel mondo La Pezzata Rossa nel mondo La P.R.I. appartiene al gruppo di razze che fanno riferimento alla popolazione Simmental, numericamente una fra le più importanti nel mondo; diverse stime indicano che la consistenza

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

d i s u c c e s s o i n t u t t o i l m o n d o Svizzera. Naturalmente.

d i s u c c e s s o i n t u t t o i l m o n d o Svizzera. Naturalmente. Schweiz Switzerland Suisse Svizzera Suiza Svizra Швейцарская Genetica svizzera di successo in tutto il mondo Svizzera. Naturalmente. vedere innamorarsi comprare profittare! 2 Genetica svizzera di successo

Dettagli

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana

Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Modenese:Layout 9-07-00 6: Pagina Razza Modenese Bianca Val Padana Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Tradizione Caratteristiche degli animali Produzione di Parmigiano

Dettagli

Embrio transfer per una fertilità migliore

Embrio transfer per una fertilità migliore TECNICA Embrio transfer per una fertilità migliore Le bovine moderne, a causa delle grandi quantità di latte prodotte, sono molto sensibili alle temperature elevate, che inducono un innalzamento di quella

Dettagli

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance

Dettagli

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie Le produzione zootecniche: LA CARNE Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina Comprende tessuto muscolare, adiposo, osseo cartilagineo e con nettivale

Dettagli

Guida BrunaNet. Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.

Guida BrunaNet. Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh. Guida BrunaNet Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.ch Indice Generalità... 3 Iscrizione... 3 Il mio conto... 3 Ultime pagine

Dettagli

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Andrea Rosati European Ambiente Socio Economico La popolazione mondiale raggiungerà 9,2 miliardi nel 2050 La produzione di cibo dovrà

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone. Valorizzazione dei Controlli Funzionali

Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone. Valorizzazione dei Controlli Funzionali 13 Meeting AIA LSL Roma 4 dicembre 2013 BHB e acetone nelle analisi individuali dei CCFF: valutazioni preliminari del rischio di chetosi Dott.ssa Nicoletta Rizzi - Responsabile laboratorio Diego Vairani

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori

Associazione Italiana Allevatori Pag.I Sommario Generalità...1 Descrizione del Progetto PUMA...1 Suddivisione del Progetto PUMA in Moduli...1 PUMA Net...2 Prerequisiti per l accesso al sistema PUMA...3 Accesso al sistema...6 Primo collegamento...7

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis

Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis È la tecnica che consente di incrementare il livello delle performance delle nuove generazioni rispetto alla generazione

Dettagli

LE FRONTIERE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN ZOOTECNIA TRA GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI, TRACCIABILITÁ E SICUREZZA ALIMENTARE DEI PRODOTTI ANIMALI

LE FRONTIERE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN ZOOTECNIA TRA GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI, TRACCIABILITÁ E SICUREZZA ALIMENTARE DEI PRODOTTI ANIMALI LE FRONTIERE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN ZOOTECNIA TRA GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI, TRACCIABILITÁ E SICUREZZA ALIMENTARE DEI PRODOTTI ANIMALI Massimo LAZZARI Dip. di Scienze e Tecnologie Veterinarie per

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA CAPITOLO I Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE La selezione dei bovini della razza Grigio Alpina ha lo scopo di produrre soggetti precoci

Dettagli

Guida al giornale dei trattamenti / registrazione dei dati sulla salute

Guida al giornale dei trattamenti / registrazione dei dati sulla salute Guida al giornale dei trattamenti / registrazione dei dati sulla salute Braunvieh Schweiz Chamerstrasse 56 6300 Zugo Tel. 041 729 33 11 Fax 041 729 33 77 info@braunvieh.ch www.braunvieh.ch L ordinanza

Dettagli

Fertilità Tutta la complessità del rilevamento dei calori

Fertilità Tutta la complessità del rilevamento dei calori I metodi di rilevazione dei calori delle bovine? Sono fondamentalmente di tre tipi: quelli visivi, quelli assistiti e le sincronizzazioni. Ma sono molto diffuse anche le forme miste Fertilità Tutta la

Dettagli

ANNO N AZIENDE N VACCHE KG LATTE % GRS KG GRS % PRT KG PRT

ANNO N AZIENDE N VACCHE KG LATTE % GRS KG GRS % PRT KG PRT 1 L esordio della razza Jersey in numeri signifi cativi negli allevamenti italiani è relativamente recente. Inizia sul fi nire degli anni ottanta, con l importazione di manze gravide principalmente dalla

Dettagli

CTC 18 Dicembre 2014 A.I.A.

CTC 18 Dicembre 2014 A.I.A. CTC 18 Dicembre 2014 A.I.A. Valutazione del Benessere Animale Struttura aziendale Condizioni di stabulazione Valutazione del Benessere Animale Stato si salute degli animali Conduzione aziendale Valutazione

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

LA SELEZIONE GENOMICA NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS

LA SELEZIONE GENOMICA NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS Associazione Italiana Allevatori LA SELEZIONE GENOMICA IMMAGINE NELLE RAZZE DA CARNE: WORK IN PROGRESS RICCARDO NEGRINI riccardo.negrini@unicatt.it negrini.r@aia.it Trend del mercato della carne nei Paesi

Dettagli

La selezione in Italia è strutturata su 2 livelli:

La selezione in Italia è strutturata su 2 livelli: La selezione in Italia è strutturata su 2 livelli: 1 ASSOCIAZIONI DI RAZZA O SPECIE: es.: ANAFI razza bovina Frisona italiana ANARB razza bovina Bruna italiana ANABIC bovini italiani da carne ANAPRI razza

Dettagli

BODY CONDITION SCORING

BODY CONDITION SCORING BODY CONDITION SCORING IN LAMA E ALPACA di Giulia Frezzato Introduzione Il controllo del peso in alpaca e lama è una pratica basilare per tenere monitorati stato clinico e nutrizionale degli animali. In

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO SIPAS CREMONA 18-4-2008 Gestione dell allevamento ed efficienza riproduttiva

GIORNATA DI STUDIO SIPAS CREMONA 18-4-2008 Gestione dell allevamento ed efficienza riproduttiva GIORNATA DI STUDIO SIPAS CREMONA 18-4-2008 Gestione dell allevamento ed efficienza riproduttiva Ecco un breve sintesi delle interessanti relazioni presentate nella giornata. Relazione 1 - Fabrizio Conte

Dettagli

L importanza dell Assistenza Tecnica Specialistica. per le aziende zootecniche del Veneto.

L importanza dell Assistenza Tecnica Specialistica. per le aziende zootecniche del Veneto. Paolo Paparella APA Padova L importanza dell Assistenza Tecnica Specialistica per le aziende zootecniche del Veneto. Tasso di sopravvivenza delle aziende zootecniche del Veneto: risultati produttivi e

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Origine embrionale dell infertilità bovina Lodi 07-06-06

Origine embrionale dell infertilità bovina Lodi 07-06-06 Origine embrionale dell infertilità bovina Lodi 07-06-06 Galli C, Colleoni S, Duchi R, Crotti G, Turini P, Aleandri R, Lazzari G Laboratorio di Tecnologie della Riproduzione, CIZ srl, Istituto Sperimentale

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO

IL MIGLIORAMENTO GENETICO 444 SAFE scuola di scienze agrarie, forestali, alimentari ed ambientali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Corso Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) IL MIGLIORAMENTO GENETICO Relatore: Prof. Carlo

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

PROFESSIONE ALLEVATORE. Produrre latte al minimo costo Il futuro è ibrido? L esperienza olandese CROSSBREEDING QUINDICINALE DELL ALLEVATORE DI BOVINI

PROFESSIONE ALLEVATORE. Produrre latte al minimo costo Il futuro è ibrido? L esperienza olandese CROSSBREEDING QUINDICINALE DELL ALLEVATORE DI BOVINI www.pointvet.it PROFESSIONE Estratto da NUMERO 6 1/15 APRILE 2014 Anno 31 ALLEVATORE QUINDICINALE DELL ALLEVATORE DI BOVINI CROSSBREEDING L esperienza olandese ALLA RICERCA DELLA REDDITIVITÀ Produrre latte

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Principi di Statistica

Principi di Statistica I II Premessa Il presente opuscolo è stato redatto con lo scopo di fornire al lettore i rudimenti base di discipline diverse quali statistica, genetica, miglioramento genetico e valutazione morfologica

Dettagli

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA Cenni storici La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna che giunse in Italia nel anno 500 d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Inizialmente nelle

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Programma d'esame CLASSE 74/A - ZOOTECNIA E SCIENZA DELLA PRODUZIONE ANIMALE Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 74/A - ZOOTECNIA

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE Il miglioramento genetico delle produzioni animali, realizzato sino ad ora, è frutto dell elaborazione elaborazione e applicazioni della teoria

Dettagli

Alimentazione del suino

Alimentazione del suino Alimentazione del suino Corretto razionamento fabbisogni degli animali Momento fisiologico Sesso Clima Tipo di suino (leggero o pesante) Quantità e modalità di distribuzione degli alimenti Tipo genetico

Dettagli

REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014

REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014 REGOLAMENTO ASTA Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12.12.2014 A) PREMESSE AMMISSIONI DISPOSIZIONI GENERALI 1) Sono ammessi all'asta i capi di proprietà dei soci in possesso di

Dettagli

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI 12 MEETING DEI RESPONSABILI E DEI TECNICI DI LABORATORIO DEL SETTORE LATTIERO CASEARIO 6-7

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia Incontro tecnico ASSEMBLEA GENERALE ASPROCARNE Tendenze attuali e prospettive della nel mondo e in Italia Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio Emilia Mercoledì 24 giugno 2015 Fossano Centro Ricerche

Dettagli

DeLaval Optimat II Risparmia il tuo tempo e riduci i costi

DeLaval Optimat II Risparmia il tuo tempo e riduci i costi Risparmia il tuo tempo e riduci i costi Alimento sempre fresco Mangiatoia invitante Risparmio di energia lavoro e costi veterinari Longevità della mandria Alta produttività ph stabile Riduzione del tempo

Dettagli

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO.

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. SIET 24 Convegno annuale Abano Terme 3-10 - 2015 UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. Marcello Lora L ALLEVAMENTO DEL

Dettagli

Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime. www.deatechsrl.

Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime. www.deatechsrl. Nuovo approccio alla gestione TECNICO-ECONOMICO-COMMERCIALE dell allevamento del suino destinato agli autoproduttori di mangime Contesto Il rispetto dei fabbisogni e degli equilibri nutrizionali in gestazione

Dettagli

RELAZIONE DEL PROGRAMMA DAIRY PLAN C21

RELAZIONE DEL PROGRAMMA DAIRY PLAN C21 Bertoli Andrea Matr: 790934 RELAZIONE DEL PROGRAMMA DAIRY PLAN C21 Supporti avanzati per la gestione dell allevamento (SUPAG) 1 INTRODUZIONE Tutti i settori della zootecnia italiana, in particolar modo

Dettagli

GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE

GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE SOCIETÀ ITALIANA DI BUIATRIA ORDINE MEDICI VETERINARI IZS VENEZIE GIORNATA BUIATRICA SULLA GESTIONE SANITARIA NEGLI ALLEVAMENTI BOVINI DA CARNE Situazione e prospettive dell allevamento bovino da carne

Dettagli

Osservazione retrospettiva e analisi dei dati raccolti in due allevamenti bovini

Osservazione retrospettiva e analisi dei dati raccolti in due allevamenti bovini Osservazione retrospettiva e analisi dei dati raccolti in due allevamenti bovini Osservazione retrospettiva e analisi dei dati raccolti in due allevamenti bovini situati nella zona del parmigiano reggiano

Dettagli

DAFNAE. Aspetti Genetici. M. Cassandro e M. Mele. UniverSity OF PADOVA. martino.cassandro@unipd.it

DAFNAE. Aspetti Genetici. M. Cassandro e M. Mele. UniverSity OF PADOVA. martino.cassandro@unipd.it 1 Aspetti Genetici M. Cassandro e M. Mele martino.cassandro@unipd.it Fiera di Verona, Febbraio 3, 2012 ASPA Commissione Animal Footprint UniverSity OF PADOVA DAFNAE 2 Premessa - Opinioni e considerazioni

Dettagli

La bovina da latte oggi in Italia

La bovina da latte oggi in Italia PER UNA BUIATRIA ADEGUATA AI TEMPI Riflessioni e proposte Allevamento bovino e buiatria dalla fondazione della SIB ad oggi - La bovina da latte oggi in Italia Il rapido e preoccupante declino della fertilità

Dettagli

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico

ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico ZOOTECNIA Allevamento del bovino piemontese Tecnica del piatto unico p Tipologie del mercato bovino Allevamento suino Mangimi prestarter Benessere nell'allevamento suino Piatto unico: ph ruminale Caratteristiche

Dettagli

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Convegno Regionale A.D.I. Dall alimento al nutriente: dal pesce agli Omega 3 Vicenza, 17 dicembre 2011 Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Lucia Bailoni Dipartimento di Scienze Animali

Dettagli

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Progetto ALAPAS Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Obiettivi del progetto Supportare e attuare la normativa europea sull agricoltura biologica Identificare e caratterizzare

Dettagli

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Indagine 2006 Redazione a cura della Direzione Mercati e risk management Executive Summary L analisi dei costi di produzione del

Dettagli

BOLLETTINO DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITA DEL LATTE

BOLLETTINO DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITA DEL LATTE PUNTO 3 Odg BOLLETTINO DEI CONTROLLI DELLA PRODUTTIVITA DEL LATTE l Attività istituzionale dell Associazione Italiana Allevatori, svolta per incarico del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali

Dettagli

Costi di produzione, prezzo del latte

Costi di produzione, prezzo del latte ASSEMBLEA APROLAV (TREVISO) 21 MAGGIO 2014 Costi di produzione, prezzo del latte Alberto Menghi (a.menghi@crpa.it) Centro Ricerche Produzioni Animali Desideria Scilla A.Pro.La.V. Le domande Il prezzo del

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Rossa. n.4-2008 Tempi di vacche magre? No grazie... Scelgo Pezzata Rossa. Anno xviii - n.4-4 TrimestRe 2008 Sped. in A.P. - 70% - DCI - Udine I.P.

Rossa. n.4-2008 Tempi di vacche magre? No grazie... Scelgo Pezzata Rossa. Anno xviii - n.4-4 TrimestRe 2008 Sped. in A.P. - 70% - DCI - Udine I.P. Pezzata Anno xviii - n.4-4 TrimestRe 2008 Sped. in A.P. - 70% - DCI - Udine I.P. Rossa n.4-2008 Tempi di vacche magre? No grazie... Scelgo Pezzata Rossa Associazione Nazionale Allevatori Pezzata Rossa

Dettagli

RISULTATI AL SECONDO ANNO DI ATTIVITA

RISULTATI AL SECONDO ANNO DI ATTIVITA STUDIO DELL EFFICIENZA PRODUTTIVA E RIPRODUTTIVA DELLE VACCHE DA CARNE DI RAZZA MARCHIGIANA E STIMA DEL SUO VALORE ECONOMICO RISULTATI AL SECONDO ANNO DI ATTIVITA Progetto Studio dell efficienza produttiva

Dettagli

Dalle ditte Le offerte di otto imprese del settore

Dalle ditte Le offerte di otto imprese del settore Brevi flash non esaustivi, solo a titolo d esempio, di quanto può esser proposto oggi agli allevatori di bovine da latte Dalle ditte Le offerte di otto imprese del settore LE OTTO DITTE CHE HANNO COLLABORATO

Dettagli

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE)

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) Allegato A. 3 Scheda III Indagine epidemiologica focolaio ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA ALLEVAMENTO COMUNE. Pagina 1 di 16 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

Current state concerning application of Genomic selection in PEZZATA ROSSA ITALIANA

Current state concerning application of Genomic selection in PEZZATA ROSSA ITALIANA Council Meeting of the ESF Friday, September 21, 2012 Lindner Hotel Kaiserhof, Landshut, Germany Current state concerning application of Genomic selection in PEZZATA ROSSA ITALIANA Dr. D.Vicario ANAPRI

Dettagli