Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo"

Transcript

1 Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo Il sistema SCIARE: Sistema per la Composizione di Indicatori di Attività REgionale Razionale: per poter sintetizzare in una sola misura più indicatori è innanzitutto necessario che questi siano trasformati in un unica unità di misura che qui è considerata come valore dell indicatore, convenzionalmente definito tra zero (valore nullo) e 100 (valore massimo). La trasformazione dell indicatore nel suo valore può avvenire mediante differenti funzioni di trasformazione. I valori di più indicatori devono poi essere sintetizzati calcolandone la media ponderata dopo aver definito i relativi pesi che rappresentano la rilevanza del contributo dell indicatore nella misura di una determinata dimensione. Quando si sono ottenute con questo procedimento le misure di tutte le dimensioni desiderate, queste saranno a loro volta sintetizzate mediante una media ponderata dei loro valori che può essere rappresentata nel grafico finale in cui il diametro di ciascun palloncino rappresenta, per ogni unità analizzata, il valore di ciascuna dimensione mentre la lunghezza della funicella è funzione del peso attribuito a ciascuna dimensione. Gli ultimi palloncini più in alto di una stessa unità rappresentano la misura sintetizzata dei valori di tutti gli indicatori considerati. Questo è il flow dell elaborazione consentita da questo sistema: - 1 -

2 Schema degli steps per l utilizzo di SCIARE 1: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo 2: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC 3: Apertura della procedura Sciare e caricamento di un data set di indicatori in formato.csv precedentemente predisposto 4: Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione 5: Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 6: Scelta di un primo indicatore, sua trasformazione nei valori (da o a 100) e attribuzione del pesi proporzionale che deve avere nella dimensione 7: Scelta dei successivi indicatori, loro trasformazione nei valori (da o a 100) e attribuzione dei pesi proporzionali che devono avere nella stessa dimensione 8: Definizione di una seconda dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 9: Definizione della penultima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 10: Definizione dell ultima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 11: Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni 12: Visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) 13: Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) 14: Salvataggio dell elaborazione effettuata sul proprio PC 15: Archiviazione/esportazione dell elaborazione per successive rielaborazioni - 2 -

3 Indice 1. Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo : Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC : Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione : Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori : Definizione di un secondo indicatore all interno della dimensione selezionata : Assegnazione dei pesi agli indicatori all interno della dimensione selezionata e definizione dell indicatore sintetico di dimensione : Definizione di una seconda, terza, ( ) dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori : Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni e visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) : Interpretazione del grafico finale : Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) : Salvataggio/Archiviazione/esportazione dell elaborazione sul proprio pc per eventuali successive rielaborazioni Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo Nella pagina iniziale si clicca sulla finestra Carica un nuovo dataset. Su sfoglia si sceglie il dataset presente su pc che si desidera caricare nel sistema per poter essere elaborato. E necessario che il file sia in formato.csv

4 E possibile introdurre una descrizione relativa ai dati che si stanno caricando. I passi necessari sono indicati nella figura seguente (fig. 1) Fig.1 Carica un nuovo dataset Infine cliccando su carica dataset, l operazione di caricamento risulterà completata con la seguente schermata (fig. 1b.). Fig.1b. Caricamento nuovo dataset completato Da qui è possibile procedere alla definizione di indicatori e dimensioni come definito nel paragrafo 4 e 5. In alternativa, è possibile elaborare dataset standard messi a disposizione sull area archivio dataset predefiniti (fig.1.c)

5 Fig.1.c Dataset predefiniti Questa area oltre a contenere dataset predefiniti, contiene anche elaborazioni standard effettuate dall amministratore. Tali elaborazioni sono visualizzabili cliccando semplicemente sul nome del dataset e possono essere modificate in qualsiasi modo dall utente, tuttavia tali modifiche non saranno salvate nel dataset predefinito messo a disposizione online ma potranno in alternativa essere salvate sul proprio pc come mostrato nel paragrafo 8. 2: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC E possibile caricare una elaborazione già effettuata che sia completa, per visualizzare i risultati e/o i procedimenti sviluppati, o che sia parziale per continuare le elaborazioni

6 Cliccando sulla finestra carica una elaborazione è possibile ricaricare un file.json relativo ad una elaborazione già effettuata ( completa o parziale) e salvata sul proprio pc. Fig. 2 Caricare una elaborazione precedentemente salvata su pc Caricando l elaborazione si ottiene il dettaglio delle dimensioni precedentemente definite e degli indicatori inseriti come mostrato nella fig.2b. A partire da questa finestra è possibile procedere apportando eventuali modifiche a dimensioni o indicatori. Fig. 2b Dettaglio elaborazioni già effettuate su un file ricaricato - 6 -

7 3: Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione La modifica di una elaborazione si differenzia dall effettuazione di una nuova elaborazione solamente per quanto riguarda il primo passo descritto nei paragrafi 1. e 2. ovvero se si carica un nuovo file di dati o se si parte da una elaborazione già effettuata. Nel primo caso, caricato il file di dati - come mostrato nel paragrafo 1 -, sarà necessario definire ciascuna dimensioni e selezionare, per ciascuna, un sottoinsieme di indicatori per cui definire delle funzioni di valore e assegnare dei pesi al fine di determinare un indicatore sintetico di dimensione. Nel secondo caso, ovvero qualora si carichi un file già elaborato - come mostrato nel paragrafo 2 -, sarà possibile modificare le dimensioni, indicatori e pesi impostati precedentemente. Ma vediamo nel dettaglio, nel prossimo paragrafo come costruire dimensioni e definire funzioni di valore per gli indicatori. 4: Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori Dopo aver eseguiti i passi come illustrati in fig.1 e fig.1b si procede definendo la prima dimensione: Fig. 4 Definizione di una prima dimensione Clicchiamo su aggiungi dimensione e assegniamo un nome alla prima dimensione (in questo caso la denominiamo ospedalizzazione fig.4b). Procediamo salvando la dimensione

8 Fig. 4b Assegnazione del nome alla prima dimensione A questo punto il sistema ci permetterà di entrare nel dettaglio della dimensione definita, aggiungendo (o modificando) degli indicatori - fig 4c. Fig. 4c Inserimento di un indicatore nella dimensione dell ospedalizzazione Cliccando su aggiungi indicatore valorizzato, come in fig. 4c si potrà selezionare un indicatore (che entrerà a far parte della dimensione sopra definita). Con la seguente schermata (fig.4d) si potrà selezionare l indicatore desiderato da una lista che conterrà tutti gli indicatori presenti nel dataset caricato, assegnare un nome all indicatore, scegliere l andamento funzionale per la trasformazione definendo in tal senso anche i parametri di tale - 8 -

9 funzione Fig. 4d Definizione dei parametri per il nuovo indicatore E necessario porre particolare attenzione alla compilazione dei campi relativi al dominio in quanto questi, se interni al campo di variazione dei valori reali dell indicatore comporteranno un troncamento in quei punti (questo significa che i valori dell indicatore esterni a tale dominio verranno schiacciati nei punti limite dell intervallo definito). Vediamo nel dettaglio la compilazione dei campi necessari attraverso degli esempi; consideriamo un nuovo indicatore (scegliamo dalla lista degli indicatori originali l indicatore degenza media) che denominiamo degenza media : Fig. 4e Esempio1: inserimento parametri per l indicatore degenza media Analizziamo per passi la compilazione di questa scheda come in fig. 4e. 1. Selezionare per la dimensione ospedalizzazione, l indicatore degenza media. Appena si seleziona l indicatore, alla sua destra appare il campo di variazione dei valori - 9 -

10 dell indicatore (il minimo e il massimo dei valori assunti dall indicatore). Supponiamo che al crescere dei valori dell indicatore si vada incontro ad un giudizio negativo (quindi un punteggio di valore più basso) dello stesso e al decrescere dei valori sia invece associato un giudizio positivo (dunque un punteggio più elevato). Supponiamo che questa relazione tra i valori dell indicatore e il punteggio di valore ad esso associato sia di tipo lineare, ovvero al decrescere dell indicatore corrisponda una decrescita lineare del punteggio di valore ad esso associato. 2. Tenuto conto delle supposizioni fatte procediamo scegliendo tra le funzioni disponibili la funzione lineare. Si adotta una scala di valori tra 0-100, in cui a 0 corrisponde un giudizio negativo mentre a 100 corrisponde un giudizio ottimo. Per l indicatore selezionato si ritiene giusto associare un punteggio di valore pari a 0 se l indicatore degenza media è uguale a 7, mentre si associa una valorizzazione massima (=100) se l indicatore assume valore pari a 5. Questi due punti appena definiti ([7,0], [5,100]) e la scelta dell andamento funzionale (in questo caso lineare) permettono di definire la funzione di trasformazione che verrà poi applicata a tutti i valori reali dell indicatore e li trasformerà in punteggi di valore. In sostanza si definisce l equazione della retta passante per i punti ([7,0], [5,100]); tale funzione verrà poi applicata a tutti i valori dell indicatore degenza media ottenendo delle trasformazioni dei dati originali che chiameremo punteggi di valore (o di valorizzazione). 3. Il dominio svolge un ruolo rilevante nell assegnazione dei punteggi di valore, pertanto è necessario porre la dovuta attenzione alla sua compilazione. I valori assegnati al dominio, in generale, permettono di troncare a monte i valori originali dell indicatore: tutti i valori esterni a tale range vengono ricondotti ai due valori estremi del dominio assegnato. Ciò determina, di conseguenza, un troncamento dei punteggi di valorizzazione. Nella fig.4e il dominio viene in automatico compilato ponendovi il minimo e il massimo dei valori originali dell indicatore. Il grafico sulla destra (fig.4e) mostra la funzione scelta e il posizionamento delle unità nella trasformazione. Per chiarire in ruolo del dominio vediamo un altro esempio (fig. 4f). In relazione allo stesso indicatore della fig.4e, cambiamo i valori del dominio. Supponiamo di limitare il dominio a 4-6 anziché al range dei valori originali dell indicatore. Fig. 4f Esempio2: Modifica del dominio: dominio più piccolo del range dei valori originali dell indicatore

11 I valori reali dell indicatore verranno schiacciati sugli estremi del dominio come è possibile vedere dalla fig.4f: valori originali dell indicatori maggiori di 6, verranno considerati come se assumessero valore uguale a 6; valori minori di 4 verranno considerati come se assumessero valore 4 (in questo caso, dato che il massimo punteggio 100 viene assegnato ad un valore x dell indicatore pari a 5, a loro volta, i valori compresi tra 4 e 5 verranno considerati come se assumessero valore 5). Di conseguenza si avranno dei punteggi di valorizzazione troncati sui valori assunti dalla funzione di valorizzazione nei punti limite del dominio. Nell esempio presente ciò vuol dire che tutti i valori reali dell indicatore degenza media, superiori a 6 verranno considerati come se assumessero valore 6 e analogamente per i valori inferiori a 4. Nella stessa finestra, mediante un istogramma, è possibile visualizzare graficamente i valori assunti dall indicatore preso in esame come mostrato nella figura seguente ( fig.4g): Fig. 4g Rappresentazione grafica dei valori originali dell indicatore Dopo aver salvato le modifiche si ritorna sulla pagina di dettaglio della dimensione in modo da procedere con l inserimento di un altro indicatore. Proseguendo il procedimento come mostrato è possibile aggiungere un numero di indicatori a piacere all interno della stessa dimensione ( vedi paragrafo 4.1). Una volta terminato l inserimento degli indicatori nella dimensione passiamo a definire una seconda dimensione ( vedi paragrafo 5), cliccando su torna al dettaglio della elaborazione. In alternativa possiamo passare all assegnazione dei pesi degli indicatori all interno della dimensione appena definita ( vedi paragrafo 4.2). 4.1: Definizione di un secondo indicatore all interno della dimensione selezionata Vediamo come aggiungere un indicatore alla dimensione dell ospedalizzazione

12 Come mostrato in fig.4h, clicchiamo su nuovo indicatore. Ci verrà presentata una schermata come quella in fig.4d e pertanto, ripetiamo quanto illustrato. Selezioniamo nel menù a tendina il tasso globale di ospedalizzazione (fig.4.1.a). Supponiamo un andamento esponenziale per la funzione di valorizzazione e definiamo parametri e dominio. Assegniamo al valore originale 190 dell indicatore tasso globale di ospedalizzazione un punteggio di valore pari a 90, e al valore originale dell indicatore 130 un punteggio di valorizzazione pari a 10. In questo modo si richiede di definire una funzione esponenziale che passi per i due punti [130, 10] e [190, 90]. Non si apporta alcuna modifica ai valori di default del dominio, pari al range dei valori assunti dal tasso globale di ospedalizzazione. Fig. 4.1.a Definizione del secondo indicatore (tasso globale di ospedalizzazione) all interno della dimensione ospedalizzazione Se non si hanno conoscenze a priori relative all indicatore che ci permettano di assegnare facilmente i valori ai parametri della funzione, è possibile basarsi sulla distribuzione dei valori

13 originali dell indicatore attraverso l istogramma presente nella stessa pagina (come in fig.4.1.b) Fig. 4.1.b Istogramma dei valori originali dell indicatore tasso globale di ospedalizzazione Proseguendo nel modo appena illustrato, aggiungiamo indicatori alla dimensione fino a che viene ritenuto opportuno. Terminato l inserimento degli indicatori nella dimensione considerata, passiamo ad analizzare il dettaglio della dimensione formata da tutti gli indicatori inseriti. Tornando al dettaglio della dimensione appena definita avremo a disposizione una schermata riassuntiva che ci fornirà i dettagli principali degli indicatori inseriti nella dimensione: il nome originale dell indicatore, il nuovo nome assegnato, la funzione adottata per la funzione di valorizzazione di ciascun indicatore e infine, il peso da assegnare all indicatore trasformato (fig.4.1.d)

14 Analizziamo nel dettaglio la fig.4.1.d. Fig. 4.1.d Dettaglio della dimensione ospedalizzazione con dettagli indicatori inseriti Attraverso la colonna Azione è possibile visualizzare il dettaglio dell indicatore cliccando su, apportare modifiche cliccando su e infine eliminare l indicatore cliccando su. Per quanto concerne l assegnazione del peso rimandiamo al paragrafo successivo. 4.2: Assegnazione dei pesi agli indicatori all interno della dimensione selezionata e definizione dell indicatore sintetico di dimensione La colonna peso visualizzata nella schermata riassuntiva della dimensione riveste un ruolo particolarmente importante. Attraverso essa è possibile assegnare agli indicatori dei pesi i quali corrispondono all importanza che si ritiene l indicatore abbia all interno della dimensione

15 Fig. 4.2.a Dettaglio dimensione ospedalizzazione: assegnazione dei pesi In questa schermata si è ritenuto che gli indicatori tasso day hospital, attività chirurgica, parti cesarei, fratture femore, degenza media avessero, all interno della dimensione ospedalizzazione la medesima importanza, mentre si è ritenuto che tasso globale di ospedalizzazione e ricoveri inappropriati avessero il doppio dell importanza rispetto agli altri. Il grafico a torta, riportato sulla destra della schermata, mostra graficamente i pesi relativi degli indicatori. Il valore dei pesi degli indicatori può essere modificato in qualsiasi momento. Supponiamo di voler sbilanciare completamente l importanza che gli indicatori hanno all interno della dimensione, ritenendo che il tasso globale di ospedalizzazione e la degenza media rivestano un ruolo molto più importante rispetto agli altri. Assegniamo pertanto ad essi peso pari a 10 (fig.4.2.b) Fig. 4.2.b Dettaglio dimensione ospedalizzazione: modifiche dei pesi

16 L assegnazione del peso all indicatore riveste grande importanza in quanto contribuisce alla definizione di un indice sintetico di dimensione pari ad una media ponderata dei punteggi di valorizzazione degli indicatori e dei pesi assegnati. Pertanto, assegnati i pesi agli indicatori di dimensione, cliccando su salva pesi indicatori è possibile visualizzare attraverso una tabella sottostante (fig.4.2.c), l indicatore sintetico della dimensione in questione: i valori originali dell indicatore, i punteggi di valorizzazione (ovvero i valori trasformati) e, per ciascuna unità, il valore sintetico dell indicatore della dimensione, in questo caso l ospedalizzazione. Fig. 4.2.c Dettaglio dimensione ospedalizzazione: calcolo indicatore sintetico di dimensione A questo punto è possibile passare alla definizione di una nuova dimensione. Attraverso i comandi presenti sulla barra in alto, clicchiamo su elenco dimensioni

17 Fig. 4.2.d Ritorno all elenco dimensioni 5: Definizione di una seconda, terza, ( ) dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori Dopo aver cliccato su elenco dimensioni (fig.4.2.d), torniamo ad una schermata riassuntiva che mostra i principali dettagli delle elaborazioni fin qui condotte: la dimensione creata, gli indicatori selezionati per la dimensione, le funzioni di valorizzazione definite per gli indicatori e, infine, i pesi assegnati agli indicatori. Fig. 5.a Elenco dimensioni Attraverso questa schermata, cliccando su Aggiungi dimensione è possibile definire una nuova dimensione come mostrato nel paragrafo 4. L utente potrà aggiungere un numero di dimensioni a piacere ripetendo i passi illustrati nel paragrafo 4 e, all interno di ciascuna dimensione selezionare qualsiasi indicatore presente del dataset (come mostrato nel paragrafo 4.1), anche se già selezionato in altre dimensioni e con funzioni di valorizzazione differenti

18 Quando tutte le dimensioni saranno state definite cliccando su elenco dimensioni si avrà a disposizione una schermata riassuntiva di quanto fatto, come è possibile notare dalla fig.5.b: Fig. 5.b Dettaglio riassuntivo: dimensioni e indicatori La schermata presente in fig.5.b permette di visualizzare tutte le dimensioni definite, gli indicatori che ne fanno parte, le funzioni e i pesi assegnati. Se ci soffermiamo sulla colonne delle dimensioni, cliccando su è possibile visualizzare i dettagli della dimensione, cliccando su apportare modifiche, o cliccando su eliminare la dimensione. Analogamente è possibile eseguire tali comandi sulla colonna relativa agli indicatori e quindi visualizzare il dettaglio dell indicatore, modificare la funzione scelta, i parametri, il dominio e/o i pesi e infine, volendo, è possibile eliminare l indicatore. In ciascuna dimensione, inoltre, cliccando su aggiungi indicatore valorizzato è possibile inserire un nuovo indicatore (come mostrato nel paragrafo 4.1). Cliccando su Aggiungi dimensione è possibile aggiungere un altra dimensione (come mostrato nel paragrafo 4). Terminata la definizione delle dimensioni, degli indicatori e dopo aver creato un indicatore sintetico per ciascuna dimensione, è possibile passare alla creazione di un indicatore sintetico globale e alla sua rappresentazione grafica

19 6: Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni e visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini). Completato l inserimento delle dimensioni, clicchiamo su Grafico finale. Fig. 6.a Visualizzare il grafico finale In questo modo potremmo attribuire dei pesi alle dimensioni definite nei passi precedenti e visualizzare un grafico sintetico. La definizione dei pesi delle dimensioni, analogamente a quanto visto per l assegnazione dei pesi agli indicatori (v. paragrafo 4.2), riveste un ruolo molto importante. Il peso rappresenta l importanza che si attribuisce ad una dimensione rispetto alle altre e sostanzialmente rispecchia l ottica con cui viene condotta l analisi. Fig. 6.b Assegnazione dei pesi alle dimensioni L attribuzione del peso (fig.6.b), permette il calcolo di un indicatore sintetico globale attraverso cui è possibile confrontare le diverse unità analizzate (nel nostro caso le regioni). L indicatore sintetico globale sarà calcolato come media ponderata dell indicatore sintetico di dimensione e dei pesi assegnati alle dimensioni

20 La rappresentazione grafica fornirà una sintesi grafica del valore dell indicatore sintetico di dimensione e dell indicatore sintetico globale. L unità di rappresentazione sarà data da un palloncino la cui grandezza sarà proporzionale all indicatore sintetico di dimensione. L altezza del palloncino, ovvero la sua corda, sarà proporzionale alla dimensione (ovvero all indicatore sintetico di dimensione) e al peso ad essa assegnato. Supponiamo di attribuire a tutte le dimensioni lo stesso peso. Concettualmente stiamo ipotizzando che tutte le dimensioni selezionate abbiano la medesima importanza. Attribuiamo a tutte le dimensioni peso pari a 1 (non vi sono restrizioni nell assegnazione dei pesi). Il grafico a torta riporta i pesi relativi delle dimensioni (che in questo caso sono tutti uguali). Modificando i pesi delle dimensioni, si modifica a sua volta il grafico dei palloncini come possiamo vedere dalla seguente figura (fig.6.e): Fig. 6.e Grafico sintetico: peso 10 alla dimensione dell ospedalizzazione In questo caso (fig.6.e) si è associato alla dimensione dell ospedalizzazione un peso 10 volte maggiore a quello delle altre dimensioni. Vediamo che i primi palloncini (le prime dimensioni) risultano schiacciate verso il basso, essendo le altezze delle corde dei palloncini, proporzionali ai pesi assegnati; mentre la corda della dimensione ospedalizzazione si alza

21 Modifichiamo nuovamente i pesi (fig.6.f). Fig. 6.f Grafico sintetico: modifiche dei pesi delle dimensioni in base all importanza delle stesse Il grafico si modifica, distribuendo in modo differente i palloncini (=le dimensioni). Porre il peso di una dimensione pari a zero equivale ad eliminare la stessa dal grafico sintetico come mostrato in fig.6.g., in cui l ultimo palloncino rappresentante la dimensione ospedalizzazione non è più presente. Fig. 6.g Grafico sintetico: assegnazione di un peso=0 (eliminazione di una dimensione)

22 O ancora, assegnando più pesi uguali a zero è possibile eliminare più dimensioni (fig.6.h) Fig. 6.h Grafico sintetico: assegnazione di pesi=0 (eliminazione di più dimensioni) In cui non sono più presenti le dimensioni territoriale, residenziale, ospedalizzazione. 6.1: Interpretazione del grafico finale Abbiamo fin qui visto come ottenere il grafico sintetico dei palloncini. Ora ci soffermeremo su alcuni dettagli utili alla sua lettura e interpretazione. Ciascun palloncino rappresenta il valore sintetico della dimensione, pertanto, la grandezza di ciascun palloncino rappresenterà una misura della dimensione. Ricordiamo che gli indicatori sintetici di dimensione, per il modo in cui sono stati costruiti, sono tra loro confrontabili. Di conseguenza le grandezze dei diversi palloncini sono tra loro confrontabili, sia se si da una lettura all interno della stessa regione (quindi confrontando le dimensioni di una stessa unità), sia se si confrontano le dimensioni delle diverse regioni

23 Fig. 6.1 Grafico sintetico: interpretazione e confrontabilità Riprendiamo il grafico in cui le dimensioni hanno lo stesso peso (fig.6.1) e analizziamolo. La grandezza dei palloncini, che come detto rappresenta il valore dell indicatore sintetico della dimensione, permette il confronto all interno della stessa regione (per esempio si può affermare che la Toscana ha una performance migliore nella dimensione della vaccini e screening rispetto alla residenziale palloncino rosa ) ma anche tra le diverse regioni (per esempio, si può affermare che nella dimensione vaccini e screening palloncino rosso l Umbria ha una performance migliore rispetto alla Calabria, la quale, a sua volta, ha una performance migliore rispetto alla Campania). In questo modo è possibile confrontare le performance per le diverse dimensioni all interno di ciascuna regione, ma anche confrontare le dimensioni tra le diverse regioni. E possibile però analizzare il grafico nel suo complesso: l altezza complessiva dei palloncini per ciascuna regione è una misura della performance globale (=indicatore sintetico globale di dimensione) e, il grafico permette di estrapolare la graduatoria tra le regioni. In fig6.1 si nota che l Emilia Romagna risulta la migliore, raggiungendo un altezza superiore rispetto alle altre, seguita da Veneto e Umbria, mentre agli ultimi posti si posizionano Lazio, Campania e, infine, Abruzzo. Pertanto il grafico permette di stilare una graduatoria tra le regioni. 7: Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) SCIARE permette di esportare il grafico finale in formato pdf, in modo che possa successivamente essere stampato, inserito in una presentazione, scambiato per , ecc. Dalla pagina che mostra il grafico finale, cliccando su Esporta PDF, il sistema genera un file pdf che viene poi salvato sul PC dell utente o aperto con l applicazione gratuita Adobe Acrobat Reader

24 (vedi fig. 8) Fig. 7: Esportazione del grafico in formato PDF 8: Salvataggio/Archiviazione/esportazione dell elaborazione sul proprio pc per eventuali successive rielaborazioni Per salvare sul proprio pc quanto effettuato (sia che si tratti di una elaborazione terminata, sia che si tratti di una elaborazione parziale da riprendere successivamente) è necessario cliccare su esporta l elaborazione corrente (fig.8.a). Fig. 8.a Esportazione elaborazione sul proprio pc

25 E possibile salvare una elaborazione parziale in modo da poterla riprendere in tempi successivi, oppure è possibile salvare l elaborazione definitiva. In entrambi i casi il salvataggio può essere effettuato esclusivamente sul proprio pc. Nulla di quanto elaborato sarà conservato online. Il file salvato in questo modo, contenente le elaborazioni parziali o totali, potrà essere ricaricato e modificato seguendo le procedure elencate nel paragrafo 2. SCIARE inoltre tiene conto delle modifiche che vengono introdotte dall utente in fase di elaborazione in modo da controllare che l utente non abbandoni per errore l elaborazione modificata. Ad esempio, se dopo aver introdotto delle modifiche (nuovi indicatori o dimensioni, o anche una modifica ai pesi relativi) l utente clicca su Scegli DataSet il sistema lo avverte che sta per abbandonare l elaborazione corrente, proponendo di salvare l elaborazione sul PC (vedi fig 8.b) Cliccando su Salva l elaborazione corrente viene esportata sul PC dell utente, mentre cliccando su Abbandona elaborazione i dati e le modifiche introdotte vengono perduti. Invece cliccando su Torna al dettaglio elaborazione l operazione di caricamento di un nuovo DataSet viene interrotta. Si noti, tuttavia, che se l utente chiude direttamente l applicazione, agendo sulla finestra del browser internet, il sistema non è in grado di esercitare alcun controllo e l elaborazione verrà senz altro perduta

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

della domanda di agevolazione

della domanda di agevolazione Guida alla presentazione della domanda di agevolazione 1. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda di agevolazione e i relativi allegati, pena l inammissibilità della stessa domanda, devono essere

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO

QUICK GUIDE ESAMI DI STATO QUICK GUIDE ESAMI DI STATO Le operazioni da eseguire sono semplici e lineari, ma è opportuno ricordarne la corretta sequenza nella quale vanno eseguite. Flusso delle operazioni da eseguire: 1. Inserimento

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Università degli Studi di Genova Versione 1 Come gestire i file in Moodle 2 Nella precedente versione di Aulaweb, basata sul software Moodle 1.9, tutti i file

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA

Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA Guida all iscrizione al TOLC Test On Line CISIA Modalità di iscrizione al TOLC Per iscriversi al TOLC è necessario compiere le seguenti operazioni: 1. Registrazione nella sezione TOLC del portale CISIA

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO

PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO Pagamento contributo telematico, versione 2.2 del 30/1/2015, SABE SOFT pag. 1 PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Gestione Fascicoli Guida Utente

Gestione Fascicoli Guida Utente Gestione Fascicoli Guida Utente Versione 2.3 Guida Utente all uso di Gestione Fascicoli AVVOCATI Sommario Premessa... 4 Struttura... 5 Pagamento fascicoli... 9 Anagrafica Avvocati... 17 1.1 Inserimento

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Ultimo Aggiornamento: 20 settembre 2014 Installazione software Bizerba... 1 Struttura file bz00varp.dat... 5 Configurazione Area51... 6 Note tecniche... 8 Gestione

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Leg@lCom EasyM@IL. Manuale Utente. 1 Leg@lcom 2.0.0

Leg@lCom EasyM@IL. Manuale Utente. 1 Leg@lcom 2.0.0 Leg@lCom EasyM@IL Manuale Utente 1 Sommario Login... 5 Schermata Principale... 6 Posta Elettronica... 8 Componi... 8 Rispondi, Rispondi tutti, Inoltra, Cancella, Stampa... 15 Cerca... 15 Filtri... 18 Cartelle...

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile GUIDA AI SERVIZI DESIOLINE DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile Versione 1.8 del 10/6/2013 Pagina 1 di 96 Documentazione destinata all uso da parte dei clienti

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Prove di Ammissione / Valutazione della Preparazione Iniziale

Università degli Studi Roma Tre. Prove di Ammissione / Valutazione della Preparazione Iniziale Università degli Studi Roma Tre Prove di Ammissione / Valutazione della Preparazione Iniziale Istruzioni per l individuazione della propria Prematricola e della posizione in graduatoria Introduzione...

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli