Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo"

Transcript

1 Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo Il sistema SCIARE: Sistema per la Composizione di Indicatori di Attività REgionale Razionale: per poter sintetizzare in una sola misura più indicatori è innanzitutto necessario che questi siano trasformati in un unica unità di misura che qui è considerata come valore dell indicatore, convenzionalmente definito tra zero (valore nullo) e 100 (valore massimo). La trasformazione dell indicatore nel suo valore può avvenire mediante differenti funzioni di trasformazione. I valori di più indicatori devono poi essere sintetizzati calcolandone la media ponderata dopo aver definito i relativi pesi che rappresentano la rilevanza del contributo dell indicatore nella misura di una determinata dimensione. Quando si sono ottenute con questo procedimento le misure di tutte le dimensioni desiderate, queste saranno a loro volta sintetizzate mediante una media ponderata dei loro valori che può essere rappresentata nel grafico finale in cui il diametro di ciascun palloncino rappresenta, per ogni unità analizzata, il valore di ciascuna dimensione mentre la lunghezza della funicella è funzione del peso attribuito a ciascuna dimensione. Gli ultimi palloncini più in alto di una stessa unità rappresentano la misura sintetizzata dei valori di tutti gli indicatori considerati. Questo è il flow dell elaborazione consentita da questo sistema: - 1 -

2 Schema degli steps per l utilizzo di SCIARE 1: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo 2: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC 3: Apertura della procedura Sciare e caricamento di un data set di indicatori in formato.csv precedentemente predisposto 4: Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione 5: Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 6: Scelta di un primo indicatore, sua trasformazione nei valori (da o a 100) e attribuzione del pesi proporzionale che deve avere nella dimensione 7: Scelta dei successivi indicatori, loro trasformazione nei valori (da o a 100) e attribuzione dei pesi proporzionali che devono avere nella stessa dimensione 8: Definizione di una seconda dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 9: Definizione della penultima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 10: Definizione dell ultima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 11: Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni 12: Visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) 13: Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) 14: Salvataggio dell elaborazione effettuata sul proprio PC 15: Archiviazione/esportazione dell elaborazione per successive rielaborazioni - 2 -

3 Indice 1. Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo : Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC : Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione : Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori : Definizione di un secondo indicatore all interno della dimensione selezionata : Assegnazione dei pesi agli indicatori all interno della dimensione selezionata e definizione dell indicatore sintetico di dimensione : Definizione di una seconda, terza, ( ) dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori : Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni e visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) : Interpretazione del grafico finale : Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) : Salvataggio/Archiviazione/esportazione dell elaborazione sul proprio pc per eventuali successive rielaborazioni Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo Nella pagina iniziale si clicca sulla finestra Carica un nuovo dataset. Su sfoglia si sceglie il dataset presente su pc che si desidera caricare nel sistema per poter essere elaborato. E necessario che il file sia in formato.csv

4 E possibile introdurre una descrizione relativa ai dati che si stanno caricando. I passi necessari sono indicati nella figura seguente (fig. 1) Fig.1 Carica un nuovo dataset Infine cliccando su carica dataset, l operazione di caricamento risulterà completata con la seguente schermata (fig. 1b.). Fig.1b. Caricamento nuovo dataset completato Da qui è possibile procedere alla definizione di indicatori e dimensioni come definito nel paragrafo 4 e 5. In alternativa, è possibile elaborare dataset standard messi a disposizione sull area archivio dataset predefiniti (fig.1.c)

5 Fig.1.c Dataset predefiniti Questa area oltre a contenere dataset predefiniti, contiene anche elaborazioni standard effettuate dall amministratore. Tali elaborazioni sono visualizzabili cliccando semplicemente sul nome del dataset e possono essere modificate in qualsiasi modo dall utente, tuttavia tali modifiche non saranno salvate nel dataset predefinito messo a disposizione online ma potranno in alternativa essere salvate sul proprio pc come mostrato nel paragrafo 8. 2: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC E possibile caricare una elaborazione già effettuata che sia completa, per visualizzare i risultati e/o i procedimenti sviluppati, o che sia parziale per continuare le elaborazioni

6 Cliccando sulla finestra carica una elaborazione è possibile ricaricare un file.json relativo ad una elaborazione già effettuata ( completa o parziale) e salvata sul proprio pc. Fig. 2 Caricare una elaborazione precedentemente salvata su pc Caricando l elaborazione si ottiene il dettaglio delle dimensioni precedentemente definite e degli indicatori inseriti come mostrato nella fig.2b. A partire da questa finestra è possibile procedere apportando eventuali modifiche a dimensioni o indicatori. Fig. 2b Dettaglio elaborazioni già effettuate su un file ricaricato - 6 -

7 3: Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione La modifica di una elaborazione si differenzia dall effettuazione di una nuova elaborazione solamente per quanto riguarda il primo passo descritto nei paragrafi 1. e 2. ovvero se si carica un nuovo file di dati o se si parte da una elaborazione già effettuata. Nel primo caso, caricato il file di dati - come mostrato nel paragrafo 1 -, sarà necessario definire ciascuna dimensioni e selezionare, per ciascuna, un sottoinsieme di indicatori per cui definire delle funzioni di valore e assegnare dei pesi al fine di determinare un indicatore sintetico di dimensione. Nel secondo caso, ovvero qualora si carichi un file già elaborato - come mostrato nel paragrafo 2 -, sarà possibile modificare le dimensioni, indicatori e pesi impostati precedentemente. Ma vediamo nel dettaglio, nel prossimo paragrafo come costruire dimensioni e definire funzioni di valore per gli indicatori. 4: Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori Dopo aver eseguiti i passi come illustrati in fig.1 e fig.1b si procede definendo la prima dimensione: Fig. 4 Definizione di una prima dimensione Clicchiamo su aggiungi dimensione e assegniamo un nome alla prima dimensione (in questo caso la denominiamo ospedalizzazione fig.4b). Procediamo salvando la dimensione

8 Fig. 4b Assegnazione del nome alla prima dimensione A questo punto il sistema ci permetterà di entrare nel dettaglio della dimensione definita, aggiungendo (o modificando) degli indicatori - fig 4c. Fig. 4c Inserimento di un indicatore nella dimensione dell ospedalizzazione Cliccando su aggiungi indicatore valorizzato, come in fig. 4c si potrà selezionare un indicatore (che entrerà a far parte della dimensione sopra definita). Con la seguente schermata (fig.4d) si potrà selezionare l indicatore desiderato da una lista che conterrà tutti gli indicatori presenti nel dataset caricato, assegnare un nome all indicatore, scegliere l andamento funzionale per la trasformazione definendo in tal senso anche i parametri di tale - 8 -

9 funzione Fig. 4d Definizione dei parametri per il nuovo indicatore E necessario porre particolare attenzione alla compilazione dei campi relativi al dominio in quanto questi, se interni al campo di variazione dei valori reali dell indicatore comporteranno un troncamento in quei punti (questo significa che i valori dell indicatore esterni a tale dominio verranno schiacciati nei punti limite dell intervallo definito). Vediamo nel dettaglio la compilazione dei campi necessari attraverso degli esempi; consideriamo un nuovo indicatore (scegliamo dalla lista degli indicatori originali l indicatore degenza media) che denominiamo degenza media : Fig. 4e Esempio1: inserimento parametri per l indicatore degenza media Analizziamo per passi la compilazione di questa scheda come in fig. 4e. 1. Selezionare per la dimensione ospedalizzazione, l indicatore degenza media. Appena si seleziona l indicatore, alla sua destra appare il campo di variazione dei valori - 9 -

10 dell indicatore (il minimo e il massimo dei valori assunti dall indicatore). Supponiamo che al crescere dei valori dell indicatore si vada incontro ad un giudizio negativo (quindi un punteggio di valore più basso) dello stesso e al decrescere dei valori sia invece associato un giudizio positivo (dunque un punteggio più elevato). Supponiamo che questa relazione tra i valori dell indicatore e il punteggio di valore ad esso associato sia di tipo lineare, ovvero al decrescere dell indicatore corrisponda una decrescita lineare del punteggio di valore ad esso associato. 2. Tenuto conto delle supposizioni fatte procediamo scegliendo tra le funzioni disponibili la funzione lineare. Si adotta una scala di valori tra 0-100, in cui a 0 corrisponde un giudizio negativo mentre a 100 corrisponde un giudizio ottimo. Per l indicatore selezionato si ritiene giusto associare un punteggio di valore pari a 0 se l indicatore degenza media è uguale a 7, mentre si associa una valorizzazione massima (=100) se l indicatore assume valore pari a 5. Questi due punti appena definiti ([7,0], [5,100]) e la scelta dell andamento funzionale (in questo caso lineare) permettono di definire la funzione di trasformazione che verrà poi applicata a tutti i valori reali dell indicatore e li trasformerà in punteggi di valore. In sostanza si definisce l equazione della retta passante per i punti ([7,0], [5,100]); tale funzione verrà poi applicata a tutti i valori dell indicatore degenza media ottenendo delle trasformazioni dei dati originali che chiameremo punteggi di valore (o di valorizzazione). 3. Il dominio svolge un ruolo rilevante nell assegnazione dei punteggi di valore, pertanto è necessario porre la dovuta attenzione alla sua compilazione. I valori assegnati al dominio, in generale, permettono di troncare a monte i valori originali dell indicatore: tutti i valori esterni a tale range vengono ricondotti ai due valori estremi del dominio assegnato. Ciò determina, di conseguenza, un troncamento dei punteggi di valorizzazione. Nella fig.4e il dominio viene in automatico compilato ponendovi il minimo e il massimo dei valori originali dell indicatore. Il grafico sulla destra (fig.4e) mostra la funzione scelta e il posizionamento delle unità nella trasformazione. Per chiarire in ruolo del dominio vediamo un altro esempio (fig. 4f). In relazione allo stesso indicatore della fig.4e, cambiamo i valori del dominio. Supponiamo di limitare il dominio a 4-6 anziché al range dei valori originali dell indicatore. Fig. 4f Esempio2: Modifica del dominio: dominio più piccolo del range dei valori originali dell indicatore

11 I valori reali dell indicatore verranno schiacciati sugli estremi del dominio come è possibile vedere dalla fig.4f: valori originali dell indicatori maggiori di 6, verranno considerati come se assumessero valore uguale a 6; valori minori di 4 verranno considerati come se assumessero valore 4 (in questo caso, dato che il massimo punteggio 100 viene assegnato ad un valore x dell indicatore pari a 5, a loro volta, i valori compresi tra 4 e 5 verranno considerati come se assumessero valore 5). Di conseguenza si avranno dei punteggi di valorizzazione troncati sui valori assunti dalla funzione di valorizzazione nei punti limite del dominio. Nell esempio presente ciò vuol dire che tutti i valori reali dell indicatore degenza media, superiori a 6 verranno considerati come se assumessero valore 6 e analogamente per i valori inferiori a 4. Nella stessa finestra, mediante un istogramma, è possibile visualizzare graficamente i valori assunti dall indicatore preso in esame come mostrato nella figura seguente ( fig.4g): Fig. 4g Rappresentazione grafica dei valori originali dell indicatore Dopo aver salvato le modifiche si ritorna sulla pagina di dettaglio della dimensione in modo da procedere con l inserimento di un altro indicatore. Proseguendo il procedimento come mostrato è possibile aggiungere un numero di indicatori a piacere all interno della stessa dimensione ( vedi paragrafo 4.1). Una volta terminato l inserimento degli indicatori nella dimensione passiamo a definire una seconda dimensione ( vedi paragrafo 5), cliccando su torna al dettaglio della elaborazione. In alternativa possiamo passare all assegnazione dei pesi degli indicatori all interno della dimensione appena definita ( vedi paragrafo 4.2). 4.1: Definizione di un secondo indicatore all interno della dimensione selezionata Vediamo come aggiungere un indicatore alla dimensione dell ospedalizzazione

12 Come mostrato in fig.4h, clicchiamo su nuovo indicatore. Ci verrà presentata una schermata come quella in fig.4d e pertanto, ripetiamo quanto illustrato. Selezioniamo nel menù a tendina il tasso globale di ospedalizzazione (fig.4.1.a). Supponiamo un andamento esponenziale per la funzione di valorizzazione e definiamo parametri e dominio. Assegniamo al valore originale 190 dell indicatore tasso globale di ospedalizzazione un punteggio di valore pari a 90, e al valore originale dell indicatore 130 un punteggio di valorizzazione pari a 10. In questo modo si richiede di definire una funzione esponenziale che passi per i due punti [130, 10] e [190, 90]. Non si apporta alcuna modifica ai valori di default del dominio, pari al range dei valori assunti dal tasso globale di ospedalizzazione. Fig. 4.1.a Definizione del secondo indicatore (tasso globale di ospedalizzazione) all interno della dimensione ospedalizzazione Se non si hanno conoscenze a priori relative all indicatore che ci permettano di assegnare facilmente i valori ai parametri della funzione, è possibile basarsi sulla distribuzione dei valori

13 originali dell indicatore attraverso l istogramma presente nella stessa pagina (come in fig.4.1.b) Fig. 4.1.b Istogramma dei valori originali dell indicatore tasso globale di ospedalizzazione Proseguendo nel modo appena illustrato, aggiungiamo indicatori alla dimensione fino a che viene ritenuto opportuno. Terminato l inserimento degli indicatori nella dimensione considerata, passiamo ad analizzare il dettaglio della dimensione formata da tutti gli indicatori inseriti. Tornando al dettaglio della dimensione appena definita avremo a disposizione una schermata riassuntiva che ci fornirà i dettagli principali degli indicatori inseriti nella dimensione: il nome originale dell indicatore, il nuovo nome assegnato, la funzione adottata per la funzione di valorizzazione di ciascun indicatore e infine, il peso da assegnare all indicatore trasformato (fig.4.1.d)

14 Analizziamo nel dettaglio la fig.4.1.d. Fig. 4.1.d Dettaglio della dimensione ospedalizzazione con dettagli indicatori inseriti Attraverso la colonna Azione è possibile visualizzare il dettaglio dell indicatore cliccando su, apportare modifiche cliccando su e infine eliminare l indicatore cliccando su. Per quanto concerne l assegnazione del peso rimandiamo al paragrafo successivo. 4.2: Assegnazione dei pesi agli indicatori all interno della dimensione selezionata e definizione dell indicatore sintetico di dimensione La colonna peso visualizzata nella schermata riassuntiva della dimensione riveste un ruolo particolarmente importante. Attraverso essa è possibile assegnare agli indicatori dei pesi i quali corrispondono all importanza che si ritiene l indicatore abbia all interno della dimensione

15 Fig. 4.2.a Dettaglio dimensione ospedalizzazione: assegnazione dei pesi In questa schermata si è ritenuto che gli indicatori tasso day hospital, attività chirurgica, parti cesarei, fratture femore, degenza media avessero, all interno della dimensione ospedalizzazione la medesima importanza, mentre si è ritenuto che tasso globale di ospedalizzazione e ricoveri inappropriati avessero il doppio dell importanza rispetto agli altri. Il grafico a torta, riportato sulla destra della schermata, mostra graficamente i pesi relativi degli indicatori. Il valore dei pesi degli indicatori può essere modificato in qualsiasi momento. Supponiamo di voler sbilanciare completamente l importanza che gli indicatori hanno all interno della dimensione, ritenendo che il tasso globale di ospedalizzazione e la degenza media rivestano un ruolo molto più importante rispetto agli altri. Assegniamo pertanto ad essi peso pari a 10 (fig.4.2.b) Fig. 4.2.b Dettaglio dimensione ospedalizzazione: modifiche dei pesi

16 L assegnazione del peso all indicatore riveste grande importanza in quanto contribuisce alla definizione di un indice sintetico di dimensione pari ad una media ponderata dei punteggi di valorizzazione degli indicatori e dei pesi assegnati. Pertanto, assegnati i pesi agli indicatori di dimensione, cliccando su salva pesi indicatori è possibile visualizzare attraverso una tabella sottostante (fig.4.2.c), l indicatore sintetico della dimensione in questione: i valori originali dell indicatore, i punteggi di valorizzazione (ovvero i valori trasformati) e, per ciascuna unità, il valore sintetico dell indicatore della dimensione, in questo caso l ospedalizzazione. Fig. 4.2.c Dettaglio dimensione ospedalizzazione: calcolo indicatore sintetico di dimensione A questo punto è possibile passare alla definizione di una nuova dimensione. Attraverso i comandi presenti sulla barra in alto, clicchiamo su elenco dimensioni

17 Fig. 4.2.d Ritorno all elenco dimensioni 5: Definizione di una seconda, terza, ( ) dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori Dopo aver cliccato su elenco dimensioni (fig.4.2.d), torniamo ad una schermata riassuntiva che mostra i principali dettagli delle elaborazioni fin qui condotte: la dimensione creata, gli indicatori selezionati per la dimensione, le funzioni di valorizzazione definite per gli indicatori e, infine, i pesi assegnati agli indicatori. Fig. 5.a Elenco dimensioni Attraverso questa schermata, cliccando su Aggiungi dimensione è possibile definire una nuova dimensione come mostrato nel paragrafo 4. L utente potrà aggiungere un numero di dimensioni a piacere ripetendo i passi illustrati nel paragrafo 4 e, all interno di ciascuna dimensione selezionare qualsiasi indicatore presente del dataset (come mostrato nel paragrafo 4.1), anche se già selezionato in altre dimensioni e con funzioni di valorizzazione differenti

18 Quando tutte le dimensioni saranno state definite cliccando su elenco dimensioni si avrà a disposizione una schermata riassuntiva di quanto fatto, come è possibile notare dalla fig.5.b: Fig. 5.b Dettaglio riassuntivo: dimensioni e indicatori La schermata presente in fig.5.b permette di visualizzare tutte le dimensioni definite, gli indicatori che ne fanno parte, le funzioni e i pesi assegnati. Se ci soffermiamo sulla colonne delle dimensioni, cliccando su è possibile visualizzare i dettagli della dimensione, cliccando su apportare modifiche, o cliccando su eliminare la dimensione. Analogamente è possibile eseguire tali comandi sulla colonna relativa agli indicatori e quindi visualizzare il dettaglio dell indicatore, modificare la funzione scelta, i parametri, il dominio e/o i pesi e infine, volendo, è possibile eliminare l indicatore. In ciascuna dimensione, inoltre, cliccando su aggiungi indicatore valorizzato è possibile inserire un nuovo indicatore (come mostrato nel paragrafo 4.1). Cliccando su Aggiungi dimensione è possibile aggiungere un altra dimensione (come mostrato nel paragrafo 4). Terminata la definizione delle dimensioni, degli indicatori e dopo aver creato un indicatore sintetico per ciascuna dimensione, è possibile passare alla creazione di un indicatore sintetico globale e alla sua rappresentazione grafica

19 6: Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni e visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini). Completato l inserimento delle dimensioni, clicchiamo su Grafico finale. Fig. 6.a Visualizzare il grafico finale In questo modo potremmo attribuire dei pesi alle dimensioni definite nei passi precedenti e visualizzare un grafico sintetico. La definizione dei pesi delle dimensioni, analogamente a quanto visto per l assegnazione dei pesi agli indicatori (v. paragrafo 4.2), riveste un ruolo molto importante. Il peso rappresenta l importanza che si attribuisce ad una dimensione rispetto alle altre e sostanzialmente rispecchia l ottica con cui viene condotta l analisi. Fig. 6.b Assegnazione dei pesi alle dimensioni L attribuzione del peso (fig.6.b), permette il calcolo di un indicatore sintetico globale attraverso cui è possibile confrontare le diverse unità analizzate (nel nostro caso le regioni). L indicatore sintetico globale sarà calcolato come media ponderata dell indicatore sintetico di dimensione e dei pesi assegnati alle dimensioni

20 La rappresentazione grafica fornirà una sintesi grafica del valore dell indicatore sintetico di dimensione e dell indicatore sintetico globale. L unità di rappresentazione sarà data da un palloncino la cui grandezza sarà proporzionale all indicatore sintetico di dimensione. L altezza del palloncino, ovvero la sua corda, sarà proporzionale alla dimensione (ovvero all indicatore sintetico di dimensione) e al peso ad essa assegnato. Supponiamo di attribuire a tutte le dimensioni lo stesso peso. Concettualmente stiamo ipotizzando che tutte le dimensioni selezionate abbiano la medesima importanza. Attribuiamo a tutte le dimensioni peso pari a 1 (non vi sono restrizioni nell assegnazione dei pesi). Il grafico a torta riporta i pesi relativi delle dimensioni (che in questo caso sono tutti uguali). Modificando i pesi delle dimensioni, si modifica a sua volta il grafico dei palloncini come possiamo vedere dalla seguente figura (fig.6.e): Fig. 6.e Grafico sintetico: peso 10 alla dimensione dell ospedalizzazione In questo caso (fig.6.e) si è associato alla dimensione dell ospedalizzazione un peso 10 volte maggiore a quello delle altre dimensioni. Vediamo che i primi palloncini (le prime dimensioni) risultano schiacciate verso il basso, essendo le altezze delle corde dei palloncini, proporzionali ai pesi assegnati; mentre la corda della dimensione ospedalizzazione si alza

21 Modifichiamo nuovamente i pesi (fig.6.f). Fig. 6.f Grafico sintetico: modifiche dei pesi delle dimensioni in base all importanza delle stesse Il grafico si modifica, distribuendo in modo differente i palloncini (=le dimensioni). Porre il peso di una dimensione pari a zero equivale ad eliminare la stessa dal grafico sintetico come mostrato in fig.6.g., in cui l ultimo palloncino rappresentante la dimensione ospedalizzazione non è più presente. Fig. 6.g Grafico sintetico: assegnazione di un peso=0 (eliminazione di una dimensione)

22 O ancora, assegnando più pesi uguali a zero è possibile eliminare più dimensioni (fig.6.h) Fig. 6.h Grafico sintetico: assegnazione di pesi=0 (eliminazione di più dimensioni) In cui non sono più presenti le dimensioni territoriale, residenziale, ospedalizzazione. 6.1: Interpretazione del grafico finale Abbiamo fin qui visto come ottenere il grafico sintetico dei palloncini. Ora ci soffermeremo su alcuni dettagli utili alla sua lettura e interpretazione. Ciascun palloncino rappresenta il valore sintetico della dimensione, pertanto, la grandezza di ciascun palloncino rappresenterà una misura della dimensione. Ricordiamo che gli indicatori sintetici di dimensione, per il modo in cui sono stati costruiti, sono tra loro confrontabili. Di conseguenza le grandezze dei diversi palloncini sono tra loro confrontabili, sia se si da una lettura all interno della stessa regione (quindi confrontando le dimensioni di una stessa unità), sia se si confrontano le dimensioni delle diverse regioni

23 Fig. 6.1 Grafico sintetico: interpretazione e confrontabilità Riprendiamo il grafico in cui le dimensioni hanno lo stesso peso (fig.6.1) e analizziamolo. La grandezza dei palloncini, che come detto rappresenta il valore dell indicatore sintetico della dimensione, permette il confronto all interno della stessa regione (per esempio si può affermare che la Toscana ha una performance migliore nella dimensione della vaccini e screening rispetto alla residenziale palloncino rosa ) ma anche tra le diverse regioni (per esempio, si può affermare che nella dimensione vaccini e screening palloncino rosso l Umbria ha una performance migliore rispetto alla Calabria, la quale, a sua volta, ha una performance migliore rispetto alla Campania). In questo modo è possibile confrontare le performance per le diverse dimensioni all interno di ciascuna regione, ma anche confrontare le dimensioni tra le diverse regioni. E possibile però analizzare il grafico nel suo complesso: l altezza complessiva dei palloncini per ciascuna regione è una misura della performance globale (=indicatore sintetico globale di dimensione) e, il grafico permette di estrapolare la graduatoria tra le regioni. In fig6.1 si nota che l Emilia Romagna risulta la migliore, raggiungendo un altezza superiore rispetto alle altre, seguita da Veneto e Umbria, mentre agli ultimi posti si posizionano Lazio, Campania e, infine, Abruzzo. Pertanto il grafico permette di stilare una graduatoria tra le regioni. 7: Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) SCIARE permette di esportare il grafico finale in formato pdf, in modo che possa successivamente essere stampato, inserito in una presentazione, scambiato per , ecc. Dalla pagina che mostra il grafico finale, cliccando su Esporta PDF, il sistema genera un file pdf che viene poi salvato sul PC dell utente o aperto con l applicazione gratuita Adobe Acrobat Reader

24 (vedi fig. 8) Fig. 7: Esportazione del grafico in formato PDF 8: Salvataggio/Archiviazione/esportazione dell elaborazione sul proprio pc per eventuali successive rielaborazioni Per salvare sul proprio pc quanto effettuato (sia che si tratti di una elaborazione terminata, sia che si tratti di una elaborazione parziale da riprendere successivamente) è necessario cliccare su esporta l elaborazione corrente (fig.8.a). Fig. 8.a Esportazione elaborazione sul proprio pc

25 E possibile salvare una elaborazione parziale in modo da poterla riprendere in tempi successivi, oppure è possibile salvare l elaborazione definitiva. In entrambi i casi il salvataggio può essere effettuato esclusivamente sul proprio pc. Nulla di quanto elaborato sarà conservato online. Il file salvato in questo modo, contenente le elaborazioni parziali o totali, potrà essere ricaricato e modificato seguendo le procedure elencate nel paragrafo 2. SCIARE inoltre tiene conto delle modifiche che vengono introdotte dall utente in fase di elaborazione in modo da controllare che l utente non abbandoni per errore l elaborazione modificata. Ad esempio, se dopo aver introdotto delle modifiche (nuovi indicatori o dimensioni, o anche una modifica ai pesi relativi) l utente clicca su Scegli DataSet il sistema lo avverte che sta per abbandonare l elaborazione corrente, proponendo di salvare l elaborazione sul PC (vedi fig 8.b) Cliccando su Salva l elaborazione corrente viene esportata sul PC dell utente, mentre cliccando su Abbandona elaborazione i dati e le modifiche introdotte vengono perduti. Invece cliccando su Torna al dettaglio elaborazione l operazione di caricamento di un nuovo DataSet viene interrotta. Si noti, tuttavia, che se l utente chiude direttamente l applicazione, agendo sulla finestra del browser internet, il sistema non è in grado di esercitare alcun controllo e l elaborazione verrà senz altro perduta

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA. Linee guida per gli Enti Aderenti. Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo. Versione 2.

Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA. Linee guida per gli Enti Aderenti. Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo. Versione 2. Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA Linee guida per gli Enti Aderenti Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo Versione 2.4 PROCEDURE NEGOZIATE - Richiesta di Preventivo E la funzione

Dettagli

Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo. Manuale d uso

Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo. Manuale d uso Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo Manuale d uso PER LA REGISTRAZIONE DEI DATI SI RACCOMANDA DI UTILIZZARE LA VERSIONE DELL

Dettagli

Guida all utilizzo di Banco Farmaceutico OnLine. GRF - Sedi

Guida all utilizzo di Banco Farmaceutico OnLine. GRF - Sedi Guida all utilizzo di Banco Farmaceutico OnLine GRF - Sedi Per entrare nel portale andare sul sito www.bfonline.it Per entrare nel programma cliccare il bottone Banco Farmaceutico Data di Emissione: 08/02/2012

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

JPresWeb. Manuale operativo. Chiusura mese e trasmissione dati al Consulente... Pag. 11. ELENCO AGGIORNAMENTI e NOTE... Pag. 12

JPresWeb. Manuale operativo. Chiusura mese e trasmissione dati al Consulente... Pag. 11. ELENCO AGGIORNAMENTI e NOTE... Pag. 12 JPresWeb Manuale operativo Note generali................................ Pag. 1 Come collegarsi.............................. Pag. 2 Come accedere............................... Pag. 3 Gestire il cartellino

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo Edilnet Web Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni EdilnetSoldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 CfpInformaticaSrl Release1.4

Dettagli

Manuale Print and fax

Manuale Print and fax Manuale Print and fax Print And Fax è l applicativo che consente ai Clienti FastWeb che hanno sottoscritto il servizio Fax, di spedire fax dall interno di qualsiasi programma che preveda un operazione

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Controlla mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione

Dettagli

MANUALE RICHIESTA DI REGISTRAZIONE PER NUOVO UTENTE

MANUALE RICHIESTA DI REGISTRAZIONE PER NUOVO UTENTE MANUALE RICHIESTA DI REGISTRAZIONE PER NUOVO UTENTE Per ottenere l abilitazione all uso della procedura Trasporti Eccezionali bisogna prima registrarsi nella home page dell applicazione TE-WEB (Fig.1).

Dettagli

Guida all utilizzo del Plug in AVCP

Guida all utilizzo del Plug in AVCP Guida all utilizzo del Plug in AVCP Sommario 1. Avvio del Plug-in e scelta del certificato di firma... 3 2. Nuovo attestato... 4 2.1 Attestazione rilasciata ad un consorzio stabile o a seguito di variazione

Dettagli

Assessorato alla Sanità ARPA. Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili. Manuale Utente 1.0.0

Assessorato alla Sanità ARPA. Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili. Manuale Utente 1.0.0 Assessorato alla Sanità ARPA Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili Manuale Utente 1.0.0 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Profili utente... 2 3. Dispositivi medici... 2 3.1. ARPA-Ricerca Anagrafiche...

Dettagli

sistemapiemonte Anagrafe Agricola Unica Manuale d'uso sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Anagrafe Agricola Unica Manuale d'uso sistemapiemonte.it sistemapiemonte Anagrafe Agricola Unica Manuale d'uso sistemapiemonte.it 2 Indice 1 Premessa 3 2 Accesso al servizio 4 2.1 Configurazione minima per l utilizzo 4 2.2 Accesso alla home page del servizio

Dettagli

Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo. Manuale d uso

Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo. Manuale d uso Software per la registrazione delle schede Istat D.11 sulle dimissioni dagli istituti di cura per aborto spontaneo Manuale d uso INTRODUZIONE Il software è stato realizzato dall Istat con l obiettivo di

Dettagli

A.S. 2013/2014. Guida alla compilazione del Registro. Elettronico. Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci - TORINO

A.S. 2013/2014. Guida alla compilazione del Registro. Elettronico. Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci - TORINO Guida alla compilazione del Registro Elettronico Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci - TORINO A.S. 2013/2014 Questa breve guida contiene la descrizione sulla funzionalità del Registro Elettronico utilizzato

Dettagli

Rapporto Accettazione/Dimissione per l Area riabilitativa della Regione Lazio (RAD-R) Istruzioni per l utilizzo del REPORT on-line

Rapporto Accettazione/Dimissione per l Area riabilitativa della Regione Lazio (RAD-R) Istruzioni per l utilizzo del REPORT on-line Premessa Rapporto Accettazione/Dimissione per l Area riabilitativa della Regione Lazio (RAD-R) Istruzioni per l utilizzo del REPORT on-line Il Portale RAD-R nasce dall esigenza di fornire uno strumento

Dettagli

IMPORTANTE! DA LEGGERE 1. Prima di effettuare l installazione effettuare un backup dei dati con l apposita procedura UTILITA => BACKUP ARCHIVI

IMPORTANTE! DA LEGGERE 1. Prima di effettuare l installazione effettuare un backup dei dati con l apposita procedura UTILITA => BACKUP ARCHIVI IMPORTANTE! DA LEGGERE 1. Prima di effettuare l installazione effettuare un backup dei dati con l apposita procedura UTILITA => BACKUP ARCHIVI 2. Prima di iniziare l installazione assicurarsi che OrisLAB

Dettagli

1 SOMMARIO... 2 2 OPERAZIONE DI FIRMA DIGITALE... 2

1 SOMMARIO... 2 2 OPERAZIONE DI FIRMA DIGITALE... 2 1 Sommario Università di Pisa 1 SOMMARIO... 2 2 OPERAZIONE DI FIRMA DIGITALE... 2 2.1 POSSIBILI ERRORI IN FASE DI FIRMA... 6 2.1.1 Errore di inserimento della OTP... 6 2.1.2 Scadenza della OTP... 7 3 IMPOSTAZIONI

Dettagli

JPresWeb. Manuale operativo. Chiusura mese e trasmissione dati al Consulente... Pag. 11. ELENCO AGGIORNAMENTI e NOTE... Pag. 12

JPresWeb. Manuale operativo. Chiusura mese e trasmissione dati al Consulente... Pag. 11. ELENCO AGGIORNAMENTI e NOTE... Pag. 12 JPresWeb Manuale operativo Note generali................................ Pag. 1 Come collegarsi.............................. Pag. 2 Come accedere............................... Pag. 3 Gestire il cartellino

Dettagli

PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE

PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE MARZO 2006 INDICE 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 2. STRUMENTAZIONE NECESSARIA... 5 3. ACCESSO AL SERVIZIO... 6

Dettagli

Guida rapida per i corsisti

Guida rapida per i corsisti Guida rapida per i corsisti Premessa La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello studente, si presenta come un sito

Dettagli

REGISTRAZIONE VALUTAZIONE ED ESITO SCRUTINIO I TRIMESTRE A.S. 2014-2015

REGISTRAZIONE VALUTAZIONE ED ESITO SCRUTINIO I TRIMESTRE A.S. 2014-2015 REGISTRAZIONE VALUTAZIONE ED ESITO SCRUTINIO I TRIMESTRE A.S. 2014-2015 In vista dei prossimi scrutini intermedi si consiglia di seguire la seguente procedura: PER I DOCENTI NON COORDINATORI 1. accedere

Dettagli

Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti!

Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti! Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti! 1. ACCEDI Utilizzando Microsoft Internet Explorer (è necessario questo browser) vai all indirizzo http://demo.ewebtest.com e inserisci il tuo nome

Dettagli

PRE-REQUISITI PER L'USO DELLO STRUMENTO

PRE-REQUISITI PER L'USO DELLO STRUMENTO PRE-REQUISITI PER L'USO DELLO STRUMENTO Il sistema è stato testato su PC Microsoft Windows (Xp Sp 2 / Vista / 7) Con Browser Internet Explorer, Google Chrome; Occorre aver installato Adobe Acrobat Reader

Dettagli

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Manuale Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Premessa Gestione Biblioteca scolastica è un software che permette di gestire in maniera sufficientemente

Dettagli

Manuale. Print And Fax

Manuale. Print And Fax Manuale Print And Fax Print And Fax è l'applicativo che consente ai Clienti FastWeb che hanno sottoscritto il servizio Fax, di spedire fax dall interno di qualsiasi programma che preveda un operazione

Dettagli

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli.

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Esercizio 1 Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Tabella A 138 150 144 149 164 132 125 157 161 135 150 145 145 142 156

Dettagli

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12)

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12) Manuale utente per l ordine online del materiale pubblicitario e modulistica, biglietti da visita e timbri Versione 1.0 del 18/6/12 Login Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

1 SOMMARIO... 2 2 FIRMA DI DOCUMENTI... 2

1 SOMMARIO... 2 2 FIRMA DI DOCUMENTI... 2 1 Sommario Università di Pisa 1 SOMMARIO... 2 2 FIRMA DI DOCUMENTI... 2 2.1 ACCESSO AL PORTALE DI FIRMA... 2 2.2 CARICAMENTO DEI FILE DA FIRMARE... 3 2.2.1 Caricamento on click... 4 2.2.2 Caricamento drag

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DI STUDI ON-LINE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DI STUDI ON-LINE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DI STUDI ON-LINE Aggiornata al 25/11/2011 A cura del Servizio Help On-line Direzione Pianificazione, Valutazione e Formazione Sistema integrato per la gestione della didattica

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione completa delle fidelity card & raccolta punti. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione completa delle fidelity card & raccolta punti. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione completa delle fidelity card & raccolta punti Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 La gestione delle fidelity card nel POS... 4 Codificare una nuova fidelity

Dettagli

GUIDA PER L ESERCITAZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE CON BUSINESS OBJECTS a cura di Ettore Bolisani e Luca Dioli Versione 3-2010

GUIDA PER L ESERCITAZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE CON BUSINESS OBJECTS a cura di Ettore Bolisani e Luca Dioli Versione 3-2010 GUIDA PER L ESERCITAZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE CON BUSINESS OBJECTS a cura di Ettore Bolisani e Luca Dioli Versione 3-2010 MACCHINA VIRTUALE E AVVIO DELL ESERCITAZIONE Questa prima parte fornisce indicazioni

Dettagli

Manuale per la compilazione dei Questionari di rilevazione Monitor440 Modalità On-line e Off-Line

Manuale per la compilazione dei Questionari di rilevazione Monitor440 Modalità On-line e Off-Line Manuale per la compilazione dei Questionari di rilevazione Monitor440 Modalità On-line e Off-Line INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini,

Dettagli

Al fine di pubblicare le informazioni di un condominio sul WEB è necessario che l amministratore proceda con le seguenti fasi:

Al fine di pubblicare le informazioni di un condominio sul WEB è necessario che l amministratore proceda con le seguenti fasi: CONDOMINI SUL WEB Cosa si intende per condomini sul Web? Dalla versione 1.45 del programma Metodo Condomini l amministratore ha la possibilità di rendere fruibili via WEB ai condòmini (proprietari e conduttori)

Dettagli

Inventario di magazzino in Wingesfar

Inventario di magazzino in Wingesfar Istruzioni per le farmacie Dicembre 2009 Premessa... 2 1. Gestione dell inventario: consultazione, inserimento, duplicazione ed eliminazione... 2 2. Opzioni e criteri di valorizzazione... 3 2.1 Opzioni

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA UTILIZZANDO LA FIRMA DIGITALE

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA UTILIZZANDO LA FIRMA DIGITALE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA UTILIZZANDO LA FIRMA DIGITALE ATTENZIONE!!! Per poter interagire correttamente con i contenuti del Portale, è necessario disabilitare preventivamente il blocco dei pop-up del

Dettagli

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Panoramica delle funzionalità Fornisce un ampio ventaglio di strumenti per il controllo statistico dei processi (SPC) in modo da soddisfare ogni esigenza

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO. Manuale Back-Office. Alphasoft S.r.l.

GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO. Manuale Back-Office. Alphasoft S.r.l. GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO Manuale Back-Office Alphasoft S.r.l. CASI D USO SOFTWARE GESTIONE CIMITERI ALPHASOFT S.R.L. 1 Sommario 1 Gestione anagrafica Utente.... 3 1.1 Inserimento nuova anagrafica....

Dettagli

Cap. 3 - L'analisi dei dati

Cap. 3 - L'analisi dei dati Capitolo 3 L analisi dei dati 3.1. Relazioni tra grandezze fisiche Uno degli aspetti più importanti della fisica sperimentale è la ricerca di una relazione matematica in grado di interpretare il tipo di

Dettagli

Manuale illustrativo dell utilizzo della piattaforma informatica GIADA

Manuale illustrativo dell utilizzo della piattaforma informatica GIADA Manuale illustrativo dell utilizzo della piattaforma informatica GIADA Sommario 1 Introduzione... 2 2 Gli utenti del sistema... 4 2.1 Profilo Proponente... 7 2.2 Profilo Supervisore... 16 2.3 Profilo Responsabile

Dettagli

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 MODELLO F24 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Importazione dati da anno precedente 3 1.2 Inserimento di una nuova anagrafica

Dettagli

Pagina 3 di 5. Il bollettino potrà essere stampato su carta semplice, formato A4.

Pagina 3 di 5. Il bollettino potrà essere stampato su carta semplice, formato A4. MODALITA DI PAGAMENTO RATA TRAMITE BOLLETTINO MAV ONLINE ( 9/2/2011 aggiunte in fondo istruzioni per salvare il bollettino MAV come file da inviare come allegato ad un messaggio e-mail) Accedere al portale

Dettagli

Modulo 5 Gestione del corso docente: i compiti

Modulo 5 Gestione del corso docente: i compiti Modulo 5 Gestione del corso docente: i compiti 5.1 Assegnazione e correzione di compiti preimpostati All interno del corso il docente, l insegnante può impostare o assegnare dei compiti, che gli studenti

Dettagli

Manuale di istruzioni sull utilizzo delle maschere per l acquisizione delle risposte degli allievi delle classi campione

Manuale di istruzioni sull utilizzo delle maschere per l acquisizione delle risposte degli allievi delle classi campione Manuale di istruzioni sull utilizzo delle maschere per l acquisizione delle risposte degli allievi delle classi campione MANUALE PER L UTILIZZO DELLA MASCHERA ESEMPIO Servizio nazionale di valutazione

Dettagli

Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA ONLINE

Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA ONLINE Programma Statistico Nazionale Rilevazione IST-02082 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle Pubbliche amministrazioni locali Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI

AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI Il sito http://docenti.unicam.it consente agli utenti di accedere alle informazioni sui docenti dell' Università di Camerino: curriculum, carichi didattici, pubblicazioni,

Dettagli

POR FESR 2007 2013 AZIONE 5.1.1 Bando 2/2013 Linea guida Presentazione domande di contributo. Impresa singola

POR FESR 2007 2013 AZIONE 5.1.1 Bando 2/2013 Linea guida Presentazione domande di contributo. Impresa singola POR FESR 2007 2013 AZIONE 5.1.1 Bando 2/2013 Linea guida Presentazione domande di contributo Impresa singola Si segnala che in caso di utilizzo del browser «Explorer 9 o successivi», «Google Chrome» o

Dettagli

Come creare un CD o DVD ROM autoconsultante con DOCUMATIC READER AUTO

Come creare un CD o DVD ROM autoconsultante con DOCUMATIC READER AUTO Codice documento 09092801 Data creazione 28/09/2009 Ultima revisione 19/04/2010 Software DOCUMATIC Versione 7 Come creare un CD o DVD ROM autoconsultante con DOCUMATIC READER AUTO Il modulo software DOCUMATIC

Dettagli

per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico, - art. 2, comma 1, lettere b) e c) -

per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico, - art. 2, comma 1, lettere b) e c) - INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DISCIPLINATI DAL PROGRAMMA O.P.C.M. n. 4007 del 29/03/2012 Manuale del software per la gestione delle richieste di contributo per interventi strutturali di rafforzamento

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

COME CREARE TEST IN AUTOCORREZIONE CON QUESTBASE

COME CREARE TEST IN AUTOCORREZIONE CON QUESTBASE COME CREARE TEST IN AUTOCORREZIONE CON QUESTBASE A. OPERAZIONI PRELIMINARI Guida redatta da Attilio Galimberti 1. Collegati a Internet e vai all indirizzo www.questbase.com Clicca sul pulsante Iscriviti

Dettagli

Aggiornato alla data 10/05/2013 GARSIA WE. Gruppo Sportello

Aggiornato alla data 10/05/2013 GARSIA WE. Gruppo Sportello Aggiornato alla data 10/05/2013 GARSIA WE Gruppo Sportello i M A N U A L E U T E N T E SofTech srl SofTech srl Via G. Di Vittorio 21/B2 40013 Castel Maggiore (BO) Tel 051-704.112 (r.a.) Fax 051-700.097

Dettagli

RINNOVO ORGANI. Guida alla creazione di file in formato pdf/a,.csv. e all'implementazione degli allegati B e D

RINNOVO ORGANI. Guida alla creazione di file in formato pdf/a,.csv. e all'implementazione degli allegati B e D RINNOVO ORGANI Guida alla creazione di file in formato pdf/a,.csv e all'implementazione degli allegati B e D ISTRUZIONI PER L'ELABORAZIONE DEGLI ELENCHI Le organizzazioni imprenditoriali dovranno presentare

Dettagli

Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori economici

Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori economici TMintercent-TMintercent-TMintercent-TMintercent Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori economici Mercato elettronico: Risposta a Richieste di Offerta (RdO) Intercent-ER INVITI A RICHIESTE

Dettagli

F24 WEB. Rev. 15 del 24-03-2015 Versione 1.9.0

F24 WEB. Rev. 15 del 24-03-2015 Versione 1.9.0 Rev. 15 del 24-03-2015 Versione 1.9.0 1 di 57 PREMESSA... 3 PORTALE ARGO...5 HOME... 6 GESTIONE F24 EP (Enti Pubblici)... 7 NUOVO F24 EP...9 GESTIONE Righe F24 EP...10 Inserimento rigo F24 EP...12 Modifica

Dettagli

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Indice e Sommario 1 PRODUZIONE LETTERE INTERNE ED IN USCITA 3 1.1 Descrizione del flusso 3 1.2 Lettere Interne 3 1.2.1 Redazione 3 1.2.2 Firmatario

Dettagli

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Ispettorato Generale di Finanza MANUALE UTENTE P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl Versione 1.0 INDICE

Dettagli

Introduzione. Installare EMAS Logo Generator

Introduzione. Installare EMAS Logo Generator EMAS Logo Generator Indice Introduzione... 3 Installare EMAS Logo Generator... 3 Disinstallare EMAS Logo Generator... 4 Schermata iniziale... 5 Creare il Logo... 7 Impostazioni... 7 Colore...8 Lingua del

Dettagli

Software STUDIO FAST FATTURE. Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00

Software STUDIO FAST FATTURE. Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00 Software STUDIO FAST FATTURE Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00 Giugno 2013 Gestione ddt (modulo fatture) Propone causale predefinita se specificata nel tipo documento. In fase di

Dettagli

Via della Repubblica 9 - Trezzano S/Naviglio (MI) 02.48405033-02.48405035 Partita IVA nr. 11680670152

Via della Repubblica 9 - Trezzano S/Naviglio (MI) 02.48405033-02.48405035 Partita IVA nr. 11680670152 Via della Repubblica 9 - Trezzano S/Naviglio (MI) 02.48405033-02.48405035 Partita IVA nr. 11680670152 1 Avvio del software e schermata principale Aprire una pagina Web e digitare l indirizzo nell apposita

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di FrontPage Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo1 CREARE UN NUOVO SITO INTERNET Aprire Microsoft FrontPage facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Guida all utilizzo del sito web 4 apr. 2013 v. 1.0

Guida all utilizzo del sito web 4 apr. 2013 v. 1.0 www.comune.piario.bg.it created by zeramico.com Guida all utilizzo del sito web 4 apr. 2013 v. 1.0 1 COSA È CAMBIATO Le modifiche più grosse sono state apportate alla struttura del sito web, a ciò che

Dettagli

Monitor Orientamento. Manuale Utente

Monitor Orientamento. Manuale Utente Monitor Orientamento Manuale Utente 1 Indice 1 Accesso al portale... 3 2 Trattamento dei dati personali... 4 3 Home Page... 5 4 Monitor... 5 4.1 Raggruppamento e ordinamento dati... 6 4.2 Esportazione...

Dettagli

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail Reti Informatiche: Internet e posta elettronica Tina Fasulo 2012 Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail 1 Parte prima: navigazione del Web Il browser è un programma che consente

Dettagli

SERVIZIO AUTONOMO RICERCA

SERVIZIO AUTONOMO RICERCA MODALITA DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI RdB 2010 Per l anno 2010 le domande per l accesso ai finanziamenti RdB dovranno essere presentate on-line entro le ore 24,00 del 30 giugno 2010, utilizzando l apposito

Dettagli

Febbraio 2012 PROCEDURA PER LA REALIZZAZIONE DEI FILE XML DIPENDENTI PER PAGAMENTI MENSILI O ANNUALI

Febbraio 2012 PROCEDURA PER LA REALIZZAZIONE DEI FILE XML DIPENDENTI PER PAGAMENTI MENSILI O ANNUALI Febbraio 2012 PROCEDURA PER LA REALIZZAZIONE DEI FILE XML DIPENDENTI PER PAGAMENTI MENSILI O ANNUALI Le tipologie di pagamento attualmente disponibili sono quella mensile posticipata e quella annuale anticipata.

Dettagli

GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE

GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE Comune di Pag. 1 di 5 INDICE 1. AGGIORNAMENTI..2 2. INDICAZIONI OPERATIVE PER ALLEGARE I DOCUMENTI ALLA PRATICA 3 ON-LINE 1. AGGIORNAMENTI

Dettagli

Fase1 Fase2 Fase3 Fase4

Fase1 Fase2 Fase3 Fase4 Istruzioni per l'utilizzo del sito https://indata.istat.it/pdc Requisiti tecnologici per la compilazione telematica Per utilizzare la procedura telematica per la fornitura dei dati, il rispondente dovrà

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI GUIDA AL SITO ANIN MANUALE DI ISTRUZIONI Prima Sezione COME MUOVERSI NELL AREA PUBBLICA DELL ANIN Seconda Sezione COME MUOVERSI NELL AREA RISERVATA DELL ANIN http://www.anin.it Prima Sezione 1) FORMAZIONE

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0 MANUALE OPERATIVO Programma di gestione della fatturazione BDWinfatture 2007 Versione 6.0 MANUALE OP ERAT I V O BDWinfatture Belvedere Daniele Software Via Petitti, 25 10017 Montanaro (To) info@belvederesoftware.it

Dettagli

Manuale di istruzioni della maschera per l inserimento, l acquisizione e la trasmissione delle risposte degli allievi

Manuale di istruzioni della maschera per l inserimento, l acquisizione e la trasmissione delle risposte degli allievi Manuale di istruzioni della maschera per l inserimento, l acquisizione e la trasmissione delle risposte degli allievi Prove INVALSI 2013 Servizio nazionale di valutazione 2013 Data di pubblicazione 06.05.2013

Dettagli

MOTORI DI RICERCA. Internet,Web, browser. Cercare informazioni

MOTORI DI RICERCA. Internet,Web, browser. Cercare informazioni MOTORI DI RICERCA Internet,Web, browser Una rete informatica è un collegamento fra più computer in grado di comunicare fra loro mediante: una linea di trasmissione attraverso la quale vengono trasferiti

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Servizi di Helpdesk. Versione 0.2

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Servizi di Helpdesk. Versione 0.2 Banche Dati del Portale della Trasparenza Servizi di Helpdesk Versione 0.2 I SERVIZI DI HELPDESK Per la risoluzione dei problemi tecnico-operativi relativi alla gestione delle Banche dati del Portale della

Dettagli

NOTE SPECIFICHE MODELLO 770/2013

NOTE SPECIFICHE MODELLO 770/2013 26 marzo 2013 Pagina 1 Dichiarazioni annuali 770 2013 NOTE SPECIFICHE MODELLO 770/2013 IMPORTANTE! TUTTI GLI IMPORTI INDICATI NEL MODELLO DEVONO ESSERE ESPRESSI IN CENTESIMI DI EURO. L ESPOSIZIONE DEI

Dettagli

TUTORIAL PER UTILIZZO CATALOGO RICAMBI WEB

TUTORIAL PER UTILIZZO CATALOGO RICAMBI WEB TUTORIAL PER UTILIZZO CATALOGO RICAMBI WEB 1. COME ACCEDERE AL CATALOGO... 2 2. DESCRIZIONE BARRA DEL MENU... 3 2.1 LINGUE... 3 2.2 ACCEDI/RESET... 4 2.3 RICERCA RICAMBI... 4 2.3.1 RICERCA PER DESCRIZIONE...

Dettagli

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET MANUALE OPERATORE CMS ASMENET 2.0 Pag. 1 di 46 INDICE Termini e definizioni... pag. 3 Introduzione... pag. 4 Descrizione generale e accesso al back office... pag. 5 1 Gestione della pagina... pag. 6 1.1

Dettagli

PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO E GESTIONE DELLE COMUNICAZIONI TRA BENEFICIARI E PA

PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO E GESTIONE DELLE COMUNICAZIONI TRA BENEFICIARI E PA PRESENTAZIONE DOMANDA DI PAGAMENTO E GESTIONE DELLE COMUNICAZIONI TRA BENEFICIARI E PA Ordinanza n. 109/2013 come modificata dinanza n. 128/2013 - Allegato 3 Bando per interventi a favore della ricerca

Dettagli

Istruzioni per l apertura dei documenti in Firma Digitale (p7m e tsd)

Istruzioni per l apertura dei documenti in Firma Digitale (p7m e tsd) Istruzioni per l apertura dei documenti in Firma Digitale (p7m e tsd) Questa breve guida illustra come visualizzare correttamente gli atti amministrativi pubblicati in originale ed in Firma Digitale. Le

Dettagli

SafePlace Manuale utente

SafePlace Manuale utente SafePlace 1 SafePlace Indice dei contenuti 1. Una nuova forma di accesso ai servizi e-banking di BancaStato... 3 1. Prerequisiti per l'installazione di SafePlace... 3 2. Installazione di SafePlace... 3

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

EasyPrint v4.14. Manuale Utente. 1 Menu. In questa sezione viene fatta una panoramica sui menù presenti nel programma.

EasyPrint v4.14. Manuale Utente. 1 Menu. In questa sezione viene fatta una panoramica sui menù presenti nel programma. EasyPrint v4.14 Manuale Utente 1 Menu In questa sezione viene fatta una panoramica sui menù presenti nel programma. 1.1 Menu File Mostra Rip e Nascondi Rip: il Ripper è lo strumento che elabora le foto

Dettagli

Statistiche Release 4.0

Statistiche Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Statistiche Release 4.0 - COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) - GUIDA PER L UTENTE GENITORE

Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) - GUIDA PER L UTENTE GENITORE Planet School Guida per l utente GENERIC (GENITORE) 2 - GUIDA PER L UTENTE GENITORE 1. LA TESSERA DEI SERVIZI La tessera dei servizi è un badge (tessera di dimensioni simili ad un bancomat con banda magnetica

Dettagli

MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE

MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE Indice 1. REQUISITI MINIMI DI SISTEMA E CONTATTI PROGETTO RIGENER@... 3 2. IL PORTALE RIGENER@... 4 2.1 ACCESSO ALLE AREE PRIVATE... 7 2.1.1 Accesso al sito con Windows

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Agenzia del Territorio CONSULTAZIONE BANCA DATI ISPEZIONI IPOTECARIE

Agenzia del Territorio CONSULTAZIONE BANCA DATI ISPEZIONI IPOTECARIE Agenzia del Territorio CONSULTAZIONE BANCA DATI ISPEZIONI IPOTECARIE Sommario Informazioni... 3 Informazioni Generali... 3 Informazioni importanti per una corretta navigazione... 3 Scelta dell ambito territoriale...

Dettagli

Archiviare la Posta Elettronica

Archiviare la Posta Elettronica Archiviare la Posta Elettronica Consiglio 1 - Controllare le dimensione della Cassetta Postale frequentemente 1) Tasto destro su Cassetta Postale Nome Utente (questa voce può cambiare da come è stato nominato

Dettagli

pag. 1 INDICE MODALITA' DI PRENOTAZIONE...9 9.1 inserimento nuova prenotazione 9.2 modifica prenotazione...10 10 SCHEDA REGISTRAZIONE CENTRO...

pag. 1 INDICE MODALITA' DI PRENOTAZIONE...9 9.1 inserimento nuova prenotazione 9.2 modifica prenotazione...10 10 SCHEDA REGISTRAZIONE CENTRO... INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.2 obiettivo 1.3 metodologia 2. CARATTERISTICHE... 2 3. MANUALE DI UTILIZZO... 2 3.1 installazione 3.2 avvio della procedura... 3 4. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 3 5. UTILIZZO

Dettagli

Stampare un Attestato di fine corso

Stampare un Attestato di fine corso Stampare un Attestato di fine corso Il Centro di Apprendimento Herbalife consente di stampare l attestato di partecipazione ai corsi. Se non hai dimestichezza con la stampa da pagine web, qui di seguito

Dettagli

il Mac e lo studio legale: primi passi in EasyLex

il Mac e lo studio legale: primi passi in EasyLex _tutorial Come approcciare il software per la gestione degli studi legali che accompagna gli utenti della Mela dai lontani tempi di Mac OS Francesco Pignatelli il Mac e lo studio legale: primi passi in

Dettagli