Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo"

Transcript

1 Come elaborare degli indicatori elementari per ottenere un unico indicatore complessivo Il sistema SCIARE: Sistema per la Composizione di Indicatori di Attività REgionale Razionale: per poter sintetizzare in una sola misura più indicatori è innanzitutto necessario che questi siano trasformati in un unica unità di misura che qui è considerata come valore dell indicatore, convenzionalmente definito tra zero (valore nullo) e 100 (valore massimo). La trasformazione dell indicatore nel suo valore può avvenire mediante differenti funzioni di trasformazione. I valori di più indicatori devono poi essere sintetizzati calcolandone la media ponderata dopo aver definito i relativi pesi che rappresentano la rilevanza del contributo dell indicatore nella misura di una determinata dimensione. Quando si sono ottenute con questo procedimento le misure di tutte le dimensioni desiderate, queste saranno a loro volta sintetizzate mediante una media ponderata dei loro valori che può essere rappresentata nel grafico finale in cui il diametro di ciascun palloncino rappresenta, per ogni unità analizzata, il valore di ciascuna dimensione mentre la lunghezza della funicella è funzione del peso attribuito a ciascuna dimensione. Gli ultimi palloncini più in alto di una stessa unità rappresentano la misura sintetizzata dei valori di tutti gli indicatori considerati. Questo è il flow dell elaborazione consentita da questo sistema: - 1 -

2 Schema degli steps per l utilizzo di SCIARE 1: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo 2: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC 3: Apertura della procedura Sciare e caricamento di un data set di indicatori in formato.csv precedentemente predisposto 4: Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione 5: Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 6: Scelta di un primo indicatore, sua trasformazione nei valori (da o a 100) e attribuzione del pesi proporzionale che deve avere nella dimensione 7: Scelta dei successivi indicatori, loro trasformazione nei valori (da o a 100) e attribuzione dei pesi proporzionali che devono avere nella stessa dimensione 8: Definizione di una seconda dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 9: Definizione della penultima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 10: Definizione dell ultima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori 11: Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni 12: Visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) 13: Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) 14: Salvataggio dell elaborazione effettuata sul proprio PC 15: Archiviazione/esportazione dell elaborazione per successive rielaborazioni - 2 -

3 Indice 1. Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo : Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC : Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione : Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori : Definizione di un secondo indicatore all interno della dimensione selezionata : Assegnazione dei pesi agli indicatori all interno della dimensione selezionata e definizione dell indicatore sintetico di dimensione : Definizione di una seconda, terza, ( ) dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori : Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni e visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) : Interpretazione del grafico finale : Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) : Salvataggio/Archiviazione/esportazione dell elaborazione sul proprio pc per eventuali successive rielaborazioni Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione tipo Nella pagina iniziale si clicca sulla finestra Carica un nuovo dataset. Su sfoglia si sceglie il dataset presente su pc che si desidera caricare nel sistema per poter essere elaborato. E necessario che il file sia in formato.csv

4 E possibile introdurre una descrizione relativa ai dati che si stanno caricando. I passi necessari sono indicati nella figura seguente (fig. 1) Fig.1 Carica un nuovo dataset Infine cliccando su carica dataset, l operazione di caricamento risulterà completata con la seguente schermata (fig. 1b.). Fig.1b. Caricamento nuovo dataset completato Da qui è possibile procedere alla definizione di indicatori e dimensioni come definito nel paragrafo 4 e 5. In alternativa, è possibile elaborare dataset standard messi a disposizione sull area archivio dataset predefiniti (fig.1.c)

5 Fig.1.c Dataset predefiniti Questa area oltre a contenere dataset predefiniti, contiene anche elaborazioni standard effettuate dall amministratore. Tali elaborazioni sono visualizzabili cliccando semplicemente sul nome del dataset e possono essere modificate in qualsiasi modo dall utente, tuttavia tali modifiche non saranno salvate nel dataset predefinito messo a disposizione online ma potranno in alternativa essere salvate sul proprio pc come mostrato nel paragrafo 8. 2: Apertura della procedura Sciare e caricamento di una elaborazione già precedentemente effettuata ed archiviata sul proprio PC E possibile caricare una elaborazione già effettuata che sia completa, per visualizzare i risultati e/o i procedimenti sviluppati, o che sia parziale per continuare le elaborazioni

6 Cliccando sulla finestra carica una elaborazione è possibile ricaricare un file.json relativo ad una elaborazione già effettuata ( completa o parziale) e salvata sul proprio pc. Fig. 2 Caricare una elaborazione precedentemente salvata su pc Caricando l elaborazione si ottiene il dettaglio delle dimensioni precedentemente definite e degli indicatori inseriti come mostrato nella fig.2b. A partire da questa finestra è possibile procedere apportando eventuali modifiche a dimensioni o indicatori. Fig. 2b Dettaglio elaborazioni già effettuate su un file ricaricato - 6 -

7 3: Modifica di una elaborazione o effettuazione di una nuova elaborazione La modifica di una elaborazione si differenzia dall effettuazione di una nuova elaborazione solamente per quanto riguarda il primo passo descritto nei paragrafi 1. e 2. ovvero se si carica un nuovo file di dati o se si parte da una elaborazione già effettuata. Nel primo caso, caricato il file di dati - come mostrato nel paragrafo 1 -, sarà necessario definire ciascuna dimensioni e selezionare, per ciascuna, un sottoinsieme di indicatori per cui definire delle funzioni di valore e assegnare dei pesi al fine di determinare un indicatore sintetico di dimensione. Nel secondo caso, ovvero qualora si carichi un file già elaborato - come mostrato nel paragrafo 2 -, sarà possibile modificare le dimensioni, indicatori e pesi impostati precedentemente. Ma vediamo nel dettaglio, nel prossimo paragrafo come costruire dimensioni e definire funzioni di valore per gli indicatori. 4: Definizione di una prima dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori Dopo aver eseguiti i passi come illustrati in fig.1 e fig.1b si procede definendo la prima dimensione: Fig. 4 Definizione di una prima dimensione Clicchiamo su aggiungi dimensione e assegniamo un nome alla prima dimensione (in questo caso la denominiamo ospedalizzazione fig.4b). Procediamo salvando la dimensione

8 Fig. 4b Assegnazione del nome alla prima dimensione A questo punto il sistema ci permetterà di entrare nel dettaglio della dimensione definita, aggiungendo (o modificando) degli indicatori - fig 4c. Fig. 4c Inserimento di un indicatore nella dimensione dell ospedalizzazione Cliccando su aggiungi indicatore valorizzato, come in fig. 4c si potrà selezionare un indicatore (che entrerà a far parte della dimensione sopra definita). Con la seguente schermata (fig.4d) si potrà selezionare l indicatore desiderato da una lista che conterrà tutti gli indicatori presenti nel dataset caricato, assegnare un nome all indicatore, scegliere l andamento funzionale per la trasformazione definendo in tal senso anche i parametri di tale - 8 -

9 funzione Fig. 4d Definizione dei parametri per il nuovo indicatore E necessario porre particolare attenzione alla compilazione dei campi relativi al dominio in quanto questi, se interni al campo di variazione dei valori reali dell indicatore comporteranno un troncamento in quei punti (questo significa che i valori dell indicatore esterni a tale dominio verranno schiacciati nei punti limite dell intervallo definito). Vediamo nel dettaglio la compilazione dei campi necessari attraverso degli esempi; consideriamo un nuovo indicatore (scegliamo dalla lista degli indicatori originali l indicatore degenza media) che denominiamo degenza media : Fig. 4e Esempio1: inserimento parametri per l indicatore degenza media Analizziamo per passi la compilazione di questa scheda come in fig. 4e. 1. Selezionare per la dimensione ospedalizzazione, l indicatore degenza media. Appena si seleziona l indicatore, alla sua destra appare il campo di variazione dei valori - 9 -

10 dell indicatore (il minimo e il massimo dei valori assunti dall indicatore). Supponiamo che al crescere dei valori dell indicatore si vada incontro ad un giudizio negativo (quindi un punteggio di valore più basso) dello stesso e al decrescere dei valori sia invece associato un giudizio positivo (dunque un punteggio più elevato). Supponiamo che questa relazione tra i valori dell indicatore e il punteggio di valore ad esso associato sia di tipo lineare, ovvero al decrescere dell indicatore corrisponda una decrescita lineare del punteggio di valore ad esso associato. 2. Tenuto conto delle supposizioni fatte procediamo scegliendo tra le funzioni disponibili la funzione lineare. Si adotta una scala di valori tra 0-100, in cui a 0 corrisponde un giudizio negativo mentre a 100 corrisponde un giudizio ottimo. Per l indicatore selezionato si ritiene giusto associare un punteggio di valore pari a 0 se l indicatore degenza media è uguale a 7, mentre si associa una valorizzazione massima (=100) se l indicatore assume valore pari a 5. Questi due punti appena definiti ([7,0], [5,100]) e la scelta dell andamento funzionale (in questo caso lineare) permettono di definire la funzione di trasformazione che verrà poi applicata a tutti i valori reali dell indicatore e li trasformerà in punteggi di valore. In sostanza si definisce l equazione della retta passante per i punti ([7,0], [5,100]); tale funzione verrà poi applicata a tutti i valori dell indicatore degenza media ottenendo delle trasformazioni dei dati originali che chiameremo punteggi di valore (o di valorizzazione). 3. Il dominio svolge un ruolo rilevante nell assegnazione dei punteggi di valore, pertanto è necessario porre la dovuta attenzione alla sua compilazione. I valori assegnati al dominio, in generale, permettono di troncare a monte i valori originali dell indicatore: tutti i valori esterni a tale range vengono ricondotti ai due valori estremi del dominio assegnato. Ciò determina, di conseguenza, un troncamento dei punteggi di valorizzazione. Nella fig.4e il dominio viene in automatico compilato ponendovi il minimo e il massimo dei valori originali dell indicatore. Il grafico sulla destra (fig.4e) mostra la funzione scelta e il posizionamento delle unità nella trasformazione. Per chiarire in ruolo del dominio vediamo un altro esempio (fig. 4f). In relazione allo stesso indicatore della fig.4e, cambiamo i valori del dominio. Supponiamo di limitare il dominio a 4-6 anziché al range dei valori originali dell indicatore. Fig. 4f Esempio2: Modifica del dominio: dominio più piccolo del range dei valori originali dell indicatore

11 I valori reali dell indicatore verranno schiacciati sugli estremi del dominio come è possibile vedere dalla fig.4f: valori originali dell indicatori maggiori di 6, verranno considerati come se assumessero valore uguale a 6; valori minori di 4 verranno considerati come se assumessero valore 4 (in questo caso, dato che il massimo punteggio 100 viene assegnato ad un valore x dell indicatore pari a 5, a loro volta, i valori compresi tra 4 e 5 verranno considerati come se assumessero valore 5). Di conseguenza si avranno dei punteggi di valorizzazione troncati sui valori assunti dalla funzione di valorizzazione nei punti limite del dominio. Nell esempio presente ciò vuol dire che tutti i valori reali dell indicatore degenza media, superiori a 6 verranno considerati come se assumessero valore 6 e analogamente per i valori inferiori a 4. Nella stessa finestra, mediante un istogramma, è possibile visualizzare graficamente i valori assunti dall indicatore preso in esame come mostrato nella figura seguente ( fig.4g): Fig. 4g Rappresentazione grafica dei valori originali dell indicatore Dopo aver salvato le modifiche si ritorna sulla pagina di dettaglio della dimensione in modo da procedere con l inserimento di un altro indicatore. Proseguendo il procedimento come mostrato è possibile aggiungere un numero di indicatori a piacere all interno della stessa dimensione ( vedi paragrafo 4.1). Una volta terminato l inserimento degli indicatori nella dimensione passiamo a definire una seconda dimensione ( vedi paragrafo 5), cliccando su torna al dettaglio della elaborazione. In alternativa possiamo passare all assegnazione dei pesi degli indicatori all interno della dimensione appena definita ( vedi paragrafo 4.2). 4.1: Definizione di un secondo indicatore all interno della dimensione selezionata Vediamo come aggiungere un indicatore alla dimensione dell ospedalizzazione

12 Come mostrato in fig.4h, clicchiamo su nuovo indicatore. Ci verrà presentata una schermata come quella in fig.4d e pertanto, ripetiamo quanto illustrato. Selezioniamo nel menù a tendina il tasso globale di ospedalizzazione (fig.4.1.a). Supponiamo un andamento esponenziale per la funzione di valorizzazione e definiamo parametri e dominio. Assegniamo al valore originale 190 dell indicatore tasso globale di ospedalizzazione un punteggio di valore pari a 90, e al valore originale dell indicatore 130 un punteggio di valorizzazione pari a 10. In questo modo si richiede di definire una funzione esponenziale che passi per i due punti [130, 10] e [190, 90]. Non si apporta alcuna modifica ai valori di default del dominio, pari al range dei valori assunti dal tasso globale di ospedalizzazione. Fig. 4.1.a Definizione del secondo indicatore (tasso globale di ospedalizzazione) all interno della dimensione ospedalizzazione Se non si hanno conoscenze a priori relative all indicatore che ci permettano di assegnare facilmente i valori ai parametri della funzione, è possibile basarsi sulla distribuzione dei valori

13 originali dell indicatore attraverso l istogramma presente nella stessa pagina (come in fig.4.1.b) Fig. 4.1.b Istogramma dei valori originali dell indicatore tasso globale di ospedalizzazione Proseguendo nel modo appena illustrato, aggiungiamo indicatori alla dimensione fino a che viene ritenuto opportuno. Terminato l inserimento degli indicatori nella dimensione considerata, passiamo ad analizzare il dettaglio della dimensione formata da tutti gli indicatori inseriti. Tornando al dettaglio della dimensione appena definita avremo a disposizione una schermata riassuntiva che ci fornirà i dettagli principali degli indicatori inseriti nella dimensione: il nome originale dell indicatore, il nuovo nome assegnato, la funzione adottata per la funzione di valorizzazione di ciascun indicatore e infine, il peso da assegnare all indicatore trasformato (fig.4.1.d)

14 Analizziamo nel dettaglio la fig.4.1.d. Fig. 4.1.d Dettaglio della dimensione ospedalizzazione con dettagli indicatori inseriti Attraverso la colonna Azione è possibile visualizzare il dettaglio dell indicatore cliccando su, apportare modifiche cliccando su e infine eliminare l indicatore cliccando su. Per quanto concerne l assegnazione del peso rimandiamo al paragrafo successivo. 4.2: Assegnazione dei pesi agli indicatori all interno della dimensione selezionata e definizione dell indicatore sintetico di dimensione La colonna peso visualizzata nella schermata riassuntiva della dimensione riveste un ruolo particolarmente importante. Attraverso essa è possibile assegnare agli indicatori dei pesi i quali corrispondono all importanza che si ritiene l indicatore abbia all interno della dimensione

15 Fig. 4.2.a Dettaglio dimensione ospedalizzazione: assegnazione dei pesi In questa schermata si è ritenuto che gli indicatori tasso day hospital, attività chirurgica, parti cesarei, fratture femore, degenza media avessero, all interno della dimensione ospedalizzazione la medesima importanza, mentre si è ritenuto che tasso globale di ospedalizzazione e ricoveri inappropriati avessero il doppio dell importanza rispetto agli altri. Il grafico a torta, riportato sulla destra della schermata, mostra graficamente i pesi relativi degli indicatori. Il valore dei pesi degli indicatori può essere modificato in qualsiasi momento. Supponiamo di voler sbilanciare completamente l importanza che gli indicatori hanno all interno della dimensione, ritenendo che il tasso globale di ospedalizzazione e la degenza media rivestano un ruolo molto più importante rispetto agli altri. Assegniamo pertanto ad essi peso pari a 10 (fig.4.2.b) Fig. 4.2.b Dettaglio dimensione ospedalizzazione: modifiche dei pesi

16 L assegnazione del peso all indicatore riveste grande importanza in quanto contribuisce alla definizione di un indice sintetico di dimensione pari ad una media ponderata dei punteggi di valorizzazione degli indicatori e dei pesi assegnati. Pertanto, assegnati i pesi agli indicatori di dimensione, cliccando su salva pesi indicatori è possibile visualizzare attraverso una tabella sottostante (fig.4.2.c), l indicatore sintetico della dimensione in questione: i valori originali dell indicatore, i punteggi di valorizzazione (ovvero i valori trasformati) e, per ciascuna unità, il valore sintetico dell indicatore della dimensione, in questo caso l ospedalizzazione. Fig. 4.2.c Dettaglio dimensione ospedalizzazione: calcolo indicatore sintetico di dimensione A questo punto è possibile passare alla definizione di una nuova dimensione. Attraverso i comandi presenti sulla barra in alto, clicchiamo su elenco dimensioni

17 Fig. 4.2.d Ritorno all elenco dimensioni 5: Definizione di una seconda, terza, ( ) dimensione che dovrà contenere uno o più indicatori Dopo aver cliccato su elenco dimensioni (fig.4.2.d), torniamo ad una schermata riassuntiva che mostra i principali dettagli delle elaborazioni fin qui condotte: la dimensione creata, gli indicatori selezionati per la dimensione, le funzioni di valorizzazione definite per gli indicatori e, infine, i pesi assegnati agli indicatori. Fig. 5.a Elenco dimensioni Attraverso questa schermata, cliccando su Aggiungi dimensione è possibile definire una nuova dimensione come mostrato nel paragrafo 4. L utente potrà aggiungere un numero di dimensioni a piacere ripetendo i passi illustrati nel paragrafo 4 e, all interno di ciascuna dimensione selezionare qualsiasi indicatore presente del dataset (come mostrato nel paragrafo 4.1), anche se già selezionato in altre dimensioni e con funzioni di valorizzazione differenti

18 Quando tutte le dimensioni saranno state definite cliccando su elenco dimensioni si avrà a disposizione una schermata riassuntiva di quanto fatto, come è possibile notare dalla fig.5.b: Fig. 5.b Dettaglio riassuntivo: dimensioni e indicatori La schermata presente in fig.5.b permette di visualizzare tutte le dimensioni definite, gli indicatori che ne fanno parte, le funzioni e i pesi assegnati. Se ci soffermiamo sulla colonne delle dimensioni, cliccando su è possibile visualizzare i dettagli della dimensione, cliccando su apportare modifiche, o cliccando su eliminare la dimensione. Analogamente è possibile eseguire tali comandi sulla colonna relativa agli indicatori e quindi visualizzare il dettaglio dell indicatore, modificare la funzione scelta, i parametri, il dominio e/o i pesi e infine, volendo, è possibile eliminare l indicatore. In ciascuna dimensione, inoltre, cliccando su aggiungi indicatore valorizzato è possibile inserire un nuovo indicatore (come mostrato nel paragrafo 4.1). Cliccando su Aggiungi dimensione è possibile aggiungere un altra dimensione (come mostrato nel paragrafo 4). Terminata la definizione delle dimensioni, degli indicatori e dopo aver creato un indicatore sintetico per ciascuna dimensione, è possibile passare alla creazione di un indicatore sintetico globale e alla sua rappresentazione grafica

19 6: Definizione dei pesi proporzionali delle dimensioni e visualizzazione del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini). Completato l inserimento delle dimensioni, clicchiamo su Grafico finale. Fig. 6.a Visualizzare il grafico finale In questo modo potremmo attribuire dei pesi alle dimensioni definite nei passi precedenti e visualizzare un grafico sintetico. La definizione dei pesi delle dimensioni, analogamente a quanto visto per l assegnazione dei pesi agli indicatori (v. paragrafo 4.2), riveste un ruolo molto importante. Il peso rappresenta l importanza che si attribuisce ad una dimensione rispetto alle altre e sostanzialmente rispecchia l ottica con cui viene condotta l analisi. Fig. 6.b Assegnazione dei pesi alle dimensioni L attribuzione del peso (fig.6.b), permette il calcolo di un indicatore sintetico globale attraverso cui è possibile confrontare le diverse unità analizzate (nel nostro caso le regioni). L indicatore sintetico globale sarà calcolato come media ponderata dell indicatore sintetico di dimensione e dei pesi assegnati alle dimensioni

20 La rappresentazione grafica fornirà una sintesi grafica del valore dell indicatore sintetico di dimensione e dell indicatore sintetico globale. L unità di rappresentazione sarà data da un palloncino la cui grandezza sarà proporzionale all indicatore sintetico di dimensione. L altezza del palloncino, ovvero la sua corda, sarà proporzionale alla dimensione (ovvero all indicatore sintetico di dimensione) e al peso ad essa assegnato. Supponiamo di attribuire a tutte le dimensioni lo stesso peso. Concettualmente stiamo ipotizzando che tutte le dimensioni selezionate abbiano la medesima importanza. Attribuiamo a tutte le dimensioni peso pari a 1 (non vi sono restrizioni nell assegnazione dei pesi). Il grafico a torta riporta i pesi relativi delle dimensioni (che in questo caso sono tutti uguali). Modificando i pesi delle dimensioni, si modifica a sua volta il grafico dei palloncini come possiamo vedere dalla seguente figura (fig.6.e): Fig. 6.e Grafico sintetico: peso 10 alla dimensione dell ospedalizzazione In questo caso (fig.6.e) si è associato alla dimensione dell ospedalizzazione un peso 10 volte maggiore a quello delle altre dimensioni. Vediamo che i primi palloncini (le prime dimensioni) risultano schiacciate verso il basso, essendo le altezze delle corde dei palloncini, proporzionali ai pesi assegnati; mentre la corda della dimensione ospedalizzazione si alza

21 Modifichiamo nuovamente i pesi (fig.6.f). Fig. 6.f Grafico sintetico: modifiche dei pesi delle dimensioni in base all importanza delle stesse Il grafico si modifica, distribuendo in modo differente i palloncini (=le dimensioni). Porre il peso di una dimensione pari a zero equivale ad eliminare la stessa dal grafico sintetico come mostrato in fig.6.g., in cui l ultimo palloncino rappresentante la dimensione ospedalizzazione non è più presente. Fig. 6.g Grafico sintetico: assegnazione di un peso=0 (eliminazione di una dimensione)

22 O ancora, assegnando più pesi uguali a zero è possibile eliminare più dimensioni (fig.6.h) Fig. 6.h Grafico sintetico: assegnazione di pesi=0 (eliminazione di più dimensioni) In cui non sono più presenti le dimensioni territoriale, residenziale, ospedalizzazione. 6.1: Interpretazione del grafico finale Abbiamo fin qui visto come ottenere il grafico sintetico dei palloncini. Ora ci soffermeremo su alcuni dettagli utili alla sua lettura e interpretazione. Ciascun palloncino rappresenta il valore sintetico della dimensione, pertanto, la grandezza di ciascun palloncino rappresenterà una misura della dimensione. Ricordiamo che gli indicatori sintetici di dimensione, per il modo in cui sono stati costruiti, sono tra loro confrontabili. Di conseguenza le grandezze dei diversi palloncini sono tra loro confrontabili, sia se si da una lettura all interno della stessa regione (quindi confrontando le dimensioni di una stessa unità), sia se si confrontano le dimensioni delle diverse regioni

23 Fig. 6.1 Grafico sintetico: interpretazione e confrontabilità Riprendiamo il grafico in cui le dimensioni hanno lo stesso peso (fig.6.1) e analizziamolo. La grandezza dei palloncini, che come detto rappresenta il valore dell indicatore sintetico della dimensione, permette il confronto all interno della stessa regione (per esempio si può affermare che la Toscana ha una performance migliore nella dimensione della vaccini e screening rispetto alla residenziale palloncino rosa ) ma anche tra le diverse regioni (per esempio, si può affermare che nella dimensione vaccini e screening palloncino rosso l Umbria ha una performance migliore rispetto alla Calabria, la quale, a sua volta, ha una performance migliore rispetto alla Campania). In questo modo è possibile confrontare le performance per le diverse dimensioni all interno di ciascuna regione, ma anche confrontare le dimensioni tra le diverse regioni. E possibile però analizzare il grafico nel suo complesso: l altezza complessiva dei palloncini per ciascuna regione è una misura della performance globale (=indicatore sintetico globale di dimensione) e, il grafico permette di estrapolare la graduatoria tra le regioni. In fig6.1 si nota che l Emilia Romagna risulta la migliore, raggiungendo un altezza superiore rispetto alle altre, seguita da Veneto e Umbria, mentre agli ultimi posti si posizionano Lazio, Campania e, infine, Abruzzo. Pertanto il grafico permette di stilare una graduatoria tra le regioni. 7: Stampa del grafico sintetico delle dimensioni (grafico dei palloncini) SCIARE permette di esportare il grafico finale in formato pdf, in modo che possa successivamente essere stampato, inserito in una presentazione, scambiato per , ecc. Dalla pagina che mostra il grafico finale, cliccando su Esporta PDF, il sistema genera un file pdf che viene poi salvato sul PC dell utente o aperto con l applicazione gratuita Adobe Acrobat Reader

24 (vedi fig. 8) Fig. 7: Esportazione del grafico in formato PDF 8: Salvataggio/Archiviazione/esportazione dell elaborazione sul proprio pc per eventuali successive rielaborazioni Per salvare sul proprio pc quanto effettuato (sia che si tratti di una elaborazione terminata, sia che si tratti di una elaborazione parziale da riprendere successivamente) è necessario cliccare su esporta l elaborazione corrente (fig.8.a). Fig. 8.a Esportazione elaborazione sul proprio pc

25 E possibile salvare una elaborazione parziale in modo da poterla riprendere in tempi successivi, oppure è possibile salvare l elaborazione definitiva. In entrambi i casi il salvataggio può essere effettuato esclusivamente sul proprio pc. Nulla di quanto elaborato sarà conservato online. Il file salvato in questo modo, contenente le elaborazioni parziali o totali, potrà essere ricaricato e modificato seguendo le procedure elencate nel paragrafo 2. SCIARE inoltre tiene conto delle modifiche che vengono introdotte dall utente in fase di elaborazione in modo da controllare che l utente non abbandoni per errore l elaborazione modificata. Ad esempio, se dopo aver introdotto delle modifiche (nuovi indicatori o dimensioni, o anche una modifica ai pesi relativi) l utente clicca su Scegli DataSet il sistema lo avverte che sta per abbandonare l elaborazione corrente, proponendo di salvare l elaborazione sul PC (vedi fig 8.b) Cliccando su Salva l elaborazione corrente viene esportata sul PC dell utente, mentre cliccando su Abbandona elaborazione i dati e le modifiche introdotte vengono perduti. Invece cliccando su Torna al dettaglio elaborazione l operazione di caricamento di un nuovo DataSet viene interrotta. Si noti, tuttavia, che se l utente chiude direttamente l applicazione, agendo sulla finestra del browser internet, il sistema non è in grado di esercitare alcun controllo e l elaborazione verrà senz altro perduta

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Manuale Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Premessa Gestione Biblioteca scolastica è un software che permette di gestire in maniera sufficientemente

Dettagli

per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico, - art. 2, comma 1, lettere b) e c) -

per interventi strutturali di rafforzamento locale o di miglioramento sismico, - art. 2, comma 1, lettere b) e c) - INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DISCIPLINATI DAL PROGRAMMA O.P.C.M. n. 4007 del 29/03/2012 Manuale del software per la gestione delle richieste di contributo per interventi strutturali di rafforzamento

Dettagli

NAVIGAZIONE DEL SI-ERC: UTENTE PROGETTISTA

NAVIGAZIONE DEL SI-ERC: UTENTE PROGETTISTA 3 NAVIGAZIONE DEL SI-ERC: UTENTE PROGETTISTA Collegandosi al sito, si accede alla Home Page del SI-ERC che si presenta come illustrato di seguito. L utente progettista, analogamente agli altri utenti,

Dettagli

Sommario. 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3. 1.1. Il Gestionale Web... 3. 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3

Sommario. 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3. 1.1. Il Gestionale Web... 3. 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3 Sommario 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3 1.1. Il Gestionale Web... 3 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3 1.3 Funzionalità dell interfaccia Web... 4 1.3.1 Creazione guidata dela fattura in formato

Dettagli

Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA. Linee guida per gli Enti Aderenti. Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo. Versione 2.

Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA. Linee guida per gli Enti Aderenti. Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo. Versione 2. Centro Acquisti per la Pubblica Amministrazione EmPULIA Linee guida per gli Enti Aderenti Procedure Negoziate: Richiesta di Preventivo Versione 2.4 PROCEDURE NEGOZIATE - Richiesta di Preventivo E la funzione

Dettagli

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015]

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Premessa... 2 Fase di Login... 2 Menù principale... 2 Anagrafica clienti...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione completa delle fidelity card & raccolta punti. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione completa delle fidelity card & raccolta punti. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione completa delle fidelity card & raccolta punti Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 La gestione delle fidelity card nel POS... 4 Codificare una nuova fidelity

Dettagli

Gestione e allineamento delle Giacenze

Gestione e allineamento delle Giacenze Release 5.20 Manuale Operativo INVENTARIO Gestione e allineamento delle Giacenze Il modulo permette la contemporanea gestione di più inventari, associando liberamente ad ognuno un nome differente; può

Dettagli

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE 1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2- INTRODUZIONE... 1 3- ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4- COMPILAZIONE ON-LINE... 4 5- SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 5 6- DATI ANAGRAFICI... 6 7- DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti!

Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti! Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti! 1. ACCEDI Utilizzando Microsoft Internet Explorer (è necessario questo browser) vai all indirizzo http://demo.ewebtest.com e inserisci il tuo nome

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Qualifica

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Qualifica Corso introduttivo all utilizzo di TQ Qualifica Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Qualifica mediante un corso organizzato in quattro lezioni. Ogni lezione

Dettagli

POR FESR 2007 2013 AZIONE 5.1.1 Bando 2/2013 Linea guida Presentazione domande di contributo. Impresa singola

POR FESR 2007 2013 AZIONE 5.1.1 Bando 2/2013 Linea guida Presentazione domande di contributo. Impresa singola POR FESR 2007 2013 AZIONE 5.1.1 Bando 2/2013 Linea guida Presentazione domande di contributo Impresa singola Si segnala che in caso di utilizzo del browser «Explorer 9 o successivi», «Google Chrome» o

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Ispettorato Generale di Finanza MANUALE UTENTE P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl Versione 1.0 INDICE

Dettagli

Regione Toscana CT-MCG-CD. Nome del progetto Cancelleria Telematica. Progetto Cancelleria Distrettuale

Regione Toscana CT-MCG-CD. Nome del progetto Cancelleria Telematica. Progetto Cancelleria Distrettuale Regione Toscana Nome del progetto Cancelleria Telematica Progetto Cancelleria Distrettuale Documento Manuale utente per Cancellieri e Magistrati Acronimo del documento CT-MCG-CD Stato del documento Prima

Dettagli

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros Configurator è uno strumento facile ed intuitivo nel suo utilizzo, che vi permetterà di realizzare in breve tempo il dimensionamento di canne fumarie e renderà

Dettagli

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE

DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE Cassa Edile Como e Lecco DENUNCE EDILCONNECT GUIDA COMPILAZIONE COMPILAZIONE MANUALE DENUNCIA Guida per i consulenti e le imprese che compilano la denuncia senza utilizzare il file di esportazione dei

Dettagli

Guida all utilizzo. Rif. File: GuidaSi@dmin.pages Pag. 1 / 14

Guida all utilizzo. Rif. File: GuidaSi@dmin.pages Pag. 1 / 14 Guida all utilizzo Rif. File: GuidaSi@dmin.pages Pag. 1 / 14 Home page e panoramica delle funzionalità!... 3 La sezione Account!... 4 Creare un Account!... 5 Cambiare la password dell account!... 7 Eliminare

Dettagli

Al fine di pubblicare le informazioni di un condominio sul WEB è necessario che l amministratore proceda con le seguenti fasi:

Al fine di pubblicare le informazioni di un condominio sul WEB è necessario che l amministratore proceda con le seguenti fasi: CONDOMINI SUL WEB Cosa si intende per condomini sul Web? Dalla versione 1.45 del programma Metodo Condomini l amministratore ha la possibilità di rendere fruibili via WEB ai condòmini (proprietari e conduttori)

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

I TUTORI. I tutori vanno creati la prima volta seguendo esclusivamente le procedure sotto descritte.

I TUTORI. I tutori vanno creati la prima volta seguendo esclusivamente le procedure sotto descritte. I TUTORI Indice Del Manuale 1 - Introduzione al Manuale Operativo 2 - Area Tutore o Area Studente? 3 - Come creare tutti insieme i Tutori per ogni alunno? 3.1 - Come creare il secondo tutore per ogni alunno?

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Assessorato alla Sanità ARPA. Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili. Manuale Utente 1.0.0

Assessorato alla Sanità ARPA. Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili. Manuale Utente 1.0.0 Assessorato alla Sanità ARPA Anagrafe Regionale dei Prodotti Amministrabili Manuale Utente 1.0.0 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Profili utente... 2 3. Dispositivi medici... 2 3.1. ARPA-Ricerca Anagrafiche...

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

1 Riconoscimento del soggetto richiedente da parte del sistema

1 Riconoscimento del soggetto richiedente da parte del sistema Guida alla compilazione on-line della domanda per il bando Servizi per l accesso all istruzione (Trasporto scolastico, assistenza disabili e servizio pre-scuola e post-scuola) INDICE 1 Riconoscimento del

Dettagli

Analisi sensitività. Strumenti per il supporto alle decisioni nel processo di Valutazione d azienda

Analisi sensitività. Strumenti per il supporto alle decisioni nel processo di Valutazione d azienda Analisi sensitività. Strumenti per il supporto alle decisioni nel processo di Valutazione d azienda Premessa Con l analisi di sensitività il perito valutatore elabora un range di valori invece di un dato

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 1 di 38 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 2 di 38 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA...

Dettagli

Manuale operatore CUP on-line (v.1)

Manuale operatore CUP on-line (v.1) Manuale operatore CUP on-line (v.1) In questo manuale sarà effettuata una panoramica sull utilizzo e sulle principali funzioni del programma CUP (Centro Unico di Prenotazione), disponibile on-line agli

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE Gli utenti registrati invieranno le richieste di autorizzazione seguendo la procedura automatica prevista dal sistema dei Trasporti Eccezionali. L operatore riceverà quindi

Dettagli

Monitor Orientamento. Manuale Utente

Monitor Orientamento. Manuale Utente Monitor Orientamento Manuale Utente 1 Indice 1 Accesso al portale... 3 2 Trattamento dei dati personali... 4 3 Home Page... 5 4 Monitor... 5 4.1 Raggruppamento e ordinamento dati... 6 4.2 Esportazione...

Dettagli

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 MODELLO F24 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Importazione dati da anno precedente 3 1.2 Inserimento di una nuova anagrafica

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS...

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... Manuale Utente (Gestione Formazione) Versione 2.0.2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... 4 2.1. Pagina Iniziale... 6 3. CARICAMENTO ORE FORMAZIONE GENERALE... 9 3.1. RECUPERO MODELLO

Dettagli

AREA DOCENTE - ACCESSO, REG. DI CLASSE E VOTI Indice Del Manuale

AREA DOCENTE - ACCESSO, REG. DI CLASSE E VOTI Indice Del Manuale AREA DOCENTE - ACCESSO, REG. DI CLASSE E VOTI Indice Del Manuale 1 - Come Accedere a Nuvola 2 - Home Page Area Docente 3 - Come Modificare il proprio Profilo 4 - Come Modificare la propria Password 5 -

Dettagli

Servizio di Invio Telem atico Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telem atico Schedine Alloggiati Servizio di Invio Telem atico Schedine Alloggiati Indice Scarico e installazione certificati Pag. 2 Inserimento On Line.. Pag. 13 Invio File... Pag. 18 Informazioni per la Compilazione dei File.. Pag.

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

GESGOLF SMS ONLINE. Manuale per l utente

GESGOLF SMS ONLINE. Manuale per l utente GESGOLF SMS ONLINE Manuale per l utente Procedura di registrazione 1 Accesso al servizio 3 Personalizzazione della propria base dati 4 Gestione dei contatti 6 Ricerca dei contatti 6 Modifica di un nominativo

Dettagli

GUIDA ALL INSERIMENTO DEI DATI PAES

GUIDA ALL INSERIMENTO DEI DATI PAES GUIDA ALL INSERIMENTO DEI DATI PAES Indice 1 MENU PAES... 5 1.1 ADESIONE AL PATTO DEI SINDACI... 5 1.2 CARICAMENTO DATI... 6 1.2.1 Il template vuoto... 6 1.2.2 Caricamento file PAES compilato... 7 1.3

Dettagli

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi

Fig. 3: Selezione dell analisi: Punto di polarizzazione. Fig. 4: Errori riscontrati nell analisi Elettronica I - Sistemi Elettronici I/II Esercitazioni con PSPICE 1) Amplificatore di tensione con componente E (file: Amplificatore_Av_E.sch) Il circuito mostrato in Fig. 1 permette di simulare la classica

Dettagli

A tal fine il presente documento si compone di tre distinte sezioni:

A tal fine il presente documento si compone di tre distinte sezioni: Guida on-line all adempimento Questa guida vuole essere un supporto per le pubbliche amministrazioni, nella compilazione e nella successiva pubblicazione dei dati riguardanti i dirigenti sui siti istituzionali

Dettagli

Manuale d uso Web-Recall GruppoInfor

Manuale d uso Web-Recall GruppoInfor Manuale d uso Web-Recall GruppoInfor L accesso alla nuova Web Recall può avvenire collegandosi al sito internet www.gruppoinfor.net o, in alternativa, al sito di una delle aziende che fanno parte del gruppo

Dettagli

JPresWeb. Manuale operativo. Chiusura mese e trasmissione dati al Consulente... Pag. 11. ELENCO AGGIORNAMENTI e NOTE... Pag. 12

JPresWeb. Manuale operativo. Chiusura mese e trasmissione dati al Consulente... Pag. 11. ELENCO AGGIORNAMENTI e NOTE... Pag. 12 JPresWeb Manuale operativo Note generali................................ Pag. 1 Come collegarsi.............................. Pag. 2 Come accedere............................... Pag. 3 Gestire il cartellino

Dettagli

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Stampa e salvataggio in vari formati. Utilizzare il prodotto per inserirlo in relazioni, come base di disegni In questa lezione vedremo come creare una mappa

Dettagli

ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015)

ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015) ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015) 1 INDICE 1. Materiale informativo e assistenza... 3 2. Accesso al Registro delle Lezioni di Esse3...

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

GUIDA AL CHART TRADING

GUIDA AL CHART TRADING GUIDA AL CHART TRADING 1. Il Chart Trading Webank offre ai propri clienti la possibilità di immettere, modificare e cancellare sia ordini normali che ordini condizionati con un semplice click dal grafico,

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo Edilnet Web Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE

PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE MARZO 2006 INDICE 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 2. STRUMENTAZIONE NECESSARIA... 5 3. ACCESSO AL SERVIZIO... 6

Dettagli

NOTA TECNICA UTILIZZO REGISTRO ONLINE

NOTA TECNICA UTILIZZO REGISTRO ONLINE NOTA TECNICA UTILIZZO REGISTRO ONLINE Informazioni generali Il questionario cartaceo relativo alla rilevazione dati delle associazioni e dei relativi progetti è stato informatizzato ed è stata realizzata

Dettagli

Regione Campania. Linee Guida Presentazione Offerta

Regione Campania. Linee Guida Presentazione Offerta Regione Campania Linee Guida Presentazione Offerta Sommario Sommario... 2 Introduzione... 3 Destinatari del documento...3 Scopo e struttura del documento...3 Accesso al portale...5 Invito...6 Richiesta

Dettagli

MANUALE PER I DOCENTI: GESTIONE APPELLI E VERBALIZZAZIONE ESAMI ONLINE ESAMI SCRITTI

MANUALE PER I DOCENTI: GESTIONE APPELLI E VERBALIZZAZIONE ESAMI ONLINE ESAMI SCRITTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO MANUALE PER I DOCENTI: GESTIONE APPELLI E VERBALIZZAZIONE ESAMI ONLINE ESAMI SCRITTI 1 SOMMARIO ACCESSO ALLA MYUNITO DOCENTE...3 GESTIONE LISTA ISCRITTI...4 INSERIMENTO

Dettagli

Guida Sintetica sulle operazioni iniziali per l'utilizzo di Scuolanext

Guida Sintetica sulle operazioni iniziali per l'utilizzo di Scuolanext Guida Sintetica sulle operazioni iniziali per l'utilizzo di Scuolanext CREAZIONE UTENZE DOCENTI Per creare le utenze dei docenti per l'utilizzo su Scuolanext è necessario eseguire delle operazioni preliminari

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE F24 Versione 2015.0.0 Applicativo:

Dettagli

JPresWeb. Manuale operativo. Chiusura mese e trasmissione dati al Consulente... Pag. 11. ELENCO AGGIORNAMENTI e NOTE... Pag. 12

JPresWeb. Manuale operativo. Chiusura mese e trasmissione dati al Consulente... Pag. 11. ELENCO AGGIORNAMENTI e NOTE... Pag. 12 JPresWeb Manuale operativo Note generali................................ Pag. 1 Come collegarsi.............................. Pag. 2 Come accedere............................... Pag. 3 Gestire il cartellino

Dettagli

Manuale del portale Club Filiali

Manuale del portale Club Filiali Manuale del portale Club Filiali 1 Sommario Benvenuti nel portale di CLUB FILIALI!... 3 Come utilizzare il portale?... 3 La vostra filiale... 3 Come inserire le attività svolte sul portale?... 5 Le attività

Dettagli

MICHELANGELO Piattaforma autorizzativa per la gestione di interventi riservata ai fornitori

MICHELANGELO Piattaforma autorizzativa per la gestione di interventi riservata ai fornitori MICHELANGELO Piattaforma autorizzativa per la gestione di interventi riservata ai fornitori Questa documentazione conterrà tutti i dettagli operativi relativi all impatto della nuova applicazione web di

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di FrontPage Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo1 CREARE UN NUOVO SITO INTERNET Aprire Microsoft FrontPage facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Guida all uso del portale www.revisoreweb.it per il software Bilancio di previsione 2012

Guida all uso del portale www.revisoreweb.it per il software Bilancio di previsione 2012 Guida all uso del portale www.revisoreweb.it per il software Bilancio di previsione 2012 Per accedere all uso del prodotto Schema di relazione dei revisori al Bilancio di previsione degli Enti Locali per

Dettagli

Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori Economici

Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori Economici TMintercent-TMintercent-TMintercent-TMintercent Nuova Piattaforma Intercent-ER: manuali per gli Operatori Economici Abilitazione al Mercato Elettronico Intercent-ER MERCATO ELETTRONICO 1 Sommario 1. MERCATO

Dettagli

PROCEDURA INVENTARIO DI MAGAZZINO di FINE ESERCIZIO (dalla versione 3.2.0)

PROCEDURA INVENTARIO DI MAGAZZINO di FINE ESERCIZIO (dalla versione 3.2.0) PROCEDURA INVENTARIO DI MAGAZZINO di FINE ESERCIZIO (dalla versione 3.2.0) (Da effettuare non prima del 01/01/2011) Le istruzioni si basano su un azienda che ha circa 1000 articoli, che utilizza l ultimo

Dettagli

Sportello Telematico SIRIO

Sportello Telematico SIRIO Sportello Telematico SIRIO Presentazione domanda Soggetti diversi da Istituzioni Scolastiche Legge 113/91 Decreto Direttoriale 1524/08-07-2015 Titolo 3 Versione 1.0 Edizione del 14/07/2015 Diffusione Cultura

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO 5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO In questo capitolo tratteremo: a) dello scarico della pratica, b) della predisposizione della distinta di accompagnamento e c) di tutte

Dettagli

Sportello Telematico SIRIO

Sportello Telematico SIRIO Sportello Telematico SIRIO Presentazione domanda Legge 113/1991 TABELLA TRIENNALE Decreto Direttoriale Decreto Direttoriale 8 luglio 2015 n. 1523 Versione 1.0 Ed. del 14/07/2015 Tabella triennale 1 INDICE

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Corso introduttivo all utilizzo di TQ Controlla Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Controlla mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Indice e Sommario 1 PRODUZIONE LETTERE INTERNE ED IN USCITA 3 1.1 Descrizione del flusso 3 1.2 Lettere Interne 3 1.2.1 Redazione 3 1.2.2 Firmatario

Dettagli

MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE

MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE Indice 1. REQUISITI MINIMI DI SISTEMA E CONTATTI PROGETTO RIGENER@... 3 2. IL PORTALE RIGENER@... 4 2.1 ACCESSO ALLE AREE PRIVATE... 7 2.1.1 Accesso al sito con Windows

Dettagli

Manuale per la compilazione del modulo di rendicontazione delle Spese Elettorali 2014

Manuale per la compilazione del modulo di rendicontazione delle Spese Elettorali 2014 Manuale per la compilazione del modulo di rendicontazione delle Spese Elettorali 2014 Premessa...2 Rendiconto dei comuni...2 Informazioni utili preliminari...2 Modalità di utilizzo e presentazione del

Dettagli

Il presente supporto consente la gestione delle gare Giovanili. Premere il pulsante Immissione Dati Gara

Il presente supporto consente la gestione delle gare Giovanili. Premere il pulsante Immissione Dati Gara Il presente supporto consente la gestione delle gare Giovanili. Premere il pulsante Immissione Dati Gara Su questa pagina si devono inserire i dati caratteristici della gara Premere il pulsante Inserimento

Dettagli

Manuale Utente Albo Pretorio GA

Manuale Utente Albo Pretorio GA Manuale Utente Albo Pretorio GA IDENTIFICATIVO DOCUMENTO MU_ALBOPRETORIO-GA_1.4 Versione 1.4 Data edizione 04.04.2013 1 TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione delle modifiche apportate

Dettagli

Introduzione. Installare EMAS Logo Generator

Introduzione. Installare EMAS Logo Generator EMAS Logo Generator Indice Introduzione... 3 Installare EMAS Logo Generator... 3 Disinstallare EMAS Logo Generator... 4 Schermata iniziale... 5 Creare il Logo... 7 Impostazioni... 7 Colore...8 Lingua del

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE Sommario 1. Introduzione... 3 2. Registrazione... 3 3. Accesso alla piattaforma (login)... 4 4. Uscita dalla piattaforma (logout)... 5 5. Iscriversi a

Dettagli

Sistema Web. Gestione Documenti Elettronici

Sistema Web. Gestione Documenti Elettronici GUIDA RAPIDA Sistema Web CONSORZIO CO.D.IN. M A R C H E Gestione Documenti Elettronici INDICE Capitolo 1: Avvio Applicazione Capitolo 2: Autenticazione Utente e Accesso al Sistema Capitolo 3: Navigazione

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Sistema inoltro telematico domande di nulla osta, ricongiungimento e conversioni Manuale utente Versione 2 Data creazione 02/11/2007 12.14.00

Dettagli

MANUALE UTENTE. Manuale utente relativo al software implementato per unità funzionale C.5 Rifacimento funzioni di rendicontazione

MANUALE UTENTE. Manuale utente relativo al software implementato per unità funzionale C.5 Rifacimento funzioni di rendicontazione 1 INFORMAZIONI GENERALI MANUALE UTENTE Progetto Modulo del Piano di Lavoro Unità funzionale del Piano di Lavoro Descrizione SIGFRIDO Modulo C Rendicontazione C.5 Rifacimento funzioni di rendicontazione

Dettagli

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente Amministrazione Trasparente Acquisizione CV Dirigenti Scolastici e Monitoraggio Guida di riferimento Indice 1. Introduzione... 3 2. Accesso e utilizzo dell applicazione... 4 3. Acquisizione del Curriculum

Dettagli

TEMPO X PRODURRE ARTICOLO QUANTITÀ LAVORAZIONE MACCHINA 1 PEZZO Taglio Seghetto 30 minuti. Tornitura Tornio 20 minuti

TEMPO X PRODURRE ARTICOLO QUANTITÀ LAVORAZIONE MACCHINA 1 PEZZO Taglio Seghetto 30 minuti. Tornitura Tornio 20 minuti PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE CON ACCESS E PROJECT 2007 In questo articolo esamineremo come una applicazione Access ed una applicazione Project 2007 possono interagire per creare un piano di produzione

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE

ISTRUZIONI OPERATIVE ISTRUZIONI OPERATIVE 1 Come richiedere l abilitazione al portale www.posteprocurement.it L Impresa interessata, per richiedere l abilitazione al portale www.posteprocurement.it, dovrà: a) compilare il

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

Servizio di Invio Telematico Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico Schedine Alloggiati Servizio di Invio Telematico Schedine Alloggiati Il portale consente la trasmissione delle schedine alloggiati ai gestori delle strutture ricettive opportunamente registrati. I servizi offerti dal sito

Dettagli

Agenzia del Territorio CONSULTAZIONE BANCA DATI ISPEZIONI IPOTECARIE

Agenzia del Territorio CONSULTAZIONE BANCA DATI ISPEZIONI IPOTECARIE Agenzia del Territorio CONSULTAZIONE BANCA DATI ISPEZIONI IPOTECARIE Sommario Informazioni... 3 Informazioni Generali... 3 Informazioni importanti per una corretta navigazione... 3 Scelta dell ambito territoriale...

Dettagli

Guida utente alla compilazione delle richieste di contributo on-line per le Associazioni dei Consumatori

Guida utente alla compilazione delle richieste di contributo on-line per le Associazioni dei Consumatori Guida Utente RCP2 Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Guida utente alla compilazione delle richieste di contributo on-line per le Associazioni dei Consumatori

Dettagli

Sondaggi OnLine. Documento Tecnico. Descrizione delle funzionalità del servizio

Sondaggi OnLine. Documento Tecnico. Descrizione delle funzionalità del servizio Documento Tecnico Sondaggi OnLine Descrizione delle funzionalità del servizio Prosa S.r.l. - www.prosa.com Versione documento: 1, del 30 Maggio 2005. Redatto da: Michela Michielan, michielan@prosa.com

Dettagli

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE 1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2- INTRODUZIONE... 1 3- ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4- COMPILAZIONE ON-LINE... 6 5- SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 7 6- DATI ANAGRAFICI... 8 7- DATI ANAGRAFICI

Dettagli

CERTIFICATI DIGITALI. Manuale Utente

CERTIFICATI DIGITALI. Manuale Utente CERTIFICATI DIGITALI Procedure di installazione, rimozione, archiviazione Manuale Utente versione 1.0 pag. 1 pag. 2 di30 Sommario CERTIFICATI DIGITALI...1 Manuale Utente...1 Sommario...2 Introduzione...3

Dettagli

Il personale docente e la segreteria didattica per effettuare la gestione degli scrutini dovranno eseguire semplici operazioni.

Il personale docente e la segreteria didattica per effettuare la gestione degli scrutini dovranno eseguire semplici operazioni. GESTIONE SCRUTINI SEGRETERIA - DOCENTI Il personale docente e la segreteria didattica per effettuare la gestione degli scrutini dovranno eseguire semplici operazioni. Per quanto riguarda il personale Docente

Dettagli

Punto Print Il programma per stampare. Documentazione Tecnica

Punto Print Il programma per stampare. Documentazione Tecnica Punto Print Il programma per stampare Documentazione Tecnica 1 Punto Software di Iselle Mirko Documentazione tecnica PuntoPrint 1. Installazione Per effettuare l installazione del programma, decomprimere

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

QUESTURA DI ENNA Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni Tel. 0935.522703 Fax 0935.522600 E.

QUESTURA DI ENNA Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni Tel. 0935.522703 Fax 0935.522600 E. QUESTURA DI ENNA Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Centro Operativo Telecomunicazioni Tel. 0935.522703 Fax 0935.522600 E.mail: questura.cot.en@poliziadistato.it 1 Servizio di Invio Telematico

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

ESAME SCRITTO NON VERBALIZZANTE + ORALE VERBALIZZANTE

ESAME SCRITTO NON VERBALIZZANTE + ORALE VERBALIZZANTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO MANUALE PER I DOCENTI: GESTIONE APPELLI E VERBALIZZAZIONE ESAMI ONLINE ESAME SCRITTO NON VERBALIZZANTE + ORALE VERBALIZZANTE SOMMARIO ACCESSO ALLA MYUNITO DOCENTE.... p.

Dettagli

AREA CLIENTI Manuale d uso

AREA CLIENTI Manuale d uso AREA CLIENTI Manuale d uso Premessa.. 2 Operazioni preliminari. 3 Come accedere all Area Clienti. 4 Come consultare i documenti. 5 Modello F24... 5 Estremi di pagamento... 6 Altri documenti... 7 Servizio

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Descrizione della logica dell applicazione

Descrizione della logica dell applicazione MFP 3.0 - GESTIONE COMUNITÀ Questa parte della piattaforma mfp riguarda la gestione dei clienti/pazienti inviati dai Ser.T. di cui si è richiesto l inserimento in Comunità Terapeutica, occupandosi di ricevere

Dettagli

SOMMARIO 1. PRESENTAZIONE 4 4. FILE 7 4.1. INVIO FILE DA AZIENDA A STUDIO... 8 4.2. TRASMISSIONE FILE DA AZIENDA A STUDIO E/O DIPENDENTE...

SOMMARIO 1. PRESENTAZIONE 4 4. FILE 7 4.1. INVIO FILE DA AZIENDA A STUDIO... 8 4.2. TRASMISSIONE FILE DA AZIENDA A STUDIO E/O DIPENDENTE... MANUALE DITTA 1 SOMMARIO 1. PRESENTAZIONE 4 2. RICEZIONE PASSWORD 5 3. ACCESSO AL PORTALE STUDIOWEB 6 4. FILE 7 4.1. INVIO FILE DA AZIENDA A STUDIO... 8 4.2. TRASMISSIONE FILE DA AZIENDA A STUDIO E/O DIPENDENTE...

Dettagli

Pubblicazione di contenuti vari sul sito web www.setificio.gov.it

Pubblicazione di contenuti vari sul sito web www.setificio.gov.it Pubblicazione di contenuti vari sul sito web www.setificio.gov.it Istruzioni per i docenti-editor, che hanno la possibilità di pubblicare articoli, modificare o cancellare quelli scritti da loro, modificare

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEGLI STUDI ON LINE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEGLI STUDI ON LINE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEGLI STUDI ON LINE A decorrere dall anno accademico 2015/2016 è attivata, in via sperimentale, la compilazione dei piani degli studi on-line. La sperimentazione riguarda

Dettagli

Modulo 5 Gestione del corso docente: i compiti

Modulo 5 Gestione del corso docente: i compiti Modulo 5 Gestione del corso docente: i compiti 5.1 Assegnazione e correzione di compiti preimpostati All interno del corso il docente, l insegnante può impostare o assegnare dei compiti, che gli studenti

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione della Profilazione e della Domanda di Adesione al bando: Dote scuola 2015-2016 - Domanda Componente Disabilità Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1

Dettagli