Anna Letizia Zanotti, Antonella Iacoviello

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anna Letizia Zanotti, Antonella Iacoviello"

Transcript

1 Anna Letizia Zanotti, Antonella Iacoviello RICONOSCIMENTO DELLE SPECIE BOTANICHE PRESENTI NEI DIPINTI DI NATURA MORTA DALLE IMMAGINI CONSERVATE NELLA FOTOTECA ZERI (UNIVERSITA DI BOLOGNA) PER UN DATABASE ON-LINE. 1 - La cartella di JAN BRUEGHEL IL VECCHIO Plant species identification in Still Life paintings from photos of photographic archives of Zeri Foundation (Bologna University) for an on-line database. 1 - Jan Brueghel the Old Portfolio. In the framework of the multidisciplinary project Still Life paintings in the Federico Zeri s photographic archives - an on-line database for Art History promoted by Zeri Foundation, we examined 316 photographs of Still Life paintings of 12 painters of XVII and XVIII centuries in order to determine the plant species. About 260 taxa were identified. We performed a database with a total of about 2600 records. Plant species identified in 28 photos of Jan Brueghel the Old paintings are presented and discussed. Questo contributo si inserisce nell ambito del progetto interdisciplinare La Pittura di Natura Morta nella Fototeca di Federico Zeri - un database on-line per la storia dell Arte promosso dalla Fondazione Zeri dell Università di Bologna, sotto la direzione scientifica della prof. Anna Ottani Cavina. Tale progetto si propone di inserire on-line le immagini dei quadri del genere Natura morta presenti in questa grande fototeca e raccolte in cartelle per Autore, secondo le attribuzioni di Federico Zeri ( ), e, per ogni immagine, di inserire anche le caratteristiche degli oggetti in essi raffigurati. Il fondo di fotografie del Settore Natura Morta riguarda immagini, per lo più in bianco e nero. Scopo di questo lavoro in particolare è, in primo luogo, il riconoscimento delle piante rappresentate nei quadri dei secoli XVII e XVIII, utilizzando le riproduzioni fotografiche dei dipinti e, successivamente, la costituzione di un database consultabile on-line che riporti, per ogni singola immagine, l elenco delle specie vegetali presenti. L identificazione delle specie raffigurate consentirà di conoscere più approfonditamente quali fossero le preferenze, all epoca dei dipinti esaminati, sia in fatto di piante alimentari che di piante ornamentali apprezzate come fiori recisi e coltivate nei giardini. Inoltre tale identificazione potrà essere di aiuto nella datazione dei dipinti, qualora vi siano presenti specie esotiche, in base alla data della loro introduzione in Europa e in Italia. Introduzione Con lo sviluppo dei viaggi e delle scoperte geografiche iniziati a metà del 1400, giungono in Europa dall Asia nuove specie vegetali e animali soprattutto da Costantinopoli, tramite l ambasciatore di Ferdinando d Asburgo alla corte ottomana.tra le piante giungono il ranuncolo asiatico, il gelsomino, l arancio e molte bulbose come fritillaria, muscarimia e soprattutto tulipani che daranno origine nei paesi fiamminghi ad una vera e propria tulipanomania (Zalum Cardon, 2008). A partire dal 1500 arrivano, nel porto di Cadice, anche le specie centro e sud americane, mentre in Inghilterra arrivano le specie provenienti dalle nuove colonie del Nord America. L arrivo di tante nuove specie in Europa sarà portatore di numerose conseguenze (Zalum Cardon, 2008). In primo luogo stimolerà nell uomo rinascimentale il desiderio di fare una catalogazione enciclopedica del mondo partendo dall osservazione della realtà (e non da idee preconcette e simboliche, come avveniva in epoca precedente, quando negli erbari erano raffigurate piante stilizzate e irriconoscibili) facendo così nascere la scienza botanica come branca del sapere separata dalla medicina. Ne 1

2 consegue la stesura di nuove opere che vogliono essere una silloge della botanica allora conosciuta, con descrizioni dettagliate delle piante e corredate da un apparato illustrativo meticoloso, quanto più possibile aderente al vero. La prima opera nuova è Herbarium vivae eicones di Otto Brunfels stampata a Strasburgo tra il 1530 e il 1539, cui seguiranno molti altri trattati, nel corso del 500 e dei secoli successivi. Nella tabella seguente citiamo i più noti che sono stati pubblicati fino a metà del XVII secolo: AUTORE N. M. OPERA ANNO DI PUBBLICAZIONE BRUNFELS OTTO HERBARIUM VIVAE EICONES 1530 DODOENS REMBERT HERBARIUM (e pubblicazioni successive) 1533 FUCHS LEONHARD DE HISTORIA STIRPIUM 1542 GESSNER KONRAD ENCHIRIDION HISTORIA PLANTARUM 1542 MATTIOLI PIETRO ANDREA COMMENTARI DI DIOSCORIDE 1544 DE L OBEL MATHIAS PLANTARUM SEU STIRPIUM HISTORIA 1576 CESALPINO ANDREA DE PLANTIS 1583 ACOSTA CRISTOBAL TRATTATO DELLA HISTORIA, NATURA ET VIRTU 1585 DALECHAMPS JACQUES HISTORIA GENERALIS PLANTARUM 1586 CAMERARIUS JOACHIM HORTUS MEDICUS ET PHILOSOPHICUS 1588 BAHUIN GASPARD PINAX THEATRI BOTANICI 1596 CLUSIUS CAROLUS RARIORUM PLANTARUM HISTORIA 1601 BAHUIN JOHANN HISTORIA PLANTARUM 1650 TRADESCANT JOHN MUSEUM TRADESCANTIANUM 1656 In secondo luogo l interesse per le nuove specie esotiche, di cui si riconosce il valore estetico, oramai svincolato da quello officinale, promuoverà il collezionismo di piante considerate beni rari e quindi la loro coltivazione in importanti giardini, come quelli dei Granduchi di Toscana, e nei primi Orti Botanici. La coltivazione del giardino fin dal Quattrocento (da quando cioè i giardini vengono progettati in modo nuovo), diventa uno dei passatempi più diffusi tra gli intellettuali e gli aristocratici proprietari (Còccioli Mastroviti, 2006). Vi operano famosi floricultori quali Matteo Caccini a Firenze, Giuseppe Casabona a Pisa, Giovan Battista Ferrari a Roma. Inoltre l arrivo di nuove piante stimola anche il commercio, lo scambio di notizie, di piante e di immagini tra studiosi europei. Spesso vengono chiamati noti pittori a illustrare in disegni e tempere le nuove meraviglie botaniche dei giardini: Georgius Dyckman e Daniel Froeschl ( ) 1 nel 1594 per l Orto Botanico di Pisa, Jacopo Ligozzi ( ) dal 1577 al 1606 per la Villa Medicea di Pratolino di Francesco I 2 (Bacci e Forlani, 1961), Bartolomeo Bimbi ( ) per Cosimo III, ecc.. (Tongiorgi Tomasi, 1998; Tongiorgi Tomasi e Ferri, 1993). Anche il famoso naturalista bolognese Ulisse Aldrovandi ( ) si interessa alle opere del pittore universalissimo Jacopo Ligozzi e chiede al Granduca di Toscana la replica di alcune sue tavole di soggetto naturalistico (Tongiorgi Tomasi, 2014). Lo stesso rapporto tra botanici e pittori si verifica tra il fiammingo Clusius, prefetto dell Orto Botanico di Leida e autore di numerose opere di catalogazione e descrizione botanica e De Gheyn, che ne completerà l opera con disegni botanici e che sarà uno dei padri fondatori della pittura fiamminga di Natura morta. In terzo luogo l interesse per la botanica porterà alla stesura di florilegi (a volte veri e propri cataloghi illustrati a colori con didascalie, ma senza testo) (Tongiorgi Tomasi, 1990), alcuni compilati per diletto dell artista, altri per grandi mecenati. Di seguito, in ordine di pubblicazione, indichiamo i più noti del XVI e XVII secolo (vedi anche Pigozzi, 2006): 1 disegni conservati nella Biblioteca Universitaria di Pisa 2 disegni conservati nel Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, Firenze. 2

3 AUTORE N. M. OPERA ANNO DI PUBBLICAZIONE COLLAERT ADRIAN FLORILEGIUM 1590 GERARD JOHN * HERBAL 1597 VALLET PIERRE LES VELINS DU ROI DE BRY JOHAN THEODOR FLORILEGIUM NOVUM 1611 SWEERT EMANUEL FLORILEGIUM AMPLISSIMUM ET SELECTISSIMUM 1612 BESLER BASILIUS HORTUS EYSTETTENSIS 1613 DE PASSE CRISPIN junior HORTUS FLORIDUS 1614 RABEL DANIEL * THEATRUM FLORAE 1622 FERRARI GIOVAN BATTISTA FLORA OVERO CULTURA DEI FIORI 1638 ROBERT NICOLAS * LA GUIRLANDE DE JULIE 1641 WALTER JOHANNES FLORILEGIO DI NASSAU-IDSTEIN 1646 MARSHAL ALEXANDER* FLORILEGIUM 1660 DE GEEST FRANCISCUS HORTUS AMOENISSIMUS 1668 *Da AA.VV., Tra queste opere sono particolarmente preziose per gli accurati disegni a colori, quelle di Besler, Walter e De Geest. Altre ancora ne seguiranno nei secoli successivi. Infine la coltura dei fiori ornamentali e il giardino all italiana avrà particolare fortuna nei Paesi Bassi dove pittori e incisori fiamminghi si occuperanno di temi iconografici connessi al giardinaggio e, dando inizio al genere di Natura morta, raffigureranno molte specie botaniche mossi sia da motivi estetici, che scientifici ma anche simbolici (Tongiorgi Tomasi, 1990). Fiori recisi ed ortaggi erano simboli di memento mori e di vanitas in quanto rappresentavano la fragilità e la fugacità della vita umana: Vita hominum flos est si legge nell antiporta del Florilegium di De Passe (o De Pas) (Pigozzi, 2006). Inoltre i fiori recisi erano, nella simbologia cristiana, sia simboli del sacrificio eucaristico che testimonianza delle meraviglie del creato e della grandezza di Dio. Infine il possesso di specie rare ed esotiche costituiva un segno di prestigio e distinzione per la ricca borghesia dell epoca (Pigozzi, 2006; Bazzocchi, 2010). Materiali e Metodi Il riconoscimento delle specie vegetali è avvenuto sulle immagini digitali delle foto, scansionate ad alta definizione a cura della dott. Francesca Mambelli della Fondazione Zeri, coordinatrice del progetto. Fino a questo momento abbiamo esaminato 316 riproduzioni che si riferiscono ai dipinti di 12 Autori italiani o che hanno lavorato in Italia per un periodo della loro vita, operanti tra la fine del XVI e il XVIII secolo e precisamente: AUTORE N. M. JAN BRUEGHEL IL VECCHIO TOMMASO SALINI PIETRO PAOLO BONZI AGOSTINO VERROCCHI GIOVANNA GARZONI MAESTRO DI HARTFORD (GIOVANE CARAVAGGIO?) LUCA FORTE tra il 1600 e il 1615 prima del 1670 Maestro della natura morta ACQUAVELLA attivo a Roma nella prima metà del 1600 GIACOMO RECCO NICOLA MALINCONICO FELICE RUBBIANI ANTONIO CRESPI I soggetti presi in considerazione, rappresentati nei quadri esaminati, sono fiori, frutta, rami e ortaggi, 3

4 questi ultimi spesso in interni di cucina. Il riconoscimento botanico sulle immagini fornite ha messo subito in evidenza le difficoltà e i limiti del lavoro. Ovviamente ben diverso sarebbe stato l esame diretto delle opere, ma questo avrebbe comportato ben altro impegno in termini di tempo. Spesso infatti si trattava di immagini in bianco e nero oppure, anche se a colori, non del tutto nitide o di cattiva qualità; inoltre a volte il dipinto fotografato era in cattivo stato di conservazione o abraso. Ove possibile abbiamo reperito sia dal web che da pubblicazioni specifiche le corrispondenti immagini a colori che, anche quando non presentavano una grande risoluzione, consentivano tuttavia di verificare almeno il colore dei fiori. A ciò si aggiungevano le difficoltà di determinazione, come messo già in evidenza da Signorini e Pacini (2009) dovute alla posizione della pianta nel dipinto (in secondo piano o in ombra), alla mancanza di alcune parti della pianta (indispensabili in molti casi per l attribuzione) e alla forte somiglianza tra varietà a fiori doppi appartenenti a specie diverse. Molte cultivar delle specie ornamentali presenti in passato sono oggi scomparse, come quelle di Papavero da oppio e di Anemone coronaria. Per quanto riguarda poi gli ortaggi particolari problemi di riconoscimento hanno suscitato le radici tuberizzate in quanto rafani, ravanelli, carote, scorzonere, ecc. sono spesso indistinguibili nel bianco e nero. Come ribadiscono gli Autori citati, gli artisti ritraevano in parte dal vero, valendosi di loro disegni preparatori, in parte copiavano da stampe e florilegi. Le nature morte ritraevano quindi nello stesso quadro fiori che fiorivano in stagioni diverse e specie con vita effimera quando recise. Valga per tutti l esempio del Tulipano, specie sempre presente nelle nature morte (anche in seguito alla tulipanomania ), a fioritura piuttosto breve e durata del fiore reciso ancora più breve. Essenziale è stata quindi la ricerca di documentazione storica, ottenuta con la consultazione di florilegi e opere illustrate pre-linneane come quelle citate. In queste opere tuttavia, nonostante l accuratezza della rappresentazione a colori, non è sempre agevole arrivare all identificazione della pianta secondo l attuale nomenclatura. Infatti accanto alla pianta viene riportata una frase diagnostica in latino, cioè una sorta di descrizione a volte lunga e particolareggiata (non universale, ma diversa a seconda degli Autori) e non il binomio linneano (genere e aggettivo specifico), che verrà istituito da Linneo nell opera Systema naturae solo nel Molto utile è stata l analisi delle due grandi tele dipinte da Girolamo Pini (attivo a Firenze tra il 1614 e il 1615) del Museè d Art Decoratives di Parigi, ed esposti alla Mostra Fiori tenutasi a Forlì nel 2010 (Benati et al., 2010): le numerose specie illustrate sono corredate da un numero che si riferisce ad una didascalia presente nel quadro e recante il nome comune della specie raffigurata. Immagini di erbari seicenteschi e settecenteschi si sono reperite in rete nel sito org. Naturalmente il confronto è stato effettuato anche con le iconografie botaniche attuali e soprattutto con le immagini ad alta definizione di siti internet come L analisi botanica molto rigorosa, dettagliata ed approfondita fatta da Signorini e Pacini (2009) su 50 dipinti di Natura morta esposti a Firenze nel 2003 nella mostra La Natura morta italiana, ci è stata di grandissimo aiuto ed è stata la base da cui siamo partiti. Importante ai fini del riconoscimento, in caso di dubbio, è stata anche la consultazione della Fitocronologia di Maniero (2000) aggiornamento della Cronologia della Flora Italiana di Pier Andrea Saccardo (1909, 1917), che riporta le date di introduzione in Italia delle specie esotiche consentendo di verificare se la specie presunta era già presente in Italia in coltivazione (o naturalizzata 3 ) all epoca in cui è stato realizzato il dipinto. Il lavoro di Maniero (2000) si riferisce alle introduzioni fatte a partire dal XIII secolo, e non alle specie introdotte sin dai tempi antichi di cui è incerta o ignota 3 Si definisce naturalizzata o spontaneizzata una pianta esotica che si è acclimatata in un paese diverso da quello di origine e dove vive ormai come pianta indigena. Si definisce inselvatichita una pianta coltivata che si riproduce spontaneamente al di fuori della coltura. 4

5 l origine come il melone, la vite, la fava o il giglio bianco. Delle specie non autoctone attualmente presenti nella Flora Italiana, il 90% è stato introdotto in Italia dopo il 1750, con un vero e proprio boom verificatosi nell 800. Un interessante elenco di specie coltivate nei giardini nelle diverse epoche, cui si può fare riferimento, è inserito nel lavoro della SIAF del Risultati Abbiamo quindi stilato degli elenchi delle specie riconosciute nelle singole opere di ciascun autore, indicandone sia nome comune che nome scientifico, secondo la nomenclatura di Pignatti (1982) per le specie della flora italiana o facendo riferimento alla nomenclatura ufficiale del sito org per le specie esotiche e coltivate. I taxa 4 sinora individuati sono circa 260. In caso di dubbio abbiamo indicato con una sigla, per ogni record, il grado di incertezza della determinazione (D = dubbia; DG = dubbia a livello di genere; DS = dubbia a livello di specie). Le specie al momento non riconoscibili o riconoscibili con troppa approssimazione, non sono state inserite negli elenchi. Per le specie che abbiamo ritenute interessanti abbiamo quindi inserito due sigle apposite: R = raramente rappresentata dagli artisti dell epoca; RI = raramente rappresentata e interessante. In caratteri tutti maiuscoli abbiamo inserito i nomi delle specie di cui viene raffigurata una o più parti di interesse alimentare come frutti, foglie, radici, tuberi ecc... Il database, che verrà inserito on-line e sarà consultabile (ma anche aperto ad eventuali precisazioni o correzioni), ammonta attualmente a circa 2600 records. Le opere esaminate sono contraddistinte da un numero di database attribuito dalla Fototeca Zeri e con tale numero vengono indicate nel testo. Le opere citate nel testo sono raffigurate in figura 1. Jan Brueghel il Vecchio ( ) Tra gli autori esaminati, le 28 immagini che sono state attribuite da Federico Zeri ad opere di Jan Brueghel il Vecchio hanno decisamente attirato il nostro interesse, sia per essere questo l autore più antico tra quelli esaminati, sia per l elevato numero di specie rappresentate in totale e in alcuni singoli quadri, se confrontato con quello degli altri autori esaminati. Inoltre ci ha colpito l estrema precisione ed accuratezza nella riproduzione dei caratteri morfologici delle piante possibile solo con l ausilio di mezzi ottici particolari 5, e, in alcuni casi, la loro probabile provenienza dall ambiente naturale oltreché naturalmente, in molti casi, per la scenografica e maestosa disposizione dei soggetti. Alcune opere, come le diverse versioni del Gran Bouquet, composizioni di fiori caratterizzate dal tipico horror vacui fiammingo, annoverano anche tantissime specie di dimensioni minute (fig. 2). Brueghel era nato a Bruxelles e discendeva da una dinastia di pittori: il padre Peter il Vecchio e la nonna Mayden Verhult Bessemers, pittrice miniaturista, ebbero sicuramente una grande influenza sul giovane (Gaddi e Lurie, 2012). Jan Brueghel era vissuto ad Anversa, che, come Amsterdam, era tra i mercati più fiorenti d Europa per quanto riguardava le merci provenienti dalle Indie e dai paesi orientali e quindi copioso e diversificato era il materiale da cui egli poteva attingere per le sue opere. Dal 1589 al 1596 aveva soggiornato in Italia, a Napoli, a Roma, dove aveva conosciuto il Cavalier 4 Taxa in biologia sono le categorie sistematiche (taxon, al singolare) corrispondenti a entità o raggruppamenti ordinati degli esseri viventi. I t. possono essere di qualsiasi livello gerarchico: in senso decrescente ricordiamo la classe, l ordine, la famiglia, il genere e la specie. Nel nostro caso intendiamo come taxa sia le piante riconosciute a livello di specie (genere + aggettivo specifico), di sottospecie o di varietà, sia quelle determinate solo a livello di genere. 5 I primi prototipi di microscopio furono probabilmente costruiti in Olanda da Zacharias Janssen ( ante 1632) nell ultimo decennio del XVI secolo. Zacharias era nato all Aja, ma i genitori erano probabilmente di Anversa. Pare che anche il Cardinale Borromeo ne possedesse uno (Faber Kolb, 2005). In Italia l occhialino di Galileo, verrà messo a punto da Galileo solo nel

6 d Arpino e forse Caravaggio (Solinas, 2004), e a Milano ove, nel 1595 entrava al servizio del Cardinale Federico Borromeo, arcivescovo di Milano, che fu il suo più importante mecenate e con cui instaurò un rapporto durevole di collaborazione, anche dopo il suo ritorno in patria. Collaborò inoltre con Peter Paul Rubens ( ) di cui fu fraterno amico e come lui fu pittore alla corte dei reggenti dei Paesi Bassi meridionali, gli Arciduchi Alberto e Isabella dal 1606 (Woollett e Van Suchtelen, 2006). Alla base della sua formazione artistica c era la grande tradizione fiamminga della minuziosa attenzione al particolare che si osserva nei Libri d ore e in Van Eyck (c ). Il primo autore del genere Natura morta viene considerato Hans Memling ( ) che, alla fine del Quattrocento (1485), aveva dipinto una Natura morta di fiori con tappeto; tuttavia i quattro pittori ritenuti padri fondatori del genere Natura morta floreale nelle Fiandre sono De Gheyn ( ), Savery ( ), Bosschaert ( ) e soprattutto Jan Brueghel, tutti operanti agli inizi del 1600 (Ertz et al., 2002). La prima opera di J. Brueghel di Natura morta è datata 1606 ed è costituita dal magnifico Vaso di fiori con gioiello, monete e conchiglie della Pinacoteca Ambrosiana, commissionatagli appunto dal Cardinale Borromeo. Come si è già rilevato, nelle opere di tutti i pittori fiamminghi erano spesso presenti specie il cui periodo di fioritura non è contemporaneo in quanto si avvalevano di florilegi oltre a schizzi presi dal vero nelle varie stagioni (Pacini, 1988). Per quanto riguarda i florilegi, Brueghel e i pittori di Natura morta del primo decennio del Seicento, potevano disporre del Florilegium di Collaert e delle tavole a colori di Joris (Georg) Hoefnagel ( ) che, nel 1578, aveva compiuto un viaggio in Italia e aveva forse conosciuto Jacopo Ligozzi. Hoefnagel influenzerà tutta la Natura morta fiamminga del 1600 (Bacci e Forlani, 1961). Per quanto riguarda la copia dal vero, questo viene dimostrato sia dall accuratezza e minuziosità di Brueghel, ma anche da una sua lettera del 26 gennaio 1606 a Federico Borromeo, che gli aveva commissionato la Natura morta di cui si è trattato sopra. In questa lettera Brueghel si scusava per la lentezza nella consegna del lavoro causata dal fatto che stava ancora aspettando la nascita di alcuni fiori e che per ritrarne altri al naturale si doveva recare a Bruxelles non trovandoli ad Anversa (Crivelli, 1868). Per Bruxelles intendeva i giardini di Palazzo degli arciduchi Alberto e Isabella (Faber Kolb, 2005). Infine occorre precisare che Brueghel e Borromeo condividevano l interesse per il mondo naturale; in particolare per Borromeo la rappresentazione artistica della natura era uno strumento educativo per dimostrare l esistenza e la grandezza di Dio e la magnificenza del creato, che si rifletteva nella straordinaria varietà delle specie viventi (Faber Kolb, 2005). Questo concetto era condiviso anche dai protestanti (come erano molti autori fiamminghi di Natura morta) per i quali la rappresentazione e lo studio della natura aveva un profondo significato religioso in quanto ritenevano che li avvicinasse di più a Dio. 6 Nei Paesi Bassi le provincie settentrionali protestanti si staccarono dalla cattolica Spagna di Filippo II formando uno stato indipendente (l attuale Olanda), mentre quelle meridionali rimasero asburgiche e cattoliche (attuale Belgio). Anversa dal 1585 divenne un bastione cattolico dei Paesi Bassi Meridionali (Woollett e Van Suchtelen, 2006). 6

7 Piante rappresentate Nelle riproduzioni dei 28 dipinti esaminati abbiamo identificato 131 diversi taxa. I taxa più frequentemente raffigurati sono indicati nella tabella seguente: TAXA N. PRESENZE % Rosa Jasminum officinale Tulipa gesneriana e ibridi Myosotis arvensis Viola tricolor Dianthus caryophyllus Anemone pavonina Nigella damascena Rosmarinus officinalis Cyclamen hederifolium Lychnis chalcedonica Anemone coronaria Philadelphus coronarius Ranunculus acris Narcissus tazetta Iris germanica Tagetes erecta Come si vede la Rosa è sempre presente seguita da Gelsomino, Tulipano, Nontiscordardime, Viola del pensiero e Garofano. Le specie autoctone italiane raffigurate sono sia spontanee che coltivate e rappresentano circa l 83% del totale; le specie esotiche di origine asiatica sono il 12% (per la maggior parte introdotte dai secoli XV e XVI), quelle di origine americana il 5%. Tra le asiatiche che godevano di grande fortuna all epoca e che, come si è detto, giungevano da Costantinopoli, ci sono Tulipa clusiana, Tulipa gesneriana e ibridi, Lychnis chalcedonica, Fritillaria imperialis, Jasminum officinale (presente già nel 1415), Syringa vulgaris, Alcea rosea, Celosia argentea e Malus domestica. Tra le specie esotiche che provenivano dall America centrale e Meridionale ci sono la zucca, la Mirabilis jalapa, i tageti, il girasole e il nasturzio. Tra le specie di interesse alimentare citiamo anche i piccoli frutti come corbezzoli, gelsomore, fragole, ciliegie e la frutta secca (noci e mandorle). Tra i frutti pere, fichi, mele, melograni, uva e albicocche. I casi critici (DG - DS) Gli esemplari più difficilmente identificabili in assoluto a livello di specie (DS) sono quelle appartenenti al genere Rosa, che possono essere determinate solo da specialisti della materia. Tra le bulbose parecchi dubbi di identificazione hanno sollevato Iris, Narcisi, Crochi e Giunchiglie (DS), considerando anche che molte cultivar dell epoca, derivati da ibridi tra specie diverse, sono oggi scomparse. Complessa è anche l identificazione, sempre a livello di specie, delle piante appartenenti al genere Dianthus, al genere Viola e al genere Myosotis (Nontiscordardimé) in quanto molto simili tra loro. Problemi di identificazione a livello di genere hanno riguardato, oltre alle tante specie a fiori doppi come detto in precedenza, anche altre specie molto simili e che oltretutto hanno in comune lo stesso nome volgare ma che appartengono in realtà a generi diversi. E il caso delle violaciocche (Erysimum cheiri, Matthiola incana e Hesperis matronalis) che si differiscono per il colore dei fiori (rispettivamente giallo, rosa e varie tonalità dal bianco al rosso), per la disposizione delle foglie e per la morfologia del calice, ma spesso sono piuttosto indistinguibili nelle immagini in bianco e nero (DG). 7

8 Le specie interessanti (R - RI) Abbiamo ritenuto degne di nota le specie che non avevamo individuato negli altri artisti esaminati (R), come le campanule (di cui si distinguono tre specie diverse) (fig. 3), il crespino (fig. 4), la crespolina (fig. 5), il timo (fig 6), la muscarimia e il giglio marino di Sardegna. Si tratta di specie a volte reperibili solo in natura oppure, se coltivate, non particolarmente vistose (come le campanule, il timo o la crespolina) oppure specie legnose come il crespino e il melo (fig. 7) non frequenti nei pittori seicenteschi italiani (il melo in particolare era però raffigurato dai pittori nord-europei) (Maniero, 2000). La muscarimia (Muscarimia muscari = Muscari racemosum = Hyacinthus muscari), raffigurata in boccio (fig. 8), è una liliacea bulbosa di origine asiatica; coltivata in Italia per ornamento (introdotta nel 1565), risulta inselvatichita un tempo presso Pisa e Firenze (Pignatti, 1982). Probabilmente è presente anche nelle miniature di Aldrovandi dove è citato un Hyacinthus muscari (Bacci e Forlani, 1961). Il giglio marino di Sardegna (fig. 9), Pancratium illyricum, rappresentato nell immagine del dipinto n è una amaryllidacea che, anche se da tempo presente in coltivazione, in natura è endemica e attualmente rara in quanto segnalata solo negli ambienti rocciosi umidi di Sardegna, Corsica e delle Isole dell Arcipelago Toscano. Tra le legnose ornamentali non di interesse alimentare, oltre al citato crespino, sono raffigurate nei dipinti la tuja, il fior d angiolo, il lillà, la rovere e il crespino. La tuja, Thuja occidentalis, cupressacea sempreverde che risulta però introdotta in Italia solo nel 1635, pare identificabile nel dipinto n Ovviamente potrebbe anche darsi che l introduzione nei Paesi Bassi sia anteriore alla data di introduzione in Italia. Concludendo, grazie all accuratezza e minuziosità della rappresentazione delle 28 opere di Brueghel esaminate in fotografia, siamo stati in grado di riconoscere e censire 582 presenze appartenenti a 131 taxa. 32 taxa sono stati ritenuti rari nei dipinti dell epoca e interessanti, pari al 24% dei taxa totali (e al 12% delle presenze). Il numero medio di taxa presenti per dipinto è di circa 21; in qualche caso si è arrivati a identificare fino a 56 taxa in un solo quadro (immagine n ). 8

9 Figura 1 - Fotografie delle opere citate nel testo con il numero d archivio della Fototeca. 9

10 Figura 2 - Bouquet in vaso d argilla di Jan Brueghel del Kunsthistorische Museum di Vienna molto simile (ma non identico!) all immagine n

11 Particolare dell immagine n e, a destra, un esemplare di Campanula toscana (Campanula medium). Particolare dell immagine n e, a destra, un esemplare di Raperonzolo (Campanula rapunculus). Particolare dell immagine n e, a destra, un esemplare di Campanula a foglie di pesco (Campanula persicifolia). Figura 3 - Le Campanule nelle immagini dei dipinti e in natura 11

12 Figura 4 - Particolare dell immagine n ; a destra il crespino (Berberis vulgaris). L immagine più piccola del particolare del dipinto, a colori ma a bassa risoluzione, ha permesso di conoscere il colore dei fiori e quindi confermare l identificazione. Figura 5 - Un particolare dell immagine n e, a destra, fusto e foglie della crespolina (Santolina chamaecyparissus). 12

13 Figura 6 - Particolare dell immagine n (copia a colori; foto originale in BN) e, a destra, un esemplare di timo (Thymus serpillum). Figura 7 - Particolare dell immagine n (copia a colori; foto originale in BN) e, a destra, fiori e boccioli di melo (Malus communis). Figura 8 - Particolare dell immagine n e, a destra, un esemplare di muscarimia (Muscarimia muscari), in boccio e in fiore. 13

14 Figura 9 - In alto a sinistra particolare dell immagine n : sono riconoscibili lo scapo compresso, le lacinie del tubo perigoniale e le frange degli stami del giglio marino di Sardegna (Pancratium illyricum). A destra un esemplare della specie fotografato in natura. Sotto: rappresentazioni di Pancratium illyricum dai florilegi. A sinistra disegno tratto da Hortus Eystettensis di Basilius Bessler (1613); a destra dal Mr. Marshal s flower book (1660). Come si può notare la specie raffigurata da Brueghel è sicuramente presa dal vero; i florilegi, sia contemporanei che posteriori, non la raffigurano certamente in maniera altrettanto efficace. Nel disegno di Bessler viene indicata, in basso, anche la frase diagnostica latina LilioNarcissusHemerocalli disfacie che potrebbe tradursi con Lilio Narciso che fiorisce di giorno dall aspetto ricco. 14

15 BIBLIOGRAFIA Principale testo di riferimento Zeri F,. Porzio F. - La Natura morta in Italia, Milano, Electa, Citazioni bibliografiche AA.VV. - Mr. Marshal s flower book. Royal collection pubblications, Bacci M., Forlani A. (a cura di) - Mostra dei disegni di Jacopo Ligozzi ( ). Olschki, Firenze, Bazzocchi M.A. - Il corpo e l anima dei fiori. In Benati D., Mazzocca F., Morandotti A. (a cura di) - Fiori. Natura e simbolo dal Seicento a Van Gogh. Cat. Mostra Forlì, SilvanaEditoriale, Benati D., Mazzocca F., Morandotti A. (a cura di) - Fiori. Natura e simbolo dal Seicento a Van Gogh. Cat. Mostra Forlì, SilvanaEditoriale, Còccioli Mastroviti A. - Ornatissimi giardini e belle vigne. In Pigozzi M. (a cura di) - Filtri di salute, d amore, di morte, di conoscenza. Ed. TIP.LE.CO, Crivelli G. - Giovanni Brueghel, pittore fiammingo e sue lettere esistenti presso l Ambrosiana. Milano, Ertz K., Schütz K., Wied A. - Das flämische stillleben Kunsthistorisches M. Wien, Luca Verlag, Faber Kolb A. - Jan Brueghel the Elder. The entry of the animals into the Noah s Ark. Getty Publications, Los Angeles, Gaddi S., Lurie D.J. - La dinastia Brueghel. Como - Villa Olmo (24 marzo - 29 luglio 2012), Silvana, Maniero F. - Fitocronologia d Italia. Leo S. Olschki, Pacini E. - Dalla parte del botanico. In Mosco M., Rizzotto M. (a cura di) - Floralia. Florilegio dalle collezioni fiorentine del Sei Settecento, cat. mostra di Firenze, Centro Di, Firenze Pignatti S. - Flora d Italia. Edagricole, Pigozzi M. - Filtri di salute, d amore, di morte, di conoscenza dai cabinets ai laboratori. In Pigozzi M. (a cura di) - Filtri di salute, d amore, di morte, di conoscenza. Ed. TIP.LE.CO, Saccardo P.A. - Cronologia della flora italiana. Padova, Tipografia del Seminario, Saccardo P.A. - Cronologia delle piante da giardino e da campo coltivate in Italia. Boll. Uff. Ass. Orticola Professionale Italiana, Sanremo, SIAF Scuola italiana Arte Floreale Camilla Malvasia - Breve storia dei giardini fino al 700. Fiori e piante da Roma al 700, Signorini M.A., Pacini E. - Tra Linneo e Caravaggio. Riflessioni botaniche a margine di una mostra sulla Natura morta. Fondazione Roberto Longhi, Solinas F. - Fiori. Cinque secoli di pittura floreale, Mostra di Biella, Campisano, Tongiorgi Tomasi L. - Flora e Pomona. L orticoltura nei disegni e nelle incisioni dei secoli XVI-XIX, A. Tosi, Firenze Tongiorgi Tomasi L. - Bartolomeo Bimbi Pittore eccellente di fiori, nelle frutte e negli animali e la tradizione toscana dell immagine naturalistica. In Meloni Trkulja S. e Tongiorgi Tomasi L. (a cura di) - Bartolomeo Bimbi. Un pittore di piante e animali alla corte dei Medici. Edifir. Firenze, Tongiorgi Tomasi L. - Tutte le pitture dipinte al vivo dal signor Jacopo Ligozzi, a quali non manca se non il spirito, in Cecchi A., Conigliello L., Faietti M. (a cura di) - Jacopo Ligozzi pittore universalissimo, Sillabe, Tongiorgi Tomasi L., Ferri S. - I ritratti di piante di Jacopo Ligozzi. Storia e immagine nella Scienza. Ed. Pacini,

16 Woollett A.T., Van Suchtelen A. - Rubens & Brueghel a working friendship. Getty Publications, Los Angeles, Zalum Cardon M. - I fiori tra Firenze e Roma nel XVI e XVIII secolo. Olschki, Ringraziamenti Si ringrazia la dott. Francesca Mambelli della Fondazione Zeri, coordinatrice del Progetto, per la preziosa collaborazione prestata nella scelta delle immagini, nella loro accurata scansione ad alta definizione e nel reperimento delle fonti bibliografiche. Si ringrazia per le segnalazioni bibliografiche la dott. Anna Còccioli Mastroviti della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle provincie di Parma e Piacenza. 16

Il teatro della natura

Il teatro della natura Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze Sezione Didattica 2009 Il teatro

Dettagli

Veduta dell Orto Botanico da uno dei suoi ingressi. Proposte didattiche

Veduta dell Orto Botanico da uno dei suoi ingressi. Proposte didattiche Veduta dell Orto Botanico da uno dei suoi ingressi Proposte didattiche L Orto Botanico di Padova (sito iscritto nel 1997) Breve sintesi Il primo orto universitario al mondo è stato realizzato a Padova,

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cermenate SCUOLA PRIMARIA DI VIA ALFIERI

Istituto Comprensivo di Cermenate SCUOLA PRIMARIA DI VIA ALFIERI Istituto Comprensivo di Cermenate SCUOLA PRIMARIA DI VIA ALFIERI L orto: il lavoro della terra come via educativa Progetto educativo didattico Storia del Progetto I docenti del plesso dall a.s. 2012/13,

Dettagli

Il cannocchiale e il pennello Nuova scienza e nuova arte nell età di Galileo. Pisa, Blu Palazzo 9 maggio 19 luglio 2009

Il cannocchiale e il pennello Nuova scienza e nuova arte nell età di Galileo. Pisa, Blu Palazzo 9 maggio 19 luglio 2009 Il cannocchiale e il pennello Nuova scienza e nuova arte nell età di Galileo Pisa, Blu Palazzo 9 maggio 19 luglio 2009 Progetto di mostra a cura di Lucia Tomasi Tongiorgi e Alessandro Tosi Enti promotori

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Prof. Alberto Cottino. Storico dell arte. Torino MAESTRO DELLE VANITAS. (attivo a Roma? Intorno alla metà del XVII secolo)

Prof. Alberto Cottino. Storico dell arte. Torino MAESTRO DELLE VANITAS. (attivo a Roma? Intorno alla metà del XVII secolo) MAESTRO DELLE VANITAS (attivo a Roma? Intorno alla metà del XVII secolo) Natura morta di fiori in un vaso di vetro poggiato su un libro, un globo, una candela e altri libri su un tappeto da tavola (Vanitas)

Dettagli

Alla ricerca delle piante minacciate

Alla ricerca delle piante minacciate Estinzione e conservazione Unità didattica 4 Alla ricerca delle piante minacciate Durata 4 ore (1 ora al giorno) Materiali - Liste rosse (vedi nelle note per gli insegnanti) - computer - quaderno di scienze

Dettagli

http://expo.khi.fi.it

http://expo.khi.fi.it COMUNICATO STAMPA 22 aprile 2013 http://expo.khi.fi.it FOTOGRAFIE DI UN ANTIQUARIO: LA RACCOLTA DI ELIA VOLPI. Una mostra online della Kunsthistorisches A partire dal 22 aprile 2013 la in Florenz Max-

Dettagli

IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA. Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova

IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA. Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova IL RADICCHIO DI TREVISO ALLE NOZZE DI CANA Tiziano Tempesta Dipartimento TESAF Università di Padova Le origini del radicchio rosso di Treviso non sono del tutto note. Benché esistano testimonianze della

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

PREFAZIONE Bona Borromeo

PREFAZIONE Bona Borromeo 8 PREFAZIONE Bona Borromeo Mi sento molto lusingata di presentare questo piacevolissimo libro sulla fotografia dei giardini, anche se non sono mai stata un abile fotografa nè una brava floricoltrice. Il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Una risorsa online per la storia dell'arte: il database della fototeca Zeri. Francesca Mambelli, Fondazione Federico Zeri

Una risorsa online per la storia dell'arte: il database della fototeca Zeri. Francesca Mambelli, Fondazione Federico Zeri Una risorsa online per la storia dell'arte: il database della fototeca Zeri Francesca Mambelli, Fondazione Federico Zeri Federico Zeri nel suo studio a Mentana fotografie nei raccoglitori originali in

Dettagli

Due strumenti della comunicazione scientifica

Due strumenti della comunicazione scientifica 4 CAPITOLO 1 visto, l offerta in Internet, sostenuta da un crescente numero di docenti e di università, di pubblicazioni scientifiche digitali ad accesso libero e gratuito. Mutano anche i contenuti? A

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Saturday, February 23, 13

Saturday, February 23, 13 FLORICOLTURA NEI PAESI BASSI LE ORIGINI: L arte dei giardini e la floricoltura si svilupparono particolarmente in Olanda dalla fine del XVI secolo, grazie alla coltivazione e ibridazione di specie rare,

Dettagli

Francesca Velani. Direttore del progetto Vicepresidente Promo PA Fondazione

Francesca Velani. Direttore del progetto Vicepresidente Promo PA Fondazione Francesca Velani Direttore del progetto Vicepresidente Promo PA Fondazione L Archivio di Lido di Camaiore L Archivio di Lido di Camaiore conserva la memoria del Maestro Galileo (Firenze, 1873-1956) attraverso

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

LABORATORI DELL INFANZIA

LABORATORI DELL INFANZIA LABORATORI DELL INFANZIA Le attività rivolte ai più piccoli sono ricche di esperienze pratiche e manipolative capaci di coinvolgerli anche con l accompagnamento di un tema musicale appropriato. I bambini

Dettagli

DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE

DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE PINACOTECA AGNELLI ATTIVITA' EDUCATIVE RAFFAELLO: LA MADONNA DEL DIVINO AMORE In occasione della mostra Raffaello: la Madonna del Divino Amore (17 marzo 28 giugno 2015) il Dipartimento

Dettagli

SOCIETA BOTANICA ITALIANA ONLUS COLLEZIONI VEGETALI SPECIALIZZATE REGOLAMENTO

SOCIETA BOTANICA ITALIANA ONLUS COLLEZIONI VEGETALI SPECIALIZZATE REGOLAMENTO SOCIETA BOTANICA ITALIANA ONLUS COLLEZIONI VEGETALI SPECIALIZZATE REGOLAMENTO Le collezioni vegetali specializzate sono raccolte di piante vive appartenenti ad un determinato taxon (collezioni sistematiche)

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

Dall Oriente a Torino

Dall Oriente a Torino Dall Oriente a Torino Negli anni Trenta del Settecento, Villa della Regina venne arricchita di preziosi gabinetti decorati alla China, piccoli ambienti che ospitavano servizi da tè, caffè e cioccolata

Dettagli

Possiamo inoltre leggere, sull invenzione della stampa, brevi testi estratti da enciclopedie online (pagine 3 e 4).

Possiamo inoltre leggere, sull invenzione della stampa, brevi testi estratti da enciclopedie online (pagine 3 e 4). Italiano-Tecnologia L INVENZIONE DELLA STAMPA ovvero come scrivere un testo storico informativo dopo aver visto un cartone animato e letto alcune pagine enciclopediche. Proponiamo ai bambini la visione

Dettagli

RICERCHE ED INVENTARI NELLE GALLERIE FIORENTINE

RICERCHE ED INVENTARI NELLE GALLERIE FIORENTINE 27 settembre 2006 RICERCHE ED INVENTARI NELLE GALLERIE FIORENTINE L informatizzazione dell Inventario Generale dei Dipinti - Inventario 1890 Progetto curato da Maria Sframeli, Direttrice Ufficio Ricerche

Dettagli

XIV secolo: il Polittico di Ottana

XIV secolo: il Polittico di Ottana XIV secolo: il Polittico di Ottana Polittico: Numero di scomparti variabile Può trovarsi in basso una tavoletta orizzontale, la predella Parte integrante la cornice, semplice o arricchita da elementi di

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Il florovivaismo

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

newsletter MSNPC n. 2 - ottobre 2015

newsletter MSNPC n. 2 - ottobre 2015 newsletter MSNPC n. 2 - ottobre 2015 Cari Amici, proseguiamo l invio, a cadenza quadrimestrale, di una breve newsletter nella quale indichiamo le principali attività portate avanti dal Museo civico di

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

www.evolutionmegalab.org/it evolutionmegalabitalia@unife.it

www.evolutionmegalab.org/it evolutionmegalabitalia@unife.it Alla cortese attenzione di: Docenti di Scienze Dirigenti Scolastici Responsabili dei Dipartimenti di Scienze Responsabili dei Laboratori Scientifici scolastici Oggetto: Invito a partecipare al progetto

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LETTURA LA SCUOLA VA IN BIBLIOTECA: ATTIVITA' DI PROMOZIONE ALLA LETTURA RISERVATA ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA RIVOLTO A alunni della scuola dell infanzia e loro insegnanti. POSTI DISPONIBILI

Dettagli

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO Capire chi siamo, come siamo fatti e in che mondo viviamo sono esigenze vitali delle persone e, in particolare, dei bambini. Bisogna allora cominciare a guardare

Dettagli

Ventennale del Museo Barovier&Toso

Ventennale del Museo Barovier&Toso Ventennale del Museo Barovier&Toso IL PRIMO MUSEO VETRARIO PRIVATO A VENEZIA FESTEGGIA VENTI ANNI Giugno 2015 S ono ormai trascorsi venti anni dall inaugurazione del Museo Barovier&Toso, unico museo privato

Dettagli

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 Accademia degli Euteleti DELLA CITTÀ DI SAN MINIATO Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 a cura di Federico Tognoni Premessa di Mara Roani Introduzione di Lucia Tongiorgi Tomasi Edizioni ETS www.edizioniets.com

Dettagli

Elementi di catalogazione. Prof. Francesco MORANTE

Elementi di catalogazione. Prof. Francesco MORANTE Elementi di catalogazione Prof. Francesco MORANTE PRINCIPI DI CATALOGAZIONE Le schede di catalogo sono modelli descrittivi che raccolgono in modo organizzato le informazioni sui beni culturali. Le schede

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Amici dall'orto e dal frutteto che ci aiutano a mangiare bene e vivere meglio. Non li avete mai visti ammiccare dai banche

Dettagli

Una mostra unica, dove passione, amore, genio e tecnologia parlano al cuore della gente

Una mostra unica, dove passione, amore, genio e tecnologia parlano al cuore della gente Una mostra unica, dove passione, amore, genio e tecnologia parlano al cuore della gente MODIGLIANI EXPERIENCE Un evento mai rappresentato: la prima grande mostra internazionale sull opera e la vita di

Dettagli

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni Cercare le origini Qualunque sia l attività umana studiata il medesimo errore aspetta al varco i ricercatori di origini : confondere

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Laboratorio della Memoria

Laboratorio della Memoria Comune di Gemmano Laboratorio della Memoria Progetto 2006 a cura dell Auser Provinciale di Rimini 1 Laboratorio della Memoria 2006 Premessa Il presente progetto è la prosecuzione del progetto approvato

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

PROGRAMMA PER LE SCUOLE DI DISEGNO. Bellinzona Tipografìa e Litografìa Cantonale 19 05

PROGRAMMA PER LE SCUOLE DI DISEGNO. Bellinzona Tipografìa e Litografìa Cantonale 19 05 PROGRAMMA PER LE SCUOLE DI DISEGNO Bellinzona Tipografìa e Litografìa Cantonale 19 05 PROGRAMMA PER LE SCUOLE DI DISEGNO Scuole Elementari. (Corso comune). Disegno geometrico a mano libera e con istrumenti

Dettagli

PROGRAMMA PER LE SCUOLE DI DISEGNO. Bellinzona. Tipografìa e Litografìa Cantonale

PROGRAMMA PER LE SCUOLE DI DISEGNO. Bellinzona. Tipografìa e Litografìa Cantonale PROGRAMMA PER LE SCUOLE DI DISEGNO Bellinzona Tipografìa e Litografìa Cantonale 1 905 PROGRAMMA PER LE SCUOLE DI DISEGNO Scuole Elementari. (Corso comune). Disegno geometrico a mano libera e con istrumenti

Dettagli

Le piante si presentano

Le piante si presentano Estinzione e conservazione Unità didattica 1 Le piante si presentano Durata 2 ore Materiali per ciascun gruppo - schede di lavoro reperibili nelle risorse multimediali, estinzione e conservazione, unità

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Seminario per archivisti d imprese della moda. 23-24-25 ottobre 2014

Seminario per archivisti d imprese della moda. 23-24-25 ottobre 2014 Seminario per archivisti d imprese della moda 23-24-25 ottobre 2014 Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica Anna Maria Enriques Agnoletti dell Archivio di Stato di Firenze Viale Giovine Italia

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN BENI STORICO-ARTISTICI DIPARTIMENTO DELLE ARTI VISIVE, PERFORMATIVE E MEDIALI PRESENTAZIONE La Scuola di Specializzazione in Beni

Dettagli

BANCHE DATI DI IMMAGINI

BANCHE DATI DI IMMAGINI RISORSE ONLINE PER LA STORIA DELL ARCHITETTURA BANCHE DATI DI IMMAGINI Diateca DSA dello IUAV. http://iuavbc.iuav.it/sbda/ È la prima risorsa elettronica cui fare riferimento, indispensabile per le piante

Dettagli

immagini per pensare Con il contributo educazionale di:

immagini per pensare Con il contributo educazionale di: immagini per pensare Con il contributo educazionale di: La storia dell uomo si è evoluta insieme alle sue abitudini alimentari. Così, le immagini del cibo finiscono spesso per rappresentare meglio di ogni

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Viaggio d Istruzione Bruxelles Strasburgo Lussemburgo Amsterdam Parigi PROPOSTA VIAGGIO DI ISTRUZIONE A BRUXELLES PARLAMENTO EUROPEO

Viaggio d Istruzione Bruxelles Strasburgo Lussemburgo Amsterdam Parigi PROPOSTA VIAGGIO DI ISTRUZIONE A BRUXELLES PARLAMENTO EUROPEO PROPOSTA VIAGGIO DI ISTRUZIONE A BRUXELLES PARLAMENTO EUROPEO N. GIORNI: 7 VIAGGIO IN BUS Tappe: San Marino Lucerna (Svizzera) Strasburgo (Francia) Lussemburgo Bruxelles (Belgio) Amsterdam (Olanda) Parigi

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Tassonomia. Dispensa a uso interno

Tassonomia. Dispensa a uso interno Tassonomia La tassonomia (dal greco ταξις, taxis, "ordinamento", e νομος, nomos, "norma" o "regola") è, nel suo significato più generale, la disciplina della classificazione. Essa stabilisce i criteri

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia NOVE DA FIRENZE www.nove.firenze.it http://www.nove.firenze.it/levoluzione-della-cartografia-militare-dai-lorena-ai-savoia.htm L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia sabato 07 novembre

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

Il progetto. Il Fondo Pasquale D Elia

Il progetto. Il Fondo Pasquale D Elia Il progetto Grazie alla collaborazione tra l Università degli Studi di Roma Sapienza e l Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana è stato realizzato parte del catalogo relativo al Fondo

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

Inchiesta sul fenomeno del plagio Università degli Studi di Pisa. La società :

Inchiesta sul fenomeno del plagio Università degli Studi di Pisa. La società : La società : Creatrice del software di sorveglianza e rilevamento del plagio da Internet Vi propone i risultati dello studio effettuato: Inchiesta sul fenomeno del plagio Qualche cifra.. Quasi la metà

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Relazione della Direzione del museo sulle attività svolte durante il 2004

Relazione della Direzione del museo sulle attività svolte durante il 2004 Relazione della Direzione del museo sulle attività svolte durante il 2004 Nel 2004 l Orto Botanico, in 245 giorni da apertura da marzo ad ottobre, è stato visitato da 16.542 persone, con maggior frequenza

Dettagli

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA Madonna del Granduca, 1506, Galleria Palatina, Palazzo Pitti, Firenze Il dipinto è così denominato perché fu acquistato dal granduca di Toscana Ferdinando III nel 1799, per

Dettagli

Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi

Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi Stampe grandi di Santa Maria dei Bisognosi Nelle ricerche relative alla storia del santuario di Santa Maria dei Bisognosi, che si sono concluse con la pubblicazione di un libro avvenuta nell anno 2010,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE Rofrano Barbara PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA L insegnamento della religione

Dettagli

Corso ECM La medicina umanistica e narrativa (Roma, 18-19 marzo 2015 I edizione)

Corso ECM La medicina umanistica e narrativa (Roma, 18-19 marzo 2015 I edizione) Corso ECM La medicina umanistica e narrativa (Roma, 18-19 marzo 2015 I edizione) La Medicina Umanistica in Italia: iniziative Anna Patrone ed Emanuele Del Baglivo bibpaz@ifo.it Biblioteca Digitale Centro

Dettagli

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane

Mary Douglas. Analisi dei simboli e del loro rapporto con il sistema sociale Teoria generale dei simboli valida per tutte le società umane Mary Douglas Mary Douglas (1921 2007), antropologa inglese, allieva di Evans Pritchard, appartiene alla scuola funzionalista rinnovata nel dopoguerra dal pensiero di Evans Pritchard Mary Douglas Purezza

Dettagli

Padova 07/05/2014 Alberta Grassetto coordinatrice servizi educativi

Padova 07/05/2014 Alberta Grassetto coordinatrice servizi educativi Padova 07/05/2014 Alberta Grassetto coordinatrice servizi educativi IL METODO MONTESSORI IN MENSA. ESPERIENZE ATTIVE NELLE SCUOLE RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI: LE RICETTE DI MARIA MONTESSORI CENT ANNI DOPO

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti incontri di formazione e aggiornamento per docenti In occasione della mostra su Dosso Dossi, artista del Rinascimento attivo presso la corte estense di Ferrara e nel Magno Palazzo del cardinale di Trento,

Dettagli

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella 2015 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione

Dettagli

L immagine fotografica come documento e documentazione

L immagine fotografica come documento e documentazione L immagine fotografica come documento e documentazione 27 febbraio 2012 San Pietro in Casale Circolo fotografico Punti di vista Alessandro Alessandrini Premesse L immagine fotografica è un oggetto che

Dettagli

BIOBLITZ Italia 2012:

BIOBLITZ Italia 2012: . BIOBLITZ Italia 2012: L Amministrazione Provinciale di Roma e le Università, le Scuole, le Aree Protette, i Bambini, i Ragazzi e le Famiglie INSIEME per l educazione ambientale, per la conoscenza e il

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

Il cannocchiale di Galileo

Il cannocchiale di Galileo Il cannocchiale di Galileo Test Qui di seguito è stato raccolto il materiale relativo ai Test di verifica dei contenuti presenti nelle sezioni Storia e Simula dell applicazione. I testi sono a cura dell

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Nella professione tecnica la mediocrità non è consentita

Nella professione tecnica la mediocrità non è consentita QUANDO LA TECNICA SI FA ARTE Nella professione tecnica la mediocrità non è consentita Leonardo Ing. Tec. I disegni tecnici di Leonardo riflettono le proprie capacità ingegneristiche. Oggi appaiono con

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Istituto Comprensivo «G.B.Toschi» Baiso Concorso di idee io amo i beni culturali 2012-2013 L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Una stanza per l arte Lo Studiolo Lo studiolo è un ambiente

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1546 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore MACCANICO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MAGGIO 2007 Riconoscimento del carattere nazionale al Bioparco di Roma

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

La crisi dei tulipani olandesi del 1637. Prof. Prisco

La crisi dei tulipani olandesi del 1637. Prof. Prisco La crisi dei tulipani olandesi del 1637 Prof. Prisco Il nome di Isaac Boxtel, floricoltore olandese del 600, ai più non dice molto. Eppure, questo signore fu al centro di una delle maggiori speculazioni

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

I DISEGNI DI LEONARDO

I DISEGNI DI LEONARDO a cura di R. Cardini I DISEGNI DI LEONARDO Il disegno come forma della mente Nella pratica artistica e nella ricerca scientifica di Leonardo (15 aprile 1452 2 maggio 1519) il disegno assume un importanza

Dettagli

CODICE RUSTICI. Un viaggio attraverso la Storia, l Arte e la Chiesa della Firenze del XV secolo

CODICE RUSTICI. Un viaggio attraverso la Storia, l Arte e la Chiesa della Firenze del XV secolo CODICE RUSTICI Un viaggio attraverso la Storia, l Arte e la Chiesa della Firenze del XV secolo «Una splendida miniera di notizie e immagini» Nel 1441, alla vigilia dei cinquant anni, l orafo fiorentino

Dettagli

Wikipedia libera i monumenti Wiki Loves Monuments Italia 201

Wikipedia libera i monumenti Wiki Loves Monuments Italia 201 Wikipedia libera i monumenti Wiki Loves Monuments Italia 201 Foto di Nicola D Orta - licenza CC-BY-SA - fonte Wikimedia Commons Cos è Wiki Loves Monuments? Foto di F. Cadioli - licenza CC-BY-SA - fonte

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI Informazioni generali Strutture, spazi e attrezzature Consistenza e disponibilità

Dettagli