AZIONE DI SISTEMA E. Partner responsabile Consorzio LAMMA. Antonini A., Melani S. LAMMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE DI SISTEMA E. Partner responsabile Consorzio LAMMA. Antonini A., Melani S. LAMMA"

Transcript

1 N componente 4 N azione 4.1 Radar preesistenti e installati nel corso del progetto resi fruibili per lo spazio transfrontaliero. Prodotti radar compatibili coi mosaici nazionali (italiani e/o francesi) esistenti AZIONE DI SISTEMA E Partner responsabile Consorzio LAMMA Antonini A., Melani S. LAMMA Pinna Nossai R. ARPAS, Dipartimento Specialistico Regionale Idrometeoclimatico Giorgetti J.P., Bruno C. Météo-France, Délegation de la Corse

2 ABSTRACT Ce document c'est un résumé des activités menées dans l'action de Système E du projet Resmar, visant à le partage et l échange de données de radars météorologiques gérés par les partenaires du projet respectivement des régions Sardaigne, Corse et Toscane. Ces activités sont incluses dans les Composants 3 et 4 de l'action de Système E du projet, appelées "Modèle de prévention des dynamiques d'instabilité hydrogéologique". C'est nécessaire de considérer les produits de la Composant 3 que résument les activités de radar météorologie: "ASE-3.1-Esigenze Reti Radar" et "Report_3.1.2", comme faisant partie du présent document. Certains de ces systèmes radar étaient déjà en existence et opérationnels avant le projet: le radar de Monte Rasu (Sardaigne) et le radar Aleria (Corse). L'analyse préliminaire effectuée dans la phase initiale du projet terminée par la rédaction du document "ASE-3.1" a mis en évidence la nécessité d'une intervention sur les deux systèmes radar pour les rendre interopérables, et la nécessité pour la Toscane de développer un réseau radar (par remplacement de radars, désormais obsolète et désaffecté), afin d étendre et compléter la couverture du réseau national de radars. Dans le projet RESMAR le partnaire Consortium LAMMA a installée le premiere radar meteorologique de cette reseau a l'ile d'elbe. A deuxième radar acheté par l'autoritèe Portuaire de Livourne a ete installée a Livourne et la gestion a été confiée au Consortium LAMMA. Les activités de radar météorologie du projet ont conduit à l'utilisation d'un format commun pour l'échange de données, le BUFR 3.1, le format utilisée par le group du projet OPERA (Operational Program on the Exchange of weather RAdar information). Le choix a été de partager les volumes polaire de réflectivité, qui représentent les quantités effectivement mesurées par les systèmes radar. Les résultats préliminaires de ces activités sont présentés dans ce document par quelques exemples de mosaïque de données de trois radars: Monte Rasu, Aleria et l'île d'elbe.

3 Il presente documento è una sintesi delle attività svolte nell ambito del progetto ResMar finalizzate alla condivisione ed allo scambio dei dati dei radar meteorologici gestiti dai partner del progetto delle regioni Sardegna, Corsica e Toscana. Tali attività sono inserite nelle Componenti 3 e 4 dell Azione di Sistema E denominata: Modello prevenzione dinamiche da dissesto idrogeologico. I prodotti della Componente 3 inerenti le attività di radar Meteorologia, ovvero i documenti: ASE-3.1-Esigenze Reti Radar e Report_3.1.2 sono da considerarsi parte integrante del presente documento. Alcuni di tali sistemi radar erano già esistenti ed operativi, quali il radar di Monte Rasu (Sardegna) ed il radar di Aléria (Corsica). L analisi preliminare effettuata nella fase iniziale del progetto ResMar, che ha portato alla stesura del documento ASE-3.1-Esigenze Reti Radar, ha messo in evidenza alcune necessità di intervento sui due sistemi radar per renderli interoperabili, ed ha altresì messo in luce la necessità per la Toscana di dotarsi di una rete radar propria (in sostituzione della rete dismessa dei radar ARIES-C, ormai obsoleti), in modo da ampliare ed integrare la copertura dei radar della rete radar nazionale. Nell'ambito del progetto ResMar il Consorzio LAMMA ha installato il primo radar presso l'isola d'elba. Un secondo radar è stato acquistato dall'autorità Portuale di Livorno, è stato installato presso il porto di Livorno e la gestione è stata affidata al Consorzio LAMMA. Le attività di radar meteorologia nell'ambito del progetto hanno portato all'utilizzo di un formato comune per lo scambio di dati, il BUFR 3.1, il formato utilizzato dal gruppo di OPERA (Operational Program on the Exchange of weather RAdar information) del progetto. La scelta è stata di condividere i volumi polari di riflettività, che rappresentano le quantità effettivamente misurate dal radar. I risultati preliminari di queste attività sono presentate in questo documento anche tramite esempi di dati mosaico di tre radar: Monte Rasu, Aleria e l'isola d'elba.

4 1 SISTEMI RADAR PRE-ESISTENTI I due sistemi radar operativi nello spazio marittimo di interesse, ovvero quello tra Sardegna, Corsica e Toscana, sono quello installato in Sardegna presso il sito di Monte Rasu, e quello installato in Corsica presso il sito di Aléria. Il radar di Monte Rasu (Figura 1) è gestito da ARPAS, ed è operativo dal E un sistema radar a singola polarizzazione operante in banda C, con una portata massima di 500km, che consente di coprire l area del Mar Tirreno fino alle coste toscane. Il radar di Aléria (Figura 2) è gestito da Meteo France, opera in banda S in singola polarizzazione, con una portata massima di 200 km. Il radar è operativo dal Figura 1. Radar meteorologico di Monte Rasu: vista dalla base del traliccio ed esempio di immagine PPI (Plan Position Indicator) di riflettività [dbz].

5 Sia il radar di Monte Rasu che quello di Aléria sono già integrati nelle rispettive reti radar nazionali, quali la rete radar italiana coordinata dal Dipartimento di Protezione Civile Nazionale e da Aereonautica Militare, e la rete radar francese gestita da Meteo France. Per il dettaglio delle caratteristiche dei due sistemi radar di Monte Rasu e di Aléria si faccia riferimento al documento di progetto ASE-3.1-Esigenze Reti Radar. Figura 2. Radar meteorologico di Alèria: vista della struttura architettonica ed esempio di immagine di precipitazione cumulata su 24 ore.

6 2 SISTEMI RADAR di NUOVA INSTALLAZIONE A seguito dello studio preliminare effettuato sulle reti radar delle regioni dello spazio transfrontaliero è emersa l esigenza di migliorare la copertura della porzione di Mar Tirreno compresa tra Corsica, Sardegna, Toscana e Liguria. 2.1 RADAR di CIMA di MONTE Un area di particolare interesse transfrontaliero è stata individuata presso l Isola d Elba, in virtù della sua posizione strategica localizzata tra Corsica e Toscana. Presso l Isola d Elba è stato individuato un sito, quello di Cima di Monte (Figura 3), in cui la Regione Toscana aveva precedentemente installato una serie di ripetitori di radiofrequenze per scopi di protezione civile. Alcuni di tali ripetitori erano in fase di dismissione, per cui si è concretizzata la possibilità di installare in tale sito un sistema radar meteorologico. Inoltre presso il sito era presente un traliccio dell altezza di circa 10 m, svettante rispetto a tutte le altre strutture, con la sommità libera e quindi adatto all installazione di un radar meteorologico, purché di contenute dimensioni.

7 Figura 3. Localizzazione del sito radar di Cima del Monte (Isola d Elba) su ortofoto. Il concretizzarsi di tale possibilità ha reso possibile l installazione di una sistema radar meteorologico in banda X, di contenute dimensioni, di relativamente semplice installazione e con buone prestazioni nel rilevamento dei fenomeni precipitativi più intensi. La predisposizione del sito ha richiesto un integrazione dell impiantistica esistente. E stata attivata un utenza di distribuzione indipendente, predisponendo un impianto di messa a terra ed un impianto di drenaggio di scariche elettromagnetiche atmosferiche: in particolare sono stati predisposti sia un

8 impianto di protezione da scariche dirette (asta di captazione installata sul traliccio stesso) che vari impianti scaricatori a protezione dei cavi di collegamento (linee di alimentazione e dati) dalle scariche atmosferiche indirette. Infine è stato inserito un trasformatore a monte dell impianto per l isolamento galvanico e quindi per la riduzione del rischio di propagazione di sovratensioni e sovracorrenti provenienti dalla linea elettrica. Figura 4. Radar meteorologico di Cima del Monte: vista complessiva del sito e dettagli del traliccio con installazione di sistema RTX e di impianto parafulmine (lato sud e lato nord). Non essendo presente presso il sito una linea telefonica, è stato altresì predisposto un ponte radio per il trasferimento dei dati acquisiti ed elaborati dal sistema radar. A tal fine è stato attivato un link radio precedentemente esistente con la sede del Corpo Forestale dello Stato (CFS) situata a San Rocco (Portoferraio). Il link è stato realizzato tramite due ricetrasmettitori di tipo Motorola Canopy Backhauls 10M, operanti alla frequenza da 5470MHz a 5725MHz, in una banda non sottoposta a licenza. La massima velocità di trasmissione è di 10Mbps. Presso la sede del CFS di San Rocco è stata attivata una linea ADSL dedicata al trasferimento dati ed al controllo remoto del sistema radar.

9 Figura 5. Configurazione del collegamento radio wireless HiperLAN tra il sito di installazione del radar e la sede del CFS di San Rocco. Una linea di comunicazione ridondante è stata allestita tramite un router 3G operante con tecnologia UMTS (W-CDMA). Tale linea serve come backup e non è previsto il suo utilizzo in maniera operativa. Risulta di particolare importanza nel caso in cui il collegamento radio salti, per poter effettuare il controllo remoto del sistema radar. 2.2 RADAR di LIVORNO La possibilità di installare un secondo sistema radar sul territorio Toscano si è concretizzata tramite il consolidamento di una collaborazione fra Consorzio LaMMA e Autorità Portuale di Livorno. Un

10 secondo radar meteorologico è stato pertanto installato presso il porto di Livorno. Il radar è di proprietà dell'autorità Portuale di Livorno, che ne ha autonomamente curato l iter autorizzativo ed installativo, per poi effettuarne una gestione operativa in collaborazione con il Consorzio LaMMA. Il radar è installato sul tetto dell Edificio Silos Magazzini del Tirreno, ad una altezza di circa 75m. Figura 6. Dettagli del traliccio con l installazione del radar di Livorno e del sito installazione di Livorno 2.3 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL RADAR METEOROLOGICO I due sistemi radar sono dello stesso tipo, operanti in banda X a frequenze comprese tra MHz, con ampiezza del fascio a 3dB di circa 3 gradi sia in orizzontale che in verticale, velocità di rotazione dell antenna di 20 /s e un range massimo di 108 km. Il sistema radar ha una sensibilità in grado di garantire un range non ambiguo di almeno 60 km per i fenomeni di medioalta intensità. Il ricevitore è in grado di rilevare eventi di modesta intensità, almeno 10 dbz a 25 km. La tabella seguente riporta le principali caratteristiche tecniche del radar meteorologico:

11 Tab. 1 Caratteristiche tecniche del radar meteorologico di Cima di Monte (Consorzio LaMMA).

12 Le varie modalità di acquisizione del sistema (range) con le relative risoluzioni spaziali orizzontali della cella sono riportate in Tabella 2. Range 21.6 (km) Range 36 (km) Range 72 (km) Range 108 (km) RES. 90 (m) Yes No No No RES. 150 (m) Yes Yes No No RES. 300 (m) Yes Yes Yes No RES. 450 (m) Yes Yes Yes Yes Tab. 2 Range/risoluzione spaziale orizzontale cella. Il sistema radar, a fronte di alcuni noti svantaggi in termini di copertura spaziale e di attenuazione del segnale, tuttavia risulta ideale per il monitoraggio di piccoli bacini e aree difficilmente coperte dai radar convenzionali (es. orografia), offrendo numerosi vantaggi tra i quali: Alta risoluzione spaziale (risoluzione radiale fino a 90 metri) Velocità di aggiornamento (ogni minuto) Copertura fino a 108 km di raggio Ingombro (90 x 130 cm), peso (100 kg.) e potenza ridotti (5 W medi) Facile utilizzo in siti non consentiti a radar convenzionali Basso costo di esercizio e di manutenzione del sistema Semplicità di uso (ottimo livello di automazione) Possibilità di collocamento su piattaforme mobili (rimorchi o furgoni). 2.4 PRODOTTI FRUIBILI Entrambi i sistemi radar sono gestiti dal Consorzio LaMMA che, nell ambito delle proprie attività, ha pianificato anche lo sviluppo di prodotti specifici di now-casting derivanti dall uso congiunto dei due sistemi, nonché una loro accurata calibrazione ed integrazione con tutti gli altri sistemi di monitoraggio a disposizione, quali le tradizionali reti di stazioni a terra, i prodotti degli altri radar meteorologici del territorio nazionale ed internazionale, ed i satelliti meteorologici. Tali prodotti

13 sono in fase di studio e progettazione e pertanto in questa prima fase sono stati predisposti dei prodotti di monitoraggio, mostrati negli esempi riportati in Figura 7. I prodotti attualmente disponibili sono: HVMI (Height of Vertical Maximum Intensity) che riporta la massima riflettività lungo la verticale (rilevata con le varie elevazioni), PPI (Plan Position Indicator) che riporta l intera scansione azimutale, RHI (Range Height Indicator) che riporta una scansione effettuata lungo una fissata direzione azimutale variando l elevazione di puntamento. Nel contempo sono stati sviluppati alcuni applicativi per la lettura dei dati grezzi prodotti dai sistemi radar, per lo sviluppo e la successiva implementazione di nuovi prodotti. La peculiarità di tali software, al momento in fase di implementazione, è il tentativo di mantenere l informazione 3D implicitamente contenuta in ogni dato di localizzazione di un radar meteorologico. In tal modo l uso congiunto dei volumi polari di tutti i sistemi radar disponibili può garantire un campionamento 3D dell atmosfera e quindi migliorare il monitoraggio e l analisi dei sistemi meteorologici in atto. Alcuni risultati preliminari di tale analisi sono riportati negli seguenti esempi di Figura 8.

14 Figura 7: Alcuni esempi di immagini HVMI, PPI, ed RHI per i radar di Cima di Monte e Livorno.

15 Figura 8: Esempi di riprese 3D della sovrapposizione dei dati di riflettività dei radar di Livorno ed Isola d Elba. 3 COMPATIBILITA CON I MOSAICI NAZIONALI Una delle attività di primaria importanza che è stata portata avanti nel corso del progetto è stata la predisposizione dei sistemi di nuova installazione ed il mantenimento nonché l adeguamento di quelli già esistenti, al fine di renderli compatibili con i rispettivi mosaici nazionali.

16 Sebbene i sistemi di Monte Rasu ed Alèria fossero già sin dall inizio del progetto inglobati nei rispettivi mosaici nazionali, il mantenimento delle rispettive schedulazioni, l implementazione di nuove tecnologie e metodologie per la creazione dei mosaici nazionali ha richiesto e richiede sforzi economici per il mantenimento della loro catena operativa di funzionamento. Le scelte tecniche sono state e sono pertanto condizionate dalle esigenze operative delle rispettive reti radar nazionali, che applicano norme stringenti per garantire il corretto funzionamento della rete di monitoraggio. D altronde l interoperabilità dei sistemi radar con quelli delle rispettive nazioni ricopre un ruolo strategico fondamentale, in quanto permette di migliorare ed integrare la copertura del territorio per tutte quelle organizzazioni che operano ai fini di protezione civile. Il confronto e la condivisione che deriva dalla nascita del mosaico transfrontaliero di fatto pone le basi per una futura efficace collaborazione. Questa è l ottica con cui sono state eseguite le attività di seguito brevemente descritte. Il radar di Monte Rasu si presentava all inizio del progetto come già inserito e parte integrante del mosaico nazionale italiano. Il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile cura direttamente la raccolta dei dati, oltre che dai radar della propria rete, anche dai radar regionali compreso il radar di Monte Rasu, ed elabora le immagini nel mosaico nazionale sotto forma di prodotti, tipicamente mappe di precipitazione istantanea (SRI) o cumulata (SRT), che vengono poi ridistribuiti verso gli Enti gestori dei singoli radar. Lo scambio di dati avviene utilizzando canali di comunicazione dedicati, pertanto l accesso al mosaico radar nazionale non è pubblico, è soggetto a restrizioni e il suo impiego è prevalentemente finalizzato a scopi di Protezione Civile. In Figura 9 è illustrato un tipico esempio di mappa di precipitazione istantanea elaborata dalla mosaicatura delle immagini raccolte dai radar della rete nazionale italiana.

17 Figura 9 Il mosaico radar nazionale italiano (Dipartimento Nazionale Protezione Civile, Regioni, Aeronautica Militare). Anche il radar presente sul territorio della Corsica è già integrato nel rispettivo mosaico nazionale (il mosaico francese), la cui configurazione è rappresentata in Figura 10. La rete radar francese è gestita e curata da Meteo France, che si occupa anche dell elaborazione dei dati per lo sviluppo e l implementazione operativa dei prodotti di mosaicatura. Un esempio di mosaico francese è riportato in Figura 11.

18 Figura 10. La rete radar francese Aramis, rispettivamente nel 2010 (sinistra) e nel 2013 (destra). Figura 11. Esempio di mappa di mosaicatura francese.

19 I radar di Cima di Monte (Isola d Elba) e di Livorno non sono attualmente inclusi nel mosaico nazionale italiano. E prevista una campagna sperimentale per valutare la compatibilità dei dati rilevati dal sistema radar WR10X con quelli che compongono la rete operativa nazionale. Infatti è stato fatto un accordo tra LAMMA e Dipartimento Centrale di Protezione Civile Nazionale (DPCN) per una fase iniziale di test finalizzata ad un loro inserimento operativo nella rete nazionale italiana. Per tale fase sperimentale saranno utilizzati i formati dei dati attualmente disponibili: BUFR ed HDF5. Un eventuale inserimento nella rete nazionale comporterà l adeguamento dei formati a quelli richiesti dalla rete operativa. 4 IL MOSAICO TRANSFRONTALIERO RESMAR 4.1 CONDIVISIONE DEI DATI RADAR Come descritto nel documento ASE-3.1-Esigenze Reti Radar, i due compositi radar nazionali analizzati non sono stati ritenuti adatti agli scopi delle linee di attività del Progetto ResMar, poiché operanti esclusivamente entro i confini nazionali di reciproca competenza e con formati di interscambio dati generalmente non aperti. Il composito OPERA invece si presenta con una copertura spaziale che ingloba interamente l area dello Spazio Marittimo d interesse del Progetto e impiega per l interscambio dei dati esclusivamente formati aperti, in particolare i formati ODIM (Opera Data Information Model). Vista la sua potenzialità ad adattarsi a sistemi radar di tipo eterogeneo, e quindi anche molto diversi tra loro, OPERA è stato assunto come riferimento per la creazione del mosaico radar transfrontaliero RESMAR e i suoi formati dati scelti quali formati di interscambio da implementare nei software dei radar di Aléria, Cima di Monte e Monte Rasu. Sono formati ODIM il il formato BUFR, nella sua attuale versione 3.1, e il formato HDF5. Per quanto riguarda la condivisione dati, i partner hanno scelto di condividere i volumi polari di riflettività dei propri radar in quanto da essi possono essere ricavate, anche con successiva

20 autonoma post-elaborazione (e quindi prescindendo dagli algoritmi specifici implementati su ciascun sistema), tutte le grandezze misurate d interesse. 4.2 ARMONIZZAZIONE DEI RADAR DEL PROGETTO RESMAR In accordo alle scelte dei partner precedentemente riassunte, tutti i sistemi radar coinvolti nel Progetto sono stati resi compatibili con almeno uno dei formati ODIM individuati. In particolare il radar di Monte Rasu e quelli di Cima di Monte e Livorno hanno richiesto un adeguamento del software di elaborazione (RDP), mentre il radar di Aleria era risultato compatibile con i formati OPERA già nella precedente fase di analisi (vedasi il documento ASE-3.1-Esigenze Reti Radar ) e pertanto non si è reso necessario alcun intervento sul software. A seguito degli interventi di adeguamento software condotti, il radar di Cima di Monte e quello di Livorno sono stati posti nella condizione di poter esportare nel formato BUFR 3.1 i volumi polari di riflettività, intesi come insieme delle scansioni (sweep) alle differenti elevazioni componenti ciascun volume di dati. Per il radar di Monte Rasu l adeguamento del software è stato più profondo, risultando al termine dell intervento possibile esportare sia i volumi polari di riflettività che i prodotti da questi generati nei formati BUFR 3.1 e HDF5. In aggiunta, è stato implementato un encoder nel formato MDV (Meteorological Data Volume) per i soli volumi polari di riflettività. Successivamente agli interventi di adeguamento dei software sono seguiti tra i partner scambi di dati acquisiti dai propri radar, principalmente nel formato BUFR 3.1, per verificarne la leggibilità su sistemi differenti da quelli originari di acquisizione. Tutte le prove condotte hanno dato esito positivo, risultando quindi raggiunto l obiettivo di armonizzazione, dal punto di vista della leggibilità e interscambiabilità del dato, dei sistemi radar considerati.

21 4.3 IL MOSAICO RADAR RESMAR Per motivi di natura burocratico-amministrativa, non è stato possibile finalizzare l interscambio dati in maniera operativa, pur avendo reso tutti i radar del Progetto in grado di produrre il formato concordato, a causa di un mancato accordo bilaterale Italia-Francia. Tale accordo, da siglare attraverso l Aeronautica Militare Italiana che gestisce per conto dell Italia l interscambio operativo di dati meteorologici con l estero, si rende necessario in quanto l Italia non ha aderito al progetto OPERA 4 per la creazione del mosaico Europeo esteso. Pertanto l interscambio dei dati con Paesi esteri, in particolare con la Francia, può in questo contesto avvenire solamente previa stipula di un protocollo d intesa con Météo France, avvallato dall Aereonautica Militare Italiana. A tal fine si stanno formalizzando i necessari passi che porteranno, auspicabilmente a breve, alla stipula di tale accordo per l interscambio operativo dei dati. Sarà compito poi di Météo France implementare operativamente la stima di precipitazione a partire dai volumi polari di riflettività dei dati dei 4 radar e distribuire poi il prodotto finale ai partner, secondo quanto concordato nel corso del Progetto. Nel frattempo ARPAS ha implementato autonomamente, ma sempre nell ambito delle attività previste dal Progetto, un software per la mosaicatura dei dati dei radar di Aléria, Cima di Monte e Monte Rasu. Il software di mosaicatura accetta come input dati radar in formato BUFR, ma per il radar di Cima di Monte e per quello di Monte Rasu anche nel formato nativo, e consente di effettuarne e visualizzare il relativo composito, che a sua volta può essere esportato nei formati BUFR 3.1 e HDF5 per garantire l interscambiabilità tra i partner. Al momento il software consente di mosaicare tra loro due tipologie di prodotti cartesiani radar: il primo è il VMI (Vertical Maximum Intensity) ed è correlato ai valori di massima riflettività radar misurati sulla verticale; il secondo è il SRI (Surface Rainfall Intensity), che fornisce una stima dell intensità di precipitazione al suolo, misurata da radar. Quest ultimo prodotto non è disponibile per i radar di Cima di Monte e Livorno. L algoritmo di mosaicatura restituisce, per ciascun pixel dell area di interesse e per entrambi i

22 prodotti VMI e SRI, il valore rilevato dal radar più vicino ovvero, in caso di sovrapposizione delle osservazioni di più radar, il valore massimo rilevato. Le immagini che seguono rappresentano alcuni esempi di uscite del software di mosaicatura, a partire dalle immagini dei singoli radar, per l evento del settembre Il mosaico è relativo al prodotto VMI, che è disponibile per tutti i radar dei partner. Sono mostrate, per due momenti temporali differenti dell evento (espressi in orario GMT), le sequenze delle immagini acquisite dai singoli radar e quelle dei compositi risultanti. Il software di mosaicatura implementato può operare sia in modalità differita che in tempo reale, quest ultima possibile se i dati dei radar di Aléria e Cima di Monte vengono resi disponibili contestualmente a quelli del radar di Monte Rasu, sulla piattaforma di mosaicatura ARPAS con tempi di latenza concordati. Figura 12: Immagini VMI del radar di Aléria delle ore 21:30 del 12 settembre 2012 (a sinistra) e delle ore 00:30 del 13 settembre (a destra).

23 Figura 13: Immagini VMI del radar di Cima di Monte delle ore 21:30 del 12 settembre 2012 (a sinistra) e delle ore 00:30 del 13 settembre (a destra). Figura 14: Immagini VMI del radar dimonte Rasu delle ore 21:30 del 12 settembre 2012 (a sinistra) e delle ore 00:30 del 13 settembre (a destra).

24 Figura 15: Immagini VMI del composito dei tre radar (Aléria, Cima di Monte, Monte Rasu) delle ore 21:30 del 12 settembre 2012 (a sinistra) e delle ore 00:30 del 13 settembre (a destra).

Wireless Internet Banda Larga

Wireless Internet Banda Larga Wireless Internet Banda Larga SERVIZI FORNITI DA ROMAGNA RIPETITORI Romagna Ripetitori Srl Via Lasie 10/L - Imola (BO) www.romagnaripetitori.it info@romagnaripetitori.it Tel. 0542.066536 Fax. 051.3764109

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali.

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali. 74 LA RETE AGROMETEOROLOGICA NAZIONALE DEL MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Maria Carmen Beltrano Ufficio Centrale di Ecologia Agraria - Roma Riassunto L intervento mira a descrivere la

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.2 Realizzazione di nuovi piezometri e strumentazione degli stessi Rete di monitoraggio Obiettivi 1 e 2: completamento della rete di monitoraggio

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CENTRALINE METEO PER LA MISURA DEI PARAMETRI METEO-CLIMATICI DISCARICHE

CARATTERISTICHE DELLE CENTRALINE METEO PER LA MISURA DEI PARAMETRI METEO-CLIMATICI DISCARICHE CARATTERISTICHE DELLE CENTRALINE METEO PER LA MISURA DEI PARAMETRI METEO-CLIMATICI DISCARICHE 1 POSIZIONAMENTO DELLA CENTRALINA Per assicurare la migliore qualità delle rilevazioni idro meteorologiche

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

www.radiomontagna.org

www.radiomontagna.org Radiosondaggi Introduzione I radiosondaggi costituiscono una grandissima e per certi aspetti, l unica fonte di informazioni per la meteorologia, le informazioni raccolte tramite questa tecnica vengono

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

Il Sistema NVIS e la Protezione Civile in Sardegna

Il Sistema NVIS e la Protezione Civile in Sardegna Il Sistema NVIS e la Protezione Civile in Sardegna Associazione Radioamatoriale Sardinia QRP Club 1 di 9 Indice Indice...2 Prefazione...3 Scenario...4 La Propagazione dei Segnali Radio...5 I vantaggi del

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP

ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATION ST-WMO ST-BASE ST-M36 STP WEATHER STATIONS Cosa sono? Le stazioni sono realizzate conformemente alla direttiva mondiale WMO (World Meteorological Organization), Annex n.8, e sono utilizzate

Dettagli

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI A. Bampo, M. Battistutta, S. Caschi, L. Fragiacomo, C. Montefusco, M. Moretuzzo, M. Telesca,

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO)

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO) Sezione provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Allegato 1: Verbale di Accertamento MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA Comune di: Pianoro (BO) Siti di misura: Via Padre Marella,

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009

Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Prot. int. n UFVG2009/46 Rapporto sullo sviluppo delle reti FLAME Etna e Stromboli, per la misura del flusso SO 2, durante il periodo 2005 2009 Daniele Armando Randazzo, T. Caltabiano, G. G. Salerno, F.

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali Convegno conclusivo Livorno 28 maggio 2013 Webgis Costa Costa Sarda Giovanni Vitale* Claudio Kalb** * Università

Dettagli

Collegamento wireless a larga banda tra la sede distaccata di Serra La Nave e la sede di Catania dell Osservatorio Astrofisico

Collegamento wireless a larga banda tra la sede distaccata di Serra La Nave e la sede di Catania dell Osservatorio Astrofisico Collegamento wireless a larga banda tra la sede distaccata di Serra La Nave e la sede di Catania A. Costa, E. Martinetti, P. Massimino Osservatorio Astrofisico di Catania L. Crocellà Medianet Comunicazioni

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1,

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, 35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, '(// $33/,&$=,21('(//$'*51 3RVL]LRQLGLPLVXUD - Il sensore deve essere posizionato ad un altezza di 1,5 m dal suolo - La misura deve essere eseguita

Dettagli

Monitoraggio Geotecnico

Monitoraggio Geotecnico Padova 19-04-2013 Monitoraggio Geotecnico Introduzione ai Sistemi di monitoraggio Il problema Conoscere i fenomeni Raccogliere dati ed informazioni significative Progettare, strutturare e realizzare l

Dettagli

Il Sistema Integrato Genera Innovazione e sostenibilità

Il Sistema Integrato Genera Innovazione e sostenibilità 1 2 Il Sistema Integrato Genera Innovazione e sostenibilità Il Sistema Genera integra ed ottimizza le seguenti tecnologie: impianto fotovoltaico - giardino pensile - sistema di raffreddamento e pulizia

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Via Cristoforo Colombo, 106 60127 ANCONA Cod. Fisc./P. IVA 01588450427 TEL. 071/28732.720 /29 - FAX 071/28732.721 e-mail: radiazioni.rumorean@ambiente.marche.it RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO

Dettagli

Deliberazione 15 giugno 2000

Deliberazione 15 giugno 2000 Deliberazione 15 giugno 2000 Adozione del regolamento di cui all articolo 3 della deliberazione dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 febbraio 1999, n. 13/99, e integrazione della medesima

Dettagli

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi

Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Obie%vo Realizza-vo 4 Realizzazione servizi condivisi Partner responsabile Giovanni Cinque Direttore Generale HIMET S.r.l. I Workshop Proge-o RoMA Giovedi 20 marzo 2014 ROMA Principali Obie%vi di OR4 (1)

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

ASITA 2005, Catania. Linee guida per la realizzazione di reti di stazioni permanenti di servizio

ASITA 2005, Catania. Linee guida per la realizzazione di reti di stazioni permanenti di servizio ASITA 2005, Catania Linee guida per la realizzazione di reti di stazioni permanenti di servizio Battista Benciolini, Ludovico Biagi, Mattia Crespi, Ambrogio Manzino, Marco Roggero Università di Trento

Dettagli

14. Tecniche di rilievo cinematiche

14. Tecniche di rilievo cinematiche . Tecniche di rilievo cinematiche UNITÀ Come si è visto, nelle procedure statiche i ricevitori rimangono fermi sugli estremi della baseline per tutta la sessione di misura e sono spenti durante le fasi

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA SOMMAIRE INDICE RESUME / RIASSUNTO 3 1. INTRODUZIONE 4 2. CARRIÈRE DU PARADIS 4 2.1 DESCRIZIONE 4 2.2 TRASPORTO DEI MATERIALI A DEPOSITO 4 2.3 MODALITÀ DI POSA A DEPOSITO 4 2.4 OPERE IDRAULICHE 4 3. SITO

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

WebGIS Costa Toscana: stato di avanzamento e sviluppi futuri

WebGIS Costa Toscana: stato di avanzamento e sviluppi futuri Provincia di LIVORNO Unità di Servizio 2.1 Difesa e Protezione del Territorio Unità Organizzativa Risorse marine e Georisorse WebGIS Costa : stato di avanzamento e sviluppi futuri Enrica Mori* Giovanni

Dettagli

Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale. Questionario Tecnico

Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale. Questionario Tecnico Servizi di connessione alla Rete Telematica Regionale Toscana estesa tramite connessione satellitare bidirezionale Questionario Tecnico Gentile responsabile, La ringraziamo per il Suo interesse nei servizi

Dettagli

Sistema di misura WBox_S Stock temperature monitoring with active RFID tags

Sistema di misura WBox_S Stock temperature monitoring with active RFID tags Sistema Il sistema WBox_S è costituito dai tag RF-ID, da uno o più Reader e da un PC (Netbook, Panel-PC o tradizionale) su cui vengono installati SQL Server ed il software WBox_S. WBox_S consente la raccolta

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Comunicazione a 169MHz

Comunicazione a 169MHz Comunicazione a 169MHz La sperimentazione in corso Tommaso Poncemi Iren Emilia Dott. Stefano Tondelli - Ing. Nicola Tobia Gruppo Iren: principali aree di business Produzione energia elettrica Distribuzione

Dettagli

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio)

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Progetto ARISS ITIS ˆE.fermi Lucca Andrea Ghilardi 2011 The fascinating world of Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Onde Elettromagnetiche Un elettrone immobile genera, a causa della sua carica,

Dettagli

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona

Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Reti di monitoraggio dell inquinamento acustico: L esperienza dell ARPAM nella Provincia di Ancona Mirti Lombardi, Stefania Barletti, Daniela Giuliani ARPA Marche D.G.R. n. 3157 del 28/12/2001 Approvazione

Dettagli

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MINERBIO CAVOUR Dott.ssa Cristina Volta Dott. Daniele Bontempelli P.i. Simone Colantonio

Dettagli

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE RELAZIONE COMUNE DI FONTE Indice RELAZIONE Conferimento incarico Scopo dell incarico Premessa tecnica Descrizione delle operazioni

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte

La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte La Pianificazione nazionale delle misure protettive contro le emergenze radiologiche Seconda Parte (segue dal precedente) Nei paragrafi successivi del Piano sono esposti gli obiettivi principali da conseguire

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

L esperienza del Friuli Venezia Giulia

L esperienza del Friuli Venezia Giulia L esperienza del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente CATASTO REGIONALE DELLE SORGENTI FISSE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI E RADIOTELEVISIVI, CON

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE Analisi radioelettrica relativa alla realizzazione del piano comunale di settore per la localizzazione delle stazioni radio base nel Comune

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

Introduzione FlorenceonLine

Introduzione FlorenceonLine 0 Introduzione La tecnologia di trasmissione satellitare bidirezionale non è una novità, in quanto esiste da più di trent anni sotto la sigla VSAT (Very Small Aperture Terminal). A lungo però questa tecnologia

Dettagli

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO...

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... 2 ELENCO SITI ED ATTIVITÀ... 3 POLIZIA LOCALE... 3 VARCO NORD VIALE PORTA ADIGE... 3 VARCO SUD VIALE PORTA PO... 4 VARCO EST VIALE TRE MARTIRI... 4 CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE

APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE Cavità antropiche: aspetti tecnici per il recupero e la valorizzazione APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE (Geol. Pietro Pepe Geol. Maria

Dettagli

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali Roberto Cremonini Arpa Piemonte Dip. Sistemi Previsionali Rocco Pispico Arpa Piemonte Dip. Geologia e Dissesto La nostra geomatica

Dettagli

SEZIONE DI BOLOGNA SERVIZIO TERRITORIALE DISTRETTO IMOLESE

SEZIONE DI BOLOGNA SERVIZIO TERRITORIALE DISTRETTO IMOLESE SEZIONE DI BOLOGNA SERVIZIO TERRITORIALE DISTRETTO IMOLESE SEZIONE PROVINCIALE DI BOLOGNA Via F. Rocchi, 19 Via B. Triachini, 17 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it

Dettagli

LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre

LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre Pagina 1 di 9 1.Introduzione. La rete Tetra ERretre permette di realizzare

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI VERONA L anno 2005 il giorno 25 del mese di Ottobre, alle ore 8.45, nella sala del Consiglio di Palazzo Giuliari, sede dell Università di Verona, si sono riunite le delegazioni di Parte Pubblica e di Parte Sindacale

Dettagli

Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011

Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011 Gli strumenti operativi del Consorzio LAMMA a supporto della Protezione Civile & Esempio su il recente caso di Aulla 2011 Valerio Capecchi - Giornata di Formazione in Protezione Civile Centro Intercomunale

Dettagli

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE Andrea Cerniglia (1), Giovanni Brambilla (2), Patrizio Verardi (2) 1) 01 db Italia, Milano 2) Istituto di Acustica

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO)

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

Raganet Internet a banda larga... wireless! Presentazione offerta Raganet Home Business - Company

Raganet Internet a banda larga... wireless! Presentazione offerta Raganet Home Business - Company Raganet Internet a banda larga... wireless! Presentazione offerta Raganet Home Business - Company Chi è Clio - Primo Internet Service Provider nato nell Italia meridionale nel 1995 e socio fondatore dell'aiip

Dettagli

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 1 di 11 CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 2 di 11 INDICE 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione... 3 3 Documenti di riferimento... 3 4 Premessa... 3 5 Descrizione del Sistema

Dettagli

- Corso di computer -

- Corso di computer - - Corso di computer - @ Cantiere Sociale K100-Fuegos Laboratorio organizzato da T-hoster.com www.t-hoster.com info@t-hoster.com Internet: Oggi internet è entrata nella vita quotidiana della maggior parte

Dettagli

Il progetto. Lo strumento

Il progetto. Lo strumento Sicurezza Sicurezza Sicurezza Sicurezza Innovazione Innovazione Innovazione Innovazione Competitivit Competitività Competitivit Competitivit Il progetto Il Progetto SIC Intermodalità e sicurezza per un

Dettagli

INTESA NON ONEROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTERCET TRA

INTESA NON ONEROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTERCET TRA Allegato alla Delib.G.R. n. 46/23 del 31.10.2013 INTSA NON ONROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTRCT TRA la Regione Liguria, Regione Autonoma della Sardegna, Regione Toscana, l

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D

3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D 3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D La base di partenza per la creazione del mondo virtuale è l aerofotogrammetria e/o I rilievi fotografici con scansioni laser. Il prodotto così ottenuto, è lo

Dettagli

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Risorse Agricole, Naturali, Forestali e Montagna Servizio Territorio Montano e Manutenzioni Manuale dell Utente Luca Bincoletto Ottobre 2006 INDICE

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DELLA PROVINCIA DI ANCONA RAPPORTO ANNO 2004 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio

Dettagli

Associazione RadioAmatori Italiani. Sezione Verona Est

Associazione RadioAmatori Italiani. Sezione Verona Est Associazione RadioAmatori Italiani Sezione Verona Est i3ntu ( S. Martino B. Albergo VR ) APT automatic picture trasmission Enti proprietari e di gestione del sistema : National Aeronautics and Space Administration

Dettagli

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*) STUDIO RELATIVO AL RILEVAMENTO DI DETTAGLIO DI UNA PORZIONE DEL TRANSETTO NORD DELLA CHIESA DI SAN PAOLO A RIPA D ARNO AL FINE DI PROCEDERE AL CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE. Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA DI EDIFICI RESIDENZIALI SITI IN PROSSIMITÀ DI AEROPORTI

MIGLIORAMENTO DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA DI EDIFICI RESIDENZIALI SITI IN PROSSIMITÀ DI AEROPORTI Associazione Italiana di Acustica 41 Convegno Nazionale Pisa, 17-19 giugno 2014 MIGLIORAMENTO DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA DI EDIFICI RESIDENZIALI SITI IN PROSSIMITÀ DI AEROPORTI Fabio Scamoni

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo

CORSO DI FORMAZIONE Dall ottico al radar. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per la Difesa del Suolo Fornitura di Dati, Sistemi e Servizi per la Realizzazione del Sistema Informativo del Piano Straordinario

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE - Febbraio 2005 - --- Servizio Affari Generali e Amministrativi, Sistema Informativo

Dettagli

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora 2 Workshop Nazionale - Osservatori per gli incidenti stradali: dai dati alle azioni Strumenti per le politiche di sicurezza Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale La prevenzione degli

Dettagli

Alimentazione. Compatibilità

Alimentazione. Compatibilità Configurazione Lo scanner Z+F IMAGER 5006h garantisce la massima mobilità. Costruito secondo i criteri di operatività stand-alone, lo scanner è dotato di un display, di batteria ricaricabile, di un hard

Dettagli

Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli

Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli Documentazione Tecnica Descrizione Servizio Il sistema GESTIONE FLOTTE S-SYSTEM è nato per soddisfare tutti i quesiti, logistici e non, che scaturiscono

Dettagli

DATI STATISTICI 2009

DATI STATISTICI 2009 DATI STATISTICI 2009 2/20 3/20 4/20 5/20 6/20 7/20 8/20 ALLEGATO 2 - PROGETTO 'SICUREZZA' 9/20 1.1 PREMESSA Per una struttura di servizio come il Centro Residenziale, la soddisfazione dell utenza costituisce

Dettagli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli

Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio. Francesco Antolini Emanuele Tavelli Il monitoraggio ambientale come supporto al controllo del territorio Francesco Antolini Emanuele Tavelli Geosciences and Information Technologies GIT 2015 - San Leo (RN), 17 Giugno 2015 Winet Srl Vu Pham

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

Come funziona un Radar HF

Come funziona un Radar HF Come funziona un Radar HF Segnali Radio (onde elettromagnetiche) vengono trasmessi in direzione del mare e riflessi dalle onde marine. Lo Spettro Doppler dell eco viene analizzato per ricavare le mappe

Dettagli

National Focal System

National Focal System Bando ASI PMI 2010 National Focal System Ricerca industriale e sviluppo sperimentale di un Sistema Integrato Standard OGC per l ottimizzazione delle filiere Dati-EO, Prodotti EO, End USER, durante le attività

Dettagli

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata

Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA. Juri Gherrdi - IZ4OSG - AMSAT - Università Tor Vergata Ricezione immagini meteo da satelliti NOAA NOAAA (National Oceanic and Atmospheric Administrator L ente statunitense civile per la meteorologia e l oceanografia Definizione satellite meteorologico Un satellite

Dettagli

L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE

L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE Scheda Progetto L INFORMAZIONE METEOROLOGICA AD AMBITO LOCALE Stazione di monitoraggio meteo e webcam MONITORAGGIO METEOROLOGICO Dati meteo in diretta dalle località di interesse, visualizzati on-line

Dettagli

DIDSON DH (Dual Frequency Identification Sonar)

DIDSON DH (Dual Frequency Identification Sonar) DIDSON DH (Dual Frequency Identification Sonar) Il Servizio Sommozzatori del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco si è ultimamente dotato di una apparecchiatura destinata alla ricerca subacquea in acque

Dettagli

HD+ Descrizione generale. Caratteristiche principali

HD+ Descrizione generale. Caratteristiche principali HD+ Descrizione generale HD+ è un dispositivo di acquisizione ECG wireless, sviluppato come acquisitore per PC e Tablet che utilizzino piattaforme standard (Windows / MAC OS / Android) e per l utilizzo,

Dettagli

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di PORTICI (NA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA LARGA 5 COPIA DEI CERTIFICATI

Dettagli

Dall ufficio ordini alle spedizioni: Ecco come automatizzare il magazzino grazie allo Scada.

Dall ufficio ordini alle spedizioni: Ecco come automatizzare il magazzino grazie allo Scada. Dall ufficio ordini alle spedizioni: Ecco come automatizzare il magazzino grazie allo Scada. Il sistema di movimentazione e immagazzinamento pezzi della Rik-Fer di Pordenone è stato automatizzato da Co.Mar

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 04 del 30/01/2012 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 04 del 30/01/2012 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 04 del 30/01/2012 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. Dipendente Valeria Di Fabrizio. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Per il piano regolatore di Siena lo studio LdP ha sviluppato un progetto per la diffusione via Internet della banca dati

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli