AZIONE DI SISTEMA E. Partner responsabile Consorzio LAMMA. Antonini A., Melani S. LAMMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE DI SISTEMA E. Partner responsabile Consorzio LAMMA. Antonini A., Melani S. LAMMA"

Transcript

1 N componente 4 N azione 4.1 Radar preesistenti e installati nel corso del progetto resi fruibili per lo spazio transfrontaliero. Prodotti radar compatibili coi mosaici nazionali (italiani e/o francesi) esistenti AZIONE DI SISTEMA E Partner responsabile Consorzio LAMMA Antonini A., Melani S. LAMMA Pinna Nossai R. ARPAS, Dipartimento Specialistico Regionale Idrometeoclimatico Giorgetti J.P., Bruno C. Météo-France, Délegation de la Corse

2 ABSTRACT Ce document c'est un résumé des activités menées dans l'action de Système E du projet Resmar, visant à le partage et l échange de données de radars météorologiques gérés par les partenaires du projet respectivement des régions Sardaigne, Corse et Toscane. Ces activités sont incluses dans les Composants 3 et 4 de l'action de Système E du projet, appelées "Modèle de prévention des dynamiques d'instabilité hydrogéologique". C'est nécessaire de considérer les produits de la Composant 3 que résument les activités de radar météorologie: "ASE-3.1-Esigenze Reti Radar" et "Report_3.1.2", comme faisant partie du présent document. Certains de ces systèmes radar étaient déjà en existence et opérationnels avant le projet: le radar de Monte Rasu (Sardaigne) et le radar Aleria (Corse). L'analyse préliminaire effectuée dans la phase initiale du projet terminée par la rédaction du document "ASE-3.1" a mis en évidence la nécessité d'une intervention sur les deux systèmes radar pour les rendre interopérables, et la nécessité pour la Toscane de développer un réseau radar (par remplacement de radars, désormais obsolète et désaffecté), afin d étendre et compléter la couverture du réseau national de radars. Dans le projet RESMAR le partnaire Consortium LAMMA a installée le premiere radar meteorologique de cette reseau a l'ile d'elbe. A deuxième radar acheté par l'autoritèe Portuaire de Livourne a ete installée a Livourne et la gestion a été confiée au Consortium LAMMA. Les activités de radar météorologie du projet ont conduit à l'utilisation d'un format commun pour l'échange de données, le BUFR 3.1, le format utilisée par le group du projet OPERA (Operational Program on the Exchange of weather RAdar information). Le choix a été de partager les volumes polaire de réflectivité, qui représentent les quantités effectivement mesurées par les systèmes radar. Les résultats préliminaires de ces activités sont présentés dans ce document par quelques exemples de mosaïque de données de trois radars: Monte Rasu, Aleria et l'île d'elbe.

3 Il presente documento è una sintesi delle attività svolte nell ambito del progetto ResMar finalizzate alla condivisione ed allo scambio dei dati dei radar meteorologici gestiti dai partner del progetto delle regioni Sardegna, Corsica e Toscana. Tali attività sono inserite nelle Componenti 3 e 4 dell Azione di Sistema E denominata: Modello prevenzione dinamiche da dissesto idrogeologico. I prodotti della Componente 3 inerenti le attività di radar Meteorologia, ovvero i documenti: ASE-3.1-Esigenze Reti Radar e Report_3.1.2 sono da considerarsi parte integrante del presente documento. Alcuni di tali sistemi radar erano già esistenti ed operativi, quali il radar di Monte Rasu (Sardegna) ed il radar di Aléria (Corsica). L analisi preliminare effettuata nella fase iniziale del progetto ResMar, che ha portato alla stesura del documento ASE-3.1-Esigenze Reti Radar, ha messo in evidenza alcune necessità di intervento sui due sistemi radar per renderli interoperabili, ed ha altresì messo in luce la necessità per la Toscana di dotarsi di una rete radar propria (in sostituzione della rete dismessa dei radar ARIES-C, ormai obsoleti), in modo da ampliare ed integrare la copertura dei radar della rete radar nazionale. Nell'ambito del progetto ResMar il Consorzio LAMMA ha installato il primo radar presso l'isola d'elba. Un secondo radar è stato acquistato dall'autorità Portuale di Livorno, è stato installato presso il porto di Livorno e la gestione è stata affidata al Consorzio LAMMA. Le attività di radar meteorologia nell'ambito del progetto hanno portato all'utilizzo di un formato comune per lo scambio di dati, il BUFR 3.1, il formato utilizzato dal gruppo di OPERA (Operational Program on the Exchange of weather RAdar information) del progetto. La scelta è stata di condividere i volumi polari di riflettività, che rappresentano le quantità effettivamente misurate dal radar. I risultati preliminari di queste attività sono presentate in questo documento anche tramite esempi di dati mosaico di tre radar: Monte Rasu, Aleria e l'isola d'elba.

4 1 SISTEMI RADAR PRE-ESISTENTI I due sistemi radar operativi nello spazio marittimo di interesse, ovvero quello tra Sardegna, Corsica e Toscana, sono quello installato in Sardegna presso il sito di Monte Rasu, e quello installato in Corsica presso il sito di Aléria. Il radar di Monte Rasu (Figura 1) è gestito da ARPAS, ed è operativo dal E un sistema radar a singola polarizzazione operante in banda C, con una portata massima di 500km, che consente di coprire l area del Mar Tirreno fino alle coste toscane. Il radar di Aléria (Figura 2) è gestito da Meteo France, opera in banda S in singola polarizzazione, con una portata massima di 200 km. Il radar è operativo dal Figura 1. Radar meteorologico di Monte Rasu: vista dalla base del traliccio ed esempio di immagine PPI (Plan Position Indicator) di riflettività [dbz].

5 Sia il radar di Monte Rasu che quello di Aléria sono già integrati nelle rispettive reti radar nazionali, quali la rete radar italiana coordinata dal Dipartimento di Protezione Civile Nazionale e da Aereonautica Militare, e la rete radar francese gestita da Meteo France. Per il dettaglio delle caratteristiche dei due sistemi radar di Monte Rasu e di Aléria si faccia riferimento al documento di progetto ASE-3.1-Esigenze Reti Radar. Figura 2. Radar meteorologico di Alèria: vista della struttura architettonica ed esempio di immagine di precipitazione cumulata su 24 ore.

6 2 SISTEMI RADAR di NUOVA INSTALLAZIONE A seguito dello studio preliminare effettuato sulle reti radar delle regioni dello spazio transfrontaliero è emersa l esigenza di migliorare la copertura della porzione di Mar Tirreno compresa tra Corsica, Sardegna, Toscana e Liguria. 2.1 RADAR di CIMA di MONTE Un area di particolare interesse transfrontaliero è stata individuata presso l Isola d Elba, in virtù della sua posizione strategica localizzata tra Corsica e Toscana. Presso l Isola d Elba è stato individuato un sito, quello di Cima di Monte (Figura 3), in cui la Regione Toscana aveva precedentemente installato una serie di ripetitori di radiofrequenze per scopi di protezione civile. Alcuni di tali ripetitori erano in fase di dismissione, per cui si è concretizzata la possibilità di installare in tale sito un sistema radar meteorologico. Inoltre presso il sito era presente un traliccio dell altezza di circa 10 m, svettante rispetto a tutte le altre strutture, con la sommità libera e quindi adatto all installazione di un radar meteorologico, purché di contenute dimensioni.

7 Figura 3. Localizzazione del sito radar di Cima del Monte (Isola d Elba) su ortofoto. Il concretizzarsi di tale possibilità ha reso possibile l installazione di una sistema radar meteorologico in banda X, di contenute dimensioni, di relativamente semplice installazione e con buone prestazioni nel rilevamento dei fenomeni precipitativi più intensi. La predisposizione del sito ha richiesto un integrazione dell impiantistica esistente. E stata attivata un utenza di distribuzione indipendente, predisponendo un impianto di messa a terra ed un impianto di drenaggio di scariche elettromagnetiche atmosferiche: in particolare sono stati predisposti sia un

8 impianto di protezione da scariche dirette (asta di captazione installata sul traliccio stesso) che vari impianti scaricatori a protezione dei cavi di collegamento (linee di alimentazione e dati) dalle scariche atmosferiche indirette. Infine è stato inserito un trasformatore a monte dell impianto per l isolamento galvanico e quindi per la riduzione del rischio di propagazione di sovratensioni e sovracorrenti provenienti dalla linea elettrica. Figura 4. Radar meteorologico di Cima del Monte: vista complessiva del sito e dettagli del traliccio con installazione di sistema RTX e di impianto parafulmine (lato sud e lato nord). Non essendo presente presso il sito una linea telefonica, è stato altresì predisposto un ponte radio per il trasferimento dei dati acquisiti ed elaborati dal sistema radar. A tal fine è stato attivato un link radio precedentemente esistente con la sede del Corpo Forestale dello Stato (CFS) situata a San Rocco (Portoferraio). Il link è stato realizzato tramite due ricetrasmettitori di tipo Motorola Canopy Backhauls 10M, operanti alla frequenza da 5470MHz a 5725MHz, in una banda non sottoposta a licenza. La massima velocità di trasmissione è di 10Mbps. Presso la sede del CFS di San Rocco è stata attivata una linea ADSL dedicata al trasferimento dati ed al controllo remoto del sistema radar.

9 Figura 5. Configurazione del collegamento radio wireless HiperLAN tra il sito di installazione del radar e la sede del CFS di San Rocco. Una linea di comunicazione ridondante è stata allestita tramite un router 3G operante con tecnologia UMTS (W-CDMA). Tale linea serve come backup e non è previsto il suo utilizzo in maniera operativa. Risulta di particolare importanza nel caso in cui il collegamento radio salti, per poter effettuare il controllo remoto del sistema radar. 2.2 RADAR di LIVORNO La possibilità di installare un secondo sistema radar sul territorio Toscano si è concretizzata tramite il consolidamento di una collaborazione fra Consorzio LaMMA e Autorità Portuale di Livorno. Un

10 secondo radar meteorologico è stato pertanto installato presso il porto di Livorno. Il radar è di proprietà dell'autorità Portuale di Livorno, che ne ha autonomamente curato l iter autorizzativo ed installativo, per poi effettuarne una gestione operativa in collaborazione con il Consorzio LaMMA. Il radar è installato sul tetto dell Edificio Silos Magazzini del Tirreno, ad una altezza di circa 75m. Figura 6. Dettagli del traliccio con l installazione del radar di Livorno e del sito installazione di Livorno 2.3 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL RADAR METEOROLOGICO I due sistemi radar sono dello stesso tipo, operanti in banda X a frequenze comprese tra MHz, con ampiezza del fascio a 3dB di circa 3 gradi sia in orizzontale che in verticale, velocità di rotazione dell antenna di 20 /s e un range massimo di 108 km. Il sistema radar ha una sensibilità in grado di garantire un range non ambiguo di almeno 60 km per i fenomeni di medioalta intensità. Il ricevitore è in grado di rilevare eventi di modesta intensità, almeno 10 dbz a 25 km. La tabella seguente riporta le principali caratteristiche tecniche del radar meteorologico:

11 Tab. 1 Caratteristiche tecniche del radar meteorologico di Cima di Monte (Consorzio LaMMA).

12 Le varie modalità di acquisizione del sistema (range) con le relative risoluzioni spaziali orizzontali della cella sono riportate in Tabella 2. Range 21.6 (km) Range 36 (km) Range 72 (km) Range 108 (km) RES. 90 (m) Yes No No No RES. 150 (m) Yes Yes No No RES. 300 (m) Yes Yes Yes No RES. 450 (m) Yes Yes Yes Yes Tab. 2 Range/risoluzione spaziale orizzontale cella. Il sistema radar, a fronte di alcuni noti svantaggi in termini di copertura spaziale e di attenuazione del segnale, tuttavia risulta ideale per il monitoraggio di piccoli bacini e aree difficilmente coperte dai radar convenzionali (es. orografia), offrendo numerosi vantaggi tra i quali: Alta risoluzione spaziale (risoluzione radiale fino a 90 metri) Velocità di aggiornamento (ogni minuto) Copertura fino a 108 km di raggio Ingombro (90 x 130 cm), peso (100 kg.) e potenza ridotti (5 W medi) Facile utilizzo in siti non consentiti a radar convenzionali Basso costo di esercizio e di manutenzione del sistema Semplicità di uso (ottimo livello di automazione) Possibilità di collocamento su piattaforme mobili (rimorchi o furgoni). 2.4 PRODOTTI FRUIBILI Entrambi i sistemi radar sono gestiti dal Consorzio LaMMA che, nell ambito delle proprie attività, ha pianificato anche lo sviluppo di prodotti specifici di now-casting derivanti dall uso congiunto dei due sistemi, nonché una loro accurata calibrazione ed integrazione con tutti gli altri sistemi di monitoraggio a disposizione, quali le tradizionali reti di stazioni a terra, i prodotti degli altri radar meteorologici del territorio nazionale ed internazionale, ed i satelliti meteorologici. Tali prodotti

13 sono in fase di studio e progettazione e pertanto in questa prima fase sono stati predisposti dei prodotti di monitoraggio, mostrati negli esempi riportati in Figura 7. I prodotti attualmente disponibili sono: HVMI (Height of Vertical Maximum Intensity) che riporta la massima riflettività lungo la verticale (rilevata con le varie elevazioni), PPI (Plan Position Indicator) che riporta l intera scansione azimutale, RHI (Range Height Indicator) che riporta una scansione effettuata lungo una fissata direzione azimutale variando l elevazione di puntamento. Nel contempo sono stati sviluppati alcuni applicativi per la lettura dei dati grezzi prodotti dai sistemi radar, per lo sviluppo e la successiva implementazione di nuovi prodotti. La peculiarità di tali software, al momento in fase di implementazione, è il tentativo di mantenere l informazione 3D implicitamente contenuta in ogni dato di localizzazione di un radar meteorologico. In tal modo l uso congiunto dei volumi polari di tutti i sistemi radar disponibili può garantire un campionamento 3D dell atmosfera e quindi migliorare il monitoraggio e l analisi dei sistemi meteorologici in atto. Alcuni risultati preliminari di tale analisi sono riportati negli seguenti esempi di Figura 8.

14 Figura 7: Alcuni esempi di immagini HVMI, PPI, ed RHI per i radar di Cima di Monte e Livorno.

15 Figura 8: Esempi di riprese 3D della sovrapposizione dei dati di riflettività dei radar di Livorno ed Isola d Elba. 3 COMPATIBILITA CON I MOSAICI NAZIONALI Una delle attività di primaria importanza che è stata portata avanti nel corso del progetto è stata la predisposizione dei sistemi di nuova installazione ed il mantenimento nonché l adeguamento di quelli già esistenti, al fine di renderli compatibili con i rispettivi mosaici nazionali.

16 Sebbene i sistemi di Monte Rasu ed Alèria fossero già sin dall inizio del progetto inglobati nei rispettivi mosaici nazionali, il mantenimento delle rispettive schedulazioni, l implementazione di nuove tecnologie e metodologie per la creazione dei mosaici nazionali ha richiesto e richiede sforzi economici per il mantenimento della loro catena operativa di funzionamento. Le scelte tecniche sono state e sono pertanto condizionate dalle esigenze operative delle rispettive reti radar nazionali, che applicano norme stringenti per garantire il corretto funzionamento della rete di monitoraggio. D altronde l interoperabilità dei sistemi radar con quelli delle rispettive nazioni ricopre un ruolo strategico fondamentale, in quanto permette di migliorare ed integrare la copertura del territorio per tutte quelle organizzazioni che operano ai fini di protezione civile. Il confronto e la condivisione che deriva dalla nascita del mosaico transfrontaliero di fatto pone le basi per una futura efficace collaborazione. Questa è l ottica con cui sono state eseguite le attività di seguito brevemente descritte. Il radar di Monte Rasu si presentava all inizio del progetto come già inserito e parte integrante del mosaico nazionale italiano. Il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile cura direttamente la raccolta dei dati, oltre che dai radar della propria rete, anche dai radar regionali compreso il radar di Monte Rasu, ed elabora le immagini nel mosaico nazionale sotto forma di prodotti, tipicamente mappe di precipitazione istantanea (SRI) o cumulata (SRT), che vengono poi ridistribuiti verso gli Enti gestori dei singoli radar. Lo scambio di dati avviene utilizzando canali di comunicazione dedicati, pertanto l accesso al mosaico radar nazionale non è pubblico, è soggetto a restrizioni e il suo impiego è prevalentemente finalizzato a scopi di Protezione Civile. In Figura 9 è illustrato un tipico esempio di mappa di precipitazione istantanea elaborata dalla mosaicatura delle immagini raccolte dai radar della rete nazionale italiana.

17 Figura 9 Il mosaico radar nazionale italiano (Dipartimento Nazionale Protezione Civile, Regioni, Aeronautica Militare). Anche il radar presente sul territorio della Corsica è già integrato nel rispettivo mosaico nazionale (il mosaico francese), la cui configurazione è rappresentata in Figura 10. La rete radar francese è gestita e curata da Meteo France, che si occupa anche dell elaborazione dei dati per lo sviluppo e l implementazione operativa dei prodotti di mosaicatura. Un esempio di mosaico francese è riportato in Figura 11.

18 Figura 10. La rete radar francese Aramis, rispettivamente nel 2010 (sinistra) e nel 2013 (destra). Figura 11. Esempio di mappa di mosaicatura francese.

19 I radar di Cima di Monte (Isola d Elba) e di Livorno non sono attualmente inclusi nel mosaico nazionale italiano. E prevista una campagna sperimentale per valutare la compatibilità dei dati rilevati dal sistema radar WR10X con quelli che compongono la rete operativa nazionale. Infatti è stato fatto un accordo tra LAMMA e Dipartimento Centrale di Protezione Civile Nazionale (DPCN) per una fase iniziale di test finalizzata ad un loro inserimento operativo nella rete nazionale italiana. Per tale fase sperimentale saranno utilizzati i formati dei dati attualmente disponibili: BUFR ed HDF5. Un eventuale inserimento nella rete nazionale comporterà l adeguamento dei formati a quelli richiesti dalla rete operativa. 4 IL MOSAICO TRANSFRONTALIERO RESMAR 4.1 CONDIVISIONE DEI DATI RADAR Come descritto nel documento ASE-3.1-Esigenze Reti Radar, i due compositi radar nazionali analizzati non sono stati ritenuti adatti agli scopi delle linee di attività del Progetto ResMar, poiché operanti esclusivamente entro i confini nazionali di reciproca competenza e con formati di interscambio dati generalmente non aperti. Il composito OPERA invece si presenta con una copertura spaziale che ingloba interamente l area dello Spazio Marittimo d interesse del Progetto e impiega per l interscambio dei dati esclusivamente formati aperti, in particolare i formati ODIM (Opera Data Information Model). Vista la sua potenzialità ad adattarsi a sistemi radar di tipo eterogeneo, e quindi anche molto diversi tra loro, OPERA è stato assunto come riferimento per la creazione del mosaico radar transfrontaliero RESMAR e i suoi formati dati scelti quali formati di interscambio da implementare nei software dei radar di Aléria, Cima di Monte e Monte Rasu. Sono formati ODIM il il formato BUFR, nella sua attuale versione 3.1, e il formato HDF5. Per quanto riguarda la condivisione dati, i partner hanno scelto di condividere i volumi polari di riflettività dei propri radar in quanto da essi possono essere ricavate, anche con successiva

20 autonoma post-elaborazione (e quindi prescindendo dagli algoritmi specifici implementati su ciascun sistema), tutte le grandezze misurate d interesse. 4.2 ARMONIZZAZIONE DEI RADAR DEL PROGETTO RESMAR In accordo alle scelte dei partner precedentemente riassunte, tutti i sistemi radar coinvolti nel Progetto sono stati resi compatibili con almeno uno dei formati ODIM individuati. In particolare il radar di Monte Rasu e quelli di Cima di Monte e Livorno hanno richiesto un adeguamento del software di elaborazione (RDP), mentre il radar di Aleria era risultato compatibile con i formati OPERA già nella precedente fase di analisi (vedasi il documento ASE-3.1-Esigenze Reti Radar ) e pertanto non si è reso necessario alcun intervento sul software. A seguito degli interventi di adeguamento software condotti, il radar di Cima di Monte e quello di Livorno sono stati posti nella condizione di poter esportare nel formato BUFR 3.1 i volumi polari di riflettività, intesi come insieme delle scansioni (sweep) alle differenti elevazioni componenti ciascun volume di dati. Per il radar di Monte Rasu l adeguamento del software è stato più profondo, risultando al termine dell intervento possibile esportare sia i volumi polari di riflettività che i prodotti da questi generati nei formati BUFR 3.1 e HDF5. In aggiunta, è stato implementato un encoder nel formato MDV (Meteorological Data Volume) per i soli volumi polari di riflettività. Successivamente agli interventi di adeguamento dei software sono seguiti tra i partner scambi di dati acquisiti dai propri radar, principalmente nel formato BUFR 3.1, per verificarne la leggibilità su sistemi differenti da quelli originari di acquisizione. Tutte le prove condotte hanno dato esito positivo, risultando quindi raggiunto l obiettivo di armonizzazione, dal punto di vista della leggibilità e interscambiabilità del dato, dei sistemi radar considerati.

21 4.3 IL MOSAICO RADAR RESMAR Per motivi di natura burocratico-amministrativa, non è stato possibile finalizzare l interscambio dati in maniera operativa, pur avendo reso tutti i radar del Progetto in grado di produrre il formato concordato, a causa di un mancato accordo bilaterale Italia-Francia. Tale accordo, da siglare attraverso l Aeronautica Militare Italiana che gestisce per conto dell Italia l interscambio operativo di dati meteorologici con l estero, si rende necessario in quanto l Italia non ha aderito al progetto OPERA 4 per la creazione del mosaico Europeo esteso. Pertanto l interscambio dei dati con Paesi esteri, in particolare con la Francia, può in questo contesto avvenire solamente previa stipula di un protocollo d intesa con Météo France, avvallato dall Aereonautica Militare Italiana. A tal fine si stanno formalizzando i necessari passi che porteranno, auspicabilmente a breve, alla stipula di tale accordo per l interscambio operativo dei dati. Sarà compito poi di Météo France implementare operativamente la stima di precipitazione a partire dai volumi polari di riflettività dei dati dei 4 radar e distribuire poi il prodotto finale ai partner, secondo quanto concordato nel corso del Progetto. Nel frattempo ARPAS ha implementato autonomamente, ma sempre nell ambito delle attività previste dal Progetto, un software per la mosaicatura dei dati dei radar di Aléria, Cima di Monte e Monte Rasu. Il software di mosaicatura accetta come input dati radar in formato BUFR, ma per il radar di Cima di Monte e per quello di Monte Rasu anche nel formato nativo, e consente di effettuarne e visualizzare il relativo composito, che a sua volta può essere esportato nei formati BUFR 3.1 e HDF5 per garantire l interscambiabilità tra i partner. Al momento il software consente di mosaicare tra loro due tipologie di prodotti cartesiani radar: il primo è il VMI (Vertical Maximum Intensity) ed è correlato ai valori di massima riflettività radar misurati sulla verticale; il secondo è il SRI (Surface Rainfall Intensity), che fornisce una stima dell intensità di precipitazione al suolo, misurata da radar. Quest ultimo prodotto non è disponibile per i radar di Cima di Monte e Livorno. L algoritmo di mosaicatura restituisce, per ciascun pixel dell area di interesse e per entrambi i

22 prodotti VMI e SRI, il valore rilevato dal radar più vicino ovvero, in caso di sovrapposizione delle osservazioni di più radar, il valore massimo rilevato. Le immagini che seguono rappresentano alcuni esempi di uscite del software di mosaicatura, a partire dalle immagini dei singoli radar, per l evento del settembre Il mosaico è relativo al prodotto VMI, che è disponibile per tutti i radar dei partner. Sono mostrate, per due momenti temporali differenti dell evento (espressi in orario GMT), le sequenze delle immagini acquisite dai singoli radar e quelle dei compositi risultanti. Il software di mosaicatura implementato può operare sia in modalità differita che in tempo reale, quest ultima possibile se i dati dei radar di Aléria e Cima di Monte vengono resi disponibili contestualmente a quelli del radar di Monte Rasu, sulla piattaforma di mosaicatura ARPAS con tempi di latenza concordati. Figura 12: Immagini VMI del radar di Aléria delle ore 21:30 del 12 settembre 2012 (a sinistra) e delle ore 00:30 del 13 settembre (a destra).

23 Figura 13: Immagini VMI del radar di Cima di Monte delle ore 21:30 del 12 settembre 2012 (a sinistra) e delle ore 00:30 del 13 settembre (a destra). Figura 14: Immagini VMI del radar dimonte Rasu delle ore 21:30 del 12 settembre 2012 (a sinistra) e delle ore 00:30 del 13 settembre (a destra).

24 Figura 15: Immagini VMI del composito dei tre radar (Aléria, Cima di Monte, Monte Rasu) delle ore 21:30 del 12 settembre 2012 (a sinistra) e delle ore 00:30 del 13 settembre (a destra).

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo 5 Impianti televisivi quadro riassuntivo EMITTENTE OBIETTIVI PROPOST E STATO TELENORBA TELEPUGLIA TELEDUE Trasferimento in sito fuori del centro abitato Rimozione antenne radianti non attiv e con conseguente

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Informazioni demografiche e socio-economiche sugli Enti Locali

Informazioni demografiche e socio-economiche sugli Enti Locali Informazioni demografiche e socio-economiche sugli Enti Locali Utilizzo e funzionalità: L applicativo cerca di essere il più flessibile ed intuitivo possibile. Spetta all utente, in base alle necessità,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A.

Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A. Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A. I passi necessari per completare la procedura sono:

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli