Indagine retributiva per Enpam. Giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagine retributiva per Enpam. Giugno 2015"

Transcript

1 Indagine retributiva per Enpam Giugno 2015

2 obiettivo e metodologia

3 Obiettivo del progetto Il Vertice di Enpam - Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza Medici ha richiesto la collaborazione di Egon Zehnder per lo svolgimento di un indagine sulla struttura dei compensi e livelli degli importi corrisposti a Presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe) Vice Presidente Consigliere Nell analisi retributiva relativa alla figura del Presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe) di Enpam abbiamo concentrato in particolare la nostra attenzione sul settore specifico delle Istituzioni Finanziare considerando il vertice di società di Asset Management e SGR operanti in Italia. Abbiamo, inoltre, dato spazio a considerazioni sulla struttura della retribuzione totale e sulla sua suddivisione tra componenti fisse e variabili (pay mix). Per quanto concerne i ruoli di Vice Presidente e Consigliere di Enpam abbiamo preso in esame un panel significativo composto da 30 aziende Italiane rilevanti, per la maggioranza quotate e differenziate per settore industriale di appartenenza. Abbiamo preparato, inoltre, un approfondimento specifico relativo ai compensi nel settore delle Istituzioni Finanziarie, prendendo in esame in particolare Asset Management e Real Estate. 3

4 La nostra metodologia (1/2) Le indagini retributive condotte da Egon Zehnder sono strettamente collegate alla nostra esperienza di consulenti e si basano su interviste ad hoc da noi effettuate a manager che ricoprono ruoli il più possibile simili a ciascuna delle posizioni da investigare. Il progetto è condotto attraverso ricerche nel nostro database, aggiornate con una serie di verifiche dirette e personalizzate nonché su informazioni pubbliche per le Società quotate. In particolare, i valori retributivi si riferiscono a manager che, entro limiti ragionevoli, ricoprono ruoli di peso analogo a quelli della posizione oggetto dell analisi. Nella presentazione dei risultati del nostro lavoro esponiamo in modo puntuale le informazioni relative alla retribuzione fissa, variabile e totale per una serie di manager che ricoprono una certa posizione all interno di un campione di Società selezionate come sopra. 4

5 La nostra metodologia (2/2) Caveat metodologico Evidenziamo in modo qualitativo i casi nei quali i manager beneficiano anche di pacchetti di Stock Options; tuttavia, per oggettive difficoltà di valorizzarle date le turbolenze di mercato, non possiamo determinare dei valori certi. Viceversa, evidenziamo il valore annuo di altre forme di incentivazione a lungo termine ( piani LTI ). Per motivi di riservatezza professionale non associamo nella presentazione il nome del manager con il nome della Società e facciamo in modo che nessuna informazione sia riconducibile ai singoli manager. 5

6 il contesto Enpam

7 Considerazioni preliminari Enpam è una fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato, che garantisce ed eroga i servizi previdenziali e assistenziali, anche integrativi, per i medici e gli odontoiatri italiani, i cui contributi all Ente sono obbligatori e conseguenti all iscrizione nei relativi albi professionali. Nell anno 2015 Enpam si è dotato di un nuovo Statuto, a valle di un cambiamento intrapreso principalmente per migliorare la rappresentatività e funzionalità degli organi di governo, nonché per riaffermare la natura privata della Fondazione e la sua aspirazione ad una gestione pienamente autonoma. Gli organi della Fondazione sono: l Assemblea Nazionale; il Consiglio di Amministrazione; il Presidente; il Collegio dei Sindaci. Il Presidente è il rappresentante legale della Fondazione; convoca e presiede l Assemblea nazionale ed il Consiglio di amministrazione. Esercita le attribuzioni a lui delegate dal Consiglio di amministrazione. Egli è altresì investito delle altre funzioni demandategli dallo Statuto, dalle leggi e dai regolamenti. In caso di urgenza, può adottare motivate deliberazioni di competenza del Consiglio di amministrazione, chiedendone la ratifica nella successiva riunione dell organo competente. Il Presidente è coadiuvato da due Vice Presidenti, uno dei quali è nominato Vicario dal Presidente. Il Vice Presidente Vicario sostituisce il Presidente in caso di assenza o impedimento, ovvero qualora questi cessi dalla carica per qualsiasi motivo. 7

8 Complessità del contesto Il contesto di Enpam è caratterizzato da rilevanti fattori di complessità, in particolare: peculiare regime giuridico di Enpam e conseguente applicazione di normativa a «doppio binario» - in parte privata e in parte coincidente con la normativa per enti pubblici e relativa vigilanza da parte di diversi organismi pubblici (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministero dell Economia e Finanze, Corte dei Conti, etc); ingente valore del patrimonio in portafoglio, attualmente superiore ai 17 miliardi di Euro; politica degli investimenti differenziata tra investimenti immobiliari e finanziari; numerosità dei Fondi di Previdenza (due) contabile e amministrativo; e relative gestioni (cinque) distinte sotto il profilo ampiezza delle responsabilità attribuite agli organi, in particolare al Presidente. 8

9 I compensi attuali degli organi sociali di Enpam Indennità di carica Gettone di presenza Indennità di trasferta Presidente Vice Presidente Vicario Vice Presidente Consigliere d Amministrazione Presidente Collegio Sindacale Componente Collegio Sindacale Presidente Supplente Collegio Sindacale Componente Supplente Collegio Sindacale Importo determinato nel 2005, confermato nel 2007 e ridotto del 10% dal 1/1/2012 Importo determinato nel 2005, decurtato del 10% dal 2012 e ulteriormente ridotto del 10% dal 1/9/2014 In occasione di più riunioni svolte nella medesima giornata, viene corrisposto un unico gettone di presenza Importo determinato nel 2005 e ridotto del 20% dal 1/9/2014 L indennità è ridotta di un terzo o della metà se viene richiesto il rimborso delle spese sostenute e documentate rispettivamente per il solo alloggio o per il solo vitto, ovvero per entrambi 9

10 Dettaglio competenze 2014 per Presidente, Vice Presidenti e Consiglieri Presidente e Vice Presidenti Nel 2014 il totale di compensi, gettoni e indennità di missione è stato pari a: ,58 Euro comp gettoni presenza inden trasf. spese impon rimb spese no impon tot lordo Presidente , , , , ,79 Vice Presidente Vicario , , , , ,07 Vice Presidente , , ,00-552, ,72 Totale Euro , , , ,86 552, ,58 Consiglieri Nel 2014 il totale di compensi, gettoni e indennità di missione al Consiglio e Comitato Esecutivo è stato pari a: ,62 Euro (comprensivi di IVA). Le competenze economiche relative alla carica di Consigliere vanno da a Euro. 10

11 La recente evoluzione del costo degli organi sociali di Enpam Negli ultimi anni si è registrata un importante diminuzione nei costi degli organi sociali di Enpam. Le indennità di carica dei componenti degli organi collegiali di Enpam determinate nel 2005 sono state ridotte del 10% a partire dal 1 gennaio Nella stessa sede è stata deliberata un analoga decurtazione del 10% dell importo del gettone di presenza. Più recentemente, nel 2014, Enpam ha deliberato ulteriori importanti riduzioni, relativamente agli importi dei gettoni di presenza e delle indennità di trasferta. Nel dettaglio: Gettone di presenza: valore attuale: 486 lordi Riduzione del 10% dal 1 gennaio 2012 e ulteriore riduzione del 10% dal 1 settembre 2014 Indennità di trasferta: valore attuale: 360 lordi Riduzione del 20% dal 1 settembre 2014 Il nuovo Statuto di Enpam, modificato nella seduta del Consiglio Nazionale del 29 novembre 2014 a seguito delle richieste ministeriali (approvato con Decreto interministeriale del 17 aprile 2015), comporta, inoltre, ulteriori risparmi sulla spesa per gli organi collegiali grazie a riduzione dei componenti del Consiglio di Amministrazione (da 27 a 17 membri: Presidente, due Vice Presidenti e 14 Consiglieri); abolizione del Comitato Esecutivo. 11

12 presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe)

13 Cluster di riferimento per l analisi del compenso del Presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe) In considerazione degli elementi di complessità che caratterizzano il contesto Enpam precedentemente menzionati abbiamo ritenuto opportuno definire il campione della nostra analisi facendo riferimento al settore delle Istituzioni Finanziarie. In particolare abbiamo condotto lo studio sul ruolo del Presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe) considerando il vertice (Amministratore Delegato/Direttore Generale) di Istituzioni Finanziarie, principalmente Asset Management e SGR, assimilabili per patrimonio ed asset finanziari gestiti. Il campione di riferimento considerato per l analisi è costituito dalle seguenti Società: Allianz Real Estate Anima Beni Stabili BNP Paribas Real Estate Investment Management Castello Duerre Generali Properties Mittel Prelios 13

14 Presidente Retribuzione Annua Fissa I valori sono espressi in migliaia di Euro Max Min µ = Manager 14

15 Presidente Retribuzione Annua Variabile RAV = Bonus annuale + Valore Annuo del Sistema Incentivante di Lungo Termine (LTI), ove presente I valori sono espressi in migliaia di Euro Max µ = Min Manager 270 Presenza LTI Presenza Stock Options/Shares sì no no no no no no no no no no no no sì sì no no sì no no 15

16 Presidente Retribuzione Annua Totale (RAT) RAT = RAF + RAV I valori sono espressi in migliaia di Euro Max µ = Min Manager Presenza LTI Presenza Stock Options/Shares sì no no no no no no no no no no no no sì sì no no sì no no 16

17 Considerazioni sui sistemi di remunerazione del Vertice aziendale (1/2) Fino a circa trenta anni fa i sistemi di remunerazione del Vertice aziendale erano principalmente basati sulla componente fissa come strumento omnicomprensivo della performance, salvo rari casi di premi straordinari deliberati dal Consiglio di Amministrazione ed approvati dall Assemblea. In seguito progressivamente è stato dato sempre più spazio ai sistemi di retribuzione incentivanti variabili, correlati alle prestazioni del management ed intesi come strumenti in grado di aumentare la probabilità che l individuo ricerchi e ripeta spontaneamente il comportamento finalizzato al raggiungimento degli obiettivi aziendali previsti. La retribuzione totale percepita dal Vertice aziendale è oggi tipicamente composta dalle seguenti componenti: Retribuzione fissa, non legata a performance. E determinata in base al ruolo ricoperto e all ampiezza delle responsabilità assegnate al manager; Retribuzione Variabile collegata a performance. 17

18 Considerazioni sui sistemi di remunerazione del Vertice aziendale (2/2) Il sistema incentivante variabile collegato a performance è costituito dalle componenti: Variabile di breve termine (MBO o bonus cash annuale), volta a remunerare i risultati conseguiti nel breve periodo, in relazione agli obiettivi quantitativi e qualitativi desunti dal budget annuale; Variabile di medio - lungo termine (LTI), legata al raggiungimento dei risultati nel corso di un orizzonte temporale di più anni e alla creazione di valore per gli azionisti. Gli incentivi di medio-lungo termine prevedono il rilascio di quote di incentivo in relazione al grado di raggiungimento di obiettivi di tipo strategico. Gli strumenti utilizzati possono essere diversi a seconda che si tratti di piani opzionari (stock option, phantom stock option) o piani azionari (cash, performance share, performance units, restricted shares, restricted units). La suddivisione percentuale della retribuzione totale fra le componenti fisse e le diverse componenti variabili (di breve e di medio-lungo termine) è definito pay mix. 18

19 Considerazioni sul pay mix nella retribuzione totale dell Amministratore Delegato nelle Istituzioni Finanziarie Abbiamo verificato i pacchetti retributivi dell Amministratore Delegato/Direttore Generale in un campione ampio rappresentativo delle principali Istituzioni Finanziarie in Italia (una quindicina tra Banche e Assicurazioni). In base alle nostre osservazioni il pay mix medio dell Amministratore Delegato nel panel considerato si attesta sui seguenti valori: 53% per la componente fissa 45% per le componenti variabili 30% 2% Fisso Variabile a breve (Bonus cash annuale) 53% Variabile a medio - lungo termine (LTI) Benefici non monetari 15% 19

20 consigliere

21 Alcune considerazioni generali sul compenso del Consigliere L analisi sulla figura del Consigliere si è focalizzata sullo studio dei compensi dei Consiglieri Non Esecutivi di un panel significativo composto da 30 aziende italiane rilevanti (e per la maggioranza quotate), differenziate per settore di riferimento. 3% 18% 33% Altro 20% Energia Industria Largo Consumo Banche e Assicurazioni 28% 21

22 Emolumenti e pay mix del Consigliere Nel campione considerato il valore medio degli emolumenti dei Consiglieri Non Esecutivi è risultato in Italia pari a circa 87 mila Euro ed è fondamentalmente costituito dal compenso fisso da Consigliere (con o senza gettoni di presenza) e dal compenso aggiuntivo come membro di uno o più comitati (con o senza gettoni di presenza). Le spese per le trasferte o missioni relative agli incarichi vengono liquidate a parte come rimborsi a piè di lista Compensi fissi Compensi per Comitati Altro

23 Emolumenti del Consigliere nei diversi settori industriali All interno del campione considerato il settore bancario e assicurativo risulta essere quello caratterizzato dai compensi totali medi, comprensivi della partecipazione ai Comitati, più elevati ( Euro), seguito dal settore energia ( Euro), dal largo consumo/servizi ( Euro) e, infine, dall industria ( Euro). Banche e Assicurazioni Energia Largo Consumo/Servizi Media Italia Industria

24 Remunerazione del Consigliere per la partecipazione ai Comitati Per quanto riguarda il gettone di presenza rileviamo che esso è previsto in circa il 60% delle aziende del campione considerato; il suo valore medio si attesta attorno ai Euro per la partecipazione alla riunioni sia del Consiglio che dei singoli Comitati. I compensi aggiuntivi per la partecipazione ai Comitati variano principalmente a seconda della tipologia di Comitato e del ruolo svolto: in particolare, l essere membro del Comitato Controllo e Rischi comporta in media una remunerazione aggiuntiva pari a Euro contro i Euro corrisposti in media ai membri degli altri Comitati. Ricoprire il ruolo di Presidente di Comitato comporta ulteriori compensi aggiuntivi pari in media 5-10 mila Euro su base annua per Comitato. NED NED - Membro del Comitato Controllo e Rischi NED - Presidente del Comitato Controllo e Rischi NED - Membro del Comitato Remunerazione NED - Presidente del Comitato Remunerazione NED - Membro di altri Comitati NED - Presidente di altri Comitati Naturalmente si tratta di dati medi che registrano una forte variabilità a seconda delle dimensioni dell Azienda e del settore in cui l Azienda opera, analogamente a quanto già evidenziato. 24

25 Il compenso del Consigliere nel cluster specifico di riferimento: Asset Management e Real Estate A completamento dell analisi del compenso della figura del Consigliere abbiamo considerato un cluster di settore specifico all interno delle Istituzioni Finanziarie, prendendo in esame in particolare Asset Management e Real Estate. Abbiamo composto il seguente campione di riferimento di Società Italiane quotate, operanti nei settori dell Asset Management e Real Estate: Anima Azimut Beni Stabili Gabetti Property Solutions IGD Immobiliare Grande Distribuzione Prelios Le informazioni sono tratte dalle Relazioni sulle Remunerazioni disponibili per l anno

26 La fotografia del Compenso del Consigliere nel cluster specifico di riferimento: Asset Management e Real Estate Compenso Annuo Fisso Gettoni di presenza Compenso per la partecipazione ai Comitati Consigliere Euro no no Consigliere Euro no Euro annui a ciascun membro dei vari Comitati Consigliere Euro no Consigliere Euro no Consigliere Euro no Euro annui per ciascun membro del Comitato Nomine e Remunerazioni e del Comitato Parti Correlate; Euro annui per ciascun membro del Comitato Controllo e Rischi Euro annui per ciascun membro del Comitato per il Controllo Interno, Rischi e Corporate Governance; Euro annui per ciascun membro del Comitato per la Remunerazione Euro annui per il Presidente/ per il membro del Comitato Controllo e Rischi; gettone di presenza di 750 Euro per la partecipazione ad ogni seduta del Comitato per le Operazioni con Parti Correlate e del Comitato per le Nomine e per la Remunerazione Consigliere Euro (nonindipendente) Euro (Indipendente) no no 26

27 vice Presidente

28 Alcune considerazioni generali sulla figura del Vice Presidente L analisi relativa alla figura del Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione è stata condotta su un campione significativo composto da 30 aziende italiane rilevanti (e per la maggioranza quotate), differenziate per industria di riferimento. 3% 18% 33% Altro 20% Energia Industria Largo Consumo Banche e Assicurazioni 28% Registriamo la presenza di almeno un Vice Presidente circa nella metà delle Società del campione. La figura del Vice Presidente Non Esecutivo non è molto ricorrente nel campione in esame. La maggior parte dei Vice Presidenti hanno, infatti, poteri esecutivi ed in alcuni casi rivestono anche il ruolo di Amministratore Delegato della Società. 28

29 Emolumenti e pay mix del Vice Presidente Dall analisi del campione delle Società in cui è presente la figura del Vice Presidente, emerge che il valore medio della retribuzione fissa annua dei Vice Presidenti è pari a circa 245 mila Euro. Considerando la struttura della retribuzione totale e il pay mix abbiamo costituisce il 64% circa di quella complessiva: verificato che la retribuzione fissa 25% Compensi fissi Compensi variabili 11% 64% Altri Compensi (partecipazione a Comitati, emolumenti da società controllate e collegate, etc) Con riferimento al compenso medio totale dei Vice Presidenti abbiamo verificato che circa il 40% si concentra nella fascia tra 100 mila e 200 mila Euro annui, mentre circa il 25% si colloca nell arco tra 300 mila e 400 mila Euro. 29

30 Nota sul compenso del Vice Presidente Non Esecutivo Come prevedibile il compenso totale dei Vice Presidenti Non Esecutivi è decisamente inferiore rispetto a quello dei Vice Presidenti Esecutivi, anche in considerazione del fatto che percepisce di norma un compenso variabile. il Vice Presidente Non Esecutivo non Compenso medio totale del Vice Presidente Non Esecutivo: circa 150 mila Euro Compenso medio totale del Vice Presidente Esecutivo: circa 350 mila Euro 30

31 conclusioni

32 Conclusioni 1/3 Presidente Dal campione dell analisi svolta (composto da SGR, fondi immobiliari aperti e chiusi, asset management) si evince che: 1. La media del campione (all interno di una forte diversificazione) per la Retribuzione Annua Fissa è di Euro , per la Retribuzione Annua Variabile è di Euro , per un totale di Euro A questa vanno aggiunti i benefits aggiuntivi (rimborsi spese, auto aziendale, assicurazioni integrative, alloggio di servizio, ecc.) 2. Considerando che il Presidente di Enpam eserciti il proprio ruolo all 80% del proprio tempo disponibile, l attuale remunerazione nel suo complesso risulta decisamente inferiore rispetto alla media del mercato. 3. Se si considera che all interno dell emolumento esistono voci quali le indennità di trasferta, l attuale remunerazione è ancora più significativamente inferiore rispetto anche solo alla media del campione. 4. Il mix delle componenti che costituiscono l emolumento complessivo, seppur in linea con le altre Fondazioni, non è ottimale ed anche per ragioni di semplicità andrebbe ristrutturato per garantire più equità e trasparenza. 32

33 Conclusioni 2/3 Vice Presidente Vicario e Vice Presidente Dal campione dell analisi svolta (composto da SGR, fondi immobiliari aperti e chiusi, asset management) si evince che: 1. Non esiste una casistica standard né per il ruolo di Vice Presidente Vicario né per quello di Vice Presidente all interno del campione di 30 società analizzate, sia quotate che non; è difficile quindi dare uno spaccato chiaro e definito essendo le retribuzioni assegnate per compiti specifici con deleghe ad personam. 2. Tuttavia, esiste un forte gap tra Vice Presidenti non esecutivi ed esecutivi (con deleghe) con una banda che oscilla tra un compenso nella media di circa 150mila per i primi e circa 350mila per i secondi. Entrambi i valori risultano molto superiori a quelli percepiti dal Vice Presidente Vicario e dal Vice Presidente di Enpam. 33

34 Conclusioni 3/3 Consiglieri Dal campione dell analisi svolta (composto da SGR, fondi immobiliari aperti e chiusi, asset management) si evince che: 1. Il valore medio degli emolumenti dei Consiglieri non esecutivi è di circa 87mila Euro complessivamente inteso come compenso fisso e compenso aggiuntivo per la partecipazione a Comitati. 2. Considerando il solo settore delle banche, assicurazioni, SGR e fondi, il compenso medio è il più elevato e raggiunge circa 113mila Euro. 3. Per il solo asset management e real estate il compenso medio è molto variabile e può raggiungere circa 60mila euro oltre ad ulteriori compensi per la partecipazione a Comitati (uno o più); la differenza con gli altri comparti è essenzialmente dovuta al fatto che spesso partecipano al Consiglio membri dirigenti e non delle società controllanti, che percepiscono retribuzioni da lavoro dipendente. Questo ha limitato la comparazione media del compenso verso il basso. 4. Nonostante questi caveat, gli emolumenti previsti per il Consigliere Enpam risulta nel peggiore dei casi in linea con il mercato o addirittura, se si considera l altro campione, sensibilmente inferiore alla media del mercato. 5. Va sempre ricordato che in tutti i casi l indennità di trasferta (che viene inclusa in Enpam come componente del compenso) non è prevista nelle aziende del campione. 34

35 Appendice - Confronto tra gli enti previdenziali (1/2) Il costo degli organi sia per costo % sul patrimonio che per costo per iscritto è il secondo più economico tra tutti gli enti previdenziali in Italia CASSA COSTO ORGANI PATRIMONIO NUMERO ISCRITTI * COSTO PER ISCRITTO Enpaf - Farmacisti ,69 0,01% COSTO % PATRIMONIO** ENPAM ,66 0,02% Cassa Forense ,71 0,03% Inarcassa Ingegneri e Architetti ,63 0,05% Enpav Veterinari ,95 0,17% Cipag Geometri ,28 0,19% CNPADC Dottori Commercialisti ,03 0,03% Inpgi1 Giornalisti ,50 0,09% Enpacl c. del lavoro ,99 0,16% Dati da bilancio dell anno 2013 (*) Posizioni aperte: attivi+pensioni (**) Patrimonio mobiliare e immobiliare. Comprende l investimento in immobili, le partecipazioni in società immobiliari e i Fondi immobiliari. (Dati: Centro studi AdEpp). Per Enpaf e Cnpadc, si intende il "patrimonio netto", per Enpab il "patrimonio finanziario" 35

36 Appendice - Confronto tra gli enti previdenziali (2/2) Il costo degli organi sia per costo % sul patrimonio che per costo per iscritto è il secondo più economico tra tutti gli enti previdenziali in Italia CASSA Enpapi Infermieri liberi professionisti COSTO ORGANI PATRIMONIO NUMERO ISCRITTI * COSTO PER ISCRITTO ,56 0,32% Cnpr ragionieri ,17 0,08% COSTO % PATRIMONIO** Enpap psicologi ,14 0,32% Enpab biologi ,98 0,20% Epap agronomi, forestali, chimici, attuari, geologi Eppi periti Industriali ,10 0,23% ,47 0,18% Cassa notariato ,77 0,11% Enpaia1 agricoltura n.d. n.d. 0,04% Dati da bilancio dell anno 2013 (*) Posizioni aperte: attivi+pensioni (**) Patrimonio mobiliare e immobiliare. Comprende l investimento in immobili, le partecipazioni in società immobiliari e i Fondi immobiliari. (Dati: Centro studi AdEpp). Per Enpaf e Cnpadc, si intende il "patrimonio netto", per Enpab il "patrimonio finanziario" 36

Le indennità di carica e i gettoni di presenza sono stati stabiliti dal Consiglio nazionale nel 2005 Nel 2011 è stata deliberata una riduzione del 10%

Le indennità di carica e i gettoni di presenza sono stati stabiliti dal Consiglio nazionale nel 2005 Nel 2011 è stata deliberata una riduzione del 10% Costi organi collegiali Le indennità Le indennità di carica e i gettoni di presenza sono stati stabiliti dal Consiglio nazionale nel 2005 Nel 2011 è stata deliberata una riduzione del 10% 2010 2011 2012

Dettagli

Docente: Domenico Comegna

Docente: Domenico Comegna Docente: Domenico Comegna Risorse destinate al Welfare ITALIA 26,5% PIL UE (15 paesi) 27,2% PIL Risorse destinate al Welfare Pensioni Sanità Famiglia Ammortizzatori Altre e disabilità Sociali voci GERMANIA

Dettagli

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.

Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer. Via per Arona n. 46, 28021 Borgomanero (NO) Capitale Sociale 13.138.000,00 i.v. C.F./P. Iva/Registro Imprese di Novara 01415510039 www.mecaer.com RELAZIONE SULLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE (Relazione approvata

Dettagli

* * * 1.1 Organi o soggetti coinvolti nella predisposizione, approvazione e corretta attuazione della politica delle remunerazioni

* * * 1.1 Organi o soggetti coinvolti nella predisposizione, approvazione e corretta attuazione della politica delle remunerazioni Relazione sulla Remunerazione (pubblicata ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. n. 58/1998 e successive modificazioni e redatta in conformità a quanto previsto dall art. 84-quater della delibera Consob

Dettagli

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI SETTORE PUBBLICO Fondo dipendenti enti statali (ex INPDAP) Fondo dipendenti enti locali e Asl (ex IINPDAP) SETTORE PRIVATO Fondo lavoratori dipendenti

Dettagli

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 2. 2.1 METODOLOGIA Il metodo di selezione delle aziende adottato per Executive Compensation è basato su un modello di campionamento strutturato in funzione di alcune caratteristiche proprie dell azienda.

Dettagli

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE

2. METODOLOGIA E CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE 2. 2.1 METODOLOGIA Il metodo di selezione delle aziende adottato per Executive Compensation è basato su un modello di campionamento strutturato in funzione di alcune caratteristiche proprie dell azienda.

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA IN MATERIA DI POLITICA SULLA REMUNERAZIONE redatta ai sensi dell Art. 123-ter del Decreto legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998 e dell Art. 84-quater del Regolamento Emittente Approvata

Dettagli

IL 20.06.2014, SULLA

IL 20.06.2014, SULLA RELAZIONE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONVOCATAA IL 19.06.2014 IN PRIMA CONVOCAZIONE ED, OCCORRENDO, IL 20.06.2014, SULLA REMUNERAZIONEE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIRIGENTI CON RESPONSABILITA STRATEGICHE,

Dettagli

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI

EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI EXECUTIVE COMPENSATION 2014 LA REMUNERAZIONE DEI VERTICI AZIENDALI Per il quinto anno consecutivo OD&M - società di consulenza appartenente a Gi Group, specializzata nella realizzazione di indagini retributive

Dettagli

Brioschi Sviluppo Immobiliare spa. Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza)

Brioschi Sviluppo Immobiliare spa. Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza) Brioschi Sviluppo Immobiliare spa Relazione sulla remunerazione (ai sensi dell articolo 123-ter del Testo Unico della Finanza) Premessa La presente relazione (di seguito, la Relazione ), predisposta ai

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Ai sensi dell art. 123 ter del D.Lgs. n. 58/1998 e dell art. 84 quater e dell'allegato 3A del Regolamento CONSOB n. 11971/99 27 MARZO 2014 Buzzi Unicem SpA Sede: Casale Monferrato

Dettagli

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011

Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Studio sui compensi dei consigli di amministrazione delle società del FTSE MIB Anno 2011 Responsabile dello studio Guido Cutillo Country Head of Talent and Organization Consulting Hanno contribuito allo

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 19/03/2015) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA UIL F.P.L. TORINO - PIEMONTE

LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA UIL F.P.L. TORINO - PIEMONTE LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA Con la totalizzazione il dipendente può cumulare i contributi versati presso due o più enti previdenziali per ottenere un unica pensione (decreto legislativo 42 del 2 febbraio

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA P.I.P. COMPLEMENTARE OBBLIGATORIA I II III LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA Previdenza obbligatoria Pubblica

Dettagli

MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE

MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE Comunicazione dati del personale non dipendente che ha richiesto il trattamento alternativo

Dettagli

IL 21.05.2012, SULLA

IL 21.05.2012, SULLA RELAZIONE ALL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONVOCATAA IL 16.05.2012 IN PRIMA CONVOCAZIONE ED, OCCORRENDO, IL 21.05.2012, SULLA REMUNERAZIONEE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIRIGENTI CON RESPONSABILITA STRATEGICHE,

Dettagli

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA TRE PILASTRI: PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREVIDENZA OBBLIGATORIA LA

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012

PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 PININFARINA S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 (Art. 123 ter, D.Lgs. 58/1998) (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 21/03/2013) (Sito web: www.pininfarina.com) 2 SEZIONE I a) Per quanto

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Gabetti Property Solutions S.p.A. Sede legale in Milano, Via Bernardo Quaranta n. 40 Capitale sociale deliberato Euro37.369.999,49 sottoscritto e versato Euro 13.960.176,11 Codice fiscale e Iscr. al Registro

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell art. 123-ter del D. Lgs. N. 58/98 ( TUF ) e dell Allegato 3A, schemi 7-bis e 7- ter della Delibera Consob 14 maggio 1999, n. 11971 e successive modificazioni

Dettagli

Terzo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana. a cura del Centro Studi AdEPP

Terzo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana. a cura del Centro Studi AdEPP Terzo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana a cura del Centro Studi AdEPP Sommario 1 L evoluzione delle professioni e i suoi riflessi sul mondo della previdenza privata AdEPP... 3 1.1 Introduzione...

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell articolo 123 ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ed in conformità all Allegato 3A, schemi 7 bis e 7 ter, del regolamento CONSOB 14 maggio

Dettagli

31. Piani di incentivazione a base azionaria

31. Piani di incentivazione a base azionaria 31. Piani di incentivazione a base azionaria Dal 2000 al 2008 sono stati implementati con cadenza annuale in ambito aziendale piani a base azionaria (ossia, piani di stock option e piani di restricted

Dettagli

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014

Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 Registro delle Imprese e Codice Fiscale 07258710586 R.E.A. di Roma 604174 Sede legale: Via Brenta 11 00198 Roma Sito Internet: www.mondotv.it Mondo TV S.p.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2014 (ai sensi

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE DANIELI & C. - OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Sede: Buttrio (UD), via Nazionale 41 Capitale Sociale Euro 81.304.566 I.V. Numero di Iscrizione al Registro delle Imprese di Udine e Codice fiscale: 00167460302.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA REMUNERAZIONE predisposta ai sensi degli artt. 123-ter del DTUF e 84-quater del Regolamento Emittenti nonché dell art. 7 del Codice di Autodisciplina degli

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98. Emittente: Caltagirone Editore S.p.A. Sito Web: www.caltagironeeditore.

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98. Emittente: Caltagirone Editore S.p.A. Sito Web: www.caltagironeeditore. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art.123-ter D.Lgs. 58/98 Emittente: Editore S.p.A. Sito Web: www.caltagironeeditore.com Esercizio a cui si riferisce la Relazione: 2014 Approvata dal Consiglio

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE. Ai sensi dell art. 84-quater del Regolamento Emittenti Consob

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE. Ai sensi dell art. 84-quater del Regolamento Emittenti Consob RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Ai sensi dell art. 84-quater del Regolamento Emittenti Consob SCHEMA N.7-bis: Relazione sulla remunerazione La presente relazione è redatta in ottemperanza all art. 84-quater

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A.

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE SULLA POLITICA GENERALE DELLA REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI, DEGLI AMMINISTRATORI ESECUTIVI, DEGLI ALTRI AMMINISTRATORI INVESTITI DI PARTICOLARI

Dettagli

Relazione annuale sulla remunerazione 2015. ai sensi dell'art. 123-ter TUF e 84-quater Regolamento Emittenti

Relazione annuale sulla remunerazione 2015. ai sensi dell'art. 123-ter TUF e 84-quater Regolamento Emittenti Relazione annuale sulla remunerazione 2015 ai sensi dell'art. 123-ter TUF e 84-quater Regolamento Emittenti Emittente: Nice S.p.A. Sito Web: www.niceforyou.com Data di approvazione della Relazione: 12/03/2015

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma 32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori di

Dettagli

BANCA CAPASSO ANTONIO S.P.A. Fondata nel 1912

BANCA CAPASSO ANTONIO S.P.A. Fondata nel 1912 BANCA CAPASSO ANTONIO S.P.A. Fondata nel 1912 Informativa sull attuazione delle politiche e prassi di remunerazione e incentivazione a favore degli amministratori, dei sindaci e del personale nel corso

Dettagli

Percorso EXECUTIVE COMPENSATION

Percorso EXECUTIVE COMPENSATION AREA FORMATIVA: Personale & Organizzazione Percorso EXECUTIVE COMPENSATION Formula week-end Cod. Z3045 06 febbraio 2009 14 marzo 2009 COMITATO SCIENTIFICO Franco Fontana, Ordinario di Economia e Gestione

Dettagli

SEZIONE I LA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. ORGANI E SOGGETTI COINVOLTI NELLA PREDISPOSIZIONE E APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

SEZIONE I LA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. ORGANI E SOGGETTI COINVOLTI NELLA PREDISPOSIZIONE E APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE SAVE S.p.A. Relazione sulla Remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del TUF SEZIONE I LA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. ORGANI E SOGGETTI COINVOLTI NELLA PREDISPOSIZIONE E APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell articolo 123-ter TUF Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2013 La presente relazione si riferisce all esercizio 2012/2013 ed è disponibile

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA PA

FATTURAZIONE ELETTRONICA PA FATTURAZIONE ELETTRONICA PA Agenzia per l Italia digitale Area Regole, standard e guide tecniche 5 maggio 2014 Fatturazione elettronica PA 1/17 Fattura elettronica PA Finanziaria 2008: introduce l obbligo

Dettagli

A.S. ROMA S.P.A RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE. 1. Organi e soggetti coinvolti nell adozione ed attuazione della Politica sulla Remunerazione

A.S. ROMA S.P.A RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE. 1. Organi e soggetti coinvolti nell adozione ed attuazione della Politica sulla Remunerazione A.S. ROMA S.P.A RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE PREMESSA La presente Relazione del Comitato per la Remunerazione è stata redatta in conformità a quanto previsto dall art. 123 ter TUF e dall art. 84 - quater

Dettagli

Sito internet: www.grupposias.it

Sito internet: www.grupposias.it RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE PREDISPOSTA AI SENSI DEGLI ARTT. 123TER DEL TUF E 84QUATER DEL REGOLAMENTO EMITTENTI Sito internet: www.grupposias.it Approvata dal Consiglio di Amministrazione di SIAS S.p.A.

Dettagli

RELAZIONE ALL ASSEMBLEA 26 APRILE 2012 SULLA REMUNERAZIONE DI CAD IT

RELAZIONE ALL ASSEMBLEA 26 APRILE 2012 SULLA REMUNERAZIONE DI CAD IT CAD IT S.p.A. Sede in Verona, Via Torricelli 44/a Capitale sociale di Euro 4.669.000,00 i.v. Partita IVA, Codice Fiscale ed Iscrizione presso il Registro delle Imprese di Verona n. 01992770238 * * * RELAZIONE

Dettagli

COMUNICATO AI SENSI DELL ART.114 COMMA 5 D.LGS.N.58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB

COMUNICATO AI SENSI DELL ART.114 COMMA 5 D.LGS.N.58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB Pag.1 COMUNICATO AI SENSI DELL ART.114 COMMA 5 D.LGS.N.58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB Siena, 15 Aprile 2015 Facendo seguito all informativa resa nella Relazione sulla Remunerazione 2015

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 10 maggio 2012 Piano di incentivazione monetario triennale (2012/2014) per il Management del Gruppo Pirelli 1 Piano di incentivazione monetario triennale

Dettagli

RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (15 APRILE 2015 UNICA CONVOCAZIONE)

RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (15 APRILE 2015 UNICA CONVOCAZIONE) RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI SULLE PROPOSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI (15 APRILE 2015 UNICA CONVOCAZIONE) Relazione sul punto 2 all ordine del giorno Politica in

Dettagli

Fondi Complementari FondoSanità

Fondi Complementari FondoSanità Salviamo la pensione ENPAM: istruzioni per l'uso Fondi Complementari FondoSanità Dott. Ugo Tamborini Segretario Provinciale SNAMI-Milano La previdenza in Italia Il sistema previdenziale italiano si basa

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione ATLANTIA S.P.A. Relazione sulla Remunerazione Anno 2011 Redatta ai sensi dell art 123-ter d.lgs. 58/98 (TUF) e successive integrazioni e modifiche Sommario Sezione I... 3 La politica di Remunerazione del

Dettagli

SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI. (sigla Prov.) nr.

SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI. (sigla Prov.) nr. SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI Ragione Sociale* Nome Cognome Indirizzo PEC invio fatture Indirizzo PEC CCIAA* P.IVA* Codice Fiscale* Regime Fiscale* (Vedi codifica tabella A) Esigibilità IVA (Vedi

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE COMUNE DI GHISALBA (Provincia di Bergamo) Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 111 del 13/10/2014 REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 1 Sommario Art. 1 -

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

3. Riforma dello Statuto, per una miglior rappresentatività degli iscritti ed ottimizzazione dei costi per riduzione dei rappresentanti.

3. Riforma dello Statuto, per una miglior rappresentatività degli iscritti ed ottimizzazione dei costi per riduzione dei rappresentanti. Gli obiettivi della nuova legislatura 1. Riforma della previdenza per garantire la nuova sostenibilità di Legge, in un sistema solidale, equo tra generazioni ed adeguato nelle prestazioni, 2. Riforma della

Dettagli

Titolo I Disposizioni per il controllo e la riduzione della spesa pubblica, nonché in materia di entrate

Titolo I Disposizioni per il controllo e la riduzione della spesa pubblica, nonché in materia di entrate Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Titolo I Disposizioni per il controllo e la riduzione della spesa pubblica, nonché in materia di entrate Capo I Riduzione dei costi della politica

Dettagli

Rapporto su L Investimento Immobiliare nel Settore Previdenziale Italiano - 2012

Rapporto su L Investimento Immobiliare nel Settore Previdenziale Italiano - 2012 Rapporto su L Investimento Immobiliare nel Settore Previdenziale Italiano - 2012 ROMA Cassa Italiana di Previdenza e Assistenza Geometri 10 Ottobre 2012 DANIELA PERCOCO Contenuti del Rapporto 1) Mappatura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

Rassegna Stampa 10.11.2015

Rassegna Stampa 10.11.2015 Rassegna Stampa 10.11.2015 Rubrica Assonime Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 37 il Sole 24 Ore 10/11/2015 FOCUS - A PIAZZA AFFARI IN CALO I COMPENSI DEGLI AD DEL FTSE 2 MIB (A.Criscione)

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

BRUNELLO CUCINELLI S.P.A. Sede legale: Corciano (PG), fraz. Solomeo, Via Dell Industria 5. Capitale sociale: Euro 13.600.000 interamente versato

BRUNELLO CUCINELLI S.P.A. Sede legale: Corciano (PG), fraz. Solomeo, Via Dell Industria 5. Capitale sociale: Euro 13.600.000 interamente versato BRUNELLO CUCINELLI S.P.A. Sede legale: Corciano (PG), fraz. Solomeo, Via Dell Industria 5 Capitale sociale: Euro 13.600.000 interamente versato C.F./P. I.V.A. e n. di iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL COMUNICATO STAMPA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEA CAPITAL L Assemblea degli Azionisti: ha approvato il bilancio al 31 dicembre 2013 ed ha preso visione del bilancio consolidato del gruppo DeA Capital; ha

Dettagli

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ QUOTATE ITALIANE ABSTRACT SERGIO CARBONARA Scopo e metodologia Lo studio sulle remunerazioni 2012 parte dalla constatazione che la gestione

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1).

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1). D.Lgs. 30-6-1994 n. 509 Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma 32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori di forme

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi. (Anno 2014)

Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi. (Anno 2014) Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi (Anno 2014) Assogestioni ha raccolto i dati relativi all adesione al Protocollo di autonomia per la

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Ai sensi dell art. 123-ter del D.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 (Relazione approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 12 marzo 2015) Rai Way S.p.A. Sede legale in Roma,

Dettagli

L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP

L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP Gli iscritti 2 Il numero degli iscritti AdEPP al 2013 è pari a 1.416.245 unità, con un aumento percentuale del 15,7% tra il 2005 e il 2013. Se si considera

Dettagli

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze

Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze Statuto dell Azienda Speciale PromoFirenze ART. 1 Denominazione E' costituita, ai sensi dell art. 2, comma 5, Legge 29 dicembre 1993, n. 580 PromoFirenze Azienda speciale della Camera di Commercio Industria

Dettagli

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Volterra, 19.6.2014 Prof. Roberto Barontini Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna E-mail r.barontini@sssup.it Matematica Statistica Storia

Dettagli

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi Il/la sottoscritto/a nato/a il Codice Fiscale residente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE COMUNE DI GARGNANO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE - appendice al regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi - (Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI

REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI REGOLAMENTO INTERNO DEGLI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI Testo approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre 2011 Art. 1 Disposizioni preliminari 1.1 Il presente regolamento interno

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione Esercizio 2013

Relazione sulla Remunerazione Esercizio 2013 Relazione sulla Remunerazione Esercizio 2013 approvata dal Consiglio di Amministrazione di S.p.A. in data 14 maggio 2014 INTRODUZIONE... 1 PREMESSA GENERALE... 1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 1 FINALITÀ E CONTENUTI...

Dettagli

31/12/2012. Totale fondi pensione non finanziati 95.693 3.988 99.681 - - - -

31/12/2012. Totale fondi pensione non finanziati 95.693 3.988 99.681 - - - - 22. FONDI DEL PERSONALE La voce comprende Fondi pensione finanziati 271.288 266.404 non finanziati 99.681 85.014 TFR (società italiane) 47.007 40.484 Piani di assistenza medica 20.403 21.270 Altri benefici

Dettagli

Abbreviazioni usate nel testo... 4 Presentazione... 11

Abbreviazioni usate nel testo... 4 Presentazione... 11 Abbreviazioni usate nel testo... 4 Presentazione... 11 Capitolo 1 - Il consigliere di amministrazione 1.1 L organo amministrativo nelle spa e nelle srl... 13 1.2 La nomina dell amministratore... 16 1.2.1

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

OGGETTO: Casse e professionisti. Le scadenze contributive

OGGETTO: Casse e professionisti. Le scadenze contributive Informativa per la clientela di studio N. 13 del 31.07.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Casse e professionisti. Le scadenze contributive Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica STATUTO Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica ARTICOLO 1 Costituzione E costituita l Associazione denominata Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

Dettagli

Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi. (Anno 2015)

Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi. (Anno 2015) An a l i s i d e l l os t a t od i a d o z i o n e 2 0 1 5 Analisi dello stato di adozione del Protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti di interessi (Anno 2015) Assogestioni ha raccolto i

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell articolo 123-ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ed in conformità all Allegato 3A, schemi 7-bis e 7-ter, del regolamento CONSOB 14 maggio

Dettagli

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE ai sensi dell art. 123-ter del Testo Unico della Finanza, in conformità all art. 84-quater del Regolamento Emittenti e all art. 6 del Codice di Autodisciplina 14 marzo 2014

Dettagli

Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011

Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011 1 Comunicazione n. DEM/11012984 del 24-2-2011 OGGETTO: Richieste di informazioni ai sensi dell articolo 114, comma 5, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, in materia di indennità per scioglimento

Dettagli

Testo integrato * * * * * STATUTO. CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1. Denominazione

Testo integrato * * * * * STATUTO. CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1. Denominazione Testo integrato * * * * * STATUTO CAPO I - Istituzione ed ordinamento ART. 1 Denominazione 1.1 La CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI GEOMETRI LIBERI PROFESSIONISTI è Ente di diritto privato

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione 1 di 17 Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell art. 123-ter del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58. 2 di 17 Indice 1.- Introduzione pag. 3 SEZIONE I POLITICHE SULLA REMUNERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE SEZIONI TERRITORIALI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE SEZIONI TERRITORIALI REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE SEZIONI TERRITORIALI dell AISLA Onlus Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Indice Titolo

Dettagli

I FONDI DI PREVIDENZA

I FONDI DI PREVIDENZA Materiali si approfondimento sul convegno La previdenza in Italia organizzato da Studio Naldi I FONDI DI PREVIDENZA - assicurazione obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti L Assicurazione Generale

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione Redatta ai sensi dell art. 123ter del D. Lgs. N. 58/98 ( TUF ), dell art. 84 quater e dell Allegato 3A, schemi 7bis e 7ter della Delibera Consob 14 maggio 1999, n. 11971 e

Dettagli

Relazione sulla Remunerazione

Relazione sulla Remunerazione Relazione sulla Remunerazione S.p.A., Via Cantù, 2, 20123 Milano - C.F. Iscr. Reg. Imp. Milano n. 00891030272 - Partita IVA 10182640150 LUXOTTICA GROUP S.P.A. RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

Cartella Stampa. Anno 2005 ~ 2004 ~ 2003 ~ 2003

Cartella Stampa. Anno 2005 ~ 2004 ~ 2003 ~ 2003 Cartella Stampa Anno 2005 ~ 2004 ~ 2003 ~ 2003 edizione : gennaio 2005 2 Sommario La società Storia e profilo I clienti in Italia La struttura organizzativa Le attività Risk management Asset allocation

Dettagli

Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015. Punto 2 all'ordine del giorno

Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015. Punto 2 all'ordine del giorno Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015 Punto 2 all'ordine del giorno Informativa sull attuazione delle politiche di remunerazione ed incentivazione nell esercizio 2014 ed approvazione dell

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE DI BANCA IMI S.P.A. BASATO SU STRUMENTI FINANZIARI DELLA CAPOGRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

DOCUMENTO INFORMATIVO SISTEMA DI INCENTIVAZIONE DI BANCA IMI S.P.A. BASATO SU STRUMENTI FINANZIARI DELLA CAPOGRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. DOCUMENTO INFORMATIVO Ai sensi dell art. 84-bis, comma 1, del Regolamento adottato dalla Consob con Delibera n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato relativo al SISTEMA

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul STATUTO DELLA FONDAZIONE ARETINA DI STUDI SUL CLASSICISMO Art.1 - Denominazione e sede Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul classicismo costituiscono la Fondazione Aretina

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA PAGHE N. 1 / 2013 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: PARTITE IVA FITTIZIE - INDICAZIONI MINISTERIALI Riferimenti Legislativi: Art. 69-bis D.Lgs. n. 276/2003, D.M. 20 dicembre 2012; Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli