Indagine retributiva per Enpam. Giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagine retributiva per Enpam. Giugno 2015"

Transcript

1 Indagine retributiva per Enpam Giugno 2015

2 obiettivo e metodologia

3 Obiettivo del progetto Il Vertice di Enpam - Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza Medici ha richiesto la collaborazione di Egon Zehnder per lo svolgimento di un indagine sulla struttura dei compensi e livelli degli importi corrisposti a Presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe) Vice Presidente Consigliere Nell analisi retributiva relativa alla figura del Presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe) di Enpam abbiamo concentrato in particolare la nostra attenzione sul settore specifico delle Istituzioni Finanziare considerando il vertice di società di Asset Management e SGR operanti in Italia. Abbiamo, inoltre, dato spazio a considerazioni sulla struttura della retribuzione totale e sulla sua suddivisione tra componenti fisse e variabili (pay mix). Per quanto concerne i ruoli di Vice Presidente e Consigliere di Enpam abbiamo preso in esame un panel significativo composto da 30 aziende Italiane rilevanti, per la maggioranza quotate e differenziate per settore industriale di appartenenza. Abbiamo preparato, inoltre, un approfondimento specifico relativo ai compensi nel settore delle Istituzioni Finanziarie, prendendo in esame in particolare Asset Management e Real Estate. 3

4 La nostra metodologia (1/2) Le indagini retributive condotte da Egon Zehnder sono strettamente collegate alla nostra esperienza di consulenti e si basano su interviste ad hoc da noi effettuate a manager che ricoprono ruoli il più possibile simili a ciascuna delle posizioni da investigare. Il progetto è condotto attraverso ricerche nel nostro database, aggiornate con una serie di verifiche dirette e personalizzate nonché su informazioni pubbliche per le Società quotate. In particolare, i valori retributivi si riferiscono a manager che, entro limiti ragionevoli, ricoprono ruoli di peso analogo a quelli della posizione oggetto dell analisi. Nella presentazione dei risultati del nostro lavoro esponiamo in modo puntuale le informazioni relative alla retribuzione fissa, variabile e totale per una serie di manager che ricoprono una certa posizione all interno di un campione di Società selezionate come sopra. 4

5 La nostra metodologia (2/2) Caveat metodologico Evidenziamo in modo qualitativo i casi nei quali i manager beneficiano anche di pacchetti di Stock Options; tuttavia, per oggettive difficoltà di valorizzarle date le turbolenze di mercato, non possiamo determinare dei valori certi. Viceversa, evidenziamo il valore annuo di altre forme di incentivazione a lungo termine ( piani LTI ). Per motivi di riservatezza professionale non associamo nella presentazione il nome del manager con il nome della Società e facciamo in modo che nessuna informazione sia riconducibile ai singoli manager. 5

6 il contesto Enpam

7 Considerazioni preliminari Enpam è una fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato, che garantisce ed eroga i servizi previdenziali e assistenziali, anche integrativi, per i medici e gli odontoiatri italiani, i cui contributi all Ente sono obbligatori e conseguenti all iscrizione nei relativi albi professionali. Nell anno 2015 Enpam si è dotato di un nuovo Statuto, a valle di un cambiamento intrapreso principalmente per migliorare la rappresentatività e funzionalità degli organi di governo, nonché per riaffermare la natura privata della Fondazione e la sua aspirazione ad una gestione pienamente autonoma. Gli organi della Fondazione sono: l Assemblea Nazionale; il Consiglio di Amministrazione; il Presidente; il Collegio dei Sindaci. Il Presidente è il rappresentante legale della Fondazione; convoca e presiede l Assemblea nazionale ed il Consiglio di amministrazione. Esercita le attribuzioni a lui delegate dal Consiglio di amministrazione. Egli è altresì investito delle altre funzioni demandategli dallo Statuto, dalle leggi e dai regolamenti. In caso di urgenza, può adottare motivate deliberazioni di competenza del Consiglio di amministrazione, chiedendone la ratifica nella successiva riunione dell organo competente. Il Presidente è coadiuvato da due Vice Presidenti, uno dei quali è nominato Vicario dal Presidente. Il Vice Presidente Vicario sostituisce il Presidente in caso di assenza o impedimento, ovvero qualora questi cessi dalla carica per qualsiasi motivo. 7

8 Complessità del contesto Il contesto di Enpam è caratterizzato da rilevanti fattori di complessità, in particolare: peculiare regime giuridico di Enpam e conseguente applicazione di normativa a «doppio binario» - in parte privata e in parte coincidente con la normativa per enti pubblici e relativa vigilanza da parte di diversi organismi pubblici (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Ministero dell Economia e Finanze, Corte dei Conti, etc); ingente valore del patrimonio in portafoglio, attualmente superiore ai 17 miliardi di Euro; politica degli investimenti differenziata tra investimenti immobiliari e finanziari; numerosità dei Fondi di Previdenza (due) contabile e amministrativo; e relative gestioni (cinque) distinte sotto il profilo ampiezza delle responsabilità attribuite agli organi, in particolare al Presidente. 8

9 I compensi attuali degli organi sociali di Enpam Indennità di carica Gettone di presenza Indennità di trasferta Presidente Vice Presidente Vicario Vice Presidente Consigliere d Amministrazione Presidente Collegio Sindacale Componente Collegio Sindacale Presidente Supplente Collegio Sindacale Componente Supplente Collegio Sindacale Importo determinato nel 2005, confermato nel 2007 e ridotto del 10% dal 1/1/2012 Importo determinato nel 2005, decurtato del 10% dal 2012 e ulteriormente ridotto del 10% dal 1/9/2014 In occasione di più riunioni svolte nella medesima giornata, viene corrisposto un unico gettone di presenza Importo determinato nel 2005 e ridotto del 20% dal 1/9/2014 L indennità è ridotta di un terzo o della metà se viene richiesto il rimborso delle spese sostenute e documentate rispettivamente per il solo alloggio o per il solo vitto, ovvero per entrambi 9

10 Dettaglio competenze 2014 per Presidente, Vice Presidenti e Consiglieri Presidente e Vice Presidenti Nel 2014 il totale di compensi, gettoni e indennità di missione è stato pari a: ,58 Euro comp gettoni presenza inden trasf. spese impon rimb spese no impon tot lordo Presidente , , , , ,79 Vice Presidente Vicario , , , , ,07 Vice Presidente , , ,00-552, ,72 Totale Euro , , , ,86 552, ,58 Consiglieri Nel 2014 il totale di compensi, gettoni e indennità di missione al Consiglio e Comitato Esecutivo è stato pari a: ,62 Euro (comprensivi di IVA). Le competenze economiche relative alla carica di Consigliere vanno da a Euro. 10

11 La recente evoluzione del costo degli organi sociali di Enpam Negli ultimi anni si è registrata un importante diminuzione nei costi degli organi sociali di Enpam. Le indennità di carica dei componenti degli organi collegiali di Enpam determinate nel 2005 sono state ridotte del 10% a partire dal 1 gennaio Nella stessa sede è stata deliberata un analoga decurtazione del 10% dell importo del gettone di presenza. Più recentemente, nel 2014, Enpam ha deliberato ulteriori importanti riduzioni, relativamente agli importi dei gettoni di presenza e delle indennità di trasferta. Nel dettaglio: Gettone di presenza: valore attuale: 486 lordi Riduzione del 10% dal 1 gennaio 2012 e ulteriore riduzione del 10% dal 1 settembre 2014 Indennità di trasferta: valore attuale: 360 lordi Riduzione del 20% dal 1 settembre 2014 Il nuovo Statuto di Enpam, modificato nella seduta del Consiglio Nazionale del 29 novembre 2014 a seguito delle richieste ministeriali (approvato con Decreto interministeriale del 17 aprile 2015), comporta, inoltre, ulteriori risparmi sulla spesa per gli organi collegiali grazie a riduzione dei componenti del Consiglio di Amministrazione (da 27 a 17 membri: Presidente, due Vice Presidenti e 14 Consiglieri); abolizione del Comitato Esecutivo. 11

12 presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe)

13 Cluster di riferimento per l analisi del compenso del Presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe) In considerazione degli elementi di complessità che caratterizzano il contesto Enpam precedentemente menzionati abbiamo ritenuto opportuno definire il campione della nostra analisi facendo riferimento al settore delle Istituzioni Finanziarie. In particolare abbiamo condotto lo studio sul ruolo del Presidente (con funzioni di Amministratore con deleghe) considerando il vertice (Amministratore Delegato/Direttore Generale) di Istituzioni Finanziarie, principalmente Asset Management e SGR, assimilabili per patrimonio ed asset finanziari gestiti. Il campione di riferimento considerato per l analisi è costituito dalle seguenti Società: Allianz Real Estate Anima Beni Stabili BNP Paribas Real Estate Investment Management Castello Duerre Generali Properties Mittel Prelios 13

14 Presidente Retribuzione Annua Fissa I valori sono espressi in migliaia di Euro Max Min µ = Manager 14

15 Presidente Retribuzione Annua Variabile RAV = Bonus annuale + Valore Annuo del Sistema Incentivante di Lungo Termine (LTI), ove presente I valori sono espressi in migliaia di Euro Max µ = Min Manager 270 Presenza LTI Presenza Stock Options/Shares sì no no no no no no no no no no no no sì sì no no sì no no 15

16 Presidente Retribuzione Annua Totale (RAT) RAT = RAF + RAV I valori sono espressi in migliaia di Euro Max µ = Min Manager Presenza LTI Presenza Stock Options/Shares sì no no no no no no no no no no no no sì sì no no sì no no 16

17 Considerazioni sui sistemi di remunerazione del Vertice aziendale (1/2) Fino a circa trenta anni fa i sistemi di remunerazione del Vertice aziendale erano principalmente basati sulla componente fissa come strumento omnicomprensivo della performance, salvo rari casi di premi straordinari deliberati dal Consiglio di Amministrazione ed approvati dall Assemblea. In seguito progressivamente è stato dato sempre più spazio ai sistemi di retribuzione incentivanti variabili, correlati alle prestazioni del management ed intesi come strumenti in grado di aumentare la probabilità che l individuo ricerchi e ripeta spontaneamente il comportamento finalizzato al raggiungimento degli obiettivi aziendali previsti. La retribuzione totale percepita dal Vertice aziendale è oggi tipicamente composta dalle seguenti componenti: Retribuzione fissa, non legata a performance. E determinata in base al ruolo ricoperto e all ampiezza delle responsabilità assegnate al manager; Retribuzione Variabile collegata a performance. 17

18 Considerazioni sui sistemi di remunerazione del Vertice aziendale (2/2) Il sistema incentivante variabile collegato a performance è costituito dalle componenti: Variabile di breve termine (MBO o bonus cash annuale), volta a remunerare i risultati conseguiti nel breve periodo, in relazione agli obiettivi quantitativi e qualitativi desunti dal budget annuale; Variabile di medio - lungo termine (LTI), legata al raggiungimento dei risultati nel corso di un orizzonte temporale di più anni e alla creazione di valore per gli azionisti. Gli incentivi di medio-lungo termine prevedono il rilascio di quote di incentivo in relazione al grado di raggiungimento di obiettivi di tipo strategico. Gli strumenti utilizzati possono essere diversi a seconda che si tratti di piani opzionari (stock option, phantom stock option) o piani azionari (cash, performance share, performance units, restricted shares, restricted units). La suddivisione percentuale della retribuzione totale fra le componenti fisse e le diverse componenti variabili (di breve e di medio-lungo termine) è definito pay mix. 18

19 Considerazioni sul pay mix nella retribuzione totale dell Amministratore Delegato nelle Istituzioni Finanziarie Abbiamo verificato i pacchetti retributivi dell Amministratore Delegato/Direttore Generale in un campione ampio rappresentativo delle principali Istituzioni Finanziarie in Italia (una quindicina tra Banche e Assicurazioni). In base alle nostre osservazioni il pay mix medio dell Amministratore Delegato nel panel considerato si attesta sui seguenti valori: 53% per la componente fissa 45% per le componenti variabili 30% 2% Fisso Variabile a breve (Bonus cash annuale) 53% Variabile a medio - lungo termine (LTI) Benefici non monetari 15% 19

20 consigliere

21 Alcune considerazioni generali sul compenso del Consigliere L analisi sulla figura del Consigliere si è focalizzata sullo studio dei compensi dei Consiglieri Non Esecutivi di un panel significativo composto da 30 aziende italiane rilevanti (e per la maggioranza quotate), differenziate per settore di riferimento. 3% 18% 33% Altro 20% Energia Industria Largo Consumo Banche e Assicurazioni 28% 21

22 Emolumenti e pay mix del Consigliere Nel campione considerato il valore medio degli emolumenti dei Consiglieri Non Esecutivi è risultato in Italia pari a circa 87 mila Euro ed è fondamentalmente costituito dal compenso fisso da Consigliere (con o senza gettoni di presenza) e dal compenso aggiuntivo come membro di uno o più comitati (con o senza gettoni di presenza). Le spese per le trasferte o missioni relative agli incarichi vengono liquidate a parte come rimborsi a piè di lista Compensi fissi Compensi per Comitati Altro

23 Emolumenti del Consigliere nei diversi settori industriali All interno del campione considerato il settore bancario e assicurativo risulta essere quello caratterizzato dai compensi totali medi, comprensivi della partecipazione ai Comitati, più elevati ( Euro), seguito dal settore energia ( Euro), dal largo consumo/servizi ( Euro) e, infine, dall industria ( Euro). Banche e Assicurazioni Energia Largo Consumo/Servizi Media Italia Industria

24 Remunerazione del Consigliere per la partecipazione ai Comitati Per quanto riguarda il gettone di presenza rileviamo che esso è previsto in circa il 60% delle aziende del campione considerato; il suo valore medio si attesta attorno ai Euro per la partecipazione alla riunioni sia del Consiglio che dei singoli Comitati. I compensi aggiuntivi per la partecipazione ai Comitati variano principalmente a seconda della tipologia di Comitato e del ruolo svolto: in particolare, l essere membro del Comitato Controllo e Rischi comporta in media una remunerazione aggiuntiva pari a Euro contro i Euro corrisposti in media ai membri degli altri Comitati. Ricoprire il ruolo di Presidente di Comitato comporta ulteriori compensi aggiuntivi pari in media 5-10 mila Euro su base annua per Comitato. NED NED - Membro del Comitato Controllo e Rischi NED - Presidente del Comitato Controllo e Rischi NED - Membro del Comitato Remunerazione NED - Presidente del Comitato Remunerazione NED - Membro di altri Comitati NED - Presidente di altri Comitati Naturalmente si tratta di dati medi che registrano una forte variabilità a seconda delle dimensioni dell Azienda e del settore in cui l Azienda opera, analogamente a quanto già evidenziato. 24

25 Il compenso del Consigliere nel cluster specifico di riferimento: Asset Management e Real Estate A completamento dell analisi del compenso della figura del Consigliere abbiamo considerato un cluster di settore specifico all interno delle Istituzioni Finanziarie, prendendo in esame in particolare Asset Management e Real Estate. Abbiamo composto il seguente campione di riferimento di Società Italiane quotate, operanti nei settori dell Asset Management e Real Estate: Anima Azimut Beni Stabili Gabetti Property Solutions IGD Immobiliare Grande Distribuzione Prelios Le informazioni sono tratte dalle Relazioni sulle Remunerazioni disponibili per l anno

26 La fotografia del Compenso del Consigliere nel cluster specifico di riferimento: Asset Management e Real Estate Compenso Annuo Fisso Gettoni di presenza Compenso per la partecipazione ai Comitati Consigliere Euro no no Consigliere Euro no Euro annui a ciascun membro dei vari Comitati Consigliere Euro no Consigliere Euro no Consigliere Euro no Euro annui per ciascun membro del Comitato Nomine e Remunerazioni e del Comitato Parti Correlate; Euro annui per ciascun membro del Comitato Controllo e Rischi Euro annui per ciascun membro del Comitato per il Controllo Interno, Rischi e Corporate Governance; Euro annui per ciascun membro del Comitato per la Remunerazione Euro annui per il Presidente/ per il membro del Comitato Controllo e Rischi; gettone di presenza di 750 Euro per la partecipazione ad ogni seduta del Comitato per le Operazioni con Parti Correlate e del Comitato per le Nomine e per la Remunerazione Consigliere Euro (nonindipendente) Euro (Indipendente) no no 26

27 vice Presidente

28 Alcune considerazioni generali sulla figura del Vice Presidente L analisi relativa alla figura del Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione è stata condotta su un campione significativo composto da 30 aziende italiane rilevanti (e per la maggioranza quotate), differenziate per industria di riferimento. 3% 18% 33% Altro 20% Energia Industria Largo Consumo Banche e Assicurazioni 28% Registriamo la presenza di almeno un Vice Presidente circa nella metà delle Società del campione. La figura del Vice Presidente Non Esecutivo non è molto ricorrente nel campione in esame. La maggior parte dei Vice Presidenti hanno, infatti, poteri esecutivi ed in alcuni casi rivestono anche il ruolo di Amministratore Delegato della Società. 28

29 Emolumenti e pay mix del Vice Presidente Dall analisi del campione delle Società in cui è presente la figura del Vice Presidente, emerge che il valore medio della retribuzione fissa annua dei Vice Presidenti è pari a circa 245 mila Euro. Considerando la struttura della retribuzione totale e il pay mix abbiamo costituisce il 64% circa di quella complessiva: verificato che la retribuzione fissa 25% Compensi fissi Compensi variabili 11% 64% Altri Compensi (partecipazione a Comitati, emolumenti da società controllate e collegate, etc) Con riferimento al compenso medio totale dei Vice Presidenti abbiamo verificato che circa il 40% si concentra nella fascia tra 100 mila e 200 mila Euro annui, mentre circa il 25% si colloca nell arco tra 300 mila e 400 mila Euro. 29

30 Nota sul compenso del Vice Presidente Non Esecutivo Come prevedibile il compenso totale dei Vice Presidenti Non Esecutivi è decisamente inferiore rispetto a quello dei Vice Presidenti Esecutivi, anche in considerazione del fatto che percepisce di norma un compenso variabile. il Vice Presidente Non Esecutivo non Compenso medio totale del Vice Presidente Non Esecutivo: circa 150 mila Euro Compenso medio totale del Vice Presidente Esecutivo: circa 350 mila Euro 30

31 conclusioni

32 Conclusioni 1/3 Presidente Dal campione dell analisi svolta (composto da SGR, fondi immobiliari aperti e chiusi, asset management) si evince che: 1. La media del campione (all interno di una forte diversificazione) per la Retribuzione Annua Fissa è di Euro , per la Retribuzione Annua Variabile è di Euro , per un totale di Euro A questa vanno aggiunti i benefits aggiuntivi (rimborsi spese, auto aziendale, assicurazioni integrative, alloggio di servizio, ecc.) 2. Considerando che il Presidente di Enpam eserciti il proprio ruolo all 80% del proprio tempo disponibile, l attuale remunerazione nel suo complesso risulta decisamente inferiore rispetto alla media del mercato. 3. Se si considera che all interno dell emolumento esistono voci quali le indennità di trasferta, l attuale remunerazione è ancora più significativamente inferiore rispetto anche solo alla media del campione. 4. Il mix delle componenti che costituiscono l emolumento complessivo, seppur in linea con le altre Fondazioni, non è ottimale ed anche per ragioni di semplicità andrebbe ristrutturato per garantire più equità e trasparenza. 32

33 Conclusioni 2/3 Vice Presidente Vicario e Vice Presidente Dal campione dell analisi svolta (composto da SGR, fondi immobiliari aperti e chiusi, asset management) si evince che: 1. Non esiste una casistica standard né per il ruolo di Vice Presidente Vicario né per quello di Vice Presidente all interno del campione di 30 società analizzate, sia quotate che non; è difficile quindi dare uno spaccato chiaro e definito essendo le retribuzioni assegnate per compiti specifici con deleghe ad personam. 2. Tuttavia, esiste un forte gap tra Vice Presidenti non esecutivi ed esecutivi (con deleghe) con una banda che oscilla tra un compenso nella media di circa 150mila per i primi e circa 350mila per i secondi. Entrambi i valori risultano molto superiori a quelli percepiti dal Vice Presidente Vicario e dal Vice Presidente di Enpam. 33

34 Conclusioni 3/3 Consiglieri Dal campione dell analisi svolta (composto da SGR, fondi immobiliari aperti e chiusi, asset management) si evince che: 1. Il valore medio degli emolumenti dei Consiglieri non esecutivi è di circa 87mila Euro complessivamente inteso come compenso fisso e compenso aggiuntivo per la partecipazione a Comitati. 2. Considerando il solo settore delle banche, assicurazioni, SGR e fondi, il compenso medio è il più elevato e raggiunge circa 113mila Euro. 3. Per il solo asset management e real estate il compenso medio è molto variabile e può raggiungere circa 60mila euro oltre ad ulteriori compensi per la partecipazione a Comitati (uno o più); la differenza con gli altri comparti è essenzialmente dovuta al fatto che spesso partecipano al Consiglio membri dirigenti e non delle società controllanti, che percepiscono retribuzioni da lavoro dipendente. Questo ha limitato la comparazione media del compenso verso il basso. 4. Nonostante questi caveat, gli emolumenti previsti per il Consigliere Enpam risulta nel peggiore dei casi in linea con il mercato o addirittura, se si considera l altro campione, sensibilmente inferiore alla media del mercato. 5. Va sempre ricordato che in tutti i casi l indennità di trasferta (che viene inclusa in Enpam come componente del compenso) non è prevista nelle aziende del campione. 34

35 Appendice - Confronto tra gli enti previdenziali (1/2) Il costo degli organi sia per costo % sul patrimonio che per costo per iscritto è il secondo più economico tra tutti gli enti previdenziali in Italia CASSA COSTO ORGANI PATRIMONIO NUMERO ISCRITTI * COSTO PER ISCRITTO Enpaf - Farmacisti ,69 0,01% COSTO % PATRIMONIO** ENPAM ,66 0,02% Cassa Forense ,71 0,03% Inarcassa Ingegneri e Architetti ,63 0,05% Enpav Veterinari ,95 0,17% Cipag Geometri ,28 0,19% CNPADC Dottori Commercialisti ,03 0,03% Inpgi1 Giornalisti ,50 0,09% Enpacl c. del lavoro ,99 0,16% Dati da bilancio dell anno 2013 (*) Posizioni aperte: attivi+pensioni (**) Patrimonio mobiliare e immobiliare. Comprende l investimento in immobili, le partecipazioni in società immobiliari e i Fondi immobiliari. (Dati: Centro studi AdEpp). Per Enpaf e Cnpadc, si intende il "patrimonio netto", per Enpab il "patrimonio finanziario" 35

36 Appendice - Confronto tra gli enti previdenziali (2/2) Il costo degli organi sia per costo % sul patrimonio che per costo per iscritto è il secondo più economico tra tutti gli enti previdenziali in Italia CASSA Enpapi Infermieri liberi professionisti COSTO ORGANI PATRIMONIO NUMERO ISCRITTI * COSTO PER ISCRITTO ,56 0,32% Cnpr ragionieri ,17 0,08% COSTO % PATRIMONIO** Enpap psicologi ,14 0,32% Enpab biologi ,98 0,20% Epap agronomi, forestali, chimici, attuari, geologi Eppi periti Industriali ,10 0,23% ,47 0,18% Cassa notariato ,77 0,11% Enpaia1 agricoltura n.d. n.d. 0,04% Dati da bilancio dell anno 2013 (*) Posizioni aperte: attivi+pensioni (**) Patrimonio mobiliare e immobiliare. Comprende l investimento in immobili, le partecipazioni in società immobiliari e i Fondi immobiliari. (Dati: Centro studi AdEpp). Per Enpaf e Cnpadc, si intende il "patrimonio netto", per Enpab il "patrimonio finanziario" 36

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI LOCALI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA RACCOLTA DELLA NORMATIVA E PRASSI REGIONALE.

IL TRATTAMENTO DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI LOCALI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA RACCOLTA DELLA NORMATIVA E PRASSI REGIONALE. IL TRATTAMENTO DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI LOCALI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA RACCOLTA DELLA NORMATIVA E PRASSI REGIONALE. 2 IL TRATTAMENTO DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI LOCALI DEL FRIULI VENEZIA

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli