Docente: Domenico Comegna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Docente: Domenico Comegna"

Transcript

1 Docente: Domenico Comegna

2 Risorse destinate al Welfare ITALIA 26,5% PIL UE (15 paesi) 27,2% PIL

3 Risorse destinate al Welfare Pensioni Sanità Famiglia Ammortizzatori Altre e disabilità Sociali voci GERMANIA 43,1 35,6 10,1 8,7 2,5 FRANCIA 43,3 35,3 9,0 7,9 4,5 REGNO 47,7 40,5 6,1 2,4 3,3 UNITO ITALIA 60,5 32,7 4,5 2,0 0,3 UNIONE 41,3 35,7 8,2 12,5 2,3 EUROPEA (Area Euro)

4 La previdenza in Italia: fattori di crisi del sistema I fattori che hanno determinato l intervento normativo, attuatosi attraverso le riforme degli ultimi 20 anni: - Fattori finanziari (la spesa per le pensioni ancora oggi supera il 16% del PIL) - Fattori demografici (si vive più a lungo) - Iniquità redistributive (coesistenza di pensioni prossime alla soglia di povertà e pensioni d oro )

5 QUANTO COSTA LA PENSIONE Le aliquote contributive (operaio industria < di 15 dipendenti) Voci contributive Azienda Lavoratore Totale Fondo pensioni 23,81% 9,19% * 33% Assegni familiari 0,68% 0,68% Disoccupazione (ora Aspi) 1,61% 1,61% Cassa integrazione 1,90% 1,90% Prestazioni economiche di malattia 2,22% 2,22% Prestazioni economiche maternità 0,46% 0,46% Fondo garanzia TFR 0,20% 0,20% Totale 30,88% 9,19% * 40,07% Sulla quota di retribuzione annua eccedente l aliquota a carico del dipendente aumenta di un punto (10,19%). Per i soggetti iscritti dal 1 gennaio 1996, privi di anzianità assicurativa alla data del 31 dicembre 1995, esiste un massimale imponibile, aggiornato annualmente sulla base degli indici Istat dell inflazione, pari (anno 2014 a ).

6 QUANTO COSTA LA PENSIONE Lavoratori autonomi Fasce di reddito Commercianti Artigiani Fino a Da a ,29% 22,20% Da a * 23,29% 23,20% Il massimale contributivo che si applica agli iscritti dal 1 gennaio 1996, privi di anzianità assicurativa alla data del 31 dicembre 1995, è pari a

7 LA RIFORMA MONTI-FORNERO Estensione pro-rata del calcolo di contributivo per tutti Inasprimento dei requisiti richiesti per la pensione di anzianità Accelerazione dell elevazione dell età di pensionamento per raggiungere la soglia dei 67 anni nel 2018 Abbattimento dei privilegi previsti per alcune categorie Aumento delle aliquote contributive dei lavoratori autonomi e contributo di solidarietà a carico dei lavoratori e pensionati dei fondi speciali Inps

8 Il sistema pubblico obbligatorio e sistema complementare. Principali caratteristiche Sistema pubblico obbligatorio a ripartizione Ad adesione obbligatoria Contributi sociali Patto intragenerazionale Non c è accumulazione di riserve Sistema complementare a capitalizzazione Ad adesione volontaria Contributi individuali Mercato finanziario Accumulazione di riserve

9 PENSIONE VECCHIAIA con quota RETRIBUTIVA. Anno Interessa i lavoratori già iscritti al Uomini/ donne P.A. * Donne (dipendenti) Donne (autonome) e 6 mesi e 3 mesi 62 e 3 mesi 64 e 9 mesi e 3 mesi 63 e 9 mesi 64 e 9 mesi e 7 mesi 66 e 7 mesi 65 e 7 mesi 66 e 7 mesi 66 e 1 mese 66 e 7 mesi * Per le dipendenti pubbliche l età è già equiparata a quella degli uomini. N.B. All età indicata in tabella, a partire dal 2013 sono stati aggiunti gli incrementi mensili dovuti all adeguamento alle speranze di vita.

10 PENSIONE VECCHIAIA CONTRIBUTIVA Interessa i lavoratori iscritti dal Età: la stessa prevista sistema retributivo Requisiti contributivi: 20 anni Requisiti: 5 anni di contributi con almeno 70 anni e 3 mesi di età Cessazione rapporto di lavoro subordinato. Condizione: - affinché la pensione sia liquidata prima dei 70 anni di età è richiesto che l importo della stessa sia almeno pari a 1,5 volte l assegno sociale ( 672 euro mensili del 2014).

11 PENSIONE VECCHIAIA CONTRIBUTIVA Anno Uomini Donne Uomini/Donne anni con 20 di contributi 62 anni con 20 di contributi 70 anni con 5 di contributi anni e 3 mesi con 20 di contributi 62 anni e 3 mesi con 20 di contributi 70 anni e 3 mesi con 5 di contributi anni e 3 mesi con 20 di contributi 63 anni e 9 mesi con 20 di contributi 70 anni e 3 mesi con 5 di contributi

12 PENSIONE ANZIANITÀ RETRIBUTIVA Quote in alternativa ai 40 anni (sino al 2011) Data di maturazione dei requisiti Dal 1 gennaio 2008 Al 30 giugno 2009 Dal 1 luglio 2009 Al 31 dicembre 2010 Dal 1 gennaio 2011 Al 31 dicembre 2012 Dal 1 gennaio 2013 (disposizione cancellata) Requisiti (età + contributi) Quota 96 a partire da 60 quindi: Quota 97 a partire da 61 quindi: Quota 98 a partire da 62 quindi: N.B. Per i lavoratori autonomi l età anagrafica richiesta è elevata di 1 anno

13 PENSIONE ANTICIPATA (tutti) Dal 1 gennaio 2012 Anno Uomini Donne anni e 1 mese 41 anni e 1 mese anni e 5 mesi 41 anni e 5 mesi anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi N.B. I valori indicati in tabella, a partire dal 2013, sono stati incrementati con l adeguamento alle speranze di vita. Qualora la pensione viene richiesta prima del compimento dei 62 ani di età, l importo della quota retributiva subisce una riduzione dell 1% per ogni anno di anticipo (2% oltre il biennio).

14 PENSIONE ANTICIPATA CONTRIBUTIVA Interessa i lavoratori iscritti dal Età: 63 anni e 3 mesi (donne e uomini) Requisiti contributivi: 20 anni Cessazione rapporto di lavoro subordinato. Condizione: - affinché la pensione sia liquidata è richiesto che l importo della stessa sia almeno pari a 2,8 volte l ammontare dell assegno sociale ( mensili del 2014).

15 CALCOLO DELLA PENSIONE Anzianità contributiva Almeno 18 anni Meno di 18 anni Nessuna al 31 dicembre 1995 Sistema di calcolo Misto: retributivo per l anzianità acquisita sino al e contributivo per l anzianità acquisita dal 1 gennaio 2012 Misto: retributivo per l anzianità acquisita sino al e contributivo per l anzianità acquisita dal 1 gennaio 1996 Contributivo: sulla base di tutta la contribuzione versata nell intero arco della vita lavorativa

16 Calcolo della pensione (retributivo) Il sistema di calcolo retributivo commisura l importo del trattamento pensionistico in rapporto alla retribuzione media percepita negli ultimi 10 anni (ultimi 16 anni, gli autonomi di attività lavorativa in modo da garantire una determinata percentuale della retribuzione proporzionata all anzianità maturata, considerata sino ad un massimo di 40 anni: 2% per ogni anno di anzianità, sino al massimo dell 80%. Sulla quota di retribuzione annua eccedente il cosiddetto tetto pensionabile ( per il 2014), rivalutato annualmente sulla base degli indici Istat (costo vita), l aliquota si riduce (a fasce crescenti) sino allo 0,90% per la quota che eccede il 90% del tetto.

17 Calcolo della pensione (contributivo) Il meccanismo alla base del calcolo contributivo è semplice. Il lavoratore, con il concorso dell azienda, effettua ogni mese un versamento pari al 33% dello stipendio (22,20% del reddito, per i lavoratori autonomi, elevato al 24% a regime nel 2018). Alla fine dell anno, il capitale versato viene rivalutato con un tasso legato alla dinamica quinquennale del Pil. Alla fine della carriera si prende il montante contributivo, ossia la sommatoria dei versamenti effettuati, e gli si applica un coefficiente di conversione pari al 4,661% per chi sceglie di lasciare il lavoro a 60 anni, al 5,435% per chi resta fino a 65 anni e al 5,826% per chi decide di arrivare fino a 67 anni. A partire dal 2013 i coefficienti di conversione sono stati estesi sino all età di 70 anni.

18 Calcolo della pensione (contributivo) I coefficienti di trasformazione Età Dal 1996 al 2009 Dal 2010 al 2012 Dal 2013 al ,720 4,419 (-6,38) 4,304 (-2,60) 58 4,860 4,538 (-6,63) 4,416 (-2,69) 59 5,006 4,664 (-6,83) 4,535 (-2,77) 60 5,163 4,798 (-7,07) 4,661 (-2,86) 61 5,334 4,940 (-7,39) 4,796 (-2,91) 62 5,514 5,093 (-7,64) 4,940 (-3,01) 63 5,706 5,257 (-7,87) 5,094 (-3,11) 64 5,911 5,432 (-8,10) 5,259 (-3,18) 65 6,136 5,620 (-8,41) 5,435 (-3,30) , , , , ,541 I coefficienti a partire dal 2019 saranno rivisti ogni 2 anni sulla base delle variazioni demografiche.

19 IL CALCOLO DELLA PENSIONE (contributivo) Le aliquote di rendimento delle pensioni contributive Anni Età Mesi ,304 4,313 4,323 4,332 4,341 4,351 4,360 4,369 4,379 4,388 4,397 4, ,416 4,426 4,436 4,446 4,456 4,466 4,476 4,485 4,495 4,505 4,515 4, ,535 4,546 4,556 4,567 4,577 4,588 4,598 4,609 4,619 4,630 4,640 4, ,661 4,672 4,684 4,695 4,706 4,717 4,729 4,740 4,751 4,762 4,774 4, ,796 4,808 4,820 4,832 4,844 4,856 4,868 4,880 4,892 4,904 4,916 4, ,940 4,953 4,966 4,979 4,991 5,004 5,017 5,030 5,043 5,056 5,068 5, ,094 5,108 5,122 5,135 5,149 5,163 5,177 5,190 5,204 5,218 5,232 5, ,259 5,274 5,288 5,303 5,318 5,332 5,347 5,362 5,376 5,391 5,406 5, ,435 5,451 5,467 5,482 5,498 5,514 5,530 5,545 5,561 5,577 5,593 5, ,624 5,641 5,658 5,675 5,691 5,708 5,725 5,742 5,759 5,776 5,792 5, ,826 5,844 5,863 5,881 5,899 5,918 5,936 5,954 5,973 5,991 6,009 6, ,046 6,066 6,086 6,105 6,125 6,145 6,165 6,184 6,204 6,224 6,244 6, ,283 6,305 6,326 6,348 6,369 6,391 6,412 6,434 6,455 6,477 6,498 6, ,541

20 Il contributo del 10% PARASUBORDINATI Riguarda chi esercita una attività autonoma in maniera abituale. Il reddito assoggettabile è quello derivante da attività di collaborazione coordinata e continuativa, finalizzata ad un progetto (i c.d. co.co.pro.), di amministratore, sindaco o revisore di società, di partecipazione a collegi o commissioni. La misura del contributo è del 22%, per i soggetti iscritti ad altri fondi di previdenza obbligatoria (o pensionati), e del 28,72% per tutti gli altri. La quota di 0,72% è destinata ad alimentare un apposito fondo che serve a corrispondere assegni familiari, indennità di maternità e malattia. Il contributo è così ripartito: due terzi a carico del committente e un terzo a carico del lavoratore autonomo. I titolari di partita Iva possono scaricare sul committente il 4% della fattura. Modalità di pagamento: collaborazione coordinata e continuativa: a cura del committente entro il giorno 16 del mese successivo a quello in cui corrisponde i compensi; soggetti in possesso di partita Iva: due acconti (giugno e novembre) pari al 40% del reddito dell anno precedente, e saldo a giugno dell anno successivo. L imponibile contributivo è soggetto allo stesso massimale stabilito per gli iscritti alle gestioni previdenziali dal 1 gennaio 1996 in poi (pari a euro per il 2014). I parasubordinati hanno diritto alla pensione prevista dal sistema contributivo.

21 INDICIZZAZIONE Normativa vigente Importo mensile Indice ISTAT Fino a 3 volte il minimo Inps 100% Da 3 volte a 5 volte il minimo 90% Oltre 5 volte il minimo 75% Blocco biennio Fino a 3 volte il minimo 100% Oltre 3 volte il minimo 0% Nel 2014 Fino a 3 volte il minimo Inps 100% Da 3 volte a 4 volte il minimo 95% Da 4 volte a 5 volte il minimo 75% Da 5 volte a 6 volte il minimo 50% Oltre 6 volte il minimo max 14

22 LA PREVIDENZA DEI LIBERI PROFESSIONISTI La recente storia previdenziale dei liberi professionisti è segnata da due decreti di attuazione della riforma del 1995: n. 509/1994 e n. 103/1996. Il decreto n. 509 segna una svolta nel panorama della previdenza dei LL.PP., trasformando le Casse in enti di diritto privato, subordinando questa trasformazione alla rinuncia di finanziamenti pubblici diretti e/o indiretti. La privatizzazione, di fatto, si è tradotta in autonomia gestionale, organizzativa e contabile obbligando le Casse a dotarsi di propri regolamenti e statuti interni. Il decreto 103/1996 è stato emesso in attuazione della riforma del 1995 e si rivolge ai lavoratori autonomi e liberi professionisti privi di tutela previdenziale.

23 CASSE DI PREVIDENZA DLGS 509/1994 Categoria professionale Notai Farmacisti Medici e Odontoiatri Veterinari Consulenti del lavoro Commercialisti Ragionieri e Periti commerciali Geometri Avvocati Architetti Ingegneri Agenti e rappresentanti di commercio Giornalisti Cassa di previdenza Cassa del notariato ENPAF ENPAM ENPAV ENPACL CNPADC CNPR CIPAG Cassa Forense INARCASSA INARCASSA ENASARCO INPGI

24 CASSE DI PREVIDENZA DLGS 103/1996 Categoria professionale Chimici Attuari Geologi Dottori agronomi e forestali Infermieri professionali Periti industriali Biologi Psicologi Agrotecnici Periti agrari Giornalisti Cassa di previdenza EPAP EPAP EPAP EPAP ENPAPI EPPI ENPAB ENPAP ENPAIA ENPAIA INPGI 2 gestione separata

25 LA PREVIDENZA DEI LIBERI PROFESSIONISTI La riforma Fornero, ha avuto effetti anche sul sistema previdenziale dei liberi professionisti le cui Casse di previdenza hanno l obbligo di adottare misure volte ad assicurare l equilibrio tra entrate contributive e spesa per prestazioni pensionistiche secondo bilanci tecnici riferiti ad un arco temporale di 50 anni.

26 LA PREVIDENZA DEI LIBERI PROFESSIONISTI Tra le misure adottate per far fronte a quest obbligo una buona parte delle Casse di previdenza ha introdotto, nel rispetto del principio del pro-rata, il sistema di calcolo contributivo (ad eccezione delle Casse del decreto 103/1996 nate con questo sistema) che si basa esclusivamente sulla consistenza contributi versati durante l intera vita lavorativa. Tutto ciò avrà come conseguenza che, data la modesta contribuzione versata, le pensioni future dei liberi professionisti sono destinate ad avere un tasso di sostituzione decisamente più basso rispetto agli altri lavoratori.

27 La previdenza dei liberi professionisti Cassa di previdenza Sistema di calcolo adottato (1) Aliquota contributiva (1) INARCASSA Retributivo + contributivo 14,5% CNPADC Retributivo + contributivo 12% Cassa forense Retributivo 14% ENPAV Retributivo 12,5% ENPAB Contributivo 11% ENPAPI Contributivo 14% EPAP Contributivo 10% CNPR Retributivo + contributivo 11% EPPI Contributivo 13% CIPAG Retributivo 12% INPGI liberi professionisti Contributivo 10% ENPAP Contributivo 10% Cassa del notariato In base alla sola anzianità 40% dell onorario da iscrivere a contributiva maturata repertorio ENPAM Fisso + contributivo In misura fissa ENASARCO Retributivo + contributivo 14,20% ENPACL Retributivo + contributivo 12% (1) Sul reddito professionale netto dichiarato - dati aggiornati al 2014.

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI SETTORE PUBBLICO Fondo dipendenti enti statali (ex INPDAP) Fondo dipendenti enti locali e Asl (ex IINPDAP) SETTORE PRIVATO Fondo lavoratori dipendenti

Dettagli

Dottor Domenico Comegna. Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP

Dottor Domenico Comegna. Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP Dottor Domenico Comegna Membro del consiglio di Indirizzo e vigilanza dell INPDAP La previdenza in Italia: fattori di crisi del sistema I fattori che hanno determinato l intervento normativo, attuatosi

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA P.I.P. COMPLEMENTARE OBBLIGATORIA I II III LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA Previdenza obbligatoria Pubblica

Dettagli

MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE

MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE Comunicazione dati del personale non dipendente che ha richiesto il trattamento alternativo

Dettagli

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA TRE PILASTRI: PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREVIDENZA OBBLIGATORIA LA

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA UIL F.P.L. TORINO - PIEMONTE

LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA UIL F.P.L. TORINO - PIEMONTE LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA Con la totalizzazione il dipendente può cumulare i contributi versati presso due o più enti previdenziali per ottenere un unica pensione (decreto legislativo 42 del 2 febbraio

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

Terzo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana. a cura del Centro Studi AdEPP

Terzo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana. a cura del Centro Studi AdEPP Terzo Rapporto sulla Previdenza Privata Italiana a cura del Centro Studi AdEPP Sommario 1 L evoluzione delle professioni e i suoi riflessi sul mondo della previdenza privata AdEPP... 3 1.1 Introduzione...

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Gorizia, 21 ottobre 2014

Gorizia, 21 ottobre 2014 Gorizia, 21 ottobre 2014 1 «L avvocato, sin da giovane, deve essere consapevole della suo c.d. percorso previdenziale, allo scopo non solo di sfruttare appieno le opportunità offerte, ma anche -eventualmente-

Dettagli

UNA REALTA DA CONOSCERE. Giuseppe Torzi

UNA REALTA DA CONOSCERE. Giuseppe Torzi PREVIDENZA COMPLEMENTARE UNA REALTA DA CONOSCERE Porto San Giorgio i, 19.04.2013 Giuseppe Torzi I TRE PILASTRI DELLA PREVIDENZA 1 PILASTRO PREVIDENZA OBBLIGATORIA FINALITÀ PUBBLICA PER LA PENSIONE ED ASSISTENZA

Dettagli

RIFORMA DEL SISTEMA PREVIDENZIALE FORENSE: RETRIBUTIVO MISTO SOSTENIBILE

RIFORMA DEL SISTEMA PREVIDENZIALE FORENSE: RETRIBUTIVO MISTO SOSTENIBILE RIFORMA DEL SISTEMA PREVIDENZIALE FORENSE: RETRIBUTIVO MISTO SOSTENIBILE FINANZIAMENTO DEL SISTEMA Aliquote contributive Contributi soggettivi iscritti alla Cassa Contributi soggettivo pensionati ultrasettantenni

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

Interventi di riordino Fondo di Previdenza Generale Quota A

Interventi di riordino Fondo di Previdenza Generale Quota A Interventi di riordino Fondo di Previdenza Generale Quota A 1. Innalzamento graduale dell età di vecchiaia: Fino al 31.12.2012 65 anni 65 anni e 2013 2014 2015 2016 2017 66 anni 66 anni e 67 anni 67 anni

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 Ordine Nazionale Attuari Seminario LA PREVIDENZA PUBBLICA NEI 150 ANNI DELL UNITA D ITALIA Cinzia Ferrara* Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 (*) La relazione è svolta a titolo personale 150 D ITALIA

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Professionisti, pensioni più care Sole 24 ore.it. Matteo Prioschi

Professionisti, pensioni più care Sole 24 ore.it. Matteo Prioschi Professionisti, pensioni più care Sole 24 ore.it Matteo Prioschi Per molti professionisti, tra qualche anno, la pensione di vecchiaia sarà a 70 anni. In parallelo, anche nel settore delle Casse private,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza X Congresso Nazionale Attuari L Attuario: una professione in evoluzione al servizio della società Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza 5-7 giugno 2013 Roma -

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Evoluzione della previdenza pubblica

Evoluzione della previdenza pubblica Evoluzione della previdenza pubblica INCA Variabile demografica (invecchiamento popolazione) Variabile economica (calo crescita produttiva) Crescita esponenziale spesa pensionistica INCA Riforma pensioni

Dettagli

Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi

Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi Giornata Nazionale della Previdenza Milano 5 Maggio 2011 2 Art. 3, comma 12, L. 335/95 (modificato con Legge Finanziaria 2007) STABILITÀ 15 anni Finanziaria

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare

Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare Comunicazione e promozione della Previdenza Complementare INCA PERCHE? Per una maggiore responsabilizzazione ai fini previdenziali Non dimostrarsi neutrale rispetto alla convenienza COME? Quanto mi costa

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

Le indennità di carica e i gettoni di presenza sono stati stabiliti dal Consiglio nazionale nel 2005 Nel 2011 è stata deliberata una riduzione del 10%

Le indennità di carica e i gettoni di presenza sono stati stabiliti dal Consiglio nazionale nel 2005 Nel 2011 è stata deliberata una riduzione del 10% Costi organi collegiali Le indennità Le indennità di carica e i gettoni di presenza sono stati stabiliti dal Consiglio nazionale nel 2005 Nel 2011 è stata deliberata una riduzione del 10% 2010 2011 2012

Dettagli

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche

Pag. 1 di 5. Titolo: Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche I docenti delle Università pubbliche, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla cassa per i trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS), istituita il 1 gennaio 1996 come

Dettagli

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche.

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche. In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

FONDO PENSIONE LAVORATORI DELLO SPETTACOLO (FPLS)

FONDO PENSIONE LAVORATORI DELLO SPETTACOLO (FPLS) FONDO PENSIONE LAVORATORI DELLO SPETTACOLO (FPLS) I lavoratori iscritti al fondo I lavoratori dello spettacolo sono iscritti all ex gestione ENPALS, soppresso nel 11 e confluito nell INPS tra le forme

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi Il/la sottoscritto/a nato/a il Codice Fiscale residente

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE (a cura dell'avv. Rosario Tucci - Responsabile Dipartimento dell'a.i.g.a. sulla Previdenza Forense) La

Dettagli

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90

Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 Lezione 8.2 LE PENSIONI: LE RIFORME DEGLI ANNI 90 SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 La riforma del sistema pensionistico: una lunga storia Riforma Amato (1993) Riforma Dini (1995) Sistema

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli RASSEGNA DELLA PREVIDENZA IN ITALIA Parte seconda Previdenza per le attività professionali Documento n. 21 del 24 settembre 2004 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.:

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco

OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco Informativa per la clientela di studio N. 07 del 11.01.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare

Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare Legge di Stabilità. Fondi pensione ancora convenienti! Guida per gli iscritti alla previdenza complementare 26 gennaio 2015 Quali cambiamenti sono disciplinati dalla Legge di Stabilità 1 1. Da marzo 2015

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Università e Ricerca, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Guida al modello pensioni CNPADC (11mar2014)

Guida al modello pensioni CNPADC (11mar2014) Guida al modello pensioni CNPADC (11mar2014) Valutazione delle future pensioni e dei relativi tassi di sostituzione In relazione alle tre variabili decisionali di tipo previdenziale, ossia Pensione (oppure

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

È nato Fondo Pensione Perseo

È nato Fondo Pensione Perseo È nato Fondo Pensione Perseo / Il futuro in cassaforte è nato Perseo Da oggi puoi pensare più serenamente al tuo futuro. Perseo è il Fondo pensione complementare destinato ai lavoratori delle Regioni

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 42 03.03.2014 Montante contributivo: rivalutato il tasso 2014 Dal 1 gennaio 2014, il montante contributivo è pari a 1,001643,

Dettagli

I FONDI DI PREVIDENZA

I FONDI DI PREVIDENZA Materiali si approfondimento sul convegno La previdenza in Italia organizzato da Studio Naldi I FONDI DI PREVIDENZA - assicurazione obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti L Assicurazione Generale

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015

NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 NOVITA SULLE PENSIONI DAL 2015 ANCORA SUGLI GLI AUMENTI PER IL 2015 Si tratta di un aumento davvero irrisorio quello che a gennaio i pensionati ricevono della cosiddetta perequazione automatica l ex scala

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito PREMESSA Dal 1992 in poi i vari Governi che si sono succeduti hanno messo mano al sistema previdenziale obbligatorio per renderlo compatibile con le ridotte risorse economiche a disposizione. Pertanto

Dettagli

LE PENSIONI IN ITALIA

LE PENSIONI IN ITALIA Le riforme pensionistiche in Italia LE PENSIONI IN ITALIA Il sistema pensionistico prima della riforma Amato La riforma di Amato del 1993 La riforma Dini del 1995 Le riforme recenti: Maroni e Fornero Bosi

Dettagli

La finanza della sicurezza sociale

La finanza della sicurezza sociale FINANZA PUBBLICA Approfondimenti ed Espansioni online La finanza della sicurezza sociale 1 I sistemi di sicurezza sociale Un tipico fenomeno finanziario dello Stato moderno è il rilevante espandersi della

Dettagli

INFORMATIVA INARCASSA

INFORMATIVA INARCASSA INFORMATIVA INARCASSA Il 19 novembre i Ministeri di controllo hanno approvato la riforma previdenziale di Inarcassa. Questa riforma entrerà in vigore dall 1 gennaio 2013. Le modifiche introdotte con la

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

LE PROPOSTE DELL UNIONE

LE PROPOSTE DELL UNIONE LE PROPOSTE DELL UNIONE ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 1.

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

04 RICONGIUNZIONE CONTRIBUTI

04 RICONGIUNZIONE CONTRIBUTI 04 04 Di norma la contribuzione obbligatoria E.N.P.A.L.S. ed obbligatoria, all atto della domanda di pensione e su indicazione del lavoratore viene trasferita (senza specifica domanda di ricongiunzione)

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli