RIQUALIFICAZIONE URBANA ZONA CAMPOPANNONE - EPITAFFIO E CENTRO SPORTIVO ANTHARES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIQUALIFICAZIONE URBANA ZONA CAMPOPANNONE - EPITAFFIO E CENTRO SPORTIVO ANTHARES"

Transcript

1 Il progetto di riqualificazione urbana della zona Campopannone-Epitaffio e del centro sportivo Anthares nasce dall esigenza di dotare la cittadina di Giugliano di un attrezzatura sportiva moderna ed efficiente, che sia in grado di soddisfare efficacemente la sempre più crescente domanda di strutture ricettive attrezzate per lo sport ed il tempo libero. Il nuovo Polo sportivo, concepito secondo le più moderne tendenze, fornirà una significativa offerta agli amanti dello sport mediante strutture polifunzionali in grado di soddisfare le esigenze della pratica sportiva, riferita a molteplici fasce di età, e nel contempo fornire alle famiglie opportunità per il tempo libero dove rilassarsi in un accogliente e sicura atmosfera. In coerenza con la progettazione definitiva, attraverso la fase di ingegnerizzazione e di efficientamento delle costruzioni, si è predisposto il progetto esecutivo. Vista satellitare area di intervento 1. STATO DI FATTO L area interessata nel progetto generale è situata nel territorio del comune di Giugliano in Campania (NA), occupa un lotto di circa mq - nel progetto definitivo suddiviso in cinque ambiti (vedi foto seguente) - ed è racchiusa tra: Via Campopannone, via Epitaffio ed il Corso Campano. 1

2 Divisione in ambiti dell area di intervento 1.1. Ambiti 1 e 2 L ambito, situato a nord del Corso Campano, è suddiviso in due aree: una maggiormente degradata a destinazione agricola, e un altra, destinata a strutture sportive, tra cui un centro polifunzionale, una piscia comunale a gestione privata, e di un campo di calcio regolamentare. Entrambe le aree, sebbene ricche di vegetazione, si presentano carenti dal punto di vista paesaggistico ambientale non riescono ad assolvere a ruolo fondamentale di servizio della collettività a tutti gli effetti Ambito 3 L area, di circa mq. seppur caratterizzata dalla presenza di insediamenti abitativi, strutture sportive, una scuola elementare e un piccolo parco pubblico presenta un tessuto poco omogeneo. 2

3 L unico spazio che attualmente svolge un ruolo di aggregazione è rappresentato dal parco pubblico denominato dell acquario, che sebbene attrezzato con viali ed alberi, non consente di soddisfare a pieno le esigenze delle famiglie in questa parte di città. Nell agolo posto a nord-ovest di tale ambito, ad angolo tra la Via Epitaffio e la Via Campopannone, su un lotto di intervento di circa metri quadrati, si trova il vecchio centro sportivo Anthares, costituito da due campi da calcetto più due campi da tennis, due edifici spogliatoi ed un locale adibito a servizi Ambito 4 La superficie di mq è collocata nella parte a nord della zona di intervento. In questo ambito, sono presenti edifici residenziali, la scuola media superiore Gramsci ed il Liceo Classico Scientifico Cartesio Ambito 5 L area è situata a nord di Via Epitaffio ed ha un estensione di circa mq. In questo ambito insistono una serie di edifici di tipo residenziale ed una scuola. Gli edifici sono di diversa tipologia e di carattere differente, soprattutto per quanto riguarda le condizioni strutturali e funzionali. 2. PROGETTO Obiettivo dell intervento previsto in progetto è il recupero urbano di un area dalla evidente vocazione sportiva, data la presenza dello Stadio Comunale cittadino, della piscina comunale, del palazzetto dello sport e del centro Anthares, con tecniche di riqualificazione ambientale e riorganizzazione di spazi urbani, facendo riferimento ai più moderni modelli culturali della sostenibilità delle aree urbane ed al ruolo del verde all interno di esse. La vegetazione costituisce il completamento di un impianto sportivo, in quanto lo abbellisce e allo stesso tempo lo isola dall ambiente esterno per conferire una certa tranquillità. Da questo scaturiscono le scelte inerenti il tipo di alberi, selezionati in base alla loro resistenza. 3

4 Il nuovo impianto, concepito secondo le attuali tendenze, darà agli utenti una importante offerta attraverso strutture polivalenti dove godere non solo delle pratiche sportive più diverse e del fitness ma soprattutto beneficiare del tempo libero rilassandosi in un accogliente atmosfera. La scelta dei materiali è stata operata tenendo presente tre criteri principali: gestibilità, affidabilità nel tempo, valore cromatico ed equilibrio formale. Per di più, onde migliorare la dotazione vegetativa esistente ed allo scopo di rinfrescare i percorsi all aperto nel corso dei mesi più caldi, saranno piantumate nuove essenze arboree. La realizzazione del nuovo polo sportivo polifunzionale oltre ad offrire alla cittadinanza del Comune di Giugliano una serie di nuove attività, ne apre la frequentazione anche ad un bacino di utenza di più ampio raggio. Va da se che un intervento mirato in tal senso contribuirà in maniera sensibile al conseguimento di obiettivi specifici, quali il rilancio della pratica sportiva locale e l incremento di nuova occupazione sul territorio. 4

5 Si descrivono di seguito, suddivise per capitoli, le opere previste nell ambito del presente progetto esecutivo AMBITO 1 AREE A VERDE In aderenza a quanto previsto nel progetto definitivo, ai fini della riqualificazione ambientale, il progetto prevede la piantumazione di un consistente numero di alberi. 5

6 Saranno collocati sia lungo i bordi delle strade principali e secondarie, sia nelle aree destinate a divenire un parco urbano. Tradizionalmente le piante arboree, arbustive ed erbacee da inserire in ambienti urbani vengono scelte con criteri morfologici, identificando, nella molteplicità delle forme caratteristiche delle varie specie, quelle più adatte per le diverse esigenze e concezioni paesistiche, tendenti a realizzare un integrazione armonica tra le forme artificiali delle costruzioni e le forme naturali delle piante. Alberi alti, a chioma espansa o stretta (colonnare, piramidale) e alberi bassi, a chioma globulare o a ombrello, presentano un campo di applicazione ottimale in condizioni ambientali determinate. Oltre alle dimensioni e alla sagoma generale, sono stati tenuti in considerazione i criteri formali, quali il tipo di ramificazione, la forma e il colore delle foglie (inclusa a colorazione autunnale), l epoca della fioritura e il colore dei fiori, il colore e la forma dei frutti, il colore e la struttura della corteccia ecc. Il criterio ecologico largamente prevalente consiste nella scelta di specie autoctone e/o naturalizzate, al fine di ricostituire la vegetazione naturale potenziale, che si adatta in modo ottimale a tutti i fattori ambientali: il parco urbano così progettato costituirà un ecosistema alla cui regolazione contribuirà la concorrenza tra tutte le piante prescelte. Le opere di progetto sono l elemento di congiunzione tra i diversi elementi costituenti il paesaggio, in modo da valorizzarli e far si che possano essere punto di riferimento per la vita dei fruitori. Le soluzioni progettuali adottate si collocano in un territorio diversificato; da aree di tipo residenziale infatti si passa ad aree agricole e seminaturali. Uno dei punti salienti della riqualificazione è legato alla ricostituzione di un sistema vegetazionale che renda possibile l evoluzione delle componenti del nuovo ambiente in forme, composizione floristica e strutturale, affini a quelle naturali e che non necessiti di manutenzione intensiva. In particolare, il manto vegetale che ricopre una determinata porzione di suolo svolge la sua azione di stabilizzazione nel modo seguente: 6

7 1. agisce come uno schermo nei confronti dell azione diretta della radiazione solare, del vento e della pioggia, attenuando bruschi cambiamenti nella temperatura e nell umidità, con sensibili vantaggi per la stabilità del suolo; 2. trattiene una considerevole quantità di acqua piovana tramite l intercettazione delle foglie, dei rami e dei tronchi (l acqua intercettata viene di seguito eliminata per evapotraspirazione). Inoltre i residui vegetali in accumulo sul suolo hanno al capacità di immobilizzare una grande quantità di acqua a causa della loro elevata capacità di assorbimento. Il sistema degli interventi a verde previsti ha anche nella riduzione dell impatto acustico un esternalità positiva, soprattutto perché realizzati all interno di un sistema insediativo. L assorbimento degli inquinanti si ottiene, realizzando fasce di vegetazione di larghezza variabile, localizzate il più vicino possibile alla sede stradale, per sfruttarne la capacità di abbattimento delle sostanze inquinanti presenti nell atmosfera, consentono di contenere le emissioni gassose e le polveri sottili in prossimità di aree sensibili come quella in oggetto. Alla luce di quanto sin qui descritto il progetto prevede la piantumazione di numerose essenze arboree, quali il tiglio, il leccio, la mimosa, il prunus e diverse essenze arbustive tipiche della macchia mediterranea. Fig. 1 Tiglio Fig. 2 Leccio A meno del prunus cerasifera pyssardi e del Tiglio tutta la vegetazione prevista è sempreverde e pertanto offre vaste aree ombreggiate in tutti gli ambiti ed in particolare lungo la pista ciclabile, podistica e pedonale. Tuttavia allo scopo di godere di spazi soleggiati nel corso dell autunno e dell inverno taluni lecci, come accennato, sono stati sostituiti da alberi di prunus. 7

8 Si è dato importanza ad inserire nel contesto vegetale un gradevole effetto cromatico, sia con la mimosa che in primaversa si colora di giallo che con il prunus (Prunus cerasifera pyssardi) che varia la tonalità dal rosa dei fiori primaverili al rosso delle foglie caduche. L utilizzo di piante a foglie caduche, come il tiglio ed il prunus comporta il duplice vantaggio, consentendo di beneficiare di spazi esposti al sole nel corso dell autunno e dell inverno vale a dire quando l albero perde il fogliame e permette di poter godere dell irraggiamento solare, soprattutto lungo i percorsi ciclabili, podistici e pedonali. In secondo luogo, con il prunus ha foglie di colore porpora e fiori di colore rosa, che appaiono nel periodo primaverile, conferisce alle aree a verde un suggestivo effetto cromatico molto gradevole e variegato. Inoltre è comprovato che alle nostre latitudini tali alberi si sviluppano rapidamente e con successo, per di più sono soggetti ad una bassissima manutenzione. 8

9 Lungo gli assi principali, via Pigna via Campopannone e via Epitaffio per Barracano, sono stati collocati alberi di alto fusto (tigli e lecci), dalla chioma ampia, che forniranno, nuovi equilibri tra ambiente e persone, qualitativamente più aderenti alle esigenze dei cittadini, ed anche importanti funzioni di miglioramento della qualità dell aria, fungendo da elemento filtrante di polveri e sostanze gassose, a vantaggio dei fruitori del Polo Sportivo. Nelle strade laterali è stata data preferenza ad essenze dalle dimensioni più contenute (mimosa), in rapporto anche alle dimensioni dei marciapiedi. Nei prati, principalmente quelli compresi tra i circuiti sportivi (pista poditica e pista ciclabile) in via Campopannone, è stata prevista un alternanza di essenze, oltre che per il valore 9

10 estetico, anche per le caratteristiche funzionali tipiche della specie: alberi a foglia caduca (tigli, prunus) alternati ad essenze sempreverdi (lecci, mimosa) consentiranno di avere spazi insolati durante l inverno ed ombreggiati in estate. Il passo con cui saranno posti a dimora, è stato scelto in funzione dell ampiezza della chioma e dell apparato radicale. Se necessario, saranno previsti tutori per sostenere la giovane pianta fino al completo attecchimento. La dimensione del foro è importante per la sopravvivenza della pianta, perché attraverso tale apertura essa si approvvigionerà di acqua e di aria. Tale importante motivo ha determinato l impossibilità di poter procedere alla piantumazione, in alcune strade laterali, dove l ampiezza del marciapiedi è risultata inferiore al metro, e quindi inadeguata a poter consentire il passaggio delle persone, in particolar modo dei disabili. Nelle aree destinate a divenire parco urbano, e cioè lungo il fronte ad Ovest e a Sud dello stadio, il criterio distributivo delle varie essenze è stato eseguito con maglie meno regolari, al fine di creare zone di ombra alternate a quelle insolate. In particolare, nell area a sud, in ossequio ai principi informatori dell intero progetto, si è proceduto al recupero dell area destinata all ampliamento del parcheggio, che avrebbe 10

11 comportato l abbattimento di un consistente numero di alberi, per destinarlo a parco urbano di quartiere. A ridosso di tale area si trova infatti un ampio quartiere popolare che potrà giovarsi della presenza di questo parco urbano, che sarà attrezzato con varie strutture per il gioco e lo sport. In luogo della (tangibile) barriera rappresentata dal parcheggio continuo, che con la presenza delle auto avrebbe impedito una facile e felice frequentazione dei più piccoli, si avrà un rapporto diretto tra un area urbana densamente abitata e lo spazio destinato al tempo libero. Ciò contribuirà a definire la riorganizzazione del sistema insediativo e guidare la riqualificazione degli spazi pubblici, comunicare valori simbolici e culturali in stretto rapporto con la storia e l identità di questo territorio AMBITO 2 - PARCHEGGI In linea con il criterio ispiratore del progetto, anche per la sosta delle auto è stato previsto un sistema capace di mitigare le uniformi gettate di asfalto che sempre più invadono le aree urbane. Un sistema che parte da un riequilibrio del rapporto tra numero dei posti auto 11

12 e il numero degli alberi, fino ad arrivare al miglioramento dell utilizzo della risorsa suolo, con la diminuzione delle superfici impermeabili a favore di quelle permeabili, di quelle drenanti a favore di quelle filtranti, attraverso cui contribuire ad una migliore gestione delle acque meteoriche, sia per quanto riguarda il minor carico idrico sul sistema fognario, sia per la possibilità di sfruttare la capacità filtrante e fitodepurativa del prato e della vegetazione in generale. 12

13 Nei parcheggi già esistenti, si èprovveduto a riconfigurare la pavimentazione, con tappetino antiusura, mentre per la definizione dei posti auto, si è fatto ricorso ad una pavimentazione erbosa carrabile, mediante la posa in opera di masselli grigliati di calcestruzzo vibro compresso autobloccanti. 13

14 La tecnica del GREEN PARKING coniuga il rispetto della natura e l implementazione del verde in quanto gli elementi alveolari sono posati direttamente sul terreno; in questo modo, viene consentito il drenaggio dell acqua piovana mediante infiltrazione diretta nel terreno sottostante e si ottiene un area di parcheggio perfettamente integrata nell ambiente circostante. Tuttavia si pone anche l attenzione sulla raccolta e conseguente smaltimento delle acque pluviali che insistono sulle aree di parcheggio realizzate con la tecnica citata. Per mitigare l effetto invasivo delle auto, tra le file contigue degli stalli, è stato previsto uno spazio da destinare a verde, dove è prevista la piantumazione di alberi. Per la scelta dell essenza, si è data la preferenza ad alberi sempreverdi, che comportano una minore manutenzione. Nell ambito dei parcheggi sono previste inoltre soste destinate ai disabili, che prevedono oltre alla postazione auto, anche un necessario spazio di manovra per l accesso delle carrozzelle. 14

15 Per il parcheggio lungo la via Sagittario attualmente in terra battuta dovrà essere creato il nuovo piano stradale. Anche qui è stata prevista la pavimentazione a verde carrabile e la piantumazione di un consistente numero di alberi (lecci). Sia lungo i muri che tra i filari delle auto. Nel parcheggio a sud dello stadio è stata prevista anche la sosta di autobus per ospitare trasferte cittadine in concomitanza di eventi sportivi. 15

16 2.3. AMBITO 3 CIRCUITI SPORTIVI Per la realizzazione delle piste podistica, ciclabile e pedonale, è stata operata la scelta di sfalsare leggermente il piano di tutti i camminamenti, al fine di diversificarne meglio la funzione e di permettere, da qualsiasi punto ci si trovi, la vista di tutte le passeggiate. Inoltre si è preferito spostare il percorso pedonale all esterno, prospiciente la corsia stradale, e lasciare i percorsi dedicati allo sport all interno, più al riparo dai gas di scarico delle automobili, con una maggiore offerta di sicurezza. Tale scelta è stata compiuta soprattutto per evitare l interferenza tra i pedoni ed i fruitori delle piste sportive (podistica e ciclabile), che potrebbe essere causa di incidenti. Per quanto riguarda la pista ciclabile quest ultima è stata ridisegnata introducendo semplificazioni di traiettorie, allo scopo di rendere la sua percorrenza più piacevole, soprattutto facile per i più piccini. La pista ha una larghezza di circa m 2.90, che consente i due sensi di marcia, e si snoda in un ambito largo circa 5 m, pertanto le aiuole ai margini seguono un andamento sinuoso a seconda delle lievi differenze planimetriche ed altimetriche. Grande attenzione è stata posta per le fasce a verde, infatti le aiuole saranno inerbite e piantumate con essenze arbustive tipiche della macchia mediterranea, in modo da godere delle loro fragranze e colori in tutte le stagioni dell anno. Inoltre tali aiuole saranno piantumate con essenze arboree di medio ed alto fusto sempreverdi (tigli, mimose e cedri), intervallate da essenze caduche quali il prunus, in modo da ombreggiare le piste nei mesi estivi e creare ampi spazi soleggiati nei mesi invernali, oltre a godere della varietà cromatica soprattutto in primavera. 16

17 Le piste si estendono per un lungo percorso ad anello che si snoda attorno allo stadio. Lungo la Via Campopannone, le piste si presentano a piani sfalsati: più in alto la podistica, poi la ciclistica e a quota di marciapiede, il percorso pedonale. 17

18 Tutti i circuiti saranno collegati al piano stradale mediante piccole rampe la cui pendenza, dell'8%, consentirà ai disabili di muoversi in autonomia. Nel tratto posto ad ovest e a sud dello stadio i percorsi saranno complanari, per rispettare gli innesti con i percorsi laterali e tutti i varchi di accesso allo stadio. Lungo la via Epitaffio per barbacane, a causa della presenza di un alto numero di ingressi alle aree di parcheggio, le piste di risulteranno sia complanari sia continue, ed aderenti al muro di cinta delle zone di sosta. 18

19 Il verde è previsto interposto tra piste sportive ed il marciapiede per poter recuperare gli alberi esistenti che occupano allo stato attuale, una posizione mediana AMBITO 4 INGRESSO PEDONALE PRINCIPALE AREA STADIO L ingresso principale allo stadio ed al centro sportivo, è messo in evidenza da una struttura particolare: archi di acciaio corten, che si snodano lungo un asse viario che sarà pavimentato con pietre di tufo. 19

20 Tale percorso si collega, nella parte anteriore, ad un camminamento che costeggia il parcheggio(est) e che conduce alla piazzetta superiore, mentre nel lato opposto conduce direttamente allo stadio o alla pista podistica. La struttura in acciaio corten, di forte impatto visivo, sarà il punto nevralgico del nuovo polo sportivo. Gli archi, a sesto rialzato avranno un ideale svolgimento elicoidale, ed offriranno ombra durante il periodo estivo. Una discreta illuminazione a led, che dal pavimento illuminerà i sottarchi, contribuirà a restituire una suggestiva immagine anche di notte. Il percorso, pavimentato con pietre di tufo naturale, si snoderà al cenro di un area trasformata in parco, che sarà trattata a prato, dove, su entrambi i lati saranno piantumati alberi di tiglio a mo di filari. Nelle aree più defilate, sarnno piantumati prunus e lecci. Tutti i percorsi saranno complanari e privi di scalini, per garantire una facilità di mobilità a anche per i disabili. 20

21 2.5. AMBITO 5 - CAVALCAVIA PEDONALE Si tratta di un opera di ingegneria volta alla riqualificazione dell area, strategica per la mobilità pedonale di questa zona della città, dove i due ambiti sportivi, distanti poche decine di metri in linea d aria ma separati da una strada a doppio senso di marcia ad alta percorrenza veicolare, avranno un collegamento diretto teso ad evitare le interferenze tra gli autoveicoli ed i numerosi pedoni. II ponte si sviluppa su di un asse lineare per i primi m per poi adottare un asse cuvilineo per i secondi m per poi terminare con un nuovo tratto rettilineo, raggiungendo una lunghezza complessiva di circa m, ed attraversando la sede stadale mantenendo una quota di intradosso dal piano stradale di 5.00 m. Tracciato planimetrico del nuovo cavalcavia pedonale L impianto modulare mira a produrre una struttura leggera ed aperta, che nei suoi movimenti riesce, allo stesso tempo, a legare a terra e dare slancio al manufatto passante che, per altro, assumerà i connotati di sbarco e contemporaneamente di invito a ciascun ambito sportivo. Dal punto di vista strutturale il ponte è composto da due spalle di estremità interamente in c.a. e da una struttura intermedia caratterizzata da un impalcato in acciaio zincato e da una struttura verticale in c.a. 21

22 Le spalle di estremità, sono caratterizzate da una struttua a setti in c.a. con soletta intermedia in c.a. dello spessore di 15 cm con configurazione a gradoni. La struttura intermedia del ponte è caratterizzata da colonne circolari Φ600 in c.a. a meno del pilastro centrale, posto all'interno dello spartitraffico esistente, e del pilastro posto in adiacenza alla sede stradale, per i quali si adotta una sezione del tipo ovoidale. La protezione del pilastro ovoidale dal possibile urto veicolare si garantisce attraverso l'ausilio di un attenuatore d'urto SMA Tree di dimensioni compatibili con lo spartitraffico esistente. L'impalcato in acciaio è caratterizzata da due sezioni trasversali tipo, entrambe della tipologia a due cosciali centrali, IPE400 per la sezione "1" ed IPE500 per la sezione "2", solidarizzati da un'orditura trasversale ottenuta rispettivamente mediante IPE200 nel primo caso ed IPE500 nel secondo. Nei tratti curvilinei sarà opportuno ricorrere alla calandratura dei profili metallici principali che nella fattispecie avverrà seguendo una generatrice elicoidale.larghezza trasversale complessiva del ponte e di circa 2.50 m. La struttura, infine, è caratterizzada da fondazioni del tipo indiretto con pali Φ300 della lunghezza di 6.50 m. I pilastri circolari fondano su plinti in c.a. a 4 pali, a mentre i pilastri ovoidali fondano su plinti a 6 pali. Si evidenzia che sebbene il nuovo cavalcavia presenti tratti con pendenze fino al 10%, l accessibilità a tutti gli spazi esterni del Polo sportivo sarà garantita da percorsi alternativi, agevolmente fruibili anche da parte di persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali, così come previsto all art. 3, comma 3.2, lettera a) del D.M. 14 giugno 1989, n Il cavalcavia sarà facilmente accessibile dal Centro Anthares grazie ad una un apertura nella recinzione perimetrale che immetterà direttamente sull imbocco del percorso sopraelevato. Dall altro capo, il cavalcavia immette nella nuova piazza, ubicata all incrocio tra via Epitaffio per Barracano e Via Campopannone, la quale, oltre a costituire un invito verso i nuovi percorsi di progetto degli impianti sportivi, assumerà la funzione fondamentale di luogo di incontro e quindi di relazione. 22

23 Particolare della nuova piazza In corrispondenza dell imbocco del cavalcavia, si collocano alcuni edifici esistenti (tra cui un bar) e due nuove strutture frangisole in legno lamellare, la prima di forma rettangolare ed la seconda di forma irregolare. CENTRO SPORTIVO ANTHARES Il progetto per la riqualificazione del nuovo Centro Anthares prevede: - Un campo da tennis in terra rossa all aperto - Tre campi da tennis in sintetico - Una copertura dei tre campi da tennis in legno lamellare - Un campo da calcio a 5 - Spogliatoi giocatori e spogliatoi giudici di gara/istruttori - Una palestra 23

24 - Servizi igienici - Infermeria - Una tribuna spettatori - Una club house - Un area giochi bambini - aree parcheggi Il complesso architettonico si sviluppa planimetricamente lungo un asse distributivo Est- Ovest che rappresenta il percorso portante dell intervento, dal quale si accede ai vari blocchi funzionali suddivisi come segue: - Edificio 1: Club house - Edificio 2: Spogliatoi tennis - Edificio 3: Spogliatoi calcio - Edificio 4: Tribuna spettatori - Edificio GB - guardiania/biglietteria - Edificio LE Locale ENEL/Cabina elettrica - Campi sportivi A raccordare i vari blocchi funzionali presenti nel centro, provvede una pavimentazione in masselli di calcestruzzo vibro compresso, spessore 5 cm, tesa ad individuare i diversi reparti distinti attraverso n 3 differenti cromatismi. Esternamente, oltre al parcheggio, sono previsti ampi spazi verdi dove poter passare delle belle e sane giornate di sport, con tutta la famiglia. Infine in ambiente riservato, è previsto una piccola "area giochi" per i bimbi. Tutte le ringhiere metalliche su cui si è ritenuto necessario intervenire saranno rinnovate, attraverso la sverniciatura, la preparazione mediante l applicazione di una pittura antiruggine e successiva tinteggiatura con smalto oleosintetico di colore uguale a quelle utilizzate per il palazzetto dello sport, così da dare decoro ed uniformità a tutto l ambito di intervento. Le nuove ringhiere di progetto saranno in acciaio, in elementi a disegno semplice, dello stesso tipo e forma di quelle esistenti. 24

25 I cancelli carrai e pedonali saranno composti da elementi d acciaio scatolati con interposti pannelli grigliati in orsogril. Completi di cerniere con cuscinetti a sfera, maniglie, serrature con cilindro tipo Yale. Si analizzano di seguito le caratteristiche peculiari di ogni singolo edificio. Edificio 1 Club House La Club House creata per fornire servizi full time per i clienti, è inserita in un corpo parallelepipedo ed è caratterizzata da ampie vetrate perimetrali che consentono l illuminazione naturale degli ambienti interni dai quali si gode la vista diretta dei campi da gioco in sintetico. La reception ed i servizi, trovano sistemazione a ridosso di una parete curva dalla quale si accede anche alla sala polifunzionale. La club house è anche dotata di un bar attrezzato con una zona di sedute all aperto, servizi igienici per il pubblico distinti tra maschi e femmine. Inoltre, il bar è provvisto di magazzino e i servizi igienici/spogliatoi dedicati al personale. Tutti i prospetti della CLUB HOUSE saranno rivestiti con pietra quarzite multiformato dello spessore di 2 cm, posata a vista fino ad un altezza di due metri. Ciò col duplice scopo di caratterizzare fortemente lo spazio esterno della Club House e migliorare qualitativamente la manutenibilità, la durabilità ed i livelli prestazionali delle facciate. Edificio 2 spogliatoi tennis Distribuiti in un edificio lineare ad unico livello, gli spogliatoi per i campi da tennis sono adeguatamente protetti contro ogni tipo di introspezione, sia per gli atleti che per gli arbitri, in numero utile per permetterne la rotazione. Tutti gli spogliatoi sono provvisti di un adeguato numero di servizi igienici e di docce, dunque perfettamente funzionali. Gli spogliatoi saranno pienamente fruibili da parte dei diversamente abili. Ai fini di eseguire una corretta fase di riscaldamento, e stato posizionato centralmente rispetto agli spogliatoi dei campi da tennis un ambiente ad hoc denominato palestra. Tale ambiente, a servizio esclusivo dei campi da tennis, avente superficie pari a circa 70 mq, potrà all evenienza anche essere attrezzato con macchine sia per la muscolazione che per l'allenamento cardiotonico nonché di spazi ed attrezzature per il corpo libero. 25

26 La palestra sarà dotata di una pensilina costruita interamente con profilati in legno lamellare. Essa, oltre a consentire di collegare gli spogliatoi e la palestra del blocco servizi all impianto dei tre campi da tennis in sintetico attraverso un percorso totalmente coperto, configura un funzionale frangisole, utile a schermare l ampia vetrata posta ad ovest della palestra ed a modulare l ingresso della luce naturale proteggendo dall eccessivo calore dei raggi solari, soprattutto nel periodo estivo. A completamento della dotazione infrastrutturale del centro sportivo, in posizione baricentrica rispetto all intero complesso, è stato previsto un locale adibito ad infermeria, onde poter prestare il primo soccorso in caso di necessità. Tale locale, costruito ed allestito secondo le norme vigenti per funzioni di questo tipo, sarà ubicato in testa all edificio 2, nelle immediate vicinanze dell uscita del centro, in maniera da essere Edificio 3 Spogliatoi calcio Distribuiti in un edificio lineare ad unico livello, il nuovo corpo spogliatoi per il campo da calcio è adeguatamente protetto contro ogni tipo di introspezione, sia per gli atleti che per gli arbitri, in numero utile per permetterne la rotazione. Tutti gli spogliatoi sono provvisti di un adeguato numero di servizi igienici e di docce, dunque perfettamente funzionali. 26

27 Edificio 4 tribuna spettatori L'opera si sviluppa su di una superficie di 35.35*12.80 m, all'interno della quale si collocano le due gradonate simmetriche che partendo dalla quota 0.00 raggiungono il camminamento sommitale posto alla quota dal p.c. Concepita con uno schema funzionale a specchio, con capienza di 700 posti a sedere, chiaramente individuati e suddivisi, in 350 posti per il campo da calcio e 350 posti per quello da tennis in terra rossa, la tribuna garantisce ad ogni spettatore la visibilità dell area destinata a ciascuna sportiva. Sotto la tribuna è prevista la collocazione dei servizi igienici per gli spettatori suddivisi per sesso e disposti in maniera diametralmente opposta. La nuova tribuna sarà coperta grazie ad una struttura in legno lamellare a doppia falda con falde convergenti che consentirà di riparare gli spettatori dalle intemperie in completa sicurezza Edificio GB - Guardiania / Biglietteria La struttura del tetto, del basamento e le colonne sono realizzati con profili in acciaio zincato, presso-piegato a freddo con spessore 15/10 o 20/10. N 4 punti per aggancio e 27

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progetto per la riqualificazione di Piazza dei Martiri e Piazza Vittorio Emanuele II si sviluppa intorno all idea centrale di realizzare un grande spazio urbano con continuità

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Scuola secondaria di primo grado:

RELAZIONE TECNICA. Scuola secondaria di primo grado: RELAZIONE TECNICA Premessa L Amministrazione Comunale di San Sperate è beneficiaria del finanziamento riguardante il Potenziamento delle strutture scolastiche in termini di dotazione tecniche e di spazi

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO

Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO via Mazzini 17 24034 Cisano B.sco - BG tel.035.4381312. fax.035.4381875 P.IVA 03415090160 - email: dbmassociati@gmail.com Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO Progetto ESECUTIVO art. 33 e seguenti del D.P.R.

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI FERNO (Va) Realizzazione di una struttura polifunzionale culturale all interno del parco di Ferno (Va) PROGETTO ESECUTIVO Luglio 2011 1 Premesse Il progetto riguarda la realizzazione di una struttura

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto SALERNO PORTA OVEST LA GALLERIA PER IL PORTO conferenza stampa del 27 Aprile 2011 Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

02 20.07.2015 Pag. 0 / 9

02 20.07.2015 Pag. 0 / 9 02 20.07.2015 Pag. 0 / 9 INDICE OGGETTO... 2 UBICAZIONE GEOGRAFICA... 2 AMBITO DI INTERVENTO... 2 Perimetro del Piano di Recupero... 2 DATI DEL PIANO... 2 Zonizzazione... 2 Verifica degli standards...

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Giacomo Corsi Architetto giacomocorsiarchitetto@gmail.com Cel.3471979180 Viale Montegrappa 177, 59100 Prato Tel. Fax. 0574 1826304

Giacomo Corsi Architetto giacomocorsiarchitetto@gmail.com Cel.3471979180 Viale Montegrappa 177, 59100 Prato Tel. Fax. 0574 1826304 RELAZIONE TECNICA PRELIMINARE Oggetto: Nuova Club House con locali Pizzeria annessi da realizzarsi all interno dell impianto sportivo di Maliseti, sito in Via Caduti Senza Croce in località Maliseti, a

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli.

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE L inserimento ambientale del progetto tiene conto degli aspetti dell intera area e degli edifici di futura nuova realizzazione

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a

RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a RELAZIONE TECNICA L area esterna all edificio che dovrà essere adibita a parcheggio interrato è attualmente destinata in parte a parcheggio privato a servizio delle attività svolte all interno dell edificio

Dettagli

I N D I C E. 1. INTRODUZIONE... pag. 2. 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5

I N D I C E. 1. INTRODUZIONE... pag. 2. 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5 I N D I C E 1. INTRODUZIONE... pag. 2 2. I RILIEVI E LE INDAGINI SVOLTE... pag. 5 3. LA VIABILITA... pag. 12 3.1. La nuova Via Regaldi... pag. 14 3.2 La nuova Via Pacini... pag. 18 3.3 Il controviale di

Dettagli

COMUNE DI SIAMAGGIORE

COMUNE DI SIAMAGGIORE COMUNE DI SIAMAGGIORE OGGETTO: AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE E IMPIANTI SPORTIVI CIRCOSTANTI UBICATI IN LOCALITA IS ARGIOLAS (C.I.G. Z170ABCE2F) RELAZIONE DESCRITTIVA Premesse Il Comune

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO, EDILIZIA SCOLASTICA, TURISTICO-SPORTIVA E PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI LUIGI

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di COMUNE DI ACERRA Provincia di Napol i Medaglia d Oro al Merito Civile (D.P.R. del 17/06/1999) 5 ª DIREZIONE - INFRASTRUTTURE Lavori Pubblici - Manutenzione ed Arredo Urbano Oggetto: Fondi strutturali Europei

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE SOMMARIO

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE SOMMARIO C O M U N E D I O S S I P R O V I N C I A D I S A S S A R I OGGETTO: Lavori di realizzazione del parco comunale Rio e S Adde PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE SOMMARIO Sommario... 1 PREMESSA... 2 CARATTERISTICHE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra Comune di Ceggia arco della MEMORIA Analisi dei siti proposti Dott. Stefano Roman - aesaggista Società Terra 05 ottobre 2012 Simbologia Come spesso si è avuto modo di sottolineare, il progetto arco della

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI Allegato F Gara tipo B Monza, agosto 2014 Gare Nazionali di medio livello AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI ELENCO ZONE DI INTERVENTO gara tipo B 1. TRIBUNA D ONORE 2. CENTRO MEDICO 3. TENDA VERIFICHE

Dettagli

COMUNE DI RIMINI PROVINCIA DI RIMINI START ROMAGNA S.P.A. Via A. Spinelli, 140 47521 Cesena (FC) P.IVA 03836450407

COMUNE DI RIMINI PROVINCIA DI RIMINI START ROMAGNA S.P.A. Via A. Spinelli, 140 47521 Cesena (FC) P.IVA 03836450407 COMUNE DI RIMINI PROVINCIA DI RIMINI START ROMAGNA S.P.A. Via A. Spinelli, 140 47521 Cesena (FC) P.IVA 03836450407 Oggetto PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO PER NUOVO PARCHEGGIO PUBBLICO DA REALIZZARSI SU

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante Pali trivellati Fondazioni profonde Pali battuti Micropali Verifica strutture Platea Fondazioni superficiali Plinti Manutenzione fondazioni Travi rovesce Verifica statica Pilastri Travi STRUTTURE IN C.A.

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE PIANO ATTUATTIVO COMUNALE DI INIZIATIVA PRIVATA N.46 DI VIALE TREVISO OPERE DI URBANIZZAZIONE: RELAZIONE TECNICA Pordenone lì, Il

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva

STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva STABILIMENTO INDUSTRIALE NOVELLO 87 pilastri di legno lamellare: una sfida costruttiva. Quello che viene qui presentato è un edificio industriale senza precedenti, un nuovo modello di sviluppo per i progetti

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE

COMUNE DI PREGNANA MILANESE 5. ALLEGATI ALLEGATO 1 - ELENCO STRUTTURE 1. Campo di calcetto Trattasi di struttura coperta, con pavimentazione in erba sintetica e copertura costituita da campate e arcarecci in legno lamellare e telo

Dettagli

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati.

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Fascicolo dell opera Pagina 1 di 7 CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Scheda I Descrizione sintetica dell'opera ed individuazione dei soggetti

Dettagli

La funzione principale della copertura è di proteggere l'edificio e chi ne fa uso, dal freddo e dal caldo; dalle precipitazioni atmosferiche come

La funzione principale della copertura è di proteggere l'edificio e chi ne fa uso, dal freddo e dal caldo; dalle precipitazioni atmosferiche come Le coperture La funzione principale della copertura è di proteggere l'edificio e chi ne fa uso, dal freddo e dal caldo; dalle precipitazioni atmosferiche come pioggia, neve, grandine; dal vento; dal sole

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA IN C.DA RONCELLA (NOHA) - PROGETTO PRELIMINARE -

RIQUALIFICAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA IN C.DA RONCELLA (NOHA) - PROGETTO PRELIMINARE - Sommario 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO... 3 3. INTERVENTI IN PROGETTO... 3 3.1 PLESSO SCOLASTICO... 4 3.1.1 Interventi strutturali... 4 3.1.2 Interventi impiantistici... 5 3.1.3 Problematiche fruibilità

Dettagli

f o green ro so o lar EcoroofEc

f o green ro so o lar EcoroofEc Ecoroof solar green La copertura di un edificio rappresenta uno degli elementi piu significativi della sua configurazione e funzionamento. Inoltre circa il 25% delle dispersioni totale di energia di un

Dettagli

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...

PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale... PREMESSA...2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO...3 Classificazione urbanistica...3 Organizzazione funzionale...3 Organizzazione strutturale...5 DESCRIZIONE INTERVENTO...6 Generalità...6 Motivazioni delle scelte

Dettagli

2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI)

2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI) 2009 Concorso di idee per la riqualificazione dell ex discarica della Frazione di Cereie Trivero (BI) Incipit progettuale L idea progettuale per la definizione dell intervento per la riqualificazione dell

Dettagli

Tipologie edilizie e costi

Tipologie edilizie e costi Parcheggi 8-10-2007 11:46 Pagina 18 o- o PROGETTARE TECNOLOGIA Progetto Realizzazione Gestione 18 Tipologie edilizie e costi Parcheggi: quanto costa realizzarli Quanto costa realizzare un parcheggio fuori

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA Relazione tecnica ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE PREMESSA Il Comune di Sotto

Dettagli

ESSERE IN UN LUOGO UNICO Ville Aimaro

ESSERE IN UN LUOGO UNICO Ville Aimaro ESSERE IN UN LUOGO UNICO Ville Aimaro ESSERE IN UN LUOGO UNICO UNO SCENARIO SUGGESTIVO FATTO DI DELICATI EQUILIBRI PH MARCO NEGRI LOCALIZZAZIONE A 300 metri dalla riva del lago di Garda, a 2 km dal centro

Dettagli

Procedimento misto per la stima di costo

Procedimento misto per la stima di costo Procedimento misto per la stima di costo Venezia, 12 maggio 2005 Obiettivo e struttura della lezione L obiettivo della lezione è illustrare una metodologia di analisi del valore che consenta di pervenire

Dettagli

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA

NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA Comune di Piacenza UNITÀ DI PROGETTO GRANDI PROGETTI NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA RELAZIONE DESCRITTIVA Piacenza, luglio 2010 IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (arch. Taziano Giannessi) Unità di

Dettagli

Viale Calvario. Viale "S"

Viale Calvario. Viale S 1 Viale Calvario Viale "S" NUCLEO 9 (lotto Z) capo 1 definizioni art.1 delimitazione del nucleo Il nucleo 9 (lotto Z) si compone delle seguenti 5 cappelle gentilizie: 1Z, 2Z, 3Z, 4Z, 5Z. art.2 - tipologie

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti:

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti: L INTERVENTO Le prime analisi di fattibilità hanno consigliato un radicale rifacimento dell impianto sportivo, considerando che l eventuale modesta incidenza della demolizione (in quanto riguarda per la

Dettagli

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.:

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REQUISITI PRESTAZIONALI DEL MANUFATTO EDILIZIO

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REQUISITI PRESTAZIONALI DEL MANUFATTO EDILIZIO ALLEGATO D LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REQUISITI PRESTAZIONALI DEL MANUFATTO EDILIZIO 1. Benessere termoigrometrico 2. Benessere respiratorio, olfattivo e qualità dell aria 3. Benessere visivo 4.

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

PROGETTO CITTADELLA FOTOVOLTAICA

PROGETTO CITTADELLA FOTOVOLTAICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA CITTADELLA SPORTIVA POLO DIDATTICO ANNUNZIATA PROGETTO CITTADELLA FOTOVOLTAICA PROGETTAZIONE: - AREA SERVIZI TECNICI - ing. Giovanni Lupo geom. Giuseppe De Leo perito

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

Padiglione Biglietteria

Padiglione Biglietteria OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione avente funzione di biglietteria e accoglienza per i visitatori della Reggia, delle mostre temporanee nella

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ACQUIRENTI INTERVENTO IN TORINO - VIA BONZO 16 SCAVI E REINTERRI ESECUZIONE DI SCAVO DI SBANCAMENTO ESEGUITO CON MEZZI MECCANICI, ESECUZIONE DI SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA

Dettagli

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini

Lavori di realizzazione Nuovi percorsi pedonali e ciclabili dall incrocio di via Sardegna / via Cagliari alla fermata metropolitana Assemini RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Nonostante nel Comune di Assemini siano presenti tre fermate della linea metropolitana, la zona più densamente popolata è anche quella meno servita dal collegamento

Dettagli

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est.

L accesso al terreno attualmente avviene da Via F.lli Kennedy, sul lato posto a sud, e dalla strada agricola di Via Valle, sul lato a est. Rellaziione Tecniico IIllllusttrattiiva IInnt I t eeggrraazz iioonnee i aa lllaa rri iicchhi eesst taa ddi ii PPeerrmeessssoo ddi ii CCoosst trruui iirr ee ddeel ll 0055/ //0022/ 220011 33 pprroot t...00772233

Dettagli

NOZIONI GENERALI DI PROGETTAZIONE DEI PARCHEGGI DI SUPERFICIE

NOZIONI GENERALI DI PROGETTAZIONE DEI PARCHEGGI DI SUPERFICIE NOZIONI GENERALI DI PROGETTAZIONE DEI PARCHEGGI DI SUPERFICIE Bisogna sapere che: Parcheggi e autorimesse sono parte integrante del sistema della mobilità urbana perché, contrariamente a quanto si crede,

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

IL CANNOCCHIALE VERDE

IL CANNOCCHIALE VERDE RELAZIONE DI APPROFONDIMENTO TEMATICO IL CANNOCCHIALE VERDE Codice: GOUDRON8 PERCORSO PROGETTUALE Il CANNOCCHIALE VERDE In questa sintetica metafora crediamo di aver racchiuso l intento, gli obiettivi

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Melegnano via Maestri 2-20077 (MI) Tel. 02.98115388 Fax 02.98115328 Unità Organizzativa Territorio e Attività Integrate TIT. 3.1.5 SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE

Dettagli

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI G. Papadakis, P. Tsamis, S. Kyritsis Department of Agricultural Engineering, Agricultural University of Athens, Greece Data: 13 gennaio

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6

1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6 SOMMARIO 1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6 4. INSERIMENTO PAESAGGISTICO DEL CAMPO FOTOVOLTAICO... 7 5. SIMULAZIONI FOTOGRAFICHE... 8

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO

ELENCO DEI PREZZI UNITARI. Codice DESCRIZIONE U.m. PREZZO 1.2.19.A 1.4.G.1.A 1.4.G.5 1.4.I.4.D1 Formazione di ponteggio tubolare di facciata per la realizzazione degli interventi interessanti la copertura dell'aula della scuola elementare (rif. intervento n.

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi Allegato F Relazione Tecnica Novembre 2014_Gennaio 2015_Luglio 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi

Dettagli

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità INDICE Premessa 1. Inquadramento dell esistente 1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso 1.2. Aspetti urbanistici 2. Analisi proposta progettuale 2.1. Caratteristiche generali 2.2. Consistenza,

Dettagli

PRODUZIONE ELEMENTI AUTOBLOCCANTI PER MURI A SECCO

PRODUZIONE ELEMENTI AUTOBLOCCANTI PER MURI A SECCO PRODUZIONE ELEMENTI AUTOBLOCCANTI PER MURI A SECCO BLOCCO RUSTICO Muri di contenimento Recinzioni contro terra Aiuole Per il cliente che vuole ottenere un'estetica che assomigli al sasso a vista, questo

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI ED EDIFICIO MUNICIPALE DI TORCHIARA RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il sottoscritto è stato incaricato dall Amministrazione Comunale di

Dettagli