PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE GIOVANI IN CENTRO COMUNE DI ANDRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE GIOVANI IN CENTRO COMUNE DI ANDRIA"

Transcript

1 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE GIOVANI IN CENTRO COMUNE DI ANDRIA 1. La definizione della finalità generale e degli obiettivi Il progetto ha per oggetto la realizzazione di un centro polifunzionale presso il complesso edilizio sito in Via S. Angelo dei Meli ubicata nel centro storico del Comune di Andria, utilizzato fino a qualche tempo fa come Oratorio della Chiesa di S. Domenico. L Obiettivo dell Amministrazione Comunale, attraverso la realizzazione di questo centro polifunzionale, è quello di avviare nuove politiche d intervento in favore dello sviluppo dell associazionismo giovanile, creare uno strumento di aggregazione di gruppi giovani e altre realtà negli ambiti della cultura, dell espressività, del volontariato, dello sport, del disagio giovanile, del gioco o di qualsivoglia motivo possa spingere a ritrovarsi ed a proporre iniziative che possano coinvolgere o interessare altri giovani. Un piano organico, dal carattere strategico, i cui interessi saranno finalizzati al conseguimento nell area in questione dei seguenti obiettivi specifici, in coerenza con il Programma Regionale di Politiche Giovanili Bollenti Spiriti : 1) valorizzare e riqualificazione urbana: interventi volti al miglioramento della vivibilità e conservazione dell assetto urbanistico storicamente conformato e dei caratteri architettonici degli edifici e degli spazi pubblici, nonché il miglioramento dei loro requisiti igienico - funzionali, di sicurezza, di flessibilità, di qualità ambientali, nel rispetto delle tecnologie e dei materiali tradizionali; 2) rivitalizzazione socio-economica e culturale: interventi volti alla riduzione dei fenomeni di emarginazione e difficile vivibilità, al superamento di un livello di servizi qualitativamente non idoneo e all adozione di soluzioni per l abbandono e per il depauperamento del tessuto economico; 3) riqualificazione ambientale e regolamentazione della mobilità: interventi volti al miglioramento dell assetto istituzionale (impianti fognari, illuminazione, raccolta rifiuti, ), dei servizi urbani. Il Centro GIOVANINCENTRO del comune di Andria sarà una struttura ricreativo culturale polivalente che offrirà iniziative varie, la cui finalità principale sarà quella della socializzazione e dell aggregazione giovanile intesi come valori primari da perseguire. Si attribuisce così il massimo dell importanza al valore dello stare insieme fine a se stesso, non quello dello stare insieme per fare qualcosa. Tale impostazione consente di aggregare un cospicuo 1

2 numero di adolescenti verso i quali è possibile attuare interventi più o meno strutturati di animazione, educazione e prevenzione. Il Servizio GIOVANINCENTRO, concepito in questo modo, possiede quindi un implicita funzione di prevenzione del disagio giovanile che viene sviluppata a diversi livelli così come illustrato in seguito. Un altra parola chiave del servizio GIOVANINCENTRO è empowerment inteso come azione di valorizzazione delle esigenze dei giovani e promozione diretta da parte loro di iniziative, attività ed eventi, in modo da rispondere immediatamente alle loro aspettative così come loro le percepiscono. Bollenti spiriti nasce per liberare i giovani dell apartheid nel quale abbiamo segregato un intera generazione. Per rimetterli al centro e non al lato delle sfide del cambiamento globale. Per aprire sul serio varchi attraverso i quali consentire la riappropriazione della cittadinanza, il recupero della soggettività e del protagonismo. Per sanare la trappola della precarietà esistenziale e non solo occupazionale nella quale rischiano di cadere in moltissimi, tanti, troppi. (Ass. Guglielmo Minervino) GIOVANINCENTRO denominato così in quanto i giovani saranno i protagonisti, i gestori del centro, oggetto dell attività non saranno solo i problemi dei giovani, ma i giovani con i loro talenti, i loro sogni. GIOVANINCENTRO centro polifunzionale per i giovani parte dal presupposto che l Amministrazione Comunale è il soggetto deputato a scommettere su: 1) i giovani considerati come risorsa; 2) il protagonismo giovanile; 3) i pilastri fondamentali su cui costruire le politiche giovanili. Nell amministrazione di una città ci deve essere un punto fermo che si occupa dei giovani con compiti precisi: - incontrare i giovani, confrontarsi con loro in assemblee di associazioni varie, in centri organizzati ad hoc e fare in modo che le proposte che arrivano dagli stessi giovani possano essere realizzate. - svolgere attività di studio/analisi del mondo giovanile. - rapportarsi efficacemente con l istituzione scolastica, alla luce dei piani dell offerta formativa che ogni scuola redige coerentemente con i bisogni emergenti nel tessuto economico locale e con le concrete aspettative dei giovani, rendendo così possibile un impostazione modulare e flessibile degli studi e la necessità di offrire spazi di integrazione e di comunicazione in grado di rispondere in modo efficace alle domande di accesso all apprendimento permanente e/o al modo di lavorare; considerando oltretutto la 2

3 nuova riforma della formazione professionale, che prevede percorsi alternativi di studio e lavoro. - accogliere i nuovi orientamenti circa le funzioni e i compiti in materia di politiche attive del lavoro, quali ad esempio la programmazione ed il coordinamento di iniziative volte ad incrementare l occupazione e ad incentivare l incontro tra domanda ed offerta di lavoro con un concreto sforzo di animazione del mercato del lavoro ed una continua lettura dei fabbisogni. GIOVANINCENTRO si integra con altre iniziative presenti sul territorio del Comune di Andria, a cominciare dallo sportello Informagiovani, presente dal 1999 e che annualmente conta oltre utenti che sono alla ricerca delle più svariate informazioni, dalla ricerca del lavoro, corsi di formazione al tempo libero. Dall analisi del punto d forza e di debolezza dei servizi già offerti dall Informagiovani, si sono individuati alcuni fattori di evoluzione nella convinzione che attraverso un centro polifunzionale si possa avviare una seconda fase dell offerta al cittadino di servizi sempre più efficaci e rispondenti alle sue esigenze. Completando la gamma di servizi, non più limitati all offerta di lavoro, informazioni su scuola e formazione, orientamento, ma anche dare la possibilità ai giovani di impiegare il proprio tempo libero facendo altro, con strutture pubbliche (teatro, musica, pittura, informatica, ecc.). Ciò significa, sviluppare aree specialistiche (pari opportunità, immigrazione, handicap, musica, pittura, recitazione, ecc.) in grado di soddisfare specifici bisogni. 2. L analisi di contesto Il Laboratorio Bollenti Spiriti GIOVANINCENTRO si rivolge al popolo giovanile che va dai 18 ai 35 anni che nel nostro paese attualmente ammontano a circa suddivisi in maschi e femmine su una popolazione totale di circa Le recenti indagini condotte dagli osservatori sulle politiche giovanili istituiti presso le diverse regioni italiane rilevano la tendenza da parte dei giovani allo svolgimento di attività culturali di tipo individuale, realizzate mediante l uso di new media e delle nuove tecnologie dell informazione, che hanno subito negli ultimi tre-quattro anni una crescita esponenziale e tuttora risultano in continua espansione. I new media quindi soprattutto nella forma di comunicazione mediata dai computer (Internet in primo luogo) risultano non solo essere una delle componenti più persuasive e distintive dei consumi culturali giovanili, ma presentano modalità di diffusione nel tessuto sociale giovanile, che appaiono 3

4 diversamente influenzate dalle tradizionali variabili socio-demo-culturale (ad esempio il background culturale della famiglia). Tale situazione è accentuata nelle realtà territoriali in cui è carente l offerta di strutture, luoghi e attività culturali dedicate ai target giovanile. Le stesse indagini sottolineano che i ragazzi valutano positivamente l opportunità di frequentare Centri Polifunzionali, in cui è possibile partecipare ad attività di gruppo, ma anche usufruire individualmente di una serie di servizi. In questo si manifesta la loro autonomia, ossia nella possibilità di scegliere le modalità di partecipazione alle attività dello Spazio Giovanile comune, nella consapevolezza che entrambe le modalità sono sempre disponibili. Da numerose indagini sulla realtà del mondo giovanile hanno fatto emergere una realtà del mondo giovanile molto complessa, molto diversificata e soggetta a continui mutamenti (abitudini, cultura, linguaggi e bisogni) così sinteticamente riassumibili: 1. Analisi Sociale (le percezioni dei giovani rispetto ai loro bisogni o qualità della vita) o scarsa criticità del mondo giovanile rispetto ai comportamenti a rischio o il divertimento è vissuto e percepito come stravolgimento del quotidiano o cambiano i linguaggi comunicativi e relazionali: dalla parola al corporeo, dalla articolazione (complessità) alla semplificazione (semplicità) ; o individualismo, indifferenza, bisogno di individuazione ed assenza di collettività, o (per le loro famiglie) necessità di ristabilire le relazioni; o (per le loro famiglie) esigenza di riservatezza nella soluzione dei problemi; o (per le loro famiglie) ricerca di protagonismo e di integrazione socio lavorativa; 2. Analisi Epidemiologica (le principali problematiche della popolazione giovanile) o aumenta sempre più negli adolescenti di entrambi i sessi il consumo delle cosiddette nuove droghe che assumono connotati e valenze molto differenti rispetto al passato; o aumenta sempre più l uso e l abuso generalizzato di alcool e di sostanze considerate come non droghe : tabacco, sostanze psicotrope, doping; o aumenta la tendenza al gioco d azzardo (videopoker) e al suicidio; o aumenta l incidenza dei disturbi alimentari (anche allergici); o aumenta il disagio scolastico e il disagio sociale in genere; 3. Analisi Comportamento e Socio Ambientale (analisi interpretazione delle caratteristiche della popolazione giovanile) a. Comportamenti e stili di vita o uso vissuto della sostanza come normalità e non come trasgressione; 4

5 o difficoltà di comunicazione con i coetanei; o senso dell immediatezza (assenza di memoria storica); o atteggiamento di deresponsabilizzazione e assenza di giudizio valoriale; o spersonalizzazione e tendenza all omologazione rispetto ai modelli proposti (corpo, sport, musica, successo, ); o ricerca del guadagno facile; b. Ambiente/ contesto o preponderanza di valori materialistici ed esteriori 8meta valori); o l ambiente scuola è percepito come luogo di dovere anonimo e di coinvolgimento ansioso (in senso istruttivo e non educativo); o rifiuto di sistema educativo, vissuto e percepito come non importante; o assenza e delega genitoriale (della famiglia ai servizi); o aumenta l esigenza di controllo sociale nella comunità (gruppo dei pari, scuola, ) 4. Analisi Educativa ed Organizzativa (quali fattori causano e contribuiscono a mantenere determinati problemi) a. Fattori Predisponesti (che inducono al comportamento) o contesto socio culturale che accetta le sostanze (anche da parte di chi non ne fa uso), che le considera equivalenti a beni di consumo e che sostiene il consumo di tutto (l aiuto farmacologico, l alcool, ecc..); o disistima personale e ricerca di una identità e dello star bene; o difficoltà a riconoscere i valori e bisogni di appartenenza /accettazione; o vulnerabilità psichiatria e fattori biologici predisponesti; o assenza della percezione e/o sottovalutazione del rischio; o conoscenza superficiale, grossolana e confusa circa le sostanze e poca consapevolezza dei danni causati dalle stesse legata alla mancanza di informazioni coerenti, chiare e scientifiche sull uso delle nuove sostanze psicoattive; o famiglie in affanno (ansia e delega) e, relazionalmente disfunzionale; b. Fattori Rinforzati (che seguono al comportamento) o etichettamento /stigmatizzazione da parte delle istituzioni; o accettazione e riconoscimento sociale; o influenza del gruppo di appartenenza (rinforzo positivo e negativo); o facile guadagno economico possibilità di lavoro; 5

6 o gusto della sfida nei confronti degli adulti; o quantità modica (rinforzo positivo e negativo); c. Fattori Facilitanti (che facilitano il comportamento) o confronto con i coetanei; o disponibilità di risorse economiche; o basso costo di alcool e tabacco; o virtualizzazione dei rapporti; o velocizzazione delle comunicazioni; o pubblicità; o latitanza, poco coinvolgimento e carenza di testimonialità del mondo adulto (anche nella scuola); 5. Analisi Amministrativa e Politica (organizzazione e gestione delle politiche della salute) o scarsa cultura dell integrazione e del Piano territoriale con la conseguente difficoltà ad integrare tutti gli attori e tutte le risorse a disposizione; o attivazione/predilezione di servizi non sempre conseguente ad una attenta analisi dei bisogni; o difficoltà delle amministrazioni di adattamento flessibilità; o bisogno di autoperpetuarsi; o poca cultura del denaro comune; o modello di pronto soccorso assistenzialistico e di accettazione della delega; o incertezza della disponibilità pianificazione delle risorse che incidono sulla continuità delle azioni realizzate; o bisogno di controllo e contenimento attraverso la politica della modica quantità; GIOVNINCENTRO si integra con altre iniziative presenti sul territorio del Comune di Andria, a cominciare dallo sportello Informagiovani, presente dal 1999 e che annualmente conta oltre utenti che sono alla ricerca delle più svariate informazioni, dalla ricerca del lavoro, corsi di formazione al tempo libero. Nell anno 2007 presso l ufficio informagiovani sono stati somministrati dei questionari sui servizi offerti e su quello che vorrebbero che venisse offerto da questa indagini sono venuti fuori i seguenti risultati: numero questionari somministrati: 3600 Uomini 2.170; donne: 1430 Età: sotto i 18 anni il 15% fra i 18 e i 35 anni il 76% dai 36 anni in su il 9% 6

7 Stato attuale: occupati il 13% disoccupati il 41% studenti il 46% Servizi utilizzati c/o l Informagiovani: - Rilascio Curriculum Vitae e consultazione riviste: 47% - Consultazione Internet e Utilizzo Posta Elettronica: 33% - Consultazione riviste con offerte di lavoro: 20% Consultazione Bacheche per: - Offerte di Lavoro: 47% - Corsi di Formazione: 11% - Concorsi: 26% - Master post-laurea: 7% - Vacanze studio: 9% Suggerimenti per i nuovi servizi e per migliorare quelli attuali: - più tempo per la navigazione Internet: 15% - Nuovi computer e aumento delle postazioni Internet: 30% - Spazi separati uno per la lettera e uno la navigazione discreta uno per l orientamento e l aiuto alla ricerca del lavoro: 25% - Iniziatiative per il week-end Forum, dibattiti, convegni e seminari sul lavoro come avviene al nord 10% - Appuntamenti fissi per le informazioni sull imprenditorialità giovanile, contratti etici, Incontri con istituti di credito: 20% Sulla base dei dati di questa ricerca sulla numerosità della banca dati dell Iniziativa CHIAMATA ALLE ARTI si è stimata una domanda di oltre utenti partendo dalla base dell informagiovani. 7

8 3. Il Sistema attività/servizi offerti Il Centro GIOVANINCENTRO del comune di Andria sarà una struttura ricreativo-culturale polivalente che offrirà iniziative varie, la cui finalità principale sarà quella della socializzazione e dell aggregazione giovanile intesi come valori primari da perseguire. Si attribuisce così il massimo dell importanza al valore dello stare insieme fine a se stesso, non quello dello stare insieme per fare qualcosa. Tale impostazione consente di aggregare un cospicuo numero di adolescenti verso i quali possibile attuare interventi più o meno strutturati di animazione, educazione e prevenzione. Il servizio GIOVANINCENTRO, concepito in questo modo, possiede quindi un implicita funzione di prevenzione del disagio giovanile che viene sviluppata a diversi livelli così come illustrato di seguito. Un altra parola chiave del servizio GIOVANINCENTRO è empowerment inteso come azione di valorizzazione delle esigenze dei giovani e promozione diretta da parte loro di iniziative, attività ed eventi, in modo da rispondere immediatamente alle loro aspettative così come loro le percepiscono. Le attività che si svolgeranno nel centro sono suddivisi in quattro gruppi: 1) attività culturali 2) attività sociali 3) attività umanitarie 4) spazi attrezzati ATTIVITA CULTURALI L Unesco definisce la Cultura come un insieme dei distinti aspetti presenti nella società o in gruppo sociale quali quelli spirituali, materiali, intellettuali ed emotivi, e che include sistemi di valori, tradizioni e credenze, insieme all arte, alla letteratura e ai vari modi di vita. CINEFORUM: le tre dimensioni costitutive di ogni attività di cineforum, l intenzione, cioè, di fare del cinema sono: 1. un opportunità educativa; 2. un luogo di socializzazione; 3. una occasione per costruire cultura. Sono queste, in sostanza, le tre grandi metafore (socializzazione, cultura e educazione) che si sono intrecciate e non soltanto nella tradizione delle sale 8

9 cattoliche lungo l intera storia del cineforum in Italia, connotandone, scandendone le epoche proprie in virtù dell emergere di un stanza rispetto alle altre. - la socializzazione, come risposta alla cultura dell individuo e della dispersione sociale; - l educazione, come risposta all esigenza di orientarsi all interno del proliferare dei modelli etici ed antropologico; - la cultura, come risposta all esigenza di dialogo e di incontro con la ricchezza delle proposte che provengono dalle diverse istanze che alimentano il dibattito odierno. Perché un cineforum sia utile è la corretta impostazione, a tal proposito è fondamentale la scheda filmica e la figura dell animatore. La scheda di lettura filmica costituisce: 1) prima della visione del film, un importante elemento di protesto per lo spettatore, il primo orizzonte di precomprensione a partire dal quale egli può avvicinarsi alla proiezione; 2) dopo la visione del film, un valido strumento per l animatore ai fini della conduzione del dibattito, per lo spettatore ai fini del lavoro di riflessione e di confronto critico personali sulla pellicola. Uno schema tipo degli elementi che essa dovrà contenere può prevedere: 1. la scheda tecnica del film (regista, cast, anno di produzione, origine, ecc.); 2. il profilo del regista e la sua filmografia essenziale; 3. una breve sintesi della vicenda; 4. alcuni spunti tematici per la lettura; 5. una rassegna-stampa essenziale. Oltre alla breve presentazione prima della proiezione è compito dell animatore condurre il dibattito sulla visione al termine della stessa. L animatore dovrà porre in risalto e che innescano tre diverse competenze nello spettatore: 1. il nodo linguistico-espressivo. E l asèetto grammaticale e sintattico, che comprende l analisi dei seguenti elementi: la fotografia (illuminazione, contrasto, composizione, uso della pellicola), il colore (naturale, equilibriato, valore simbolico delle dominanti, effetti), i campi ed i piani (tipologie, utilizzo) angolazione ed inclinazione, uso della macchina (presente, nascosta), il montaggio ed il sonoro. La competenza attivata è quella del saper vedere; 2. il nodo narrativo-tematico. E l aspetto contenutistico del film, il suo dire qualcosa raccontando qualcosa. Comprende i rilievi relativi a: struttura narrativa del film (prima e ultima scena, momenti topici, evoluzione), personaggi (caratteristiche, 9

10 rapporti reciproci, funzioni nel racconto), contenuto (temi ricorrenti, problematiche, funzionamento simbolico). La competenza attivata è quella del saper comprendere; 3. il nodo etico-valoriale. E l aspetto ideologico del film, il suo dire qualcosa in un certo modo. Esso implica tre interventi valutativi su: dignità estetica del film (qualità artistica, compiutezza di sviluppo, ecc.), problematiche in gioco (valutazione sul tema e su come il film ha trattato il tema), impatto sul pubblico (impegno morale del regista, ecc.). La competenza attivata è quella del saper valutare. CONCERTI, SPETTACOLI TEATRALI, CABARET: a tal proposito si sottolinea l iniziativa del comune di Andria nell ambito del programma comunale per le politiche giovanili CHIAMTA ALLE ARTI In Chiostro Rassegna di musica dal vivo, che ha come obiettivo rivalutare il Chiostro di San Francesco come centro nevralgico dell espressione musicale artistica e non solo Infatti il Chiostro San Francesi ne ha ospitate tante: seminari, presentazione di libri, rappresentazioni storiche. Questa manifestazione muira a valorizzare tutte le potenzialità artistiche dei giovani andriesi che non abbiano superato i 35 anni di età. Il Chiostro di San Francesco diventa, dunque, un contenitore culturale a tuttotondo pronto ad ospitare il meglio dell espressione artistica locale. Sulla scia di questo evento sarà organizzata l attività del GIOVANINCENTRO infatti due volte a settimana ci si incontrerà per ascoltare della buona musica, dei versi di poesia, ammirare l arte della pittura, godersi uno spettacolo teatrale e altro con l obiettivo di sensibilizzare i giovani ai temi sociali come quelli del bullismo. CICLO DI MOSTRE DI GIOVANI ARTISTI:possibilità di esporre piccole mostre di fotografia, videoarte, installazione); PRESENTAZIONE DI LIBRI DA PARTE DI AUTORI GIOVANI: proprio in questa direzione si è già mosso il Comune di Andria promuovendo l iniziativa Con Altri Occhi- La Città vista dai giovani. Iniziativa che ha lo scopo di far esprimere i giovani e la loro creatività sul tema della città e del territorio attraverso la realizzazione di una pubblicazione che raccoglierà in un unico testo tutti gli scritti proposti. LABORATORI CORSI: i laboratori di GIOVANINCENTRO sono la realizzazione pratica degli stimoli, delle proposte e delle idee che nascono dallo stare insieme. Sono 10

11 iniziative gratuite ed a libera frequentazione che mirano a valorizzare gli interessi che i ragazzi stessi manifestano, consentendo loro di sperimentare nuove esperienze. I laboratori sono attività facoltative che non limitano il libero accesso al servizio; vogliono essere un opportunità in più da cogliere oltre già a disposizione al GIOVANINCENTRO. Laboratori: - Artigianali (lavorazione carta pesta, pittura, altro) - laboratori musicali - laboratori informatici Questi laboratori nascono per creare un angolo dove poter esprimere la propria creatività e fantasia, dove poter entrare in contatto col proprio sé, e permettere di credere ancora che un rapporto autentico con le proprie emozioni e la propria fantasia aiuti a crescere più liberi ed autonomi. E un laboratorio dove si sperimenta e si vive l arte. Attraverso la sperimentazione di diversi materiali, tecniche e modalità di espressione e attraverso il gioco, inteso come metodo che permette di imparare divertendosi, si raggiunge un rapporto autentico con le proprie emozioni, la libertà dagli schemi, un senso della vita più intenso e il piacere di esprimersi e di dare creativamente. I laboratori artistici vogliono ridonare la gioia di fare e creare con le proprie mani, l emozione di fronte alle vibrazioni dei colori. Il colore è essere spirituale, oggettivo ci ricorda Kandinsky, in Lo spirituale nell arte. Attraverso l incontro con il colore si può sperimentare un contatto profondo con la propria identità e il proprio talento. I laboratori artistici principali che si attiveranno sono: laboratorio di cartapesta: il corso si prefisse di realizzare oggetti di varie tipologie e dimensioni in cartapesta attraverso un percorso didattico che si snoda dall uso dell argilla agli stampi in gesso, dalle colle alla lavorazione della carta sino all uso della tempera e dei colori acrilici come decorazione pittorica finale. Gli oggetti presi in considerazione vanno dalle piccole dimensioni per oggetto d arredo o libere creazioni, sino alle scenografie teatrali, maschere e carri allegorici di grandi dimensioni seguendo così una forte e radicata tradizione del territorio. Corso di disegno e figura: dedica particolare riguarda all uso dello sfumato e dei volumi con grafite, sanguigna e carboncino; cenni di prospettiva (aerea e geometrica), studio delle proporzioni nella figura umana e del ritratto, cenni di anatomia; uso dello spazio pittorico e del paesaggio attraverso il confronto con i maestri del passato sino alla contemporaneità. Si tratteranno a richiesta, inoltre, le tecniche della china a tratteggio e pennello e i primi passi nell acquerello e nella tempera su carta o tavola (guoache e all uovo). 11

12 Obiettivi sono la padronanza delle tecniche artistiche e l avvio alla comprensione eventuale della poetica di ciascun allievo. Corso di pittura e decorazione. Il corso prevede l insegnamento della tecnica di pittura ad olio e dei colori ad acqua in genere come tempere (gouache, uovo, caseina, ecc.), e gli acrilici. In linea con la sapienza tecnica dei maestri del passato si studieranno gli oli su tela e tavola, le imprimiture con vari tipi di gesso e colle (a caldo e a freddo), l intelaiatura e l uso più consono dei pigmenti a seconda delle loro caratteristiche. Si affronteranno inoltre la pittura murale, l affresco e le tecniche miste in genere. Studio delle decorazioni d interni, finti marmi, finti pareti, ecc. sono tecniche cui verrà dedicata particolare attenzione come pure lo studio attento delle materie prime della pittura in genere e delle maniere per preservarle nel tempo. Corso di scultura. Il corso di scultura alla luce degli attuali indirizzi dell arte contemporanea, affronta tutto ciò che scaturisce da una creatività manuale e meccanica, che abbia valore tridimensionale nello spazio. Il corso si prefigge di affrontare le vaste possibilità di impiego delle tecniche di base della scultura tradizionale applicate allo studio della figura umana, natura morta, oggetti volumetrici in genere; studio di motivo d ornato come esercizi propedeutici o decorazione tradizionali a basso, alto e altissimo rilievo sino al tutto tondo, quale essenza fondamentale di tale disciplina. Nelle prime fasi si useranno materiali plasmabili come le argille, le scagliole e le cere fino ai materiali sintetici, il legno, le pietre e i metalli. Dallo studio della figurazione classica si proseguirà attraverso le attitudini personali dei singoli allievi per sviluppare poetiche autonomie. Si affronteranno inoltre le tecniche di produzione di stampi e positivi in gesso siliconiche. Laboratori musicali: Attraverso attività laboratoriali si vuole dare particolare rilievo e alla didattica dell ascolto musicale nell educazione linguistica, scientifica e storico filosofica e alla valenza formativa della pratica musicale nell educazione del cittadino. Nato per corrispondere ad una cultura musicale già diffusa e curata nel nostro territorio, il Laboratorio Musicale intende favorire e sviluppare attitudini, potenzialità ed inclinazioni musicali dei fruitori, creare un centro di raccolta per esperienze musicali eterogenee ed essere un punto di riferimento per fare, ascoltare, creare musica, per gli, amanti della musica. Laboratori informatici: Risulta determinante, per una incisiva presenza nel mercato del lavoro, una adeguata preparazione, che consenta autonomia nella soluzione di problemi di automazione di contenuta complessità informatica quali redazione di documenti, calcolo, archiviazione dati, statistica, amministrazione, ottenuta con corsi formativi all'utilizzo dei relativi programmi a 12

13 misura, pratici, flessibili, orientati all'obiettivo perseguito, qualificati dal punto di vista della didattica, della documentazione, della strumentazione. Esempi di corsi di informatica che si attiveranno sono: - corso di informatica di base; - corso di informatica avanzato; - corso web master; - corso di videomontaggio; - corso linguaggio html; - disegno web; - composizione musicale con il computer; ATTIVITA SOCIALI Punto di ascolto GIOVANINCENTRO rappresentando un centro di aggregazione giovanile presenti sul territorio possano essere una risorsa importante per costruire relazioni significative con gli adolescenti, pur senza avere una vocazione dichiaratamente educativa e che facciano parte di un percorso di affiancamento all adolescente nello sviluppo della propria personalità. Per sostenere questo approccio alla relazione si potrà realizzare un percorso di formazione comune e permanente degli operatori e dei coordinatori del centro giovanile, i quali dovranno essere orientati all adozione di un approccio preventivo basato sulla promozione e sulla disponibilità ad accogliere i bisogni. L idea è quella di creare un momento di raccordo importante tra chi si occupa dei giovani nella loro normalità, nella loro dimensione grippale e individuale nel tempo libero e chi deve intervenire qualora si manifestino problemi di carattere psichico o psicologico, spesso intrinseci nella normalità della crescita in adolescenza. Il progetto si articolerà su tre percorsi: potenziare le capacità relazionali degli operatori del centro; favorire la possibilità di incontro informale tra lo psicologo Centro e i ragazzi che frequentano il centro giovane offrire uno spazio di consulenza per ragazzi dai 14 ai 24 anni, operatori, genitori e insegnanti. Corsi di prevenzione corsi di formazione per la prevenzione al disagio adolescenziale; ricerca-intervento finalizzato alla prevenzione dell A.I.D.S. nei gruppi giovanili 13

14 progetti di prevenzione droghe leggere progetti di prevenzione disturbi dell alimentazione. LE ATTIVITA UMANITARIE GIOVANINCENTRO potrebbe essere anche un importante elemento di raccordo in materia di politiche giovanili tra l Amministrazione Comunale e il mondo giovanile, in particolare: confrontarsi sulle tematiche e problematiche giovanili; informare, produrre, divulgare esperienze, progetti, attività sia interne ai gruppi presenti che provenienti da altri ambiti; monitorare e raccogliere progetti e normative sulle politiche giovanili; diventare un ambito di riferimento per le istituzioni; organizzare iniziative comuni di aggregazione, discussione, informazione organizzare incontri aperti a tutti di discussione su tematiche d interesse generale (leggi sulle politiche giovanili, carta di partecipazione dei giovani, etc ) produrre pubblicazione sulle storie delle varie associazioni e sui racconti dei singoli progetti. Creare fogli informativi o riviste periodiche quale strumento per diffondere le notizie e le idee da divulgare al territorio, nonché per stimolare il dibattito nel territorio sulle politiche in favore dei giovani; Creare un sito web che possa svolgere le stesse funzioni informative e che permette l interattività con i giovani e gli adulti attraverso gli strumenti tipici della rete internet (FORUM, liste di discussione, chat line, posta elettronica, ); promuovere incontri periodici itinerari Centro allo scopo di conoscere (anche visivamente) lo stato dei diversi progetti e dedicare ogni volta uno spazio di discussione sulle problematiche inerenti i progetti ed i luoghi visitati; collaborare alla creazione di un centro di documentazione in cui vengono raccolti tutte le normative locali, regionali, nazionali, europee e che raccolga tutti i progetti dell Amministrazione Comunale nel campo degli interventi per giovani. avviare uno studio e una serie di incontri con forme innovative di rappresentanza dei giovani sperimentate in realtà locali, regionali, nazionali, europee (Forum dei Giovani, Carta Giovani, ett ) per ragionare su una proposta da fare nel nostro territorio! avviare una serie di incontri con gli assessorati, le circoscrizioni, l ASL, in cui confrontarsi e discutere sui progetti e sulle attività in favore dei giovani. GLI SPAZI ATTREZZATI Un caffè letterario o internet caffè 14

15 Costituisce il cuore di GIOVANINCENTRO essendo destinata alla libera frequentazione ed alla socializzazione di singoli giovani, di gruppi informali e di gruppi associativi. Al suo interno sono presenti: Punto giochi, con tavoli e sedie, fornito di giochi di società e individuali. Emeroteca/fumetti in cui consultare riviste e fumetti. Postazioni internet per navigare in rete e utilizzare cd-rom punto video dotato di televisione e videoregistratore punto ascolto musica dotato di attrezzature stereo per l ascolto di cd. Sala Conferenze (incontri e Spettacoli): sono destinate esclusivamente ad attività aperte rivolte a giovani ed adolescenti che possono essere laboratori ludico ricreativi culturali, incontri, conferenze, videoproiezione. I laboratori Arti figurative Linguistico informatico Laboratorio informatico laboratorio produzioni musicali Sala prove/incisione per gruppi musicali: Una sala fornita di attrezzature per effettuare sessioni di prove e registrazioni musicali I servizi La partecipazione alle attività su indicate sarà completamente gratuita, ad eccezione dei seguenti servizi: a) Concessione di spazi per riunioni, stage, proiezioni, mostre, feste e altre occasioni ad Associazioni o gruppo di interesse per favorire la socializzazione e l aggregazione giovanile previo pagamento di canone affitto; b) Sala registrazione musicale (circa 20 euro per ogni prova); c) Utilizzo di postazioni informatiche (Internet) (gratis, a pagamento solo floppy disc o cd). 15

16 4) Il piano di animazione territoriale a) Obiettivi: b) Modalità e strumenti di animazione territoriale c) Principali elementi di visibilità d) Soggetti attuatori e) Destinatari delle azioni di animazione f) Calendario di realizzazione Obiettivi: avvicinare il cittadino alle istituzioni offrendogli servizi e informazioni adeguati; ricomporre il tessuto sociale di territori difficili attraverso varie iniziative; attivare un processo di sensibilizzazione e comunicazione costante e continuo; ridurre la perificità del territorio costruendo reti che diminuiscano la distanza tra cittadino e istituzioni; far conoscere le opportunità offerte dalle istituzioni. E possibile individuare un azione di comunicazione integrata al centro polifunzionale, ed un azione di sostegno da concordare con il Comune di Andria. Il progetto precede l attivazione di alcuni strumenti che il coordinamento utilizzerà per garantire un costante coinvolgimento di imprese, giovani e cittadini. Gli strumenti individuati sono: conferenza stampa di presentazione del servizio con il coinvolgimento dei media locali e di tutti gli organi di stampa. Conferenza presieduta dal Sindaco, Assessore ai Lavori pubblici, Assessore alle Politiche giovanili e il coordinatore del centro. Inaugurazione del centro con l intervento di esponenti politici locali e regionali; Diffusione di comunicati stampa, a supporto della realizzazione dei vari laboratori attivati nel centro; Implementare il sito ufficiale del Comune di Andria con una sezione aggiornata dedicata a GIOVANIINCENTRO; New letters e/o mailinglist mirate alle imprese e ai giovani per informare sulle attività di Giovanincentro; Volantini e broucheres di presentazione del centro da distribuire nei luoghi maggiormente frequentati dai giovani (parrocchie, bar, piazze, palestre, ecc.) 16

17 Inoltre l attività di comunicazione potrà arricchirsi di ulteriori mezzi di comunicazione, come opuscoli, manifesti, ecc. previa autorizzazione del comune di Andria. ATTIVITA DESCRIZIONE SOGGETTI DESTINATARI Conferenza stampa Far partecipare il maggior numero di Giovani; Associazioni, giornalisti delle testate locali e Cooperative, imprese regionali. E necessario individuare all interno di ciascuna testa che si occupano della cronaca locale e cercare di stabilire con loro un rapporto continuativo fin dall inizio dell attività:sarà più facile, ricontattarli per metterli al corrente delle iniziative proposte. Inaugurazione Comunicati stampa Sito Internet E opportuno invitare il maggior numero di persone, soprattutto giornalisti che possano riportare l evento sui giornali. Si potrebbe far pubblicare sui giornali locali, una foto pubblicitaria che ritragga lo staff, la data e l ora dell evento di inaugurazione. E necessario individuare all interno di ciascuna testa che si occupano della cronaca locale e cercare di stabilire con loro un rapporto continuativo fin dall inizio dell attività:sarà più facile, ricontattarli per metterli al corrente delle iniziative proposte. Se all inaugurazione, l iniziativa viene presentata con una buona immagine, con la distribuzione, per esempio di consumazioni o aperitivi gratuiti, di simpatici gadgets, si potrà contare sulla pubblicità che potranno fare tutti gli intervenuti alla festa. E necessario individuare all interno di ciascuna testa che si occupano della cronaca locale e cercare di stabilire con loro un rapporto continuativo fin dall inizio dell attività:sarà più facile, ricontattarli per metterli al corrente delle iniziative proposte. Implementare il sito ufficiale del Comune di Andria con una sezione aggiornata dedicata a GIOVANIINCENTRO; Aggiornare periodicamente questa Giovani; Associazioni, Cooperative, imprese Giovani; Associazioni, Cooperative, imprese Cittadini 17

18 sezione con il calendario degli eventi. News letters e/o mailing list Invitare gli iscritti alla mailing list informazione relative alle attività che si terranno presso il centro Volantini e broucheres Il volantinaggio è efficace presso scuole superiori, università, centri commerciali, cinema, teatri, discoteche, palestre, centri sportivi e centri di abbronzatura, parrocchie, ovvero i luoghi maggiormente frequentati dai giovani, che costruiscono il target principale di questo tipo di attività. Giovani Giovani; Associazioni, Cooperative, imprese 18

19 Calendario di realizzazione ATTIVITA GEN. FEB. MAR. APR. MAG. GIU. LUG. AGO. SET. OTT. NOV. DIC. Conferenza stampa Inaugurazione Comunicati stampa Sito Internet News letters e/o mailing list Volantini e broucheres 19

20 5) Il modello organizzativo L efficacia del servizio offerto al pubblico risiede in un adeguata progettazione della struttura complessiva di ricerca documentazione comunicazione e in particolare nell individuazione di supporti informativi e di modalità di erogazione adeguati sia alle caratteristiche specifiche del servizio polifunzionale integrato che ai differenti target di riferimento. Il modello organizzativo prescelto si basa su alcuni concetti fondamentali: 1. team di conduzione del progetto che garantisca: la definizione degli obiettivi e la pianificazione di dettaglio delle attività funzionali al loro raggiungimento; il monitoraggio periodico dei risultati con l eventuale ridefinizione in itinere delle strategie; l ottimizzazione della gestione delle risorse umane ed economiche; la definizione delle strategie di comunicazione dell intervento. 2. applicazione dei principi di qualità che prevedono: organizzazione del lavoro tramite l adozione di Piani di lavoro per progetto settoriali e/o individuali; adozione di procedure e strumenti standardizzati e condivisi per la razionalizzazione dei flussi informativi e di lavoro; controllo di qualità effettuato sul livello di soddisfazione del cliente; monitoraggio e verifica dell attuazione dei piani di lavoro e del rispetto degli standard. 3. Orientamento al cliente come fattore di successo. E necessario la distinzione tra: 1. produzione del servizio attraverso l attività di ricerca, documentazione, strumenti informativi, organizzazione: ATTIVITA DI BACK OFFICE; 2. comunicazione al pubblico attraverso il FRONT OFFICE, ma anche la promozione dello stesso all esterno. La gestione di GIOVANINCENTRO (centro polifunzionale per i giovani è unificata sia per quanto attiene l organizzazione dell attività amministrativa e manutentiva del progetto che per la gestione degli aspetti più propriamente sociali e formativi. GIOVANINCENTRO da realizzare presso il complesso edilizio sito in Via S. Angelo dei Meli 8OFFICINA VECCHIA A SAN DOMENICO) costituisce una struttura che per specificità dei profili e competenze ritenute necessari nonché per la flessibilità organizzativa, richiede la soluzione 20

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli