Diversi da chi? Riflessioni psicologiche e sociali sulle omosessualità e le identità di genere. Bologna, 23 Giugno 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diversi da chi? Riflessioni psicologiche e sociali sulle omosessualità e le identità di genere. Bologna, 23 Giugno 2012"

Transcript

1 Diversi da chi? Riflessioni psicologiche e sociali sulle omosessualità e le identità di genere Bologna, 23 Giugno 2012 Orientamento Sessuale e Identità di genere in una prospettiva evolutiva. L esperienza del servizio 6 come sei ROBERTO BAIOCCO, Phd Responsabile del Servizio 6 come sei Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione

2 Concetti CHIAVE Omofobia, Omonegatività, Stigma Sessuale Minority Stress Model Minority Stress, coming out e benessere Coming out come compito di sviluppo in adolescenza: aspetti individuali e familiari Coming Out: dati di ricerca Esperienze cliniche: il Servizio 6 come sei Diversi da chi? Pagina 2

3 IL SERVIZIO DI CONSULENZA E SOSTEGNO PSICOLOGICO Diversi da chi? Pagina 3

4 Facoltà di Medicina e Psicologia Diversi da chi? Pagina 4

5 Servizio 6 come sei Diversi da chi? 21/06/12 Pagina 5

6 Servizio 6 come sei Progetto IKEA Diversi da chi? 21/06/12 Pagina 6

7

8 Titolo Presentazione 21/06/12

9 Il SERVIZIO 6 come sei ATTIVITA Il Centro 6 come sei, offre uno spazio di consulenza e supporto psicologico rivolto ad adolescenti, giovani adulti, coppie e famiglie in riferimento a problematiche inerenti l orientamento sessuale e/o l identità di genere. INTERVENTI INDIVIDUALI Il Servizio 6 come sei è rivolto in particolare ad adolescenti e giovani adulti, per aiutare ad affrontare temi quali l identità, lo svelamento, la costruzione di una vita sentimentale e relazionale soddisfacente in un contesto protetto e non giudicante.

10 SELF-DISCLOSURE in adolescenza come compito di sviluppo specifico legato all appartenere ad un gruppo minoritario

11 SELF-DISCLOSURE come fattore di stress legato all appartenere ad un gruppo minoritario L identità eterosessuale è data per scontato e normalmente nessuno ha il bisogno di riaffermare, se non quando viene messa in discussione, la propria identità. Giovani gay e lesbiche, invece, devono dire invece a se stessi e agli altri di essere gay, lesbiche e bisessuali. Devono trovare una collocazione nello spazio sociale, integrare bisogni, esperienze e idee in una definizione di sé (Barbagli e Colombo, 2001). Se la SF diventa un vero e proprio compito di sviluppo specifico per gli adolescenti omosessuali.

12 Compiti di Sviluppo in Adolescenza I modelli interazionisti e sistemici descrivono un giovane che agisce attivamente nella costruzione di sé e del proprio rapporto con il mondo per soddisfare i compiti di sviluppo che deve affrontare in ogni fase della vita. I compiti di sviluppo: alcuni sono pressoché simili in ogni cultura; possono cambiare in relazione alle trasformazioni sociali; altri sono peculiari di un determinato contesto; altri ancora derivano dall appartenenza a specifici gruppi minoritari. Pagina 12

13 Compiti di Sviluppo in Adolescenza Tre sono i compiti di sviluppo principali in adolescenza: ampliamento degli interessi con acquisizione del pensiero ipotetico-deduttivo; gestione della pubertà e della maturazione sessuale; acquisizione di una nuova identità con la riorganizzazione del sé. Un adolescente, gay, lesbica e bisessuale ha un compito di sviluppo ulteriore da dover affrontare legato alla sua identità e allo svelamento del suo orientamento sessuale a se stesso e agli altri?? Pagina 13

14 Compiti di Sviluppo in Adolescenza Il momento della self-disclosure o svelamento, o coming out, rappresenta per molti giovani gay e lesbiche un crocevia esistenziale (Pietrantoni, 1999) che sancisce un prima e un dopo per diventare, in seguito, un processo decisionale che viene attivato tutte le volte che la situazione interpersonale lo richiede (Chiari, 2006). Anche molti genitori ricordano il momento in cui hanno parlato con il proprio figlio del suo orientamento sessuale come un momento fondamentale una frattura, una rinascita come genitori Pagina 14

15 Coming out come compito di sviluppo Gli assunti teorici su cui si basa questa presentazione sono, in un ottica evolutivistica e sistemica, che il COMING OUT: E un COMPITO DI SVILUPPO aggiuntivo per l adolescente GLB. E un PROCESSO SISTEMICO che coinvolge sempre la famiglia: una IMPRESA EVOLUTIVA CONGIUNTA Ha degli esiti incerti, non definibili a priori, ma mediati da risorse preesistenti o meno all interno della famiglia. E un processo che porta con se generalmente numerosi benefici per il giovane GLB e per la famiglia. NON dare per scontato gli effetti positivi della disclosure, dal momento che la possibilità di essere marginalizzati, tanto più se in un contesto stigmatizzante, è piuttosto realistica. Diversi da chi? Pagina 15

16 Coming out 1) E una componente integrale della vita sociale Anche conversazioni con persone che si conoscono poco implicano elementi di auto-svelamento sono sposato oppure ho dei bambini ecc. Livelli adeguati di self-disclosure predico un buon adattamento sociale e una rete amicale soddisfacente 2) E progressiva e in relazione al livello d intimità... Promuove la conoscenza di sé Permette di differenziarsi Permette di comunicare aspetti socialmente non desiderabili o legati alla propria vulnerabilità È associata a emozioni e sentimenti importanti Pagina 16

17 Coming out... 3) E una PROCESSO RECIPROCO La mancanza di reciprocità nella relazione impedisce il consolidamento di una relazione duratura e significativa e normalmente predice la dissoluzione dell amicizia e del rapporto 4) Ha un COSTO EMOTIVO e COGNITIVO rilevante controllare la qualità/quantità delle informazioni che si possono dare in una conversazione > per le minoranze stigmatizzate > per quelle la cui natura può essere nascosta. Pagina 17

18 Coming out... Comunicare aspetti personali di sé per un ragazzo gay e lesbica implica un > livello d intimità. Il rapporto è ASIMMETRICO Il proprio orientamento sessuale può diventare per le persone eterosessuali fondante la altrui IDENTITA L identità omosessuale spesso viene descritta in termini di comportamento sessuale e si possono attivare pregiudizi e stereotipi sul comportamento e la vita della persona Diversi da chi? Pagina 18

19 Coming out come compito di sviluppo La letteratura sulle minoranze sessuali si è ampiamente focalizzata sugli esisti di sviluppo negativi e sui problemi in ambito sociale e relazionale (Bonet et al. 2007; Riggle et al. 2008; Savin-Williams 2001). Poco studiata è invece la letteratura, le prospettive teoriche, gli strumenti di misura, e i dati empirici che invece si sono occupati di indagare le esperienze psicologiche positive come l esperienza del Coming Out Growth o la Stress-related Growth (Seligman 2002). Diversi da chi? Pagina 19

20 Coming out Growth Il modello del Coming Out Growth (COG; Vaughan e Waehler, 2010) è il modello teorico maggiormente utilizzato in letteratura per comprendere il processo del coming out. Lo svelamento del proprio orientamento sessuale potrebbe portare a benefici in 5 ambiti principali: onestà/autenticità identità personale/sociale salute mentale/resilienza si incrina la separazione netta tra identità privata e identità pubblica sociale/relazionale supporto sociale percepito sostegno/generatività come si concepiscono le altre persone LGB e quanto ci si impegna per combattere i pregiudizi a livello individuale, sociale e politico. Diversi da chi? Pagina 20

21 Modelli teorici di spiegazione del Coming out Il modello stadiale più famoso di spiegazione del processo di coming out, in una prospettiva centrata sulla persona, è quello elaborato da Cass (1979): Diversi da chi? 22/06/12 Pagina 21

22 Modello stadiale di CASS: I. PRE-COMING OUT/ CONFUSIONE DELL IDENTITA Scarsa consapevolezza dei propri sentimenti, emozioni Vaga consapevolezza delle differenze con ragazz* non-gay Incapacità a cogliere il motivo di queste differenze Gli altri si sono accorti prima di me gli altri hanno le parole per dire che sono gay/lesbica II. COMING OUT/ CONFRONTO dell IDENTITA Maggiore consapevolezza dei propri sentimenti, emozioni Si colgono i significati delle differenze con ragazz* non-gay Inizia il coming out con se stessi Si inizia a parlare agli altri, ad esempio con i propri amici. Conflitto tra l appartenenza/identità eterosessuale e l identità GLB che sta emergendo. Pagina 22

23 Modello stadiale di CASS: III. ESPLORAZIONE/ TOLLERANZA dell IDENTITA IV. ACCETTAZIONE dell IDENTITA Maggiore capacità di stabilire relazioni Si impara a gestire relazioni con persone dello stesso sesso Maggiore conforto con la comunità LGBT Si comprende quando passare per eterosessuale e quando no. Si sviluppa la famiglia per scelta, si scelgono e persone con valori simili ai propri. V. ORGOGLIO della propria IDENTITA Sperimentazione sociale e sessuale seconda adolescenza Si cercano contesti supportivi/comunità Affermazioni del tipo: Io sono probabilmente gay Si imparano nuove parole per descrivere la propria identità Si gestisce meglio a CHI, QUANDO e COME fare coming out. Si attribuisce valore alla propria identità LGB Si conosce la cultura LGB Si comprendono le insidie connesse all essere In e OUT dalla comunità LGB Pagina 23

24 Il SERVIZIO 6 come sei INTERVENTI FAMILIARI E A SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA Genitori di giovani GLBT Tra le sfide alla genitorialità più difficili c è quella relativa alla scoperta e alla accettazione dell omosessualità, o di identità di genere non conforme alle aspettative socioculturali, del proprio figlio. Il Centro offre interventi brevi con i genitori a sostegno della genitorialità e delle competenze parentali.

25 Modelli Familiari di Adattamento al coming out Morales (1990) e La Sala (2010) propongono il seguente modello: STADIO I. CONSAPEVOLEZZA SUBLIMINALE STADIO V. INTEGRAZIONE STADIO II. PRE-COMIN OUT STADIO IV. ADATTAMENTO FAMILIARE STADIO III. IMPATTO / SCOPERTA Pagina 25

26 Modelli Familiari di Adattamento al coming out Morales (1990) e La Sala (2010) propongono il seguente modello: STADIO I. CONSAPEVOLEZZA SUBLIMINALE Il ragazzo sente di essere diverso: vergogna, isolamento, vittimizzazione da parte dei pari Gli altri ragazzi lo sapevano prima di me Il ragazzo cambia argomento quando si parla di specifici argomenti I genitori sono confusi sul loro ragazz* La famiglia può sospettare un orientamento non-eterosessuale a causa di comportamenti specifici, amici dello stesso sesso, nessun fidanzamento; Modo di vestire, atteggiamenti, uso del linguaggio, ecc. Pagina 26

27 Modelli Familiari di Adattamento al coming out STADIO II. PRE - Coming OUT Aumenta lo stress e la tensione Timidezza, isolamento, depressione oppure comportamenti esternalizzanti, a volte uso/abuso di sostanze. Il ragazzo decide se fare oppure no coming out IMPLICAZIONI CLINICHE: sostenere e prendersi carico della domanda più o meno esplicita del ragazzo: fare coming out oppure no? I genitori in questa fase possono essere preoccupati per il figli* IMPLICAZIONI CLINICHE: la famiglia potrebbe venire in terapia, o richiedere una terapia individuale del ragazzo perché preoccupata della sua salute, perché non capisce cosa sta accadendo... Pagina 27

28 Modelli Familiari di Adattamento al coming out STADIO III. IMPATTO (Morales, 1990) oppure SCOPERTA (LaSala, 2000) Il ragazzo fa coming out E lui a farlo Sono i genitori a chiedere al figlio Nel ragazzo, l elaborazione della reazione genitoriale Sollievo Se puoi dirlo a tua madre puoi dirlo a chiunque Imbarazzo oppure colpa IMPLICAZIONI CLINICHE: I sintomi possono scomparire nel ragazzo oppure al contrario emergere in forma acuta.. Terapia e/o supporto psicologico del ragazzo SENTIMENTI GENITORIALI: colpa, preoccupazione, rabbia, sollievo, oppure possono minimizzare l impatto di questa scoperta nella vita familiare. RELAZIONI: Distanza e conflitto, divergenza di opinioni su molte questioni, conflitto di coppia, coalizioni e conflitti nel sotto-sistema dei fratelli/sorelle. Terapia e/o supporto psicologico di coppia o familiare Pagina 28

29 Modelli Familiari di Adattamento al coming out STADIO III. IMPATTO (Morales, 1990) oppure SCOPERTA (LaSala, 2000) IL LAVORO CON LE FAMIGLIE In questa fase nel Servizio 6 come sei forniamo ai genitori alcune pagine che contengono articoli oppure libri che parlano dell orientamento sessuale o dell identità di genere. Si consigliamo inoltre alcuni film e invitiamo la coppia a guardarli insieme e a discuterne insieme dopo la visione. Dopo un primo momento di sorpresa oppure disagio la quasi totalità delle famiglie, anche se con tempi diversi, assolve il compito e porta in terapia le impressioni, paure o semplici curiosità. Spesso questi stimoli culturali generano molte domande... Pagina 29

30 Modelli Familiari di Adattamento al coming out STADIO IV. ADATTAMENTO FAMILIARE Il ragazzo è felice e fiducioso verso il futuro. I genitori pensano di avere un figlio che gli piace un buon figlio Cercano di adattarsi ad un membro familiare non-eterosessuale. Migliorano le relazioni reciproche tra ragazzo e genitori. Si chiarisce meglio cosa fa parte della sfera personale e cosa è invece familiare.. IMPLICAZIONI CLINICHE: Sottolineare l aspetto evolutivo nel reciproco adattamento (con passi in avanti e indietro). Lo psicologo può rendere espliciti i seguenti concetti: Cosa vogliono i ragazzi che i genitori accettino, siano supportivi ed orgogliosi del loro percorso. Cosa vogliono i genitori che il ragazzo sia felice, abbia un buon contesto sociale, che mostri un comportamento non a rischio Pagina 30

31 Modelli Familiari di Adattamento al coming out STADIO V. INTEGRAZIONE Il ragazzo rinuncia ad una serie di fantasie su stesso e sul proprio orientamento sessuale. La famiglia abbandona fantasie legate ad una identità eterosessuale del figli* per far posto ad una identità GLB La famiglia esamina i propri atteggiamenti circa l omosessualità e li modifica alla luce delle nuove conoscenze (anche personali e intime) delle persone gay e lesbiche. La famiglia tende a de-enfatizzare ciò che rende diverso il figli* e enfatizza ciò che conosce del proprio figlio, ciò che ama e che non è cambiato. IMPLICAZIONI CLINICHE: Il terapeuta (Morales, 1990) può consigliare libri, film, ecc. Il confronto con altri genitori può essere molto importante. Pagina 31

32 Modelli Familiari di Adattamento al coming out STADIO V. INTEGRAZIONE - ASPETTI COGNITIVI IMPLICAZIONI CLINICHE: L omosessualità non è una colpa genitoriale non è causata dai genitori L orientamento sessuale non è una scelta del ragazzo Il ragazzo sarà felice avrà possibilità di esserlo più o meno come gli altri Il ragazzo potrà, nel caso in cui lo volesse, avere una famiglia, accedere alla genitorialità, ecc. Le norme sociali sulla sessualità e sulle relazioni affettive delle persone LGB sono SBAGLIATE Pagina 32

33 Non dare per scontati gli aspetti positivi... Ciò nonostante, alcuni autori (Green, 2000; LaSala, 2000) avanzano la proposta di non dare per scontato gli aspetti positivi della disclosure, dal momento che la possibilità di essere marginalizzati, tanto più se in un contesto stigmatizzante, è piuttosto realistica. Nelle diverse situazioni sociali, i giovani LGB devono operare un accurata scelta tra il rivelarsi o il rimanere nascosti: se da un lato la dissimulazione richiede la messa in atto di una serie di tecniche di automonitoraggio che limitano l espressione del proprio sé, la disclosure comporta una lunga pianificazione, carica di ansie e incertezze. Pagina 33

34 Dietro la domanda di consulenza di un genitore... RISPETTO ALL OMOSESSUALITA Qual è la causa dell omosessualità? E una scelta? Ci sono delle cause genetiche? L orientamento sessuale è irreversibile? Ma se è gay è donna? Se lesbica è un maschio? (gender stress) Ma si può essere GL a 16 anni? Come posso conciliare le scelte di mio figlio con la mia religione? RISPETTO ALLA GENITORIALITA Cosa ho sbagliato e cosa potevo fare per evitarlo? Ma una madre ipercoinvolta e un padre assente sono la causa? VISSUTI Mi sento sbagliat*, divers* da tutti gli altri genitori Mi sento in colpa, sono preoccupato per il suo futuro Non lo accetterò mai

35 COMING OUT: DATI DI RICERCA Pagina 35

36 Coming Out, alcuni dati ETA 13 anni attrazione per persone dello stesso sesso 17 anni rapporto fisico/sessuale 18 anni lo ha detto a se stesso e 19 anni agli altri (Barbagli e Colombio, 2001; Baiocco et al., 2011) A CHI (adulti) 46-52% sorella/fratello 43-33% madre/padre 31% associazioni e colleghi PRIMA RIVELAZIONE amico etero (62% M vs 66% F) amico GLB (35%) genitore (13%); fratello/sorella (11%) Pagina 36

37 DATI ISTAT 12 Maggio 2012 Nel 2011 l Istat ha condotto, per la prima volta, una rilevazione statistica sulle Discriminazioni in base al genere, all orientamento sessuale e all appartenenza etnica, nella quale, tra l altro, sono state rilevate le opinioni e gli atteggiamenti dei cittadini nei confronti degli omosessuali e delle transessuali, nonché le difficoltà che questi ultimi incontrano nella famiglia e nella società. In particolare l indagine è stata condotta su un campione di famiglie distribuite in 660 comuni italiani. Per ciascuna famiglia campione è stato intervistato un solo componente, estratto casualmente tra i componenti di età compresa tra i 18 e i 74 anni. Pagina 37

38 Il coming out in FAMIGLIA DATI ISTAT del 12 Maggio 2012 GRANDE SOLITUDINE IN FAMIGLIA Madre Padre 40,9 21,2 24,0 30,3 23,9 27,4 21,1 11,2 Sì, ne è (o ne era) a conoscenza Non so se ne è (o ne era) a conoscenza,non ne abbiamo mai parlato Mia madre/mio padre non lo sa (o non lo sapeva) Altro Maggiore apertura dei fratelli: lo sanno nel 46,1% Pagina 38

39 Coming Out, chi reagisce meglio? Reagisce meglio la madre o il padre (Barbagli e Colombo, 2001)? Lesbiche: 35% Madri 40%padri Gay: 44% Madri 37%padri Le madri sono ovviamente più informate dei padri. La loro responsabilità e competenza nella sfera affettiva è esercita anche nella protezione nei confronti del marito. Se lo sa il padre allora lo sanno praticamente tutte le madri Se lo sa la madre lo sa il 30% dei padri Le madri sono più allarmate dal coming out delle figlie. conflittualità maggiore asse madre-figlia Pagina 39

40 Coming Out, chi reagisce meglio? Dati recenti su circa 300 giovani gay e lesbiche italiane (Baiocco, 2012) NON evidenziano differenze, all interno della coppia genitoriale, nelle reazioni al coming out. Se però analizziamo i dati in funzione del genere del ragazzo emergono le seguenti differenze: Le madri hanno una reazione peggiore con la figlia lesbica; I padri quando il figlio è gay La reazione è più negativa: Se i genitori attribuiscono importanza alla religione; Se i figli sono più giovani al momento del coming out. Poco significativa la relazione tra status socio-culturale e reazione genitoriale al coming out. Pagina 40

41 Coming Out, chi reagisce meglio? Quali variabili relazionali e familiari predicono il coming out? La nostra ricerca dimostra che l attaccamento, la fiducia nelle relazioni genitoriali e la comunicazione predicono la selfdisclosure del ragazzo. Tra le variabili familiari che hanno il peso più rilevante nel predire una reazione negativa paterna troviamo la variabile rigidità paterna ed eccessiva coesione/invischiamento materno. Il family size cioè il numero dei figli è un fattore protettivo. Pagina 41

42 Coming Out, chi reagisce meglio? COSA SUCCEDE NEL TEMPO? Abbiamo valutato il livello di attaccamento (retrospettivo) e quello attuale in giovani gay e lesbiche prima e dopo il coming out (distanza media = 3 anni). Il gruppo è costituito da giovani LGB che non hanno fatto ricorso a intervento terapeutici nè individuali, familiari o di coppia. Nei ragazzi gay: migliora la percezione del legame d attaccamento con la madre; nessuna differenza nel rapporto con il padre nel tempo. Nelle ragazze lesbiche: Nessun miglioramento percepito né con la madre né con il padre a distanza di tempo. Il dato conferma la maggiore problemticità dell asse materno con la figlia lesbica evidenziato anche dalla ricerca di Barbagli (Barbagli e Colombo, 2001). Pagina 42

43 ALCUNE CONSIDERAZIONI... Le famiglie possono aver bisogno di molto tempo per adattarsi all orientamento sessuale del figlio/della figlia. L asse mamma ragazza sembra essere particolarmente delicato. I padri hanno bisogno di essere maggiormente coinvolti nel processo di adattamento familiare incoraggiare la possibilità di un NUOVO coinvolgimento paterno. Oltre agli aspetti emotivi bisogna prendersi carico anche di quelli cognitivi nell elaborazione/conoscenza della nuova identità. Può esser molto utile predisporre degli incontri solo con la coppia genitoriale. E indispensabile coinvolgere, secondo tempi e modalità differenti, anche i fratelli e le sorelle dei ragazzi GL. Anche i genitori dovrebbero fare coming out con parenti e amici (almeno con alcuni). Diversi da chi? Pagina 43

44 Il SERVIZIO 6 come sei INTERVENTI FAMILIARI E A SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA Famiglie omogenitoriali Le famiglie omogenitoriali si confrontano con le stesse fasi del ciclo di vita delle famiglie eterosessuali, ma spesso devono affrontare stereotipi di matrice omofobica. Il centro offre alle famiglie omogenitoriali, ma anche alle coppie LGBT, interventi finalizzati al benessere di ciascun membro della famiglia.

45

46 ROBERTO BAIOCCO, Phd Responsabile del Servizio 6 come sei Servizio di Consulenza Orientamento Sessuale e Identità di Genere Servizio 6 come sei

Diversi da chi? Riflessioni psicologiche e sociali sulle omosessualità e le identità di genere. Roma, 17 Ottobre 2013

Diversi da chi? Riflessioni psicologiche e sociali sulle omosessualità e le identità di genere. Roma, 17 Ottobre 2013 Diversi da chi? Riflessioni psicologiche e sociali sulle omosessualità e le identità di genere Roma, 17 Ottobre 2013 Orientamento Sessuale e Identità di genere in una prospettiva evolutiva. L esperienza

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Accettazione della malattia diabetica e la famiglia Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Malattia cronica Condizione patologica che dura tutta la vita Medico deviazione da una norma biologica. Oggettività

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy www.gestaltherapy.it Istituto di Gestalt Therapy Hcc Kairòs Scuola Post Universitaria di Specializzazione in Psicoterapia della Gestalt Riconosciuta dal MIUR DDMM 9.5.1994, 7.12.2001, 24.10.2008 RAGUSA

Dettagli

Disabilità e Omosessualità

Disabilità e Omosessualità Disabilità e Omosessualità Dott. Andrea Perdichizzi Psicologo Responsabile Gruppo Psicologi Arcobaleno Progetto Evelyn Hooker - Arcigay Torino Ottavio Mai perdy@fastwebnet.it L identità sessuale L identità

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

di consulenza legale in diritto di famiglia e mediazione familiare

di consulenza legale in diritto di famiglia e mediazione familiare Servizio di consulenza legale in diritto di famiglia e mediazione familiare Associazione italiana per l educazione demografica Sezione di Roma Scopo del servizio è offrire consulenza legale su tutte le

Dettagli

L adozione di un bambino già grande e l arrivo dell adolescenza Marco Chistolini Adolescenza adottiva L adozione è una condizione esistenziale che ha tratti comuni e profonde differenze. Questo assunto

Dettagli

Esperienze di genitorialità oltre l eterosessualità. Chiara Bertone

Esperienze di genitorialità oltre l eterosessualità. Chiara Bertone Esperienze di genitorialità oltre l eterosessualità Chiara Bertone Torino, 27 settembre 2012 Cosa sono le famiglie omogenitoriali? Coppie dello stesso sesso che crescono un figlio insieme Ma le esperienze

Dettagli

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella In una scuola che ormai è concepita come luogo non solo deputato alla trasmissione del sapere, ma anche connesso

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE

IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE Persone al centro Quarrata, 21 febbraio 2009 IL LAVORO DI RETE E un processo finalizzato/tendente a legare fra loro più persone tramite connessioni

Dettagli

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI GIORNATE DI SUPPORTO ALLA FORMAZIONE DEI REFERENTI PER LA DISLESSIA DELLA LOMBARDIA 22 Aprile 2008 DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI Rosy Tavazzani Montani PERCHE L INSEGNANTE DOVREBBE

Dettagli

UN GRUPPO DI LAVORO EVOLVE

UN GRUPPO DI LAVORO EVOLVE GRUPPI DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO Un gruppo di lavoro è costituito da un insieme di individui che interagiscono tra loro con una certa regolarità, nella consapevolezza di dipendere l uno dall altro e di

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione

Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione Dott.ssa Maria Berica Tortorani Psicologa-Psicoterapeuta ASL 3 Pistoia Operatrice-formatrice Area Vasta per l adozione

Dettagli

ADHD. LA FAMIGLIA Chi sono e come vivono genitori e fratelli di bambini/ragazzi ADHD. Astrid Gollner AIFA ONLUS LOMBARDIA

ADHD. LA FAMIGLIA Chi sono e come vivono genitori e fratelli di bambini/ragazzi ADHD. Astrid Gollner AIFA ONLUS LOMBARDIA ADHD LA FAMIGLIA Chi sono e come vivono genitori e fratelli di bambini/ragazzi ADHD Astrid Gollner AIFA ONLUS LOMBARDIA Bisogna prima di tutto ricordare che il bambino/ragazzo/adolescente con ADHD non

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Le difficoltà emotivo-relazionali in ambito evolutivo Tutti quei segnali di disagio e di sofferenza, che coinvolgono la dimensione emotiva e

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Caterina D Ardia Neuropsichiatria Infantile Università Sapienza, Roma Disturbi dello Sviluppo Sono Disturbi che accompagnano la persona

Dettagli

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI

Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI SERVIZIO DI MEDIAZIONE SCOLASTICA PLUS SARCIDANO E BARBAGIA DI SEULO Elaborazione questionari somministrati nel Liceo Pitagora di ISILI Classe 2 A Area supporto sociale e familismo Comprende gli item da

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE

GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE GLI ASPETTI EMOTIVO- RELAZIONALI CARATTERISTICI DEL SOGGETTO BALBUZIENTE dott. Michele Borghetto Psicologo e psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia IRCCS E.Medea Conegliano (TV) Quali possono essere gli

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SIMONE DA CORBETTA PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 1 Introduzione Il progetto accoglienza nasce dalla convinzione che i primi mesi di lavoro

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere

Le problematiche della donna nel terzo millennio. La medicina di genere Le problematiche della donna nel terzo millennio La medicina di genere Il genere è un determinante della salute perché coinvolge uomo/donna dallo sviluppo infantile alla senescenza La salute della donna

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

SIDS : SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE. Suggerimenti per gli operatori che entrano in contatto con una famiglia colpita

SIDS : SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE. Suggerimenti per gli operatori che entrano in contatto con una famiglia colpita SIDS : SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE Suggerimenti per gli operatori che entrano in contatto con una famiglia colpita Obiettivo e metodo Obiettivo: Metodo: fornire spunti di riflessione e consigli pratici affinché

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

L HIV: le conoscenze e le percezioni

L HIV: le conoscenze e le percezioni L HIV: le conoscenze e le percezioni Le conoscenze e i comportamenti di prevenzione: sottovalutazione del rischio e scarsa prevenzione La maggior parte degli italiani ha sentito parlare di HIV. Altissima

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.?

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.? Emozioni Consapevolezza sui propri problemi di studio Obiettivi.? Quali emozioni si provano nello studio? Come rilevato anche nel nostro gruppo di ricerca, le emozioni provate mentre si studia sono molteplici

Dettagli

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO PERCEPIRE IL PROBLEMA, AVENDO BEN CHIARA LA DIFFERENZA

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

Educazione Emotiva. Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE

Educazione Emotiva. Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE Educazione Emotiva Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE REBT = Rational Emotive Behavior Therapy Ideata da

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA

LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA GfK Eurisko Milano, 29 Settembre 2014 Premessa e obiettivi dell indagine Verificare presso la popolazione

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA Ricordare che l 80% dei malati vive in famiglia! (indagine Censis 2006) Chi è il caregiver? (letteralmente: colui che presta assistenza) Un familiare Un

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE

LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE Premise 1 LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE Ci sono varie forme di riconciliazione, così come ci sono varie forme di terapia e varie forme di mediazione. Noi qui ci riferiamo alla riconciliazione con una

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

INTERVISTA CLINICA GENERAZIONALE. (rivisitata) Luca Pappalardo ITFF - ITFB

INTERVISTA CLINICA GENERAZIONALE. (rivisitata) Luca Pappalardo ITFF - ITFB INTERVISTA CLINICA GENERAZIONALE (rivisitata) Luca Pappalardo ITFF - ITFB Asse 1 Le origini Bene, innanzi tutto vi chiediamo di calarmi mentalmente, di immergervi nelle vostre origini, vale a dire l ambiente

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Caso Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Cosa accade ICI verifica l esistenza dell epidemia: la

Dettagli

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA!

MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! FABRIZIO FANTONI psicologo psicoterapeuta LICEO CASIRAGHI - 8 NOVEMBRE 2014 MIO FIGLIO SUL WEB: POSTA CON LA TESTA! Le invarianti Gli adolescenti hanno sempre gli stessi compiti di sviluppo: pensare un

Dettagli

Essere Adolescenti e figli di genitori separati

Essere Adolescenti e figli di genitori separati Adolescenti e processi d aiuto Firenze 13-14 Gennaio 2011 Essere Adolescenti e figli di genitori separati Giancarlo Francini psicoterapeuta - Istituto di Terapia Familiare di Firenze Associazione Co.Me.Te

Dettagli

Consulenza e sostegno psicologico e scolastico

Consulenza e sostegno psicologico e scolastico Consulenza e sostegno psicologico e scolastico abaco consulenza e sostegno psicologico e scolastico abaco individua il problema ed aiuta lo studente a superarlo con metodo, organizzazione, supporto tecnico

Dettagli

I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali. CAMPAGNA Tam. Tam nidi. Grottaferrata 22 Novembre 2008. Patrizia Pisano

I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali. CAMPAGNA Tam. Tam nidi. Grottaferrata 22 Novembre 2008. Patrizia Pisano I Servizi per la Famiglia: Aspetti psicosociali CAMPAGNA Tam Tam nidi Grottaferrata 22 Novembre 2008 Patrizia Pisano C O M U N I ATTORI DEL TERRITORIO progettazione-realizzazione realizzazione Area Minori

Dettagli

Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker

Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker Criteri per il successo e per il fallimento di un trattamento. Fattori: 1) del Paziente 2) del terapeuta 3) tecnici 4) relazionali 5) ambientali

Dettagli

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie.

Il programma si compone di due ricerche internazionali sulle valutazioni legate all assistenza degli individui affetti da tali patologie. Keeping Care Complete Sintesi dei risultati internazionali Keeping Care Complete ha l obiettivo di esaminare e creare consapevolezza circa le questioni emotive e sociali associate al trattamento e all

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

"CONOSCENZA DI SE' \ AFFETTIVITA' \ SESSUALITA' \ RELAZIONE"

CONOSCENZA DI SE' \ AFFETTIVITA' \ SESSUALITA' \ RELAZIONE CONSULTORIO PER LA FAMIGLIA ONLUS Via Antonio Pozzi, 7-21052 Busto Arsizio (VA) C.F. n. 90006560123 - P.I. n. 02725400127 Codice presidio 021301 Accreditato dalla Reg.Lombardia con D.G.R. n 10302 del 16/09/02

Dettagli

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo - L individualità - Lo sviluppo dell identità di genere - La costruzione e lo sviluppo del sé - Continuità e discontinuità nello sviluppo - Traiettorie

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

Omofobia e pratica clinica. Roberta Cacioppo Psicologa Psicoterapeuta - Consigliere Ordine Psicologi Lombardia

Omofobia e pratica clinica. Roberta Cacioppo Psicologa Psicoterapeuta - Consigliere Ordine Psicologi Lombardia Omofobia e pratica clinica Roberta Cacioppo Psicologa Psicoterapeuta - Consigliere Ordine Psicologi Lombardia Omofobia Disagio, svalutazione, avversione, su base psicologico-individuale e/o ideologico-colletta,

Dettagli

PROGETTO: TEATRO FORUM

PROGETTO: TEATRO FORUM 24 5 PROGETTO: TEATRO FORUM (per Oratori sensibili) Che cos è Il Teatro forum è un metodo e percorso formativo utilizzato spesso in situazioni di disagio socio-culturale e si propone come strumento per

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

KIT PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELL AUTOREGOLAZIONE

KIT PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELL AUTOREGOLAZIONE APPRENDERE L AUTOREGOLAZIONE PER APPRENDERE KIT PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELL AUTOREGOLAZIONE Dott.ssa Laura Traverso Psicologa lauratraverso4@gmail.com AUTO-REGOLAZIONE? Con il termine autoregolazione

Dettagli

DIMENSIONI CRITERI INDICATORI

DIMENSIONI CRITERI INDICATORI Allegato 4 - Manerbio META EDUCATIVA: autonomia in ambito scolastico (classe 4/5 scuola primaria) DIMENSIONI CRITERI INDICATORI GESTIONALE OPERATIVA Uso degli strumenti Conoscere gli strumenti necessari

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Analisi dei dati dell Osservatorio sul disagio emotivo di Telefono Amico Italia. Rapporto annuale 2011

Analisi dei dati dell Osservatorio sul disagio emotivo di Telefono Amico Italia. Rapporto annuale 2011 Analisi dei dati dell Osservatorio sul disagio emotivo di Telefono Amico Italia. Rapporto annuale 2011 A cura del Laboratorio di statistica applicata alle decisioni economico-aziendali Università Cattolica

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 29 ottobre 2013 A cura di Metodologia e campione di ricerca Campione: Sono state intervistate 1.000

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

La mia autostima. Edizioni Erickson. Deborah Plummer. Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it

La mia autostima. Edizioni Erickson. Deborah Plummer. Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it Edizioni Erickson La mia autostima Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it Deborah Plummer Introduzione L immaginazione come strumento per il cambiamento Imagework: un

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA Gay Help Line Estratto del rapporto del servizio Roma, dicembre 2008 1/13 Gay Help Line Contact center antiomofobia e antitransfobia Statistiche principali Di seguito

Dettagli

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA

DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA DOTT.SSA VALENTINA BIMBI PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE TERAPEUTA EMDR REFERENTE GRUPPO MIP CREMONA ASSERTIVITA ETIMOLOGIA: Assertività deriva dal latino assèrere. Il significato

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Autoefficacia e apprendimento

Autoefficacia e apprendimento Autoefficacia e apprendimento Definizione di autoefficacia Convinzione della propria capacità di fornire una certa prestazione organizzando ed eseguendo le sequenze di azioni necessarie per gestire adeguatamente

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli