Una vela per amico Sulla rotta dell integrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una vela per amico Sulla rotta dell integrazione"

Transcript

1 Una vela per amico Sulla rotta dell integrazione programmi 2010 GRUPPO DI LAVORO CON OPERATORI E SPECIALISTI DIVERSE ABILITÀ Al fine di rendere più funzionali ed efficaci gli aspetti didattici e formativi dei corsi, si prevede il coinvolgimento di figure professionali e eventualmente anche volontarie che prestano la loro opera negli istituti, enti e associazioni da cui provengono gli utenti. Questo consente uno scambio di informazioni tra i tecnici,istruttori e psicologi facilitatori della comunicazione, degli aspetti relazionali e delle dinamiche di gruppo, utile a individuare persone con differenti disabilità in grado di apprendere e trarre beneficio dalle esperienze proposte, costituire gruppi omogenei per la creazione degli equipaggi e monitorare i risultati raggiunti, elaborare i vissuti dell esperienza e i riflessi nel percorso riabilitativo della persona. Questi incontri sono strutturati in due fasi: un corso base di vela teorico/pratico di 20 ore suddivise in 5 incontri per tutti gli operatori con la possibilità di un successivo corso avanzato rivolto solo a coloro che vorranno seguire in mare l esperienza; la formazione di un gruppo di lavoro permanente tra operatori, istruttori e facilitatori in supporto allo svolgimento dei corsi rivolti agli utenti. I corsi di vela non prevedono costi per gli operatori. Il corso partirà nel periodo tra marzo e aprile in aula ci sarà sempre la compresenza di un istruttore ed un facilitatore del lavoro di gruppo presso la sede del Marinara programma degli incontri 1. Incontro preliminare che prevede la partecipazione di tutti gli operatori coinvolti: presentazione degli istruttori, dei facilitatori e del programma; metodologia del lavoro di gruppo, stesura del calendario di lavoro e suddivisione in gruppi per le uscite in mare; attrezzatura individuale necessaria per affrontare la navigazione invernale. 2. Corso di vela lezione1: a terra: presentazione della barca, nomenclatura e armo, le manovre fondamentali (orzare e poggiare, cazzare e lascare). in mare: approccio alle manovre fondamentali. 3. Corso di vela lezione 2: a terra: le andature, la regolazione delle vele in mare: esercitazione nelle varie andature. 4. Corso di vela lezione 3: a terra: la bolina e la virata. in mare: esercitazione pratica su come raggiungere un punto sopravento. 5. Incontro con tutti gli operatori coinvolti per la presentazione della flotta e delle modalità di lavoro in mare e a terra con il gruppo di lavoro al fine di valutarne le potenzialità nei corsi destinati alle varie tipologie di utenti, 6. Corso di vela lezione 4: a terra: le andature portanti e la strambata, la navigazione lungo percorsi prestabiliti.

2 in mare: esercitazione pratica su un percorso tra due punti posti uno esattamente sopravento all altro. 7. Corso di vela lezione 5: a terra: effetto evolutivo del timone, della carena e delle vele, il profilo alare delle appendici e delle vele e suo effetto sulla propulsione (moto laminare e turbolento), il vento apparente, accenni di meteorologia. in mare: esercitazione pratica sui Dream. 8. Incontro conclusivo con tutti i partecipanti in cui si raccolgono: valutazioni e suggerimenti, presentazione del programma primaverile dedicato agli utenti, presentazione e raccolta adesioni per il corso avanzato rivolto agli operatori ed elaborazione dei vissuti cognitivi ed emotivi della fase formativa CORSI RIVOLTI AGLI UTENTI Disagio Sociale corsi propedeutico/esplorativi Si tratta di corsi rivolti ad un ampia fascia di utenti e hanno la funzione di valutare il livello di interesse stimolato dall esperienza proposta al fine di individuare eventuali percorsi successivi. Vertono soprattutto sull ambientamento e sull orientamento e si avvalgono di programmi, imbarcazioni e supporti didattici specifici per le diverse tipologie di inabilità. Svolgimento un corso base di avvicinamento alla vela teorico/pratico di 9 ore suddivise in 5 incontri I incontro : a terra 1,5 ore: presentazione del gr uppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo 1,5 ora in mare di ambientamento con il mare e la vela (con barca della lega e di Marinando di metri dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) 2 incontro a terra 1 ora: presentazione della barca, nomenclatura e armo, le manovre fondamentali (orzare e poggiare, cazzare e lascare). in mare 2 ore: approccio alle manovre fondamentali. 3 incontro a terra 1 ora: le andature, la regolazione delle vele in mare 2 ore: esercitazione nelle varie andature 4 incontro a terra 1 ora: le andature portanti e la strambata, la navigazione lungo percorsi prestabiliti. in mare 2 ore: esercitazione pratica su un percorso tra due punti posti uno esattamente sopravento all altro. 5 incontro: a terra 2 ore in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura corsi avanzati Sono rivolti a coloro che, dopo aver frequentato il corso propedeutico, manifesteranno interesse per l approfondimento dell esperienza vissuta.

3 Nel monte ore proposto sono previste sia lezioni teoriche che uscite in mare e sono finalizzate a raggiungere il più alto livello di autonomia possibile sia tecnica che relazionale. Sono previsti inoltre incontri periodici di approfondimento con i facilitatori sulle tematiche emerse relative agli aspetti relazionali ed emotivi che riguardano l individuo e le interazioni di gruppo vissute nell esperienza percorsi formativi turistici, tecnici e sportivi I percorsi successivi prevedono e assecondano le attitudini e gli interessi degli utenti e comprendono vari aspetti della navigazione a vela come il diporto, l insegnamento o l agonismo, il team building e le dinamiche di gruppo corso sperimentale regata Al fine di creare un evento promozionale e mediatico per far conoscere il progetto e le sue potenzialità abbiamo attivato un corso finalizzato a formare un equipaggio che parteciperà all' Handy cup 2010 che si terrà nelle acque laziali nel mese di maggio. MOTIVAZIONI E PERCORSI SPECIFICI PER LE DIVERSE TIPOLOGIE DI DIVERSITÀ corso di vela per non vedenti Un buon timoniere è colui che riesce a sentire con il proprio corpo i messaggi che la barca gli comunica e riesce a percepire sulla propria pelle le più piccole variazioni di intensità e direzione del vento. Si narra che l ammiraglio Straolino, già comandante dell Amerigo Vespucci a metà degli anni sessanta nonché campione olimpico nel 1952 a Helsinki nella prestigiosa classe Star, timonasse la sua barca nel golfo di Napoli, di notte e con gli occhi bendati, al fine di affinare la sua sensibilità. Il navigatore danese Paul Elvstrom ha vinto un campionato del mondo nella classe Tornado quando la sua vista non gli consentiva più di vedere la prua del suo catamarano. Tra le attività sportive rivolte ai non vedenti la vela è forse quella che ha la possibilità di essere svolta senza l'utilizzo di attrezzature particolari ed è già largamente praticata sia in Italia che nel resto del mondo. In particolare, in Italia, l associazione Homerus vanta un esperienza decennale, durante i quali ha creato oltre un centinaio di velisti entusiasti. Homerus è un associazione membra dell Unione Vela Solidale e ha messo a disposizione la sua competenza per formare gli istruttori impegnati nel progetto. Il percorso si svolge in due fasi: la prima, il corso propedeutico/esplorativo, consente ad un ampio numero di utenti di approcciare la navigazione a vela e di valutare la propria possibilità di interazione con la sua pratica; la seconda, il corso avanzato, è finalizzata a creare il più alto livello di autonomia possibile sia della conoscenza e della gestione dell imbarcazione che della navigazione. corso propedeutico/esplorativo Il corso prevede 5 incontri per un totale di 20 ore. Cosi articolati: un incontro di apertura di presentazione del gruppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo,e d una parte in mare di ambientamento con il mare e la vela dell'associazione Marinando di 9 mt. dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) Nei successivi incontri si prevedono parti teoriche a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Nelle lezioni teoriche vengono utilizzati adeguati supporti didattici.

4 Infine un incontro conclusivo in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura. Il corso tratterà i seguenti argomenti: presentazione della barca, nomenclatura fondamentale, attrezzatura e nodi; armo dell imbarcazione; orientamento rispetto al vento; le andature rispetto al vento; navigazione nelle varie andature e regolazione delle vele, 0dinamiche di gruppo, la fiducia, la relazione, i pregiudizi, l autostima, e l autonomia personale. corso avanzato Il corso è rivolto a coloro che hanno già frequentato il corso propedeutico/esplorativo e prevede 7 incontri per un totale di 21 ore. Ogni incontro prevede sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Nelle lezioni teoriche vengono utilizzati adeguati supporti didattici. Il corso approfondirà i seguenti argomenti: conoscenza approfondita dell imbarcazione e delle attrezzature di bordo, armo della barca, logistica e orientamento; manovre fondamentali, le andature, la regolazione delle vele; navigazione per raggiungere un punto sopravento, la bolina, la virata; le andature portanti e la strambata, navigazione tra due punti prestabiliti posti uno sopravento all altro; accenni di meteorologia, accenni sulla fisica della vela. Sono previsti inoltre incontri periodici di approfondimento con i facilitatori sulle tematiche emerse relative agli aspetti relazionali ed emotivi che riguardano l individuo e le interazioni di gruppo vissute nell esperienza Percorsi formativi turistici, tecnici e sportivi la fase successiva propone, agli utenti che vorranno approfondire l esperienza, dei percorsi, individuali o di gruppo, che possono indirizzarsi verso diversi aspetti della navigazione a vela: il diporto; la vela agonistica (corso sperimentale regata); la scuola vela, con un corso finalizzato alla didattica, per chi ha piacere di divulgare la propria esperienza in supporto agli istruttori del centro. corso di vela per disabili fisici Questo percorso prevede necessariamente l utilizzo di imbarcazioni progettate per consentire ad un ampia fascia di utenti di navigare in autonomia. Molti progettisti nautici si sono impegnati per creare imbarcazioni adatte a consentire a soggetti con problemi motori la pratica della vela, a volte con risultati estremamente interessanti, tanto che esistono competizioni ufficiali in cui non sono previste discriminazioni ne agevolazioni per velisti diversamente abili che si trovano a competere sullo stesso piano con atleti normodotati. Il percorso didattico prevede l utilizzo di una barca per due persone (allievo e istruttore) con il timone e le manovre raggiungibili da tutti e due i membri dell equipaggio. Questo consente e graduale passaggio di ruoli tra l istruttore e l allievo, per stimolare nell utente un progressivo aumento di autonomia nella gestione del mezzo. Il corso propedeutico/esplorativo, consente agli utenti interessati di avvicinarsi alla navigazione a vela, di conoscere e provare le imbarcazioni del centro e di valutare la propria possibilità di interazione con la sua pratica. Il corso avanzato è finalizzato a creare il più alto livello di autonomia possibile sia della conoscenza e della gestione dell imbarcazione che della navigazione.

5 corso propedeutico/esplorativo Il corso prevede 4 incontri per un totale di 10 ore. Cosi articolati: un incontro di apertura di presentazione del gruppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo,e d una parte in mare di ambientamento con il mare e la vela dell'associazione Marinando dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) I successivi incontro prevedono sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Infine un incontro conclusivo in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura Il corso tratterà i seguenti argomenti: presentazione della barca, nomenclatura fondamentale, attrezzatura e nodi; le andature rispetto al vento; navigazione nelle varie andature e regolazione delle vele. dinamiche di gruppo, la fiducia, la relazione, i pregiudizi, l autostima, e l autonomia personale. corso avanzato Il corso è rivolto a coloro che hanno già frequentato il corso propedeutico/esplorativo e prevede 4 incontri per un totale di 12 ore. Ogni incontro prevede sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Il corso approfondirà i seguenti argomenti: conoscenza approfondita dell imbarcazione e delle attrezzature di bordo, armo della barca, logistica; manovre fondamentali, le andature, la regolazione delle vele; navigazione per raggiungere un punto sopravento, la bolina, la virata; le andature portanti e la strambata, navigazione tra due punti prestabiliti posti uno sopravento all altro; accenni di meteorologia, accenni sulla fisica della vela. Sono previsti inoltre incontri periodici di approfondimento con i facilitatori sulle tematiche emerse relative agli aspetti relazionali ed emotivi che riguardano l individuo e le interazioni di gruppo vissute nell esperienza Percorsi formativi turistici, tecnici e sportivi La fase successiva propone, agli utenti che vorranno approfondire l esperienza, dei percorsi, individuali o di gruppo, che possono indirizzarsi verso diversi aspetti della navigazione a vela: il diporto; la vela agonistica; la scuola vela, con un corso finalizzato alla didattica, per chi ha piacere di divulgare la propria esperienza in supporto gli istruttori del centro. Corso di vela per ragazzi e giovani adulti con sindrome di down Corso propedeutico/esplorativo Il corso prevede 8 incontri per un totale di 24 ore. Così articolati: un incontro di apertura di presentazione del gruppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo, e duna parte in mare di ambientamento con il mare e la vela (con barca di metri dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) I successivi incontro prevedono sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Infine un incontro conclusivo in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura.

6 Il corso tratterà i seguenti argomenti: Presentazione della barca, nomenclatura fondamentale, attrezzatura e nodi; le andature rispetto al vento; navigazione nelle varie andature e regolazione delle vele. Temi di lavoro con il gruppo: capacità di problem solving, focalizzazione attenzione capacità di espressione e regolazione emozioni, autonomie personali, gestione delle relazioni interpersonali nel gruppo. Le uscite in mare vedranno impegnate i ragazzi in modo alternato con imbarcazioni monoposto e uscite di gruppo. Corso di vela per ragazzi e giovani adulti con autismo Corso propedeutico/esplorativo Il corso prevede 8 incontri per un totale di 24 ore. Così articolati: un incontro di apertura di presentazione del gruppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo,e duna parte in mare di ambientamento con il mare e la vela (con barca di metri dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) I successivi incontro prevedono sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Infine un incontro conclusivo in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura. Il corso tratterà i seguenti argomenti: Presentazione della barca, nomenclatura fondamentale, attrezzatura e nodi; le andature rispetto al vento; navigazione nelle varie andature e regolazione delle vele. Temi di lavoro con il gruppo: sviluppo capacità di riconoscimento dell altro da sè, orientamento spaziale, focalizzazione attenzione capacità di espressione e regolazione emozioni, autonomie personali, gestione delle relazioni interpersonali nel gruppo. Gli aspetti terapeutico-riabilitativi sono: il cambiamento di stato, cioè un nuovo ambiente con nuovi stimoli sensoriali, il vento, il silenzio, il costante riequilibro del corpo, un esperienza fortemente emotiva e personale che trascende le parole e popola lo spazio vuoto di pensieri; migliore orientamento la dinamica di gruppo: le scelte, i rifiuti, gli stili diversi, la cooperazione; non si tratta di generica socializzazione ma di qualcosa che si avvicina alla psicoterapia senza la coazione della seduta clinica; la riabilitazione: la conoscenza del proprio corpo e del proprio equilibrio; la possibilità di compiere movimenti e gesta altrimenti dimenticati; l autonomia, la possibilità di comandare una grossa imbarcazione con un minimo sforzo. Le uscite in mare vedranno impegnate i ragazzi in modo alternato con imbarcazioni monoposto e uscite di gruppo. Corso di vela per non udenti La persona con sordità, o meglio deficit sensoriale uditivo, è generalmente caratterizzata da una riduzione, più o meno grave, della capacità di percepire e riconoscere suoni e

7 rumori provenienti dall ambiente circostante, e dalla ridotta capacità di discriminare (riconoscere ed attribuire un significato) alle parole, frasi e discorsi di uno o più interlocutori attraverso il canale uditivo. Per ovviare, almeno parzialmente, a tale deficit le persone sorde generalmente usufruiscono di ausili protesici/ortesici personali di due tipologie: Protesi acustiche (retro, o endo auricolari) che amplificano ogni fonte sonora proveniente dall esterno (suoni, parole, rumori ambientali, rumori di fondo ecc.); Impianti cocleari (definiti comunemente Orecchi Bionici) che in sostanza sostituiscono totalmente la funzione della coclea (parte dell orecchio interno dove il suono proveniente dal padiglione auricolare viene trasformato in segnale micro-elettrico che, tramite il nervo acustico, arriva al cervello). Le persone sorde che hanno usufruito nella loro crescita di un corretto percorso di diagnosi neonatale della sordità, di protesizzazione precoce o Impianto cocleare nonché adeguata riabilitazione logopedica, sono generalmente integre dal punto di vista cognitivo, perciò possono accedere alle attività ludiche sportive, inclusa la nautica e la vela, una volta che siano state analizzate, concordate ed adottate alcune modalità comunicative facilitanti che approfondiremo in seguito. Le persone con sordità che invece hanno usufruito solo parzialmente o tardivamente di tali percorsi diagnostici/protesici riabilitativi, generalmente, oltre alle difficoltà uditive sopra indicate, sviluppano difficoltà cognitive di entità correlata al tempo della deprivazione sonora. Ai fini della loro adeguata e soddisfacente inclusione in attività ludiche nautiche e veliche, vanno adeguatamente analizzate, al fine di personalizzare ed eventualmente semplificare le strategie comunicative da adottare per l inclusione in percorsi di formazione nautica e velica. Merita inoltre evidenziare, a fattor comune, che le persone affette da sordità generalmente sviluppano ottime capacità personali di comunicazione/relazione interpersonale alternativi/integrativi all udito/parola quali: lettura labiale, acutezza dello spirito di osservazione e di percezione/codificazione del non verbale, ecc. Alcune persone sorde, soprattutto quelle più anziane, hanno adottato forme di comunicazione mimico-gestuali, note generalmente con il termine Lingua dei Segni o LIS, complesse ed articolate, che favoriscono la comunicazione tra persone sorde, ma che richiedono la presenza di mediatori (interpreti LIS) per la comunicazione con coloro che non conoscono tale modalità. Il percorso per l adestramento/inclusione delle persone con sordità prevede due fasi: Un prima fase preliminare di avvicinamento alle attività di formazione nautica velica, che passa perciò sostanzialmente dalla valutazione preliminare delle effettive capacità e modalità comunicative di ciascuna, dalla focalizzazione e messa a punto, laddove necessario, di strumenti e modalità di Comunicazione Alternativa Aumentativa (CAA) da contestualizzare all ambiente nautico ed alla imbarcazione che verrà utilizzata. Tali aspetti verranno analizzati ed approfonditi in comune tra gli operatori esperti delle sordità, i terapisti logopedici, i mediatori della Comunicazione (quando necessario) e gli esperti velici e marinareschi. Tutto ciò al fine di focalizzare/personalizzare e mettere in pratica modalità comunicative codificate e condivise, necessario presupposto per facilitare l accesso e l inclusione efficace delle persone con sordità nell ambiente barca nella seconda fase. Una seconda fase, a gradualità crescente, che parte dalla valutazione iniziale patica delle singole necessità pratiche della persona con sordità (protezione delle protesi(impianti cocleari dal salmastro, dagli schizzi d acqua; adozione di protocolli di regolazione o amplificazione acustica degli stessi alle condizioni marine, ecc.) all indottrinamento di base marinaresco velico di base, ed all inserimento graduale a bordo delle imbarcazioni. Tutto ciò sarà comunque sviluppato secondo due fondamentali LINEE GUIDA di riferimento: la conquista dell autonomia individuale e inclusione in equipaggi composti sia persone con sordita sia normo-udenti sulla base delle effettive abilità di ciascuno e l integrazione delle stesse.-

8 corso avanzato Il corso è rivolto a coloro che hanno già frequentato il corso propedeutico/esplorativo e prevede 7 incontri per un totale di 21 ore. Ogni incontro prevede sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Nelle lezioni teoriche vengono utilizzati adeguati supporti didattici. Il corso approfondirà i seguenti argomenti: conoscenza approfondita dell imbarcazione e delle attrezzature di bordo, armo della barca, logistica e orientamento; manovre fondamentali, le andature, la regolazione delle vele; navigazione per raggiungere un punto sopravento, la bolina, la virata; le andature portanti e la strambata, navigazione tra due punti prestabiliti posti uno sopravento all altro; accenni di meteorologia, accenni sulla fisica della vela. Sono previsti inoltre incontri periodici di approfondimento con i facilitatori sulle tematiche emerse relative agli aspetti relazionali ed emotivi che riguardano l individuo e le interazioni di gruppo vissute nell esperienza Percorsi formativi turistici, tecnici e sportivi la fase successiva propone, agli utenti che vorranno approfondire l esperienza, dei percorsi, individuali o di gruppo, che possono indirizzarsi verso diversi aspetti della navigazione a vela: il diporto; la vela agonistica (corso sperimentale regata); la scuola vela, con un corso finalizzato alla didattica, per chi ha piacere di divulgare la propria esperienza in supporto agli istruttori del centro.

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE

REGOLAMENTO. Divisione E.R.D. Equitazione Ricreativa per Diversamente abili/discipline EQUESTRI INTEGRATE Il Settore Equitazione Ludico Educativo Ricreativa per Diversamente Abili (E.R.D.) nasce dalla necessità di conciliare l'inserimento nella società della persona diversamente abile, o a rischio di emarginazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli