Una vela per amico Sulla rotta dell integrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una vela per amico Sulla rotta dell integrazione"

Transcript

1 Una vela per amico Sulla rotta dell integrazione programmi 2010 GRUPPO DI LAVORO CON OPERATORI E SPECIALISTI DIVERSE ABILITÀ Al fine di rendere più funzionali ed efficaci gli aspetti didattici e formativi dei corsi, si prevede il coinvolgimento di figure professionali e eventualmente anche volontarie che prestano la loro opera negli istituti, enti e associazioni da cui provengono gli utenti. Questo consente uno scambio di informazioni tra i tecnici,istruttori e psicologi facilitatori della comunicazione, degli aspetti relazionali e delle dinamiche di gruppo, utile a individuare persone con differenti disabilità in grado di apprendere e trarre beneficio dalle esperienze proposte, costituire gruppi omogenei per la creazione degli equipaggi e monitorare i risultati raggiunti, elaborare i vissuti dell esperienza e i riflessi nel percorso riabilitativo della persona. Questi incontri sono strutturati in due fasi: un corso base di vela teorico/pratico di 20 ore suddivise in 5 incontri per tutti gli operatori con la possibilità di un successivo corso avanzato rivolto solo a coloro che vorranno seguire in mare l esperienza; la formazione di un gruppo di lavoro permanente tra operatori, istruttori e facilitatori in supporto allo svolgimento dei corsi rivolti agli utenti. I corsi di vela non prevedono costi per gli operatori. Il corso partirà nel periodo tra marzo e aprile in aula ci sarà sempre la compresenza di un istruttore ed un facilitatore del lavoro di gruppo presso la sede del Marinara programma degli incontri 1. Incontro preliminare che prevede la partecipazione di tutti gli operatori coinvolti: presentazione degli istruttori, dei facilitatori e del programma; metodologia del lavoro di gruppo, stesura del calendario di lavoro e suddivisione in gruppi per le uscite in mare; attrezzatura individuale necessaria per affrontare la navigazione invernale. 2. Corso di vela lezione1: a terra: presentazione della barca, nomenclatura e armo, le manovre fondamentali (orzare e poggiare, cazzare e lascare). in mare: approccio alle manovre fondamentali. 3. Corso di vela lezione 2: a terra: le andature, la regolazione delle vele in mare: esercitazione nelle varie andature. 4. Corso di vela lezione 3: a terra: la bolina e la virata. in mare: esercitazione pratica su come raggiungere un punto sopravento. 5. Incontro con tutti gli operatori coinvolti per la presentazione della flotta e delle modalità di lavoro in mare e a terra con il gruppo di lavoro al fine di valutarne le potenzialità nei corsi destinati alle varie tipologie di utenti, 6. Corso di vela lezione 4: a terra: le andature portanti e la strambata, la navigazione lungo percorsi prestabiliti.

2 in mare: esercitazione pratica su un percorso tra due punti posti uno esattamente sopravento all altro. 7. Corso di vela lezione 5: a terra: effetto evolutivo del timone, della carena e delle vele, il profilo alare delle appendici e delle vele e suo effetto sulla propulsione (moto laminare e turbolento), il vento apparente, accenni di meteorologia. in mare: esercitazione pratica sui Dream. 8. Incontro conclusivo con tutti i partecipanti in cui si raccolgono: valutazioni e suggerimenti, presentazione del programma primaverile dedicato agli utenti, presentazione e raccolta adesioni per il corso avanzato rivolto agli operatori ed elaborazione dei vissuti cognitivi ed emotivi della fase formativa CORSI RIVOLTI AGLI UTENTI Disagio Sociale corsi propedeutico/esplorativi Si tratta di corsi rivolti ad un ampia fascia di utenti e hanno la funzione di valutare il livello di interesse stimolato dall esperienza proposta al fine di individuare eventuali percorsi successivi. Vertono soprattutto sull ambientamento e sull orientamento e si avvalgono di programmi, imbarcazioni e supporti didattici specifici per le diverse tipologie di inabilità. Svolgimento un corso base di avvicinamento alla vela teorico/pratico di 9 ore suddivise in 5 incontri I incontro : a terra 1,5 ore: presentazione del gr uppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo 1,5 ora in mare di ambientamento con il mare e la vela (con barca della lega e di Marinando di metri dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) 2 incontro a terra 1 ora: presentazione della barca, nomenclatura e armo, le manovre fondamentali (orzare e poggiare, cazzare e lascare). in mare 2 ore: approccio alle manovre fondamentali. 3 incontro a terra 1 ora: le andature, la regolazione delle vele in mare 2 ore: esercitazione nelle varie andature 4 incontro a terra 1 ora: le andature portanti e la strambata, la navigazione lungo percorsi prestabiliti. in mare 2 ore: esercitazione pratica su un percorso tra due punti posti uno esattamente sopravento all altro. 5 incontro: a terra 2 ore in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura corsi avanzati Sono rivolti a coloro che, dopo aver frequentato il corso propedeutico, manifesteranno interesse per l approfondimento dell esperienza vissuta.

3 Nel monte ore proposto sono previste sia lezioni teoriche che uscite in mare e sono finalizzate a raggiungere il più alto livello di autonomia possibile sia tecnica che relazionale. Sono previsti inoltre incontri periodici di approfondimento con i facilitatori sulle tematiche emerse relative agli aspetti relazionali ed emotivi che riguardano l individuo e le interazioni di gruppo vissute nell esperienza percorsi formativi turistici, tecnici e sportivi I percorsi successivi prevedono e assecondano le attitudini e gli interessi degli utenti e comprendono vari aspetti della navigazione a vela come il diporto, l insegnamento o l agonismo, il team building e le dinamiche di gruppo corso sperimentale regata Al fine di creare un evento promozionale e mediatico per far conoscere il progetto e le sue potenzialità abbiamo attivato un corso finalizzato a formare un equipaggio che parteciperà all' Handy cup 2010 che si terrà nelle acque laziali nel mese di maggio. MOTIVAZIONI E PERCORSI SPECIFICI PER LE DIVERSE TIPOLOGIE DI DIVERSITÀ corso di vela per non vedenti Un buon timoniere è colui che riesce a sentire con il proprio corpo i messaggi che la barca gli comunica e riesce a percepire sulla propria pelle le più piccole variazioni di intensità e direzione del vento. Si narra che l ammiraglio Straolino, già comandante dell Amerigo Vespucci a metà degli anni sessanta nonché campione olimpico nel 1952 a Helsinki nella prestigiosa classe Star, timonasse la sua barca nel golfo di Napoli, di notte e con gli occhi bendati, al fine di affinare la sua sensibilità. Il navigatore danese Paul Elvstrom ha vinto un campionato del mondo nella classe Tornado quando la sua vista non gli consentiva più di vedere la prua del suo catamarano. Tra le attività sportive rivolte ai non vedenti la vela è forse quella che ha la possibilità di essere svolta senza l'utilizzo di attrezzature particolari ed è già largamente praticata sia in Italia che nel resto del mondo. In particolare, in Italia, l associazione Homerus vanta un esperienza decennale, durante i quali ha creato oltre un centinaio di velisti entusiasti. Homerus è un associazione membra dell Unione Vela Solidale e ha messo a disposizione la sua competenza per formare gli istruttori impegnati nel progetto. Il percorso si svolge in due fasi: la prima, il corso propedeutico/esplorativo, consente ad un ampio numero di utenti di approcciare la navigazione a vela e di valutare la propria possibilità di interazione con la sua pratica; la seconda, il corso avanzato, è finalizzata a creare il più alto livello di autonomia possibile sia della conoscenza e della gestione dell imbarcazione che della navigazione. corso propedeutico/esplorativo Il corso prevede 5 incontri per un totale di 20 ore. Cosi articolati: un incontro di apertura di presentazione del gruppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo,e d una parte in mare di ambientamento con il mare e la vela dell'associazione Marinando di 9 mt. dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) Nei successivi incontri si prevedono parti teoriche a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Nelle lezioni teoriche vengono utilizzati adeguati supporti didattici.

4 Infine un incontro conclusivo in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura. Il corso tratterà i seguenti argomenti: presentazione della barca, nomenclatura fondamentale, attrezzatura e nodi; armo dell imbarcazione; orientamento rispetto al vento; le andature rispetto al vento; navigazione nelle varie andature e regolazione delle vele, 0dinamiche di gruppo, la fiducia, la relazione, i pregiudizi, l autostima, e l autonomia personale. corso avanzato Il corso è rivolto a coloro che hanno già frequentato il corso propedeutico/esplorativo e prevede 7 incontri per un totale di 21 ore. Ogni incontro prevede sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Nelle lezioni teoriche vengono utilizzati adeguati supporti didattici. Il corso approfondirà i seguenti argomenti: conoscenza approfondita dell imbarcazione e delle attrezzature di bordo, armo della barca, logistica e orientamento; manovre fondamentali, le andature, la regolazione delle vele; navigazione per raggiungere un punto sopravento, la bolina, la virata; le andature portanti e la strambata, navigazione tra due punti prestabiliti posti uno sopravento all altro; accenni di meteorologia, accenni sulla fisica della vela. Sono previsti inoltre incontri periodici di approfondimento con i facilitatori sulle tematiche emerse relative agli aspetti relazionali ed emotivi che riguardano l individuo e le interazioni di gruppo vissute nell esperienza Percorsi formativi turistici, tecnici e sportivi la fase successiva propone, agli utenti che vorranno approfondire l esperienza, dei percorsi, individuali o di gruppo, che possono indirizzarsi verso diversi aspetti della navigazione a vela: il diporto; la vela agonistica (corso sperimentale regata); la scuola vela, con un corso finalizzato alla didattica, per chi ha piacere di divulgare la propria esperienza in supporto agli istruttori del centro. corso di vela per disabili fisici Questo percorso prevede necessariamente l utilizzo di imbarcazioni progettate per consentire ad un ampia fascia di utenti di navigare in autonomia. Molti progettisti nautici si sono impegnati per creare imbarcazioni adatte a consentire a soggetti con problemi motori la pratica della vela, a volte con risultati estremamente interessanti, tanto che esistono competizioni ufficiali in cui non sono previste discriminazioni ne agevolazioni per velisti diversamente abili che si trovano a competere sullo stesso piano con atleti normodotati. Il percorso didattico prevede l utilizzo di una barca per due persone (allievo e istruttore) con il timone e le manovre raggiungibili da tutti e due i membri dell equipaggio. Questo consente e graduale passaggio di ruoli tra l istruttore e l allievo, per stimolare nell utente un progressivo aumento di autonomia nella gestione del mezzo. Il corso propedeutico/esplorativo, consente agli utenti interessati di avvicinarsi alla navigazione a vela, di conoscere e provare le imbarcazioni del centro e di valutare la propria possibilità di interazione con la sua pratica. Il corso avanzato è finalizzato a creare il più alto livello di autonomia possibile sia della conoscenza e della gestione dell imbarcazione che della navigazione.

5 corso propedeutico/esplorativo Il corso prevede 4 incontri per un totale di 10 ore. Cosi articolati: un incontro di apertura di presentazione del gruppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo,e d una parte in mare di ambientamento con il mare e la vela dell'associazione Marinando dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) I successivi incontro prevedono sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Infine un incontro conclusivo in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura Il corso tratterà i seguenti argomenti: presentazione della barca, nomenclatura fondamentale, attrezzatura e nodi; le andature rispetto al vento; navigazione nelle varie andature e regolazione delle vele. dinamiche di gruppo, la fiducia, la relazione, i pregiudizi, l autostima, e l autonomia personale. corso avanzato Il corso è rivolto a coloro che hanno già frequentato il corso propedeutico/esplorativo e prevede 4 incontri per un totale di 12 ore. Ogni incontro prevede sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Il corso approfondirà i seguenti argomenti: conoscenza approfondita dell imbarcazione e delle attrezzature di bordo, armo della barca, logistica; manovre fondamentali, le andature, la regolazione delle vele; navigazione per raggiungere un punto sopravento, la bolina, la virata; le andature portanti e la strambata, navigazione tra due punti prestabiliti posti uno sopravento all altro; accenni di meteorologia, accenni sulla fisica della vela. Sono previsti inoltre incontri periodici di approfondimento con i facilitatori sulle tematiche emerse relative agli aspetti relazionali ed emotivi che riguardano l individuo e le interazioni di gruppo vissute nell esperienza Percorsi formativi turistici, tecnici e sportivi La fase successiva propone, agli utenti che vorranno approfondire l esperienza, dei percorsi, individuali o di gruppo, che possono indirizzarsi verso diversi aspetti della navigazione a vela: il diporto; la vela agonistica; la scuola vela, con un corso finalizzato alla didattica, per chi ha piacere di divulgare la propria esperienza in supporto gli istruttori del centro. Corso di vela per ragazzi e giovani adulti con sindrome di down Corso propedeutico/esplorativo Il corso prevede 8 incontri per un totale di 24 ore. Così articolati: un incontro di apertura di presentazione del gruppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo, e duna parte in mare di ambientamento con il mare e la vela (con barca di metri dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) I successivi incontro prevedono sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Infine un incontro conclusivo in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura.

6 Il corso tratterà i seguenti argomenti: Presentazione della barca, nomenclatura fondamentale, attrezzatura e nodi; le andature rispetto al vento; navigazione nelle varie andature e regolazione delle vele. Temi di lavoro con il gruppo: capacità di problem solving, focalizzazione attenzione capacità di espressione e regolazione emozioni, autonomie personali, gestione delle relazioni interpersonali nel gruppo. Le uscite in mare vedranno impegnate i ragazzi in modo alternato con imbarcazioni monoposto e uscite di gruppo. Corso di vela per ragazzi e giovani adulti con autismo Corso propedeutico/esplorativo Il corso prevede 8 incontri per un totale di 24 ore. Così articolati: un incontro di apertura di presentazione del gruppo e dei singoli partecipanti, lettura delle motivazioni, aspettative e presentazione di eventuali esperienze pregresse di vela, navigazione, lavoro di gruppo,e duna parte in mare di ambientamento con il mare e la vela (con barca di metri dove il gruppo sperimenta un approccio soft al mare e alla vela ) I successivi incontro prevedono sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Infine un incontro conclusivo in plenaria per resoconto della esperienza, elaborazione dei vissuti e progettazione di esperienza futura. Il corso tratterà i seguenti argomenti: Presentazione della barca, nomenclatura fondamentale, attrezzatura e nodi; le andature rispetto al vento; navigazione nelle varie andature e regolazione delle vele. Temi di lavoro con il gruppo: sviluppo capacità di riconoscimento dell altro da sè, orientamento spaziale, focalizzazione attenzione capacità di espressione e regolazione emozioni, autonomie personali, gestione delle relazioni interpersonali nel gruppo. Gli aspetti terapeutico-riabilitativi sono: il cambiamento di stato, cioè un nuovo ambiente con nuovi stimoli sensoriali, il vento, il silenzio, il costante riequilibro del corpo, un esperienza fortemente emotiva e personale che trascende le parole e popola lo spazio vuoto di pensieri; migliore orientamento la dinamica di gruppo: le scelte, i rifiuti, gli stili diversi, la cooperazione; non si tratta di generica socializzazione ma di qualcosa che si avvicina alla psicoterapia senza la coazione della seduta clinica; la riabilitazione: la conoscenza del proprio corpo e del proprio equilibrio; la possibilità di compiere movimenti e gesta altrimenti dimenticati; l autonomia, la possibilità di comandare una grossa imbarcazione con un minimo sforzo. Le uscite in mare vedranno impegnate i ragazzi in modo alternato con imbarcazioni monoposto e uscite di gruppo. Corso di vela per non udenti La persona con sordità, o meglio deficit sensoriale uditivo, è generalmente caratterizzata da una riduzione, più o meno grave, della capacità di percepire e riconoscere suoni e

7 rumori provenienti dall ambiente circostante, e dalla ridotta capacità di discriminare (riconoscere ed attribuire un significato) alle parole, frasi e discorsi di uno o più interlocutori attraverso il canale uditivo. Per ovviare, almeno parzialmente, a tale deficit le persone sorde generalmente usufruiscono di ausili protesici/ortesici personali di due tipologie: Protesi acustiche (retro, o endo auricolari) che amplificano ogni fonte sonora proveniente dall esterno (suoni, parole, rumori ambientali, rumori di fondo ecc.); Impianti cocleari (definiti comunemente Orecchi Bionici) che in sostanza sostituiscono totalmente la funzione della coclea (parte dell orecchio interno dove il suono proveniente dal padiglione auricolare viene trasformato in segnale micro-elettrico che, tramite il nervo acustico, arriva al cervello). Le persone sorde che hanno usufruito nella loro crescita di un corretto percorso di diagnosi neonatale della sordità, di protesizzazione precoce o Impianto cocleare nonché adeguata riabilitazione logopedica, sono generalmente integre dal punto di vista cognitivo, perciò possono accedere alle attività ludiche sportive, inclusa la nautica e la vela, una volta che siano state analizzate, concordate ed adottate alcune modalità comunicative facilitanti che approfondiremo in seguito. Le persone con sordità che invece hanno usufruito solo parzialmente o tardivamente di tali percorsi diagnostici/protesici riabilitativi, generalmente, oltre alle difficoltà uditive sopra indicate, sviluppano difficoltà cognitive di entità correlata al tempo della deprivazione sonora. Ai fini della loro adeguata e soddisfacente inclusione in attività ludiche nautiche e veliche, vanno adeguatamente analizzate, al fine di personalizzare ed eventualmente semplificare le strategie comunicative da adottare per l inclusione in percorsi di formazione nautica e velica. Merita inoltre evidenziare, a fattor comune, che le persone affette da sordità generalmente sviluppano ottime capacità personali di comunicazione/relazione interpersonale alternativi/integrativi all udito/parola quali: lettura labiale, acutezza dello spirito di osservazione e di percezione/codificazione del non verbale, ecc. Alcune persone sorde, soprattutto quelle più anziane, hanno adottato forme di comunicazione mimico-gestuali, note generalmente con il termine Lingua dei Segni o LIS, complesse ed articolate, che favoriscono la comunicazione tra persone sorde, ma che richiedono la presenza di mediatori (interpreti LIS) per la comunicazione con coloro che non conoscono tale modalità. Il percorso per l adestramento/inclusione delle persone con sordità prevede due fasi: Un prima fase preliminare di avvicinamento alle attività di formazione nautica velica, che passa perciò sostanzialmente dalla valutazione preliminare delle effettive capacità e modalità comunicative di ciascuna, dalla focalizzazione e messa a punto, laddove necessario, di strumenti e modalità di Comunicazione Alternativa Aumentativa (CAA) da contestualizzare all ambiente nautico ed alla imbarcazione che verrà utilizzata. Tali aspetti verranno analizzati ed approfonditi in comune tra gli operatori esperti delle sordità, i terapisti logopedici, i mediatori della Comunicazione (quando necessario) e gli esperti velici e marinareschi. Tutto ciò al fine di focalizzare/personalizzare e mettere in pratica modalità comunicative codificate e condivise, necessario presupposto per facilitare l accesso e l inclusione efficace delle persone con sordità nell ambiente barca nella seconda fase. Una seconda fase, a gradualità crescente, che parte dalla valutazione iniziale patica delle singole necessità pratiche della persona con sordità (protezione delle protesi(impianti cocleari dal salmastro, dagli schizzi d acqua; adozione di protocolli di regolazione o amplificazione acustica degli stessi alle condizioni marine, ecc.) all indottrinamento di base marinaresco velico di base, ed all inserimento graduale a bordo delle imbarcazioni. Tutto ciò sarà comunque sviluppato secondo due fondamentali LINEE GUIDA di riferimento: la conquista dell autonomia individuale e inclusione in equipaggi composti sia persone con sordita sia normo-udenti sulla base delle effettive abilità di ciascuno e l integrazione delle stesse.-

8 corso avanzato Il corso è rivolto a coloro che hanno già frequentato il corso propedeutico/esplorativo e prevede 7 incontri per un totale di 21 ore. Ogni incontro prevede sia la teoria a terra che la esercitazione in mare, salvo avverse condizioni meteo. Nelle lezioni teoriche vengono utilizzati adeguati supporti didattici. Il corso approfondirà i seguenti argomenti: conoscenza approfondita dell imbarcazione e delle attrezzature di bordo, armo della barca, logistica e orientamento; manovre fondamentali, le andature, la regolazione delle vele; navigazione per raggiungere un punto sopravento, la bolina, la virata; le andature portanti e la strambata, navigazione tra due punti prestabiliti posti uno sopravento all altro; accenni di meteorologia, accenni sulla fisica della vela. Sono previsti inoltre incontri periodici di approfondimento con i facilitatori sulle tematiche emerse relative agli aspetti relazionali ed emotivi che riguardano l individuo e le interazioni di gruppo vissute nell esperienza Percorsi formativi turistici, tecnici e sportivi la fase successiva propone, agli utenti che vorranno approfondire l esperienza, dei percorsi, individuali o di gruppo, che possono indirizzarsi verso diversi aspetti della navigazione a vela: il diporto; la vela agonistica (corso sperimentale regata); la scuola vela, con un corso finalizzato alla didattica, per chi ha piacere di divulgare la propria esperienza in supporto agli istruttori del centro.

Circolo della Vela di Roma

Circolo della Vela di Roma Associazione Sportiva Dilettantistica Sede di Anzio PRESENTAZIONE DEL PROGETTO VELASCUOLA PREMESSA Con questo progetto si intende offrire alle scuole, impegnate ad assolvere alle nuove competenze derivanti

Dettagli

Tutti al mare! Tutti al mare!... in barca a vela (un corso per disabili della Lega Navale Sezione di Firenze)

Tutti al mare! Tutti al mare!... in barca a vela (un corso per disabili della Lega Navale Sezione di Firenze) Tutti al mare! Tutti al mare!... in barca a vela (un corso per disabili della Lega Navale Sezione di Firenze) La Lega Navale Italiana - Sezione di Firenze, in collaborazione con il Comune di Firenze, ha

Dettagli

Didattica: 1. PATENTE NAUTICA: Corso teorico e Carteggio Entro le 12 miglia Corso teorico e Carteggio Senza limiti

Didattica: 1. PATENTE NAUTICA: Corso teorico e Carteggio Entro le 12 miglia Corso teorico e Carteggio Senza limiti La Scuola Nautica La Scuola Nautica Scainetti Sail S.r.l. è dal 1988 una delle scuole nautiche più attive di Roma. Accreditata presso la Provincia di Roma e Capitaneria di Porto di Roma, organizza autonomamente

Dettagli

per la cooperativa Biosfera 3481539256; ems@coopbiosfera.it

per la cooperativa Biosfera 3481539256; ems@coopbiosfera.it La cooperativa BIOSFERA è accreditata nella sezione A e B per la gestione del servizio educativo a favore di disabili sensoriali nei seguenti territori: COMUNE DI TORINO, CONSORZI DI RIVOLI, PIANEZZA SETTIMO

Dettagli

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE Società Sportiva Dilettantistica a responsabilità limitata ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI IL NUOTO A SCUOLA, UN OPPORTUNITA PER TUTTI ANNO SCOLASTICO 2013-2014

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA

REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA REGOLAMENTO DEL GRUPPO SPORTIVO VELA Articolo 1 Il presente Regolamento del Gruppo Vela è redatto in conformità ai principi contenuti nel Regolamento per i Gruppi Sportivi della Lega Navale Italiana, approvato

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

A - diploma di Istruttore di Vela di I Livello. Natura della certificazione: o Accademico Professionale X abilitazione.

A - diploma di Istruttore di Vela di I Livello. Natura della certificazione: o Accademico Professionale X abilitazione. Tipologia : Certificazione: Istruttore I Livello A - diploma di Istruttore di Vela di I Livello Natura della certificazione: o Accademico Professionale X abilitazione X formazione iniziale X formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Contenuti: nomenclatura, nodi, armo, regolazione delle vele, andature e virate.

Contenuti: nomenclatura, nodi, armo, regolazione delle vele, andature e virate. 1) CORSO BASE Corso base si sviluppa in 5 sabati o 5 domeniche al Lago Maggiore o in due week end sul lago di Como, per imparare le tecniche di navigazione divertendosi, sui nostri cabinati di 6/9 metri.

Dettagli

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1 Società Cooperativa Sociale OLINDA o.n.l.u.s. 1 Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1. Premessa 2. Linee di

Dettagli

FRAGLIA DELLA VELA PESCHIERA DEL GARDA ASD. Oggetto: Progetto VelaScuola a.s.2014-2015 (attuazione art. 52 DL n 171 del 18/07/2005)

FRAGLIA DELLA VELA PESCHIERA DEL GARDA ASD. Oggetto: Progetto VelaScuola a.s.2014-2015 (attuazione art. 52 DL n 171 del 18/07/2005) FRAGLIA DELLA VELA PESCHIERA DEL GARDA ASD Oggetto: Progetto VelaScuola a.s.2014-2015 (attuazione art. 52 DL n 171 del 18/07/2005) Federazione Italiana Vela e Ministero della Pubblica Istruzione nel 2008

Dettagli

Avvicinarsi al Mare ed alla Vela. Scritto da Giorgio Bolens Lunedì 04 Luglio 2011 20:37

Avvicinarsi al Mare ed alla Vela. Scritto da Giorgio Bolens Lunedì 04 Luglio 2011 20:37 Il mare e la vela (a parere di molti l espressione più pura dell andar per mare) attraggono molte persone, anche in un periodo di crisi generale ed economica come quella che stiamo attraversando in questi

Dettagli

Introduzione alla navigazione a vela

Introduzione alla navigazione a vela Introduzione alla navigazione a vela Corso per gli allievi Realizzato dalla Scuola di Vela dello Yacht Club degli Aregai autore: mailto:meo@bogliolo.name Argomenti del corso L arte della navigazione a

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA LO SPORT RIVESTE UNA PARTICOLARE IMPORTANZA NEL PROCESSO EVOLUTIVO

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

PATENTE NAUTICA A VELA E/O A MOTORE

PATENTE NAUTICA A VELA E/O A MOTORE PATENTE NAUTICA A VELA E/O A MOTORE 2015-3 LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI MILANO Viale Cassala, 34 20143 Milano tel. 02.58314058 Fax 02.58314305 cod. fisc. 80100590159 www.leganavale.mi.it e-mail: milano@leganavale.it

Dettagli

DISABILITÀ E SPORT. Lo sport nel processo evolutivo della persona con disabilità. Dott. Giuseppe Napoli Psicologo psicoterapeuta

DISABILITÀ E SPORT. Lo sport nel processo evolutivo della persona con disabilità. Dott. Giuseppe Napoli Psicologo psicoterapeuta DISABILITÀ E SPORT Lo sport nel processo evolutivo della persona con disabilità Dott. Giuseppe Napoli Psicologo psicoterapeuta LO SPORT NEL PROCESSO EVOLUTIVO DELLA PERSONA CON DISABILITÀ Lo sport può

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

UOMO A-mare SULLE ROTTE DELLA FIDUCIA

UOMO A-mare SULLE ROTTE DELLA FIDUCIA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO UOMO A-mare SULLE ROTTE DELLA FIDUCIA 2014-2015 Dopo 8 anni di navigazione i marinai di UOMO A-MARE si sentono pronti a tracciare una nuova rotta in direzione di una

Dettagli

PATENTE NAUTICA A VELA E/O A MOTORE

PATENTE NAUTICA A VELA E/O A MOTORE PATENTE NAUTICA A VELA E/O A MOTORE 2016-2 LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI MILANO Viale Cassala, 34 20143 Milano T 02.58314058 Fax 02.58314305 C.F. 80100590159 www.leganavale.mi.it info@leganavale.it PATENTE

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

ragazzi down al timone

ragazzi down al timone ragazzi down al timone percorso velico esperienzale per l autonomia e la buona relazione di gruppo 11 con il contributo di: noi siamo... l associazione italiana persone down sezione di roma onlus L AIPD

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE 1 Associazione Nazionale Aperta/MENTE IL MONDO INTERNO Onlus ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI Provincia di Napoli Soggetto qualificato per la formazione dal M.I.U.R. con D.M. del 10 luglio 2000

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FINALITA In ottemperanza a quanto previsto dalle legge 169/2008 che introduce l insegnamento di Cittadinanza e Costituzione nelle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado,

Dettagli

MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015

MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 Martedì 20 Gennaio LABORATORIO PRATICO e Approfondimento Interventi didattici Secondo Incontro formativo: interventi pedagogici

Dettagli

CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015

CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 CORSI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 Martedì 20 Gennaio - LABORATORIO PRATICO e Approfondimento Interventi didattici Secondo Incontro formativo: interventi pedagogici per

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

by MATCH RACE ACADEMY

by MATCH RACE ACADEMY Team Building & Incentive 2015 CHI SIAMO La Match Race Academy nasce nel 2004 su iniziativa dello Yacht Club Italiano in collaborazione con BMW Italia. Il team è composto da professionisti del mondo della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

PROGETTO L APPRENDIMENTO DEL SOGGETTO DISABILE: MOTIVAZIONE, STIMOLAZIONE SENSORIALE E NEUROMOTORIA

PROGETTO L APPRENDIMENTO DEL SOGGETTO DISABILE: MOTIVAZIONE, STIMOLAZIONE SENSORIALE E NEUROMOTORIA DIREZIONEDIDATTICASTATALE"MarieCurie" PlessidiviaBodio22 e viaguicciardi1 ViaGuicciardi,1 20158MILANO 02/39310265 02/39320412(fax) E-Mail:el.guicciardi@libero.it Cod.Mecc.MIEE00600C C.F.97093410153 PROGETTO

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA

INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA ENTE Ente proponente il progetto: U.I.L.D.M. Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Onlus - Direzione Nazionale Via P.P. Vergerio, 19-35126 Padova

Dettagli

CORSI/EVENTI INCENTIVE

CORSI/EVENTI INCENTIVE Il Match Race, è una vera e propria guerra tra due imbarcazioni. La posta in palio: LA VITTORIA! Partendo da questo concetto abbiamo costruito un Evento in grado di rappresentare con lo sport le quotidiane

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

Introduzione Capitolo 1: L apparato uditivo

Introduzione Capitolo 1: L apparato uditivo Introduzione Introduzione... 3 Capitolo 1: L apparato uditivo... Errore. Il segnalibro non è 1.1 Introduzione... Errore. Il segnalibro non è 1.2 Anatomia dell orecchio... Errore. Il segnalibro non è 1.3

Dettagli

Team Building in barca a Vela!

Team Building in barca a Vela! Team Building in barca a Vela! Castelletto di Brenzone (VR) Lago di Garda Team Building in barca a Vela! La barca a vela rappresenta un vero e proprio laboratorio nel quale si possono riproporre in maniera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

PROGETTO VELA PER DISABILI

PROGETTO VELA PER DISABILI 2006 VELA PER DISABILI Entrarono tutti nell onda..gli altri surfisti lo seguirono zigzagando L onda più perfetta che avesse mai visto, prese ad avvolgerli lentamente arrotolandosi intorno a loro fino ad

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Educare alla Relazione nella DiversAbilità

Educare alla Relazione nella DiversAbilità Educare alla Relazione nella DiversAbilità 1 Impariamo ad accogliere i BES L aumento impressionante dei disturbi dello sviluppo ha notevolmente innalzato il livello di allarme nei genitori, tanto da portare

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MIUR DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE, L INTEGRAZIONE, LA PARTECIPAZIONE E LA COMUNICAZIONE E PROTOCOLLO DI INTESA tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA Premessa Dati presenti in letteratura evidenziano che circa il 10% dei bambini che iniziano ad imparare a leggere e a scrivere presenta delle difficoltà che richiedono

Dettagli

MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015

MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 MOMENTI FORMATIVI 2015 organizzati dal CTS provinciale di Cremona GENNAIO 2015 Martedì 20 Gennaio LABORATORIO PRATICO e Approfondimento Interventi didattici Secondo Incontro formativo: interventi pedagogici

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione L'esperienza del Politecnico di Torino nella gestione dell'integrazione nell'università e dell'accessibilità alle risorse didattiche da parte di studenti audiolesi I sordi in università Negli ultimi anni

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 istituto "ALBERTI-PORRO" Nome docente Chiara Sammatrice Materia insegnata Scienze Umane e sociali Classe numero ore di insegnamento Testo in adozione 2 B 0SS 4 h settimanali

Dettagli

Delegazione Regionale FINP CALABRIA Delegato Maurizio Marrara CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI NUOTO F.I.N.P. MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL CORSO

Delegazione Regionale FINP CALABRIA Delegato Maurizio Marrara CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI NUOTO F.I.N.P. MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL CORSO Reggio Calabria, 1 Febbraio 2016 Ai Presidenti dei Comitati Regionali C.I.P. Ai Delegati Regionali F.I.N.P. e F.I.S.D.I.R. Ai Presidenti delle Soc. Sportive F.I.N.P. e F.I.S.D.I.R. Ai Presidenti dei Comitati

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

La formazione vola alto.

La formazione vola alto. ALCUNI TRA I MIGLIORI Il vostro viaggio formativo HUMANFORM, FORMAZIONE SU MISURA Humanform è una società di formazione e consulenza aziendale certificata UNI ISO 9000:2008 EA 37 e accreditata Forma.Temp,

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO

ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO DA QUASI QUARANT ANNI, DIAMO IL MEGLIO DI TUTTI! ASD S.STEFANO SPORT nasce nel 1976 allo scopo di favorire e promuovere lo sport, organizzando e partecipando a manifestazioni

Dettagli

I PERCORSI DI FORMAZIONE CAVALGIOCARE 2015

I PERCORSI DI FORMAZIONE CAVALGIOCARE 2015 I PERCORSI DI FORMAZIONE CAVALGIOCARE 2015 Durante i 15 anni di attività e sperimentazione e nei 27 corsi svolti fino ad oggi, la formazione Cavalgiocare si è sempre più strutturata e arricchita di nuovi

Dettagli

SEMINARIO INTENSIVO di

SEMINARIO INTENSIVO di SEMINARIO INTENSIVO di LINGUAGGIO DEL CORPO L uomo non vive la realtà e la comunicazione in modo diretto. Schemi sociali, stereotipi, pregiudizi e lo stesso impiego della parola fanno da filtro per tutto

Dettagli

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress Chi si Forma non si ferma! www.snapform.it info@snapform.it Corsi LIFE IN PROGRESS Il counseling per la vita di tutti i giorni

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ. I presupposti legislativi

LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ. I presupposti legislativi LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ I presupposti legislativi La costituzione art.3 e art.34 :coniugano il diritto allo studio con un idea di eguaglianza sostanziale Legge

Dettagli

AMBIENTE, SPORT E CULTURA SUL FIUME TEVERE, NEL CUORE DI ROMA CAPITALE Apprendere in Rafting alla scuola del Fiume

AMBIENTE, SPORT E CULTURA SUL FIUME TEVERE, NEL CUORE DI ROMA CAPITALE Apprendere in Rafting alla scuola del Fiume AMBIENTE, SPORT E CULTURA SUL FIUME TEVERE, NEL CUORE DI ROMA CAPITALE Apprendere in Rafting alla scuola del Fiume Proposta per uscite Didattiche, Giochi Studenteschi regionali Corsi di formazione per

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Metodologie didattiche per apprendere competenze

Metodologie didattiche per apprendere competenze Metodologie didattiche per apprendere competenze Amelia Manuti Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Università di Bari amelia.manuti@uniba.it Obiettivi della giornata Analizzare

Dettagli

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private,

Dettagli

ALLEGATO A) Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88

ALLEGATO A) Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88 Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88 ALLEGATO A) LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Il progetto TEAM SAILING pone le proprie basi sull esperienza e professionalità dello storico brand

Il progetto TEAM SAILING pone le proprie basi sull esperienza e professionalità dello storico brand TopActive è un team di professionisti che lavora da più di vent anni con Entusiasmo e Creatività alla realizzazione di progetti attraverso attività di Incentive e di Formazione Esperienziale. Nato da un

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

Introduzione Scuola Vela Mascalzone Latino Lo scopo

Introduzione Scuola Vela Mascalzone Latino Lo scopo Introduzione La Scuola Vela Mascalzone Latino nasce nel 2007 da un idea di Vincenzo Onorato, fondatore di Mascalzone Latino, uno dei team velici italiani più rinomati nel mondo grazie ai suoi sei titoli

Dettagli

Autismo e disabilità a scuola: come conoscerlo e come intervenire

Autismo e disabilità a scuola: come conoscerlo e come intervenire Autismo e disabilità a scuola: come conoscerlo e come intervenire (terza parte) Paola Bellandi paobell1960@gmail.com 5 MARZO 2015 A. LUNARDI -BRESCIA- L alunno con disturbi relazionali e della comunicazione

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

PERCHE IN BARCA A VELA?"

PERCHE IN BARCA A VELA? C O R P O R A T E R E G A T T A PERCHE IN BARCA A VELA? 2 La regata rappresenta una efficace metafora della realtà aziendale, uno strumento stimolante, formativo ed esperienziale outdoor. Le nostre attività

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA

I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA Piano Offerta Formativa Scheda sintetica Progetto/Attività a.s. 2015-2016 Denominazione del Progetto: EDUCAZIONE MOTORIA e GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI Esercizio

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

CAPITAN UNCINO. In mare aperto per tutte le abilità. associazione MAGNA GRECIA MARE

CAPITAN UNCINO. In mare aperto per tutte le abilità. associazione MAGNA GRECIA MARE CAPITAN UNCINO In mare aperto per tutte le abilità Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell ambito della Legge 383 di promozione sociale. Lettera F/2011 L IDEA Ÿ Lo sport

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

LEADERSHIP EMOTIVA IN BARCA A VELA

LEADERSHIP EMOTIVA IN BARCA A VELA LEADERSHIP EMOTIVA IN BARCA A VELA Corso outdoor per Imprenditori Che accettano obiettivi sfidanti Che si mettono in gioco Che guardano oltre Gilberto Cristanini, Coach aziendale Raffaele Rivera, Istruttore

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

PROGETTO VELA SCUOLA PERMANENTE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

PROGETTO VELA SCUOLA PERMANENTE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PROGETTO VELA SCUOLA PERMANENTE - Con il DPR 10 ottobre 1996 n. 567 l istituzione scolastica si apre alle richieste di tipo educativo e culturale che provengono dal territorio: enti, associazioni ecc..

Dettagli

L AVORO DI RETE AL OBIETTIVI FORMATIVI

L AVORO DI RETE AL OBIETTIVI FORMATIVI Finalita educativa generale: Favorire l inserimento, promuovere l integrazione scolastica e lo sviluppo delle potenzialità dell alunno disabile o in situazione di svantaggio nell apprendimento, nella comunicazione,

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

NORMATIVA e PROGRAMMI CORSI DI FORMAZIONE 2009/2012

NORMATIVA e PROGRAMMI CORSI DI FORMAZIONE 2009/2012 SETTORE QUADRI TECNICI FORMAZIONE ISTRUTTORI NORMATIVA e PROGRAMMI CORSI DI FORMAZIONE 2009/2012 SOMMARIO INTRODUZIONE Pag. 4 BREVETTO FEDERALE DI ISTRUTTORE DI VELA 1 - LIVELLO DERIVE // TAVOLE A VELA

Dettagli

Corso Vela I Livello ( teoria e pratica della vela)

Corso Vela I Livello ( teoria e pratica della vela) AccademiA del Mare admvela.it 392.1494875 valter.cimaglia@gmail.com Circolo Velico Fiumicino Viale Traiano, 180 00054 Fiumicino 06.6506120 fax 06.65024492 scuolavela@cvfiumicino.it Il Circolo Velico Fiumicino

Dettagli

Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo. Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali

Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo. Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali Centro Territoriale per l Integrazione di Feltre Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali Dott.ssa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO FALCONARA CENTRO Centro Territoriale di Supporto

ISTITUTO COMPRENSIVO FALCONARA CENTRO Centro Territoriale di Supporto Ai Docenti delle scuole Rete CTS Falconara M.ma Loro Sedi Oggetto: attività di formazione sui disturbi dello spettro autistico. Si comunica l avvio della formazione in oggetto a partire dal 26 gennaio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ANDREA FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace, 17 40010 Sala Bolognese (BO) Tel. 051-6821302 Fax 051-6822294

ISTITUTO COMPRENSIVO ANDREA FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace, 17 40010 Sala Bolognese (BO) Tel. 051-6821302 Fax 051-6822294 M. P. I. U. S. R. E M I L I A R O M A G N A U. S. P. B O L O G N A ISTITUTO COMPRENSIVO ANDREA FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace, 17 40010 Sala Bolognese (BO) Tel. 051-6821302 Fax 051-6822294 C.F. 91201290375

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione ISTC - CNR Trento, 21 maggio 2011

Dettagli

SCUOLA DI ORGANIZZAZIONE Modello metodologico e metodologie per la formazione Approccio metodologico Il modello formativo messo a punto e utilizzato dalla Scuola di Studi Socio-economici e Organizzativi

Dettagli