Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli"

Transcript

1 Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento. Links E stato sviluppato nel 1993 dal SEI, Software Engineering Institute della Carnegie Mellon University, Pittsburgh, USA, per conto del DOD (Dept. Of Defense, USA). G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Il concetto di capability Il modello CMM permette di valutare le organizzazioni che operano nel settore IT in funzione del loro livello di maturità e della capability dei processi che attuano. Per capability si intende, in termini di produzione industriale, la qualità attesa dei risultati di un processo. Dipende, sostanzialmente, dal livello di definizione, gestibilità, misurabilità, controllabilità ed effettiva implementazione raggiunto da uno specifico processo. Il concetto di maturità (2) La maturità di una organizzazione è la capacità di fornire prodotti di qualità attraverso la capacità dei processi che attua. In una organizzazione è quindi la capacità di controllare/prevedere/garantire la qualità dei prodotti in uscita dai processi. In funzione di questa capacità le organizzazioni possono essere posizionate su una scala ordinale da 0 a 5. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Rapporti tra i livelli La differenza tra i. diversi livelli non è confrontabile. Si può solo dire che il livello 5 è maggiore del livello 4 ed il 4 del 3 e così via... La scala evidenzia il proposito del CMM di essere un supporto per la evoluzione delle organizzazioni. Per fare un confronto, la ISO 9001 definisce uno stadio cui tendere, senza indicare il percorso. Il CMM definisce i passi del percorso che di miglioramento. Lo schema base del CMM Molto schematicamente,. si può dire che il CMM si basa su uno schema che vale per ogni livello. Input Passi Obiettivi Pe ogni livello cambiano input/output e passi da eseguire. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

2 Utilizzo del modello Il modello CMM può essere utilizzato per: riesame di una organizzazione per identificarne i punti di forza e di debolezza valutazione di organizzazioni esterne al fine di selezionare un fornitore di beni e servizi guida al miglioramento dei processi di una organizzazione, attraverso l analisi delle misure di processo rilevate La scala di maturità Il CMM utilizza una scala ordinale a 5 livelli per valutare le organizzazioni. I livelli di maturità vanno dallo stato caotico e destrutturato (livello 1) ad uno disciplinato ed in grado di misurarsi per migliorare (livello 5). G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio La struttura del modello contiene Key process areas Common Features Key practices Indica Raggiunge Indirizza Descrive Process capability GOALS consolidamento consolidamento Process capabilities & Key process areas Per ogni livello di maturità, sono definite le process capabilities ovvero un insieme di risultati attesi dalla messa in atto dei processi di sviluppo software a quel determinato livello di maturità. Con l eccezione del livello 1, ogni livello ha associate alcune KEY Process Areas che rappresentano i processi cruciali che una organizzazione deve implementare correttamente per poter raggiungere i risultati attesi per quel livello. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Le Key Process Areas Le KPAs sono da considerare un cluster di attività correlate che, quando svolte collettivamente, permettono il raggiungimento di obiettivi considerati importanti ai fini della dimostrazione del miglioramento dei processi. Le KPAs sono 18 (nella vers. 1.1 del CMM) e sono proprie dei vari livelli di maturità. Il livello 1 non ne ha. Il livello 5 deve possederle tutte e 18. Il CMM non descrive tutti i processi coinvolti nello sviluppo del sw, ma solo quelli che considera chiave. Key Process Areas e Goals Rispetto ad ogni KPA sono identificati dei goals ovvero degli obiettivi da raggiungere per poter considerare soddisfatta l implementazione corretta della KPA. Ad esempio, un goal per la KPA Software Process Planning (appartenente al Livello 2) è le stime della dimensione del software e dell impegno nello sviluppo sono documentate ed utilizzate per pianificare il progetto e tracciarne l andamento. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

3 I livelli - i contenuti - Livelli 1 & 2 I livelli - i contenuti - Livello 1 LIVELLO 1 - INITIAL Il SW prodotto è caratterizzato dall'essere costruito "ad hoc", seguendo strategie occasionali e caotiche Solo alcuni processi produttivi sono ben definiti ed i successi dipendono solo da sforzi individuali Solo alcuni processi produttivi sono stabili LIV. 2 - REPETEABLE I processi di gestione (project management) dei progetti più importanti sono definiti in modo da: Permettere la loro pianificazione Tenere traccia dei costi (tempo e denaro) L'obiettivo principale è poter riprodurre le stesse condizioni che hanno portato al successo in applicazioni precedenti Livello 1 - Iniziale Il Il processo software è definito di di volta in in volta e occasionalmente risulta caotico. Pochi processi sono definiti e il il successo dipende dalle capacità individuali dei professionisti G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio I livelli - i contenuti - Livello 2 Livello 2 - Ripetibile I I processi base di di project management sono definiti per tracciare tempi, costi e funzionalità. La disciplina di di processo ha lo lo scopo di di ripetere il il successo di di precedenti progetti per applicazioni similari Livello 2 - Key Process Areas LIVELLO 2 - REPETEABLE Key process areas: GESTIONE DEI REQUISITI (RM) PIANIFICAZIONE DEI PROGETTI SW (PP) TRACCIABILITA E VISIBILITA DEI PROGETTI (PT) GESTIONE DEI SUBAPPALTI (SM) ASSICURAZIONE DELLA QUALITA DEL SW (QA) GESTIONE DELLA CONFIGURAZIONE DEL SW (CM) G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Livello 2 - Key Process Areas & Goals I livelli - i contenuti - Livello 3 LIVELLO 2 - REPETEABLE KPA - GESTIONE DEI REQUISITI (RM) Goal 1: I requisiti del sistema che sono stati assegnati al software sono controllati per poter costituire una linea di base ad uso dell ingegnere e dell amministratore del software Goal 2: I piani, i prodotti e le attività devono essere consistenti con i requisiti del sistema assegnati al software Livello 3 - Definito Il Il processo software, sia per le le attività di di gestione che di di realizzazione, è documentato, standardizzato e integrato su scala aziendale. Tutti i i progetti utilizzano la la versione approvata e adattata del processo standard aziendale per lo lo sviluppo e la la manutenzione del software G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

4 Livello 3 - Key Process Areas I livelli - i contenuti - Livelli 4 & 5 LIVELLO 3 - DEFINED Key Process Areas: DEFINIZIONE E STANDARDIZZAZIONE DEI PROCESSI ORGANIZZATIVI (PF + PD) COORDINAZIONE INTERGRUPPO (IC) INGEGNERIZZAZIONE DEI PRODOTTI SW(PE) GESTIONE DELLE INTEGRAZIONI DEL SW (IM) CONFRONTI E VERIFICHE (PR) PROGRAMMI DI FORMAZIONE(TP) LIVELLO 4 - MANAGED Collezione di misure dettagliate sui processsi di produzione e sui prodotti KPAs: MISURE E ANALISI DI PROCESSO GESTIONE DELLA QUALITA LIVELLO 5 - OPTIMIZED Miglioramento continuo del processo tramite: feed-back quantitativi introduzione di tecnologie innovative KPAs: PREVENZIONE DEI DIFETTI INNOVAZIONI TECNOLOGICHE GESTIONE DEL PROCESSO DI CAMBIAMENTO G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio I livelli - i contenuti - Livello 4 I livelli - i contenuti - Livello 5 Livello 4 - Gestito Sono raccolte misure dettagliate del processo software e della qualità del prodotto. Entrambi il il processo e il il prodotto sono quantitativamente valutati e controllati Livello 5 - Ottimizzato Il Il continuo miglioramento è assicurato dalla raccolta di di dati quantitativi e dall utilizzo di di idee e tecnologie innovative G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Le Key Process Areas - considerazioni (1) Le Key Process Areas - considerazioni (2) Le KPAs al liv. 2 focalizzano l attenzione sulla messa a punto degli strumenti base di controllo dei progetti: di questo gruppo fanno parte la Pianificazione, la Gestione dei Sub-appalti, la Quality Assurance e la Gestione della Configurazione. Al livello 3 le KPAs riguardano sia aspetti progettuali che organizzativi: tra gli aspetti affrontati sono la formazione, l ingegneria del sw, la definizione dei processi organizzativi, il coordinamento intersettoriale. Al liv. 4 il focus delle KPAs è nello stabilire una comprensione quantitativa sia dei processi che dei prodotti sw sviluppati. Al liv. 5 l obiettivo è il miglioramento continuo, attuato attraverso la prevenzione dei difetti, la gestione delle modifiche tecnologiche e di processo. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

5 Le KPAs e le Common Features Ogni KPA ha associate 5 tipologie di attributi, chiamate common features, che devono permettere di valutare se la implementazione ed istituzionalizzazione della KPA è effettiva e stabilizzata, fino a far parte della cultura aziendale (istituzionalizzata). Le 5 tipologie di common features sono Activities performed che descrive le attività di implementazione, Commitment to perform, Ability to perform, Measurement and analysis, Verifying the implementation che ne descrivono la istituzionalizzazione Le Key Practices Ogni KPA è descritta anche in termini di Key pratices ovvero di infrastrutture ed attività che contribuiscono in modo rilevante alla implementazione ed istituzionalizzazione del processo. Per esempio, una delle Key practices per la KPA Software Process Planning è il piano di progetto è sviluppato in accordo con una procedura documentata. La Key Practice descrive quindi cosa deve essere fatto, ma non è vincolante sul come, consentendo anche diverse modalità di raggiungimento degli obiettivi ( goals ) della KPA. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio La struttura del modello (2) I fattori di promozione 5 liv. di maturità 18 KPAs 5 common features per KPA con 1-n Key practices ognuna KPAs per liv. di maturità KPA Key practices = 316 key practices = 52 goals 2-4 goals per KPA G.Raiss - 11 maggio Formazione Revisioni e test sistematici Standard Project management Controllo della configurazione Assicurazione di qualità Cambiamenti di tecnologia Prevenzione dei problemi Misure di processo Analisi di processo Piani di qualità quantitativi Iniziale Ripetibile Definito Gestito Ottimizzante Processo definito in modo istituzionale Dati qualitativi Attribuzione di responsabilità Riuso di esperienza pregressa Processo non controllato strumenti non integrati nel processo assenza di procedure formali Misure di costi, tempi, qualità G.Raiss - 11 maggio CMM vs ISO 9001 Formazione Revisioni e test sistematici Standard Project management Controllo della configurazione Assicurazione di qualità Cambiamenti di tecnologia Prevenzione dei problemi Misure di processo Analisi di processo Piani di qualità quantitativi Ripetibile Definito Gestito / Ottimizzante CMM vs ISO 9001 Non vi è corrispondenza 1:1 tra i processi coperti Il livello di dettaglio è diverso (maggiore nel CMM) CMM è interessato soprattutto al migliramento, la 9000 alla conformità ad un set minimo di requisiti Nella 9000 c è in più: 4.7 controllo dei prodotti forniti dal cliente 4.15 movimentazione, immagazzinamento, imballaggio, conservazione e consegna Iniziale G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

6 CMM vs ISO Dettaglio (1) CMM vs ISO Dettaglio (2) ISO Politica per la qualità definita documentata/mantenuta responsabilità ed autorità individuate risorse INTERNE individuate e addestrate manager designato CMM - QA: Software Quality Assurance livello 2 (Ripetibile) individua le responsabilità e le autorità CMM - QM: Software Quality Management livello 4(Gestito) simile ma quantitativo. ISO 9001 molto più vago ISO Sistema qualità documentato (Piano + Manuale) procedure e istruzioni integrato con l'intero processo produttivo (ISO ) CMM - QA: Software Quality Assurance livello 2 (Ripetibile) minore enfasi sulla documentazione CMM - PD: Organization Process Definition 3 (Definito) definisce gli standard le procedure e la descrizione del processo ISO Revisione del contratto Gestione dei cambiamenti dei requisiti utente CMM - RM: Requirement Management livello 2 (Ripetibile) pensato solo per i requisiti software CMM - PP: Software Project Planning livello 2 (Ripetibile) prevede, tra l altro, la revisione dei piani di progetto tenendo conto delle specifiche contrattuali ISO Controllo del progetto pianificazione delle attività di progetto identificazione input & outputs controllo modifiche al progetto CMM - PE: Software Product Engineering livello 3 (Definito) analisi requisiti-progetto-codificatest CMM - PP: Software Project Planning livello 2 (Ripetibile) pianificazione G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio CMM vs ISO Dettaglio (3) ISO Controllo documentazione Standardizzazione distribuzione gestione CMM - CM: Software Configuration Management livello 2 (Ripetibile) coper anche la documentazione (tra i vari aspetti) ISO Approvvigionamento valutazione fornitori verifica prodotti CMM - SM: Software Subcontract Management livello 2 (Ripetibile) identico alla ISO 9000 CMM vs ISO 9001 Una organizzazione ISO 9001 compliant rispetta i requisiti del livello 1 CMM e parte di quelli dei livelli 2 e 3. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio CMM vs ISO Riepilogo CMM vs ISO (1) La ISO copre un insieme di processi più ampi rispetto al CMM. I requisiti non coperti dal CMM sono: System requirements, Design, Integration, Qualification testing, Database design, User documentation, Software installation, Maintenance process, Documentation standards, Project closure. Una organizzazione a livello 3 CMM dovrebbe comunque coprire tutti i requisiti G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

7 CMM vs ISO (2) CMM vs ISO (3) processes CMM KPAs Primari Acquisition Sw subcontractor management Supply Development Sw product engineering Operation Maintenance Supporto Documentation Sw product engineering Configuration management Sw configuration management Quality assurance Sw quality assurance Verification Sw product engineering Validation Sw product engineering Joint review Sw project tracking and oversight Audit Sw quality assurance Problem Resolution Sw configuration management G.Raiss - 11 maggio processes CMM KPAs Organizzativi Management Sw project planning, Sw project tracking and oversight, Integrated sw management, Sw Quality management Infrastructure Organization process definition Improvement Organization process, focus, Organization process definition Training Training program G.Raiss - 11 maggio I modelli CMM La suite dei modelli CMM CMMI SM CMM Integration SM SW-CMM Capability Maturity Model for Software P-CMM People Capability Maturity Model SA-CMM Software Acquisition Capability Maturity Model SE-CMM Systems Engineering Capability Maturity Model IPO-CMM Integrated Product Development Capability Maturity Model CMM Survey ed evoluzioni A gennaio 2001 il SEI ha notizia di 48 organizzazioni di livello 5. Il Software Engineering Institute (SEI) della Carnegie Mellon Univ. (USA) che ha sviluppato il CMM, ha partecipato al progetto SPICE ed ai TRIALS per la sperimentazione del modello ISO E probabile che a breve il modello CMM confluisca in quello G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Bootstrap Bootstrap Bootstrap è una metodologia per l assessment del processo di sviluppo software e per il suo miglioramento, sviluppata nel corso del progetto Esprit 5441 della Comunità Europea negli anni e poi gestita ed implementata dal Consorzio Bootstrap (Ente non-profit formato da organismi ed aziende europee) fondato nel G.Raiss - 11 maggio BOOTSTRAP comprende un modello di processi ed un metodo per l assessment basato su quel modello Il metodo è di proprietà del Bootstrap Institute fondato dai membri del Consorzio; attualmente è rilasciata la versione 3.0 (settembre 1997) Links G.Raiss - 11 maggio

8 Bootstrap La metodologia si basa sul processo di sviluppo definito dallo standard ESA PSS 05-0 (tradizionale, a cascata) ed integra quanto definito nel CMM 1.1, ISO/IEC 12207:1995, ISO :1997, ISO/IEC 15504:1998 G.Raiss - 11 maggio Bootstrap: architettura Il modello BOOSTRAP divide i processi del CVS in 2 rami, Organizzazione e Metodologia. Il Ramo Organizzazione contiene 3 processi, Business Engineering, Gestione risorse umane, Gestione infrastrutture. Il ramo metodologia è composto da 3 gruppi di processi 8Life Cycle dependent (composto da 11 processi) 8Life Cycle independent 8Process Related (2 processi) G.Raiss - 11 maggio Bootstrap: architettura Bootstrap: la scala di valutazione I processi dipendenti dal ciclo di vita sono ulteriormente organizzati in 8Manageriali (4 processi) 8di Supporto (8 processi) 8relativi alla interazione Customer-Supplier (5 processi). In totale il modello BOOTSTRAP definisce 33 diversi processi G.Raiss - 11 maggio L assessment utilizza i 6 livelli di maturità del CMM [0,5] come scala di misura. L influenza della Tecnologia è considerata in funzione della sua innovatività e del suo uso nel CVS e può essere alta o bassa. Esistono corsi di qualificazione per assessor che devono valutare il livello di maturità dei processi di una organizzazione rispetto al modello BOOTSTRAP. G.Raiss - 11 maggio Bootstrap: struttura Trillium Il modello Trillium è stato sviluppato nel 1994 dalla Bell - Canada. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

9 Utilizzo dei modelli di processo I modelli di processo possono essere utilizzati: dal committente, per selezionare i fornitori (certificazione ISO 9001, TICKIT in UK) definire nei capitolati tecnici i requisiti di processo cui si deve attenere il fornitore (ISO 12207, 13407, CMM, Bootstrap, Trillium) nell attuazione dell appalto, per verificare la corretta attuazione dei processi messi in atto e la loro efficacia ed efficienza a servire il contratto (ISO , Boostrap, CMM) Utilizzo dei modelli di processo dal fornitore, per definire il proprio sistema di assicurazione e gestione della qualità (ISO 9001, , , EFQM, TQM) compilare le offerte tecniche (ISO 12207, 13407, CMM, Bootstrap) condurre assessment sui propri processi ai fini di mantenerli costantemente conformi alle esigenze dei clienti e per migliorarne efficacia ed efficienza (ISO , CMM, Boostrap) G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita Processi software Anno accademico 2009/10 Ingegneria del mod. A Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD IS Definizioni Ciclo di vita Copre l evoluzione di un prodotto dal concepimento al ritiro

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 12: Metodologie: controllo qualità P.M. Fase 3-4: tracking di progetto, introduzione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it

Dettagli

7. La Qualità del Software

7. La Qualità del Software Cosa è la qualità 7. La del Software Diversi enti di standardizzazione (es. ISO) hanno cercato di integrare vari approcci alla definizione della qualita, partendo dalla consapevolezza che la qualità è

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software

Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software Ingegneria del Software 2 Processo Software 1 Riferimenti Sommerville, Capitolo 28 Dennis M. Ahern, Aaron Clouse, and Richard Turner, CMMI

Dettagli

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione 1 AGENDA Criticità del software nel settore aerospaziale Standard di riferimento esistenti e loro similitudini/differenze (panoramica

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Il punto di vista dell OEM sulla norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale dei veicoli: la sfida dell integrazione nei processi aziendali Marco Bellotti Functional Safety Manager Contenuti

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

I SISTEMI QUALITÀ ISO 9000 NELL'INFORMATION TECHNOLOGY. Ing. Ioanis Tsiouras. (Rivista ZeroUno, Dicembre 1994)

I SISTEMI QUALITÀ ISO 9000 NELL'INFORMATION TECHNOLOGY. Ing. Ioanis Tsiouras. (Rivista ZeroUno, Dicembre 1994) I SISTEMI QUALITÀ ISO 9000 NELL'INFORMATION TECHNOLOGY 1. Introduzione Ing. Ioanis Tsiouras (Rivista ZeroUno, Dicembre 1994) Il software è un prodotto industriale ed il successo dell'azienda che lo produce

Dettagli

Revisione dei processi in chiave ITIL

Revisione dei processi in chiave ITIL Il Sole 24 Ore S.p.A. pag. 1 Milano, Perché la revisione dei processi in chiave ITIL Esigenza: necessità di interagire in modo strutturato con un fornitore di servizi (Outsourcer) Creazione e gestione

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

Qualità del software. www.vincenzocalabro.it

Qualità del software. www.vincenzocalabro.it Qualità del software Il concetto di qualità Qualità Il complesso delle caratteristiche di una entità che si riferiscono alla sua capacità di soddisfare esigenze esplicite ed implicite. Qualità e prodotto

Dettagli

La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software

La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software La nuova ISO 9001 e le aziende di sviluppo software Giovanni A. Cignoni, Dip. di Informatica, Univ. di Pisa Davide Morano, SIAS - Gruppo KataWeb Ottobre 2000 Sommario L impostazione della nuova ISO 9001,

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA TESI DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI FACOLTÀ DI INGEGNERIA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA TESI DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI FACOLTÀ DI INGEGNERIA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA TESI DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI ANALISI E MESSA IN OPERA IN AMBITO AZIENDALE DEL CMMI (CAPABILITY MATURITY MODEL INTEGRATION):

Dettagli

Breve introduzione al modello CMMI

Breve introduzione al modello CMMI Breve introduzione al modello CMMI Dott. Jacopo Baldi email: jacopo@jacopobaldi.it Dott. Giuseppe Coppola Indice Introduzione...2 La storia...2 La costellazione CMMI...3 Approccio Continuo vs Scalare...3

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Lo sviluppo di Sistemi di Gestione per la Qualità nelle aziende software con l'utilizzo delle norme ISO/IEC

Lo sviluppo di Sistemi di Gestione per la Qualità nelle aziende software con l'utilizzo delle norme ISO/IEC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Lo sviluppo di Sistemi di Gestione per la Qualità nelle aziende software con l'utilizzo delle norme ISO/IEC Docente : Antonio Coletta Via Monopoli

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Cos è. Insieme di: struttura organizzativa (equipe di qualità + capo progetto) responsabilità. procedure. procedimenti. risorse

Cos è. Insieme di: struttura organizzativa (equipe di qualità + capo progetto) responsabilità. procedure. procedimenti. risorse QUALITA Cos è Insieme di: struttura organizzativa (equipe di qualità + capo progetto) responsabilità procedure procedimenti risorse Messi in atto per la conduzione aziendale per la qualità. Obiettivo La

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI OBIETTIVI 1. Descrivere approcci e attività tipiche per pianificare e impostare il progetto di un S.I. 2. Identificare problemi chiave 3. Illustrare alcuni

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

B021 Corso di Qualificazione per Mystery Auditor:la norma UNI/TS 11312:2008 (in corso di riconoscimento Aicq Sicev)

B021 Corso di Qualificazione per Mystery Auditor:la norma UNI/TS 11312:2008 (in corso di riconoscimento Aicq Sicev) Q U A L I T A A010 La norma UNI EN ISO 9001:2008 e i Sistemi di Gestione per la Qualità 625,00 + iva 741,66 + iva 23-25 20-22 10-12 5-7 30 1-2 762,50 904,82 B043 Redazione e gestione della documentazione

Dettagli

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in Information Security Management according to ISO/IEC 27002 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 27000 La sicurezza delle

Dettagli

Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005. Certification Europe Italia

Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005. Certification Europe Italia Certificazione ISO 20000:2005 e Integrazione con ISO 9001:2000 e ISO 27001:2005 Certification Europe Italia 1 IT Service Management & ITIL Ä La IT Infrastructure Library (ITIL) definisce le best practice

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi

metodologie metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi metodologie a.a. 2003-2004 1 metodologia una serie di linee guida per raggiungere certi obiettivi più formalmente: un processo da seguire documenti o altri elaborati da produrre usando linguaggi più o

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Relatore Ercole Colonese Roma, 29 novembre 2010 Organizzazione del test Temi trattati nel libro Il gruppo di test Competenze e specializzazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA Misura: è una funzione m: A -> B che associa ad ogni attributo A di un osservabile nel mondo reale o empirico (dominio) un oggetto formale B nel mondo matematico (range);

Dettagli

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo

2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo 2. Ciclo di Vita e Processi di Sviluppo come posso procedere nello sviluppo? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 2. Ciclo di Vita e Processi di

Dettagli

Qualità del processo. Qualità del processo. Modello concettuale di processo. Dal prodotto al processo. Qualità di processo

Qualità del processo. Qualità del processo. Modello concettuale di processo. Dal prodotto al processo. Qualità di processo Modello concettuale di processo Qualità del processo Obiettivi ontrollo Vincoli Misurazione Regole e decisioni Ingegneria del Software Bisogni rocesso rodotti V. Ambriola, G.A. ignoni,. Montangero,. Semini

Dettagli

IPMA DELTA l Assessment in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e

IPMA DELTA l Assessment in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e IPMA DELTA l in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e UNA UNA VISIONE A 360 INDIPENDENTE AL 100% P E R U N A MIG LIO R E C O M P ETITIVITÀ a product of L EFFETTO DELTA.

Dettagli

Intervento: Autore: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011. Ing. Valerio Paoletti

Intervento: Autore: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011. Ing. Valerio Paoletti Intervento: LA GESTIONE DELLE COMPETENZE DEGLI AUDITOR SECONDO LA NUOVA NORMA ISO/IEC 17021: 2011 Autore: Ing. Valerio Paoletti Giugno 2006 nasce in ISO la New Work Item Proposal ISO/IEC 17021 Part 2 Conformity

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors 20141 Milano Via Valla, 16 Tel. +39/02/84742365-70608405 Fax +39/02/700507644 E-mail: aiea@aiea.it P.IVA 10899720154 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Verona Gentili Associati Il Consiglio Direttivo

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali M Premessa La AS 9100 è una norma ampiamente adottata in campo aeronautico ed aerospaziale dalle maggiori aziende mondiali del settore, per la definizione, l utilizzo ed il controllo dei sistemi di gestione

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DI UNA PROFESSIO- NE? 2 P. Starr, The Social Transformation of American Medicine,

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DI UNA PROFESSIO- NE? 2 P. Starr, The Social Transformation of American Medicine, CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLA GUIDA AL SOFTWARE ENGINEERING BODY OF KNOWLEDGE (SWEBOK, 2004) Ercole Colonese, Consulente di management e servizi IT, 2011 Questo capitolo, insieme ad altri che seguiranno

Dettagli

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele. Qualità del Software

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele. Qualità del Software Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele Qualità del Software Quality Assurance per tutte le esigenze Web Site Testing Mobile Application

Dettagli

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009

Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000. Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 Qualification Program in IT Service Management according to ISO/IEC 20000 Cesare Gallotti Milano, 23 gennaio 2009 1 Agenda Presentazione Le norme della serie ISO/IEC 20000 L IT Service Management secondo

Dettagli

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance Il controllo di progetto come strumento di IT Governance ing. Giorgio Beghini 20 febbraio 2003 - Vicenza OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax:049-88

Dettagli

Good Practice Guide: Calibration Management

Good Practice Guide: Calibration Management Predictive Maintenance & Calibration Milano 14 dicembre 2005 GAMP Good Practice Guide: Calibration Management Giorgio Civaroli Le GAMP Good Practice Guides Calibration Management Validation of Process

Dettagli

L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili

L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili L integrazione della ISO 26262 con le metodologie Agili 11 Workshop on Automotive Software & Systems Milano, 7 Novembre 2013 Ernesto Viale Agenda Overview AIDA Model AIDA for Agile L integrazione della

Dettagli

Sillabo. REQB Certified Professional for Requirements Engineering. Livello Foundation

Sillabo. REQB Certified Professional for Requirements Engineering. Livello Foundation Sillabo REQB Certified Professional for Livello Foundation Version 2.1 2014 I diritti di autore (copyright) di questa edizione del Sillabo, sono di REQB e ITA-STQB Storia delle modifiche Versione Data

Dettagli

Il Sistema Qualità. Parte 4 - Pag.1. L importanza del metodo. Proprietà dei sistemi. Cosa sono i sistemi qualità. Proprietà dei sistemi (2)

Il Sistema Qualità. Parte 4 - Pag.1. L importanza del metodo. Proprietà dei sistemi. Cosa sono i sistemi qualità. Proprietà dei sistemi (2) L importanza del metodo Il Sistema Qualità Non è sufficiente essere dotati di un buon ingegno, ma l importante è saperlo applicare bene Coloro che procedono lentamente, se seguono sempre il giusto cammino,

Dettagli

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo

Ingegneria del Software. Processi di Sviluppo Ingegneria del Software Processi di Sviluppo Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata tools metodi processi Focus sulla qualità Ingegneria del Software: Tecnologia Stratificata (2) Qualità Elemento

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Come valutare la maturità del proprio modello di sviluppo del software

Come valutare la maturità del proprio modello di sviluppo del software Come valutare la maturità del proprio modello di sviluppo del software Matteo Meucci Chair OWASP Day per la PA Roma 9, Novembre 2010 Copyright 2010 - The OWASP Foundation Permission is granted to copy,

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Esercizi per la redazione del Business Plan

Esercizi per la redazione del Business Plan Esercizi per la redazione del Business Plan Una società intende iniziare la sua attività l 1/1/2010 con un apporto in denaro di 20.000 euro. Dopo aver redatto lo Stato Patrimoniale iniziale all 1/1/2010

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ANALISI E MESSA IN OPERA IN AMBITO AZIENDALE DEL CMMI (CAPABILITY MATURITY MODEL INTEGRATION): PIANIFICAZIONE, MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO

ANALISI E MESSA IN OPERA IN AMBITO AZIENDALE DEL CMMI (CAPABILITY MATURITY MODEL INTEGRATION): PIANIFICAZIONE, MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA TESI DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANALISI E MESSA IN OPERA IN AMBITO AZIENDALE DEL CMMI (CAPABILITY MATURITY MODEL INTEGRATION): PIANIFICAZIONE,

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT. Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3. Misura

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT. Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3. Misura Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A9_1 V1.3 Misura Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e per

Dettagli

La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018

La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 Centro per la Formazione Logistica Interforze La Normativa Interforze sull Integrated Logistic Support NIILS SGD-G -018 Cenni sulla Gestione di Configurazione Roma - Casd 8 maggio 2014- Mauro PERGOLESI

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY

ALTEN ITALIA ACADEMY Catalogo Corsi ALTEN ITALIA ACADEMY 1/17 ALTEN Italia S.p.A. Società Unipersonale Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 Sede Legale e Amm.va: Via G. Crespi, 12-20134 Milano - Altre sedi: Bologna,

Dettagli

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011

ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop. Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 ESPERIENZE DI ESECUZIONE DI GAP ANALYSIS E RELATIVI PIANI DI ADEGUAMENTO ALLA ISO 26262 9 Automotive Software Workshop Ernesto Viale 1 Dicembre 2011 Skytechnology srl Skytechnology è una società di ingegneria,

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management IT Project Management Lezione 1 Introduzione al Project Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Rapporto CHAOS 2009 Progetti completati in tempo, all interno del budget, rispettando i requisiti RAPPORTO

Dettagli

La Convalida Slide 1

La Convalida Slide 1 La Convalida Slide 1 Definizione La Convalida viene definita come la prova documentata che assicura che uno specifico Sistema è conforme alle specifiche approvate e che la produzione del prodotto è conforme

Dettagli

La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001

La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001 MARIA GISELLA CONCA GESTIONE DELLA QUALITÀ La normativa UNI EN ISO serie 9000. Introduzione alla Vision 2000 Lezione 6 marzo 2001 LIUC - Castellanza febbraio - maggio 2001 CERTIFICAZIONE: MOTIVAZIONI,

Dettagli

03/07/2012. Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT

03/07/2012. Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT Alfredo Avellone Roma, 3 luglio 2012 1 Nasce nel novembre 1987 come Comitato Qualità del Software. Missione Promuovere, coordinare, favorire l analisi,

Dettagli

Angelamaria Lo Surdo. Profilo Professionale

Angelamaria Lo Surdo. Profilo Professionale Profilo Professionale Angelamaria Lo Surdo ha una consolidata esperienza nel settore dell Information & Communication Technology, maturata in primarie aziende e gruppi del settore: Italsiel, Selesta, Telecom

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità

Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Processo di implementazione e certificazione di un sistema di gestione per la qualità Bologna, 29 aprile SAFER, SMARTER, GREENER Scenario normativo La prima edizione della norma ISO 9001 è stata pubblicata

Dettagli

La Qualità del Software: modelli e tecniche per la valutazione - parte I

La Qualità del Software: modelli e tecniche per la valutazione - parte I La Qualità del Software: modelli e tecniche per la valutazione - parte I Giuseppe Lami I.S.T.I. C.N.R., Pisa giuseppe.lami@isti.cnr.it Scaletta La qualità e il software software quality e quality software

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved.

ISO/IEC 2700:2013. Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione. DNV Business Assurance. All rights reserved. ISO/IEC 2700:2013 Principali modifiche e piano di transizione alla nuova edizione ISO/IEC 27001 La norma ISO/IEC 27001, Information technology - Security techniques - Information security management systems

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY progetta ed eroga ai propri Clienti e Dipendenti formazione professionale nelle seguenti aree tematiche:

ALTEN ITALIA ACADEMY progetta ed eroga ai propri Clienti e Dipendenti formazione professionale nelle seguenti aree tematiche: ALTEN ITALIA ACADEMY è l ente di formazione specialistica del gruppo ALTEN in Italia che in ragione del proprio accreditamento, talvolta esclusivo, con alcuni dei più importanti schemi di certificazione

Dettagli

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it

Modelli di Processo. www.vincenzocalabro.it Modelli di Processo Il Modello del Processo Il modello del processo stabilisce i principi di base su cui si fonda lo sviluppo del software (e a cui è dovuto il successo o l insuccesso) Non esiste un unico

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V2.1 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Security Summit 2011. itsmf Italia. Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia

Security Summit 2011. itsmf Italia. Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia Security Summit 2011 itsmf Italia Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia è un Associazione senza fini di lucro, costituita per promuovere lo scambio di esperienze ed informazioni sulla gestione dei Servizi

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E INTEGRAZIONE SISTEMICA NELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E INTEGRAZIONE SISTEMICA NELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E INTEGRAZIONE SISTEMICA NELLA SCUOLA di Marco Bechis e Laura Tomatis Introduzione Al termine del percorso di revisione dell attuale norma iso 9001 1 a cura del Comitato Tecnico iso/tc

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli