Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli"

Transcript

1 Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento. Links E stato sviluppato nel 1993 dal SEI, Software Engineering Institute della Carnegie Mellon University, Pittsburgh, USA, per conto del DOD (Dept. Of Defense, USA). G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Il concetto di capability Il modello CMM permette di valutare le organizzazioni che operano nel settore IT in funzione del loro livello di maturità e della capability dei processi che attuano. Per capability si intende, in termini di produzione industriale, la qualità attesa dei risultati di un processo. Dipende, sostanzialmente, dal livello di definizione, gestibilità, misurabilità, controllabilità ed effettiva implementazione raggiunto da uno specifico processo. Il concetto di maturità (2) La maturità di una organizzazione è la capacità di fornire prodotti di qualità attraverso la capacità dei processi che attua. In una organizzazione è quindi la capacità di controllare/prevedere/garantire la qualità dei prodotti in uscita dai processi. In funzione di questa capacità le organizzazioni possono essere posizionate su una scala ordinale da 0 a 5. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Rapporti tra i livelli La differenza tra i. diversi livelli non è confrontabile. Si può solo dire che il livello 5 è maggiore del livello 4 ed il 4 del 3 e così via... La scala evidenzia il proposito del CMM di essere un supporto per la evoluzione delle organizzazioni. Per fare un confronto, la ISO 9001 definisce uno stadio cui tendere, senza indicare il percorso. Il CMM definisce i passi del percorso che di miglioramento. Lo schema base del CMM Molto schematicamente,. si può dire che il CMM si basa su uno schema che vale per ogni livello. Input Passi Obiettivi Pe ogni livello cambiano input/output e passi da eseguire. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

2 Utilizzo del modello Il modello CMM può essere utilizzato per: riesame di una organizzazione per identificarne i punti di forza e di debolezza valutazione di organizzazioni esterne al fine di selezionare un fornitore di beni e servizi guida al miglioramento dei processi di una organizzazione, attraverso l analisi delle misure di processo rilevate La scala di maturità Il CMM utilizza una scala ordinale a 5 livelli per valutare le organizzazioni. I livelli di maturità vanno dallo stato caotico e destrutturato (livello 1) ad uno disciplinato ed in grado di misurarsi per migliorare (livello 5). G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio La struttura del modello contiene Key process areas Common Features Key practices Indica Raggiunge Indirizza Descrive Process capability GOALS consolidamento consolidamento Process capabilities & Key process areas Per ogni livello di maturità, sono definite le process capabilities ovvero un insieme di risultati attesi dalla messa in atto dei processi di sviluppo software a quel determinato livello di maturità. Con l eccezione del livello 1, ogni livello ha associate alcune KEY Process Areas che rappresentano i processi cruciali che una organizzazione deve implementare correttamente per poter raggiungere i risultati attesi per quel livello. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Le Key Process Areas Le KPAs sono da considerare un cluster di attività correlate che, quando svolte collettivamente, permettono il raggiungimento di obiettivi considerati importanti ai fini della dimostrazione del miglioramento dei processi. Le KPAs sono 18 (nella vers. 1.1 del CMM) e sono proprie dei vari livelli di maturità. Il livello 1 non ne ha. Il livello 5 deve possederle tutte e 18. Il CMM non descrive tutti i processi coinvolti nello sviluppo del sw, ma solo quelli che considera chiave. Key Process Areas e Goals Rispetto ad ogni KPA sono identificati dei goals ovvero degli obiettivi da raggiungere per poter considerare soddisfatta l implementazione corretta della KPA. Ad esempio, un goal per la KPA Software Process Planning (appartenente al Livello 2) è le stime della dimensione del software e dell impegno nello sviluppo sono documentate ed utilizzate per pianificare il progetto e tracciarne l andamento. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

3 I livelli - i contenuti - Livelli 1 & 2 I livelli - i contenuti - Livello 1 LIVELLO 1 - INITIAL Il SW prodotto è caratterizzato dall'essere costruito "ad hoc", seguendo strategie occasionali e caotiche Solo alcuni processi produttivi sono ben definiti ed i successi dipendono solo da sforzi individuali Solo alcuni processi produttivi sono stabili LIV. 2 - REPETEABLE I processi di gestione (project management) dei progetti più importanti sono definiti in modo da: Permettere la loro pianificazione Tenere traccia dei costi (tempo e denaro) L'obiettivo principale è poter riprodurre le stesse condizioni che hanno portato al successo in applicazioni precedenti Livello 1 - Iniziale Il Il processo software è definito di di volta in in volta e occasionalmente risulta caotico. Pochi processi sono definiti e il il successo dipende dalle capacità individuali dei professionisti G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio I livelli - i contenuti - Livello 2 Livello 2 - Ripetibile I I processi base di di project management sono definiti per tracciare tempi, costi e funzionalità. La disciplina di di processo ha lo lo scopo di di ripetere il il successo di di precedenti progetti per applicazioni similari Livello 2 - Key Process Areas LIVELLO 2 - REPETEABLE Key process areas: GESTIONE DEI REQUISITI (RM) PIANIFICAZIONE DEI PROGETTI SW (PP) TRACCIABILITA E VISIBILITA DEI PROGETTI (PT) GESTIONE DEI SUBAPPALTI (SM) ASSICURAZIONE DELLA QUALITA DEL SW (QA) GESTIONE DELLA CONFIGURAZIONE DEL SW (CM) G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Livello 2 - Key Process Areas & Goals I livelli - i contenuti - Livello 3 LIVELLO 2 - REPETEABLE KPA - GESTIONE DEI REQUISITI (RM) Goal 1: I requisiti del sistema che sono stati assegnati al software sono controllati per poter costituire una linea di base ad uso dell ingegnere e dell amministratore del software Goal 2: I piani, i prodotti e le attività devono essere consistenti con i requisiti del sistema assegnati al software Livello 3 - Definito Il Il processo software, sia per le le attività di di gestione che di di realizzazione, è documentato, standardizzato e integrato su scala aziendale. Tutti i i progetti utilizzano la la versione approvata e adattata del processo standard aziendale per lo lo sviluppo e la la manutenzione del software G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

4 Livello 3 - Key Process Areas I livelli - i contenuti - Livelli 4 & 5 LIVELLO 3 - DEFINED Key Process Areas: DEFINIZIONE E STANDARDIZZAZIONE DEI PROCESSI ORGANIZZATIVI (PF + PD) COORDINAZIONE INTERGRUPPO (IC) INGEGNERIZZAZIONE DEI PRODOTTI SW(PE) GESTIONE DELLE INTEGRAZIONI DEL SW (IM) CONFRONTI E VERIFICHE (PR) PROGRAMMI DI FORMAZIONE(TP) LIVELLO 4 - MANAGED Collezione di misure dettagliate sui processsi di produzione e sui prodotti KPAs: MISURE E ANALISI DI PROCESSO GESTIONE DELLA QUALITA LIVELLO 5 - OPTIMIZED Miglioramento continuo del processo tramite: feed-back quantitativi introduzione di tecnologie innovative KPAs: PREVENZIONE DEI DIFETTI INNOVAZIONI TECNOLOGICHE GESTIONE DEL PROCESSO DI CAMBIAMENTO G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio I livelli - i contenuti - Livello 4 I livelli - i contenuti - Livello 5 Livello 4 - Gestito Sono raccolte misure dettagliate del processo software e della qualità del prodotto. Entrambi il il processo e il il prodotto sono quantitativamente valutati e controllati Livello 5 - Ottimizzato Il Il continuo miglioramento è assicurato dalla raccolta di di dati quantitativi e dall utilizzo di di idee e tecnologie innovative G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Le Key Process Areas - considerazioni (1) Le Key Process Areas - considerazioni (2) Le KPAs al liv. 2 focalizzano l attenzione sulla messa a punto degli strumenti base di controllo dei progetti: di questo gruppo fanno parte la Pianificazione, la Gestione dei Sub-appalti, la Quality Assurance e la Gestione della Configurazione. Al livello 3 le KPAs riguardano sia aspetti progettuali che organizzativi: tra gli aspetti affrontati sono la formazione, l ingegneria del sw, la definizione dei processi organizzativi, il coordinamento intersettoriale. Al liv. 4 il focus delle KPAs è nello stabilire una comprensione quantitativa sia dei processi che dei prodotti sw sviluppati. Al liv. 5 l obiettivo è il miglioramento continuo, attuato attraverso la prevenzione dei difetti, la gestione delle modifiche tecnologiche e di processo. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

5 Le KPAs e le Common Features Ogni KPA ha associate 5 tipologie di attributi, chiamate common features, che devono permettere di valutare se la implementazione ed istituzionalizzazione della KPA è effettiva e stabilizzata, fino a far parte della cultura aziendale (istituzionalizzata). Le 5 tipologie di common features sono Activities performed che descrive le attività di implementazione, Commitment to perform, Ability to perform, Measurement and analysis, Verifying the implementation che ne descrivono la istituzionalizzazione Le Key Practices Ogni KPA è descritta anche in termini di Key pratices ovvero di infrastrutture ed attività che contribuiscono in modo rilevante alla implementazione ed istituzionalizzazione del processo. Per esempio, una delle Key practices per la KPA Software Process Planning è il piano di progetto è sviluppato in accordo con una procedura documentata. La Key Practice descrive quindi cosa deve essere fatto, ma non è vincolante sul come, consentendo anche diverse modalità di raggiungimento degli obiettivi ( goals ) della KPA. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio La struttura del modello (2) I fattori di promozione 5 liv. di maturità 18 KPAs 5 common features per KPA con 1-n Key practices ognuna KPAs per liv. di maturità KPA Key practices = 316 key practices = 52 goals 2-4 goals per KPA G.Raiss - 11 maggio Formazione Revisioni e test sistematici Standard Project management Controllo della configurazione Assicurazione di qualità Cambiamenti di tecnologia Prevenzione dei problemi Misure di processo Analisi di processo Piani di qualità quantitativi Iniziale Ripetibile Definito Gestito Ottimizzante Processo definito in modo istituzionale Dati qualitativi Attribuzione di responsabilità Riuso di esperienza pregressa Processo non controllato strumenti non integrati nel processo assenza di procedure formali Misure di costi, tempi, qualità G.Raiss - 11 maggio CMM vs ISO 9001 Formazione Revisioni e test sistematici Standard Project management Controllo della configurazione Assicurazione di qualità Cambiamenti di tecnologia Prevenzione dei problemi Misure di processo Analisi di processo Piani di qualità quantitativi Ripetibile Definito Gestito / Ottimizzante CMM vs ISO 9001 Non vi è corrispondenza 1:1 tra i processi coperti Il livello di dettaglio è diverso (maggiore nel CMM) CMM è interessato soprattutto al migliramento, la 9000 alla conformità ad un set minimo di requisiti Nella 9000 c è in più: 4.7 controllo dei prodotti forniti dal cliente 4.15 movimentazione, immagazzinamento, imballaggio, conservazione e consegna Iniziale G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

6 CMM vs ISO Dettaglio (1) CMM vs ISO Dettaglio (2) ISO Politica per la qualità definita documentata/mantenuta responsabilità ed autorità individuate risorse INTERNE individuate e addestrate manager designato CMM - QA: Software Quality Assurance livello 2 (Ripetibile) individua le responsabilità e le autorità CMM - QM: Software Quality Management livello 4(Gestito) simile ma quantitativo. ISO 9001 molto più vago ISO Sistema qualità documentato (Piano + Manuale) procedure e istruzioni integrato con l'intero processo produttivo (ISO ) CMM - QA: Software Quality Assurance livello 2 (Ripetibile) minore enfasi sulla documentazione CMM - PD: Organization Process Definition 3 (Definito) definisce gli standard le procedure e la descrizione del processo ISO Revisione del contratto Gestione dei cambiamenti dei requisiti utente CMM - RM: Requirement Management livello 2 (Ripetibile) pensato solo per i requisiti software CMM - PP: Software Project Planning livello 2 (Ripetibile) prevede, tra l altro, la revisione dei piani di progetto tenendo conto delle specifiche contrattuali ISO Controllo del progetto pianificazione delle attività di progetto identificazione input & outputs controllo modifiche al progetto CMM - PE: Software Product Engineering livello 3 (Definito) analisi requisiti-progetto-codificatest CMM - PP: Software Project Planning livello 2 (Ripetibile) pianificazione G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio CMM vs ISO Dettaglio (3) ISO Controllo documentazione Standardizzazione distribuzione gestione CMM - CM: Software Configuration Management livello 2 (Ripetibile) coper anche la documentazione (tra i vari aspetti) ISO Approvvigionamento valutazione fornitori verifica prodotti CMM - SM: Software Subcontract Management livello 2 (Ripetibile) identico alla ISO 9000 CMM vs ISO 9001 Una organizzazione ISO 9001 compliant rispetta i requisiti del livello 1 CMM e parte di quelli dei livelli 2 e 3. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio CMM vs ISO Riepilogo CMM vs ISO (1) La ISO copre un insieme di processi più ampi rispetto al CMM. I requisiti non coperti dal CMM sono: System requirements, Design, Integration, Qualification testing, Database design, User documentation, Software installation, Maintenance process, Documentation standards, Project closure. Una organizzazione a livello 3 CMM dovrebbe comunque coprire tutti i requisiti G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

7 CMM vs ISO (2) CMM vs ISO (3) processes CMM KPAs Primari Acquisition Sw subcontractor management Supply Development Sw product engineering Operation Maintenance Supporto Documentation Sw product engineering Configuration management Sw configuration management Quality assurance Sw quality assurance Verification Sw product engineering Validation Sw product engineering Joint review Sw project tracking and oversight Audit Sw quality assurance Problem Resolution Sw configuration management G.Raiss - 11 maggio processes CMM KPAs Organizzativi Management Sw project planning, Sw project tracking and oversight, Integrated sw management, Sw Quality management Infrastructure Organization process definition Improvement Organization process, focus, Organization process definition Training Training program G.Raiss - 11 maggio I modelli CMM La suite dei modelli CMM CMMI SM CMM Integration SM SW-CMM Capability Maturity Model for Software P-CMM People Capability Maturity Model SA-CMM Software Acquisition Capability Maturity Model SE-CMM Systems Engineering Capability Maturity Model IPO-CMM Integrated Product Development Capability Maturity Model CMM Survey ed evoluzioni A gennaio 2001 il SEI ha notizia di 48 organizzazioni di livello 5. Il Software Engineering Institute (SEI) della Carnegie Mellon Univ. (USA) che ha sviluppato il CMM, ha partecipato al progetto SPICE ed ai TRIALS per la sperimentazione del modello ISO E probabile che a breve il modello CMM confluisca in quello G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio Bootstrap Bootstrap Bootstrap è una metodologia per l assessment del processo di sviluppo software e per il suo miglioramento, sviluppata nel corso del progetto Esprit 5441 della Comunità Europea negli anni e poi gestita ed implementata dal Consorzio Bootstrap (Ente non-profit formato da organismi ed aziende europee) fondato nel G.Raiss - 11 maggio BOOTSTRAP comprende un modello di processi ed un metodo per l assessment basato su quel modello Il metodo è di proprietà del Bootstrap Institute fondato dai membri del Consorzio; attualmente è rilasciata la versione 3.0 (settembre 1997) Links G.Raiss - 11 maggio

8 Bootstrap La metodologia si basa sul processo di sviluppo definito dallo standard ESA PSS 05-0 (tradizionale, a cascata) ed integra quanto definito nel CMM 1.1, ISO/IEC 12207:1995, ISO :1997, ISO/IEC 15504:1998 G.Raiss - 11 maggio Bootstrap: architettura Il modello BOOSTRAP divide i processi del CVS in 2 rami, Organizzazione e Metodologia. Il Ramo Organizzazione contiene 3 processi, Business Engineering, Gestione risorse umane, Gestione infrastrutture. Il ramo metodologia è composto da 3 gruppi di processi 8Life Cycle dependent (composto da 11 processi) 8Life Cycle independent 8Process Related (2 processi) G.Raiss - 11 maggio Bootstrap: architettura Bootstrap: la scala di valutazione I processi dipendenti dal ciclo di vita sono ulteriormente organizzati in 8Manageriali (4 processi) 8di Supporto (8 processi) 8relativi alla interazione Customer-Supplier (5 processi). In totale il modello BOOTSTRAP definisce 33 diversi processi G.Raiss - 11 maggio L assessment utilizza i 6 livelli di maturità del CMM [0,5] come scala di misura. L influenza della Tecnologia è considerata in funzione della sua innovatività e del suo uso nel CVS e può essere alta o bassa. Esistono corsi di qualificazione per assessor che devono valutare il livello di maturità dei processi di una organizzazione rispetto al modello BOOTSTRAP. G.Raiss - 11 maggio Bootstrap: struttura Trillium Il modello Trillium è stato sviluppato nel 1994 dalla Bell - Canada. G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

9 Utilizzo dei modelli di processo I modelli di processo possono essere utilizzati: dal committente, per selezionare i fornitori (certificazione ISO 9001, TICKIT in UK) definire nei capitolati tecnici i requisiti di processo cui si deve attenere il fornitore (ISO 12207, 13407, CMM, Bootstrap, Trillium) nell attuazione dell appalto, per verificare la corretta attuazione dei processi messi in atto e la loro efficacia ed efficienza a servire il contratto (ISO , Boostrap, CMM) Utilizzo dei modelli di processo dal fornitore, per definire il proprio sistema di assicurazione e gestione della qualità (ISO 9001, , , EFQM, TQM) compilare le offerte tecniche (ISO 12207, 13407, CMM, Bootstrap) condurre assessment sui propri processi ai fini di mantenerli costantemente conformi alle esigenze dei clienti e per migliorarne efficacia ed efficienza (ISO , CMM, Boostrap) G.Raiss - 11 maggio G.Raiss - 11 maggio

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Crema 14 dicembre 2010 Sergio Oltolina Senior Technical Manager Architetture e Consulenza Direzione Centrale Ricerca

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce all Asset Management e alla certificazione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

C URR I C U L U M V I T A E

C URR I C U L U M V I T A E C URR I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Ercole Colonese Indirizzo Via Carlo Cattaneo 15, 00185 Roma Telefono (+39) 338 7248417 E-mail ercole@colonese.it (personale) Sito web www.colonese.it

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

I livelli di servizio. Come definirli e controllarli nei contratti della P.A. Gianluigi Raiss - AIPA 22 marzo 2002

I livelli di servizio. Come definirli e controllarli nei contratti della P.A. Gianluigi Raiss - AIPA 22 marzo 2002 I livelli di servizio. Come definirli e controllarli nei contratti della P.A. Gianluigi Raiss - AIPA 22 marzo 2002 G.Raiss - Definire e controllare i livelli di servizio 1 Il contesto I servizi erogati

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Continua evoluzione dei modelli per gestirla

Continua evoluzione dei modelli per gestirla Governance IT Continua evoluzione dei modelli per gestirla D. D Agostini, A. Piva, A. Rampazzo Con il termine Governance IT si intende quella parte del più ampio governo di impresa che si occupa della

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli