PERCORSI DI RI-ABILITAZIONE IN SALUTE MENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSI DI RI-ABILITAZIONE IN SALUTE MENTALE"

Transcript

1 PERCORSI DI RI-ABILITAZIONE IN SALUTE MENTALE

2 Per essere sereni, bisogna conoscere i confini delle nostre possibilità, e amarci come siamo. Romano Battaglia Residence du Parc Srl Sede legale a Torre Pellice (TO), Viale Dante, 58 - CAP P.IVA Iscrizione alla Camera di Commercio in data 9/06/1997 Num. REA TO ; autorizzazione in regime definitivo a Comunità Terapeutica di tipo B dalla ASL 10 Pinerolo con Delibera n.999 del 27 agosto 1998 e divenuta esecutiva in data 13 settembre 1998; accreditamento definitivo con DGR del 30 dicembre Indice Residenzialità terapeutica 5 Residenzialità leggera 17 Interventi psico-educativi territoriali Attività in rete 19 Re(f)use Lab AgriSOCIAL 23 Comunicazione e informazione 27 Photos resources Stock.XCHNG 3

3 Progetto du Parc Il Progetto du Parc è un network di strutture, professionisti ed attività che fornisce risposte terapeutiche a pazienti con patologia psichiatrica, attraverso la realizzazione di percorsi riabilitativi, concordati con i Servizi invianti, costantemente verificabili, rimodulabili e misurati nell efficacia con specifici indicatori scientifici. I progetti terapeutico-riabilitativi di tipo Residenziale, Semiresidenziale e Territoriale, sono personalizzati e differenziati per le diverse tappe evolutive della cura e per le specifiche situazioni cliniche. La presenza nel network di tre équipes di operatori di alta professionalità costantemente formata e aggiornata, consente di progettare ed effettuare interventi terapeutici e riabilitativi integrati estremamente flessibili ed adatti a diversi tipi di esigenza. Le équipes du Parc: équipe clinica è composta da medici, psicologi, psicoterapeuti ed infermieri - si occupa dall approccio organico e psichico alla sintomatologia. In particolare effettua interventi di Assessment e Valutazione psicodiagnostica, psicoterapia individuale e di gruppo, sostegno e terapia familiare, oltre all impostazione e monitoraggio della terapia psicofarmacologica in collaborazione con i Medici di Medicina Generale e con i Servizi Territoriali. Residenzialità terapeutica équipe riabilitativa è composta da educatori, tecnici della riabilitazione psichiatrica, animatori, musicoterapeuti, arteterapeuti, psicomotricisti fisioterapisti che curano l intervento psico-socio educativo, di tirocinio e formazione-lavoro e di inserimenti lavorativi in social projects in collaborazione con Associazioni ed Enti territoriali. équipe assistenziale è composta da operatoti socio sanitari e assistenti sociali e si dedica agli aspetti assistenziali e sociali della cura, della riabilitazione e della tutela. Promuovono e sostengono le attività di auto-mutuo aiuto. I luoghi della cura I Progetti terapeutici e riabilitativi du Parc possono essere realizzati nelle Strutture del Polo di Torre Pellice o di Pinerolo, sul Territorio o a Domicilio del paziente. 5

4 Residenzialità a alta intensità terapeutica e assistenziale Queste strutture sono situate in un elegante zona residenziale a Torre Pellice, (centro religioso delle Chiese Evangeliche Valdesi nel cuore di una valle ricca di storia, di tradizioni, di arte e di cultura), in Viale Dante, inserite all interno di un caratteristico edifici Liberty dei primi del 900 circondati da ampi spazi verdi. L ottima localizzazione urbana permette agli ospiti di vivere in un contesto integrato con il tessuto sociale circostante garantendo risposte ai bisogni primari quali assistenza e cura nonché al bisogno di relazione e recupero-consolidamento delle risorse personali. Comunità Terapeutica La Comunità Terapeutica du Parc, fondata nel 1998, è una Comunità Protetta, accreditata con il SSN finalizzata alla progettazione e l erogazione di trattamenti terapeutici rivolti a pazienti con patologie psichiatriche; ospita 20 residenti e dispone di 2 posti di pronta accoglienza per le fasi di accoglienza e dimissione. Nella Comunità si sviluppano le fasi di accoglienza, valutazione psicodiagnostica ed educativa, progettazione e realizzazione del progetto terapeutico individuale (declinabile in tempi e modi concordati), dimissione. Nel contesto comunitario si realizzano trattamenti riabilitativi secondo un modello integrato di tipo psicodinamico-esperienziale e sistemico-relazionale modulato secondo procedure di intervento quali l Assertive Community Treatment, il Case Management e il Social Skill Training (R.P. Liberman, La Riabilitazione psichiatrica, Raffaello Cortina Ed., 1997). Nella fase di accoglienza (generalmente primi 3 mesi) viene effettuato un assessment integrato dei sintomi (attraverso BPRS, test BAI, STAI, CES-D, test proiettivi e altre valutazioni eventualmente indicate), un assessment del funzionamento sociale (test VADO), un eventuale valutazione neurocognitiva e una ricognizione mirata a tipizzare la rete familiare per valutare puntualmente i bisogni terapeutici e riabilitativi degli ospiti. Successivamente è possibile pianificare e realizzare un Progetto Terapeutico Individuale (PTI) all interno del quale declinare gli obiettivi terapeutici, le modalità e i tempi di realizzazione e le verifiche programmate. Le modalità di intervento possono utilizzare sia interventi farmacologici sia interventi psico-socio-riabilitativi (di gruppo o individuali). Gli interventi di gruppo sono sinteticamente rappresentati dai gruppi ludico-ricreativi (condotti da personale socio-educativo), gruppi espressivi (condotti da personale psico-educativo), gruppi riabiltativi - social skills training (condotti da personale psico-educativo) e gruppi rielaborativi-espressivi (condotti da psicologi e psicoterapeuti). Gli interventi individuali si articolano in colloqui psichiatrici, interventi psicologici (con l utilizzo di tecniche di focusing ed esperienziali quali l EMDR) e in interventi infermieristici ed educativi. Accanto a ciò è possibile integrare, secondo un approccio sistemico, l eventuale intervento psicoterapeutico e/o educativo con la rete familiare. In seguito al raggiungimento dell obiettivo terapeutico è possibile accedere alle dimissioni dalla struttura con l eventuale ulteriore declinazione di un progetto di trattamento territoriale con le risorse messe a disposizione dalla rete Progetto du Parc. Unità Sperimentale di Fase Avanzata La struttura (USFA) da 5 posti letto, utilizzata come Unità Sperimentale di Fase Avanzata per interventi psico-socio-educativi di graduale sostegno all autonomia di utenti con discreta integrazione sociale, è contigua alla Comunità Terapeutica. Tale contesto di piccolo gruppo si presta a sperimentazioni di maggior autonomia abitativa e relazionale, erogando, prestazioni di complessità maggiore di quelle presenti nell ambito comunitario. La gestione della Fase Avanzata prevede infatti un graduale coinvolgimento degli utenti nelle comuni attività quotidiane nel rispetto dei singoli progetti terapeutici individuali sollecitando gradatamente l attivazione di una autonomia maggiore all interno di una cornice di monitoraggio e sostegno psico-socio-educativo comunque molto strutturato ed eventualmente integrato da psicoterapia.

5 Schema riassuntivo TIPOLOGIA DI UTENZA (adulti di ambo i sessi anche in regime di restrizione giudiziaria) disturbi dello spettro psicotico disturbi dello spettro affettivo disturbi dello spettro bipolare disturbi di personalità ritardo mentale medio-lieve comorbilità con patologia da dipendenza da uso di sostanze ASSESSMENT PSICOLOGICO-PSICHIATRICO scale psicometriche test proiettivi scale di valutazione del livello di sviluppo intellettivo valutazioni personologiche assessment neuropsicologico IMPOSTAZIONE TERAPEUTICA integrata di tipo psicodinamico-esperienziale e sistemico-relazionale Schema di trattamento riabilitativo nella Comunità proposta inserimento accoglienza e valutazione assessment INTERVENTI RIABILITATIVI flessibili e personalizzati di durata variabile (3-24 mesi) social skill training (tecniche di rinforzo, tecniche comportamentali, role playing, feedback correttivo, problem solving, focalizzazione dell attenzione) attività ed interventi di gruppo attività ed interventi individuali eventuali attività familiari OBIETTIVI DELLA RIABILITAZIONE incremento del funzionamento adattativo diminuzione del funzionamento psicotico ottimizzazione della terapia psicofarmacologica de-istituzionalizzazione inserimento nella community (possibilità di avvicinamento e formazione al lavoro interni al progetto) progettazione realizzazione progetto terapeutico progetto terapeutico gruppi psico-sociali ed espressivi gruppi ricreativi e simbolico-espressivi colloqui individuali/familiari terapia farmacologica dimissioni

6 Organico Retta giornaliera La Comunità Terapeutica e l USFA hanno un organico costituito come segue: la riabilitazione psichiatrica nella Comunità prevede un assistenza continuativa sulle 24 ore e si avvale di una équipe multidisciplinare integrata composta di: psichiatri psicologi educatori professionali tecnici della riabilitazione psichiatrica operatori socio-sanitari infermieri professionali Comunità Protetta - Unità di Fase Avanzata Il costo della retta giornaliera è da concordarsi in sede di convenzione, e comprende tutte le spese sostenute per la realizzazione del programma terapeutico-riabilitativo di base e per l assistenza. Si intendono escluse le spese per i farmaci non specialistici e le spese personali degli utenti che sono a loro totale carico. L importo suddetto può essere suscettibile di modifiche in funzione del progetto terapeutico-riabilitativo di ciascun utente. Per tali motivi la retta media si assesta tra i 144,00 ed i 175,00 /die La Comunità accoglie sistematicamente personale volontario, specializzandi in psichiatria e psicoterapia seguendone la preparazione e la formazione ed è sede convenzionata di tirocini post lauream e tirocini pratici per le facoltà di scienze dell educazione, tecnica di riabilitazione psichiatrica e psicologia nonchè tirocini finali per Operatori Socio Sanitari. MANAGEMENT E DIRIGENZA direttore di comunità 38 referente amministrativo 38 responsabile qualità e risorse umane 30 responsabile sanitario min. 12 psichiatra min. 12 coordinatore équipe 38 coordinamento organizzativo équipe della casa 30 CASE MANAGEMENT psicologo min. 22 psicologo verifica progetti educativi 12 SUPERVISIONE E FORMAZIONE PERMANENTE ore/anno psicologi/psicoterapeuti/psichiatra 50 équipe DI CASA - GESTIONE PEI infermieri 110 educatori/infermieri/trp/assistenti sociali 126 ausiliari specializzati/o.t.a./o.s.s. 126 operatori addetti tutoraggio inserimenti lavorativi secondo progetto cuoche/addetti cucina educativa 68 assistenti pulizie e manutenzione della casa 46 OPERATORI ADDETTI A GRUPPI/ATTIVITA RISOCIALIZZANTI educatori/trp/o.s.s./tecnici psicologi 4-6 Residenzialità a media intensità terapeutica e media protezione Appartamenti Terra di Mezzo Gli Appartamenti Terra di Mezzo sono strutture socio-assistenziali ad alta integrazione sanitaria e possono accogliere persone in situazione di disagio psichico, di ambo i sessi e di età superiore ai 18 anni, in carico ai servizi psichiatrici territoriali garantendo una connotazione strutturale degli spazi, progettata secondo i parametri del modello casa (civile abitazione). La dimensione famigliare delle relazioni e dell ambiente, con una capienza massima per nucleo di 5 posti letto, permette di erogare prestazioni che si declinano in: supporto educativo e socio-assistenziale alla riacquisizione di autonomie monitoraggio psichiatrico e farmacologico possibilità di supporto infermieristico e sanitario possibilità di supporto psicologico/psicoterapeutico E inoltre possibile progettare un interfaccia con l ambiente esterno e un collegamento con la rete di servizi territoriali di riferimento e di supporto nell area di Torre Pellice e di Pinerolo, per l attivazione di tirocini lavorativi o per la pianificazione di attività riabilitative, ricreative e formative.

7 Programma settimanale Le attività previste in questi nuclei presuppongono il graduale coinvolgimento e la responsabilizzazione del paziente nella gestione della quotidianità della casa e della convivenza in un piccolo gruppo. L intervento clinico è finalizzato alla costante rielaborazione dell esperienza ed al supporto alle funzioni di pianificazione ed organizzazione della settimana con l obiettivo di rafforzare le competenze relazionali. Gli interventi sono caratterizzati da interventi di sostegno educativo ed assistenziale, da attività risocializzanti e soprattutto dall integrazione territoriale e di liaison con famiglia e Servizi. È possibile mantenere il monitoraggio psichiatrico e farmacologico laddove si renda necessario. Organico Terra di Mezzo - Casetta Attività e gruppi strutturati con l équipe gruppo organizzativo con il supporto degli operatori gruppo della casa - condotto dallo psicologo gruppo ascolto emotivo - condotto dallo psicologo Attività in autonomia sostenute e accompagnate dall équipe Attività sportive (calcio, running, piscina, palestra) sul territorio, di gruppo e individuali Partecipazione ad associazioni culturali, di volontariato, ecc. favorendo e supportando il reinserimento e le relazioni). I progetti personalizzati ed a termine sono redatti in sinergia con i Servizi invianti e consentono spesso, attraverso la presenza di requisiti strutturali e delle prerogative descritte, un efficace alternativa alle soluzioni terapeutiche più intensive e caratteristiche di una comunità residenziale classica. Residenzialità ad intensità terapeutica e protezione flessibile Gruppo Appartamento Casetta Il Gruppo Appartamento Casetta (struttura socio-assistenziale a rilievo sanitario) è un nucleo abitativo costituito da 3 posti letto ed utilizzato per inserimenti brevi e di sollievo. MANAGEMENT E DIRIGENZA direzione amministrativa 8 psichiatra 4 CASE MANAGEMENT psicologo 4 psicologo verifica progetti educativi 4 SUPERVISIONE E FORMAZIONE PERMANENTE psicologi/psicoterapeuti/psichiatra 2 équipe DI CASA - GESTIONE PEI referente di struttura 10 educatori/infermieri/trp/assistenti sociali 36 ausiliari specializzati/o.t.a./o.s.s. 36 operatori addetti tutoraggio inserimenti lavorativi secondo progetto infermieri 14 assistenti pulizie e manutenzione della casa 9 OPERATORI ADDETTI A GRUPPI/ATTIVITA RISOCIALIZZANTI educatori/trp/o.s.s./tecnici 4 In funzione delle esigenze dell utenza e dei singoli progetti terapeutici individuali, è contemplata la psicoterapia individuale o di gruppo e la collaborazione di personale esperto in specifiche tecniche terapeutico - riabilitative (musicoterapeuti, arteterapeuti, ippoterapeuti, ecc...), Riabilitazione semiresidenziale Intorno a tutte le strutture per la riabilitazione du Parc è attiva una rete di attività ricreative, riabilitative, risocializzanti dislocate sul territorio (ATTIVITà IN RETE) e gestite dall équipe riabilitativa du Parc. La rete è fruibile sia dai pazienti inseriti nelle strutture, sia da pazienti in carico ai CSM.

8 Retta giornaliera Terra di Mezzo - Casetta Data la gamma delle attività proposte all interno degli Appartamenti, la determinazione della retta per l inserimento è strettamente legata alla tipologia del percorso che l ospite compie in Struttura e delle attività che sceglie di seguire. Quindi, in funzione del percorso terapeutico individuale, del livello di protezione e dell intensità terapeutica e delle attività richiesti (prestazioni riabilitative residenziali, semi-residenziali o solo diurne), sarà di volta in volta concordata una retta pro-capite. La flessibilità della retta consente di perseguire la massima personalizzazione del progetto terapeutico sulla base delle specifiche esigenze del paziente, che assume in tal modo una posizione sempre centrale rispetto all organizzazione degli interventi. Per i motivi elencati la retta si colloca in un range che va da 120,00 a 130,00 /die Residenzialità leggera 15

9 Residenze ri-abilitative GAA FenestrELLE, AS ABiCittà Progettati per realizzare la fase riabilitativa e di (re)inserimento sociale dei pazienti che, terminato un percorso terapeutico intensivo, necessitano di sperimentare in ambiente supportato le abilità e le autonomie (ri)acquisite con l obiettivo del massimo svincolo possibile dal circuito assistenziale. FenestrELLE Gruppo Appartamento Assistenziale 2 nuclei 5+4 pl E una casa organizzata come contesto assistenziale e supportivo, a bassa stimolazione emotiva, per persone con psicopatologia che non necessitano di interventi terapeutici intensivi quanto piuttosto del consolidamento delle abilità e potenzialità di base nell ottica di un reinserimento sociale. La presenza di un operatore sulle 24 ore rende questo GA fruibile anche nelle situazioni in cui debbano essere garantiti un attenzione e un monitoraggio costante, estesi alla fascia oraria notturna (cfr misure di sicurezza o prescrizioni socio-sanitarie particolari). La struttura si trova a Pinerolo (TO) in Via Fenestrelle, 82. Si tratta di due nuclei abitativi di piccole dimensioni nell ambito dei quali il servizio prestato è in funzione dell elevato livello di autonomia già acquisito dagli ospiti o di quello che ulteriormente ci si propone di far acquisire. Per raggiungere tale obiettivo vengono valutate abilità sociali, specifici bisogni e quindi attivate risorse adeguate (comprese le possibili interazioni con il mondo socio-lavorativo e della scuola, per consentire percorsi specifici di formazione, laddove interrotti, o anche ex novo). Le unità abitative possono accogliere fino a 6 persone di ambo i sessi e di età superiore ai 18 anni, e garantiscono le seguenti condizioni: connotazione strutturale degli spazi e della dimensione relazionale aderente al modello casa; supporto di personale educativo e socio-assistenziale specificamente mirato ed adeguatamente qualificato per una presenza massima di 6 ore/die; eventuale possibilità di supporto di personale medico ed infermieristico (elemento implicito nella concezione di rete riabilitativa); eventuale possibilità di supporto psicologico/psicoterapeutico (laddove non sia fruibile all interno del Servizio inviante); possibilità di cogestione e verifica del progetto riabilitativo da parte di ospiti e committenti; elaborazione di progetti personalizzati a termine, riferiti ai residenti, redatti in sinergia con i Servizi invianti; Le strutture si trovano a Pinerolo (TO) in C.so Torino 26. La retta giornaliera di FenestrELLE e ABiCittà, a seconda della articolazione del progetto individuale, varia da 80,00 a 110,00 Organico équipe DI CASA - GESTIONE PEI referente progettuale e di struttura 28 educatori/trp/assistenti sociali 60 ausiliari specializzati/o.t.a./o.s.s. 60 ABiCittà OPERATORI ADDETTI A GRUPPI/ATTIVITA RISOCIALIZZANTI educatori/trp/o.s.s./tecnici secondo progetto Alloggi Supportati - 2 nuclei 4+2 pl La struttura risponde all esigenza di re-integrazione sociale dei pazienti che possiedano sufficienti competenze di autogestione, pur necessitando ancora di un monitoraggio psico-educativo o di un supporto pratico in alcuni momenti della giornata. Assistenza sanitaria di base A tutti gli ospiti delle strutture è garantita l Assistenza Sanitaria di Base in convenzione con i Servizi Territoriali del Comune di Torre Pellice e di Pinerolo

10 Inserimenti L ammissione presso le strutture dei pazienti in carico ai Dipartimenti di Salute Mentale è vincolata alla stipulazione di una apposita convenzione con l Azienda Sanitaria Locale concernente i singoli casi proposti dai Servizi. L ammissione è valutata alla luce dei seguenti criteri: inquadramento clinico età superiore ai 18 anni compatibilità del nuovo inserimento rispetto al gruppo residente nella struttura individuata come idonea collaborazione sinergica con il servizio inviante Rapporti con i familiari In linea con i progetti terapeutico-riabilitativi, sono anche previsti idonei spazi di accoglimento e informazione dei familiari, gestiti dalle équipe clinica e riabiitativa. Su richiesta è anche possibile attivare per i familiari un sostegno o una psicoterapia individuale, di coppia o di gruppo. Permessi Durante la permanenza in Comunità e nelle altre strutture possono essere concordati periodi più o meno lunghi in permesso al di fuori della struttura. Formazione del personale e supervisione Interventi psico-educativi territoriali Attività in rete L organizzazione delle strutture prevede una continua formazione e una attenta supervisione con corsi specifici e partecipazione a convegni. Molte attività formative (interne ed esterne) sono accreditate ECM (Educazione Continua in Medicina). 19

11 Interventi psico-educativi territoriali 4. razionalizzare ed ottimizzare gli inserimenti in comunità 5. potenziare i progetti a bassa soglia L équipe multidisciplinare L ITC (Intensive Territorial Case management) a domicilio L Intensive Territorial Case management è un approccio riabilitativo che presuppone un intervento effettuato nell ambiente di vita del paziente, eliminando perciò la necessità di trasferire nel mondo reale comportamenti appresi in situazioni artificiali di ambulatorio, di comunità o ospedaliere. Nel trattamento ITC, tutti i Servizi e le opportunità terapeutiche e riabilitative sono portate direttamente in casa del paziente da professionisti competenti, ma anche da volontari adeguatamente formati, in grado di: supportare tutte o gran parte delle esigenze quotidiane concrete del paziente (compliance farmacologia, gestione della propria casa, del proprio budget, del proprio tempo libero e delle relazioni sociali e formali con gli enti - pratiche burocratiche, pagamento bollette, etc ); gestire momenti critici e prevenire episodi di crisi conclamata, attraverso un contatto costante ed una reperibilità sulle 24 ore attivare interventi informativi, di supporto e psicoeducativi per i familiari e i care givers con l obiettivo di formare gruppi di auto-mutuo aiuto sempre più indipendenti personalizzare al massimo l intervento terapeutico- riabilitativo sulla base di un accurato assessment dei bisogni e la redazione di un piano riabilitativo individualizzato Alla base dell intervento ITC sta: la costituzione di una mini équipe territoriale composta da: educatori, assistente sociale, oss, psicologi e psicoterapeuti/counselor/mediatori familiari, psichiatra, volontari, che si attivano quotidianamente sul paziente ed il suo milieu a seconda della necessità del piano riabilitativo giornaliero; l utilizzo sistematico e congiunto di supporti di gestione informatizzata della comunicazione e dell informazione in tempo reale relativa ai singoli utenti del servizio la definizione di protocolli operativi e delle relative verifiche la formazione continua e la supervisione degli operatori Attività in rete Centro Diurno Diffuso A chi è rivolto? Il trattamento ITC è massimamente indicato per i pazienti in uscita da un ricovero in SPDC o in fase di reinserimento sociale dopo un trattamento Comunitario, ma anche per sostenere i pazienti inseriti in Gruppi Appartamento o in altre situazioni di Residenzialità leggera. Obiettivi dell ITC Per la loro natura e organizzazione, i trattamenti ITC possono essere utilizzati per: Le équipes clinica e riabilitativa del Progetto du Parc insieme a professionisti di provata esperienza nelle diverse discipline di salute e benessere propongono ai pazienti attività parallele e collaterali al trattamento residenziale comunitario, attivabili al bisogno sia in struttura, sia in sedi territoriali (piscine, palestre e centri di salute e benessere, Laboratori artigianali e Aziende Agricole) attentamente selezionate e accreditate. Anche tali attività possono essere integrate all offerta terapeutico-riabilitativa, attraverso un monitoraggio degli esiti e grazie all integrazione multidisciplinare tra professionisti che condividono presupposti e strategie riabilitative comuni. Tutte le attività del Centro Diurno Diffuso sono fruibili da pazienti delle strutture ed anche da pazienti esterni. 1. sostenere interventi territoriali domiciliari 2. ridurre i ricoveri in spdc delle persone seguite sul territorio 3. identificare e trattare precocemente giovani adulti (18-30 anni) al primo esordio psicotico con una funzione di prevenzione primaria e di presa in carico precoce

12 Il progetto attività in rete si declina su tre assi principali: Area corpo La cura e la riabilitazione della psicopatologia e del disagio psichico passano necessariamente per il trattamento del corpo inteso come sistema fisiologico o come segnalatore di sintomatologia, sia come veicolo di induzione di elementi terapeutici. Per questo la pratica riabilitativa du Parc si compone, oltre che di prassi psicoterapiche e farmacologiche, anche di attività centrate sul corpo ed in particolare: acquaticità e watzu massaggi shiatzu e ayurvedici yoga e psicomotricità Particolare attenzione viene inoltre posta sui principi della nutrizione, come fattori correlabili con l efficacia delle altre tecniche terapeutiche. Re(f)use Lab Espressività La ricerca e la stimolazione dell espressività, come indicatore del mondo interno, è altrettanto degna di nota in un percorso terapeutico. Per questo il Progetto du Parc propone attività espressive quali: AgriSOCIAL arteterapia musicoterapia danzaterapia Lavoro La ristrutturazione della personalità e la riduzione della sintomatologia psichiatrica devono poter andare di pari passo con una specifica formazione al lavoro, intesa come attitudine alla costanza e continuità, al rispetto di tempi e impegni, alla responsabilità, oltre che all acquisizione di abilità manuali di base. Il Progetto du Parc è partner di Re(f)use Lab e di AgriSOCIAL. 23

13 L intento del progetto è proporre ai pazienti: un esperienza concreta a contatto con professionisti e con una realtà lavorativa che gestisce progettazione, produzione e vendita un percorso formativo reale una possibilità di tirocinio lavorativo legato a un progetto che li coinvolge come portatori di necessità (di riabilitazione, reinserimento, integrazione), ma anche come possibili risorse produttive e culturali Il progetto si basa sul concetto di DESIGN SISTEMICO, infatti: si fonda sull assunto che lo scarto di un sistema produttivo possa divenire risorsa per un altro sistema (il marchio stesso del Re(f)use Lab visualizza questo concetto) la logica del progetto richiama questo assunto: i mobili usati o rotti possono venire riprogettati (re-design) e reimmessi sul mercato; i pazienti (la cui esperienza di malattia li ha allontanati dalla normalità) hanno l occasione di ri-progettarsi e ridiventare risorsa di un ciclo di produzione-fruizione partecipata. Quindi, il Re(f)use Lab è uno spazio di lavoro innovativo ma soprattutto uno spazio progettuale gli ambiti di lavoro variano dalla progettazione, alla produzione, alla promozione (mktg), alla vendita lo spazio progettuale si declina in step riabilitativi, ma ricalca la progressione della progettazione: l oggetto di partenza è esaminato e valutato nelle sue componenti attuali, oggettive; viene scomposto nelle sue parti e reingegnerizzato o reinterpretato valorizzando le sue parti migliori AgriSOCIAL L Orto che parla è una proposta riabilitativa-formativa nata dalla collaborazione di Progetto du Parc con un Azienda Agricola del territorio pinerolese, nell ambito dell Agricoltura Sociale promossa da Coldiretti Torino. Il Re(f)use Lab - Più Design, meno psicosi - è un laboratorio di Social Redesign, attraverso il quale si propone un modo nuovo di concepire le attività di riabilitazione manuali per i pazienti inseriti in un percorso riabilitativo. Al di là delle caratteristiche etiche, ecologiche e social del progetto, il Re(f)use Lab rappresenta per noi un valore aggiunto nella rosa delle attività riabilitative del Progetto du Parc: l avvicinamento e la reale inclusione nel mondo dell impresa come parte integrante della ri-abilitazione. L idea nasce da un esperienza di sinergia operativa con Galliano Habitat, azienda leader dell arredamento e design, finalizzata all arredamento di strutture per la salute mentale. Gli spazi ed i tempi della campagna offrono infatti ai pazienti impegnati in un percorso riabilitativo e di (re)inserimento sociale molte opportunità di apprendimento, sperimentazione di sé e delle proprie attitudini pratiche e relazionali, e la possibilità di beneficiare direttamente dei risultati del proprio lavoro. L affiancamento di operatori specificamente formati sul progetto consente di evidenziare, valutare e monitorare, in un contesto alternativo ai circuiti di cura tradizionali, le competenze cognitive prassiche e relazionali dei pazienti valorizzando ed implementando le peculiarità di ciascuno, fornendo così, attraverso gesti e ritmi semplici, rinforzi all autostima oltre che alle proprie risorse personali. Al progetto AgriSOCIAL è inoltre legata un attività di sensibilizzazione-informazione ed educazione alimentare. Gli step operativi per accedere alle attività di Re(f)use Lab e AgriSOCIAL sono: criteri di selezione dei pazienti esplicitati e condivisi; definizione di obiettivi riabilitativi attesi contratto di partecipazione all attività assessment tecnico (a cura dei tecnici del Lab e di AgriSOCIAL) valutazione condivisa e partecipata delle competenze con gli operatori della riabilitazione in t1,t2, etc condivisione con l équipe inviante e inclusione reporting periodico nel diario clinico

14 Comunicazione e informazione Per rendere trasparente, tracciabile e costantemente verificabile ogni tappa del percorso di cura dei pazienti, il Progetto du Parc dispone di un sistema informativo e telematico di gestione e trasmissione dati clinici educativi e riabilitativi per consentire la massima sinergia tra Servizi Invianti e le équipes du Parc, anche a distanza: il Portale della Salute Mentale, che presuppone livelli di accesso e consultabilità dall esterno ed eventualmente implementabile con la collaborazione del paziente stesso e dei suoi familiari. Tale strumento diviene indispensabile per garantire una continuità terapeutica nell ambito del percorso del paziente, oltre all evidenza delle prestazioni effettivamente erogate, oltre che per evitare il revolving door territoriale 27

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli