PERCORSI DI RI-ABILITAZIONE IN SALUTE MENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSI DI RI-ABILITAZIONE IN SALUTE MENTALE"

Transcript

1 PERCORSI DI RI-ABILITAZIONE IN SALUTE MENTALE

2 Per essere sereni, bisogna conoscere i confini delle nostre possibilità, e amarci come siamo. Romano Battaglia Residence du Parc Srl Sede legale a Torre Pellice (TO), Viale Dante, 58 - CAP P.IVA Iscrizione alla Camera di Commercio in data 9/06/1997 Num. REA TO ; autorizzazione in regime definitivo a Comunità Terapeutica di tipo B dalla ASL 10 Pinerolo con Delibera n.999 del 27 agosto 1998 e divenuta esecutiva in data 13 settembre 1998; accreditamento definitivo con DGR del 30 dicembre Indice Residenzialità terapeutica 5 Residenzialità leggera 17 Interventi psico-educativi territoriali Attività in rete 19 Re(f)use Lab AgriSOCIAL 23 Comunicazione e informazione 27 Photos resources Stock.XCHNG 3

3 Progetto du Parc Il Progetto du Parc è un network di strutture, professionisti ed attività che fornisce risposte terapeutiche a pazienti con patologia psichiatrica, attraverso la realizzazione di percorsi riabilitativi, concordati con i Servizi invianti, costantemente verificabili, rimodulabili e misurati nell efficacia con specifici indicatori scientifici. I progetti terapeutico-riabilitativi di tipo Residenziale, Semiresidenziale e Territoriale, sono personalizzati e differenziati per le diverse tappe evolutive della cura e per le specifiche situazioni cliniche. La presenza nel network di tre équipes di operatori di alta professionalità costantemente formata e aggiornata, consente di progettare ed effettuare interventi terapeutici e riabilitativi integrati estremamente flessibili ed adatti a diversi tipi di esigenza. Le équipes du Parc: équipe clinica è composta da medici, psicologi, psicoterapeuti ed infermieri - si occupa dall approccio organico e psichico alla sintomatologia. In particolare effettua interventi di Assessment e Valutazione psicodiagnostica, psicoterapia individuale e di gruppo, sostegno e terapia familiare, oltre all impostazione e monitoraggio della terapia psicofarmacologica in collaborazione con i Medici di Medicina Generale e con i Servizi Territoriali. Residenzialità terapeutica équipe riabilitativa è composta da educatori, tecnici della riabilitazione psichiatrica, animatori, musicoterapeuti, arteterapeuti, psicomotricisti fisioterapisti che curano l intervento psico-socio educativo, di tirocinio e formazione-lavoro e di inserimenti lavorativi in social projects in collaborazione con Associazioni ed Enti territoriali. équipe assistenziale è composta da operatoti socio sanitari e assistenti sociali e si dedica agli aspetti assistenziali e sociali della cura, della riabilitazione e della tutela. Promuovono e sostengono le attività di auto-mutuo aiuto. I luoghi della cura I Progetti terapeutici e riabilitativi du Parc possono essere realizzati nelle Strutture del Polo di Torre Pellice o di Pinerolo, sul Territorio o a Domicilio del paziente. 5

4 Residenzialità a alta intensità terapeutica e assistenziale Queste strutture sono situate in un elegante zona residenziale a Torre Pellice, (centro religioso delle Chiese Evangeliche Valdesi nel cuore di una valle ricca di storia, di tradizioni, di arte e di cultura), in Viale Dante, inserite all interno di un caratteristico edifici Liberty dei primi del 900 circondati da ampi spazi verdi. L ottima localizzazione urbana permette agli ospiti di vivere in un contesto integrato con il tessuto sociale circostante garantendo risposte ai bisogni primari quali assistenza e cura nonché al bisogno di relazione e recupero-consolidamento delle risorse personali. Comunità Terapeutica La Comunità Terapeutica du Parc, fondata nel 1998, è una Comunità Protetta, accreditata con il SSN finalizzata alla progettazione e l erogazione di trattamenti terapeutici rivolti a pazienti con patologie psichiatriche; ospita 20 residenti e dispone di 2 posti di pronta accoglienza per le fasi di accoglienza e dimissione. Nella Comunità si sviluppano le fasi di accoglienza, valutazione psicodiagnostica ed educativa, progettazione e realizzazione del progetto terapeutico individuale (declinabile in tempi e modi concordati), dimissione. Nel contesto comunitario si realizzano trattamenti riabilitativi secondo un modello integrato di tipo psicodinamico-esperienziale e sistemico-relazionale modulato secondo procedure di intervento quali l Assertive Community Treatment, il Case Management e il Social Skill Training (R.P. Liberman, La Riabilitazione psichiatrica, Raffaello Cortina Ed., 1997). Nella fase di accoglienza (generalmente primi 3 mesi) viene effettuato un assessment integrato dei sintomi (attraverso BPRS, test BAI, STAI, CES-D, test proiettivi e altre valutazioni eventualmente indicate), un assessment del funzionamento sociale (test VADO), un eventuale valutazione neurocognitiva e una ricognizione mirata a tipizzare la rete familiare per valutare puntualmente i bisogni terapeutici e riabilitativi degli ospiti. Successivamente è possibile pianificare e realizzare un Progetto Terapeutico Individuale (PTI) all interno del quale declinare gli obiettivi terapeutici, le modalità e i tempi di realizzazione e le verifiche programmate. Le modalità di intervento possono utilizzare sia interventi farmacologici sia interventi psico-socio-riabilitativi (di gruppo o individuali). Gli interventi di gruppo sono sinteticamente rappresentati dai gruppi ludico-ricreativi (condotti da personale socio-educativo), gruppi espressivi (condotti da personale psico-educativo), gruppi riabiltativi - social skills training (condotti da personale psico-educativo) e gruppi rielaborativi-espressivi (condotti da psicologi e psicoterapeuti). Gli interventi individuali si articolano in colloqui psichiatrici, interventi psicologici (con l utilizzo di tecniche di focusing ed esperienziali quali l EMDR) e in interventi infermieristici ed educativi. Accanto a ciò è possibile integrare, secondo un approccio sistemico, l eventuale intervento psicoterapeutico e/o educativo con la rete familiare. In seguito al raggiungimento dell obiettivo terapeutico è possibile accedere alle dimissioni dalla struttura con l eventuale ulteriore declinazione di un progetto di trattamento territoriale con le risorse messe a disposizione dalla rete Progetto du Parc. Unità Sperimentale di Fase Avanzata La struttura (USFA) da 5 posti letto, utilizzata come Unità Sperimentale di Fase Avanzata per interventi psico-socio-educativi di graduale sostegno all autonomia di utenti con discreta integrazione sociale, è contigua alla Comunità Terapeutica. Tale contesto di piccolo gruppo si presta a sperimentazioni di maggior autonomia abitativa e relazionale, erogando, prestazioni di complessità maggiore di quelle presenti nell ambito comunitario. La gestione della Fase Avanzata prevede infatti un graduale coinvolgimento degli utenti nelle comuni attività quotidiane nel rispetto dei singoli progetti terapeutici individuali sollecitando gradatamente l attivazione di una autonomia maggiore all interno di una cornice di monitoraggio e sostegno psico-socio-educativo comunque molto strutturato ed eventualmente integrato da psicoterapia.

5 Schema riassuntivo TIPOLOGIA DI UTENZA (adulti di ambo i sessi anche in regime di restrizione giudiziaria) disturbi dello spettro psicotico disturbi dello spettro affettivo disturbi dello spettro bipolare disturbi di personalità ritardo mentale medio-lieve comorbilità con patologia da dipendenza da uso di sostanze ASSESSMENT PSICOLOGICO-PSICHIATRICO scale psicometriche test proiettivi scale di valutazione del livello di sviluppo intellettivo valutazioni personologiche assessment neuropsicologico IMPOSTAZIONE TERAPEUTICA integrata di tipo psicodinamico-esperienziale e sistemico-relazionale Schema di trattamento riabilitativo nella Comunità proposta inserimento accoglienza e valutazione assessment INTERVENTI RIABILITATIVI flessibili e personalizzati di durata variabile (3-24 mesi) social skill training (tecniche di rinforzo, tecniche comportamentali, role playing, feedback correttivo, problem solving, focalizzazione dell attenzione) attività ed interventi di gruppo attività ed interventi individuali eventuali attività familiari OBIETTIVI DELLA RIABILITAZIONE incremento del funzionamento adattativo diminuzione del funzionamento psicotico ottimizzazione della terapia psicofarmacologica de-istituzionalizzazione inserimento nella community (possibilità di avvicinamento e formazione al lavoro interni al progetto) progettazione realizzazione progetto terapeutico progetto terapeutico gruppi psico-sociali ed espressivi gruppi ricreativi e simbolico-espressivi colloqui individuali/familiari terapia farmacologica dimissioni

6 Organico Retta giornaliera La Comunità Terapeutica e l USFA hanno un organico costituito come segue: la riabilitazione psichiatrica nella Comunità prevede un assistenza continuativa sulle 24 ore e si avvale di una équipe multidisciplinare integrata composta di: psichiatri psicologi educatori professionali tecnici della riabilitazione psichiatrica operatori socio-sanitari infermieri professionali Comunità Protetta - Unità di Fase Avanzata Il costo della retta giornaliera è da concordarsi in sede di convenzione, e comprende tutte le spese sostenute per la realizzazione del programma terapeutico-riabilitativo di base e per l assistenza. Si intendono escluse le spese per i farmaci non specialistici e le spese personali degli utenti che sono a loro totale carico. L importo suddetto può essere suscettibile di modifiche in funzione del progetto terapeutico-riabilitativo di ciascun utente. Per tali motivi la retta media si assesta tra i 144,00 ed i 175,00 /die La Comunità accoglie sistematicamente personale volontario, specializzandi in psichiatria e psicoterapia seguendone la preparazione e la formazione ed è sede convenzionata di tirocini post lauream e tirocini pratici per le facoltà di scienze dell educazione, tecnica di riabilitazione psichiatrica e psicologia nonchè tirocini finali per Operatori Socio Sanitari. MANAGEMENT E DIRIGENZA direttore di comunità 38 referente amministrativo 38 responsabile qualità e risorse umane 30 responsabile sanitario min. 12 psichiatra min. 12 coordinatore équipe 38 coordinamento organizzativo équipe della casa 30 CASE MANAGEMENT psicologo min. 22 psicologo verifica progetti educativi 12 SUPERVISIONE E FORMAZIONE PERMANENTE ore/anno psicologi/psicoterapeuti/psichiatra 50 équipe DI CASA - GESTIONE PEI infermieri 110 educatori/infermieri/trp/assistenti sociali 126 ausiliari specializzati/o.t.a./o.s.s. 126 operatori addetti tutoraggio inserimenti lavorativi secondo progetto cuoche/addetti cucina educativa 68 assistenti pulizie e manutenzione della casa 46 OPERATORI ADDETTI A GRUPPI/ATTIVITA RISOCIALIZZANTI educatori/trp/o.s.s./tecnici psicologi 4-6 Residenzialità a media intensità terapeutica e media protezione Appartamenti Terra di Mezzo Gli Appartamenti Terra di Mezzo sono strutture socio-assistenziali ad alta integrazione sanitaria e possono accogliere persone in situazione di disagio psichico, di ambo i sessi e di età superiore ai 18 anni, in carico ai servizi psichiatrici territoriali garantendo una connotazione strutturale degli spazi, progettata secondo i parametri del modello casa (civile abitazione). La dimensione famigliare delle relazioni e dell ambiente, con una capienza massima per nucleo di 5 posti letto, permette di erogare prestazioni che si declinano in: supporto educativo e socio-assistenziale alla riacquisizione di autonomie monitoraggio psichiatrico e farmacologico possibilità di supporto infermieristico e sanitario possibilità di supporto psicologico/psicoterapeutico E inoltre possibile progettare un interfaccia con l ambiente esterno e un collegamento con la rete di servizi territoriali di riferimento e di supporto nell area di Torre Pellice e di Pinerolo, per l attivazione di tirocini lavorativi o per la pianificazione di attività riabilitative, ricreative e formative.

7 Programma settimanale Le attività previste in questi nuclei presuppongono il graduale coinvolgimento e la responsabilizzazione del paziente nella gestione della quotidianità della casa e della convivenza in un piccolo gruppo. L intervento clinico è finalizzato alla costante rielaborazione dell esperienza ed al supporto alle funzioni di pianificazione ed organizzazione della settimana con l obiettivo di rafforzare le competenze relazionali. Gli interventi sono caratterizzati da interventi di sostegno educativo ed assistenziale, da attività risocializzanti e soprattutto dall integrazione territoriale e di liaison con famiglia e Servizi. È possibile mantenere il monitoraggio psichiatrico e farmacologico laddove si renda necessario. Organico Terra di Mezzo - Casetta Attività e gruppi strutturati con l équipe gruppo organizzativo con il supporto degli operatori gruppo della casa - condotto dallo psicologo gruppo ascolto emotivo - condotto dallo psicologo Attività in autonomia sostenute e accompagnate dall équipe Attività sportive (calcio, running, piscina, palestra) sul territorio, di gruppo e individuali Partecipazione ad associazioni culturali, di volontariato, ecc. favorendo e supportando il reinserimento e le relazioni). I progetti personalizzati ed a termine sono redatti in sinergia con i Servizi invianti e consentono spesso, attraverso la presenza di requisiti strutturali e delle prerogative descritte, un efficace alternativa alle soluzioni terapeutiche più intensive e caratteristiche di una comunità residenziale classica. Residenzialità ad intensità terapeutica e protezione flessibile Gruppo Appartamento Casetta Il Gruppo Appartamento Casetta (struttura socio-assistenziale a rilievo sanitario) è un nucleo abitativo costituito da 3 posti letto ed utilizzato per inserimenti brevi e di sollievo. MANAGEMENT E DIRIGENZA direzione amministrativa 8 psichiatra 4 CASE MANAGEMENT psicologo 4 psicologo verifica progetti educativi 4 SUPERVISIONE E FORMAZIONE PERMANENTE psicologi/psicoterapeuti/psichiatra 2 équipe DI CASA - GESTIONE PEI referente di struttura 10 educatori/infermieri/trp/assistenti sociali 36 ausiliari specializzati/o.t.a./o.s.s. 36 operatori addetti tutoraggio inserimenti lavorativi secondo progetto infermieri 14 assistenti pulizie e manutenzione della casa 9 OPERATORI ADDETTI A GRUPPI/ATTIVITA RISOCIALIZZANTI educatori/trp/o.s.s./tecnici 4 In funzione delle esigenze dell utenza e dei singoli progetti terapeutici individuali, è contemplata la psicoterapia individuale o di gruppo e la collaborazione di personale esperto in specifiche tecniche terapeutico - riabilitative (musicoterapeuti, arteterapeuti, ippoterapeuti, ecc...), Riabilitazione semiresidenziale Intorno a tutte le strutture per la riabilitazione du Parc è attiva una rete di attività ricreative, riabilitative, risocializzanti dislocate sul territorio (ATTIVITà IN RETE) e gestite dall équipe riabilitativa du Parc. La rete è fruibile sia dai pazienti inseriti nelle strutture, sia da pazienti in carico ai CSM.

8 Retta giornaliera Terra di Mezzo - Casetta Data la gamma delle attività proposte all interno degli Appartamenti, la determinazione della retta per l inserimento è strettamente legata alla tipologia del percorso che l ospite compie in Struttura e delle attività che sceglie di seguire. Quindi, in funzione del percorso terapeutico individuale, del livello di protezione e dell intensità terapeutica e delle attività richiesti (prestazioni riabilitative residenziali, semi-residenziali o solo diurne), sarà di volta in volta concordata una retta pro-capite. La flessibilità della retta consente di perseguire la massima personalizzazione del progetto terapeutico sulla base delle specifiche esigenze del paziente, che assume in tal modo una posizione sempre centrale rispetto all organizzazione degli interventi. Per i motivi elencati la retta si colloca in un range che va da 120,00 a 130,00 /die Residenzialità leggera 15

9 Residenze ri-abilitative GAA FenestrELLE, AS ABiCittà Progettati per realizzare la fase riabilitativa e di (re)inserimento sociale dei pazienti che, terminato un percorso terapeutico intensivo, necessitano di sperimentare in ambiente supportato le abilità e le autonomie (ri)acquisite con l obiettivo del massimo svincolo possibile dal circuito assistenziale. FenestrELLE Gruppo Appartamento Assistenziale 2 nuclei 5+4 pl E una casa organizzata come contesto assistenziale e supportivo, a bassa stimolazione emotiva, per persone con psicopatologia che non necessitano di interventi terapeutici intensivi quanto piuttosto del consolidamento delle abilità e potenzialità di base nell ottica di un reinserimento sociale. La presenza di un operatore sulle 24 ore rende questo GA fruibile anche nelle situazioni in cui debbano essere garantiti un attenzione e un monitoraggio costante, estesi alla fascia oraria notturna (cfr misure di sicurezza o prescrizioni socio-sanitarie particolari). La struttura si trova a Pinerolo (TO) in Via Fenestrelle, 82. Si tratta di due nuclei abitativi di piccole dimensioni nell ambito dei quali il servizio prestato è in funzione dell elevato livello di autonomia già acquisito dagli ospiti o di quello che ulteriormente ci si propone di far acquisire. Per raggiungere tale obiettivo vengono valutate abilità sociali, specifici bisogni e quindi attivate risorse adeguate (comprese le possibili interazioni con il mondo socio-lavorativo e della scuola, per consentire percorsi specifici di formazione, laddove interrotti, o anche ex novo). Le unità abitative possono accogliere fino a 6 persone di ambo i sessi e di età superiore ai 18 anni, e garantiscono le seguenti condizioni: connotazione strutturale degli spazi e della dimensione relazionale aderente al modello casa; supporto di personale educativo e socio-assistenziale specificamente mirato ed adeguatamente qualificato per una presenza massima di 6 ore/die; eventuale possibilità di supporto di personale medico ed infermieristico (elemento implicito nella concezione di rete riabilitativa); eventuale possibilità di supporto psicologico/psicoterapeutico (laddove non sia fruibile all interno del Servizio inviante); possibilità di cogestione e verifica del progetto riabilitativo da parte di ospiti e committenti; elaborazione di progetti personalizzati a termine, riferiti ai residenti, redatti in sinergia con i Servizi invianti; Le strutture si trovano a Pinerolo (TO) in C.so Torino 26. La retta giornaliera di FenestrELLE e ABiCittà, a seconda della articolazione del progetto individuale, varia da 80,00 a 110,00 Organico équipe DI CASA - GESTIONE PEI referente progettuale e di struttura 28 educatori/trp/assistenti sociali 60 ausiliari specializzati/o.t.a./o.s.s. 60 ABiCittà OPERATORI ADDETTI A GRUPPI/ATTIVITA RISOCIALIZZANTI educatori/trp/o.s.s./tecnici secondo progetto Alloggi Supportati - 2 nuclei 4+2 pl La struttura risponde all esigenza di re-integrazione sociale dei pazienti che possiedano sufficienti competenze di autogestione, pur necessitando ancora di un monitoraggio psico-educativo o di un supporto pratico in alcuni momenti della giornata. Assistenza sanitaria di base A tutti gli ospiti delle strutture è garantita l Assistenza Sanitaria di Base in convenzione con i Servizi Territoriali del Comune di Torre Pellice e di Pinerolo

10 Inserimenti L ammissione presso le strutture dei pazienti in carico ai Dipartimenti di Salute Mentale è vincolata alla stipulazione di una apposita convenzione con l Azienda Sanitaria Locale concernente i singoli casi proposti dai Servizi. L ammissione è valutata alla luce dei seguenti criteri: inquadramento clinico età superiore ai 18 anni compatibilità del nuovo inserimento rispetto al gruppo residente nella struttura individuata come idonea collaborazione sinergica con il servizio inviante Rapporti con i familiari In linea con i progetti terapeutico-riabilitativi, sono anche previsti idonei spazi di accoglimento e informazione dei familiari, gestiti dalle équipe clinica e riabiitativa. Su richiesta è anche possibile attivare per i familiari un sostegno o una psicoterapia individuale, di coppia o di gruppo. Permessi Durante la permanenza in Comunità e nelle altre strutture possono essere concordati periodi più o meno lunghi in permesso al di fuori della struttura. Formazione del personale e supervisione Interventi psico-educativi territoriali Attività in rete L organizzazione delle strutture prevede una continua formazione e una attenta supervisione con corsi specifici e partecipazione a convegni. Molte attività formative (interne ed esterne) sono accreditate ECM (Educazione Continua in Medicina). 19

11 Interventi psico-educativi territoriali 4. razionalizzare ed ottimizzare gli inserimenti in comunità 5. potenziare i progetti a bassa soglia L équipe multidisciplinare L ITC (Intensive Territorial Case management) a domicilio L Intensive Territorial Case management è un approccio riabilitativo che presuppone un intervento effettuato nell ambiente di vita del paziente, eliminando perciò la necessità di trasferire nel mondo reale comportamenti appresi in situazioni artificiali di ambulatorio, di comunità o ospedaliere. Nel trattamento ITC, tutti i Servizi e le opportunità terapeutiche e riabilitative sono portate direttamente in casa del paziente da professionisti competenti, ma anche da volontari adeguatamente formati, in grado di: supportare tutte o gran parte delle esigenze quotidiane concrete del paziente (compliance farmacologia, gestione della propria casa, del proprio budget, del proprio tempo libero e delle relazioni sociali e formali con gli enti - pratiche burocratiche, pagamento bollette, etc ); gestire momenti critici e prevenire episodi di crisi conclamata, attraverso un contatto costante ed una reperibilità sulle 24 ore attivare interventi informativi, di supporto e psicoeducativi per i familiari e i care givers con l obiettivo di formare gruppi di auto-mutuo aiuto sempre più indipendenti personalizzare al massimo l intervento terapeutico- riabilitativo sulla base di un accurato assessment dei bisogni e la redazione di un piano riabilitativo individualizzato Alla base dell intervento ITC sta: la costituzione di una mini équipe territoriale composta da: educatori, assistente sociale, oss, psicologi e psicoterapeuti/counselor/mediatori familiari, psichiatra, volontari, che si attivano quotidianamente sul paziente ed il suo milieu a seconda della necessità del piano riabilitativo giornaliero; l utilizzo sistematico e congiunto di supporti di gestione informatizzata della comunicazione e dell informazione in tempo reale relativa ai singoli utenti del servizio la definizione di protocolli operativi e delle relative verifiche la formazione continua e la supervisione degli operatori Attività in rete Centro Diurno Diffuso A chi è rivolto? Il trattamento ITC è massimamente indicato per i pazienti in uscita da un ricovero in SPDC o in fase di reinserimento sociale dopo un trattamento Comunitario, ma anche per sostenere i pazienti inseriti in Gruppi Appartamento o in altre situazioni di Residenzialità leggera. Obiettivi dell ITC Per la loro natura e organizzazione, i trattamenti ITC possono essere utilizzati per: Le équipes clinica e riabilitativa del Progetto du Parc insieme a professionisti di provata esperienza nelle diverse discipline di salute e benessere propongono ai pazienti attività parallele e collaterali al trattamento residenziale comunitario, attivabili al bisogno sia in struttura, sia in sedi territoriali (piscine, palestre e centri di salute e benessere, Laboratori artigianali e Aziende Agricole) attentamente selezionate e accreditate. Anche tali attività possono essere integrate all offerta terapeutico-riabilitativa, attraverso un monitoraggio degli esiti e grazie all integrazione multidisciplinare tra professionisti che condividono presupposti e strategie riabilitative comuni. Tutte le attività del Centro Diurno Diffuso sono fruibili da pazienti delle strutture ed anche da pazienti esterni. 1. sostenere interventi territoriali domiciliari 2. ridurre i ricoveri in spdc delle persone seguite sul territorio 3. identificare e trattare precocemente giovani adulti (18-30 anni) al primo esordio psicotico con una funzione di prevenzione primaria e di presa in carico precoce

12 Il progetto attività in rete si declina su tre assi principali: Area corpo La cura e la riabilitazione della psicopatologia e del disagio psichico passano necessariamente per il trattamento del corpo inteso come sistema fisiologico o come segnalatore di sintomatologia, sia come veicolo di induzione di elementi terapeutici. Per questo la pratica riabilitativa du Parc si compone, oltre che di prassi psicoterapiche e farmacologiche, anche di attività centrate sul corpo ed in particolare: acquaticità e watzu massaggi shiatzu e ayurvedici yoga e psicomotricità Particolare attenzione viene inoltre posta sui principi della nutrizione, come fattori correlabili con l efficacia delle altre tecniche terapeutiche. Re(f)use Lab Espressività La ricerca e la stimolazione dell espressività, come indicatore del mondo interno, è altrettanto degna di nota in un percorso terapeutico. Per questo il Progetto du Parc propone attività espressive quali: AgriSOCIAL arteterapia musicoterapia danzaterapia Lavoro La ristrutturazione della personalità e la riduzione della sintomatologia psichiatrica devono poter andare di pari passo con una specifica formazione al lavoro, intesa come attitudine alla costanza e continuità, al rispetto di tempi e impegni, alla responsabilità, oltre che all acquisizione di abilità manuali di base. Il Progetto du Parc è partner di Re(f)use Lab e di AgriSOCIAL. 23

13 L intento del progetto è proporre ai pazienti: un esperienza concreta a contatto con professionisti e con una realtà lavorativa che gestisce progettazione, produzione e vendita un percorso formativo reale una possibilità di tirocinio lavorativo legato a un progetto che li coinvolge come portatori di necessità (di riabilitazione, reinserimento, integrazione), ma anche come possibili risorse produttive e culturali Il progetto si basa sul concetto di DESIGN SISTEMICO, infatti: si fonda sull assunto che lo scarto di un sistema produttivo possa divenire risorsa per un altro sistema (il marchio stesso del Re(f)use Lab visualizza questo concetto) la logica del progetto richiama questo assunto: i mobili usati o rotti possono venire riprogettati (re-design) e reimmessi sul mercato; i pazienti (la cui esperienza di malattia li ha allontanati dalla normalità) hanno l occasione di ri-progettarsi e ridiventare risorsa di un ciclo di produzione-fruizione partecipata. Quindi, il Re(f)use Lab è uno spazio di lavoro innovativo ma soprattutto uno spazio progettuale gli ambiti di lavoro variano dalla progettazione, alla produzione, alla promozione (mktg), alla vendita lo spazio progettuale si declina in step riabilitativi, ma ricalca la progressione della progettazione: l oggetto di partenza è esaminato e valutato nelle sue componenti attuali, oggettive; viene scomposto nelle sue parti e reingegnerizzato o reinterpretato valorizzando le sue parti migliori AgriSOCIAL L Orto che parla è una proposta riabilitativa-formativa nata dalla collaborazione di Progetto du Parc con un Azienda Agricola del territorio pinerolese, nell ambito dell Agricoltura Sociale promossa da Coldiretti Torino. Il Re(f)use Lab - Più Design, meno psicosi - è un laboratorio di Social Redesign, attraverso il quale si propone un modo nuovo di concepire le attività di riabilitazione manuali per i pazienti inseriti in un percorso riabilitativo. Al di là delle caratteristiche etiche, ecologiche e social del progetto, il Re(f)use Lab rappresenta per noi un valore aggiunto nella rosa delle attività riabilitative del Progetto du Parc: l avvicinamento e la reale inclusione nel mondo dell impresa come parte integrante della ri-abilitazione. L idea nasce da un esperienza di sinergia operativa con Galliano Habitat, azienda leader dell arredamento e design, finalizzata all arredamento di strutture per la salute mentale. Gli spazi ed i tempi della campagna offrono infatti ai pazienti impegnati in un percorso riabilitativo e di (re)inserimento sociale molte opportunità di apprendimento, sperimentazione di sé e delle proprie attitudini pratiche e relazionali, e la possibilità di beneficiare direttamente dei risultati del proprio lavoro. L affiancamento di operatori specificamente formati sul progetto consente di evidenziare, valutare e monitorare, in un contesto alternativo ai circuiti di cura tradizionali, le competenze cognitive prassiche e relazionali dei pazienti valorizzando ed implementando le peculiarità di ciascuno, fornendo così, attraverso gesti e ritmi semplici, rinforzi all autostima oltre che alle proprie risorse personali. Al progetto AgriSOCIAL è inoltre legata un attività di sensibilizzazione-informazione ed educazione alimentare. Gli step operativi per accedere alle attività di Re(f)use Lab e AgriSOCIAL sono: criteri di selezione dei pazienti esplicitati e condivisi; definizione di obiettivi riabilitativi attesi contratto di partecipazione all attività assessment tecnico (a cura dei tecnici del Lab e di AgriSOCIAL) valutazione condivisa e partecipata delle competenze con gli operatori della riabilitazione in t1,t2, etc condivisione con l équipe inviante e inclusione reporting periodico nel diario clinico

14 Comunicazione e informazione Per rendere trasparente, tracciabile e costantemente verificabile ogni tappa del percorso di cura dei pazienti, il Progetto du Parc dispone di un sistema informativo e telematico di gestione e trasmissione dati clinici educativi e riabilitativi per consentire la massima sinergia tra Servizi Invianti e le équipes du Parc, anche a distanza: il Portale della Salute Mentale, che presuppone livelli di accesso e consultabilità dall esterno ed eventualmente implementabile con la collaborazione del paziente stesso e dei suoi familiari. Tale strumento diviene indispensabile per garantire una continuità terapeutica nell ambito del percorso del paziente, oltre all evidenza delle prestazioni effettivamente erogate, oltre che per evitare il revolving door territoriale 27

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età 1 La Fondazione Molina ha realizzato un Nucleo NeuroPsicoGeriatrico (NPG) per sostenere persone e famiglie verso le quali, allo stato attuale, non sono stati ancora organizzati servizi specifici da parte

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Chi siamo Casa di Enrica è una casa alloggio per adulti con disagio psichico. Si configura come

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

Stellapolare Centro diurno psichiatrico. Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it

Stellapolare Centro diurno psichiatrico. Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it Stellapolare Centro diurno psichiatrico Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it Chi siamo Il centro diurno Stellapolare si configura come una struttura semiresidenziale,

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

Progetto Vivere in Comunità anno 2016

Progetto Vivere in Comunità anno 2016 DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI L E C C E Progetto Vivere in Comunità anno 2016 PER I MINORI OSPITI DELLA COMUNITA PUBBLICA PER MINORI Via Monteroni, 157/A

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO Il presente regolamento si compone di n. 6 pagine, compresa la

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono:

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono: SETTORE ENTE SEDE PRIVATO CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA Torino Le diverse sedi proposte sono: Comunità Terapeutica Residenziale Passaggio a Nord- Ovest Strada alla funicolare di Superga n. 47/6 10132

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

PROGETTO LIBERI DENTRO

PROGETTO LIBERI DENTRO PROGETTO LIBERI DENTRO Premessa Nel corso di questi ultimi anni, il profondo cambiamento dell utenza che afferisce ai servizi, ha spinto le comunità ha modificare in modo profondo le proprie strategie

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

Fragole Celesti. Sommario: Fragole Celesti: l idea Perché Dove Come Chi Modalità di verifica

Fragole Celesti. Sommario: Fragole Celesti: l idea Perché Dove Come Chi Modalità di verifica Fragole Celesti Sommario: Fragole Celesti: l idea Perché Dove Come Chi Modalità di verifica Fragole Celesti: l idea Fragole Celesti è una comunità terapeutica destinata a trattare la doppia diagnosi nelle

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

La Cooperativa FILO DI ARIANNA

La Cooperativa FILO DI ARIANNA Salute mentale La Cooperativa FILO DI ARIANNA La Cooperativa Filo di Arianna è stata fondata nel 1995 a Monza. Nel 1999 assorbe servizi dell Area socio-sanitaria e socio-assistenziale da Caritas Ambrosiana.

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO

DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO DISTRETTO DI LUINO CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO DISABILI DI LUINO Il Centro Diurno Disabili è gestito dal 2003 dal Comune di Luino in qualità di Ente capofila del Distretto di Luino a seguito del

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI

AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI AREA DI INTERVENTO SOCIALE: SERVIZI E STRUTTURE PER PERSONE CON DISABILITÀ FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI Catalogo delle Tipologie di Servizio Trento 2002 3.1 CENTRI SERVIZI A RETE Centro a ciclo semiresidenziale

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12.

PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER IL LAVORO : PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO Periodo di riferimento 01.01.2013 31.12. DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Direttore: Dott. Antonio Lora Via dell Eremo, 9/11 23900 Lecco Tel. 0341.489171/0 - Fax. 0341.489176 e-mail : a.lora@ospedale.lecco.it PROGRAMMA INNOVATIVO TR23 UNA RETE PER

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo)

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) REGOLAMENTO COMUNITA EDUCATIVA PER MINORI INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART. 12 ART. 13 ART.

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ 11.4. Area Diversamente Abili 11.4.1. UN GIORNO DOPO L ALTRO DALLA CONVIVENZA ALLA RESIDENZIALITÁ PER UNA VITA INDIPENDENTE SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree

Dettagli

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI La Comunità Educativa Casa Carolina Miolli si dispone all accoglienza dei minori momentaneamente fuori dalla famiglia o che si trovano in stato di abbandono. I minori vengono

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Conferenza territoriale per la salute mentale

Conferenza territoriale per la salute mentale Conferenza territoriale per la salute mentale Lecco, 3. 12. 2007 LA RESIDENZIALITA LEGGERA IN LOMBARDIA Giorgio Cerati Residenzialità psichiatrica: i punti critici Disomogeneità della presenza delle SR

Dettagli

L anno duemilasei (2006) in questo giorno del mese di in Firenze,, per il presente atto a cui intervengono:

L anno duemilasei (2006) in questo giorno del mese di in Firenze,, per il presente atto a cui intervengono: SCHEMA DI CONVENZIONE TRA COMUNE DI FIRENZE, AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE E A.MI.G. ONLUS INERENTE LA REALIZZAZIONE IN FORMA INTEGRATA DI GRUPPI APPARTAMENTO PER N.10 PERSONE CON DISAGIO PSICHICO E SOCIALE

Dettagli

ASL FG DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE CENTRO SALUTE MENTALE DI MANFREDONIA

ASL FG DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE CENTRO SALUTE MENTALE DI MANFREDONIA ASL FG DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE CENTRO SALUTE MENTALE DI MANFREDONIA IL CASE MANAGEMENT: UN MODELLO ORGANIZZATIVO PER LA CURA DEL PAZIENTE PSICHIATRICO La presa in carico e la pianificazione Dott.ssa

Dettagli

Le richieste di ammissione sono segnalate per iscritto dal Ser.T, ( precedute da contatti telefonici).

Le richieste di ammissione sono segnalate per iscritto dal Ser.T, ( precedute da contatti telefonici). PROGRAMMA COMUNITÀ TERAPEUTICA EMMAUS L associazione Comunità sulla strada di Emmaus è iscritta con il numero d ordine n. 10 ai sensi della L. R. 9.9.96 n. 22 all Albo regionale degli Enti Ausiliari; senza

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI Art.1 - Oggetto e finalità Gli Alloggi protetti offrono ai giovani accolti un sostegno educativo individuale

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza U.N.A.SA.M. www.unasam.it mail: unasam@unasam.it Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza Il Bilancio di Salute, strumento per la qualità della cura: interventi personalizzati integrazionee

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Corso Argo Secondo Livello. Coadiutore dell animale. ULSS 4 Alto Vicentino

Corso Argo Secondo Livello. Coadiutore dell animale. ULSS 4 Alto Vicentino R3/IT Te.D learning programme in Italian Corso Argo Secondo Livello Coadiutore dell animale ULSS 4 Alto Vicentino PREMESSE: Si definiscono Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) le prestazioni a valenza

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

Albachiara comunità residenziale per minori adolescenti. Bozza. via Pacinotti, 3 Monza albachiara@novomillennio.it

Albachiara comunità residenziale per minori adolescenti. Bozza. via Pacinotti, 3 Monza albachiara@novomillennio.it Albachiara comunità residenziale per minori adolescenti via Pacinotti, 3 Monza albachiara@novomillennio.it Chi siamo Alba chiara è una comunità educativa per minori adolescenti, nata nel settembre 2001

Dettagli

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo.

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo. Carta dei FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG www.operasancamillo.net HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti 1 di 18

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA'

ART. 1 OGGETTO ART. 2 FINALITA' LINEE GUIDA DEI PERCORSI ASSISTENZIALI CHE FAVORISCANO L INTEGRAZIONE ED IL COORDINAMENTO DELLE FUNZIONI SOCIALI, SANITARIE ED EDUCATIVE NEL SETTORE DELLA DISABILITÀ ADULTA ART. 1 OGGETTO Con il presente

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 Presentazione dell Associazione La Cascina La nostra storia inizia nel 1982 dall incontro di alcune persone che -come cittadini e volontari- hanno cercato risposte plausibili

Dettagli

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Pag. 1 /5 PROTOCOLLO OPERATIVO TRA UNITA OPERATIVA HANDICAP E UNITA OPERATIVA MATERNO INFANTILE

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Residenze Sanitarie Psichiatriche

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Residenze Sanitarie Psichiatriche Requisiti Specifici per l accreditamento delle Residenze Sanitarie Psichiatriche Premessa I presenti requisiti sostituiscono quelli previsti per le Residenze sanitarie psichiatriche a trattamento intensivo,

Dettagli

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 0/44 Allegato B) Dgr n. del 4444 Pagine Unità di offerta che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della Regione

Dettagli

Casa Jobel Casa alloggio per donne in difficoltà. via S. Caterina da Siena, 49-20861 Brugherio casajobel@novomillennio.it www.novomillennio.

Casa Jobel Casa alloggio per donne in difficoltà. via S. Caterina da Siena, 49-20861 Brugherio casajobel@novomillennio.it www.novomillennio. Casa Jobel Casa alloggio per donne in difficoltà via S. Caterina da Siena, 49-20861 Brugherio casajobel@novomillennio.it www.novomillennio.it Chi siamo Casa Jobel è una comunità nata in risposta ad un

Dettagli

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI i.so.di. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Progetto integrazione sociale disabili i.so.di. SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA

Dettagli

GRUPPO APPARTAMENTO LA BRAIA 1 FINALITA MODALITA DI INSERIMENTO- ORGANIZZAZIONE - REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO.

GRUPPO APPARTAMENTO LA BRAIA 1 FINALITA MODALITA DI INSERIMENTO- ORGANIZZAZIONE - REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO. GRUPPO APPARTAMENTO LA BRAIA 1 FINALITA MODALITA DI INSERIMENTO- ORGANIZZAZIONE - REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO. Il Gruppo Appartamento è una unità abitativa per progetti personalizzati gestita dalla

Dettagli

Carta del servizio della Comunità Alloggio Crisalide - Coop. Il Raggio COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO. Sommario

Carta del servizio della Comunità Alloggio Crisalide - Coop. Il Raggio COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO. Sommario COMUNITÀ CRISALIDE CARTA DEL SERVIZIO Questa carta del servizio è uno strumento di comunicazione tra il servizio e il pubblico. Contiene le informazioni essenziali per conoscere il servizio, le prestazioni

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Comunità Familiare di Berbenno CARTA DEL SERVIZIO E PIANO EDUCATIVO GENERALE INTRODUZIONE La Carta

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Serenità. Sviluppo Affetto Educazione CARTA DEI SERVIZI. ... per ricostruire un clima di famiglia.

Serenità. Sviluppo Affetto Educazione CARTA DEI SERVIZI. ... per ricostruire un clima di famiglia. CARTA DEI SERVIZI Comunità educativa per minori in situazioni di disagio socio-famigliare Comunità residenziali per adulti con deficit mentali Serenità Sviluppo Affetto Educazione... per ricostruire un

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale UO DI PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO DI PSICHIATRIA Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione

Dettagli

So-Stare Con Voi Progetto di affido di persone adulte con disagio psichico

So-Stare Con Voi Progetto di affido di persone adulte con disagio psichico So-Stare Con Voi Progetto di affido di persone adulte con disagio psichico Via Montecassino, 8 Monza sostare-con-voi@novomillennio.it innovazione@novomillennio.it Chi siamo So-stare Con Voi Inserimento

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013)

GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE. (25 marzo 2013) GRUPPO DI LAVORO RESIDENZIALITA PSICHIATRICA (AGENAS-GISM) LE STRUTTURE RESIDENZIALI PSICHIATRICHE (25 marzo 2013) Indice: Premessa 1. Le Strutture Residenziali Psichiatriche 2. Indicazioni sull assetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli