Foglio bianco, matita e tecnologia: come potrebbe essere una rete di accesso nel 2015?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Foglio bianco, matita e tecnologia: come potrebbe essere una rete di accesso nel 2015?"

Transcript

1 INCONTRI Foglio bianco, matita e tecnologia: come potrebbe essere una rete di accesso nel 2015? MICHELA BILLOTTI Nell Auditorium Telecom Italia di Torino, lo scorso 19 giugno, si è svolta una Giornata di Studio per comprendere e analizzare soluzioni alternative per la rete del futuro. Come noto, la rete di accesso è tra le infrastrutture più costose di tutto il sistema di telecomunicazioni. Stretta tra un core ad altissima velocità e un insieme di terminali in rapidissima evoluzione, può contare su un crescente numero di tecnologie e architetture alternative. Progettare la rete del futuro dimenticandosi di cosa sia stato messo in campo fino ad oggi è impossibile, ma è un utile esercizio per comprendere e analizzare soluzioni completamente innovative. Nella mattinata si è provato a dimenticare la rete di oggi, esplorando le diverse alternative tra fisso e mobile della rete del 2015 e provando ad immaginare una casa del futuro nonché i terminali più adatti alle diverse esigenze di fruizione. Il convegno è poi proseguito guardando più da vicino quali sono le architetture di rete attuali e le loro evoluzioni prossime, le reti di accesso nel mondo, gli aspetti regolatori ed il ruolo della ricerca nell evoluzione e nell innovazione. In questo articolo, grazie alla disponibilità e collaborazione di tutti i relatori al convegno, si rivivono le tematiche principali oggetto di presentazione e di dibattito trattate durante la Giornata di Studio. Le sfide per la Rete del futuro L inizio lavori è stato dato da Roberto Saracco, responsabile Trends & Scientific Communication di Telecom Italia, che ha voluto porre subito l attenzione sull aumentato utilizzo in rete di prodotti che consentono la creazione di social network sempre più articolate ed animate da persone spinte dalla voglia e dal piacere di interagire e di condividere contenuti multimediali, anche autoprodotti e di buona qualità. Se quindi nel mondo si sta consolidando questa tendenza di volersi scambiare online contenuti sempre più ricchi, la rete non può non essere in grado di soddisfare al meglio questa necessità. Da qui la parola è passata a Marco Burzio, responsabile Wireline Access Infrastructure Innovation di Telecom Italia, che ha disquisito sulle diverse alternative tecnologiche abilitanti la nuova Rete di accesso del La presentazione è ovviamente partita con la descrizione dello stato attuale dell offerta Telecom Italia sull accesso che prevede in ambito fisso l uso della tecnologia ADSL2+ fino a 20 Mbit/s, mentre in ambito mobile quello delle tecnologie UMTS (Universal Mobile Telecommunications System) e HSDPA (High-Speed Downlink Packet Access) come è riportato nella figura 1. 4 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 2 - Settembre 2006

2 FIGURA 1 Le tecnologie che usiamo oggi. FIGURA 3 Evoluzione delle tecnologie mobili verso LTE. FIGURA 2 Evoluzione verso Long Reach PON e 10 Gbit/s. Del resto oggi in casa si consolida sempre più l uso di applicazioni con requisiti via via crescenti in termini di prestazioni richieste ai terminali e di necessità di banda, e si rende concreta la possibilità di offrire nuovi servizi di convergenza fisso-mobile. Dato questo contesto, per potere quindi consentire un ulteriore evoluzione dei servizi, è interessante capire come si prevede l evoluzione dell offerta di banda per l ambito fisso e mobile. Relativamente alla rete fissa - ha precisato Burzio - l evoluzione delle tecnologie su rame è continua, e alle tecnologie ADSL ed ADSL2+ si aggiungono le nuove soluzioni VDSL2, che portano a forti incrementi della banda su doppino, incrementi però limitati a corte distanze (< m). Tali considerazioni portano alla necessità di rivedere l architettura della rete di accesso di Telecom Italia, che oggi vede l elettronica xdsl concentrata in centrale. Si tratta cioè di portare la fibra in accesso, avvicinando l elettronica all utente. Per fare ciò ad oggi sono possibili architetture FTTCab (armadio stradale), FTTB (Fibre To The Building) o FTTH (Fibre To The Home) con la fibra cioè che arriva fino in casa del cliente (figura 2). Poiché tutte le tecnologie, e quindi anche queste, sono soggette ad innovazioni continue, l evoluzione delle tecnologie ottiche può portare ad una riduzione degli apparati in accesso e di raccolta per la connessione alla rete metro. Relativamente all accesso mobile - ha continuato Burzio - le nuove tecniche quali MIMO (Multiple Input Multiple Output) e di beamforming consentiranno un sostanziale incremento delle prestazioni che si possono ottenere oggi. Ne va da sé che anche nel mobile sarà necessario però ricorrere ad un evoluzione delle architetture per potere affiancare alle coperture macrocellulari nuove coperture microcellulari che si adattano dinamicamente alle richieste di traffico istantaneo permettano di aumentare il bit rate disponibile all utente, consentendo una reale esperienza broadband anche ai clienti in mobilità (figura 3). Ciò - ha puntualizzato il relatore - anche grazie alla possibilità di distribuire il segnale radio in fibra con soluzioni ROF (Radio Over Fiber). In questo scenario la presenza di maggiore fibra ottica nella rete di accesso, sia su fisso che su mobile (figura 4), porterà ad un ulteriore incremento di prestazioni e a servizi innovativi che potranno essere offerti; alcuni esempi di questi sono stati dati alla numerosa platea dell Auditorium di Telecom Italia nella presentazione successiva. NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 2 - Settembre

3 FIGURA 4 Le tecnologie di domani (2015). La parola è quindi passata a Stefano Del Lago, ricercatore in Home Network & Handset Innovation di Telecom Italia, che, più che passare in rassegna tutte le combinazioni di componenti potenzialmente presenti in un ipotetica abitazione del 2015, si è voluto soffermare ad illustrare uno scenario specifico, che ha buona probabilità di verificarsi, in quanto asseconda tendenze in atto nel settore della distribuzione delle informazioni digitali. In quest ambito - ha precisato Dal Lago - gli utenti vogliono sostanzialmente continuare a fare le cose che hanno sempre fatto, come guardare la TV, telefonare, ma vogliono farle in modo indipendente dalla tecnologia: i dispositivi attuali non sono destinati a scomparire solo in quanto si smaterializzeranno, ma perché diventeranno una sola, grande piattaforma sottostante a qualsiasi transazione nell ambiente domestico. L obiettivo pare quindi essere quello di portare le modalità con cui si fruiscono i servizi e ricalcare gli schemi mentali delle persone ( sintonizzarsi su un flusso, scorrere un catalogo, comunicare con un conoscente ), nascondendo l articolazione tecnologica delle applicazioni corrispondenti e la complessità dell infrastruttura che le sostiene. In futuro quindi potremmo avere un Home Environment integrato che soddisfi tutte le esigenze comunicative primarie della nostra famiglia, come indicato in figura 5. Ne va da sé però che un offerta così totalizzante oggi appaia utopica e sovradimensionata per la maggior parte delle persone, che la immaginano semplicemente come una somma ridondante di proposte verticali. Dall altro canto l industria ha tutto l interesse ad educare i futuri acquirenti in questo senso, perché il vero vantaggio portato dalla digitalizzazione delle informazioni non consiste tanto nella maggiore qualità dei media o in un accresciuta flessibilità nella loro gestione, quanto nella capacità di tracciarne gli utilizzi, associandoli al singolo individuo con una precisione mai raggiunta prima. Le maggiori aziende al mondo stanno già confezionando offerte complete che tendono a massimizzare questo effetto e chi non si adegua a detta della platea del convegno torinese - rischia davvero di venire penalizzato da una competizione che si sposta dal piano delle applicazioni di nicchia innovative, finalizzate ad un incremento marginale delle quote di mercato, a quello dei servizi core. D altra parte, in questo contesto lo scopo ultimo non risulta più vendere i servizi stessi o gli apparati, ma assumere il controllo esclusivo del tubo virtuale che trasporta i flussi informativi puntati sui singoli consumatori, cioè del prodotto che fa vendere tutti gli altri prodotti materiali e immateriali. Più in dettaglio la presentazione di Dal Lago ha illustrato un esempio di Home Environment basato su alcuni dispositivi chiave: un gestore centralizzato delle risorse della casa (media, flussi, dispositivi); punti di fruizione e interazione (per presentazione, rendering, storage) fissi e mobili con diverse caratteristiche in termini di qualità percepita e facilità d uso; sensori, trasduttori e periferiche sparse nell abitazione che fungono da collegamento tra infrastruttura elaborativa e mondo esterno. La casa così delineata è anonima e neutrale, ma si può configurare dinamicamente in funzione dei veri terminali della catena, gli individui. In questo ambiente parrebbero così venir meno i vincoli che oggi obbligano ad associare uno schermo ad un dispositivo o ad un contenuto specifico: la fruizione si declina come una serie di interazioni naturali, sottese da opportune combinazioni di paradigmi tecnici, di cui l utente non è tenuto a sapere. Sotto il cofano ci sono le tecnologie disponibili oggi, ma gli strati bassi dell infra- FIGURA 5 Esempio di Home Environment. 6 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 2 - Settembre 2006

4 FIGURA 6 Importanza del concetto di Home Environment. struttura domestica (legati alla connettività) sono relativamente indipendenti da quelli alti (dal livello IP in su), dove si concentrano i maggiori problemi di interoperabilità. Ed anche l accesso è disaccoppiato dai servizi: la casa si gestisce da sé, le transazioni sono end-to-end e in linea di principio la stessa offerta applicativa può essere erogata su reti di più operatori. Se si condivide quanto fin qui presentato, non c è nulla di nuovo da inventare: la vera sfida è far funzionare (industrialmente e commercialmente) in modo integrato quanto già esiste, un obiettivo comunque ambizioso da qui a dieci anni. Come Telecom Italia bisogna prendere atto del fatto che c è un nuovo mercato, focalizzato su un ambiente domestico, che non è appendice della rete, in cui la domanda cruciale non è quali applicazioni si forniranno, ma chi le erogherà. Risulta poi anche chiaro che l Home Environment del futuro non può essere la somma di applicazioni e apparecchiature buttate a caso nell abitazione solo per generare traffico, ma dev essere un sistema progettato a priori in modo che ogni elemento abbia un ruolo complementare a tutti gli altri. Se l Home Environment diventa questo, come mostrato dalla figura 6, come Telecom Italia bisogna valutare attentamente il proprio posizionamento nella catena del valore, tenendo conto che non è pensabile che da sola possa creare questo nuovo ambiente domestico. All Operatore in senso lato parrebbe, quindi, essere chiesto di compiere un doppio salto mortale in termini di mentalità: prendere atto di uno spostamento del focus dalla rete ai servizi e contemporaneamente rinunciare all ambizione del controllo totale della catena del valore, adeguandosi ad una filosofia di coabitazione con altri attori dominanti, magari non provenienti dall area telco. La necessità di innovare non solo il ruolo, ma anche la struttura della rete di accesso di Telecom Italia è stata ribadita anche dalla presentazione di Fabrizio Gagliardi, responsabile Network Models di Telecom Italia. Di per sé la definizione di una nuova architettura di accesso richiede che ogni cambiamento debba essere pianificato ponendo particolare attenzione alla salvaguardia degli assets infrastrutturali esistenti e rendendo compatibile la velocità con cui le novità tecnologiche diventano disponibili con i tempi necessari per la realizzazione della rete stessa. Entrando in merito alla revisione della rete di accesso, questa deve essere basata sulla necessità di far evolvere le offerte di servizio, nonché essere motivata sia da esigenze tecnologiche che dalla necessità di ammodernamento delle piattaforme in uso. In questi ultimi anni, ad esempio, in Italia la richiesta di connessioni Internet ad alta velocità è progressivamente aumentata così come la definizione di servizi e applicazioni broadband sempre più desiderose di banda. Partendo da queste considerazioni, pare naturale prevedere un evoluzione dell architettura della rete di accesso che veda l avvicinamento della fibra ottica ai clienti, siano essi residenziali o business. Avendo quindi, come obiettivo architetturale, soluzioni FTTB o FTTH - ha precisato Gagliardi - per l Operatore è opportuno definire un percorso di migrazione dall attuale rete in rame che soddisfi le richieste del mercato, offrendo sufficienti gradi di libertà per effettuare le opportune correzioni di rotta, allorché le condizioni al contorno dovessero mutare sensibilmente. È auspicabile quindi che, alle attuali soluzioni FTTE (Fiber To The Exchange) xdsl per clienti vicini alla centrale, vengano in un primo momento affiancate soluzioni FTTCab/FTTCurb, ponendo quindi molta attenzione agli aspetti infrastrutturali, alla massimizzazione della clientela potenziale e alla pluralità delle tecnologie disponibili (figura 7). FIGURA 7 Soluzioni di Full Replacement. NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 2 - Settembre

5 FIGURA 8 La situazione della Larga Banda oggi: alcuni dati di sintesi. In questo contesto la sinergia tra soluzioni tipicamente wired con soluzioni wireless costituisce la base di un paradigma vincente sia per la costante crescita prestazionale delle tecnologie radio, sia per l interesse che queste suscitano da parte dei clienti stessi. Il tutto ovviamente con un sguardo attento a soluzioni che, oltre a minimizzare gli investimenti, riducano le spese di esercizio e manutenzione, velocizzando le procedure di fornitura e di ripristino dei servizi e prevedendo la progressiva alienazione di piattaforme obsolete sia per motivi tecnologici che di servizio. E nel mondo cosa sta succedendo? A questa domanda ha dato risposta Marco De Bortoli, ricercatore in Trends di Telecom Italia, precisando che il mercato della larga banda prosegue nella sua crescita: infatti, come mostrato nelle figure 8 e 9, a fine 2005 erano oltre 200 milioni le connessioni a larga banda nel mondo (+37% circa la crescita percentuale rispetto all anno precedente), di cui circa 140 milioni di tipo xdsl. Le previsioni indicano che anche per il futuro (alcune stime indicano in 400 milioni il numero di connessioni a larga banda previste a fine 2010) ci sarà un tasso di crescita elevato, sebbene ogni Paese seguirà modalità e tempistiche differenti. Recentemente si è visto che molti Operatori di telecomunicazioni hanno annunciato piani di rinnovamento della loro rete di accesso. Le motivazioni per avviare questa fase di cambiamento sono molteplici: la prevista riduzione dell ARPU (Average Revenue Per User) dei servizi di TLC tradizionali, la richiesta di nuovi servizi e banda da parte dell utenza, la disponibilità di nuove tecnologie (quali ad esempio in VDSL2 o le GPON) a standard ITU-T, nonché il crescente livello di competizione. Poiché ogni Operatore ha effettuato le proprie scelte in base alle caratteristiche della propria rete (tipo di apparati, sistemi impiegati, obsolescenza della rete, lunghezza del collegamento), al livello di competizione nel proprio paese, al tipo di regolamentazione esistente, De Bortoli ha illustrato come si stanno muovendo i principali Operatori nel mondo. In Europa ad esempio Deutsche Telekom ha avviato un piano per l introduzione di soluzioni VDSL2 a 50 Mbit/s in 50 città con la previsione di passare a circa 3 milioni di abitazioni nei prossimi anni. France Telecom è invece orientata a soluzioni FTTH (attualmente in fase di sperimentazione) da fornire in funzione dell effettiva richiesta da parte dell utenza. Negli Stati Uniti, invece, dove la concorrenza portata agli Operatori di telecomunicazione da parte dei Cable Operators e delle municipalità sta crescendo, Verizon sta realizzando soluzioni FTTP, mentre AT&T realizza queste soluzioni solo nelle nuove unità abitative, preferendo soluzioni basate su FTTN+VDSL2 per le abitazioni esistenti. Infine in Asia è da sottolineare il caso del Giappone, dove è in corso una consistente fase di migrazione da soluzioni ADSL verso soluzioni FTTH: già oggi - ha detto De Bortoli - ben 4,6 milioni di abitazioni giapponesi sono raggiunte da soluzioni FTTH e si presume che nel 2010 tale numero possa raggiungere il livello di 30 milioni di abitazioni. Del resto NTT, l operatore Incumbent del Giappone controlla circa il 70% del mercato FTTH contro un circa 30% del mercato ADSL. Un capitolo a parte della presentazione è stato poi dedicato al caso della Corea del Sud, il paese che per primo ha avviato l introduzione della larga banda e che oggi vede un mercato del settore xdsl vicino alla saturazione. Qui - ha concluso De Bortoli sono in fase di sperimentazione soluzioni avanzate FTTH basate anche su WDM-PON a seguito della saturazione del mercato xdsl. Ovviamente di fronte a tutto questo fervore, Telecom Italia non rimane a guardare. FIGURA 9 Utenti xdsl nel mondo (in milioni al 31/12/2005). 8 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 2 - Settembre 2006

6 Per intervenire nell ammodernamento della propria rete di accesso, l Operatore non può non tenere conto delle implicazioni dettate dagli aspetti regolatori, tematica ampiamente trattata da Luca Barbetta, ricercatore in Network Models di Telecom Italia. Il contesto regolamentare attuale - ha esordito Barbetta - vede il prevalere di una certa incertezza di fondo in relazione a piattaforme e servizi innovativi, in considerazione dell attuale fase embrionale nel mercato di effettive nuove offerte innovative da parte degli Operatori e Service Provider. Parallelamente i mercati regolamentati stanno evolvendo in relazione alla condizione di dominanza di Telecom Italia con una tendenza di incremento degli interventi e vincoli regolamentari e con particolare riferimento alle infrastrutture di accesso a larga banda. A sopporto di questa affermazione, Barbetta ha citato il recente regolamento sui servizi VoIP approvato da AGCom (Delibera 11/06/CIR), da cui si può evincere l approccio seguito dagli enti regolamentari nazionali, in armonia con il contesto europeo. Tale regolamento infatti distingue il servizio, telefonico o voce innovativo, fornito dalla particolare piattafoma tecnologica (tradizionale a circuito o IP) utilizzata dall Operatore e, di fatto, applica sul servizio e sulle relative piattaforme la medesima tipologia di obblighi, più pesanti nel caso della telefonia di base e ridotti nel caso di servizi voce innovativi. È evidente che di per sè l utilizzo di nuove tecnologie non comporta minori obblighi regolamentari per gli Operatori. Il numeroso pubblico presente in sala ha poi dibattuto sul tema delle offerte wholesale a larga banda e dell interconnessione IP, tematica su cui l attenzione degli enti regolamentari è forte ed, in Italia, sono in corso tavoli tecnici e procedimenti per la definizione delle modalità tecnico-regolamentari di fornitura anche su piattaforme IP-based. Parrebbe che tali attività portino, in un ottica di breve/medio termine, all identificazione dei requisiti tecnico-regolamentari per le soluzioni di bitstream, anche nel caso di pura connettività IP, e di interconnessione IP per servizi voce. Da tutto ciò emerge che, un eventuale quadro regolamentare più leggero per Telecom Italia (figura 10), potrà realizzarsi enfatizzando la natura multiservizio delle piattaforme IP-based, all interno della quale il servizio voce sia solo una componente e con caratteristiche innovative (ad es. con nomadicità). Solitamente - ha precisato Barbetta - ci si riferisce ai Services over IP (SoIP), invece che associare le piattaforme IP alla sola fornitura del servizio voce (VoIP), per evidenziare la pluralità di servizi ed applicazioni abilitate dalle piattaforme IP-based, anche di tipo convergente ed integrato con applicazioni tipiche del mondo ICT (Instant Messaging, presence, downloading, web,...). FIGURA 10 Evoluzione dei requisiti regolamentari per l interconnessione IP. Volendo allungare l intervallo temporale dell analisi verso il lungo termine, pur nell incertezza di qualsiasi previsione in materia regolamentare, si può rilevare, però, da un lato, l aumento dell attenzione degli enti regolamentari sulle piattaforme e servizi di nuova generazione e, dall altro, l importanza dell effettivo affermarsi, in prospettiva, di soluzioni e tecnologie di accesso alternative al cavo ed, in particolare, basate su tecnologie wireless (ad es.. WiMax, HSDPA,...). Ciò potrebbe, quindi, determinare una rivalutazione e un possibile alleggerimento della pressione regolamentare sul segmento di accesso della rete Telecom Italia, almeno nelle aree che dovessero risultare più competitive. Anche durante la tavola rotonda, che ha visto Stefano Nocentini, responsabile TILab di Telecom Italia, moderare gli interventi di Marco Ajmone Marsan, professore al Politecnico di Torino, di Edoardo Calia, direttore ricerca dell Istituto Superiore Mario Boella, di Giovanni Colombo e di Marcello Giordani, entrambi manager di Telecom Italia, si è ribadito come lo scenario regolamentare evolutivo per la rete di accesso presenti di fatto potenziali opportunità per Telecom Italia, qualora si verifichi l affermarsi sul mercato di una pluralità di piattaforme tecnologiche di accesso (wired e wireless) fornite però da più Operatori; ciò potrebbe creare le basi per rimettere in discussione le attuali pesanti regolamentazioni, cui Telecom Italia deve far fronte in tema di obblighi di ULL (Unbundling del Local Loop), di offerte di bitstream e di Servizio Universale. Stiamo a vedere. NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 2 - Settembre

7 ABBREVIAZIONI ARPU FTTB FTTCab FTTE FTTH HSDPA MIMO ROF SoIP ULL UMTS VoIP Average Revenue Per User Fiber To The Building Fiber To The Cabinet Fiber To The Exchange Fiber To The Home High-Speed Downlink Packet Access Multiple Input Multiple Output Radio Over Fiber Service over IP Unbundling Local Loop Universal Mobile Telecommunications System Voice over IP Michela Billotti, giornalista, è passata dall'amore per le lettere classiche, in cui si è laureata a Torino nel 1993, alla passione per la tecnologia e a come questa si sta evolvendo. Nei suoi oltre dieci anni di attività in Telecom Italia ha organizzato manifestazioni ed eventi nazionali ed internazionali, gestito i rapporti con i media, divulgato i risultati della ricerca, scritto articoli, collaborato alla realizzazione di libri sul futuro delle telecomunicazioni e, in varie occasioni, parlato ad un pubblico di non addetti ai lavori. Attualmente opera nel settore Trends & Scientific Communication nell'ambito dell'area Research & Trends di TILab, dove cura i vari aspetti della comunicazione scientifica. Dopo aver diretto alcune pubblicazioni aziendali, dal 2006 è Direttore Responsabile del Notiziario Tecnico. 10 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 15 n. 2 - Settembre 2006

Larga banda: le innovazioni in Telecom Italia e nel mondo

Larga banda: le innovazioni in Telecom Italia e nel mondo TECNOLOGIE Larga banda: le innovazioni in Telecom Italia e nel mondo ANTONINO CICCARDI MARCO DE BORTOLI MARCO POLANO La crescita del mercato della larga banda e le richieste di maggiori velocità nel segmento

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese 14/02/2011 Fondamenti di informatica - Prof. Gregorio Cosentino 1 Servizio universale Acqua potabile Energia elettrica Telefono Servizio

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

Press release 22 febbraio 2016

Press release 22 febbraio 2016 La tecnologia e tutte le novità di prodotto AVM al Mobile World Congress 2016 FRITZ!Box per qualsiasi tipo di connessione ad alta velocità: DSL, cavo, fibra ottica e 4G (LTE) WiFi intelligente e un ambiente

Dettagli

L'Italia nella rete del mondo digitale

L'Italia nella rete del mondo digitale L'Italia nella rete del mondo digitale di Silvello Betti* Circa 60 anni fa vennero avviate alcune delle più rilevanti operazioni di investimento pubblico e misto, pubblico-privato, per la realizzazione

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Aggiornamento al 30 settembre 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Reti ottiche di accesso

Reti ottiche di accesso Reti in Fibra Ottica Reti ottiche di accesso (ultimi aggiornamenti: Giugno 2012) By R. Gaudino Roberto Gaudino 1.1 Situazione ad oggi (2012) delle reti di accesso Si intende per rete di accesso la parte

Dettagli

NGN2 e scorporo della rete

NGN2 e scorporo della rete NGN2 e scorporo della rete Il piano NGN2: driver principali Stato della rete Saturazione fisica: il rapporto tra il n delle linee broadband ed il n dei doppini in rame si sta approssimando al suo limite

Dettagli

Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione

Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione Reti di accesso ottiche di nuova generazione (NGAN) Introduzione alle architetture e alle strategie di evoluzione Politecnico di Milano Dip. di Elettronica e Informazione P.za Leonardo da Vinci 32, 20133

Dettagli

Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia

Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia Focus sulla Qualità per il Cliente Finale Roma, 12 Giugno 2013 Telecom Italia/Technology GIUSEPPE ROBERTO OPILIO Sommario 1. Introduzione 2.

Dettagli

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Cablatura Metropolitana e Reti FTTH 11 evento TRATOS Pieve Santo Stefano (AR) - 3 Settembre 2015 Agenda Metroweb Italia: storia e

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI 4) Intervento pubblico europeo. La possibilità che l Europa, mediante la costituzione di un fondo per le

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione Banda Ultra Larga Sardegna Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione D.G. Affari Generali e Società dell Informazione Servizio Infrastrutture Tecnologiche per

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

L Aquila La nuova rete di TIM

L Aquila La nuova rete di TIM GRUPPO TELECOM ITALIA L Aquila, 22-23 Marzo 2016 Auditorium del Parco L Aquila La nuova rete di TIM Responsabile Creation Abruzzo e Molise La Nuova Rete de L Aquila Razionalizzazione dei Servizi Il progetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Una estesa e moderna rete in Fibra Ottica Retelit è l operatore indipendente leader nel mercato wholesale grazie a Una rete costruita lungo le strade

Dettagli

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro La banda larga tra presente e futuro Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della Banda Larga. Le iniziative nella provincia di Belluno Villa Patt di Sedico Belluno,18 marzo 2009 A cura di:

Dettagli

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA OPEN ACCESS CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia Dotti Massimiliano Modena, 12 Febbario 2014 Technology Open Access Access Op Area 37 2 Come la Rivoluzione

Dettagli

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4)

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4) Offerta di Riferimento di 2015 (Mercato 4) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 ottobre 2014 1 / 23 INDICE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5 1.1 Normativa comunitaria... 5 1.2 Normativa nazionale...

Dettagli

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia)

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) GRUPPO TELECOM ITALIA Il Digitale per lo sviluppo della mia Impresa Torino, 26 Novembre 2013 Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) Agenda Rete

Dettagli

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010 Infrastrutture a Banda Ultra Larga per Italia Digitale Tavolo Tecnico Operatori Governo per la condivisione del Modello di intervento per lo sviluppo dell Infrastruttura per le Reti di Accesso di Nuova

Dettagli

IL PROGETTO LOMBARDIA CABLATA

IL PROGETTO LOMBARDIA CABLATA VIII Summit sull Industria della comunicazione in Italia IL PROGETTO LOMBARDIA CABLATA Raffaele Tiscar Finlombarda S.p.A. Roma, 25 gennaio 2011 Unioncamere Sala Longhi Palazzo Sallustio Il Progetto Bul

Dettagli

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante Publication: Key4Biz Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante La Reding ribadisce la necessità di un'authority europea e di un'agenzia Ue per lo spettro. La liberalizzazione

Dettagli

UP TO DATE Gli scenari del VoIP e lo stato dell arte I PARTE

UP TO DATE Gli scenari del VoIP e lo stato dell arte I PARTE UP TO DATE Gli scenari del VoIP e lo stato dell arte I PARTE L o sviluppo delle connessioni Internet a banda larga e l utilizzo di piattaforme tecnologiche di carattere innovativo come i sistemi wireless

Dettagli

Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless

Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless www.retelit.it Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless 12 Giugno 2008 1 Profilo Aziendale 4 Operatore di telecomunicazioni indipendente e neutrale, proprietario di una delle più estese reti

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

Tecnology è composta circa 14000 unità provenienti dalla rete Telecom Italia Wireline, rete di TIM, TI Lab, e il settore Informatico.

Tecnology è composta circa 14000 unità provenienti dalla rete Telecom Italia Wireline, rete di TIM, TI Lab, e il settore Informatico. Intervento dell Ing. Pileri DEL 20/03/06 Via di Val Cannuta Roma L intervento si è articolato su tre punti fondamentali 1) Innovazione 2) Qualità del servizio 3) Efficienza e costi Innovazione Tecnology

Dettagli

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Telematic Service Communication s.r.l. (TSC), viene fondata a Torino nel 1984 ed è un System Integrator, già

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 30 giugno 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT)

Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT) Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT) Modifica del 2012 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 31 ottobre 2001 1 sulla

Dettagli

Gli elementi che hanno caratterizzato questo decennio sono:

Gli elementi che hanno caratterizzato questo decennio sono: Consultazione pubblica in merito agli aspetti regolamentari relativi all assetto della rete di accesso fissa ed alle prospettive delle reti di nuova generazione a larga banda CGIL, CISL, UIL e SLC, FIStel,

Dettagli

La banda larga in Italia e nel mondo

La banda larga in Italia e nel mondo La banda larga in Italia e nel mondo L Italia si posiziona tra gli ultimi paesi per penetrazione della banda larga fissa tra le economie OECD, Nel mercato della banda larga fissa, la quota di Telecom Italia

Dettagli

Sintesi 30 Gennaio 2014 RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE

Sintesi 30 Gennaio 2014 RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE Introduzione A Novembre del 2013 il Presidente Letta ha incaricato il Commissario di Governo per l attuazione dell Agenda

Dettagli

Osservatorio Personal Broadband

Osservatorio Personal Broadband Osservatorio Personal Broadband Resp. Andrea CALCAGNO, CEO di WiTech Osservatorio Personal Broadband Lunedì 3 Marzo 2008 Apertura dei lavori e saluto del Presidente dr. Achille De Tommaso -Presentazione

Dettagli

Next Generation Network

Next Generation Network Next Generation Network dall Architettura alla Neutralità della Rete Giuseppe Augiero Whois Network & It Security Specialist presso il centro di eccellenza Fondazione Gabriele Monasterio (CNR / Regione

Dettagli

NGN tra regolazione e mercato

NGN tra regolazione e mercato NGN tra regolazione e mercato Prof. Carlo Cambini Politecnico di Torino carlo.cambini@polito.it Lo sviluppo delle Next Generation Networks Crisi della telefonia tradizionale Rete di Accesso nuova e integrata

Dettagli

Allegato tecnico. Premessa. Connettività

Allegato tecnico. Premessa. Connettività Allegato tecnico Premessa Allegato tecnico Il presente allegato tecnico descrive le modalità di accesso alla Rete Lepida, la rete a banda larga e ultralarga delle Pubbliche Amministrazioni. La Rete Lepida

Dettagli

DELIBERA n. 602/13/CONS

DELIBERA n. 602/13/CONS DELIBERA n. 602/13/CONS REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE SULLA COPERTURA DEL TERRITORIO ITALIANO DI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ IN BANDA LARGA WIRED-WIRELESS-MOBILE DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE

Dettagli

La banda larga nelle regioni italiane

La banda larga nelle regioni italiane La banda larga nelle regioni italiane a cura di Osservatorio Banda Larga, Between Il Consiglio europeo ad ottobre 2003 1 ha sottolineato l importanza di un rapido sviluppo di reti europee dei trasporti,

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Alberto Calcagno Roma, 12 giugno 2013 Il mondo always on e la broadband equation

Dettagli

LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND

LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND LA TECNOLOGIA FTTS E L ULTRABROADBAND Milano 11 dicembre 2014 Paolo Cristoforoni 2 Internet sempre, ovunque e comunque. Il mondo è always on. IN UN MONDO SEMPRE CONNESSO LA DOMANDA DI BANDA E PERVASIVA.

Dettagli

TELECOM ITALIA@ICT TRADE. Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014

TELECOM ITALIA@ICT TRADE. Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014 TELECOM ITALIA@ICT TRADE Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014 Il Gruppo Telecom Italia oggi Ricavi 23.407 M.ni di Dipendenti 65.623 Unità Investimenti Industriali 4.400

Dettagli

Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Le novità e le opportunità per le imprese

Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Le novità e le opportunità per le imprese 2012 Servizi ICT a banda larga e ultra larga. Le novità e le opportunità per le imprese Progetto finanziato da Reggio Emilia 1 2 Sommario Evoluzione delle tecnologie di rete Requisiti di banda I benefici

Dettagli

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Aspetti generali della tecnologia xdsl Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Il DSLAM 10.2 Genericamente le tecnologie

Dettagli

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34 La Suite di servizi Origine.net può essere erogata su reti di telecomunicazioni in tecnolgia Wired e/o Wireless. In base alle esigenze del cliente ed alla disponibilità di risorse tecnologiche, Origine.net

Dettagli

Velocità su una linea ADSL

Velocità su una linea ADSL Cosa è l ADSL? ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnologia per la trasmissione digitale di informazioni ad alta velocità sulle linee telefoniche esistenti (in Italia monopolio di Telecom

Dettagli

Una rete di telecomunicazioni è

Una rete di telecomunicazioni è La rete di telecomunicazioni a Venezia di GIOVANNI PITTINO Una rete di telecomunicazioni è costituita da una ragnatela di cavi di fili di rame o di vetro che, partendo da centri nodali nei quali è concentrata

Dettagli

Banda larga e ultra larga: presente e futuro per la comunicazione veloce delle imprese

Banda larga e ultra larga: presente e futuro per la comunicazione veloce delle imprese in collaborazione con 2012 Banda larga e ultra larga: presente e futuro per la comunicazione veloce delle imprese Cristoforo Morandini, Associated Partner Between Spa Ascoli Piceno 30 11 2012 30-11-2012

Dettagli

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI I motori di ricerca non sono più solamente lo strumento per arrivare ai siti web, ma sono anche e sempre più il principale strumento di accesso alle informazioni

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Banda larga e ultralarga: lo scenario

Banda larga e ultralarga: lo scenario Banda larga e ultralarga: lo scenario Il digitale per lo sviluppo della mia impresa Ancona, 4 luglio 2013 L importanza della banda larga per lo sviluppo economico L Agenda Digitale Europea: obiettivi e

Dettagli

Fibra ottica, vediamoci chiaro / Analisi e consigli sulla connessione dati giovedì 14 aprile 2016

Fibra ottica, vediamoci chiaro / Analisi e consigli sulla connessione dati giovedì 14 aprile 2016 Fibra ottica, vediamoci chiaro / Analisi e consigli sulla connessione dati giovedì 14 aprile 2016 Fibra ottica e Adsl, vediamoci chiaro! Analisi dell Adoc sulle nuove tecnologie di connessione dati. Consigli

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

A426 - TELECOM ITALIA-GARE AFFIDAMENTO SERVIZI TELEFONIA FISSA E CONNETTIVITÀ IP Provvedimento n. 21095

A426 - TELECOM ITALIA-GARE AFFIDAMENTO SERVIZI TELEFONIA FISSA E CONNETTIVITÀ IP Provvedimento n. 21095 A426 - TELECOM ITALIA-GARE AFFIDAMENTO SERVIZI TELEFONIA FISSA E CONNETTIVITÀ IP Provvedimento n. 21095 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 13 maggio 2010; SENTITO

Dettagli

ALLEGATO 1. Versione 2.0

ALLEGATO 1. Versione 2.0 ALLEGATO 1 LINEE GUIDA DI MIGRAZIONE VERSO RETI NGAN (TEMPI MINIMI DI PREAVVISO E MODALITA DI COMUNICAZIONE AGLI OPERATORI NELLA TRANSIZIONE ALLA RETE DI NUOVA GENERAZIONE) Versione 2.0 Emesso 16 Aprile

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 626 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 627 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 628 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN)

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN mat@fub.it ; +39 06 5480 2215 Fondazione Ugo Bordoni Wireless Multicast TV Urbino, 5 maggio 2010 Sommario

Dettagli

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel I nuovi device, il trend BYOD, cambiano l IT 2 There will be 5B mobile devices and 2B M2M nodes Global mobile

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2015

CALENDARIO EVENTI 2015 CALENDARIO EVENTI 2015 Cloud Computing Summit Milano 25 Febbraio 2015 Roma 18 Marzo 2015 Mobile Summit Milano 12 Marzo 2015 Cybersecurity Summit Milano 16 Aprile 2015 Roma 20 Maggio 2015 Software Innovation

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

Work package 1.4. Task. Documento. Versione 1.2. Data 04/12/2009. Autore/i

Work package 1.4. Task. Documento. Versione 1.2. Data 04/12/2009. Autore/i Next Generation Network: standard ITU-T ed ETSI ed aspetti di interconnessione e convergenza dei servizi (executive summary e raccomandazioni per future attività) Work package 1.4 Task Documento All Executive

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Alcune domande: La banda larga: serve proprio?

Alcune domande: La banda larga: serve proprio? Alcune domande: A chi serve la banda larga? Per fare cosa? Quanta banda serve? le infrastrutture a banda larga nella Bassa Padovana sono sufficienti? Esiste un digital divide nel territorio? Quanti comuni

Dettagli

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Antonio Capone 1 Reti di Comunicazione ed Elettriche Electric Network & Communication

Dettagli

Sfide strategiche e organizzative per i system integrator

Sfide strategiche e organizzative per i system integrator Sfide strategiche e organizzative per i system integrator Francesco Zirpoli Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia fzirpoli@unive.it Roma, 4 Aprile 2014 Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Unified Communications & Collaboration

Unified Communications & Collaboration I vantaggi delle tecnologie di Unified Communications & Collaboration Il caso del Comune di Mantova Realizzato da in collaborazione con Dicembre 2012 2012 NetConsulting - 1 - Migliorare la comunicazione

Dettagli

Next Generation Access Network: Evoluzione delle Reti TLC nel prossimo futuro

Next Generation Access Network: Evoluzione delle Reti TLC nel prossimo futuro Next Generation Access Network: Evoluzione delle Reti TLC nel prossimo futuro STEFANO NOCENTINI TECHNOLOGY TILab - Innovation, Engineering, Testing 0 Indice dei contenuti I principali driver del cambiamento

Dettagli

I servizi Metro Ethernet

I servizi Metro Ethernet I servizi Metro Ethernet Attualmente i servizi Metro Ethernet stanno guadagnando una fetta di mercato sempre più considerevole, grazie ai loro attraenti benefits quali la facilità di utilizzo, economicità

Dettagli

FRONTIERE DELLA COMUNICAZIONE

FRONTIERE DELLA COMUNICAZIONE EVOLUZIONE VERSO LA MULTIMEDIALITA : SCENARI DI SERVIZIO ED ARCHITETTURE ABILITANTI F. Cerone - ERICSSON - Core Network, Multimedia and Messaging Sono Fabio Cerone e lavoro come Customer Solution Manager

Dettagli

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano

OECD Communications Outlook 2005. Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 SOMMARIO ESECUTIVO. Summary in Italian. Riassunto in italiano OECD Communications Outlook 2005 Summary in Italian Prospettive OCSE sulle Comunicazioni 2005 Riassunto in italiano SOMMARIO ESECUTIVO A seguito dello scoppio della bolla di Internet (la cosiddetta dot-com

Dettagli

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione

Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Infrastrutture a Banda Larga per l E-government: la nuova frontiera della Pubblica Amministrazione Claudio Chiarenza Responsabile Business Unit Product Italtel Indice eeurope 2005: An information society

Dettagli

Roma, 26 maggio 2016. Gruppo Telecom Italia

Roma, 26 maggio 2016. Gruppo Telecom Italia Roma, 26 maggio 2016 Gruppo Telecom Italia Telecom Italia, l impresa italiana che investe di più in Italia ~3,9 Società quotate: investimenti in Italia, anno 2015 dati in miliardi di euro ~2,5 ~1,9 ~1,3

Dettagli

Fondazione Ugo Bordoni

Fondazione Ugo Bordoni La Reti Ottiche nella Fondazione Ugo Bordoni Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN Fondazione Ugo Bordoni mat@fub.it Fondazione Ugo Bordoni Tecnologie fotoniche per le comunicazioni

Dettagli

Identificazione ed analisi dei mercati dell accesso fisso DELIBERA 42/15/CONS

Identificazione ed analisi dei mercati dell accesso fisso DELIBERA 42/15/CONS Identificazione ed analisi dei mercati dell accesso fisso INTEGRAZIONE DELLA CONSULTAZIONE PUBBLICA Verso gli obiettivi dell Agenda Digitale Una regolazione pro concorrenza e pro investimenti Un set di

Dettagli

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND Roma, 21 marzo 2003 Enel ha presentato oggi i risultati finanziari consolidati 2002

Dettagli

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM - 1 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO AEM Cremona e AEMCOM AEM di Cremona è una Società per Azioni posseduta interamente dal Comune

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag.

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 6 Milano, ottobre 2004 1 La società e le sue attività Presente

Dettagli

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI

RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI RETI DIGITALI E TECNOLOGIE ABILITANTI LE RETI DIGITALI Interconnessioni elettroniche tra imprese e soggetti economici in cui si svolgono comunicazioni e transazioni Costituiscono la base su cui nell era

Dettagli

Roldresearch: design strategico, materiali polimerici e di nuova generazione, comunicazioni e sensoristica per l industria. La ricerca continua!

Roldresearch: design strategico, materiali polimerici e di nuova generazione, comunicazioni e sensoristica per l industria. La ricerca continua! Roldresearch: design strategico, materiali polimerici e di nuova generazione, comunicazioni e sensoristica per l industria. La ricerca continua! Riunitosi il Comitato Roldresearch per valutare le prime

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Corso di Strategia d impresa A.A. 2010/2011 Prof. Tonino Pencarelli, Dott. Simone Splendiani Andrea Cristiana Padua Giovanni Iaffaldano Marta Porrà Vito Mastronardi

Dettagli

Innovazione. Assessore Egidio Longoni Delega ai Sistemi Informativi e Amministrazione Digitale

Innovazione. Assessore Egidio Longoni Delega ai Sistemi Informativi e Amministrazione Digitale Innovazione Assessore Egidio Longoni Delega ai Sistemi Informativi e Amministrazione Digitale 1 Obiettivo connettività INTERNET COME DIRITTO L Europa necessita di un accesso a internet veloce e superveloce,

Dettagli

TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI

TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI LA TUA GUIDA NELLE TELECOMUNICAZIONI TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI IL GRUPPO Costruire il successo

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

TI Connected Home. Secondo Gallo Technology Home Network Engineering

TI Connected Home. Secondo Gallo Technology Home Network Engineering TI Connected Home Secondo Gallo Technology Home Network Engineering Da domani disponibili le offerte Ultra Internet Fibra Ottica per navigare da casa ad una velocità di 30 Megabit al secondo grazie alla

Dettagli

Azienda. Core business. Servizi

Azienda. Core business. Servizi Azienda Servizi Con attività dirette e attraverso una rete di partner, Aetherna si occupa di consulenza, progettazione, fornitura, installazione e manutenzione di soluzioni impiantistiche e servizi nelle

Dettagli

Delibera n. 314/09/CONS

Delibera n. 314/09/CONS Delibera n. 314/09/CONS Identificazione e analisi dei mercati dell accesso alla rete fissa (mercati n. 1, 4 e 5 fra quelli individuati dalla Raccomandazione 2007/879/CE L Autorita NELLA sua riunione del

Dettagli

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera EasyCloud400 Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna Società del Gruppo Hera L opportunità Aumentare la flessibilità dell azienda in risposta ai cambiamenti dei mercati.

Dettagli