GAMCO International SICAV GAMCO Merger Arbitrage un Comparto di GAMCO International SICAV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GAMCO International SICAV GAMCO Merger Arbitrage un Comparto di GAMCO International SICAV"

Transcript

1 Prospetto informativo semplificato del dicembre 2011 GAMCO International SICAV GAMCO Merger Arbitrage un Comparto di GAMCO International SICAV Société d'investissement à Capital Variable istituita ai sensi della giurisdizione del Granducato di Lussemburgo Il presente Prospetto informativo semplificato contiene esclusivamente informazioni di base in merito a GAMCO International SICAV (il Fondo ), GAMCO International SICAV GAMCO Merger Arbitrage (arbitraggio su fusioni) (il Comparto ) e le sue categorie di Azioni. L'obiettivo del Fondo è mettere a disposizione degli investitori diversi tipi di competenze di gestione attraverso una gamma di vari Comparti separati, ciascuno con i propri obiettivi e politiche di investimento. Per ulteriori informazioni e per ottenere l'ultimo Prospetto informativo integrale del Fondo, o copie degli ultimi rendiconti annuali o semestrali del Fondo o degli Statuti societari, scrivere a J.P. Morgan Bank Luxembourg S.A., European Bank & Business Center, 6C, route de Trèves, L-2633, Senningerberg, Granducato di Lussemburgo. Tali documenti sono disponibili per gli Azionisti e per gli investitori interessati in qualsiasi momento e gratuitamente. Fatto salvo il caso in cui sia diversamente indicato nel presente Prospetto informativo semplificato, le parole inizianti per maiuscola avranno il significato indicato nel Prospetto informativo integrale.

2 SOMMARIO Pagina AMMINISTRAZIONE... 3 GAMCO INTERNATIONAL SICAV GAMCO MERGER ARBITRAGE... 4 COMMISSIONI E SPESE... 8 SOTTOSCRIZIONE, CESSIONE, CONVERSIONE E RIMBORSO DI AZIONI... 9 DETERMINAZIONE DEL VALORE NETTO DELL'ATTIVO TASSAZIONE

3 AMMINISTRAZIONE Struttura legale del Fondo: Società di gestione: Depositario e domicilio di pagamento: Amministratore, Conservatore del registro, Agente domiciliare e societario: Promotore/Gestore degli investimenti: Revisore dei conti per il Fondo: Consulente legale in Lussemburgo: Autorità di vigilanza: una société d investissement à capital variable costituita nel Granducato di Lussemburgo in data 23 settembre 2010 per un periodo di tempo indeterminato e istituita ai sensi della Parte I della legge del Lussemburgo del 17 dicembre 2010 sugli organismi di investimento collettivo e successivi emendamenti (la Legge ) MDO Management Company S.A. 19, rue de Bitbourg L-1273 Granducato di Lussemburgo J.P. Morgan Bank Luxembourg S.A. European Bank & Business Center 6C, route de Trèves L-2633 Senningerberg Granducato di Lussemburgo J.P. Morgan Bank Luxembourg S.A. European Bank & Business Center 6C, route de Trèves L-2633 Senningerberg Granducato di Lussemburgo Gabelli Funds LLC One Corporate Center Rye, NY Stati Uniti d'america Deloitte Audit 560, rue de Neudorf L-2220 Lussemburgo Granducato di Lussemburgo Arendt & Medernach 14, Rue Erasme L-2082 Lussemburgo Granducato di Lussemburgo Commission de Surveillance du Secteur Financier (www.cssf.lu) 3

4 GAMCO International SICAV GAMCO Merger Arbitrage Obiettivo di investimento L'obiettivo di investimento del Comparto è investire in operazioni azionarie su fusioni e acquisizioni dichiarate e gestire un portafoglio diversificato di operazioni. Il Comparto si prefigge di ottenere crescita di capitale a lungo termine mettendo in atto strategie di arbitraggio di rischio. Politica di investimento Strategia di investimento principale Ogni affare è caratterizzato da una serie di fattori unici, e il team preposto alla Gestione di investimenti opera su tutti i fronti, dalla ricerca di base sui fondamentali alla ricerca legale, fino alle contrattazioni. Il Gestore di investimenti analizza e tiene costantemente sotto controllo le operazioni in essere in relazione a tutti i fattori di rischio potenziale quali l'aspetto normativo, i termini, il finanziamento e l'approvazione dell'azionista. Il Gestore di investimenti in genere migliora le proprie posizioni man mano che acquisisce chiarezza sull'esito dei vari ostacoli dell'affare. Il Gestore di investimenti investe in tutti i tipi di operazioni. Tuttavia, il Gestore di investimenti ritiene che le operazioni in contanti, quando annunciate da società acquirenti strategiche ben finanziate, effettuate in settori che il Gestore di investimenti conosce bene, offrono i migliori profili di rischio/rendimento per i portafogli dei clienti. In effetti, grazie all'esperienza del Gestore di investimenti, le operazioni in contanti in questa arena hanno le più elevate possibilità di successo. L'arbitraggio su fusioni e acquisizioni consiste nell'investimento in titoli quotati di società impegnate nella ristrutturazione di operazioni in capitali quali LBO (leveraged buyouts, rilevamenti con capitale a prestito), fusioni o offerte pubbliche di acquisto. Gli arbitratori cercano di trarre vantaggio dal ribasso derivante dalla differenza tra il tasso di cambio relativo alla società oggetto dell'offerta e il suo valore teorico come risultato dei metodi usati nell'operazione di ristrutturazione. Il Merger Arbitrage (arbitraggio su fusioni) è una forma di investimento altamente specializzata concepita principalmente per trarre profitti dal buon esito di proposte di fusioni, acquisizioni, offerte di acquisto, leveraged buyout (rilevamento con capitale a prestito) e altri tipi di ristrutturazione societaria. Il Comparto può investire parte del proprio attivo netto in contanti e disponibilità monetarie, ivi compresi gli Strumenti del mercato monetario, qualora il Gestore di investimenti ritenga che ciò sia nell'interesse del Comparto e dei suoi Azionisti. Il Comparto può inoltre avvalersi di varie strategie e strumenti di investimento, ivi compresi a titolo esemplificativo: obbligazioni convertibili e non convertibili; titoli garantiti da attività o da ipoteche; azioni o unità di altri UCI (Undertakings for Collective Investment, Organismi di investimento collettivo) o UCITS (Undertaking for Collective Investment in Transferable Securities, Organismi di investimento collettivo in titoli trasferibili); titoli trasferibili di diritto; all'emissione, titoli trasferibili a consegna differita, contratti forward; swaps; titoli trasferibili di recente emissione; operazioni di pronti contro termine, strumenti del mercato monetario e certificati azionari. A seconda delle opportunità, il Comparto può investire in strumenti finanziari derivati per creare posizioni sintetiche coperte corte e lunghe al fine di massimizzare i rendimenti. Il Comparto può avvalersi di strategie e tecniche consistenti in options, contratti futures e operazioni in valuta e può stipulare contratti total rate of return, credit default, o altri tipi di swap e relativi derivati per vari scopi, ivi compreso il conseguimento di esposizione economica a un attivo o gruppo di attivi la cui acquisizione potrebbe risultare difficile o inattuabile o come operazione di copertura e gestione del rischio. Strumenti difensivi temporanei Qualora si verifichino condizioni economiche o di mercato sfavorevoli, il Fondo può investire temporaneamente tutto o parte del suo attivo in strumenti difensivi. Tali strumenti comprendono strumenti di 4

5 debito sovrano valutati come sicuri, obbligazioni del governo degli Stati Uniti e dei suoi enti o organismi, e/o strumenti del mercato monetario a breve termine di alta qualità. Nel periodo in cui stia perseguendo la propria strategia difensiva, il Fondo avrà meno probabilità di raggiungere l'obiettivo di investimento di crescita di capitale. Il Comparto non investirà nel complesso più del 10% del proprio attivo in azioni o unità di altri UCI o UCITS. Il prezzo delle Azioni del Comparto fluttuerà con le variazioni del valore di mercato dei titoli del portafoglio del Comparto. Le azioni sono soggette ai rischi valutari, politici, economici, aziendali e del mercato che possono causare la fluttuazione dei loro prezzi. Al momento in cui si vendono azioni, le stesse potrebbero valere meno di quanto siano state pagate. Pertanto, è possibile andare incontro a perdite di denaro investendo nel Comparto. Il Comparto è inoltre esposto al rischio che il PMV (private market value, valore complessivo dell'azienda) dei titoli detenuti in portafoglio non venga mai realizzato oppure che il prezzo del portafoglio dei titoli subisca un calo. Il Comparto è inoltre soggetto al rischio che la valutazione elaborata dal team del Gestore di investimenti in merito al valore dei titoli del Comparto possa essere stata eccessiva, e ciò può comportare un calo del valore delle Azioni del Comparto. Rapporto di indebitamento L'ammontare massimo del rapporto di indebitamento a cui il Comparto ricorre per incrementare la propria esposizione è del 30% del Valore netto dell'attivo del Comparto, calcolato al momento del ricorso agli strumenti derivati. Ricorso al prestito Il Comparto può ricorrere al prestito di fondi al fine di ottimizzare la propria gestione di liquidità nell'ambito delle condizioni e limitazioni indicate nella sezione Limitazioni degli investimenti del Prospetto informativo integrale. Ricorso a strumenti derivati o ad altre tecniche e strumenti di investimento Questo Comparto farà ricorso a strumenti finanziari derivati al fine di creare posizioni sintetiche corte. Il Comparto può utilizzare strumenti finanziari derivati quotati per mettersi al riparo dall'esposizione alle fluttuazioni nell'acquisizione di azioni di società qualora parte o tutto il corrispettivo della fusione debba essere corrisposto in azioni. Il Gestore di investimenti può inoltre optare per mettersi al riparo dall'esposizione al mercato mediante l'acquisto di ETF (Exchange Traded Funds, fondi quotati in continua in Borsa) che riproducono il valore di vari indici di mercato, o ricorrere a strumenti finanziari derivati quotati basati su tali ETF. Il Comparto può avvalersi di strumenti finanziari derivati come operazioni di copertura, per la gestione efficiente del portafoglio, o per altri scopi di gestione del rischio così come indicato nella sezione Investimenti speciali e tecniche di copertura del Prospetto informativo integrale. Profilo dell'investitore tipico Il Comparto è indicato per investitori finali che desiderino partecipare ai mercati azionari. È inoltre indicato per investitori esperti che desiderino conseguire i propri obiettivi prefissati di investimento. Il Comparto può essere più appropriato per investitori con prospettive di investimento a medio-lungo termine, in quanto possono verificarsi perdite dovute alle fluttuazioni del mercato. Per gli investitori con un portafoglio diversificato il Comparto può essere indicato come investimento di base. Principali rischi Consultare l'appendice I Rischi principali del Prospetto informativo integrale. 5

6 Caratteristiche Caratteristiche delle categorie di Azioni disponibili nel Comparto Categoria di Azioni Valuta del prezzo Politica sui dividendi Quotazione nella Borsa lussemburghese Categoria A 1 (EUR) Euro Capitalizzazione No Categoria A (USD) U.S.$ Capitalizzazione No Categoria A (GBP) 1 GBP Distribuzione No Categoria A (CHF) 1 CHF Distribuzione No Categoria I (EUR) 1 Euro Capitalizzazione No Categoria I (USD) U.S.$ Capitalizzazione No Categoria I (GBP) 1 GBP Distribuzione No Categoria I (CHF) 1 CHF Distribuzione No 1 Il Gestore di investimenti può, in relazione ad alcune categorie di Azioni, far ricorso a tecniche e strumenti atti a proteggere gli investitori di una certa categoria di Azioni dalle fluttuazioni valutarie tra la Valuta di indicazione del prezzo e la Valuta di base del Comparto. Categoria di Azioni Commissi oni di vendita massime 2 Commissioni di riscatto massime Commissioni di gestione 3 Onorario di rendimento 4 Investimento minimo iniziale Pacchetto azionario minimo Categoria A (EUR) Categoria A (USD) Categoria A (GBP) Categoria A (CHF) Categoria I (EUR) Categoria I (USD) Categoria I (GBP) Categoria I (CHF) 5,00% 5,00% 1,50% 1,00% 20,00% Euro 1,000 USD 1,000 GBP 1,000 CHF 1,000 Euro 100,000 USD 100,000 GBP 100,000 CHF 100,000 Nessuno Nessuno Nessuno Nessuno Nessuno Nessuno Nessuno Nessuno Corrisposte all'eventuale distributore. Corrisposte al Gestore di investimenti. L'onorario di rendimento dovrà essere corrisposto al Gestore di investimenti da parte del Comparto. 6

7 Sottoscrizioni, Conversioni e Rimborsi nel Comparto: Determinazione del prezzo e regolamento Data di valutazion e Data di contrattazio ne (D) Data e ora di scadenza per la richiesta Data di regolamento della sottoscrizion e Data di regolamento del rimborso 5 Qualunque giorno lavorativo 5 Qualunque giorno lavorativo 5 Sottoscrizione, Rimborso e Conversione nell'ambito del Comparto e in un altro Comparto D-1 Giorno lavorativo 5 entro le 16:00 Ora del Lussemburgo D +3 Giorni lavorativi 5 D +3 Giorni lavorativi 5 Qualsiasi giorno intero in cui le banche siano aperte per la normale attività bancaria in Lussemburgo e a New York a condizione che non venga considerato come giorno lavorativo bancario il Venerdì Santo e che il 24 di dicembre, nel caso in cui cada durante la settimana, sia considerato come mezza giornata lavorativa bancaria; in questo caso l'ordine verrà considerato come eseguito il giorno lavorativo successivo. In caso di giorno feriale bancario, il regolamento della sottoscrizione, del rimborso e della conversione sarà ricevuto nel giorno lavorativo successivo del Paese corrispondente. Valuta di riferimento per il Fondo La Valuta di riferimento per il Fondo è il dollaro statunitense Valuta di base del Comparto U.S.$ 7

8 COMMISSIONI E SPESE 1. Spese generali e di amministrazione del Comparto Consultare la sezione Caratteristiche di cui sopra. 2. Commissioni di deposito Un massimo di 0,035% annuo del Valore medio dell'attivo netto di ciascun Comparto dovrà essere corrisposto al Depositario e ai suoi agenti da parte del Fondo. Tali commissioni dovranno essere corrisposte su base trimestrale al Depositario e su base giornaliera o mensile agli agenti a seconda del caso. 3. Commissioni dell'amministratore, del Conservatore del registro e dell'agente domiciliare e societario Un massimo di 0,03% del Valore medio dell'attivo netto di ciascun Comparto annuo dovrà essere corrisposto su base annuale da parte del Fondo all'amministratore con un minimo di Euro all'anno per ciascun Comparto. Circa lo 0,04% del Valore medio dell'attivo netto annuo di ciascun Comparto dovrà essere corrisposto su base annuale da parte del Fondo al Conservatore del registro con un minimo di Euro l'anno per il Fondo. Euro per il primo anno ed Euro per ciascun anno successivo dovranno essere corrisposti su base annua da parte del Fondo all'agente domiciliare e societario per ciascun Comparto. 4. Commissioni della Società di gestione Il Comparto dovrà corrispondere le Commissioni della Società di gestione alla Società di gestione, dovute trimestralmente, a un tasso annuo dello 0,04% all'anno con un minimo di Euro l'anno, che saranno calcolate sulla base del Valore medio dell'attivo netto del Comparto. 5. TER (Total Expense Ratio, Rapporto spese totali) Categoria di Azioni TER effettivo Proiezione annuale TER* Categoria A (EUR) N/A 2,27% Categoria A (USD) N/A 2,27% Categoria A (GBP) Da lanciare in un secondo momento Categoria A (CHF) N/A 2,27% Categoria I (EUR) N/A 1,73% Categoria I (USD) N/A 1,73% Categoria I (GBP) Da lanciare in un secondo momento Categoria I (CHF) N/A 1,73% * Escluso l'onorario di rendimento. Il Rapporto spese totali comprende, a titolo esemplificativo e non limitativo, la gestione, il deposito, l'amministrazione, le imposte, gli onorari legali noti, le Commissioni della Società di gestione e così via), ma non comprende commissioni che dipendono dall'attività di contrattazione e dal rendimento (quali le provvigioni e le commissioni di regolamento e gli onorari di rendimento). Per maggiori informazioni, consultare il Prospetto informativo integrale. 8

9 SOTTOSCRIZIONE, CESSIONE, CONVERSIONE E RIMBORSO DI AZIONI Caratteristiche delle Azioni Categorie disponibili Il Comparto emette Azioni di diverse e distinte categorie, così come indicato nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Tali categorie di Azioni si distinguono in relazione al tipo di investitori per i quali sono concepite, a seconda del caso, alla Valuta di indicazione del prezzo oppure in relazione alla struttura delle commissioni a cui sono soggette. Politica sui dividendi Il Comparto emette categorie di Azioni di distribuzione e categorie di Azioni di capitalizzazione, così come indicato nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Le categorie di Azioni di capitalizzazione capitalizzano interamente il loro rendimento mentre le categorie di Azioni di distribuzione pagano i dividendi. Sottoscrizione di Azioni Importo minimo dell'investimento e del pacchetto azionario Nessun investitore può inizialmente sottoscrivere azioni per un importo inferiore a quello previsto per l'investimento minimo iniziale indicato nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Non è previsto un importo di investimento minimo per gli investimenti successivi in Azioni. Nessun investitore può cedere od ottenere il rimborso di Azioni di qualsiasi categoria nel caso in cui tale cessione o rimborso facciano scendere l'importo del pacchetto azionario di tale categoria di azioni in possesso dell'investitore al di sotto dell'importo minimo del pacchetto, a seconda del caso, indicato nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Procedura di sottoscrizione Richiesta di sottoscrizione: Gli investitori che intendano sottoscrivere Azioni devono compilare un modulo di richiesta. Le compravendite successive non richiedono la compilazione di un secondo modulo di richiesta. Tuttavia, gli Azionisti saranno tenuti a fornire indicazioni scritte come pattuito con l'amministratore per garantire un'elaborazione agevole degli ordini di compravendita successivi. Le indicazioni possono anche essere fornite tramite invio di lettera o fax, in ogni caso debitamente firmato, o mediante altri mezzi approvati dall'amministratore. Data di regolamento della sottoscrizione e prezzo della sottoscrizione: Le Azioni possono essere sottoscritte secondo le modalità indicate nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Il prezzo di sottoscrizione per qualsiasi richiesta di sottoscrizione sarà determinato dalla somma del Valore dell'attivo netto di tali Azioni alla data di sottoscrizione più le eventuali commissioni di vendita corrispondenti. Gli investitori devono tener presente che non verranno a conoscenza del prezzo di sottoscrizione effettivo delle loro Azioni prima del completamento del loro ordine. Pagamento: Ciascun investitore deve versare il prezzo di sottoscrizione così come stabilito nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Il prezzo di sottoscrizione deve essere versato esclusivamente mediante bonifico bancario, così come indicato nel modulo di richiesta. L'investitore deve versare il prezzo di sottoscrizione nella Valuta di indicazione del prezzo. Il Fondo rimborserà immediatamente le Azioni corrispondenti a eventuali sottoscrizioni non versate interamente in conformità alle presenti disposizioni, e l'investitore che abbia presentato la richiesta di sottoscrizione sarà responsabile nei confronti del Fondo e dei suoi agenti per eventuali perdite subite dai medesimi, singolarmente o collettivamente, a causa di tale rimborso obbligato. 9

10 Conferimenti in natura Il Fondo può accettare conferimenti sotto forma di titoli e altri strumenti come corrispettivo della sottoscrizione di azioni del Comparto, a condizione che tali titoli, o strumenti siano conformi agli obiettivi, limitazioni e politiche di investimento del Comparto e siano conformi alle condizioni previste dalla legislazione lussemburghese, in particolare in relazione all'obbligo di consegna, richiesto in alcuni casi, di una relazione di valutazione stilata dal Revisore dei conti. I costi sostenuti in relazione al conferimento in natura di titoli o altri strumenti saranno a carico degli Azionisti corrispondenti. Le sottoscrizioni effettuate mediante conferimento in natura dovranno essere preventivamente ed espressamente autorizzate dal Consiglio di amministrazione del Fondo o da suo delegato debitamente incaricato. Cessione di Azioni Gli Azionisti possono cedere le Azioni a una o più persone, a condizione che tutte le Azioni siano state interamente versate e che ciascun cessionario soddisfi i requisiti previsti per l'investitore per la categoria di Azioni corrispondente. Per poter cedere Azioni, l'azionista è tenuto a dare comunicazione al Conservatore del registro della data proposta e del numero di Azioni oggetto della cessione. Il Conservatore del registro riconoscerà esclusivamente cessioni che rechino una data futura. Inoltre, ciascun cessionario dovrà compilare un modulo di richiesta da inviare al Conservatore del registro fatto salvo il caso in cui il medesimo non sia già un investitore del Fondo. Rimborso di Azioni Gli Azionisti possono richiedere al Fondo il rimborso di parte o di tutte le Azioni del Comparto in loro possesso. Le Azioni possono essere rimborsate nei giorni indicati nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Avviso di rimborso Gli Azionisti che intendano ottenere il rimborso di Azioni devono darne comunicazione al Conservatore del registro. Commissioni di riscatto massime Il rimborso di azioni può essere soggetto alle commissioni di rimborso pari a una percentuale del Valore dell'attivo netto delle Azioni di cui si richieda il rimborso così come indicato nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Le commissioni di rimborso saranno imposte a beneficio del Comparto in questione. Il Consiglio di amministrazione del Fondo si riserva il diritto di imporre una commissione aggiuntiva corrispondente a una percentuale del 2% massimo del Valore dell'attivo netto delle Azioni rimborsate qualora il Consiglio di amministrazione ritenga che l'investitore che abbia presentato domanda di rimborso stia mettendo in atto pratiche di contrattazione eccessive (market-timing). Tali commissioni saranno imposte a beneficio del Comparto in questione. Data di rimborso e prezzo di rimborso La data di rimborso degli avvisi di rimborso sarà conforme a quanto indicato nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Il prezzo di rimborso per gli avvisi di rimborso sarà determinato dal Valore dell'attivo netto di tali azioni alla data di rimborso meno le eventuali commissioni di rimborso corrispondenti. Gli investitori devono tener presente che non verranno a conoscenza del prezzo di rimborso delle loro Azioni prima del completamento della loro richiesta. Pagamento Il Fondo corrisponderà agli Azionisti i proventi del rimborso così come indicato nella sezione Caratteristiche di cui sopra. I proventi del rimborso verranno corrisposti mediante bonifico bancario in conformità alle indicazioni riportate nell'avviso di rimborso accettato. Tutti gli oneri associati al pagamento saranno a carico dell'azionista. I proventi del rimborso verranno corrisposti nella Valuta di indicazione del prezzo corrispondente. Qualora l'investitore richieda il pagamento in una valuta differente, il Fondo o i suoi agenti si adopereranno ragionevolmente per convertire il pagamento nella valuta richiesta. Nel caso in cui tale conversione venga 10

11 effettivamente eseguita, tutti gli oneri associati alla conversione di tale pagamento saranno a carico dell'azionista. Né il Fondo né gli agenti del Fondo saranno responsabili nei confronti dell'investitore nel caso in cui il Fondo o l'agente non sia in grado di convertire e corrispondere il pagamento in una valuta diversa dalla relativa Valuta di indicazione del prezzo. 11

12 Né il Fondo né i suoi agenti corrisponderanno interessi sui proventi del rimborso o effettueranno scritture di conguaglio in relazione ai ritardi di pagamento all'azionista. I proventi del rimborso che non siano stati richiesti entro 5 anni dalla data di regolamento del rimborso verranno trattenuti e andranno a incrementare i ricavi a favore della corrispondente categoria di azioni. Rimborso obbligato Il Fondo ha la facoltà di rimborsare immediatamente una parte o la totalità delle Azioni dell'azionista qualora il Fondo ritenga che: L'Azionista abbia rilasciato dichiarazioni false in merito ai requisiti richiesti allo stesso per poter essere un Azionista; La presenza costante dell'azionista in qualità di Azionista del Fondo arrecherebbe danno irreparabile al Fondo o agli altri Azionisti del Fondo; L'Azionista, contrattando Azioni frequentemente, stia causando una maggiore rotazione del portafoglio del Comparto corrispondente che comporti effetti sfavorevoli sul rendimento del medesimo, maggiori oneri associati alle operazioni e/o fiscali; oppure La presenza costante dell'azionista in qualità di Azionista comporterebbe una violazione della legge o della normativa lussemburghese o straniera da parte del Fondo. Rimborso in natura Il Consiglio di amministrazione del Fondo avrà il diritto di regolare in natura il pagamento del prezzo di rimborso a favore degli Azionisti che accettino, assegnando al possessore investimenti del portafoglio di azioni costituito in relazione a tale categoria o categorie di Azioni pari al valore, alla Data di valutazione in cui venga calcolato il prezzo di rimborso, delle azioni oggetto del rimborso. La natura e la tipologia di attivi oggetto della cessione in tal caso saranno determinate sulla base di criteri equi e ragionevoli e senza pregiudizio per gli interessi degli altri possessori di Azioni della corrispondente categoria o categorie di Azioni e la valutazione utilizzata sarà confermata da una relazione specifica stilata dal revisore dei conti del Fondo. Gli oneri relativi a tali cessioni saranno a carico del cessionario. Conversione di Azioni In ottemperanza alle disposizioni indicate nella sezione Caratteristiche di cui sopra, gli Azionisti potranno in linea di principio richiedere la conversione delle proprie Azioni in (i) Azioni della stessa categoria di Azioni di un altro Comparto oppure (ii) in Azioni di una categoria differente di Azioni dello stesso o di un altro Comparto. Tale richiesta di conversione verrà considerata come un rimborso con successiva sottoscrizione di Azioni. Pertanto, gli Azionisti che richiedano tale conversione sono tenuti a osservare le procedure di conversione, così come indicato nei dettagli nel modulo di richiesta, oltre che soddisfare tutti gli altri requisiti specifici relativi agli investitori e alle eventuali soglie minime di investimento previste per ciascun Comparto. La conversione di Azioni tra Comparti che abbiano frequenze di valutazione diverse può essere effettuata esclusivamente in una Data di contrattazione comune così come indicato nei dettagli nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Per esercitare il diritto di scambio di Azioni, gli Azionisti devono consegnare un ordine di scambio secondo le modalità previste al Conservatore del registro. Il numero di Azioni nel Comparto o categoria di Azioni prescelti verrà calcolato sulla base della seguente formula: dove: A = (B x C x D)/E A è il numero di Azioni da assegnarsi nella nuova categoria di Azioni; B è il numero di Azioni della categoria di Azioni originaria da convertirsi; C è il Valore netto dell'attivo per Azione della categoria di Azioni originaria alla Data di valutazione corrispondente; D è il tasso di cambio effettivo alla data in questione tra la Valuta in cui è espresso il prezzo della categoria di Azioni originaria e la Valuta in cui è espresso il prezzo della nuova categoria di Azioni; 12

13 E è il Valore netto dell'attivo per Azione della nuova categoria di Azioni alla Data di valutazione corrispondente. 13

14 DETERMINAZIONE DEL VALORE NETTO DELL'ATTIVO Data di calcolo Il Fondo calcola il Valore netto dell'attivo per Azione di ciascuna categoria per ciascuna Data di valutazione secondo le modalità indicate nella sezione Caratteristiche di cui sopra. Ai fini della tenuta dei registri, il Fondo può calcolare il Valore netto dell'attivo anche in relazione a date in cui la sottoscrizione, il rimborso e la conversione non siano accettati, così come indicato nei dettagli nella descrizione corrispondente a ciascun Comparto, a seconda del caso. Qualora, dal momento della determinazione del Valore netto dell'attivo si sia verificata una variazione sostanziale delle quotazioni nei mercati in cui una parte considerevole degli investimenti di un qualsiasi Comparto è trattata o quotata, il Fondo può, per tutelare gli interessi degli Azionisti e del Comparto, annullare la prima valutazione ed effettuare una seconda valutazione per tutte le richieste presentate alla data di regolamento della sottoscrizione/rimborso corrispondente. TASSAZIONE Il seguente sommario è di natura generale e viene riportato al solo scopo di fornire informazioni preliminari. Costituisce una descrizione degli essenziali effetti impositivi in Lussemburgo in relazione alle Azioni. Questo sommario non ha la pretesa di essere una descrizione esaustiva di tutte le considerazioni di natura fiscale che possono interessare il potenziale investitore e potrebbe non comprendere considerazioni di natura fiscale che sorgono da norme di applicazione generale o che si presume siano in genere note agli Azionisti. Il presente sommario è basato sulle leggi vigenti in Lussemburgo alla data del Prospetto informativo integrale ed è soggetto a modifiche della legislazione che possono entrare in vigore dopo tale data. Il suo intento non è quello di fornire una consulenza giuridica o fiscale né il medesimo deve essere interpretato in tal senso. I potenziali azionisti sono pertanto tenuti a consultare i propri consulenti professionali in relazione agli effetti delle leggi statali, locali o straniere, ivi compresa la legislazione lussemburghese in materia fiscale, alle quali possono essere soggetti. Si tenga presente che il concetto di residenza utilizzato di seguito si applica esclusivamente ai fini della valutazione delle imposte sul reddito lussemburghesi. Qualsiasi riferimento nella presente sezione a tasse, dazi, tributi, imposte o altro onere o ritenuta di natura analoga si riferisce esclusivamente al diritto o ai concetti tributari lussemburghesi. Si tenga inoltre in considerazione che un riferimento a un'imposta sul reddito lussemburghese comprende in genere l'imposta sulle società (impôt sur le revenu des collectivités), l'imposta comunale sulle attività produttive (impôt commercial communal), il contributo di solidarietà (contribution au fonds pour l'emploi), oltre all'imposta sul reddito delle persone fisiche (impôt sur le revenu). Le Società azioniste possono inoltre essere soggette all'imposta sul patrimonio netto (impôt sur la fortune) oltre che ad altri dazi, tributi o imposte. L'imposta sulle società, l'imposta comunale sulle attività produttive, così come il contributo di solidarietà, si applicano invariabilmente alla maggior parte delle società soggette a imposta con sede fiscale in Lussemburgo. I contribuenti singoli sono in genere soggetti all'imposta sul reddito delle persone fisiche e al contributo di solidarietà. In alcune circostanze in cui un contribuente singolo agisca nell'ambito della gestione di un'attività professionale o aziendale, lo stesso può essere inoltre soggetto alla tassa comunale sulle attività produttive. Gli Azionisti che non siano residenti in Lussemburgo possono essere soggetti alle imposte previste dalla legislazione vigente in altre giurisdizioni. Il Prospetto informativo integrale non riporta alcuna dichiarazione in merito a tali giurisdizioni. Prima di investire nel Fondo, gli investitori dovrebbero discutere con i loro consulenti fiscali in merito alle implicazioni derivanti dall'acquisizione, possesso, cessione e rimborso di Azioni. Tassazione del Fondo Tassa di registrazione 14

15 Il Fondo è di norma soggetto in Lussemburgo a una tassa di registrazione (taxe d'abonnement) dello 0,05% annuo del valore netto dell'attivo, e tale imposta deve essere versata trimestralmente sulla base del valore netto dell'attivo complessivo del Fondo al termine del trimestre civile corrispondente. Tale aliquota è tuttavia dello 0,01% annuo per: le imprese la cui attività esclusiva sia l'investimento collettivo in strumenti del mercato monetario e il collocamento di depositi con istituti di credito; le imprese la cui attività esclusiva sia l'investimento collettivo in depositi con istituti di credito; e comparti singoli di UCI (Undertakings for Collective Investment, Organismi di investimento collettivo) con comparti multipli oltre che per le singole categorie di titoli emessi nell'ambito di un UCI o di un comparto di un UCI con comparti multipli, a condizione che i titoli di tali comparti o categorie siano riservati a uno o più investitori istituzionali. Sono inoltre esenti dalla tassa di registrazione: il valore dell'attivo rappresentato da unità possedute in altri UCI, a condizione che tali unità siano già state assoggettate alla tassa di registrazione; gli UCI oltre ai comparti singoli di fondi a ombrello (i) i cui titoli siano riservati a investitori istituzionali 1, (ii) la cui attività esclusiva sia l'investimento collettivo in strumenti del mercato monetario e il collocamento di depositi con istituti di credito, (iii) la cui scadenza media residua ponderata del portafoglio non superi i 90 giorni, e (iv) che abbiano ottenuto la valutazione più elevata possibile da un'agenzia di rating accreditata; e gli UCI i cui titoli siano riservati a (i) enti pensionistici aziendali o professionali, o strumenti di investimento analoghi, creati su iniziativa di uno stesso gruppo a vantaggio dei propri dipendenti e (ii) imprese dello stesso gruppo che investano fondi in loro possesso, per offrire prestazioni pensionistiche ai propri dipendenti. Ritenuta alla fonte Ai sensi della legislazione tributaria lussemburghese e in conformità con l'applicazione delle leggi lussemburghesi e i vari accordi conclusi tra il Lussemburgo e alcuni territori dipendenti dalla UE, non vi è ritenuta alla fonte sulle distribuzioni effettuate dal Fondo o dai suoi agenti di pagamento a favore degli Azionisti. Ai sensi della legislazione lussemburghese, qualsiasi agente di pagamento del Lussemburgo (ai sensi della direttiva UE sulla tassazione dei redditi da risparmio) è tenuto dal 1 di luglio 2005 a applicare una ritenuta alla fonte sugli interessi e altri redditi analoghi così come indicato di seguito, corrisposti dallo stesso a (o in alcune circostanze, a favore di) una persona o una entità residuale, che sia residente o abbia sede legale in uno Stato membro dell'unione Europea diverso dal Lussemburgo, fatto salvo il caso in cui il beneficiario del pagamento degli interessi abbia optato per lo scambio di informazioni. Lo stesso regime si applica ai pagamenti a persone o entità residuali che siano residenti o abbiano sede legale in uno dei territori dipendenti/associati. L'aliquota della ritenuta alla fonte è al momento pari al 35%. Gli interessi, ai sensi della legislazione lussemburghese, comprendono (i) i dividendi e (ii) i redditi realizzati mediante la vendita, il rimborso e il riscatto di azioni o unità detenute in un UCITS (Undertaking for Collective Investment in Transferable Securities, Organismi di investimento collettivo in titoli trasferibili), nel caso in cui il medesimo investa direttamente o indirettamente più del 40% del proprio attivo in capitale di prestito ai sensi della direttiva UE sulla tassazione dei redditi da risparmio, nonché qualsiasi reddito derivante da capitale di prestito altrimenti distribuito da un UCITS ove l'investimento in capitale di prestito di tale UCITS superi il 15% del proprio attivo. Il 15 settembre 2008, la Commissione Europea ha rilasciato una relazione al Consiglio dell'ue in merito all'applicazione della direttiva UE sulla tassazione dei redditi del risparmio, che comprendeva le raccomandazioni della Commissione sulla necessità di apportare modifiche alla direttiva UE sulla tassazione dei redditi del risparmio. Il 13 novembre 2008, la Commissione europea ha rilasciato una proposta 1 Nel caso in cu1i più categorie di titoli siano presenti nell'ambito dell'uci o del comparto, l'esenzione si applica esclusivamente alle categorie i cui titoli siano riservati a investitori istituzionali. 15

16 dettagliata di emendamenti della direttiva UE sulla tassazione dei redditi del risparmio. Si richiama l'attenzione degli Azionisti su tale proposta tesa a migliorare l'efficacia delle misure indicate nella direttiva UE sulla tassazione dei redditi del risparmio che estende l'applicazione della medesima ai pagamenti di interessi effettuati a favore di interposta persona o dispositivo giuridico e ai pagamenti effettuati in virtù di alcuni prodotti finanziari innovativi. Imposta sul reddito Ai sensi della legislazione e delle pratiche attualmente vigenti, il Fondo non è assoggettato ad alcuna imposta sul reddito lussemburghese. Imposta sul valore aggiunto Il Fondo è considerato in Lussemburgo quale soggetto tassabile ai fini dell'imposta sul valore aggiunto ( IVA ) privo del diritto alla detrazione dell'iva versata a monte. L'esenzione dell'iva si applica in Lussemburgo ai servizi classificati come servizi di gestione di fondi. Altri servizi forniti al Fondo potrebbero potenzialmente far scattare l'imposizione IVA e richiedere la registrazione IVA del Fondo in Lussemburgo in relazione alla autovalutazione dell'iva considerata esigibile in Lussemburgo sui servizi tassabili (o sulle merci in una certa misura) acquistati all'estero. Nessuna imposizione IVA si produce in linea di principio in Lussemburgo in relazione ai pagamenti effettuati da parte del Fondo ai propri investitori, in quanto tali pagamenti sono collegati alla loro sottoscrizione delle Azioni del Fondo e non costituiscono quindi in alcun modo un corrispettivo percepito per servizi tassabili erogati. Altre imposte Nessuna marca da bollo o altra imposta viene in genere corrisposta su base proporzionale in Lussemburgo in relazione all'emissione di Azioni in cambio di contanti da parte del Fondo. Gli emendamenti dello Statuto del Fondo sono in genere soggetti a una tassa di registro pari a euro 75. Tassazione degli Azionisti Residenza fiscale degli Azionisti in Lussemburgo Gli Azionisti non diverranno residenti in Lussemburgo né saranno considerati tali per il solo fatto di possedere e/o cedere Azioni o di esercitare, soddisfare o far valere i propri diritti in relazione alle medesime. Imposta sul reddito Azionisti residenti in Lussemburgo Gli Azionisti residenti in Lussemburgo non sono responsabili delle imposte sul reddito lussemburghesi gravanti sul rimborso di capitale azionario conferito in precedenza al Fondo. Privati residenti in Lussemburgo I dividendi e gli altri pagamenti derivanti dalle Azioni a favore di Azionisti privati residenti, che agiscano nell'ambito della gestione del proprio patrimonio privato e della propria attività aziendale, sono soggetti alle imposte sul reddito calcolate sulla base delle regolari aliquote progressive. Le plusvalenze realizzate alla cessione delle Azioni da parte di Azionisti privati residenti, che agiscano nell'ambito della gestione del proprio patrimonio privato, non sono soggette all'imposta sul reddito, fatto salvo il caso in cui tali plusvalenze siano classificate come guadagni speculativi o come guadagni su una partecipazione consistente. Le plusvalenze sono considerate come speculative e sono quindi assoggettate all'imposta sul reddito in base alle aliquote ordinarie nel caso in cui le Azioni siano cedute entro 6 mesi dal loro acquisto o nel caso in cui la loro cessione preceda la loro acquisizione. Una partecipazione è considerata consistente qualora un Azionista privato residente detenga o abbia detenuto singolarmente o congiuntamente al proprio coniuge o compagno/a e/o figli minori, direttamente o indirettamente in qualsiasi momento nei 5 anni precedenti la cessione, più del 10% del capitale azionario del Fondo le cui azioni siano oggetto della cessione. Un Azionista è inoltre considerato come alienante una partecipazione consistente qualora abbia acquisito a titolo gratuito, nei 5 anni precedenti la cessione, una partecipazione che costituiva una partecipazione consistente in possesso dell'alienante (o degli alienanti in caso di cessioni consecutive a titolo gratuito nel medesimo periodo di 5 anni). Le plusvalenze realizzate su una partecipazione consistente più di 6 mesi dopo l'acquisizione della medesima sono assoggettate a imposte in base al metodo dell'aliquota semi-globale (vale a dire che l'aliquota media applicabile al reddito totale è calcolata sulla base 16

17 dell'aliquota progressiva dell'imposta sul reddito e metà dell'aliquota media è applicata alle plusvalenze realizzate sulla partecipazione consistente). Una cessione può comprendere una vendita, uno scambio, un conferimento o qualsiasi altro genere di alienazione della partecipazione. Le plusvalenze realizzate sulla cessione delle Azioni da parte di un Azionista privato residente, che agisca nell'ambito della gestione della propria attività professionale/aziendale, sono soggette alla imposta sul reddito con le aliquote ordinarie. Le plusvalenze tassabili sono determinate dalla differenza tra il prezzo al quale le Azioni sono state cedute e il loro costo più basso o il loro valore contabile. Società con sede in Lussemburgo Le società con sede in Lussemburgo (société de capitaux) devono includere i profitti derivanti e le plusvalenze realizzate dalla vendita, cessione o rimborso di Azioni, nei loro redditi imponibili ai fini della valutazione dell'imposta sul reddito del Lussemburgo. Società con sede in Lussemburgo beneficiarie di regimi fiscali speciali Gli Azionisti che siano società con sede in Lussemburgo beneficiarie di un regime fiscale speciale, quali le (i) società holding soggette alla legge modificata del 31 luglio 1929, (ii) gli organismi di investimento collettivo soggetti alla Legge, (iii) i fondi di investimento specializzati soggetti alla legge del 13 febbraio 2007 e (iv) le società di gestione di patrimoni familiari disciplinate dalla legge dell'11 maggio 2007, costituiscono entità esenti da imposta sul reddito in Lussemburgo e non sono quindi assoggettate ad alcuna imposta sul reddito lussemburghese. Azionisti non residenti in Lussemburgo Un non residente, che non abbia una sede permanente né un rappresentante permanente in Lussemburgo a cui le Azioni siano attribuibili, non è generalmente soggetto all'imposta sul reddito lussemburghese in relazione al reddito percepito e alle plusvalenze realizzate alla vendita, cessione o rimborso delle Azioni. Eccezionalmente, un privato non residente può essere soggetto all'imposta sul reddito lussemburghese sulle plusvalenze realizzate su Azioni qualora abbia detenuto, singolarmente o congiuntamente al proprio coniuge e/o figli minori, direttamente o indirettamente, in qualsiasi momento nei cinque anni precedenti la cessione delle Azioni, più del 10% del capitale del Fondo e abbia (i) detenuto le Azioni per meno di 6 mesi ovvero (ii) sia stato un soggetto tassabile residente in Lussemburgo per più di 15 anni e sia diventato non residente meno di 5 anni prima della realizzazione delle plusvalenze sulle Azioni. Le società che non abbiano sede legale in Lussemburgo ma che abbiano una sede o un rappresentante permanente in Lussemburgo a cui le Azioni siano attribuibili, sono tenute a includere i redditi percepiti, oltre alle plusvalenze realizzate sulla vendita, cessione o rimborso di Azioni, nei loro redditi imponibili ai fini della valutazione dell'imposta sul reddito del Lussemburgo. La medesima inclusione si applica ai privati, che agiscano nell'ambito della gestione di un'attività professionale o aziendale che abbiano una sede o un rappresentante permanente in Lussemburgo, a cui le Azioni siano attribuibili. Le plusvalenze tassabili sono determinate dalla differenza tra il prezzo di vendita, riacquisto o rimborso e il costo più basso o il valore contabile delle Azioni vendute o rimborsate. Imposta sul patrimonio netto I residenti o non residenti in Lussemburgo che abbiano una sede o un rappresentante permanente in Lussemburgo al quale le Azioni siano attribuibili, sono soggetti all'imposta sul patrimonio netto lussemburghese in relazione a tali Azioni, fatto salvo il caso in cui l'azionista sia (i) un soggetto tassabile privato residente o non residente, (ii) una società holding soggetta alla legge modificata del 31 luglio 1929, (iii) un organismo di investimento collettivo soggetto alla Legge, (iv) una società di cartolarizzazione disciplinata dalla legge del 22 marzo 2004 in materia di cartolarizzazioni, (v) una società disciplinata dalla legge del 15 giugno 2004 sugli strumenti di investimento in capitale di rischio, (vi) un fondo di investimento specializzato disciplinato dalla legge del 13 febbraio 2007, oppure (vii) una società di gestione di patrimoni familiari disciplinata dalla legge dell'11 maggio Altre imposte Ai sensi della legislazione tributaria lussemburghese, qualora un Azionista privato sia residente in Lussemburgo ai fini fiscali al momento del proprio decesso, le Azioni saranno incluse nella base imponibile ai fini fiscali relativi alla successione. Al contrario, nessuna imposta sulle successioni verrà applicata alla cessione delle Azioni al momento del decesso dell'azionista nel caso in cui il deceduto non fosse residente in Lussemburgo ai fini della successione. 17

18 Le imposte sulle donazioni possono essere esigibili in relazione ai doni o alle donazioni di Azioni, qualora la donazione sia registrata in un atto notarile lussemburghese o risulti altrimenti registrata in Lussemburgo. 18

19 INFORMAZIONI AGGIUNTIVE IMPORTANTI Le seguenti Categorie di Azioni sono state lanciate il 30 settembre 2011: Codice ISIN Categoria I (EUR) LU Codice ISIN Categoria I (USD) LU Codice ISIN Categoria I (CHF) LU Codice ISIN Categoria A (USD) LU Codice ISIN Categoria A (EUR) LU Codice ISIN Categoria A (CHF) LU Le Categorie di Azioni I (GBP) e A (GBP) saranno lanciate in un secondo momento. Per maggiori informazioni, contattare: J.P. Morgan Bank Luxembourg S.A. European Bank & Business Center 6C, route de Trèves L-2633 Senningerberg Granducato di Lussemburgo ULTERIORI INFORMAZIONI RENDIMENTO DEL COMPARTO Il Comparto è stato lanciato il 30 settembre 2011, pertanto al momento non è disponibile nessun dato sul rendimento v11 19

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto

SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto Relazione semestrale SELECTRA INVESTMENTS SICAV Società d investimento a capitale azionario variabile SICAV multi comparto R.C.S. Luxembourg B 136 880 Non si accettano sottoscrizioni basate sul presente

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV )

EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV ) Pagina 1 di 10 EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV ) MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Modalità di partecipazione:

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo

Schroder International Selection Fund Prospetto informativo Schroder International Selection Fund Prospetto informativo (Società di investimento a capitale variabile (SICAV) di diritto lussemburghese) Febbraio 2015 Italia Schroder International Selection Fund

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy CREDIT SUISSE LIFE & PENSIONS AG (ITALIAN BRANCH) Via Santa Margherita 3 Telefono +39 02 88 55 01 20121-Milano Fax +39 02 88 550 450 REA Registro Imprese di Milano n. 1753146 C.F. Part. IVA 04502630967

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Modulo di sottoscrizione

Modulo di sottoscrizione Modulo di sottoscrizione Il presente Modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia di azioni di JPMORGAN INVESTMENT FUNDS, SICAV di diritto lussemburghese a struttura multicomparto e multiclasse.

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMPOSTA SUL REDDITO DERIVANTE DALL ALIENAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI PER L ESERCIZIO

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMPOSTA SUL REDDITO DERIVANTE DALL ALIENAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI PER L ESERCIZIO REPUBBLICA DI SLOVENIA MINISTERO DELLE FINANZE AMMINISTRAZIONE DELLE IMPOSTE DELLA REPUBBLICA DI SLOVENIA ALLEGATO DICHIARAZIONE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMPOSTA SUL REDDITO DERIVANTE DALL ALIENAZIONE

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli