LEADER II. La costruzione di percorsi di qualità per la valorizzazione delle produzioni agroalimentari locali. Programma di Iniziativa Comunitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEADER II. La costruzione di percorsi di qualità per la valorizzazione delle produzioni agroalimentari locali. Programma di Iniziativa Comunitaria"

Transcript

1 Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER II Collegamento fra azioni di sviluppo dell economia rurale Comunicazione CEE 94/c/180/12 La costruzione di percorsi di qualità per la valorizzazione delle produzioni agroalimentari locali Ministero per le Politiche Agricole Working Paper Roma, 2001 Commissione Europea

2 Programma d Iniziativa Comunitaria LEADER II Comunicazione CEE 94/C/180/12 dell'1/7/1994 La costruzione di percorsi di qualità per la valorizzazione delle produzioni agroalimentari locali WORKING PAPER ROMA, DICEMBRE

3 INDICE Introduzione... 4 Concetti, metodi e strumenti per la valorizzazione di mercato dei prodotti agroalimentari tipici delle aree rurali: alcune considerazioni introduttive... 8 PARTE I - L EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ L evoluzione del concetto di qualità Alcune considerazioni in merito alla qualità dei prodotti agro-alimentari Audit sulla qualità Qualità del servizio PARTE II - LE POLITICHE COMUNITARIE E NAZIONALI PER LA QUALITÀ Le politiche comunitarie per la qualità La politica nazionale per la qualità Bibliografia PARTE III - I PERCORSI DI VALORIZZAZIONE PER I PRODOTTI ALIMENTARI Il sistema di qualità: la filosofia di valorizzazione dei prodotti tipici come strumento di politiche di marketing Le tre fasi di valorizzazione dei prodotti agroalimentari La mappatura delle produzioni alimentari...62 Dalla valutazione alla progettazione...66 La progettazione delle Azioni di Sviluppo...66 I marchi di qualità..67 Le iniziative in corso Le politiche di comunicazione per la valorizzazione dei prodotti tipici delle aree rurali Allegato 1 - I costi della qualità Allegato 2 Norme relative ai requisiti essenziali di qualità per la commercializzazione dei prodotti alimentari (elenco aggiornato al 1/3/2000) Bilbiografia

4 3

5 Introduzione La valorizzazione delle produzioni tipiche costituisce una strategia efficace per il conseguimento di molteplici obiettivi sia di carattere economico (rivitalizzazione delle colture tipiche, diversificazione delle produzioni, acquisizione di nuovi sbocchi di mercato, ecc.) sia socio-culturali (recupero delle tradizioni e della cultura locale, rafforzamento dell'identità locale, ecc.). Essa si fonda su potenzialità specifiche di un territorio: know how, tradizioni e culture locali che conferiscono alle produzioni la loro immagine specifica (tipicità) e rappresenta un'operazione economica che richiede l'individuazione precisa dei potenziali sbocchi di mercato, la definizione e l'attuazione di strategie commerciali ed il rispetto di un requisito essenziale: la qualità. Il working paper riporta quanto emerso in occasione di un seminario organizzato dalla Rete Nazionale, in collaborazione con il GAL Dstra Piave, sul tema La costruzione di percorsi di qualità per la valorizzazione delle produzioni agroalimentari tipiche (1-2 giugno, Motta di Livenza). I possibili percorsi di valorizzazione dei prodotti tipici delle aree rurali La definizione di prodotti tipici. Fra coloro che si occupano delle prospettive di sviluppo del nostro sistema agroalimentare, si va diffondendo la consapevolezza della irriducibile necessità di ricercare nuovi percorsi produttivi e di mercato, in grado di valorizzare la dimensione locale (territoriale) e artigianale (piccola impresa) della produzione. Su questo tema il dibattito é ampio e diffuso ed é profondamente intrecciato con quello sullo sviluppo rurale (Risoluzione di Corck). In tutte le ipotesi di sviluppo rurale (ad esempio l esperienza dei Leader I e II) si fa riferimento ai sistemi locali di produzione agroalimentari ed emerge con forza il ruolo e l importanza di mercato delle produzioni tipiche. Il prodotto agro alimentare tipico può essere identificato da un complesso di elementi - spesso combinati insieme - riferiti alle sue caratteristiche di origine, di processo, di prodotto e - per ora genericamente - di mercato. Più in particolare: 1) le caratteristiche di origine che conferiscono al prodotto una sua tipicità sono innanzitutto la sua concentrazione in un territorio geograficamente definito. Affinché queste caratteristiche di specializzazione e concentrazione produttiva abbiano effetti di mercato (che siano riconoscibili dal consumatore finale) il territorio rurale deve essere chiaramente identificato, noto e possedere una sua reputazione (ad esempio sul piano turistico - ambientale) in grado di sostenere l immagine qualitativa del prodotto che ne origina. 2) le caratteristiche del processo produttivo tradizionale e che identificano la tipicità di un prodotto, debbono essere note e largamente diffuse fra i produttori ed avere come riferimento metodi che rispettano tradizioni produttive e curve di apprendimento anche non necessariamente codificate ma anche solo trasmesse con mezzi non formali. L innovazione di processo é generalmente molto contenuta ed é ammessa solo se trasferita e accettata da larga parte della platea dei produttori. Il processo produttivo di un prodotto tipico non deve necessariamente essere realizzato per intero (elemento assolutamente necessario per ricevere la certificazione DOP) in un area territoriale geograficamente definita. La tipicità di processo ha valore di mercato se é nota al consumatore e da lui percepita. 3) il prodotto (contenuto di materie prime e altri elementi organolettici) acquisisce requisiti di tipicità quando é chiaramente identificabile dal consumatore e rispondente ai tradizionali attributi che lo caratterizzano. Anche in questo caso la conpresenza delle altre due forme di tipicità é frequente ma non necessaria ad attribuirne l esclusività. 4) elementi riconducibili sostanzialmente alle caratteristiche di mercato: l area di vendita del prodotto, le quantità prodotte e la lunghezza della filiera produzione - distribuzione - consumo. Vi sono infatti prodotti che, pur rispettando le caratteristiche richiamate dai regolamenti comunitari sulle Dop, le Igp e le Specialità alimentari, hanno un consumo prevalentemente locale, una massa critica di prodotto insufficiente a garantirne una minima forma di distribuzione, una filiera fin troppo ridotta (il produttore coincide, talvolta in buona parte, con il consumatore). Questi prodotti, pur essendo tipici, non hanno il riconoscimento della Comunità ne occasioni di mercato che ne possano favorire lo sviluppo o, quantomeno, garantirne la sopravvivenza sul mercato locale. I produttori di questi prodotti dispongono raramente, inoltre, di apparati associativi e/o organizzativi in grado disciplinare la produzione, di sviluppare vaste azioni di comunicazione per ridurre l asimmetria informativa sulle caratteristiche qualitative del prodotto o di intraprendere azioni di lobbing sulle istituzioni per ricevere la certificazione di tipicità. Mentre i requisiti dei punti 1,2,3 sono quelli classici, oggettivi che identificano la tipicità di un prodotto e gli stessi utilizzati come criteri definitori dalle normative sui prodotti DOP e IGP e per le specialità alimentari (Regg.1081 / ) e per le produzioni biologiche, sono del tutto assenti dalle classificazioni tradizionali 4

6 quegli elementi meno oggettivi (racchiusi sostanzialmente nel quarto elemento che potremmo definire neoistituzionale ), e quindi non certificabili, che possono però determinare, da un punto di vista economico, lo sviluppo, la persistenza o la definitiva scomparsa di una produzione agroalimentare tipica. Mercati locali e delocalizzati per i prodotti tipici Se consideriamo il successo di mercato delle produzioni tipiche agroalimentari come una opportunità di sviluppo sia di determinate aree rurali che della piccola impresa che vi opera ed, in definitiva, come un possibile percorso per il rafforzamento della capacità competitiva del nostro Paese nei nuovi scenari di globalizzazione, appare opportuno chiedersi: quali siano le produzioni che rimarranno (ed é giusto che rimangano) all interno di ristretti mercati alla produzione dove si risolvono anche gran parte dei consumi e quali sono viceversa quei prodotti che, pur rispettando i requisiti di tipicità richiesti possono aspirare (con o senza riconoscimento comunitario) a raggiungere dimensioni di mercato delocalizzate cioè all esterno della ristretta area di produzione? In altre parole: quali sono i prodotti tipici su cui il sistema agro alimentare nazionale può fare affidamento per ritagliarsi uno spazio nella nuova divisione internazionale del lavoro, sviluppando componenti anche consistenti del proprio apparato produttivo agricolo e le proprie piccole e medie imprese, senza dover rinunciare alla tipicità e tradizionalità dei propri prodotti che sono elementi di forza nella competizione? La questione ci sembra tutt altro che marginale e di non facile soluzione. Per di cominciare a dipanare la ingarbugliata matassa che avvolge, allo stato attuale, le prospettive di sviluppo della produzione di prodotti tipici nelle aree rurali del nostro Paese (escludendo a priori di considerare i prodotti indifferenziati di largo consumo), proponiamo una ripartizione di larga massima delle produzioni agro alimentari italiane tenendo conto dei quattro requisiti di tipicità (origine, processo, prodotto, mercato) appena enunciati con la consapevolezza di non avere risposte a tutti gli interrogativi proposti. a) Prodotti tipici perché certificati. Fanno parte di questa categoria i prodotti comunque certificati compresi quelli che, pur avendo caratteristiche e dimensioni di mercato simili a quelli indifferenziati, sono tipici perché dichiarati tali da un Ente di Certificazione che garantisce al consumatore il rispetto di determinate caratteristiche di processo, di prodotto o di origine. Un caso classico é rappresentato dal Parmigiano Reggiano DOP esportato in tutto il mondo. Vi sono inoltre prodotti tipici certificati la cui forza di mercato è ben lontana da quelli tradizionalmente conosciuti ma che possono utilizzare la forza della certificazione comunitaria per acquisire i primi tre elementi di caratterizzazione (processo, prodotto, origine) mentre debbono sviluppare ancora strategie per acquisire il quarto elemento di successo competitivo: la forza di mercato. b) Prodotti tipici locali e con prospettive di delocalizzazione. Questa é certamente la categoria più interessante. I prodotti tipici non certificati rappresentano la zona grigia dove possono attuarsi quelle politiche che consentono la costruzione di percorsi di sviluppo, capaci di riposizionare competitivamente una larga fetta del nostro apparato produttivo agro alimentare, dominato dalle piccole impresa e presente specie nelle aree rurali del Mezzogiorno. All interno di questa vasta categoria di prodotti (per una interessante elencazione di molti di questi prodotti si vedano gli atlanti dei formaggi e salumi tipici pubblicati dall INSOR ), infatti, convivono produzioni di altissima qualità e tradizione le cui dimensioni produttive, gli attributi organolettici, le caratteristiche del territorio e delle imprese da cui originano, possono rendere inopportuna una politica di delocalizzazione di mercato ed altri prodotti le cui caratteristiche, invece, suggeriscono la ricerca di efficaci politiche agro alimentari per la loro emersione sui mercati nazionale ed, in alcuni casi, europeo. I prodotti con scarse opportunità di delocalizzazione possono comunque rafforzare la propria presenza su base locale con strategie di difesa dall aggressività dalle grandi marche di indifferenziati mentre i prodotti con buone prospettive di mercato, almeno nazionale, dovrebbero essere sostenute da adeguate politiche di valorizzazione produttiva, organizzativa e commerciale. Quali percorsi di valorizzazione di mercato per i prodotti tipici di qualità delle aree rurali? Sulla base della semplice osservazione delle numerose liste di prodotti tipici elaborate dai vari GAL dei Leader I e II e possibile immaginare che ve ne sia un buon numero per i quali sarebbe opportuno porre in essere politiche di valorizzazione (cosa che in parte viene già fatta in molte delle aree da cui tali prodotti originano) pena la definitiva scomparsa di tali produzioni. Oltre al danno economico che ne deriverebbe per l area rurale in cui tale prodotto viene realizzato, occorre anche tener conto della sicura perdita di conoscenze, tradizioni, identità territoriale e culturale, relazioni sociale connesse al prodotto tipico. 5

7 La necessità di una politica agro alimentare fortemente impegnata nella valorizzazione dei prodotti tipici tradizionali, trova le sue ragioni di fondo non solo nelle considerazioni di scenario che abbiamo sottolineato in apertura del nostro lavoro ma soprattutto nella profonda convinzione che il rilancio dei prodotti tipici, sia sui mercati locali che delocalizzati, possa rappresentare uno degli elementi strategici di valorizzazione del mondo rurale attraverso l uso di quelle sinergie fra attività economiche, relazioni sociali e risorse naturali del territorio capaci di fornire, a determinate aree e componenti del nostro sistema agro industriale, importanti opportunità di sviluppo. Le politiche di valorizzazione di prodotti tipici in aree rurali vengono, opportunamente, sempre riferite ad uno specifico territorio e ad un particolare prodotto oggetto dell intervento per le caratteristiche peculiari sia delle aree che delle produzioni. Posta questa affermazione di principio si avverte però la necessità di individuare alcune linee di ragionamento e modelli di azione molto generali, capaci comunque sia di orientare le specifiche scelte di politiche di valorizzazione dei prodotti tipici nelle realtà rurali più dinamiche. Per queste ragioni é sembrato utile suggerire due filoni di approccio, un po semplificati per le finalità espositive del lavoro, di percorsi di valorizzazione: Il primo percorso è soprattutto destinato allo sviluppo del valore aggiunto delle vendite sui mercati locali che chiameremo politica di FIDELIZZAZIONE sul mercato locale e la seconda destinata all aumento delle quantità vendute che definiamo per comodità come una politica di PROMOZIONE delle vendite in nicchie di mercato delocalizzate. Entrambe questi percorsi, che vanno considerati non in alternativa, hanno una natura operativa prevalentemente aziendale ma possono essere facilmente sostenute da gruppi di imprese e da interventi di politica agroalimentare locale per la valorizzazione delle produzioni tipiche delle aree rurali. Una politica di fidelizzazione sul mercato locale del consumatore al prodotto, é uno strumento che ha l obbiettivo di consentire un aumento del prezzo di vendita ad un livello superiore a quello dei prodotti sostitutivi di largo consumo, senza che vi sia una significativa riduzione delle quantità vendute. Un aumento del prezzo di vendita dovrebbe consentire la remunerazione dei costi sostenuti per l attuazione di tale politica. Per politica di fidelizzazione si intendono dunque, quelle azioni, poste in essere dalle imprese o da un organismo pubblico su base locale o da entrambi questi soggetti, capaci di far conoscere ed apprezzare produzioni locali sul mercato locale. Queste azioni sono prevalentemente rivolte a sostenere la distribuzione e la reputazione del prodotto nell area sia presso i residenti che presso i visitatori a condizione che, al tempo stesso, vengano posti in essere interventi destinati a garantire il miglioramento del processo produttivo per il rispetto delle norme sanitarie vigenti e la diffusione del know how sia sulle caratteristiche del prodotto che sul suo processo produttivo. Strumenti tipici per la fidelizzazione del consumatore al prodotto su base locale sono, ad esempio, le feste paesane, le fiere locali, la diffusione del prodotto presso le aziende agrituristiche, gli alberghi ed i ristoranti dell area di produzione, la vendita diretta in azienda, l organizzazione della vendita diretta da parte degli stessi produttori artigianali, le visite guidate presso le unità locali di produzione, la diffusione delle tradizioni alimentari dell area (ricettario dei prodotti e delle preparazioni tipiche) e delle caratteristiche nutrizionali dei prodotti. Una azione di fidelizzazione nell area rurale di produzione può, a condizione che si verifichino certe condizioni di cui parleremo in seguito, essere propedeutico allo sviluppo di una politica di promozione. Il percorso di valorizzazione attraverso politiche di fidelizzazione, é già parzialmente verificabile su base empirica per molte produzioni tipiche italiane ed è presente fra gli obiettivi dei Gruppi di Azione Locale di molte aree LEADER.. Alcuni di questi prodotti sono infatti introvabili all esterno delle aree di produzione, sono oggetto di tesaurizzazione e di vendita solo a clienti speciali, a prezzi normalmente elevati rispetto a prodotti sostitutivi con diverse caratteristiche di processo, prodotto e di origine. La valorizzazione del prodotto risulta particolarmente efficace in aree di forte vocazione turistica, contribuendo ad un significativo aumento dei redditi dei produttori. Questi stessi produttori risultano però, spesso privi delle capacità imprenditoriali, dell organizzazione e degli investimenti per avviare un processo di delocalizzazione delle vendite che talvolta appare impossibile per l assenza dei requisiti sanitari per la commercializzazione (ad esempio il formaggio con i vermi in vendita solo in alcune particolari aree della Sardegna). In molti altri casi, sono invece le caratteristiche organolettiche o di estrema deperibilità del prodotto che non lo rendono commercialmente valido, salvo che per le abitudini alimentari e di consumo dell area di provenienza del prodotto tipico (si pensi alle preparazioni eccessivamente piccanti di alcuni salumi). Una politica di promozione, invece, ha come obiettivo principale l aumento delle quantità prodotte e vendute reso possibile da una delocalizzazione (ampliamento geografico) del mercato; ciò potrebbe 6

8 consentire alle imprese di realizzare importanti economie di scala e per questa via sopportare i maggiori costi di produzione e delle politiche di vendita. Una politica di promozione delle vendite su mercati delocalizzati non solo è molto impegnativa sul piano finanziario ma anche complessa per gli strumenti utilizzati. L adozione di una tale politica prevede, innanzitutto, che quelle unità produttive presenti sul territorio e che non sono in grado sul terreno finanziario, tecnico ed operativo di sviluppare la promozione delle vendite in forma autonoma, abbiano la possibilità di operare scelte collettive con forme di coordinamento spontanee o organizzate sulla quantità e qualità della produzione (comunque sottoposta ai limiti delle risorse naturali, di conoscenze disponibili nell area di produzione ed ai suoi vincoli infrastrutturali). Il vantaggio competitivo del territorio / prodotto / impresa chiaramente definiti, sarebbe determinato proprio dalla tipicità di origine dei prodotti e dalle specifiche caratteristiche del processo (conoscenze accumulate) e prodotto (materie prime utilizzate). Il complesso delle attività produttive e dei servizi presenti sul territorio possono acquisire, per quanto riguarda le tecniche e le politiche di vendita, i modelli di comportamento simili a quelli di una impresa (impresa a rete, distretto, sistema locale di produzione, ecc.). Lo sviluppo di una politica di promozione, di una singola impresa o consorzio, consiste inoltre nel dotare il territorio ed il prodotto da valorizzare di una loro chiara identità, riconoscibilità, reputazione e questo secondo aspetto è assimilabile, con le ovvie distinzioni, ad una efficace politica di marketing. Fra le specifiche azioni per determinare le condizioni adatte allo sviluppo di una politica di promozione di un prodotto tipico di una area rurale chiaramente identificata, possono essere richiamate quelle connesse: alla costituzione di strutture di servizio alle imprese; alla creazione di una massa critica di prodotto in grado di soddisfare una domanda crescente; alla realizzazione di adeguate politiche di comunicazione giacché solo riducendo l asimmetria informativa sulle caratteristiche qualitative del prodotto si può competere nelle nicchie di mercato con i prodotti sostitutivi di largo consumo; ed infine, alla organizzazione e gestione di un sistema logistico (stoccaggio, trasporto, distribuzione) che consenta di raggiungere anche mercati lontani. L esistenza di un forte sistema di imprese e di un prodotto adatto alla delocalizzazione consente attivare campagne pubblicitarie rivolte a quei targhet di consumatori più curiosi ed pronti ad accettare uno stile alimentare tradizionale e le produzioni di nicchia. Anche sul terreno delle politiche di promozione emergono numerosi casi empirici nella realtà produttiva agro alimentare del nostro Paese. La politica di promozione posta in essere per molti prodotti DOP e IGP, ad esempio, ha consentito una loro delocalizzazione di mercato; ma vi sono altri prodotti tipici della zona grigia le cui caratteristiche qualitative (deperibilità, aspetti organolettici, facilità d uso, consonanza con i nuovi stili alimentari dei consumatori, ecc.) fanno ritenere possibile, ed in alcuni casi necessario, l avvio di una politica di promozione delle vendite su mercati diversi da quello di origine per partecipare in piano al processo di sviluppo del nostro sistema agro alimentare senza rinunciare alle caratteristiche di tradizionalità e tipicità dei nostri prodotti. Se si prendono in considerazione le numerose proposte di prodotti tipici da valorizzare della zona grigia presentate dai GAL, emerge immediatamente la difficoltà, sia per la sua numerosità che per la specificità ed eterogeneità dei prodotti che vi sono racchiusi, di definire alcuni criteri in grado di individuare quelli che possono essere oggetto di politiche di delocalizzazione e quelli viceversa che troverebbero convenienza a sviluppare il proprio mercato locale. Si pone dunque il problema, per un qualunque sistema produttivo posto in una area rurale, di scegliere se seguire l uno o l altro percorso di valorizzazione delle proprie produzioni tipiche (o una combinazione dei due. Per poter operare una simile scelta é innanzitutto necessario distinguere i prodotti potenzialmente delocalizzabili da quelli che possono essere, invece, solo destinati al mercato locale. Gli elementi da prendere in considerazione per esprimere valutazioni su quale sia il percorso migliore (o la combinazione dei percorsi proposti) per la valorizzazione del prodotto possono essere considerati almeno quelli proposti nel riquadro che segue. 7

9 Elementi di cui tener conto per la definizione di una percorso di valorizzazione dei prodotti tipici delle aree rurali. a) Caratteristiche organolettiche che consentono una chiara individuazione del prodotto; b) Requisiti sanitari e di processo minimi per la commercializzazione; c) Possibilità di una chiara identificazione dell area di produzione da parte del consumatore; d) Una base di massa critica di prodotto adeguata alla delocalizzazione progettata; e) Presenza turistica (o prospettive di sviluppo delle presenze turistiche) nell area di produzione; f) Diffusione di conoscenze omogenee fra i produttori di quel prodotto; g) Vocazione produttiva agricola per la materia prima di base; h) Efficaci sistemi spontanei o organizzati (ad esempio associazione dei produttori) di diffusione delle informazioni produttive e di mercato; i) Diffusa consapevolezza delle caratteristiche qualitative del prodotto e della possibilità di una sua valorizzazione commerciale; l) Infrastrutture logistiche per la commercializzazione; m) Propensione del prodotto ad entrare negli stili alimentari e abitudini di consumo; n) Possibilità di commercializzazione attraverso la distribuzione organizzata. Alcuni esempi di applicazione dei politiche per la fidelizzazione sul mercato locale e di valorizzazione su mercati delocalizzati possono essere descritte, a titolo esemplificativo, nei due percorsi di azione contenuti nel diagramma che segue. Concetti, metodi e strumenti per la valorizzazione di mercato dei prodotti agroalimentari tipici delle aree rurali: alcune considerazioni introduttive Considerando le prospettive e le sorti del sistema agroalimentare del nostro Paese, sembrano manifestarsi i sintomi dell apertura di una nuova fase caratterizzata dall inserimento dell Italia in una profonda ridefinizione della divisione internazionale del lavoro anche in campo agroalimentare. Questa ridefinizione segue sostanzialmente il ciclo del prodotto trasferendo le produzioni a basso valore aggiunto e di modesto contenuto tecnologico e di Know How organizzativo e culturale dai paesi industrializzati verso i paesi emergenti (paesi Peco, del bacino mediterraneo e del sud - est asiatico per fare alcuni esempi) che godono di vantaggi comparati sul terreno della disponibilità di risorse umane, di terra e che beneficiano di sistemi di relazioni sociali tipici delle giovani democrazie (si pensi al ruolo delle organizzazioni sindacali). Nei ricchi paesi europei, emerge e si afferma un percorso di sviluppo del sistema agroalimentare destinato ad affrontare nuove frontiere dell organizzazione della produzione e del lavoro, basate sugli aspetti qualitativi del prodotto, su ferree regole sanitarie e di certificazione e su forme di innovazione di processo e di prodotto capaci sia di rispettare che di valorizzare le tradizioni produttive. Questo processo di ulteriore differenziazione delle produzioni basato sulle caratteristiche di naturalità e tradizione, assume specie in tempi recenti sempre maggiore diffusione. In questi stessi paesi si assiste, sul fronte della domanda, ad una lenta ma progressiva modificazione del sistema di preferenze dei consumatori sempre più interessati al carattere di tradizionalità e tipicità degli alimenti. Le recenti tendenze evolutive del sistema agroalimentare nazionale ed il dibattito attualmente in corso sui temi e i problemi connessi ai processi di globalizzazione e alle modalità di riorganizzazione dei sistemi produttivi su base locale, ci forniscono alcuni spunti di riflessione per interpretare le trasformazioni in atto e tracciare alcune linee guida sui possibili percorsi di sviluppo dei prodotti tipici, specie in aree territorialmente definite come quelle interessate dai progetti LEADER. Una prima riflessione sulle trasformazioni cui stiamo assistendo può essere generata da una attenta, seppur parziale, osservazione dei segnali che l evoluzione dell offerta e della domanda di prodotti agrolimentari ci invia quasi quotidianamente. 8

10 Le principali trasformazioni della domanda a)ad una maggiore richiesta di salubrità e naturalità da parte di consumatori attenti ed evoluti che richiedono crescenti livelli di garanzie sanitarie e di certificazione; b)ad una crescente disponibilità all acquisto di prodotti time seaving ad alto contenuto di servizi incorporati nello spazio e nel tempo; c)ad una ricerca dei valori simbolici ed edonistici contenuti nell alimentazione che perde i suoi connotati semplicemente nutritivi per acquistare valenza sociale e culturale. Le principali trasformazioni della offerta a) ad una aumento della gamma di servizi offerti dal sistema agroalimentare (produzione, trasformazione, distribuzione) in termini di reperibilità, conservabilità, facilità d uso e sicurezza alimentare aggiunti al prodotto; b) ad una continua ricerca di miglioramento dell efficienza aziendale sul terreno dell organizzazione della produzione e della logistica nonché del sistema commerciale caratterizzato da una particolare attenzione al consumatore e alle sue esigenze; c) al riposizionamento competitivo di alcune produzioni (in particolare nei comparti dei prodotti tipici) non solo grazie ai risultati del miglioramento della efficienza aziendale, non sempre ottenuti sul terreno della organizzazione della produzione all interno dell impresa quanto nel territorio e, soprattutto, nei rapporti con il mercato (differenziazione, identificazione e fidelizzazione del consumatore al prodotto). La Politica Agraria Comune, specie negli anni 90, sembra accompagnare, anche se con molte incertezze e ritardi, come dimostrano i risultati scarsamente innovativi dell accordo di Berlino, il processo di riposizionamento competitivo dell Europa (e quindi dell Italia) nella divisione internazionale del lavoro dettando, ad esempio, nuove regole di certificazione, normalizzando gli standard dei prodotti, accentuando i controlli sulle garanzie sanitarie di base per la commercializzazione, identificando produzioni con caratteristiche di origine, processo e prodotto particolari (Reg / 92 che istituiscono il regime dei DOP, IGP e delle specialità alimentari). Qualche osservatore interpreta alcuni degli aspetti innovativi della Politica Agricola Comune (ed esempio la Certificazione di Qualità ed i Regg e 2082 /92) come possibili dispositivi in grado di instaurare nuove forme di protezionismo per rispondere ad un processo di globalizzazione che appare, allo stato dei fatti, inarrestabile e non certo favorevole - almeno nel breve periodo - alle potenzialità competitive dell Unione Europea in campo agro alimentare. E opinione diffusa, invece, che tale competitività, riferita in particolare alle prospettive del sistema agroalimentare italiano, sia almeno in parte riconducibile allo sviluppo dei comparti dei prodotti tipici. A questo proposito valgono alcune considerazioni generali con riferimento agli scenari appena evocati: a) Le politiche di promozione e valorizzazione possono costituire uno strumento che, affiancato a quelli attualmente utilizzati dai governi sul fronte dei prezzi e del controllo della quantità prodotta, può efficacemente governare la transizione verso "una nuova agricoltura". Tali azioni di politica agroalimentare da attuare sul piano interno (nazionale e comunitario) appaiono piuttosto un percorso obbligato tracciato chiaramente dalle "misure ammesse" dalla Scatola Verde dall'accordo GATT e quindi non soggette a restrizioni. Appare evidente inoltre che, in un futuro non lontano, le azioni dei governi si concentreranno proprio su queste "misure ammesse" ed un ulteriore ritardo dell'italia nella loro piena adozione potrebbe aumentare il divario di competitività del nostro sistema agroalimentare con quelli degli altri paesi nostri concorrenti. b) Secondo l approccio tradizionale, infine, l accentuata competizione nel campo dei prodotti per i quali soffriamo i "vantaggi comparati" dei paesi dotati di grandi risorse naturali e di basso costo del lavoro (ad esempio nella produzione di cereali, semi oleosi, carne, latte, ecc.) può essere in parte compensata dall adozione di politiche che sappiano esaltare gli elementi di forza di mercato nei settori in cui, invece, godiamo di vantaggi competitivi, come ad esempio nel comparto dei prodotti tipici. 9

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico relativo alle certificazioni di prodotto agroalimentare di cui al Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità del prodotto agroalimentare

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare Job Area: I master di Alta Specializzazione Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare IL MASTER TI PREPARA A RIVESTIRE IL RUOLO DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE,

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Qualità e certificazioni

Qualità e certificazioni 13 Qualità e certificazioni 13.1 La certificazione di qualità La qualità è intesa come l insieme delle caratteristiche di un entità materiale (prodotto) o immateriale (servizio) che le conferiscono la

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

qualità e certificazione

qualità e certificazione Globalizzazione, standard di qualità e certificazione Maria Angela Perito INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria Campobasso, 19 maggio 2008 Complessità del problema Cambiamenti delle esigenze del

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005)

Qualità è il grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000:2005) La Qualità secondo ISO Qualità è l insieme delle proprietà e delle caratteristiche di un prodotto o di un servizio che conferiscono ad esso la capacità di soddisfare esigenze espresse o implicite (UNI

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Il Gal Città di Castel del Monte ha avuto l incarico di individuare dei casi studio per imprese del settore agroalimentare in relazione ai

Dettagli

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Tesi congressuale 2 SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Ufficio di Coordinamento - Consigliere Nazionale Coordinatore: Dott. Agr. Cosimo Damiano CORETTI - Presidente

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Documenti dello Schema Rev. 02 Committente: FIPE CONFCOMMERCIO Piazza G. C. Belli, 2 00153 ROMA Tel. 06/588.10.12 Fax 06/581.86.82

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione www.puntolegno.it La soluzione ideale per chi vuole affrontare il mercato con la forza di un grande internazionale, senza perdere la propria identità

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PREMESSA La certificazione volontaria di prodotto nasce dalla necessità da parte delle Organizzazioni che operano nel settore agroalimentare (Aziende produttrici, vitivinicole,ecc.)

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della produzione

3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della produzione 3.3.1.3.0 - Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della I Tecnici addetti all'organizzazione e al controllo gestionale della monitorano e verificano la congruità con gli obiettivi

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole www.certificazione.info autore: Dr. Matteo Rapparini La certificazione di qualità nelle scuole La certificazione di qualità ISO 9001:2000 ha avuto recentemente

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali 1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali OBIETTIVI SPECIFICI COMPRENDERE L INCERTEZZA INTRINSECA NELLA DEFINIZIONE DEI

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

TECNOLOGA e TECNOLOGO ALIMENTARE

TECNOLOGA e TECNOLOGO ALIMENTARE Aggiornato il 9 luglio 2009 TECNOLOGA e TECNOLOGO ALIMENTARE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli