3 O SEi. Z014 COORDINAMENTO NAZIONALE MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ... Al MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Andrea ORLANDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3 O SEi. Z014 COORDINAMENTO NAZIONALE MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ... giustizia@uglintesa.it. Al MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Andrea ORLANDO"

Transcript

1 Prot n 135_2014 del 30 settembre 2014 MINISTERO GIUSTIZIA ARRIVO 3 O SEi. Z014 Ufficio Corrispondenza... ' Al MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Andrea ORLANDO Al Capo di Gabinetto Giovanni MELILLO Oggetto: Osservazioni sullo schema del DPCM di riorganizzazione e riduzione complessiva degli uffici dirigenziali e delle dotazioni organiche del Ministero della Giustizia Siamo di fronte all'ennesima proposta di riorganizzazione e decentramento, facendo l'analisi delle varie ipotesi che si sono succedute se ne ricava la chiara impressione di confusione e mancanza di chiarezza sugli obiettivi che si vogliono perseguire oltre all'evidente contenimento dei costi che, inevitabilmente sono destinati a lievitare a fronte di scelte errate come la storia, recente o meno, insegna. \ Il decentramento ha visto proporre dodici sedi, passate poi a cinque, quindi a tre, poi ancora a due e infine, all'apice della indeterminazione, si arriva a proporre tre o quattro sedi senza che si riesca ad intravedere un punto fermo. Anche la soppressione e l'accorpamento delle varie Direzioni sembra improntata più che altro alla esigenza di dimostrare che qualcosa si è fatto piuttosto che rispondere ad una chiara visione per la riorganizzazione del Ministero. Così non può andare... Negli ultimi venti anni le riforme hanno visto la creazione delle Procure presso le Procure, per poi giungere alla soppressione delle stesse insieme alle Preture con accorpamento neg li uffici di grado superiore. Quando ci si è accorti che le Preture rappresentavano il miglior esempio di efficienza e di prossimità al cittadino si è deciso di puntare sui Giudici di Pace con competenze abbastanza limitate. L'esigenza di sgravare i Tribunali dal carico di lavoro ha portato il legislatore ad aumentare la competenza dei GDP fino a lasciare pensare ad un ritorno alle Preture con l'aggravante, però, che i GDP non hanno Giud ici dell'esperienza dei Magistrati di ruolo e sono divenuti uffici dove è facile trovare caos e inefficienza, al contrario delle vecchie Preture; si è riusciti, ad anni di distanza, nel mirabile obiettivo di tornare quasi al punto di partenza in una situazione sostanzialmente peggiore. Analoga vicenda si sta vivendo con la recente riforma della geografia giudiziaria, con soppressioni e accorpamenti limitati che non sono serviti a ridisegnare l'organizzazione ma solo a creare situazioni caotiche negli uffici accorpanti e disagi per i lavoratori senza conseguire alcun risparmio di spesa e allontanando la Giustizia dal territorio. La situazione dei GDP, proprio di questi giorni, ha del paradossale, a pochi giorni dal passaggio di molte sedi alla competenza dei Comuni ancora non si conosce l'elenco completo del GDP che sopravvivranno e le

2 modalità con cui i Comuni potranno gestirli, si sta assistendo ad una situazione che avrebbe dei risvolti anche comici se la protagonista non fosse la Giustizia. Il paradosso è che, mentre ancora si naviga a vista nell ambito di questa riforma, si comincia a parlare degli sportelli di prossimità che rischiano di rappresentare il rientro dalla finestra della frammentazione degli uffici che si voleva eliminare. Ancora è forte la percezione di confusione sugli obiettivi. Su tutto aleggia la previsione normativa di dover realizzare il tutto a costo zero, obiettivo assolutamente utopistico, non percorribile, che costringerà l Amministrazione a violare la norma oppure a non poter garantire il servizio promesso. Tutto quanto affermato è dimostrabile con elementi oggettivi incontrovertibili. Venendo alla proposta, c è da chiedersi se un decentramento basato su tre direzioni sia da ritenersi veramente tale oppure si tratti di una diversa forma di accentramento. Il decentramento, per essere effettivo ed esercitare l efficacia deve realizzare una prossimità territoriale reale, capace di esercitare l azione su una conoscenza concreta del territorio e su una diretta e continua relazione con gli Uffici e gli utenti. Con tre direzioni, ma anche con quattro, si ottiene il risultato di moltiplicare la spesa per strutture, al di là dei sogni di realizzazione a costo zero (le strutture costano), senza che ciò si traduca in un efficace miglioramento del servizio. Ricordiamo che nelle varie proposte di attuazione delle direzioni interregionali/regionali del dlgs 240/06 si erano ipotizzate 12 o 13 strutture del genere; in tale organizzazione poteva avere senso il rapporto diretto tra queste direzioni con i singoli uffici, ma venendo meno tale ipotesi, per i problemi di revisione/risparmio della spesa e riduzione dei posti dirigenziali, con 3 o 4 direzioni interregionali, si ritiene che non si possa prescindere dal ruolo di intermediari degli uffici di vertice distrettuale (Corti e Procure Generali), che vanno rafforzati con personale ad hoc per accentrare taluni servizi di carattere distrettuale. Non è chiaro a pag. 8 il passaggio relativo alla interlocuzione diretta tra le direzioni regionali con i singoli uffici. Significa che verrà eluso il ruolo intermedio degli uffici di vertice distrettuale (Corte d Appello e Procura Generale)? Questo rimanda alla prevista ricognizione delle attività e delle procedure attualmente svolte per la ridefinizione degli ambiti di competenza tra centro e periferia (pag.9). Ad esempio attualmente le modalità per il pagamento dei consumi intermedi (cancelleria, spese di ufficio, benzina, autovetture, arredi, sistemi di sicurezza, acqua, luce, gas ecc.) prevedono lo stanziamento da parte del Ministero ai Presidenti delle Corti d Appello e Procuratori Generali che a loro volta li ridistribuiscono ai vari uffici. Nel nuovo assetto questo ruolo lo avranno le direzioni regionali? Le Corti d Appello e Procure saranno come tutti gli altri uffici? Non c è chiarezza sulla prevista unificazione delle strutture delle formazione dei tre Dipartimenti, non c è alcun riferimento a quella del Dog, anche qui c è un rimando ad un successivo DM, eventualmente su questo presenteremo le nostre osservazioni. Con riferimento al DOG, appare totalmente incomprensibile la compressione del ruolo della DGSIA a direzione di II fascia, proprio nel momento in cui l informatizzazione riveste un ruolo di primo piano e

3 costituisce elemento essenziale per il funzionamento degli Uffici Giudiziari. Siamo di fronte ad una sottovalutazione pericolosa del ruolo della Direzione probabilmente derivante dalla mancanza di consapevolezza delle esigenze organizzative dell Amministrazione che ha bisogno di una struttura informatica potenziata ed efficace. L allargamento delle competenze di Beni e Servizi con la dicitura tecnologie, palesando l intento di inserire l informatica nel calderone di turno, è oggettivamente risibile, la gestione dei sistemi informativi necessita di una flessibilità, dinamicità, rapidità che non può essere realizzata nell ambito di una struttura pachidermica non specializzata. La sopravvivenza di una DGSIA come semplice ufficio di II livello non può garantire l efficacia di azione necessaria e rischia di portare in tempi brevi a situazioni oggettivamente disastrose su sistemi che, si deve ricordare, costituiscono oramai un mezzo insostituibile per l erogazione del servizio Giustizia e su molte procedure sono oramai obbligatori per l accesso al servizio. Non va neanche dimenticato che l utenza, avvocati e cittadini, fruiscono di informazioni costanti e puntuali sui registri del civile che non possono essere messe in discussione all improvviso da scelte scellerate. E bene ricordare che la presenza di una Direzione dei Servizi Informativi autonoma è prevista dall art. 17 del Codice dell Amministrazione Digitale, tutte le Amministrazioni ne sono dotate, un accorpamento come quello prospettato non è condivisibile e presenta aspetti di dubbia legittimità. La redistribuzione dei CISIA prevista non è dettagliata e non risolve il tema di fondo che è quello di fornire un servizio di prossimità agli Uffici Giudiziari quando, invece, sono numerosi i circondari scoperti da personale tecnico interno che soffrono della mancanza di supporto efficace. La previsione di una doppia dipendenza per i CISIA stessi appare molto critica, priva di un fondamento logico e foriera di inefficienze facilmente prevedibili. Una dei fondamenti della teoria dell organizzazione è la certezza della linea gerarchica e la necessità di rispondere ad interlocutori diversi, per quanto si possa delimitare gli ambiti, costituisce un vulnus grave. Manca anche la consapevolezza che l ambito informatico è assolutamente specialistico, fatto di numerose aree che necessitano di professionalità diverse ed adeguatamente formate e in possesso di specifici know how che non possono essere banalizzati pretendendo una interdisciplinarietà che in ambito specialistico è totalmente assurda. Pretendere che un sistemista si sostituisca in tempo reale ad un esperto di reti è come pretendere di sostituire un cardiologo con un ortopedico per un intervento a cuore aperto, si tratta di una previsione che lascia trasparire una assoluta sottovalutazione del problema o una scarsa conoscenza del perimetro entro il quale si opera. Preoccupazione viva suscita la considerazione che la riorganizzazione prevista comporterà nel tempo l inevitabile esigenza di ricorrere ad una consistente esternalizzazione dei servizi informatici, ancora più della scellerata situazione odierna, non si comprende se tale soluzione sia una scelta consapevole oppure sia l effetto di una mancata valutazione delle conseguenze delle scelte che si vogliono operare, sicuramente una esternalizzazione totale è esecrabile perché produrrà inevitabilmente la perdita di controllo sui sistemi dell Amministrazione, con rischio di decremento degli standard di sicurezza, con dispersione del know how delle professionalità interne, indispensabile per esercitare almeno il controllo puntuale sugli standard e sui servizi erogati. Le società esterne perseguono legittimamente il margine aziendale, il che significa che la

4 qualità del servizio e gli standard saranno legati alla capacità contrattuale e di controllo sull erogazione dei servizi che, se ben realizzata, rischia di essere addirittura più onerosa dell erogazione dei servizi stessi. Non può neanche sfuggire che le professionalità elevate hanno costi di mercato notevoli, il che, nel caso malaugurato di esternalizzazione totale, produrrebbe contemporaneamente o in alternativa, a seconda dei casi : - Esplosione dei costi (dei quali qualcuno dovrà essere chiamato a rispondere, magari davanti alla Corte dei Conti, la documentazione sui costi attuali è nota e potrà costituire facile termine di paragone) - Depauperamento consistente della qualità del servizio, già attualmente al di sotto dei livelli minimi necessari, con l intervento costante e indispensabile dei tecnici interni che hanno tenuto in piedi i sistemi Al riguardo non può essere taciuto che i successi conseguiti negli ultimi anni, per i quali il livello politico non ha lesinato celebrazioni a fini di propaganda, sono stati conseguiti con il coordinamento e l opera diretta delle risorse tecniche interne senza le quali il Ministero sarebbe ancora all utilizzo quasi totale della carta. Prendere consapevolezza di tale realtà dimostrabile e incontrovertibile., può aiutare ad operare scelte meglio ponderate per l organizzazione della struttura informatica ministeriale. In linea più generale, ribadito che la distribuzione su tre direzioni nazionali è solo una diversa forma di accentramento, appare oggettivamente inadeguata anche la previsione distribuzione territoriale prevista nel caso di quattro direzioni, lo squilibrio della dimensione territoriale e del bacino di utenza appare evidente anche ad una valutazione approssimativa; la cosa è incomprensibile anche se si fa riferimento ai collegamenti dei mezzi di trasporto, non può essere questo l unico metro di valutazione come non è possibile realizzare una riforma del genere sulla base di mere considerazioni politiche. Per quel che riguarda la DGSIA, i CISIA e l informatizzazione della Giustizia va costituito un tavolo ad hoc che analizzi in maniera seria ed approfondita le ipotesi di riorganizzazione superando l approssimazione del documento proposto. A tale tavolo devono partecipare soggetti in possesso delle conoscenze specifiche sulla gestione dei sistemi informativi di grandi organizzazioni; pensare che tali decisioni possano essere assunte nell ambito del Ministero o di consulenze che non hanno l esperienza e la nozione puntuale delle esigenze informatiche di un sistema complesso come quello della Giustizia, che non abbiano acquisito la conoscenza diretta e granulare dei sistemi da gestire, costituisce una pericolosa sottovalutazione, grave e inconcepibile, che non potrà che portare al perpetuarsi dei danni e delle incongruenze verificatesi con le riforme citate in premessa. Infine, grave preoccupazione suscita la risposta del Ministro all interrogazione parlamentare dell Onorevole Dorina Bianchi pubblicata sul sito della Giustizia. Da tale documento si evince che sono previsti ulteriori tagli ai già drammaticamente esigui fondi per la spesa informatica, in barba alla decantata intenzione del Governo di puntare sull innovazione. E probabile che tali tagli comportino l insufficienza di bilancio per sostenere anche i soli costi fissi, i dipendenti dei CISIA lamentano da tempo l assoluta insufficienza di fondi per sostenere le spese correnti incomprimibili (linee dati, turnover apparecchiature, manutenzioni, licenze SW ed altro ancora), tale scelta miope viene poi regolarmente scaricata sulle spalle del personale tecnico

5 interno che deve rispondere agli Uffici dell incapacità di realizzare miracoli con risorse scelleratamente inadeguate. E necessario che il livello politico assuma la responsabilità di fronte a cittadini ed Uffici Giudiziari delle scelte operate, dichiarando apertamente di non essere in grado di sostenere l innovazione troppo spesso sbandierata a fini propagandistici. Per ciò che concerne la Giustizia Minorile fermo restando quanto evidenziato nella nostra nota Prot. N. 107 del 5/06/2014, che ad ogni buon conto si allega in copia, relativamente alla specificità riconosciuta alla Giustizia Minorile dalla Corte Europea e dalla Costituzione italiana, oltreché dalle normative internazionali che indicano di separare le problematiche penali e le azioni di intervento che riguardano i minori da quelle degli adulti, si ritiene opportuno evidenziare quanto segue: A nostro parere la specificità del Dipartimento Giustizia Minorile, creato per azioni a tutela e sostegno degli adolescenti e della gioventù, viene snaturata dall inserimento delle funzioni relative all Esecuzione Penale Esterna. Risulterebbe, infatti, difficile coniugare le differenti specificità dell Ufficio Servizio Sociale Minorenni, incentrato anche sulla prevenzione e sugli interventi pedagogici di cui il minore necessita, con quelle di controllo poste in essere dall UEPE; Si rischierebbe una marginalizzazione dell ambito educativo-ripativo a favore dei minorenni; Esiste il forte timore che l istituendo Dipartimento della giustizia minorile e dell esecuzione penale esterna, pur nella sua sotto organizzazione in direzioni distinte, possa non riuscire a garantire l alto livello di risposte a favore dei minorenni in quanto gli adulti, portatori di esigenze più complesse ed impellenti, necessitano di risposte immediate e cospicue anche in termini economici. Non si comprende, inoltre, come, a livello periferico, le due Dirigenze (CGM ed UEPE) dovrebbero integrarsi e, soprattutto, con quali competenze e modalità operative sul territorio. Riteniamo che lo snellimento conseguente alla ridefinizione del Dipartimento Giustizia minorile ed esecuzione penale esterna possa essere positivo se si garantiscono le specificità del trattamento minorile, che si esplica in minima parte in esecuzione penale esterna. Inoltre impensierisce la modalità concreta di diminuzione delle piante organiche Si resta a disposizione per ogni ulteriore confronto ed approfondimento. Il Coordinatore Nazionale Claudia Ratti Allegati: n. 1 art. 17 CAD n. 2 Risp. interrogazione on. Dorina Bianchi n. 3 Prot. 107_2014 del 5 giugno 2014

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Consiglio Regionale del Piemonte Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Il documento è frutto

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2595 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori PEDRIZZI, BATTAGLIA, VALENTINO, BUCCIERO e CARUSO Antonino COMUNICATO ALLA

Dettagli

COORDINAMENTO NAZIONALE MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

COORDINAMENTO NAZIONALE MINISTERO DELLA GIUSTIZIA COORDINMNTO NAZIONALE MINISERO DELLA GIUSiTZIA Prot. 23-2014 del 12 febbraio 2014 - Al Sig. Ministro della Giustizia In riferimento allo Schema di dpcm Giustizia" si osserva quanto segue. di organizzazione

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Incontro con gli Uffici giudiziari della Regione Sicilia per la presentazione del Progetto Diffusione

Dettagli

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Il Segretario Generale Roma, 30 giugno 2015 Prot. 1554 /D/30.06.2015 Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Al Vice Ministro On. Avv. Enrico Costa Al SottoSegretario alla Giustizia dr. Cosimo Maria

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 10 novembre 2014 Individuazione delle sedi degli uffici del giudice di pace mantenuti ai sensi dell'articolo 3 del decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 156. (14A09312)

Dettagli

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE Protocollo n. 2346 del 22/03/2012 COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI Data Delibera: 20/03/2012 N Delibera: 5 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: DISTRIBUZIONE

Dettagli

1 http://linkcoordinamentouniversitario.it/link-area-medica/ Introduzione. Antefatto: il Patto per la Salute 2014-2016, finanziamenti e turnover

1 http://linkcoordinamentouniversitario.it/link-area-medica/ Introduzione. Antefatto: il Patto per la Salute 2014-2016, finanziamenti e turnover PATTO DELLA SALUTE SCHEDA TECNICA Introduzione Negli ultimi anni abbiamo assistito a numerosi cambiamenti che hanno riguardato l organizzazione ed il finanziamento del nostro sistema sanitario. Vogliamo

Dettagli

Federazione Confsal-Unsa

Federazione Confsal-Unsa Sommario: Federazione Confsal-Unsa Coordinamento Nazionale Giustizia V i a d e l l a T r i n i t à d e i P e l l e g r i n i, 1 0 0 1 8 6 R o m a L editoriale. (di M. Battaglia) (di Red.) 1. Il datore

Dettagli

Coordinamento Nazionale FLP Giustizia. La FLP incontra Il Direttore Generale. del S.I.A. Daniela Intravaia

Coordinamento Nazionale FLP Giustizia. La FLP incontra Il Direttore Generale. del S.I.A. Daniela Intravaia Coordinamento Nazionale FLP Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della Giustizia Via Arenula, 70 00186 ROMA tel. 06/64760274

Dettagli

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere

CAMERA MINORILE DI LECCE. In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere CAMERA MINORILE DI LECCE In merito alle aree tematiche individuate nel Direttivo dell Unione Nazionale Camere Minorili del 29 gennaio 2005, ed in vista del congresso dell Unione che si terrà a Gallipoli

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXIV - Numero 18 Roma, 30 settembre 2013 Pubblicato il 30 settembre 2013 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI Prot. n. 405 Latina, 27 febbraio 2014 Ill.mo Dott. Giuseppe D Auria Presidente f.f. Tribunale di Latina E p.c. Gent.ma Dott.ssa Franca Battaglia Dirigente Amministrativo del Tribunale di Latina Oggetto:

Dettagli

Qualche dato sulla magistratura onoraria

Qualche dato sulla magistratura onoraria Lo stato dell arte Da un punto di vista definitorio i giudici onorari sono soggetti abilitati alla giurisdizione non appartenenti all ordine dei giudici professionali. La loro esistenza nel nostro ordinamento

Dettagli

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA Proposte di Riforme in materia di famiglia Commissione Famiglia OUA 2012/2014 Sono 10 i punti critici segnalati dalla Commissione Famiglia dell Oua per affrontare le urgenti tematiche del quadro normativa

Dettagli

Tribunale Ordinario di Cagliari

Tribunale Ordinario di Cagliari Indice 1. Introduzione 2. L analisi della situazione 3. La fase di progettazione della riorganizzazione del settore Penale 4. I primi risultati della progettazione 5. Altri interventi di riorganizzazione

Dettagli

COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITÀ LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG)

COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITÀ LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG) COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITÀ LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG) UFFICI GIUDIZIARI ROMANI Corte d Appello di Roma Questionario anonimo

Dettagli

Deliberazione n. 111/2013/PAR

Deliberazione n. 111/2013/PAR Deliberazione n. 111/2013/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L UMBRIA composta dai magistrati Dott. Salvatore SFRECOLA Presidente Dott. Fulvio Maria LONGAVITA

Dettagli

BARCA ELENA 01/12/1958 II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - TRIBUNALE DI BOLOGNA. 051332393 elena.barca@giustizia.it

BARCA ELENA 01/12/1958 II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - TRIBUNALE DI BOLOGNA. 051332393 elena.barca@giustizia.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale BARCA ELENA 01/12/1958 II Fascia Dirigente -

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE. La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati

CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE. La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Gaetano CATALANI consigliere

Dettagli

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori Alvise Moro, avvocato giuslavorista Il testo - approvato dal Senato in prima lettura il 31 maggio 2012 - è dal 7 giugno

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Arru Franca Data di nascita 25/12/1956. Dirigente - Procura Generale della Repubblica Cagliari

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Arru Franca Data di nascita 25/12/1956. Dirigente - Procura Generale della Repubblica Cagliari INFORMAZIONI PERSONALI Nome Arru Franca Data di nascita 25/12/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - Procura Generale

Dettagli

La Statistica per gli Uffici Giudiziari Il Progetto DataWarehouse

La Statistica per gli Uffici Giudiziari Il Progetto DataWarehouse La Statistica per gli Uffici Giudiziari Il Progetto DataWarehouse Aspetti critici Forte frammentazione delle strutture sul territorio Tempi medi di giacenza dei procedimenti (civili e penali) superiori

Dettagli

CONGRESSO STRAORDINARIO FORENSE Milano 23-24 marzo 2012

CONGRESSO STRAORDINARIO FORENSE Milano 23-24 marzo 2012 CONGRESSO STRAORDINARIO FORENSE Milano 23-24 marzo 2012 La riforma del processo civile deve puntare allo snellimento ed alla velocizzazione dei giudizi, senza comprimere il diritto di difesa dei cittadini.

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

CONTRATTI A TERMINE O IN SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO NELLE C.D. START UP INNOVATIVE.

CONTRATTI A TERMINE O IN SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO NELLE C.D. START UP INNOVATIVE. CONTRATTI A TERMINE O IN SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO NELLE C.D. START UP INNOVATIVE. Nel quadro d insieme della legge n. 221/2012 (riformato, sotto alcuni aspetti, dal D.L. n. 76/2013, convertito

Dettagli

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno

Consiglio di Stato Sezione quarta - decisione 5 aprile-5 ottobre 2005, n. 5353 Presidente Venturini Relatore Saltelli Ricorrente Galeno La scuola di specializzazione vale un anno di pratica forense Scuole Bassanini, la frequenza vale un anno di pratica. Lo ha ribadito la quarta sezione del Consiglio di Stato con la decisione 5353/05 (depositata

Dettagli

Ministero della Giustizia. Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi

Ministero della Giustizia. Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Ministero della Giustizia Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Revisione delle circoscrizioni giudiziarie Uffici del Giudice di Pace Circolare di istruzioni per l attuazione

Dettagli

La formazione del personale nel sistema universitario

La formazione del personale nel sistema universitario La formazione del personale nel sistema universitario Premessa Il sistema universitario italiano è interessato, ormai da alcuni anni, da profondi cambiamenti che riguardano in particolare la tipologia

Dettagli

Gestione centralizzata dei CTU, Periti e Addetti alle Vendite

Gestione centralizzata dei CTU, Periti e Addetti alle Vendite Gestione centralizzata dei CTU, Periti e Addetti alle Vendite Seminario 17 Maggio 2012 ore 10.00-12.00 TRIBUNALE DI TORRE ANNUNZIATA Roma 16-19 Maggio 2012 Forum PA 1 Overview del progetto Diffusione di

Dettagli

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009

RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 www.excursus.org Direttore responsabile: Luigi Grisolia RUBRICA ATTUALITÀ n. 2 Settembre 2009 L irragionevole durata dei processi nel nostro Paese di Luigi Grisolia Un interessante documentario dell Anm

Dettagli

Agenzie di stampa sulle dichiarazioni del guardasigilli Andrea Orlando a conferenza stampa su PCT

Agenzie di stampa sulle dichiarazioni del guardasigilli Andrea Orlando a conferenza stampa su PCT venerdì 1 agosto 2014 Agenzie di stampa sulle dichiarazioni del guardasigilli Andrea Orlando a conferenza stampa su PCT Giustizia: Orlando, con processo telematico taglio drastico tempi = (AGI) - Roma,

Dettagli

Il Portale dei Servizi Telematici

Il Portale dei Servizi Telematici TRIBUNALE DI POTENZA Il Portale dei Servizi Telematici GUIDA INFORMATIVA AI SERVIZI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA 1 2 Perchè questa guida La presente Guida Informativa si rivolge all utenza degli Uffici Giudiziari

Dettagli

Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Caltanissetta

Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Caltanissetta Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Caltanissetta PROGRAMMA DELLE ATTIVITA ANNUALI 2012 (art. 4 DLGS 240/2006) 1. LE RISORSE 1.1 IL PERSONALE (situazione del personale al 31

Dettagli

1 6 FEB. 2015. e, p.c. . Dirigenti Amm. v/ presso gli Uffici di:

1 6 FEB. 2015. e, p.c. . Dirigenti Amm. v/ presso gli Uffici di: /tei /.. sta'/rt ni_dg^poc0z^13/02/2015.0003870. U 1 6 FEB. 2015. Dirigenti Amm. v/ presso gli Uffici di: Corte di Appello Procura Generale presso la Corte di Appello Tribunale dì Sorveglianza Tribunale

Dettagli

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di buone pratiche negli uffici giudiziari italiani Roma 16-19 Maggio 2012 Forum PA 1 Forum Pa 2012 Seminario 17 Maggio 2012 ore 13-15 Esperienze di riorganizzazione,

Dettagli

Prospettive della Giustizia Minorile francese

Prospettive della Giustizia Minorile francese Prospettive della Giustizia Minorile francese di Alain Bruel 1 Abbiamo pensato, il mio collega Hamon ed io, che il miglior modo di partecipare alla vostra riflessione sulla questione di un Tribunale unico

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale Consoli Michela 04/04/1960 II Fascia MINISTERO

Dettagli

OGGETTO RIASSETTO ORGANIZZATIVO E CONFERIMENTO INCARICHI

OGGETTO RIASSETTO ORGANIZZATIVO E CONFERIMENTO INCARICHI 1 OGGETTO RIASSETTO ORGANIZZATIVO E CONFERIMENTO INCARICHI QUESITI (posti in data 16 luglio 2014) Sono un dirigente medico che ha svolto servizio presso la struttura complessa direzione medica di presidio

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DELL ORDINE BIENNIO 2012-2014. per il prossimo biennio, forse il più difficile e incerto per tutta

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DELL ORDINE BIENNIO 2012-2014. per il prossimo biennio, forse il più difficile e incerto per tutta PROGRAMMA PER LE ELEZIONI DEL CONSIGLIO DELL ORDINE BIENNIO 2012-2014 Cari Colleghi, per il prossimo biennio, forse il più difficile e incerto per tutta l Avvocatura italiana visto l incessante attacco

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PASSANNANTI GENNARO Data di nascita 07/12/1957. Dirigente - CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PASSANNANTI GENNARO Data di nascita 07/12/1957. Dirigente - CORTE DI APPELLO DI SALERNO INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASSANNANTI GENNARO Data di nascita 07/12/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia Dirigente - CORTE DI APPELLO DI SALERNO 0895645158

Dettagli

INFORMATICA, INDIPENDENZA, TRASPARENZA

INFORMATICA, INDIPENDENZA, TRASPARENZA Articolo 3 INFORMATICA, INDIPENDENZA, TRASPARENZA GRUPPO ORGANIZZAZIONE E INFORMATICA per AREA Cari colleghi, è sotto gli occhi di tutti la situazione drammatica in cui versano le risorse a disposizione

Dettagli

La FLP scrive a tutti i Capi degli Uffici Giudiziari romani

La FLP scrive a tutti i Capi degli Uffici Giudiziari romani Coordinamento Nazionale FLP Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della Giustizia Via Arenula, 70 00186 ROMA tel. 06/64760274

Dettagli

Via G. Capponi 178 00179 Roma www.fishonlus.it

Via G. Capponi 178 00179 Roma www.fishonlus.it Via G. Capponi 178 00179 Roma www.fishonlus.it Proposte di emendamenti al decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria) avanzate dalla Federazione Italiana

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 13 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 13 luglio 2011, ha adottato la seguente delibera: Ricognizione degli applicativi informatici in uso presso gli uffici giudiziari e verifica delle ricadute della loro utilizzazione sulla produttività e sulla organizzazione degli uffici giudiziari - Ruolo

Dettagli

Salone della Giustizia

Salone della Giustizia Salone della Giustizia Progetto di Riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione delle risorse degli Uffici Giudiziari della Regione Puglia (Corte di Appello di Bari, Corte di Appello di Lecce,

Dettagli

COMUNICATO N. 08/14. Prot. n. 033/14 Roma, 4 febbraio 2014

COMUNICATO N. 08/14. Prot. n. 033/14 Roma, 4 febbraio 2014 FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348

Dettagli

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE NELLA RIFORMA

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE NELLA RIFORMA MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE NELLA RIFORMA Il sistema Giustizia sta vivendo da anni una profondissima crisi, soprattutto in relazione al tempo necessario per lo svolgimento del processo. Negli ultimi anni

Dettagli

010582234 vincenzo.grasso@giustizia.it

010582234 vincenzo.grasso@giustizia.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale GRASSO VINCENZO 18/12/1953 II Fascia MINISTERO

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali ATTI PARLAMENTARI Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali DOCUMENTI COMMISSIONE I MERCOLEDÌ 22 MARZO 2000 Presidenza del Presidente ROSA JERVOLINO RUSSO Interviene il Ministro

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pizzorni Laura Giovanna Data di nascita 16/07/1958. Numero telefonico dell ufficio

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pizzorni Laura Giovanna Data di nascita 16/07/1958. Numero telefonico dell ufficio INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pizzorni Laura Giovanna Data di nascita 16/07/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente -

Dettagli

Cloud Computing e Giustizia Digitale. Event Report

Cloud Computing e Giustizia Digitale. Event Report Cloud Computing e Giustizia Digitale Event Report Contents Sintesi dei Lavori (Executive Summary)... 3 Position Paper sul tema 3: Cloud Computing e Giustizia Digitale... 4 Argomenti proposti per Open Talk...

Dettagli

Giustizia civile italiana: riforme recenti e risultati raggiunti

Giustizia civile italiana: riforme recenti e risultati raggiunti Giustizia civile italiana: riforme recenti e risultati raggiunti Incontro con il Ministro della Giustizia Andrea Orlando New York, Giugno 2015 Contenuto della presentazione Il contesto di partenza e i

Dettagli

Forum PA Giustizia Digitale Gruppo Poste Italiane

Forum PA Giustizia Digitale Gruppo Poste Italiane Forum PA Giustizia Digitale Gruppo Poste Italiane L ecosistema di riferimento 2 Aree di attività Istituzioni Giustizia Penale Area Amministrativa Giustizia Civile Area Statistica Attori Giudici Magistrati

Dettagli

7ª COMMISSIONE PERMANENTE

7ª COMMISSIONE PERMANENTE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 7ª COMMISSIONE PERMANENTE (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) INTERROGAZIONI 63º Resoconto stenografico SEDUTA DI GIOVEDÌ

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

Tribunale di Brescia

Tribunale di Brescia Ufficio Relazioni con il Pubblico Palagiustizia di Brescia Una gestione associata per un primo contatto qualificato, l accoglienza e l accompagnamento dell utenza, una maggiore attenzione ai soggetti fragili

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4180 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori RUSSO SPENA, CÒ e CRIPPA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 LUGLIO 1999 Nuove

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli

Il caso della Classe di concorso A052

Il caso della Classe di concorso A052 Riceviamo e volentieri pubblichiamo Il caso della Classe di concorso A052 L APEF sostiene la specificità professionale dei docenti, contro una flessibilità selvaggia che danneggerà la qualità dell istruzione.

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

ROMA ROMA ROMA. e, p.c. ROMA. Oggetto: DM-DGMC Decreto del Ministro della Giustizia recante disposizioni concernenti

ROMA ROMA ROMA. e, p.c. ROMA. Oggetto: DM-DGMC Decreto del Ministro della Giustizia recante disposizioni concernenti Prot. 122/11/2015/uil Roma, 11 novembre 2015 All Ufficio del Gabinetto dell On.le Ministro Dott. G. Melillo segreteria.capo.gabinetto@giustizia.it Al Vice Capo di Gabinetto Dott.ssa G. Tuccillo gemma.tuccillo@giustizia.it

Dettagli

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali Sezione 1 Note metodologiche e dati generali Note metodologiche Il questionario è stato rivolto a tutti i Presidenti di Tribunale ed ai Capi delle Corti d Appello che, nella compilazione, si sono potuti

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del personale e dei Servizi Direzione Generale del Personale e della Formazione Ufficio II Formazione

Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del personale e dei Servizi Direzione Generale del Personale e della Formazione Ufficio II Formazione Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del personale e dei Servizi Direzione Generale del Personale e della Formazione Ufficio II Formazione Piano di formazione del personale

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DEL SITO DEL TRIBUNALE DI VARESE

BOZZA DI PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DEL SITO DEL TRIBUNALE DI VARESE BOZZA DI PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DEL SITO DEL TRIBUNALE DI VARESE http://www.tribunale.varese.it/ E LA REINGEGNERIZZAZIONE DI PROCEDURE INFORMATICHE REALIZZATE IN SEDE DOMESTICA 1. PREMESSA. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI

REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI REGOLAMENTO PER IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO DEI CENTRI PER L ISTRUZIONE DEGLI ADULTI MATERIALI A fronte del grande obiettivo che nel comma 632 della L.296/06 è posto a fondamento di tutta l

Dettagli

ud unità democratica giudici di

ud unità democratica giudici di ud unità democratica giudici di pace.it INTERVENTO AL XIX CONGRESSO NAZIONALE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA di Diego Loveri In occasione del XIX Congresso Nazionale di Magistratura Democratica Unità Democratica

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

Come noto, la legge di riordino 148/2011, in particolare l art. 1 lettera a) e b), prevede che:

Come noto, la legge di riordino 148/2011, in particolare l art. 1 lettera a) e b), prevede che: Revisione della geografia giudiziaria: questioni critiche sui costi Articolo 16.05.2012 (Giuseppe Agozzino) 1. Premessa Come noto, la legge di riordino 148/2011, in particolare l art. 1 lettera a) e b),

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTO l articolo 87, comma quinto, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 4-bis, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO l'articolo 1 del decreto-legge 16 dicembre

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 18

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 18 XVII LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 18 2ª COMMISSIONE PERMANENTE (Giustizia) INTERROGAZIONI 202ª seduta: mercoledì 22 aprile 2015 Presidenza del presidente PALMA IN 0544 TIPOGRAFIA

Dettagli

- 2 - Ma le innovazioni più incisive si rinvengono nella previsione, introdotta con la lett. c-bis, della incompatibilità per:

- 2 - Ma le innovazioni più incisive si rinvengono nella previsione, introdotta con la lett. c-bis, della incompatibilità per: Circolare relativa alle incompatibilità, trasferimenti, decadenza, dispensa e sanzioni disciplinari dei giudici di pace. (Circolare n. P-1436 del 21 gennaio 2000 - Deliberazione del 19 gennaio 2000) 1.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola, ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto-legge

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Camera dei Deputati 273 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CCXI N. 1

Camera dei Deputati 273 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CCXI N. 1 273 Camera dei Deputati 273 Senato della Repubblica Nel 2013 sono stati rinnovati i contratti scaduti, attivando gli ordinativi di fornitura mediante le nuove Convenzioni Consip: - Gas Naturale: contratto

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI CARMELA BONARRIGO VIALE RIMEMBRANZE 74, VARAPODIO. Carmela.bonarrigo@giustizia.it

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI CARMELA BONARRIGO VIALE RIMEMBRANZE 74, VARAPODIO. Carmela.bonarrigo@giustizia.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CARMELA BONARRIGO VIALE RIMEMBRANZE 74, VARAPODIO Telefono Cell. 338 1553556 Fax E-mail Carmela.bonarrigo@giustizia.it Nazionalità

Dettagli

MIUR/AOODRVE/UFF.III/5490 /C21 Venezia, 17 aprile 2014

MIUR/AOODRVE/UFF.III/5490 /C21 Venezia, 17 aprile 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE R E P U B B L I C A I T A L I A N A N.294/2008 Reg. Dec. N. 6113 Reg. Ric. Anno 2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione In data 12.11.2007 con nota n. 4054 (vedi allegato) la segreteria nazionale ha rappresentato al capo del DAP l involuzione che l istituto di Milano Opera ha subito a conseguenza dell apertura del reparto

Dettagli

PAOLO DE VIVO CURRICULUM

PAOLO DE VIVO CURRICULUM CURRICULUM AGGIORNATO A FEBBRAIO 2015 PAOLO DE VIVO DATI PERSONALI Stato civile: Coniugato Data di nascita: 19/5/1962 Luogo di nascita: Salerno Residenza: Via Jacopo da Ponte 30-35100 Padova tel. abit.

Dettagli

Prot. n. 332/C1a Ancona, 8 gennaio 2013 IL DIRETTORE GENERALE

Prot. n. 332/C1a Ancona, 8 gennaio 2013 IL DIRETTORE GENERALE Registrato dalla Corte dei Conti il 28/02/2013, registro n. P.I., foglio n. 118 Prot. n. 332/C1a Ancona, 8 gennaio 2013 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, concernente

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa N. 21-C-2013 Ill.mi Signori Avvocati Roma, 7 ottobre 2013 PRESIDENTI DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI L O R O S E D I OGGETTO: trasmissione pareri Commissione consultiva in tema di effetti del D.

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA PROGETTO INNOVAGIUSTIZIA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA PROGETTO INNOVAGIUSTIZIA TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Analisi economica delle spese del Tribunale Novembre 2011 Sommario 1. L ANALISI ECONOMICA DEL TRIBUNALE... 2 1.1. INTRODUZIONE... 2 1.2. ASPETTI METODOLOGICI... 2 2. LE SPESE

Dettagli

Opuscolo esplicativo delle regole essenziali per raccogliere le firme per i comitati (aggiornato al 12/2/2002)

Opuscolo esplicativo delle regole essenziali per raccogliere le firme per i comitati (aggiornato al 12/2/2002) Opuscolo esplicativo delle regole essenziali per raccogliere le firme per i comitati (aggiornato al 12/2/2002) Cos è la vidimazione. E l operazione che viene effettuata dal cancelliere della Corte di Appello

Dettagli

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi

Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Adozione e diritto del bambino di mantenere i pregressi rapporti significativi Elisa Ceccarelli, già Presidente del Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Destano particolare allarme e doloroso

Dettagli

La scelta del premio nelle assicurazioni scolastiche

La scelta del premio nelle assicurazioni scolastiche La scelta del premio nelle assicurazioni scolastiche 1 Il rischio di contenzioso tra famiglie e Amministrazione Scolastica Se l infortunio dell alunno ha sempre rappresentato una variabile imprevedibile

Dettagli

L ESPERIENZA DEL PROGETTO STAGISTI ALL INTERNO DEL TRIBUNALE DI FIRENZE. 1. Il quadro territoriale in cui è maturata l attivazione del progetto stage.

L ESPERIENZA DEL PROGETTO STAGISTI ALL INTERNO DEL TRIBUNALE DI FIRENZE. 1. Il quadro territoriale in cui è maturata l attivazione del progetto stage. L ESPERIENZA DEL PROGETTO STAGISTI ALL INTERNO DEL TRIBUNALE DI FIRENZE 1. Il quadro territoriale in cui è maturata l attivazione del progetto stage. Da circa 2 anni con alcuni colleghi del Tribunale di

Dettagli

Seminario: La riforma del servizio idrico integrato a 10 anni dalla sua prima applicazione. Arezzo, 24 settembre 2009 - ATO 4 Alto Valdarno

Seminario: La riforma del servizio idrico integrato a 10 anni dalla sua prima applicazione. Arezzo, 24 settembre 2009 - ATO 4 Alto Valdarno Seminario: La riforma del servizio idrico integrato a 10 anni dalla sua prima applicazione Arezzo, 24 settembre 2009 - ATO 4 Alto Valdarno L attuazione della riforma del S.I.I. - Il punto di vista del

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DEI PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORGANICI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO TECNICO ED AUSILIARIO (ATA)DEL COMPARTO SCUOLA E LA CONSISTENZA DELLA

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA IN TORINO

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA IN TORINO PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA IN TORINO CONVEGNO ISTITUZIONI E TERRITORIO: BUONE PRATICHE PER LA GIUSTIZIA NEGLI UFFICI GIUDIZIARI DEL PIEMONTE. TORINO, 20 GIUGNO 2012 MUSEO REGIONALE DI SCIENZE NATURALI

Dettagli

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 1 Valutazione Uno dei principali intenti del D.Lgs. n. 150/2009 è stato

Dettagli