Monitoraggio delle minacce fisiche nel Data Center

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monitoraggio delle minacce fisiche nel Data Center"

Transcript

1 Monitoraggio delle minacce fisiche nel Data Center White Paper 102 Revisione 3 di Christian Cowan e Chris Gaskins > In sintesi Le metodologie tradizionali per il monitoraggio ambientale del Data Center non sono ormai più sufficienti. Con tecnologie quali i blade server, che accrescono le esigenze in termini di raffreddamento, e normative quali la Sarbanes-Oxley, che rendono più rigorosi i requisiti di sicurezza dei dati, l'ambiente fisico nel Data Center deve essere monitorato più attentamente. Sebbene esistano protocolli ormai consolidati per il monitoraggio di dispositivi fisici, quali sistemi UPS, condizionatori d'aria per sale computer e sistemi antincendio, rimane tuttavia una classe di punti di monitoraggio distribuiti che viene spesso ignorata. Il presente documento descrive tale classe di potenziali minacce, suggerisce approcci per l'implementazione di dispositivi di monitoraggio e indica le best practice per l'uso dei dati raccolti al fine di ridurre i tempi di inattività. Contenuti Cliccate su una sezione per accedervi Introduzione 2 Cosa sono le minacce fisiche distribuite? Disposizione dei sensori 5 Aggregazione dei dati provenienti dai sensori Intervento "intelligente" 8 Metodo di progettazione 12 Esempio di disposizione dei sensori Conclusioni 13 Risorse 14 I White Paper by Schneider Electric fanno parte del più ampio catalogo di white paper realizzati dal Data Center Science Center di Schneider Electric

2 Introduzione Le comuni tecniche attualmente utilizzate per il monitoraggio dell'ambiente del Data Center risalgono ai tempi dei mainframe centralizzati e includono operazioni quali recarsi nelle varie aree portando con sé dei termometri e affidarsi al personale IT per tastare il polso all'ambiente della sala. Tuttavia, con la continua evoluzione del Data Center grazie all'elaborazione distribuita e a tecnologie server che accrescono le esigenze in termini di raffreddamento e alimentazione, l'ambiente deve essere monitorato più attentamente. Link per visualizzare le risorse disponibili White Paper 43 Variazioni dinamiche dell'alimentazione nei Data Center e nelle sale di rete I due fattori principali che stanno "forzando" alcuni cambiamenti nella metodologia di monitoraggio degli ambienti IT sono rappresentati dall'aumento della densità di alimentazione e dalle variazioni dinamiche dell'alimentazione. I blade server hanno aumentato incredibilmente le densità di alimentazione e modificato drasticamente le dinamiche di alimentazione e raffreddamento degli ambienti circostanti. Le tecnologie di gestione dell'alimentazione hanno spinto le capacità dei server e delle apparecchiature di comunicazione a variare la potenza assorbita (e di conseguenza la dissipazione del calore) in base al carico di elaborazione. Questo aspetto è descritto in modo più dettagliato nel White Paper APC 43 Variazioni dinamiche dell'alimentazione nei Data Center e nelle sale di rete. Sebbene sia ormai prassi comune disporre di sofisticate funzionalità di monitoraggio e segnalazione in apparecchiature fisiche quali UPS, CRAC (condizionatori d'aria per sale computer) e sistemi antincendio, altri aspetti degli ambienti fisici vengono spesso ignorati. Il monitoraggio delle apparecchiature non è sufficiente: l'ambiente circostante deve essere osservato da un punto di vista olistico e salvaguardato in modo proattivo da minacce e intrusioni. Tali minacce includono temperature eccessive dell'aria di aspirazione dei server, perdite d'acqua, accesso non autorizzato al Data Center o interventi inappropriati effettuati dal personale del Data Center. Postazioni di rete remote quali filiali, armadi di rete e punti vendita (POS) locali evidenziano ulteriormente la necessità di un monitoraggio automatizzato, nei casi in cui la presenza fisica di persone addette al controllo di condizioni quali temperatura e umidità risulti poco pratica e non affidabile. Con l'introduzione di postazioni di rete automatizzate, gli amministratori IT devono disporre di sistemi affidabili che permettano loro di rimanere sempre aggiornati sulla situazione. Grazie alle più moderne tecnologie, i sistemi di monitoraggio possono essere configurati ad un livello di precisione tale da soddisfare le esigenze di sicurezza e ambientali specifiche del Data Center. Ciascun rack può essere considerato come un "Data Center" in miniatura con requisiti specifici e una strategia di monitoraggio che includa punti di raccolta dati multipli. Il presente documento descrive le minacce fisiche che possono essere attenuate da strategie di monitoraggio distribuite e presenta linee guida e best practice per l'implementazione di sensori nel Data Center. Descrive inoltre l'uso di strumenti di progettazione nel Data Center volti a semplificare il processo di specificazione e progettazione dei suddetti sistemi di monitoraggio distribuiti. Cosa sono le minacce fisiche distribuite? Il presente documento descrive una sottocategoria di minacce, ossia le minacce fisiche distribuite, che risultano particolarmente interessanti poiché per difendersi da esse è richiesto un intervento di progettazione intenzionale ad opera di esperti. Per identificare tale sottocategoria, sarà utile descrivere brevemente la gamma di minacce per il Data Center. Le minacce per il Data Center possono essere classificate in due categorie principali, a seconda se siano nel campo del software e delle reti IT (minacce digitali) o nel campo delle infrastrutture di supporto fisico del Data Center (minacce fisiche). Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 2

3 Minacce digitali Link per visualizzare le risorse disponibili White Paper 101 Elementi principali della sicurezza delle reti Le minacce digitali sono rappresentate da hacker, virus, colli di bottiglia in rete e altre violazioni accidentali o intenzionali alla sicurezza o al flusso di dati. Le minacce digitali vengono considerate di alto profilo dal settore IT e dalla stampa; per difendersi da queste minacce, la maggior parte dei Data Center è dotata di sistemi affidabili e sottoposti ad una manutenzione continua, quali firewall e programmi antivirus. Il White Paper APC 101, Elementi principali della sicurezza delle reti, illustra le precauzioni fondamentali contro le minacce digitali. Le minacce digitali non sono trattate nel presente documento. Minacce fisiche Le minacce fisiche alle apparecchiature IT includono problemi di alimentazione e raffreddamento, errori umani o eventi dolosi, incendi, perdite e qualità dell'aria. Alcune di queste minacce, comprese quelle relative al raffreddamento, all'alimentazione o agli incendi sono monitorate di routine da funzioni integrate nei dispositivi di alimentazione, raffreddamento e antincendio. Ad esempio, i sistemi UPS eseguono il monitoraggio della qualità dell'alimentazione, del carico e dello stato della batteria; le unità PDU eseguono il monitoraggio dei carichi di circuito; le unità di raffreddamento eseguono il monitoraggio delle temperature di ingresso e d'uscita, nonché dello stato dei filtri; i sistemi antincendio (richiesti dalle norme edilizie) eseguono il monitoraggio della presenza di fumo o di calore. Tale monitoraggio segue protocolli ormai consolidati, elaborati in modo automatico da sistemi software che aggregano, registrano, interpretano e visualizzano le informazioni. Per una gestione efficace delle minacce monitorate in questo modo, ossia da funzionalità preingegnerizzate progettate direttamente nelle apparecchiature, non è richiesta alcuna particolare esperienza da parte dell'utente né alcuna pianificazione, a condizione che i sistemi di monitoraggio e interpretazione siano progettati in modo corretto. Le minacce fisiche monitorate automaticamente costituiscono un punto critico dei sistemi di gestione globale, ma non sono trattate nel presente documento. Tuttavia, alcuni tipi di minaccia fisica nel Data Center (sebbene siano alquanto seri) non dispongono di soluzioni di monitoraggio pre-progettate e integrate per l'utente. Ad esempio, la minaccia di livelli di umidità bassi può verificarsi in qualsiasi punto di un Data Center, quindi il numero e la disposizione dei sensori di umidità rappresenta un fattore di fondamentale importanza nella gestione di tale minaccia. Tali minacce possono essere potenzialmente distribuite in qualsiasi luogo all'interno del Data Center, in posizioni variabili a seconda della disposizione della sala e del posizionamento delle apparecchiature. Le minacce fisiche distribuite trattate nel presente documento rientrano nelle seguenti categorie generali: Minacce relative alla qualità dell'aria delle apparecchiature IT (temperatura, umidità) Perdite di liquidi Presenza umana o attività inusuali Minacce per il personale derivanti dalla qualità dell'aria (sostanze estranee trasportate dall'aria) Fumo e pericolo di incendio nel Data Center 1 1 Il rilevamento di base di fumo o incendi richiesto dalle norme edilizie è regolato da normative legali e di sicurezza specifiche ed esula dall'ambito di questo documento. In questo documento viene illustrato il rilevamento di fumo supplementare specifico per i rischi del Data Center, in aggiunta a quanto richiesto dalle norme edilizie. Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 3

4 Figura 1 Minacce per il Data Center La figura 1 illustra la distinzione tra minacce digitali e fisiche, nonché l'ulteriore distinzione tra le minacce fisiche con monitoraggio di alimentazione/raffreddamento preingegnerizzato basato su apparecchiature e le minacce fisiche distribuite, oggetto del presente documento, che richiedono procedure di valutazione, decisione e pianificazione volte a determinare il tipo, la posizione e il numero di sensori di monitoraggio. Ed è proprio quest'ultimo tipo di minaccia fisica che potrebbe rischiare di venire trascurata per disinformazione e mancanza di esperienza nella progettazione di una strategia di monitoraggio efficace. La tabella 1 riassume le minacce fisiche distribuite, il relativo impatto sul Data Center e i tipi di sensori utilizzati per monitorarle. Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 4

5 Tabella 1 Minacce fisiche distribuite Minaccia Definizione Impatto sul Data Center Tipi di sensori Temperatura dell'aria Temperatura aria apparecchiature, rack e sala Guasti alle apparecchiature e ciclo di vita ridotto a causa di valori di temperatura superiori alle specifiche e/o improvvise variazioni di temperatura Sensori di temperatura Umidità Umidità relativa di sala e rack, a una temperatura specifica Guasti alle apparecchiature dovuti ad accumulo di elettricità statica in punti con umidità ridotta Formazione di condensa in punti con umidità elevata Sensori di umidità Perdite di liquidi Perdite d'acqua o di refrigerante Danni causati da liquidi a pavimenti, cablaggi e apparecchiature Indicazione di problemi CRAC Sensori di perdite cablati Sensori di perdite a zona Errore umano e accesso del personale Azione illecita non intenzionale da parte del personale Accesso non autorizzato e/o forzato al Data Center con intento doloso Danni alle apparecchiature e perdite di dati Inattività delle apparecchiature Furto e sabotaggio delle apparecchiature Videocamere digitali Sensori di movimento Contatti porta Sensori di rottura vetri Sensori di vibrazione Fumo/incendio Incendio di materiali o componenti elettrici Guasto delle apparecchiature Perdita di risorse e dati Sensori antifumo supplementari Agenti contaminanti pericolosi trasportati dall'aria Sostanze chimiche, ad esempio idrogeno generato da batterie, e particelle, ad esempio polvere, trasportate dall'aria Situazione di pericolo per il personale e/o inaffidabilità/guasto dell'ups a causa del rilascio di idrogeno Gusto alle apparecchiature dovuto all'aumento di elettricità statica e intasamento di filtri/ventole dovuto ad accumulo di polvere Sensori di sostanze chimiche/idrogeno Sensori di polvere Disposizione dei sensori Vari tipi di sensori possono essere utilizzati per individuare e notificare tempestivamente eventuali problemi derivanti dalle minacce descritte sopra. Se il tipo e il numero specifico di sensori può variare a seconda del budget, dei potenziali rischi dovuti alle minacce e dei costi aziendali delle violazioni, esiste comunque un set di base di sensori essenziali che risulta utile nella maggior parte del Data Center. La tabella 2 riporta le linee guida per tale set di base consigliato. Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 5

6 Tabella 2 Linee guida per i sensori di base Tipo di sensore Posizione Best practice generiche Commenti Linee guida di settore applicabili Esempio Sensori di temperatura Rack Nelle parti superiore, centrale e inferiore dello sportello anteriore di ciascun rack IT, per monitorare la temperatura dell'aria in ingresso dei dispositivi nel rack Negli armadi di rete o in altri ambienti rack aperti, il monitoraggio della temperatura dovrebbe essere quanto più vicino possibile alle prese d'aria delle apparecchiature Linee guida ASHRAE 2 Sensori di umidità Fila Uno per corridoio di aria fredda, davanti ad un rack nella parte centrale di una fila Dal momento che le unità CRAC forniscono letture di umidità, l'ubicazione dei sensori di umidità basati su file potrebbe necessitare di regolazione se troppo vicina alle uscite CRAC Linee guida ASHRAE Sensori di perdite cablati Sensori di perdite a zona Sala Posizionamento dei sensori di perdite cablati intorno a ciascun sistema CRAC, intorno alle unità di distribuzione di raffreddamento, nonché sotto pavimenti sollevati e qualsiasi altra fonte di perdite (ad esempio tubazioni) Sensori di perdite a zona per il monitoraggio di eventuali straripamenti di fluidi in coppe di drenaggio, monitoraggio in sale/armadi di dimensioni inferiori e in qualsiasi area situata in basso Nessuno standard di settore Videocamere digitali Sala e fila Posizionati in punti strategici in base alla disposizione del Data Center a copertura dei punti d'ingresso/uscita e con una buona visuale di tutti i corridoi di aria fredda e calda; copertura dell'intero campo di vista richiesto garantita Monitoraggio e registrazione degli accessi normali, non autorizzati o successivi alle ore prestabilite con un software di videosorveglianza Nessuno standard di settore Interruttori per sale Sala Interruttori elettronici ad ogni porta di ingresso per fornire una traccia di controllo degli accessi alla sala e per limitare l'accesso a determinate persone in orari specifici Si consiglia di integrare interruttori per sale nel sistema dell'impianto, a tal fine è possibile utilizzare un'interfaccia di comunicazione HIPAA e Sarbanes- Oxley 3 Oltre ai sensori essenziali indicati nella tabella 2, ne esistono altri che possono essere considerati opzionali, a seconda della configurazione specifica della sala, del livello di minaccia e dei requisiti di disponibilità. La tabella 3 elenca questi sensori aggiuntivi insieme alle linee guida delle best practice. 2 ASHRAE TC9.9 Mission Critical Facilities, Thermal Guidelines for Data Processing Environments, CSO Fiona Williams, servizi di sicurezza Deloitte & Touche, afferma: "La sicurezza fisica non fa parte dei requisiti della Sarbanes-Oxley. Si tratta di un componente essenziale del programma infosec nonché dei controlli informatici generali. Rientra nelle sezioni 302 e 404, le quali richiedono che la gestione valuti e confermi che i controlli interni funzionino in modo efficiente". (accessibile dal 5 marzo 2010) Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 6

7 Tabella 3 Linee guida per sensori aggiuntivi, dipendenti dalla situazione Tipo di sensore Posizione Best practice generiche Commenti Linee guida di settore applicabili Esempio Sensori antifumo supplementari Rack VESD (Very Early Smoke Detection, rilevamento tempestivo di fumo) a livello di rack in grado di fornire funzioni avanzate di avviso per i problemi in aree ad elevata criticità o prive di sensori antifumo dedicati 4 Quando il rilevamento antifumo supplementare a livello del rack supera il budget, l'installazione di un sistema VESD all'ingresso di ciascuna unità CRAC fornisce funzionalità di notifica tempestiva almeno parziali Nessuno standard di settore Sensori di sostanze chimiche/ idrogeno Sala Quando le batterie VRLA si trovano in un Data Center, non è necessario disporre dei sensori di idrogeno nella sala poiché queste non rilasciano idrogeno in situazioni di funzionamento normale (diversamente dalle batterie a liquido) Le batterie a liquido in una sala batterie separata sono soggette a requisiti normativi speciali Bozza del Manuale IEEE/ASHRAE 5 Sensori di movimento Sala e fila Utilizzati quando limiti di budget non consentono l'istallazione di videocamere digitali, come da best practice (vedere la tabella 2) I sensori di movimento costituiscono un'alternativa più conveniente rispetto alle videocamere digitali per il monitoraggio delle attività umane Nessuno standard di settore Interruttori per rack Rack In Data Center ad alto traffico di dati, gli interruttori elettronici sugli sportelli anteriore e posteriore di ogni rack servono per fornire la registrazione degli accessi alla sala e per limitare l'accesso ad apparecchiature critiche a determinate persone in orari specifici Sin consiglia di integrare interruttori per rack nel sistema dell'impianto, cosa che è possibile ottenere attraverso un'interfaccia di comunicazione HIPPA e Sarbanes- Oxley Sensori di vibrazione Rack In Data Center ad alto traffico di dati, sensori di vibrazione in ciascun rack servono per rilevare l'istallazione non autorizzata o la rimozione di apparecchiature critiche I sensori di vibrazione in ciascun rack possono inoltre essere utilizzati per rilevare l'eventuale spostamento di rack Nessuno standard di settore Sensori di rottura vetri Sala Sensori di rottura vetri presenti su ogni finestra del Data Center (esterna o interna che si affacci su un corridoio o una sala) Migliore utilizzo in combinazione con videocamere di sorveglianza Nessuno standard di settore 4 Si presuppone l'esistenza di un sistema di rilevamento incendi separato conforme alle norme edilizie 5 IEEE/ASHRAE, Guide for the Ventilation and Thermal Management of Stationary Battery Installations, bozza disponibile per la votazione verso la fine del 2006 Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 7

8 Aggregazione dei dati provenienti dai sensori Dopo avere selezionato e disposto i sensori, la fase successiva prevede la raccolta e l'analisi dei dati ricevuti dai sensori. Anziché inviare tutti i dati dei sensori ad un punto di raccolta centrale, solitamente è preferibile disporre di punti di aggregazione distribuiti nel Data Center, con funzioni di avviso e notifica in ogni punto di aggregazione. In tal modo, non solo si elimina il rischio di singoli punti di guasto in un unico punto di aggregazione centrale, bensì è possibile supportare anche il monitoraggio dei punti di utilizzo delle sale server remote e degli armadi di telecomunicazione 6. Gli aggregatori comunicano, tramite la rete IP, con un sistema di monitoraggio centrale (figura 2). Figura 2 Aggregazione dei dati provenienti dai sensori. In genere, i singoli sensori non si collegano individualmente alla rete IP. Invece, gli aggregatori interpretano i dati provenienti dai sensori e inviano avvisi al sistema centrale e/o direttamente all'elenco notifiche (vedere la sezione successiva). L'architettura di monitoraggio distribuita riduce in modo notevole il numero di nodi di rete richiesti, nonché i costi generali del sistema e il carico di gestione. Gli aggregatori vengono generalmente assegnati ad aree fisiche all'interno del Data Center e la loro funzione è di aggregare i sensori di un'area circoscritta per limitare la complessità di cablaggio dei sensori. Intervento "intelligente" I sensori forniscono i dati grezzi; tuttavia, l'interpretazione di questi dati è di pari importanza per eseguire interventi di avviso, notifica e correzione. Dal momento che le strategie di monitoraggio diventano sempre più sofisticate e che i sensori proliferano all'interno dei Data Center monitorati correttamente, l'elaborazione "intelligente" di tale quantità di dati, potenzialmente enorme, è sempre più critica. Il modo più efficace ed efficiente per raccogliere ed analizzare i dati provenienti dai sensori, attivando interventi appropriati, consiste nell'uso di "aggregatori" come descritto nella sezione precedente. Essere in grado di filtrare, mettere in relazione e valutare i dati è essenziale per determinare il miglior modo di procedere quando si verificano eventi straordinari. Una misura efficace consiste nell'avvisare le persone giuste, utilizzando il metodo giusto, con le informazioni giuste. L'intervento può svolgersi in uno dei tre modi descritti di seguito: 6 Questa architettura con più aggregatori, ognuno con funzionalità di avviso e notifica per i sensori che supporta, è talvolta definita "distributed intelligence at the edge" (intelligenza distribuita ai margini). Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 8

9 Avviso al verificarsi di condizioni straordinarie che potrebbero minacciare dispositivi specifici, rack o l intero Data Center Intervento automatico basato su avvisi e soglie specificati Analisi e reporting per agevolare miglioramenti, ottimizzazione e misurazioni di errori/guasti Avvisi Nell'impostazione degli avvisi, occorre stabilire tre fattori: soglie di allarme (valori per l'attivazione degli allarmi), metodi di avviso (modalità e destinatari per l'invio dell'avviso) e gerarchie di intervento (alcuni tipi di allarme richiedono gerarchie di intervento diverse per essere risolti). Soglie di allarme: per ciascun sensore, occorre determinare le condizioni operative accettabili e configurare delle soglie per l'emissione di allarmi quando le letture dei sensori non rientrano in tali condizioni operative. Idealmente, il sistema di monitoraggio dovrebbe avere la flessibilità di configurare più soglie per ciascun sensore in modo da emettere avvisi a livellioinformativo, di avvertimento, critici e di errore/guasto. Oltre a soglie a valore singolo, dovrebbero essere individuate condizioni di attivazione, come ad esempio valori superiori alla soglia per quantità di tempo, frequenze di aumento e frequenze di diminuzione specificate. Nel caso della temperatura, avvisi basati sulla frequenza di cambiamento forniscono un'indicazione di errore/guasto più rapida rispetto a quelli basati su valori di temperatura "istantanei". Le soglie devono essere impostate attentamente per assicurarne la massima utilità. Soglie diverse possono produrre avvisi diversi a seconda della gravità dell'evento. Ad esempio, un evento che coinvolge la soglia di umidità potrebbe implicare l'invio di un messaggio all'amministratore IT, mentre un sensore antifumo potrebbe attivare una chiamata automatica ai Vigili del Fuoco. Allo stesso modo, livelli di soglia diversi garantiranno gerarchie di intervento diverse. Ad esempio, un evento di accesso a rack non autorizzato potrebbe essere notificato all'amministratore IT, mentre un evento di ingresso forzato potrebbe arrivare al responsabile IT. Le soglie dovrebbero essere impostate globalmente su valori predefiniti, quindi regolate individualmente in base alle specifiche delle apparecchiature IT e alla posizione di istallazione dei sensori in relazione all'ubicazione delle apparecchiature (ad esempio, un sensore situato vicino ad un alimentatore per server dovrebbe emettere avvisi ad un valore superiore rispetto a un sensore situato vicino alla presa d'aria di un server). La tabella 4 7 indica le soglie di temperatura e umidità predefinite consigliate in base a ASHRAE TC9.9. Oltre a queste soglie, è importante monitorare la velocità di cambiamento della temperatura. Un cambiamento di temperatura di 5,6 C in 5 minuti è un'indicazione probabile di guasto in un'unità CRAC. 7 ASHRAE TC9.9 consigliata per ambienti Class 1 controllati nel modo più rigoroso, ideale per operazioni mission critical dei Data Center. Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 9

10 Sensore Soglia alta Soglia bassa Tabella 4 Soglie consigliate per i sensori di temperatura e umidità Temperatura dell'aria 25 C 20 C Umidità Umidità relativa 55% Umidità relativa 40% Metodi di avviso: le informazioni di avviso possono essere inviate in varie modalità, come ad esempio , messaggi SMS, trap SNMP e post ai server HTTP. È importante che i sistemi di avviso siano flessibili e personalizzabili in modo tale che la giusta quantità di informazioni venga correttamente consegnata al destinatario designato. Le notifiche di avviso dovrebbero includere informazioni quali il nome del sensore definito dall'utente, la posizione del sensore e la data e l'ora dell'allarme. Gerarchie di intervento: alcuni allarmi possono richiedere un intervento immediato. Un sistema di monitoraggio intelligente dovrebbe essere in grado di notificare determinati allarmi a livello di autorità superiori se il problema non viene risolto entro un intervallo di tempo specificato. Questa funzione garantisce la tempestiva risoluzione dei problemi, prima che questioni di poca importanza si trasformino in problemi più seri. Di seguito sono riportati esempi di avvisi più e meno utili: La temperatura del sensore n. 48 è superiore alla soglia: non molto utile in quanto non indica dove è situato il sensore n. 48 Rischio di surriscaldamento per il server Web X: più utile in quanto identifica il server specifico Il sensore dello sportello è stato attivato: non molto utile in quanto non identifica lo sportello specifico Lo sportello X situato in Y è stato aperto ed è stata acquisita l'immagine della persona che lo ha aperto: molto utile in quanto include l'identificazione e la posizione dello sportello, nonché una fotografia dell'evento Interventi basati sui dati La raccolta dei dati dei sensori è solo il primo passo e, se il responsabile del Data Center si affida solo alla risposta manuale, l'utilità dei dati non verrà sfruttata al massimo. Sono disponibili sistemi che agiscono automaticamente in base a soglie ed avvisi specificati dall'utente. È necessario valutare quanto segue per implementare tale automazione "intelligente": Misure di avviso: a seconda del livello di gravità di un avviso, quali misure automatizzate verranno messe in atto? Tali misure automatizzate potrebbero consistere in notifiche al personale oppure in azioni correttive, ad esempio l'attivazione di punti di contatto a secco per l'accensione o lo spegnimento di dispositivi quali ventole o pompe. Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 10

11 Visibilità costante in tempo reale dei dati provenienti dai sensori: capacità di visualizzare letture "istantanee" di ogni singolo sensore costituisce un requisito di base. La capacità di visualizzare le tendenze di ogni singolo sensore in tempo reale fornisce comunque un'immagine molto più chiara della situazione. L'interpretazione di queste tendenze consente agli amministratori di individuare problemi più ampi e mettere in relazione dati provenienti da più sensori. I sistemi di avviso dovrebbero fornire qualcosa in più rispetto alle semplici notifiche di violazione delle soglie. Alcuni sistemi di monitoraggio, ad esempio, consentono agli amministratori di includere informazioni supplementari con gli avvisi. Tali informazioni supplementari potrebbero essere rappresentate da video acquisiti, audio registrato, grafici e mappe. Un sistema di avvisi completo di questo tipo consente agli amministratori di prendere decisioni più informate grazie ai dati contestuali inclusi nell'avviso. In alcuni casi, è possibile che sia necessario estrarre le informazioni più importanti da un numero eccessivo di informazioni. In un Data Center ad alto traffico di dati, ad esempio, non sarebbe opportuno ricevere un avviso ogni volta che si verifica un movimento nella sala. In alcuni casi, determinate informazioni potrebbero venire bloccate o "mascherate" nell'interesse della sicurezza. Ad esempio, un video che include l'immagine di una tastiera potrebbe bloccare immagini di operatori che digitano password. Di seguito sono riportati esempi di interpretazioni e azioni "intelligenti": Per una violazione della soglia di temperatura, accendere automaticamente un ventilatore o un'unità CRAC Fornire accesso remoto a rack specifici con serrature elettroniche per gli sportelli, in base all'identità dell'individuo ripreso dalla videosorveglianza Quando viene rilevata la presenza di acqua in un Data Center remoto, attivare automaticamente una pompa di drenaggio Se dopo le normali ore di attività viene rilevato un movimento nel Data Center, registrare automaticamente un video e avvisare le guardie di sicurezza Se dopo le normali ore di attività viene rilevata una rottura di vetri, avvisare le guardie di sicurezza ed emettere un allarme acustico Quando l'interruttore di uno sportello indica che lo sportello di un rack è rimasto aperto per più di 30 minuti (ad indicare che lo sportello non è stato chiuso correttamente), inviare un avviso all'amministratore per richiedere il controllo dello sportello. Analisi e reporting I sistemi di monitoraggio intelligenti dovrebbero includere non solo l andamento a breve termine dei dati dei sensori, ma anche dati storici a lungo termine. I sistemi di monitoraggio più all'avanguardia dovrebbero avere accesso alle letture dei sensori effettuate durante le settimane, i mesi o persino gli anni passati, fornendo inoltre la possibilità di generare grafici e report utilizzando tali dati. I grafici dovrebbero essere in grado di presentare tipi diversi di sensore nello stesso report al fine di effettuare confronti e analisi. I report dovrebbero essere in grado di fornire letture dei valori bassi, alti e intermedi dei sensori nell'arco di tempo selezionato, tenendo in considerazione vari gruppi di sensori. Le informazioni storiche a lungo termine dei sensori possono essere utilizzate in vari modi, ad esempio per illustrare che il Data Center ha raggiunto la capacità massima non in termini di spazio fisico, ma per un inadeguato raffreddamento. Tali informazioni potrebbero venire utilizzate per estrapolare tendenze future man mano che altri dispositivi vengono aggiunti al Data Center. Queste potrebbero risultare utili per prevedere il momento in cui il Data Center raggiungerà la capacità massima. Un'analisi delle tendenze a lungo termine potrebbe risultare utile a livello di rack per confrontare la differenza di produzione di (più o meno) calore tra dispositivi di produttori differenti in rack diversi, cosa che potrebbe influenzare eventuali futuri acquisti. Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 11

12 Le letture dei sensori catturate dal sistema di monitoraggio dovrebbero essere esportabili in formati conformi agli standard industriali, consentendo l'uso dei dati in programmi di reporting e analisi preconfezionati e personalizzati. Metodo di progettazione Se la specificazione e la progettazione di un sistema di monitoraggio delle minacce possono apparire complesse, è possibile automatizzare la procedura grazie a strumenti di progettazione di Data Center, ad esempio APC InfraStruXure Designer, i quali consentono all'utente di immettere un semplice elenco di preferenze e sono in grado di individuare automaticamente il numero di sensori e di dispositivi di aggregazione appropriato. I report riepilogativi forniscono elenchi di parti e istruzioni di installazione per i sensori consigliati. Questi strumenti di progettazione per i Data Center impiegano algoritmi e regole stabilite in base a best practice e standard industriali per consigliare configurazioni specifiche basate su requisiti di densità, layout delle sale, criteri di accesso alle sale e monitoraggio di un determinato utente. Ad esempio, le seguenti preferenze specificate dall'utente potrebbero influenzare la progettazione del sistema di monitoraggio delle minacce, a seconda del livello di traffico e accesso alle informazioni del Data Center: Traffico/accesso elevato: se molti operatori, ciascuno con applicazioni e funzioni diverse, accedono al Data Center, lo strumento di progettazione suggerirà l'installazione di appositi interruttori su ciascun rack per consentire l'accesso ad ogni rack solo all'operatore dedicato. Traffico/accesso ridotto: se pochi operatori selezionati, ciascuno con responsabilità estese a tutte le funzioni, accedono al Data Center, lo strumento di progettazione non suggerirà l'installazione di interruttori per rack per controllare l'accesso a singoli rack, bensì un interruttore sulla porta della sala, che sarà sufficiente per impedire l'accesso alla sala da parte di altri operatori. Esempio di disposizione dei sensori Un esempio di layout del Data Center è riportato nella figura 3 in cui è illustrata la posizione dei dispositivi di monitoraggio in base alle best practice descritte nel presente documento. "Sensori di perdite cablati" attorno a CRAC e CDU (sotto il pavimento sollevato, se presente) CDU Cooling Distribution Unit Figura 3 Rilevatore di fumo supplementare in ogni rack Parti anteriori rack Rack Rack Rack Rack Rack Rack CRAC 1 Umidità 3 Temp 3 Temp 3 Temp 3 Temp 3 Temp 3 Temp CRAC CORRIDOIO DI ARIA FREDDA PDU PDU UPS Batt. Videocamere digitali posizionate strategicamente per monitorare le aree critiche Esempio di disposizione dei sensori Parti posteriori rack Parti posteriori rack Sensore umidità al centro di ogni fila CORRIDOIO DI ARIA CALDA Sportello Sensore sportello aperto Rack 3 Temp Rack 3 Temp CRAC Rack Rack Rack Rack CRAC 1 Umidità 3 Temp 3 Temp 3 Temp 3 Temp PDU UPS Batt. Parti anteriori rack Sensori di sportello aperto per ogni rack CORRIDOIO DI ARIA FREDDA Finestra Tre sensori di temperatura per rack nella parte superiore, centrale e inferiore della parte anteriore del rack Sensore di rottura vetri Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 12

13 Conclusioni La protezione contro le minacce fisiche distribuite è cruciale per una strategia di sicurezza completa. Mentre la posizione e la metodologia dei dispositivi di rilevamento richiede attente valutazioni, decisioni e procedure di progettazione, sono disponibili delle best practice e degli strumenti di progettazione per agevolare un'efficace implementazione dei sensori. Oltre a stabilire i valori corretti per tipo, posizione e numero dei sensori, occorre inoltre disporre di sistemi software per gestire i dati raccolti e fornire (ove possibile) registrazione, analisi delle tendenze, notifiche intelligenti di avvisi e azioni correttive automatiche. La comprensione delle tecniche per il monitoraggio delle minacce fisiche distribuite consente agli amministratori IT di colmare gap critici nella sicurezza generale dei Data Center e di mantenere la sicurezza fisica allineata con le infrastrutture e gli obiettivi di disponibilità sempre in evoluzione dei Data Center. Ringraziamenti Un ringraziamento speciale a Christian Cowan e Chris Gaskins per la redazione del contenuto originale di questo White Paper. Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 13

14 Risorse Cliccare sull'icona per visualizzare le Risorse Variazioni dinamiche dell alimentazione nei Data Center e nelle sale di rete White Paper 43 Elementi principali della sicurezza delle reti White Paper 101 Visualizza tutti i White Paper whitepapers.apc.com Ricerca con tutte le applicazioni TradeOff Tools tools.apc.com Contattateci Per feedback e commenti relativi a questo white paper: Data Center Science Center Se avete richieste specifiche sulla progettazione del vostro data center: Contattate il vostro referente commerciale Schneider Electric Schneider Electric Data Center Science Center White Paper 102 Rev 3 14

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control

Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Guida del client per Symantec Endpoint Protection e Symantec Network Access Control Il software descritto nel presente

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Micro Focus. Benvenuti nell'assistenza clienti

Micro Focus. Benvenuti nell'assistenza clienti Micro Focus Benvenuti nell'assistenza clienti Contenuti Benvenuti nell'assistenza clienti di Micro Focus... 2 I nostri servizi... 3 Informazioni preliminari... 3 Consegna del prodotto per via elettronica...

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Informazioni per il cliente. Responsabilità del tecnico di manutenzione. Altre indicazioni

Informazioni per il cliente. Responsabilità del tecnico di manutenzione. Altre indicazioni La Manutenzione preventiva (PM, Preventive Maintenance) di Agilent offre l'assistenza di fabbrica consigliata affinché i sistemi analitici funzionino correttamente e forniscano risultati sempre precisi.

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Forerunner 10 Manuale Utente Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente il presente

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

SIRe Competent Fan Heater Electric. SIReFCX. With quick guide. For wiring diagram, please see last pages SE... 2 ES... 70 ... 155 ...

SIRe Competent Fan Heater Electric. SIReFCX. With quick guide. For wiring diagram, please see last pages SE... 2 ES... 70 ... 155 ... Original instructions SIRe Competent Fan Heater Electric With quick guide SIReFCX SE... 2 GB... 19 DE... 36 FR... 53 ES... 70 IT... 87 NL... 104 NO... 121 PL... 138 RU... 155 For wiring diagram, please

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica

Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica White Paper 18 Revisione 1 A cura di Joseph Seymour e Terry Horsley > In sintesi Molti dei misteri relativi ai guasti delle apparecchiature,

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center

Considerazioni sulla Realizzazione di un Data Center Introduzione Cisco Enterprise Data Center Network Architecture, un'architettura di rete versatile e completa, progettata da Cisco Systems per soddisfare le esigenze IT delle aziende, garantisce un funzionamento

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli