Youth and Rurality throughout Europe Gioventù e ruralità in Europa Jeunesse et ruralité à travers l Europe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Youth and Rurality throughout Europe Gioventù e ruralità in Europa Jeunesse et ruralité à travers l Europe"

Transcript

1 Report finale di chiusura del Progetto di cooperazione transnazionale Leader Plus Asse II Youth and Rurality throughout Europe Gioventù e ruralità in Europa Jeunesse et ruralité à travers l Europe Fase progettuale La ricerca partner, per la realizzazione di un progetto di cooperazione transnazionale, è partita nell inverno quando ancora la Regione Lombardia non aveva pubblicato il bando. Attraverso degli appositi motori di ricerca partner, disponibili nei siti della Rete Leader italiana e del Contact Point, il Gal Alto Oltrepo ha scelto alcuni Gal europei che esprimevano l intenzione di sviluppare progetti di cooperazione nell ambito del rafforzamento dell identità culturale nei giovani che vivono nelle aree rurali d Europa. Dalle idee progettuali emerse nei 5 Gal scelti, quella del Gal le Beau Canton de Gaume è apparsa subito la più coerente con gli obiettivi che il Gal Alto Oltrepo intendeva perseguire. E cominciato così un intenso scambio di corrispondenza che è sfociato nell aprile del 2005 con la presentazione del progetto Youth and Rurality throughout Europe, approvato dalla Regione Lombardia nel giugno del E seguita nel settembre del 2005, a Varzi, la sigla dell accordo di cooperazione tra i due Gal dando così il via alla fase operativa di realizzazione del progetto. Varzi, 25 Settembre 2005 Primo incontro tra i Gal Partner del progetto e sigla dell accordo di cooperazione 1

2 Il progetto Gioventù e ruralità in Europa Gioventù e ruralità in Europa ha tra gli obiettivi primari quello di attivare uno scambio di esperienze finalizzato a conoscere ed approfondire sul territorio progetti e/o iniziative significative per il consolidamento di un processo di sviluppo volto al miglioramento della qualità della vita, fondato su valori territoriali e risorse locali specifiche che, proprio grazie alla loro tipicità, trovano attraverso un confronto ampio una maggiore giustificazione ed una maggiore legittimazione quali strumenti di crescita per le comunità locali. Obiettivi specifici del progetto sono: 1. rilanciare un processo di acquisizione di conoscenze per lo sviluppo dei territori rurali attraverso la creazione di una rete di relazioni e di conoscenze esterne, fondamentali per un adeguato processo di apprendimento e di sviluppo territoriale. Il nostro territorio, un po come tutte le aree rurali fragili, si è molto impoverito anche sotto il profilo dei rapporti sociali e delle conoscenze, pertanto apprendere e condividere esperienze acquisite e lanciare una riflessione collettiva sui temi e sulle problematiche che interessano il territorio, rappresenta un contributo importante per valutare la reale fattibilità nel tempo dei progetti proposti, i limiti e i punti di forza delle azioni messe in campo; 2. favorire l intensificazione degli scambi di esperienze quale strumento di rinnovamento del territorio; 3. creare, attraverso le azioni previste dal presente progetto, uno strumento di comunicazione e di apprendimento innovativo ed efficace in grado di raggiungere e coinvolgere ancora più direttamente le categorie di attori territoriali che lo stesso PSL del Gal ha individuato come strategici per il rilancio territoriale: i giovani e tutte le istituzioni preposte a vari livelli alla formazione culturale e sociale del territorio; 4. lanciare un confronto transnazionale diretto su progetti, studi, ricerche ed esperienze in genere volte ai temi della qualità della vita nelle aree rurali, l identità territoriale e lo sviluppo sostenibile. Sulla base di tali obiettivi, il progetto intende realizzare un percorso di apprendimento volto a mettere in campo esperienze e strumenti in grado di favorire lo sviluppo di un sentimento identitario, capace di arrestare la fuga di risorse umane e professionali dal territorio (risorsa indispensabile per sostenere un processo di sviluppo condiviso a tutti i livelli del territorio), di fornire ai giovani delle prospettive di qualità di vita sul territorio appetibili compreso la possibilità di creare eventuali sbocchi professionali, di incoraggiare gli attori locali ad assumere ruoli attivi nelle politiche di sviluppo rurale. Florenville, 23 Aprile 2006 Visita al Gal le Beau Canton du Gaume (Belgio) 2

3 Partner del progetto GAL capofila: GAL LE BEAU CANTON DE GAUME Florenville Regione Vallonia (Belgio) Gal partner : GAL ALTO OLTREPO Varzi Regione Lombardia (Italia) Azioni del progetto Azione Imaging and constructing local development in European rural areas - Training course for local development entrepreneurs Azione di competenza del Gal Alto Oltrepo - Realizzazione di un percorso formativo di perfezionamento per giovani di aree rurali a livello europeo. - Realizzazione di una pubblicazione sulle buone prassi in materia di sviluppo legato al miglioramento della qualità della vita. - Realizzazione di un workshop al termine del percorso formativo sui casi studiati e presentazione della pubblicazione. Un corso di formazione dedicato al tema dello sviluppo in aree rurali è orientato a perseguire una serie di obiettivi diversi. Una prima serie di obiettivi fa direttamente riferimento ai contenuti del corso: - fornire ai frequentanti una serie di conoscenze di base su che cosa è lo sviluppo locale: i riferimenti teorici, le pratiche più rilevanti, la natura delle competenze necessarie per svolgere la funzione di animatore di processi di sviluppo, ecc. - supportare adeguatamente i partecipanti con un contributo metodologico che articoli il quadro degli strumenti e delle tecniche di interpretazione e intervento nei processi di sviluppo locale - focalizzare il contributo del corso, in termini di teorie, pratiche e metodi per lo sviluppo locale, sullo specifico tema dello sviluppo in zone rurali Un altra serie di obiettivi si riferisce al corso inteso come azione rilevante per la valorizzazione delle politiche di sviluppo rurale, pertanto esso intende: - approfondire e diffondere la conoscenza su buone pratiche di sviluppo rurale in Europa - consolidare e sviluppare reti tra differenti esperienze di sviluppo rurale - costruire competenze specifiche sul tema dello sviluppo rurale che emergano da un confronto tra prospettive diverse su scala europea - essere un occasione per lanciare nuove prospettive di analisi e di intervento sul tema dello sviluppo rurale Azione Sito Azione di competenza del Gal le Beau Canton de Gaume - Realizzazione di un sito internet comune per lo scambio di esperienze progettuali in aree rurali Messa in rete di un sito internet interattivo per la creazione di una rete internazionale d informazione e di scambio dedicato ai giovani del mondo rurale. Il sito è in tre lingue (inglese, francese, italiano) e prevede la creazione di forum di discussione in materia di sviluppo locale, la messa a disposizione di documentazione e la creazione un banca dati 3

4 dei progetti che approcciano i temi considerati, lo scopo è quello di favorire una maggiore consapevolezza dei territori coinvolti della propria identità rurale. Azione Incontri internazionali identità territoriali e modelli di sviluppo a confronto Azione di competenza del Gal le Beau Canton de Gaume L iniziativa prevede l organizzazione di un meeting europeo sul tema dell identità territoriale ed i giovani. Il meeting si terrà nel territorio del gal capofila ed è finalizzato a mettere in comune informazioni ed esperienze, funzionali allo sviluppo di ulteriori interventi sui singoli territori, a sviluppare sinergie tra i partner in merito ad iniziative specifiche identificate nell ambito degli scambi, a creare una borsa internazionale di condivisione delle conoscenze destinate ai giovani rurali. L incontro è aperto a tutti e l idea è quella di creare una sorta di Parlamento europeo rurale di giovani per discutere di differenti tematiche. Descrizione delle attività Azione Imaging and constructing local development in European rural areas - Training course for local development entrepreneurs - Largo ai giovani: diventa imprenditore dello sviluppo nelle aree rurali Azione di competenza del Gal Alto Oltrepo 1. Realizzazione di un percorso formativo di perfezionamento per giovani di aree rurali a livello europeo. Obiettivi Il corso affronta le tematiche ed i problemi dello sviluppo rurale nelle aree marginali ed è finalizzato a promuovere l inserimento di giovani professionalità nelle realtà rurali attraverso lo sviluppo di progettualità innovative. All Istituto per la Ricerca Sociale (IRS) di Milano è stato affidato il compito di predisporre una specifica offerta formativa che fosse in grado di restituire ai partecipanti i caratteri dei processi di sviluppo delle aree rurali nel quadro più ampio delle trasformazioni della società e del territorio. Il corso ha voluto offrire ai frequentanti sia il supporto metodologico necessario per affrontare l analisi delle politiche pubbliche che un quadro teorico in grado di definire lo scenario di riferimento sugli obiettivi e sulle politiche europee a sostegno delle aree rurali e sulle politiche che intervengono, direttamente o indirettamente, su questi territori marginali. Al fine di consentire ai partecipanti di comprendere la complessità dei processi di costruzione e gestione delle politiche di sviluppo nelle aree rurali, è stato predisposto un modulo formativo strutturato su pratiche e casi studio concreti. Infine, il programma ha accompagnato i partecipanti nella definizione di un personale progetto di sviluppo strutturato e sostenibile, reso possibile da attività di laboratorio progettuale. 4

5 Il percorso formativo è stato immaginato e costruito a ridosso delle Terre Alte, un area che comprende al proprio interno comuni di alta collina e di montagna situati nel tratto di dorsale appenninica sul quale confluiscono i territori di prossimità delle quattro province di Piacenza, Pavia, Genova e Alessandria. Le Terre Alte sono terre di confine che presentano forti elementi di identità e sono legate da storia, ambiente, prodotti tipici e tradizioni culturali comuni, nonostante gli odierni confini amministrativi interessino ben quattro regioni diverse. Articolazione Il corso si è posto l obiettivo principale di formare professionalità in grado di promuovere e di gestire iniziative di sviluppo nelle aree rurali, esercitando le proprie competenze all interno di amministrazioni pubbliche, di organizzazioni private, di agenzie tecniche, di società di consulenza, ma anche direttamente come operatori capaci di avviare progetti imprenditoriali in aree rurali. Per raggiungere tale obiettivo, nei primi mesi del 2006 è stato predisposto un programma formativo, pensato ed articolato in sei sezioni tematiche la maggior parte delle quali sviluppate in parallelo per tutta la durata del corso, per fornire agli studenti gli elementi utili a sviluppare il loro progetto individuale. Il programma è stato organizzato per moduli di 4 ore ciascuno per un totale di 200 ore, e secondo una struttura articolata nelle seguenti sezioni tematiche: 1. Il contributo metodologico dell analisi delle politiche pubbliche; 2. Politiche di sviluppo nei territori marginali; 3. La storia dei territori: storia, economia, ambiente, società; 4. Le criticità delle Terre Alte; 5. Casi di studio e buone pratiche; 6. Laboratorio progettuale. A partire dal marzo 2006 il Gal ha fatto uscire in Italia e all estero (attraverso quotidiani, mailing list ad hoc, siti internet, invio di pieghevoli e locandine) un bando per la selezione di 15 giovani provenienti da aree rurali europee. Sono stati raccolti più di 70 CV e ne sono stati selezionati 18 di cui tre stranieri. Le lezioni si sono svolte dall 8 maggio al 16 giugno 2006 presso il President Hotel di Salice Terme con traduzione simultanea in inglese e francese. I docenti intervenuti al corso ed i rispettivi contributi sono qui di seguito elencati: Il contributo metodologico dell analisi delle politiche pubbliche Claudio Calvaresi (IRS): L analisi delle politiche pubbliche come strumento di interpretazione dei processi di sviluppo territoriale Gabriele Pasqui (Politecnico di Milano): Cosa vuol dire fattibilità, come costruirne le diverse dimensioni. 5

6 Paola Briata (Politecnico di Milano): La rilevanza della dimensione sociale nelle strategie di sviluppo locale. Francesco Infussi (Politecnico di Milano), Claudio Calvaresi (IRS): Analisi critica di progetto e progettazione: verso nuovi modelli e strategie. Politiche di sviluppo nelle realtà marginali Carlo Bernini Carri, Maria Sassi (Università di Pavia): Politiche pubbliche di sviluppo rurale in Europa. Francesca Gelli (Università di Padova): Una valutazione degli esiti dei programmi Leader. Francesca Gelli (Università di Padova): Dopo Leader, quali prospettive di sostegno allo sviluppo delle aree rurali nell ambito del nuovo ciclo di programmazione FS 2007/2013. Stefano De Nicolai (Università di Pavia): Sviluppo di impresa e innovazione aziendale in ambito rurale. Paolo Scabini (Università di Pavia): Finanza di progetto per lo sviluppo imprenditoriale in aree rurali. La storia dei territori: storia, economia, ambiente, società Pierluigi Tozzi (Università di Pavia): La creazione del paesaggio rurale nell età antica; Anna Rosa Candura (Università di Pavia): Strumenti cartografici per l analisi del paesaggio Giuseppe Polimeni (Università di Pavia): Lingua, dialetto e cultura materiale. Mario Rizzo (Università di Pavia): Elementi identitari e rapporto città-campagna tra Medioevo e Età moderna Giulio Guderzo (Università di Pavia): Il Novecento e il mondo rurale: rotture e permanenze Carla Ge Rondi (Università di Pavia): La popolazione nelle aree rurali. Le criticità delle Terre Alte Giancarlo Vecchi (IRS): Chi presidia un problema debole e complesso? Un esercizio di disegno istituzionale. Giancarlo Vecchi (IRS): Frammentazione istituzionale e politiche pubbliche. Ugo De Ambrogio (IRS): La progettazione e gestione dei servizi fra marginalità e strategie di sviluppo (strumenti e questioni) 6

7 Gabriele Rabaiotti (IRS, Politecnico di Milano): Il problema della casa nelle alte valli: questioni e sperimentazioni Barbara Bertolani (Università di Bologna): Immigrazione, sviluppo, multiculturalismo: il caso della comunità punjabi a Novellara. Mario Piazza (Politecnico di Milano): Comunicare il territorio. Linda Nano (Slow Food): L innovazione nel settore agroalimentare come strategia di sviluppo. Corrado Truffelli (Università di Parma): Il problema della frammentazione delle proprietà. Alfredo Ferrari: Gli impatti indesiderati delle normative sulla sopravvivenza delle microattività nel settore agroalimentare. Carolina Pacchi (Politecnico di Milano): I parchi come operatori di sviluppo territoriale ed il management dei conflitti locali. Fabrizio Bruno (Regione Piemonte): Ricostruire le relazioni con gli ex abitanti emigrati all estero: l esperienza della Regione Piemonte. Casi di studio e buone pratiche Vanni Giuffrè (fondatore della Comunità Internazionale di Artisti di Bussana): Il caso di Bussana Alienor Lefebvre, Ludivine Di Cuonzo (Gal du Beau Canton de Gaume) : Il progetto di cooperazione transnazionale Gioventù e ruralità in Europa Linda Nano (Slow Food): Esempi rilevanti di presidi Slow Food Dante Presicce (IRS): Sviluppo dal basso e sforzi innovativi nel caso del Salento Nicola Gallinaro (Gal Garda Valsabbia): Il caso Capacita e tradizioni rurali: l utilizzo del legno Le ore dedicate ai laboratori progettuali hanno consentito ai partecipanti di elaborare un modello di sviluppo applicabile alle aree rurali trattando diversi temi chiave. I progetti ideati dagli studenti: 1. Il museo delle Terre Alte: Il Museo del Racconto di Carlo Albertazzi 2. PROGETTO HIGHLANDS di Lorenzo Neill Aldegheri 7

8 3. LA CASA DELLE TELEATTIVITA - Luogo d incontro e di servizi telematici per gli abitanti delle alte valli di Valeria Bricola 4. Valorizzazione energetica delle biomasse agro-forestali nei comuni montani: Linee guida di sostenibilità di Anna Chiesura 5. Il sapore del sapere di Sara Gallarati 6. COLTIVARE LA SOSTENIBILITA ECONOMICO-AMBIENTALE di Alessio Mangiarotti 7. Creazione e Sviluppo - Brand Terre Alte di Aldo Mazzocco 8. RIVISTA DELLE TERRE ALTE di Sonia Pasquale 9. Abbandono: potenzialità per lo sviluppo delle Terre Alte di Monica Moroni 10. IL FUTURO DEL GIARDINO DI PIETRA CORVA: STRATEGIE DI SVILUPPO TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE di Marta Pini 11. TERRE ALTE: TERRE DI ATTIVITA di Paola Rovati 12. Curmà - accento vivo sull Oltrepò: prodotti itinerari cultura ospitalità enogastronomia di Irene Sorrentino 13. Missione turismo responsabile: la Via del Sale di Chiara Tinelli 14. Il divertimpara la scuola va in vacanza di Alessandra Zinco Salice Terme, giugno 2006 Foto di gruppo dei partecipanti al corso 8

9 2. Realizzazione di una pubblicazione sulle buone prassi in materia di sviluppo legato al miglioramento della qualità della vita. Realizzazione della pubblicazione Tornare ai crinali: percorsi di sviluppo per territori rurali Esiti di un esperienza formativa nel settembre 2006 e di un abstract in lingua inglese nel maggio La pubblicazione è stata redatta dall IRS di Milano incaricato anche della gestione e organizzazione del corso mentre per la realizzazione dell abstract è stato dato un incarico esterno. Copertina della pubblicazione 3. Realizzazione di un workshop al termine del percorso formativo sui casi studiati e presentazione della pubblicazione. L azione ha infine previsto, a chiusura del percorso formativo e per la presentazione della pubblicazione prodotta, l organizzazione di un simposio/meeting europeo a fine settembre 2006, aperto a tutti i giovani provenienti dalle aree rurali dell Unione Europea finalizzato allo scambio di esperienze e al dialogo sulle tematiche rilevanti in materia di sviluppo rurale. Meeting: I giovani d Europa e le nuove tecnologie: i nuovi protagonisti dello sviluppo rurale - 29 settembre CASTELLO DI ORAMALA, VAL DI NIZZA (PV) Si tratta del primo simposio internazionale sulle nuove tecnologie, numeroso il pubblico, specie di giovani, presente all incontro. In apertura, Serena Tarangioli dell INEA ha dato Val di Nizza, 29 Settembre 2006 Il Tavolo dei relatori al simposio una visione, quanto mai azzeccata su: i giovani, risorsa che territori come il nostro non deve assolutamente perdere, e le nuove tecnologie che molto possono fare per 9

10 migliorare la qualità della vita nelle aree rurali. Giovani e nuove tecnologie rappresentano la chiave del successo delle aree marginali, risorse fondamentali per combattere l impoverimento dei nostri territori, sempre più afflitti dai problemi dello spopolamento e dalla scarsa attrattività per la mancanza di opportunità di vita e di lavoro. Un esempio concreto ci viene da paesi come l Irlanda e la Scozia, territori marginali e forse ancor più svantaggiati che hanno saputo sfruttare a pieno gli investimenti in nuove tecnologie portando un miglioramento alla popolazione rurale o che vive isolata. Castello di Oramala, 29 Settembre 2006 Partecipanti al simposio internazionale sulle nuove tecnologie Per l esperienza irlandese, Martine Ruzza del centro di ricerche MAC ha presentato il progetto A-BARD, illustrando i benefici della banda larga in aree rurali come ad esempio un mercato più vasto per le aziende; un contatto diretto tra gli acquirenti ed i venditori; informazioni e sostegno attraverso bollettini ( informative)/forum ecc; inoltre, la banda larga ha permesso di interagire con le autorità locali online minimizzando i viaggi verso banche o altri enti amministrativi. Anche l esperienza scozzese si è rivelata essere un caso esemplare che va oltre ogni aspettativa. Alle evidenti difficoltà dovute alla tipologia dei territori delle Isole del North Argyll, isole poco abitate e difficilmente raggiungibili, si è aggiunto lo scetticismo della popolazione autoctona che non capiva il motivo per cui il governo regalasse loro un computer ed un collegamento internet gratuito oltre che la loro formazione. Nonostante gli ostacoli incontrati il governo locale ha voluto investire molte risorse in questo progetto e i risultati sono stati sorprendenti, oggi si può veramente dire che la qualità di vita di quelle popolazioni è notevolmente migliorata. Anche i casi italiani sono stati molto interessanti, come l esperienza della Provincia di Trento portata da Stefano Longano di Trentino Network, con un progetto sulla banda larga che è riuscito a coprire ben 150 comuni prima non raggiunti neanche dalla ADSL. E 10

11 poi il caso del Comune di Bardi, piccolo borgo dell Appennino Emiliano completamente online. Numerosi sono stati gli spunti di riflessione per il nostro territorio, il Gal Alto Oltrepo con questo primo incontro internazionale ha istaurato importanti relazioni con realtà più sensibili al tema dell innovazione tecnologica e si augura di aver dato il via ad un processo virtuoso che, prima ancora di portare la banda larga nell Oltrepo Montano, sensibilizzi la comunità locale sull importante ruolo che le nuove tecnologie giocano nella vita delle popolazioni rurali e dei giovani che vogliono costruirsi un futuro su questo territorio. Azione Sito Azione di competenza del Gal le Beau Canton de Gaume Realizzazione di un sito internet comune per lo scambio di esperienze progettuali in aree rurali E stato messo in rete un sito internet interattivo per la creazione di una rete internazionale d informazione e di scambio dedicato ai giovani del mondo rurale. Il sito è in tre lingue (inglese, francese, italiano) ed è possibile discutere on line in un forum di discussione in materia di sviluppo locale, il sito contiene inoltre informazioni sul progetto, mette a disposizione la documentazione e una banca dati dei progetti che approcciano i temi considerati, lo scopo è quello di favorire una maggiore consapevolezza dei territori coinvolti della propria identità rurale. Il Gal Alto Oltrepo ha contribuito alla creazione del sito attraverso la fornitura di documentazione, informazioni e dell abstract in inglese sulla pubblicazione realizzata. Azione Incontri internazionali identità territoriali e modelli di sviluppo a confronto Azione di competenza del Gal le Beau Canton de Gaume L azione ha previsto l organizzazione di un meeting europeo sul tema dell identità territoriale ed i giovani. Il meeting si è tenuto il 28, 29 e 30 luglio 2006, a Chiny in Belgio, nel territorio del gal capofila. L incontro ha permesso il confronto tra realtà diverse accomunate dalla condizione di ruralità, il dialogo e il confronto tra i ragazzi di tutta Europa hanno discusso delle problematiche e delle difficoltà dell essere giovani in zone rurali. Chiny, 29 Luglio 2006 Foto di gruppo dei partecipanti agli incontri internazionali 11

12 Considerazioni finali Il progetto di cooperazione transnazionale Gioventù e ruralità ha portato una ventata di innovazione ed internazionalità ad un territorio che sembra aver dimenticato l importanza del confronto con territori lontani che affrontano problemi comuni. Pur trattandosi del primo progetto transnazionale realizzato dal Gal, l esperienza si è rivelata di alto valore, consentendo lo scambio e il confronto tra realtà diverse. Grazie alla volontà comune dei due Gal, nel corso del 2006 sono state realizzate importanti azioni rivolte ai giovani. In particolare, il percorso formativo ha dato l opportunità ai partecipanti di delineare le proprie idee ed aspirazioni in un progetto realizzabile sul territorio. A distanza di un anno alcuni dei progetti nati da queste idee si stanno concretizzando. Il progetto ha dimostrato che ci sono ancora molti giovani che vogliono vivere nelle aree rurali e si impegnano per farlo e per crearsi un occupazione ed una vita in Oltrepo anche senza attendere un sostegno economico dall esterno. I rapporti che il Gal Alto Oltrepo ha stretto in questi due anni di lavoro con il Gal belga sono stati sempre più che buoni e seppur parlando lingue diverse, si è sempre trovato un perfetto accordo sia nelle intenzioni progettuali che nelle attività di realizzazione del progetto. Questa intesa, nata un po per caso, si auspica continui anche in futuro per i prossimi programmi di cooperazione. Varzi, 31 maggio

Realizzato con il contributo dell I.C. Leader Plus - Asse II Progetto di Cooperazione Transnazionale Gioventù e ruralità in Europa

Realizzato con il contributo dell I.C. Leader Plus - Asse II Progetto di Cooperazione Transnazionale Gioventù e ruralità in Europa Realizzato con il contributo dell I.C. Leader Plus - Asse II Progetto di Cooperazione Transnazionale Gioventù e ruralità in Europa A Paolo, in cammino La presente pubblicazione Tornare ai crinali: percorsi

Dettagli

POLITECNICO di MILANO e FONDAZIONE IREALP Con la collaborazione di ADEU, Advocacy Europe PRESENTANO

POLITECNICO di MILANO e FONDAZIONE IREALP Con la collaborazione di ADEU, Advocacy Europe PRESENTANO POLITECNICO di MILANO e FONDAZIONE IREALP Con la collaborazione di ADEU, Advocacy Europe PRESENTANO MASTER IN ISTITUZIONI EUROPEE E SVILUPPO DELLA PROGETTAZIONE TERRITORIALE EUROPEA PER LA MONTAGNA Gennaio

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE PROGETTO. Promuovere uno sviluppo economico basato sul territorio

Dettagli

Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico

Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico Giornata Mondiale della Terra Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico Economie e identità locali, dinamiche demografiche e servizi ecosistemici nelle

Dettagli

ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione

ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione #1 IL PROGETTO APPENNINO ReStartApp rientra tra le iniziative del Progetto Appennino, fortemente voluto dal dott. Riccardo Garrone e su cui oggi è impegnata la Fondazione Edoardo Garrone, per il rilancio

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO Agro-Med Quality Plateforme Méditerranéenne pour la Qualité dans l Agriculture et l Agroalimentaire 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DEL PROGETTO AGRO-MED QUALITY

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

Incontro di Satriano di Lucania: Azioni di sistema per lo sviluppo dell agro-alimentare

Incontro di Satriano di Lucania: Azioni di sistema per lo sviluppo dell agro-alimentare Bollettino mensile N. 6 Maggio 2014 Ultime dal progetto Incontro di Satriano di Lucania: Azioni di sistema per lo sviluppo dell agro-alimentare A cura della redazione L incontro di Satriano di Lucania

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione LA VALORIZZAZIONE DELLE BIOMASSE IN TOSCANA: LIMITI E OPPORTUNITA Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione In collaborazione con: 1 Indice 1. LE SCELTE METODOLOGICHE 1.1 Gli obiettivi 1.2 I soggetti coinvolti

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani

ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani CONVEGNO Milano, 7 e 8 maggio 2009 Auditorium Giorgio Gaber Palazzo della Regione

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno di Anna Lindh Foundation www.euromedalex.org Acting

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + Progetto MERCATO AMICO

Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + Progetto MERCATO AMICO LEADER + REGIONE PUGLIA G.A.L. Luoghi del Mito UNIONE EUROPEA Programma di Iniziativa Comunitaria LEADER + ASSE II: Sostegno alla cooperazione tra territori rurali Misura II.1 Cooperazione interterritoriale

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI Approvato dal CDA del Gal SCHEDA INTERVENTO A GESTIONE DIRETTA GAL Bassa Padovana con delibera n. del 09.. PROGRAMMA

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

CALL FOR IDEAS BANDO DI SELEZIONE PER LA PARTECIPAZIONE AL CAMPUS

CALL FOR IDEAS BANDO DI SELEZIONE PER LA PARTECIPAZIONE AL CAMPUS CALL FOR IDEAS BANDO DI SELEZIONE PER LA PARTECIPAZIONE AL CAMPUS RESTARTAPP ART. 1 NORME GENERALI Sono aperte le iscrizioni alla prima edizione di ReStartApp, Campus gratuito di incubazione e accelerazione

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Sabrina Franceschini Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità, strumenti di partecipazione I

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario CORSO DI GUIDA SICURA AUTO E MOTO (BBCF_4_2012)... 1 29-10-2012 SCHEDA di presentazione progetti

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale : L Europa investe nelle zone rurali

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale : L Europa investe nelle zone rurali FEASR Fondo europeo agricolo : L Europa GAL SIBILLA Società Consortile a r. l. Località Rio, 1 62032 Camerino (MC) P. IVA 01451540437 Telefono 0737 637552 Fax 0737 637552 E mail info@galsibilla.it Piano

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 Dicembre 2011 Maggio 2012 secondo anno di collaborazione Italia Nostra Onlus- MIUR MIUR ITALIA NOSTRA più di 10 anni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA PER GUIDA TURISTICA

CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA PER GUIDA TURISTICA Con l adesione di Associazione culturale e di formazione Via SS. Giacomo e Filippo n.7 73100 LECCE C.F. 93117550751 cell. +39 380.8946000 Web: www.formandopuglia.it formandopuglia@gmail.com ORGANIZZA IL

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

GAL Baldo Lessinia. Il Raccolto delle Idee I risultati dei primi 7 incontri

GAL Baldo Lessinia. Il Raccolto delle Idee I risultati dei primi 7 incontri GAL Baldo Lessinia Il Raccolto delle Idee I risultati dei primi 7 incontri IL PERCORSO Nei sette anni che si sono appena conclusi (2007-2013), il Gruppo di Azione Locale Baldo-Lessinia ha finanziato progetti

Dettagli

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Paolo Grigolli Chiara Bille Caprino Veronese 16 ottobre 2014 PROGETTO DI PROMOZIONE DEL TURISMO RURALE: I

Dettagli

INDICE. 1 Il progetto AgriSociale... 2. 2 Il processo partecipativo e il workshop di Santadi... 3. Crediti... 20

INDICE. 1 Il progetto AgriSociale... 2. 2 Il processo partecipativo e il workshop di Santadi... 3. Crediti... 20 Workshop di Progettazione Partecipata Santadi, 3 febbraio 2012 INDICE 1 Il progetto AgriSociale... 2 2 Il processo partecipativo e il workshop di Santadi... 3 2.1 I servizi sociali finanziabili dalla Misura

Dettagli

SERN. Newsletter. L Assemblea Generale 2007. 26 Marzo 2007 Volume 2 Numero 1 Versione Italiana

SERN. Newsletter. L Assemblea Generale 2007. 26 Marzo 2007 Volume 2 Numero 1 Versione Italiana SERN 26 Marzo 2007 Volume 2 Numero 1 Versione Italiana Newsletter SWEDEN EMILIA ROMAGNA NETWORK, Po Box 6141, 40138 Bologna, Italy - Visits:Viale A. Moro 44. http://www.sern.eu info@sern.eu +39 348 3892600

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGA Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto GIPRO_1_ 2015 2. Titolo del progetto "Essere educatore. Ruolo e strategie psico-educative per chi inter-agisce

Dettagli

Primo Workshop Nazionale NELLIP. Promuovere la qualità nello sviluppo delle competenze linguistiche in connessione con il Label Europeo delle Lingue

Primo Workshop Nazionale NELLIP. Promuovere la qualità nello sviluppo delle competenze linguistiche in connessione con il Label Europeo delle Lingue Primo Workshop Nazionale NELLIP Promuovere la qualità nello sviluppo delle competenze linguistiche in connessione con il Label Europeo delle Lingue Verbale dell incontro Firenze 24 gennaio 2014 1 Si è

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

Come sviluppare e migliorare l insegnamento e l apprendimento delle scienze

Come sviluppare e migliorare l insegnamento e l apprendimento delle scienze Giuseppe Carcano 1 Come sviluppare e migliorare l insegnamento e l apprendimento delle scienze Dal 5 al 10 aprile ho avuto la bella opportunità di partecipare ad una visita di studio CEDEFOP (European

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

25 febbraio 2012 Scuola e formazione. Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti

25 febbraio 2012 Scuola e formazione. Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti 25 febbraio 2012 Scuola e formazione Beatrice de Gerloni Nicoletta Pontalti Anna 25 min 10 min 10 min Progetto didattico Animare la memoria della Grande Guerra Progetto nato all interno della Rete Trentino

Dettagli

CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità ( Provincia di Siracusa ) Ufficio Segreteria del Sindaco Servizio Comunicazione. Comunicato

CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità ( Provincia di Siracusa ) Ufficio Segreteria del Sindaco Servizio Comunicazione. Comunicato Comunicato Resoconto della 1^ Conferenza programmatica della Rete delle Agende 21 locali dei 5 Comuni della Zona Sud della provincia di Siracusa Noto, 16 novembre 2010 Si è svolta a Noto giovedì 11 novembre

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

Roma, 13-14 maggio 2013. Seminario CETS

Roma, 13-14 maggio 2013. Seminario CETS Roma, 13-14 maggio 2013 Seminario CETS La Carta Europea del turismo sostenibile nelle aree protette e l autofinanziamento dei parchi nell esperienza del Parco Alpi Marittime Patrizia Rossi Direttore Parco

Dettagli

Il tema dell occupazione del personale

Il tema dell occupazione del personale Anche volontariato e non profit possono facilitare gli scambi fra i Paesi europei. Italia e Polonia, per esempio, hanno promosso un progetto comune per risolvere una reciproca emergenza: quello della carenza

Dettagli

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Annalisa Del Prete, Catia Zumpano - 1 Aprile 2014, Sala Cavour- Mipaaf Indice - L approccio di genere nelle politiche

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4:

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4: SCHEDA PROGETTUALE Titolo del progetto Le terroir rural pour un tourisme durable Tipologia progettuale Modalità di attuazione Misure di riferimento Beneficia ri Descrizione qualitativa del progetto Aziende

Dettagli

Libro verde sulla coesione territoriale. Note in risposta alle domande per il dibattito. Autore: Alberto Cardino. Parma (Italia), 25 Febbraio 2009

Libro verde sulla coesione territoriale. Note in risposta alle domande per il dibattito. Autore: Alberto Cardino. Parma (Italia), 25 Febbraio 2009 Libro verde sulla coesione territoriale Note in risposta alle domande per il dibattito Autore: Alberto Cardino Parma (Italia), 25 Febbraio 2009 Il presente documento rappresenta un contributo personale

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

10. SCHEDE COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE

10. SCHEDE COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE 10. SCHEDE COOPERAZIONE INTERTERRITORIALE La concertazione tra i GAL marchigiani ha permesso di individuare 5 azioni interterritoriali ed una transnazionale da attivare congiuntamente. Tali azioni si collegano

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP

ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP PIANO DIDATTICO ReStartApp PIANO DIDATTICO COS È RESTARTAPP ReStartApp è un incubatore temporaneo di impresa per il rilancio dell economia appenninica. Un campus residenziale della durata di tre mesi insediato

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro TRAINING HUMAN OCCUPATION RESEARCH ONLUS Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro Bando Garanzia Giovani Regione Molise 2015 SEDE DI ATTUAZIONE TERMOLI NUMERO VOLONTARI 2 TITOLO PROGETTO

Dettagli

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1. Il Progetto strategico Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1.1. Descrizione del progetto: L Istituto espazia ha una rete parziale cablata all interno della

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Psicologia Educazione Società 1

Psicologia Educazione Società 1 Psicologia Educazione Società 1 copyright 2012 Euno Edizioni via Mercede 25-94013 Leonforte (En) Tel. e Fax 0935 905300 info@eunoedizioni.it Copertina di Emilio Barbera Finito di stampare nel febbraio

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 Leader

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 Leader SCHEDA PROGETTO A REGIA GAL Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 Leader Approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza del Gal Alto Bellunese n. 26 del 11.07.2012 1. GAL

Dettagli

Il quadro internazionale

Il quadro internazionale Per una politica dell insegnamento delle lingue RAGONAMENT 31 D UGO PANETTA l quadro internazionale n Europa l attenzione all importanza dello studio delle lingue si è affermata da lungo tempo. Già il

Dettagli

Creare Valore con il Supply Chain Management

Creare Valore con il Supply Chain Management Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani Settembre - Novembre 2013 Creare Valore con il Supply Chain Management Bologna 26 settembre Fabbrica Futuro - Il settore Moda Firenze 10 ottobre

Dettagli

Conferenza dei Servizi Sociali Europei. World Forum, L'Aia - 20-22 giugno 2016

Conferenza dei Servizi Sociali Europei. World Forum, L'Aia - 20-22 giugno 2016 Conferenza dei Servizi Sociali Europei World Forum, L'Aia - 20-22 giugno 2016 Il futuro è locale! Responsabilizzare le comunità, combattere la povertà, migliorare i servizi Programma di workshop: chiamata

Dettagli

6 marzo 6 giugno 2014

6 marzo 6 giugno 2014 Gli organizzatori dei Tour nazionali: Piano Casa 2010 Edifici a Energia Quasi Zero 2011, 2012 e 2013 Smart Village2012 e 2013 Forum Tecnologie e Costruzioni 2013 presentano 2014 6 marzo 6 giugno 2014 segreteria

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES. REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES REPORT 13 Aprile 2012 Atelier Urban Center 2 Incontro Tavolo 3: Interventi nel settore terziario, industriale e dell economia verde Report sintetico dell'incontro del

Dettagli

METODO I laboratori verranno condotti con modalità interattive e verrà dato quindi ampio spazio a esercitazioni pratiche.

METODO I laboratori verranno condotti con modalità interattive e verrà dato quindi ampio spazio a esercitazioni pratiche. DESTINATARI Laboratorio base 20 posti destinati a giovani di associazioni o di gruppi informali residenti nella provincia di Pesaro e Urbino, con priorità a giovani di età non superiore a 30 anni residenti

Dettagli

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

Nota dell Editore. Prefazione

Nota dell Editore. Prefazione Prefazione La vita umana viene studiata scientificamente da molte discipline e da molto tempo. Considerato che la psicologia sociale ha appena compiuto i suoi primi 100 anni ufficiali, pertanto è una disciplina

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

2007-2014 - 2020. Sessione II Turismo Rurale Le nuove tendenze. Dott. arch. Mario Panizza. Varzi 21 dicembre 2012

2007-2014 - 2020. Sessione II Turismo Rurale Le nuove tendenze. Dott. arch. Mario Panizza. Varzi 21 dicembre 2012 Varzi 21 dicembre 2012 ASSEMBLEA Comunità Montana Oltrepò Pavese Sessione II Turismo Rurale Le nuove tendenze 2007-2014 - 2020 Dott. arch. Mario Panizza SU QUALI SENTIERI STA ANDANDO LO SVILUPPO RURALE

Dettagli

HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO

HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO CORSO DI MASTER LEVEL IN: HOUSING SOCIALE E COLLABORATIVO Programmare, progettare e gestire l abitare contemporaneo. Il corso è organizzato dal Consorzio POLI.design del Politecnico di Milano ed è supportato

Dettagli

Corso di alta formazione novembre 2011 novembre 2012. PAESAGGIO UTILE Progetti di gestione del paesaggio

Corso di alta formazione novembre 2011 novembre 2012. PAESAGGIO UTILE Progetti di gestione del paesaggio Corso di alta formazione novembre 2011 novembre 2012 PAESAGGIO UTILE Progetti di gestione del paesaggio PERCHE QUESTO CORSO Il piacere di abitare: uno dei motori che danno vigore alla civiltà euro-mediterranea.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sintesi dei risultati della ricerca

Sintesi dei risultati della ricerca progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi Progetto A.I.M.S. - Accoglienza ed Integrazione dei Minori Stranieri Azione 3 Realizzazione indagine

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto CEM_10_ 2015 2. Titolo del progetto Guida Sicura 3. Riferimenti del compilatore Nome Roberta Cognome Gottardi

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

ART. 3 Contenuti e organizzazione della didattica. Il Master universitario inizierà a novembre 2009 e terminerà a ottobre 2010.

ART. 3 Contenuti e organizzazione della didattica. Il Master universitario inizierà a novembre 2009 e terminerà a ottobre 2010. Il Rettore Decreto Rep. n 1477 Prot. n 12905 Data 19.06.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

PROGRAMMA ITALIA FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 PIANO DI COMUNICAZIONE

PROGRAMMA ITALIA FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 PIANO DI COMUNICAZIONE PROGRAMMA ITALIA FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 PIANO DI COMUNICAZIONE GENNAIO 2008 Version du 27/02/07 1 Premessa Il Piano di comunicazione del Programma Operativo Italia-Francia Marittimo, così come prescritto

Dettagli

DONNE E LAVORO IN MONTAGNA Creatività Competenza Innovazione Tradizione Trento, 30 novembre 2013

DONNE E LAVORO IN MONTAGNA Creatività Competenza Innovazione Tradizione Trento, 30 novembre 2013 DONNE E LAVORO IN MONTAGNA Creatività Competenza Innovazione Tradizione Trento, 30 novembre 2013 Anna Pasquali Progettazione e Marketing Territoriale www.raccontastorie.xoom.it di cosa vi parlerò come

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

CONCORSO D IDEE VERSO EXPO START UP

CONCORSO D IDEE VERSO EXPO START UP YEP CONCORSO D IDEE VERSO EXPO START UP TERMINE PRESENTAZIONE DOMANDA: il giorno 30 maggio alle ore 12.00 vedi art. 8 MODALITA PARTECIPAZIONE: - invio tramite pec - consegna a mano - consegna attraverso

Dettagli

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale,

collaborativo. Quando parlo di processo collaborativo faccio riferimento a un sistema di confronto e dialogo molto forte con il sistema regionale, Lorenzo Broccoli Vista l ora, non voglio fare come Maramaldo e uccidere un uomo morto, quindi teniamo sullo schermo la slide numero 1 con il titolo, così ogni tanto destandovi vedrete di cosa sto parlando.

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli