Il computer come medium - 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il computer come medium - 4"

Transcript

1 Economia del Micromarketing Modulo di Database e Internet Marketing 2 Il computer come medium - 4 La trasformazione del computer in medium di massa nasce con il World Wide Web, la interfaccia grafica che permette di esplorare in maniera ipermediale i contenuti dei server che formano la Rete (1989 Berners- Lee). Con esso si può far fruire lo stesso contenuto multimediale sito web a una massa, insieme indistinto di soggetti riceventi Nascono i portali (portal site), organizzati intorno ad una serie di servizi, e diventano aggregatori, permettono di cercare, informano, intermediano. Yahoo (1994, Stanford, J. Yang e D. Filo) è un elenco strutturato di siti organizzato mediante parole chiave e risponde al bisogno di uno strumento che aiuti a trovare i files presenti su Internet. La valutazione umana è precisa ma lenta. Nascono così i motori di ricerca, siti che categorizzano i contenuti del Web in maniera automatica tramite un software detto robot o spider che analizza le principali caratteristiche delle pagine presenti sul web: titolo, contenuti, link con altri siti.

2 Come funziona Google Si sviluppano la webmail, per consultare la propria casella di posta da computer differenti La webchat, per chattare su una pagina di Internet con un nickname e eventualmente con un personaggio grafico stilizzato detto avatar L audio/video chat, che riduce il limite della rarefazione della comunicazione tipico di Internet L instant messaging, dall integrazione tra le chat e la posta elettronica: consente la conversazione sincrona, testuale ed anche vocale tra più utenti contemporaneamente collegati ad Internet e incluse in liste predefinite (contact lists). E la madre dei social networks perché per la prima volta consente di definire una rete sociale a cui limitare l attività comunicativa. Diversamente dall , consente di scegliere i mittenti e garantisce l identità dell interlocutore e permette di sapere in tempo reale chi è online. Ciò facilita la comunicazione spontanea. Inoltre è meno intrusiva e consente di inviare files.

3 Popolarità di una pagina web: intesa come quantità e qualità dei collegamenti da siti esterni. In generale, il valore PageRank per ogni pagina dipende dai valori PageRank di ogni pagina v dell insieme B Che è l insieme di tutte le pagine che hanno un link a u,diviso per L(v) che è il numero di links che escono dalla pagina v. La qualità è determinata dall importanza dei sito da cui viene il collegamento: per ogni parola chiave sono stati definiti i core sites in ordine di importanza. Continuamente Google sviluppa servizi per estendere la capacità di ricerca alla dimensione sociale della rete, come Google social search, che consente di cercare una parola nelle discussioni o nei profili della nostra rete sociale Parallelamente, si è sviluppato il Search Engine Optimization, un insieme di tecniche per aumentare la probabilità che le pagine web di un sito ricevano un punteggio elevato di pagerank (filenames, link farms, headline tags ) Il computer come medium - 5 L espressione multimediale: il Web 2.0 Il termine è coniato nel 2004 dall editore americano O Reilly Media, per una serie di conferenze sulla nuova generazione di strumenti internet che enfatizzavano la collaborazione online e la condivisione tra utenti. Specificamente, le applicazioni di tipo Web 2.0 (elenco completo a sono caratterizzate da: Accesso avviene tramite web, con il browser Cambia il linguaggio di descrizione dei contenuti delle pagine, da html ad Ajax (Asynchronous JavaScript and XML) che consente maggiore velocità di caricamento delle pagine perché richiama solo gli elementi usati effettivamente dall utente Faciltà d uso (interfaccia web) Espressione: L utente può esprimersi e generare nuovi contenuti (usergenerated content) Comunicazione: Ogni nuovo contenuto è accessibile immediatamente all intera comunità Internet Comunità: la versione finale dei contenuti è il risultato dell interazione tra una comunità di utenti che ha un ruolo attivo nella creazione, commento e condivisione

4 I più significativi strumenti web 2.0 sono: Aggregatori Rss Blog Wiki Servizi di condivisione di contenuti multimediali Social networks Gli aggregatori RSS L aumento esponenziale dei contenuti web anche grazie agli strumenti web 2.0 ripropone la necessità di individuare le informazioni effettivamente rilevanti L approccio adottato è quello della categorizzazione collaborativa mediante l utilizzo di parole chiave (tags) scelte liberamente dagli utenti (folksonomy) Berners-Lee propone il Semantic Web, ovvero un estensione del web in cui tramite il linguaggio Xml (Extensible Markup Language) vengono creati dei metadati che descrivono le caratteristiche degli oggetti Web e loro parti (chi lo ha scritto, a cosa è connesso ). Ciò consente la ricerca anche automatizzata. L RSS (Resource Description Framework Site Summary, o anche Really Simple Syndication) è un programma basato sul sistema Xml che permette di strutturare in parti (titolo, corpo, collegamenti) e descrivere notizie e contenuti che si aggiornano di frequente (data, durata, tipo di argomento) per facilitarne la distribuzione. Le fonti (siti di informazioni, blog) pubblicano notizie in formato Rss (feed) che possono poi essere lette con un programma detto news reader che le analizza e organizza (es Google News).

5 I blog Log significa in inglese giornale di bordo e il verbo to log significa registrare qualcosa. Blog è la crasi di weblog. Si tratta di una pagina web gestita autonomamente che consente di pubblicare in tempo reale notizie o storie di ogni genere mescolando testo, grafica e collegamenti ad altre pagine web. Sono una fusione tra web e newsgroup, poiché ogni informazione pubblicata può essere commentata, con o senza presenza di moderatore, e si possono creare discussioni sugli argomenti trattati. Diversamente dai newsgroup, i commenti si dispongono dall alto appena pubblicati, in ordine cronologico. E un mezzo di successo perché rende semplice esprimersi su Internet: La creazione di contenuti per il blog non richiede alcuna conoscenza tecnica Non richiede il possesso di un dominio internet, che viene ricevuto in automatico Per la gestione dei contenuti (caricamento, eliminazione) si usano interfacce grafiche di tipo scrivi e cancella semplici e gratuite Inoltre rende bidirezionale il processo comunicativo sul web, perché posso recepire quello che gli altri pensano dei miei contenuti. Inoltre non è veloce come la chat e facilita quindi la riflessione e la discussione su tematiche complesse Oggi sono usati principalmente per: Diario personale: mettere online storie personali ed emozioni Fornitura di notizie Strumento di supporto al lavoro collaborativo a distanza Strumento di marketing Nasce il giornalismo diffuso emergente dal basso. Favorisce la nascita di comunità virtuali.

6 I wiki In lingua hawaiana wiki wiki significa veloce. Si tratta di un sito o blog i cui contenuti: Sono sviluppati in collaborazione da tutti coloro che vi hanno accesso, come in un forum, in modo molto semplice, come scrivendo su Word; Sono modificati dagli utilizzatori. La modifica è libera e la cronologia è registrata in modo da permettere eventualmente ad un supervisore di ripristinare versioni precedenti. Wikipedia E possibile creare un proprio wiki tramite una wiki farm un sito Internet che previa registrazione offre l interfaccia e lo spazio Servizi di condivisione di contenuti multimediali Per superare il limite dei blog, che consentono la condivisione prevalentemente di testo, sono nati servizi in grado di condividere contenuti multimediali, soprattutto immagini (photo sharing) e video (video sharing), anche creati fuori del web. Flickr (2004) grazie al forum è diventato presto una comunità YouTube (2005), acquisito da Google nel Il successo è legato alla facilità di caricamento e distribuzione dei video, che chiunque abbia un browser e Flash player può vedere Problema dei diritti di autore Creazione di canali tematici per promuovere prodotti commerciali Accordi per la redistribuzione dei profitti

7 Le origini dei Social Networks Sixdegrees.com Fondato nel 1997 da A. Weinreich come sito di incontri online che superasse gli inconvenienti tipici: presenza di informazioni false e di malintenzionati. Applica il concetto di gradi di separazione : una persona è distante 1 grado di separazione dalle persone che conosce personalmente (amici), 2 gradi dai soggetti conosciuti personalmente dagli amici (amici degli amici), 3 gradi dalle persone conosciute personalmente dagli amici degli amici etc. Il sistema consente di creare relazioni solo con persone distanti fino a 3 gradi, affinchè: Fosse possibile verificare le informazioni presenti nei profili chiedendo conferma ai propri amici Ottenere informazioni indirette su una persona dall analisi della sua rete sociale Le persone contattate provengono da un contesto socioeconomico simile, il che favorisce amicizia e relazioni. Era troppo in anticipo sui tempi. Troppe poche persone (entro 3 gradi) erano online, mancava un modello di business capace di sostenere la crescita. Tuttavia, è il primo servizio online ad includere tutte le possibilità di esperienza sociale proposte separatamente dai diversi strumenti della rete, specificamente, per riassumere: i newsgroup hanno permesso di creare le reti sociali virtuali, l instant messaging di creare una rete sociale chiusa e contattarne i membri, il sito web e il blog consentono di creare contenuti e condividerli, il wiki di crearli in maniera collaborativa. Sei gradi di separazione

8 La maturità Ryze.com creato nel 2001 da A. Scott è il primo SN pensato per l ambito commerciale e professionale, per fare affari insieme, con una maggiore tutela della privacy. L autore coinvolse programmatori e imprenditori di S. Francisco che su questa esperienza crearono SN di grande successo come Linkedin e Friendster Friendster contiene già molte delle caratteristiche dei SN più recenti: il nuovo utente si iscrive, compila un breve questionario descrittivo, invita gli amici a fare lo stesso, può esplorare i profili degli altri e contattarli per iniziare una amicizia. L accettazione dell amicizia permette all utente di contattare direttamente l amico e di esplorare la sua rete sociale per decidere nuovi inviti. Consente fino a 4 gradi di separazione. Crea rapidamente massa critica il che mette a dura prova l infrastruttura Associa per primo un indice di popolarità ai membri in base al numero di amici nel SN. Chi ha più amici ottiene il titolo di più popolare. Le amicizie diventano per la prima volta un indicatore di status sociale. Questo spinge a voler allargare la propria rete sociale, trasformando il SN in rete sociale aperta. Molti utenti incominciarono a contattare le persone più popolari per poter accedere alle loro ampie reti di amici, alcuni crearono profili di entità astratte e perfino profili falsi di persone famose. Il SN non era più chiuso come voleva il fondatore La fase espressiva Dal 2003 sono nati moltissimi SN su modello di Friendster. Solo tre hanno raggiunto dimensione globale: MySpace (2003 T. Anderson e C. DeWolfe) fonde la struttura di Friendster con un sistema di condivisione di contenuti multimediali. In particolare è stato il primo a permettere l inserimento nel profilo di immagini, video etc. Questo lo ha reso il SN del mondo artistico e musicale. Acquisito nel 2005 da R. Murdoch. TheFacebook.com nasce nel 2004 (M. Zuckerberg) ad Harvard come versione online dell annuario ma costruita come SN per essere più popolare tra gli studenti. In 2 anni diversi investitori portarono 40 milioni di dollari attratti dal particolare target, il nome diventa Facebook, vengono introdotte le applicazioni gruppi, bacheca, foto, note eventi per aumentare le opportunità relazionali ed espressive, si consente l accesso a tutti i maggiori di 13 anni. Finanziata da Microsoft per oltre 500 milioni di dollari tra 2007 e 2008, ha potuto: creare 21 versioni locali del sito, in lingua; sviluppare Facebook Platform, un insieme di procedure utilizzabili insieme a Java per creare applicazioni all interno del SN, come Farmville; Facebook Connect, un insieme di procedure per integrare siti esterni con SN; Open Graph, per analizzare le intenzioni degli utenti attraverso l analisi della loro rete e dei loro gusti.

9 Il pulsante mi piace permette diventare fan di profili o di contenuti senza passare dal sito del social network e condividere immediatamente questa informazione con la propria rete attraverso la fan page. Sta diventando un aggregatore di informazioni e di servizi, come i portali di una volta. Dal 2010 produce profitti. Twitter (2006 J. Dorsey) è stato il primo SN pensato per essere utilizzato anche in mobilità, col cellulare. Il nome è la traslitterazione della parola tweeter, che viene da to tweet, in inglese cinguettare. E una soluzione di microblogging per raccontarsi in breve e sapere cosa fanno gli altri. Le comunicazioni non possono superare i 140 caratteri e la modalità di relazione è a stella : l emittente (tweeter) manda messaggio al ricevente (follower) che può rispondere ma non contattare gli altri destinatari, a meno che non autorizzato. Il ricevente può trasmettere il messaggio ricevuto alla propria rete semplicemente aggiungendovi RT (retweet), in questo modo la propagazione è velocissima. Anche perché non è necessario il collegamento a Internet ma è sufficiente il cellulare. Rispetto al concetto di amici qui l impegno sociale è meno gravoso. Anche Twitter cerca come Facebook di offrire nuovi servizi: i gestori di siti possono aggiungere follower a schede di profilo inserite nei propri siti e far apparire in un box i più recenti tweet relativi a specifiche parole chiave relative ai contenuti proposti. L uomo è un essere sociale: per questo motivo l esperienza sociale è un punto di riferimento importante per i comportamenti di un soggetto e per le sue decisioni. Attraverso l interazione sociale apprendiamo un linguaggio, una cultura e decidiamo chi vogliamo essere. Ma cos è l esperienza sociale? Secondo Tajfel (1999) l esperienza sociale di un individuo è definita da due aspetti: La rete sociale. L identità sociale La rete sociale: l insieme di persone cui sono collegato da una forma qualsiasi di relazione sociale, non da un tipo specifico. Il tipo di relazione invece individua i gruppi sociali cui si appartiene, all interno della rete. Dunbar (1998) ha dimostrato che umanamente non si riesce a gestire una rete sociale superiore a 150 persone. L identità sociale è il posizionamento dell individuo nei gruppi sociali (posizioni) di cui l individuo fa parte, che l individuo sperimenta nelle diverse occasioni (figlia, docente universitaria, amica, madre etc). La sommatoria delle sue appartenenze, che possono avere gerarchie diverse. Ogni posizione ricoperta ha a sua volta una dimensione semantica (riesco a individuare le caratteristiche che fanno dire che appartengo al gruppo) e valoriale (c è un investimento emotivo sul gruppo cui si appartiene e un sistema morale conseguente all appartenenza).

10 I vincoli spaziali e temporali nella storia dell umanità hanno sempre limitato le caratteristiche dell identità sociale e delle reti sociali, fino a che non sono arrivati i media (es. telefono). Lo sviluppo di Internet ha consentito di allargare i confini delle proprie reti sociali, perché posso far entrare nella mia rete sociale anche persone che non ho mai incontrato dal vivo, ma non solo. Internet nel tempo ha messo a disposizione strumenti che danno possibilità espressiva, e questo permette quindi di esprimere la propria identità sociale (descriverla e definirla). Infine, la possibilità di esplorare, cercare data dagli strumenti Internet consente un altro aspetto importante dell esperienza sociale: analizzare la posizione sociale degli altri, confrontarla con la nostra, eventualmente decidere in che direzione modificare la nostra rete sociale. Quindi l evoluzione del computer come medium permette di far entrare il virtuale nella nostra vita reale offrendo a tutti uno strumento potentissimo per creare e modificare la nostra esperienza sociale: Organizzare, estendere, esplorare, confrontare la nostra rete sociale Descrivere e definire la nostra identità sociale. Un SN è una piattaforma basata sui nuovi media che consente all utente di gestire sia la propria rete sociale sia la propria identità sociale. Lo fa attraverso le seguenti caratteristiche: La presenza di uno spazio virtuale in cui l utente può costruire ed esibire un proprio profilo Possibilità di creare una lista di altri utenti (rete) con cui è possibile entrare in contatto e comunicare Possibilità di analizzare le caratteristiche della propria rete, in particolare le connessioni degli altri utenti. (Boyd e Ellison, 2007) Quindi la caratteristica primaria non è di farci entrare in contatto con sconosciuti, ma di rendere visibili e utilizzabili le nostre reti sociali identificando opportunità altrimenti non evidenti.

11 Le tre fasi di evoluzione dei Social Networks Le origini : in questa fase i SN sono applicazioni web che integrano la possibilità di creare ed esplorare reti sociali chiuse Maturazione : si espandono le possibilità digestione della rete sociale, con la trasformazione delle reti da chiuse ad aperte Espressiva : i SN diventano vere applicazioni web 2.0 che consentono di gestire tutti gli aspetti della propria esperienza sociale: la rete sociale e le caratteristiche della propria identità sociale. In particolare diventano: Strumento di supporto alla propria rete sociale (consentono di organizzarla e di estenderla) Strumento di analisi dell identità sociale degli altri (lasi esplora e la si confronta) Strumento di espressione della propria identità sociale (che viene descritta e definita). Separatamente, ciascuna di queste attività è apparsa già in uno degli strumenti precedenti i SN La modalità di relazione è bidirezionale, nel caso di Facebook, ad esempio, e a stella nel caso di Twitter. La prima modalità permette di creare reti chiuse quindi verificabili e sicure di amici di amici, la seconda risponde a due bisogni opposti e complementari di emittente e ricevente: visibilità l uno, soddisfare la propria curiosità l altro. I SN consentono di descrivere la propria identità sociale agli altri con strumenti individuali (il profilo, i contenuti multimediali come foto, la bacheca propria o degli amici). Gli strumenti di gruppo sono: i gruppi, gli eventi e le applicazioni. I gruppi consentono a più persone di aggregarsi rispetto ad un interesse comune, creando un gruppo o aderendo ad uno esistente. L evento ha una logica simile ma è circoscritto spaziotemporalmente. Altre applicazioni consentono di descrivere ulteriormente la propria identità sociale (cause, viaggi etc).

12 Ricordiamo che Maslow insegna che i bisogni non sono isolati ma stanno in gerarchia: bisogni fisiologici, di sicurezza, associativi, di autostima, di autorealizzazione. Quindi il soggetto è spinto ad agire per soddisfare i bisogni del gradino a cui si trova, null altro. E i SN a che livello si collocano? Essi con i diversi strumenti contribuiscono a soddisfare diverse categorie di bisogni: Sicurezza: le persone con cui comunico sono solo amici e non estranei Autostima: posso scegliere amici ed essere scelto. Se tanti mi scelgono allora valgo Autorealizzazione: posso raccontare me stesso come voglio, posso usare le mie competenze per dare contributo ed aiutare Associativi: posso comunicare, scambiare risorse, anche cercare l anima gemella. Quindi offrono molteplici opportunità. E possono seguire l individuo nel tempo mano a mano che mutano i suoi bisogni. Inoltre, utilizzarli può essere un esperienza intrinsecamente motivante perché piacevole, con la sensazione di flusso che porta con se Non è un segmento di persone che li usa, caratterizzato da un profilo di personalità specifico, ma l uso è generalizzato perché i più vi trovano una qualche opportunità e/o un esperienza gratificante. Abbiamo detto che i Nuovi media sono i mezzi di comunicazione che utilizzano il digitale nella codifica delle informazioni (Flew 2008) I SN sono nuovi media e questo determina le loro caratteristiche: Modularità: ogni elemento è separato e si può agire su di esso senza alterare gli altri. Riutilizzo di contenuti infinite volte e connesso problema del diritto d autore. Interattività: la narrazione non è lineare ma l utente può muoversi liberamente per fruire dei contenuti. Si passa dalla narrazione della televisione a quella del database. Automazione: il medium svolge attività anche quando noi non ci siamo, vedi i suggerimenti o la compresenza geografica. Quindi si cercherà di introdurre agenti sempre più intelligenti Variabilità: il contenuto creato è modificabile, molto diverso da quanto accade con gli altri media non digitali ed accessibile con media diversi

13 Il futuro dei Social Network Diventeranno cross mediali. Data la progressiva digitalizzazione dei media tradizionali (radio e TV digitale, libro elettronico) l esperienza dei SN verrà presto integrata in altri media. E già toccato al telefono cellulare, che si sta trasformando (tastiera, rubrica di amici da SN) così come i SN (localizzatore GPS). Il passo successivo sarà la TV. Diventeranno luoghi virtuali. Lo spazio elettronico nei SN è diviso in aree che l utente osserva senza sentirvisi dentro, manca la presenza, che probabilmente si cercherà di aggiungere tramite avatar e mini room come in Cyworld (Corea del Sud) che attinge all esperienza dei Multiplayer Online Role-Playing Games (vedi SecondLife). Nasceranno diverse modalità di relazione mediata. Il concetto di comunità virtuale è diventato quindi maturo, grazie ad una interfaccia usabile, le garanzie sull identità degli interlocutori e l aumento dell esperienza degli utenti. Il Caso L.L. Bean 1912 Leon Leonwood Bean (L.L.Bean), la caccia e la Maine Hunting Shoe "Sell good merchandise at a reasonable profit, treat your customers like human beings, and they will always come back for more." 1917 il punto vendita di Freeport, Maine 1961 fattura 2 milioni $ 1967 Leon Gorman 1968 la lista clienti diventa un database (1 mio) 1980 si spediscono 25 milioni di cataloghi 1985 call centre per ordini telefonici 1995 sito web 2007 fattura 1,5 miliardi $

14 Le tappe della storia del Direct Marketing 1450 Joannes Gutemberg inventa la stampa e caratteri mobili 1498 La stamperia di Aldo Manuzio crea i primi libri portatili stampati ( aldine ), simili a quelli odierni. Produce stampe di classici greci e latini, poi dizionari. E nota per avere inventato il corsivo Nel 500 e 600 circolavano in Europa cataloghi di prodotti rari e di lusso, dai libri agli strumenti chirurgici alle porcellane orientali, mobili e vino Fino all 800 gli utilizzatori dei cataloghi erano una ristretta fascia di privilegiati, i pochi in grado di leggere e scrivere e acquistare beni costosi 1744 Benjamin Franklin pubblica un catalogo di near 600 volumes in most faculties and sciences. Fu il primo ideatore del concetto di soddisfatti o rimborsati, pilastro delle vendite per corrispondenza L Orvis pubblica il suo primo catalogo di articoli per la pesca e simili 1845 Tiffany & Company crea un Catalog of Useful and Fancy Article rivoluzionario per le piccole dimensioni e per l inclusione di centinaia di articoli di lusso importati dall Europa Il servizio postale Pony Express si estende su miglia e in 18 mesi dall istituzione consegna circa lettere e simili 1863 L introduzione del penny post è un incentivo per le vendite per corrispondenza 1865 Dopo la Guerra Civile americana le vendite per corrispondenza si espandono grazie alla crescita e all innovazione nell industria manifatturiera: si vendono libri, sementi, bazar, medicinali, macchine da cucire, strumenti musicali e altro 1867 L invenzione della macchina da scrivere rende possibile il direct mail come lo conosciamo oggi 1872 Montgomery Ward, la cui attività esiste ancora oggi, proponeva un catalogo di una sola pagina contenente alcune decine di prodotti da un dollaro

15 L Il primo treno postale veloce parte dalla Grand Central Station diretto a Chicago, coprendo 900 miglia e 33 tonnellate di posta. All arrivo, l ingegnere a capo del convoglio sviene, esausto, tra la folla festante 1877 Con la pubblicazione del suo secondo catalogo, Tiffany s inaugura la tradizione del catalogo annuale 1884 John Patterson acquista la National Manufacturing Company in disgrazia, ne muta il nome in National Cash Register e ne fa uno dei primi produttori di beni strumentali (B2B) ad utilizzare il direct marketing 1886 Un capostazione di nome Richard Warren Sears si dà alle vendite per corrispondenza grazie ad una partita di orologi irreclamata. La sua azienda si chiamerà The R.W. Sears Watch Company 1893 Il nome cambia in Sears, Roebuck and Company 1897 Il catalogo Sears aveva già 700 pagine e 6000 prodotti 1898 La C.W. Post incomincia ad utilizzare i buoni sconto per vendere i cereali da colazione (penny-off coupons) Homer J. Buckley usa per la prima volta l espressione direct mail. E il fondatore della Buckley-Dement di Chicago, la prima agenzia pubblicitaria al servizio del direct mail 1912 L.L. Bean fonda una delle società di vendite per corrispondenza di maggiore successo di tutti i tempi 1918 Si inaugura il primo servizio di posta aerea tra New York, Philadelphia e Washington D.C Harry Sherman e Maxwell Sackheim fondano il The Book-of-the- Month Club. Inventeranno anche la versione negativa con la quale si manda regolarmente merce al cliente fintanto che questi non disdice esplicitamente Nel 1927 Sears spediva 10 milioni di lettere, 15 milioni di cataloghi 1928 Le Poste americane introducono la bulk mail di terza classe, pensata specificamente per l invio di materiale pubblicitario 1936 Sotto la spinta della ripresa economica post Depressione e della esposizione centenaria del Texas, Neiman-Marcus pubblica il primo catalogo di Natale di grande formato (12 x 10.5 )

16 Fine anni 30 Harry e David lanciano il fruit of the month club, per la consegna a domicilio di frutta fresca Appaiono le prime regole di gestione del file clienti: 12 month prune rule Recency-Frequency-Monetary Poche e di bassa qualità le liste disponibili, quindi si punta soprattutto alla retention dei clienti già acquisiti Primi anni 40: Nasce la Televisione commerciale e una miriade di aziende di vendita diretta che propongono beni di consumo di modesto valore Fine anni 40 Il direct mail migliora in qualità e quantità: si creano le brochure a 4 colori e nuove tecniche promozioniali come bollini, gettoni, riffe, buoni sconto, inserti 1948-primi anni 50 Nascono i primi sistemi di TV via cavo, Community Antenna Television (CATV) in Pennsylvania e Oregon. La paura delle radio di subire la concorrenza della TV porta al limite dei 60-secondi per gli spot. Gli editori incominciano ad usare il telemarketing per raccogliere nuovi abbonati e riattivare quelli persi Metà anni 50 Appaiono le carte di credito Diners Club, BankAmericard (later to become Visa), American Express, Carte Blanche and Mastercharge (later to become MasterCard).

17 Anni Harold Mertz fonda la Publishers Clearing House con un primo mailing che propone abbonamenti scontati su 20 riviste. E ora la maggiore azienda di abbonamenti a riviste al mondo 1955 Columbia House, un rivenditore di dischi, in risposta ad un crescente mercato dei giovani, lancia il Columbia Record Club che offre 3 dischi gratis in cambio dell acquisto del quarto. Il sistema ha effetti positivi sulla domanda Fine anni 50 La divisione libri della Time-Life incomincia le vendite dirette di libri tematici (natura, scienza, storia ecc.) utilizzando i dati sugli abbonati alle riviste della casa madre 1956 Pan American World Airlines lancia una linea telefonica inbound per le prenotazioni attiva 24 ore su I pionieri delle vendite televisive notturne Samuel J. e Raymond Popeil incominciano la vendita delle O-matic (Veg-o-matic, Dial-o-matic, etc). Il loro stile di vendita diventa parte della cultura popolare Crescita del direct marketing dovuta all espansione dell economia del dopoguerra e al miglioramento delle liste Lista Polk e Donnelley, prima lista su fonti esterne Le Poste autorizzano la spedizione all occupant Evoluzione e differenziazione nel campo del list brokerage Anni Reader s Digest è il primo ad utilizzare l elemento della lotteria per stimolare gli abbonamenti Anni 60 AT&T introduce i servizi telefonici ad ampio raggio WATS, servizio economico per grandi volumi di chiamate, che segna l inizio dello sviluppo dei servizi di telemarketing locali e nazionali Anni L informatica, e la nascita dei numeri verdi, delle carte di credito e il lavoro fuori casa delle donne contribuiscono all affermazione del direct marketing come componente abituale della vita degli americani, canale e attività di vendita 1961 Viene usata per la prima volta l espressione direct marketing da Lester Wunderman (l inventore del numero verde e della cartolina per la risposta) in un discorso tenuto allo Hundred Million Club (ora the Direct Marketing Club of New York) 1962 Le poste americane adottano il cartoon Mr. Zip per diffondere l uso del CAP 1965 Si costituisce la Direct Marketing Educational Foundation

18 Anni : AT&T introduce il servizio di numero verde, un nuovo strumento di comunicazione per le imprese che risponde alle esigenze di una generazione indaffarata e orientata alla comunicazione, nonché dei clienti business 1967: diviene obbligatorio il codice postale sulla corrispondenza e la spedizione per codici omogenei Si sviluppa l interesse per i criteri di segmentazione Il Census Bureau incomincia a produrre dati demografici per cluster territoriale Aumentano i costi della spedizione postale Aumento del disturbo percepito dai consumatori L attenzione si sposta sulla creazione di liste più specifiche ed efficaci La principale pubblicazione di settore cambia nome e diviene Direct Marketing Anni 70 Anni 70 Rapido aumento tariffe postali Nascita di cataloghi specializzati e di nicchia, il che genera liste specifiche Sviluppo dell informatica e applicazione delle tecniche statistiche Diffusione delle carte di credito (cambia la percezione del pagamento) Numeri verdi Aumenta il numero delle donne lavoratrici e il costo della benzina Si accentua la ricerca dell efficacia Reader s Digest sperimenta la regressione multipla CHAID (Chi-squared automatic interaction detector) Mail Preference Service 1976 Il gruppo editoriale Time usa la pubblicità televisiva a risposta diretta per vendere abbonamenti a Sports Illustrated

19 Anni 80 Anni 80 Si sviluppa fortemente la pubblicità sulla TV via cavo, grazie alla possibilità di isolare segmenti molto specifici di spettatori. Nasce il Videotex (minitel in Francia, videotel in Italia) 1981 American Airlines lancia American Advantage il primo programma Frequent Flier 1989 Nasce il World Wide Web e la società del primo browser, Netscape Primi anni 90 America Online si quota in Borsa mentre il web viene aperto agli usi commerciali. Per la prima volta i consumatori che fanno acquisti da casa negli USA superano i 100 milioni IBM inventa il DB2. Il database diventa lo strumento principe per il direct marketing Nascono società specializzate nelle analisi di database: National Demographic & Lifestyles (garanzie) ACORN (geomarketing) Anni 80 Le analisi e le tecniche dei direct marketers si consolidano e si diffondono fuori dal settore delle vendite per corrispondenza. I primi ad adottare il direct/database marketing: compagnie aeree, società di carte di credito, sigarette, compagnie telefoniche, case automobilistiche Il vecchio mail order, diventato direct marketing, si evolve in database marketing

20 Anni Maturità e saturazione dei mercati Individualità dei consumatori Segmentazione spinta - proliferazione prodotti Innovazione tecnologica potenza elaboratori Globalizzazione Intensità della concorrenza Confronto tra brand loyalty e store loyalty Attenzione alla retention - importanza della relazione Applicazione dell IT al marketing per aumentarne efficacia e differenziazione Interattività Internet Proliferazione dei media e differenziali di efficacia Problemi legati alla privacy Social media Un po di linguaggio Mail order: vendite per corrispondenza Catalog sales o catalog business: vendite tramite catalogo Direct mail: tutte le forme di comunicazione pubblicitaria spedite direttamente a potenziali clienti attraverso il servizio postale pubblico o privato Telemarketing: vendita di prodotti e servizi con l impiego del telefono per contattare/farsi contattare dai potenziali clienti; Direct response: una reazione diretta da parte di un cliente potenziale/cliente/altro operatore verso l ente che ha compiuto una azione promozionale di tipo push

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Commercio elettronico e Web 2.0

Commercio elettronico e Web 2.0 Commercio elettronico e Web 2.0 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caso di studio: Google Google è uno degli

Dettagli

BASE STANDARD PREMIER. PREZZO 400 / mese 1000 / mese 2500 / mese SEO (SEARCH ENGINE OPTIMIZATION)

BASE STANDARD PREMIER. PREZZO 400 / mese 1000 / mese 2500 / mese SEO (SEARCH ENGINE OPTIMIZATION) BASE STANDARD PREMIER PREZZO 400 / mese 1000 / mese 2500 / mese SEO (SEARCH ENGINE OPTIMIZATION) PREVIA ANALISI SEO INTERNO Numero di parole, frasi, keyword o criteri di ricerca consigliati per ciascun

Dettagli

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti GIOVANNI CALABRESE Sito E-learning Istituto Tridente Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti Sommario 1. COS È MOODLE... 1 1.1 Requisiti necessari...1 1.2 Configurazione del browser...1 Impostazione

Dettagli

Internet e la sua evoluzione L O R E N Z O P A R I S I

Internet e la sua evoluzione L O R E N Z O P A R I S I Internet e la sua evoluzione L O R E N Z O P A R I S I Internet Rete mondiale di computer (rete di reti) È un infrastruttura basata su cavi e nodi Nata nel 1969 con il nome di Arpanet Fornisce molti servizi

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

Glossario 117. Glossario

Glossario 117. Glossario Glossario 117 Glossario Account È lo spazio concesso su un sito a un utente, per accedere ad alcune funzioni. Al momento della registrazione occorre fornire un username e una password, che diventeranno

Dettagli

Il consulente per l accesso al web e ai social network A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it www.facebook.com/zarabaraclaudia Giugno

Il consulente per l accesso al web e ai social network A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it www.facebook.com/zarabaraclaudia Giugno Il consulente per l accesso al web e ai social network A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it www.facebook.com/zarabaraclaudia Giugno 2014 Connessione Internet in Italia I dati (Censis) gli

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Cap.12 Raggiungere nuovi clienti attraverso il marketing digitale

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

3.1 Questionario di autovalutazione per pianificare un applicazione web centrata sull utente

3.1 Questionario di autovalutazione per pianificare un applicazione web centrata sull utente 1. INFORMAZIONI GENERALI Che soggetto/progetto culturale sono? Archivio Biblioteca Museo Istituzione che gestisce il patrimonio diffuso sul territorio Istituzione per la gestione e la tutela Centro per

Dettagli

Comunicazione Social per il Non Profit

Comunicazione Social per il Non Profit WEB 2.0 Comunicazione Social per il Non Profit Federica Vangelisti Marzo - Giugno 2014 Cos e` il Web 2.0? E` l insieme delle applicazioni online che permettono un elevato livello di interazione tra l utente,

Dettagli

Comunicazione e Nuovi Media. Selene Biffi

Comunicazione e Nuovi Media. Selene Biffi Comunicazione e Nuovi Media Selene Biffi Youth Action for Change 2005 Utilizzo ICTs nello svolgimento giornaliero delle attività Corsi e altre attività formative Programmi usufruiti in 120 Paesi Le basi

Dettagli

browser Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero

browser Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 7. Ricerca delle informazioni in rete, browsers, portali, motori di ricerca browser Un browser è un programma

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Nethics siti internet e SMM C.so Stati Uniti 72 - Susa (TO) manutenzione@nethics.it - Tel.: 0122/881266 Programma del corso

Dettagli

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione. Verso una Coop 2.0 Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione Agata Meneghelli Obiettivi ricerca Che potenzialità hanno i nuovi media digitali per

Dettagli

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

Dettagli

Focus. Prima dell avvento del web: marketing dell interruzione

Focus. Prima dell avvento del web: marketing dell interruzione Da dove si comincia? Come orientarsi nella grande quantità di risorse, distinguere le informazioni rilevanti da quelle non rilevanti, quelle aggiornate da quelle scadute, verificarne l attendibilità. Avere

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

DONARE. Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene

DONARE. Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene PERSONE DONARE Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene DONATORI Fonte: ricerca Italiani Solidali, Doxa, maggio 2013 TREND DONATORI IN ITALIA Fonte: ricerca Italiani Solidali, Doxa,

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA.

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CHE COS'E' IL CYBER PR? Il CYBER PR è una campagna di promozione discografica digitale il cui scopo è quello di sfruttare

Dettagli

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Innovazione Strategica e Organizzativa d Impresa Agenda Obiettivi di Marketing e Vendite Piano di Marketing Automation Strumenti

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network + FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network A cura di Roberta Garibaldi e Roberto Peretta Ed. FrancoAngeli 2011 I contenuti generati dagli utenti hanno oggi una riconosciuta importanza

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE WEBVISION APPARTIENE ALLA FAMIGLIA DEI CONTENT MANAGEMENT SYSTEM PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI E DEL LORO LAYOUT ALL

Dettagli

Vision. highlights. la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda. Un portale che fa!

Vision. highlights. la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda. Un portale che fa! la soddisfazione di ampliare i confini dell azienda Un portale che fa! Il portale aziendale è un luogo di lavoro. Gemino è un Portal Application ricco di contenuti applicativi pronti all uso! highlights

Dettagli

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Il piano operativo Quando si opera su Web non ci si deve lanciare in operazioni disorganizzate valutando solamente i costi. È fondamentale studiare

Dettagli

Teoria della Long Tail

Teoria della Long Tail Il web Definizioni 2/8 Web = un mezzo/strumento per comunicare, informare, raccontare, socializzare, condividere, promuovere, insegnare, apprendere, acquistare, vendere, lavorare, fare business, marketing,

Dettagli

Book 8. Conoscere cosa sono i social media e social network. Conoscere cosa sono gli strumenti, i social media e social network

Book 8. Conoscere cosa sono i social media e social network. Conoscere cosa sono gli strumenti, i social media e social network Book 8 Conoscere cosa sono i social media e social network Conoscere cosa sono gli strumenti, i social media e social network Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani,

Dettagli

IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L.

IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L. Progetto alternanza scuola lavoro 2012-2013 IL WEB MARKETING - LE BASI BARI 7 FEBBRAIO 2012 - ISTITUTO MAGISTRALE G. BIANCHI DOTTULA PAOLO BARRACANO DIREZIONE COMMERCIALE INTEMPRA S.R.L. Intempra Intempra

Dettagli

DIGITAL MOBILE MARKETING. la comunicazione è cambiata, cambia anche tu.

DIGITAL MOBILE MARKETING. la comunicazione è cambiata, cambia anche tu. DIGITAL MOBILE MARKETING la comunicazione è cambiata, cambia anche tu. In uno scenario dominato da profondi cambiamenti, crediamo nell integrazione di funzionalità, strumenti e canali di comunicazione.

Dettagli

Strumenti e Linguaggi al passo con i tempi

Strumenti e Linguaggi al passo con i tempi Strumenti e Linguaggi al passo con i tempi 5 Sensi, società di Consulenza e Servizi specializzata in Mobile Marketing e Comunicazione per i Mercati Esteri, nel segmento Lusso e Premium. La Missione di

Dettagli

Marco Camisani Calzolari (Impresa 4.0)

Marco Camisani Calzolari (Impresa 4.0) AREE d INTERVENTO Un'ampia visione del marketing delle relazioni, trasforma le tecnologie digitali in una potente leva di innovazione del modello di business Il marketing relazionale, in contrapposizione

Dettagli

Linkedin IN PILLOLE. rimani aggiornato dal tuo network. Leonardo Bellini

Linkedin IN PILLOLE. rimani aggiornato dal tuo network. Leonardo Bellini Linkedin IN PILLOLE rimani aggiornato dal tuo network Leonardo Bellini Sommario Benvenuto Personalizzare la diffusione delle attività Alla scoperta di Pulse Influencer e autori su LinkedIn I vantaggi di

Dettagli

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE PRESENTAZIONE N #2 L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE 30 novembre 2015 SOMMARIO #1. LO SCENARIO NELL ERA DIGITALE #2. DALLA RECLAME ALLA WEB REPUTATION #3. DALL OUTBOUND MARKETING ALL

Dettagli

Il web 2.0 - Definizione

Il web 2.0 - Definizione Web 2.0 e promozione della salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - Definizione - E quella parte

Dettagli

SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC. Marketing Club, Parma Febbraio 2011

SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC. Marketing Club, Parma Febbraio 2011 SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC Marketing Club, Parma Febbraio 2011 ERREA REPUBLIC Nel 2010 scoppia la moda dei pantaloni Erreà Drake. La linea si evolve in nuovi modelli e in nuovi

Dettagli

L'ALFABETO BREVE GLOSSARIO DEL WEB MARKETING

L'ALFABETO BREVE GLOSSARIO DEL WEB MARKETING L'ALFABETO BREVE GLOSSARIO DEL WEB MARKETING A come app: è il diminutivo di applicazione (application, in inglese) ed è una parola popolare nel contesto mobile, degli smartphone (iphone, telefonini con

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Quali liste per la multimedialità

Quali liste per la multimedialità Quali liste per la multimedialità A seguito di slogan che condividiamo del tipo : 1. il confine tra online e offline è caduto. 2. il futuro della comunicazione è multimediale. 3. il direct marketing sarà

Dettagli

Le nostre piattaforme sono realizzate con lo stesso criterio dei mattoncini LEGO. E possibile assemblare numerosi moduli, ognuno con differenti

Le nostre piattaforme sono realizzate con lo stesso criterio dei mattoncini LEGO. E possibile assemblare numerosi moduli, ognuno con differenti Speakage è una Plat-Agency (Platforms Agency) che sviluppa piattaforme web modulari a supporto della Comunicazione e del Marketing digitale avanzato. Realizza prodotti su misura e fornisce consulenza strategica

Dettagli

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning.

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Manuale sintetico Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Moodle fornisce un supporto all attività didattica attraverso una serie di strumenti molto ampia

Dettagli

ALESSANDRO GUERRISI LUCA ZAPPA. Associate Partner TamTamy - Reply. Web Marketing Manager ADVISOR - OFC. l.zappa@reply.it. guerrisi.alessandro@o-fc.

ALESSANDRO GUERRISI LUCA ZAPPA. Associate Partner TamTamy - Reply. Web Marketing Manager ADVISOR - OFC. l.zappa@reply.it. guerrisi.alessandro@o-fc. LUCA ZAPPA Associate Partner TamTamy - Reply ALESSANDRO GUERRISI Web Marketing Manager ADVISOR - OFC & @zaps l.zappa@reply.it @aguerrisi guerrisi.alessandro@o-fc.eu 1 CONTENUTI Finanza, community management

Dettagli

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Enrico Bertoldo Marketing Director Stefano Marongiu Customer Segment Manager Andrej Crnjaric Social Media Specialist 2009 Amadeus IT Group SA

Dettagli

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Associazione Documentaristi Emilia Romagna 12 aprile 2012 obiettivi come i nuovi strumenti digitali possono diventare veri e propri alleati per la formazione

Dettagli

INFORMATICA (II modulo)

INFORMATICA (II modulo) INFORMATICA (II modulo) Evoluzione del Web Docente: Francesca Scozzari Dipartimento di Scienze Università di Chieti-Pescara Evoluzioni Web 1.0: statico Web 2.0: dinamico Web 3.0: semantico Primo sito web

Dettagli

NinjaBit S.r.l. - Via Luciano Manara 17-20122 Milano Tel. 02 971263 Fax 02 97381286

NinjaBit S.r.l. - Via Luciano Manara 17-20122 Milano Tel. 02 971263 Fax 02 97381286 0. Indice 1. Intro: i Ninja del Bit 2. Posizionamento nei motori di ricerca 3. Il web 2.0 4. I Social Network 5. Il Mobile e Tablet 6. Competenze NinjaBitS.r.l. -Via Luciano Manara 17-20122 Milano 1. I

Dettagli

Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0

Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0 Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0 Anna Maria Tononi Forum PA 2012 WEB 2.0: USER GENERATED CONTENT Chiunque può creare e distribuire contenuti o "viralizzare quelli di altri Cambia il paradigma

Dettagli

Turismo e Social Network

Turismo e Social Network Turismo e Social Network Elaborato di Eleonora Cancialli Cosa sono i social network e come sono nati. Social network è un termine inglese che, se utilizzato nell ambito del web, serve ad indicare quei

Dettagli

Luca Conti Cagliari 2012 SOCIAL MEDIA MARKETING

Luca Conti Cagliari 2012 SOCIAL MEDIA MARKETING Luca Conti Cagliari 2012 SOCIAL MEDIA MARKETING 1 Prima parte Scenario sull evoluzione dei media Il Web 2.0: dai blog ai social network Il nuovo consumatore L ascolto delle conversazioni Un nuovo servizio

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 10 -

Informatica per la comunicazione - lezione 10 - Informatica per la comunicazione" - lezione 10 - Pagine dinamiche L accesso a una pagina web può innescare l esecuzione di programmi, ad esempio per eseguire la prenotazione di un biglie8o aereo Ques:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE Curriculum: Esperto di formazione a distanza DISSERTAZIONE FINALE Raccontami :

Dettagli

AGCI SOCIAL NETWORK. IL LUOGO DI DISCUSSIONE, INFORMAZIONE, FORMAZIONE PER LO SVILUPPO COOPERATIVO. a cura di: Paola Besuschio

AGCI SOCIAL NETWORK. IL LUOGO DI DISCUSSIONE, INFORMAZIONE, FORMAZIONE PER LO SVILUPPO COOPERATIVO. a cura di: Paola Besuschio COOPERARE A MILANO AGCI SOCIAL NETWORK. IL LUOGO DI DISCUSSIONE, INFORMAZIONE, FORMAZIONE PER LO SVILUPPO COOPERATIVO. a cura di: Paola Besuschio Maria Cristina Cazzaniga Alessandra Grassi novembre 2011

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

Profili, messenger, you tube, emule, chat 3D. ABC per internauti alle prime armi

Profili, messenger, you tube, emule, chat 3D. ABC per internauti alle prime armi Profili, messenger, you tube, emule, chat 3D ABC per internauti alle prime armi Internet 1969 ARPAnet 1991 world wide web, con la tecnica dell ipertesto 1995 dalla National Science Foundation alla reti

Dettagli

L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti:

L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti: L evoluzione del marketing, nell ultimo decennio, ha investito i seguenti ambiti: Enfasi sulla crescente globalizzazione del contesto competitivo (Think global act local) Segmentazione e personalizzazione

Dettagli

Comunicazione e Pubblico

Comunicazione e Pubblico Welcome to Il nome "Twitter" deriva dal verbo inglese to tweet che significa "cinguettare". Tweet è anche il termine tecnico degli aggiornamenti del servizio. I tweet che contengono esattamente 140 caratteri.

Dettagli

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software A cura di Marziana Monfardini Licenze e diritti software La tutela del software Copyright e diritto d autore Legge 633/41 Articolo 2 Sono protetti i programmi

Dettagli

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT CHE COS È IL MARKETING BRANCA DELL ECONOMIA CHE UNISCE PRODUTTORI CONSUMATORI PER UNO SCAMBIO RECIPROCAMENTE VANTAGGIOSO E IL MARKETING MIX

Dettagli

Audioblog Blog i cui post sono prevalentemente vocali inviati spesso insieme a SMS da cellulari.

Audioblog Blog i cui post sono prevalentemente vocali inviati spesso insieme a SMS da cellulari. @/blog 1/5 Audioblog Blog i cui post sono prevalentemente vocali inviati spesso insieme a SMS da cellulari. Blog (o Web log) Il termine blog è la contrazione di web log, ovvero "traccia sulla rete". Il

Dettagli

Introduzione al web marketing

Introduzione al web marketing Introduzione al web marketing (da http://it.wikipedia.org/wiki/campagna_pubblicitaria) Per campagna pubblicitaria s'intende una serie coordinata di messaggi pubblicitari che, veicolati attraverso uno o

Dettagli

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION REPUTAZIONE

Dettagli

Caratteristiche Offerta

Caratteristiche Offerta Introduzione Caratteristiche Offerta No contratto Il servizio è a canone mensile, senza nessun obbligo di rinnovo (disdetta 30gg). E prevista l assistenza e piccole modifiche, 8 ore/5 giorni a settimana.

Dettagli

Politecnico Innovazione 1

Politecnico Innovazione 1 LOGOTEL S.P.A. 1. PROFILO SOCIETÀ Logotel S.p.A. nasce nell ottobre del 1993 come società di consulenza, formazione e supporto operativo per lo sviluppo delle Reti di Vendita e per la gestione del loro

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ABITARE

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ABITARE Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ABITARE Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.12 Raggiungere

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

Harvest Web Data. Martino Pizzol. 28 agosto 2010. Fondazione ahref. Harvest Web Data. Martino Pizzol. Indice. I dati sul web.

Harvest Web Data. Martino Pizzol. 28 agosto 2010. Fondazione ahref. Harvest Web Data. Martino Pizzol. Indice. I dati sul web. Fondazione ahref 28 agosto 2010 1 Idatisulweb 2 3 4 5 Cosa e come Scopo Utilizzare dei dati trovati nella rete Come Bisogna trovarli Controllare le licenze Recuperarli per poterli usare Formato Dati Cos

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

Open Source Apps. Lavoriamo per renderti libero. Sicuro nella gestione infinita dei tuoi contatti e delle tue attività

Open Source Apps. Lavoriamo per renderti libero. Sicuro nella gestione infinita dei tuoi contatti e delle tue attività Open Source Apps Lavoriamo per renderti libero Sicuro nella gestione infinita dei tuoi contatti e delle tue attività INDICE App Center 1,2,3 Mission e obiettivi Organizzazione e Servizi Offerti Modalità

Dettagli

Giorno 2: il mondo Internet. Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet

Giorno 2: il mondo Internet. Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet Giorno 2: il mondo Internet Potenzialità, sviluppo e impatto sociale di internet Contenuti del modulo: La comunicazione attraverso il WEB Mailing list Forum Chat Telefonia VOIP / Videoconferenze Social

Dettagli

Economia del Micromarketing

Economia del Micromarketing Economia del Micromarketing Cristina Ziliani, Ph.D Professore Associato di Marketing Università di Parma Laurea Magistrale in Trade Marketing e Strategie Commerciali Indirizzo MIDA a.a. 2009-2010 Obiettivi

Dettagli

SEMINARIO. Realizzazione Di Siti Web Di Successo: Il Ruolo Del Progettista. Di Marco Alessia

SEMINARIO. Realizzazione Di Siti Web Di Successo: Il Ruolo Del Progettista. Di Marco Alessia SEMINARIO Realizzazione Di Siti Web Di Successo: Il Ruolo Del Progettista Di Marco Alessia ARGOMENTI TRATTATI Saranno affrontati separatamente due diversi argomenti, fondamentali per la realizzazione di

Dettagli

L'idea nasce dal proverbio: l'unione fa la forza e perché non utilizzarlo adesso per far fronte al periodo di crisi che stiamo attraversando?

L'idea nasce dal proverbio: l'unione fa la forza e perché non utilizzarlo adesso per far fronte al periodo di crisi che stiamo attraversando? L'idea nasce dal proverbio: l'unione fa la forza e perché non utilizzarlo adesso per far fronte al periodo di crisi che stiamo attraversando? Si tratta di organizzare un pool di attività con caratteristiche

Dettagli

SEO: le fondamenta del marketing digitale

SEO: le fondamenta del marketing digitale SEO: le fondamenta del marketing digitale e-book a cura di Andrea Roversi, Note introduttive Alleghiamo in questo e-book alcuni principi guida legati al SEO (Search Engine Optimization). Lo sviluppo accurato

Dettagli

I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio

I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio Quali sono attualmente i Software online più utili per stilare un E-Portfolio? Ecco una lista di quelli gratis più diffusi! 1 Introduzione/Obiettivi

Dettagli

Comunicazione Istituzionale e Social Media. Fare rete, ottenere visibilità e conoscere nuovi interlocutori grazie ai Social Media.

Comunicazione Istituzionale e Social Media. Fare rete, ottenere visibilità e conoscere nuovi interlocutori grazie ai Social Media. Comunicazione Istituzionale e Social Media Fare rete, ottenere visibilità e conoscere nuovi interlocutori grazie ai Social Media. Fare Rete I Social Media sono uno strumento di comunicazione interessante

Dettagli

il nuovo modo di concepire il business B.Core Business www.bcorebusiness.com info@bcorebusiness.com

il nuovo modo di concepire il business B.Core Business www.bcorebusiness.com info@bcorebusiness.com il nuovo modo di concepire il business Una Struttura Globale per la crescita della tua Azienda B.Core sei tu! Il tuo Business in pochi passi B.Core è un associazione in continua evoluzione, completamente

Dettagli

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano L azienda Estesa Giancarlo Stillittano L azienda estesa L azienda ha necessità di rafforzare le relazioni al suo interno (tra funzioni,uffici, stabilimenti produttivi e filiali di vendita) e si trova al

Dettagli

Percorsi Digital Marketing

Percorsi Digital Marketing Percorsi Digital Marketing Percorsi di di Digital Academy, in area Marketing Luglio 2015 Indice DIGITAL ACADEMY... 3 1 DIGITAL MARKETING ESSENTIALS... 3 2 SOCIAL MEDIA MARKETING... 4 3 SVILUPPARE CONTENUTI

Dettagli

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE Indice 5.1 UNA PANORAMICA SULLE NUOVE TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE......... 102 La struttura dell impresa oggi....................................................

Dettagli

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012 Elisa Fontana 1 Contenuti Chi siamo CRM, Customer experience, Customer Engagement Il consumatore e i Social Network I social network generano

Dettagli

Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce

Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce pag. 1 E COMMERCE: ALCUNI DATI IMPORTANTI (ITALIA) - Osservatorio B2C del Politecnico di Milano CRESCITA SUL 2013:

Dettagli

Corso Youtube. Il video marketing con Youtube per aumentare la visibilità del brand

Corso Youtube. Il video marketing con Youtube per aumentare la visibilità del brand Corso Youtube Il video marketing con Youtube per aumentare la visibilità del brand Argomenti del corso di Youtube Fare video marketing con Youtube Tipi di video contenuti per Youtube Creazione di un account

Dettagli

SOLUZIONI WEB. per il BUSINESS. www.italiainfiera.it. www.italiainfiera.it

SOLUZIONI WEB. per il BUSINESS. www.italiainfiera.it. www.italiainfiera.it SOLUZIONI WEB per il BUSINESS Italiainfiera, società di consulenza per il marketing e la comunicazione on line, opera professionalmente dal 1999 fornendo competenze altamente qualificate alle aziende interessate

Dettagli

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI LA TECNOLOGIA POTENZIA L ASSISTENTE MULTITASKING La maggior parte delle assistenti (77%) passa più di 6 ore davanti al pc per lavoro, e almeno 2 3 ore sono dedicate

Dettagli

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP Per Eppela è importante promuovere la cultura del crowdfunding in Italia, inteso come nuovo strumento di raccolta fondi, alternativo al sistema bancario, oggi in forte crisi.

Dettagli

SOCIAL NETWORK MARKETING

SOCIAL NETWORK MARKETING SOCIAL NETWORK MARKETING Il social network marketing si pone come ultima evoluzione del web marketing, presentandosi come una forma di promozione virale che sfrutta sapientemente tutti gli aggregatori

Dettagli