Ufficio di mediazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio di mediazione"

Transcript

1 Ufficio di mediazione dell'assicurazione malattie Rapporto annuale '14

2 2 Premessa della mediatrice Stimate lettrici Stimati lettori Dopo l'edizione del rapporto annuale del 2013, nel quale ho riassunto la storia del nostro Ufficio di mediazione dalla sua fondazione nel 1993, l'edizione del 2014 appare di nuovo nello stile abituale. Oltre ai consueti dati statistici vi saranno presentati diversi esempi di casi che rappresentano la varietà di domande inoltrate al nostro Ufficio di mediazione e che attestano le conoscenze specializzate, di cui tutti i collaboratori necessitano per risolvere il loro compito di mediazione. Considerata l'importanza dei mezzi di comunicazione elettronici il rapporto annuale dell'ufficio di mediazione non verrà più stampato in forma cartacea, ma potrà d'ora in poi essere consultato unicamente sul nostro sito internet nelle tre lingue ufficiali (ossia in tedesco, francese e in italiano). Spero vivamente che il presente rapporto 2014 troverà il vostro interesse. In conclusione vorrei ringraziare gli assicurati e le casse malati per la fiducia dimostrata ed i collaboratori per l'impegno giornaliero posto in atto nell'interesse dei richiedenti. La vostra mediatrice Morena Hostettler Socha

3 Indice 3 1. Ufficio 2. Consiglio di fondazione 3. Cifre 3.1 Entrate per materia 3.2 Entrate per ramo d'assicurazione 3.3 Entrate per lingua 3.4 Sviluppo delle entrate (Riassunto) 4. I principi di svolgimento dell'attività di mediazione 4.1 Quando è competente l'ufficio di mediazione? 4.2 Incompetenza dell'ufficio di mediazione: quando non può intervenire? 4.3 Chi può far capo ai servizi dell'ufficio di mediazione e come deve procedere? 4.4 Cosa accade se l'assicurato dispone di un'assicurazione di protezione giuridica o è rappresentato da un avvocato? 4.5 Cosa si possono attendere gli assicurati dall'ufficio di mediazione? 4.6 L'Ufficio di mediazione può influenzare la politica aziendale degli assicuratori malattia? 5. Dalla prassi dell'assicurazione malattia obbligatoria secondo LAMal 5.1 Cambiamento di cassa malati 5.2 Premi 5.3 Mancato pagamento dei premi e delle partecipazioni ai costi 5.4 Prestazioni 6. Dalla prassi delle assicurazioni complementari secondo LCA 6.1 Conclusione del contratto 6.2 Cambiamento di cassa malati

4 4 6.3 Premi 6.4 Obbligo della diffida dell'assicuratore; conseguenze della mora 7. Dalla prassi dei casi con riferimenti all'estero 7.1UE 7.2 Estero al di fuori dell'eu 8. Casi particolari Per rendere più scorrevole la lettura del rapporto è stata utilizzata unicamente la forma maschile.

5 1 Ufficio Nel 2014 il servizio dell'ufficio di mediazione è stato gestito dalla mediatrice, avvocato Morena Hostettler Socha, da quattro collaboratori con formazione giuridica (Isabelle Gottraux, Barbara Würmli, Jasmin Schmid et Fabienne Fellmann), da tre periti in assicurazione malattia (Urs Eigensatz, Charles Lorétan e Eliane Liniger) e da un segretario giurista (Hans-Thomas Scherrer). Il 31 dicembre 2014 l'ufficio disponeva di 6,8 posti di lavoro. 5 2 Consiglio di fondazione Il consiglio di fondazione si è incontrato il 16 aprile 2014 per approvare il conto annuale 2013 così come il rapporto annuale Il 12 novembre 2014 si è riunito per discutere il budget 2015 e l'organizzazione dell'attività dell'ufficio di mediazione. 3 Cifre 7000 Evoluzione dei casi dal 2006 al Casi Entrate per materia Nel 2014, anno di riferimento del presente rapporto, l'ufficio di mediazione si è visto confrontato con 5004 entrate (2013: 5668). Si è quindi verificata una riduzione pari al 11,7% rispetto all'anno precedente. La suddivisione delle entrate per materia mostra il seguente quadro: 2603 incarti nel settore delle prestazioni assicurative (2013: 3039), 1501 nell'ambito della conclusione o del cambiamento

6 di assicurazione (2013: 1638) e 700 riguardanti i premi (2013: 678). I restanti 200 casi concernevano richieste di natura generale (2013: 313). 6 prestazioni cambio d assicurazione premi altro 3.2 Entrate per ramo d'assicurazione 2661 casi riguardavano l'assicurazione di base (2013: 2859), 911 l'assicurazione complementare (2013:1161), 1006 entrambe le assicurazioni (2013:1161). In 205 casi le richieste riguardavano l'assicurazione indennità giornaliera (2013: 226). Le restanti 221 entrate concernevano questioni di natura generale, in parte non in relazione con l'assicurazione malattia (2013: 271). Globalmente le entrate raggiungono numericamente il livello medio degli ultimi 10 anni. 53% 4% 4% 20% 18% Solo assicurazione di base(obbligatoria) Assicurazione di base ecomplementare Solo assicurazione complementare Altri Assicurazione indennità giornaliera

7 3.3 Entrate per lingua 7 Tedesco Francese Italiano Altri 1% 3% 18% 77% 3876 entrate sono state presentate in tedesco (2013: 4403), 914 in francese (2013: 1013) e 160 in italiano (2013: 212). In altre lingue (inglese e spagnolo) 54 (2013: 40). 3.4 Evoluzione delle entrate (riassunto) Dopo un aumento massiccio nel 2010 il numero delle entrate è di nuovo in diminuzione, segnatamente da 6303 nel 2010 a 5004 nel 2014, ciò che corrisponde a ca. il 20%. Nel 2014 il numero delle entrate oscillava di nuovo a un livello medio degli ultimi anni.

8 4 I principi di svolgimento dell'attività di mediazione 8 Pure quest'anno risulta indispensabile descrivere i compiti dell'ufficio di mediazione, in quanto un numero crescente di cittadini trasmette richieste che esulano dalla sua competenza. Alcuni assicurati sono ad esempio dell'avviso che l'attività di mediazione consista nel gratuito patrocinio e ritengono quindi di poter impartire alla mediatrice e ai suoi collaboratori delle direttive; altri scambiano l'ufficio per un'istanza giudiziaria, ritenendo che l'appello all'ufficio possa interrompere i termini previsti nella relativa procedura. Dai fornitori di prestazioni inoltre, così come da altre istituzioni e dai rappresentanti di categoria l'ufficio viene invece considerato un centro peritale competente rispettivamente abilitato a fornire consulenze giuridiche, le cui opinioni possono essere sfruttate anche sul piano politico. Anche per i collaboratori delle casse malati infine non è sempre chiaro, quando gli assicurati possono far capo all'ufficio di fondazione e quando non lo possono. Secondo l'atto di fondazione e il corrispettivo regolamento il compito principale dell'ufficio di mediazione consiste nel chiarire eventuali equivoci sorti tra assicurato e assicuratore malattie e altresì mediare delle soluzioni in caso di opinioni contrastanti. In questo ambito l'ufficio fornisce la propria consulenza in questioni riguardanti l'assicurazione malattie e informa sulla legislazione attuale così come sulla giurisprudenza del Tribunale federale. In tale contesto l'ente fornisce in primo luogo informazioni relative ad una fattispecie concreta. In caso di richieste che esulano dalla propria competenza rinvia invece gli istanti ad altri uffici di consulenza e a organizzazioni di soccorso. Nei confronti di un assicuratore malattia, infine, interviene soltanto se il richiedente dispone della necessaria documentazione. L'Ufficio di mediazione persegue quindi lo scopo di aiutare gli assicurati gratuitamente e in modo informale in caso di divergenze d'opinione con il proprio assicuratore malattia e a condizione che non dispongano di un'assicurazione giuridica né siano rappresentati da un avvocato. 4.1 A quali condizioni l'ufficio di mediazione è competente? L'Ufficio è competente quando vi è un contratto di assicurazione relativo all'assicurazione malattie obbligatoria secondo la legge federale sull'assicurazione contro le malattie (LAMal) e/o inerente le prestazioni complementari secondo la legge sul contratto di assicurazione (LCA) e se la vertenza concerne un assicurato e una cassa malati riconosciuta secondo l'art LAMal avente sede in Svizzera. Nell'ambito dell'assicurazione malattie obbligatoria secondo la LAMal gli assicurati sono confrontati soprattutto con i temi seguenti: obbligo assicurativo (adesione, esenzione, sospensione), modelli assicurativi alternativi (franchigie opzionali, assicurazione con scelta limitata dei fornitori di prestazioni, ecc.,

9 cambiamento di cassa, prestazioni (in caso di malattia, infortunio - in via sussidiaria - e maternità), prestazioni all'estero, trattamenti dentari, premi e partecipazione ai costi, incasso, assicurazione facoltativa d'indennità giornaliera, protezione dei dati (obbligo di collaborare, visione degli atti), ecc. Nell'ambito delle assicurazioni complementari secondo la LCA i temi seguenti toccano prevalentemente gli assicurati: offerta assicurativa, reticenza, incasso, prestazioni, prescrizione, giustificazioni incombenti all'avente diritto, assicurazione indennità giornaliera, obbligo di ridurre il danno, doppia assicurazione, ecc Incompetenza dell'ufficio di mediazione: quando non può intervenire? La possibilità di intervenire è limitata nel tempo. Se nell'ambito dell'assicurazione obbligatoria l'assicuratore ha già emanato una decisione formale, l'assicurato deve intraprendere le vie legali. In tali condizioni una mediazione non è infatti più possibile. Inoltre l'ufficio di mediazione non fornisce valutazioni sul possibile esito del ricorso né dà consigli su come procedere. L'Ufficio di mediazione non è competente: in caso di liti tra fornitori di prestazioni e pazienti, per esempio relative alle cure o alla responsabilità civile. In tal caso l'ufficio deve rinviare l'assicurato all'ombudsman dei medici (con sede nel cantone di residenza) oppure ad un organizzazione di pazienti o a un avvocato specializzato; in caso di dispute tra un ente e i cittadini in materia di riduzione dei premi o di prestazioni complementari (ai sensi della legge federale sulle prestazioni complementari, LPC). A dipendenza del cantone o della città esistono degli uffici di mediazione di diritto pubblico, a cui i cittadini si possono rivolgere; in caso di conflitti tra singoli enti (ad esempio i servizi sociali), che non concordano sulla ripartizione dei premi non versati; per rivedere i premi dell'assicurazione obbligatoria e dell'assicurazione complementare approvati ufficialmente. Gli assicuratori malattia possono

10 applicare unicamente premi approvati e quindi vincolanti, il cui calcolo l'ufficio di mediazione non può mettere in discussione. Quest'ultimo può intervenire soltanto se, all'interno di una tariffa approvata, un assicurato è stato classificato erroneamente; in caso di comportamento scorretto di agenti d'assicurazione indipendenti (cosiddetti intermediari), per i quali l'assicuratore non è responsabile. In tutti questi casi l'ufficio di mediazione si limita a fornire informazioni verbali brevi Chi può far capo ai servizi dell'ufficio di mediazione e come deve procedere? Di regola gli assicurati si rivolgono all'ufficio personalmente per telefono o per posta, e, in misura crescente, tramite mail. Questo mezzo di comunicazione rende possibile una presa di contatto veloce, tuttavia non è adeguato per trasmettere dati medici. Capita inoltre ripetutamente che molte richieste non vengono documentate correttamente, per cui è necessario sottoporre dei quesiti supplementari. Il sito web dell'ufficio di mediazione (www.om-kv.ch) contiene un formulario di contatto e indicazioni relative alla sicurezza dei dati. Sempre più spesso l'ufficio viene interpellato anche da fornitori di prestazioni e servizi sociali, i quali si adoperano per i loro pazienti e clienti in difficoltà con l'assicuratore malattia. L'Ufficio entra tuttavia nel merito di tali richieste solo se pazienti e clienti lo desiderano espressamente. Non fa infatti parte dei compiti attribuiti al mediatore quello di alleggerire la mole di lavoro di altre organizzazioni oppure di mischiarsi in liti tra fornitori di prestazioni e assicuratori riguardanti la politica tariffale. A questo scopo esistono altre autorità competenti. Nei confronti di richieste formulate da assicurati assistiti dai servizi sociali l'ufficio di mediazione è di principio reticente, limitandosi a fornire informazioni giuridiche verbali. Di regola inoltre il mediatore non interviene presso gli assicuratori malattia, in quanto non può assumersi compiti che spettano a enti pubblici. Spesso l'ufficio di mediazione viene contattato anche da fiduciari in nome dei propri clienti. Anche in tale ipotesi l'atteggiamento è reticente. Fondamentalmente i servizi del mediatore vanno a favore dell'assicurato e non della ditta che, tramite servizi di consulenza, si procaccia dei guadagni. 4.4 Cosa accade se l'assicurato dispone di un'assicurazione di protezione giuridica o è rappresentato da un avvocato? In questi casi l'ufficio di mediazione non si attiva. Purtroppo accade spesso che, invece di fornire la prestazione assicurata (che consiste nella consulenza giuridica e nella rappresentanza legale), l'assicurazione giuridica rinvia gli assicurati direttamente all'ufficio di mediazione, affinché li aiuti gratuitamente. Ciò significa che questi assicurati hanno pagato dei premi per una prestazione che, di fatto, non viene fornita. Competente in caso di liti con le assicurazioni giuridiche è l'ufficio di

11 mediazione dell'assicurazione privata e dell'insai (SUVA) a Zurigo, a cui hanno aderito tutte le assicurazioni giuridiche Cosa si possono attendere gli assicurati dall'ufficio di mediazione? Gli assicurati ottengono una valutazione dei loro problemi e un sostegno nel caso in cui un'intesa con l'assicuratore malattia non è più possibile. Le questioni sottoposte vengono esaminate in dettaglio. Eventualmente l'ufficio si rivolge direttamente all'assicuratore malattia. Nella maggior parte dei casi gli interventi così come le prese di posizione delle Casse vengono effettuati in forma scritta. Se la questione è urgente gli assicuratori malattia vengono interpellati per telefono. L'Ufficio di mediazione dispone di persone di contatto presso ogni assicuratore, le quali si occupano direttamente delle istanze, le esaminano internamente e forniscono una risposta. Se accerta che la persona assicurata è in errore l'ufficio di mediazione le illustra le disposizioni legali e contrattuali, le spiega il sistema assicurativo e le fornisce dei consigli alfine di evitare ulteriori malintesi. 4.6 L'Ufficio di mediazione può influenzare la politica aziendale degli assicuratori malattia? Ufficio di mediazione si occupa di casi concreti e in particolare del diritto applicabile. Non essendo un' autorità di sorveglianza degli assicuratori malattie non può impartire delle direttive né in via generale né in un caso concreto. Il suo compito consiste nella mediazione, la quale presuppone fondamentalmente la fiducia sia della persona assicurata che dell'assicuratore malattie. Di conseguenza non esprime giudizi di valore sulle istituzioni dell'assicurazione malattie. Il regolamento autorizza l'ufficio di mediazione ad informare la Federazione centrale degli assicuratori malattia (santésuisse) o addirittura l'opinione pubblica, nel caso in cui, in un ambito specifico, le rimostranze degli assicurati si accumulano. Preliminarmente si rivolge tuttavia agli assicuratori interessati e sollecita direttamente dei miglioramenti. Con ciò contribuisce ad assicurare la qualità del settore e, in determinati ambiti, può influenzare effettivamente la politica aziendale degli assicuratori malattia. L'Ufficio di mediazione prende regolarmente contatto con la gestione amministrativa degli assicuratori malattia e segnala ad esempio se dei problemi si cumulano. Di regola gli assicuratori approvano questi interventi e sono disposti a dar man forte ai fini del conseguimento di una soluzione non burocratica.

12 5 Dalla prassi dell assicurazione malattia obbligatoria secondo la LAMal 12 Il funzionamento e l efficacia dell Ufficio di mediazione saranno illustrati in seguito mediante l ausilio di brevi riassunti di casi concreti scelti quale esempio dei problemi, rispettivamente delle difficoltà, che vengono sollevati frequentemente o riferiti a questioni particolari. Per motivi di protezione dei dati personali, i nomi e le informazioni che permetterebbero un identificazione saranno tralasciati o modificati. I fatti, le spiegazioni e le soluzioni saranno presentati in modo semplificato. 5.1 Cambiamento di cassa malati Il cambiamento d assicuratore è sempre più l oggetto di richieste al nostro Ufficio di mediazione, nella misura in cui non tutti gli assicurati obbligatoriamente presso una cassa malati conoscono a partire da quando e a quali condizioni un cambiamento di cassa interviene validamente. Questo è il caso quando ciascuna delle seguenti condizioni cumulative (ossia tutte assieme) è adempiuta: 1. la lettera di disdetta è pervenuta all attuale assicuratore entro il termine previsto; 2. il nuovo assicuratore ha ricevuto la domanda di adesione dell interessato; 3. il nuovo assicuratore ha comunicato a quello precedente che assicura l interessato senza interruzione della protezione assicurativa (cosiddetta attestazione di nuova assicurazione conformemente all art. 7 cpv. 5 LAMal); 4. eventuali arretrati di pagamento sono stati pagati ancora prima del trasferimento presso la nuova cassa. Caso n. 1: Un assicurato desiderava disdire il proprio contratto d assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie per la fine del Il venerdì 28 novembre 2014 egli ha consegnato allo sportello postale la disdetta scritta dal proprio contratto mediante lettera raccomandata. La cassa malati lo informa in seguito che aveva ricevuto la sua lettera unicamente lunedì 1 dicembre 2014 e che di conseguenza la disdetta le era pervenuta troppo tardi. L assicurato potrà dunque cambiare l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie unicamente per il prossimo termine di disdetta possibile. Secondo le investigazioni operate dall assicurato, il collaboratore della posta avrebbe depositato l invio raccomandato nella casella postale della cassa malati il sabato 29 novembre L assicurato ci ha allora domandato se il rifiuto della cassa di considerare la disdetta del contratto per il 31 dicembre 2014 fosse valido. Nel caso concreto, il rifiuto della cassa malati era giustificato e abbiamo pertanto semplicemente spiegato all assicurato il proprio errore commesso nella maniera seguente:

13 La dichiarazione della disdetta è un atto formatore unilaterale con effetto risolutivo soggetto a ricezione ed esplica pertanto i propri effetti unicamente quando entra nella sfera di influenza del destinatario. Questo non è il caso quando il collaboratore della posta lascia un avviso di ritiro nella casella postale. Per questa ragione, il termine di disdetta è considerato ossequiato quando la notifica di disdetta giunge all assicuratore al più tardi l ultimo giorno del termine legale durante il normale orario d ufficio. Determinante è pertanto la data d entrata e non il timbro postale. In relazione all invio per lettera raccomandata, si attira l attenzione sul fatto che la stessa si reputa notificata al più tardi il settimo giorno dopo il primo tentativo infruttuoso di notifica (art. 38 cpv. 2bis LPGA). Per questa ragione raccomandiamo vivamente agli assicurati, per motivi di prova, di inviare le disdette per lettera raccomandata almeno 10 giorni prima della scadenza del termine di disdetta. Infine, consigliamo agli assicurati che, come nel caso concreto, decidono di disdire il loro contratto di assicurazione obbligatoria poco prima del termine di disdetta di presentarsi direttamente presso gli uffici della succursale più vicina del proprio assicuratore cassa malati muniti di lettera di disdetta in duplice copia. Importante inoltre farsi rilasciare un attestazione di ricevimento della disdetta su una delle due copie con luogo, data, firma e timbro dell assicuratore. L assicurato può tenere per sé un esemplare come prova dell osservanza del termine di disdetta. Il secondo esemplare dovrà invece essere rilasciato all assicuratore. Caso n. 2: Un assicurato ha disdetto il contratto d assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie entro il termine di disdetta per la fine dell anno 2013 ed in seguito ha formulato una domanda di adesione presso la cassa malati A. Qualche giorno più tardi si è pentito della sua decisione e ha richiesto la sua adesione presso la cassa malati B. Quest ultima ha allora immediatamente confermato al precedente assicuratore che avrebbe assicurato l interessato a far tempo dal 1 gennaio 2014, senza interruzione della protezione assicurativa. L attestazione di nuova assicurazione della cassa malati A è giunta al precedente assicuratore posteriormente a quella della cassa malati B. Gli assicuratori A e B intendevano entrambi mantenere il contratto e hanno preteso dall assicurata il pagamento dei relativi premi d assicurazione. Quest ultima si è allora diretta all Ufficio di mediazione per sapere infine presso quale cassa malati sia ora definitivamente assicurata. Nel caso concreto si osserva innanzitutto che l assicurata non poteva evidentemente essere assicurata contemporaneamente presso le due casse malati, visto che nell ambito della dell assicurazione obbligatoria delle cure medicosanitarie sussiste il divieto di doppia assicurazione (cfr. DTF 130 V 448). Dai nostri accertamenti è emerso che una disdetta valida di per sé non determina la fine dei rapporti d assicurazione esistenti fino ad allora. In effetti, conformemente all art. 7 cpv. 5 LAMal, i rapporti di assicurazione terminano solo quando il nuovo assicuratore comunica a quello precedente che assicura l interessato senza interruzione della protezione assicurativa (attestazione di nuova assicurazione; cfr. DTF 130 V 448, 450 consid. 3.1). Di regola, la domanda di adesione indica presso quale cassa malati l interessato era fino ad allora assicurato e il nuovo 13

14 assicuratore sa di conseguenza a chi trasmettere la comunicazione di cui all art. 7 cpv. 5 LAMal. In linea di principio la domanda d adesione non fa sorgere alcun rapporto giuridico finchè il rapporto d assicurazione fino a quel momento in vigore non viene sciolto (cfr. consid. 2.3 della sentenza non pubblicata del 22 dicembre 2010; 9C_930/2010). Fanno eccezione a tale regola le domande d adesione dei genitori per i neonati e quelle delle persone che giungono dall estero ed eleggono per la prima volta domicilio in Svizzera, considerato come in questi casi non vi è alcun rapporto giuridico precedente da sciogliere e una comunicazione del nuovo assicuratore al precedente non è pertanto necessaria. Ritornando al caso concreto, considerato che nell ambito di un cambiamento di cassa malati la domanda d adesione non ha di per sé alcun effetto costitutivo, noi siamo dell avviso che, conformemente a quanto previsto nella LAMal, non si è costituita alcuna valida relazione giuridica tra l interessato e la cassa malati A. Nel caso in rassegna l attestazione per lettera raccomandata della cassa malati B è giunta prima di quella della cassa malati A. L affiliazione dell interessato alla cassa malati B non poteva pertanto più essere impedita, salvo nei casi in cui l interessato non avesse pagato gli arretrati dei premi al precedente assicuratore. Tale però non risulta essere il caso nella fattispecie. Sfortunatamente la cassa malati A non ha potuto o voluto seguire tale argomentazione, con la conseguenza che l assicurata si è vista costretta ad adire la via giudiziaria, considerato che non voleva essere affiliata presso tale cassa malati. La vertenza è ancora pendente. Caso n. 3: Un assicurato si è lamentato presso l Ufficio di mediazione di aver ricevuto ancora le fatture dei premi dal suo precedente assicuratore, malgrado il fatto che abbia disdetto il contratto rispettando il termine di disdetta, si sia affiliato presso un altra cassa con effetto al 1 gennaio 2014 e non abbia debiti nei confronti del precedente assicuratore. Dai nostri accertamenti è emerso che la nuova cassa malati aveva trasmesso l attestazione di nuova assicurazione alla precedente cassa malati solamente nel corso del mese di gennaio 2014 e pertanto non prima del termine di trasferimento previsto (ossia il 1 gennaio 2014). Per questa ragione, il cambiamento di cassa doveva essere riportato al 1 febbraio Considerato che l assicurato aveva inoltrato la propria domanda di adesione entro il termine previsto e che per questo motivo nessuna colpa gli era imputabile per la comunicazione tardiva dell attestazione di nuova assicurazione, la nuova cassa malati è responsabile per quanto causato. Questo significa che, conformemente all art. 7 cpv. 5 LAMal, la nuova cassa malati deve risarcire il danno risultante dal differimento del cambiamento di cassa malati. Di regola tale danno consiste nella differenza di premio esistente. In concreto tale ipotesi si realizza qualora il premio di gennaio 2014 con l assicuratore precedente sia maggiore rispetto a quello con il nuovo assicuratore. 14

15 Caso n. 4: 15 Un assicurato voleva affiliarsi da un nuovo assicuratore malattia per il 1 gennaio Considerato che aveva arretrati di premi da pagare presso il precedente assicuratore, per i quali una procedura esecutiva era già stata avviata, egli si è recato all ufficio d esecuzione alla fine del mese di dicembre 2013 e ha saldato gli arretrati dei premi come pure i costi d incasso (compresi quelli per la procedura esecutiva). Poche settimane dopo, il suo assicuratore malattia l ha informato che i premi saldati direttamente all ufficio d esecuzione erano stati girati troppo tardi sul proprio conto bancario. Per questo motivo l assicurato non poteva cambiare cassa malati a far tempo dal 1 gennaio L assicurato ci ha allora domandato se tale agire fosse corretto. Conformemente all art. 64a cpv. 6 LAMal in relazione all art. 105l cpv. 2 OAMal l assicurato deve pagare integralmente e prima della scadenza del termine di disdetta, i premi, le partecipazioni ai costi, gli interessi di mora oggetto della diffida fino al mese precedente la scadenza del termine di disdetta, come pure le spese d esecuzione accumulate fino a quel momento. Se ciò non è il caso, la disdetta rimarrà senza effetto e l assicurato non potrà cambiare cassa malati. Secondo l art. 12 cpv. 2 LEF, l ufficio d esecuzione è tenuto ad accettare ogni pagamento fatto per conto del creditore istante. Il pagamento fatto all ufficio libera il debitore (cpv. 2). Inoltre, conformemente alla giurisprudenza del Tribunale federale, il termine di pagamento è considerato come rispettato quando il pagamento è effettuato mediante bollettino di versamento all ufficio postale l ultimo giorno del termine indicato sulla fattura (DTF 124 III 145). L Ufficio di mediazione dell assicurazione malattia ha spiegato alla cassa malati che il pagamento all ufficio d esecuzione doveva essere considerato in modo analogo al pagamento in contanti allo sportello postale. Nei due casi, il debitore è liberato al momento del pagamento e non, come sosteneva l assicuratore, al momento in cui il conto del creditore è accreditato. La cassa malati ha seguito la nostra argomentazione e ha autorizzato l assicurato ad uscire dalla cassa. Diverso sarebbe stato se il debitore avesse dato ordine alla propria banca di effettuare il bonifico bancario in favore della cassa ad una data precisa. In tale caso, egli si libera unicamente al momento in cui il conto del creditore è accreditato. Una tale differenza di trattamento si giustifica perchè il cliente della banca può ancora annullare un ordine di pagamento in sospeso; questo non è invece possibile per un pagamento a contanti all ufficio postale o all ufficio d esecuzione. Inoltre, il cliente della banca risponde personalmente per gli errori della banca in caso di esecuzione carente di un ordine di pagamento. 5.2 Premi L imminente correzione dei premi prevista dal 2015 al riconducibile a una disparità tra i premi dell assicurazione di base obbligatoria e i costi di prestazioni

16 mediche accumulati nei cantoni per il periodo dal 1 gennaio 1996 al 31 dicembre è stata oggetto di approfondimenti nel corso dell anno Il 21 marzo 2014 il Parlamento ha adottato una revisione della legge federale sull assicurazione malattia, la quale prevede, tra l altro, una compensazione parziale per rimediare agli squilibri riscontrati fra i cantoni. La correzione dei premi ammonta a 800 milioni di franchi e dura tre anni ( ). Essa è finanziata in parti uguali dagli assicurati domiciliati nei cantoni in cui i premi sono stati pagati in maniera insufficiente tra il 1 gennaio 1996 e il 31 dicembre 2013, dagli assicuratori e dalla Confederazione. Il criterio decisivo per determinare chi deve pagare un supplemento di premio e chi riceve un rimborso è il domicilio dell assicurato al 1 gennaio di ogni anno durante il quale la correzione dei premi sarà effettuata. La correzione è la stessa per tutti gli assicurati del medesimo cantone, indipendentemente dal loro assicuratore, dalla loro età, dalla loro franchigia o dal loro modello d assicurazione. La correzione nei diversi cantoni si presenta nella maniera seguente: 16 Cantoni con supplemento di premi BE, LU, UR, OW, NW, GL, SO, BL, SH, AR, SG, VS e JU Cantoni con rimborso di premi ZH, ZG, FR, AI, GR, TG, TI, VD und GE Cantoni senza correzione di premi SZ, BS, AG e NE Da un punto di vista individuale, la correzione dei premi prevista dal Parlamento non porta in ogni caso a una soluzione equa. La compensazione ha luogo cantonalmente e non individualmente. Caso n. 5: Gli assicurati che si sono rivolti all Ufficio di mediazione sono in prevalenza quelli che hanno vissuto molti anni in un cantone con premi più alti e che devono tuttavia pagare un supplemento di premio a partire dal 2015 perché si sono trasferiti in un cantone con premi più bassi fino al 31 dicembre Questi assicurati contestano la correzione dei premi, visto che si ritrovano doppiamente penalizzati. Ad essi abbiamo dovuto spiegare che alla luce di quanto precede una correzione individualizzata sarebbe costata troppo, considerato l importo ridistribuito che oscilla tra 1 fr. e 5 fr. mensili rispetto alle centinaia di migliaia di cambiamenti di domicilio tra i diversi cantoni, entrate in Svizzera e uscite dalla Svizzera, ecc. Per questo motivo il Parlamento ha coscientemente accettato che con la presente soluzione possono derivare delle ingiustizie individuali. 5.3 Mancato pagamento dei premi e delle partecipazioni ai costi L Ufficio di mediazione è spesso sollecitato da assicurati in conflitto con la loro

17 cassa malati per questioni legate agli arretrati di pagamento di premi, alle procedure d incasso e alla sospensione delle prestazioni. Fino al 31 dicembre 2011 la procedura in caso di arretrati di pagamento dei premi era regolamentata in maniera uniforme. Conformemente all art. 64a LAMal gli assicuratori malattia dovevano avviare procedure esecutive e sospendere le prestazioni fino al pagamento integrale di tutti gli arretrati. Una tale procedura ha condotto però all aumento delle fatture scoperte presso i fornitori di prestazioni e a una quota sempre maggiore di popolazione oggetto di sospensione delle prestazioni in ragione del mancato pagamento dei premi. Il senso e lo scopo del regime obbligatorio dell assicurazione cure medico-sanitarie era pertanto rimesso in questione, il regime obbligatorio dovendo proprio garantire un assistenza sanitaria in maniera generalizzata. L art. 64a LAMal è stato pertanto oggetto di revisione. La revisione della legge federale, entrata in vigore il 1 gennaio 2012, ha comportato la soppressione della sospensione di prestazioni da parte dell assicuratore malattia in caso di mancato pagamento dei premi e ha introdotto l obbligo per i cantoni di assumere l 85% dei crediti per i quali è stato rilasciato un attestato di carenza di beni a seguito d esecuzione o fallimento. Tuttavia i cantoni hanno la possibilità di allestire una lista di assicurati in mora ( cattivi pagatori di premi ) e di mantenere il sistema di sospensione della presa a carico delle prestazioni fino al saldo completo degli arretrati, eccezion fatta per i trattamenti in urgenza. Alcuni cantoni hanno fatto uso di questo diritto e hanno introdotto una lista di assicurati in mora. La sua attuazione si è però rivelata molto eterogenea e ha causato un aumento dei costi amministrativi a carico degli assicuratori, questioni giuridiche irrisolte e un bisogno accresciuto di coordinamento tra cantoni, ma anche dei cantoni con gli assicuratori. Caso n. 6: Un assicurato domiciliato nel cantone Turgovia non era più in grado di pagare i suoi premi da molto tempo e la cassa malati aveva per questo motivo avviato procedure esecutive. Visto che il cantone Turgovia aveva stilato una lista di assicurati in mora, l interessato si è ritrovato nell elenco e la cassa malati ha dovuto così sospendere la presa a carico delle prestazioni, a seguito della decisione del cantone. Nel febbraio 2014 l'assicurato si è trasferito nel cantone Zurigo. Considerato che in tale cantone non vi era la lista di assicurati in mora e che quindi non poteva essere ordinata la sospensione della presa a carico delle prestazioni, l'assicurato riteneva che la cassa malati dovesse assumere nuovamente le sue fatture mediche dal febbraio La cassa malati ha però rifiutato di assumere le prestazioni anche dopo il trasferimento dell'assicurato, considerato che essa non poteva effettuare versamenti per le note mediche fintanto che il cantone Turgovia non revocasse la decisione di sospensione. Questo cantone ha però rifiutato di togliere l'assicurato dalla lista, perché aveva ancora in sospeso arretrati di premi anteriori al cambiamento di domicilio. 17

18 Visto che si trattava di un conflitto tra cantoni, per il quale non è data la competenza dell'ufficio di mediazione, esso non poteva pertanto intervenire. Abbiamo comunque consigliato all'assicurato di contattare la direzione della sanità pubblica del cantone Zurigo. Gli uffici competenti dei due cantoni avrebbero dovuto in seguito instaurare un dialogo e trovare una soluzione. A far tempo dalla revisione della legge federale la sospensione della presa a carico di prestazioni è una decisione cantonale. Gli assicuratori malattia possono infliggere agli assicurati una tale sospensione unicamente se ricevono una comunicazione da parte del cantone che menziona l'iscrizione dell'assicurato sulla lista. Nel caso concreto, dal momento in cui l'assicurato si è trasferito nel cantone Zurigo, il cantone Turgovia non era più autorizzato a imporre il mantenimento della sospensione e ha dovuto in seguito informare l'assicuratore della soppressione della sospensione. Caso n. 7: Un'assicurata domiciliata nel cantone Lucerna desiderava cambiare l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie e ha rescisso il proprio contratto nel termine di disdetta. La precedente cassa malati ha tuttavia continuato a trasmetterle le fatture relative ai premi. Nel frattempo l interessata pagava regolarmente i premi al nuovo assicuratore. Per l assicurata si trattava di un inavvertenza del precedente assicuratore, tanto più che aveva rispettato il termine di disdetta e che la disdetta le era anche stata confermata. Nell ambito di un colloquio telefonico con il precedente assicuratore, l interessata non ha ricevuto alcuna informazione in merito ma è stata unicamente informata del fatto che era ancora assicurata presso lo stesso e che doveva pagare i relativi premi. Successivamente l assicurata è stata oggetto di procedura esecutiva ed è stata inserita nella lista di assicurati in mora nel cantone Lucerna. Conformemente alla giurisprudenza del Tribunale federale vi è il divieto di doppia assicurazione nell ambito dell assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (cfr. DTF 130 V 448). Nel caso in rassegna l Ufficio di mediazione dell assicurazione malattia doveva pertanto dapprima chiarire presso quale cassa malati l interessata era effettivamente assicurata. Il rapporto d assicurazione con il precedente assicuratore termina solo quando l assicurato ha dato disdetta entro il termine previsto e il nuovo assicuratore gli ha notificato l attestazione di nuova assicurazione senza interruzione della protezione assicurativa (DTF 130 V 448, 450 consid. 3.1). Dai nostri accertamenti presso le due casse malati è emerso che il nuovo assicuratore aveva dimenticato di far pervenire a quello precedente l attestazione di nuova assicurazione. Di conseguenza, l interessata restava assicurata alla precedente cassa malati fino alla notifica dell attestazione sopra menzionata. Il nuovo assicuratore doveva rispondere del danno subito dall assicurata conformemente all art. 7 cpv. 5 LAMal, in particolare doveva assumersi la differenza dei costi dei premi e le spese di procedura d esecuzione. L assicurata aveva infine il diritto di esser cancellata dalla lista degli assicurati in mora e la sospensione della presa a carico delle prestazioni doveva essere annullata. 18

19 5.4 Prestazioni 19 Gran parte delle richieste all Ufficio di mediazione concernono le prestazioni. Esse aumentano in particolare con l introduzione di modifiche di leggi e ordinanze. Per esempio il 1 marzo 2014 vi è stata una modifica di legge in relazione alla partecipazione ai costi in caso di maternità che ha prodotto una certa incertezza tra gli assicurati, come pure tra i collaboratori delle casse malati. Caso n. 8: Un assicurata ha subito un aborto durante la ventiduesima settimana di gravidanza. La cassa malati le ha in seguito richiesto la partecipazione ai costi per le spese di trattamento in relazione all avvenuto aborto. Il marito non era d accordo con tale procedere. A giusta ragione. In effetti, i nostri accertamenti hanno permesso di evidenziare che con l introduzione del nuovo art. 64 cpv. 7 LAMal le donne sono esenti dalla partecipazione ai costi per le prestazioni di maternità, per le prestazioni mediche (per es. in caso di complicazioni) fornite a partire dalla tredicesima settimana di gravidanza e sino a otto settimane dopo il parto. La nuova normativa stabilisce tra l altro: L assicuratore non può riscuotere alcuna partecipazione ai costi per le prestazioni di cui agli art. 25 e 25a LAMal che sono fornite a partire dalla tredicesima settimana di gravidanza, durante il parto e sino a otto settimane dopo il parto. Nel caso concreto, l assicurata ha subito un aborto durante la ventiduesima settimana di gravidanza e ha dovuto essere ospedalizzata. Le prestazioni previste all art. 25 LAMal comprendono cure ospedaliere e non possono essere oggetto di una partecipazione ai costi secondo l art. 64 cpv. 7 lett. b LAMal. Nella sua presa di posizione, l assicuratore ha spiegato che secondo lui era necessario un parto per applicare l art. 64 cpv. 7 lett. b LAMal e che pertanto la domanda di partecipazione ai costi era giustificata nella misura in cui, secondo l art. 105 cpv. 2 OAMal, la nascita di feto morto dopo la ventitreesima settimana di gravidanza è considerata alla stregua di un parto. Grazie al nostro intervento, la cassa malati ha corretto la propria decisione.

20 6 Dalla prassi delle assicurazioni complementari secondo LCA Conclusione del contratto I problemi con i broker assicurativi rappresentano un fattore di preoccupazione constante da vari anni. Questo è stato anche il caso per il Ci viene spesso riferito che i consulenti in assicurazione tendono a persuadere gli assicurati a firmare un contratto dando false informazioni. Per esempio, essi spiegano agli assicurati di aver bisogno di una firma per poter sottoporre loro un offerta o per confermare il consiglio dispensato. Gli assicurati firmano in realtà una proposta di assicurazione e concludono così contratti pluriennali. Attualmente si moltiplicano anche le richieste di assicurati che pretendono che la loro firma sia stata falsificata. I consulenti delle assicurazioni fanno sempre più spesso firmare i loro clienti su tablet e non più su supporto cartaceo. Di conseguenza è più difficile per i clienti capire in modo preciso in che cosa si stiano realmente impegnando e il pericolo di un utilizzo abusivo della firma aumenta. Caso n. 9: Un assicurato si è rivolto al nostro Ufficio di mediazione e ci ha comunicato che un broker in assicurazioni aveva falsificato la sua firma e aveva firmato al suo posto i formulari concernenti la domanda d assicurazione. Egli aveva già segnalato questo fatto alla cassa malati ma invano. Considerato che la cassa aveva mantenuto la conclusione dei contratti d assicurazione, l assicurato ha denunciato il broker all'autorità penale per falsità in titoli. Siamo intervenuti presso la cassa malati e l abbiamo consigliata di verificare le accuse mosse dall assicurato e, in caso affermativo, di annullare i contratti d assicurazione. La cassa malati ha sospeso la procedura di sollecito e ha mantenuto in un primo tempo provvisoriamente la conclusione dei contratti di assicurazione. Successivamente, l assicurato ci ha informato che i contratti sono stati annullati. 6.2 Cambiamento di cassa malati Molti assicurati sembrano ignorare che il termine di disdetta straordinario valido nell ambito dell assicurazione malattia obbligatoria delle cure medico-sanitarie previsto all art. 7 cpv. 2 LAMal (per es. quello per la fine del mese di novembre) non è applicabile alle assicurazioni complementari secondo la LCA. In effetti, in ambito di assicurazioni complementari, le disposizioni applicabili per la disdetta sono sottoposte al diritto privato e sono diverse da quelle che valgono nell assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie, le quali sono regolamentate dal diritto pubblico. Per questo motivo è raro che le assicurazioni complementari possano essere disdette contemporaneamente all assicurazione obbligatoria delle cure medico sanitarie (ossia prima della scadenza del periodo convenuto).

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ) Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione assicurazione malattia e infortunio Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI

Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI A.6.1 Accesso a Swiss Lotto tramite PGI...2 A.6.2 Rischi...5 A.6.3 Blocco dell'accesso a Swiss Lotto tramite la PGI sia da parte del partecipante

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Per facilitare la lettura del testo, si è scelto di non utilizzare esplicitamente la formulazione

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli