RELAZIONE TECNICO STRUTTURALE INDICE. 2.1 CASO A - Una struttura tipo contrapposto riempita completamente + due piastre di fondazione...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICO STRUTTURALE INDICE. 2.1 CASO A - Una struttura tipo contrapposto riempita completamente + due piastre di fondazione..."

Transcript

1

2 Relazione tecnico strutturale Pag 1 RELAZIONE TECNICO STRUTTURALE INDICE 1 PREMESSA VERIFICHE GEOTECNICHE CASO A - Una struttura tipo contrapposto riempita completamente + due piastre di fondazione CASO B - Una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + tre piastre di fondazione CASO C - Una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + due strutture tipo contrapposto riempite al 100% + quattro piastre di fondazione CASO D - Tre strutture tipo contrapposto riempita al 100%+ una struttura tipo base + quattro piastre di fondazione VERIFICHE COMPONENTI STRUTTURALI DETERMINAZIONE DELLE SPINTE SULLE STRUTTURE TIPO BASE (II LIVELLO) DIMENSIONI DELLA STRUTTURA NORMATIVA SUL CALCOLO STRUTTURALE CALCOLO DELLA STRUTTURA DETERMINAZIONE DELLE SPINTE SULLE STRUTTURE (PRIMO LIVELLO) DIMENSIONI DELLA STRUTTURA NORMATIVA SUL CALCOLO STRUTTURALE CALCOLO DELLA STRUTTURA VERIFICA PIASTRA DI FONDAZIONE IN CLS...25

3 Relazione tecnico strutturale Pag 2 1 PREMESSA In conformità con la presentazione e discussione del Progetto Definitivo nell ambito della Conferenza dei servizi convocata con nota DPC/RIA/ del 13/04/2011, avvenuta in data 03 maggio 2011 presso la sala multimediale del Comune di Montaguto e le osservazioni riportate nel relativo verbale n.prot. DPC\RIA\3319, con il coordinamento del Dipartimento della Protezione Civile alla presenza del Soggetto Attuatore per conto del Commissario Delegato per la frana di Montaguto e dei Centri di Competenza nominati dal Commissario, si è redatto il presente delle opere di sostegno al piede della frana e delle opere accessorie atte a limitare l'infiltrazione delle acque superficiali e a favorirne il loro allontanamento. L entità dei fenomeni in gioco e la considerazione della sostanziale impossibilità di annullare i rischi residui di riattivazione del movimento franoso nel suo insieme, indussero a concordare che, qualunque accorgimento adottato, non potesse comunque rappresentare una soluzione risolutiva, individuata sin dalle prime riunioni dei gruppi nello spostamento dei tracciati stradale e ferroviario ad una congrua distanza dall attuale ubicazione. In ogni caso, l esigenza di preservare la fruibilità dei servizi nella loro attuale configurazione nel periodo transitorio necessario all approntamento delle opere definitive, limitando per quanto possibile il costoso impegno di presidio della zona in termini di uomini e mezzi, ha indotto a formulare la proposta di un complesso di interventi di carattere provvisionale, ma con prestazioni tali da consentire un sostanziale incremento del coefficiente di sicurezza e, comunque, un rallentamento delle velocità di movimento riscontrate dai sistemi di monitoraggio soprattutto in una parte circoscritta del cosiddetto settore D. L auspicio è che comunque l insieme delle soluzioni proposte possano costituire un unicum organico con gli interventi di drenaggio e regimazione delle acque nel corpo di frana e che nell ipotesi di funzionamento soddisfacente dei medesimi la sistemazione proposta possa essere considerata un accorgimento pressoché definitivo. A livello tecnologico l opera oggetto di questo lavoro prevede l utilizzo della tecnologia comunemente nota come ombrelli, elementi resistenti costituiti da travi in acciaio disposte a croce di Sant Andrea con ancoraggio centrale attraverso tiranti (collegati ad una piastra disposta in profondità al di sotto del piano d imposta della struttura), e sistema di contenimento per il trasferimento del carico sulle strutture principali in rete di acciaio. Questi elementi vengono poi riempiti con materiale drenante (o con terra proveniente dal versante da sistemare) che ne stabilizza la posizione e conferisce il carico per attivare l ancoraggio.

4 Relazione tecnico strutturale Pag 3

5 Relazione tecnico strutturale Pag 4 2 VERIFICHE GEOTECNICHE 1 Verifica alla traslazione Dalla verifica di stabilità del pendio oggetto del presente studio ci si è ricavati la forza orizzontale resistente che deve essere sviluppata dal tomo, per garantire il coefficiente di sicurezza richiesto. L azione resistente alla traslazione Rd è generato dall attrito indotto dal volume di terreno del tomo sopra il piano di scivolamento e dal volume di terreno che grava sulle fondazioni poste al di sotto del piano di scivolamento stesso. Ne risulta: Dove: Wi sono i volumi resistenti; γ peso specifico φ l angolo di attrito. Per il progetto in esame sono state considerate quattro configurazioni: 1. Una struttura tipo contrapposto riempita completamente + due piastre di fondazione 2. Una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + tre piastre di fondazione 3. Una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + due strutture tipo contrapposto riempita al 100% + quattro piastre di fondazione 1 Redatto con la consulenza dell ing. Vittorino Betti

6 Relazione tecnico strutturale Pag 5 4. Tre strutture tipo contrapposto riempita al 100%+ una struttura tipo base + quattro piastre di fondazione 2.1 CASO A - Una struttura tipo contrapposto riempita completamente + due piastre di fondazione Calcolo azione resistente del solo tomo L azione resistente del solo tomo è generata dal volume AT_1 pari a 17 mq/m, ne risulta che: Rd tomo = (AT_1) x γ x tan (φ d ) = (17) x 18 x 0.17 = 51 KN/m. Calcolo azione resistente delle piastre di fondazione Il terreno che è presente sopra la fondazione e la configurazione dei carichi verificata, garantisce che si generi una forza d attrito fra il terreno e la fondazione stessa sufficiente a contrastare la forza di trazione impressa dalla struttura. Il peso del cuneo di terreno sovrastante le piastre di fondazione considerando la condizione di carico verificata e un angolo interno di collaborazione pari a 41 vale 491 KN/m ed è generato dal volume AP1 e dal volume AP2 pari rispettivamente a 48 mq/m e a 40 mq/m; ne risulta che: Rd fondazioni = (AP1 + AP2) x γ x tan (φ d ) = ( ) x 18 x 0.31 = 491 KN/m.

7 Relazione tecnico strutturale Pag 6 L azione sollecitante a cui può resistere una piastra, dal punto di vista strutturale vale circa 475 KN. Essendo le piastre poste ad un interasse pari a 3.10 m ne risulta che il contributo massimo che ciascheduna di queste può fornire alla verifica di scivolamento vale 153 KN/m per un totale di 306 KN/m. Verifica fune di collegamento L azione sollecitante a cui è sottoposta la fune di collegamento le piastre con la struttura è data dall azione resistente massima della piastra e vale circa 475 KN, si è scelto quindi di utilizzare quattro funi da 18 mm aventi una resistenza a rottura pari a 215 KN. Essendo le piastre poste ad un interasse pari a 3.10 m ne risulta che il contributo massimo che ciascun gruppo di funi può fornire alla verifica di scivolamento vale 277 KN/m, e poiché questo è inclinato di 45 la sua componente orizzontale vale 196 KN/m. Si ha così che la risultante dell azione resistente delle funi agenti su 2 piastre di fondazione vale 306 KN/m Calcolo azione resistente del totale L azione resistente totale vale quindi: Rd tot = Rd tomo + Min(Rd fondazioni; Rd piastra; Rd funi) = = 357 KN/m. Si è trascurato il peso della fondazioni in cls 1.25 x 1.15 x 0.28 m.

8 Relazione tecnico strutturale Pag CASO B - Una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + tre piastre di fondazione Calcolo azione resistente del solo tomo L azione resistente del solo tomo è generata dal volume AT_1 pari a 17 mq/m e del volume AT_2, ne risulta che: Rd tomo = (AT_1+ AT_2) x γ x tan (φ d ) = (17+17) x 18 x 0.17 = 75 KN/m. Calcolo azione resistente delle piastre di fondazione Il terreno che è presente sopra la fondazione e la configurazione dei carichi verificata, garantisce che si generi una forza d attrito fra il terreno e la fondazione stessa sufficiente a contrastare la forza di trazione impressa dalla struttura. Il peso del cuneo di terreno sovrastante le piastre di fondazione considerando la condizione di carico verificata e un angolo interno di collaborazione pari a 41 vale 591 KN/m ed è generato dal volume AP1, dal volume AP2 e dal volume AP3, pari rispettivamente a 57 mq/m, a 32 mq/m e a 43 mq/m; ne risulta che: Rd fondazioni = (AP1 + AP2 + AP3 ) x γ x tan (φ d ) = ( ) x 18 x 0.31 = 736 KN/m. L azione sollecitante a cui può resistere una piastra, dal punto di vista strutturale vale circa 475 KN. Essendo le piastre poste ad un interasse pari a 3.10 m ne risulta che il contributo massimo che

9 Relazione tecnico strutturale Pag 8 ciascheduna di queste può fornire alla verifica di scivolamento vale 153 KN/m per un totale di 459 KN/m. Verifica fune di collegamento L azione sollecitante a cui è sottoposta la fune di collegamento le piastre con la struttura è data dall azione resistente massima della piastra e vale circa 475 KN, si è scelto quindi di utilizzare quattro funi da 18 mm aventi una resistenza a rottura pari a 215 KN. Essendo le piastre poste ad un interasse pari a 3.10 m ne risulta che il contributo massimo che ciascun gruppo di funi può fornire alla verifica di scivolamento vale 277 KN/m, e poiché questo è inclinato di 45 la sua componente orizzontale vale 196 KN/m. Si ha così che la risultante dell azione resistente delle funi agenti su 3 piastre di fondazione vale 588 KN/m. Calcolo azione resistente del totale L azione resistente totale vale quindi: Rd tot = Rd tomo + Min(Rd fondazioni; Rd piastra; Rd funi) = = 562 KN/m. Si è trascurato il peso della fondazioni in cls 1.25 x 1.15 x 0.28 m.

10 Relazione tecnico strutturale Pag CASO C - Una struttura tipo contrapposto riempita al 100% + due strutture tipo contrapposto riempite al 100% + quattro piastre di fondazione Calcolo azione resistente del solo tomo L azione resistente del solo tomo è generata dal volume AT_1 pari a 17 mq/m, dal volume AT2 e dal volume AT_3, ne risulta che: Rd tomo = (AT_1+ AT_2 + AT_3) x γ x tan (φ d ) = ( ) x 18 x 0.17 = 153 KN/m. Calcolo azione resistente delle piastre di fondazione Il terreno che è presente sopra la fondazione e la configurazione dei carichi verificata, garantisce che si generi una forza d attrito fra il terreno e la fondazione stessa sufficiente a contrastare la forza di trazione impressa dalla struttura. Il peso del cuneo di terreno sovrastante le piastre di fondazione considerando la condizione di carico verificata e un angolo interno di collaborazione pari a 41 vale 792 KN/m ed è generato dal volume AP1, dal volume AP2, dal volume AP3 e dal volume AP4, pari rispettivamente a 57 mq/m, a 32 mq/m, a 32 mq/m e a 43 mq/m; ne risulta che: Rd fondazioni = (AP1 + AP2 + AP3 + AP4 ) x γ x tan (φ d ) = ( ) x 18 x 0.31 = 931 KN/m. L azione sollecitante a cui può resistere una piastra, dal punto di vista strutturale vale circa 475 KN. Essendo le piastre poste ad un interasse pari a 3.10 m ne risulta che il contributo massimo che

11 Relazione tecnico strutturale Pag 10 ciascheduna di queste può fornire alla verifica di scivolamento vale 153 KN/m per un totale di 612 KN/m. Verifica fune di collegamento L azione sollecitante a cui è sottoposta la fune di collegamento le piastre con la struttura è data dall azione resistente massima della piastra e vale circa 475 KN, si è scelto quindi di utilizzare quattro funi da 18 mm aventi una resistenza a rottura pari a 215 KN. Essendo le piastre poste ad un interasse pari a 3.10 m ne risulta che il contributo massimo che ciascun gruppo di funi può fornire alla verifica di scivolamento vale 277 KN/m, e poiché questo è inclinato di 45 la sua componente orizzontale vale 196 KN/m. Si ha così che la risultante dell azione resistente delle funi agenti su 4 piastre di fondazione vale 784 KN/m. Calcolo azione resistente del totale L azione resistente totale vale quindi: Rd tot = Rd tomo + Min(Rd fondazioni; Rd piastra; Rd funi) = = 766 KN/m. Si è trascurato il peso della fondazioni in cls 1.25 x 1.15 x 0.28 m.

12 Relazione tecnico strutturale Pag CASO D - Tre strutture tipo contrapposto riempita al 100%+ una struttura tipo base + quattro piastre di fondazione Calcolo azione resistente del solo tomo L azione resistente del solo tomo è generata dal volume AT_1 pari a 16 mq/m, dal volume AT2 e dal volume AT_3, ne risulta che: Rd tomo = (AT_1+ AT_2 + AT_3 + AT_4) x γ x tan (φ d ) = ( ) x 18 x 0.17 = 257 KN/m. Calcolo azione resistente delle piastre di fondazione Il terreno che è presente sopra la fondazione e la configurazione dei carichi verificata, garantisce che si generi una forza d attrito fra il terreno e la fondazione stessa sufficiente a contrastare la forza di trazione impressa dalla struttura. Il peso del cuneo di terreno sovrastante le piastre di fondazione considerando la condizione di carico verificata e un angolo interno di collaborazione pari a 41 vale 1565 KN/m ed è generato dal volume AP1, dal volume AP2, dal volume AP3 e dal volume AP4, pari rispettivamente a 101 mq/m, a 52 mq/m, a 50 mq/m e a 52 mq/m; ne risulta che: Rd fondazioni = (AP1 + AP2 + AP3 + AP4 ) x γ x tan (φ d ) = ( ) x 18 x 0.31 = 1378 KN/m. L azione sollecitante a cui può resistere una piastra, dal punto di vista strutturale vale circa 475 KN. Essendo le piastre poste ad un interasse pari a 3.10 m ne risulta che il contributo massimo che

13 Relazione tecnico strutturale Pag 12 ciascheduna di queste può fornire alla verifica di scivolamento vale 153 KN/m per un totale di 612 KN/m. Verifica fune di collegamento L azione sollecitante a cui è sottoposta la fune di collegamento le piastre con la struttura è data dall azione resistente massima della piastra e vale circa 475 KN, si è scelto quindi di utilizzare quattro funi da 18 mm aventi una resistenza a rottura pari a 215 KN. Utilizzando 4 piastre si ha che l azione resistente complessiva vale 1109 KN/m, essendo inclinata di 45 la sua componente orizzontale vale 785 KN/m Calcolo azione resistente del totale L azione resistente totale vale quindi: Rd tot = Rd tomo + Min(Rd fondazioni; Rd piastra; Rd funi) = = 868KN/m. Si è trascurato il peso della fondazioni in cls 1.25 x 1.15 x 0.28 m.

14 Relazione tecnico strutturale Pag 13 3 VERIFICHE COMPONENTI STRUTTURALI 2 Con il presente progetto si prevede la sistemazione delle scarpate mediante l applicazione della tipologia nota ad ombrelli, in considerazione dell elevata affidabilità ed efficienza del sistema rispetto ad altri valutati in sede di analisi preliminare con terreno di peso specifico γ, angolo di resistenza al taglio caratteristico φ'k e coesione efficace caratteristica c'k caratterizzati dai seguenti valori: γ = 18 KN/m 3 φ'k = 12 c'k = 0 KN/m DETERMINAZIONE DELLE SPINTE SULLE STRUTTURE TIPO BASE (II LIVELLO) La spinta agente sulle strutture deriva quindi dalla spinta attiva del terreno e dal sovraccarico del terreno sovrastante gravante sulla struttura in esame tenendo in considerazione l inclinazione del pendio a monte della struttura. La spinta agente sull opera è stata calcolata secondo le disposizioni riportate nell ordinanza N.T.C La spinta in condizioni sismiche può essere espressa mediante la seguente relazione: E d =γg2( 1/2 γ (1+k v )h 2 K )+ γq1(qhk )-γg2(2c' d h K 1/2 ) che di fatto non rappresenta altro che la spinta del terreno applicata su una parete piana, dove γ indica il peso specifico del terreno, h l altezza della barriera e K il coefficiente di spinta attiva, il quale tiene conto dell azione sismica, Q il sovraccarico dato dal terreno sovrastante, c'd la coesione efficace di progetto e γi sono i coeff. parziali. Tali parametri sono caratterizzati dai seguenti valori: COMB SISMICA PARAMETRI SISMICI γ = 18 KN/m 3 VN = >50 φ'd = 10 Tr = 475 c'd = 0 KN/m 2 ag = 1,90 K = 1,00 Fo = 2,42 Q = 4,00 KN/m 2 Cat. Suolo = C S = St*Ss = 1,7 La spinta in condizioni statiche può essere espressa mediante la seguente relazione: E d =γg2( 1/2 γ h 2 K )+ γq1(qhk )-γg2(2c' d h K 1/2 ) 2 Redatto con la consulenza dell ing. Vittorino Betti

15 Relazione tecnico strutturale Pag 14 Tali parametri cambiano valore a seconda della combinazione di carico nel modo seguente: COMB 1 COMB 2 γ = 18 KN/m 3 γ = 18 KN/m 3 φ'd = 12 φ'd = 10 c'd = 0,00 KN/m 2 c'd = 0,00 KN/m 2 K = 0,69 K = 0,76 Q = 4,00 KN/m 2 Q = 4,00 KN/m 2 Nel caso della combinazione sismica, la pressione indotta dalla spinta attiva del terreno può essere valutata secondo la seguente relazione P = γg2 (γhk*(1+k v ) )+ γq1 (QK*) -γg2( 2 * c'd K 1/2 ) In corrispondenza del baricentro della barriera, la pressione risulta pari a circa: Pb = 34,46 KN/m 2 mentre in corrispondenza del piede si ottiene un valore di pressione pari a: Pp = 68,12 KN/m 2 Nel caso della combinazione fondamentale, la pressione indotta dalla spinta attiva del terreno può essere valutata secondo la seguente relazione P = γg2 (γhk )+ γq1 (QK*) -γg2( 2 * c'd K 1/2 ) In corrispondenza del baricentro della barriera, la pressione risulta pari a circa: COMB1 Pb = 33,03 KN/m 2 COMB2 Pb = 29,14 KN/m 2 mentre in corrispondenza del piede si ottiene un valore di pressione pari a: COMB1 Pp = 61,93 KN/m 2 COMB2 Pp = 53,72 KN/m 2 Strutturalmente la barriera viene assimilata ad un reticolo di elementi strutturali, caricati in corrispondenza del baricentro delle travi costituenti la croce di S. Andrea, da forze concentrate che nel caso più gravoso hanno intensità pari a: Per le aste superiori Per le aste inferiori Comb. Sis. 49,19 KN Comb.1 51,81 KN Comb. 2 45,30 KN Comb. Sis. 143,09 KN Comb.1 132,47 KN Comb ,89 KN

16 La risultante della spinta del terreno risulta dunque essere pari a circa: Comb. Sis. S = 384,56 KN Comb.1 S = 368,56 KN Comb. 2 S = 318,38 KN Relazione tecnico strutturale Pag 15 La spinta S rappresenta la sollecitazione massima applicata alla struttura in esame. Su tale valore andranno verificati gli elementi costituenti la barriera ed il relativo sistema di fondazione. La risultante dei carichi agisce parallelamente al pendio DIMENSIONI DELLA STRUTTURA Altezza struttura: h = 3,60 m Larghezza struttura: b = 3,10 m Lunghezza Gambo: l = 6,00 m Diagonale: d = 4,75 m NORMATIVA SUL CALCOLO STRUTTURALE Il calcolo si presenta come calcolo di una struttura pressoinflessa, soggetta a carico di punta. A tale riguardo, si ricordano i seguenti limiti imposti dalla normativa: - La snellezza massima nel caso di elementi strutturali soggetti a sollecitazioni dinamiche, deve rientrare nei seguenti limiti: λ= 150 per elementi principali; λ = 200 per elementi secondari. Il metodo dello stato limite ultimo impone che la resistenza di calcolo per sollecitazioni assiali e/o flessionali f d sia: fd = 355 N/mm 2 (acciaio EN N S355JR) fd = 275 N/mm 2 (acciaio EN S275JR) fd = 235 N/mm 2 (acciaio EN S235 JR) - Le sollecitazioni utilizzate nella progettazione degli elementi della struttura sono stati ricavati mediante programma di calcolo agli elementi finiti, schematizzando in modo appropriato la struttura e caricandola in maniera tale che le sollecitazioni ottenute risultino essere il più possibile simili a quelle a cui è soggetta la struttura nelle condizioni di esercizio. - Lo spessore degli elementi tubolari costituenti la struttura, viene mantenuto superiore o uguale a 4 mm, per evitare di incorrere in formulazioni particolarmente restrittive imposte dalla normativa.

17 Relazione tecnico strutturale Pag 16 - La struttura a croce, è formata da due travi in acciaio tipo HEB; il puntone è costituito da un elemento tubolare in acciaio, mentre il collegamento fra gli elementi strutturali è garantito dalla presenza di trefoli di collegamento tra la croce e la testa del puntone, nonché da trefoli formanti il perimetro della rete, la quale deve adagiarsi sulle travi HEB. - La rete di tamponamento è realizzata in trefoli di acciaio del diametro 8 mm, a maglia quadrata di lato pari a 30 cm, sostenuti da una fune perimetrale in acciaio del diametro di 12 mm; su questa rete, che chiameremo strutturale, verrà posata una rete a doppia torsione con maglia cm 8x10, avente funzione di riduzione della maglia di contenimento CALCOLO DELLA STRUTTURA Il carico gravante sulla struttura viene suddiviso in quattro vettori gravanti sulle porzioni inferiore e superiore delle due putrelle costituenti la croce. Il carico viene supposto distribuito in modo lineare. Si suppone che tale struttura sia soggetta a pressoflessione con possibilità di insorgenza di problemi di carico di punta; pertanto, la progettazione strutturale è attenta a tali problematiche. I parametri relativi alla geometria del pendio ed alla spinta sono quelli esposti nelle parti precedenti della trattazione. I parametri relativi alla struttura e al carico, sono i seguenti: Inclinazione muro : α = 0 Interasse (Base): b = 3,10 m Altezza: h = 3,60 m Dal punto di vista strutturale la combinazione più gravosa è la SISMICA. Dal punto di vista geotecnico la combinazione più gravosa è la SISMICA. SFORZI NORMALI GAMBO E TIRANTI Trazione gambo Trazione tirante obliquo alto Trazione tirante obliquo alto intermedio Trazione tirante obliquo basso intermedio Trazione tirante obliquo basso ELEMENTO PRICIPALE Trazione tirante complanare orizzontale alto Trazione tirante complanare orizzontale basso Azione assiale bracci superiore croce Azione assiale bracci inferiore croce 188,50 kn 20,20 kn 0,00 kn 0,00 kn 92,40 kn 3,91 kn 19,33 kn 15,98 kn 15,65 kn MOMENTO FLESSIONALE

18 Relazione tecnico strutturale Pag 17 Momento complanare bracci superiore Momento complanare bracci inferiori Momento massimo al nodo centrale 6,99 kn 44,19 kn 27,6 kn TAGLIO Taglio complanare bracci superiore Taglio complanare bracci inferiori 31,6 kn 80,44 kn Porzione inferiore: HEB 140 Peso al metro lineare : p = kg/m Area sezione trasversale : A = 4296 mm 2 Modulo di resistenza elastico : W = mm 3 Modulo di resistenza plastico : Wp = mm 3 Raggio di inerzia minimo : ρ = 35.8 mm L elemento è stato verificato utilizzando il metodo dello stato limite ultimo seguendo quanto riportato nella normativa italiana (NTC2008). La trave è stata verificata per instabilità, secondo la seguente relazione: Nodo centrale: HEB 140 Peso al metro lineare : p = kg/m Area sezione trasversale : A = 4296 mm 2 Modulo di resistenza elastico : Weff = mm 3 Raggio di inerzia minimo : ρ = 35.0 mm L elemento è stato verificato utilizzando il metodo dello stato limite ultimo seguendo quanto riportato nella normativa italiana (NTC2008). Il nodo è stato verificata alla resistenza, secondo la seguente relazione:

19 Tiranti: Relazione tecnico strutturale Pag 18 I tiranti previsti, realizzati con corde in acciaio del diametro di 16 mm, sono ampiamente verificati in quanto il carico di collaudo è di 163,00 kn. Per le condizioni di carico in esame si ha infatti: Gambo: -tiro porzione superiore = 20,20 KN < 163,00 KN; -tiro porzione inferiore = 92,40 KN < 163,00 KN. Il gambo centrale è realizzato mediante un profilato tubolare (EN S235JR) di dimensioni pari a 88.9 mm con uno spessore di 5 mm. La resistenza a trazione di tale elemento è pari a KN superiore a 188,50 KN di progetto. Il gambo è collegato al nodo centrale mediante un giunto sferico, il tutto è poi bloccato tramite un apposito chiavistello. Una sfera del diametro di 80 mm viene saldata sulla piastra, dello spessore 10 mm, che tiene compresse e rigidamente vincolate le travi HEB. La saldatura dello spessore di 10 mm avviene lungo tutto il contorno per una lunghezza totale pari a 182 mm. Lo sforzo assiale sopportato dalla saldatura è di 1025 kn, ampiamente verificata per sopportare una forza sollecitante di 188,50 KN L ancoraggio a terra termina con un bullone M30, classe Dimensionamento delle Fondazioni: L ancoraggio verrà realizzato mediante due piastre di calcestruzzo, una posta verticalmente ed una orizzontalmente che andranno interrate a monte della barriera in opera; tali piastre avranno dimensioni LxLxS ed andranno ricoperte da uno spessore di terreno di altezza non inferiore ad H m, e dovranno giacere su un letto di ghiaia non inferiore a 50cm,come indicato in sezione di progetto. Dove: H =3,8 m S = 0,18 m Il terreno che è presente sopra la fondazione e la configurazione dei carichi verificata, garantisce che si generi una forza d attrito fra il terreno e la fondazione stessa sufficiente a contrastare la forza di trazione impressa dalla struttura. Il peso del cuneo di terreno sovrastante le piastre di fondazione considerando la condizione di carico verificata, considerando un angolo interno di collaborazione pari a: = 40 vale circa 1513 KN; applicando un coefficiente di attrito fra terreno e calcestruzzo pari a 0,34, si ottiene una reazione allo sforzo applicato pari a circa 511,17 KN, con un coefficiente di sicurezza (rapporto tra forza resistente e tiro applicato) pari a 1,33. La fondazione dovrà giacere su un letto di ghiaia come indicato in sezione da progetto. Nella determinazione della forza resistente, si è omesso, a

20 Relazione tecnico strutturale Pag 19 favore della sicurezza, il computo del peso delle piastre di fondazione. Il materiale di riempimento dello scavo dovrà garantire un coefficiente di sicurezza pari o superiore a quello utilizzato nel calcolo. Il riempimento, quindi, dovrà essere eseguito con materiale caratterizzato da un angolo di attrito interno minimo pari a: = DETERMINAZIONE DELLE SPINTE SULLE STRUTTURE (PRIMO LIVELLO) La spinta agente sulle strutture deriva quindi dalla spinta attiva del terreno e dal sovraccarico del terreno sovrastante gravante sulla struttura in esame tenendo in considerazione l inclinazione del pendio a monte della struttura. La spinta agente sull opera è stata calcolata secondo le disposizioni riportate nell ordinanza N.T.C La spinta in condizioni sismiche può essere espressa mediante la seguente relazione: E d =γg2( 1/2 γ (1+k v )h 2 K )+ γq1(qhk )-γg2(2c' d h K 1/2 ) che di fatto non rappresenta altro che la spinta del terreno applicata su una parete piana, dove γ indica il peso specifico del terreno, h l altezza della barriera e K il coefficiente di spinta attiva, il quale tiene conto dell azione sismica, Q il sovraccarico dato dal terreno sovrastante, c'd la coesione efficace di progetto e γi sono i coeff. parziali. Tali parametri sono caratterizzati dai seguenti valori: COMB SISMICA PARAMETRI SISMICI γ = 18 KN/m 3 VN = >50 φ'd = 10 Tr = 475 c'd = 0 KN/m 2 ag = 1,90 K = 0,80 Fo = 2,42 Q = 4,00 KN/m 2 Cat. Suolo = C S = St*Ss = 1,70 La spinta in condizioni statiche può essere espressa mediante la seguente relazione: E d =γg2( 1/2 γ h 2 K )+ γq1(qhk )-γg2(2c' d h K 1/2 ) Tali parametri cambiano valore a seconda della combinazione di carico nel modo seguente: COMB 1 COMB 2 γ = 18 KN/m 3 γ = 18 KN/m 3 φ'd = 12 φ'd = 10 c'd = 0,00 KN/m 2 c'd = 0,00 KN/m 2 K = 0,66 K = 0,71 Q = 4,00 KN/m 2 Q = 4,00 KN/m 2

21 Relazione tecnico strutturale Pag 20 Nel caso della combinazione sismica, la pressione indotta dalla spinta attiva del terreno può essere valutata secondo la seguente relazione P = γg2 (γhk*(1+k v ) )+ γq1 (QK*) -γg2( 2 * c'd K 1/2 ) In corrispondenza del baricentro della barriera, la pressione risulta pari a circa Pb = 27,45 KN/m2 mentre in corrispondenza del piede si ottiene un valore di pressione pari a: Pp = 54,27 KN/m2 Nel caso della combinazione fondamentale, la pressione indotta dalla spinta attiva del terreno può essere valutata secondo la seguente relazione P = γg2 (γhk )+ γq1 (QK*) -γg2( 2 * c'd K 1/2 ) In corrispondenza del baricentro della barriera, la pressione risulta pari a circa: COMB1 Pb = 31,55 KN/m 2 COMB2 Pb = 27,37 KN/m 2 mentre in corrispondenza del piede si ottiene un valore di pressione pari a: COMB1 Pp = 59,17 KN/m 2 COMB2 Pp = 50,47 KN/m 2 Strutturalmente la barriera viene assimilata ad un reticolo di elementi strutturali, caricati in corrispondenza del baricentro delle travi costituenti la croce di S. Andrea, da forze concentrate che nel caso più gravoso hanno intensità pari a: Per le aste superiori Per le aste inferiori Comb. Sis. 39,19 KN Comb.1 49,51 KN Comb. 2 42,56 KN Comb. Sis. 114,00 KN Comb.1 126,57 KN Comb ,00 KN

22 Relazione tecnico strutturale Pag 21 La risultante della spinta del terreno risulta dunque essere pari a circa: Comb. Sis. S = 306,38 KN Comb.1 S = 352,15 KN Comb. 2 S = 299,13 KN La spinta S rappresenta la sollecitazione massima applicata alla struttura in esame. Su tale valore andranno verificati gli elementi costituenti la barriera ed il relativo sistema di fondazione. La risultante dei carichi agisce parallelamente al pendio DIMENSIONI DELLA STRUTTURA Altezza struttura: h = 3,60 m Larghezza struttura: b = 3,10 m Lunghezza Gambo: l = 4,50 m Diagonale: d = 4,75 m NORMATIVA SUL CALCOLO STRUTTURALE Il calcolo si presenta come calcolo di una struttura pressoinflessa, soggetta a carico di punta. A tale riguardo, si ricordano i seguenti limiti imposti dalla normativa: - La snellezza massima nel caso di elementi strutturali soggetti a sollecitazioni dinamiche, deve rientrare nei seguenti limiti: λ= 150 per elementi principali; λ = 200 per elementi secondari. Il metodo dello stato limite ultimo impone che la resistenza di calcolo per sollecitazioni assiali e/o flessionali f d sia: fd = 355 N/mm 2 (acciaio EN N S355JR) f d = 275 N/mm 2 (acciaio EN S275JR) f d = 235 N/mm 2 (acciaio EN S235 JR) - Le sollecitazioni utilizzate nella progettazione degli elementi della struttura sono stati ricavati mediante programma di calcolo agli elementi finiti, schematizzando in modo appropriato la struttura e caricandola in maniera tale che le sollecitazioni ottenute risultino essere il più possibile simili a quelle a cui è soggetta la struttura nelle condizioni di esercizio. - Lo spessore degli elementi tubolari costituenti la struttura, viene mantenuto superiore o uguale a 4 mm, per evitare di incorrere in formulazioni particolarmente restrittive imposte dalla normativa.

23 Relazione tecnico strutturale Pag 22 - La struttura a croce, è formata da due travi in acciaio tipo HEB; il puntone è costituito da un elemento tubolare in acciaio, mentre il collegamento fra gli elementi strutturali è garantito dalla presenza di trefoli di collegamento tra la croce e la testa del puntone, nonché da trefoli formanti il perimetro della rete, la quale deve adagiarsi sulle travi HEB. - La rete di tamponamento è realizzata in trefoli di acciaio del diametro 8 mm, a maglia quadrata di lato pari a 30 cm, sostenuti da una fune perimetrale in acciaio del diametro di 12 mm; su questa rete, che chiameremo strutturale, verrà posata una rete a doppia torsione con maglia cm 8x10, avente funzione di riduzione della maglia di contenimento.

24 Relazione tecnico strutturale Pag CALCOLO DELLA STRUTTURA Il carico gravante sulla struttura viene suddiviso in quattro vettori gravanti sulle porzioni inferiore e superiore delle due putrelle costituenti la croce. Il carico viene supposto distribuito in modo lineare. Si suppone che tale struttura sia soggetta a pressoflessione con possibilità di insorgenza di problemi di carico di punta; pertanto, la progettazione strutturale è attenta a tali problematiche. I parametri relativi alla geometria del pendio ed alla spinta sono quelli esposti nelle parti precedenti della trattazione. I parametri relativi alla struttura e al carico, sono i seguenti: Inclinazione muro : α = 0 Interasse (Base): b = 3,10 m Altezza: h = 3,60 m Dal punto di vista strutturale la combinazione più gravosa è la COMB1 Dal punto di vista geotecnico la combinazione più gravosa è la SISMICA SFORZI NORMALI GAMBO E TIRANTI Trazione gambo Trazione tirante obliquo alto Trazione tirante obliquo alto intermedio Trazione tirante obliquo basso intermedio Trazione tirante obliquo basso ELEMENTO PRICIPALE Trazione tirante complanare orizzontale alto Trazione tirante complanare orizzontale basso Azione assiale bracci superiore croce Azione assiale bracci inferiore croce MOMENTO FLESSIONALE Momento complanare bracci superiore Momento complanare bracci inferiori Momento massimo al nodo centrale TAGLIO Taglio complanare bracci superiore Taglio complanare bracci inferiori 166,62 kn 20,43 kn 0,00 kn 0,00 kn 72,34 kn 0 kn 0 kn 0 kn 0 kn 11,22 kn 39,73 kn 22,42 kn 20,2 kn 72,34 kn Porzione inferiore: HEB 120 Peso al metro lineare : p = kg/m Area sezione trasversale : A = 3401 mm 2 Modulo di resistenza elastico : W = mm 3 Modulo di resistenza plastico : Wp = mm 3 Raggio di inerzia minimo : ρ = 30.6 mm

25 Relazione tecnico strutturale Pag 24 L elemento è stato verificato utilizzando il metodo dello stato limite ultimo seguendo quanto riportato nella normativa italiana (NTC2008). La trave è stata verificata per instabilità, secondo la seguente relazione: Nodo centrale: HEB 120 Peso al metro lineare : p = kg/m Area sezione trasversale : A = 2959 mm 2 Modulo di resistenza elastico : Weff = mm 3 Raggio di inerzia minimo : ρ = 30.4 mm L elemento è stato verificato utilizzando il metodo dello stato limite ultimo seguendo quanto riportato nella normativa italiana (NTC2008). Il nodo è stato verificata alla resistenza, secondo la seguente relazione: Tiranti: I tiranti previsti, realizzati con corde in acciaio del diametro di 16 mm, sono ampiamente verificati in quanto il carico di collaudo è di 163,00 kn. Per le condizioni di carico in esame si ha infatti: -tiro porzione superiore = 20,43 KN < 163,00 KN; -tiro porzione inferiore = 72,34 KN < 163,00 KN. Gambo: Il gambo centrale è realizzato mediante un profilato tubolare (EN S235JR) di dimensioni pari a 88.9 mm con uno spessore di 5 mm. La resistenza a trazione di tale elemento è pari a KN 451,85 superiore a 166,62 KN di progetto. Il gambo è collegato al nodo centrale mediante un giunto sferico, il tutto è poi bloccato tramite un apposito chiavistello. Una sfera del diametro di 80 mm viene saldata sulla piastra, dello spessore 10 mm, che tiene compresse e rigidamente vincolate le travi HEB. La saldatura dello spessore di 10 mm avviene lungo tutto il contorno per una lunghezza totale pari a 182 mm. Lo sforzo assiale sopportato dalla saldatura è di 1025 kn, ampiamente verificata per sopportare una forza sollecitante di 166,62 KN

26 Relazione tecnico strutturale Pag 25 Dimensionamento delle Fondazioni: L ancoraggio verrà realizzato mediante il collegamento con la struttura contrapposta. 4 VERIFICA PIASTRA DI FONDAZIONE IN CLS La piastra di fondazione in calcestruzzo armato verrà realizzata di lato 1250 x 1150 ed altezza 280 mm; sarà armata superiormente con una doppia armatura simmetrica 8 φ16 che integra quella di base pari a 5φ10/m (sia superiormente che inferiormente); il copriferro sarà pari a 30 mm. Lo schema statico utilizzato per il calcolo della armatura considera che la piastra in cls sia vincolata nel nodo centrale con un incastro e caricata uniformemente da una pressione ultima pari a 330 KN/mq indotta da uno sforzo di trazione di 475 KN. Tale modello è stato risolto attraverso l impiego di un solutore agli elementi finiti che ha dato i seguenti risultati:

27 Relazione tecnico strutturale Pag 26

28 Relazione tecnico strutturale Pag 27 Il momento sollecitante massimo vale MEd = 143 KNm/m mentre quello resistente è pari a MRd = 171 KNm/m. La sezione risulta dunque verificata come da riepilogo seguente.

29 Relazione tecnico strutturale Pag 28

RELAZIONE STRUTTURALE

RELAZIONE STRUTTURALE RELAZIONE STRUTTURALE DESCRIZIONE DELL OPERA. Si prevede di realizzare una passerella pedonale in acciaio per l accesso secondario alla grotta. La struttura è costituita da due travi parallele in acciaio

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO Si dimensioni un pilastro nelle tre diverse tecnologie: legno, acciaio e cemento armato. Osservando una generica pianta di carpenteria, il pilastro centrale sarà quello maggiormente

Dettagli

COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE

COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA Progetto preliminare, definitivo, esecutivo relativo all intervento di ripristino della viabilità della strada comunale Lentula-Torri interrotta a seguito

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Verifica di una struttura esistente

Verifica di una struttura esistente Il metodo agli Stati Limite per la verifica delle strutture in c.a. Giovanni A. Plizzari Università di Bergamo Paolo Riva Università di Brescia Corso Pandini Bergamo, 14-15 Novembre, 2003 Verifica di una

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Esercitazione 6 Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Si esegua la verifica di stabilità allo scorrimento nella sola fase di cresta dell

Dettagli

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO COMUNE DI MALOSCO Provincia di Trento PROGETTO INTERVENTO DI SOMMA URGENZA RECUPERO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SU P.F. 666 C.C. MALOSCO I IN VIA MIRAVALLE. Relazione di calcolo COMMITTENTE

Dettagli

Strutture in Acciaio:

Strutture in Acciaio: Strutture in Acciaio: i Verifica degli elementi strutturali STATI LIMITE DI ESERCIZIO STATI LIMITE ULTIMI DELLE SEZIONI (RESISTENZA DELLE SEZIONI) Si possono considerare due stati limite: 1. Stato

Dettagli

Collegamenti nelle strutture

Collegamenti nelle strutture 1 Collegamenti nelle strutture Le tipologie delle unioni bullonate o saldate sono molteplici e dipendono essenzialmente da: caratteristiche dell unione: nell ambito di quelle bullonate si possono avere

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta La scelta ed il dimensionamento di una soluzione fondale di tipo diretto superficiale è legata oltre alle caratteristiche del terreno su cui sorgerà la costruzione anche dal tipo di soluzione strutturale

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I AGGIORNAMENTO 24/01/2015 OPERE DI SOSTEGNO Conoscenze Programma Abilità

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml.

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml. CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC,00 X,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 6846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE:

Dettagli

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio 1 Elementi strutturali Travi principali reticolari (capriate); travi secondarie (arcarecci); pilastri; controventi di falda; controventi longitudinali

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria.

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. Politecnico di Torino Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. III parte Pag. 1 Le componenti dell azione sismica devono essere considerate come agenti simultaneamente,

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO

MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO MANUALE STRUTTURE DI MONTAGGIO SU TETTO REV 01-05/2014 INDICE 1 Premessa 1.1 Avvertenze 1.2 Norme tecniche di riferimento 1.3 Caratteristiche dei materiali 1.4 Caratteristiche tecniche dei profili maggiormente

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Taggia Provincia di Imperia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI MURO DI SOSTEGNO VILLA CURLO

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Le travi reticolari sono strutture formate da aste rettilinee, mutuamente collegate

Dettagli

1. Normative di riferimento

1. Normative di riferimento INDICE 1. Normative di riferimento... 2 2. Calcolo della spinta sul muro... 3 3. Verifica a ribaltamento... 4 4. Verifica a scorrimento... 4 5. Verifica al carico limite... 5 6. Verifica alla stabilità

Dettagli

Tiranti Attivi attrezzati con Sistema TFEG

Tiranti Attivi attrezzati con Sistema TFEG Tiranti Attivi attrezzati con Sistema Sommario Il sistema è un applicazione meccanica che consente di migliorare le caratteristiche di trasferimento del carico da pali di fondazione, di piccolo, medio

Dettagli

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i.

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i. Ingegnere BIAGIO D AMATO E03b Via I.Lodato, 9 84025 Eboli (SA) tel 339.2183301 fax 0828.330614 biagiodamato@tiscali.it LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA Liceo Scientifico Statale

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

2. NORMATIVA. Il progetto e stato redatto nel rispetto delle seguenti norme:

2. NORMATIVA. Il progetto e stato redatto nel rispetto delle seguenti norme: 1 INDICE 1. GENERALITA... 2 2. NORMATIVA... 3 3. MATERIALI E LIMITI TENSIONALI... 4 4. ANALISI DEI CARICHI... 5 5. CARATTERISTICHE GEOMETRICHE... 9 6. CARATTERISTICHE DI SOLLECITAZIONE... 10 7. VERIFICHE

Dettagli

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE Asseverazione classificazione categoria Relazione sulle caratteristiche

Dettagli

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A"

VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO A VERIFICA OPERE IN C.A. CORPO "A" 1 VERIFICA PIASTRA FONDALE...3 VERIFICA RESTANTI OPERE IN C.A...9 VERIFICHE SLE...11 2 VERIFICA PIASTRA FONDALE Verifica a flessione Stati limiti La piastra fondale presenta

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

Strutture in acciao, legno, e laterocementizie

Strutture in acciao, legno, e laterocementizie Strutture in acciao, legno, e laterocementizie Marc Antonio Liotta Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Strutture in acciaio Materiale isotropo Fe360: σ adm =1600kg/cm 2 Solaio tipo in acciaio-cls

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati

il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati GRANCHIO il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati GRANCHIO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto, in alternativa ai sistemi tradizionali, alla realizzazione di vespai

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

COMUNE DI MARZABOTTO

COMUNE DI MARZABOTTO COMUNE DI MARZABOTTO RELAZIONE GENERALE La relazione in argomento è relativa ad un intervento di adeguamento viario delle rampe di accesso al cavalcavia carrabile della Linea Ferroviaria Pistoia Bologna

Dettagli

La nuova normativa sismica. Edifici in cemento armato

La nuova normativa sismica. Edifici in cemento armato La nuova normativa sismica Ordinanza 3274 del 20 marzo 2003 e 3431 del 3 maggio 2005 Edifici in cemento armato Prof. Ing. Gennaro Magliulo Conglomerato: Caratteristiche dei materiali Rbk > = 25 Mpa (250

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA s i s t e m i v e r t i c a l i LANDMARK s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA premessa L idea: la connessione positiva Un surplus tecnologico Landmark razionalizza la quantità di geogriglie

Dettagli

Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - 9 e 10 gennaio 2003 - il calcestruzzo - Alcuni avvisi

Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - 9 e 10 gennaio 2003 - il calcestruzzo - Alcuni avvisi Corso di Tecnologia degli elementi costruttivi + Organizzazione del cantiere - a.a. 2002/2003 - ghiaia sabbia cemento acqua Il calcestruzzo: casseratura getto e maturazione 1 Alcuni avvisi lezione breve

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

Stati limite di carattere idraulico (UPL-HYD) Norme e progettazione di opere geotecniche

Stati limite di carattere idraulico (UPL-HYD) Norme e progettazione di opere geotecniche Stati limite di carattere idraulico (UPL-HYD) Stati limite di carattere idraulico (UPL-HYD) Galleggiamento (uplift( uplift) Sollevamento (heave( heave) Sifonamento (piping) (Erosione interna) Sollevamento

Dettagli

631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8

631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8 631-06 HUNNEBECK RASTO CAT 16-10-2006 12:29 Pagina 8 Le fotografie pubblicate si riferiscono a immagini istantanee di situazioni reali in cantiere che non sono da considerare come esempi di impiego. I

Dettagli

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

Progetto di un muro di sostegno in cemento armato

Progetto di un muro di sostegno in cemento armato ITG Cassino Corso di costruzioni prof. Giovanni Di Lillo Per il progetto dei due muri si sceglie la tipologia in cemento armato per il muro con altezza di 5.00 m, mentre il muro con altezza di.50 m sarà

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DELLA PROGETTAZIONE STRUTTURALE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Pescara 13 Aprile 2011 Relatore Dott. Ing. Maria Angelucci Fattori che influenzano la progettazione strutturale Caratteristiche del pannello

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9 R4M engineering INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. CHIUSURA DEL FORO SCALA A CHIOCCIOLA ESISTENTE... 4 1.2. CHIUSURA CAVEDI IMPIANTISTICI ESISTENTI... 5 1.3. AMPLIAMENTO DELLA VASCA... 6 1.4. ORDITURA PORTANTE

Dettagli

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO SCH

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO SCH SISTEMA DI SOLLEVAMENTO Il sistema di sollevamento, certificato TÜV, è costituio dai seguenti elementi base: - boccole con barra ondulata - golfari - tappi A seconda del tipo d impiego al quale sono destinati,

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli

SOMMARIO CITTA DI BIELLA DISSESTO STRADA DI CANTONE VINDOLO OPERE STRUTTURALI DI RIPRISTINO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO

SOMMARIO CITTA DI BIELLA DISSESTO STRADA DI CANTONE VINDOLO OPERE STRUTTURALI DI RIPRISTINO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO SOMMARIO 1 GENERALITA... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 DATI GEOTECNICI E MATERIALI... 2 4 VERIFICHE... 2 5 Verifica a s.l.e. in combinazione rara (Vindolo_2_Rara.PRT)... 3 5.1 Modello Strutturale...

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE

INTERVENTI SULLE STRUTTURE INTERVENTI SULLE STRUTTURE 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN C.A. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE

RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE 1 DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA Le verifiche di seguito riportate riguardano un palo a sbraccio in acciaio di sezione tubolare variabile, di altezza complessiva,

Dettagli

Ing. Stefano Di Sangro REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE

Ing. Stefano Di Sangro REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO SOLARE FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE Studio di Ingegneria Stefano Di Sangro CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI Provincia di Teramo PIANO REGIONALE TRIENNALE TUTELA E RISANAMENTO AMBIENTALE 2006/2008 ART. 225 L.R. N. 15 DEL 26.04.04 INSTALLAZIONE

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento Analisi dei carichi permanenti Sovraccarichi variabili Combinazioni di

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO INDICE 1. INTRODUZIONE pag.. DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO pag. 3. EFFETTI DELLE AZIONI pag. 4 4. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI VERTICALI pag. 5 5. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI TRASVERSALI pag.

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI. 2 Il calcestruzzo armato 2.4 La flessione composta

ESERCIZI SVOLTI. 2 Il calcestruzzo armato 2.4 La flessione composta ESERCIZI SVOLTI Costruire la frontiera del dominio di resistenza della sezione rettangolare di mm con armatura simmetrica A s,tot + 6, copriferro mm, impiegando calcestruzzo classe C /. Resistenza di calcolo

Dettagli

Verbale prove di carico Effettuate in data 02/09/2009

Verbale prove di carico Effettuate in data 02/09/2009 Piano di Lottizzazione Pegaso in località Vado. Permesso a costruire n. 2/U/2006 rilasciato in data 12.09.2006 prot. n. 3453/05 Inizio lavori del 20.07.2007 comunicato in data 23.07.2007 con prot. n. 7182

Dettagli

Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio

Esercitazione: Edificio Multipiano in Acciaio Università degli Studi di Cagliari Esercitazione: Ediicio ultipiano in Acciaio Sommario Introduzione.... Analisi dei carichi... 3. Veriica delle travi... 5.. Trave N... 5.. Trave N... 7.3. Trave N 3...

Dettagli