P.D.M. Product Data Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P.D.M. Product Data Management"

Transcript

1 P.D.M. Product Data Management Fonte: PDM...1 Che cosa è... 2 Caratteristiche e moduli funzionali di un sistema PDM... 2 Archiviazione:... 3 Classificazione... 3 Ricerca... 3 Strutturazione... 3 Interdipendenza tra le informazioni... 3 Utenti e ruoli... 4 Filtri e visibilità delle informazioni... 4 Comunicazioni... 4 Supply chain, extended enterprise... 4 Workflow e process management... 4 Storico Configurazioni... 4 Filtri, visualizzazioni Interfaccia con ERP... 5 Interfaccia web... 5 Alcuni aspetti generali da non trascurare:... 5 Funzionalità di amministrazione del sistema... 5 Sicurezza... 5 Program & project management... 5 Supply chain, extended enterprise... 5 BRAIN SYSTEM Srl Sede legale e operativa: Via Provinciale, Dalmine (BG) - Tel Fax CF e PIVA n Reg. Impr. BG /1997

2 Che cosa è L'argomento di questa sezione è il PDM; per prima cosa cercheremo di definire il termine. All acronimo corrispondono vari significati che dipendono dalla chiave di lettura, che cambia con l evoluzione dei concetti su cui si basano i sistemi di PDM. Si va dal semplice archivio di documenti tecnici; a infrastruttura di supporto all'introduzione nel processo di sviluppo prodotto di nuovi paradigmi, quali es. concurrent engineering. Un primo modo di vedere le cose è: PDM = Product Data Management, cioè strumenti e metodi per gestire tutti i dati necessari alla definizione di un prodotto industriale. Una seconda definizione, presa in prestito da CIMDATA (www.cimdata.com), una società di consulenza statunitense specializzata nelle problematiche dello sviluppo prodotto, è: "an enabling technology for implementing many of the broad corporate re-engineering initiatives that manufacturers are currently instituting such as concurrent engineering and process re-engineering" traducibile in: "una tecnologia che consente l implementazione di molte delle iniziative di livello aziendale che le imprese stanno correntemente affrontando, quali concurrent engineering e re-ingegnerizzazione di processi". Un ulteriore sviluppo del modo di vedere la questione, sempre secondo CIMDATA, considera PDM come parte della strategia cpdm (collaborative Product Definition Management; discusso nell'articolo "10 Trends nel cpdm" di ED Miller). In tutti i casi (e nelle molteplici variazioni sul tema), ci si focalizza principalmente su un concetto: come condurre e con quali strumenti gestire il processo di sviluppo prodotto; cioè come organizzare le informazioni necessarie a definire, produrre e manutenere un prodotto industriale, e come portarle al personale interessato. L'obiettivo a cui tendere, è la possibilità di gestire in maniera organica le informazioni relative all intero ciclo di vita del prodotto. Nel seguito di questa sezione, si parlerà quindi di PDM inteso come strumento informatico, ma anche più in generale dell insieme di strategie e metodi a supporto dello sviluppo prodotto che fanno uso di tale strumento (e delle tecnologie e degli acronimi che nasceranno). Da questa breve introduzione, si può inquadrare la complessità del problema. In particolare il fatto che, sia per la complessità dei nuovi paradigmi in via di introduzione nel mondo dello sviluppo prodotto, che per le disponibilità offerte dalle tecnologie, i cambiamenti connessi con l introduzione di un supporto informatico di tipo PDM non riguardano singole attività e gli strumenti con i quali queste vengono svolte, ma interi processi ed il modo secondo cui questi vengono portati avanti. Cambia quindi anche il problema dell introduzione ed implementazione di nuove soluzioni informatiche, in quanto non si tratta di acquistare lo strumento giusto ed imparare ad usarlo, ma di capire come migliorare un intero processo, e definire poi un supporto. Non si comperano prodotti finiti, ma ambienti nei quali implementare il proprio processo, cioè si acquista un progetto complesso, e intimamente legato alla realtà aziendale corrente. Da quanto detto sopra quindi emerge che porsi il problema di implementare un PDM significa porsi problematiche tecniche (quali e quanti strumenti), ma soprattutto organizzative e strategiche (cosa fare, come, chi fa cosa...). Caratteristiche e moduli funzionali di un sistema PDM Quello che tipicamente si richiede ad un sistema PDM sta più o meno tutto nella frase: "The right information available for the right person at the right time and in the right form". Cioè la giusta informazione deve essere disponibile alla persona giusta, al momento giusto e nel formato opportuno. Per il momento tralasciamo le pesanti Pag. 2

3 implicazioni organizzative del concetto, per fare qualche considerazione sugli strumenti che servono. Archiviazione: Poter archiviare informazioni eterogenee (es. file CAD, fogli elettronici, risultati di analisi, documenti di specifica o procedure, ecc.), in maniera controllata. Molti sistemi fanno uso di un Vault, cioè un archivio protetto, all interno del quale i file vengono criptati. Questo per garantire che il salvataggio e l accesso possa essere effettuato esclusivamente usando l interfaccia PDM, che quindi fa da guida evitando errori, per assicurare la coerenza delle informazioni e l integrità dell archivio. Classificazione Poter classificare e catalogare documenti in modo da renderne facile la ricerca in seguito. Questo si ottiene assegnando alle informazioni degli attributi, gestiti con metadati. Chiariamo il significato di metadati (che vorrebbe dire "dati sui dati"): un file contiene delle informazioni (es. un file CAD contiene una geometria, ecc.) e quelli sono dati. Per le funzioni di archivio e di riutilizzo delle informazioni a valle di chi le ha create, è però necessario avere delle indicazioni sul generico file come entità a se stante (Continuando con l esempio del CAD: Versione, responsabile, n disegno, a quale gruppo funzionale appartiene la parte, ecc.). Questi sono i cosiddetti metadati; cioè tutte le informazioni che servono al sistema per recuperare il file giusto al momento giusto. Essendo i metadati degli attributi da associare ai singoli file per contestualizzarli, va da se che la loro definizione è unica caso per caso (salvo le ovvie comunanze in ambiti simili). Ogni azienda ha un proprio modo di classificare i suoi dati, che è funzione della realtà aziendale specifica e dipende da come è gestito il processo di sviluppo che produce/utilizza questi dati. Tipicamente quindi, due sistemi PDM per due aziende diverse, necessitano di implementazione diversa. Ricerca Poter facilmente recuperare le informazioni che si stanno cercando, attraverso un meccanismo di "Query" facilitata. Con questo si intende la possibilità di effettuare ricerche complesse sul database con l aiuto di una interfaccia "amichevole". Questo serve per dare agli utenti la possibilità di scegliere in mezzo a tutte le informazioni presenti nel database, quella che interessa loro avere. La selezione del file giusto è fatta usando come chiavi i metadati, cioè gli attributi che lo contraddistinguono dagli altri file. Un esempio potrebbe essere la ricerca di tutti i disegni CAD delle parti appartenenti ad un determinato gruppo funzionale. E importante che l utente abbia a disposizione strumenti per la definizione dei criteri di ricerca, che siano facili da usare e di veloce apprendimento. Strutturazione Avere la possibilità di raggruppare e contestualizzare le informazioni all interno di una struttura di prodotto. Le aziende sono abituate a vedere il proprio prodotto con il sistema della distinta base, che gestisce i componenti di un sistema raggruppandoli logicamente, e rappresentandoli tipicamente con grafi ad albero, o comunque con strutture gerarchiche. E importante che l utente possa usare lo stesso criterio e la stessa rappresentazione per muoversi tra i file contenenti le informazioni relative ai diversi componenti. E altresì importante che tali informazioni possano essere ristrutturare a seconda del contesto (es. per le esigenze di progettazione può risultare comodo un raggruppamento ed una strutturazione dei componenti, che non è detto sia altrettanto comoda per le esigenze del montaggio, piuttosto che degli acquisti). Interdipendenza tra le informazioni Avere supporto nel gestire l'interdipendenza tra file diversi. Con l'evolvere della progettazione capita sempre più spesso che un file utilizzi informazioni che risiedono in un altro file (es. verifiche che fanno uso di geometrie tridimensionali). Occorre che il Pag. 3

4 sistema supporti l'utente nella gestione di queste interdipendenze, altrimenti si rischia che qualcuno faccia del lavoro basandosi su informazioni non più valide Utenti e ruoli Chi ha accesso a quali informazioni e con quali diritti (sola lettura, modifica, creazione di nuovi dati, ecc.). E' un aspetto importante per poter effettuare concurrent engineering, cioè rendere parallele alcune fasi dello sviluppo che tradizionalmente erano sequenziali. Questo implica che diversi enti e ruoli debbano vedere le informazioni prodotte gli uni dagli altri, prima ancora che queste siano definitive, conoscendone ovviamente lo stato. Per evitare errori è bene che ogni utente sia "guidato", o meglio, "vincolato" in qualche modo nell'esplorazione e nell'utilizzo delle informazioni, avendo la certezza di non andare per sbaglio a modificare progetti di altri, oppure a basarsi su informazioni non aggiornate nel fare il proprio lavoro. Filtri e visibilità delle informazioni Gestione della visibilità dei dati e delle aree di lavoro private per i progettisti. Questo aspetto ha implicazioni di processo (es. tenere mascherato un disegno fino a che non raggiunge un certo livello di definizione può servire ad evitare che altri lavorino basandosi su informazioni non attendibili), ma anche per questioni organizzative e di sicurezza; basti pensare al fatto che sempre più spesso le aziende lavorano con codesigner, ai quali devono essere forniti gli accessi ai dati rilevanti per il loro lavoro, pur salvaguardando la sicurezza/riservatezza delle informazioni di progetto. Comunicazioni Comunicazione: utilizzo di un sistema di posta elettronica per trasferire informazioni, notificare eventi, ecc. Questo è un altro aspetto legato all'esigenza di lavorare in contemporanea. Per un progettista è importante vedere le parti o i componenti progettati da altri che interagiscono con gli oggetti che sta sviluppando; ma è anche fondamentale sapere quando una di queste viene modificata in un modo che potrebbe invalidare le verifiche da lui fatte fino ad ora. Per poter passare queste informazioni si va da un semplice sistema di posta interna al PDM (in modo che anche le comunicazioni possano venire organizzate dal database), con il quale ogni progettista può notificare agli interessati le modifiche rilevanti, alle funzionalità di "subscribe" vero e proprio, dove è lo stesso interessato a ricevere le informazioni che si "abbona" ad una parte, chiedendo al PDM di notificargli in automatico quando avvengono dei cambiamenti. Supply chain, extended enterprise Poter lavorare nello stesso ambiente indipendentemente dalla locazione fisica. Sempre di più lo sviluppo prodotto si avvale di progettisti esterni, co-designers e fornitori; quindi non è detto che "The right person" stia necessariamente all'interno della nostra azienda. Workflow e process management Le informazioni tecniche subiscono un processo di approvazione, più o meno formale, prima di essere ufficializzate. Una possibilità che viene offerta da molti PDM è la automazione di tale processo. Ad esempio fare in modo che quando un progettista salva un disegno come "rilasciato", il sistema automaticamente lo porti in visione al suo capo, e non appena questo ha salvato la sua approvazione il file venga smistato automaticamente ad archivi, servizi di plottaggio, ecc. Storico. Perché il database non sia un semplice archivio di disegni, ma un vero ausilio alla progettazione, è importante che possa salvare le informazioni relative ai diversi stadi di maturità di un progetto, in modo da tenere traccia delle scelte effettuate nei vari momenti dello sviluppo. Configurazioni. E' spesso necessario dover gestire diverse versioni di prodotto fin dalle prime fasi di sviluppo; per questo occorre poter disporre di una gestione delle diverse configurazioni Pag. 4

5 della distinta base tecnica di un prodotto. Anche se non sono richieste le complesse funzioni di un configuratore commerciale, è importante avere sott'occhio le implicazioni di una scelta ingegneristica su tutti gli ambiti di influenza (es. modifica su un sottosistema che è comune ad una gamma prodotti). Filtri, visualizzazioni. Si intende la possibilità di accedere in maniera differenziata e aggiornata ai dati. Ad es. un responsabile può avere necessità di visualizzare tutti e soli i "disegni" realizzati da membri del suo team, e che siano rilasciati e in attesa della sua approvazione. Interfaccia con ERP. E' importante che i dati dell'ingegneria siano coerenti e interconessi con quelli di tutta l'azienda, in modo da garantire la maggiore continuità e integrazione possibile nell'intero processo aziendale. Questo per rendere possibile una gestione integrata delle informazioni relative all'intero ciclo di vita del prodotto. Interfaccia web. Visto l'uso esteso delle intranet aziendali, che stanno sempre più spesso diventando extranet, estese in alcune parti anche a fornitori e clienti; è importante che il sistema sia in grado anche di presentare le informazioni in un formato compatibile con l'architettura Web; in modo da rendere le informazioni fruibili ad utenti supportati da sistemi diversi e in ambiti differenti. Alcuni aspetti generali da non trascurare: Funzionalità di amministrazione del sistema. Una volta avviato il sistema necessita le ovvie manutenzioni. Deve essere altresì facile gestire il suo evolversi con l'evoluzione dell'azienda (es. nascono nuovi progetti, cambiano le persone, entrano nuovi co-designers, ecc.) Sicurezza Un sistema del genere, una volta a regime si trova ad essere il depositario dei dati, e l'arbitro dei processi; va da sé quanto sia delicata la questione, sia in termini di affidabilità del sistema che di salvaguardia della riservatezza delle informazioni. Program & project management Poter utilizzare le informazioni sugli oggetti in via di sviluppo anche per la gestione dei progetti; ad esempio correlando livelli di completamento degli oggetti in via di sviluppo (da gestire con attributi opportuni) a milestones. Più in generale comunque poter avere una vista del livello di completamento di un progetto complesso per poterla confrontare con quelli che erano programmi, previsioni, obiettivi. Supply chain, extended enterprise Al di là del poter/dover garantire accesso e visibilità ai dati anche a personale esterno all'azienda, lavorare in remoto può spesso implicare complicazioni nell'architettura del sistema (es. necessità di gestire replicazioni in loco dei database, ecc). Fonte: Pag. 5

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT Una breve introduzione al mondo del PLM Business Development Management S.r.l. con il contributo del DIGEP del Politecnico di Torino Il PLM nasce come metodologia di gestione

Dettagli

CARATTERISTICA / MODULO

CARATTERISTICA / MODULO NextWare Doc è il prodotto che consente di amministrare semplicemente tutte le p roblematiche inerenti la gestione dei documenti; è rivolto sia la settore privato che alla Pubblica Amministrazione, e copre

Dettagli

INFIN OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE

INFIN OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE INFIN Ricezione, Acquisizione, Protocollazione, Classificazione, Condivisione, Distribuzione e Gestione dei processi documentali. I TUOI DOCUMENTI DIVENTANO INFORMAZIONI

Dettagli

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management)

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management) Thea PDM Il PDM (Product Data Management) Nell'industria manifatturiera il PDM è un software per la raccolta ed organizzazione dei file nelle divere fasi di ideazione, progettazione, produzione ed obsolescenza

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 MANUALE www.logisticity.it Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 INDICE Presentazione... pag. 02 Applicativo... pag. 03 Amministrazione...pag. 06 Licenza...pag.

Dettagli

C.R.M. Custom Relationship Management

C.R.M. Custom Relationship Management Web Solution C.R.M. Custom Relationship Management Overview La soluzione CRM Portal Builder è una piattaforma innovativa per la gestione delle relazioni con i clienti, basata su una struttura modulare

Dettagli

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione Sistemi informativi e GIS Sistema Informativo: insieme di strumenti per raccogliere, immagazzinare, elaborare, ricercare e presentare informazioni relative ad un determinato ambito applicativo (contabilità,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

D-View. Un software completo. Accesso e condivisione ovunque e con tutti. Introduzione. Caratteristiche

D-View. Un software completo. Accesso e condivisione ovunque e con tutti. Introduzione. Caratteristiche il software PDM che trasforma le tue idee in prodotti di successo Accesso e condivisione ovunque e con tutti organizza migliaia di informazioni riduce tempi e costi di realizzazione migliora la qualità

Dettagli

PDForum 2003. I l 26 e 27 Novembre, organizzata

PDForum 2003. I l 26 e 27 Novembre, organizzata PDForum 2003 Una manifestazione dedicata ai progetti di Product Lifecycle Management (PLM) e ai programmi di sviluppo prodotto ANTONELLA CATTANEO I l 26 e 27 Novembre, organizzata dalla divisione Large

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Enterprise Information Portal. Giampiero Giachetto

Enterprise Information Portal. Giampiero Giachetto Enterprise Information Portal Giampiero Giachetto 2 La condivisione della conoscenza come fattore della competitività di un azienda. L'affermarsi dell'intranet come strumento aziendale per la condivisione

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi I sistemi operazionali complementari Copyright 2011 Pearson Italia Sistemi di supporto primario all ERP Le aree tradizionalmente coperte dai sistemi ERP

Dettagli

Windchill PDMLink 9.0/9.1 Guida al curriculum

Windchill PDMLink 9.0/9.1 Guida al curriculum Windchill PDMLink 9.0/9.1 Guida al curriculum NOTA: per una rappresentazione grafica del curriculum in base al ruolo professionale, visitare la pagina: http://www.ptc.com/services/edserv/learning/paths/ptc/pdm_90.htm

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

www.siemens.com/solidedge

www.siemens.com/solidedge Solid Edge Insight Siemens PLM Software www.siemens.com/solidedge Il software Solid Edge Insight integra perfettamente CAD, gestione della progettazione e collaborazione basata sul Web in un unico strumento,

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Addition X DataNet S.r.l. www.xdatanet.com www.xdatanet.com

Addition X DataNet S.r.l. www.xdatanet.com www.xdatanet.com Addition è un applicativo Web che sfrutta le potenzialità offerte da IBM Lotus Domino per gestire documenti e processi aziendali in modo collaborativo, integrato e sicuro. www.xdatanet.com Personalizzazione,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO Lettere, fax, messaggi di posta elettronica, documenti tecnici e fiscali, pile e pile

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

JCLOUD... PORTA IL TUO BUSINESS SULLA NUVOLA

JCLOUD... PORTA IL TUO BUSINESS SULLA NUVOLA JCloud Web Desktop JCLOUD... PORTA IL TUO BUSINESS SULLA NUVOLA OVUNQUE TI TROVI JCloud è il desktop che ti segue ovunque, è sufficiente una connessione ad internet ed un browser HTML5 per accedere ai

Dettagli

Tecnologia dei Sistemi Informativi. architettura s.i. 1

Tecnologia dei Sistemi Informativi. architettura s.i. 1 Tecnologia dei Sistemi Informativi architettura s.i. 1 Sistema Informativo comprende risorse umane è fortemente integrato con il sistema organizzativo è essenziale per il funzionamento dell'azienda architettura

Dettagli

INFINITY DMS DOCUMENT MANAGEMENT SYSTEM

INFINITY DMS DOCUMENT MANAGEMENT SYSTEM I N F I N I T Y P R O J E C T DMS DOCUMENT MANAGEMENT SYSTEM DMS Infinity DMS Oltre la semplice archiviazione dei documenti ACQUISIZIONE CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA PROTOCOLLAZIONE IRTACQUISIZIONE PORTAL

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

P.D.M. (Product Document Management) Hierarchycal Tree

P.D.M. (Product Document Management) Hierarchycal Tree DOKMAWEB P.D.M. (Product Document Management) Hierarchycal Tree BBL Technology Srl Via Bruno Buozzi 8 Lissone (MI) Tel 039 2454013 Fax 039 2451959 www.bbl.it www.dokmaweb.it BBL Technology srl (WWW.BBL.IT)

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB

CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB Firenze 1 luglio 2009 Il sistema CMDBuild è una applicazione

Dettagli

Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio

Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio SOFTWARE Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio Le immagini che popolano i nostri hard-disk sono sempre di più. Come fare a ritrovare quella che ci serve? L unica

Dettagli

PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci

PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci Le aziende manifatturiere, per meglio competere, si sono organizzate secondo il modello della filiera estesa, una modalità operativa in cui

Dettagli

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1

Presentazione della famiglia openshare 2.2. 4/30/2003 Infosquare.com 1 Presentazione della famiglia 2.2 4/30/2003 Infosquare.com 1 La piattaforma Un ambiente completo e versatile per la costruzione di portali aziendali Una piattaforma integrata di content management per raccogliere,

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Il mercato della Business Intelligence è attualmente in forte crescita. Il fenomeno si può spiegare in vari modi: la maturità raggiunta dai sistemi

Il mercato della Business Intelligence è attualmente in forte crescita. Il fenomeno si può spiegare in vari modi: la maturità raggiunta dai sistemi Enterprise Dashboard Il mercato della Business Intelligence è attualmente in forte crescita. Il fenomeno si può spiegare in vari modi: la maturità raggiunta dai sistemi di Information e Communication Technology

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML Introduzione L applicazione EXPLOit gestisce i contenuti dei documenti strutturati in SGML o XML, utilizzando il prodotto Adobe FrameMaker per

Dettagli

Alfresco ECM. La gestione documentale on-demand

Alfresco ECM. La gestione documentale on-demand Alfresco ECM La gestione documentale on-demand Alfresco 3.2 La gestione documentale on-demand Oltre alla possibilità di agire sull efficienza dei processi, riducendone i costi, è oggi universalmente conosciuto

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO

BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO I MODULI DI BUSINESS FILE Nella versione Net di BUSINESS FILE sono disponibili i seguenti moduli: > BF_K Software development kit > BF01 Archiviazione, visualizzazione,

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business CA ERwin Modeling fornisce una visione centralizzata delle definizioni dei dati chiave per consentire

Dettagli

Pianificazione Controllo Analisi Reporting. Progetti Srl - PCPro 1

Pianificazione Controllo Analisi Reporting. Progetti Srl - PCPro 1 Pianificazione Controllo Analisi Reporting 1 Controllo di Gestione La situazione dei mercati impone alle aziende la necessità di operare in modo più efficiente e tempestivo. L informazione sullo stato

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

ISIS Giordano Bruno Sistemi Informativi Aziendali. Lezione del Prof. Gianluigi Roveda

ISIS Giordano Bruno Sistemi Informativi Aziendali. Lezione del Prof. Gianluigi Roveda ISIS Giordano Bruno Sistemi Informativi Aziendali Lezione del Prof. Gianluigi Roveda Sommario 1. Sistema Informativo e Sistema Informatico 2. Professionalità 3. Applicazioni aziendali 4. Problemi di sicurezza

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o

U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o U n n u o v o a p p r o c c i o a l p r o c e s s o d e c i s i o n a l e d u r a n t e il c i c l o d i vita d e l p r o d ot t o C O M P E N D I O Con il supporto di: Siemens PLM Sede centrale globale:

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

CA Mainframe Chorus for DB2 Database Management

CA Mainframe Chorus for DB2 Database Management SCHEDA PRODOTTO CA Mainframe Chorus for DB2 Database Management CA Mainframe Chorus for DB2 Database Management Le attività di gestione del carico di lavoro di DB2 per z/os vengono semplificate e ottimizzate,

Dettagli

La nostra proposta per il settore ecologia.

La nostra proposta per il settore ecologia. pagina 1 di 10 La nostra proposta per il settore ecologia. Movendo Srl Movendo srl è un'azienda specificamente orientata all'erogazione di servizi per la gestione delle risorse mobili (Mobile Resources

Dettagli

Risk Management? Keep it simple! Luca Giraudo

Risk Management? Keep it simple! Luca Giraudo Risk Management? Keep it simple! Luca Giraudo Prince2 Practitioner, ISIPM Certified Advisor, ESPM Scientific Committee Introduzione Con il termine Risk Management ci si riferisce all'insieme di processi

Dettagli

PRA MANUALE SERVABIT PER GOVERNARE IL FARE IN AZIENDA. Servabit srl via Santo Stefano 57, 40125 Bologna tel. +39 051 5870353 C.F e P.

PRA MANUALE SERVABIT PER GOVERNARE IL FARE IN AZIENDA. Servabit srl via Santo Stefano 57, 40125 Bologna tel. +39 051 5870353 C.F e P. PRA MANUALE SERVABIT PER GOVERNARE IL FARE IN AZIENDA Servabit srl via Santo Stefano 57, 40125 Bologna tel. +39 051 5870353 C.F e P.iva: 02807961202 www.servabit.it ottobre 2011 2 Indice Premessa...3 Attori...4

Dettagli

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS

La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS 1 Introduzione La Sicurezza dell Informazione nel Web Information System La metodologia WISS Ioanis Tsiouras 1 (Rivista ZeroUno, in pubblicazione) I sistemi informativi con le applicazioni basate su Web

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Introduzione. PDM semplificato per aziende mainstream 2

Introduzione. PDM semplificato per aziende mainstream 2 w h i t e p a p e r PDM semplificato per aziende mainstream Prefazione SolidWorks Enterprise PDM è uno strumento indispensabile per le aziende di sviluppo prodotti 3D che devono gestire una grande quantità

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli

Introduzione. Antonio Candiello, PhD Business Solutions, Met Sogeda Spa

Introduzione. Antonio Candiello, PhD Business Solutions, Met Sogeda Spa Vision 2000 ed informatica: un sistema sinergico di supporto alle imprese orientate ai processi I moderni sistemi qualità a norma Iso 9001:2000 / Vision 2000, in combinazione con gli attuali strumenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica lllo Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.

Dettagli

Esempi pratici, risultati e contromisure consigliate. Massimo Biagiotti

Esempi pratici, risultati e contromisure consigliate. Massimo Biagiotti L attività di un Ethical Hacker Esempi pratici, risultati e contromisure consigliate Massimo Biagiotti Information Technology > Chiunque operi nel settore sa che il panorama dell IT è in continua evoluzione

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM CONTENT MANAGEMENT SYSTEM P-2 PARLARE IN MULTICANALE Creare un portale complesso e ricco di informazioni continuamente aggiornate, disponibile su più canali (web, mobile, iphone, ipad) richiede competenze

Dettagli

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa

Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa Una piattaforma di componenti interconnessi per la gestione della tua realtà complessa La Problematica Negli ultimi tempi la sempre maggior quantità di informazioni necessarie alla vita e allo sviluppo

Dettagli

PLM? Chi era costui? Sergio Terzi Università degli Studi di Bergamo e Politecnico di Milano

PLM? Chi era costui? Sergio Terzi Università degli Studi di Bergamo e Politecnico di Milano PLM? Chi era costui? Sergio Terzi Università degli Studi di Bergamo e Politecnico di Milano Osservatorio GeCo PLM? Gestione dei Processi Collaborativi di Progettazione Chi era costui? Bergamo, 8 Marzo

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA Fornitore: Publisys Prodotto: Intranet Provincia di Potenza http://www.provincia.potenza.it/intranet Indice 1. Introduzione... 3 2. I servizi dell Intranet...

Dettagli

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012

Architetture dei WIS. Definizione di WIS. Benefici dei WIS. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Architetture dei WIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Definizione di WIS Un WIS può essere definito come un insieme di applicazioni in grado di reperire, cooperare e fornire informazioni utilizzando

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

FORUM P.A. 2005. Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza

FORUM P.A. 2005. Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza FORUM P.A. 2005 Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza Master PA mercoledì 11/05/05 L esperienza di Sviluppo Italia per l automazione

Dettagli

Base di dati e sistemi informativi

Base di dati e sistemi informativi Base di dati e sistemi informativi Una base di dati è un insieme organizzato di dati opportunamente strutturato per lo svolgimento di determinate attività La base di dati è un elemento fondamentale per

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Coelda.NET. Gestione Documentale.NET

Coelda.NET. Gestione Documentale.NET Coelda.NET Gestione Documentale.NET Cos è Gestione Documentale.NET? Gestione Documentale.NETè un programma che permette la creazione, l archiviazione e la gestione rapida e completa di un qualunque tipo

Dettagli

ADempiere ERP. Un approccio all'innovazione aperto e partecipativo basato sull'open Source

ADempiere ERP. Un approccio all'innovazione aperto e partecipativo basato sull'open Source ADempiere ERP Un approccio all'innovazione aperto e partecipativo basato sull'open Source Cos è l Open Source Un nuovo modo di creare e distribuire il software che ha tre semplici regole di base: (1)l

Dettagli

ECDL Base. ECDL Full Standard

ECDL Base. ECDL Full Standard http://www.nuovaecdl.it/ Modulo ECDL Base ECDL Full Standard ECDL Standard Computer Essentials Sì Sì Sì (1) Online Essentials Sì Sì Sì (1) Word Processing Sì Sì Sì (1) Spreadsheets Sì Sì Sì (1) IT Security

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli