Catasto 3D la gestione dei layer

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catasto 3D la gestione dei layer"

Transcript

1 Università degli Studi di Udine Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica a.a / 2007 Tesi di Laurea Catasto 3D la gestione dei layer Relatore: prof. ANGELO MONTANARI Laureando: DARIO ZUCCATO Correlatori: dott.ssa DONATELLA GUBIANI

2

3 SOMMARIO In questi ultimi anni si è assistito a una crescita elevata dell interesse verso i sistemi catastali informatizzati. In modo particolare è stata sviluppata una grande quantità di documenti di ricerca riguardanti aspetti di modellazione di tali sistemi, che si sono spinti sempre più avanti verso soluzioni innovative. L esigenza di un sistema informatizzato di gestione del catasto urbano è cresciuta nel tempo di pari passo con l evoluzione delle città e delle proprietà fondiarie. Per questo motivo le vecchie soluzioni di gestione del catasto risultano sempre più inadeguate, in alcuni casi delegando all utente umano molte attività da svolgersi in modo manuale e quindi non informatizzato. Osservando l iter della ricerca in tale campo si nota come ci sia una spinta considerevole verso soluzioni informatiche orientate alla visualizzazione e all editing tridimensionale del dato spaziale presente nell ambito dei sistemi catastali. L obiettivo di questa tesi è quello di sondare il terreno già spianato dalle molte attività di ricerca effettuate in questo ambito, cercando di studiare e di agglomerare in un unico documento le soluzioni che sono state ritenute più interessanti, sia dal punto di vista catastale che tecnico-informatico. Si cercherà inoltre di delineare un framework di base per la gestione del dato spaziale, geografico e catastale, per realizzare una piattaforma robusta e conforme alle normative. Infine in questa tesi verranno delineati gli aspetti tecnici riguardanti la gestione dei layer, ossia la visualizzazione dinamica e divisa in livelli del dato geometricocatastale.

4

5 Catasto 3D e la gestione dei layer - Indice INDICE INTRODUZIONE Obiettivo della tesi Il catasto: etimologia e definizione Scopi del catasto Caratteristiche del catasto Storia del catasto dalle origini all unità d Italia Il catasto in Egitto, Mesopotamia, Asia Minore, Grecia Il catasto romano e la centuriazione Il catasto bizantino Il catasto nel Medioevo Il Cinquecento e il Seicento Il Settecento e il catasto Teresiano Il periodo napoleonico e la Restaurazione Dall unità d Italia ai giorni nostri Il Catasto Unico Italiano La meccanizzazione e l automazione del catasto Istituzione del Catasto dei Fabbricati Apertura al libero professionista della gestione del catasto e ridefinizione degli organi centrali del Catasto Decentramento del Catasto ai comuni Organizzazione del Catasto Italiano Il catasto dei Terreni Il Catasto dei Fabbricati NUOVE PROSPETTIVE Introduzione Nuove esigenze e possibili applicazioni Il catasto La gestione del territorio Design urbano i

6 Catasto 3D e la gestione dei layer - Indice PROPOSTA DI SVILUPPO Introduzione I modelli dei dati Il ruolo dei layer Analisi dei requisiti Requisiti funzionali Requisiti non funzionali Prime considerazioni Core Cadastral Domain Model (CCDM) Il modello di catasto utilizzato Il modello dei dati 3D Il Framework di base Schema generale Specifiche delle singole classi (Schemi UML) La gestione dei Layer Introduzione Definizione Layer e Catasto Italiano Requisiti Integrazione del Framework Layer Runtime Viste Materializzate TECNOLOGIE COINVOLTE Object-Oriented Database Management Systems Introduzione Modelli dei dati Il modello relazionale I modelli post-relazionali o object-oriented I database a oggetti Layer e OODBMS NET Framework 2.0 e Visual Studio X3D ii

7 Catasto 3D e la gestione dei layer - Indice IL PROTOTIPO Architettura software del prototipo Flussi di dati Implementazione Layer Layer Runtime Viste Materializzate Screenshots CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA iii

8 INTRODUZIONE Capitolo I

9 Capitolo I Introduzione 1.1 Obiettivo della tesi Attualmente in Italia non esiste alcuna applicazione delle tecnologie legate ai dati tridimensionali nel campo dei sistemi catastali, sebbene un loro utilizzo sarebbe auspicabile per la trattazione di molte registrazioni. Lo scopo di questa tesi è quello di sondare il campo dei sistemi GIS per proporre un esempio di applicazione della gestione tridimensionale del dato catastale. Il lavoro che è stato portato avanti in questo documento si basa in parte su parecchi documenti di ricerca sviluppati nelle università di tutto il mondo e vuole essere lo sviluppo di una precedente tesi [piz06] sviluppata all interno dell Università degli Studi di Udine. In particolare i sotto-obiettivi della tesi sono i seguenti: 1. studiare il campo dei sistemi catastali e mettere in luce i particolari che li caratterizzano; 2. proporre una modellazione di un framework che contempli la definizione e l implementazione di un sistema geografico-catastale che gestisca il dato geometrico in tre dimensioni; 3. realizzare un prototipo che si basi sul framework delineato, usando le più recenti tecnologie: fra tutte queste le seguenti sono di maggior risalto: a. Visual Studio.NET 2005 linguaggio Visual Basic.NET 2005 b. OODBMS (db4objects) c. X3D 4. proporre una modellazione della gestione dei layers di visualizzazione, incorporandola all interno del framework e del prototipo finale. 1

10 Capitolo I Introduzione 1.2 Il catasto: etimologia e definizione L origine del termine è incerta e al riguardo esistono varie possibilità di derivazione da termini antichi: 1) Κατάστρασις (greco): registro di inserimento o di accorpamento di proprietà; 2) Κατάστρωμα (greco): formula di registrazione di un atto nei libri pubblici; 3) Capitastrum (latino, Basso Impero): termine che deriva da Caput, unità estimativa del censo romano; 4) Καταστίχου (greco tardo) e Catasticum (corrispondente latino): termini per indicare gli inventari dei beni fondiari bizantini e cretesi. In ogni caso da qui derivano i termini con cui si indica il catasto nelle lingue neolatine (cadastar e encadastar in provenzale, cadastro, catasto e catasto in italiano, cadastrein francese) e germaniche (Kataster in tedesco, cadasterin inglese). L evoluzione della definizione di catasto, ovvero dell ambito a cui si riferisce quanto si denota come catasto, è andata di pari passo con la sua evoluzione etimologica: in ogni periodo e in ogni realtà geografico-culturale il catasto ha assunto connotazioni differenti, fino ad essere fissato nei suoi tratti fondamentali durante il periodo napoleonico. In passato, parlando di catasto ci si riferiva in senso generico ad una rassegna qualsiasi di beni (mobili o immobili) e dei relativi possessori atta a stabilire il carico fiscale; per estensione, poi, il catasto indicava anche le operazioni necessarie per definire la proprietà ai fini della determinazione dell imposta fondiaria e talvolta l imposta fondiaria stessa. 2

11 Capitolo I Introduzione Oggi, invece, la definizione di catasto è più precisa e specifica: per catasto si intende infatti il complesso di documenti con cui si accertano, per scopi fiscali, civili ed eventualmente giuridici, alcune caratteristiche tecnico-economiche dei beni immobili di un territorio e se ne registrano tutte le mutazioni. 3

12 Capitolo I Introduzione 1.3 Scopi del catasto Come riportato nella definizione appena presentata, il catasto ha tre finalità principali: fiscale, giuridica e civile. La finalità fiscale è quella che sta alla base del catasto: proprio la necessità di determinare il reddito imponibile dei fondi rustici e dei fabbricati urbani richiede che le proprietà immobiliari soggette ad imposta vengano accertate e appositamente catalogate e che le relative mutazioni vengano tenute in evidenza. La finalità giuridica consiste nella possibilità di dotare i documenti catastali di valore giuridico (probatorietà), ossia della possibilità che con i documenti catastali possano essere giuridicamente comprovati i diritti registrati nel catasto. La finalità giuridica non è comune a tutti i catasti attualmente in vigore in Europa e nel mondo: i catasti italiano, francese e spagnolo, ad esempio, non hanno finalità giuridica, mentre ha finalità giuridica il catasto svizzero. In altri casi, infine, la finalità giuridica è associata al catasto mediante altre istituzioni, come per il Libro Tavolare e il catasto austriaco. Per finalità civili del catasto si intendono tutte quelle informazioni che sono messe a disposizione nei documenti catastali ed in particolare la planimetria dettagliata e a grande scala di tutto il territorio nazionale, l analisi del reddito delle particelle e la descrizione dell aspetto della proprietà fondiaria e di quella urbana. 4

13 Capitolo I Introduzione 1.4 Caratteristiche del catasto Le caratteristiche del catasto sono molteplici e si possono riassumere in una classificazione per assi tematici, ovvero in tre principali aree semantiche: tipologia: o rustico o fondiario (catasto terreni), quando si occupa di beni immobili rurali, ossia di terreni ed eventualmente fabbricati rurali; o edilizio o urbano (catasto fabbricati), quando si occupa di beni immobili urbani, ossia di edifici e fabbricati, eventualmente ad esclusione di quelli rurali; presenza della finalità giuridica (effetti giuridici): o probatorio, se ha effetti giuridici, ossia se fornisce la prova giuridica della proprietà; o non probatorio, se non ha effetti giuridici; modo di rappresentare i beni immobili: o descrittivo, se si ha solo una descrizione degli immobili; o geometrico, se, oltre alla descrizione degli immobili, si ha anche la loro rappresentazione planimetrica. Nello specifico, poi, un catasto geometrico può essere: per masse di colture: se la planimetria rappresenta i limiti delle colture; per proprietà: se la planimetria rappresenta i limiti delle proprietà; particellare: se la planimetria rappresenta i limiti delle particelle catastali. Si definisce particella catastale una porzione di bene immobile (terreno o fabbricato) che sia continua, appartenente ad un unico comune, appartenente ad un unico proprietario, avente un unica destinazione produttiva con un unico livello di produttività. 5

14 Capitolo I Introduzione 1.5 Storia del catasto dalle origini all unità d Italia Il catasto in Egitto, Mesopotamia, Asia Minore, Grecia In Egitto le prime notizie di carattere catastale risalgono alla Seconda Dinastia (prima del 2780 a.c.) e si riferiscono ad un censimento di beni mobili e immobili a fini di tassazione; tuttavia non si è a conoscenza della presenza o meno di un accatastamento del suolo associato a tale censimento. A partire dalla Dinastia Tebana, però, si è a conoscenza di un catasto nel senso moderno del termine, con una doppia imposta, fondiaria e sulla persona fisica. Durante il regno di Amasis ( a.c.) fu stabilito per legge che le verifiche fiscali e le misure del terreno partissero dalla dichiarazione del contribuente; nell Egitto Tolemaico ( a.c.) e Romano (a partire dal 30 a.c.) sono stati rinvenuti vari esempi di dichiarazioni dei contribuenti e di rapporti di funzionari, con anche informazioni sulla metodologia di rilievo. La peculiarità del sistema catastale egizio era il fatto che gli aggiornamenti erano effettuati annualmente, in funzione delle piene del Nilo. A Babilonia sono testimoniate ( a.c.) operazioni di delimitazione di confini in seguito a un eredità: queste operazioni probabilmente avevano solo scopo giuridico (definire i limiti di una proprietà) e non fiscale. Il primo esempio in Grecia di un catasto fiscale viene identificato con le tavolette catastali del Palazzo di Nestore a Pylos e risalenti al 1200 a.c. (Civiltà Micenea): esse identificavano il proprietario e determinavano, misurando la superficie o il valore della proprietà in quantità di grano, le imposte che questi era chiamato a pagare. 6

15 Capitolo I Introduzione Operazioni riguardanti proprietà fondiarie sono segnalate in Asia Minore durante il regno dei Seleucidi ( a.c.): in quel caso, però, non esisteva un vero e proprio catasto fiscale, in quanto le dichiarazioni erano accertate tramite testimoni scelti tra gli abitanti e non con una procedura strutturata e definibile come catastale in senso moderno. Anche nel periodo della Grecia classica non esisteva un catasto organizzato e strutturato in un sistema di misure e accertamenti e le imposte si basavano sulle dichiarazioni dei contribuenti; inoltre non si è certi che le dichiarazioni venissero sottoposte a verifica come avveniva, invece, in Egitto Il catasto romano e la centuriazione Il catasto romano si basava sostanzialmente su due tipi di intervento, il tracciamento dei lotti e il conseguente picchettamento, che si effettuavano in campagna, e la stesura in mappa dei rilievi e la valutazione fiscale, che avvenivano in ufficio. Il territorio agrario veniva sottoposto a centuriazione, ossia alla sua suddivisione in unità quadrate di circa 710 m di lato (centurie) tramite strade rettilinee intersecantesi ad angolo retto e chiamate decumani e cardi. In questo modo le nuove terre erano al tempo stesso ripartite in lotti e rese raggiungibili attraverso un sistema viario reticolare avente il fulcro nei due assi principali, il decumano massimo e il cardo massimo. In questi termini la centuriazione veniva effettuata indipendentemente dalla proprietà della terra e serviva in primis come strumento di organizzazione fondiaria di nuovi territori entrati a far parte dei possessi di Roma. Ogni centuria era indicata sulla base della sua posizione rispetto al sistema di riferimento cardo-decumano più prossimo e con l utilizzo di sigle di due lettere, indicanti la prima l asse di riferimento (K = cardo, D = decumano) e la seconda la posizione rispetto all asse (D / S = a destra / a sinistra rispetto al decumano, K / U = al di qua / al di là rispetto al cardo). Le lettere K e U derivano rispettivamente dal latino citra (al di qua) e ultra (al di là). 7

16 Capitolo I Introduzione Figura 1 Identificazione delle centurie romane in funzione della posizione rispetto al cardo e al decumano Per l assegnazione delle terre si procedeva ad un ulteriore ripartizione delle terre già centuriate: le centurie venivano suddivise in lotti rettangolari tramite i limites intercisivi durante le operazioni di strigatio (suddivisione lungo la direzione principale della centuriazione) e scamnatio (suddivisione in direzione ortogonale alla precedente). Una volta effettuate le operazioni di centuriazione e assegnazione delle terre, il territorio veniva rappresentato su mappe in genere chiamate formae e conservate in duplice copia a Roma e nel capoluogo della provincia sede della centuriazione. Le operazioni di aggiornamento delle mutazioni dell assetto delle terre centuriate erano assai difficoltose e spesso trascurate: utilizzando una terminologia che vedremo nel seguito possiamo dire che il catasto romano prevedeva una fase di formazione complessa e articolata, ma una fase di conservazione del tutto insufficiente. Per questo motivo il catasto romano è considerato fine a se stesso, dal momento che è un documento che testimonia una suddivisione e un assegnazione locale di terre e la sua 8

17 Capitolo I Introduzione organizzazione a livello provinciale, senza che diventi uno strumento veramente aggiornato e utile ai fini fiscali o giuridici. Figura 2 - Le centuriazioni romane hanno lasciato traccia di sé anche nel territorio lombardo: la carta riporta l andamento delle centuriazioni nel territorio compreso tra le Provincie di Como e Lecco. 9

18 Capitolo I Introduzione Figura 3 - Considerando ad esempio la zona compresa tra Merate e Verderio, nella bassa Provincia di Lecco, è possibile constatare come in alcuni casi le strade attuali riprendano l andamento degli antichi cardi e decumani e come altrove l assetto stradale romano sia intuibile dal tracciato di sentieri e tratturi o dalla disposizione dei fondi agricoli. Figura 4 - nel territorio dei Comuni di Verderio Superiore e Verderio Inferiore, appare evidente lo schema a maglia ortogonale del sistema stradale e la suddivisione a lotti rettangolari dei terreni agricoli. 10

19 Capitolo I Introduzione Il catasto bizantino Il catasto bizantino viene definito Codex e si basa su atti ufficiali che riportano dati catastali; definisce lo stato particellare di un unità fiscale partendo dalla misurazione delle terre e possiede carattere probatorio. L unità di base degli atti catastali bizantini è lo Stichos, formato da sezioni concernenti il contribuente, l'oggetto dell imposta e l imposta stessa Il catasto nel Medioevo Nel Medioevo si ebbe l assenza di catasti organizzati e la diffusione di documenti descrittivi come i censi e i cabrei, registri di fondi e beni in genere; molto comuni erano i cabrei relativi a pievi e riportanti ad esempio chiese, poderi o vigne appartenenti al territorio della pieve esaminata. Solo alcuni comuni si dotarono di un assetto censuario minimo; ad esempio risale al Quattrocento un sistema di raccolta di tributi basato sulla dichiarazione di proprietà da parte dei capofamiglia e sulla determinazione di un reddito presunto e delle conseguenti tasse. In questo periodo inizia ad essere utilizzato il termine estimo Il Cinquecento e il Seicento Nel Cinquecento e nel Seicento si diffusero censi e tassazioni a carattere fondiario e personale. La tassazione, infatti, era applicata sui terreni, come nel caso del sistema delle teste vive e teste morte a Milano (con questo appellativo era indicato il sistema di tassazione dei terreni, che gravava tanto su quelli produttivi ( teste vive ), quanto su quelli incolti o improduttivi ( teste morte ) ), sui capi di bestiame, come la tassa sui cavalli sempre nel capoluogo lombardo, e sulle persone, come nel caso dei prelievi di sale. In questo contesto si ebbero anche tentativi di organizzazioni catastali più strutturate: esperienze in tal senso si ebbero a Chieri, Milano, Verona, Vicenza, 11

20 Capitolo I Introduzione Venezia, Pescara e nello Stato della Chiesa, ma i censi elaborati ebbero tutti carattere empirico, descrittivo e soggetto a numerosi casi di iniquità fiscale. In particolare nel Ducato di Milano Carlo V cercò di realizzare, dal 1540 in poi, un catasto vero e proprio ma, nonostante il grande sforzo organizzativo, i risultati furono deludenti: molte terre non vennero rilevate e si ebbe lo sdoppiamento dell imposta in reale e personale. Quest esperienza, però, portò alla luce il problema della disorganizzazione in materia catastale e diede un impulso decisivo alla ricerca di un sistema in grado di fare ordine in un ambito così poco omogeneo e strutturato Il Settecento e il catasto Teresiano Nel Settecento, con la nascita e lo sviluppo della cartografia geodetica moderna, si ebbe un notevole impulso alla creazione di catasti geometrici particellari in tutti quegli Stati in cui si veniva a contatto con le potenzialità offerte dalle nuove scoperte scientifiche e tecnologiche. Anche in Italia l impulso innovatore si fece sentire (nel 1728 il re Vittorio Amedeo II ordinò la realizzazione di un catasto geometrico particellare per il territorio del Piemonte) ed in particolare nel Ducato di Milano, passato nel 1713 all Austria in virtù del Trattato di Utrecht, si ritentò di creare un nuovo catasto: nel 1718, infatti, Carlo VI diede il via ai lavori per la realizzazione di un censo geometrico particellare per la Lombardia austriaca. I primi rilievi vennero effettuati con l utilizzo della Tavoletta Pretoriana negli anni , ma i lavori si interruppero a causa di guerre e problemi di successione dopo la morte di Carlo VI e furono ripresi solo dopo l insediamento al trono di Maria Teresa, figlia di Carlo VI. Il censo venne così pubblicato nel 1760 strutturato in quattro diversi atti, il registro, la tavola censuaria, il catastino e la mappa. 12

21 Capitolo I Introduzione Oggi il censo voluto da Carlo VI è conosciuto sotto differenti denominazioni: Catasto di Carlo VI, Catasto Teresiano (o di Maria Teresa) o Antico Censo Milanese. Figura 5 - Esempio di mappa del Catasto Teresiano: porzione del Comune di Sabbioncello (ora aggregato a Merate, LC) 13

22 Capitolo I Introduzione Il periodo napoleonico e la Restaurazione Con l ascesa di Napoleone e la sua espansione in Europa si diffusero le innovazioni scientifiche e tecnologiche di quel periodo; anche in materia catastale Bonaparte volle apportare miglioramenti ed in particolare ebbe l idea di istituire un catasto unico per tutto l Impero, un catasto che fosse di tipo geometrico, particellare e basato sul sistema metrico decimale ( catasto francese napoleonico ). Tutto ciò portò ad un eccezionale impulso alla realizzazione di un catasto moderno in tutto il Regno Italico e anche dopo il declino di Napoleone i vari Stati nati dalla Restaurazione ripresero le operazioni avviate durante il periodo napoleonico. In particolare vennero realizzati: il Nuovo Censo Milanese o Catasto del Regno Lombardo-Veneto, che sostituiva l antico censo di Carlo VI estendendo il suo ambito di validità al Veneto e modificando la modalità di determinazione dell imposta, che non colpiva il capitale fondiario come nel Catasto Teresiano ma la rendita, determinata per qualità e classi; il Catasto Gregoriano (1833, Stato Pontificio) geometrico, particellare e basato sul sistema metrico decimale; il Catasto Francese del Ducato di Parma e Piacenza, direttamente derivato dalle disposizioni napoleoniche. 14

23 Capitolo I Introduzione Figura 6 - Mappa del Catasto del Regno Lombardo-Veneto; in figura è riportato il territorio di Sabbioncello. 15

24 Capitolo I Introduzione Dall unità d Italia ai giorni nostri Inizio del processo di unificazione italiana A livello catastale, ogni volta che il territorio di uno Stato preunitario entra a far parte del nuovo Stato unitario italiano porta con sé il suo particolare catasto. Alla fine del processo di unificazione, pertanto, in Italia sono in vigore tutti i catasti precedentemente presenti nei territori acquisiti e, nel 1886, sono ripartiti nei seguenti 9 compartimenti catastali (dopo la Prima Guerra Mondiale sarà istituito un decimo compartimento comprendente le Nuove Provincie della Venezia Tridentina (Trentino-Alto Adige) e della Venezia Giulia): Piemonte e Liguria, comprendente il Piemonte, la Liguria, la Valle d Aosta, l Oltrepò Pavese e la Lomellina (attualmente in provincia di Pavia); Lombardo-Veneto, comprendente la Lombardia (Lomellina e Oltrepò Pavese esclusi), il Veneto e il Friuli (senza la Venezia-Giulia); ex Ducato di Parma e Piacenza, comprendente le attuali provincie di Parma e Piacenza e il territorio di Pontremoli (ora in provincia di Massa- Carrara); ex Ducato di Modena e Reggio, comprendente le attuali provincie di Modena e Reggio Emilia e la Lunigiana (ora in provincia di Massa- Carrara); Toscana, comprendente il territorio delle attuali provincie toscane ad esclusione di quello di Massa-Carrara; ex Stato Pontificio, comprendente il Lazio, l Umbria, le Marche e la Romagna (ossia le attuali provincie di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini); ex Stato Napoletano, comprendente Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria e Basilicata; Sicilia; Sardegna. 16

25 Capitolo I Introduzione Ogni compartimento comprende una serie di catasti differenti, come illustrato nella tabella seguente e per un totale di 24 catasti ufficiali, che costituiscono il Catasto Terreni italiano. COMPARTIMENTO CATASTO PERIODO TIPO I - Piemonte e Liguria II Lombardo-Veneto III ex Ducato di Parma e di Piacenza IV ex Ducato di Modena e Reggio V - Toscana VI ex Stato Pontificio 1 - Censi Piemontesi antichi Cinquecento-Settecento Descrittivi i più antichi, geometrici (particellari o per massa di coltura) gli altri 2 - Censo Milanese (Antico e Nuovo) Settecento (1760) e Napoleonico-Restaurazione Geometrico particellare 3 - Catasti della Repubblica Settecento Descrittivi Ligure 4 - Catasti Francesi napoleonici Napoleonico Geometrici (particellari o per masse di coltura) Geometrico particellare 5 - Antico Censo milanese (Carlo VI o Teresiano) Settecento (1760) e Napoleonico-Restaurazione 6 Censo Mantovano Settecento Geometrico particellare 7 Nuovo Censo milanese Napoleonico-Restaurazione Geometrico (Lombardo-Veneto) ( ) particellare 8 Catasto Parmense- Napoleonico-Restaurazione Geometrico Piacentino particellare 9 Catasto Guastallese Napoleonico-Restaurazione Geometrico particellare 10 Catasto Estense di Settecento Descrittivo pianura 11 Catasto Estense di Settecento Descrittivo montagna 12 Catasto della Garfagnana Cinquecento Geometrico per masse di proprietà 13 Catasto Lucchese antico Napoleonico Geometrico per masse di proprietà 14 Catasto della Lunigiana Napoleonico-Restaurazione Geometrico per masse di proprietà 15 Catasto di Massa Napoleonico-Restaurazione Geometrico per masse di proprietà 16 Catasto Toscano Napoleonico-Restaurazione Geometrico particellare 17 Catasto dell Elba e di Pianosa 18 Catasto Lucchese recente 19 Catasto dell Isola del Giglio 20 Catasto Gregoriano o Romano (con estimo antico) Restaurazione Postunitario Postunitario Napoleonico-Restaurazione (1833) Geometrico particellare Geometrico particellare Geometrico particellare Geometrico particellare 21 Catasto Romano (con estimo riveduto) Postunitario (1875) Geometrico particellare VII ex Stato Napoletano 22 Catasto Napoletano Napoleonico-Restaurazione Descrittivo VIII Sicilia 23 Catasto Siciliano Restaurazione Descrittivo IX Sardegna 24 Catasto Sardo Restaurazione Geometrico (con rilievo a vista) particellare Tabella 1 - I nove compartimenti catastali e i catasti ufficiali del primo catasto terreni Italiano. 17

26 Capitolo I Introduzione Come si può facilmente capire, in una situazione del genere ci sono grandi problemi di omogeneità a causa di: diversi tipi di catasto (solo 15 su 24 erano geometrici particellari, ma uno di questo con rilievo a vista); diversi metodi e strumenti di rilievo; diverse unità di misura; diverse tipologie d estimo; diversa moneta. In alcuni casi, poi, una situazione particolarmente eterogenea è riscontrabile anche all interno di uno stesso compartimento catastale: nel compartimento di Piemonte e Liguria sono presenti sia quello che è considerato il catasto migliore, - il Censo Milanese - sia gli imperfetti catasti liguri, descrittivi e basati sulla denunce dei contribuenti, spesso non verificate. Molto differenziata è anche la situazione del compartimento dell ex Ducato di Modena e Reggio, nel quale si passa dai settecenteschi catasti estensi di tipo descrittivo ai catasti napoleonici per masse di coltura di Massa, di Lucca e della Lunigiana. Gli atti (o libri catastali) che in linea generale costituivano i catasti preunitari erano i seguenti: Sommarione: registro dei numeri di mappa con associata ad ogni numero di mappa l indicazione del proprietario, della qualità colturale, della classe di produttività, della contrada e della superficie del mappale (in misure antiche); Colonnario: registro delle partite o delle proprietà, con i mappali ad esse pertinenti; Libro dei trasporti: registro delle variazioni di proprietà; Matricola dei possessori: elenco alfabetico dei proprietari e indicazione del tributo fondiario da essi dovuto; Mappa: planimetria dei beni accatastati; Etichetta: tabella di classificazione dei terreni. 18

27 Capitolo I Introduzione Nel Censo Milanese il sommarione, il colonnario e la matricola dei possessori erano denominati rispettivamente tavola d estimo, catastino e rubrica dei possessori. Dalla grande disomogeneità di base dovuta alla compresenza sul territorio italiano di ben 24 catasti ufficiali deriva una grande disomogeneità nel metodo di determinazione delle imposte di carattere catastale (situazione di sperequazione fondiaria) Legge del conguaglio provvisorio Con questa legge si cerca di porre rimedio al problema appena accennato, tentando di equiparare l imposta fondiaria su tutto il territorio del Regno d Italia: l imposta viene ripartita nei nove compartimenti catastali ma si hanno pessimi risultati a causa dell impossibilità di uniformare situazioni molto diverse ereditate dagli Stati preunitari Tassazione dei fabbricati Si decide per legge la tassazione dei fabbricati e di ogni altra stabile costruzione in funzione del loro reddito netto. Si tratta della condizione di base per la nascita del catasto fabbricati italiano, sebbene non ancora strutturato in un organo catastale vero e proprio Uffici Tecnici del Macinato Istituzione degli Uffici Tecnici del Macinato, aventi competenze catastali Domanda di voltura Per legge diventa obbligatoria la domanda di voltura, con la quale si trattano le modifiche che interessano i beni accatastati. 19

28 Capitolo I Introduzione 1877 Catasto Urbano Istituzione del Catasto Urbano (C.U.), con le seguenti caratteristiche: descrittivo (descrizione della consistenza dell immobile; esempio: casa di 3 piani con 12 vani e officina al piano terra); per singole proprietà; globale (cioè senza suddivisione in unità immobiliari). Per l aspetto geometrico e l identificazione su mappa degli edifici si ricorre al Catasto Terreni Uffici Tecnici di Finanza Istituzione degli Uffici Tecnici di Finanza che sostituiscono gli Uffici Tecnici del Macinato e che si occupano di Catasto ed Erario. Gli Uffici Tecnici di Finanza dipendono dall Ufficio Centrale del Personale Tecnico. 20

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa.

per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa. Territorio per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa. Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Lazio - Territorio Roma, 25 Luglio 2013 Pagina 1 di

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli