Catasto 3D la gestione dei layer

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catasto 3D la gestione dei layer"

Transcript

1 Università degli Studi di Udine Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica a.a / 2007 Tesi di Laurea Catasto 3D la gestione dei layer Relatore: prof. ANGELO MONTANARI Laureando: DARIO ZUCCATO Correlatori: dott.ssa DONATELLA GUBIANI

2

3 SOMMARIO In questi ultimi anni si è assistito a una crescita elevata dell interesse verso i sistemi catastali informatizzati. In modo particolare è stata sviluppata una grande quantità di documenti di ricerca riguardanti aspetti di modellazione di tali sistemi, che si sono spinti sempre più avanti verso soluzioni innovative. L esigenza di un sistema informatizzato di gestione del catasto urbano è cresciuta nel tempo di pari passo con l evoluzione delle città e delle proprietà fondiarie. Per questo motivo le vecchie soluzioni di gestione del catasto risultano sempre più inadeguate, in alcuni casi delegando all utente umano molte attività da svolgersi in modo manuale e quindi non informatizzato. Osservando l iter della ricerca in tale campo si nota come ci sia una spinta considerevole verso soluzioni informatiche orientate alla visualizzazione e all editing tridimensionale del dato spaziale presente nell ambito dei sistemi catastali. L obiettivo di questa tesi è quello di sondare il terreno già spianato dalle molte attività di ricerca effettuate in questo ambito, cercando di studiare e di agglomerare in un unico documento le soluzioni che sono state ritenute più interessanti, sia dal punto di vista catastale che tecnico-informatico. Si cercherà inoltre di delineare un framework di base per la gestione del dato spaziale, geografico e catastale, per realizzare una piattaforma robusta e conforme alle normative. Infine in questa tesi verranno delineati gli aspetti tecnici riguardanti la gestione dei layer, ossia la visualizzazione dinamica e divisa in livelli del dato geometricocatastale.

4

5 Catasto 3D e la gestione dei layer - Indice INDICE INTRODUZIONE Obiettivo della tesi Il catasto: etimologia e definizione Scopi del catasto Caratteristiche del catasto Storia del catasto dalle origini all unità d Italia Il catasto in Egitto, Mesopotamia, Asia Minore, Grecia Il catasto romano e la centuriazione Il catasto bizantino Il catasto nel Medioevo Il Cinquecento e il Seicento Il Settecento e il catasto Teresiano Il periodo napoleonico e la Restaurazione Dall unità d Italia ai giorni nostri Il Catasto Unico Italiano La meccanizzazione e l automazione del catasto Istituzione del Catasto dei Fabbricati Apertura al libero professionista della gestione del catasto e ridefinizione degli organi centrali del Catasto Decentramento del Catasto ai comuni Organizzazione del Catasto Italiano Il catasto dei Terreni Il Catasto dei Fabbricati NUOVE PROSPETTIVE Introduzione Nuove esigenze e possibili applicazioni Il catasto La gestione del territorio Design urbano i

6 Catasto 3D e la gestione dei layer - Indice PROPOSTA DI SVILUPPO Introduzione I modelli dei dati Il ruolo dei layer Analisi dei requisiti Requisiti funzionali Requisiti non funzionali Prime considerazioni Core Cadastral Domain Model (CCDM) Il modello di catasto utilizzato Il modello dei dati 3D Il Framework di base Schema generale Specifiche delle singole classi (Schemi UML) La gestione dei Layer Introduzione Definizione Layer e Catasto Italiano Requisiti Integrazione del Framework Layer Runtime Viste Materializzate TECNOLOGIE COINVOLTE Object-Oriented Database Management Systems Introduzione Modelli dei dati Il modello relazionale I modelli post-relazionali o object-oriented I database a oggetti Layer e OODBMS NET Framework 2.0 e Visual Studio X3D ii

7 Catasto 3D e la gestione dei layer - Indice IL PROTOTIPO Architettura software del prototipo Flussi di dati Implementazione Layer Layer Runtime Viste Materializzate Screenshots CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA iii

8 INTRODUZIONE Capitolo I

9 Capitolo I Introduzione 1.1 Obiettivo della tesi Attualmente in Italia non esiste alcuna applicazione delle tecnologie legate ai dati tridimensionali nel campo dei sistemi catastali, sebbene un loro utilizzo sarebbe auspicabile per la trattazione di molte registrazioni. Lo scopo di questa tesi è quello di sondare il campo dei sistemi GIS per proporre un esempio di applicazione della gestione tridimensionale del dato catastale. Il lavoro che è stato portato avanti in questo documento si basa in parte su parecchi documenti di ricerca sviluppati nelle università di tutto il mondo e vuole essere lo sviluppo di una precedente tesi [piz06] sviluppata all interno dell Università degli Studi di Udine. In particolare i sotto-obiettivi della tesi sono i seguenti: 1. studiare il campo dei sistemi catastali e mettere in luce i particolari che li caratterizzano; 2. proporre una modellazione di un framework che contempli la definizione e l implementazione di un sistema geografico-catastale che gestisca il dato geometrico in tre dimensioni; 3. realizzare un prototipo che si basi sul framework delineato, usando le più recenti tecnologie: fra tutte queste le seguenti sono di maggior risalto: a. Visual Studio.NET 2005 linguaggio Visual Basic.NET 2005 b. OODBMS (db4objects) c. X3D 4. proporre una modellazione della gestione dei layers di visualizzazione, incorporandola all interno del framework e del prototipo finale. 1

10 Capitolo I Introduzione 1.2 Il catasto: etimologia e definizione L origine del termine è incerta e al riguardo esistono varie possibilità di derivazione da termini antichi: 1) Κατάστρασις (greco): registro di inserimento o di accorpamento di proprietà; 2) Κατάστρωμα (greco): formula di registrazione di un atto nei libri pubblici; 3) Capitastrum (latino, Basso Impero): termine che deriva da Caput, unità estimativa del censo romano; 4) Καταστίχου (greco tardo) e Catasticum (corrispondente latino): termini per indicare gli inventari dei beni fondiari bizantini e cretesi. In ogni caso da qui derivano i termini con cui si indica il catasto nelle lingue neolatine (cadastar e encadastar in provenzale, cadastro, catasto e catasto in italiano, cadastrein francese) e germaniche (Kataster in tedesco, cadasterin inglese). L evoluzione della definizione di catasto, ovvero dell ambito a cui si riferisce quanto si denota come catasto, è andata di pari passo con la sua evoluzione etimologica: in ogni periodo e in ogni realtà geografico-culturale il catasto ha assunto connotazioni differenti, fino ad essere fissato nei suoi tratti fondamentali durante il periodo napoleonico. In passato, parlando di catasto ci si riferiva in senso generico ad una rassegna qualsiasi di beni (mobili o immobili) e dei relativi possessori atta a stabilire il carico fiscale; per estensione, poi, il catasto indicava anche le operazioni necessarie per definire la proprietà ai fini della determinazione dell imposta fondiaria e talvolta l imposta fondiaria stessa. 2

11 Capitolo I Introduzione Oggi, invece, la definizione di catasto è più precisa e specifica: per catasto si intende infatti il complesso di documenti con cui si accertano, per scopi fiscali, civili ed eventualmente giuridici, alcune caratteristiche tecnico-economiche dei beni immobili di un territorio e se ne registrano tutte le mutazioni. 3

12 Capitolo I Introduzione 1.3 Scopi del catasto Come riportato nella definizione appena presentata, il catasto ha tre finalità principali: fiscale, giuridica e civile. La finalità fiscale è quella che sta alla base del catasto: proprio la necessità di determinare il reddito imponibile dei fondi rustici e dei fabbricati urbani richiede che le proprietà immobiliari soggette ad imposta vengano accertate e appositamente catalogate e che le relative mutazioni vengano tenute in evidenza. La finalità giuridica consiste nella possibilità di dotare i documenti catastali di valore giuridico (probatorietà), ossia della possibilità che con i documenti catastali possano essere giuridicamente comprovati i diritti registrati nel catasto. La finalità giuridica non è comune a tutti i catasti attualmente in vigore in Europa e nel mondo: i catasti italiano, francese e spagnolo, ad esempio, non hanno finalità giuridica, mentre ha finalità giuridica il catasto svizzero. In altri casi, infine, la finalità giuridica è associata al catasto mediante altre istituzioni, come per il Libro Tavolare e il catasto austriaco. Per finalità civili del catasto si intendono tutte quelle informazioni che sono messe a disposizione nei documenti catastali ed in particolare la planimetria dettagliata e a grande scala di tutto il territorio nazionale, l analisi del reddito delle particelle e la descrizione dell aspetto della proprietà fondiaria e di quella urbana. 4

13 Capitolo I Introduzione 1.4 Caratteristiche del catasto Le caratteristiche del catasto sono molteplici e si possono riassumere in una classificazione per assi tematici, ovvero in tre principali aree semantiche: tipologia: o rustico o fondiario (catasto terreni), quando si occupa di beni immobili rurali, ossia di terreni ed eventualmente fabbricati rurali; o edilizio o urbano (catasto fabbricati), quando si occupa di beni immobili urbani, ossia di edifici e fabbricati, eventualmente ad esclusione di quelli rurali; presenza della finalità giuridica (effetti giuridici): o probatorio, se ha effetti giuridici, ossia se fornisce la prova giuridica della proprietà; o non probatorio, se non ha effetti giuridici; modo di rappresentare i beni immobili: o descrittivo, se si ha solo una descrizione degli immobili; o geometrico, se, oltre alla descrizione degli immobili, si ha anche la loro rappresentazione planimetrica. Nello specifico, poi, un catasto geometrico può essere: per masse di colture: se la planimetria rappresenta i limiti delle colture; per proprietà: se la planimetria rappresenta i limiti delle proprietà; particellare: se la planimetria rappresenta i limiti delle particelle catastali. Si definisce particella catastale una porzione di bene immobile (terreno o fabbricato) che sia continua, appartenente ad un unico comune, appartenente ad un unico proprietario, avente un unica destinazione produttiva con un unico livello di produttività. 5

14 Capitolo I Introduzione 1.5 Storia del catasto dalle origini all unità d Italia Il catasto in Egitto, Mesopotamia, Asia Minore, Grecia In Egitto le prime notizie di carattere catastale risalgono alla Seconda Dinastia (prima del 2780 a.c.) e si riferiscono ad un censimento di beni mobili e immobili a fini di tassazione; tuttavia non si è a conoscenza della presenza o meno di un accatastamento del suolo associato a tale censimento. A partire dalla Dinastia Tebana, però, si è a conoscenza di un catasto nel senso moderno del termine, con una doppia imposta, fondiaria e sulla persona fisica. Durante il regno di Amasis ( a.c.) fu stabilito per legge che le verifiche fiscali e le misure del terreno partissero dalla dichiarazione del contribuente; nell Egitto Tolemaico ( a.c.) e Romano (a partire dal 30 a.c.) sono stati rinvenuti vari esempi di dichiarazioni dei contribuenti e di rapporti di funzionari, con anche informazioni sulla metodologia di rilievo. La peculiarità del sistema catastale egizio era il fatto che gli aggiornamenti erano effettuati annualmente, in funzione delle piene del Nilo. A Babilonia sono testimoniate ( a.c.) operazioni di delimitazione di confini in seguito a un eredità: queste operazioni probabilmente avevano solo scopo giuridico (definire i limiti di una proprietà) e non fiscale. Il primo esempio in Grecia di un catasto fiscale viene identificato con le tavolette catastali del Palazzo di Nestore a Pylos e risalenti al 1200 a.c. (Civiltà Micenea): esse identificavano il proprietario e determinavano, misurando la superficie o il valore della proprietà in quantità di grano, le imposte che questi era chiamato a pagare. 6

15 Capitolo I Introduzione Operazioni riguardanti proprietà fondiarie sono segnalate in Asia Minore durante il regno dei Seleucidi ( a.c.): in quel caso, però, non esisteva un vero e proprio catasto fiscale, in quanto le dichiarazioni erano accertate tramite testimoni scelti tra gli abitanti e non con una procedura strutturata e definibile come catastale in senso moderno. Anche nel periodo della Grecia classica non esisteva un catasto organizzato e strutturato in un sistema di misure e accertamenti e le imposte si basavano sulle dichiarazioni dei contribuenti; inoltre non si è certi che le dichiarazioni venissero sottoposte a verifica come avveniva, invece, in Egitto Il catasto romano e la centuriazione Il catasto romano si basava sostanzialmente su due tipi di intervento, il tracciamento dei lotti e il conseguente picchettamento, che si effettuavano in campagna, e la stesura in mappa dei rilievi e la valutazione fiscale, che avvenivano in ufficio. Il territorio agrario veniva sottoposto a centuriazione, ossia alla sua suddivisione in unità quadrate di circa 710 m di lato (centurie) tramite strade rettilinee intersecantesi ad angolo retto e chiamate decumani e cardi. In questo modo le nuove terre erano al tempo stesso ripartite in lotti e rese raggiungibili attraverso un sistema viario reticolare avente il fulcro nei due assi principali, il decumano massimo e il cardo massimo. In questi termini la centuriazione veniva effettuata indipendentemente dalla proprietà della terra e serviva in primis come strumento di organizzazione fondiaria di nuovi territori entrati a far parte dei possessi di Roma. Ogni centuria era indicata sulla base della sua posizione rispetto al sistema di riferimento cardo-decumano più prossimo e con l utilizzo di sigle di due lettere, indicanti la prima l asse di riferimento (K = cardo, D = decumano) e la seconda la posizione rispetto all asse (D / S = a destra / a sinistra rispetto al decumano, K / U = al di qua / al di là rispetto al cardo). Le lettere K e U derivano rispettivamente dal latino citra (al di qua) e ultra (al di là). 7

16 Capitolo I Introduzione Figura 1 Identificazione delle centurie romane in funzione della posizione rispetto al cardo e al decumano Per l assegnazione delle terre si procedeva ad un ulteriore ripartizione delle terre già centuriate: le centurie venivano suddivise in lotti rettangolari tramite i limites intercisivi durante le operazioni di strigatio (suddivisione lungo la direzione principale della centuriazione) e scamnatio (suddivisione in direzione ortogonale alla precedente). Una volta effettuate le operazioni di centuriazione e assegnazione delle terre, il territorio veniva rappresentato su mappe in genere chiamate formae e conservate in duplice copia a Roma e nel capoluogo della provincia sede della centuriazione. Le operazioni di aggiornamento delle mutazioni dell assetto delle terre centuriate erano assai difficoltose e spesso trascurate: utilizzando una terminologia che vedremo nel seguito possiamo dire che il catasto romano prevedeva una fase di formazione complessa e articolata, ma una fase di conservazione del tutto insufficiente. Per questo motivo il catasto romano è considerato fine a se stesso, dal momento che è un documento che testimonia una suddivisione e un assegnazione locale di terre e la sua 8

17 Capitolo I Introduzione organizzazione a livello provinciale, senza che diventi uno strumento veramente aggiornato e utile ai fini fiscali o giuridici. Figura 2 - Le centuriazioni romane hanno lasciato traccia di sé anche nel territorio lombardo: la carta riporta l andamento delle centuriazioni nel territorio compreso tra le Provincie di Como e Lecco. 9

18 Capitolo I Introduzione Figura 3 - Considerando ad esempio la zona compresa tra Merate e Verderio, nella bassa Provincia di Lecco, è possibile constatare come in alcuni casi le strade attuali riprendano l andamento degli antichi cardi e decumani e come altrove l assetto stradale romano sia intuibile dal tracciato di sentieri e tratturi o dalla disposizione dei fondi agricoli. Figura 4 - nel territorio dei Comuni di Verderio Superiore e Verderio Inferiore, appare evidente lo schema a maglia ortogonale del sistema stradale e la suddivisione a lotti rettangolari dei terreni agricoli. 10

19 Capitolo I Introduzione Il catasto bizantino Il catasto bizantino viene definito Codex e si basa su atti ufficiali che riportano dati catastali; definisce lo stato particellare di un unità fiscale partendo dalla misurazione delle terre e possiede carattere probatorio. L unità di base degli atti catastali bizantini è lo Stichos, formato da sezioni concernenti il contribuente, l'oggetto dell imposta e l imposta stessa Il catasto nel Medioevo Nel Medioevo si ebbe l assenza di catasti organizzati e la diffusione di documenti descrittivi come i censi e i cabrei, registri di fondi e beni in genere; molto comuni erano i cabrei relativi a pievi e riportanti ad esempio chiese, poderi o vigne appartenenti al territorio della pieve esaminata. Solo alcuni comuni si dotarono di un assetto censuario minimo; ad esempio risale al Quattrocento un sistema di raccolta di tributi basato sulla dichiarazione di proprietà da parte dei capofamiglia e sulla determinazione di un reddito presunto e delle conseguenti tasse. In questo periodo inizia ad essere utilizzato il termine estimo Il Cinquecento e il Seicento Nel Cinquecento e nel Seicento si diffusero censi e tassazioni a carattere fondiario e personale. La tassazione, infatti, era applicata sui terreni, come nel caso del sistema delle teste vive e teste morte a Milano (con questo appellativo era indicato il sistema di tassazione dei terreni, che gravava tanto su quelli produttivi ( teste vive ), quanto su quelli incolti o improduttivi ( teste morte ) ), sui capi di bestiame, come la tassa sui cavalli sempre nel capoluogo lombardo, e sulle persone, come nel caso dei prelievi di sale. In questo contesto si ebbero anche tentativi di organizzazioni catastali più strutturate: esperienze in tal senso si ebbero a Chieri, Milano, Verona, Vicenza, 11

20 Capitolo I Introduzione Venezia, Pescara e nello Stato della Chiesa, ma i censi elaborati ebbero tutti carattere empirico, descrittivo e soggetto a numerosi casi di iniquità fiscale. In particolare nel Ducato di Milano Carlo V cercò di realizzare, dal 1540 in poi, un catasto vero e proprio ma, nonostante il grande sforzo organizzativo, i risultati furono deludenti: molte terre non vennero rilevate e si ebbe lo sdoppiamento dell imposta in reale e personale. Quest esperienza, però, portò alla luce il problema della disorganizzazione in materia catastale e diede un impulso decisivo alla ricerca di un sistema in grado di fare ordine in un ambito così poco omogeneo e strutturato Il Settecento e il catasto Teresiano Nel Settecento, con la nascita e lo sviluppo della cartografia geodetica moderna, si ebbe un notevole impulso alla creazione di catasti geometrici particellari in tutti quegli Stati in cui si veniva a contatto con le potenzialità offerte dalle nuove scoperte scientifiche e tecnologiche. Anche in Italia l impulso innovatore si fece sentire (nel 1728 il re Vittorio Amedeo II ordinò la realizzazione di un catasto geometrico particellare per il territorio del Piemonte) ed in particolare nel Ducato di Milano, passato nel 1713 all Austria in virtù del Trattato di Utrecht, si ritentò di creare un nuovo catasto: nel 1718, infatti, Carlo VI diede il via ai lavori per la realizzazione di un censo geometrico particellare per la Lombardia austriaca. I primi rilievi vennero effettuati con l utilizzo della Tavoletta Pretoriana negli anni , ma i lavori si interruppero a causa di guerre e problemi di successione dopo la morte di Carlo VI e furono ripresi solo dopo l insediamento al trono di Maria Teresa, figlia di Carlo VI. Il censo venne così pubblicato nel 1760 strutturato in quattro diversi atti, il registro, la tavola censuaria, il catastino e la mappa. 12

21 Capitolo I Introduzione Oggi il censo voluto da Carlo VI è conosciuto sotto differenti denominazioni: Catasto di Carlo VI, Catasto Teresiano (o di Maria Teresa) o Antico Censo Milanese. Figura 5 - Esempio di mappa del Catasto Teresiano: porzione del Comune di Sabbioncello (ora aggregato a Merate, LC) 13

22 Capitolo I Introduzione Il periodo napoleonico e la Restaurazione Con l ascesa di Napoleone e la sua espansione in Europa si diffusero le innovazioni scientifiche e tecnologiche di quel periodo; anche in materia catastale Bonaparte volle apportare miglioramenti ed in particolare ebbe l idea di istituire un catasto unico per tutto l Impero, un catasto che fosse di tipo geometrico, particellare e basato sul sistema metrico decimale ( catasto francese napoleonico ). Tutto ciò portò ad un eccezionale impulso alla realizzazione di un catasto moderno in tutto il Regno Italico e anche dopo il declino di Napoleone i vari Stati nati dalla Restaurazione ripresero le operazioni avviate durante il periodo napoleonico. In particolare vennero realizzati: il Nuovo Censo Milanese o Catasto del Regno Lombardo-Veneto, che sostituiva l antico censo di Carlo VI estendendo il suo ambito di validità al Veneto e modificando la modalità di determinazione dell imposta, che non colpiva il capitale fondiario come nel Catasto Teresiano ma la rendita, determinata per qualità e classi; il Catasto Gregoriano (1833, Stato Pontificio) geometrico, particellare e basato sul sistema metrico decimale; il Catasto Francese del Ducato di Parma e Piacenza, direttamente derivato dalle disposizioni napoleoniche. 14

23 Capitolo I Introduzione Figura 6 - Mappa del Catasto del Regno Lombardo-Veneto; in figura è riportato il territorio di Sabbioncello. 15

24 Capitolo I Introduzione Dall unità d Italia ai giorni nostri Inizio del processo di unificazione italiana A livello catastale, ogni volta che il territorio di uno Stato preunitario entra a far parte del nuovo Stato unitario italiano porta con sé il suo particolare catasto. Alla fine del processo di unificazione, pertanto, in Italia sono in vigore tutti i catasti precedentemente presenti nei territori acquisiti e, nel 1886, sono ripartiti nei seguenti 9 compartimenti catastali (dopo la Prima Guerra Mondiale sarà istituito un decimo compartimento comprendente le Nuove Provincie della Venezia Tridentina (Trentino-Alto Adige) e della Venezia Giulia): Piemonte e Liguria, comprendente il Piemonte, la Liguria, la Valle d Aosta, l Oltrepò Pavese e la Lomellina (attualmente in provincia di Pavia); Lombardo-Veneto, comprendente la Lombardia (Lomellina e Oltrepò Pavese esclusi), il Veneto e il Friuli (senza la Venezia-Giulia); ex Ducato di Parma e Piacenza, comprendente le attuali provincie di Parma e Piacenza e il territorio di Pontremoli (ora in provincia di Massa- Carrara); ex Ducato di Modena e Reggio, comprendente le attuali provincie di Modena e Reggio Emilia e la Lunigiana (ora in provincia di Massa- Carrara); Toscana, comprendente il territorio delle attuali provincie toscane ad esclusione di quello di Massa-Carrara; ex Stato Pontificio, comprendente il Lazio, l Umbria, le Marche e la Romagna (ossia le attuali provincie di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini); ex Stato Napoletano, comprendente Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria e Basilicata; Sicilia; Sardegna. 16

25 Capitolo I Introduzione Ogni compartimento comprende una serie di catasti differenti, come illustrato nella tabella seguente e per un totale di 24 catasti ufficiali, che costituiscono il Catasto Terreni italiano. COMPARTIMENTO CATASTO PERIODO TIPO I - Piemonte e Liguria II Lombardo-Veneto III ex Ducato di Parma e di Piacenza IV ex Ducato di Modena e Reggio V - Toscana VI ex Stato Pontificio 1 - Censi Piemontesi antichi Cinquecento-Settecento Descrittivi i più antichi, geometrici (particellari o per massa di coltura) gli altri 2 - Censo Milanese (Antico e Nuovo) Settecento (1760) e Napoleonico-Restaurazione Geometrico particellare 3 - Catasti della Repubblica Settecento Descrittivi Ligure 4 - Catasti Francesi napoleonici Napoleonico Geometrici (particellari o per masse di coltura) Geometrico particellare 5 - Antico Censo milanese (Carlo VI o Teresiano) Settecento (1760) e Napoleonico-Restaurazione 6 Censo Mantovano Settecento Geometrico particellare 7 Nuovo Censo milanese Napoleonico-Restaurazione Geometrico (Lombardo-Veneto) ( ) particellare 8 Catasto Parmense- Napoleonico-Restaurazione Geometrico Piacentino particellare 9 Catasto Guastallese Napoleonico-Restaurazione Geometrico particellare 10 Catasto Estense di Settecento Descrittivo pianura 11 Catasto Estense di Settecento Descrittivo montagna 12 Catasto della Garfagnana Cinquecento Geometrico per masse di proprietà 13 Catasto Lucchese antico Napoleonico Geometrico per masse di proprietà 14 Catasto della Lunigiana Napoleonico-Restaurazione Geometrico per masse di proprietà 15 Catasto di Massa Napoleonico-Restaurazione Geometrico per masse di proprietà 16 Catasto Toscano Napoleonico-Restaurazione Geometrico particellare 17 Catasto dell Elba e di Pianosa 18 Catasto Lucchese recente 19 Catasto dell Isola del Giglio 20 Catasto Gregoriano o Romano (con estimo antico) Restaurazione Postunitario Postunitario Napoleonico-Restaurazione (1833) Geometrico particellare Geometrico particellare Geometrico particellare Geometrico particellare 21 Catasto Romano (con estimo riveduto) Postunitario (1875) Geometrico particellare VII ex Stato Napoletano 22 Catasto Napoletano Napoleonico-Restaurazione Descrittivo VIII Sicilia 23 Catasto Siciliano Restaurazione Descrittivo IX Sardegna 24 Catasto Sardo Restaurazione Geometrico (con rilievo a vista) particellare Tabella 1 - I nove compartimenti catastali e i catasti ufficiali del primo catasto terreni Italiano. 17

26 Capitolo I Introduzione Come si può facilmente capire, in una situazione del genere ci sono grandi problemi di omogeneità a causa di: diversi tipi di catasto (solo 15 su 24 erano geometrici particellari, ma uno di questo con rilievo a vista); diversi metodi e strumenti di rilievo; diverse unità di misura; diverse tipologie d estimo; diversa moneta. In alcuni casi, poi, una situazione particolarmente eterogenea è riscontrabile anche all interno di uno stesso compartimento catastale: nel compartimento di Piemonte e Liguria sono presenti sia quello che è considerato il catasto migliore, - il Censo Milanese - sia gli imperfetti catasti liguri, descrittivi e basati sulla denunce dei contribuenti, spesso non verificate. Molto differenziata è anche la situazione del compartimento dell ex Ducato di Modena e Reggio, nel quale si passa dai settecenteschi catasti estensi di tipo descrittivo ai catasti napoleonici per masse di coltura di Massa, di Lucca e della Lunigiana. Gli atti (o libri catastali) che in linea generale costituivano i catasti preunitari erano i seguenti: Sommarione: registro dei numeri di mappa con associata ad ogni numero di mappa l indicazione del proprietario, della qualità colturale, della classe di produttività, della contrada e della superficie del mappale (in misure antiche); Colonnario: registro delle partite o delle proprietà, con i mappali ad esse pertinenti; Libro dei trasporti: registro delle variazioni di proprietà; Matricola dei possessori: elenco alfabetico dei proprietari e indicazione del tributo fondiario da essi dovuto; Mappa: planimetria dei beni accatastati; Etichetta: tabella di classificazione dei terreni. 18

27 Capitolo I Introduzione Nel Censo Milanese il sommarione, il colonnario e la matricola dei possessori erano denominati rispettivamente tavola d estimo, catastino e rubrica dei possessori. Dalla grande disomogeneità di base dovuta alla compresenza sul territorio italiano di ben 24 catasti ufficiali deriva una grande disomogeneità nel metodo di determinazione delle imposte di carattere catastale (situazione di sperequazione fondiaria) Legge del conguaglio provvisorio Con questa legge si cerca di porre rimedio al problema appena accennato, tentando di equiparare l imposta fondiaria su tutto il territorio del Regno d Italia: l imposta viene ripartita nei nove compartimenti catastali ma si hanno pessimi risultati a causa dell impossibilità di uniformare situazioni molto diverse ereditate dagli Stati preunitari Tassazione dei fabbricati Si decide per legge la tassazione dei fabbricati e di ogni altra stabile costruzione in funzione del loro reddito netto. Si tratta della condizione di base per la nascita del catasto fabbricati italiano, sebbene non ancora strutturato in un organo catastale vero e proprio Uffici Tecnici del Macinato Istituzione degli Uffici Tecnici del Macinato, aventi competenze catastali Domanda di voltura Per legge diventa obbligatoria la domanda di voltura, con la quale si trattano le modifiche che interessano i beni accatastati. 19

28 Capitolo I Introduzione 1877 Catasto Urbano Istituzione del Catasto Urbano (C.U.), con le seguenti caratteristiche: descrittivo (descrizione della consistenza dell immobile; esempio: casa di 3 piani con 12 vani e officina al piano terra); per singole proprietà; globale (cioè senza suddivisione in unità immobiliari). Per l aspetto geometrico e l identificazione su mappa degli edifici si ricorre al Catasto Terreni Uffici Tecnici di Finanza Istituzione degli Uffici Tecnici di Finanza che sostituiscono gli Uffici Tecnici del Macinato e che si occupano di Catasto ed Erario. Gli Uffici Tecnici di Finanza dipendono dall Ufficio Centrale del Personale Tecnico. 20

STORIA DEL CATASTO ITALIANO DALL UNITÀ D ITALIA AI GIORNI NOSTRI

STORIA DEL CATASTO ITALIANO DALL UNITÀ D ITALIA AI GIORNI NOSTRI PARTE 3 STORIA DEL CATASTO ITALIANO DALL UNITÀ D ITALIA AI GIORNI NOSTRI Dall Unità d Italia al 1886 1861 Inizio del processo di unificazione italiana. A livello catastale, ogni volta che il territorio

Dettagli

La struttura amministrativa del Catasto Italiano

La struttura amministrativa del Catasto Italiano La struttura amministrativa del Catasto Italiano PARTE 1 L Agenzia del Territorio PARTE 2 Il decentramento del Catasto ai Comuni - 1 / L2 - PARTE 1 L AGENZIA DEL TERRITORIO Istituzione L Agenzia del Territorio

Dettagli

ESTIMO CATASTALE. 3) Quali sono le principali caratteristiche del catasto terreni italiano?

ESTIMO CATASTALE. 3) Quali sono le principali caratteristiche del catasto terreni italiano? ESTIMO CATASTALE 1) Che cos è il catasto e quali sono le principali finalità? Il catasto è l inventario di beni immobili esistenti sul territorio nazionale ed è costituito da un complesso di documenti

Dettagli

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI L integrazione del Database Topografico di Regione Lombardia con i dati provenienti dagli archivi catastali: la determinazione delle aree di pertinenza Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO Co-relatore:

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 data di pubblicazione: 14 maggio 2013 periodo di riferimento: anno 2012 Le informazioni rese nel presente rapporto sono di proprietà esclusiva dell Agenzia delle Entrate. Non

Dettagli

Il catasto terreni. Blocco tematico: Topografia e Catasto Terreni Corso C2 (biennio formativo 2013/2015) II anno. Docente: geom.

Il catasto terreni. Blocco tematico: Topografia e Catasto Terreni Corso C2 (biennio formativo 2013/2015) II anno. Docente: geom. Il catasto terreni Blocco tematico: Topografia e Catasto Terreni Corso C2 (biennio formativo 2013/2015) II anno Docente: geom. Elisa Rosso 1 Cos è il catasto? IL CATASTO E L INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI

Dettagli

Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali. Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano

Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali. Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano Abstract La Lr 12/2005 di Regione Lombardia istituisce

Dettagli

IL CATASTO COS E IL CATASTO? SCOPI DEL CATASTO SCOPI DEL CATASTO SCOPI DEL CATASTO SCOPI DEL CATASTO NUOVO CATASTO TERRENI

IL CATASTO COS E IL CATASTO? SCOPI DEL CATASTO SCOPI DEL CATASTO SCOPI DEL CATASTO SCOPI DEL CATASTO NUOVO CATASTO TERRENI COS E IL CATASTO? IL CATASTO NUOVO CATASTO TERRENI E L INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI ESISTENTI SUL TERRITORIO NAZIONALE; E COSTITUITO DI UN COMPLESSO DI DOCUMENTI NEI QUALI SI REGISTRANO LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Un opportunità di sviluppo delle autonomie locali. Milano, 21 gennaio 2003. Stefano Manini, Giorgio Ricotti

Un opportunità di sviluppo delle autonomie locali. Milano, 21 gennaio 2003. Stefano Manini, Giorgio Ricotti PROGETTO CATASTO Un opportunità di sviluppo delle autonomie locali. Milano, 21 gennaio 2003 Stefano Manini, Giorgio Ricotti www.tecter.it PROGETTO CATASTO Il quadro normativo. Gli obiettivi generali. Gli

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI)

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) Servizi per gli uffici del comune Gestione accertamento edilizia privata con catasto storico Supporto alla attività amministrativa per

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Il Catasto dei Fabbricati

Il Catasto dei Fabbricati Introduzione (C.d.F.) è l evoluzione del Nuovo Catasto Edilizio Urbano (N.C.E.U.); per evoluzione, però, non si intende che il C.d.F. ha sostituito, come se fosse un nuovo catasto urbano, il N.C.E.U.:

Dettagli

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO

PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO STAZIONE DI CAPODICHINO PIANO PARTICELLARE DI ESPROPRIO 1. PREMESSA 2. MAPPA CATASTALE 3. LA GEOREFERENZIAZIONE 4. LE TAVOLE GRAFICHE DEL PIANO PARTICELLARE 4.1. LA SIMBOLOGIA DEI TITOLI DI OCCUPAZIONE

Dettagli

L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010

L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010 L attestazione di conformità delle planimetrie catastali di U.I.U., a seguito della legge 122 del 30/7/2010 a cura della Commissione Stime immobiliari e catasto A seguito del DL 31/5/2010 n. 78 art. 19

Dettagli

L accesso all abitazione rimane infatti un servizio insostituibile, che deve essere garantito ad ogni cittadino.

L accesso all abitazione rimane infatti un servizio insostituibile, che deve essere garantito ad ogni cittadino. La riforma federalista ha accresciuto le responsabilità e i compiti delle Regioni e dei Comuni. Con la riforma del regime delle locazioni (L. 431/98) è stato istituito l Osservatorio Nazionale sulla Condizione

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE INFORMAZIONI SULLA CONSISTENZA DELLE BANCHE DATI CATASTALI A LIVELLO COMUNALE

DESCRIZIONE DELLE INFORMAZIONI SULLA CONSISTENZA DELLE BANCHE DATI CATASTALI A LIVELLO COMUNALE PAG. 1 DI 14 DESCRIZIONE DELLE INFORMAZIONI SULLA CONSISTENZA DELLE BANCHE DATI CATASTALI A LIVELLO COMUNALE 10 Novembre 2010 DOC. ES-23-IS-0C PAG. 2 DI 14 INDICE 1. PREMESSA 3 2. UIU PER CATEGORIA 4 3.

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

test su catasto e conservatorie vol. 1 MASSIMO CURATOLO

test su catasto e conservatorie vol. 1 MASSIMO CURATOLO CATASTO E CARTOGRAFIA collana a cura di Antonio Iovine AI.2.1 MASSIMO CURATOLO test su catasto e conservatorie vol. 1 oltre 200 quesiti a risposta multipla per autoverifica di apprendimento e preparazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani, i nuovi dati: sono 169.076 i giovani che si sono registrati, 36.566 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 23.469 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Regole tecniche per l accesso alla base dei dati catastali ALLEGATO B

Regole tecniche per l accesso alla base dei dati catastali ALLEGATO B Regole tecniche per l accesso alla base dei dati catastali ALLEGATO B al decreto direttoriale per la definizione delle regole tecnico economiche per l utilizzo dei dati catastali per via telematica da

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi:

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi: Parte zero COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi costi: - rifacimento imp elettrico :9.000 - sostituzione infissi : 10.000 - sostituzione sanitari in bagno

Dettagli

ONORARI DI RIFERIMENTO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

ONORARI DI RIFERIMENTO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ONORARI DI RIFERIMENTO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA (Delibera del Consiglio Direttivo del Collegio Geometri e G.L. della Provincia di Reggio Emilia del 14/10/2010 elaborata

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Presidenza. Roma, 24 marzo 2009 Sindaco del Comune di

Presidenza. Roma, 24 marzo 2009 Sindaco del Comune di Protocollo n. 1814 allegati 3 Risposta alla nota n. del Roma, 24 marzo 2009 Ai Sigg. e p.c Ai Ai Al Sindaco del Comune di Responsabili dell Ufficio di Statistica - dei Comuni - degli UTG - Prefetture -

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

Certificazione energetica Le Regioni a confronto

Certificazione energetica Le Regioni a confronto 067_TER_mar_magrini:46-48_TER_mar_profilo 2-03-2010 8:19 Pagina 67 energia & edilizia 67 Anna Magrini, Roberta Pernetti Certificazione energetica Le Regioni a confronto Il ritardo con cui l Italia ha varato

Dettagli

Dati Geografici ed OpenData

Dati Geografici ed OpenData Dati Geografici ed OpenData Giovanni Biallo Presidente Associazione OpenGeoData Italia ForumPA 2012 Creative Commons BY 3.0 1 Perché OpenGeoData Perché il dato geografico è molto richiesto non solo per

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE

REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE Ufficio Provinciale di Milano Estratto da COMMA 335 ART. 1 LEGGE 311/2004 REVISIONE PARZIALE DEI CLASSAMENTI NEL COMUNE DI MILANO RELAZIONE Microzona 14 V. Monti 307 Sempione 308 Microzona 1 Mascheroni

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA CALCOLO ABSTRACT OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2000 NUMERO NOVE CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2000 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

La condivisione delle basi dei dati catastali tra Agenzia delle Entrate e Regione Lombardia

La condivisione delle basi dei dati catastali tra Agenzia delle Entrate e Regione Lombardia Workshop Programma strategico per lo sviluppo del Sistema Informativo Territoriale Integrato 2013-2018 La condivisione delle basi dei dati catastali tra Agenzia delle Entrate e Regione Lombardia Milano,

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Capitolo V. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2012 1 Il decentramento in Italia Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti

Dettagli

dal 25 gennaio 1989 ad oggi Geom. Ermanno Porrini via Lunga 20-21020 Brebbia (VA)

dal 25 gennaio 1989 ad oggi Geom. Ermanno Porrini via Lunga 20-21020 Brebbia (VA) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ERMANNO PORRINI Indirizzo Via Lunga 20-21020 Brebbia (VA) Telefono 0332 770598 - cell 338 3574244 Fax 0332 1800281 E-mail porrini@email.it - ermanno.porrini@geopec.it

Dettagli

l installazione di cabine secondarie MT/bt nel rispetto dei limiti normativi di esposizione a campi elettromagnetici

l installazione di cabine secondarie MT/bt nel rispetto dei limiti normativi di esposizione a campi elettromagnetici Aspetti tecnici e autorizzativi per l installazione di cabine secondarie MT/bt nel rispetto dei limiti normativi di esposizione a campi elettromagnetici Padova, 19 giugno g 2009 Costruzione ed esercizio

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI Il modello di calcolo del digital divide infrastrutturale: applicazione al case study Farmacie Alessandro

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

UFFICIO STAMPA EURISPES

UFFICIO STAMPA EURISPES RAPPORTO ITALIA 2009 UFFICIO STAMPA EURISPES CAPITOLO 1 ISTITUZIONI [SONDAGGIO - SCHEDA 1] LA FIDUCIA DEI CITTADINI NELLE ISTITUZIONI Sembra fermarsi il calo complessivo della fiducia nelle diverse Istituzioni

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

Milano, 18 settembre 2010

Milano, 18 settembre 2010 !!" " # " " # # # Milano, 18 settembre 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 24/2010: Manovra correttiva Novità in materia di immobili e fondi immobiliari $%&$&" '!( )*+',( %+-.+//%0/-,12304%$.0/++/512304%$.06&&-#

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Cod. ISTAT INT 00051 AREA: Ambiente e territorio Settore di interesse: Ambiente Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Titolare: Dipartimento

Dettagli

LA LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: NORMATIVE E E SCADENZE

LA LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: NORMATIVE E E SCADENZE Leggi, Delibere e Regolamenti regionali Leggi, Delibere e Regolamenti regionali FOCUS FOCUS TECNICO TECNICO LA LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: NORMATIVE E E SCADENZE Direttiva europea 2012/27/UE Direttiva

Dettagli

ALLEGATO 2 alla Circolare n. 1. Prot. n. 32542 del 28 giugno 2012

ALLEGATO 2 alla Circolare n. 1. Prot. n. 32542 del 28 giugno 2012 ALLEGATO 2 alla Circolare n. 1 Nuove schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento dalla procedura Pregeo 10 Pag. 1 di 16 Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le schede

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2005. PROT. n 9263 ENTE EMITTENTE:

CIRCOLARE N. 1/2005. PROT. n 9263 ENTE EMITTENTE: PROT. n 9263 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: Roma, 4 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 1/2005 Direzione dell Agenzia Aggiornamento degli importi fissi dell imposta ipotecaria, dell imposta di bollo, delle

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

collegio geometri e geometri laureati della provincia di trento

collegio geometri e geometri laureati della provincia di trento Sistema del Libro Fondiario FIG Working Week 2012 il sistema del LIBRO FONDIARIO nella Regione Trentino Alto Adige sistema di pubblicità immobiliare a base reale con effetto costitutivo del diritto a mezzo

Dettagli

Open Data & Energia. Patrizia Saggini. Bologna, 24 ottobre 2014

Open Data & Energia. Patrizia Saggini. Bologna, 24 ottobre 2014 Open Data & Energia Patrizia Saggini Bologna, 24 ottobre 2014 Chi sono: Direttore Area Amministrativa e Innovazione del Comune di Anzola dell Emilia LinkedIn: http://www.linkedin.com/in/patriziasaggini

Dettagli

Il Fotovoltaico. Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche

Il Fotovoltaico. Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche Il Fotovoltaico Risultati del Conto Energia al 31 dicembre 2008 a cura dell Ufficio Statistiche 2 3 Introduzione Il presente lavoro intende fornire, attraverso alcune sintetiche elaborazioni a cura dell

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi

Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi 9 dicembre 2004 Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi L Istat diffonde oggi i dati definitivi relativi agli Edifici e alle Abitazioni rilevati in occasione del 14 Censimento generale della

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO F23

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO F23 AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO F23 Il presente modello va utilizzato per il pagamento di tasse imposte sanzioni pecuniarie e somme dovute a seguito di contravvenzioni verbali-ingiunzioni ecc.;

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 28/06/2013 Circolare n. 103 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle

Dettagli

I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale

I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale SEMINARIO Il riclassamento delle unità immobiliari di Roma Capitale Roma, 16 aprile 2014 I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

GRUPPO BANCA CARIGE. Sede di Genova. Un porto sicuro nella vostra città.

GRUPPO BANCA CARIGE. Sede di Genova. Un porto sicuro nella vostra città. GRUPPO BANCA CARIGE Sede di Milano Sede di Ancona Sede di Genova Sede di Palermo Sede di Roma Un porto sicuro nella vostra città. Un idea di banca che è entrata a far parte della Storia. Dal 1483. Il moderno

Dettagli

Ufficio provinciale di Reggio Emilia Sistema gestionale dei processi di aggiornamento. Relatore: Potito Scalzulli

Ufficio provinciale di Reggio Emilia Sistema gestionale dei processi di aggiornamento. Relatore: Potito Scalzulli Ufficio provinciale di Reggio Emilia Sistema gestionale dei processi di aggiornamento Relatore: Potito Scalzulli Agenzia del Territorio viale Regina Elena, 13/1 Reggio Emilia 23/04/2010 IL TESTO OPERATIVO

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

Adotta. il seguente regolamento: Art. 1. Realizzazione della mappatura

Adotta. il seguente regolamento: Art. 1. Realizzazione della mappatura DECRETO MINISTERIALE 18 marzo 2003, n.101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto, ai sensi dell'articolo 20 della legge

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

CIRCOLARE N. 12. Dipartimento per le Politiche Fiscali.

CIRCOLARE N. 12. Dipartimento per le Politiche Fiscali. PROT. n UDA/2890 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: CIRCOLARE N. 12 Direzione Agenzia del Territorio. Introduzione dell euro nelle procedure gestite dall Agenzia del Territorio. DESTINATARI: Agenzia del Territorio:

Dettagli