INFEZIONI DA RHODOCOCCUS EQUI NEL PULEDRO A LOCALIZZAZIONE EXTRAPOLMONARE: DESCRIZIONE DI TRE CASI CLINICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFEZIONI DA RHODOCOCCUS EQUI NEL PULEDRO A LOCALIZZAZIONE EXTRAPOLMONARE: DESCRIZIONE DI TRE CASI CLINICI"

Transcript

1 Ippologia, Anno 13, n. 1, Marzo INFEZIONI DA RHODOCOCCUS EQUI NEL PULEDRO A LOCALIZZAZIONE EXTRAPOLMONARE: DESCRIZIONE DI TRE CASI CLINICI EXTRAPULMONARY RHODOCOCCUS EQUI INFECTION IN THE FOAL: THREE CLINICAL CASES MARCO PEPE, RODOLFO GIALLETTI, FRANCO MORICONI, SARA NANNARONE, GIOVANNI VITELLOZZI* Dipartimento di Patologia, Diagnostica e Clinica Veterinaria, Università degli Studi di Perugia (I) * Dipartimento di Scienze Biopatologiche Veterinarie Università degli Studi di Perugia (I) Riassunto Il Rhodococcus equi è l agente patogeno di una delle malattie più frequentemente riscontrabili nel puledro di età compresa tra 1-6 mesi i cui segni clinici si evidenziano, nella maggior parte dei casi, prima dei 4 mesi di età. La localizzazione polmonare con i suoi risvolti clinici è quella meglio conosciuta, mentre le forme extrapolmonari con le loro differenti manifestazioni sono state meno approfondite. L articolo descrive tre casi di infezioni extrapolmonari nel puledro a localizzazione addominale, articolare e cutanea. Summary Rhodococcus equi is the pathological agent of one of the most common diseases encountered in foals between 1-6 months of age and in most cases the clinical signs are present before 4 months of age. The pulmonary form with its clinical manifestation is well studied whereas the extrapulmonary diseases are less investigated. The article describes three clinical cases of extrapulmonary disease in foals (abdominal, articular and cutaneous). INTRODUZIONE Il Rhodococcus equi è l agente patogeno di una delle malattie più frequentemente riscontrabili nel puledro di età compresa tra 1-6 mesi i cui segni clinici si evidenziano, nella maggior parte dei casi, prima dei 4 mesi di età. 8 L agente è un germe gram +, immobile, asporigeno, aerobio obbligato e pleomorfo, responsabile di lesioni polmonari suppurative e di enteriti ulcerative associate a linfoadeniti mesenteriche con formazioni ascessuali. Nella maggior parte dei casi, sebbene il microrganismo possa infettare tutti i giovani puledri, i segni clinici non sono sempre evidenti, a volte sono subdoli ed altre devastanti. Questo è probabilmente dovuto alle diverse condizioni ambientali (temperatura, polvere, terreno, ph, ecc.), alle differenti condizioni di management, oltre alla maggiore o minore virulenza del microrganismo ed allo stato immunitario del soggetto. Nel cavallo adulto, generalmente, anche se è presente l infezione, non sono manifesti i segni clinici della malattia: l intestino è un mezzo di trasporto passivo del germe con conseguente contaminazione del terreno mentre nel puledro il microrganismo a livello intestinale può INTRODUCTION Rhodococcus equi is the causative agent of one of the most common diseases of foals between 1-6 months of age. In most cases the clinical signs are present before the 4 th month of age. 8 The aetiological agent is a gram + germ, immobile, non sporigenous, pleomorphic aerobe, and obligate which causes suppurative pulmonary lesions and ulcerative enteritis associated with mesenteric lymphadenitis with abscess formation. The infection can occur in all young foals, before clinical signs are present. In other circumstances, a severe disease can develop. This is probably due to different environmental conditions (temperature, dust, earth, ph, etc), different management conditions, microorganism virulence and the host immune system. In the adult horse, infection is very often inhapparent or subclinical being the intestine a simple means of passive transport for the microbe and ground contamination. On the contrary in foal the microorganism can also replicate in the intestine. The most important route of infection is by inhalation of contaminated dust. The most common

2 4 Infezioni da rhodococcus equi nel puledro a localizzazione extrapolmonare anche moltiplicarsi. La più importante via di infezione è quella inalatoria per contaminazione della polvere. Le manifestazioni cliniche più frequenti sono rappresentate da broncopolmoniti piogranulomatose croniche con ascessi caseosi, associate a linfoadenite purulenta. Nelle forme sia a decorso acuto che cronico è presente diminuzione dell appetito, abbattimento, aumento della temperatura corporea (38,8-40 C fino a 41,5 C), tachipnea con notevole difficoltà respiratoria. Altre manifestazioni cliniche più rare, determinate dal Rhodococcus equi, possono essere rappresentate da entero-coliti ulcerative multifocali, tifliti piogranulomatose o infiammazione suppurativa del mesentere e delle colonie linfonodali, polisinoviti non settiche, artriti settiche, osteomieliti, linfangiti ulcerative, celluliti ed 3; 8;15;16 ascessi sottocutanei. CASO 1 Un puledro PSI, maschio, di 40 giorni di età, è stato presentato alla visita con un quadro da addome acuto. L anamnesi riferiva la presenza, da qualche ora, di dolori colici intensi anche in seguito a trattamento con flunixin meglumine (1 mg\kg IV), frequenza cardiaca di 80/bpm, che dopo la somministrazione di detomidina (30 µg/kg IV) per facilitare il trasporto, era scesa a 63/bpm. Al momento della visita il puledro presentava sudorazione diffusa, dolori intensi, frequenza cardiaca di 100/bpm, frequenza respiratoria 25/bpm, temperatura 38,8 C, mucose iperemiche con tempo di riempimento capillare superiore ai due secondi. La disidratazione era stimata intorno al 7% con 37,1% di ematocrito e 5,44 gr/dl di proteine totali. L addome si presentava aumentato di volume, e all auscultazione non vi erano rumori di peristalsi su alcun quadrante. L esame emocromocitometrico rivelava: leucocitosi (G.B con il 96% di granulociti neutrofili e il 4% di linfociti); G.R. 12 milioni, piastrine L ematochimico invece metteva in evidenza solo un incremento del CK (5540 U/L) e dell LDH (964U/L). Al passaggio della sonda rino-esofagea non vi era reflusso gastrico. Il liquido peritoneale, prelevato mediante abdominocentesi, si presentava di aspetto torbido e di colore giallo-arancio, con 4,37 gr/dl di proteine totali ed un incremento di cellule della serie bianca > con il 98% di neutrofili ed un aumento del CK 2260 U/L e dell LDH 759U/L. Visto che i dolori permanevano costanti anche in seguito a somministrazione di xilazina (0.5 mg/kg IV) e vi era un progressivo aumento del volume dell addome, la terapia chirurgica si riteneva obbligatoria. Con la laparotomia esplorativa è stato possibile evidenziare una porzione del piccolo intestino interessata da gravi disturbi di circolo per la torsione di un tratto del digiuno e dell ileo attorno ad una massa: un linfonodo meseraico di aspetto ascessuale (Foto 1, 2). Il segmento intestinale coinvolto si presentava iperemico, di colore rosso-violaceo, edematoso e friabile. Si è quindi reso necessario l intervento di enterectomia con asportazione di circa 5 metri di digiuno e dell ileo ed una anastomosi digiuno-ciecale. Sulla massa addominale, una volta asportata, sono stati eseguiti gli esami istologici e di laboratorio (Foto 3). Dopo lavaggio peritoneale con soluzione poliionica si è proceduto alla chiusura della breccia laparotoclinical manifestations of the infection in the foal are chronic suppurative broncopneumonia with extensive abscesses associated with purulent lymphoadenitis. In both the acute and chronic forms there is disorexia, depression, fever ( to 41.5 C) and labored tachypnea. Othe r, more rare, clinical manifestations of R h o d o c o c c u s e q u i infection are multifocal ulcerative entero-colitis, granulomatosus typhlitis, suppurative infection of the mesenteric lymph nodes, non septic polysynovitis, septic arthritis, osteomyelitis, ulcerative lymphangitis, cellulitis 3;8; 15;16 and subcutaneous abscesses. CASE 1 A 40 days old TB male foal, was presented with acute abdomen. At the presentation an abdominal pain has been present for some hours and it didn t stop after treatment with flunixin meglumine (1 mg/kg IV). The heart rate was 80 bpm and it slowed to 63 bpm after the administration of detomidine (30 µg/kg IV) given to facilitate transport. On phisical examination, the foal presented diffuse sweating, intense pain, heart rate 100 bpm, respiratory rate 25 per min, temperature 38.8 C, hyperemic mucous membranes and capillary filling time over 2 seconds. Dehydration was estimated around 7% with a PCV of 37.1% and 5.44 gm/dl total proteins. The abdomen was distended and no peristaltic sounds were detected during auscultation in any quadrant. Hematology re v e a l e d : leukocytosis (White Blood Cell WBC- 22 x 10 3 /µl with 96% neutrophils and 4% lymphocytes); Red Blood Cell RBC- 12 x 10 6 /µl and Platelets PLT- 406 x 10 3 /µl. Serum biochemical examination only revealed an increase in CK 5540 U/L and LDH 964 U/L. No gastric re f l u x was present The abdominocentesis collected peritoneal fluid was cloudy and yellow-orange in colour, with total protein at 4.37 gm/dl and an increase in WBC >60 x /µl with 98% neutrophils, increased CK 2660 U/L and LDH of 759 U/L. As the abdominal pain did not improve after administering xylazine (0.5 mg/kg IV) and t h e re was a gradual increase in abdominal distention, surgery was considered mandatory. Explorative laparotomy revealed a portion of torsed around part of the jejunum and ileum involving an abscessed mesenteric lymph node mass (photo 1,2). The intestinal segment was hyperemic, red-violet in color, edematous and fragile. Resection was necessary and 5 meters of jejunum and ileum w e re removed and a jejuno-caecal anastomosis was performed. Histological and laboratory exams were carried out on the excised abdominal mass (photo 3). After peritoneal lavage with polyionic solution, the laparotomy wound was closed in a routine manner. The surgery went on for 160 minutes, the foal re c o v e red from anaesthesia without any difficulty, but the abdominal pain re c u r re d shortly afterwards, due to a paralytic ileus characterized by an increase in abdominal volume, gastric reflux and absence of peristaltic sounds. After initial tre a t m e n t aimed at correcting endotoxemia and ileus, the foal was euthanized and a pathological examination was carried out. Apart from changes in the small intestine, necropsy revealed involvement of nearly all the mesenteric lymph

3 Ippologia, Anno 13, n. 1, Marzo mica secondo le metodiche consuete. L intervento ha avuto una durata complessiva di circa centosessanta minuti, il puledro si è risvegliato e rialzato senza difficoltà, ma i dolori addominali si sono ripresentati successivamente per l insorgenza di un ileo paralitico caratterizzato da depressione del sensorio, frequenza cardiaca elevata, progressivo aumento di volume dell addome, reflusso gastrico ed assenza di rumori peristaltici. Dopo un primo trattamento volto a correggere l endotossiemia e l ileo, il puledro è stato soppresso e sottoposto ad esame anatomo-patologico. Tale esame ha messo in evidenza, oltre alle alterazioni a carico del piccolo intestino, l interessamento di quasi tutti i linfonodi meseraici che si presentavano congesti, emorragici con, in alcuni, un nucleo caseoso centrale. Inoltre a carico del lobo basale del polmone destro è stato isolato un nodulo di 3-4 cm di diametro caratterizzato da necrosi caseosa con suppurazione centrale. Gli esami colturali della massa asportata durante l intervento e dei reperti anatomo-patologici, hanno permesso di emettere diagnosi di infezione da R h o d o c o c - cus equi. nodes which were congested, hemorrhagic, and in some cases, with a central caseosus nucleus. A 3-4 cm nodule, characterized by caseosus necrosis with central suppuration, was also isolated from the basal lobe of the right lung. Culture of the mass excised during surgery and the anatomical specimens of the lung identified a Rhodococcus equi infection. CASE 2 The second 4 months old thoroughbred foal, was admitted to the hospital due to a left fore hoof infection of 2 months duration. On presentation the foal had grade 4 lameness of the limb and a swollen, hot and painful hoof at the level of the coronary band and a sore in the pastern (photo 4). The hoof was smaller than the other front hoof. Blood tests revealed an increased WBC (16 x 10 3 /µl with 93% neutrophils). Arthrocentesis was unsuccessful. Radiological examination showed signs of second phalanx (P2) and pedal bone osteomyelitis with severe degenerative disease of the interphalangeal joints, more severe in the distal joint. The structure of P2 was completely altere d and there was a large central lytic area surrounded by a multifocal sclerosis together with reduced areas of density at the level of the pedal bone (photo 5). Considering the clinical and radiological findings, the poor prognosis and the future purpose for which the horse was intended, it was euthanized, and laboratory exams were carried out. No signs of lesions related to R. equi were found in respiratory and intestinal apparatus. Culture of osteoarticular samples enabled a diagnosis of extrapulmonary Rhodococcus disease. CASE 3 FOTO 1 - Torsione piccolo intestino. PHOTO 1 - Torsion of small intestine. The third, 5-month-old foal was presented because of recurring fever, associated with lack of appetite and cutaneous abscesses in both front limbs. Hot, painful, nodular FOTO 2 - Linfonodo mesenterico. PHOTO 2 - Mesenteric lymph node mass. FOTO 3 - Massa (linfonodo) mesenterico. PHOTO 3 - The excised abdominal mass.

4 6 Infezioni da rhodococcus equi nel puledro a localizzazione extrapolmonare CASO 2 Il secondo puledro, sempre PSI di circa 4 mesi di età, è stato riferito per un infezione della regione del piede anteriore sinistro presente da oltre due mesi. Al momento della visita il puledro presentava una zoppia di IV grado all arto interessato, il cui piede a livello di cercine coronario e di pastoia si presentava aumentato di volume, caldo, molto dolente con una piaga a livello di corona (foto 4) e con lo zoccolo più piccolo del controlaterale. Gli esami ematomorfologici hanno messo in evidenza una sola minima leucocitosi neutrofila ( G.B. con 93% neutrofili). Tramite artrocentesi dall articolazione interfalangea distale non è stato possibile prelevare il liquido sinoviale per i controlli di laboratorio. L esame radiografico ha invece permesso di evidenziare i segni di una osteomielite della seconda e della terza falange, con una gravissima malattia degenerativa articolare dell interfalangea distale e meno di quella prossimale. A carico della seconda falange, la cui struttura era completamente alterata, era presente una grossa zona litica centrale circondata da sclerosi, ed aree a ridotta densità erano presenti anche a livello di terza falange (foto 5). Visto il quadro clinico-radiografico, la prognosi e l attitudine a cui il cavallo era destinato è stato sottoposto ad eutanasia e sono stati effettuati gli esami colturali e di laboratorio. Nessuna lesione riferibile a R. equi è stata individuata a carico del sistema respiratorio e gastro-enterico. Solo grazie ai reperti anatomici osteoarticolari e dai loro esami colturali è stata emessa diagnosi di rodococcosi in sede extrapolmonare. lesions formed spontaneously opened abscesses (photo 6, 7). Starting at the level of the right axillary region, abaxial elbow and at the level of the dorsal radius near the radiocarpal joint with no involvement of articular structure s. The foal had been treated with a cyclic therapy of sodium cefalexine (8-10 days for three times) (10 mg/kg t.i.d. IM) which gave temporary reduction of the cutaneous symptoms, which recurred as soon as the therapy was reduced or suspended. On examination the foal, was in poor general condition with a temperature of 39.2 C and slightly d e p ressed and presented slight lameness of the left fore limb where 2 open abscesses were present. Blood tests revealed leuckocytosis with neutrophilia (WBC 19.6 x /µl, 91% neutrophils) and an increase in fibrinogen 550 mg/dl. Surgical debridment and culture of the lesions was carried out on the same day. Rhodococcus equi was isolated and a diagnosis of extrapulmonary infection was made, following negative clinical and radiological pulmonary investigations. The subject was treated with erythromycin (25 mg/kg orally t.i.d.) and rifampin (10 mg/kg orally b.i.d.), the latter also applied locally at the cutaneous lymph node abscesses responded rapidly and healed in about 30 days. DISCUSSION AND CONCLUSION Rhodococcus equi infection still represents one of the major causes of disease in foals from 1 to 6 months of age. 8 Scarce reports on this infection in Italy, at least until the beginning of the 1990 s, may be related to the breeders lack of attention to this insidious disease which can be clinically silent until a stress event brings it to the fore in a dramatic manner. The environmental conditions (intense heat, poorly ventilated stables, etc.) and manage- FOTO 4 - Lesione cutanea. PHOTO 4 - Sore lesion. FOTO 5 - Esame radiografico del piede. PHOTO 5 - Distal limb radiographic examination.

5 Ippologia, Anno 13, n. 1, Marzo CASO 3 Il terzo puledro, di 5 mesi, è stato osservato per la presenza di rialzi febbrili ciclici, associati a inappetenza e ascessi cutanei che avevano interessato ambedue gli arti anteriori. Si erano formate delle lesioni nodulari, calde dolenti, esitate in ascessi apertisi spontaneamente (foto 6, 7). Il tutto era iniziato a livello della regione ascellare destra, poi si erano formati a livello di parte esterna del gomito ed infine a livello di porzione dorsale del radio fino in prossimità della articolazione radiocarpica, senza però mai coinvolgere le strutture articolari. Il puledro era stato trattato con una terapia ciclica a base di cefalessina sodica (10 mg/kg t.i.d. IM) che, secondo il proprietario, aveva dato solo una riduzione transitoria della sintomatologia cutanea, la quale si riproponeva appena la terapia veniva ridotta o sospesa. Al momento della visita il puledro in scadenti condizioni generali, con 39.2 C di temperatura corporea e lievemente depresso rispetto agli altri puledri del gruppo, presentava una lieve zoppia all anteriore sinistro dove erano presenti due lesioni ascessuali aperte. Nella stessa giornata, oltre agli esami ematomorfologici ed ematochimici, che hanno evidenziato una leucocitosi neutrofila (GB , 91% neutrofili) ed un incremento del fibrinogeno (550 mg/dl), è stata effettuata anche la pulizia chirurgica delle lesioni. Sono stati eseguiti dei tamponi che hanno permesso di isolare, dopo qualche giorno, un germe riferibile a Rhodococcus equi, per il quale è stata emessa una diagnosi di infezione extrapolmonare confermata successivamente da un quadro clinico e radiografico polmonare ment of many breeding farms in our regions (of small to medium size, with few fields and with high percentage of horses per hectare, poor cleaning of the paddocks where contaminated feces remain on the ground and there is no irrigation, etc.) are very close to the ideal conditions for the survival and spread of the organism responsible for the disease 1. Passive transport of the casual agent in the intestine of adult horses, coming from the contaminated ground, transmits the disease to the foal, by means of inhalation or simple contact, and can cause extrapulmonary i n f e c t i o n. 1 0 The latter, indeed, for a series of factors not yet completely understood, manifests itself mainly at the pulmonary level but also in extrapulmonary re g i o n s which frequently are responsible for serious pathology, probably because they are not rapidly diagnosed and therefore not treated. Generally the most common clinical manifestation of infection, already widely described, is characterized by suppurative chronic broncopneumonia associated with pulmonary abscesses and sometimes with suppurative lymphoadenitis. 1 ; 8 ; 1 0 Clinical findings, often mild in the initial phases, are characterized by depression, anorexia, fever, tachypnea and modification of the auscultatory finding in the thorax. In addition, findings are not always directly related to the degree of pneumonia and it is only by stimulating the foal (by obstructing its nostrils) that it is possible to significantly modify the auscultatory results. The diagnosis of these forms, not very differe n t from other causes of pneumonia, in the foal, is confirmed together with the hematological exams and blood gas FOTO 6 - Ascesso cutaneo. PHOTO 6 - Cutaneous abscess. FOTO 7 - Ascesso cutaneo. PHOTO 7 - Cutaneous abscess.

6 8 Infezioni da rhodococcus equi nel puledro a localizzazione extrapolmonare negativo. Al soggetto è stata somministrata una terapia a base di eritromicina (25 mg/kg per OS t.i.d.) e rifampicina (10 mg/kg per OS b.i.d.), quest ultima anche localmente sugli ascessi, con rapida risposta che, nel giro di 30 giorni, ha determinato la risoluzione del processo linfoascessuale cutaneo. DISCUSSIONI E CONCLUSIONI Le infezioni da Rhodococcus equi nel puledro rappresentano ancora una delle maggiori cause di malattia nei soggetti di età compresa tra 1 e 6 mesi. 8 La loro scarsa descrizione in Italia, almeno sino agli inizi degli anni 90, è probabilmente legata alla minor sensibilità degli allevatori nei confronti di questa insidiosa patologia che talvolta, soprattutto nelle forme polmonari, può anche passare inosservata almeno sino alla comparsa di un episodio stressante che la fa esplodere in maniera eclatante. Infatti le condizioni climatiche (caldo intenso, box poco areati, ecc.) ed il management di molti allevamenti tipo, soprattutto nelle nostre zone (medio-piccoli, con pochi prati e con un elevato carico di animali per ettaro, scarsa pulizia dei paddock, privi di irrigazione e dove residuano le feci contaminate, ecc.), non si allontanerebbero molto da quelle che sono le condizioni ottimali per la sopravvivenza e la diffusione dei germi responsabili della malattia 1. Per questa infatti il trasporto passivo degli agenti eziologici nell intestino di cavalli adulti, provenienti da terreni contaminati, rappresenterebbe il veicolo attraverso il quale i puledri svilupperebbero la malattia, dopo l inalazione o addirittura, per alcune forme di infezione extrapolmonare,dopo il semplice contatto. 10 La malattia, per una serie di fenomeni non ancora completamente chiariti, si manifesterebbe prevalentemente a livello polmonare, ma anche, come visto, in sedi extrapolmonari che molto spesso sono responsabili di gravi patologie anche perché non velocemente diagnosticate né quindi trattate. In linea generale le manifestazioni cliniche più comuni della rodococcosi, come ormai ampiamente descritto, sono caratterizzate da una broncopolmonite cronica suppurativa associata ad ascessi polmonari e talvolta a linfoadeniti suppurative. 1 ; 8 ; 1 0 I segni clinici, spesso inconsistenti nelle fasi iniziali, sono caratterizzati da depressione, disoressia, febbre, tachipnea e modificazione dei parametri auscultatori del torace che possono variare dalla presenza di rantoli umidi sino alla riduzione della fonesi nelle aree dove sono presenti ascessi o epatizzazioni polmonari. Inoltre i reperti non sempre sono direttamente correlati al grado di polmonite e, soltanto stimolando i puledri (ostruendone le narici), è possibile modificare significativamente i reperti auscultatori. La diagnosi per queste forme, non molto dissimili da altre cause di polmonite del puledro, si avvale parallelamente all esame ematologico ed emogasanalitico (leucocitosi neutrofila e iperfibrinogenemia, riduzione degli scambi respiratori), di quello radiografico, di quello ecografico (presenza di un quadro alveolare caratterizzato da zone di maggior compattezza fino ad ascessualizzazioni vere e proprie) e di quello citologicocolturale di un aspirato transtracheale o tracheo-bronchiale. 1;8 Il germe è stato isolato a partire da campioni freschi, prelevati prima della terapia antibiotica, su comuni terreni di coltura addizionati a sangue di montone o siero equino, analyses (increase in WBC with neutrophilia, and hyperfibrinogenoemia, decreased gas exchange), the radiological exam, the ultrasound exam (presence of an alveolar picture characterized by regions of major consistency or the formation of true abscesses) and of the cytologic exam and c u l t u re of the transtracheal or tracheo-bronchial aspirate. 1;8 R. equi has been isolated from fresh specimens, taken prior to antimicrobial therapy, using common medium additioned with ram s blood or equine serum, at 37 C aerobically and identified within hours. The germ exhibits its characteristic salmon mucoid colonial appearance not before 48 hours of incubation. It is Gram-positive with a coccus-rod form. 1 8 However the examination of the tracheo-bronchial aspirate, even if it is considere d to be the most diagnostically indicative, must always be interpreted in the clinical context as it has been demonstrated in regions where the disease is enzootic, that approximately 35% of the tracheal aspirate of the examined foals can be positive in the absence of clinical signs of the d i s e a s e 1. Serological tests, Agar gel diffusion (AGID), Synergistic hemolysis inhibition (SHI) and Enzyme-linked immunosorbed assay (ELISA) can be added. 8 A foal exposed to the disease can produce immunoglobulins which can be revealed by the ELISA test, whereas when the infection is in progress, equi factor antibodies can be revealed with the SHI and AGID test. Such tests can be used especially in regions where the disease is endemic. In fact a decrease in the antibody titer revealed by ELISA at birth can indicate foals at risk of the disease, while a seroconversion with AGID at 8 and 12 weeks of age, can indicate candidates suitable for treatment due to early recognition of the disease. Diagnosis of pneumonia caused by Rhodococcus equi can be made more rapidly by use of a polymerase chain reaction (PCR) assay than by use of conventional bacteriologic culture techniques. 23 Use of a PCR assay aids in the d i f f e rentiation between virulent and avirulent strains of R. equi, and the assay may be used to identify R. equi in feces and soil of suspected breeding farms. Concerning the extrapulmonary localization it is not clear which infection route the bacterium will take, or why it brings about such serious and complex infections when it is so wide spread in nature. In about 50% of foals with pulmonary problems presented for postmortem examination, intestinal lesions characterized by a multifocal ulcerative enterocolitis, typhlitis and involvement of the mesenteric lymph nodes were present. Concerning intestinal forms, differential diagnosis should include acute diseases (salmonellosis, acute peritonitis) as well as, more rarely, a group of chronic diseases like parasitic infestion, granulomatous enteritis, chronic liver diseases. Inhalation of the bacterium could have been followed by a lymphohematogenic diffusion, in other case a direct gastro-enteric introduction could be hypothesized. However it is clear that the foal is susceptible to develop the disease, because of the natural decrease of humoral and cellular maternal immunity during the first 8 weeks. 1;22 Other studies have led to the discovery of proteins that could be related to the virulence represented by polysacaride capsule (able to inhibit the leuckocyte phagocytic function), by choles-

7 Ippologia, Anno 13, n. 1, Marzo in condizioni di aerobiosi a 37 C per ore. Il caratteristico aspetto mucoide e color salmone delle colonie si appalesa solo dopo 48 ore. Alla colorazione di Gram appaiono positivi di forma cocco-bastoncellare. 18 L esame batteriologico dell aspirato tracheo-bronchiale, tuttavia, anche se considerato diagnosticamente il più indicativo, deve essere sempre interpretato nel contesto clinico in quanto è stato dimostrato, in zone ove la malattia è enzootica, che circa il 35% degli aspirati tracheali dei puledri esaminati può essere positivo in assenza dei segni clinici di malattia. 1 A questi possono essere associati dei test sierologici quali Agar gel immunodiffusione (AGID); inibizione dell emolisi (SHI); test immunoenzimatici (ELI- SA). 8 Puledri esposti alla malattia possono produrre delle immunoglobuline di tipo G individuabili con il test di ELISA, mentre in corso di infezione possono essere individuati degli anticorpi nei confronti dell Equi factor solubile con i test di SHI e AGID. Tali test possono essere utilizzati soprattutto in zone ove la malattia è endemica. Infatti una riduzione del titolo anticorpale individuato con l ELI- SA alla nascita, può identificare i puledri a rischio di malattia, mentre un incremento di quelli individuati in sieroconversione con AGID a 8 e 12 settimane di età, può indicare i candidati ad un trattamento grazie al riconoscimento precoce di malattia. Un altro metodo rapido ed efficace, più che l uso delle convenzionali tecniche batteriologiche, molto importante nella diagnosi di questa infezione, è rappresentato dalla PCR (polymerase chain reaction). 23 Questa tecnica permette, oltre alla differenziazione tra le forme virulente e non del germe, anche l identificazione dello stesso dalle feci e dai terreni provenienti dagli allevamenti sospetti. Per le localizzazioni extrapolmonari rimangono ancora non completamente chiariti sia la via di infezione che il germe segue, sia il motivo per cui, pur essendo così diffusi in natura, le infezioni che determinano risultino così gravi e complesse. Circa il 50% dei puledri con problemi polmonari presentati all esame necroscopico mostrava lesioni intestinali caratterizzate da enterocoliti multifocali ulcerative, tifliti ed interessamento dei linfonodi meseraici. La diagnosi differenziale nelle forme intestinali deve essere rivolta verso una categoria di forme acute (salmonellosi, peritoniti acute) oppure più raramente verso una categoria di malattie croniche quali infestioni parassitarie, enterite granulomatosa, malattie epatiche croniche. Per quel che concerne il R. equi, in una buona percentuale dei soggetti la via d ingresso inalatoria potrebbe essere seguita da una diffusione per via linfoematogena, nei restanti casi potrebbe ipotizzarsi una diretta entrata attraverso il tratto gastroenterico. È comunque chiaro che il puledro presenta una suscettibilità elevata allo sviluppo della malattia, forse in virtù di una sua ancora ridotta risposta umorale e cellulomediata in un momento in cui l immunità materna si riduce naturalmente (8 settimane circa). 1 ; 2 2 Alcune ricerche hanno inoltre permesso di individuare delle proteine correlate alla maggior virulenza del germe rappresentate dalla capsula polisaccaride, in grado di inibire la funzione fagocitaria dei leucociti, dalla colesterolo-ossidasi, che aumenta la stabilità della membrana cellulare ed infine dall acido micolico della parete batterica che induce la formazione del granuloma. L insieme di queste proteine troverebbe nel puledro una maggior efficacia in corso di uno stato anterol-oxidase which increase the stability of the cellular membrane and finally by mycolic acid of the bacterial cell wall which induces the formation of the granuloma. All these proteins would be more efficient when the foal undergoes immunologic changes, even if only for a short per i o d. 1 Bone or joint localization would indicate bacterial transport from a pulmonary and/or intestinal form. Diff e rential diagnosis, in those cases, must consider poliarthritis/osteomyelitis, traumas, aseptic synovitis. However, as in the cases presented, foci in such sites are not always revealed and the foal did not come from a breedingfarm in which pulmonary infections had been observed, so the way of introduction of the disease is still unclear. In the first case it is sure that the metaphysis was initially involved (osteomyelitis type P) which later propagated through the metaphyseal cortex and the surrounding tissue into the joint cavity. When it is not possible to demonstrate this route, it is very likely that bacterial contamination of an open wound proximal to the osteocartilagineous segment involved was the cause. 17;21 The subcutaneous lesions should be always differentiated from ulcerative or aseptic limphangities, sporothrycosis, hystoplasmosis etc. The presence of such lesions indicates a direct means of introduction from outside into the subcutaneous tissue, if other internal lesions are not pre s e n t. However if the usual pulmonary or gastro-enteric foci are not present to justify a lympho-haematic diffusion of the process, the contamination with feces or other contaminated material of the open skin wounds should be considered the most probable. As regards treatment and prevention of the disease one should keep in mind that the aetiological agent is intracellular and so the drug should reach a good minimal inhibitory concentration (MIC) in the phagocyte. Different drugs have been used and the best therapy from the end of the 1980 s is still erythromycin in association with rifampine due to their liposolubility and the fact that they remain in high concentration in most tissues, but especially in the pulmonary parenchyma and its secretions. 8 Erythromycin ethylsuccinate can be admini s t e red at doses of 25 mg/kg orally t.i.d. or q.i.d. even though recent studies on healthy adult horses have demonstrated that the phosphate and stearate salts can be administered every 12 hours, maintaining their pharmacokinetic efficacy. 6 As erythromycin can lead to drug re s i s- tance even when considering the duration of the therapeutic cycles (6-8 weeks minimum), Rifampin is used in association to reduce this risk and also because it has optimal penetration capability in pulmonary tissue where it reaches a MIC at dosages of 10 mg/kg orally b.i.d. When faced with polymicrobic infections, it may be necessary to add another antibiotic to the two already stated, usually sulfa trimethoprim (unless cultures indicate differently). In skin infections rifampin applied topically gives a very high local MIC in comparison to parenteral treatment, to such an extent that a reduction in treatment times could be considered. The treatment period should not be less than 6-9 weeks and should only be stopped when, together with clinical improvement, the fibrinogen concentration has been normalized for at least one week. 8 As it has been proved that the bacteria are capable of remaining alive in feces and on the ground for quite a long time and in par-

8 10 Infezioni da rhodococcus equi nel puledro a localizzazione extrapolmonare che transitorio di immuno-alterazione. 1 La localizzazione ossea o articolare farebbe supporre una diffusione del germe da un focolaio polmonare e/o gastroenterico. La diagnosi differenziale, in tali casi, dovrebbe essere rivolta nei confronti di poliartrite/osteomielite, traumi, sinoviti non settiche. Comunque non sempre sono individuabili focolai in tali sedi, come verificatosi nel puledro da noi esaminato che peraltro proveniva da un allevamento in cui non si erano verificate infezioni polmonari. Ciò conferma la difficoltà ad individuare la via di ingresso. Nel caso delle infezioni ossee sembra accertato un interessamento primario della metafisi (osteomielite di tipo P) che successivamente, attraverso la cortex metafisaria e i tessuti circostanti, diffonderebbe il processo all interno della camera articolare. Quando non è possibile dimostrare questa via è verosimile ipotizzare una contaminazione da parte del germe di soluzioni di continuo della cute in prossimità del segmento osteocartilagineo interessato. 17;21 La presenza di sole lesioni sottocutanee, che andrebbero differenziate da linfangiti ulcerative asettiche, sporotricosi, istoplasmosi, ecc., ad andamento cronico ripetitivo in più parti del corpo, come sopra descritto, prevede, quando non associate ad altre sedi di lesioni interne, una via di ingresso diretta dal mondo esterno nel tessuto sottocutaneo. Tuttavia se non sono presenti i soliti focolai polmonari o gastro-enterici che giustifichino una diffusione linfo-ematica del processo, la contaminazione delle soluzioni di continuo cutanee con particelle di feci o altro materiale infetto deve essere considerata la più probabile. Per quello che interessa il trattamento e la prevenzione della malattia bisogna tener conto che l agente eziologico è un germe intracellulare per cui il farmaco deve raggiungere una concentrazione inibente minima (MIC) adeguata all interno del fagocita. Benché siano stati utilizzati diversi farmaci la terapia di scelta, dalla fine degli anni 80, rimane un associazione tra eritromicina e rifampicina, grazie alle loro caratteristiche di liposolubilità e di rimanere a concentrazioni elevate in molti tessuti, ma soprattuto nel parenchima polmonare e nelle sue secrezioni. 8 L eritromicina etilsuccinato può essere somministrata alla dose di 25 mg/kg per OS t.i.d. o q.i.d., anche se studi recenti su cavalli adulti e sani hanno dimostrato che i loro sali fosfati e stearati possono essere somministrati ogni 12 ore mantenendo la loro efficacia farmacocinetica. 6 Vi s t o che l eritromicina può dare origine a delle resistenze anche in virtù della lunghezza dei cicli terapeutici (6-8 settimane minimo), per ridurre questo rischio si associa della rifampicina che, inoltre, ha delle ottime capacità di penetrazione a livello di parenchima polmonare ove raggiunge una MIC alle dosi di 10 mg/kg b.i.d. per OS. Quando ci si trova di fronte a delle infezioni miste, polimicrobiche, è necessario associare un altro antibiotico ai due già utilizzati che di solito è rappresentato da sulfamidico-trimethoprim 15 mg/kg b.i.d. IV (almeno sino a quando l esame colturale non dia delle indicazioni diverse). Nelle infezioni cutanee la rifampicina ad uso topico permette di raggiungere delle MIC locali molto elevate rispetto alla via parenterale tanto da poter pensare anche ad una riduzione dei tempi di trattamento. La durata del trattamento non deve essere inferiore alle 6-9 settimane e comunque sarebbe meglio sospenderlo solo quando, anche in concomitanza ad un miglioramento clinico, la fibrinogenemia si sia normalizzata da almeno una settimana. 8 Infine, dimostrato ormai che ticular environmental conditions, different methods have been proposed to reduce the incidence and diffusion of the disease. This involves improving the breeding-farm conditions, such as temperature control, reduction of animals per pasture, encourage pasture rotation and irrigation. 9 Various methods of passive and active immunization of the foals with hyperimmune serum administered once or twice during the first weeks of life, or even vaccination of the foal and the pregnant mare, have been proposed. On farm with endemic infection, administration of hyperimmune plasma intravenously to foals in the first month of life may significantly reduce the incidence of R. equi p n e u m o n i a. 1 3 Harvested plasma was frozen for subsequent administration of one litre per foal between 1 and 30 days after birth. In the other hand vaccination of pregnant mares with bacterin did not provide passive protection in experimentally or naturally induced R. equi pneumonia in foals. 14 Making veterinary practitioners aware of the syndromes associated with the episodes of pneumonia in the foal could help in treating the affected subjects. Sometimes the signs of an extrapulmonary localization can proceed the respiratory form or even, as seen here, the latter may not even be present. It could also happen that an extrapulmonary form appears during the treatment of a respiratory form and even if the latter improves or heals, it can alter the course of the disease negatively. Finally one must not forget that any episode of the extrapulmonary form (abdominal form) can give aspecific symptoms which are not so easy to diagnose. 3 i batteri sono in grado di rimanere vitali nelle feci e sui terreni per molto tempo ed in particolari condizioni climatiche, sono state proposte diverse metodiche che tendono a ridurre l incidenza e la diffusione della malattia. Fondamentale è modificare al meglio le condizioni di allevamento legate alle elevate temperature, alla riduzione del carico dei pascoli, favorendo la rotazione e rendendoli irrigui. 9 Sono stati infine anche proposti dei metodi di immunizzazione passiva ed attiva dei puledri con siero iperimmune, da somministrare per una o due volte durante le prime settimane di vita o con vaccinazioni del puledro e della madre in gestazione. In zone endemiche la somministrazione per via endovenosa di plasma iperimmune nel primo mese di vita dei puledri, può ridurre drasticamente l incidenza della m a l a t t i a. 1 3 Invece la vaccinazione delle fattrici gravide sembra non essere in grado di dare una protezione passiva dalla malattia in puledri con forme polmonari da rodococco indotte sperimentalmente in casi di infezione naturale. 14 Sensibilizzare i veterinari pratici sulle sindromi associate agli episodi di polmonite nel puledro può aiutare nel trattamento dei soggetti affetti. Talvolta i segni di una localizzazione extrapolmonare possono precedere la forma respiratoria o addirittura, come visto, quest ultima può anche non presentarsi. Può anche verificarsi che una forma extrapolmonare può comparire durante il trattamento della forma respiratoria e, anche se quest ultima migliora o guarisce, può alterare il decorso del caso in senso negativo. In-

9 Ippologia, Anno 13, n. 1, Marzo fine, non va dimenticato che qualche episodio della forma extrapolmonare (forme addominali) può dare dei sintomi aspecifici che sono diagnosticamente non semplici da inquadrare. 3 RINGRAZIAMENTI Ringrazio vivamente Claudia Floridi per la sua cortese as - sistenza per la parte laboratoristica. Bibliografia/References 1. Ainsworth D.M. (1999) Rhodococcal infections in foals. Equine Ve t. Educ. 11, Chaffin M.K., Honnas C.M., Crabil M.R., Schneiter H.L., Gordon W.B., Briner P.R. (1995) Cauda equina syndrome, diskospondilitis, and a paravertebral abscess caused by Rhodococcus equi in a foal. JAVMA 206, Chaffin M.K., Martens R.J. (1997) Extrapulmonary disorders associated with Rhodococcus equi pneumonia in foals: retrospective study of 61 cases ( ). Proc. Am. Ass. Eq. Pract. 43, Davis J., Gaskin J.M., Hietela S.K., Ragland W.L. (1995) Oral administration of concentrated equine serum to newborn foal prevents failure of passive transfer of immunoglobulin and provides passive immunity for Rhodococcus equi. Proc. Am. Ass. Eq. Pract. 41, Dewes H.F. (1972) Strongiloides We s t e ry and Corynebacterium equi in foals. New Zel. Vet. J. 20: Dewes H.F. (1989) The association between weather, frenzied behav i o u r, percutaneous invasion by Strongiloides We s t e ry larvae and Corynebacterium equi disease in foals. New Zel. Vet. J. 37: Ewing P.J., Burrows G., MacAllister C., Clarke C. (1994) Comparision of oral erythromycin formulations in the horse using pharmacokinetic profiles. J. Vet. Pharmacol. Ther. 17: Ellemberg M.A., Genetzky R.M. (1986) Rhodococcus equi Infections: literature review. Compendium Contin. Educ. Vet. Practice. 8, Giguère S., Prescott J.F. (1997) Clinical manifestations, diagnosis, treatment and prevention of Rhodococcus equi infections in foal. Vet. Microbiology 56, Giguère S., Prescott J.F. (1997) Strategies for the control of Rhodococcus equi infections on enzootic farms. Proc. Am. Ass. Eq. Pract. 43, Hondulus M.K., (1997) Rhodococcus equi; pathogenesis and virulence. Proc. Am. Ass. Eq. Pract. 43, Hurley J.R., Beeg A.P. (1995) Failure of hyperimmune plasma to prevent pneumonia caused by Rhodococcus equi in foals. Aust. Vet. J. 72, Lakritz Y., Wilson W.D. (1997) Erythromycin: pharmacokinetics, bioav a i l a b i l i t y, nonantimicrobial activity, and possible mechanisms associated with adverse reactions. Proc. Am. Ass. Eq. Pract. 43, Madigan J.E., Hietala S., Muller N. (1991) Successful protection against naturally acquired Rhodococcus equi pneumonia in foals by administration of hyperimmune plasma. J. Reprod. Fert. Suppl. 44, Martens R.J, Martens J.G, Fiske R.A, (1991) Failure of passive immunization by colostrum from immunized mares to protect foals against Rhodococcus equi pneumonia. Equine Vet J. 12 Suppl: Olchowy T. W.J. (1994) Vertebral body osteomyelitis due to Rhodococcus equi in two Arabians foal. Equine Vet. J. 26, Nay T.S. (1996) Extra- pulmonary Rhodococcus equi in a Thoroughbred foal. Can. Vet. J. 37, Prescott J.F. (1987) Epidemiologic of Rhodococcus equi infection in horses. Vet. Microb. 14, Prescott J.F, Hoffman A.M., (1993) Rodococcus equi. Vet Clin North Am Eq. Pract Takai S. (1997) Epidemiology of Rhodococcus equi infections: a review. Vet. Microbiology 56, Takai S., Sasaky Y., Tsubaki S. (1995) Rhodococcus equi infection in foals current concept and implication for future research. Journal of Equine Sci. 6, Takai S., Fujimori T., Katsuzaki K., Tsubaki S., (1987) Ecology of Rhodococcus equi in horses and their environmental on horse-breeding farm. Vet. Microb. 14, Takai S., Ikeda T., Sasaki Y., Watanabe Y., Ozawa T., Tsubaki S., Sekizaki T., (1995) Identification of virulent Rhodococcus equi by amplification of gene coding for 15-to 17-kilodalton antigens. J. Clin. Micro. 33, Vivrette S.L, Sellon D.C, Gibbons D.S (2000) Clinical application of a polymerase chain reaction assay in the diagnosis of pneumonia caused by Rhodococcus equi in a horse. JAVMA 1;217(9): Wada R., Kamada T., Anzai T., Nakanishi A., Kanemaru T., Takai S., Tsubakin S. (1997) Pathogenicity and virulence of Rhodococcus equi in foals following intratracheal challenge. Vet. Microbiology 56, Wilkins P.A., Lesser F.R., Gaskin J.M. (1997) Rhodococcus equi Pneumonia in Foals: Comparison of ELISA and AGID Serology on a Comm e rcial Thoroughbred Breeding Farm Proc. Am. Ass. Eq. Pract. 43, 79-80

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

What drives memory T cell inflation during MCMV infection?

What drives memory T cell inflation during MCMV infection? DISS. ETH Nr. 19895 What drives memory T cell inflation during MCMV infection? DISSERTATION for the degree of DOCTOR OF SCIENCES of the ETH ZURICH presented by NICOLE TORTI Dipl. Natw. ETH Born 15.06.1983

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

I più frequenti problemi del puledro nei primi giorni post parto

I più frequenti problemi del puledro nei primi giorni post parto AH V eterinary I più frequenti problemi del puledro nei primi giorni post parto The most frequent problems in the foal first days of life Dr. Gianmaria Postinger Dopo la nascita un puledro sano e vitale

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli