RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N GENNAIO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N. 2 16 GENNAIO 2015"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N GENNAIO 2015 EDITORIALE Cari Colleghi, Abbiamo deciso di mettere in risalto nella rassegna settimanale odierna le dichiarazioni di Franco Ellena, oramai ex presidente della commissione permanente distribuzione dell Ania, perché ci permettono di fare una seria riflessione sul mondo della rappresentanza associativa. Egli nell ultima battuta dell intervista rilasciata a un sito specializzato, in riferimento alla rappresentanza agenziale addirittura dichiara: Vogliono fare una battaglia per la libertà, però gli istituti della rivalsa e della liquidazione o il meccanismo di funzionamento del Fondo Pensione Agenti non devono cambiare. Che senso ha? Una domanda che però non fa giustizia sul mondo della rappresentanza agenziale così come è. Non tutte le rappresentanze infatti sono uguali e da qualche tempo, è bene ricordarlo, all interno di tale mondo esistono dei soggetti che con coerenza sindacale e responsabilità verso la categoria, perseguono la strada del rinnovo dei diritti ma anche del rispetto dei propri doveri. Frammentarietà quella appena citata che a breve potrebbe essere conosciuta dalla stessa Ania. Difatti in attesa che sia nominato il nuovo presidente della commissione permanente distribuzione dell Ania, dopo la fuoriuscita del Gruppo Unipol dall associazione delle imprese, non v è dubbio che anche l associazione delle imprese inizia a mostrare qualche crepa e a perdere quell immagine di associazione granitica e monolitica. Situazione questa che è frutto dei tempi che stiamo vivendo e che stanno portando ad un estrema frammentarietà nel mondo della rappresentanza industriale, associativa. Tutto questo è un bene? Non direi se poi il rischio concreto che si delinea è quello di un eccessivo pluralismo di centri di interesse che finiscono, in mancanza di una linea progettuale comune e di una strategia condivisa, per avanzare delle istanze che si elidono a vicenda e che finiscono per determinare un involuzione, piuttosto che un progresso dei soggetti che si intendono rappresentare. Noi rappresentanti degli agenti conosciamo bene queste dinamiche visto che, a fronte di una presunta libertà di agire sbandierata populisticamente, abbiamo dovuto subire per l ennesima volta l interruzione della trattativa per il rinnovo dell accordo impresa agenti. Infatti la rappresentanza delle imprese, almeno fino a quando era in carica il direttore generale di Unipolsai, nella sua veste di responsabile della commissione distribuzione, ha preso a pretesto le recenti interpretazioni dell Antitrust che, sollecitata da altro sindacato di rappresentanza agenziale, scongiura forme strette di relazioni fra associazioni datoriali in quanto potenzialmente lesive delle pratiche concorrenziali. C è da chiedersi se vi sia ancora lo spazio per

2 un nuovo accordo, semmai più leggero, che sotto forma di cornice quadro, sia più moderno e attuale e rappresenti per davvero una speranza per i giovani che in futuro intendano accedere alla professione di agente di assicurazione. Probabilmente c è chi, dietro il vessillo delle libertà opera per il mantenimento dello status quo e delle posizioni di privilegio acquisite negli anni. D altronde lo vediamo anche nelle diverse posizioni che si sono assunte su un altra spinosa vicenda, quella relativa al problematico salvataggio del Fondo Pensione Agenti. E sicuramente questo un aspetto bizzarro, ma non nuovo nella nostra cultura gattopardesca italiana. Ci auguriamo a questo punto che il nuovo Presidente della commissione distribuzione, che l Ania nominerà, sappia bene interpretare le istanze di rinnovamento espresse dalla categoria che in quanto tale aspira ancora ad operare come agenti professionisti di assicurazione. Buona lettura Enrico Ulivieri Vice Presidente Nazionale ELLENA: «TUTTA LA VERITA SULL USCITA DA ANIA. E SUGLI AGENTI DICO» (05/01/2015) NOTIZIE DAL MONDO ASSOCIATIVO Tutta la verità sull uscita del Gruppo Unipol dall Ania. Franco Ellena, direttore generale di UnipolSai e ormai ex presidente della commissione permanente distribuzione dell Ania, ha spiegato il motivo che ha portato il colosso assicurativo bolognese ad assumere una decisione clamorosa e senza precedenti. Lo ha fatto con un intervento nel corso dell ultimo Annual Insurance Isjam Forum che si è tenuto a Milano qualche settimana fa e che Tuttointermediari.it riporta in esclusiva per i suoi lettori. (Nella foto a lato, Franco Ellena, a destra, intervistato da Enea Dallaglio, amministratore delegato di Innovation Team) Ellena, come suo solito, ha parlato senza peli sulla lingua. «Il mondo sta cambiando così velocemente che crediamo che tutte le rappresentanze, non solo Ania, debbano in qualche modo ripensarsi. Per tante ragioni: per la presenza dei regolatori, per il mercato che cambia, perché il consumatore ha modificato le sue abitudini, per la crisi profonda che richiede soluzioni nuove», ha esordito il direttore generale di UnipolSai. «Di fronte a ciò, tutte le rappresentanze hanno la necessità di rimettersi in discussione. Certo non è una operazione semplice perché per loro natura tendono a conservare l esistente. Il ripensamento, probabilmente, non può partire dalla stessa associazione. Da qui la nostra scelta». Quella di Unipol di uscire dall Ania non è stata una decisione estemporanea, ma ponderata. Lo conferma lo stesso Ellena. «Prima di assumere questa scelta abbiamo discusso e presentato delle proposte in sede Ania. Ovviamente solo dopo abbiamo esternato alla stampa la necessità di un profondo ripensamento. Del ruolo dell Ania, da 10 anni a questa parte, è rimasto pochissimo. È necessario che l associazione fra le imprese assicurative sia molto piu proiettata in una attività di relazione

3 con le istituzioni, il Parlamento, i regolatori, Bruxelles. In sostanza un Ania più politica e molto meno stanza di compensazione di rapporti tra compagnie, perché cosi come è non serve a nessuno», ha detto Ellena. «Noi ci siamo attrezzati per andare avanti per conto nostro, quindi per essere capaci di avere un interlocuzione anche con le istituzioni in modo autonomo». IL RAPPORTO CON LE RAPPRESENTANZE DEGLI AGENTI L ormai ex presidente della commissione distribuzione dell Ania ha anche affrontato la tematica relativa al rapporto con le associazioni di categoria degli agenti. «Abbiamo avviato dei ragionamenti con le rappresentanze degli agenti dopo circa 10 anni di silenzio, con l intento di verificare se vi fossero le condizioni per riprendere il dialogo e capire quale scenario disegnare». E il dialogo era ripreso salvo poi interrompersi «per cause esterne», ha sottolineato Ellena, «per la decisione di Antitrust di chiedere alle compagnie di assumere impegni diversi su temi riconducibili all Accordo nazionale impresa agenti. È diventato difficile, quindi, ricondurre il tutto a un accordo che a questo punto non sta più in piedi: per le compagnie e per i giovani agenti. Oggi come oggi sta in piedi solo per quegli agenti molto prossimi alla pensione e che quindi non hanno obiettivi di riforma, di cambiamento, di visione nuova del futuro». Franco EllenaNel frattempo, ha aggiunto Ellena, «le compagnie sono cambiate moltissimo, il panorama assicurativo anche, e quindi uno strumento così rigido come l Ana secondo me non può più esserci. Tra l altro, non tutte le compagnie utilizzano reti agenziali e allo stesso tempo anche il mondo agenziale è profondamente diverso al suo interno, perché ci sono agenti che svolgono l attività professionale in modo differente. Non è più pensabile, quindi, fare riferimento a un accordo collettivo che risolva tutte le questioni. In questo momento non vedo altre strade se non quella di dare spazio alla contrattazione aziendale e quindi di secondo livello». RIVALSA E LIQUIDAZIONE Ellena ha detto la sua anche su due istituti come rivalsa e liquidazione. «Nessuno difende l istituto della rivalsa tra le rappresentanze degli agenti. Si difende solo la liquidazione, e siccome sono due istituti collegati significa che se si mette mano alla rivalsa allora bisogna intervenire anche sul sistema di calcolo della liquidazione. Difendere l attuale sistema significa non volere un futuro per i giovani agenti e in generale per la rete agenziale tutta. Fin quando avremo meccanismi che difendono solo e soprattutto l anzianità di servizio è evidente che un giovane non potrà mai fare l agente a meno che non trovi una compagnia che investa su di lui». Infine, una frecciata alle rappresentanze degli agenti: «Vogliono fare una battaglia per la libertà, però gli istituti della rivalsa e della liquidazione o il meccanismo di funzionamento del Fondo pensione agenti non devono cambiare. Che senso ha?». NOVITA, SERVIZI PER L Associazione nazionale agenti professionisti di assicurazione (ANAPA) è

4 GLI ISCRITTI E QUOTE DI ADESIONE: FOCUS SU ANAPA stata costituita alla fine di novembre del 2012 ed è operativa dal febbraio 2013, e nasce «con l intento di dare vita a un associazione rappresentativa di categoria più moderna e funzionale, attenta alle nuove dinamiche del mercato assicurativo nazionale ed europeo, pronta a ricreare un dialogo costruttivo e partecipativo con le istituzioni, che possa qualificare ed enfatizzare la figura dell agente di assicurazione». L associazione, oggi presieduta da Vincenzo Cirasola, si rivolge a tutti gli agenti di assicurazione (sezione A del Rui), operativi e non operativi. PRINCIPALI NOVITA /OBIETTIVI PER IL 2015 A tenere banco sarà ancora la questione legata al salvataggio del Fondo pensione agenti. Anapa spinge per la trasformazione immediata del regime in contribuzione definita «a tutela non solo per coloro prossimi alla pensione, ma anche e soprattutto per i più giovani». Inoltre, sulla scia della firma del nuovo accordo per il rinnovo del Ccnl dipendenti di agenzia, Anapa intende raccogliere i frutti anche in termini di un aumento delle adesioni all associazione. Anapa auspica anche una ripresa della trattativa con Ania per la riforma dell accordo impresa agenti. Infine guarda «con attenzione a quello che si sta verificando nel sistema di rappresentanza della categoria degli agenti, visto che nel mercato si sta delineando una netta demarcazione fra le sigle che intendono rappresentare gli agenti professionisti di assicurazione e chi invece intende estendere la rappresentanza anche agli agenti in quiescenza, agli iscritti alla sez. E e quanto altro». SERVIZI FORNITI AGLI ISCRITTI Anapa offre i servizi tipici di un associazione di categoria, vale a dire di assistenza legale, fiscale, contrattualistica, giuslavoristica, ai quali si aggiunge la rappresentanza istituzionale nazionale e internazionale della categoria, la tutela sindacale, la sottoscrizione di contratti collettivi, nonché altri servizi vari quali la formazione e l aggiornamento professionale, convenzioni, consulenza in chiave di marketing e comunicazione. QUANTO COSTA L ISCRIZIONE PER CHI RINNOVA E PER I NUOVI Anapa prevede tre quote di iscrizione in corrispondenza del numero degli agenti (quelli in quiescenza sono esclusi) che richiedono l adesione all associazione: 250 euro per persona fisica, per ditta individuale, per società con un solo delegato all attività assicurativa; 400 euro per società con due delegati all attività assicurativa; 600 euro per società con tre o più delegati all attività assicurativa. Anche i Gruppi aziendali agenti possono iscriversi all associazione, con quote di adesione che si differenziano in base al numero di iscritti al gruppo: euro (per i Gaa fino a 200 iscritti); euro (da 201 a 400 iscritti); euro (per i Gaa oltre i 400 iscritti). Per coloro che si iscrivono per la prima volta all associazione e lo fanno negli utlimi 3 mesi dell anno, la validità è estesa all anno successivo. Per gli under 35 anni, la quota di iscrizione si riduce a 200 euro. È possibile

5 iscriversi all associazione in ogni periodo dell anno, tranne per i rinnovi, la cui scadenza è il 31 gennaio SNA CONFCOMMERCIO: LO SCONTRO A DISTANZA NON SI PLACA (12/01/2015) IVASS IMPONE L'USO DELLA POSTA CERTIFICATA Non si placa lo scontro a distanza fra il Sindacato nazionale agenti e la Confcommercio. Almeno ai piani alti. La polemica, generata attorno al nuovo Ccnl dei dipendenti di agenzia firmato dallo Sna con altre sigle sindacali, sta andando oltre. Secondo quanto ha fatto sapere lo Sna, Confcommercio insiste nel chiedere al sindacato di dotarsi di uno statuto conforme allo schema tipo confederale. In più ha chiesto l elenco completo degli iscritti al sindacato. Una richiesta che ha mandato su tutte le furie Claudio Demozzi presidente dello Sna. «Il Sindacato nazionale agenti vuole continuare a essere ciò che è sempre stato, cioè una libera e autonoma associazione di rappresentanza e tutela della categoria», fa sapere. «Non intendo autorizzare la consegna delle liste dei nostri iscritti a chicchessia, perché l iscrizione al Sindacato è una scelta libera e individuale che rispetto e proteggo. Ribadisco ancora una volta che la nostra adesione a Confcommercio ha da sempre avuto un significato esclusivamente politico, di sostegno a una importante organizzazione di imprenditori per portare al suo interno la voce degli agenti di assicurazione e partecipare ad attività e processi di volta in volta condivisi, con il vantaggio di una mutua rappresentatività, ma con profondo rispetto per le reciproche autonomie. Se questo stato di cose non è compatibile con le regole stringenti che Confcommercio ha voluto darsi con la propria riforma statutaria del 2009 non possiamo che prenderne atto e, in tal caso, questa mia dichiarazione può essere interpretata come il recesso di Sna da quell adesione politica». Le assicurazioni dovranno utilizzare la posta elettronica certificata (pec) per comunicare con l'ivass, l'istituto di controllo del settore. La novità è contenuta in una comunicazione inviata al mercato dall'autorità presieduta da Salvatore Rossi. «L'istituto ha in corso di realizzazione un processo che porterà, nel primo semestre del 2015, all'adozione di un sistema di protocollazione informatica e di gestione dei flussi documentali in linea con il Codice dell'amministrazione digitale (il decreto legislativo del 7 marzo 2005, ndr)», si legge in una comunicazione inviata al mercato dall'ivass martedì scorso. «In relazione a ciò e al Dpcm del 22 luglio 2011 in tema di comunicazioni per via telematica, il citato sistema favorirà tra l'altro lo scambio di corrispondenza a mezzi della posta elettronica certificata», si legge ancora nel documento firmato dal segretario generale dell'ivass, Corrado Baldinelli. Le imprese, entro 30 giorni, dovranno a questo punto comunicare all'istituto di controllo l'indirizzo mail che intendono utilizzare per lo scambio di corrispondenza con l'ivass, come avviene del resto già in materia di reclami, dove la pec è già utilizzata dalle imprese assicurative. «Per le comunicazioni da inviare al servizio tutela del consumatore in materia di gestione dei reclami continueranno a valere gli altri indirizzi pec comunicati con la lettera al mercato del 31 ottobre 2013», hanno chiarito dall'istituto aggiungendo che a breve, sul sito dell'ivass, «sarà resa nota la data di avvio del nuovo sistema di gestione della corrispondenza».

6 NOTIZIE DAL MERCATO ASSICURATIVO INTANTO IL VITA VIAGGIA AL 3,75% ANNUO FONTE: MF (10/01/2015) Nonostante il calo dei tassi i rendimenti delle gestioni separate delle polizze Vita mantengono la rotta. Nel 2014 le performance lorde si sono attestate attorno al 3,75%, un dato in linea con quello degli ultimi anni. Ma c'è anche chi supera il 5%, come la gestione separata Europa di Cattolica Assicurazioni (5,41%), Pramerica Previdenza di Pramerica (5,38% annualizzato, dal momento che la linea ha un rendimento semestrale), Cp Previ di Cattolica Previdenza (5,1%) e Liquidagevole di Generali Toro (5,03%). È quanto emerge da un'analisi condotta da MF Milano Finanza che ha raccolto i risultati delle gestioni separate che chiudono l'esercizio al 30 settembre (o al 31 ottobre) e di quelle che riportano i dati mensili. Si tratta di rendimenti apprezzabili considerando l'1,8% offerto dal Btp decennale all'1,8% e l'inflazione sottozero. Certo, questi prodotti non sono immuni dall'impatto dei tassi a zero. Infatti dallo scorso primo dicembre per effetto della normativa dell'ivass l'asticella del tasso che le gestioni separate possono garantire, in precedenza pari al 2,25%, è stata ulteriormente abbassata per i nuovi clienti all'1,75%, con un drastico calo rispetto al settembre 2012, quando il tasso era al 3,5%. E le compagnie si sono adeguate da tempo, visti i bassi rendimenti dei titoli di Stato: da mesi le polizze di ramo I sul mercato offrono un rendimento minimo garantito difficilmente superiore all'1%, mentre quelle più vecchie, collocate quando i rendimenti obbligazionari erano alti, arrivavano anche al 4%. In compenso le gestioni separate riescono ancora a garantire extra rendimenti interessanti rispetto al minimo garantito con una stabilità di risultati pari al 3,5 4% all'anno, in media il 3,9% nell'ultimo quinquennio, e con un rendimento finale retrocesso al cliente al netto di costi e imposte che può superare il 2%. La protezione dagli alti e bassi dei mercati è legata al fatto che i titoli nel portafoglio delle gestioni separate sono valorizzati al costo storico e non al valore di mercato e ciò permette ai rendimenti di non essere influenzati dalle oscillazioni quotidiane dei prezzi dei titoli. I guadagni peraltro si consolidano anno dopo anno, quindi i risultati vengono di fatto bloccati. GOOGLE PRONTA A LANCIARSI IN USA NELLE POLIZZE AUTO FONTE: IL SOLE 24 ORE (10/01/2015) CANALI DISTRIBUTIVI NEL VITA: CRESCE IL DIVARIO FRA AGENZIE E Google si appresta a sbarcare nel mercato delle assicurazioni auto Usa con un sito Internet in cui i consumatori possono confrontare i prezzi e acquistare polizze. Il ramo di attività chiamato «Google Compare Auto Insurance Services» ha infatti ottenuto la licenza per vendere assicurazioni in 26 stati americani. Google ha ottenuto l autorizzazione a vendere assicurazione auto in 26 Stati a nome di sei diverse compagnie. Banche e poste aumentano ancora la loro predominanza nella raccolta premi nel settore vita. E nell ultimo anno è cresciuto il divario esistente fra loro e le agenzie.

7 BANCHE/POSTE CGPA EUROPE: GLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI DETENGONO IL 57% DEL MERCATO EUROPEO FONTE: ASSINEWS In particolare, secondo i dati resi noti dall Ivass, la ripartizione percentuale della raccolta premi vita nei primi 9 mesi del 2014 evidenzia una percentuale quasi del 65% appannaggio di sportelli bancari e postali, in crescita di oltre quattro punti percentuali rispetto al 60,4% dei primi 9 mesi del Tutti gli altri canali hanno perso quote di mercato: dalle agenzie con mandato (l incidenza passa dal 12,8% all 11,4%) alle agenzie in economia e gerenze (dall 8,7% al 7,5%); dai promotori finanziari (15,4%, in calo rispetto al 16,9% dell analogo periodo del 2013), ai broker (0,6% rispetto all 1,1% del 2013). Quando si parla di distribuzione di prodotti assicurativi ci si riferisce principalmente agli operatori storici del mercato, quali agenti e broker. Tuttavia, come ben sappiamo le dinamiche del mondo delle polizze hanno progressivamente attratto sul mercato nuovi competitor (bancassurance, compagnie dirette, poste, concessionari) che hanno progressivamente guadagnato spazio. Certo, il livello di competitività portato dai nuovi player varia a seconda dei diversi Paesi e delle linee di prodotto, ma complessivamente gli agenti e i broker di assicurazioni sono ancora il principale canale di distribuzione in Europa. E quanto emerge dall Osservatorio Permanente di intermediazione assicurativa in Europa, realizzato da CGPA Europe che ha calcolato nel 57% la quota di mercato assicurativo europeo detenuto da agenti e broker. Percentuale che si alza al 66% per il solo ramo danni, settore complicato dove secondo CGPA, la buona gestione del rischio degli intermediari professionali fa la differenza. Nei rami vita la quota degli intermediari professionali risulta pari al 61%, scontando la forte incidenza del bancassurance in Paesi come Francia, Italia, Spagna e Belgio. Esaminando i dati di lungo periodo CGPA Europe rileva come la quota di mercato di agenti e broker abbia registrato una riduzione significativa soprattutto in Francia, Belgio, Italia e Spagna.

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Rassegna Stampa. Giovedì 06 Marzo 2014

Rassegna Stampa. Giovedì 06 Marzo 2014 Rassegna Stampa Giovedì 06 Marzo 204 Sommario Testata Data Pag. Titolo p.. Fondi pensione Sole 24 Ore (Il) 06/03/204 27 Previdenza - Fonage blocca i trasferimenti volontari (D'Angerio Vitaliano) 2. Previdenza

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 NOTE CONCLUSIVE Fausto Marchionni Gli intermediari assicurativi svolgono un ruolo centrale nella

Dettagli

Overview del mercato assicurativo in Italia

Overview del mercato assicurativo in Italia Overview del mercato assicurativo in Italia Premi lordi contabilizzati ( mld) CAGR = +3,1% 118,8 99,1 33,7 33,7 33,7 37,7 37,7 37,7 85,1 61,4 61,4 85,1 85,1 61,4 2007 2007 2007 2013 2013 2013 Vita Vita

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 Paola Mariani Regole IVASS, leggi italiane a tutela della concorrenza e compatibilità con il diritto dell U.E. Mercato

Dettagli

RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N. 36 23 OTTOBRE 2015

RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N. 36 23 OTTOBRE 2015 RASSEGNA STAMPA SETTIMANALE ANAPA N. 36 23 OTTOBRE 2015 LA NUOVA DIRETTIVA SULLA DISTRIBUZIONE ASSICURATIVA Cari Agenti, sono stato di recente a Bruxelles dove ho partecipato al workshop organizzato dal

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E LEGACOOP UNIPOL Sommario 02 Convenzione Nazionale fra LEGACOOP e Compagnia Assicuratrice Unipol 07 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per i Soci e i Dipendenti delle

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 1 Sommario Premessa: welfare aziendale e coesione sociale Lo stato dell arte del welfare: risorse ed

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI 27% Risparmio: Le novità fiscali 12,5% 20% Cosa sapere su investimenti e deposito titoli INDICE 1. Le imposte dirette Cosa cambia?

Dettagli

COMUNICATO STAMPA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA

COMUNICATO STAMPA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA Siglato in data odierna un protocollo d intesa per una partnership industriale di lungo periodo

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol I premi consolidati raggiungono 6.782 milioni di euro (in crescita del 22% rispetto

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

Come si evolve il mercato? Quale evoluzione per l Agente? Noi, valore in evoluzione

Come si evolve il mercato? Quale evoluzione per l Agente? Noi, valore in evoluzione Comesievolveilmercato?Qualeevoluzioneperl Agente? Noi,valoreinevoluzione Checosastaaccadendonelmercatoenelladistribuzioneassicurativaequalisono leprospettivefuturepergliintermediari InterventodelDott.AngeloScarionialconvegnoAgentiFonSai

Dettagli

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 317566 4 3 ottobre 2003 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze

Dettagli

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Il profilo Fondiaria-Sai è una compagnia assicurativa specializzata nel settore Danni, con una posizione di rilievo nei rami Auto. È frutto della

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia

49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia SERVIZIO GESTIONE RISORSE DIVISIONE ORGANIZZAZIONE Roma 20/03/2015 Prot. n. All.ti n. 49-15-000905 Alle Imprese di assicurazione e di riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese di assicurazione

Dettagli

FISCO: NAPOLI; EQUITALIA - COMMERCIALISTI, SPORTELLO TELEMATICO

FISCO: NAPOLI; EQUITALIA - COMMERCIALISTI, SPORTELLO TELEMATICO ANSA, lunedì 4 marzo 2013, 17.08.45 FISCO: NAPOLI; EQUITALIA - COMMERCIALISTI, SPORTELLO TELEMATICO (ANSA) - NAPOLI, 4 MAR - A Napoli il primo sportello telematico tra Equitalia Sud e l' Ordine dei dottori

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

La prima banca per i lavoratori dipendenti Pag. 1. L offerta: personalizzazione e sicurezza Pag. 3

La prima banca per i lavoratori dipendenti Pag. 1. L offerta: personalizzazione e sicurezza Pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La prima banca i lavoratori dipendenti Pag. 1 L offerta: sonalizzazione e sicurezza Pag. 3 Il credito al consumo: un settore in evoluzione Pag. 5 I dati economico-finanziari

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012)

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012) LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI DI PIETRO PERZIANI (Marzo 2012) Dopo le Circolari della F.P. e del MIUR, sono uscite quelle dell Inps/Inpdap, la n. 35 e la n. 37 del 2012; la prima è diretta

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI

INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI MAGGIO 2016 1 Indice 1. Introduzione e sintesi 2. La dimensione del mercato PPI 2.1. Numero

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria I

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria I Resoconto degli interventi Sessione Plenaria I 1 Sessione Plenaria I L evoluzione del Sistema dei Controlli Interni: le scelte delle Autorità e le richieste alle banche 10 nov. 2011 ore 10.00 13.00 Chairman:

Dettagli

LA ILLUSIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *** * *** La crisi dei mercati finanziari sta travolgendo anche il risparmio con finalità

LA ILLUSIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *** * *** La crisi dei mercati finanziari sta travolgendo anche il risparmio con finalità Avvocato PAOLO ROSA Via Milano n. 4 38122 Trento Tel. 0461.391683 Fax 0461.395288 E-mail: rosabaracetti@yahoo.it LA ILLUSIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *** * *** La crisi dei mercati finanziari sta

Dettagli

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013 Fact - pack mercato Vita marzo 2013 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI L anno 2009, il giorno 5 di Agosto, in Arezzo, presso la Sede della Provincia di Arezzo, sono presenti:

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner

Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni Garanzia di successo per i Partner Global Assicurazioni è la Prima Agenzia Assicurativa italiana. La Società agisce su mandato di 17 compagnie leader nazionali ed internazionali e

Dettagli

ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011

ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011 ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011 Gli iscritti Al gli iscritti a Telemaco sono pari a 63.308 con una riduzione di -1.051 unità (-1,6%) rispetto ai 64.359 iscritti della fine del 2010. Nell anno le nuove adesioni

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N.8 Investire i propri risparmi RISPARMIARE CON LE RIVALUTABILI Sono le polizze vita più tradizionali, adatte a chi cerca un rendimento costante nel tempo, e non vuole correre

Dettagli

NEWSLETTER PERCHE RIVOLGERSI A

NEWSLETTER PERCHE RIVOLGERSI A PERCHE RIVOLGERSI A 1 Negli ultimi mesi del 2013 ha iniziato la propria attività la nostra scuola di formazione L Officina del Sapere che ha preso definitivamente corpo con corsi programmati per l anno

Dettagli

II CONGRESSO FILCTEM CGIL LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NELLA CATEGORIA

II CONGRESSO FILCTEM CGIL LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NELLA CATEGORIA II CONGRESSO FILCTEM CGIL LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NELLA CATEGORIA Perugia 8-9-10 Aprile 2014 ELEZIONI 2012 2013 Rinnovo Assemblee dei Fondi Pensione Fondo Voti Filctem Cgil Rappresentanti lavoratori

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

NOBIS Assicurazioni (alleghiamo scheda tecnica).

NOBIS Assicurazioni (alleghiamo scheda tecnica). Tutta la Rete SEGRETERIA & COMUNICAZIONE Informativa FIAP n 18 Informativa MAGAP n 353 17.07.2015 Oggetto : CASSA MALATTIA DIPENDENTI DI AGENZIA Care Colleghe e cari Colleghi, per le Agenzie che hanno

Dettagli

A tutte le Strutture UIL LORO SEDI. Carissimi,

A tutte le Strutture UIL LORO SEDI. Carissimi, Roma, 06 novembre 2015 Protocollo:36/ 15/TB/mt/mm Servizio: Contrattazione Privata e Politiche Settoriali Rappresentanza e Rappresentatività A tutte le Strutture UIL LORO SEDI Oggetto: detassazione premi

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

Roma, 15 Febbraio 2012

Roma, 15 Febbraio 2012 HDI ASSICURAZIONI SpA BANCASSICURAZIONE Roma, 15 Febbraio 2012 Distribuzione dei prodotti Assicurativi Vita e Danni 1997-2010 In Italia la distribuzione dei prodotti assicurativi avviene prevalentemente

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto Sergio Trevisanato

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 Confermata la solida posizione di solvibilità del Gruppo, pari a 1,5 volte il capitale regolamentare;

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Gli intermediari e la collaborazioni. Indagine online rivolta a tutti i broker e agenti di assicurazione italiani. Quale atteggiamento

Gli intermediari e la collaborazioni. Indagine online rivolta a tutti i broker e agenti di assicurazione italiani. Quale atteggiamento Michele LANGUINO (Componente Esecutivo Nazionale SNA, Responsabile Area Legale) Collaborazioni tra Intermediari assicurativi Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

PRESS KIT. Arca Vita S.p.A. Arca Assicurazioni S.p.A. Press Kit maggio 2015 p. 1 di 8

PRESS KIT. Arca Vita S.p.A. Arca Assicurazioni S.p.A. Press Kit maggio 2015 p. 1 di 8 PRESS KIT Arca Vita S.p.A. Arca Assicurazioni S.p.A. Press Kit maggio 2015 p. 1 di 8 ARCA VITA E ARCA ASSICURAZIONI: CHI SIAMO Cenni storici Arca Vita ha iniziato la propria attività nel 1989 con lo scopo

Dettagli

Assibat - Soluzioni assicurative per RCAuto. Plurimandato: un concetto superato?

Assibat - Soluzioni assicurative per RCAuto. Plurimandato: un concetto superato? Road show 2009 Plurimandato: un concetto superato? Plurimandato : verticale? un lusso per pochi... orizzontale? una risorsa per molti... Ricerca IAMA-SNA 2008 E AL CORRENTE DELL ESISTENZA DI NETWORK /

Dettagli

A gennaio si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati

A gennaio si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE A si consolida la domanda di prestiti da parte delle famiglie: +6,4%. A incidere maggiormente sono le richieste di prestiti finalizzati Le

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014

BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014 BANDO SPECIALE n. 2 BORSE LAVORO 2014 Premessa La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni,

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5

Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 Conseguenze per la Banca d Italia della legge 29 gennaio 2014, n. 5 1. Natura e proprietà della Banca d Italia (È vero che la Banca d Italia viene privatizzata?) La Banca d Italia era e resta un istituto

Dettagli

FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE. ROMA maggio 2012

FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE. ROMA maggio 2012 FONDAZIONE PATRIMONIO COMUNE ROMA maggio 2012 mercoledì 30 maggio 2012 COS E Soggetto giuridico -ENTE- con Fondatore unico(anci), costituito con atto del 17 aprile scorso, il cui statuto prevede all art.

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

Comunicato Stampa. ASSIMOCO VITA LANCIA HI-FIve ASSIMOCO, la polizza che ti sintonizza sulla frequenza di miglior rendimento

Comunicato Stampa. ASSIMOCO VITA LANCIA HI-FIve ASSIMOCO, la polizza che ti sintonizza sulla frequenza di miglior rendimento Comunicato Stampa ASSIMOCO VITA LANCIA HI-FIve ASSIMOCO, la polizza che ti sintonizza sulla frequenza di miglior rendimento Segrate, 7 luglio 2008 Nasce HI-FIve ASSIMOCO, la polizza Assimoco Vita che assicura

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%)

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MY ADVISORY INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO MY ADVISORY INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Piazza Galvani, 4 40124 Bologna Indirizzo telematico: www.bancadibologna.it

Dettagli

Assemblea dei Soci 2014 CATTOLICA ASSICURAZIONI

Assemblea dei Soci 2014 CATTOLICA ASSICURAZIONI Assemblea dei Soci 2014 CATTOLICA ASSICURAZIONI Il Gruppo Cattolica: la struttura societaria 60% ABC Assicura 51% DANNI VITA ALTRO BCC Assicurazioni 51% 100% 60% TUA Assicurazioni 99,99% Duomo Uni One

Dettagli

La nuova figura del mediatore creditizio e il suo ruolo nella cessione del quinto dello stipendio

La nuova figura del mediatore creditizio e il suo ruolo nella cessione del quinto dello stipendio La mediazione creditizia, come cambia e quali opportunità cogliere La nuova figura del mediatore creditizio e il suo ruolo nella cessione del quinto dello stipendio Ing. Massimo Minnucci Amministratore

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

A cura di: Giangiacomo Freyrie

A cura di: Giangiacomo Freyrie 1 Buongiorno. La collaborazione con Federcongressi&eventi entra nel vivo e nella fase più operativa. Partiamo dal gruppo dei PCO. Il primo con cui siamo entrati in contatto e con cui abbiamo cominciato

Dettagli

Se Aristotele fosse stato un DS o un DSGA avrebbe risolto tutto con logica. Maiuscolo.

Se Aristotele fosse stato un DS o un DSGA avrebbe risolto tutto con logica. Maiuscolo. Se Aristotele fosse stato un DS o un DSGA avrebbe risolto tutto con logica. Maiuscolo. La scelta più logica per assicurare una scuola. Chiedere consigli al proprio consulente e non alla controparte è pura

Dettagli

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio PROGETTO LOCAL CASA Il mercato immobiliare ha trovato in internet un utile alleato per dare risposte rapide ed efficaci come mai era stato possibile in passato. Il trend degli ultimi anni conferma tale

Dettagli

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Convegno Nazionale Intermediari Assicurativi Le giornate professionali Milano, 1 febbraio 2013 Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati della ricerca IAMA Fabio Orsi

Dettagli