IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali"

Transcript

1 Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva quadro Il 12 giugno 1989 vin approvata la Dirttiva più important ch modifica radicmnt il procsso sicurzza sul lavoro. 391/89 Miglioramnto sicurzza sut di lavoratori durant il lavoro 1 2 L Dirttiv collgat 654/89Sicurzza sut ni luoghi di lavoro 655/89 Sicurzza pr l attrzzatur di lavoro 656/89 Dispositivi di protzion individu 269/90 Movimntazion manu di carichi 270/90 Sicurzza sul lavoro ai Vido Trmini 394/90 Protzion da Agnti cancrogni 679/90 Protzion da Agnti biologici Con il Dcrto Lgislativo 19 sttmbr 1994, n. 626 Vnivano rcpit nlla lgislazion itiana tutt l 8 dirttiv socii urop Da lora la dfinizion 626 è stato sinonimo di sicurzza sul lavoro Altr Dirttiv Europ rgolamnti sono collgat hanno intgrano il D. Lgs. 626/94 In Itia l Dirttiv Europ sono ntrat a pino titolo nlla lgislazion 5 anni 3 msi dopo la loro prima promulgazion 3 4

2 IL TESTO UNICO Dcrto Lgislativo dl 9 April 2008 n 81 Modificato d Dcrto Lgislativo dl 3 Agosto 2009 n articoli 51 lgati Il D. Lgs. 81/08 è composto da: In sso sono stat insrit tutt l tr disposizioni contnut ni D.Lgs. abrogati d inasprit l sanzioni pr i soggtti coinvolti. GAZZETTA UFFICIALE dl 30 APRILE 2008 Entra in vigor il 15 Maggio 2008 Il D.L.vo 106/09 intgra, modifica corrgg gli articoli dl D.L.vo 81/08. GAZZETTA UFFICIALE dl 5 Agosto 2009 n Titolo I Principi comuni Titolo II Luoghi di lavoro Titolo III Uso dll attrzzatur di lavoro di dispositivi di protzion individu Titolo IV Cantiri tmporani o mobili Titolo V Sgntica di sut sicurzza sul lavoro Titolo VI Movimntazion manu di carichi Titolo VII Attrzzatur munit di vidotrmini Titolo VIII Agnti fisici Titolo IX Sostant pricolos Titolo X Esposizion ad agnti biologici Titolo XI Protzion da atmosfr splosiv Titolo XII Disposizioni in matria pn di procdura pn Titolo XIII Norm transitori fini + 51 Allgati 7 Obittivi principi Gli obittivi dl dcrto sono rivolti ad liminar o ridurr i rischi da lavoro ad impdir il vrificarsi di infortuni matti profssioni. Il dcrto individua una procdura di prvnzion, da attuarsi in tutt l Azind con rifrimnto a tutti gli ambinti in cui si svolgono attività lavorativ, comprsi qulli l'aprto o strni l'azinda. 8

3 Dcrto Lgislativo 626 Dcrto Lgislativo 626 Il complsso dll norm prvist d D.Lgs.. 81/08 106/09 disgna un sistma ch vd i Lavoratori cntro dll organizzazion sicurzza ni luoghi di lavoro posto macchina 9 L figur snsibili di rifrimnto nl D.Lgs. 81/08 Hanno prcis comptnz, rsponsabilità svolgono ruoli spcifici ( art. 2 ) : 1. Dator di Lavoro 2. Dirignti Prposti 3. Rsponsabil dl Srvizio di Prvnzion Protzion 4. Mdico Comptnt 5. Rapprsntant di Lavoratori pr la Sicurzza 6. Addtti mrgnz antincndio primo soccorso. 7. Tutti i lavoratori 10 1) dator di lavoro 1) dator di lavoro Dfinizion di Dator di Lavoro (art. 2, comma 1, lttra b) E il soggtto: Titolar dl rapporto di lavoro con il lavorator o, comunqu, il soggtto ch, scondo il tipo di organizzazion dll imprsa ha la rsponsabilità dll imprsa stssa, ovvro, dll unità produttiva, in quanto titolar di potri dcisioni di spsa Pubblica Amministrazion (art. 2, comma 1, lttra b) Nll Pubblich Amministrazioni pr Dator di Lavoro si intnd il Dirignt qu spttano i potri di gstion

4 Il dator di lavoro è il princip dstinatario dgli obblighi in matria di sicurzza, è quindi Il soggtto rsponsabil pnmnt Quadro dgli obblighi dgli admpimnti art. art Sptta dator di di lavoro attivar il il procsso sicurzza nlla propria imprsa attravrso: Organizzazion sicurzza Vutazion di di rischi Riunion Priodica, Informazion formazion Obblighi rsponsabilità art Gli obblighi in matria di sicurzza sut di lavoratori fanno capo, congiuntamnt Dator di lavoro, anch ai Dirignti d ai Prposti nll ambito dll rispttiv attribuzioni comptnz Dirignt (art. 2, lttra d ) Il Dirignt è colui ch dirig. La sua attività influisc sull azinda d è subordinato, grarchicamnt, solo Dator di Lavoro. Prsnt sui luoghi di lavoro laddov il Dator di Lavoro non sovraintnd n gstisc da solo collaboratori dipndnti. Prposto (art. 2, lttra ) Il Prposto è colui ch svolg funzioni di controllo dirtto d immdiato di una spcifica attività lavorativa. La rsponsabilità vin srcitata in rlazion la quifica d ruolo rivstito nll organizzazion azind. Il prposto srcita un funzion potr di iniziativa. Di norma il Prposto: impartisc ordini prson subordinato da istruzioni sui modi corrtti pr sguir lavori controlla ch il lavoro vnga sguito corrttamnt vigila in modo dirtto gnr sull fasi scutiv 15 16

5 Sistma Sistma sicurzza sicurzza Sptta Sptta dator dator di di lavoro lavoro attivar attivar il il procsso procsso sicurzza sicurzza nlla nlla propria propria imprsa imprsa attravrso: attravrso: Organizzazion Organizzazion sicurzza sicurzza Vutazion Vutazion di di rischi rischi Riunion Riunion priodica priodica Informazion Informazion formazion formazion Organizzazion sicurzza Il Dator di lavoro (art. 18) : Dsigna il Rsponsabil dl Srvizio di Prvnzion di Protzion Dsigna gli Addtti Srvizio Nomina il Mdico Comptnt Dsigna i lavoratori incaricati prvnzion incndi pr l mrgnz Dsigna i lavoratori incaricati dl primo soccorso Sistma Sistma sicurzza sicurzza Sptta Sptta dator dator di di lavoro lavoro attivar attivar il il procsso procsso sicurzza sicurzza nlla nlla propria propria imprsa imprsa attravrso: attravrso: Organizzazion Organizzazion sicurzza sicurzza Vutazion Vutazion di di rischi rischi Riunion Riunion priodica priodica Informazion Informazion formazion formazion Vutazion di rischi Il Dator di lavoro, ffttuata l organizzazion azind sicurzza, con la costituzion dl Srvizio di Prvnzion di Protzion. Dv vutar i rischi; Dv laborar un documnto scritto con una rlazion sulla vutazion di rischi l misur ch dvono ssr adottat pr la prvnzion RISCHIO (art. 2, 2, ltt. s) s) Vutazion di rischi Procdimnto di anisi ch dv ssr ffttuato, in ogni ambint di lavoro rparto pr rparto pr arrivar ad una stima dl rischio, in bas ai pricoli, fin di idntificar i fattori di pricolo pr i lavoratori. Consnt Dator di lavoro di prndr tutti i provvdimnti ch sono ffttivamnt ncssari pr la sicurzza la sut di lavoratori propria azinda. Probabilità ch ch sia sia raggiunto un un livllo potnzi di di danno nll condizioni di di impigo o di di sposizion ad ad un un pricolo da da part di di un un lavorator PERICOLO (o (o fattor di di rischio- art.2, ltt. ltt. r r )) Proprità o quità intrinsca di di una una dtrminata ntità (matrii, lavorazioni, attrzzatur di di lavoro, mtodi politich dl dl lavoro) avnt il il potnzi di di causar un un danno 19 20

6 Procsso pr la vutazion La vutazion di rischi dv ssr strutturata d attuata fin di: idntificar i pricoli dar istruzioni sui modi corrtti pr sguir lavori controllar ch il lavoro vnga sguito corrttamnt vigilar in modo dirtto gnr sull fasi scutiv Sistma Sistma sicurzza sicurzza Sptta Sptta dator dator di di lavoro lavoro attivar attivar il il procsso procsso sicurzza sicurzza nlla nlla propria propria imprsa imprsa attravrso: attravrso: Organizzazion Organizzazion sicurzza sicurzza Vutazion Vutazion di di rischi rischi Riunion Riunion priodica priodica Informazion Informazion formazion formazion Riunion Priodica ( art. 35 ) Almno una volta l anno, il Dator di lavoro, dv indir la Riunion Priodica, cui dvono partcipar tutti i componnti dl Srvizio. Possono ssr invitati anch tri soggtti com Dirignti, Prposti, Tcnici, Addtti, cc Altr Riunioni Priodich In occasion di significativ variazioni o modifich l organizzazion o la produzion azind com l introduzion di nuov tcnologi si può svolgr una ultrior Riunion Priodica. Il Rapprsntant di Lavoratori pr la Sicurzza (R.L.S.) può chidr la convocazion di una apposita Riunion Organizzazion Riunion La Riunion priodica è obbligatoria annumnt, nll azind ch occupano più di 15 dipndnti. Dvono partcipar: dator di lavoro (o suo dlgato) Rsponsabil dl Srvizio Mdico comptnt Rapprsntant dl Lavoratori Altri soggtti appositamnt invitati 23 24

7 Svolgimnto Riunion La Riunion priodica dv ssr convocata con lttra contnnt l ordin dl giorno dll qustioni da discutr. Sono obbligatori i sgunti asptti: vrifica dl Documnto Vutazion Rischi uso d idonità di mzzi di protzion programma di informazion formazion Dv ssr rdatto un Vrb di ogni Riunion contnnt, anch, l dcisioni adottat. Informazion formazion (art. 18) Il Dator di lavoro dv provvdr affinchè ciascun lavorator ricva: una adguata informazion sulla sicurzza una formazion sufficint d adguata in rlazion proprio posto di lavoro d la rispttiva mansion Obblighi dl Dator di Lavoro -art Obblighi dl Dator di Lavoro (Art. 18) Vutazion di rischi (capo III, sz. II); Elaborazion scritta dl Documnto Vutazion di Rischi (art. 17, comma 1, lttra b art. 28); Custodisc il Documnto in azinda ovvro unità produttiva ; Dsigna il Rsponsabil dl Srvizio (art. 17,comma 1, ltt.b); Dsigna gli Addtti Srvizio Nomina il Mdico Comptnt (art. 18, comma 1, a); Dsigna i lavoratori pr la prvnzion incndi la gstion dll mrgnz (art. 18, comma 1, ltt. b); Dsigna i lavoratori pr ilpronto soccorso (art. 18, comma 1, b) Vrifica coordinamnto ngli appti Indizion Riunion Priodica ; Organizzazion mrgnz ; Informazion di lavoratori ; Formazion di lavoratori ; In particolar dv vutar: Luoghi di lavoro ; Uso dll attrzzatur di lavoro ; Uso di dispositivi di Protzion Individui ; Movimntazion manu di carichi ; Uso di attrzzatur munit di vidotrmini ; Protzion da agnti cancrogni ; Protzion da agnti chimici ; Protzion da agnti biologici ; Sanzioni norm fini ; 27 28

8 Dlga di rsponsabilità di funzioni di rsponsabilità pr spltar dtrminati admpimnti Il Dator di lavoro può incaricar, con dlga, dirignti, prposti, rsponsabil dl srvizio, tcnici, consulnti ad attuar gli obblighi prvisti dla normativa sicurzza sul lavoro. La vidità dlga La dlga è possibil lgittima: in bas l dimnsioni azindi; l ffttivo trasfrimnto di potri; l capacità ffttiv dl soggtto dlgato; La dlga dv ssr spcifica, rdatta in forma scritta d accttata Non Non èpossibil la la dlga dlga Dlga Dlga La srità dlga La dlga è uno strumnto dll organizzazion azind. La dlga non è un atto pr ludr o vnir mno l propri rsponsabilità. Il soggtto dlgato dv svolgr d attuar gli obblighi ch gli sono stati confriti. Il soggtto dlgato non può trasmttr la dlga ad tri soggtti. Obblighi non dlgabili Il dator di lavoro non può dlgar: la vutazion di rischi l laborazion dl Documnto di Vutazion la dsignazion dl Rsponsabil dl Srvizio Tutti gli tri admpimnti possono ssr dlgati 31 32

9 Com far.da dov cominciar Il D.Lgs. 81/08 non obbliga, prò, il Dator di lavoro ad ffttuar da solo la vutazion di rischi o laborar rdigr il Documnto Vutazion di Rischi. il Srvizio di Prvnzion Protzion è utilizzato d dator di lavoro SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il Dator di lavoro organizza l intrno dll azinda il Srvizio ( art. 31 ), oppur si rivolg a prson o srvizi strni oppur utilizza sia prson intrno sia consulnti o srvizi strni I soggtti dsignati nominati d dator di lavoro, d vntui consulnti o srvizi strni costituiscono il Srvizio di Prvnzion SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Insim di tutt l prson nominat o dsignat Art. 31 Svolgono prcisi compiti in ordin la sicurzza Ogni soggtto dv ricvr una form lttra di nomina Ogni soggtto dv possdr titolo pr lo svolgimnto dll incarico affidatogli (s non possid titolo dv frquntar appositi corsi obbligatori atti consguimnto di Attstato) Organigramma dl Srvizio Il Dator di lavoro, conclusa la fas dll nomin, dv rdigr un Organigramma Sicurzza dll azinda. Qusto organigramma, costantmnt aggiornato, dovrà ssr consrvato nl Documnto Vutazion di Rischi così si costituisc qullo ch si chiama il Srvizio di Prvnzion protzion 35 36

10 Compiti dl S.P.P.( art. 33 ) Individuazion di fattori di rischio Elaborazion misur prvntiv protttiv Elaborar misur di sicurzza Proporr programmi di formazion Partcipar la Riunion Priodica Attuar l informazion ai lavoratori Il Dator di lavoro dv fornir SPP tutti i dati l informazioni sull organizzazion azind, produzion, cc ( art. 2, c. 2 ). Il S.P.P. è di fatto il consulnt dl Dator di Lavoro pr l attuazion sicurzza R.S.P.P. Prsona dsignata d Dator di Lavoro in posssso di capacità rquisiti profssioni ( art. 32 ). Con D.Lgs , n. 195 vngono dfiniti i contnuti di corsi pr R.S.P.P. variabili in bas la tipologia di attività sguita. Il corso è uno dgli asptti fondamnti dll novità introdott con il d. lgs. 81/08 modificato d D.L.vo. 106/ Organizzazion Organizzazion sicurzza sicurzza Dsignazion Dsignazion nomin nomin dll dll figur figur snsibili snsibili Rsponsabil Rsponsabil Srvizio Srvizio Addtti Addtti Srvizio Srvizio Mdico Mdico Comptnt Comptnt Incaricati Incaricati antincndio antincndio Incaricati Incaricati pronto pronto soccorso soccorso Il Rsponsabil dl Srvizio L capacità d i rquisiti profssioni dvono ssr adguati la natura di rischi prsnti sul luogo di lavoro rlativi l attività produttiv. Titolo di studio mdia suprior Attstato di frqunza corso bas Modulo spcifico comunicazion Vrifica di apprndimnto corsi di aggiornamnto priodici Compiti Rsponsabilità dl RSPP Di fatto sovraintnd Srvizio coordina tutt l attività inrnti la sicurzza sul lavoro nll ambito azind La figura non rintra nll sanzioni prvist dl 81/08; il ruolo di RSPP può ssr ricoprto d Dator di Lavoro ( art. 34 lgato 2 ) ; I R.S.P.P. azind può ssr una prsona intrna o un consulnt strno

11 Organizzazion Organizzazion sicurzza sicurzza Dsignazion Dsignazion nomin nomin dll dll figur figur snsibili snsibili Rsponsabil Rsponsabil Srvizio Srvizio Addtti Addtti Srvizio Srvizio Mdico Mdico Comptnt Comptnt Incaricati Incaricati antincndio antincndio Incaricati Incaricati pronto pronto soccorso soccorso L Addtto Srvizio Dv possdr i mdsimi rquisiti dl Rsponsabil dl Srvizio: Può ssr dsignato da un dlgato dl Dator di Lavoro (s. Dirignt o RSPP); Attstato di frqunza corso bas; Vrifica di apprndimnto; All intrno di una azinda possono ssr nominati anch consulnti strni con la quifica di Addtto. Organizzazion Organizzazion sicurzza sicurzza Dsignazion Dsignazion nomin nomin dll dll figur figur snsibili snsibili Rsponsabil Rsponsabil Srvizio Srvizio Addtti Addtti Srvizio Srvizio Mdico Mdico Comptnt Comptnt Incaricati Incaricati antincndio antincndio Incaricati Incaricati pronto pronto soccorso soccorso Mdico comptnt Spciizzato in mdicina dl lavoro o avr titoli anoghi prvisti dla lgg ( art. 2, ltt. h ): Può ssr dsignato da un dlgato dl Dator di Lavoro (s. Dirignt o RSPP); Effttua la sorvglianza sanitaria ( capo III, sz V ); collabora con il Dator di Lavoro con il Srvizio di Prvnzion Protzion Sorvglianza sanitaria Spciizzato in mdicina dl lavoro o avr titoli anoghi prvisti dla lgg ( art. 38 ) : Esprim giudizi di idonità di lavoratori sottoposti a sorvglianza sanitaria; Visita gli ambinti di lavoro mno du volt l'anno; Partcipa la Riunion priodica annu; Informa i lavoratori sul significato sull'sito dll visit mdich; Istituisc l cartll sanitari di lavoratori sottoposti a sorvglianza sanitaria; Informa i Rapprsntanti di Lavoratori di risultati dgli accrtamnti ffttuati, in forma anonima collttiva. Compiti in ambito sanitario Spciizzato in mdicina dl lavoro o avr titoli anoghi prvisti dla lgg : Può ssr dsignato da un dlgato dl Dator di Lavoro (s. Dirignt o RSPP); Effttua la sorvglianza sanitaria (art. 41 ); collabora con il Dator di Lavoro con il Srvizio di Prvnzion Protzion

12 Il rapporto con i lavoratori Il D. Lgs. 81/08 tnd a sottolinar la partcipazion attiva di lavoratori la rizzazion di una più fficac tutla sut sicurzza ni luoghi di lavoro. La nomina di un Rapprsntant pr la Sicurzza rapprsnta una dll novità principi introdott ( art ); Vin data attuazion concrta a quanto indicato nllo Statuto di Lavoratori. Azinda fino a 15 dipndnti: Elzion dirtta Nll azind, o unità produttiv, ch occupano sino a 15 dipndnti il R.L.S. vin ltto dirttamnt dai lavoratori loro intrno. Nll azind dl mdsimo comparto d in un ambito trritori spcifico può ssr dsignato dl Rapprsntanz Sindaci Dsignazion oltr i 15 dipndnti Nll azind, o unità produttiv, ch occupano oltr a 15 dipndnti il R.L.S. vin dsignato dl Rapprsntanz Sindaci Azindi. o, solo in loro assnza, ltto dirttamnt dai lavoratori loro intrno. Solo nl caso ch in azinda non siano costituit l RSA RSU i lavoratori possono lggr dirttamnt, loro intrno, i Rapprsntanti pr la Sicurzza. Quanti Rapprsntanti Svo casi dirttamnt prvisti dla contrattazion a livllo nazion o loc Il numro minimo di Rapprsntanti è: 1 RLS nll azind fino a 200 dipndnti; 3 RLS nll azind da 201 a 1000 dipndnti; 6 RLS nll azind oltr 1000 dipndnti

13 Diritti dovri dl Rapprsntant: Corso di formazion I lavoratori ltti o dsignati qui Rapprsntanti dvono frquntar un apposito corso : 32 or, con programmi dfiniti d DM ; dv svolgrsi in orario di lavoro; il costo è a carico dll azinda; può accdr in tutti i luoghi di lavoro; è consultato in ordin la vutazion di rischi; è consultato sulla dsignazion dl Rsponsabil dgli Addtti, dgli incaricati l antincndio, primo soccorso l vacuazion di lavoratori; è consultato sui programmi di formazion; ricv tutt l informazioni la documntazion util; promuov l misur di sicurzza pr i lavoratori; formula ossrvazioni in occasion di vrifich; fa propost in mrito l attività di prvnzion; partcipa la Riunion Priodica; può far ricorso l autorità comptnti AZIENDE DEL TERRITORIO/ COMPARTO (di qusiasi dimnsion) PRIVE DI RLS FATTE SALVE INTESE SINDACALI Possono adrir fondo di sostgno la piccola mdia imprsa, prsso l'istituto nazion pr l'assicurazion contro gli infortuni sul lavoro (INAIL). Il fondo opra a favor dll rta' in cui la contrattazion nazion o intgrativa non prvda o costituisca sistmi di rapprsntanza di lavoratori di paritticita' migliorativi o, mno, di pari livllo. RLS DI SITO PRODUTTIVO COORDINA GLI RLS DI AZIENDE/CANTIERI PRESENTI IN CONTESTI CON SPECIFICI PROFILI DI RISCHIO ESERCITA STESSE ATTRIBUZIONI RLS AZIENDALE NELLE AZIENDE DEL SITO CHE NE SIANO PRIVE E INDIVIDUATO SU INIZIATIVA DEGLI RLS DELLE AZIENDE PRESENTI NEL SITO 51 52

14 FORMAZIONE RLS/RLST FORMAZIONE RLS CONTENUTI MINIMI (art. 37, c. 11) RLS E RLST HANNO DIRITTO AD UNA FORMAZIONE PARTICOLARE DURATA MINIMA INIZIALE : 32 or, di cui 12 sui rischi spcifici prsnti in azinda DURATA MINIMA AGGIORNAMENTO ANNUALE: 4 or, az. da 15 a 50 lavoratori 8 or, az. oltr 50 lavoratori FORMAZIONE RLST DURATA MINIMA INIZIALE : 64 or da ffttuar ntro tr msi da lzion/dsignazion DURATA MINIMA AGGIORNAMENTO ANNUALE: 8 or FONDO DI SOSTEGNO COSTITUITO PRESSO INAIL PER: FINANZIAMENTO ATTIVITA RLST FINANZIAMENTO FORMAZIONE DATORI DI LAVORO PMI SOSTEGNO ATTIVITA ORGANISMI PARITETICI 55 56

15 FONDO DI SOSTEGNO FINANZIATO MEDIANTE: T.U. D.Lgs. 9 april 2008 n. 81 (art. 50) Incompatibilità 1)CONTRIBUTO A CARICO AZIENDE IN CUI OPERANO RLST (rtribuzion di du or lavorativ annu pr lavorator) IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA NON PUO ESSERE IL RESPONSABILE O ADDETTO DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il dator di lavoro, tin conto natura attività dll dimnsioni dll azinda o unità produttiva, prnd i provvdimnti ncssari in matria di primo soccorso di assistnza mdica di mrgnza, tnndo conto dll tr vntui prson prsnti. 2. L carattristich minim dll attrzzatur di primo soccorso, sono individuati d dcrto ministri 15 luglio 2003, n. 388 pr il qu dipndntmnt dl attività lavorativa si prvdono corsi di formazion da 12 a 16 or 59 Ni luoghi di lavoro soggtti prsnt dcrto lgislativo dvono ssr adottat idon misur pr prvnir gli incndi pr tutlar l incolumità di lavoratori. In attsa di più prcisi Dcrti lgislativi in mrito la Prvnzion Incndi, continua ad applicarsi quanto contnuto nl dcrto dl Ministro dll intrno in data 10 marzo T dcrto prvd ch la formazion dgli addtti la prvnzion incndi sia di: 4 or rischio basso 8 or rischio mdio 16 or rischio lvato. 60

16 PERSONA CHE, INDIPENDENTEMENTE DALLA TIPOLOGIA CONTRATTUALE, SVOLGE UN'ATTIVITÀ LAVORATIVA NELL'AMBITO DELL'ORGANIZZAZIONE DI UN DATORE DI LAVORO PUBBLICO O PRIVATO, CON O SENZA RETRIBUZIONE, ANCHE AL SOLO FINE DI APPRENDERE UN MESTIERE, UN'ARTE O UNA PROFESSIONE, ESCLUSI GLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO.

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pag. 1/10 REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pr form azion/ addst ram nt o cont inui si intnd la attività di addstramnto, vrbal / o pratico,

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazion/Spcialist Lad Auditor Sistmi di Gstion pr la Sicurzza (ISO 19011:2012 - ) (40 or) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 or Augusto di Prima Porta (particolar

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A AREA PERSONALE Ufficio Prsonal tcnico amministrativo Macrata, li 30.10.2008 Prot. N. 11694 IPP/29 d Ai Magnifici Rttori dll Univrsità Ai Dirttori

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

MAGAZZINO EX GUALA VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA

MAGAZZINO EX GUALA VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ n. 1 MAGAZZINO EX VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA FILE: procdura

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R.Vnto n. 18/2009) SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Dirttor: Ing. Maurizio Lornzi Sd di Borgo Roma P.l L.A. Scuro, 10-37134

Dettagli

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT 1 Prima Stsura Data: 14-08-2014 Rdattori: Gasbarri, Rizzo SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT Indic 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4

Dettagli

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA il sgunt bando pr la coprtura di insgnamnti dl Dipartimnto di ECONOMIA, SCIENZE E DIRITTO mdiant contratti di diritto privato

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Il Rgistro E-PRTR (Europan Pollutant Rlas and Transfr Rgistr) Attuazion dl Rgolamnto (CE) n. 166/06 LA DICHIARAZIONE PRTR Dlgs 46/2014 (rcpimnto IED), con l art. 30 introduc pr la prima volta l sanzioni

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

Matrice storica delle emissioni del documento

Matrice storica delle emissioni del documento (Rdatto dal Consiglio Dirttivo ai snsi pr gli fftti dll articolo 23. punto 6) dllo STATUTO dll Associazion ONLUS IL BRUCO, approvato dall Assmbla di Soci firmato dal Prsidnt dlla stssa. Ragion Social Sd

Dettagli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INRICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACDEMICO

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna Oggtto: Convnzion intratno pr la ralizzazion dl mastr di I livllo in Global managmnt for China (GMC) dizion anno accadmico 2015/2016 N. o.d.g.: 05.1 C.d.A. 30.10.2015 Vrbal n. 9/2015 UOR: Ara affari gnrali

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UIVERSITÀ DEGLI STUDI DI APOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICIA E CHIRURGIA BADO DI SELEZIOE PER L AFFIDAMETO DI ICARICHI DIDATTICI EI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIOI SAITARIE PER L AO ACCADEMICO 2015-2016

Dettagli

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa

Le evoluzioni del Corporate Banking interbancario in Italia e in Europa Convgno ABI Tavola rotonda L voluzioni dl Corporat Banking intrbancario in Italia in Europa 11 cmbr 2009 Luigi Prissich DG Confindustria Srvizi innovativi Tcnologici Il Progtto Italia Digital Costruir

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

COMUNE DI MONTERIGGIONI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI INTERFERENTI STANDARD PARTE II SEZIONE IDENTIFICATIVA DEI RISCHI SPECIFICI DELL AMBIENTE E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

SCHEDA ELENCO TIPOLOGIE DI CONTROLLO SULLE IMPRESE Art. 25 D.Lgs. n. 33/2013

SCHEDA ELENCO TIPOLOGIE DI CONTROLLO SULLE IMPRESE Art. 25 D.Lgs. n. 33/2013 SCHEDA ELENCO TIPOLOGIE DI CONTROLLO SULLE IMPRESE Art. 25 D.Lgs. n. 33/2013 TRASPORTI Tipo procdimnto Normativa Tipologia imprs Tipologia controllo Organismo di controllo Critri di controllo Modalità

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA Esnt dall imposta di bollo ai snsi dll art. 16 dlla tablla allgato B) al D.P.R. 26/10/1972 N. 642 succ. modif. COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO Comun di Frossasco Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE,

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO. tra

CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO. tra CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO tra L Ent Circolo Didattico Statal con sd in Campi Bisnzio, Cod. Fisc. n. 80045390483, nlla prsona dl suo lgal rapprsntant pro-tmpor dott.ssa Ornlla Mrcuri l A.S.D. Polisportiva

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa

PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA. Anno scolastico 2015/2016. Allegato al Piano dell Offerta Formativa PIANO DI MIGLIORAMENTO PROMUOVERE COMPETENZE PER UNA SCUOLA DI QUALITA Anno scolastico 2015/ Allgato al Piano dll Offrta Formativa Dlibra dl Consiglio di Istituto n.4 dl 14/10/2015 PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2015-2017 Programma trinnal pr la trasparnza l'intgrità 2015-2017 Sommario Art. 1 - Introduzion...pag. 2 Art. 2 - Accsso Civico..pag. 4 Art. 3 - Garanzia di pubblicazion..pag. 4 Art. 4 - Organizzazion dll Ent.pag.

Dettagli

L ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE

L ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 5 SUD - OVEST DELIBERAZIONE DELL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N. 5 SUD - OVEST N. 3 di Rg.Original (quartir) Sduta dl 12.03.2014 N. di Rg.Spcial (Uff. coord.) OGGETTO: CONTRIBUTI

Dettagli

Provincia di Cremona. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE triennio 2015-2017

Provincia di Cremona. PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE triennio 2015-2017 Provincia di rmona PIANO TRINNAL I PRVNZION LLA ORRUZION trinnio 2015-2017 adottato con LIRAZION L PRSINT N 7 L 26/01/2015 Indic gnral 1. INTROUZION...2 2. IL PIANO...3 3. I SOGGTTI OINVOLTI NLL ATTIVITA

Dettagli

Social Accountability SA 8000

Social Accountability SA 8000 Social Accountability SA 8000 1 SA 8000 La Rsponsabilità Social dll Imprs PRESENTAZIONE DELLA NORMA Modulo di formazion 1 2 di Srvizi alla Prsona Rv. 0 dl 05.08.2003 - Pagina 1/107 E vitata la riproduzion

Dettagli

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna Accordo quadro fra l Azinda USL di Bologna il CEA Coordinamnto Enti Ausiliari dlla Provincia di Bologna La Comunità Papa Giovanni XXIII coop. s.r.l. di Rimini Prmssa L parti prndono atto dl buon livllo

Dettagli

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE ANALISI PROGRAMMA ANNUALE VERBALE N. 2015/001 Prsso l'istituto I.I.S. "CASSATA - GATTAPONE" di GUBBIO, l'anno 2015 il giorno 12, dl ms di marzo, all or 11:00, si sono riuniti i Rvisori di Conti dll'ambito

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

SGS ITALIA FORMAZIONE SGS ACADEMY SETTEMBRE - DICEMBRE 2013

SGS ITALIA FORMAZIONE SGS ACADEMY SETTEMBRE - DICEMBRE 2013 > SGS ITALIA FORMAZIONE SGS ACADEMY SETTEMBRE - DICEMBRE 2013 IL GRUPPO SGS Fondata nl 1878, con sd a Ginvra, SGS è riconosciuta intrnazionalmnt pr la massima qualità di srvizi forniti pr la assoluta intgrità

Dettagli

SCHEMA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DI AS, ETAS e MCAS. Rev. 03 Pagina 1 di 5

SCHEMA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DI AS, ETAS e MCAS. Rev. 03 Pagina 1 di 5 , ET Rv. 03 Pagina 1 di 5 a) Titolo di studio rquisito minimo b) Conoscnz c) Esprinza lavorativa total ET Diploma di Istruzion scondaria suprior Soggtto iscritto/a all albo di mdici chirurghi dlla provincia

Dettagli

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29 - Rpubblica di Malta - Rpubblika ta' Malta - Rpublic of Malta - LEGGE pr il riconoscimnto la rgistrazion dl gnr di una prsona pr rgolar gli fftti di tal cambiamnto, nonché il riconoscimnto la tutla dll

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Programma trinnal pr la trasparnza l intgrità Introduzion Il lgislator con la lgg 6 novmbr 2012, n. 190 rcant Disposizioni pr la prvnzion la rprssion dlla corruzion dll illgalità nlla pubblica amministrazion,

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNALE 2015-2018 PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNALE 2015-2018

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNALE 2015-2018 PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNALE 2015-2018 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE TRIENNALE 2015-2018 E PIANO PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNALE 2015-2018 Piano trinnal 2015-2018 di prvnzion dlla corruzion Sommario SEZIONE I PIANO T R I

Dettagli

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di Lampad di Lampad di MY HOME 97 Lampad Carattristich gnrali Scopi dll illuminazion Ngli ambinti rsidnziali gli apparcchi di illuminazion non sono imposti da lggi o norm, ma divntano comunqu prziosi ausilii.

Dettagli

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE ANALISI PROGRAMMA ANNUALE VERBALE N. 2014/002 Prsso l'istituto I.I.S. "CASSATA - GATTAPONE" di GUBBIO, l'anno 2014 il giorno 16, dl ms di ottobr, all or 10:00, si sono riuniti i Rvisori di Conti dll'ambito

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence Rgolamnto pr la crtificazion di Sistmi di Gstion /o Prodotto Intgrati scondo lo schma Food Expo Excllnc In vigor dal 04/03/2014 Agroqualità S.p.A. Vial Csar Pavs, 305-00144 Roma - Italia Tl. +39 06 54228675

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA: L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE I PRINCIPI 1. L Azinda Ospdalira S. Maria dgli Angli di Pordnon 1.1 Dnominazion, natura giuridica, sdi pag. 5 1.2 Logo azindal pag. 6 1.3 Mission pag. 6 1.4

Dettagli

Il paziente finalmente garantito.

Il paziente finalmente garantito. Il pazint finalmnt garantito. Dal nonato alla sala opratoria sicurzza in ospdal. Esprinz al Buzzi CTO di Milano. Gianluca Lista Gli Istituti Clinici di Prfzionamnto di Milano Azinda Ospdalira di rilivo

Dettagli

TRIESTE - via Fabio Severo, 14/B CORSO DESTINATARI DATA ORA SEDE. UDINE - Sede: P.Le XXVI Luglio, 9 CORSO DESTINATARI DATA ORA SEDE

TRIESTE - via Fabio Severo, 14/B CORSO DESTINATARI DATA ORA SEDE. UDINE - Sede: P.Le XXVI Luglio, 9 CORSO DESTINATARI DATA ORA SEDE CALENDARIO CORSI SICUREZZA DATORI DI LAVORO/RSPP AGGIORNAMENTI- TRIESTE UDINE Corsi BASE pr basso rischio (16 or) TRIESTE - via Fabio Corso pr datori di rischio (16 or) ( Corso pr datori di rischio (16

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

IL PRESIDENTE DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACCADEMICO

Dettagli

Piano di Comunicazione Aziendale 2015

Piano di Comunicazione Aziendale 2015 Piano di Comunicazion Azindal 2015 Ai snsi dll Lin Guida contnut nl dcrto 2511/2013 dll Assssor alla Salut dlla Rgion Siciliana Mtodologia rifrimnti Qusto Piano di comunicazion è stato rdatto in ossrvanza

Dettagli

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese

Normative e strumenti per una Telesanità al servizio delle imprese Normativ strumnti pr una Tlsanità al srvizio dll imprs M.Carnillo Dirzion Mrcato - PAL Cntro Nord info.lgalmail@infocamr.it lgaldoc@infocamr infocamr.it www.lgalmail lgalmail.it www.lgaldoc lgaldoc.it

Dettagli

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1

Conciliazione delle controversie: il ruolo delle associazioni di consumatori 1 Argomnti Conciliazion dll controvrsi: il ruolo dll associazioni di consumatori 1 Pitro Pradri Il CNCU (Consiglio Nazional di Consumatori Utnti) ha approvato il documnto con il qual si chid al Ministro

Dettagli

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO PROGRAMMA CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO (in bas al D.M. Agosto 011, art. succssiv modifich)

Dettagli

3 Corso di Formazione per Operatori Volontari per Centri di Primo Soccorso e Centri di Recupero Animali Selvatici Feriti o in difficoltà.

3 Corso di Formazione per Operatori Volontari per Centri di Primo Soccorso e Centri di Recupero Animali Selvatici Feriti o in difficoltà. Corpo di Polizia Provincial 3 Corso di Formazion pr Opratori Volontari pr Cntri di Primo Soccorso Cntri di Rcupro Animali Slvatici Friti o in difficoltà. (Opratori da impigar prsso il Cntro di Rcupro Animali

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA UNIONE VALDERA CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI CONSORZIO DI BONIFICA VALDERA PROVINCIA DI PISA OGGETTO

PROTOCOLLO DI INTESA UNIONE VALDERA CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI CONSORZIO DI BONIFICA VALDERA PROVINCIA DI PISA OGGETTO PROTOCOLLO DI INTESA UNIONE VALDERA CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI CONSORZIO DI BONIFICA VALDERA PROVINCIA DI PISA OGGETTO PROGRAMMAZIONE DI INTERVENTI MIRATI ALLA RIDUZIONE E AL SUPERAMENTO

Dettagli

termine intercorso tra l'inizio e la fine del procedimento (F) D.P.R. 483/1997 - D.P.R. 220/2001, entro 6 mesi dalla prova scritta

termine intercorso tra l'inizio e la fine del procedimento (F) D.P.R. 483/1997 - D.P.R. 220/2001, entro 6 mesi dalla prova scritta N procdimnto: brv dscizion (A) unità organizzativa rsponsabil dll'istruttoria (B) rsponsabil dl procdimnto -tl mail, (C) art. 35 Obblighi di pubblicazion rlativi ai procdimnti amministrativi ai controlli

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Univrsità dgli Studi di Firnz Dipartimnto di Inggnria Civil d Ambintal TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN CONTO TERZI (Approvato dal Consiglio di Dipartimnto dl 24/01/2002) ATTIVITÀ E SERVIZI OFFERTI PROVE

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2004R0854 IT 11.03.2011 007.001 1 Trattandosi di un smplic strumnto di documntazion, sso non impgna la rsponsabilità dll istituzioni B C1 REGOLAMENTO (CE) N. 854/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

Scheda di sicurezza a norme CEE 91/155

Scheda di sicurezza a norme CEE 91/155 Socità: Nom commrcial: HERALAN Sostanz isolanti in lana minral (con agglomrant rsinoid), rivstito Rvisionato il 05.05.2008 1 Idntificazion dl prodotto/dlla prparazion dlla Socità 1.1 Nom dl prodotto: HERALAN

Dettagli

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento

COMUNE DI PALERMO. c.a.p. 90133 c.f. 80016350821. la quale - seppure la scrivente continui a ritenere strategico il potenziamento COMUNE DI PALERMO Ara dll Politich di Sviluppo Fondi Strutturali Palazzo Calltti - Piazza Marìna, n.46-90133 PALERMO Tl.0917406363 Sito inlrnt h h h.comun.!alrmo it c.a.p. 90133 c.f. 80016350821 Al Sig.

Dettagli

Comune di Ferrara OPEN GROUP TANDEM. *** X Assemblea Nazionale Coordinamento. Agende21 Locali. 19 Settembre 2009.

Comune di Ferrara OPEN GROUP TANDEM. *** X Assemblea Nazionale Coordinamento. Agende21 Locali. 19 Settembre 2009. Comun di Frrara OPEN GROUP TANDEM *** X Assmbla Nazional Coordinamnto Agnd21 Locali 18-19 19 Sttmbr 2009 Arnzano (Gnova) addbitano all Amministrazion Comunal il sovrapprzzo introdotto dalla normativa RAEE

Dettagli

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target progtto obittivo rsp codic obittivo gstional indicatori targt azioni a sostgno dlla famiglia Collla/Bru sati 3.01.01 accsso a finanziamnti rgionali pr l'attivazion di misur contro la violnza di gnr spltamnto

Dettagli

Modello UNICO MENSA Comuni di Val della Torre e Caselette agg-to 29.05.2015

Modello UNICO MENSA Comuni di Val della Torre e Caselette agg-to 29.05.2015 COMUNE di VAL DELLA TORRE COMUNE di CASELETTE Ufficio Srvizi Scolastici Associati pr il srvizio di rfzion scolastica la riscossion informatizzata dll rtt rfzion, trasporto scuolabus d assistnza mnsa Piazza

Dettagli

COMUNE DI TREVISO SETTORE BIBLIOTECHE E MUSEI. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (ART. 26, COMMA 3, DLGS. N. 81/2008 e s.m.i.

COMUNE DI TREVISO SETTORE BIBLIOTECHE E MUSEI. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (ART. 26, COMMA 3, DLGS. N. 81/2008 e s.m.i. COMUNE DI TREVISO SETTORE BIBLIOTECHE E MUSEI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (ART. 26, COMMA 3, DLGS. N. 81/2008 s.m.i.) DIRIGENTE DEL SETTORE: dr. Emilio Lippi Dirignt dl Sttor

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

CURRICULUM VITAE ING. Piero Francesco Farfalla

CURRICULUM VITAE ING. Piero Francesco Farfalla CURRICULUM VITAE ING. Piro Francsco Farfalla Nom: Piro Francsco Informazioni prsonali Esprinz lavorativ Cognom: Farfalla Nato a: Corigliano il: 03 dicmbr 1976 C.F. FPFPFR76T03D005T -mail - pfarfalla@provincia.cs.it

Dettagli

RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE

RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ASSEGNAZIONE TEMPORANEA AI SENSI DELL ART. 39 C. 1 LR 31/1998 PRESSO L ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della provincia di Bergamo

Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della provincia di Bergamo Corso: Crtificatori Enrgtici dgli difici La crtificazion nrgtica in accordo con l procdur dlla rgion Lombardia Corso in fas di accrditamnto CENED Sriat (BG) maggio/giugno 2015 Corso organizzato da: In

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI LODI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI LODI PROGRAMMA CORSO BASE 10 ORE ORDINE ARCHITETTI PPC Moduli h OBIETTIVI DIRETTIVE LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI A 6 FISICA E CHIMICA DELL'INCENDIO B 10 TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DELLE

Dettagli

L Agenda del DS. di Dario Cillo

L Agenda del DS. di Dario Cillo 2015 2016 L Agnda dl DS di Dario Cillo Indic 2 Anno Scolastico 2015-2016 Calndario Scolastico Nazional 2015-2016 Calndario Scolastico Rgional 2015-2016 Admpimnti Sttmbr 2015 Ottobr 2015 Novmbr 2015 Dicmbr

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI GEMMANO 47855 Provincia di Rimini Sd: Piazza Roma n. 1 Tl. (0541) 854060 854080 Fax (0541) 854012 Partita I.V.A. n. 01188110405 Codic Fiscal n. 82005670409 Dlibrazion dlla Giunta Comunal N. 44

Dettagli

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017.

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017. COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA Via Cavour n. 16 - C.F. 800100280 Tl. 0498090211 - Fax 0498090200 www.comun.vigonza.pd.it I AREA AMMINISTRATIVA SETTORE SOCIALE Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

Tipologie di controllo a cui sono assoggettate le imprese di competenza dell'amministrazione comunale (art. 25 comma 1 lettera a) DLgs 33/2013)

Tipologie di controllo a cui sono assoggettate le imprese di competenza dell'amministrazione comunale (art. 25 comma 1 lettera a) DLgs 33/2013) Attività d'imprsa Titolo ncssario pr l'avvio dll'attività d'imprsa Tipologi di controllo a cui sono assoggttat l imprs di comptnza dll'amministrazion comunal (art. 25 comma 1 lttra a) DLgs Elnco dgli obblighi

Dettagli

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UN IVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Rgional Vill Vnt VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE PROTOCOLLO D'INTESA TRA l'ufficio Scolastico Rgional pr il Vnto l' A~sociazion pr l

Dettagli

(ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08) Fondazione Don Mozzatti D Aprili. direzione@donmozzatti.it. Dott.

(ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08) Fondazione Don Mozzatti D Aprili. direzione@donmozzatti.it. Dott. VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA FORNITURA PER 36 MESI DI DERRATE ALIMENTARI D.U.V.R.I. PRELIMINARE PER PROCEDURA DI AFFIDAMENTO (ai snsi dll art. 26, comma

Dettagli